Un pugno nello stomaco

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un pugno nello stomaco"

Transcript

1 Slavenka Drakulic Mai più a Belgrado Il primo giorno della scorsa primavera ero a Vienna. Mentre percorrevo a piedi la Mariahilfer Strasse, ancora spazzata dalle folate del vento invernale, mi è giunta al volo la conversazione di tre ragazzi che parlavano tra loro, in serbo, di un avvenimento a cui avevano partecipato anche giovani bosniaci e croati. A colpirmi non è stato il fatto che si esprimessero in quella lingua, che oggi capita spesso di sentire per le strade o nella metropolitana di Vienna, ma una frase pronunciata da uno dei ragazzi, che aveva detto: "Non pensavo che ci fosse tanta gente che conosce la nostra lingua". Ho capito subito che, dicendo "la nostra lingua", non intendeva riferirsi a una lingua in particolare, come il serbo, il bosniaco o il croato. Al contrario, il ragazzo aveva usato quell'espressione di proposito, per evitare di chiamare la lingua con il suo nome, come avrebbe dovuto fare per esprimersi in modo politicamente corretto. Questo perché la nostra lingua è la locuzione che i rifugiati e gli immigrati, o anche qualsiasi gruppo di persone provenienti dalla ex Jugoslavia, usano quando si incontrano all'estero come nome delle varie lingue in cui comunicano tra loro. Un pugno nello stomaco La verità è che la loro lingua comune non ha più un nome comune. Il vecchio serbo croato di un tempo non esiste più. Dicendo la nostra lingua, il giovane voleva indicare quel minimo comun denominatore linguistico che si è affermato spontaneamente dopo la fine dei conflitti nella ex Jugoslavia. A ben guardare, si tratta di un nome in codice che serve a manifestare le buone intenzioni di chi parla: non siamo nemici, possiamo ancora capirci tra noi, nonostante tutto quello che è successo. Quelle parole carpite per caso mi hanno toccato in modo sorprendente, riscaldandomi il cuore e riempiendomi di gioia. Grazie a quella lingua senza nome questi ragazzi possono comunicare tra loro e questo è l'importante, ho pensato mentre li guardavo allontanarsi a passo svelto, vestiti di nero come i loro coetanei di tutte le città del mondo. Erano così giovani, poco più che adolescenti. Probabilmente serbi venuti a Vienna in vacanza. All'improvviso, però, mi sono resa conto che quei ragazzi così giovani appartenevano a una generazione cresciuta dopo l'inizio delle guerre nella ex Jugoslavia, e quel pensiero mi ha colpito come un pugno nello stomaco. Quando sono andata a Belgrado per l'ultima volta, diciassette anni fa, forse non erano neppure nati. Da allora, una nuova generazione ha avuto il tempo di crescere, e quella conversazione captata in strada il primo giorno di primavera ne era la prova. An article from 1/6

2 Mentre li guardavo allontanarsi, ho sentito riaffiorare dentro di me la vecchia miscela di rimorso e di ansia che mi perseguita da tempo. Quante volte sono stata invitata a Belgrado negli ultimi diciassette anni dai miei amici, dal mio editore, dagli organizzatori di varie conferenze internazionali e da istituti culturali di ogni tipo? Ma ogni volta trovavo un motivo plausibile per rifiutare, per declinare educatamente l'invito. Avevo sempre una scusa pronta. Finalmente il vento si è placato, come se avesse esaurito la sua forza, e io ho rallentato il passo. Non ho potuto fare a meno di pormi ancora una volta la solita domanda: perché non sono più tornata a Belgrado in tutti questi anni? Quando sono i miei amici a domandarmelo, di solito rispondo che non lo so. So solo che il solo pensiero di trovarmi di nuovo lì mi mette l'ansia, e che dopo lo scoppio della guerra ho evitato in tutti i modi di tornare a Belgrado, come se la città fosse diventata una metafora della guerra. Era l'idea di incontrare "loro" ad angosciarmi? Il ricordo di quello che "loro" hanno fatto a "noi"? O di quello che i serbi avevano fatto a se stessi? Oppure l'idea di dovermi confrontare con una serie di problemi che non avevo nessuna voglia di affrontare? Sapevo che mi sarei portata dietro il peso di quei diciassette anni come un grosso baule pieno di volti, ricordi, parole, immagini, che si sarebbero riversati fuori non appena lo avessi aperto e che poi non sarei più riuscita a raccogliere e a rinchiudere di nuovo in soffitta. D'altra parte, aver rimandato il viaggio tanto a lungo da far crescere nel frattempo una nuova generazione di serbi mi sembrò all'improvviso una cosa assurda. Come se non mi fossi resa conto di come stavano le cose fino al momento in cui avevo colto quella conversazione sulla Mariahilfer Strasse, che aveva risvegliato la mia solita ansia. La paura degli altri Ricordo bene l'ultima volta in cui sono stata a Belgrado: era il giugno 1991, poco prima che la Croazia proclamasse la sua indipendenza. Uno dei tre avrebbe potuto essere nato proprio quell'anno, o addirittura in quel mese. La ragazza, forse? I suoi genitori avrebbero potuto abitare in una casa vicino alla stazione ferroviaria, nello stesso quartiere dove vivevo anch'io con la mia amica Mirjana. Probabilmente sua madre comprava il pane dal mio stesso fornaio e la mattina del sabato andava a fare un giro al mercato delle pulci di Kalenica pijaca. Poi la mia amica Mirjana si era gravemente ammalata ed era morta. Un altro amico, Boris, che mi aveva offerto un caffè il giorno prima della mia partenza, si era sposato. Quando lo incontrai all'aeroporto di Francoforte, dieci anni dopo, aveva un figlio che andava già a scuola. La mia amica Ana si era trasferita all'estero, prima a Parigi e poi a Sarajevo. Anche Ljubica aveva lasciato Belgrado ed era vissuta prima in Slovenia, poi in Svezia e in Belgio; ultimamente, stanca di girovagare, è tornata in Serbia. Un collega, un giornalista che veniva spesso a Zagabria, era stato nominato ministro dell'informazione nel governo di Slobodan Milosevich. Un altro era diventato direttore generale della televisione di Stato serba, la più efficiente macchina di propaganda del regime, e un terzo aveva accompagnato il generale Ratko Mladich a Srebrenica e ne aveva celebrato il lugubre trionfo. Le informazioni che ci arrivavano a pezzi e a bocconi ci dimostravano quanto eravamo cambiati, noi e i nostri amici, alcuni dei quali erano diventati... Già, che cosa erano diventati esattamente? Nostri nemici? O persone così diverse da come le ricordavo da essere irriconoscibili: un ministro, una penna al servizio An article from 2/6

3 della propaganda nazionalistica, un megafono dell'odio? Li avevo mai conosciuti veramente? È possibile conoscere veramente le persone, fidarsi di qualcuno? Sprofondavo nella depressione, sempre più delusa e disgustata dalla natura umana. Mi guardavo allo specchio, cercando anche in me stessa i segni del cambiamento. La paura degli altri è anche paura di se stessi. Sapevo che un viaggio a Belgrado avrebbe fatto riaffiorare immagini e sentimenti semidimenticati, come le parole di una donna musulmana di Srebrenica che aveva visto il figlio, che teneva in braccio, massacrato da un soldato serbo: "Sono stata costretta a bere il sangue di mio figlio", aveva detto. Quelle parole erano rimaste sepolte nella mia memoria per tredici anni. O come la foto apparsa sulla copertina di Dani, una rivista pubblicata a Sarajevo, che mostrava un giovane in jeans, scarpe da ginnastica e maglietta bianca, appoggiato a una ringhiera. Nella foto non c'era niente di speciale, a parte un enorme buco al posto in cui avrebbe dovuto trovarsi il torace del ragazzo. Che strano, pensai quando la vidi per la prima volta, attraverso il buco si scorge la balaustra di ferro. Mi concentrai volutamente su quel particolare, che rendeva l'immagine meno realistica... Un viaggio a Belgrado? Cercavo anch'io, come tutti, di evitare di confrontarmi con le mie emozioni, rimanendo lontana dai miei vecchi amici di Belgrado, non ritornando più in quella città? D'altra parte, perché un viaggio a Belgrado avrebbe dovuto essere così diverso dal ritorno a Zagabria? Dopo tutto, anche lì avevo incontrato lo stesso tipo di gente: vecchi amici e colleghi diventati nazionalisti o semplicemente opportunisti. Avevo anche dovuto constatare che molte delle persone che mi erano care si erano trasferite all'estero. Da questo punto di vista, un viaggio a Belgrado non sarebbe un'esperienza molto diversa. Ma non è così. Vivo e lavoro a Zagabria, è la mia città e non avrei potuto evitare di confrontarmi con la sua realtà postbellica, se non decidendo di partire per sempre. Nel caso di Belgrado, pensavo, potevo farne a meno. "Ma anche Belgrado fa parte del tuo passato", mi ha detto Boris quando ci siamo visti l'ultima volta. Era tornato a Belgrado dagli Stati Uniti già da qualche anno. Come sempre, non ci siamo incontrati nella sua città o nella mia, ma a Vienna, in occasione di una conferenza, naturalmente. Abbiamo parlato del malessere che si prova ritornando nei luoghi che un tempo consideravamo nostri e che non lo sono più. La prima volta che aveva visitato Dubrovnik dopo la guerra, mi ha detto, aveva sentito un grande dolore, non solo a causa della nostalgia delle estati trascorse tra le sue strade lastricate di pietra o dei danni che le bombe avevano causato alla bellissima città medievale. Lo addolorava soprattutto il pensiero che la soldatesca jugoslava avesse fatto tutto quello anche in suo nome. "Devi venire a Belgrado e vedere che cosa fanno le persone che conosci. Dopo tutto, le città sono fatte di persone", ha soggiunto. Poi mi ha mostrato una foto di suo figlio, ormai adulto, un bel giovane in giacca e cravatta. Non riuscivo a credere che il bambino che avevo visto all'aeroporto di Francoforte e poi negli Stati Uniti fosse diventato uno studente di legge. Come l'incontro con i tre ragazzi sulla Mariahilfer Strasse, avvenuto poco prima, anche quella foto mi ricordava che tra poco una nuova generazione, nata dopo la fine della guerra, avrebbe avuto l'età per votare. Ancora una volta, ho dovuto ammettere a me stessa di non essermi mai voluta confrontare con la realtà rappresentata da questi giovani. È accaduto qualcosa di importante e non me ne sono accorta: non li ho visti crescere. Che cosa so di loro? So che non possono viaggiare all'estero senza un visto, non possono andare a Londra o a Parigi e nemmeno a Trieste. An article from 3/6

4 Non possono visitare neppure Bucarest o Sofia. Un visto per l'europa Che situazione triste e assurda, che condizione umiliante, ho pensato, ricordando che la mia generazione poteva viaggiare in tutta Europa senza bisogno di visti, grazie al vecchio passaporto rosso jugoslavo. Questo fatto era naturalmente fonte di orgoglio, una differentia specifica che gli abitanti dei paesi del blocco sovietico ci invidiavano. Negli anni Settanta, durante le vacanze, molti di noi se ne andavano in Italia, in Francia, in Inghilterra o in Svezia, a raccogliere fragole e a tirare su un po' di soldi. Quando ero ancora una studentessa, ho lavorato per tre mesi in un grande magazzino in Svezia e sono tornata a casa con denaro sufficiente per un anno. Un altro privilegio che ci veniva molto invidiato era la possibilità di comprare un paio di jeans americani o di scarpe italiane, ma anche libri e dischi stranieri. Il lato negativo di questa situazione era che la libertà di viaggiare diventava una ragione per accettare il sistema politico, una specie di tangente che il regime ci offriva per comprare il nostro consenso, per convincerci che la teoria del "socialismo dal volto umano" avesse un significato e potesse funzionare. Nessuno di noi lo metteva in dubbio. Mentre assistevo alla conferenza, continuavo a pensare a quei ragazzi che parlavano in serbo nella Mariahilfer Strasse: probabilmente non vivevano in Serbia o, se venivano effettivamente da lì, dovevano essere tra i pochi fortunati che erano riusciti a ottenere un visto. Di recente la questione dei visti per i giovani europei residenti nei paesi non appartenenti alla UE è stata al centro di molte discussioni. Non è facile ottenere i visti, soprattutto per i serbi, e questo contribuisce a isolare i giovani dal resto del mondo, sostengono alcuni. Se ne è parlato anche alla conferenza. Perché punire i giovani per una colpa che non hanno commesso? Quando è scoppiata la guerra, non erano neppure nati. Non siamo responsabili di ciò che hanno fatto i nostri padri, ha detto uno dei relatori, con voce piena di rabbia. Il suo scopo era chiaramente quello di suscitare simpatia tra i presenti, ma devo confessare che su di me ha avuto l'effetto opposto. Era così arrabbiato che finii per arrabbiarmi anch'io. Secondo lui, la nuova generazione di serbi, di cui si era fatto portavoce, non merita di essere trattata in questo modo dall'"europa". La tesi implicita nel suo discorso era che i giovani sono innocenti per definizione. Questa rivendicazione della presunta innocenza della gioventù serba mi è sembrata insopportabile. Ne so qualcosa per esperienza personale. Io stessa, come tutti i membri della mia generazione, ho presunto di essere innocente per il semplice fatto di essere nata dopo la Seconda Guerra Mondiale. Che cosa c'entravamo noi con i crimini commessi quando non eravamo ancora nati? La situazione della nuova generazione di serbi non è del tutto paragonabile alla nostra, perché i nostri padri avevano partecipato a una guerra giusta, difensiva e antifascista (anche se sospetto che i loro padri sarebbero pronti a sostenere di aver fatto lo stesso). Non possiamo negare però che nel corso della Seconda Guerra Mondiale i nostri padri avessero commesso numerosi crimini di guerra, di cui non ci hanno mai parlato. Non mi sento di biasimarli per questo silenzio, lo stesso silenzio che si è instaurato in Croazia, in Bosnia e in Kosovo dopo i recenti conflitti. Ma non posso giustificare il nostro atteggiamento, la nostra incapacità di porre loro le domande giuste, a cominciare dalla più semplice e dalla più difficile di tutte: che cosa hai fatto durante la guerra, papà? Sarebbe stato compito mio e nostro criticare le loro giustificazioni e la loro interpretazione ideologica della Storia. Non l'abbiamo fatto ed è stato un grave errore da parte nostra. Sarebbe stato compito mio e nostro, della nuova generazione di allora, cercare la verità sulla guerra dei nostri padri, che non fu solo resistenza al An article from 4/6

5 fascismo e rivoluzione comunista, ma anche guerra civile. Invece abbiamo preferito credere alla storia ufficiale e ai manuali di storia, perché questo ci rendeva la vita più facile. Se il nostro atteggiamento verso il passato fosse stato diverso, le guerre nazionalistiche degli anni Novanta non sarebbero scoppiate con tanta facilità. L'errore di rimanere in silenzio Anche se so ben poco della nuova generazione serba, c'è una questione che mi sembra ancora più importante: che cosa sanno i giovani serbi del loro passato? Il giovane relatore che aveva rivendicato con rabbia il diritto della sua generazione a recarsi all'estero aveva torto, secondo me. Anche i suoi coetanei in patria sono, come noi, responsabili dei loro errori: l'errore di rimanere in silenzio, di non domandare ai propri padri che cosa hanno fatto durante la guerra, di disinteressarsi del passato e di pensare di avere diritto ai visti solo perché sono giovani, innocenti e arroganti. Soprattutto, sono responsabili per non aver mai domandato ai loro genitori perché i serbi abbiano bisogno di un visto per recarsi all'estero. È vero, i crimini commessi dai padri non possono ricadere sui figli. Ma la nuova generazione serba è responsabile del proprio atteggiamento verso il passato, perché da questo dipende in parte il suo stesso futuro. È quello che avremmo dovuto capire anche noi, la generazione dei loro padri, finché eravamo in tempo. Ma dato che non lo abbiamo fatto, abbiamo dovuto imparare la lezione nel modo peggiore. Grazie alle parole sagge di Boris, ho capito che non è la paura di rivedere i miei vecchi amici a tenermi lontana da Belgrado. Dopo tutto, in questi anni ci siamo incontrati molte volte all'estero in occasione di conferenze e di festival di vario tipo e ognuno di noi sa che cosa hanno detto o scritto gli altri durante e dopo la guerra. Abbiamo tutti qualche errore o qualche malinteso da rimproverarci, come l'errore che ho commesso io e di cui ancora mi vergogno: nel 1999 o nel 2000, poco dopo il terribile esodo degli albanesi dal Kosovo, un mio giovane collega serbo, Vladimir Arsenijevich, scrisse un testo intitolato "Siamo tutti albanesi", in cui c'era una frase che mi mandò su tutte le furie. A un certo punto, Arsenijevich scrive di essere andato in cucina e di aver preso una birra dal frigorifero. Mentre immaginavo la scena, mi sembrò che l'accenno alla "birra fredda" fosse davvero troppo. Dopo aver descritto le sofferenze dei kosovari e il loro esodo in Albania e in Macedonia, le lunghe file di profughi in marcia sotto un sole implacabile, con tutte le loro cose raccolte in buste di plastica, non poteva di punto in bianco aprirsi una "birra fredda" e rinfrescarsi la gola prima di riprendere a deplorare la loro condizione! Anche se l'aveva bevuta veramente, non avrebbe dovuto parlarne nel suo saggio, proprio lui così comprensivo verso le sofferenze dei profughi. Che senso aveva proclamare "siamo tutti albanesi" standosene tranquillamente seduto a bere una birra, mentre gli altri venivano cacciati dalla loro terra? C'era qualcosa di stonato in quella descrizione, un'ipocrisia di fondo. Eppure, Arsenijevich è uno dei pochissimi scrittori serbi che abbiano avuto il coraggio di opporsi al nazionalismo e alla guerra nel Kosovo. Proprio per questo il suo saggio mi indignò più di tutte le fandonie degli scrittori nazionalisti. Ma non avrei dovuto criticarlo pubblicamente per questo. Non avevo il diritto di pretendere da lui la perfezione morale. Qualche anno dopo l'ho incontrato per la prima volta, in Croazia. Era un giovane alto e snello, con i capelli lunghi raccolti in un codino e uno sguardo gentile. Mi sono presentata e mi sono scusata per le critiche ingiuste che gli avevo rivolto. Ha accettato le mie scuse con un sorriso. An article from 5/6

6 Boris e io sappiamo entrambi che cosa hanno fatto i nostri amici ed ex amici durante la guerra. Sappiamo come si sono comportati i nostri conoscenti, proprio come tutti sanno che cosa hanno fatto i propri parenti, amici e vicini, in Bosnia e in Kosovo. La differenza però è che la maggior parte delle persone non vuole ammettere di aver preso parte alla guerra. Non parlo di criminali di guerra o di assassini, non ne faccio una questione penale. Ma penso che coloro che hanno votato per un regime sanguinario dovrebbero assumersene la responsabilità, e non atteggiarsi allo stesso tempo a vittime di Milosevich e delle superpotenze (dopotutto, Belgrado non è stata bombardata dagli americani?), fingendo di non aver avuto alternative se non quella di soccombere alla pressione del nazionalismo. Purtroppo i serbi vivono nella negazione del loro recente passato. Ma il vero problema è che nella società sembra mancare del tutto il desiderio di cercare la verità. Il dovere di porre domande Non possiamo rimanere in silenzio. Non possiamo ripetere ancora una volta i nostri errori o quelli dei nostri genitori. Dobbiamo confrontarci con il passato. Questo è il compito di tutti coloro che hanno vissuto la guerra. Ma anche la nuova generazione, i giovani nati nel dopoguerra, sono responsabili nei confronti della verità. Non è l'unione Europea a privarli dei loro diritti, ma i loro genitori: la difficoltà di ottenere un visto non dipende da chi lo chiede, ma da che cosa hanno fatto o non fatto i loro padri. I giovani serbi sono isolati dal resto del mondo perché non stanno facendo l'unica cosa che dovrebbero fare: porre domande ai loro genitori. P.S. 22 dicembre Affermo in questo saggio che i giovani serbi, che si lamentano di dover chiedere il visto per andare all'estero, dovrebbero domandare ai genitori perché il loro Paese sia stato isolato e che cosa abbiano fatto durante la guerra. Perché, anche se i giovani nati dopo il 1990 non sono responsabili di ciò che hanno fatto i genitori, sono però responsabili per il futuro. Ora i cittadini serbi non hanno più bisogno di chiedere il visto per visitare i paesi della UE. È una buona notizia, ma il punto resta. La Storia non è una proprietà privata e la questione della responsabilità non può essere nascosta sotto il tappeto o lasciata ai politici: tutta la società deve essere coinvolta. Visti o non visti, non esiste democrazia senza responsabilità. Published Original in English Translation by Stefano Salpietro Contribution by Lettera internazionale First published in Lettera internazionale 102 (2010) (Italian version) Slavenka Drakulic / Lettera internazionale Eurozine An article from 6/6

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

TOTALE PARTECIPANTI PER ETA ATTUALE. Totale partecipanti n. 462 donne

TOTALE PARTECIPANTI PER ETA ATTUALE. Totale partecipanti n. 462 donne LA RICERCA SULLA VIOLENZA ALLE DONNE - ASL DI BERGAMO 11 NOVEMBRE 2014 Gennaro Esposito Sociologo Asl Negli abissi oscuri dell'anima ci sono nidi solitari di pene inesprimibili. Tagore Rabindranath TOTALE

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano CARLO LUCARELLI PPP Pasolini, un segreto italiano Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano 2015 by Carlo Lucarelli Published by arrangement with Agenzia Letteraria Roberto Santachiara

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

- 1 reference coded [2,49% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [2,49% Coverage] - 1 reference coded [2,49% Coverage] Reference 1-2,49% Coverage sicuramente è cambiato il mondo. Perché è una cosa che si vede anche nei grandi fabbricati dove vivono

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si chiama Francesca, era molto simpatica; la seconda invece

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Grazie mille. sono io la violenza, scusatemi tanto, spero che sia una bella violenza in realtà. Mi piaceva molto il titolo della

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Una vita a tappe...ricominciare

Una vita a tappe...ricominciare Una vita a tappe...ricominciare Ciao io sono AN DONG, in italiano ANTONIO, sono un ragazzo cinese di 12 anni abito a Terzigno, e frequento la 2 media. Sono nato a Sarno 12 anni fa, ma all'età di quattro

Dettagli

e quando tutta la tomba era ormai coperta di fiori siamo tornati a casa anche noi orfani di una vita esemplare.

e quando tutta la tomba era ormai coperta di fiori siamo tornati a casa anche noi orfani di una vita esemplare. il tamtam triste di questa sera a raccontare di un orfano dell'adozione a Distanza che non è riuscito a superare un'ultima prova che lo aveva portato al grande ospedale di Lilongwe il Kamuzu Central Hospital,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli