L affidamento bancario per le PMI: il punto di vista della banca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L affidamento bancario per le PMI: il punto di vista della banca"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L affidamento bancario per le PMI: il punto di vista della banca Dott. Alberto Ghiurghi 12 marzo Sala Convegni Corso Europa,11 Milano

2 Indice Premessa Slide 03 Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria Slide 05 La fase di istruttoria: finalità e sostenibilità del finanziamento Slide 14 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido Slide 20 Il controllo della variazione dei rischi in essere sui crediti erogati Slide 48 Evoluzione nel trattamento delle garanzie Slide 57 Appendice: Accordo per il credito e Nuove misure per le Pmi Slide 61 2

3 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Premessa

4 Premessa L attività di affidamento a terzi costituisce l attività primaria per una azienda di credito ed è per questa fonte sia di profitti che di rischi. Per tali ragioni è sottoposta ad una regolamentazione severa ed a guidelines ben definite sia a livello di schema di regolamentazione internazionale (Comitato di Basilea per la Vigilanza Bancaria), sia a livello di Vigilanza Banca d Italia, circostanze che finiscono per influenzare, anche significativamente le scelte gestionali e commerciali di una banca. 4

5 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria

6 Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria Lo statu quo della banca: - Analisi quali - quantitativa del portafoglio crediti già in essere; - Verifica dei ratios patrimoniali della banca; conseguenti valutazioni circa la loro capienza e l opportunità di sviluppare nuova clientela e/o espandere l attività con quella già in essere; - Valutazione, oltre i dettami regolamentari, dell impatto che un andamento avverso del portafoglio crediti potrebbe avere sullo stato patrimoniale e sul conto economico della banca; (what if scenario) - Analisi dello scenario macroeconomico attuale e di quello atteso; - Analisi settoriale: quadro di riferimento ed evoluzione prevista;

7 Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria (II) - - Definizione degli importi che la banca è disposta a destinare all erogazione di nuovi o ulteriori finanziamenti; - Individuazione delle forme tecniche di impiego da prediligere compatibilmente con le esigenze/recettività della clientela nello sviluppo del portafoglio fidi; - Individuazione delle forme tecniche di raccolta convenientemente e concretamente utilizzabili per finanziare le nuove erogazioni; -. 7

8 Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria (III) - - Definizione del match/mismatch di tasso che la Banca desidera/è disposta ad assumere; - Definizione del match/mismatch valutario che la banca desidera/è disposta ad assumere; - Il posizionamento commerciale desiderato. 8

9 Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria (IV) Le analisi di cui sopra sono finalizzate ad ottimizzare i seguenti obiettivi: - Consentire una allocazione coerente con le strategie della banca tra investimenti sui mercati finanziari e erogazione di finanziamenti; - (Nell uno come nell altro caso) Costruire/ottimizzare portafogli che, anche nel caso di forti stress sia endogeni sia, soprattutto, esogeni, consentano alla banca di rispettare i parametri regolamentari senza ricorrere a emergency plans, (strategie organizzative e gestionali da porre in essere in via straordinaria ed in ossequio allo schema regolamentare di Basilea 3 per evitare che il verificarsi di eventi straordinari possa pregiudicare una sana gestione della banca o avere influssi negativi sul corretto andamento del mercato del credito o di quelli finanziari). - 9

10 Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria (V) - - (ritornando nel mondo crediti) Redditività del portafoglio crediti: da ricercare con una accurata selezione dei potenziali clienti, evitando da aprire o mantenere in essere posizioni che presentano o si stima possano generare un profilo di rischio non coerente con la strategia della Banca; - Liquidabilità del portafoglio crediti: finalizzata a garantire la revisione o risoluzione dei rapporti con clienti per i quali dovessero deteriorarsi o venir meno i requisiti patrimoniali e/o reddituali e/o finanziari alla base dell affidamento a loro già concesso. - 10

11 Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria (VI) - - Diversificazione del rischio creditizio (e dei rischi a questo correlati, quali cambio, tasso, duration gap, ): ottenuta ricercando di ampliare a parità di fidi erogati la base della clientela, avendo cura di sceglierla tra i vari settori merceologici di attività, aree geografiche, Al riguardo rammentiamo che, a differenza di quanto accade nella gestione di portafogli mobiliari, dove l enhancement del profilo di rischio di portafoglio migliora solo marginalmente dopo averlo articolato in un sufficiente numero di titoli, nella gestione di portafogli creditizi il profilo di rischio migliora sempre (= diminuisce) all aumentare della diversificazione del portafoglio stesso. Si presterà poi attenzione a diversificare gli affidamenti anche per durata e forma tecnica. - 11

12 Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria (VII) - - Limitare le perdite causate dal default dell affidato: individuando, in sede di definizione dell affidamento, garanzie appropriate, per tipologia e valore, all ammontare del fido, alle sue caratteristiche ed alle caratteristiche, attività e settore propri dell azienda. Vedremo come requisito frequentemente richiesto per la concessione di un fido, oltre alla stima della capacità dell affidato di procedere al suo rimborso con la liquidità generata dall attività tipica di impresa e al rilascio di adeguate garanzie, (da utilizzarsi come ultima risorsa cui ricorrere), vi sia la valutazione dell esistenza di una seconda, significativa fonte di liquidità (e redditività) che, in caso di rallentamento dell attività principale, possa comunque garantire il rimborso in bonis dell erogato.. 12

13 Gli steps propedeutici all apertura di una istruttoria (VIII). Questo elemento, nei fatti, costituisce una discriminante se non nel se almeno nell a quali condizioni erogare il credito. Questo è tanto più vero quanto più la valutazione circa l affidamento dovesse avvenire: in un periodo di debolezza dell economia; nei confronti di aziende con standing creditizio medio o medio/basso; verso aziende operanti in settori con modeste barriere all entrata; nei confronti di imprese operanti in mercati per i quali non si dispone (ancora) di un track record consolidato. 13

14 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La fase di istruttoria: finalità e sostenibilità del finanziamento

15 La fase di istruttoria: finalità e sostenibilità del finanziamento Sequenziale alla precedente, e dato pertanto per acquisito, il rispetto del parametri regolamentari e delle strategie dell istituto di credito, in questa fase entrano in gioco variabili qualitative, quantitative ed esperienziali. Una prima disamina di tipo top/down riguarda i seguenti aspetti: - Analisi del comparto (o sub-settore) di attività del richiedente e del contesto territoriale in cui lo stesso opera; - Numero, qualità e rilevanza dei concorrenti (competitors); -. 15

16 - La fase di istruttoria: finalità e sostenibilità del finanziamento (II) - L evoluzione (sintetica) attesa nel comparto; - L evoluzione (analitica) attesa per ogni competitors; - L esame della struttura organizzativa della società in esame: offre vantaggi o presenta criticità particolari rispetto alla concorrenza? - Tipologia e qualità dei prodotti/servizi offerti dalla Società e dalla concorrenza. 16

17 La fase di istruttoria: finalità e sostenibilità del finanziamento (III) Entrano poi in gioco variabili non riconducibili ad un analisi quantitativa, riferibili non all impresa come entità ma ai suoi azionisti di riferimento ed ai managers: - Competenze imprenditoriali e manageriali; - Capacità organizzative; - Autonomia decisionale; - Helicopter capacity nel valutare il business e la sue prospettive; - Capacità di comprendere e gestire i rischi imprenditoriali. 17

18 La fase di istruttoria: finalità e sostenibilità del finanziamento (IV) Una volta assunte queste informazioni e quelle relative alla finalità dichiarata per il finanziamento richiesto si passerà a valutare: - se la finalità dichiarata è compatibile con la realtà e l evoluzione attesa del settore di attività e dell azienda richiedente; (analisi di settore, => di comparto,=> dell azienda => dei suoi peers); - 18

19 -. La fase di istruttoria: finalità e sostenibilità del finanziamento (V) - quali importi e forme tecniche di finanziamento possono, alla luce delle considerazioni sopra svolte, essere sostenute dal borrower. Un peso, ancorché di ultima istanza nella valutazione dei fidi sostenibili, andrà assegnato anche alle garanzie offerte; (analisi societaria e delle garanzie offerte). Vedremo in chiusura di questo dibattito come il passaggio dal quadro regolamentare di Basilea 2 a quello di Basilea 3 abbia condotto a significativi cambiamenti nelle preferenze delle aziende di credito; - se la tipologia di affidamento richiesta è coerente con le finalità dello stesso. 19

20 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido

21 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido *** La dottrina vorrebbe che si iniziasse ad affrontare questo argomento analizzando l approccio noto a livello internazionale come: The Five C s of Credit Finalizzato a valutare, anche se ancora in prima approssimazione, lo standing creditizio del cliente ed il tipo di credito che si pensa verrà richiesto. *** - 21

22 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (II) Le cinque C dei crediti sono: - Charachter: mira a capire l etica dell interlocutore per comprendere l intenzione e la determinazione che egli ha di ripagare le obbligazioni che intende assumere. - Capacity: mira a stimare se i cash flows futuri possono essere stabilmente sufficienti per rimborsare il credito richiesto. - Capital: consiste in una valutazione di adeguatezza dei capitali necessari per svolgere l attività di impresa. - 22

23 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (III) - - Conditions: si tratta di valutare il contesto economico e settoriale in cui opera il richiedente, sia per valutare se l attività svolta rientra tra quelle che la banca è disposta a finanziare, sia per integrare, se necessario, le informazioni gia disponibili in Banca. - Collateral (garanzie): valutazione della tipologia e caratteristiche delle garanzie e stima di quello che esse rappresentano per chi è disposto a concederle come collateral

24 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (IV) - Ma ragioni di tempo impongono un rapido passaggio all analisi delle informazioni necessarie e strumentali per l assunzione di decisioni circa il se ed a quali condizioni sia possibile erogare un finanziamento. 24

25 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (V) L approccio oggi seguito dalle principali banche può dirsi di tipo matriciale, ed afferisce le seguenti aree: (ovviamente le domande da porre sono esposte in via indicativa: sarà l esperienza del settorista e la conoscenza che lo stesso ha dell azienda e del settore a fargli calibrare i quesiti nel modo più opportuno, evitando domande che potrebbero essere ridondanti o suonare provocatorie all interlocutore ed avendo comunque presente che quelle che seguono devono ritenersi informazioni di base e che non mancheranno, prima dell erogazione, occasioni per formulare domande più circostanziate). 25

26 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (VI) Quesiti inerenti il richiedente - Qual è la ragione sociale dell impresa? - In che forma giuridica è costituita? - Dove ha sede? - Da quanti anni opera? - Quali beni/servizi produce? - Chi sono i soci di maggioranza e con quali quote? - I soci hanno altre o precedenti esperienze imprenditoriali? - A chi è affidata la direzione della società? - 26

27 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (VII) - La direzione è separata dalla proprietà? - Che estrazione ha e da dove proviene il management? - Quanti dipendenti ha? - La società è in utile? E negli esercizi precedenti? - Ritiene i mezzi propri adeguati alla dimensioni dell Azienda ed alle attività svolte? - Qualora il fido venisse concesso, ritiene che a garanzia dello stesso saranno posti solo assets di proprietà dell impresa o anche beni o garanzie personali da parte di uno o più soci? - Chi sono i principali clienti e fornitori della società e quali sono i loro indirizzi? - Quali sono i tempi medi di pagamento e di incasso? - Ci sono in essere contenziosi? Se sì, l impresa è attore o convenuta? 27

28 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (VIII) Quesiti inerenti l affidamento - A quanto ammonta attualmente l esposizione debitoria della società? (con gli ovvi distinguo per le situazioni nelle quali i soci possiedono altre società o la società fa parte di un gruppo). - Quale importo intenderebbe ottenere come prestito? [Consideriamo al riguardo il fatto che l equazione importo richiesto modesto = assunzione di rischi limitati non è vera o, per lo meno, non è vera durante le fasi di normale andamento dell azienda. Viene infatti lecito chiedersi perché tralasciando eventuali considerazioni di carattere fiscale l azienda abbia da indebitarsi (o incrementare l indebitamento esistente) per effettuare operazioni che eccedono di poco la sua ordinaria amministrazione] - Come è giunto a quantificare l importo che richiede? - 28

29 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (IX) - - Stima di avere pianificato esaustivamente i futuri fabbisogni finanziari? - Di quale durata ed in quale forma tecnica vorrebbe avvenisse l affidamento? - Si metta ora nell ottica della banca: ritiene che l ammontare che mi ha appena chiesto ed i tempi del suo rimborso siano coerenti con la finalità del finanziamento? - Ritiene il finanziamento adeguatamente garantito dal valore degli assets presenti in azienda? - Se del caso, sarebbe interessato a prendere in considerazione anche tempi e modalità di rientro differenti da quelli che mi ha indicato come ottimali? - Qualora Le venisse concesso, come e in quali tempi pensa che utilizzerà l affidamento? 29

30 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (X) Quesiti finalizzati a capire se il richiedente sarà in grado di rimborsare il prestito - Con quali mezzi pensa di rimborsare il prestito? - In base alla conoscenza che ha dell azienda, può ragionevolmente ritenere che i flussi di cassa generati dall attività saranno sufficienti per rimborsare le rate? - Qualora vi fosse un significativo calo dell attività, esiste una seconda fonte di reddito per rimborsare il prestito? - Per quanto Le è dato sapere, di quale patrimonio possono disporre i garanti? 30

31 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XI) Informazioni afferenti le garanzie - Quali beni pensa saranno offerti in garanzia? - A chi appartengono? - Dove sono ubicati? - Possono essere visionati? - Stima queste garanzie sufficientemente liquide? - Su questi beni esistono dei vincoli o gravami? - Il valore di questi assets, o di altri assets assimilabili a quelli offerti a garanzia, è soggetto a forti oscillazioni o a repentine svalutazioni? Per quali motivi? - A quale uso è destinato il bene? - La detenzione del bene comporta dei costi? se si di quale tipo e indicativamente di quale ammontare? 31

32 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XII) Informazioni sui rapporti del richiedente con sistema creditizio il - Abitualmente con quali banche lavora? - Ha richiesto preventivi per questo fido anche ad altre banche? - Perché ha pensato di rivolgersi alla nostra banca? - Ha altri affidamenti in essere? - Se si, di quale ammontare e durata ed in quale forma? 32

33 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XIII) Molte tra le informazioni richieste potranno essere verificate tramite la seguente documentazione, la cui correttezza formale è rilevante quanto quella di merito: - Bilanci certificati dell ultimo quinquennio o ciclo economico, articolati in Stato Patrimoniale, Conto Economico, Cash Flow Statement e Relazione sulla gestione; - Posizione finanziaria e contabile aggiornate; - Evidenza di ogni contenzioso legale promosso da o contro la Società; - Elenco dei fornitori; - 33

34 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XIV) - - Elenco dei clienti; - Elenco dei contratti più recenti stipulati con i principali clienti e fornitori - Elenco (se esistente) delle garanzie rilasciate a favore di terzi (rischi indiretti) - (se l importo e la natura del finanziamento richiesto lo meritano): Business plan - 34

35 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XV) Inoltre, qualora si ritenga che l affidamento richiesto possa essere erogato, andrà richiesta sino da ora adeguata documentazione ed assunte dettagliate informazioni sui beni che l azienda intende offrire in garanzia, quali: - Documentazione comprovante l effettiva proprietà della società sui beni immobili offerti in garanzia; - Attestazione delle garanzie/fidejussioni offerte da terzi nella forma richiesta dall ufficio legale della Banca. 35

36 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XVI) E inoltre utile, dove possibile, parlare con i principali clienti e soprattutto i fornitori del richiedente. - I clienti possono infatti fornire indicazioni circa la qualità dei beni/servizi prodotti, la puntualità nella loro consegna, valutare la competitività dell azienda nel proprio settore e confermare se i termini di pagamento sono effettivamente quelli dichiarati dal richiedente. - Le informazioni dai fornitori sono utili per sapere se l azienda è regolare nei pagamenti e se ed eventualmente con quale frequenza richiede delle dilazioni di pagamento. 36

37 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XVII) Scontata poi l interrogazione della C.R./Centrale Rischi per assumere informazioni sullo standing bancario del richiedente. *** Va segnalato come alla lettura della posizione in C.R. vada riservata maggiore rilevanza rispetto al passato. Se è infatti vero che oggi come ieri è un significativo indicatore della esposizione creditizia della (potenziale) controparte, con il passaggio da 180 a 90 giorni dei termini per la segnalazione alla C.R. medesima, la stessa è venuta a costituire un indicatore forse grezzo ma comunque significativo circa l esistenza di tensioni di liquidità in capo al prenditore.. 37

38 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XVIII) Tale circostanza: - se strutturale costituisce una grave pregiudiziale circa l opportunità di erogare nuovi affidamenti, dal momento che gli stessi dovrebbero essere ripagati con la liquidità propria dell azienda; - se legata al modello organizzativo/posizionamento competitivo dell azienda stessa potrebbe essere motivo altrettanto pregiudiziale circa l erogazione di almeno alcune forme tecniche di finanziamento segnatamente quelle a medio e a lungo termine o - in subordine, condizionarne il pricing, in quanto alla banca verrebbe implicitamente richiesto di farsi carico, oltre che dei rischi propri del finanziamento, anche della debolezza del circolante dell azienda e/o della sua incapacità o impossibilità di abbreviare i tempi di incasso dalla clientela. *** 38

39 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XIX) Doverose, poi: - una visita agli stabilimenti, necessaria per valutare qualità, efficienza e environmental compliance dei processi produttivi, stato e qualità dei macchinari utilizzati e, più in generale, gli aspetti che interessano da vicino lo svolgimento delle attività core dell azienda; - una visita agli uffici, utile, oltre che per raccogliere i dati economici, patrimoniali e finanziari dell esercizio in corso e quindi conoscere l attuale stato di salute del richiedente, anche per conoscere periodicità e metodologia di rilevamento dei dati contabili. E consigliabile che i dati raccolti siano sia sintetici riguardanti cioè l azienda nel suo complesso sia analitici al fine di valutare i margini di contribuzione e gli oneri generati dalle varie linee di prodotto/servizi. 39

40 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XX) Terminata questa fase di raccolta di informazioni e di dati, viene il momento di valutare se, oltre alla volontà, il richiedente potrà avere la concreta capacità di ripagare il prestito che intende contrarre. Possiamo dividere questo step in due parti: 40

41 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XXI) 1. Riclassificazione ed analisi di bilancio, svolta attraverso i tre metodi di: 1.A Analisi orizzontale (H - analysis): consiste nel confronto, su base annuale (meglio su basi temporali più ristrette dove particolari circostanze o la natura dei beni prodotti sia caratterizzata da una certa stagionalità) delle varie voci di bilancio. 1.B Analisi verticale (V - analysis): utile in particolare quando si desidera costruire indici, evidenziare il peso di determinate voci e i margini di contribuzione/costo di differenti attività aziendali tra loro e rispetto al totale di bilancio.. 41

42 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XXII) 1.C Analisi dei trend (Trend analysis): studia l evoluzione dell andamento delle varie linee di business. Naturalmente assume maggiore significatività al crescere della serie storica disponibile ed all aumentare del numero di concorrenti osservato. Dove si sia assistito a significative evoluzioni nel mercato in cui opera l azienda, tali da configurare un cambiamento strutturale della produzione può essere opportuno segmentare l analisi e estendere la comparazione a differenti competitors per rendere omogeneo nel tempo e nei settori il confronto tra i ratios del cliente e quelli dei concorrenti. Questo approccio è noto anche come business performance : l andamento degli indici dell impresa richiedente e il confronto con i concorrenti, consente di valutare il reale andamento dell impresa. Ad esempio, con un analisi comparata degli indici si può capire se una determinata linea di business dell azienda considerata è in calo perché la stessa non vi ha investito o non sa essere efficiente su quei determinati prodotti o se ne soffre anche la concorrenza a causa della disaffezione dl pubblico verso questi prodotti; è facile comprendere come le conclusioni cui si giunge siano parecchio differenti. 42

43 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XXIII) 2. Analisi della azienda, svolta valutandola nella sua interezza e nelle sue tre, tipiche, articolazioni: - Gestione caratteristica; - Gestione finanziaria; - Extraordinary items. Valutando non solo i rispettivi margini di contribuzione, ma anche l evoluzione di detti margini nel tempo. 43

44 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XXIV) Relativamente alla gestione caratteristica sono sin troppo scontate le considerazioni circa l assoluta rilevanza che la stessa sia sostenibile nel tempo e possa prospetticamente dirsi caratterizzata da una marginalità almeno non decrescente. In mancanza, l esistenza di una seconda linea di gestione propria dell azienda potrebbe divenire, conditio sine qua non se non relativamente al se dell erogazione, almeno alle condizioni della stessa. 44

45 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XXV) La dimensione della gestione finanziaria di una PMI non può definirsi una grandezza rilevante in assoluto. Tuttavia è utile conoscerne andamento ed evoluzione nel tempo per: valutare se l entità del finanziamento richiesto è coerente con la dimensione dell azienda e le previsioni circa il suo divenire; conoscere il posizionamento (dimensionale) dell azienda e della sua tesoreria rispetto ai peers; comprendere se contribuisce ad ottimizzare la gestione tipica di azienda o, al contrario, costituisce un mero centro di costo. analizzata in backtesting, permette di valutare se un azienda è cresciuta nel tempo in misura maggiore o minore rispetto i concorrenti. 45

46 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XXVI) A completamento della conoscenza dell azienda, più di una considerazione sui controlli interni. Non suoni provocatoria l affermazione che l espletamento di qualificati controlli interni a presidio delle aree tipiche di un azienda [fornitori, produzione, clientela/incassi, amministrazione e finanza] costituisce per una banca un elemento centrale quanto l andamento della gestione tipica e della gestione finanziaria. Queste forme di controllo le risultano infatti indispensabili in quanto, ove posta in condizione di recepire segnali di early warning di rallentamento o deterioramento dell attività aziendale, può confrontarsi con l azienda circa le possibili aree/piani di intervento o, nella peggiore della ipotesi, attivare quanto prima le previsioni contrattuali a sua tutela. Superfluo pertanto sottolineare come l imprenditore o i suoi consulenti debbano essere in grado di assicurare un costante presidio a tale aspetto.. 46

47 La fase di istruttoria: l informativa per un istruttoria di fido (XXVII) Ma se quello appena disegnato è uno scenario pessimistico, più realista è l ipotesi che se verifichino scostamenti tra risultati preventivati e risultati conseguiti. Tale analisi, se effettuata nel tempo fornisce infatti utili indicazioni circa: la capacità della proprietà/direzione di formulare budget attendibili; la sua tempestività nell intraprendere, quando necessarie, manovre correttive. Fattori, l uno come l altro, in grado di fare meglio comprendere le competenze imprenditoriali del cliente. 47

48 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il controllo della variazione dei rischi in essere sui crediti erogati

49 Il controllo della variazione dei rischi in essere sui crediti erogati Abbiamo visto come in fase di istruttoria e di analisi finanziaria finalizzata all erogazione del fido debba essere effettuata un analisi della sostenibilità nel tempo dell ammortamento del debito. => Il limite di questa analisi è che, anche se effettuata con la massima diligenza, non può ovviamente - incorporare gli accadimenti futuri 49

50 Il controllo della variazione dei rischi in essere sui crediti erogati (II) Per ovviare a questo limite le Banche effettuano periodicamente un analisi (update) del proprio portafoglio crediti. Circa le tecniche di effettuazione di tale check non vi era, sino a qualche anno fa, una visione uniforme. Oggi, con l introduzione del quadro regolamentare di Basilea nelle sue successive declinazioni che obbliga le banche a soddisfare ratios patrimoniali in funzione (tra l altro) dei rischi creditizi in essere ed al conseguente sviluppo di una complessa matrice di covarianze, prevale un approccio di tipo top/down. Si parte cioè dall esame dello scenario macroeconomico internazionale, si valutano quali influenze lo stesso può avere sull economia nazionale per poi scendere verso un analisi settoriale e quindi dei singoli clienti, integrata con alcune considerazioni circa gli accadimenti nel frattempo intercorsi. 50

51 Il controllo della variazione dei rischi in essere sui crediti erogati (III) Verranno in particolare considerati: - i cambiamenti della posizione dell azienda nel proprio settore e sul proprio mercato e le relative motivazioni; - il verificarsi di situazioni particolari che abbiano portato all acquisizione o perdita di vantaggi competitivi; - l entrata o l abbandono del settore da parte di nuovi e vecchi competitors; - la possibilità e gli impatti che, all interno dello stesso settore potrebbero avere operazioni di aggregazione tra società. 51

52 Il controllo della variazione dei rischi in essere sui crediti erogati (IV) Questa verifica può condurre a diversi risultati: 1. conferma delle condizioni in essere; 2. conferma delle condizioni in essere ma inserimento dell azienda in un creditwatch con implicazioni negative; 3. formulazione di proposta di rinegoziazione delle condizioni e/o della durata del prestito ivi compresa la presa in considerazione della istruttoria di una moratoria. (cfr. Accordo per il credito e Nuove misure per le Pmi). 4. mantenimento del prestito subordinatamente al rilascio di ulteriori garanzie; 5. avvio di istruttoria finalizzata alla revoca del prestito. 52

53 Il controllo della variazione dei rischi in essere sui crediti erogati (V) Circa la periodicità di questa analisi. vexata quaestio. Almeno semestralmente, ma è doveroso segnalare come le maggiori istituzioni finanziarie, caldeggiate in questo anche dalla Vigilanza siano solite far girare i portafogli ogni mese. E tale considerazione sposta ovviamente il focus sull importanza dei dati andamentali, ancora più sentita negli anni della crisi, dove la volatilità dei risultati può ormai dirsi una regola. Tempo e rispetto per la competenza di chi ascolta impediscono di ritornare sull argomento, rimandando per il merito alle considerazioni svolte in precedenza. 53

54 Il controllo della variazione dei rischi in essere sui crediti erogati (VI) Solo alcuni highlights al riguardo da chi vede l economia reale da una prospettiva bancaria. - Evoluzione attesa del settore di attività: una informativa periodica almeno infrannuale e comunque in concomitanza ad ogni accadimento rilevante: utile per confrontare le stime dell ufficio studi con la realtà percepita dall azienda; - Territorialità e individuazione degli istituti creditizi con cui dialogare. L introduzione del quadro regolamentare di Basilea 3 ha contribuito a riportare il focus sulla territorialità e caratteristiche proprie dell azienda cliente: diviene per questo importante per una società che voglia poter disporre di un canale bancario sempre aperto, mantenere in essere almeno due rapporti:.. 54

55 Il controllo della variazione dei rischi in essere sui crediti erogati (VII).. uno, con una banca di respiro internazionale, in grado di rendere edotta una realtà anche di modeste dimensioni dell evoluzione e delle scelta che stanno effettuando aziende ad essa assimilabili che, per distanza geografica o altro, non vengono neppure percepiti come competitor dalla cliente; un secondo con una realtà più fortemente ancorata al territorio e che, al di là dei modelli di rating che il sistema bancario è chiamato ad adottare, sappia valutare i trascorsi con l imprenditore. Per pesare questa affermazione riporto la constatazione che la valutazione sulla realtà territoriale di aziende per il resto tra loro del tutto assimilabili, può influire per uno o due notch sul merito creditizio, con le implicazioni che da tale circostanza discendono. 55

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

GESTIONE DEL CREDITO

GESTIONE DEL CREDITO GESTIONE DEL CREDITO SOMMARIO schema di sintesi chiarimenti costo del credito nelle valutazioni aziendali La gestione del credito commerciale dall inizio della crisi finanziaria sta diventando sempre più

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia Convegno Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia 4 febbraio 2010 Sala Convegni Corso Europa,11 Milano 1 Intervento del dr. Mario Venturini Breve remind sulla valutazione dei rischi creditizi e Basilea

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

La chiave per l'accesso al credito

La chiave per l'accesso al credito La chiave per l'accesso al credito CR EXPERT è un prodotto consulenziale ad alto livello che permette di analizzare la Centrale Rischi Interbancaria e che consente di rappresentare l'andamento degli affidamenti

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Relatore: Alberto Bianchini Responsabile Marketing Aziende Credito Emiliano SpA I soggetti della CR

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2013 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

GUIDA PRATICA A BASILEA 2

GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 Progetto realizzato da Confcommercio Cosenza Con il contributo della Regione Calabria La gestione del progetto è stata affida al C.A.T. - Centro Assistenza

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 1 giugno 2012 Prot. UCR/ULG/001256 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Nuove misure per il Credito alle PMI del

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 8 agosto 2013 Prot. UCR/ULG/UOF/001861 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Accordo per il Credito 2013 in favore

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE DA PARTE DELLE BANCHE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE DA PARTE DELLE BANCHE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE DA PARTE DELLE BANCHE Il controllo del rischio di credito da parte della banca si realizza, in primo luogo, in un opportuna strutturazione della procedura di indagine da seguire

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CARISMI CONVEGNI L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CENTRO STUDI I CAPPUCCINI 28 Marzo 2013 LA SOLUZIONE DELLE CRISI DI IMPRESA DOPO IL DECRETO SVILUPPO

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI)

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) Si avvisa la gentile Clientela che la Banca ha aderito, in data 04/05/2015, al nuovo Accordo per il Credito 2015, limitatamente all iniziativa

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Rosella Sciolla Responsabile Direzione Crediti Regionale Piemonte Nord Valle d Aosta di UniCredit Banca Torino, 27 Maggio 2010 2 Basilea

Dettagli

Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca. Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV)

Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca. Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV) Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV) INTRODUZIONE Gli effetti della crisi sulle imprese sono sintetizzabili in: minori ricavi, tempi

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Intervista al Dottor Alfredo Goldaniga Amministratore Unico SPC srl

Intervista al Dottor Alfredo Goldaniga Amministratore Unico SPC srl Recupero del Credito Intervista al Dottor Alfredo Goldaniga Amministratore Unico SPC srl Dott. Alfredo Goldaniga Amministratore Unico SPC srl Dottor Goldaniga, ci racconta qualcosa di SPC srl? SPC nasce

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Il rapporto banca-impresa nel contesto attuale. Milano, 12 febbraio 2013

Il rapporto banca-impresa nel contesto attuale. Milano, 12 febbraio 2013 Il rapporto banca-impresa nel contesto attuale Milano, 12 febbraio 2013 Agenda Introduzione: dati macroeconomici e scenario attuale Obblighi delle banche e assegnazione rating Come migliorare il rating

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Intervento ordine commercialisti

Intervento ordine commercialisti Intervento ordine commercialisti 1 Perché nascono i Confidi? Per favorire l accesso al credito delle PMI e delle imprese artigiane Per ridurre gli squilibri tra banca e impresa nella valutazione del merito

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 15 gennaio 2010 Oggetto: ULTIMI CHIARIMENTI MORATORIA BANCHE L ABI ha di recente fornito importanti chiarimenti in tema di moratoria

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

«Revenue is vanity, profit is sanity, but cash is king»

«Revenue is vanity, profit is sanity, but cash is king» «Revenue is vanity, profit is sanity, but cash is king» La liquidità è una delle basi sulle quali si fonda un azienda, senza di essa non sarebbe possibile compiere nemmeno le operazioni economiche più

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con il mondo finanziario Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa Massimo Talone Milano, 26 maggio

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Definizione e gestione del fido commerciale: una proposta operativa

Definizione e gestione del fido commerciale: una proposta operativa Definizione e gestione del fido commerciale: una proposta operativa di Andrea Panizza (*) e Marco Gennari (**) Il controllo delle dinamiche del ciclo del credito, tema fondamentale per le aziende di ogni

Dettagli

L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Settembre 2015

L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Settembre 2015 Advisory L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Strettamente riservato e confidenziale 1 Le informazioni prospettiche 3 1.1 Finalità e destinatari 4 1.2 Orizzonte temporale 5 2 L'analisi delle informazioni

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2012-2013

CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2012-2013 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2012-2013 Dott. Rundeddu Vincenzo Le operazioni di Impiego 2 Bibliografia della corrente

Dettagli

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology CRIF RATING METHODOLOGY Febbraio 2014 È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 Sommario 1 IL RATING CRIF: DEFINIZIONI... 3 2 SCALA DI RATING... 6 3 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEL RATING... 7 4 METODOLOGIA

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Assistenza al Credito

Assistenza al Credito Assistenza al Credito GUIDA PRATICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio di banche nato per semplificare l uso dei prodotti bancari e migliorare le conoscenze finanziarie

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY Delibera C.d.A. n. 26 del 28 giugno 2012 1 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Credito, garanzia e impresa

Credito, garanzia e impresa FEDERCONFIDI Credito, garanzia e impresa Stefano Mieli Direttore Centrale dell Area Vigilanza Bancaria e Finanziaria Torino 26 novembre 2011 Indice 1. Il ruolo dei confidi: elementi di forza e criticità

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management Il rapporto BancaImpresa: le nuove opportunità Dipartimento di Economia & Management AGENDA 1 L'evoluzione del rapporto BancaImpresa 2 Le garanzie "Istituzionali" SEI Consulting AGENDA 1 L'evoluzione del

Dettagli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli IL FIDO BANCARIO Prof. Pietro Samarelli In questo modulo: il fido bancario e le sue classificazioni modalità di utilizzo regole tecniche e amministrative dei fidi la Centrale dei rischi i Confidi Basilea

Dettagli

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo Il merito creditizio Giuseppe Squeo 1 Il rischio di credito Il rischio di credito consiste: nell eventualità che alle scadenze previste dal contratto il cliente finanziato si riveli insolvente in misura

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

Aspetti operativi nel rapporto banca impresa. Pescara 27 Marzo 2014

Aspetti operativi nel rapporto banca impresa. Pescara 27 Marzo 2014 Aspetti operativi nel rapporto banca impresa Pescara 27 Marzo 2014 Agenda ASPETTI OPERATIVI DEL RAPPORTO BANCA IMPRESA - LA CENTRALE RISCHI - PIANIFICAZIONE - IL RENDICONTO FINANZIARIO STRUMENTI A DISPOSIZIONE

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli