PIANO OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE FILIPPO CORRIDONI CIVITANOVA MARCHE PIANO OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO Edizione Novembre 2007 N Revisione Emesso dal docente Funzione Obiettivo Area 1 Approvato dal Dirigente Scolastico data 0 Prof.ssa A. L. Palombini Prof. E. Foglia. 1

2 ANNO SCOLASTICO Presentazione... 4 Politica Generale Dell'Istituto... 6 Tessuto Socio-Ambientale... 7 Iscrizioni Classi Prime... 8 Tessuto Sociale... 9 Risorse... 9 La Sede E Le Strutture... 9 Le Dotazioni Organico Personale Docente Personale Non Docente Le Classi Risorse Economico-Finanziarie Collaborazioni Istituzioni Pubbliche E Private Nel Territorio Struttura Dei Corsi Organizzazione Delle Lezioni Offerta Formativa 2007/ Biennio Triennio Indirizzo Linguistico Comunicazione In Lingua Straniera Indirizzo Geometri Corso Serale Per Studenti Lavoratori Integrative Programmazione Educativa E Didattica Metodologia Didattica Verifica E Valutazione Comunicazione Scuola-Famiglia Interventi Contro La Dispersione Continuità E Metodo Di Studio Contro La Dispersione Scolastica Collegamento Con Le Scuole Medie Del Territorio Accoglienza Assolvimento Obbligo Formativo Il Cooperative Learning Prevenzione E Recupero Dei Debiti Formativi Corsi Di Recupero, Approfondimento Sportello Didattico Corsi di recupero in aula virtuale C.I.C I Colori Dell'Anima In - Formati Ed In - Dipendenti Spazio Ascolto Concorso Regoliamoci Iniziative Scuola-Lavoro Orientamento Aula Di Simulazione Bancaria Alternanza Scuola-Lavoro Stage Estivo Conoscere La Borsa- Edizione

3 3. Apprendimento Delle Lingue Scambio Culturale Con La Svezia Stage Linguistici Francia Malta Vienna Potenziamento Lingua Francese Potenziamento Lingua Spagnola Certificazione Esterna Francese Lingue Certificazione Esterna Inglese Esperto Di Madre Lingua Inglese Progetto Leonardo Informatica E-Learning Patente Europea Del Computer ECDL Laboratorio Di Economia Aziendale IGEA Laboratorio Di Informatica serale Educazione Allo Sport Fisica-Mente Iniziative Educative E Di Integrazione Culturale Un Palcoscenico Per La Scuola: Musica Danza E Animazione E Festa Della Primavera Musica Insieme Laboratorio Di Educazione Ambientale Un Monumento Per Amico (Promosso Dal Comune Di Civitanova Marche) Il Quotidiano In Classe Giornalino On Line Biblioteche In Rete Un Libro Per Tutti Progetto Sicurezza Educazione Stradale Certificato Di Idoneità Alla Guida Del Ciclomotore 'Patentino' Eco-School: Volontaria.Mente: Testimonianza E Stage Formazione E Aggiornamento Docenti Aggiornamento Progetto Qualità (ISO 9001/2000) Extracurricolari Offerta Al Territorio Riferimenti Normativi E D'Istituto

4 PRESENTAZIONE Il processo innovativo che coinvolge la Scuola si presenta complesso ed altrettanto complesso è il ruolo che attende il personale scolastico chiamato ad elaborare un progetto formativo qualificato ed incisivo. Siamo consapevoli che dare risposte significative nel campo dell apprendimento e della maturazione degli studenti dipenderà sempre più dalla collegialità, dalla collaborazione scuola-studenti-genitori, dal senso di responsabilità di ognuno degli attori della comunità scolastica, dalla capacità di riflettere e di dare significato alle scelte e alle azioni. La capacità di scegliere e di coinvolgere, in particolare, saranno determinanti ai fini della qualità e dell'efficacia dell'offerta formativa. Il POF, Piano dell Offerta Formativa, è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell ambito della loro autonomia. (DPR 275/99 art. 3) Le idee guida Il rispetto dell'unità psico - fisica degli studenti Nella scuola la formazione deve tendere ad uno sviluppo integrale ed armonico della persona, mirando tanto agli obiettivi cognitivi, quanto a quelli fisici, affettivi e relazionali. La funzione educativa dell'esempio I valori fondamentali della convivenza e della vita di relazione non possono essere semplicemente enunciati e "trasmessi" ma vanno concretamente praticati dal personale scolastico. L atteggiamento di ricerca La cultura e la scienza moderne concordano ampiamente sul fatto che in nessun campo è possibile scoprire una verità sicura e assoluta; la scuola deve fornire agli studenti gli strumenti per costruire una propria interpretazione del mondo e della realtà da mettere costantemente a confronto con l'interpretazione degli altri. L educazione all'impegno e al senso di responsabilità Ciascuno di noi può e deve " progettare" la propria esistenza secondo principi di libertà possibile, ma anche con il massimo rispetto per se stesso e gli altri, per le cose e per l ambiente. La rilevanza del gruppo Il gruppo/classe e la comunità scolastica rappresentano due luoghi fondamentali per la crescita degli studenti; la discussione e il confronto sono strumenti che favoriscono lo sviluppo sociale e affettivo. Le pari opportunità Le attività di insegnamento sono finalizzate a garantire a tutti le opportunità formative necessarie per poter raggiungere risultati finali coerenti con il progetto educativo messo a punto dalla scuola. 4

5 In questo documento sono evidenziate le parti più significative del nostro Istituto quali le rri issoorrssee ssttrruuttttuurraal lii ee ddi iddaatttti icchhee ddeel llaa ssccuuool laa e dei suoi innddi i irri izzzzi i, le attività previste nei vari pprrooggeetttti i, le azioni eedduuccaatti ivvee e ffoorrmaatti ivvee esplicitate nei piani di studio. Il POF è dunque una sintesi di tutte le opportunità che lo studente avrà a disposizione frequentando l ITC F. Corridoni. Per l anno scolastico 2007/2008 sulla base delle indicazioni approvate dagli OO.CC particolare attenzione sarà dedicata alle seguenti linee di indirizzo: Impegno per la qualità del servizio scolastico (la scuola è certificata ISO 9001:2000 dall a.s. 2003/2004) Intensificare i momenti culturali Potenziare l uso delle tecnologie Sviluppare strategie didattiche innovative Orientare i comportamenti al rispetto delle persone, delle cose, dell ambiente Sviluppare iniziative per la prevenzione del disagio e delle patologie. Gli allegati, che costituiscono parte integrante del POF (Progetti e integrative, Programmazione Didattica e Disciplinare, Carta dei Servizi, Regolamento Interno) possono essere consultati attraverso la rete dai terminali della scuola. Una copia viene consegnata a tutti gli operatori. Buona lettura Il Dirigente Scolastico Prof. Enrico Foglia 5

6 POLITICA GENERALE DELL'ISTITUTO La politica dell istituto seguendo le raccomandazioni dell Unione Europea tenderà ad assicurare che: l istruzione e la formazione offrano a tutti i giovani gli strumenti per sviluppare le competenze chiave per prepararli alla vita adulta e per costruire la base di ulteriori occasioni di apprendimento per la vita lavorativa; si presti la massima attenzione a quei giovani che, a causa di svantaggi educativi determinati da circostanze personali, sociali, culturali o economiche, hanno bisogno di interventi di prevenzione e recupero particolare per realizzare le loro potenzialità; venga favorita la collaborazione con le famiglie, gli enti e le associazioni delle imprese per accrescere la partecipazione ed il senso di responsabilità In particolare, in sintonia con le indicazioni del Ministero della Pubblica Istruzione, al fine di favorire il pieno sviluppo della persona nella costruzione del sé, di corrette e significative relazioni con gli altri e di una positiva interazione con la realtà naturale e sociale, la scuola cercherà di far acquisire agli studenti le seguenti competenze chiave di cittadinanza: Imparare ad imparare: organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale ed informale), anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro. Progettare :elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro, utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorità, valutando i vincoli e le possibilità esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti. Comunicare: - comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di complessità diversa, trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali). - rappresentare eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati d animo, emozioni, ecc., utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali). Collaborare e partecipare: interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all apprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri. Agire in modo autonomo e responsabile: sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità. Risolvere problemi: affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni, utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline. 6

7 Individuare collegamenti e relazioni: individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e la loro natura probabilistica. Acquisire ed interpretare l informazione: acquisire ed interpretare criticamente l informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone l attendibilità e l utilità, distinguendo fatti e opinioni. TESSUTO SOCIO-AMBIENTALE Territorio e bacino d utenza Civitanova Marche comune della provincia di Macerata occupa una superficie di 45,570 km 2 e conta circa abitanti. Il suo territorio è composto in realtà da due cittadine: Civitanova Alta e Porto Civitanova; tale distinzione trova il suo fondamento storico nell antica separazione, oggi non più vigente, fra Città Alta e Porto, divenute un unico comune nel La città alta è un borgo collinare sviluppatosi all interno della cinta muraria quattrocentesca e presenta perciò caratteri tipici della città medioevale. Porto Civitanova è un centro costiero la cui notevole espansione è avvenuta soprattutto nel dopoguerra, lungo un asse parallelo al mare e lungo le principali vie di comunicazione. Tra i comuni della provincia di Macerata, Civitanova Marche è quello che ha avuto negli ultimi trenta anni, il maggior tasso di sviluppo sia demografico che economico divenendo un importante centro industriale-commerciale, senza trascurare una solida tradizione peschereccia e una più recente vocazione turistico-balneare. Il rilevante ruolo economico è dovuto alla presenza di aziende di quasi tutti i comparti (industria - commercio - terziario), ma soprattutto ai numerosi calzaturifici che ne fanno il centro logistico di tutto il comprensorio calzaturiero. L aumento della densità di popolazione, l urbanizzazione del territorio, il tipo di sviluppo hanno fatto di Civitanova Marche, nell ultimo ventennio, il punto di riferimento per la vita sociale e per il servizio scolastico di una parte dei paesi limitrofi. Questo Istituto, con i suoi quattro indirizzi - Economico/Aziendale, Linguistico, Informatico e Comunicazione in Lingua - ha avuto ed ha un ruolo fondamentale nel tessuto produttivo e sociale del territorio. Il bacino d utenza dell Istituto comprende, oltre al comune di Civitanova Marche, diversi comuni limitrofi come si desume dalla seguente tabella che riporta le iscrizioni alle classi prime. 7

8 Scuola Media S.M. Montegranaro ISCRIZIONI CLASSI PRIME 00/01 01/02 02/03 03/04 04/05 05/06 06/07 07/08 1 S.M. A. Caro - Civitanova M S.M. S.Agostino -CivitanovaM Alta S.M. Pirandello - Civitanova M S.M. Mestica - Civitanova M S.M. Ricci - Montecosaro S.M. Lotto - Montesangiusto S.M. - Morrovalle 4 S.M. R.Sanzio - Porto P. Picena S.M. Leopardi - P. Picena S.M. - S.Elpidio a mare S.M. - Casette d Ete 5 2 S.M. Galilei - Porto S.Elpidio 2 1 S. M. Salesiani - Macerata 1 2 S.M. Fuori Regione 1 3 Da varie Scuole con nulla osta S.M. Porto Recanati 2 S. dall Estero 1 1 Iscrizioni tardive (4)* (11)* 1 Ripetenti TOTALE Iscritti alla classe Nota: le iscrizioni tardive degli ultimi due anni sono indicate ma già inserite nel gruppo di S.M. di provenienza N ISCRIZIONI CLASSI PRIME / / / / / / / /2008 La percentuale di studenti extra-comunitari, pur in aumento, resta ancora bassa; gli alunni provengono in particolare dai paesi dell Est e questo obbliga l Istituto ad attivare interventi integrativi e di sostegno sia nella fase di inserimento sia nel corso dell anno scolastico. 8

9 TESSUTO SOCIALE Per conoscere le radici territoriali, economiche e culturali e i nuovi valori degli studenti dell ITC F. Corridoni di Civitanova Marche è stata effettuata un indagine conoscitiva sugli allievi delle classi prime e terze. La ricerca ha evidenziato che la maggior parte degli studenti che hanno frequentato l istituto risiede stabilmente a Civitanova Marche, mentre un quinto proviene dai paesi limitrofi; le loro famiglie hanno, in genere, una situazione economica discreta; più del 50% delle madri sono occupate in attività extrafamiliari; non ci sono, se non in rari casi, problemi di disoccupazione per i genitori. Il titolo di studio posseduto dal padre e dalla madre, per la maggior parte degli studenti, è il diploma di scuola media inferiore o superiore, solo pochi sono laureati. Questo dato socioprofessionale del genitore ha una sua incidenza sia nella scelta della scuola che negli esiti scolastici. I genitori non sempre partecipano attivamente alla vita della scuola e sono maggiormente le madri che seguono i figli nel percorso scolastico. La realtà dei giovani, in una città che si è sviluppata troppo in fretta come Civitanova Marche, nel corso di questi ultimi anni si è profondamente modificata, facendo emergere problemi di disagio scolastico e sociale che sono tipici delle aree ad avanzato sviluppo economico. Nella nostra città inoltre si presentano possibilità di occupazione e di reddito immediate che tendono a dirottare i percorsi personali verso scelte lavorative piuttosto che formative, costituendo una delle cause della dispersione scolastica. Si sono quindi via via affermati nuovi standard di vita e nuove forme di espressione umana; la nostra scuola, attenta ai cambiamenti ed alle necessità degli utenti e del mondo del lavoro, ha voluto interpretare questo processo, impegnandosi a proporre nuovi percorsi educativi e formativi. RISORSE La sede e le strutture Laa sseeddee,, ddi i rreecceennt tissssi imaa ccoosst trruuzzi ioonnee,, mooddeerrnnaa ee ffuunnzzi ioonnaal lee ee ssoot ttooppoosst taa aa ppeerri iooddi icci i innt i teer rvveennt tii ddi i maannuut teennzzi ioonnee,, aaggggi ioorrnnaameennt too ee miggl lioorraameennt too,, èè ppaarrt tee pprri inncci ippaal lee ddi i uunn ppl leessssoo ssccool laasst ticcoo ddi i pprroopprri ieet tàà ddeel llaa PPrroovvi inncci iaa ddi i Maacceerraat taa,, immeerrssoo i nneel l vveerrddee ee ccoomppl leet taameennt tee issool i laat too ddaal llaa cci ittàà aal ltaa.. Essssoo pprreesseennt taa ddi ivveerrssee zzoonnee aa ppaarrcchheeggggi i eedd aamppi i ssppaazzi i vveerrddi i,, qquuaassi i ddeel l tuut t ttoo ddeesst tinnaat tii aadd uunn oorrmaai i rri innoomaat too oorrt too bboot taanni iccoo,, aappeerrt too ccoonn ssuucccceessssoo aanncchhee vveerrssoo i vvi issi itaat toorri i eesst teerrnni i.. L IIsst tituut too ooccccuuppaa ggrraann ppaarrt tee ddeel l ffaabbbbrri iccaat too pprri inncci ippaal lee,, ddoovvee,, ddaal ll aannnnoo ssccool laasst ticcoo / / ,, ssoonnoo oossppi itaat tee aanncchhee aal lccuunnee ccl laassssi i ddeel ll II..PP..C.T.. V.. Boonni iffaazzi i.. Essssoo ccoompprreennddee,, ool ltrree aa tuut t ttii ggl lii ssppaazzi i teeccnni t icci i ((ddeeppoossi iti,, aarrcchhi ivvi i,, cceennt trraal lii teerrmi t iccaa ee iddrri i iccaa ee ccaabbi innaa Enneel l)),, ggl lii uuffffi icci i aammi inni isst trraat tivvi i ee ddi irreet ttivvi i,, laa l bbi ibbl lioot teeccaa,, laa l ssaal laa innsseeggnnaannt i ti,, 2255 aauul lee nnoorrmaal li,, 22 aauul lee bbi ilinngguuee ee 1188 aauul lee ssppeecci iaal lii ((ccoonn aamppi i eedd aat ttrreezzzzaat tii laabboorraat l toorri i sscci ieennt tiffi icci i,, muul ltimeeddi iaal lii ee lil inngguui isst ticci i)),, uunnaa ppaal leesst trri innaa eedd uunn ccaappi ieennt tee eedd aat ttrreezzzzaat too aauuddi itoor riuum.. Addi iaacceennt tee aal l ccoorrppoo pprri inncci ippaal lee ddeel ll IIsst tituut too cc èè uunnaa ggrraannddee ppaal leesst trraa ccooppeerrt taa,, ccoonn ccaamppoo ddi i bbaasskkeet t ee ddaa teennnni t iss,, ccoomppl leet taat taa ddaa uunnaa sseerri iee ddi i sst trruut ttuurree aal ll aappeerrt too,, qquuaal lii ili l ccaamppoo ddi i ccaal lcci ioo ppool livvaal leennt tee,, laa l ppi isst taa ddi i aat tleet ticcaa,, ili l ssaal ltoo inn i luunnggoo l eedd ili l ssaal ltoo inn i aal ltoo.. 9

10 Le dotazioni Trraa lee l nnuumeerroossee aattttrreezzzzaattuurree ddi i ccuui i l'iisstti ittuuttoo ddi issppoonnee vvaannnnoo sseeggnnaal laattee:: 4 Aule multimediali: Multimed 1: 31 Personal computer, stampante laser, Scanner, sistema operativo Windows 2000 Professional Multimed 2: 20 Personal computer, stampante laser, sistema operativo LINUX Multimed 3: 30 Personal computer, stampante laser, sistema operativo Windows 2000 Professional Multimed 4: 29 Personal computer, stampante laser, sistema operativo Windows 2000 Professional 2 Laboratori linguistici: Linguistico n. 1: 1 Console per insegnante, 20 Posti per alunni. Linguistico multimediale n. 2: 18 PC + console per insegnanti 1 Laboratorio di Chimica: 10 Banchi di lavoro completi di allaccio + 1 banco di lavoro completo per insegnante 1 Laboratorio di Fisica: 10 banchi di lavoro completi di allaccio + 1 banco di lavoro completo per insegnante, televisore, videore-gistratore e audiovisivi 1 Laboratorio di Scienze Naturali: Banchi di lavoro completi di allaccio per 30 alunni, muniti di: Microscopi e attrezzature didattiche, autoclave + Stufa termostatica 1 Videoteca: circa 900 cassette relative alla didattica e ad argomenti trasversali, che vengono continuamente aggiornate 2 Aule di proiezione: Proiezione 1: 1 Videoregistratore, Cine-proiettore, Proiettore per diapositive, 1 Schermo, 1 televisore Proiezione 2: aula con parabola + televisore + videoregistratore 1 Aula di Simulazione: Simulazione sportello bancario: 6 Posti di lavoro con computer e stampante, software dedicato 1 Aula attrezzata per Educazione Fisica: Attrezzi per potenziamento individuale 1 Aula per Orientoteca, sportello giovani, scambi e progetti comunitari: Personal Computer, Arredi per biblioteca orientamento, apparecchiature per proiezioni, arredo per lavori di gruppo 1 Aula speciale Sicurezza (L.626): Personal Computer, Arredi per archivio documentazione sicurezza, piante e prospetti edificio scolastico 10

11 1 Aula informatica per docenti (Prog. 1A): 4 Personal Computer, Stampante laser, Scanner, Software dedicato 1 Biblioteca: Oltre volumi con schedatura computerizzata, 1 Personal Computer con relativa stampante e software dedicato Tutte le aule multimediali ed il laboratorio linguistico multimediale sono dotati di connessione ad Internet a banda larga. Tutti i computer dell Istituto sono connessi in rete LAN, che consente agli utenti interni di reperire informazioni indipendentemente dalla loro localizzazione fisica. (Ogni aula speciale o laboratorio Scolastico) è affidata ad un responsabile nominato dal Dirigente ORGANICO Personale docente Nel corrente anno scolastico l 83,93% dei docenti sono di ruolo e in servizio nell istituto da molti anni. Sono organizzati in dipartimenti disciplinari e in gruppi di lavoro per lo svolgimento dei progetti formativi e delle attività integrative curriculari ed extracurriculari. Ogni gruppo di lavoro e ogni dipartimento disciplinare ha un proprio referente (vedi Piano ). Il prospetto generale dei progetti e delle attività integrative curriculari ed extracurriculari lo si può trovare alla pagina 28. DIPARTIMENTI DISCIPLINARI 1) Italiano e storia 2) Lingue Inglese Francese 3) Scienze Tedesco Scienza della Natura Fisica e Scienza della Materia Chimica e Merceologia 4) Matematica 5) Discipline Informatica gestionale informatiche Trattamento testi e dati 6) Discipline economico aziendali Tecnica Aziendale Economia aziendale 7) Discipline giuridiche ed economiche Diritto Scienza delle finanze Geografia economica 8) Educazione Fisica 11

12 Personale non docente Gli uffici amministrativi, diretti dalla Responsabile Amministrativa (DGSA), si avvalgono dell apporto di assistenti impegnati nella segreteria amministrativa e nelle segreterie didattiche. I vari uffici di segreteria, la Presidenza, la Vicepresidenza e la Biblioteca sono dotati di PC tutti collegati in rete tra loro e con gli uffici dell amministrazione centrale e periferica del MPI. I collaboratori scolastici, che operano nell istituto, sono assegnati ai vari piani e reparti dell edificio. 12

13 LE CLASSI 1A Franc 2A Franc BIENNIO I.G.E.A. P.A.C.L.E. ERICA 1B 1C 1L Franc/Ted Franc Franc 2B 2C 2L 1M Ted Franc Franc/Ted Franc/Ted TRIENNIO I.G.E.A 3A Franc/Ted 4A Franc/Ted 5A Franc/Ted 3F Inglese 4F Inglese 5F Inglese TRIENNIO MERCURIO 4G Inglese 5G Inglese 3 SERALE Inglese 4 SERALE Inglese 5 SERALE Inglese P.A.C.L.E. 3L Franc/Ted 4L Fran/Ted 5L Franc/Ted RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Tenuto conto dell andamento degli ultimi anni finanziari e delle più recenti indicazioni relative al finanziamento delle istituzioni scolastiche, l Istituto potrà disporre di risorse finanziarie ripartite nelle seguenti voci: PERSONALE FONDO ISTITUZIONE SCOLASTICA TASSE SCOLASTICHE CONTRIBUTI ESTERNI 13

14 COLLABORAZIONI Istituzioni pubbliche e private nel territorio Il territorio di Civitanova Marche è ricco di istituzioni pubbliche e private con le quali l Istituto può proficuamente collaborare, che rappresentano un supporto indispensabile all integrazione delle attività curricolari. Il nostro Istituto si avvale della collaborazione delle seguenti istituzioni pubbliche e private presenti nel territorio: Enti pubblici Biblioteca Comunale Cinema - Teatro Rossini Municipio di Civitanova Provincia di Macerata Università di Macerata, Ancona, Camerino, Perugia, Urbino ASUR 8 Associazioni Il palchetto (Teatro in lingua) Archeoclub Associazioni Industriali, Commerciale e dell'artigianato Compagnie specializzate nelle rappresentazioni teatrali per le scuole. Croce Verde La nostra è scuola di riferimento di una rete territoriale di scuole autonome per lo sviluppo e la realizzazione di attività di formazione del personale, progetti scuola-lavoro e di ogni altra iniziativa connessa con l'autonomia scolastica. E' capofila della rete RE.FORM per le attività di formazione, progettazione e ricerca. E' sede operativa del Consorzio EDAFORM (Associazione per lo sviluppo della formazione integrata nel maceratese) per corsi post-diploma, apprendistato e di educazione degli adulti. E' ente accreditato presso la regione per ciò che riguarda l'offerta di tali servizi. Aziende Il nostro Istituto collabora con circa 100 Aziende di produzione e servizi e con i vari Istituti di Credito 14

15 STRUTTURA DEI CORSI BIENNIO I - II TRIENNIO III - IV - V IGEA IGEA MERCURIO PACLE: II III IV - V ERICA: I SERALE: MERCURIO Organizzazione delle lezioni Le lezioni giornaliere si svolgono dalle 8.00 alle con ore di 50 minuti. Il monte ore annuo tiene conto delle attività integrative pomeridiane programmate e aperte a tutti gli studenti. Il trasporto alunni ha come punto di partenza e di destinazione il parcheggio dell Istituto. 15

16 OFFERTA FORMATIVA A..S //2008 I NOSTRI IINDIRIZZI 16

17 BIENNIO Gli Indirizzi Mercurio e Igea hanno il medesimo biennio. Gli insegnamenti si articolano fondamentalmente in quattro aree: lil inngguui isstti iccaa,, sscci ieenntti iffi iccaa,, ggi iuurri iddi iccoo- -eeccoonnoomiccaa ee ttrraattttaameennttoo tteesstti i ee ddaatti i. L area linguistica (Italiano, Storia, due Lingue Straniere) ha le seguenti finalità: la competenza comunicativa cioè la capacità di usare la lingua, orale e scritta, in situazioni e con scopi comunicativi diversi; la capacità di riflettere e razionalizzare il senso del tempo e dello spazio, di imparare a selezionare e valutare in ambito storico e interculturale. L area scientifica (Matematica, Scienze della Materia e Scienze della Natura) privilegia le attività pratiche e di laboratorio piuttosto che l accumulo di conoscenze, stimolando lo sviluppo di abilità per mezzo di un insegnamento che proceda per problemi portando l allievo a scoprire le relazioni, a collegare, razionalizzare e sistemare le nozioni. L area economico-giuridica, introdotta per l importanza assunta oggi dal settore terziario avanzato, prevede nel primo anno l insegnamento dei primi rudimenti di Diritto ed Economia che saranno completati nel secondo da quelli di Economia Aziendale e Scienza delle Finanze. Infine la disciplina Trattamento Testi e Dati consente all allievo di acquisire le abilità di base per utilizzare gli strumenti tipici dell automazione d ufficio e relativi software. 17

18 Quadro orario BIENNIO MATERIE D INSEGNAMENTO I II PROVA RELIGIONE MATERIA ALTERNATIVA 1 1 ITALIANO 5 5 S.O. STORIA 2 2 O. PRIMA LINGUA STRANIERA 3 3 S.O. SECONDA LINGUA STRANIERA 4 4 S.O. MATEMATICA E LABORATORIO 5 5 S.O. SCIENZA DELLA MATERIA E LAB. 4 4 O.P. SCIENZE DELLA NATURA 3 3 O. DIRITTO ED ECONOMIA 2 2 O. ECONOMIA AZIENDALE 2 2 O. TRATTAMENTO TESTI E DATI 3 3 P. EDUCAZIONE FISICA 2 2 P.O. TOTALE ORE SETTIMANALI S= scritto O= orale P= pratico L I.G.E.A. è un indirizzo caratterizzato prevalentemente da materie giuridico-economiche-aziendali 18

19 TRIENNIO Il triennio si articola in due corsi: IGEA MERCURIO In entrambi l obiettivo è quello di formare figure professionali polivalenti che, su un valido substrato culturale e abilità logico-espressive, innestino la conoscenza dei processi caratterizzanti la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile e nel campo dell automazione. Nei due corsi materie come Italiano, Storia, Lingue Straniere (Inglese, Francese, Tedesco) forniscono non solo conoscenze di carattere disciplinare, ma permettono di affinare la propria sensibilità, le capacità logiche e di riflessione favorendo l acquisizione di quella flessibilità, indispensabile alle diverse opportunità occupazionali. Allo stesso obiettivo, sebbene più legate alla professione, tendono discipline come Diritto ed Economia. I due corsi invece si diversificano per quanto riguarda l insegnamento di Economia Aziendale, Informatica e Matematica. Nel Corso Igea l'economia Aziendale assume un valore centrale, qualificante professionalmente; la matematica ha il compito di far acquisire i concetti e le abilità basilari di informatica. Particolare importanza assumono anche le discipline Giuridico-Economiche: esse forniscono i principi base e le abilità necessarie per risolvere problemi propri del mondo del lavoro e della realtà quotidiana. Nel Corso Mercurio si forma un esperto di economia aziendale che sia in grado di svolgere un lavoro informatico-gestionale, di tradurre le analisi dei problemi gestionali in termini di programmi eseguibili su calcolatori, di utilizzare con professionalità i pacchetti applicativi più diffusi nell'automazione d'ufficio, di sostenere gli esami previsti per il conseguimento della Patente Europea del Computer (EDCL). Particolarmente importanti sono dunque le discipline Matematico-Informatiche. 19

20 Quadro orario - TRIENNIO I. G. E. A. MATERIE D INSEGNAMENTO III IV V PROVA RELIGIONE MATERIA ALTERNATIVA LINGUA E LETTERE ITALIANE S.O. STORIA O. PRIMA LINGUA STRANIERA S.O. SECONDA LINGUA STRANIERA S.O. GEOGRAFIA ECONOMICA O. MATEMATICA E LABORATORIO S.O. ECONOMIA AZIENDALE E LAB S.O.P. DIRITTO O. ECONOMIA POLITICA O. SCIENZA DELLE FINANZE O. EDUCAZIONE FISICA P.O. TOTALE ORE SETTIMANALI S= scritto O= orale P= pratico Al termine del corso lo studente consegue il titolo di studio di Ragioniere e perito Commerciale. Con tale titolo egli può: Svolgere funzioni che interessano gran parte delle attività economiche e sociali nel settore della pubblica amministrazione, dell industria, del commercio, del credito, dei trasporti, delle imprese assicurative, della pubblicità, ecc.; Insegnare Trattamento testi nelle scuole medie superiori; Intraprendere l iter richiesto dalla normativa vigente per iscriversi all albo; Accedere a qualsiasi corso di laurea o di diploma universitario. E l indirizzo Giuridico-Economico-Aziendale 20

21 Quadro orario - TRIENNIO MERCURIO MATERIE D INSEGNAMENTO III IV V PROVA RELIGIONE MATERIA ALTERNATIVA LINGUA E LETTERE ITALIANE S.O. STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA O. LINGUA STRANIERA: INGLESE S.O. MATEMATICA - CALCOLO PROB. E STATISTICA 5(1)* 5(1)* 5(2)* S.O. ECONOMIA AZIENDALE 7(2)* 10(2* 9(2)* S.O. DIRITTO O. ECONOMIA POLITICA E SCIENZA DELLE FINANZE O. INFORMATICA GENERALE E APPL. GESTIONALI 5(2)* 5(3)* 6(3)* S.O. EDUCAZIONE FISICA P.O. TOTALE ORE SETTIMANALI * Lab ()* LABORATORIO S= scritto O= orale P= pratico Al termine del corso lo studente consegue il titolo di studio di Ragioniere perito commerciale e programmatore. Con tale titolo egli può: Svolgere funzioni che interessano gran parte delle attività economiche e sociali nei vari settori del mondo del lavoro e, in modo specifico, trovare occupazione presso software-house e aziende pubbliche e private che si avvalgono di sistemi informatici; Insegnare Stenografia e Dattilografia nelle scuole medie superiori; Svolgere funzione di I.T.P. (Insegnante tecnico-pratico) presso gli Istituti tecnici con indirizzo programmatori; Intraprendere l iter richiesto dalla normativa vigente per iscriversi all albo dei ragionieri; Accedere a qualsiasi corso di laurea o di diploma universitario. E l indirizzo Tecnologico-Informatico dell area Economico Aziendale 21

22 INDIRIZZO LINGUISTICO Il Corso P.A.C.L.E. Periti Aziendali Corrispondenti in Lingue Estere, si articola in cinque anni (biennio e triennio) e ha come finalità del progetto formativo lo sviluppo di un atteggiamento interculturale, in una visione del mondo aperta e ampia. A base di tale progetto si colloca l insegnamento delle Lingue Straniere quali Inglese, Francese, Tedesco e Spagnolo opzionale, impartito da esperti italiani e di madrelingua, e il potenziamento della lingua italiana, in particolare del suo aspetto morfologico-grammaticale. Nei primi due anni esso si sviluppa in un contesto di tipo analitico che porta alla riflessione sia sullo studio dei testi che dei problemi. Nel triennio si rafforza la valenza linguistica e la conoscenza di culture diverse, nel loro aspetto storico-geografico oltre che economico. L insegnamento di Diritto ed Economia, Tecnica, Matematica e Ragioneria, fa acquisire la conoscenza di tecniche specifiche che familiarizzino lo studente col mondo dell azienda e dei linguaggi propri del settore economicoaziendale. Il corso, inoltre, con l insegnamento di Trattamento Testi e Dati (Dattilografia e Stenografia) consente all allievo di acquisire sia le conoscenze di base relative ad Hardware e Software, sia le competenze e le capacità necessarie per utilizzare gli strumenti informatici al fine di organizzare e gestire dati e informazioni. 22

23 Quadro orario - P.A.C.L.E. MATERIE D INSEGNAMENTO II III IV V RELIGIONE MATERIA ALTERNATIVA PROVA LINGUA E LETT. ITALIANA S.O. STORIA ED ED.. CIVICA O. PRIMA LINGUA STRANIERA S.O. CONVERSAZIONE I a LINGUA STR O. SECONDA LINGUA STRANIERA S.O. CONVERSAZIONE 2 a LINGUA STR O. MAT. MAT. APPLICATA - STATISTICA S.O. FISICA O. SCIENZE NATURALI O. CHIMICA ELEM. DI MERCEOLOGIA O. GEOGRAFIA GENERALE O. TECNICA PROF. AMMIN. AZ.LE S.O. ECON. POL., SC. FINANZE, DIRITTO O. TRATTAMENTO TESTI (Steno-Dattilo) P. EDUCAZIONE FISICA P. TOTALE ORE SETTIMANALI S= scritto O= orale P= pratico Al termine del corso lo studente consegue il titolo di Perito Commerciale e Corrispondente in lingue estere. Con tale titolo egli può: Svolgere funzioni che interessano gran parte delle attività economiche e sociali nei vari settori del mondo del lavoro; In modo specifico, trovare occupazione nei settori esteri di industria, commercio, crediti, trasporti, enti pubblici e privati; Insegnare stenografia e dattilografia; Accedere a qualsiasi corso di laurea o diploma universitario. E l indirizzo linguistico dell area Economico Aziendale 23

24 COMUNICAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il Corso E.R.I.C.A Periti Aziendali (Educazione alla Relazione Interculturale nella Comunicazione Aziendale) garantisce una formazione culturale molto ampia, di tipo umanistico, tecnico-aziendale e turistico, con particolare attenzione alle lingue. Offre un percorso disciplinare capace di combinare competenze linguistiche in tre lingue straniere comunitarie (con supporto di lettori di madrelingua), conoscenze culturali e una preparazione di base in diritto ed economia, in modo da abbinare alle competenze professionali del perito aziendale i requisiti culturali necessari per avviare con successo gli studenti alla specializzazione universitaria nelle discipline di ambito linguistico-comunicativo. Gli ambiti professionali a cui il corso apre vanno dalla tradizionale corrispondenza in lingue estere in istituzioni pubbliche e imprese private, alle nuove professioni della comunicazione, con particolare riferimento alle relazioni pubbliche esterne e internazionali (ufficio stampa; ufficio relazioni con l'esterno e internazionali; ufficio relazioni con il pubblico); alle relazioni interculturali e alla mediazione linguistica presso enti pubblici e associazioni; all'accoglienza e ricezione turistico-congressuale. Inoltre, soprattutto per gli ambiti professionali relativi alla comunicazione aziendale, istituzionale e interculturale, nonché alle professioni legate al turismo, il corso assume un sicuro valore propedeutico per quegli indirizzi universitari che richiedono competenze nelle lingue straniere, nella storia della cultura e in ambito giuridicoeconomico (Lingue; Scienze della comunicazione; Comunicazione aziendale e gestione delle risorse umane; Mediazione linguistica e culturale, Economia del turismo). 24

25 Quadro orario E.R.I.C.A. MATERIE D INSEGNAMENTO I II III IV V PROVA RELIGIONE MATERIA ALTERNATIVA LINGUA E LETT. ITALIANA S.O. STORIA O. PRIMA LINGUA STRANIERA 3 3 5(1)* 5(1)* 5(1)* S.O. COMPLEMENTI I a LINGUA STRANIERA 1(1)* 1(1)* O. SECONDA LINGUA STRANIERA 5 5(1)* 5(1)* 5(1)* 5(1)* S.O. TERZA LINGUA STRANIERA - - 5(1)* 4(1)* 4(1)* S.O. MATEMATICA INFORMATICA E LABORATORIO S.O. MATEMATICA APPLICATA S.O. SCIENZE DELLA MATERIA E LABORATORIO O.P. SCIENZE DELLA NATURA O. TRATTAMENTO TESTI P. STORIA DELL ARTE E DEL TERRITORIO O. DIRITTO ECONOMIA AZIENDALE S.O. GEOGRAFIA GENERALE E ANTROPICA O. EDUCAZIONE FISICA P. TOTALE ORE SETTIMANALI ( )*Compresenza con l assistente di madrelingua S= scritto O= orale P= pratico Al termine del corso lo studente consegue il titolo di Perito Aziendale Corrispondente in lingue estere. Con tale titolo egli può: Svolgere funzioni in un gran numero di ambiti occupazionali, in particolare in quelli in cui vi è l utilizzo intensivo delle lingue : attività connesse con il turismo, agenzie di viaggio, aziende di trasporto, servizi con l estero e comunicazione d impresa, ricerche di mercato e agenzie pubblicitarie, marketing e relazioni pubbliche, contabilità aziendale, gestione e ricezione congressuale e fieristica, settore del credito, bancario e assicurativo (ufficio estero), enti artistici (musei, mostre, gallerie), settore della moda e del design Accedere a qualsiasi corso di laurea o diploma universitario. E l indirizzo linguistico dell area Economico Aziendale 25

26 INDIRIZZO GEOMETRI L Istituto, nel corrente anno scolastico, accoglierà le iscrizioni al Corso Geometri per il prossimo A.S. 2008/2009. CORSO SERALE PER STUDENTI LAVORATORI (SIRIO) Il CORSO SERALE consente il conseguimento del Diploma di Ragioniere nei seguenti indirizzi: Informatico (MERCURIO) Giuridico- Economico-Aziendale (IGEA) Perito Corrispondente in Lingue Estere (PACLE) I destinatari del Corso sono persone maggiorenni italiane e straniere che : Siano in possesso di licenza di Scuola Media; Abbiano interrotto qualsiasi corso di studi dopo la Scuola Media; Vogliano riqualificare il proprio percorso formativo; Desiderino riqualificare la propria posizione professionale. Costi per la partecipazione : gli stessi dei corsi attivati il mattino Il corso Sirio serale funziona per n. 5 giorni alla settimana lunedì/venerdì, con orario ridotto (ore di 50 min) per esigenze didattiche ed organizzative. Il corso prevede: Corsi di recupero in orario mattutino o pomeridiano Stage formativi presso aziende della zona Dall anno scolastico 2005/2006, è attivo soltanto il Corso Serale ad Indirizzo Informatico (MERCURIO), con una terza, una quarta ed una quinta classe. Negli anni scolastici successivi l Istituto continuerà a offrire agli studenti lavoratori la possibilità di iscriversi anche ai corsi IGEA e PACLE. 26

27 Quadro orario TRIENNIO SERALE MERCURIO MATERIE D INSEGNAMENTO III IV V ITALIANO STORIA LINGUA INGLESE MATEMATICA 4(1)* 4(1)* 4(1)* DIRITTO ED ECONOMIA ECONOMIA AZIENDALE 7(2)* 7(2)* 7(2)* INFORMATICA GESTIONALE 5(3)* 5(3)* 5(3)* TOTALE ORE SETTIMANALI ( )* Laboratorio 27

28 ATTIVITÀ INTEGRATIVE Le attività integrative vengono promosse dalla nostra scuola per arricchire e completare la proposta formativa e per sostenere anche individualmente lo studente, in sintonia conle disposizioni del Ministero, contenute nel Programma Nazionale Scuole Aperte. Si privilegiano le attività considerate strategiche per migliorare l efficacia dell intervento didattico nei settori caratterizzanti gli indirizzi d Istituto. AMBITI PROGETTI e ATTIVITA' INTERVENTI CONTRO LA Continuità e metodo di studio contro la dispersione Il Cooperative Learning DISPERSIONE SCOLASTICA Prevenzione e recupero dei debiti formativi (Corsi di recupero, approfondimento, Sportello Didattico, Corsi di recupero in aula virtuale) C.I.C. (I colori dell anima, In Formati ed In Dipendenti, Spazio ascolto, Concorso Regoliamoci) Orientamento INIZIATIVE SCUOLA/LAVORO Aula di simulazione bancaria Alternanza scuola-lavoro Stage estivo Conoscere la Borsa- Edizione 2007 Scambio culturale con la Svezia APPRENDIMENTO DELLE LINGUE Stage linguistici (Francia, Malta, Vienna) Potenziamento lingua francese Potenziamento lingua spagnola Certificazione esterna francese (Delf) Lingue Certificazione esterna inglese Esperto di madre lingua inglese Progetto Leonardo E-Learning INFORMATICA Patente Europea del Computer- ECDL Laboratorio di Economia Aziendale IGEA Laboratorio di Informatica Serale EDUCAZIONE ALLO SPORT Fisica-Mente: Gruppo Sportivo e Giochi Sportivi Studenteschi Un palcoscenico per la scuola: musica, danza, animazione e Festa della INIZIATIVE EDUCATIVE DI Primavera INTEGRAZIONE CULTURALE Musica insieme Laboratorio di Educazione ambientale Un Monumento per amico Il Quotidiano in classe Giornalino on line Biblioteche in rete Un libro per tutti Progetto Sicurezza Educazione stradale Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore Patentino Eco-School: "Il Consumo Responsabile Dell'Energia Volontaria Mente: Testimonianza e Stage FORMAZIONE Aggiornamento Docenti VALUTAZIONE D ISTITUTO Progetto Qualità (ISO 9001/2000) N.B.: per una conoscenza più dettagliata dei progetti e delle attività si può consultare l allegato A 28

29 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Da vari anni il nostro Istituto ha impostato il lavoro di programmazione dell'attività didattica ed educativa, in modo collegiale, con attenzione e impegno sempre maggiori, al fine di migliorare e rendere più incisiva e puntuale l'offerta formativa. Questa attività di programmazione deriva, oltre che da direttive ministeriali, dalla professionalità e dall'impegno personale delle varie componenti della scuola. Con la progettazione e la programmazione il corpo docente dell'istituto Tecnico Commerciale "Filippo Corridoni" intende dare risposte sempre più adeguate ai bisogni degli utenti, cercando di migliorare con il proprio operato la qualità del servizio scolastico. La politica del Collegio dei Docenti indica le scelte operate in merito al progetto formativo e fornisce le direttive generali entro cui programmare; pertanto, in accordo con quanto stabilito dal Collegio dei Docenti vengono articolate le seguenti programmazioni: Programmazione per Aree Disciplinari (Dipartimenti disciplinari) Programmazione dei Consigli di Classe Programmazione Individuale Il Collegio dei Docenti, inoltre, nell ambito delle sue prerogative delibera i criteri generali ai quali attenersi per quello che riguarda la metodologia, la verifica, la valutazione e la comunicazione con le famiglie. Metodologia didattica Al fine di perseguire gli obiettivi trasversali e disciplinari fissati nei piani di lavoro l insegnante utilizza metodi didattici coerenti con le finalità del P.O.F. e sceglie gli itinerari metodologici ritenuti più adatti alla condizione oggettiva della singola classe. Il docente procede nello svolgimento del programma per moduli e unità didattiche chiarendo alla classe i contenuti e le finalità perseguite, i risultati attesi, i modi e i tempi della verifica e i criteri di valutazione; permette così all alunno una partecipazione più consapevole al dialogo educativo. La lezione non è solo frontale, ma interattiva e l insegnante si avvarrà anche dei sussidi didattici che la scuola offre (registratori, video, computer, software, laboratori, lavagne luminose ecc.), introdotti secondo i tempi e le necessità didattiche della classe stessa. Nel presente anno scolastico tra le metodologie di insegnamento/apprendimento verranno introdotte alcune esperienze di Cooperative Learning. Il Cooperative Learning costituisce una specifica metodologia, attraverso la quale gli studenti agiscono e apprendono in piccoli gruppi, aiutandosi reciprocamente e sentendosi corresponsabili del reciproco percorso. L insegnante assume un ruolo di facilitatore ed organizzatore delle attività, strutturando ambienti di apprendimento. La metodologia è caratterizzata da un clima relazionale positivo, da attività che trasformano ogni apprendimento in un processo di problem solving di gruppo. La riuscita e il raggiungimento degli obiettivi richiede il contributo personale di tutti. Ciò facilità lo sviluppo di determinate abilità e competenze sociali, intese come un insieme di abilità interpersonali e di piccolo gruppo indispensabili per sviluppare e mantenere un livello di cooperazione qualitativamente alto. I principi sui quali ogni attività fa riferimento sono i seguenti: 29

30 L interdipendenza positiva, per cui gli studenti si impegnano per migliorare il rendimento di ciascun membro del gruppo, non essendo possibile il successo individuale senza il successo collettivo; La responsabilità individuale e di gruppo: il gruppo è responsabile del raggiungimento dei suoi obiettivi ed ogni membro è responsabile del suo contributo; L interazione costruttiva: gli studenti devono relazionarsi in maniera diretta per lavorare, promuovendo e sostenendo gli sforzi di ciascuno gratificandosi a vicenda per i successi ottenuti; L attuazione di abilità sociali specifiche e necessarie nei rapporti interpersonali all interno del piccolo gruppo: gli studenti si impegnano nei vari ruoli richiesti dal lavoro e nella creazione di un clima di collaborazione e fiducia reciproca. Particolare importanza rivestono le competenze di gestione dei conflitti, più in generale si parlerà di competenze sociali, che devono essere oggetto di insegnamento specifico; La valutazione di gruppo: il gruppo valuta i propri risultati e il proprio modo di lavorare e si pone degli obiettivi di miglioramento. L insegnante, nella scelta anche di altre metodologie ha come obiettivo l acquisizione, da parte dei discenti, non solo delle conoscenze, ma anche di quelle competenze e abilità che sviluppano in loro abitudini mentali rivolte alla soluzione di problemi e alla gestione delle informazioni. I docenti pertanto cercheranno di: far pervenire al possesso delle conoscenze partendo da situazioni concrete, non ancora organizzate ed ordinate, per stimolare l abitudine a costruire modelli; privilegiare momenti di scoperta e di successiva generalizzazione a partire da casi semplici e interessanti, avvalendosi di tecniche didattiche che consistono nel generare situazioni problematiche non strutturate, per favorire l acquisizione di comportamenti produttivi; far realizzare piccoli progetti di difficoltà crescente per abituare a formulare ipotesi e a procedere per approssimazioni successive. Inoltre, per agevolare il passaggio dalla scuola all ambiente di lavoro, la nostra scuola cercherà il contributo e la collaborazione d'operatori esterni in grado di fornire indicazioni utili per correlare l attività didattica alle esigenze del mondo produttivo, anche sotto diverse forme come interventi di esperti, visite guidate in aziende, stage, ecc.. Ogni insegnante infine definisce, nel proprio piano di lavoro annuale, gli obiettivi disciplinari da perseguire, i contenuti distinti in moduli e unità didattiche, la metodologia, le prove di verifica e i criteri di valutazione. 30

31 Verifica e valutazione La verifica e la valutazione sono un momento fondamentale del processo educativo. La verifica è la raccolta dei dati per accertare in quale misura gli obiettivi prescelti siano stati raggiunti. La valutazione è la formulazione di un giudizio, espresso con un voto, sulla base dei dati raccolti. Entrambe devono avere un carattere formativo e informativo verso l'alunno, che potrà così partecipare responsabilmente al recupero di eventuali lacune e allo sviluppo delle abilità richieste. La verifica deve non solo accertare il raggiungimento degli obiettivi didattici prefissati e classificare gli studenti, ma deve anche servire a controllare lo svolgimento dell'attività didattica e l'adeguatezza dei metodi, tecniche e strumenti utilizzati dall'insegnante. In base all'impostazione didattica scelta le verifiche devono essere frequenti e diversificate. Le prove potranno essere soggettive di profitto (interrogazione orale, prova scritta, discussioni, relazioni) e oggettive di profitto (vero/falso, scelta multipla, completamento e integrazione). L'insegnante potrà completare la fase di verifica con qualunque altro mezzo, convalidato dal Consiglio di Classe, ritenuto opportuno. Il numero delle verifiche sarà, di norma, non inferiore a tre per le verifiche scritte e non inferiore a due per le verifiche orali. Le verifiche orali potranno essere integrate con test, questionari, relazioni scritte e tutto ciò che il docente reputa adeguato alla sua azione didattica. Ogni prova proposta sarà finalizzata a verificare il raggiungimento di uno o più obiettivi, che saranno chiaramente esplicitati alla classe. La misurazione dei risultati avverrà utilizzando, il più possibile, tutta la scala di valori del sistema decimale. La valutazione dovrà essere formativa, durante lo svolgimento di ogni unità didattica, con lo scopo di controllare il processo insegnamento-apprendimento e sommativa, al termine di ogni percorso educativo, per classificare gli alunni in base al raggiungimento dei diversi obiettivi. Per aumentare l'efficacia formativa della valutazione l'esito delle verifiche orali va comunicato agli alunni immediatamente e quelle scritte vanno corrette e consegnate nel più breve tempo possibile, comunque non oltre due settimane. Nella valutazione di fine quadrimestre si considereranno le prove sommative, il progresso rispetto alla situazione di partenza, l'impegno, la partecipazione, l'interesse anche in relazione agli elementi che hanno contribuito a determinarli. Per far sì che tutti gli studenti siano valutati in modo sostanzialmente uniforme nelle diverse sezioni, nel rispetto dell'autonomia di ciascun insegnante, sono di riferimento le seguenti griglie valutative. 31

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1.

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1. STRUTTURA UDA TITOLO: Macchine elettriche. COD. TEEA IV 05/05 Destinatari A PRESENTAZIONE Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. Periodo Terzo Trimestre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E GEOMETRI FILIPPO CORRIDONI CIVITANOVA MARCHE PIANO OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2008 2009 Edizione Marzo 2009 N Revisione Emesso dal docente Funzione Obiettivo Area

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa Piano dell Offerta Formativa PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA I S T I T U T O T E C N I C O C O M M E R C I A L E F I L I P P O C O R R I D O N I C. D A A S O L A C I V I T A N O V A M A R C H E A.S. 2008/2009

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI PRATICHE RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Manufatti metallici con l utilizzo delle

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza ALL. A Competenze chiave di cittadinanza Cosa sono Dove se ne parla Riferimenti europei L intreccio Nel dettaglio A cosa servono Cosa contrastare Come si acquisiscono Le competenze chiave di cittadinanza

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 1 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Alunni

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO ISTRUZIONE

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Carmela Infarinato Materia : Storia

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Carmela Infarinato Materia : Storia PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Carmela Infarinato Materia : Storia Classe 2 a Tecnico dei Servizi Commerciali Sez. B Situazione iniziale della classe La classe poco

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015

OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015 OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015 Presentazione degli indirizzi Dalle ore 9:30 alle ore 10:00 Presentazione Liceo Scienze Umane Dalle ore 10:00 alle ore 10.30 Presentazione Liceo Scienze Applicate Dalle

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO 1 SCIENZA DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO RIF. A.S. 2015/2016 TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Classe 3^A-B

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO "BIANCHI DOTTULA"

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO BIANCHI DOTTULA I NUOVI LICEI D.Lgs 226/ 05 Moratti D.L 112/ 08 conv L 133/ 08 razionalizzazione uso risorse DPR 89 del 15.03.2010 Gelmini Indicazioni nazionali Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo delle

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- A.S. 2015/2016 TITOLO: INTERPRETAZIONE DI UNA RICETTA OPTOMETRICA COD. n 2 Destinatari CL 2^ Indirizzo OTTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 ! Istituto d Istruzione Superiore G. Veronese Chioggia (Ve) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 Classe 1 B Indirizzo: Scienze Umane Coordinatrice: Agatea Valeria SITUAZIONE INIZIALE

Dettagli

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 3 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: REALIZZAZIONE DI UNA PROTESI PARZIALE MOILE IN RESINA CON GANCI A FILO, REALIZZAZIONE DI UN ELEMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Economico Alberto Magri

Istituto Tecnico Settore Economico Alberto Magri Sommario Istituto Tecnico Settore Economico Alberto Magri Indirizzo AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING (5 anni) Istituto Tecnico Commerciale A. Magri (pre-riforma) Corso per il Diploma di Ragioniere

Dettagli

SCHEDA DEL PROGETTO N 07

SCHEDA DEL PROGETTO N 07 Allegato 2 PROGETTI MIGLIORATIVI DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013/2014 CIRCOSCRIZIONE CONSOLARE: MADRID Scuola/iniziative scolastiche: SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID SCHEDA DEL PROGETTO N

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE L Istituto Italo Calvino affronta una duplice sfida: rinnovare i tradizionali processi di apprendimento

Dettagli

La riforma degli Istituti Tecnici

La riforma degli Istituti Tecnici La riforma degli Istituti Tecnici Il progetto di riordino dell istruzione tecnica intende rilanciare a pieno titolo gli Istituti Tecnici quale migliore risposta della scuola alla crisi, perché favorisce

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DI TERZA MEDIA INFORMAZIONI GENERALI

ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DI TERZA MEDIA INFORMAZIONI GENERALI ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DI TERZA MEDIA INFORMAZIONI GENERALI (per procedere nella presentazione cliccare sulle frecce o girare la rotellina del mouse) Nelle pagine seguenti presenteremo una rapida

Dettagli

attività integrative sbocchi futuri rapporti scuola famiglia

attività integrative sbocchi futuri rapporti scuola famiglia attività integrative Patente europea del computer (E.C.D.L.) Certificazione internazionale delle competenze linguistiche Stage estivi in azienda Corsi di educazione stradale (patentino) Gruppo sportivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE ALLEGATO N AL VERBALE N. PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING A.F.M. RELAZIONI INTERNAZIONALI ANNO

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa

Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa 1974/2014 Quaranta anni di impegno per l'innovazione nell'apprendimento Liceo Scientifico F.Buonarroti Largo C.Marchesi Pisa 050570339- Fax 050570180 email: pips04000g@istruzione.it

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

ISTITUTO MARCO POLO Legalmente riconosciuto Via Ferrando 1-25127 Brescia Tel. 030-320933 - Fax 030-320340

ISTITUTO MARCO POLO Legalmente riconosciuto Via Ferrando 1-25127 Brescia Tel. 030-320933 - Fax 030-320340 ISTITUTO MARCO POLO Via Ferrando 1 25127 Brescia Tel. 030320933 Fax 030320340 ISTITUTO TECNICO LICEO SCIENTIFICO LICEO COMM.LE I.G.E.A. TRADIZIONALE SPORTIVO Solo con la collaborazione e l impegno di docenti,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA 1.1 Attività di recupero e sostegno In ottemperanza con le i disposizioni ministeriali e proseguendo sulla linea da anni

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LA NOSTRA IDENTITÀ Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1A Indirizzo di studio Scientifico Docente Monti Gabriella Silvana Disciplina Monte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PREVENTIVA. CONSIGLIO della CLASSE. dell ISTITUTO TECNICO per GEOMETRI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PREVENTIVA. CONSIGLIO della CLASSE. dell ISTITUTO TECNICO per GEOMETRI ISTITUTO PARITARIO S. MARIA - SIRACUSA REGIONE SICILIA - ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE - DECRETO n 166/8 del 16/05/2001 SCUOLA MEDIA LICEO SCIENTIFICO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE e per GEOMETRI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 - Oggetto, finalità, tipologia Per viaggi d istruzione si intendono i viaggi organizzati dalla scuola che presentano come caratteristica essenziale

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE (LES)

LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE (LES) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE FABIO BESTA LICEO DELLE SCIENZE UMANE (Economico-Sociale) ISTITUTO TECNICO ECONOMICO (Amministrazione, Finanza e Marketing - Turismo) Via Don G. Calabria, 16-20132

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Modugno - Via P. Annibale M. di Francia, Grumo - Via Roma, L ISTITUTO ECONOMICO La formazione tecnica e scientifica di base necessaria a un inserimento altamente

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore

Istituto d Istruzione Superiore Istituto d Istruzione Superiore Alfonso M. de Liguori Sant Agata de Goti Distretto scolastico n 8 82019 SANT AGATA DEI GOTI (BN) Tel. 0823/953117 0823/953140(fax) Via S. Antonio Abate n. 32 ANNO SCOLASTICO

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE (Potenziamento Linguistico - Antropologico) Il Liceo delle Scienze Umane completa la formazione umanistica con materie relative all area psicologica, sociale e formativa allo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E TURISTICO GUIDO PIOVENE BENVENUTI. agli alunni e ai genitori delle scuole medie PRESENTAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E TURISTICO GUIDO PIOVENE BENVENUTI. agli alunni e ai genitori delle scuole medie PRESENTAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA BENVENUTI agli alunni e ai genitori delle scuole medie PRESENTAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA 19 novembre 2011 Ore 15.00 17.00 17 dicembre 2011 Ore 15.00 17.00 PORTE APERTE AL PIOVENE 14 gennaio 2012 Ore

Dettagli

L Istituto mantiene infine contatti costanti con genitori e studenti

L Istituto mantiene infine contatti costanti con genitori e studenti Offerta formativa Istituto Tecnico Commerciale - Liceo Socio-Psicopedagogico Via Bonistallo, 73-50053 EMPOLI Tel. 0571-80614/81696 Fax 0571-82189/946803 Indirizzo ERICA Indirizzo ERICA SPORT Indirizzo

Dettagli

Via Gorki 106 - Cinisello Balsamo Tel. 02/6173001-6173828 - Fax 02/61290579 Sito Internet: www.liceocasiraghi.net e-mail: licasira@tiscali.

Via Gorki 106 - Cinisello Balsamo Tel. 02/6173001-6173828 - Fax 02/61290579 Sito Internet: www.liceocasiraghi.net e-mail: licasira@tiscali. LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, LINGUSTICO G.CASIRAGHI sede Via Gorki 106 - Cinisello Balsamo Tel. 02/6173001-6173828 - Fax 02/61290579 Sito Internet: www.liceocasiraghi.net e-mail: licasira@tiscali.it mezzi

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E DI PRODOTTO A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 5 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE IIS F E R M I GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it Codice Fiscale 83003590011

Dettagli

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali.

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. COSA RICHIEDE IL LICEO LINGUISTICO? Curiosità intellettuale Interesse nei

Dettagli

La riforma degli Istituti Tecnici

La riforma degli Istituti Tecnici La riforma degli Istituti Tecnici Nel nostro Paese si è legati ancora ad un modello culturale che tende spesso a contrapporre il sapere al saper fare, la conoscenza teorica alle competenze tecniche e pratiche,

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli