STRUMENTI MUSICALI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUMENTI MUSICALI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE"

Transcript

1 STRUMENTI MUSICALI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LA COSTRUZIONE DEGLI STRUMENTI MUSICALI A ROMA Cenni storici Passeggiando per le sale del Museo Nazionale degli Strumenti Musicali, nei pressi della Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, il visitatore rimane colpito dalla varietà dei pezzi esposti, ancor prima che dalla loro bellezza o valenza culturale. Manufatti di assoluta semplicità costruttiva quali fischietti in terracotta, campanelli, sonagli si alternano infatti a opere raffinate esteticamente oltre che nell elaborazione tecnico-acustica. Alcuni organi, cembali, arpe sono veri e propri capolavori di scultura, pittura e decorazione. La musica, e gli strumenti per la sua esecuzione, hanno sempre affiancato la vita dell uomo, accompagnandone gli eventi più significativi e le attività di relazione. Riproducendo però anche le divisioni sociali. Mentre tamburelli, nacchere e colascioni allietavano le feste popolari in strada o le scampagnate fuori porta delle ottobrate romane, liuti, arpe e clavicembali rappresentavano gli strumenti di una musica colta, suonata nel chiuso dei sontuosi palazzi di nobili e cardinali. Il museo conserva opere di straordinario pregio della Roma papale. Come l arpa creata da un ignoto costruttore per la famiglia Barberini fra il secondo e il terzo decennio del Seicento, data in uso a Marco dell arpa, soprannome del compositore di scuola romana Marco Marazzoli. Roma ha avuto nel corso del tempo una tradizione di tutto rispetto nel campo della costruzione di strumenti musicali. Per un lungo periodo la fabbricazione di cordofoni (viole ad esempio), ebbe una notevole rilevanza. Poi, con l avvento del violino, le punte più elevate di arte e perfezione tecnica furono raggiunte da Stradivari e dalla sua scuola cremonese, che per molto tempo soppiantò tutte le altre. Fra i grandi artefici che operarono nella città, accanto a maestri di origine romana vi erano molti stranieri, in particolare tedeschi, giunti dalla Baviera o da zone limitrofe per porsi al servizio della ricca committenza delle famiglie nobiliari e della Corte pontificia. A questo proposito le fonti archivistiche traggono in inganno. Leggendo i nomi in esse contenuti la presenza di forestieri sembrerebbe infatti ben poca cosa. Questo accade perché nei documenti parrocchiali i cognomi venivano spesso italianizzati. Già agli inizi del Cinquecento, e per buona parte del secolo successivo, a Roma i fabbricanti di strumenti musicali, che aderivano alla Confraternita dei Falegnami, concentrarono le loro botteghe in vicolo dei Leutari e nelle strade adiacenti, nel rione Parione. Alcuni maestri operarono però anche in altre zone. Fra gli ultimi decenni del XVI secolo e la metà del XVIII, è documentata la presenza nell area intorno piazza Pasquino di oltre 50 liutai titolari di bottega, presso i quali lavorarono centinaia di apprendisti. Fra il 1656 e il 1657 la zona fu violentemente colpita dalla peste, che provocò numerosi morti tra i fabbricanti di strumenti musicali. Molti dei liutai attivi a Roma nei decenni a cavallo fra Cinque e Seicento erano in qualche modo collegati con la famiglia Alberti, giunta dalla Germania intorno al 1560, che dominò il campo con soci, parenti, allievi. Il capostipite, Pietro, era uno dei più stimati liutai del tempo. Tra le altre significative stirpi presenti a Roma vi 1

2 furono i Marchetti, i Portoghesi, la cui attività si concluse a Trastevere nei primi decenni del Settecento, i Lauri, forse di origini fiamminghe, operanti già nel Cinquecento. Con il termine liutaio si indicavano i costruttori di cordofoni ad arco e a pizzico. Gli strumenti a corde pizzicate, come liuti, arciliuti, chitarroni, ebbero una notevole fortuna nella città, e divennero pian piano l attività primaria dei maestri romani. A partire dalla metà del Seicento il declino del liuto e la crescente fortuna a Roma della chitarra fece sì che la dizione liutaro fosse progressivamente sostituita dal termine chitarraro, presente nei registri parrocchiali già dal e poi comunemente usato negli ultimi decenni del secolo. Sono gli stessi inventari delle botteghe romane dell epoca a evidenziare come nella seconda metà del Seicento venivano costruite a Roma molte chitarre e ben pochi violini. Alcuni fabri instrumentorum musicalium avevano la capacità di costruire strumenti molto diversi fra loro, altri erano in grado di suonare i manufatti prodotti, come Giovanni Felice Frezza, che fu liutista in concerti promossi dal cardinale Ottoboni, e Alberto Platner, che si esibì nei concerti dell Arcadia. Oltre ai chitarrari vi erano a Roma altre specializzazioni nel campo della costruzione degli strumenti musicali, in particolare organari, cembalari e cordari di budelle. I cembali erano gli antenati del moderno pianoforte, inventato dal fiorentino Bartolomeo Cristofori e inizialmente definito cimbalo con martellini. La vera novità risiedeva infatti nella concezione meccanica, che trasformava l originario strumento a corde pizzicate in uno strumento a corde percosse da martelletti. Fonti d archivio ci permettono di conoscere i nomi di alcuni cembalari romani del passato, come Jacomo Ramerini e Giuseppe Boni Cortona oppure famiglie quali i Cremisi da Colonia, attivi per quattro generazioni a partire dalla seconda metà del Seicento. Nella Roma del passato erano particolarmente importanti anche i costruttori di corde armoniche, ovvero i cordari di budelle, riuniti in corporazione dalla fine del Cinquecento. Se le loro botteghe, concentrate nel rione Regola, erano poco amate perché considerate pericolosi focolai di infezione, le corde romanesche erano invece molto apprezzate in tutta Europa. Un autorevole conferma viene da un manoscritto dei primi decenni del Settecento, opera dell antiquario Giampiero Pinaroli: «Molti sono i luoghi dove si fabricano simili corde nell Italia e nella Francia; mà, di tutte, le migliori vengono riputate quelle di Roma. Molti hanno provato ad imitarle, mà nessuno vi è riuscito con sodisfattione. Molti ne attribuiscono l eccellenza alla perizia dei maestri, molti altri l attribuiscono all aria». In realtà il pregio delle corde di Roma, che richiedevano una lavorazione molto lunga e fino a cinquanta budelli per ogni pezzo, non era dovuto all aria ma alla giovane età dei capi di bestiame impiegati. La crisi del settore si fece pesantemente sentire nel Settecento, come apprendiamo tra l altro da un documento della metà del secolo sottoscritto da tre chitarrari e stampato dall Università dei cordari per ottenere il permesso di aumentare il prezzo delle corde di budello: «Noi sottoscritti chitarrari di Roma facciamo piena, & indubitata fede mediante il nostro giuramento, avanti chi spetta, che da molti anni addietro in Roma si è introdotto l uso delle chitarre à corde d acciaro, ed à poco, à poco è cresciuto di maniera tale, che presentemente noi non fabricamo più chitarre à corde di budello, e dove prima ogn uno di noi chitarrari consumava di dette corde molte centinaia di scudi, al presente non ne compramo per trenta pauoli l anno per 2

3 armare qualche violino, che noi fabrichiamo, e per esser la verità habbiamo sottoscritto la presente &c. questo di 12 ottobre 1747». A sfogliare i documenti d archivio si nota che i costruttori di strumenti musicali, o quantomeno i titolari di bottega, erano nella quasi totalità uomini. Del resto nella Roma dei papi alle donne si cercò talvolta persino di impedire di suonare, come risulta da un Editto del 1703 nel quale si legge che «Essendo ben noti gl inconvenienti che si esperimentano dall applicazione delle donne alla musica, per la quale senza discapito di quella modestia, che tanto conviene al loro sesso, si distraono dalle faccende ed occupazioni loro più proprie» volendo rimuovere «le occasioni del male» si vieta a tutte le donne di imparare a «cantare o suonare qualsivoglia musicale istromento dagli uomini». Anche in tempi più recenti hanno operato a Roma grandi maestri. Tra i liutai del Novecento si ricordano Politi, Fiorini, Sacconi, Sannino, Rodolfo Fredi e il suo allievo Giuseppe Lucci, liutaio romagnolo chiamato nella capitale alla metà del Novecento per risollevare le sorti del laboratorio del celebre maestro, decaduto alla sua morte. Nel corso degli anni, messosi in proprio, Lucci ha espresso pienamente le proprie singolari capacità costruendo pregiati strumenti, facilmente riconoscibili per l originale marchio che li caratterizza: due pesci collegati da una lettera G, simboli del nome e cognome dell autore. Oggi, nell elegante casa-laboratorio nei pressi del Teatro dell Opera, che ha ospitato il maestro fino alla sua scomparsa, nel 1991, l illustre tradizione è proseguita dal genero Rodolfo Marchini, che fabbrica e restaura strumenti musicali a corda. Il procedimento per la realizzazione artigianale di un violino è tuttora molto lungo, e composto di fasi complesse e particolarmente delicate. Ad esempio, quando al profano il lavoro sembra ormai praticamente finito, cioè solo da verniciare, bisogna ancora passargli - se si vuole seguire il procedimento classico fino a cinquanta mani, una al giorno, di una particolare mistura di sostanze naturali. Sul banco da lavoro di un liutaio si trovano utensili da falegname quali sgorbie, lime e trafori, ma anche coltellini per intagliare le effe o speciali attrezzi come il ferro piegafasce, strumenti che permettono di rinnovare quella magia indissolubilmente legata alla nascita di ogni strumento artigianale. A Roma il mestiere del liutaio ha negli ultimi anni riacquistato prestigio, dopo una crisi in cui ha rischiato l estinzione, e anche alcuni giovani si sono avvicinati a questa affascinante arte. PREMESSA Il presente Disciplinare di produzione si propone quale inventario di regole su materiali e tecniche produttive approntato dal Comune di Roma per definire e individuare le lavorazioni artigiane che presentino elevati requisiti di tipo artistico o esprimano caratteristiche saldamente collegate alla tradizione locale, al fine di predisporre, in generale, un programma di tutela e valorizzazione di tali attività e, nello specifico, un Albo comunale delle imprese dell artigianato artistico, tradizionale e del restauro, d ora in poi denominato semplicemente Albo comunale. Il Comune di Roma intende perseguire i seguenti obiettivi: 3

4 tutela dei requisiti di professionalità e di origine delle produzioni dell artigianato artistico, tradizionale e del restauro degli oggetti d arte e di cultura; salvaguardia e riqualificazione delle lavorazioni tradizionali sotto i profili estetico, stilistico e tecnico; valorizzazione dei prodotti dell artigianato artistico e tradizionale nel mercato interno e in quello internazionale; diffusione e divulgazione della conoscenza delle tecniche e delle produzioni tipiche e dei requisiti di manualità e professionalità insiti nelle lavorazioni artistiche e tradizionali di qualità; acquisizione di documentazione concernente le origini, lo sviluppo storico-stilistico e i percorsi evolutivi delle lavorazioni; sostegno alla creazione e allo sviluppo di nuove imprese tramite progetti di recupero e rivitalizzazione di attività locali tradizionali, artistiche e di restauro; incentivazione alla partecipazione a eventi e manifestazioni culturali e fieristiche collettive quali esposizioni, mostre e mostre mercato; creazione delle condizioni per la trasmissione del saper fare e del saper essere da parte dei maestri artigiani alle nuove generazioni, in particolare tramite l organizzazione di corsi di formazione professionale, l istituzione di botteghe scuola, la programmazione di incentivi che stimolino gli artigiani e i restauratori più esperti a tramandare tecniche e saperi ai giovani. ART. 1 PERCORSI CULTURALI Il Disciplinare si rivolge all impresa che deve saper riconoscere e collocare criticamente la propria attività nel contesto produttivo tipico che l ha vista nascere, nel pieno rispetto del percorso storico-culturale che l ha condotta a produrre l esperienza di artigianato artistico e tradizionale di qualità. L impresa che opera nel campo del restauro, qualsiasi siano le sue dimensioni, deve richiamarsi a principi di etica professionale che pongono quale fondamento dell attività lavorativa la consapevolezza dell operare su beni unici e irripetibili. Deve inoltre possedere la capacità di provare le proprie attitudini e conoscenze, dimostrando di agire in base a un corretto approccio metodologico e di padroneggiare gli strumenti di analisi necessari ad affrontare qualsiasi intervento che un restauro potrebbe richiedere. Devono pertanto essere considerati requisiti peculiari e indispensabili dell impresa che chiede di essere iscritta all Albo comunale: il richiamo alla tradizione inteso come acquisizione di una cultura specifica, non solo materiale ma anche storica ed estetica, appartenente all ambito produttivo o di restauro in cui l impresa è nata e opera; 4

5 l innovazione ovvero la volontà e, tendenzialmente, la capacità di ricercare e sperimentare nuovi sistemi di ideazione e modelli di produzione che contribuiscano al superamento delle obsolete contrapposizioni tra tecniche tradizionali e nuove tecnologie e si muovano in un territorio scevro da netti confini fra arte, artigianato e design; l aggiornamento professionale vale a dire la disponibilità a recepire stimoli e sollecitazioni provenienti dalle istituzioni preposte, dagli enti che svolgono attività di tutela, ricerca, valorizzazione del patrimonio culturale e più in generale dal mercato del lavoro; il legame con le nuove generazioni ovvero la disponibilità a offrire reali opportunità di formazione e apprendimento ai giovani, in modo da garantire la continuità dell impresa artigiana. ART. 2 - DEFINIZIONE DEL SETTORE Il presente Disciplinare riguarda la produzione e il restauro del settore Strumenti Musicali. La produzione è intesa come creazione di manufatti nei quali predomini il richiamo alla tradizione o il valore artistico. In essa devono essere presenti: - un alto contenuto di manualità; - una perfezione tecnica che soddisfi, oltre alla qualità costruttiva, la rispondenza ai criteri delle convenzioni musicali universalmente applicate; - il rispetto dei valori e delle regole musicali esistenti; - l artisticità e l eccellenza dei prodotti, che deve comprendere accuratezza nella qualità dei materiali, precisione nei particolari funzionali, equilibrio delle caratteristiche foniche, robustezza, adattabilità ai vari generi musicali, oltre che bellezza estetica dello strumento; - la realizzazione di pezzi unici oppure di serie limitate, a condizione che permangano le stesse caratteristiche di manualità e professionalità che contraddistinguono il pezzo unico. Le doti di eccellenza dell artigiano dovranno essere valutate indipendentemente dalla natura della sua educazione all arte, sia essa avvenuta per vero e proprio percorso scolastico oppure sia stata acquisita grazie a specifica sensibilità personale accresciuta e perfezionata da un apprendimento al fianco di altri già esperti artigiani o maestri d arte. 5

6 2.1. Artigianato tradizionale Tradizionale è il prodotto che rispetta e ripropone una tradizione tecnica ed estetico-formale creatasi e consolidatasi nel corso del tempo nel peculiare contesto storico, culturale e geografico Artigianato artistico Artistico è il prodotto unico o a numero limitato, in qualsivoglia materiale, che sia eccellente da un punto di vista tecnico, rispetti ove esistenti - regole e valori prestabiliti, abbia valenza formale innovativa autonoma e si distingua per la bellezza estetica (proporzioni, colori, particolari decorativi). Ovvero comunichi una scelta stilistica e/o esprima il linguaggio proprio del suo creatore, sia un esempio di accuratezza e precisione esecutiva nel solco della tradizione o proponga, a livello sperimentale, nuove procedure di realizzazione Restauro La Carta 1987 della Conservazione e del Restauro degli oggetti d arte e di cultura definisce restauro «qualsiasi intervento che, nel rispetto dei principi della conservazione e sulla base di previe indagini conoscitive di ogni tipo, sia rivolto a restituire all oggetto, nei limiti del possibile, la relativa leggibilità e, ove occorra, l uso». ART. 3 REQUISITI E SOGGETTI Potranno essere iscritte all Albo comunale solo le imprese che abbiano la capacità di realizzare manufatti finiti su disegno, commessa o progetto proprio nei comparti di competenza e/o che eseguano su di essi fasi di lavorazione specifica. Il titolare dell azienda deve avere una conoscenza del disegno sufficiente per poter interpretare e tradurre eventuali progetti di professionisti esterni, una perfetta conoscenza delle tecniche di lavorazione tradizionali, dei sistemi produttivi, dei materiali. Deve inoltre avere una padronanza dell intero ciclo di produzione ed essere in grado di partecipare direttamente alle fasi produttive. È richiesta un esperienza almeno triennale nel settore e una comprovata capacità. Per le aziende di nuova formazione sarà determinante che il titolare abbia svolto attività produttive nel settore, anche se da dipendente, con mansioni lavorative adeguate, quale operaio o coadiuvante per almeno tre anni. In alternativa è richiesto un diploma di un Istituto Statale d Arte o un attestato di scuola di formazione professionale del settore. Nel caso di consorzi è indispensabile che almeno i 4/5 delle imprese che ne fanno parte siano riconosciute imprese dell artigianato artistico. ART. 3 REQUISITI E SOGGETTI Potranno essere iscritte all Albo comunale solo le imprese che abbiano la capacità di realizzare manufatti finiti su disegno, commessa o progetto proprio nei comparti di competenza e/o che eseguano su di essi fasi di lavorazione specifica. Il titolare dell azienda deve avere una conoscenza del disegno sufficiente per poter interpretare e tradurre eventuali progetti di professionisti esterni, una perfetta conoscenza delle tecniche di lavorazione tradizionali, dei sistemi produttivi, dei 6

7 materiali. Deve inoltre avere una padronanza dell intero ciclo di produzione ed essere in grado di partecipare direttamente alle fasi produttive. È richiesta un esperienza almeno triennale nel settore e una comprovata capacità. Per le aziende di nuova formazione sarà determinante che il titolare abbia svolto attività produttive nel settore, anche se da dipendente, con mansioni lavorative adeguate, quale operaio o coadiuvante per almeno tre anni. In alternativa è richiesto un diploma di un Istituto Statale d Arte o un attestato di scuola di formazione professionale del settore. Nel caso di consorzi è indispensabile che almeno i 4/5 delle imprese che ne fanno parte siano riconosciute imprese dell artigianato artistico. ART. 4 RICONOSCIMENTO Per l ottenimento del riconoscimento le imprese dovranno provare la propria capacità compilando il questionario predisposto, allegando un dettagliato curriculum nel quale dovranno essere evidenziate esperienze produttive, partecipazione a esposizioni, partecipazione attiva ad associazioni di categoria e una documentazione fotografica di lavorazioni eseguite e prodotti realizzati, dalla quale sia rilevabile la capacità di operare secondo i principi contenuti nel presente Disciplinare. Si precisa che le tecniche di lavorazione descritte nel presente Disciplinare, oltre che essere patrimonio della conoscenza e della capacità professionale e manuale dell azienda, dovranno essere utilizzate correntemente per la produzione da parte del soggetto che fa richiesta dell iscrizione all Albo comunale Accettazione delle domande La Commissione competente per l esame delle domande potrà richiedere specificazioni, documentazioni aggiuntive ed effettuare sopralluoghi presso le aziende richiedenti. Nel caso di imprese costituite da un periodo inferiore ai tre anni e nel caso di imprese che, volendo iniziare l attività, non siano ancora in possesso della documentazione necessaria, saranno ritenuti indispensabili dei colloqui e, a discrezione della Commissione esaminatrice, eventuali sopralluoghi nei siti di produzione Attività commerciale Potranno essere riconosciute anche le aziende artigiane che effettuano attività commerciale, a patto che essa sia secondaria e che non si possa generare confusione tra il manufatto regolarmente prodotto in azienda e quello esclusivamente commercializzato Titolarità Referente per il riconoscimento è il titolare dell azienda: in caso di società, almeno uno dei soci deve essere in possesso dei requisiti. Il riconoscimento decadrà nel caso di scioglimento o di modifica della compagine sociale. Potrà comunque essere nuovamente richiesto Cancellazione 7

8 L impresa sarà cancellata dall Albo comunale in caso di cessazione dell attività oppure qualora vengano a mancare i requisiti e la continuità rispetto a quanto dichiarato nella richiesta di iscrizione Ricorsi I ricorsi dovranno essere presentati alla Commissione Comunale per il Disciplinare di Produzione Iter procedurali A riassunto e chiarimento di quanto sopra espresso si evidenziano le procedure di riconoscimento che pertanto risultano: a. Compilazione della domanda-questionario; b. Primo grado di valutazione delle imprese del questionario; c. Approfondimento eventuale con richiesta di colloquio; d. Predisposizione di controlli in azienda; e. Previsione della possibilità di ricorso. ART. 5 CONTROLLI Il Comune potrà in qualsiasi momento attuare procedure di controllo al fine di verificare il persistere dei requisiti dell impresa e la continuità rispetto a quanto dichiarato nella richiesta di iscrizione all Albo comunale. ART. 6 DENOMINAZIONE È stata individuata la denominazione Roma Arte Eccelsa da attribuire alle aziende di ogni settore dell artigianato artistico, tradizionale e del restauro che abbiano ottenuto il riconoscimento e la conseguente annotazione specifica nell Albo comunale. Le imprese potranno utilizzare tale denominazione, nonché il marchio predisposto dal Comune di Roma: - nei documenti sociali; - nelle iniziative commerciali o pubblicitarie; - negli stand presso fiere ed esposizioni; - nelle insegne dei propri laboratori. L uso, lo sviluppo e la diffusione di tale marchio sono disciplinati dal Comune di Roma, che ne rimane proprietario esclusivo. 8

9 PRODUZIONE A. PRODUZIONE Le classi di costruzione prese in considerazione derivano dalla classificazione che raggruppa gli strumenti musicali secondo il corpo fisico sollecitato per la produzione del suono. Le categorie principali sono cinque, ognuna delle quali prevede delle sottoclassi: 1. Aerofoni, strumenti nei quali il suono è prodotto dalle vibrazioni di una o più colonne d aria; 2. Cordofoni, strumenti nei quali il suono è prodotto dalle vibrazioni di corde; 3. Membranofoni, strumenti nei quali il suono è prodotto dalle vibrazioni di membrane o pelli; 4. Idiofoni o autofoni, strumenti nei quali il suono è prodotto dalle vibrazioni di corpi solidi, già dotati di propria autonoma elasticità; 5. Elettrofoni, strumenti nei quali il suono è prodotto dalle vibrazioni determinate dal passaggio di corrente elettrica. In relazione allo scopo del presente Disciplinare, alla suddivisione soprascritta sono state apportate alcune modifiche. Si è scelto di escludere gli strumenti elettrofoni (tastiere elettroniche, sintetizzatori, ecc.) in quanto non si ravvisano nella loro produzione caratteri artigianali. Sono stati inoltre unificati i punti 3 e 4 (membranofoni e idiofoni) nella definizione più generica di strumenti a percussione. In conclusione, i comparti trattati in merito alle caratteristiche di costruzione sono: Aerofoni; Cordofoni; Strumenti a percussione (Membranofoni e Idiofoni). A.1. Aerofoni Sono definiti aerofoni tutti gli strumenti nei quali il suono è prodotto dalla vibrazione dell aria. Si suddividono in: A.1.1. Strumenti a insufflazione diretta (cosiddetti fiati ). Il suono è prodotto dalla messa in vibrazione dell aria solitamente contenuta in canne o tubi. A loro volta possono essere ulteriormente suddivisi in: A Legni o strumentini (strumenti in legno o costruiti originariamente in legno) Sono inclusi in questa categoria anche gli strumenti costruiti originariamente in legno e fabbricati ora in metallo (flauti traversi), e quelli 9

10 che pur seguendo le tecniche dei legni, sono costruiti dall origine in metallo (saxofoni). La tecnica permette di ottenere la gamma dei suoni della scala (verso l acuto), partendo da un tubo di lunghezza e conseguente intonazione prefissate, praticando lungo il canneggio fori la cui apertura e chiusura sono regolate da tamponi o chiavi. I legni possono essere: a) Strumenti a fiato a bocca (o imboccatura naturale), con tubo aperto o con tubo chiuso Il flusso d aria proveniente dalle labbra viene indirizzato contro il bordo di uno spigolo che lo frange, quindi trasmesso alla colonna d aria contenuta nel tubo, producendo in base alle dimensioni di quest ultimo una determinata altezza di suono. Ricordiamo i flauti dolci (diritti) tra quelli a fessura, l ocarina tra quelli a tubo chiuso e i flauti traversi tra quelli privi di fessura. b) Strumenti a fiato ad ancia semplice È costituita da una sottile lamina elastica, in legno, in canna o in metallo, applicata all imboccatura del tubo sonoro. L ancia semplice può essere battente, quando è appoggiata sull imboccatura del tubo in modo da battere sulla parte iniziale del canneggio (famiglie dei clarinetti, saxofoni); oppure libera se applicata all ingresso di un apertura in modo da vibrare liberamente avanti e indietro (sopra e sotto), occludendo temporaneamente la chiusura stessa ad ogni passaggio. c) Strumenti a fiato ad ancia doppia È formata da due linguette contrapposte che nel loro movimento vibratorio si avvicinano e allontanano alternativamente, chiudendo e aprendo la comunicazione con il canneggio sul quale sono applicate; per sua stessa natura l ancia doppia è sempre battente (famiglie degli oboi e dei fagotti). A Ottoni (strumenti in metallo e specialmente in ottone) Tecnicamente vengono definiti strumenti a bocchino. La tecnica è basata sulla possibilità di ottenere, da un tubo di lunghezza e intonazione prefissate, una serie di suoni più acuti selezionati dall esecutore mediante movimenti delle labbra che si appoggiano al bocchino. Con l aggiunta di parti supplementari di tubo, inseribili sul canneggio principale tramite meccanismi a pistone (trombe) o a leva (corni, tube) o a coulisse (tromboni), si può modificare verso il grave l intonazione di base. A Strumenti liberi Sono quegli strumenti nei quali la messa in vibrazione avviene sull aria esterna non costretta in tubi. Vi appartiene la categoria delle armoniche a bocca, le cui ance libere (solitamente in metallo) sono alloggiate in un 10

11 supporto di legno o di metallo, in unica fila o in file sovrapposte. Le ance vengono messe in vibrazione dalla bocca dell esecutore, sia espirando sia inspirando. A.1.2. Strumenti a insufflazione indiretta, tramite serbatoio d aria Elemento fondamentale della categoria è il serbatoio, che può essere di svariate forme, dimensioni e materiali: pelli (come nella cornamusa), legno (come nell organo); così come può essere alimentato in varie maniere, insufflandovi l aria direttamente a bocca (cornamusa), oppure tramite apparato di pompe meccaniche o di elettroventilatori (organo). Fermo restando che il flusso d aria compresso proviene da un serbatoio o da un mantice, le tecniche di messa in vibrazione ricalcano quelle degli aerofoni a insufflazione diretta (ad esempio la vibrazione di ance libere non applicate su tubi, come nella fisarmonica e nell armonium) oppure in maniera mista, come può avvenire nell organo che utilizza sia canne ad anima, simili nella formazione della vibrazione al tipo dei flauti, sia canne ad ancia, di varie dimensioni e natura. A.2. Cordofoni Sono così definiti tutti gli strumenti nei quali il suono è prodotto dalle vibrazioni di una o più corde. Si suddividono secondo il sistema utilizzato per ottenere la vibrazione. A.2.1. Strumenti a corde strofinate La maggioranza di strumenti a corde strofinate è munito di un manico al di sopra del quale sono tese le corde (non accorciabili) le quali vengono strofinate tramite l arco. Tra questi troviamo i moderni strumenti ad arco (violino, viola, violoncello, contrabbasso) e tutti gli antichi strumenti che ne furono origine (vielle, antiche viole, lire da braccio e da gamba, ribeca, giga, tromba marina). A.2.2. Strumenti a corde pizzicate La vibrazione in questi strumenti si ottiene quando l esecutore interviene sulle corde pizzicandole. Le tecniche variano a seconda che lo strumento sia senza manico, con manico, con tastiera. Nel primo caso (senza manico) le corde possono essere accorciabili con le dita (cetra da tavolo), oppure avere lunghezza e suono fissi (citara, lira, salterio), oppure semi-fissi (arpa). Gli strumenti con manico, sul quale sono tese le corde che l esecutore può accorciare tramite pressione delle dita, si distinguono a loro volta in base alla forma della cassa armonica di risonanza: fondo convesso (famiglie dei liuti e delle mandole), fondo piatto (famiglia delle chitarre). Per gli strumenti con tastiera le corde (metalliche) vengono pizzicate da plettri innestati su asticciole (saltarelli) che poggiano verticalmente sulla parte terminale interna della barra di ogni tasto. In tutti si ha un telaio orizzontale sul quale sono tese le corde di lunghezza e numero variabile. Le corde possono presentarsi in posizione trasversale rispetto ai tasti (virginale), oppure obliqua (spinetta), oppure parallela (clavicembalo). 11

12 A.2.3. Strumenti a corde percosse Le forme riportano sommariamente a quelle degli strumenti a pizzico. La differenza è nella tecnica di produzione della vibrazione sulle corde, ottenuta tramite percussione o battito. Questa può essere diretta o indiretta tramite tastiera. Tra le dirette ricordiamo il cimbalom ungherese e il salterio tedesco o dulcimer, nei quali le corde vengono percosse da bacchette ricoperte in genere di cuoio o stoffa. Gli strumenti che adottano la tastiera sono principalmente il pianoforte e l antico clavicordo. A.3. Strumenti a percussione (idiofoni e membranofoni) Strumenti che usano la percussione diretta, talvolta mediata tramite meccanismi a tastiera, per produrre le vibrazioni sonore. A.3.1. Idiofoni Sono definiti idiofoni (anche detti autofoni) gli strumenti che producono il suono attraverso la messa in vibrazione del materiale stesso di cui sono composti, senza utilizzare altri corpi elastici posti in tensione. Si suddividono in: A A urto Il suono è prodotto da coppie di elementi battuti fra loro come per i piatti e i cimbali (dischi in metallo), per le nacchere o castagnette e le fruste (tavolette in legno duro), per i crotali (anticamente in legno ora in metallo). A A percussione Sono così definiti gli strumenti che vengono posti in vibrazione con l ausilio di un elemento sussidiario (mazza, bacchetta, bastoncino, ecc.). Alcuni di questi producono un suono di altezza indeterminata, come il triangolo, il gong, il tam-tam, il wood-block. Altri idiofoni a percussione sono costruiti per realizzare suoni di altezza determinata. Affiancando più elementi, possono produrre le serie di note corrispondenti alle scale musicali. Appartengono alla categoria: le campane, i campanelli o Glockenspiel o carillon, gli xilofoni, le marimbe, i vibrafoni. La celesta è un esempio di idiofono a percussione che utilizza un meccanismo percussivo a martelletti comandati da tastiera. A A scotimento Sono gli strumenti che utilizzano elementi mobili (campanelle, sonagli, dischetti, anelli, ecc.) montati su telai o bastoni. La vibrazione sonora è prodotta dall agitazione dello strumento. Tra questi troviamo l antico sistro, i sonagli, la mezzaluna, le maracas e la raganella. A A sfregamento Gli esempi più noti sono: la sega (costituita da una normale lama di sega posta in vibrazione sfregando il lato non dentato con un archetto), l armonica a bicchieri e strumenti simili (Glasspiel, Glassharmonica), formati da 12

13 bicchieri di cristallo da cui si ricava il suono sfregando leggermente il bordo con le mani oppure tramite congegni meccanici. A A pizzico Sistema adottato in strumenti designati come scatole musicali (boîte à musique o anche carillon), forniti di lamine metalliche diversamente intonate e poste in vibrazione da punte sporgenti montate su un cilindro rotante. A mano funziona invece lo scacciapensieri, dove la linguetta metallica viene pizzicata dall esecutore con un dito. A.3.2. Membranofoni Per membranofoni si intendono tutti gli strumenti nei quali il suono è prodotto dalle vibrazioni di una membrana tesa sull apertura di un supporto. La suddivisione normale prevede una distinzione secondo il metodo con cui viene posta in vibrazione la membrana: percussione, sfregamento o urto d aria. In effetti, a parte alcuni strumenti in cui la tecnica costruttiva prevede soltanto un metodo di vibrazione (come la caccavella napoletana per lo sfregamento, oppure il mirliton, il niastaranga indiano e il kazoo africano per l urto d aria), i metodi di vibrazione possono essere molteplici per ciascuno strumento. Per ciò che attiene specificatamente al presente Disciplinare è appropriato attenersi alle molte varianti costruttive che caratterizzano la grande famiglia dei tamburi. Caratteristiche che variano in relazione alla natura della membrana usata (pelli naturali o sintetiche), al corpo che funge da supporto (in legno, metallo, argilla...) o alla forma (cilindrica, conica, a cornice, a calotta...). A.4. TECNICHE DI LAVORAZIONE Considerando l estrema varietà e complessità delle tecniche di costruzione degli strumenti musicali non si ritiene opportuno, né possibile, compilare un elenco esaustivo delle norme, dei materiali, delle tecniche di lavorazione, tradizionali e recenti, alle quali l artigiano deve attenersi nella creazione dei manufatti. Oltretutto, alcuni strumenti particolarmente complessi prevedono l impiego di vari tipi di materiali, lignei, metallici e membranacei. Per questo si è preferito, anziché fornire un elenco che comunque non avrebbe avuto caratteristiche di esaustività, compilare a mero titolo esemplificativo alcune descrizioni specifiche riguardanti la natura e la modalità di realizzazione artigianale di strumenti a fiato e strumenti ad arco. Descrizioni che possono essere consultate quale documentazione per chiarire la complessità delle competenze e delle tecniche di lavorazione richieste nei campi specifici. Tali descrizioni si basano prevalentemente sui documenti pubblicati nel Disciplinare degli strumenti musicali della Regione Piemonte. Per gli scopi del presente Disciplinare riportiamo alle norme indicate negli Artt , dove sono elencate le caratteristiche indispensabili richieste nella produzione artigianale di eccellenza degli strumenti musicali. A.4.1. Strumenti a fiato I metodi di lavorazione degli strumenti a fiato si caratterizzano per il materiale con cui è costruito il corpo. Vengono qui descritte le tecniche di lavorazione degli strumenti a fiato con corpo in legno e corpo in metallo. 13

14 A Strumenti con corpo in legno I legni (strumenti a fiato con corpo in legno) più conosciuti sono: il clarinetto, il flauto, l oboe, il fagotto, il controfagotto e genericamente i pifferi. Fasi di lavorazione: a) Scelta e trattamento del legno Maggiormente utilizzati sono ebano, palissandro, ulivo, acero e bosso; più raramente pero, maggiociondolo e altri. Le essenze legnose devono possedere caratteristiche di notevole durezza e avere porosità molto fine. Il legno deve essere di prima qualità, stagionato e trattato con oli speciali idonei a renderlo impermeabile e resistente all umidità e all eccessiva secchezza. La stagionatura iniziale dei tronchi deve durare almeno cinque anni, successivamente si può procedere al taglio in forma di tavole o parallelepipedi (quadrotti) di dimensione adatta alla realizzazione dello strumento desiderato. Dopo il taglio, prima delle successive fasi di lavorazione, si attende ancora un periodo, variabile a seconda del legno scelto, per concludere la stagionatura. b) Lavorazione Tutte le fasi di lavorazione devono essere eseguite manualmente con utensili affilati in maniera eccellente, per conservare intatte le fibre del legno e ottenere superfici levigate. Si creano quindi, in genere tramite lavorazione al tornio, il canneggio interno, la foratura dei toni e i fori filettati sui quali vanno avvitate le colonnine, realizzate normalmente in alpacca oppure ottone, che montano le chiavi. Dopo essere state avvitate sul corpo dello strumento, le colonnine devono essere lavorate manualmente per la foratura, la filettatura e la fresatura nella parte distale sferica. Sul gambo si praticano, sempre manualmente, i fori centesimali nei quali si infilano le molle ad ago per il movimento di ritorno delle chiavi. I fori per le note devono essere leggermente conici e svasati nella parte interna del canneggio per favorire una perfetta fuoriuscita dell aria. Generalmente gli strumenti in legno sono formati da più pezzi che si innestano tra di loro. Le parti terminali devono essere lavorate a incastro maschio (spina) e femmina (bicchiere). Le spine sono ricoperte da un sottile strato di sughero applicato in una apposita incavatura per garantire una perfetta tenuta delle giunzioni. Anticamente invece del sughero veniva utilizzato filo di cotone arrotolato nelle incavature delle spine. La meccanica delle chiavi è generalmente in alpacca od ottone. Le caratteristiche costruttive delle chiavi sono uguali sia per gli strumenti con corpo in legno sia per gli strumenti con corpo in metallo. A Strumenti con corpo in metallo Gran parte degli strumenti con corpo in metallo è costituita dai cosiddetti ottoni (le famiglie dei flicorni, corni, cornette, trombe, tromboni, bassi a tracolla e susafoni). Troviamo inoltre i saxofoni e i flauti traversi oggi costruiti 14

15 generalmente in metallo. Storicamente costruiti in legno, clarinetti, fagotti e controfagotti sono oggi anche con corpo in metallo. Ricordiamo inoltre, anche se in disuso, i sarrusofoni e i contrabbassi ad ancia. a) Metalli utilizzati I metalli più utilizzati sono l ottone e l alpacca. Eccezionale è l utilizzo di rame, argento, oro e altre leghe speciali. Per la costruzione dei canneggi lo spessore della lamiera, diversa secondo lo strumento, è tra mm. 0,5 a 0,8 per gli ottoni; tra mm. 0,7 a 0,8 per i saxofoni; mm. 0,5 per i flauti e mm. 1,0 per i clarinetti. Si calcola che uno spessore tra mm. 0,1 e 0,2 circa venga perso durante le operazioni di imbutitura, levigatura e lucidatura. b) Lavorazione delle canne b.1. Canne diritte La costruzione di una canna diritta si esegue appoggiando sulla lastra di metallo il modello campione; seguendone il perimetro si pratica poi un incisione con una punta d acciaio. La forma così disegnata viene ritagliata con le cesoie. La sagoma sarà di forma rettangolare per canne cilindriche e a tronco di piramide per le canne coniche. Successivamente la lastra viene arrotolata manualmente per ottenere una forma approssimativamente circolare. Tenendo uniti i due bordi della lastra con lacci di filo di ferro o molle a pinza si procede alla saldatura. La saldatura (brasatura) deve essere eseguita con leghe di ottone di durezza e colore molto simili al materiale utilizzato, sia per non far notare la saldatura sia per mantenere inalterate le proprietà fisiche del metallo. Si procede quindi alla battitura della saldatura con appositi martelletti a testa tonda per verificarne l omogeneità, la compattezza e la resistenza. Utilizzando una apposita forma in acciaio viene eseguita l imbutitura, battendo la canna con mazzuole di legno, gomma o cuoio. L operazione è completata con imbutitori di acciaio a sezione semicircolare fino a ottenere una canna a sezione perfettamente tonda. Infine si procede alla levigatura e lucidatura. b.2. Canne curve All interno di una canna diritta si cola del piombo o della pece. Quando il materiale si è raffreddato si esegue la curvatura utilizzando dei piegatubo di grandezza e angoli diversi, utensili generalmente realizzati dall artigiano. Per eseguire la levigatura vanno eliminate le eventuali imperfezioni della piegatura, utilizzando sfere di acciaio all interno della canna e specifici martelletti e imbutitori semicircolari sulla superficie esterna. Per realizzare curve tornanti a 180 si usa spesso il metodo dello stampaggio. Si creano quindi le due metà (gusci) tramite stampo a bilanciere o pressa idraulica. I gusci sono successivamente saldati tra loro e lavorati con gli imbutitori di acciaio. 15

16 b.3. Padiglioni (campane) Le tecniche seguite per la lavorazione delle campane sono uguali a quelle finora descritte, tranne per il lavoro di imbutitura della lastra, che viene eseguito al tornio. Il bordo ad anello è ottenuto rivoltando e arrotolando su se stessa la lamina metallica. All interno dell anello viene collocato un filo di metallo crudo del diametro di mm. 2,0-2,5, solitamente di alpacca o di ottone, per renderlo più rigido. c) Meccanismo a pistoni e a cilindri Per gli strumenti in metallo con la meccanica a chiavi (saxofoni, flauti), i fori dei toni o caminetti (grani) possono essere estratti dalla lamina del corpo stesso dello strumento oppure, secondo il metodo artigianale più antico, preparati a parte, fissati al fusto e saldati. Attualmente gli ottoni utilizzano il meccanismo a pistoni con movimento verticale o a cilindri con movimento rotatorio orizzontale, che ha sostituito nel tempo le chiavi. La lavorazione dei pistoni e dei cilindri è in genere eseguita utilizzando macchine rettificatrici di precisione. La cameratura esterna è normalmente di ottone, mentre per favorire lo scorrimento, il pistone e il cilindro devono essere di materiale diverso e più duro (alpacca). Se viene utilizzato lo stesso materiale per la cameratura esterna e il pistone (o il cilindro), per evitare inceppamenti si utilizza una lamina di nichel-cromo applicata al pistone con processo galvanico. Il movimento del pistone viene azionato tramite pressione di un tasto a forma di bottone, avvitato ad una astina fissata al pistone. Una molla a spirale in acciaio all interno della cameratura, garantisce il ritorno del pistone nella posizione iniziale.il cilindro si avvia pigiando una chiave a doppio snodo saldata al tamburo (piccolo contenitore cilindrico), al suo interno una molla piatta a spirale orizzontale assicura il ritorno del cilindro nella posizione di riposo. L azione del pistone o del cilindro provoca la variazione della lunghezza d aria contenuta nello strumento, aprendo o chiudendo circuiti d aria supplementari nel canneggio. d) Costruzioni delle chiavi Generalmente la chiave è composta da tre parti: leva, fulcro e piattello, saldati fra loro con lega ad alta percentuale d argento. Le parti sono ottenute con procedimenti diversi: forgiatura manuale, fusione in terra, microfusione, stampatura meccanica, pressofusione, taglio laser, ecc. Per gli scopi del presente Disciplinare sono considerate solo la forgiatura manuale e la fusione in terra. Alto grado di manualità è richiesto anche per i processi di finitura quali la limatura, la saldatura, la levigatura e la lucidatura. Preparate le chiavi si procede al collaudo o montatura di grezzo. Montati i supporti (colonnine) sullo strumento, avvitati per i corpi in legno o saldati per i corpi in metallo, le chiavi sono avvitate alle colonnine con viti a punta o con perni e quindi collaudate. e) Operazioni finali 16

17 Se il risultato del collaudo è soddisfacente, si smontano tutte le parti e si procede alle operazioni finali: decorazioni del fusto (in genere incisione e intarsio per i corpi in legno, cesellatura tramite bulino per i corpi in metallo); lucidatura del corpo e delle chiavi eseguita con spazzole di tela impregnate con paste abrasive e brillantanti; verniciatura a stoppino per i legni e a spruzzo per i metalli. Le vernici sono scelte sia per l estetica dello strumento sia per ottenere particolari timbri di suono. Infine si procede alla montatura di fino (negli strumenti a chiavi) o all allestimento (negli strumenti a pistoni o cilindri), con l applicazione definitiva di tutte le parti: viti, regolatori, molle, sugheri, tasti, madreperle, rotellini, tamponi di pelle ai piattelli, ecc. A.4.2. Strumenti ad arco: elementi per la costruzione del violino Le parti principali del violino sono: il corpo, il manico, il cavigliere col riccio e l archetto. A Il legno Oggi i legni prevalentemente utilizzati sono l acero montano marezzato per il fondo, il manico e le fasce; l abete rosso maschio per la tavola armonica e per la catena, a volte usato anche per i blocchetti e le controfasce; l ebano per la reggicordiera, il capotasto, la tastiera e, talvolta, per la cordiera, la mentoniera, il bottone e i piroli; il pioppo, il salice e l ebano per le controfasce e i tasselli (o blocchetti). Negli strumenti antichi, per il fondo sono stati a volte impiegati il faggio, il pioppo, il salice, il noce, il ciliegio. In periodi di crisi internazionale i liutai, per la rarità e il costo elevato, erano costretti a utilizzare legni locali. È il caso, ad esempio, di alcune produzioni cremonesi durate il secondo conflitto mondiale, quando l acero campestre ha sostituito il tradizionale acero dei Balcani e il carpino nero l ebano del Madagascar. L abete rosso cresce dalla Scandinavia ai Balcani fino all arco alpino a quote dai 1000 ai 2300 m. Le caratteristiche di questa essenza sono l elasticità e l ottima trasmissione del suono. I suoi canali linfatici sono infatti come minuscole canne d organo che creano risonanza. Per questo motivo gli alberi vengono abbattuti in luna calante, tra ottobre e novembre, quando nel tronco c è una minore quantità di linfa. Gli alberi migliori sono quelli con anelli di crescita molto sottili e perfettamente concentrici, con fibre diritte e fini e scarsa presenza di nodi. La stagionatura del legno, effettuata in luogo asciutto e ventilato, deve durare almeno dieci anni. Più lungo sarà l invecchiamento, migliore sarà il suono. Si preferirà sempre un legno leggero, duro e compatto. A La colla Nell assemblaggio delle varie parti del violino si fa uso di colle forti, ottenute dalle ossa di grandi animali. Sciolta a caldo, la colla garantisce caratteristiche di elasticità e inalterata tenuta nel tempo. 17

18 A Gli attrezzi Gli attrezzi adoperati dal liutaio sono numerosi: seghe, pialle a lama piatta e tonda (con misure che vanno dai 2 fino ai 50 centimetri), sgorbie di diversa grandezza e curvatura, lime (piatte, tonde, semitonde, ovali e a coda di topo), coltelli, graffietti, scalpelli, trafori, morsetti e morsettini, rasiere, spessimetro, bedano per il filetto, alesatore, temperino, ferro piegafasce, il ferro dell anima, oltre a tutti gli attrezzi normalmente richiesti nella lavorazione del legno. A Il modello La forma (o modello) è la struttura utilizzata dal liutaio per comporre le forme interne ed esterne dello strumento e l applicazione delle fasce laterali. Generalmente la forma, costruita in legno di noce o altro legno duro, è disegnata direttamente dall artigiano, e reca quindi la sua impronta personale. A Il corpo La cassa armonica del violino, di lunghezza variabile tra i 34,9 e i 36,2 cm., è composta dalla tavola (la parte superiore del violino), dal fondo (la parte inferiore), e dalle fasce laterali. A Tavola e fondo Per costruire la parte superiore (tavola) e quella inferiore (fondo) il liutaio innanzi tutto unisce due pezzi di abete rosso e due di acero marezzato. Se il taglio del legno è sufficientemente grande, tavola e fondo possono essere su un unico pezzo. Il legno della tavola viene tagliato in direzione del cuore del tronco (taglio radiale o a spicchi ). Il taglio del fondo avviene come per la tavola quasi sempre ad anello (taglio radiale) facendo apparire l effetto ottico della fiamma sul fondo dello strumento. Spesso nei violini antichi il taglio si presenta non radiale ma tangenziale, caratteristica che evidenzia un disegno più irregolare. Utilizzando prima le sgorbie, poi i pialletti e infine le rasiere, si procede alla definizione della forma e degli spessori ideali. La bombatura del fondo si ottiene scolpendo una tavola di legno pieno e spesso all incirca 2 cm. Lo spessore massimo del fondo nella zona centrale sarà di mm. 4,5, raggiungerà nella parte alta un minimo di mm. 2,4-2,6 e, nella parte inferiore, di mm. 2,6-2,8. La tavola, a bombatura ultimata, avrà uno spessore di circa 3 mm. che scenderanno a 2,5 mm. nella parte alta e 2,6 mm. nella parte bassa, per salire a 4 5mm. verso il bordo. Il liutaio, tramite l udito e l esperienza, battendo con il dito la tavola che sta modellando con la sgorbia deciderà quanto scavare per raggiungere il risultato desiderato. Oltre alla qualità del legno, è lo spessore che determina l eccellenza del suono. Si tratta di uno dei segreti dell arte del maestro artigiano. Le capacità vibratorie della tavola e del fondo variano a seconda dello spessore e del tipo di taglio utilizzato, radiale o tangenziale. Nella 18

19 tradizione dei grandi maestri liutai italiani spesso tavola e fondo vibrano sulla medesima nota, in alcuni casi la tavola ha un intonazione di una quinta più bassa rispetto al fondo. Con qualche goccia di colla, alla forma vengono puntati i blocchetti grezzi, successivamente sagomati. Si completa così il profilo dello strumento. Anche i blocchetti di testa e di fondo vengono tagliati e raccordati alla forma. I blocchetti sono sei rinforzi, per le parti sottoposte a maggior tensione o colpi. Sono piccole sagome di legno tenero (abete, pioppo, salice o tiglio) di cui: quattro all interno delle punte, uno detto di testa perché porta l incastro del manico (alla sommità della cassa) e uno di fondo (in basso e centrale) che regge il bottone e quindi la tensione delle corde. Nel metodo classico, la costruzione dello strumento inizia proprio con l incollatura e la sagomatura dei sei blocchetti. Il bottone è un piolo con gambo tronco-conico (stesso legno dei piroli) inserito nella fascia inferiore in corrispondenza del blocchetto di fondo. A Le fasce Le fasce del violino, costruite in legno di acero, sono sei. Tramite piallatura vengono modellate, calibrate e sovrapposte a formare le due C, le quali, data la loro ridotta curvatura, vengono piegate a caldo con l uso di un ferro sagomato (piegafasce). A Le controfasce Si procede quindi con l incollatura delle controfasce nella parte interna delle fasce; le controfasce, listelli generalmente in legno di abete (a volte di salice), servono di rinforzo alle fasce e aumentano la superficie di incollatura al fondo e alla tavola. A Le effe Sono due aperture, a forma di effe corsiva, realizzate con il traforo nella tavola armonica. Delimitano il settore centrale della tavola e indicano, con le tacche interne, la linea centrale del ponticello. Permettono l uscita delle vibrazioni acustiche provenienti dall interno dello strumento. A La catena Viene quindi applicata la catena o barra, un lungo stelo di legno di abete, leggermente più spesso al centro rispetto alle estremità, incollato in senso longitudinale all interno della tavola. La catena è un elemento fondamentale nella costruzione del violino, ha funzioni di consolidamento della tavola e fa da contrappeso alla pressione esercitata dalle corde del sol e del re attraverso il ponticello, oltre a trasmettere le vibrazioni a tutta la cassa dello strumento. La sua posizione è definita con precisione e deve passare sotto il piede sinistro (quello delle corde gravi) del ponte. A Il filetto Il filetto è composto da tre strati di legno: due scuri (in genere ebano) e uno chiaro (acero o pioppo). Ha funzione essenzialmente decorativa, 19

20 ma contribuisce anche a legare le fibre della tavola, dal momento che l abete tende facilmente a fessurarsi. È anche uno degli elementi della tecnica costruttiva, influente sul timbro armonico. A Nocetta La nocetta è parte integrante del fondo dello strumento. È la base sulla quale poggia il tallone del manico. L incavo della nocetta è a forma di coda di rondine. A Il manico e la testa Si usa lo stesso legno utilizzato per il fondo e le fasce, in genere un blocco di acero di taglio radiale. In primo luogo si segna sui due lati del blocco il contorno del manico e del riccio (o chiocciola); si esegue poi una prima sbozzatura con la sega a voltino. Quindi, usando scalpelli, sgorbie, pialle e lime si definiranno le sagome del manico e della testa. A La cassetta dei piroli (cavigliere) I piroli (anche detti bischeri) sono quattro chiavi di legno duro (ebano, bosso, palissandro), solitamente lo stesso della cordiera. Il fusto è troncoconico e si adatta perfettamente al foro, permettendo così di tendere e mantenere accordata la corda. L alloggiamento dei piroli, chiamato cavigliere, viene scavato nella testa. Poi si procede alla foratura delle sedi dei piroli tramite un trapano e l alesatore conico. Costruita la cassetta dei piroli, l artigiano passerà alla finitura del dorso della testa, curando la perfetta simmetria delle parti. A Incastro del manico Dopo l intaglio della chiocciola e lo scavo della cassetta dei piroli, il manico viene sagomato sulla tastiera e inserito a incastro nella cassa (facendo presa nel blocco di testa), poi ultimato con la sagomatura del tallone e della nocetta. A Tastiera Il manico viene quindi finito di costruire con l applicazione della tastiera, oggi in legno d ebano. Anticamente era in legno dolce (abete) lastronato in ebano o altro legno duro; era più corta e fortemente a cuneo, dato che il manico era praticamente privo di inclinazione. Oggi il manico è leggermente inclinato rispetto all asse del corpo, condizionando anche l inclinazione della tastiera. A Capotasto L assemblaggio del manico con la tastiera si conclude con il capotasto, barretta di ebano o osso posta in senso trasversale alla sommità della tastiera, leggermente rialzata rispetto al piano della tastiera stessa. Ha dei piccoli solchi per mantenere in posizione le corde. A Il ponticello Al ponticello spetta l importante funzione di trasmettere la vibrazione sonora al piano armonico. In acero non verniciato, è tenuto in posizione 20

Gli strumenti musicali. www.oradimusica.it

Gli strumenti musicali. www.oradimusica.it Gli strumenti musicali www.oradimusica.it Gli obiettivi del nostro lavoro Conoscere i principi di funzionamento degli strumenti musicali Imparare a classificarli Riconoscere il loro timbro all ascolto

Dettagli

La classificazione degli strumenti musicali

La classificazione degli strumenti musicali La Storia della musica e l opera d arte musicale La Storia della musica ha come oggetto di studio la musica d arte occidentale, che è caratterizzata dalla presenza di un supporto scritto (la partitura).

Dettagli

Aerofoni a fiato I legni

Aerofoni a fiato I legni 7 Aerofoni a fiato I legni I LEGNI Negli strumenti a fiato la colonna d aria, contenuta nel tubo sonoro, viene fatta vibrare direttamente dall esecutore, che sospinge il fiato nello strumento (insufflazione)

Dettagli

105.445. Impianto di allarme

105.445. Impianto di allarme 5.445 Impianto di allarme Avvertenza: I kit della OPITEC non sono generalmente oggetti a carattere ludico che normalmente si trovano in com- mercio, ma sono sussidi didattici per sostenere l insegnamento

Dettagli

versione MiSta StRuMenti PeR una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Rosanna P.

versione MiSta StRuMenti PeR una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Rosanna P. Rosanna P. Castello StRuMenti PeR una didattica inclusiva a cura di Roberto Pigliapoco Schede facilitate Spartiti guidati Mappe illustrate Materiali audio Verifiche Scarica gratis il libro digitale con

Dettagli

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita.

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. Sin dalla creazione l uomo con i pochi mezzi e i pochi materiali che aveva a disposizione

Dettagli

ESERCITAZIONE ASSOCIAZIONE DELLE

ESERCITAZIONE ASSOCIAZIONE DELLE ESERCITAZIONE ASSOCIAZIONE DELLE ACCEZIONI DI TERMINOLOGIA MUSICALE A UNA Esercitazione URL: TASSONOMIA DI DOMINIO (STRUMENTI MUSICALI) http://www.alphabit.net/home/index.php?option=com_content&view=article&id=249

Dettagli

100.078. Porta cellulare

100.078. Porta cellulare 100.078 Porta cellulare Cenno: Lavorando con i kit della OPITEC, una volta ultimati, non si tratta in primo luogo di oggetti con caratteristiche ludiche oppure di utilizzo, oppure modelli di funzionamento

Dettagli

Liuteria Tools. Attrezzature e forniture per liutai

Liuteria Tools. Attrezzature e forniture per liutai Liuteria Tools Attrezzature e forniture per liutai Catalogo 2009 Piega fasce Piegafasce digitale, con la possibilità di selezionare i gradi desiderati. Solido corpo largo per una presa sicura con i morsetti.

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

Per fare sogni d oro Con il suo design lineare e minimalista e i due comodini. Questo letto da sogno è anche molto trendy.

Per fare sogni d oro Con il suo design lineare e minimalista e i due comodini. Questo letto da sogno è anche molto trendy. Un letto minimalista Per fare sogni d oro Con il suo design lineare e minimalista e i due comodini. Questo letto da sogno è anche molto trendy. 1 Introduzione «Elegante e lineare»: è una tendenza sempre

Dettagli

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo.

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Con questa attività, il bambino, non solo si avvicina alla musica e

Dettagli

ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri

ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri ******* Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto relativo alla fornitura di cofani in

Dettagli

UTENSILI. PS: I numeri in rosso presenti nel codice dell articolo, corrispondono al tipo di articolo.

UTENSILI. PS: I numeri in rosso presenti nel codice dell articolo, corrispondono al tipo di articolo. UTENSILI RASCHIATOIO PER PULIRE È fatto di acciaio flessibile e serve a togliere argilla o fango/terra dalla zona di lavoro UTX00001SEV 89x160 mm. RASCHIATOIO DI ACCIAIO È fatto di acciaio inossidabile

Dettagli

Robert Bosch GmbH. Sgabello per bambini

Robert Bosch GmbH. Sgabello per bambini Sgabello per bambini Robusto e variopinto Sgabello per bambini I bambini vivono nel loro mondo. E questo mondo deve essere arredato con mobili davvero speciali. Come questo fantasioso sgabello. 1 Introduzione

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - FALEGNAME - Il falegname

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

NON ERA IL SUO MOMENTO

NON ERA IL SUO MOMENTO NON ERA IL SUO MOMENTO a cura di Danilo Chirco, Servizio Pre.S.A.L. della Asl TO 4 Che cosa è successo Un operaio è rimasto schiacciato dal portellone di una tramoggia di carico, all interno di un impianto

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

Il legno elemento creativo per eccellenza. Per noi, rappresenta ogni giorno l espressione massima per realizzare progetti naturali.

Il legno elemento creativo per eccellenza. Per noi, rappresenta ogni giorno l espressione massima per realizzare progetti naturali. FANOLEGNO Il legno elemento creativo per eccellenza. Per noi, rappresenta ogni giorno l espressione massima per realizzare progetti naturali. FANOLEGNO Tetti La nostra struttura ha acquisito, nel corso

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

CONOSCERE LA BANDA GLI STRUMENTI MUSICALI

CONOSCERE LA BANDA GLI STRUMENTI MUSICALI CONOSCERE LA BANDA GLI STRUMENTI MUSICALI Associazione Filarmonica Isidoro Capitanio Banda cittadina di Brescia Questo opuscolo è stato pubblicato nell ambito del progetto Conoscere la banda realizzato

Dettagli

67580(17,086,&$/, ',6&,3/,1$5(',352'8=,21(

67580(17,086,&$/, ',6&,3/,1$5(',352'8=,21( 67580(17,086,&$/, ',6&,3/,1$5(',352'8=,21(,1752'8=,21( La musica, in quanto forma di espressione e di comunicazione del pensiero o delle emozioni umane, deve servirsi di mezzi di concretizzazione ed estrinsecazione:

Dettagli

TEST COLTELLO LASER OMERSUB

TEST COLTELLO LASER OMERSUB TEST COLTELLO LASER OMERSUB Per collaudare/testare un coltello non servono pescate e prove particolari, ma serve un utilizzo costante e verificare l usura nel tempo. Il coltello da me provato è il Laser

Dettagli

evviva LA MUSICA strumenti per una didattica inclusiva versione MiSta Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

evviva LA MUSICA strumenti per una didattica inclusiva versione MiSta Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Claudia Galli Maurizio Fasoli evviva LA MUSICA strumenti per una didattica inclusiva a cura di Marcella Papeschi Schede facilitate Mappe per lo studio libro Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2

TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2 Pagina 1 di 4 TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2 Realizzazione di un vaso con la tecnica a Lastra NOTE INTRODUTTIVE La tecnica di costruzione a lastra offre la possibilità di realizzare una svariata

Dettagli

RIPARARE LA CHITARRA

RIPARARE LA CHITARRA RIPARARE LA CHITARRA Le chitarre che portiamo al campo, a causa dei notevoli sbalzi di temperatura, dell eccessiva umidità o di eventuali malcapitati urti, possono subire deformazioni e rotture. Trattandosi

Dettagli

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA La scelta dello studio triennale di uno strumento comporta, da parte dell alunno e dei genitori, un ulteriore carico di lavoro

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

Manichette Il trasporto dell acqua, dal mezzo che la fornisce sotto pressione alle lance che la utilizzano sugli incendi, si ottiene a mezzo di tubi

Manichette Il trasporto dell acqua, dal mezzo che la fornisce sotto pressione alle lance che la utilizzano sugli incendi, si ottiene a mezzo di tubi IDRAULICA Manichette Il trasporto dell acqua, dal mezzo che la fornisce sotto pressione alle lance che la utilizzano sugli incendi, si ottiene a mezzo di tubi flessibili (manichette) che debbono rispondere

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

COSTRUZIONE DI UNA COPPIA DI CASSE HI END PER ALTOPARLANTI FOSTEX FE 126

COSTRUZIONE DI UNA COPPIA DI CASSE HI END PER ALTOPARLANTI FOSTEX FE 126 COSTRUZIONE DI UNA COPPIA DI CASSE HI END PER ALTOPARLANTI FOSTEX FE 126 Il desiderio di avere due diffusori ad alte prestazioni spesso si scontra con l esorbitante costo dei prodotti in commercio, tra

Dettagli

GRONDE E PLUVIALI. Materiale tetti. Vantaggi: Utilizzo. Dati tecnici

GRONDE E PLUVIALI. Materiale tetti. Vantaggi: Utilizzo. Dati tecnici Il nuovo sistema di gronde Erre Gross, supera il concetto di mera utilità, che vede la gronda come un semplice dispositivo per l evacuazione delle acque meteoriche. L innovazione si sviluppa su quattro

Dettagli

Guida. dello. Studente

Guida. dello. Studente Guida dello Studente L ACCADEMIA Centro Studi Musicali L Associazione culturale Accademia C.S.M. ha come finalità l insegnamento delle discipline musicali e la diffusione della cultura musicale mediante

Dettagli

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare.

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. Realizzazione meccanica Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. - 37 - 3.1 Reperibilità dei pezzi La prima

Dettagli

Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una

Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una 37 Aerofoni Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una vibrazione di aria, senza l uso di corde o membrane

Dettagli

CORALLO: COME SI LAVORA

CORALLO: COME SI LAVORA CORALLO: COME SI LAVORA di Giuseppe Rajola Edizioni vesuvioweb La lavorazione del corallo si divide in due differenti grosse famiglie: il liscio e l inciso. Cosa si intende per liscio? La lavorazione del

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER IL MONTAGGIO DELLE COPERTURE LA COPERTURA TOSCANA.

SCHEDA TECNICA PER IL MONTAGGIO DELLE COPERTURE LA COPERTURA TOSCANA. SCHEDA TECNICA PER IL MONTAGGIO DELLE COPERTURE LA COPERTURA TOSCANA. La COPERTURATOSCANA, prodotta da COTTOREF, è composta da tre articoli fondamentali: tegole, coppi e colmi, oltre ad una serie di pezzi

Dettagli

4 LAVORAZIONI AL BANCO

4 LAVORAZIONI AL BANCO 4 LAVORAZIONI AL BANCO Il semilavorato od il pezzo di materiale greggio dal quale deve essere ricavato il pezzo finito, può essere sottoposto a lavorazioni di macchina, a lavorazioni al banco o a lavorazioni

Dettagli

CERNIERE A SCOMPARSA TECNOLOGIA E DESIGN

CERNIERE A SCOMPARSA TECNOLOGIA E DESIGN CERNIERE A SCOMPARSA TECNOLOGIA E DESIGN Prestazioni tecniche superiori oltre alla ricercata cura dei dettagli si esprimono nella dotazione della cerniera a scomparsa che consente l apertura dell anta

Dettagli

NUOVA TESTATA A MAIS DIAMANT: EVOLUZIONE RIVOLUZIONARIA

NUOVA TESTATA A MAIS DIAMANT: EVOLUZIONE RIVOLUZIONARIA NUOVA TESTATA A MAIS DIAMANT: EVOLUZIONE RIVOLUZIONARIA NUOVA TESTATA A MAIS DIAMANT: EVOLUZIONE RIVOLUZIONARIA Grazie al sistema di regolazione della posizione di lavoro la testata ha sempre la corretta

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE. Bando di partecipazione alle procedure di audizione per la selezione di strumentisti. I Edizione

BANDO DI SELEZIONE. Bando di partecipazione alle procedure di audizione per la selezione di strumentisti. I Edizione BANDO DI SELEZIONE Bando di partecipazione alle procedure di audizione per la selezione di strumentisti I Edizione Il presente Bando ed ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.bibliopan.it

Dettagli

Corsi di fascia pre-accademica a.a. 2015/2016 Regolamento

Corsi di fascia pre-accademica a.a. 2015/2016 Regolamento Corsi di fascia pre-accademica a.a. 2015/2016 Regolamento Regolamento di funzionamento dei Corsi di fascia pre-accademica a.a. 2015/2016 ART. 1 - ISTITUZIONE DEI CORSI PRE-ACCADEMICI Il Conservatorio

Dettagli

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Elementi di statistica Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Statistica La statistica si può definire come: l insieme dei metodi

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

IL BANCHETTO da OROLOGIAIO di Gianni per OROLOGIKO.it

IL BANCHETTO da OROLOGIAIO di Gianni per OROLOGIKO.it Tagliare lo spigolo a 45 Tagliare lo spigolo a 45 Ciao a tutti. Come promesso inizialmente, pubblico per gli amici del forum l elenco dei materiali e qualche nota, sulla realizzazione di questo banchetto.

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

La piegatura tangenziale si afferma.

La piegatura tangenziale si afferma. TruBend Center: La piegatura tangenziale si afferma. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Piegatura senza precedenti. Indice Piegatura senza precedenti. 2 Funzioni convincenti.

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

ORCHESTRA NAZIONALE SINFONICA DEI CONSERVATORI ITALIANI. Selezioni per le attività 2016-17

ORCHESTRA NAZIONALE SINFONICA DEI CONSERVATORI ITALIANI. Selezioni per le attività 2016-17 ORCHESTRA NAZIONALE SINFONICA DEI CONSERVATORI ITALIANI Selezioni per le attività 2016-17 Art. 1. Natura e finalità dell Orchestra. 1. L Orchestra Nazionale Sinfonica dei Conservatori Italiani, di seguito

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

MANUTENZIONE DELLA CHITARRA

MANUTENZIONE DELLA CHITARRA MANUTENZIONE DELLA CHITARRA Regolazione dell'action: La regolazione dell'altezza delle corde è un'operazione che dovreste essere in grado di fare, a menochè non siate particolarmente maldestri, visto che

Dettagli

TEATRO BRECHT SAN SISTO SCUOLA PRIMARIA LA FONTE CLASSI 1 A -1 B ANNO SCOLASTICO 2013/14

TEATRO BRECHT SAN SISTO SCUOLA PRIMARIA LA FONTE CLASSI 1 A -1 B ANNO SCOLASTICO 2013/14 TEATRO BRECHT SAN SISTO SCUOLA PRIMARIA LA FONTE CLASSI 1 A -1 B ANNO SCOLASTICO 2013/14 Gli strumenti musicali della fiaba musicale sono: GLI ARCHI:si chiamano così perché suonati con un archetto che

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI MANUALE DI ISTRUZIONI MINI CESOIA PIEGATRICE Art. 0892 ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3.1 Prova di trazione 3.1.3 Estensimetri La precisione e la sensibilità dello strumento variano a seconda dello scopo cui esso è destinato. Nella prova di trazione

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 40b - 003 GANCI MR INFERIORE E SUPERIORE AD ATTACCO

Dettagli

ESTERNO ANTISCIVOLO. I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione diretta al sole

ESTERNO ANTISCIVOLO. I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione diretta al sole REGOLE PER LO STOCCAGGIO E LA POSA IN OPERA DEI PAVIMENTI PER ESTERNO ANTISCIVOLO COLLOCAMENTO DEI LISTONI STOCCAGGIO I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 9 PER L INSTALLAZIONE DEI CANCELLI MOTORIZZATI A SCORRIMENTO VERTICALE DAL BASSO VERSO L ALTO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

Conservatorio di Musica Luca Marenzio Brescia

Conservatorio di Musica Luca Marenzio Brescia Conservatorio di Musica Luca Marenzio Brescia GUIDA DELLO STUDENTE Presentazione Il Conservatorio di Musica di Brescia Luca Marenzio vanta una lunga e prestigiosa tradizione nel settore dell alta formazione

Dettagli

Giuseppe Tassis DALMINE

Giuseppe Tassis DALMINE Unica e travolgente Ecco com è la passione per la musica Tra le tante occasioni della vita, crediamo che fare musica sia una delle cose più naturali che un uomo possa sperimentare: si sa che il sacrificio

Dettagli

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 5.A. Fase preliminare 5.B. Fase di installazione 5.C. Fase di finitura 6. Disegni 7. Voce di capitolato 1/5

Dettagli

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MINISTERO DELL UNIVERSITÀ, DELL ISTRUZIONE E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE Fondazione Istituto Musicale della Valle d Aosta Fondation Institut Musical de la Valle Vallée d Aoste ISTITUTO

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

Calcetto luminoso. Istruzioni OBI. Grado di difficoltà: per esperti. Tempo di costruzione Circa 30 ore

Calcetto luminoso. Istruzioni OBI. Grado di difficoltà: per esperti. Tempo di costruzione Circa 30 ore Istruzioni OBI 1 Calcetto luminoso Grado di difficoltà: per esperti Indice Introduzione /Trucchi e consigli p. 2 Lista del materiale necessario p. 3 Accessori e utensili p. 4 Istruzioni p. 5 12 Piano di

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI PRATICHE RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Manufatti metallici con l utilizzo delle

Dettagli

L innovativa tecnica di marcatura e incisione laser profonda valorizza i nostri pezzi (dimensioni massime 600 mm) realizzati con i materiali più

L innovativa tecnica di marcatura e incisione laser profonda valorizza i nostri pezzi (dimensioni massime 600 mm) realizzati con i materiali più INNOva zione. PRecisione. QUALità. EFFIcienz a. FLEssibilità. KNOW-HOW. Da sempre la lavorazione dei metalli e l assemblaggio delle parti lavorate per produrre elementi perfettamente funzionanti è stato

Dettagli

POSA DI CONNETTORI SU TRAVI IN ACCIAIO CON LAMIERA GRECATA

POSA DI CONNETTORI SU TRAVI IN ACCIAIO CON LAMIERA GRECATA www.tecnaria.com tel 02 502029 POSA DI CONNETTORI SU TRAVI IN ACCIAIO CON LAMIERA GRECATA Connettore a piolo Ø 12 mm, piastra di base 8 x 50 mm, chiodi lunghezza 22.5 mm, Ø gambo.6 mm Attrezzature necessarie:

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA BONPORTI TRENTO Via S. Maria Maddalena 1 CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO BIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE

CONSERVATORIO DI MUSICA BONPORTI TRENTO Via S. Maria Maddalena 1 CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO BIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE CONSERVATORIO DI MUSICA BONPORTI TRENTO Via S. Maria Maddalena CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO BIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE DISCIPLINE MUSICALI AD INDIRIZZO INTERPRETATIVO-COMPOSITIVO

Dettagli

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno A seguito della verifica dei registri infortuni delle aziende del settore legno, si ritiene necessario fornire ulteriori indicazioni di bonifica

Dettagli

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica.

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. 05/2012 Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. Di Thomas Oertli Il migliore sistema di serraggio in assoluto non esiste.tuttavia noi siamo in grado di

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

MACCHINA PER TEMPERA FINALE DELLE ANCE PER FAGOTTO. Andante e Rondò

MACCHINA PER TEMPERA FINALE DELLE ANCE PER FAGOTTO. Andante e Rondò MACCHINA PER TEMPERA FINALE DELLE ANCE PER FAGOTTO Andante e Rondò Manuale di utilizzo della Macchina per la tempera della punta dell ancia Andante e Rondò Bagnare l'ancia e assicurarsi che la curvatura

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - CARPENTIERE IN METALLO

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

Finitura: Le strutture in ferro dovranno essere finite in ogni parte con verniciatura micacea su fondo protettivo [vedi ALLEGATO 1 - TAVOLA 8.01].

Finitura: Le strutture in ferro dovranno essere finite in ogni parte con verniciatura micacea su fondo protettivo [vedi ALLEGATO 1 - TAVOLA 8.01]. FORNITURE Fornitura, realizzazione e montaggio nei luoghi indicati nelle schede di TRANSENNE IN FERRO [rif. ALLEGATO 1 - TAVOLE 1.01, 1.02, 1.03, 1.04, 1.05] da realizzare con elementi piatti e scatolari

Dettagli

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello 1 Raccomandazioni Si raccomanda di preforare sempre prima di avvitare, in modo da evitare che il legno si rompa. Nella tabella

Dettagli

PUNTI DI FORZA DEI FONDI BOMBATI

PUNTI DI FORZA DEI FONDI BOMBATI PUNTI DI FORZA DEI FONDI BOMBATI 1 LAVAGGIO / DEGRASSAGGIO: abbiamo la possibilità di pulire i fondi e consegnarli così al cliente già pronti per le lavorazioni successive. In alcuni casi il lavaggio avviene

Dettagli

musica per i ragazzi

musica per i ragazzi musica per i ragazzi concerti lezione per la scuola materna, primaria, media inferiore Musica per i ragazzi è una rassegna didattica indirizzata alle scuole dell obbligo (materna, primaria e secondaria

Dettagli

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 Murali Condensing Sommario Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 1 Sistemi di scarico in PP Introduzione Sistema per intubamento in PP per caldaie a condensazione

Dettagli

SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA PROVINCIA DI ORISTANO SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2013-2014 INIZIO LEZIONI Le lezioni avranno inizio lunedi 4 novembre 2013 e avranno termine entro il mese di maggio

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI "N.PICCINNI" ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO

CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI N.PICCINNI ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI "N.PICCINNI" ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO INDICE DIPARTIMENTO DI CANTO E TEATRO MUSICALE Canto - CDPL06

Dettagli

SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA PROVINCIA DI ORISTANO SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2014-2015 INIZIO LEZIONI Le lezioni avranno inizio lunedi 10 novembre 2014 e avranno termine entro il mese di maggio

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

ASSETTO STRUMENTO LAVORAZIONE TASTIERA - MANICO - INTARSI. Cambio corde (corde e pulizia rapida incluse) 15

ASSETTO STRUMENTO LAVORAZIONE TASTIERA - MANICO - INTARSI. Cambio corde (corde e pulizia rapida incluse) 15 ASSETTO STRUMENTO Cambio corde (corde e pulizia rapida incluse) 15 Setup completo basso consigliato (+30 ) non incluso 40 Setup completo chitarra elettrica ponte fisso consigliato (+10 ) non incluso 45

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI SANTA CECILIA 2016

REGOLAMENTO DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI SANTA CECILIA 2016 Allegato 2 REGOLAMENTO DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI SANTA CECILIA 2016 Il Conservatorio di Musica Santa Cecilia e l Anlai organizzano il Concorso Internazionale di Liuteria contemporanea Santa Cecilia

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero. LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.it INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008)

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2 Infissi_2 SERRAMENTI IN LEGNO I profili di legno sono i principali elementi che caratterizzano le parti strutturali della finestra: Telai fissi, montanti e traversi dell anta, parti complementari (profili

Dettagli