Fabio Ostanello - Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Bologna 11/04/2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fabio Ostanello - Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Bologna 11/04/2007"

Transcript

1 Listeriosi - definizione Listeriosi Malattia infettiva, contagiosa, a decorso solitamente grave setticemia meningo-encefalite aborto Sostenuta da Listeria monocytogenes, responsabile di infezione in numerose specie animali (bovini, ovi-caprini, suini, polli, cani, topi) E una zoonosi Il termine monocytogenes è dovuto al fatto che l AE induce (nell uomo e in alcune specie animali) un notevole aumento del numero di monociti circolanti Listeriosi - storia 1924 Australia: Murray descrive per la prima volta un germe ancora sconosciuto, che chiama Bacterium monocytogenes 1940 Stati Uniti: Pirie dedica il genere a Lister 1949 Germania: caso di granulomatosi infantiseptica (85 feti abortiti e neonati morti) Potel isola da tutti un batterio che crede un Corynebacterium Seeliger che lo riconosce come una Listeria 1983 in Francia: Rocourt distingue L. monocytogenes da altre listerie, e comincia a intuire che è l unica patogena per l uomo bastoncellari, mobili (a C) per presenza di rare ciglia peritriche acapsulati, asporigeni, aerobi o anaerobi facoltativi se ne conoscono diverse specie solo L. monocytogenes è patogena per più specie animali e per l uomo L. ivanoii è causa di aborto nella pecora 1983 Canada: descrizione del primo caso di listeriosi umana da alimenti (crauti fermentati) Listeria - resistenza nell ambiente gram +, non sporigeno, non capsulato si sviluppa in un ampio intervallo di temperatura (3-45 C), ma mantiene la sua vitalità anche a 0 o a temperature di pasteurizzazione Optimum di crescita: C Resiste all essiccamento e al congelamento Può trovarsi nei cibi conservati in frigorifero o nel latte non pastorizzato ph di sviluppo 5 9; viene inattivata da ph molto acidi, come quello gastrico Germe idro-tellurico, molto diffuso nell ambiente (suolo, vegetali, acque) nei luoghi d allevamento (lettiere, mangiatoie, pareti) resistente nell ambiente esterno 21 mesi nel latte infetto (13 anni nel latte a 5 C) 1-18 mesi nelle feci 1-2 anni nel suolo Pag 1 di 7

2 Corto bacillo (1-2 x 0,5-0,8 µm), esile, isolato o in coppie parallele o ad angolo (forma di V ) o in brevi catene In colture vecchie perde la Gram positività e assume colorazione bipolare Cresce su normali terreni, ma le colture ottimali si ottengono su terreni arricchiti con sangue (5%), siero di sangue, glucosio o triptosio Struttura antigenica 13 sierotipi La classificazione si basa sulla presenza di 15 antigeni somatici O (da I a XV) e 4 flagellari H (A, B, C, D) La presenza di antigeni comuni con altri batteri (Corynebacterium, E. coli, Streptococcus fecalis) può provocare reazioni sierologiche crociate Listeria fattori di patogenicità L. monocytogenes elabora: Emolisina prodotta dalle colture in fase S, attiva nei confronti degli eritrociti lipolisina esotossina like (letale per topino in ore e dermonecrotica in coniglio e cavia) endotossina like (edema e eritema cutaneo, azione piretogena, letale per il coniglio) MPA (Monocytosis Producig Agent) responsabile della monocitosi periferica nel coniglio e talvolta nell uomo) Listeriosi - epidemiologia Isolabile anche dopo 4 settimane in campioni di mais, segale, trifoglio, acque superifciali e acque reflue Rapporto diretto fra alimentazione con insilati e malattia (bovini e ovi-caprini) Caratteri epidemiologici: ubiquità resistenza nell ambiente esterno virulenza attitudine a provocare infezione asintomatica malattia a insorgenza sporadica o endemica Listeriosi - epidemiologia Listeriosi - patogenesi Spettro d ospite: mammiferi domestici e selvatici (roditori compresi), volatili, rettili e insetti, uomo Nell ordine, gli animali più sensibili sono: pecore e bovini capre, suini, volatili (più colpiti i polli, meno oche, anatre, piccioni) cavallo cane e gatto (rara) pesci e crostacei A volte L. monocytogenes viene isolata anche da animali sani, che possono comportarsi da eliminatori (cincillà) I diversi ceppi non sono ospite-specifici, nè provocano quadri differenti Vie di trasmissione: orale e aerogena principale fonte di infezione: insilati di qualità scadente (alcalini) fattori favorenti: periodo invernale, cause meteorologiche in genere e alimentari, stress fisici, infezioni virali o batteriche, parassitosi forma latente, setticemica, abortigena, encefalica Compare soprattutto in inverno (insilati) Particolarmente sensibili gli animali giovani Malattia condizionata Pag 2 di 7

3 Listeriosi - patogenesi nei ruminanti foraggi contaminati intestino (enterite) batteriemia Listeriosi - patogenesi Listeria scolla le gap junction tra gli enterociti, arriva alla sottomucosa e da lì riesce a raggiungere i vasi linfatici e i capillari sanguigni neurite (meningo-encefalite) setticemia aborto in animali non ruminanti è presente una monocitosi ematica Tramite i capillari ematici arriva al fegato e inizia a colonizzarlo Con le due internaline il batterio solletica la membrana dell epatocita e si fa fagocitare al suo interno Con la listeriolisina O e le due fosfolipasi lisa la membrana del fagosoma e si libera nel citoplasma Il batterio accumula le fibre contrattili a un polo e se ne fascia come una cometa Con la proteina ActA ricava dal citoscheletro dell epatocita una trama di fibrille di actina contrattili Pag 3 di 7

4 Con la spinta propulsiva, evagina la membrana dell epatocita e penetra nella cellula adiacente, e il ciclo si ripete Risultato finale: Listeria invade progressivamente gran parte del viscere senza mai venire in contatto coi liquidi extracellulari e il sistema immunitario Questa condizione di infezione latente può durare mesi, in attesa di un fattore immunodepressivo che faccia esplodere la malattia Ciò giustifica l incubazione enorme della listeriosi sistemica (da qualche giorno fino a 3 mesi) Listeriosi negli animali La malattia si presenta in forma setticemica nervosa genitale (aborto) Negli ovini la forma più frequente è l'encefalite, ma anche aborto e irite, spesso la morte sopravviene entro 24 h dall'inizio dei sintomi Nelle volpi la listeriosi determina un encefalite con sintomi che simulano la rabbia Listeriosi nel bovino La forma neurologica (con microascessi cerebrali) ha evoluzione cronica e gli animali sopravvivono sino a 2 settimane dall'inizio dei sintomi L'encefalite può colpire animali di ogni età ma prevale in quelli di meno di 3 anni, anche se non compare prima dello svezzamento Negli animali giovani l'infezione si presenta per lo più in forma setticemica (spesso letale) con la comparsa di focolai necrotici nel fegato e in altri organi addominali Listeriosi nel bovino Gli aborti avvengono soprattutto a fine gestazione Esistono altre forme più rare di listeriosi quali polmoniti, endocarditi, miocarditi Nei bovini sono stati descritti anche casi di localizzazioni alla mammella con possibile eliminazione dell AE eziologico attraverso il latte anche dopo l'avvenuta guarigione forma cerebrale (encefalica, meningo-encefalica) In caso di forme nervose la letalità è prossima al 100% A secondo dei nervi interessati si avrà protusione della lingua, ptosi mandibolare, strabismo, rotazione della testa, movimenti di maneggio, paralisi facciale (spesso unilaterale) forma genitale (aborto, metrite settica) forma setticemica (rara, soprattutto giovani) Meningo-encefalite: classica sia negli adulti (più frequente), che nei giovani Periodo di incubazione: 2-6 settimane Sintomi: febbre, depressione, prostrazione, postura anomala della testa, movimenti di maneggio (circling disease), perdita di equilibrio, disfagia, decubito a cui segue la morte (ovini: morte in 2-3 gg, bovini: morte in 4-14 gg) mastiti, polmoniti, endocarditi, miocarditi (rare) Pag 4 di 7

5 setticemia: tipica nei neonati e negli animali giovani (ovini: anche adulti) Periodo di incubazione: giorni Sintomi (esordio improvviso): febbre elevata anoressia tremori muscolari congestione delle mucose apparenti Spesso esito letale (poche ore 3 gg) aborto: bovine (4-8 mese), pecore, capre (3-4 mese) Infezione uterina per via ematogena Periodo di incubazione: 5-12 giorni Sintomi: anoressia a volte febbre e diarrea profusa, aborto tardivo, in genere sporadico ritenzione placentare possibili parti prematuri o nascita soggetti poco vitali Listeriosi - forme cliniche (altre specie) Listeriosi anatomia patologica Monogastrici: rara (cani e gatti, equini: setticemia) suino: forme setticemiche con sintomi neurologici equino generalmente meningo-encefalica forme setticemiche nel puledro Aborto tardivo Uccelli setticemia, necrosi epatica e miocardica, encefalite (più rara) coniglio e roditori mononucleosi ematica, setticemia, forme neurologiche, esito letale Forma abortigena Focolai necrotici cotiledonari Feto: edema gelatinoso cordone ombelicale e sottocute; necrosi puntiformi a fegato e milza Forma setticemica Lesioni purulento-necrotiche a vari parenchimi Forma nervosa Microascessi a livello dei vasi meningei Listeriosi - diagnosi Clinica: sintomi nervosi comuni ad altre patologie Differenziale con Rabbia intossicazione acuta da piombo (cecità apparente, ipersalivazione) Botulismo (paralisi flaccida) Di laboratorio isolamento e identificazione del batterio da materiale cerebrale, feti, feci, essudati prova biologica Listeriosi - profilassi Igiene dell alimentaione e dei ricoveri Uso di insilati di buona qualità ph 3,7-4,3 Evitare l esposizione all aria Aggiunta di acidificanti (ac. formico) esame anatomopatologico di ponte, midollo allungato, corna anteriori del midollo spinale, manicotti perivascolari Pag 5 di 7

6 Listeriosi - terapia Sensibile a numerosi antibiotici (ampicillina, eritromicina, meticillina), resistente a colistina, ac. nalidixico, polimixina. Il successo è legato alla tempestività di intervento Nei bovini si usano soprattutto le tetracicline Problemi di Sanità Pubblica: infezione sporadica che colpisce soprattutto persone a rischio: donne gravide, neonati (infezione verticale), soggetti immunodepressi, persone anziane L infezione viene contratta per contaminazione alimentare (ma anche tramite escreti e l inalazione di polvere) e provoca aborto, mortinatalità, neonati con forme setticemiche, forme encefaliche tardive, setticemia, meningite, meningo-enceefalite, gastroenteriti, endocarditi, inf. cutanee (pustole) Listeria umana - epidemiologia Diagnosticata raramente nella forma tipica Si manifesta in modo sporadico Recentemente si sono verificate diverse epidemie indipendentemente dalle stagioni Il 30% dei casi clinicamente manifesti si verifica entro le prime 3 settimane di vita Negli adulti non in gravidanza, l'infezione si verifica soprattutto dopo i 40 anni di età Segnalati casi di infezione ospedaliera Molte infezioni sono asintomatiche, e assumono importanza solo durante la gravidanza Listeria umana - epidemiologia L'infezione perinatale avviene durante il 3 trimestre di gravidanza e l'aborto, di solito, si verifica nella seconda metà della gravidanza Negli USA viene stimato che oltre persone ogni anno contraggano questa infezione di questi circa 500 nella forma letale (CDC) l'incidenza di casi che richiedono l'ospedalizzazione negli USA è di 1/ abitanti Listeriosi umana - epidemiologia USA California (1985): 142 casi di listeriosi, con 48 decessi (consumo di un formaggio) 9 Stati diversi (2002): 54 casi, 8 morti e 3 morti fetali (consumo di carne di tacchino contaminata) Svizzera ( ): 122 casi con 34 decessi (consumo di formaggio molle non pasteurizzato) Francia (1992): 279 casi, 22 aborti e 63 decessi (lingua di maiale) Listeriosi umana - epidemie recenti In Europa, il 50% dei casi notificati sembra derivare da assunzione di prodotti lattierocaseari Svizzera ( ) formaggi molli non pastorizzati Austria (1986) consumo di latte non pastorizzato Francia (1995) formaggio Brie, a base di latte non pastorizzato Finlandia ( ): burro contaminato. Il Rapid alert system for food and feed (RASFF), stabilito dalla direttiva 92/59/EEC, ha lo scopo di notificare agli stati membri quando esista un rischio associato a un certo prodotto per la salute dei consumatori. Il RASFF pubblica informazioni dettagliate sulle notifiche, le fonti di contaminazione, i prodotti e i paesi coinvolti Listeriosi umana - incidenza Finlandia: registrati dai 30 ai 50 casi/anno Germania: stimati tra i 50 e gli 80 casi/anno, con una notifica di casi/anno. Si stima che il 4-6% dei casi di meningite sia causata da Listeria In Francia: oltre 200 casi di malattia/anno. Il 24% dei casi sporadici ha interessato le donne in gravidanza o i neonati (forme materno-neonatali) Italia (maggio 1997): epidemia gastroenterica derivata dal consumo di insalata di mais e tonno contaminato, utilizzato nelle insalate, ha coinvolto oltre 1500 persone (bambini e personale di 2 scuole elementari. Quasi 300 persone sono state ricoverate Pag 6 di 7

7 Listeriosi umana Listeriosi umana - trasmissione La malattia si verifica generalmente durante la gravidanza (sensibilità circa 20 volte superiore) o in individui immuno-depressi ed è causata da trasmissione alimentare A differenza di altri AE trasmessi con gli alimenti che causano principalmente malattie gastrointestinali, L. monocytogenes dà luogo a manifestazioni invasive come meningite, setticemie e morte fetale Per la maggior parte dei casi si tratta di una malattia trasmessa dagli alimenti L AE è molto diffuso nell'ambiente e può ritrovarsi in tutti gli alimenti crudi L AE può essere trasmesso dalla madre al feto nell'utero o durante il passaggio attraverso il canale del parto L AE è presente nella normale flora intestinale degli individui sani; una diminuzione dell acidità gastrica ed un alterata funzione gastrointestinale possono aumentare il rischio di malattia L incidenza della listeriosi nell uomo è divenuta oggetto di crescente attenzione grazie al riconoscimento del ruolo dei cibi contaminati nella trasmissione della malattia sia epidemica che sporadica. I principali cibi implicati sono le insalate con cavoli contaminati, latte anche pastorizzato, formaggi freschi, paté, prodotti di carne suina insaccati e hot dog; alcuni studi epidemiologici hanno suggerito anche il ruolo del pollo poco cotto o di salsicce non cotte. La listeriosi è stata descritta anche nei veterinari e in altri soggetti a stretto contatto con animali infetti. Il periodo di incubazione medio è di circa 3 settimane ma, in corso di epidemie si sono verificati casi dopo periodi variabili da 3 a 70 giorni dal contatto con materiale infetto. Gli individui infetti possono eliminare i microrganismi con le feci per diversi mesi, mentre le madri di neonati possono eliminare secrezioni vaginali ed uterine infettanti per circa 7-10 giorni dopo il parto Rappresentano un serbatoio anche i mammiferi domestici e selvatici infetti, il pollame e l'uomo che frequente è portatore fecale asintomatico ed eliminatore di listerie con le feci Listeriosi patogenesi (uomo) Listeriosi umana - sintomatologia La listeriosi associata alla gravidanza si verifica più frequentemente nel 3 trimestre e causa nella gravida: febbre, dolori muscolari, malessere, dolori lombari accompagnati talvolta da diarrea, nausea e vomito nel prodotto del concepimento: parto prematuro, morte fetale intrauterina o infezione precoce La forma neonatale si può manifestare con setticemia, insufficienza respiratoria, lesioni cutanee, ascessi diffusi (fegato, milza, ghiandole surrenali, polmone) o con meningite La listeriosi non associata alla gravidanza si verifica generalmente in soggetti immunocompromessi o negli anziani, e si manifesta con setticemia, meningite, infiammazioni cardiache o sintomi gastrointestinali La diagnosi si basa sulla sintomatologia e sull isolamento del microrganismo da sedi normalmente sterili, come il sangue, il liquido cefalorachidiano o il liquido amniotico La terapia antibiotica (ampicillina + aminoglucoside o trimetoprimsulfametoxazolo) deve essere proseguita anche per molte settimane nei casi più gravi, che spesso hanno prognosi infausta Pag 7 di 7

Listeria monocytogenes e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria Padova

Listeria monocytogenes e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria Padova Listeria monocytogenes e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria Padova 1924 Australia Murray descrive per la prima volta un germe

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Listeria monocytogenes: caratteri generali ed epidemiologici

Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Listeria monocytogenes: caratteri generali ed epidemiologici Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Listeria monocytogenes: caratteri generali ed epidemiologici Antonietta Gattuso La presenza di Listeria monocytogenes in differenti alimenti

Dettagli

LISTERIA MONOCYTOGENES Dott.ssa Manuela Cagnoli

LISTERIA MONOCYTOGENES Dott.ssa Manuela Cagnoli LA SICUREZZA ALIMENTARE IN GRAVIDANZA E NELLE ALTRE FASCE A RISCHIO: CONSIGLI E PRECAUZIONI LISTERIA MONOCYTOGENES Dott.ssa Manuela Cagnoli Novara, 29 settembre 2012 Borgomanero,, 13 ottobre 2012 1924

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Prevenire la listeriosi Potenza, 31 ottobre 2013 Dr.ssa Carla Brienza Dr.ssa Nunzia Damiani Nel 2012 sono state 3436 le notifiche

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Campylobacter: ancora un patogeno emergente?

Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Ludovico DIPINETO Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali Università degli Studi di Napoli Federico II Campylobacter Batteri appartenenti

Dettagli

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles)

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Silvia Preziuso silvia.preziuso@unicam.it Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Camerino Streptococcus Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Adenite equina (Strangles)

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1 TOXOPLASMOSI 1 La toxoplasmosi è una malattia data da un protozoo (essere unicellulare) parassita obbligato: il Toxoplasma gondii. Questa malattia è una zoonosi perché può essere trasmessa anche all'uomo.

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Brucellosi. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010

Brucellosi. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010 Brucellosi Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010 BRUCELLOSI MALATTIA INFETTIVA A ESPRESSIONE CLINICA PROTEIFORME. PRIMA FASE SETTICEMICA SECONDA FASE, TARDIVA e INCOSTANTE CON LOCALIZZAZIONI

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

EZIOLOGIA. Bacillus anthracis - gram positivo. - forma bastoncellare. - immobile. - sporigeno e con presenza di capsula

EZIOLOGIA. Bacillus anthracis - gram positivo. - forma bastoncellare. - immobile. - sporigeno e con presenza di capsula CARBONCHIO EMATICO Malattia infettiva a carattere setticemico che colpisce bovini, ovini e caprini, suini, cavallo e uomo; è caratterizzata da una setticemia acuta ad insorgenza improvvisa e decorso rapidamente

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova Questo opuscolo informativo nasce da un iniziativa organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova e dall Ordine dei Medici Veterinari di Padova con il patrocinio del Comune

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI CAUSATE DA MICRORGANISMI

PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI CAUSATE DA MICRORGANISMI PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI CAUSATE DA MICRORGANISMI Tab. 1 Principali tossinfezioni alimentari classificate in base al periodo di incubazione Periodo di incubazione generalmente da 12 a 72 ore

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

Le Malattie alimentari

Le Malattie alimentari Le Malattie alimentari Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia Comparata e Igiene veterinaria - Padova Sono quelle forme morbose che l uomo può contrarre per ingestione o manipolazione

Dettagli

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prof. Paolo Cadrobbi; Dott. Giovanni Carretta Salmonellosi tifoidee e non tifoidee E fondamentale distinguere tra: febbre tifoide, grave infezione che interessa

Dettagli

Clostridium perfrigens

Clostridium perfrigens Clostridi Bacilli G+, mobili, raramente capsulati. producono spore con diametro maggiore di quello batterico Anaerobi obbligati, non hanno citocromi e catalasi, producono ATP fermentando zuccheri o aminoacidi.

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima 11 settembre 2001 Niente sarà più come prima Alle 8,45 un Boeing 767 dell American Airlines si schianta contro la torre Nord del World Trade Center, nel cuore del quartiere finanziario di New York. Alle

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Accredited - Agréé Eziologia della Legionellosi Chiara Postiglione 1976: Philadelphia, Convention of American Legion Oltre 4000 veterani reduci della

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

Uova e prodotti a base di uova Dott.ssa Cristina Leonardi

Uova e prodotti a base di uova Dott.ssa Cristina Leonardi LA SICUREZZA ALIMENTARE IN GRAVIDANZA E NELLE ALTRE FASCE A RISCHIO: CONSIGLI E PRECAUZIONI Uova e prodotti a base di uova Dott.ssa Cristina Leonardi Novara, 29 settembre 2012 Borgomanero, 13 ottobre 2012

Dettagli

La presenza di microrganismi negli alimenti

La presenza di microrganismi negli alimenti La presenza di microrganismi negli alimenti Contaminazione primaria: dovuta a microrganismi naturalmente presenti nell alimento Contaminazione secondaria: proviene dal contatto con Aria acqua suolo Piante

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM

Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM Definizione Malattia infettiva acuta Altamente contagiosa Colpisce gli animali ad unghia fessa Caratterizzata da febbre vescicole sulle mucose

Dettagli

Foglio di approfondimento Virus

Foglio di approfondimento Virus Foglio di approfondimento Virus VIRUS DELL INFLUENZA L influenza è una malattia virale acuta del tratto respiratorio causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, suddivisi in 3 generi

Dettagli

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia ZOONOSI EMERGENTI E RIEMERGENTI: tra vecchie conoscenze e nuove realtà Torino, 26 febbraio 2013 L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia Fabio Ostanello Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie

Dettagli

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Stefano Marangon Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie AGRICOLTURA. Il Ministero ha ridotto l area soggetta a restrizioni per contenere la

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Rhabdovirus Rhabdoviridae: Virus della rabbia a) Vesiculovirus - virus della stomatite

Dettagli

Le zoonosi. Esempi di zoonosi:

Le zoonosi. Esempi di zoonosi: Le zoonosi Le zoonosi sono malattie che si trasmettono dagli animali all uomo. Solo raramente gli animali sono direttamente fonte di infezione: solitamente i germi sono trasmessi all uomo da acqua e cibi

Dettagli

CLOSTRIDI PATOGENI DEGLI ALIMENTI. Bruna Auricchio

CLOSTRIDI PATOGENI DEGLI ALIMENTI. Bruna Auricchio Corso di Laurea Specialistica in Scienze della Nutrizione Umana Università degli Studi di Roma Tor Vergata- CLOSTRIDI PATOGENI DEGLI ALIMENTI Bruna Auricchio Istituto Superiore di Sanità GENERE CLOSTRIDIUM

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti Bambini e cuccioli Il gatto di casa e la futura mamma Dott.ssa Nadia Gussetti Azienda Ospedaliera Padova ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DALL ANIMALE ALL UOMO PER CONTATTO DIRETTO O PER VIA INDIRETTA Padova,

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Le epatiti virali DEFINIZIONE VIRUS DELLE EPATITI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria

Le epatiti virali DEFINIZIONE VIRUS DELLE EPATITI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria Le epatiti virali Prof. P. Cavallo 1 DEFINIZIONE Con il termine epatiti virali si intendono una serie di forme infettive

Dettagli

MRSA QUIZ. LA 9 GIORNATA DI FORMAZIONE IN TICINO Britt Vallini

MRSA QUIZ. LA 9 GIORNATA DI FORMAZIONE IN TICINO Britt Vallini Schweizerische Gesellschaft für Sterilgutversorgung Société de Stérilisation Hospitalière Società Svizzera di Sterilizzazione Ospedaliera MRSA QUIZ LA 9 GIORNATA DI FORMAZIONE IN TICINO Britt Vallini Domanda

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

Malattie infettive a trasmissione aerea

Malattie infettive a trasmissione aerea Ogni anno, immancabilmente, si ripete un incontro puntuale quanto indesiderato... quello fra l uomo ed i virus influenzali Malattie infettive a trasmissione aerea Ambiente: densità della popolazione occasioni

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Virus delle febbri emorragiche 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Hemorrhagic Fever Viruses JAMA, 2002; 287:2391 Family Disease Vector in Nature Geographic Distribution

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

Insieme di tutti i microrganismi che abitano il corpo umano in modo inoffensivo in un individuo sano: MICROBIOTA. commensali = organismi che si

Insieme di tutti i microrganismi che abitano il corpo umano in modo inoffensivo in un individuo sano: MICROBIOTA. commensali = organismi che si Insieme di tutti i microrganismi che abitano il corpo umano in modo inoffensivo in un individuo sano: MICROBIOTA. commensali = organismi che si alimentano insieme Come ci vedono i microrganismi Gli organi

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari

Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari Dipartimento di Scienze e tecnologie alimentari e microbiologiche Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari Listeria: tassonomia Bastoncini Gram positivi, asporigeni, catalasi

Dettagli

LISTERIOSI. Scheda listeriosi Pag. 1. Caratteristiche della patologia E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia

LISTERIOSI. Scheda listeriosi Pag. 1. Caratteristiche della patologia E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia LISTERIOSI Caratteristiche della patologia Informazioni E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia Listeriosi (circling disease). E.1.2 Agente/i eziologico/i Listeria monocytogenes, batterio gram positivo di forma

Dettagli

POXVIRUS. VIRUS a DNA con ENVELOPE

POXVIRUS. VIRUS a DNA con ENVELOPE POXVIRUS VIRUS a DNA con ENVELOPE POXVIRUS Caratteristiche: Virus molto grande e COMPLESSO Con inviluppo (2 membrane), 200-400 nm Forma ovoidale o a parallelepipedo Genoma dsdna lineare, 130-300 Kbp Unico

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

ELEMENTI DI IGIENE. Nozioni di Dietologia ed Igiene degli Alimenti. Dr. Mario Esposito Tecnico della Prevenzione Azienda Sanitaria Locale LECCE

ELEMENTI DI IGIENE. Nozioni di Dietologia ed Igiene degli Alimenti. Dr. Mario Esposito Tecnico della Prevenzione Azienda Sanitaria Locale LECCE ELEMENTI DI IGIENE Nozioni di Dietologia ed Igiene degli Alimenti Dr. Mario Esposito Tecnico della Prevenzione Azienda Sanitaria Locale LECCE La dietetica, talvolta definita dietologia, è una disciplina

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

PSEUDORABBIA. Scheda pseudorabbia Pag. 1. Caratteristiche della patologia E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia

PSEUDORABBIA. Scheda pseudorabbia Pag. 1. Caratteristiche della patologia E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia PSEUDORABBIA Caratteristiche della patologia Informazioni E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia Pseudorabbia (Malattia di Aujeszky). E.1.2 Agente/i eziologico/i Herpesvirus del suino (PRV). E.1.3 Breve descrizione

Dettagli

04/04/2011 USO IMPROPRIO DEI MICRORGANISMI: LA GUERRA BIOLOGICA. Non è una idea nuova... caratteristiche ideali di un arma biologica:

04/04/2011 USO IMPROPRIO DEI MICRORGANISMI: LA GUERRA BIOLOGICA. Non è una idea nuova... caratteristiche ideali di un arma biologica: USO IMPROPRIO DEI MICRORGANISMI: LA GUERRA BIOLOGICA Non è una idea nuova... caratteristiche ideali di un arma biologica: 1) facile da produrre Bio weapon Quando si parla di guerra biologica ci si riferisce

Dettagli

TOXOPLASMA GONDII 10/03/2014. Phylum Protozoa. Subphylum Apicomplexa. Classe Sporozoasida. Subclasse Coccidia. Ordine Eucoccidida

TOXOPLASMA GONDII 10/03/2014. Phylum Protozoa. Subphylum Apicomplexa. Classe Sporozoasida. Subclasse Coccidia. Ordine Eucoccidida Phylum Protozoa Subphylum Apicomplexa Classe Sporozoasida Subclasse Coccidia Ordine Eucoccidida Famiglia Sarcocystiidae Genere Toxoplasma TOXOPLASMA GONDII cosmopolita Felidi - CICLO COMPLETO (fase asessuata

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

MERCURIO : FONTI E CICLO BIOLOGICO

MERCURIO : FONTI E CICLO BIOLOGICO MERCURIO : FONTI E CICLO BIOLOGICO 1 CICLO BIOGEOCHIMICO DEL MERCURIO Hg Hg ++ CH 3 Hg Hg ++ CH 3 Hg 2 MERCURIO FONTI 1 L IMMISSIONE DI Hg NELL AMBIENTE E ESSENZIALMENTE LEGATA ALL INQUINAMENTO INDUSTRIALE.

Dettagli

Tetano. Dott.ssa Pamela Di Giovanni

Tetano. Dott.ssa Pamela Di Giovanni Tetano Dott.ssa Pamela Di Giovanni Tetano Malattia tossi-infettiva, acuta e non contagiosa dovuta ad un bacillo, il Clostridium tetani, che penetra nell organismo attraverso una soluzione di continuo della

Dettagli

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA).

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Le malattie veicolate da alimenti continuano ad essere anche nei paesi industrializzati un rilevante problema

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

definizioni epidemiologia e prevenzione delle tossinfezioni alimentari bonifica del latte e principi di conservazione degli alimenti

definizioni epidemiologia e prevenzione delle tossinfezioni alimentari bonifica del latte e principi di conservazione degli alimenti Igiene degli alimenti definizioni epidemiologia e prevenzione delle tossinfezioni alimentari bonifica del latte e principi di conservazione degli alimenti Malattie infettive ed alimentazione Le modifiche

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS)

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) COSA SONO? Sono malattie provocate da virus, batteri, parassiti o funghi; l infezione viene trasmessa attraverso i rapporti sessuali con persone malate o portatrici

Dettagli

Enterocolite Necrotizzante

Enterocolite Necrotizzante Giuseppe Stranieri Enterocolite Necrotizzante Patologia acquisita che interessa specialmente il neonato prematuro o il neonato patologico, caratterizzata da una necrosi della mucosa o anche degli strati

Dettagli

LA LEPTOSPIROSI NEL CAVALLO

LA LEPTOSPIROSI NEL CAVALLO UNIVERSITÀ DI PISA 16 Gennaio 2015 SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN SANITÀ ANIMALE ALLEVAMENTO E PRODUZIONI ZOOTECNICHE Seminario Aggiornamento sulle leptospirosi degli animali LA LEPTOSPIROSI NEL CAVALLO

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Epidemiologia delle malattie infettive Dott.ssa Pamela Di Giovanni Malattie infettive Con il termine di malattia infettiva si intendono tutte quelle affezioni patologiche provocate da organismi viventi

Dettagli

Corso Formazione Sanitaria fauna selvatica RISCHI SANITARI, FAUNA SELVATICA E LORO PREVENZIONE

Corso Formazione Sanitaria fauna selvatica RISCHI SANITARI, FAUNA SELVATICA E LORO PREVENZIONE Corso Formazione Sanitaria fauna selvatica 2005 RISCHI SANITARI, FAUNA SELVATICA E LORO PREVENZIONE MALATTIE TRASMISSIBILI DALLA FAUNA SELVATICA ALL UOMO CARATTERISTICHE GENERALI BRUCELLOSI malattia infettiva

Dettagli

Mortalità infantile I perché di uno studio

Mortalità infantile I perché di uno studio Mortalità infantile I perché di uno studio Nei regimi demografici ad alta mortalità, i morti nel primo anno di vita costituiscono 1/4-1/3 dei decessi complessivi Tra il primo ed il secondo anno di vita

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

Medico e Medico Veterinario: una sinergia nel controllo delle zoonosi alimentari

Medico e Medico Veterinario: una sinergia nel controllo delle zoonosi alimentari Università di Bologna - Facoltà di Medicina Veterinaria 19 marzo 2010 Medico e Medico Veterinario: una sinergia nel controllo delle zoonosi alimentari Attualità delle malattie trasmesse da alimenti Emilia

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO:RISCHI MICROBIOLOGICI E MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE PROF. G. Sansebastiano Dr.ssa R. Zoni Dr.ssa L. Bigliardi UNIVERSITA DI PARMA microrganismi

Dettagli

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasma gondii Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasmosi - Epidemiologia Toxoplasma gondii (Phylum: Apicomplexa, Classe: Sporozoea)

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

Toxocara canis. Un passeggero clandestino

Toxocara canis. Un passeggero clandestino Dipartimento di Scienze veterinarie Dipartimento di Biologia molecolare, cellulare, animale Dipartimento Servizi alla Persona e alla Comunità Servizio Veterinaria, Igiene, Sicurezza e Qualità Nutrizionale

Dettagli

MALATTIE AVIARIE PRINCIPALI PATOLOGIE CHE SI RISCONTRANO IN ALLEVAMENTO

MALATTIE AVIARIE PRINCIPALI PATOLOGIE CHE SI RISCONTRANO IN ALLEVAMENTO MALATTIE AVIARIE PRINCIPALI PATOLOGIE CHE SI RISCONTRANO IN ALLEVAMENTO Dott.ssa Subacchi Annalisa Genetista presso Ospedale S.Raffaele di Milano 29/04/2009 PRINCIPALI PATOLOGIE AVIARIE DI NATURA INFETTIVA

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

Dott. Ternavasio. A.S.L. 8 Carmagnola Servizio Veterinario Piazza Italia Foro Boario

Dott. Ternavasio. A.S.L. 8 Carmagnola Servizio Veterinario Piazza Italia Foro Boario Dott. Ternavasio A.S.L. 8 Carmagnola Servizio Veterinario Piazza Italia Foro Boario 1 _TUBERCOLOSI_ Mycobacterium tuberculosis (uomo) Uccelli = Resistenti * * Eccetto Psittacidae di solito assiocata ad

Dettagli

Influenza. Prof. Vincenzo Cuteri. Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino

Influenza. Prof. Vincenzo Cuteri. Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino Influenza Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino Orthomyxoviridae: Influenza Pandemie ed epidemie influenzali 1918 Spagnola (H1-N1) 20 milioni di morti 1957 Asiatica

Dettagli

Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche

Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche Zoonosi tradizionali e malattie trasmesse da zecche Prevenzione delle zoonosi e delle malattie trasmesse da vettori Dott Vito Perremuto Definizioni Sorgente d infezione Serbatoio d infezione portatore

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli