Un pugno nello stomaco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un pugno nello stomaco"

Transcript

1 Slavenka Drakulic Mai più a Belgrado Il primo giorno della scorsa primavera ero a Vienna. Mentre percorrevo a piedi la Mariahilfer Strasse, ancora spazzata dalle folate del vento invernale, mi è giunta al volo la conversazione di tre ragazzi che parlavano tra loro, in serbo, di un avvenimento a cui avevano partecipato anche giovani bosniaci e croati. A colpirmi non è stato il fatto che si esprimessero in quella lingua, che oggi capita spesso di sentire per le strade o nella metropolitana di Vienna, ma una frase pronunciata da uno dei ragazzi, che aveva detto: "Non pensavo che ci fosse tanta gente che conosce la nostra lingua". Ho capito subito che, dicendo "la nostra lingua", non intendeva riferirsi a una lingua in particolare, come il serbo, il bosniaco o il croato. Al contrario, il ragazzo aveva usato quell'espressione di proposito, per evitare di chiamare la lingua con il suo nome, come avrebbe dovuto fare per esprimersi in modo politicamente corretto. Questo perché la nostra lingua è la locuzione che i rifugiati e gli immigrati, o anche qualsiasi gruppo di persone provenienti dalla ex Jugoslavia, usano quando si incontrano all'estero come nome delle varie lingue in cui comunicano tra loro. Un pugno nello stomaco La verità è che la loro lingua comune non ha più un nome comune. Il vecchio serbo croato di un tempo non esiste più. Dicendo la nostra lingua, il giovane voleva indicare quel minimo comun denominatore linguistico che si è affermato spontaneamente dopo la fine dei conflitti nella ex Jugoslavia. A ben guardare, si tratta di un nome in codice che serve a manifestare le buone intenzioni di chi parla: non siamo nemici, possiamo ancora capirci tra noi, nonostante tutto quello che è successo. Quelle parole carpite per caso mi hanno toccato in modo sorprendente, riscaldandomi il cuore e riempiendomi di gioia. Grazie a quella lingua senza nome questi ragazzi possono comunicare tra loro e questo è l'importante, ho pensato mentre li guardavo allontanarsi a passo svelto, vestiti di nero come i loro coetanei di tutte le città del mondo. Erano così giovani, poco più che adolescenti. Probabilmente serbi venuti a Vienna in vacanza. All'improvviso, però, mi sono resa conto che quei ragazzi così giovani appartenevano a una generazione cresciuta dopo l'inizio delle guerre nella ex Jugoslavia, e quel pensiero mi ha colpito come un pugno nello stomaco. Quando sono andata a Belgrado per l'ultima volta, diciassette anni fa, forse non erano neppure nati. Da allora, una nuova generazione ha avuto il tempo di crescere, e quella conversazione captata in strada il primo giorno di primavera ne era la prova. An article from 1/6

2 Mentre li guardavo allontanarsi, ho sentito riaffiorare dentro di me la vecchia miscela di rimorso e di ansia che mi perseguita da tempo. Quante volte sono stata invitata a Belgrado negli ultimi diciassette anni dai miei amici, dal mio editore, dagli organizzatori di varie conferenze internazionali e da istituti culturali di ogni tipo? Ma ogni volta trovavo un motivo plausibile per rifiutare, per declinare educatamente l'invito. Avevo sempre una scusa pronta. Finalmente il vento si è placato, come se avesse esaurito la sua forza, e io ho rallentato il passo. Non ho potuto fare a meno di pormi ancora una volta la solita domanda: perché non sono più tornata a Belgrado in tutti questi anni? Quando sono i miei amici a domandarmelo, di solito rispondo che non lo so. So solo che il solo pensiero di trovarmi di nuovo lì mi mette l'ansia, e che dopo lo scoppio della guerra ho evitato in tutti i modi di tornare a Belgrado, come se la città fosse diventata una metafora della guerra. Era l'idea di incontrare "loro" ad angosciarmi? Il ricordo di quello che "loro" hanno fatto a "noi"? O di quello che i serbi avevano fatto a se stessi? Oppure l'idea di dovermi confrontare con una serie di problemi che non avevo nessuna voglia di affrontare? Sapevo che mi sarei portata dietro il peso di quei diciassette anni come un grosso baule pieno di volti, ricordi, parole, immagini, che si sarebbero riversati fuori non appena lo avessi aperto e che poi non sarei più riuscita a raccogliere e a rinchiudere di nuovo in soffitta. D'altra parte, aver rimandato il viaggio tanto a lungo da far crescere nel frattempo una nuova generazione di serbi mi sembrò all'improvviso una cosa assurda. Come se non mi fossi resa conto di come stavano le cose fino al momento in cui avevo colto quella conversazione sulla Mariahilfer Strasse, che aveva risvegliato la mia solita ansia. La paura degli altri Ricordo bene l'ultima volta in cui sono stata a Belgrado: era il giugno 1991, poco prima che la Croazia proclamasse la sua indipendenza. Uno dei tre avrebbe potuto essere nato proprio quell'anno, o addirittura in quel mese. La ragazza, forse? I suoi genitori avrebbero potuto abitare in una casa vicino alla stazione ferroviaria, nello stesso quartiere dove vivevo anch'io con la mia amica Mirjana. Probabilmente sua madre comprava il pane dal mio stesso fornaio e la mattina del sabato andava a fare un giro al mercato delle pulci di Kalenica pijaca. Poi la mia amica Mirjana si era gravemente ammalata ed era morta. Un altro amico, Boris, che mi aveva offerto un caffè il giorno prima della mia partenza, si era sposato. Quando lo incontrai all'aeroporto di Francoforte, dieci anni dopo, aveva un figlio che andava già a scuola. La mia amica Ana si era trasferita all'estero, prima a Parigi e poi a Sarajevo. Anche Ljubica aveva lasciato Belgrado ed era vissuta prima in Slovenia, poi in Svezia e in Belgio; ultimamente, stanca di girovagare, è tornata in Serbia. Un collega, un giornalista che veniva spesso a Zagabria, era stato nominato ministro dell'informazione nel governo di Slobodan Milosevich. Un altro era diventato direttore generale della televisione di Stato serba, la più efficiente macchina di propaganda del regime, e un terzo aveva accompagnato il generale Ratko Mladich a Srebrenica e ne aveva celebrato il lugubre trionfo. Le informazioni che ci arrivavano a pezzi e a bocconi ci dimostravano quanto eravamo cambiati, noi e i nostri amici, alcuni dei quali erano diventati... Già, che cosa erano diventati esattamente? Nostri nemici? O persone così diverse da come le ricordavo da essere irriconoscibili: un ministro, una penna al servizio An article from 2/6

3 della propaganda nazionalistica, un megafono dell'odio? Li avevo mai conosciuti veramente? È possibile conoscere veramente le persone, fidarsi di qualcuno? Sprofondavo nella depressione, sempre più delusa e disgustata dalla natura umana. Mi guardavo allo specchio, cercando anche in me stessa i segni del cambiamento. La paura degli altri è anche paura di se stessi. Sapevo che un viaggio a Belgrado avrebbe fatto riaffiorare immagini e sentimenti semidimenticati, come le parole di una donna musulmana di Srebrenica che aveva visto il figlio, che teneva in braccio, massacrato da un soldato serbo: "Sono stata costretta a bere il sangue di mio figlio", aveva detto. Quelle parole erano rimaste sepolte nella mia memoria per tredici anni. O come la foto apparsa sulla copertina di Dani, una rivista pubblicata a Sarajevo, che mostrava un giovane in jeans, scarpe da ginnastica e maglietta bianca, appoggiato a una ringhiera. Nella foto non c'era niente di speciale, a parte un enorme buco al posto in cui avrebbe dovuto trovarsi il torace del ragazzo. Che strano, pensai quando la vidi per la prima volta, attraverso il buco si scorge la balaustra di ferro. Mi concentrai volutamente su quel particolare, che rendeva l'immagine meno realistica... Un viaggio a Belgrado? Cercavo anch'io, come tutti, di evitare di confrontarmi con le mie emozioni, rimanendo lontana dai miei vecchi amici di Belgrado, non ritornando più in quella città? D'altra parte, perché un viaggio a Belgrado avrebbe dovuto essere così diverso dal ritorno a Zagabria? Dopo tutto, anche lì avevo incontrato lo stesso tipo di gente: vecchi amici e colleghi diventati nazionalisti o semplicemente opportunisti. Avevo anche dovuto constatare che molte delle persone che mi erano care si erano trasferite all'estero. Da questo punto di vista, un viaggio a Belgrado non sarebbe un'esperienza molto diversa. Ma non è così. Vivo e lavoro a Zagabria, è la mia città e non avrei potuto evitare di confrontarmi con la sua realtà postbellica, se non decidendo di partire per sempre. Nel caso di Belgrado, pensavo, potevo farne a meno. "Ma anche Belgrado fa parte del tuo passato", mi ha detto Boris quando ci siamo visti l'ultima volta. Era tornato a Belgrado dagli Stati Uniti già da qualche anno. Come sempre, non ci siamo incontrati nella sua città o nella mia, ma a Vienna, in occasione di una conferenza, naturalmente. Abbiamo parlato del malessere che si prova ritornando nei luoghi che un tempo consideravamo nostri e che non lo sono più. La prima volta che aveva visitato Dubrovnik dopo la guerra, mi ha detto, aveva sentito un grande dolore, non solo a causa della nostalgia delle estati trascorse tra le sue strade lastricate di pietra o dei danni che le bombe avevano causato alla bellissima città medievale. Lo addolorava soprattutto il pensiero che la soldatesca jugoslava avesse fatto tutto quello anche in suo nome. "Devi venire a Belgrado e vedere che cosa fanno le persone che conosci. Dopo tutto, le città sono fatte di persone", ha soggiunto. Poi mi ha mostrato una foto di suo figlio, ormai adulto, un bel giovane in giacca e cravatta. Non riuscivo a credere che il bambino che avevo visto all'aeroporto di Francoforte e poi negli Stati Uniti fosse diventato uno studente di legge. Come l'incontro con i tre ragazzi sulla Mariahilfer Strasse, avvenuto poco prima, anche quella foto mi ricordava che tra poco una nuova generazione, nata dopo la fine della guerra, avrebbe avuto l'età per votare. Ancora una volta, ho dovuto ammettere a me stessa di non essermi mai voluta confrontare con la realtà rappresentata da questi giovani. È accaduto qualcosa di importante e non me ne sono accorta: non li ho visti crescere. Che cosa so di loro? So che non possono viaggiare all'estero senza un visto, non possono andare a Londra o a Parigi e nemmeno a Trieste. An article from 3/6

4 Non possono visitare neppure Bucarest o Sofia. Un visto per l'europa Che situazione triste e assurda, che condizione umiliante, ho pensato, ricordando che la mia generazione poteva viaggiare in tutta Europa senza bisogno di visti, grazie al vecchio passaporto rosso jugoslavo. Questo fatto era naturalmente fonte di orgoglio, una differentia specifica che gli abitanti dei paesi del blocco sovietico ci invidiavano. Negli anni Settanta, durante le vacanze, molti di noi se ne andavano in Italia, in Francia, in Inghilterra o in Svezia, a raccogliere fragole e a tirare su un po' di soldi. Quando ero ancora una studentessa, ho lavorato per tre mesi in un grande magazzino in Svezia e sono tornata a casa con denaro sufficiente per un anno. Un altro privilegio che ci veniva molto invidiato era la possibilità di comprare un paio di jeans americani o di scarpe italiane, ma anche libri e dischi stranieri. Il lato negativo di questa situazione era che la libertà di viaggiare diventava una ragione per accettare il sistema politico, una specie di tangente che il regime ci offriva per comprare il nostro consenso, per convincerci che la teoria del "socialismo dal volto umano" avesse un significato e potesse funzionare. Nessuno di noi lo metteva in dubbio. Mentre assistevo alla conferenza, continuavo a pensare a quei ragazzi che parlavano in serbo nella Mariahilfer Strasse: probabilmente non vivevano in Serbia o, se venivano effettivamente da lì, dovevano essere tra i pochi fortunati che erano riusciti a ottenere un visto. Di recente la questione dei visti per i giovani europei residenti nei paesi non appartenenti alla UE è stata al centro di molte discussioni. Non è facile ottenere i visti, soprattutto per i serbi, e questo contribuisce a isolare i giovani dal resto del mondo, sostengono alcuni. Se ne è parlato anche alla conferenza. Perché punire i giovani per una colpa che non hanno commesso? Quando è scoppiata la guerra, non erano neppure nati. Non siamo responsabili di ciò che hanno fatto i nostri padri, ha detto uno dei relatori, con voce piena di rabbia. Il suo scopo era chiaramente quello di suscitare simpatia tra i presenti, ma devo confessare che su di me ha avuto l'effetto opposto. Era così arrabbiato che finii per arrabbiarmi anch'io. Secondo lui, la nuova generazione di serbi, di cui si era fatto portavoce, non merita di essere trattata in questo modo dall'"europa". La tesi implicita nel suo discorso era che i giovani sono innocenti per definizione. Questa rivendicazione della presunta innocenza della gioventù serba mi è sembrata insopportabile. Ne so qualcosa per esperienza personale. Io stessa, come tutti i membri della mia generazione, ho presunto di essere innocente per il semplice fatto di essere nata dopo la Seconda Guerra Mondiale. Che cosa c'entravamo noi con i crimini commessi quando non eravamo ancora nati? La situazione della nuova generazione di serbi non è del tutto paragonabile alla nostra, perché i nostri padri avevano partecipato a una guerra giusta, difensiva e antifascista (anche se sospetto che i loro padri sarebbero pronti a sostenere di aver fatto lo stesso). Non possiamo negare però che nel corso della Seconda Guerra Mondiale i nostri padri avessero commesso numerosi crimini di guerra, di cui non ci hanno mai parlato. Non mi sento di biasimarli per questo silenzio, lo stesso silenzio che si è instaurato in Croazia, in Bosnia e in Kosovo dopo i recenti conflitti. Ma non posso giustificare il nostro atteggiamento, la nostra incapacità di porre loro le domande giuste, a cominciare dalla più semplice e dalla più difficile di tutte: che cosa hai fatto durante la guerra, papà? Sarebbe stato compito mio e nostro criticare le loro giustificazioni e la loro interpretazione ideologica della Storia. Non l'abbiamo fatto ed è stato un grave errore da parte nostra. Sarebbe stato compito mio e nostro, della nuova generazione di allora, cercare la verità sulla guerra dei nostri padri, che non fu solo resistenza al An article from 4/6

5 fascismo e rivoluzione comunista, ma anche guerra civile. Invece abbiamo preferito credere alla storia ufficiale e ai manuali di storia, perché questo ci rendeva la vita più facile. Se il nostro atteggiamento verso il passato fosse stato diverso, le guerre nazionalistiche degli anni Novanta non sarebbero scoppiate con tanta facilità. L'errore di rimanere in silenzio Anche se so ben poco della nuova generazione serba, c'è una questione che mi sembra ancora più importante: che cosa sanno i giovani serbi del loro passato? Il giovane relatore che aveva rivendicato con rabbia il diritto della sua generazione a recarsi all'estero aveva torto, secondo me. Anche i suoi coetanei in patria sono, come noi, responsabili dei loro errori: l'errore di rimanere in silenzio, di non domandare ai propri padri che cosa hanno fatto durante la guerra, di disinteressarsi del passato e di pensare di avere diritto ai visti solo perché sono giovani, innocenti e arroganti. Soprattutto, sono responsabili per non aver mai domandato ai loro genitori perché i serbi abbiano bisogno di un visto per recarsi all'estero. È vero, i crimini commessi dai padri non possono ricadere sui figli. Ma la nuova generazione serba è responsabile del proprio atteggiamento verso il passato, perché da questo dipende in parte il suo stesso futuro. È quello che avremmo dovuto capire anche noi, la generazione dei loro padri, finché eravamo in tempo. Ma dato che non lo abbiamo fatto, abbiamo dovuto imparare la lezione nel modo peggiore. Grazie alle parole sagge di Boris, ho capito che non è la paura di rivedere i miei vecchi amici a tenermi lontana da Belgrado. Dopo tutto, in questi anni ci siamo incontrati molte volte all'estero in occasione di conferenze e di festival di vario tipo e ognuno di noi sa che cosa hanno detto o scritto gli altri durante e dopo la guerra. Abbiamo tutti qualche errore o qualche malinteso da rimproverarci, come l'errore che ho commesso io e di cui ancora mi vergogno: nel 1999 o nel 2000, poco dopo il terribile esodo degli albanesi dal Kosovo, un mio giovane collega serbo, Vladimir Arsenijevich, scrisse un testo intitolato "Siamo tutti albanesi", in cui c'era una frase che mi mandò su tutte le furie. A un certo punto, Arsenijevich scrive di essere andato in cucina e di aver preso una birra dal frigorifero. Mentre immaginavo la scena, mi sembrò che l'accenno alla "birra fredda" fosse davvero troppo. Dopo aver descritto le sofferenze dei kosovari e il loro esodo in Albania e in Macedonia, le lunghe file di profughi in marcia sotto un sole implacabile, con tutte le loro cose raccolte in buste di plastica, non poteva di punto in bianco aprirsi una "birra fredda" e rinfrescarsi la gola prima di riprendere a deplorare la loro condizione! Anche se l'aveva bevuta veramente, non avrebbe dovuto parlarne nel suo saggio, proprio lui così comprensivo verso le sofferenze dei profughi. Che senso aveva proclamare "siamo tutti albanesi" standosene tranquillamente seduto a bere una birra, mentre gli altri venivano cacciati dalla loro terra? C'era qualcosa di stonato in quella descrizione, un'ipocrisia di fondo. Eppure, Arsenijevich è uno dei pochissimi scrittori serbi che abbiano avuto il coraggio di opporsi al nazionalismo e alla guerra nel Kosovo. Proprio per questo il suo saggio mi indignò più di tutte le fandonie degli scrittori nazionalisti. Ma non avrei dovuto criticarlo pubblicamente per questo. Non avevo il diritto di pretendere da lui la perfezione morale. Qualche anno dopo l'ho incontrato per la prima volta, in Croazia. Era un giovane alto e snello, con i capelli lunghi raccolti in un codino e uno sguardo gentile. Mi sono presentata e mi sono scusata per le critiche ingiuste che gli avevo rivolto. Ha accettato le mie scuse con un sorriso. An article from 5/6

6 Boris e io sappiamo entrambi che cosa hanno fatto i nostri amici ed ex amici durante la guerra. Sappiamo come si sono comportati i nostri conoscenti, proprio come tutti sanno che cosa hanno fatto i propri parenti, amici e vicini, in Bosnia e in Kosovo. La differenza però è che la maggior parte delle persone non vuole ammettere di aver preso parte alla guerra. Non parlo di criminali di guerra o di assassini, non ne faccio una questione penale. Ma penso che coloro che hanno votato per un regime sanguinario dovrebbero assumersene la responsabilità, e non atteggiarsi allo stesso tempo a vittime di Milosevich e delle superpotenze (dopotutto, Belgrado non è stata bombardata dagli americani?), fingendo di non aver avuto alternative se non quella di soccombere alla pressione del nazionalismo. Purtroppo i serbi vivono nella negazione del loro recente passato. Ma il vero problema è che nella società sembra mancare del tutto il desiderio di cercare la verità. Il dovere di porre domande Non possiamo rimanere in silenzio. Non possiamo ripetere ancora una volta i nostri errori o quelli dei nostri genitori. Dobbiamo confrontarci con il passato. Questo è il compito di tutti coloro che hanno vissuto la guerra. Ma anche la nuova generazione, i giovani nati nel dopoguerra, sono responsabili nei confronti della verità. Non è l'unione Europea a privarli dei loro diritti, ma i loro genitori: la difficoltà di ottenere un visto non dipende da chi lo chiede, ma da che cosa hanno fatto o non fatto i loro padri. I giovani serbi sono isolati dal resto del mondo perché non stanno facendo l'unica cosa che dovrebbero fare: porre domande ai loro genitori. P.S. 22 dicembre Affermo in questo saggio che i giovani serbi, che si lamentano di dover chiedere il visto per andare all'estero, dovrebbero domandare ai genitori perché il loro Paese sia stato isolato e che cosa abbiano fatto durante la guerra. Perché, anche se i giovani nati dopo il 1990 non sono responsabili di ciò che hanno fatto i genitori, sono però responsabili per il futuro. Ora i cittadini serbi non hanno più bisogno di chiedere il visto per visitare i paesi della UE. È una buona notizia, ma il punto resta. La Storia non è una proprietà privata e la questione della responsabilità non può essere nascosta sotto il tappeto o lasciata ai politici: tutta la società deve essere coinvolta. Visti o non visti, non esiste democrazia senza responsabilità. Published Original in English Translation by Stefano Salpietro Contribution by Lettera internazionale First published in Lettera internazionale 102 (2010) (Italian version) Slavenka Drakulic / Lettera internazionale Eurozine An article from 6/6

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

TOTALE PARTECIPANTI PER ETA ATTUALE. Totale partecipanti n. 462 donne

TOTALE PARTECIPANTI PER ETA ATTUALE. Totale partecipanti n. 462 donne LA RICERCA SULLA VIOLENZA ALLE DONNE - ASL DI BERGAMO 11 NOVEMBRE 2014 Gennaro Esposito Sociologo Asl Negli abissi oscuri dell'anima ci sono nidi solitari di pene inesprimibili. Tagore Rabindranath TOTALE

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano CARLO LUCARELLI PPP Pasolini, un segreto italiano Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano 2015 by Carlo Lucarelli Published by arrangement with Agenzia Letteraria Roberto Santachiara

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

- 1 reference coded [2,49% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [2,49% Coverage] - 1 reference coded [2,49% Coverage] Reference 1-2,49% Coverage sicuramente è cambiato il mondo. Perché è una cosa che si vede anche nei grandi fabbricati dove vivono

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1 Inserisci il tuo nome- Your Name: E-Mail: Data : Puoi dare questa pagina al tuo insegnante per la valutazione del livello raggiunto Select correct answer and give these pages to your teacher. Adesso scegli

Dettagli

Fragili, come le ali di una farfalla. E, SULLE ALI DELLA SPERANZA IN COPERTINA

Fragili, come le ali di una farfalla. E, SULLE ALI DELLA SPERANZA IN COPERTINA IN COPERTINA SULLE ALI DELLA SPERANZA Fare conoscere una malattia rara come l Epidermolisi Bollosa. Raccogliere fondi per la ricerca e sostenere la sperimentazione. Trasformare i sogni e i desideri dei

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L

SCUOLA SECONDARIA I GRADO Gen E. Baldassarre Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015 Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio Gli alunni della 2^L La docente di lettere prof.ssa Alessandra de Robertis PRESENTANO

Dettagli

La guerra e la bambina 1938-1948

La guerra e la bambina 1938-1948 La guerra e la bambina 1938-1948 Tea Vietti LA GUERRA E LA BAMBINA 1938-1948 racconto Dedico questi appunti di guerra ai miei figli: Antonella e Alberto e ai miei nipoti: Fabio, Luca, e Alessia, perché

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

La deposizione di Elisabetta Ballarin davanti al gip (27 gennaio e 5 marzo 2004)

La deposizione di Elisabetta Ballarin davanti al gip (27 gennaio e 5 marzo 2004) Altri misteri I delitti delle cosiddette bestie di Satana La deposizione di Elisabetta Ballarin davanti al gip (27 gennaio e 5 marzo 2004) Ecco il racconto di Elisabetta Ballarin rilasciato al gip il 27

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG C è qualcosa che riesci a ricordare (che ti riesce di ricordare)?, chiese lei. Qualcosa che ti ha colpito. Qualcosa di strano o di particolare? No, in effetti no.,

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

YANIS VAROUFAKIS È L ECONOMIA CHE CAMBIA IL MONDO

YANIS VAROUFAKIS È L ECONOMIA CHE CAMBIA IL MONDO YANIS VAROUFAKIS È L ECONOMIA CHE CAMBIA IL MONDO Quando la disuguaglianza mette a rischio il nostro futuro saggi Proprietà letteraria riservata S. Patakis S.A. & Yanis Varoufakis, Atene 2013 2015 Rizzoli/RCS

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli