L emigrazione italiana. Il dibattito politico e la fenomenologia sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L emigrazione italiana. Il dibattito politico e la fenomenologia sociale"

Transcript

1 CAPITOLO II L emigrazione italiana. Il dibattito politico e la fenomenologia sociale 2.1 Il dibattito politico dall Unità alla prima guerra mondiale Nel XIX secolo l emigrazione temporanea non destava nessun problema al mantenimento di sfruttamento del lavoro contadino. Era vista con preoccupazione l emigrazione permanente verso la fine degli anni 60, espressione dell opposizione popolare al nuovo governo a seguito dell introduzione di tre odiati provvedimenti: una nuova tassa sul macinato, la politica internazionale di libero scambio e il servizio di leva obbligatorio. I primi ad avvertire la consistenza del fenomeno furono gli agrari perché l esodo contadino minacciava il rapporto tra patti agrari e salari con evidente aumento degli ultimi, lievitando il costo della manodopera. Nella giovane classe dirigente dell Italia unita emersero contraddizioni tra chi chiedeva al Governo un freno dell emigrazione e chi era favorevole alla liberalizzazione dell esodo. I difensori dell emigrazione consideravano il fenomeno per lo Stato e per la Nazione positivo quando determinato principalmente dal soverchio crescere della popolazione, negativo quando l emigrazione assume proporzioni di un esodo di massa con tutti caratteri di una vera e propria mania contagiosa, tale da costituire un pericolo più o meno grave per l avvenire della nazione. Queste osservazioni espresse Vincenzo Grossi nel 1899 nella introduzione ad uno studio dal titolo La politica dell emigrazione in Italia nell ultimo trentennio apparso sulla rivista Marittima e ristampato dalla tipografia del Senato. 37

2 Nell ambito del dibattito ottocentesco, fu il settore agrario dei grandi proprietari di latifondi ad avere la meglio in Parlamento, infatti, proprio in gennaio 1868, uscì la circolare del Ministro dell Interno Raffaele Cadorna che raccomandava ai prefetti di non lasciar partire per l America e l Algeria i lavoratori italiani che non dimostrassero di avere occupazione ben assicurata e mezzi sufficienti di sussistenza 1. Egli infatti riteneva che gli uomini sotto padrone fossero protetti e appartenessero a una emigrazione coordinata che avrebbe riportato gli uomini in patria, rafforzando le risorse nazionali anziché esaurirle (Atti della Giunta Parlamentare per l inchiesta agraria, cit. vol. I pag.iii). Paolo Mantegazza futuro deputato del Regno nonché eminente scienziato che di lì a poco sarebbe diventato uno dei massimi rappresentanti dell antropologia positivista ed evoluzionista d Italia, se non d Europa, fornisce uno dei primi contributi sull emigrazione in ambito socio-antropologico, contenuti nel volume del 1867 Rio de la Plata e Tenerife. Viaggi e studi : per Mantegazza l emigrazione deve essere considerata positiva in quanto essa rappresenta un meccanismo di autoregolazione delle società, una valvola di sfogo che consente di espellere l esubero della popolazione. In quel paese - scrive Mantegazza a proposito dell emigrazione italiana diretta in Argentina - vi è un grande avvenire per tutti quelli che fra noi nacquero nei bassi fondi della povertà o che nel mezzo della vita furono schiantati da una bufera economica o morale. Il cambiar clima guarisce molti mali, così come l emigrazione purga e guarisce molte nazioni 2. Secondo Mantegazza l emigrazione espleta una funzione vitale per la sopravvivenza e il benessere di una nazione in quanto consente di espellere la popolazione più turbolenta Povero quel paese ribadisce che non abbia una terra lontana e quasi sua, dove possano trapiantarsi i violenti e gli impazienti; dove possano errare le comete della società civile; dove possano guarirvi gli ammalati nel sangue o nel cervello. Quando l emigrazione non è fuga, né vendetta sociale, né fame, è un divellente che mantien vigoroso ed agile l organismo delle nazioni. 1 E. Sori, L Emigrazione, cit., pag P. Mantegazza, Rio de la Plata e Tenerife. Viaggi e studi, Brigola, Milano 1867, pag

3 L approccio di Mantegazza si può definire nazional-funzionalista ed è l espressione di una tendenza generale di carattere politico. L emigrazione è valutata positivamente, quindi legittimata, in quanto essa assicura la fuoriuscita di elementi patogeni che potrebbero compromettere l indennità dell organismo. L emigrazione, dice Mantegazza, è purga per le nazioni. Due anni dopo la pubblicazione del volume in argomento, dopo che allo stesso Mantegazza veniva conferito il massimo riconoscimento accademico: la prima cattedra di Antropologia in Italia, l Ufficio della Direzione della Statistica Generali maturava il bisogno, in seguito alla rilevanza che aveva assunto il fenomeno, di dare vita alle prime rilevazioni sui flussi migratori. Dalle elaborazioni compiute da Leone Carpi nell anno 1869, risultano emigranti italiani che lasciano la Patria per i paesi europei o extra europei, che diventeranno nel 1871 e nel E sono proprio i dati del 1873 a turbare il mondo politico che senza esitazione diede avvio ad una serie di azioni con le quali intendeva vietare, bloccare l emigrazione. Era la prima volta che la questione dell emigrazione entrava nelle aule del Parlamento, accendendo il dibattito tra chi era contrario agli espatri e favorevole a risolvere il problema attraverso una politica meramente poliziesca e repressiva e chi criticava il Governo accusandolo di non far niente da un punto di vista pratico. Lo stesso presidente del Consiglio Luigi Menabrea affermava che il Governo non poteva impedire che i cittadini italiani emigrassero all estero, invitando proprietari terrieri e industriali a dare alla gente del popolo una condizione conveniente, ( ) che quella povera gente e coi mezzi di trasporto resi così facili, e colle promesse dalle quali sono allettati, si decidesse di emigrare 4. 3 Questi dati sono tratti da MAIC (Ministero dell Agricoltura, industria e commercio), Direzione della statistica della emigrazione italiana all estero nel 1881 confrontata con quella degli anni precedenti, Roma 1882, pag. V. 4 Atti Parlamentari, Camera dei Deputati, Discussioni, tornata del 30 gennaio 1868, in Ciuffoletti, Degl Innocenti, L emigrazione nella storia d Italia, cit.,vol.i pagg

4 Ma, poiché l emigrazione continuava incessantemente a crescere, si giunse, il 18 luglio 1873, all emissione della circolare Lanza ai prefetti, con la quale si invitavano le autorità di governo nelle province ad impedire l emigrazione clandestina e a frenare con ogni mezzo quella lecita e spontanea. Il documento negava il nulla osta all espatrio ai giovani che ancora dovevano prestare il servizio militare, ai militari senza congedo assoluto, agli inabili e soprattutto a chi era sfornito di mezzi vale a dire di capitali, colpendo direttamente chi emigrava, perché, appunto, non aveva capitali, favorendo così l usura e l espatrio clandestino. Era infine richiesto ai prefetti di pubblicare sui giornali articoli relativi alla cattiva sorte degli emigrati italiani nel tentativo di ( ) distogliere dall emigrazione i cittadini ( ) 5. Il divieto di natura legislativa traeva vigore e trovava legittimazione proprio sul fronte delle teorizzazioni scientifiche. Se nelle aule del Parlamento si discuteva esclusivamente di come bloccare l emigrazione, nelle aule universitarie gli studiosi aprivano il dibattito su temi legati ai possibili effetti positivi, solo raramente di carattere economico (legati agli scambi commerciali con i paesi di destinazione) e molto più spesso di carattere sociale (allontanamento di masse turbolenti ). Le teorizzazioni degli studiosi contenevano elementi di valutazione negativa dell emigrazione che giustificavano le decisioni politiche e che andava ben aldilà del presunto spopolamento della nazione, addotto dai parlamentari. È evidente che tra il mondo politico e quello accademico si venne a creare una frattura, che fu tuttavia più apparente che reale; una sorta di frattura relativa che nascondeva una scienza asservita ad un potere. Il primo studio organico e sistematico sull emigrazione fu condotto dall ex deputato prof. Carpi che, nel 1874, diede alla stampa in 4 volumi, per un totale di pagine, il suo lavoro dal titolo Delle colonie e dell Emigrazione d Italiani all Estero sotto l aspetto dell Industria, Commercio, Agricoltura e con Trattazioni d Importanti Questioni sociali, vincitore del concorso promosso nel 1871 dalla Società di Economia Politica, di concerto con il Ministero dell Istruzione Pubblica, dal titolo Delle colonie moderne d Italiani all Estero nei loro rapporti con la Madre-Patria e 5 Idem, vol I, pagg

5 dell Economia comparata civile e sociale politica in vista dell incremento degli interessi italiani. Carpi ribadisce gli aspetti positivi di carattere sociale relativi all espulsione della numerosa caterva di malviventi e degli spostati, tormento e flagello di ogni consorzio civile come già asserito da Mantegazza e si sofferma su quelli negativi che in seguito diventeranno l emblema delle rivendicazioni e restrizioni volute dai proprietari terrieri, confluiti poi nei programmi legislativi della Destra Storica. Scrive Carpi: potrà a buon diritto ritenersi assolutamente dannosa (l emigrazione), quando fa deserti i nostri contadi e le nostre ricche pianure. Nelle aule universitarie, come in quelle del Parlamento, circolava la paura dell abbandono delle campagne da parte dei contadini e l angoscia della lievitazione dei salari causati dalla carenza di manodopera. Era necessario mascherare tale paura e per bloccare l emigrazione bisognava elaborare una concezione teorica che desse fondamenta all azione politica e che delegittimasse le ragioni addotte da che difendeva l emigrazione. Gli economisti contrari all emigrazione si erano fatti carico di abbattere la concezione secondo la quale l emigrazione fosse causata dalle condizioni di miseria e di povertà e che trovasse ragione d essere e di persistere nelle deplorevoli condizioni che connotavano la vita delle campagne. Gli economisti, allora, negarono che la causa dell emigrazione fosse la povertà ed elaborarono una teoria che si basava sul concetto che l emigrazione fosse causata da fattori fittizi: [.] i bisogni fittizi provengono da un certo spirito d avventura che prevale all amore della famiglia e della patria, dal desiderio di tentare la fortuna, dall allettamento d un salario maggiore guadagnato talvolta con minore fatica. É evidente che l emigrazione spinta da bisogni reali è vantaggiosa al paese, quanto è pericolosa quella che si lascia trascinare da bisogni fittizi 6. Secondo gli economisti tra i individui che lasciavano l Italia durante la grande depressione del periodo , bisognava distin- 6 A. Caccianiga, L Emigrazione, in Italia agricola, anno III, n. 9, 1872, pag

6 guere quelli intrepidi e incoscienti che erano spinti unicamente dall idea di un salario maggiore ottenuto con minore fatica. La concettualizzazione dei bisogni fittizi, quale causa dell emigrazione, si rese funzionale non solo alla lotta all emigrazione ma anche alla propaganda post-risorgimentale, tesa a negare l esistenza della povertà. Questa linea di lotta trova forti consensi sia nella Destra Storia che nella Sinistra Riformista, che addebitava la causa dei cospicui flussi emigratori ai sermoni proclamati nelle contrade dagli agenti delle compagnie di navigazione che prospettavano alle classi meno colte il miraggio dell altrove e non le reali condizioni di disagio in cui la popolazione era costretta a vivere. Il 10 marzo 1886 lo schieramento politico che aveva guidato i primi 15 anni di monarchia perse le elezioni. Il nuovo leader, Agostino Depretis, non seppe ben interpretare il fenomeno dell emigrazione: lo sottovalutò presentando un progetto che, abolendo la precedente circolare Lanza, prevedeva l introduzione, il 20 settembre dello stesso anno, di una nuova circolare che si limitava ad invitare i prefetti a scoraggiare l emigrazione alimentata da agenti senza scrupoli. Il progetto si proponeva di regolamentare l operato delle agenzie di navigazioni e introduceva la possibilità per il Governo di vietare l emigrazione in determinati paesi. Grossi, nel lavoro sulle politiche dell emigrazione scrive: si assoggettavano gli agenti d emigrazione all obbligo di ottenere dal Ministero dell Interno la licenza di esercizio e di depositare una cauzione; si riservava al Governo la facoltà di proibire agli agenti di emigrazione la spedizione di emigranti per determinati paesi; si sanciva la pena del carcere da un mese a un anno, e della multa sino a a carico degli agenti non provvisti di licenza nonché a quelli che dessero agli emigranti notizie false e inesatte. 7 La crisi politica che condusse la sinistra al potere impedì che il progetto di legge, presentato il 10 marzo 1876 dal Governo di Destra, con il quale si conferiva al Governo la possibilità di vietare l emigrazione venisse discusso in Parlamento. Due anni più tardi, nel 1878, Luigi Luzzati e Marco Minghetti, esponenti della Destra Storica, presentarono 7 V. Grossi, La politica dell emigrazione in Italia nell ultimo trentennio , Forzani, Roma 1899, pag

7 nel dibattito politico un progetto di legge sull emigrazione più moderno e liberale, nel tentativo di porre fine a ciò che essi definivano la politica migratoria meramente poliziesca, proponendo di sottrarre il controllo dell emigrazione al Ministero dell Interno e di passarlo a quello dell Agricoltura. Ancora una volta, la reazione del settore agrario fu immediata e compatta rendendo vano il tentativo dei due liberali. Cinque anni dopo, nel 1883, l emigrazione non aveva ancora una sua legislazione ufficiale, se non una legge di pubblica sicurezza del 1865 che lasciava completamente all arbitrio del Ministero dell Interno emanare disposizioni secondo le circostanze e sottoforma di ordinanze alle autorità locali di polizia 8. Fu di nuovo Agostino Depretis, nel corso del suo quarto Ministero, ad emanare il 6 gennaio 1883 una nuova circolare che, con l intenzione di tutelare l emigrazione, cercava, invece, di contrastarla imponendo una tassa sui passaporti. 9 Di idee diametralmente opposte era il deputato Sidney Sonnino che considerava l emigrazione un potente strumento di colonizzazione, asserendo che era indispensabile una preziosa valvola di sicurezza per chi restava e impedire le minacce di disordini di ogni specie 10. Nel corso degli anni 80 l Italia affrontava la crisi agraria, scoppiarono le prime agitazioni agrarie e anche l abolizione della tassa sul macinato non riusciva a risolvere il problema della disoccupazione. Fu in simili circostanze che si iniziò ad esaminare il fenomeno dell emigrazione da un altra angolatura: stava sempre più perdendo l etichetta di problema per diventare invece la soluzione. Il dibattito sull emigrazione si allargò fino a saldarsi in modo organico con quello delle colonie, divenendo un aspetto della questione coloniale. I colonialisti convinti proponevano conquiste nella vicina Africa cercando di coniugare esodo e colonizzazione per [.] avere anche noi il nostro posto al sole [.], ed evitare che la nostra emigrazione si disperda sulla faccia del globo Z. Ciuffoletti, M. Degl Innocenti, L emigrazione nella storia d Italia, cit., vol. I, pag Idem, vol. I, pagg Atti Parlamentari, Camera dei Deputati, Discussioni, Interrogazione di Sidney Sonni-no sulla circolare del 6 gennaio 1883; tornata del 7 maggio 1883, vol. I, pagg Idem, vol. I, pagg

8 Nel 1887 muore Agostino Depetris e gli succede come primo ministro Francesco Crispi che, presentando il suo disegno di legge sull emigrazione, tendeva a colpire le avide agenzie d emigrazione e, sorvegliando il flusso di manodopera dalle singole zona di produzione agricola, dava al tempo stesso alle compagnie di navigazione la possibilità di ottenere le necessarie patenti. Tendeva alla protezione dell emigrante regolando l indispensabile, vigilando così credeva Crispi sulla libertà di emigrare. 12 Tra gli obiettivi di Crispi vi era, infatti, anche quello di dar vita a un circuito commerciale tra le colonie americane e il nostro settore produttivo, trasformando l emigrazione da elemento di debolezza a un fattore di potenza. A tal fine, promosse un inchiesta attraverso circolari inviate ai consoli dei paesi latino americani con le quali si richiedeva una panoramica delle condizioni di vita dei nostri concittadini, l importanza dell aspetto coloniale, l occupazione dei nostri emigrati, i salari e tutto quanto potesse essere utile per un miglioramento. Nel paese, intanto, l esodo continuava a crescere, ma in primo piano c era ancora l avventura Africana, nonostante l eccidio di 500 connazionali a Dogali nel gennaio del Ma due anni più tardi, il sogno africano si interruppe o fu sospeso nel 1896 con la coincidente sconfitta di Adua e il riconoscimento della piena sovranità etiopica e le contestuali dimissioni di Crispi. Si riaprirono, allora, le mire ad una espansione commerciale pacifica nelle colonie libere dell Argentina e del Brasile 13, rispolverando la vecchia tesi liberista. Erano tutti d accordo, persino alcuni settori agrari e l industria cotoniera, che l Italia potesse e dovesse esportare la cosa che più aveva in quantità per anni: la manodopera. Mentre negli anni precedenti il dibattito politico-parlamentare e quello accademico-scientifico si concentravano sui presunti contraccolpi negativi di carattere demografico connaturati all emigrazione, ora era diretto verso l individuazione degli effetti negativi in ambito sociale, familiare, politico. Gli economisti accusavano l emigrazione del crollo delle fondamenta del mondo contadino e della 12 Z. Ciuffoletti M. Degl Innocenti, L Emigrazione nella storia d Italia, cit., vol. I, pag Z. Ciuffoletti M. Degl Innocenti, L Emigrazione nella storia d Italia, cit., vol. I, pag

9 civiltà agro-pastorale e con essi il mito del paradiso bucolico. Infatti, l abbandono delle campagne, agli occhi degli economisti, assumeva il significato di vera e propria rottura del sistema culturale; l emigrazione, dunque, doveva essere combattuta perché comprometteva la struttura sociale, gli equilibri secolari, i sistemi ideologici e i rapporti economici esistenti. Contemporaneamente al dibattito accademico sugli effetti che l emigrazione avrebbe determinato, gli studiosi erano impegnati nella individuazione delle cause. A tal proposito Ottolenghi, nel saggio L emigrazione agricola italiana dal 1884 al 1892, elabora un modello causale multifattoriale in cui lo spirito d avventura si contrappone alla mancanza di lavoro, alle ingenti tasse e alla povertà. Queste ragioni di carattere ideologico circa gli effetti negativi dell emigrazione in ambito sociale e culturale furono tradotti in programmi legislativi repressivi, secondo un disegno di lotta organica all emigrazione condotto dalla Destra come dalla Sinistra. In questo scenario si colloca l intervento e il contributo di Giustino Fortunato nell Emigrazione e le classi dirigenti pubblicato nel 1879, che si pone a difesa dell emigrazione le cui tesi confluiranno poi sviluppate nell opera di Nitti. L on. Antonibon deplora il morbo morale dell emigrazione scrive Fortunato ma non risulta chiaro dal suo discorso quali siano gli elementi che determinano in essa il carattere morboso. Secondo Fortunato l abbandono delle campagne, la perdita di forza lavoro e di capitale, la rottura dei patti colonici, l introduzione nelle campagne dell insubordinazione e della svogliatezza di cui si lamenta l on. Antonibon, nascondono le vere ragioni poste in antitesi all emigrazione: la conservazione degli interessi di classe e la paura dei proprietari terrieri della rottura degli equilibri di sfruttamento medioevale. Per Fortunato la causa dell emigrazione è la povertà, le condizioni di estrema miseria in cui si trovano relegati i contadini, tratti in inganno dall operato degli agenti di navigazione. L emigrazione, scrive ancora Fortunato, dovrà impedirsi se si tratta dell interesse dei proprietari; se di quello dei contadini, dovrà essere diretta e aiutata. Questa analisi spinge Fortunato a ritenere che l intervento dello Stato debba essere di guida, di sostegno e di orientamento. L emigrazione andava difesa perché era in grado di produrre effetti positivi per la nazione e per la popolazione che restava. 45

10 La condizione dei contadini che non partivano era destinata a migliorare a causa degli aumenti dei salari determinati dalla carenza di manodopera e dalla minore concorrenza. Quanto allo Stato, gli effetti positivi andavano individuati nelle ingenti rimesse economiche e nelle relazioni commerciali che si sarebbero instaurati con i paesi di destinazione. Le idee di Fortunato si arricchiranno in maniera più intensa ed organica nel pensiero di Nitti estremamente in continua evoluzione. Il primo contributo è del 1888, nel libro dedicato a Fortunato: L emigrazione italiana e i suoi avversari, nel quale Nitti si pone come difensore dell emigrazione, in quanto tutti gli effetti negativi attribuiti all emigrazione non trovavano alcun riscontro nella realtà e demoliva le istanze demografiche secondo le quali l emigrazione avrebbe prodotto lo spopolamento del territorio e quelle economiche circa l abbandono e la svalutazione dei terreni e quelle pseudo-umanitarie circa le cattive condizioni degli emigranti all estero. Secondo Nitti la lotta politica compiuta contro l emigrazione va ascritta agli interessi dei proprietari terrieri. Nitti cercò di tranquillizzare i gruppi agrari sul fatto che, in Italia, non ci sarebbero stati spopolamenti traumatici a causa dell emigrazione, perché la nostra densità, pari a 104 abitanti per kmq, era superata in Europa solo da Olanda, Belgio e Gran Bretagna. 14 Secondo Nitti, l emigrazione è una risposta data dai contadini diseredati, una risposta spontanea provocata dal persistere di condizioni di carattere feudale. Dalla metà degli anni 90 l emigrazione aumentò considerevolmente i suoi ritmi, sia per le sconfitte militari che per l estendersi della crisi agraria e la repressione dei fasci nel meridione. Parallelamente aumentarono agenti, subagenti, usurai, locandieri, facchini, vetturini, cambiavalute e tutti quanti potessero in qualche modo arricchirsi a danno degli emigranti. Nel dibattito politico un ulteriore passo andava fatto per completare e riformare il fenomeno. Una nuova legge comparve sulla scena sociale nel 1901 sotto il Ministero di Giuseppe Zanardelli. Molto più lunga della precedente, 14 E. Sori, L emigrazione italiana, cit., pagg

11 rimase in parte inapplicata. Prevedeva la costituzione di comitati nei comuni di emigrazione per scortare gli emigranti ai porti d imbarco proteggendoli dalle frodi, un ispettore medico a bordo delle navi, un ufficio di protezione e collocamento all arrivo, l assistenza eventuale di ambasciatori e consoli: in più fu delegato il Banco di Napoli per la trasmissione delle rimesse. Il tutto doveva essere garantito dal Fondo Emigrazione, finanziato attraverso la tassa di 8 lire per ogni biglietto venduto e dai proventi delle multe ai vettori. L obiettivo dello Stato, come puntualizza Ercole Sori, era quello di non spendere neppure un lira per l emigrante che non provenisse dalle tasche dell emigrante stesso: la grande emigrazione italiana doveva essere un operazione di tutto guadagno per lo Stato e le classi dirigenti italiane. 15 La legge rimase, tuttavia, per lo più sulla carta, fuorché per la presenza di un medico a bordo e per ciò che più interessava alla classe dirigente: la tutela delle rimesse, parte delle quali dal Banco di Napoli finiva nelle classi dell Erario. L emigrazione era ormai un fenomeno naturale, voluto e tristemente accettato da tutti. All inizio del secolo, nell età giolittiana, l emigrazione di massa, grazie alle rimesse, divenne uno dei fattori più rilevanti della nostra rivoluzione industriale. Tra il 1896 e il 1912 le rimesse triplicarono le riserve auree e nella bilancia dei pagamenti si bilanciarono con il deficit commerciale. La lira, infine, realizzò un apprezzamento nel cambio con le altre valute garantendo all industria la possibilità di far fronte alla richiesta di materie prime. Una nota, però, doveva far riflettere agli inizi del 1907: quella del Deputato Francesco Nitti, che negli anni 80 era stato un fervente emigrazionista; quest ultimo attenuò gli entusiasmi del miracolo economico, riflettendo [ ] se di fronte a questo fenomeno dell emigrazione, che tante volte ci ha riempiti di orgogliosa ammirazione, non dobbiamo piuttosto dubitare che esso sia piuttosto motivo di tristezza e di debolezza. 16 Era, infatti, abbastanza inspiegabile come ci potesse essere la massima emigrazione nel periodo di massima crescita economica. 15 Idem, pag Idem, pag

12 2.2 Le conseguenze sociali in Italia L analisi del fenomeno migratorio deve, a questo punto, proseguire attraverso la valutazione delle conseguenze, che tale fenomeno ha comportato nelle zone di esodo 17. L emigrazione scaturì non solo dal desiderio delle classi subalterne di una migliore prospettiva salariale. L arrivo di somme di danaro spedite o portate da un emigrato orientò il contadino analfabeta verso il sogno di guadagni più facili e abbondanti. Questo desiderio si concretizzò con l arrivo delle rimesse : quella parte del salario e dei guadagni ricavati da attività imprenditoriali all estero e destinati al sostentamento dei familiari rimasti in Italia, oppure di piccole somme inviate a lontani parenti o amici che si trovavano in condizioni economiche disagiate. Infatti un anno di lavoro fruttava lire al netto dei costi del cambio valuta, somma maggiore negli Stati Uniti che negli stati dell Europa Centrale. Questo spiega il flusso emigratorio maggiore verso gli Stati Uniti che superò quello diretto verso il Sud America, la cui economia presentava una esasperante instabilità dei cambi ed esosità delle pratiche valutarie. Tra le rimesse vi erano le pensioni maturate per il lavoro compiuto all estero e che l emigrato riscuoteva in patria al ritorno, con esclusione dei trasferimenti di beni di consumo, in particolare oggetti preziosi 18. Le ingenti somme che gli emigrati inviarono in Italia non seguirono un percorso controllabile e si dispersero in molti rivoli d oro. Nonostante queste difficoltà, la necessità di conoscere l ammontare delle rimesse indusse economisti e storici italiani e stranieri a compiere stime approssimative. L andamento del flusso delle rimesse fu influenzato da molti elementi, tra cui: la consistenza del movimento degli emigrati, le sue caratteristiche (sesso, età, professione, etc.), i legami affettivi con i 17 A. M. Birindelli, G. Gesano, E. Sonnino, Lo spopolamento in Italia nel quadro dell evoluzione migratoria e demografica , in F. Balletta (a cura di), Un secolo di emigrazione italiana , Centro studi emigrazione, Roma 1978, pag F. Balletta, Emigrazione italiana, cicli economici e rimesse , in F. Balletta (a cura di), Un secolo di, cit., pag

13 parenti e gli amici rimasti in patria, l entità dei guadagni realizzati, la propensione al risparmio, la congiuntura economica mondiale e infine il cambio delle monete estere con la lira italiana. Per l esame della congiuntura economica mondiale ci serviremo dei cicli, nel lungo periodo, studiati da N.D. Kondrat ev e di quelli, nel breve periodo, di C. Juglar. I primi comprendono onde successive della durata approssimativa di cinquant anni e i secondi della durata media di otto anni. I cicli furono costruiti in base ai prezzi alla produzione e ai consumi dei più importanti paesi a economia capitalistica (Francia, Inghilterra, Stati Uniti e Germania), cioè gli stessi paesi che accolsero il maggior numero degli emigrati italiani e da dove partì il flusso delle rimesse 19. Nel periodo che stiamo prendendo in considerazione si possono individuare due cicli di Kondrat ev: il primo che va dal 1849 al 1896 e il secondo che dal 1897 si ferma alla vigilia della seconda guerra mondiale. Il numero degli emigrati aumentò, in media, da unità nel quinquennio a unità nel L ammontare medio delle rimesse, negli stessi anni, crebbe, in valore costante, da 583 a milioni di lire. Non vi fu concordanza tra le fluttuazioni, cioè la produzione e i prezzi diminuirono e l emigrazione e le rimesse aumentarono. Tale divergenza può essere attribuita a svariate cause: alla crescita degli espatri, alla crisi agricola dopo il 1880 causata dalla concorrenza dei prodotti importati dal nuovo continente, all attrazione esercitata dalle ricchezze dei nuovi continenti, al miglioramento e al minor costo dei mezzi di trasporto e, infine, alla propaganda degli agenti delle compagnie di navigazione che erano interessati ad aumentare il numero degli espatri senza tenere in considerazione le condizioni economiche dei paesi di destinazione. Durante il ventennio l emigrazione e le rimesse non subirono l influenza della congiuntura economica dei paesi d immigrazione 20. Dal 1896 al 1940 si ebbe un nuovo ciclo Kondrat ev costituito da un periodo di espansione fino al 1920 e da una depressione nel periodo successivo. Il periodo di espansione fu caratterizzato dalla seconda rivolu- 19 Idem, pag Idem, pag

14 zione industriale in Europa, dalla straordinaria crescita della produzione agricola e manifatturiera negli Stati Uniti, in Canada e in Brasile, e dalla intensificazione degli scambi commerciali e finanziari in tutto il mondo. Nel ventennio successivo, l economia dei paesi occidentali attraversò una grave depressione caratterizzata dalla riduzione degli investimenti industriali, dal rallentamento degli scambi internazionali e, di conseguenza, dalla discesa dei prezzi e della produzione. Gli emigranti aumentarono, in media, da nel quinquennio a nel 1920, per poi scendere nel quinquennio successivo alla metà e precipitare a meno di nel Parallelo fu l andamento delle rimesse spedite in Italia, che crebbero in media fino a 4 miliardi nell ultimo quinquennio prebellico per poi scendere a 700 milioni nel quinquennio Quindi le fluttuazioni dell emigrazione e delle rimesse concordavano esattamente con all andamento del ciclo economico. L andamento delle fluttuazioni dei cicli Kondrat ev sia nella fase di sviluppo che in quella di depressione si mosse a singhiozzo, poiché costellato da momenti di stasi e di ripresa economica: gli anni di crisi si collocano come punti di inversione di tendenza di una serie di onde successive. Tali fluttuazioni, studiate da Juglar, si manifestarono nel breve periodo, compreso tra sei e dieci anni. Quindi, per analizzare meglio le cause delle fluttuazioni delle rimesse, confronteremo questi cicli con le variazioni del numero degli emigranti e col risparmio inviato in Italia. È opportuno sottolineare che le fluttuazioni dei cicli di ciascun paese, nel lungo periodo, furono quasi sempre parallele, mentre nel caso del breve periodo si manifestarono spesso discordanze dovute al movimento opposto dei cicli delle singole nazioni, oppure alla diversa intensità con cui si manifestarono le fasi di depressione e di ripresa. Nel periodo che stiamo studiando possiamo individuare 4 cicli Juglar, cioè , , , Il primo ciclo comprende una fase di crescita dell economia, che va dal 1876 al 1882, seguita da tre anni di depressione. Durante la prima 21 ISTAT, Sommario di statistiche storiche dell Italia , Roma 1968, pag F. Balletta, Emigrazione italiana, cicli economici e rimesse , in F. Balletta (a cura di), Un secolo di emigrazione italiana,cit., pagg

15 fase lievitarono i prezzi e la produzione in quasi tutti i paesi europei e negli Stati Uniti. Il periodo di depressione dell economia, invece, fu dovuto a una crisi di sovrapproduzione, per il rallentamento delle costruzioni ferroviarie. Il flusso degli emigranti e quello delle rimesse non coincisero con l andamento del ciclo. Nel biennio , rispetto all anno precedente, si registrò un calo dei due flussi. Le cause furono però indipendenti dalla congiuntura economica mondiale. Il governo italiano aveva subordinato il rilascio del passaporto per l espatrio alla disponibilità di mezzi finanziari necessari al viaggio ed ai bisogni della vita prima di trovare lavoro all estero. Tale provvedimento fu considerato come un freno al numero degli espatri, così anche le rimesse diminuirono. Il secondo ciclo Juglar comprende il decennio , con punto d inversione nel Il periodo di espansione fu caratterizzato, negli Stati Uniti, dalla concentrazione delle grandi imprese industriali e finanziarie ed in Europa, dall intensificazione del commercio internazionale e da nuovi investimenti all estero. Nel 1890 una crisi colpì l economia europea per i cattivi raccolti agricoli, per la concorrenza nel commercio internazionale e per le difficoltà in cui si trovava il mercato finanziario di Londra. Negli anni successivi la crisi fu aggravata dalla politica protezionista attuata dal governo statunitense, dall inflazione monetaria e dalle alte tariffe praticate dalle compagnie ferroviarie. La crisi colpì, in particolare, le industrie metallurgiche e delle costruzioni ferroviarie, per cui si diffuse la disoccupazione e il disagio degli operai. Il flusso degli espatri risentì immediatamente di questa depressione, mentre quello delle rimesse diminuì qualche anno più tardi. Nel 1896 la crisi si era risolta e l anno successivo, grazie all aumento della produzione di oro, i prezzi cominciarono a crescere. Durante la fase ascendente del nuovo ciclo ( ), aumentarono gli investimenti nelle industrie chimiche, cantieristiche e automobilistiche. Prima di raggiungere il punto di inversione, la fase ascendente del ciclo fu rallentata da due recessioni minori, nel 1900 e nel 1903, che interessarono in particolare gli Stati Uniti. È invece nel 1907 che una crisi più grave colpì l economia mondiale e causò l inversione del ciclo. Essa scoppiò negli Stati Uniti e fu dovuta alla politica del credito facile, che provocò una sovrapproduzione nel settore industriale e il fallimento di alcune banche. 51

16 La depressione continuò nel 1908 e si propagò in Europa dove sconvolse il mercato finanziario; gli emigrati e le rimesse risentirono sensibilmente dell andamento del ciclo economico mondiale. I due flussi rallentarono l ascesa per la recessione minore del 1900 e anche per quella successiva del 1903, ma la crisi del 1908 fu quella che più sensibilmente colpì l emigrazione e le rimesse che continuarono a diminuire anche nel Il quarto ciclo va dal 1909 al 1921, con il punto d inversione nell anno di inizio della prima guerra mondiale. Superata la depressione del 1908, l economia mondiale registrò un nuovo slancio, aumentarono gli investimenti nelle industrie siderurgiche e metallurgiche, crebbe l importanza del settore automobilistico e chimico e aumentarono gli scambi internazionali. Nel 1913 l evoluzione si fermò bruscamente e fin dal primo anno di guerra l economia fu sconvolta. Le fluttuazioni dell emigrazione e delle rimesse furono quasi parallele a quelle del ciclo economico: infatti si ebbe una sensibile crescita dal 1909 al 1913 e un calo nel periodo bellico. L unica divergenza dal ciclo si ebbe nel 1911 quando diminuirono gli espatri e di conseguenza anche le rimesse. Le cause di questa diminuzione furono essenzialmente tre: la guerra italo-turca, che richiamò alle armi molti italiani in età da lavoro, una piccola recessione che colpì gli Stati Uniti e una vertenza sorta tra il governo italiano e quello argentino sul controllo sanitario degli emigranti. Prima di trarre le conclusioni sul rapporto fra congiuntura economica e fluttuazione delle rimesse, è necessario esaminare l influenza dell emigrazione sul flusso valutario. Confrontando le statistiche degli espatri con quelle delle rimesse, si può notare che le fluttuazioni, nel lungo periodo, ebbero un movimento quasi parallelo; infatti si può dedurre una diretta dipendenza delle variazioni delle rimesse dall andamento del flusso degli espatri. Anche per quanto riguarda il breve periodo si ebbe, quasi sempre, una corrispondenza tra i due flussi. Le divergenze invece furono di due tipi: da una parte la riduzione delle rimesse si verificò con un anno di ritardo su quella dell emigrazione, dall altra parte ad una variazione in senso positivo o negativo di un flusso non corrispose una variazione dello stesso segno dell altro flusso. 23 Idem, pagg

17 Le divergenze del primo tipo non possono considerarsi rilevanti poiché, in effetti, si verificò solo un ritardo dell influenza dell emigrazione sulle rimesse. Al contrario, sono degne di rilievo le divergenze del secondo tipo. Esse si verificarono quando sull invio del denaro influirono le variazioni del cambio delle monete dei paesi di immigrazione con la lira italiana. In conclusione, le oscillazioni dei cambi invertirono il flusso delle rimesse rispetto all andamento dell emigrazione; pertanto, è possibile sostenere che, per l 80%, i due flussi ebbero un andamento parallelo; cioè, quasi sempre, l andamento dell ammontare delle rimesse dipese dal numero degli espatri. Anche quando si verificarono divergenze nel movimento delle due fluttuazioni, anche altri elementi influirono sugli espatri e sull invio delle rimesse, contribuendo, però, solo ad accentuare o a rallentare le variazioni senza invertirne la tendenza. 24 Il livello raggiunto dalle rimesse dall estero in Italia è strettamente legato alla natura della nostra emigrazione proletaria, con scarsa partecipazione dei gruppi familiari, principalmente non definitiva e spesso legata ad un azienda agricola familiare in Italia non autosufficiente, per la quale il risparmio esterno era essenziale. 25 Questo spiega l eccezionale afflusso di rimesse quando, tra gli anni 90 e la prima guerra mondiale, l emigrazione italiana raggiungerà i suoi livelli massimi. Questo imponente volume attivo di rimesse aveva scarsissime contropartite negative nei conti economici dell Italia. L emigrazione transoceanica non alimentò i noli passivi, dato che la bandiera italiana riuscì a raggiungere una posizione di primo piano nel trasporto oceanico degli emigranti e che una quota rilevante delle spese di trasporto provenne dall estero attraverso anticipi, sovvenzioni e, soprattutto, i noti prepayed tickets inviati in Italia da amici e parenti già espatriati. Inoltre, questa massiccia emigrazione costava ben poco al bilancio dello Stato in termini di strutture amministrative e assistenza: infatti, quel poco che si fece gravava quasi esclusivamente sul Fondo emigrazione che era alimentato da un prelievo sul costo del biglietto e quindi, praticamente, dagli emigranti stessi Idem, pagg E. SORI, L Emigrazione italiana, cit., pag Idem, pag

18 Le rimesse giocarono un ruolo strategico nella fase di decollo dell economia italiana e evitarono che l economia venisse compressa dalla bilancia dei pagamenti. L emigrazione si rese funzionale alla strategia di crescita e permise alle rimesse di contribuire a triplicare le riserve auree tra il 1896 e il 1912, a realizzare un notevole appezzamento del cambio della lira (che giungerà prima a fare aggio sull oro e a mantenere poi il tasso di cambio stabile), infine ad ottenere una relativa abbondanza di risparmi, condizione questa favorevole all avvio di una notevole esportazione di capitale italiano all estero. Economisti come J. Virgilio e V. Ellena intravidero fin dagli anni 70 i possibili vantaggi commerciali che si potevano associare ai primi consistenti movimenti di espatrio transoceanici e intravidero la possibilità di trasformare l emigrazione da elemento passivo (espulsione di forze lavoro) a veicolo attivo di sviluppo. Per il commercio di importazione si delineava una sorta di compensazione dei noli sulle navi che all andata trasportavano merce ricca (gli emigranti) e al ritorno merci più povere come pelli e lane. Per il commercio di esportazione bisogna prendere in considerazione alcune merci tipiche dell esportazione italiana di quegli anni espressa dalle comunità italiane all estero. Le merci sulle quali si poteva puntare erano essenzialmente le derrate alimentari quali agrumi, vini, olio, bevande alcoliche, paste alimentari, frutta e formaggi. Questi beni di consumo erano scarsamente elastici al reddito, esposti a una forte concorrenza ed a mercati incontrollabili a causa della loro deperibilità; infine, erano sempre in pericolo di essere sostituiti da produzioni locali, le cui tecniche produttive erano prodotte e sviluppate all estero proprio dagli stessi emigrati italiani. Una sorte analoga a quella del tentativo di legare il commercio estero dell Italia alla sua emigrazione toccò ai ricorrenti progetti di associare questa a una maggiore presenza italiana nella colonizzazione agricola all estero. La storia della più grande Italia che avrebbe dovuto costituire una via intermedia tra l espansionismo commerciale e il colonialismo politico si trasformò in un mare di parole che dovette fare i conti con la realtà economica nazionale e internazionale. L emigrazione italiana aumentò la sua forza in una fase in cui il prezzo di ingresso nell agricoltura colonizzatrice si era enormemente innalzato, sia per un più elevato livello tecnologico dell azienda agricola della 54

19 frontiera, sia per un crescente accaparramento speculativo dei territori ancora relativamente liberi da insediamenti agricoli. 27 L analisi delle conseguenze sociali dell emigrazione in Italia non può non tenere conto degli effetti demografici. La scomparsa del maschio adulto nei luoghi di maggiore emigrazione era la diretta conseguenza dell estrema selettività con cui la domanda di lavoro internazionale lo aveva reclutato. In particolare, negli Stati Uniti gli ultra 45enni erano esplicitamente respinti soprattutto se non dimostravano di avere appoggi familiari all estero. Dopo alcuni anni dall inizio dell emigrazione, cominciarono a prodursi rilevanti squilibri nella struttura demografica dei luoghi d esodo; si trattava di squilibri nella proporzione tra i sessi, nella composizione per classi di età e nella struttura della famiglia. 28 Ciò incise sensibilmente sulla posizione delle quote marginali delle forze lavoro rurali: donne, fanciulli, anziani. A questo proposito appare evidente un loro più elevato impiego nella piccola azienda familiare di proprietà, nella piccola industria, e anche nel settore bracciantile vero e proprio. In questa stessa direzione spingeva anche la progressiva liberazione della forza di lavoro femminile dall impiego domestico, soprattutto per quanto riguarda la manifattura domestica rurale ormai praticamente decaduta. I sintomi di emancipazione femminile furono spesso abbastanza evidenti; infatti le nascite illegittime nei luoghi di esodo erano in diminuzione e per contro aumentò il numero di aborti e di infanticidi: la corruzione della donna e l emigrazione sembravano tra loro intrecciate. Spesso le ragazze madri lasciavano i propri figli presso una balia al paese, esponendoli a un elevatissimo tasso di mortalità infantile. Tuttavia, la diminuzione delle nascite illegittime e la crescita delle legittimazioni nelle aree di emigrazione poteva essere interpretata come un profondo moto di emancipazione economica, culturale e sociale. Quindi dall emigrazione non derivava soltanto disgregazione familiare ma in realtà si consentiva la nascita di una nuova morale al centro della quale è posta una famiglia più matura e maggiormente fondata su una base volontaria, anche se soggetta a forti pressioni esterne. 27 E. Sori, L Emigrazione italiana, cit., pagg Idem, pag

20 Il bilancio dei costi e dei benefici sociali dell emigrazione nei luoghi di esodo deve tenere conto di altri elementi essenziali. Le statistiche evidenziano, nei periodi e nei luoghi di massima emigrazione, una riduzione dei delitti contro l ordine pubblico e il patrimonio, una riduzione degli omicidi e un sempre minore ribellismo. La stasi emigratoria della seconda metà degli anni 70, a cui seguono le cattive annate agrarie e la crisi agraria degli anni 80, provocò un innalzamento degli indici di delittuosità e in particolare del furto campestre. È proprio attraverso l analisi di tali dati che ci si rende conto di come l emigrazione permetteva di liberarsi di individui come pregiudicati, facinorosi e irrequieti. L emigrazione aveva largamente influenzato anche i rapporti ideologici e politico sociali. Infatti sembrava strettamente correlata con l esodo una riduzione della presa ideologica del clero nelle campagne: cresce l indifferenza religiosa o nasce un anticlericalismo popolare più maturo e meno rozzo di quello che non era altro che un sottoprodotto della vasta egemonia delle strutture ecclesiastiche e del pensiero religioso sulla società contadina tradizionale. Tra l altro furono questi fenomeni a spingere la Chiesa a una più attiva presenza nell emigrazione e tra i rimpatriati. 29 Un altro aspetto che dobbiamo prendere in considerazione riguarda l accelerazione provocata dall emigrazione di massa sulla decadenza della piccola possidenza agraria non coltivatrice, in quanto grazie al denaro guadagnato all estero i contadini potevano finalmente coronare il loro sogno di sempre: acquistare la terra su cui lavoravano. In realtà, però, la proprietà contadina che si formò rimase nella maggior parte dei casi caratterizzata da una ridottissima dimensione delle aziende e dalla enorme frammentazione dei diversi fondi che la costituivano, dalla persistenza delle tradizionali pratiche agrarie, con scarso impiego di capitali fissi e con una quasi inesistente dotazione tecnologica 30. Un moto sociale di tale portata, come la grande emigrazione, metteva, però, a nudo anche gli evidenti problemi che preoccupavano il paese. 29 Idem, pagg G. Massullo, Economia delle rimesse, in P. Bevilacqua, A. De Clementi, E. Franzina (a cura di), Storia dell emigrazione italiana. Le Partenze, Donzelli, Roma 2001, pag

21 Uno di questi era il livello d istruzione estremamente basso e i problemi di scolarizzazione e di politica scolastica post-unitari. Sul fatto che gli emigranti italiani fossero quasi esclusivamente analfabeti non vi erano dubbi e ciò dipendeva strettamente sia dalle caratteristiche interne delle regioni da cui la maggior parte degli emigranti veniva reclutato sia da una domanda di lavoro dequalificata e instabile. Il problema dell analfabetismo assunse un ruolo di primo piano dopo il 1903, quando il movimento restrizionista statunitense introdusse uno strepitoso strumento di selezione dell immigrazione, cioè il Literacy test. Proprio per far fronte a questo nuovo problema, in Italia si cercò di rafforzare l istruzione di coloro che erano già all estero o di coloro che aspiravano all espatrio, istituendo scuole speciali nei luoghi di maggior emigrazione. Infatti dall estero o da parte dei rimpatriati vengono fatte pressioni sulle famiglie perché facciano studiare i figli, e proprio negli anni della massima espansione dell emigrazione si ottengono degli effettivi risultati e si registra un aumento del tasso di scolarizzazione, soprattutto nel Mezzogiorno. Non si può infatti non sottolineare la notevole differenza tra Nord e Sud: gli emigrati provenienti dalle regioni meridionali hanno, infatti, tassi di analfabetismo del 51-56%, contro il 12-14% di quelli provenienti dall Italia settentrionale 31. Gli osservatori del tempo definirono le rimesse come una fantastica pioggia d oro distribuitasi in tutta la penisola, e dunque non ci resta che concludere con l analisi degli effetti che l immissione di una tale quantità di denaro provocò nei circuiti finanziari italiani. Sicuramente, l aumentata disponibilità al consumo contribuì ad un aumento della domanda globale di cui poté avvantaggiarsi l industria settentrionale in termini di ampliamento del proprio mercato. 32 Inoltre, effetti molto positivi furono esercitati, come abbiamo già accennato, anche sulla bilancia dei pagamenti. Infatti, la forte eccedenza delle importazioni sulle esportazioni fu coperta per il 61% proprio dalle rimesse. Le rimesse dall emigrazione, gli introiti dal settore turistico e quelli dei noli della 31 E. Sori, L Emigrazione italiana, cit., pagg G. Massullo, Economia delle rimesse, in P. Bevilacqua, A. De Clementi, E. Franzina (a cura di) Storia dell emigrazione italiana,cit., pag

22 marina mercantile determinarono, congiuntamente, addirittura un avanzo della bilancia dei pagamenti internazionali che consentì il rientro di una parte dei titoli pubblici sottoscritti all estero, favorì la riconversione della rendita con la riduzione dell interesse sul denaro ed esercitò un effetto positivo sui cambi con l estero. In questo modo le rimesse divenivano un originale forma di trasferimento di risorse dall agricoltura all industria, realizzata mediante la collocazione sul mercato internazionale a prezzi certamente competitivi della merce di cui l Italia sicuramente abbondava: la forza lavoro. Con i soldi della Merica i contadini pagarono per prima cosa i loro debiti e la ragione di tanta attenzione al pagamento dei debiti contratti, oltre, ovviamente, ai non trascurabili elementi di pressione nei confronti dei creditori tipici del fenomeno dell usura, può essere individuata nella particolare forma di controllo sociale che veniva esercitata sul credito e nel ruolo che questo a sua volta svolgeva nella formazione e nella rielaborazione delle gerarchie sociali delle comunità di appartenenza, nella gestione non soltanto delle risorse economiche ma anche di un altra risorsa fondamentale: il prestigio sociale. La mancata restituzione di una somma dovuta non implicava soltanto l esclusione futura dai circuiti di credito, ma comportava anche una serie di complicazioni sociali e morali, che potevano portare addirittura all emarginazione dalla società. Senza contare che restituire un debito significava mostrare il successo della propria esperienza emigratoria e ribadire la propria appartenenza alla comunità. 33 Un altro dei canali verso i quali si indirizzò la spesa delle famiglie contadine coinvolte nel fenomeno della grande emigrazione fu certamente quello dell espansione e della differenziazione dei consumi familiari a partire da quelli alimentari. Vi fu, sicuramente, un netto miglioramento nel regime alimentare contadino grazie, in parte, alle migliorate condizioni economiche e in parte a un modesto mutamento di mentalità introdotto grazie al contatto con la società oltre oceano. Non furono soltanto i consumi alimentari a modificarsi dal punto di vista della loro composizione merceologica: si registrò, infatti, una maggiore propensione ai consumi individuali anche per quanto riguarda 33 Idem, pagg

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO I dati che seguono intendono dare un indicazione di massima della situazione minorile esistente oggi in Mozambico e provengono dall Istituto Nazionale di Statistica del

Dettagli

P. CRESCI, Il pane dalle sette croste, cento anni di emigrazione, Pacini Fazzi, Lucca 1986. L. FAVERO, G. TASSELLA, Cent anni di emigrazione

P. CRESCI, Il pane dalle sette croste, cento anni di emigrazione, Pacini Fazzi, Lucca 1986. L. FAVERO, G. TASSELLA, Cent anni di emigrazione BIBLIOGRAFIA F. ASSANTE, Movimento migratorio italiano, in D.R. Gabaccia (a cura di) Emigranti. Le diaspore degli italiani dal Medioevo ad oggi, Einaudi, Torino 2003. K. J. BADE, L Europa in movimento.

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti DEBITO PUBBLICO! Debito dello Stato nei confronti di altri soggetti, individui, imprese,

Dettagli

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)»

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Stato: settembre 2014 Domande e risposte Che cosa vuole l iniziativa popolare «Salvate l oro della

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi -

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi - Milano Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado Anno scolastico 2009 2010 Comune di Milano - Dati di sintesi - A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati: Ugo Rosario Maria David

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 Lamberto Soliani 1 - Introduzione. Le prossime trasformazioni demografiche nazionali e regionali sono descritte dall Istat in Previsioni demografiche 1

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo

L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo Graziella Bertocchi e Chiara Strozzi Università di Modena e Reggio Emilia - Dipartimento di Economia Marco Biagi Seminario Nazionale MIUR

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

LEGGE AGRARIA DELLA REPUBBLICA SOVIETICA CINESE

LEGGE AGRARIA DELLA REPUBBLICA SOVIETICA CINESE LEGGE AGRARIA DELLA REPUBBLICA SOVIETICA CINESE (novembre 1931) Il 7 novembre 1931 a Juichin, nel Kiangsi, iniziò il primo Congresso nazionale dei delegati dei soviet degli operai, dei contadini e dei

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Cosa ci dicono le statistiche sull università

Cosa ci dicono le statistiche sull università Cosa ci dicono le statistiche sull università di Ruggero Paladini Una prima ricognizione sui dati dell Ufficio statistica del Ministero Università e Ricerca,che riguardano studenti, laureati, docenti di

Dettagli

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale SOMMARI0 QUATTRO Lezione del 24 0ttobre 2005. 1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale Il lavoro come fattore di produzione. La politica del lavoro presenta una diversa dimensione rispetto

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Cinquant anni di scuola media tra utopia e realtà. Considerazioni di un insegnante di matematica. Domingo Paola Liceo Issel di Finale Ligure

Cinquant anni di scuola media tra utopia e realtà. Considerazioni di un insegnante di matematica. Domingo Paola Liceo Issel di Finale Ligure Cinquant anni di scuola media tra utopia e realtà. Considerazioni di un insegnante di matematica Domingo Paola Liceo Issel di Finale Ligure Oggi 1955 1950 1960 Quale realtà? 75% 25% 1950 1960 Quale realtà?

Dettagli

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di 1 di 5 11/09/2011 14:52 LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE A cura di Roberto Praderi. Come nelle elaborazioni precedenti ci siamo basati su documenti ufficiali, in questa facciamo riferimento allo 2

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

EMIGRANTI DIMENTICATI

EMIGRANTI DIMENTICATI Lucia Coviello EMIGRANTI DIMENTICATI STORIE E TESTIMONIANZE DI LUCANI IN PARAGUAY E IN URUGUAY SOMMARIO Pag. Presentazione 5 Introduzione 7 1. L emigrazione italiana. Numeri e generi del fenomeno 15 1.1.

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO DUE STRADE PER L EUROPA E LE ORIGINI DEL CAPITALISMO STAGNAZIONE E SVILUPPO Primi del 600: in crisi GERMANIA, ITALIA, SPAGNA. In crescita INGHILTERRA, OLANDA e in parte la FRANCIA.. Esiti politici diversi

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Colonialismo e Neocolonialismo

Colonialismo e Neocolonialismo Colonialismo e Neocolonialismo Introduzione Nella sua definizione propria, il colonialismo viene rappresentato come l'estensione della sovranità di una nazione su territori e popoli all'esterno dei suoi

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita 1 L inflazione durante il 2002 ed il divario -Italia. Il tasso di variazione medio dell indice dei prezzi al consumo rilevato dall Istat per l

Dettagli

L età giolittiana. Lezioni d'autore

L età giolittiana. Lezioni d'autore L età giolittiana Lezioni d'autore L Europa del primo Novecento L Europa all inizio del Novecento è all apice del suo sviluppo. Dopo il conflitto franco-tedesco del 1870 non c era più stata guerra al suo

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

CAPITOLO XII. La migrazione

CAPITOLO XII. La migrazione CAPITOLO XII La migrazione Analizzare il problema della migrazione da una prospettiva economica La decisione se migrare o meno viene analizzata con lo schema domanda / offerta, sia per la migrazione qualificata

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

L uso delle rimesse degli emigrati albanesi: indagine sulle famiglie rimaste in Patria

L uso delle rimesse degli emigrati albanesi: indagine sulle famiglie rimaste in Patria L uso delle rimesse degli emigrati albanesi: indagine sulle famiglie rimaste in Patria A cura di: Francesco Orazi Università Politecnica delle marche Caratteristiche del campione Età Fino a 40 anni 56%

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli