r Q504 THl- I IBRAP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "r 371.912 Q504 THl- I IBRAP"

Transcript

1 r Q504 THl- I IBRAP

2 4».**,a*i^*l*»~ia4**.. ithe JOIHIM C^Bi^AI^ LIBIRA^Y 9 CHICAGO^ >»» W^B&U^MJ^EMMS

3 C. PERINI INSEGNAlffr'Ifgl' "WS I'STITUTO PEI SORDOMUTI POVERI DELLA PROVINCIA DI MILANO E DI PE- DAGOGIA E DIDATTICA NELLA R. SCUOLA NORMALE GEROLAMO CARDANO ^ I. VATTER e Tlstituto pei sordomuti di Francoforte sul Meno ===' HLANO =^^=== fremiata SCUOLA = ftipografica SALESIANA COPERNICO, 9 ' I905. ==

4

5 CORRIGE ERRATA, non fe 1'orale puro, ma il misto. Lineaej.nonfenfel'oralepuronfeU mistb:

6

7 - C. PERIM - INSEGNANTE NEL PIO isyltlto PEI SORDOMUTI POVERI DELLA PROVINCIA DI MILANO E DI PE- DAGOGIA E DIDATTICA NELLA R. SCUOLA NORMALE GEROLAMO CARDANO = I. VATTER e Tlstituto pei sordomuti di Francoforte sul Meno == MILANO ==^== PREMIATA SCUOLA. TIPOGRAFICA SALESIANA VIA^COPERNICO, 9 == === i9 0 5 =

8

9 UNA VISITA ALL'ISTITUTO PEI SORDOMUTI DI FRAN COFORTE SUL MENO La scuola di Francoforte sul Meno e una scuola ormai nota a tutti gli educatori dei sordomuti d'italia, anche perche piu volte se ne e parlato sui nostri periodici. Se essa og-gi e cotanto rinomata lo si deve senza dubbio al suo illustre Direttore L Vatter. lo, naturalmente, da molto tempo desideravo visitarla: il Congresso internazionale degli educatori dei sor domuti tenutosi a Liegi mi offerse Toccasione di soddisfare a questo mio desiderio. Dopo aver visitato durante il mio viaggio gli Istituti di Zurigo e di Riehen presso Basilea, mi recai a Francoforte in compagnia dell'egregio Prof. Don Gio. B. Pasetti Vice-Rettore del Pio Istituto pei sordomuti poveri della Provincia di Milano. Due ore dopo il nostro arrivo in quella grande e ricca citta, eravamo all'istituto del Vatter. L'edificio si presenta imponente davanti alio sguardo: in esso si trova tutto quanto richiede un convitto e scuola pei sordomuti che si educhino col metodo orale-puro. Ampie e ben il luminate sono le aule delle scuole e della ricreazione, come ampio e il giardino che serve di ricreazione e puranco di scuola agli allievi. Che cliro io mai del museo scolastico? L'importanza deirinsegnamento oggettivo in Germania e da tempo riconosciuta. Anche in Italia, senza dubbio, la si riconosce, e se ne parla spesso, ma purtroppo in parecchie scuole non si vede giammai durante

10 4 la lezione un oggetto qualsiasi, che serva per Tinsegnamento oggettivo: tutt'al piu simili oggetti si troveranno nella classe di articolazione per I'insegnamento della nomenclatura, non di rado inutile (i), mentre questi oggetti clovrebbero abbondare nelle classi superior!, quando si insegna il verbo con le particelle, che costituiscono il fondamento dell'insegnamento linguistico. Da noi nella scuola, per Tinsegnamento, non servono che gli oggetti che il maestro ha con se abitualmente, e quelli che co stituiscono I'arredamento della scuola, il fazzoletto, lo strofinaccio per pulire le lavagne, la matita, la penna, i quaderni e i libri degli allievi. Su questi oggetti si foggiano tutte le frasi che si vogliono insegnare agli allievi. Mi si dice che se noi facciamo poco uso degli oggetti, cio lo si fa per svolgere nei sordomuti la facolta dell'associazione intellettiva. E cio sta bene; ma anche per lo svolgimento di tale facolta io credo che sia indispensabile Tabbondanza e la varieta degli oggetti. Se io avro, per esempio, nella scuola il fac-simile di un baule, di una valigia e d'un omnibus, tolti dal museo scolastico, potro con questi tre oggetti portare gli allievi con la loro mente alia stazione ferroviaria, insegnando cio che vi si fa e cio che quivi avviene. E poi perche dobbiamo noi soltanto limitarci a far eseguire le azioni indicate dai verhiprendere, mettere e toccare? Se nella scuola ci saranno molti og getti e se questi oggetti li cambieremo di sovente, le nostre lezioni saranno vive, allieteranno gli allievi, e li innamoreranno dello studio, della parola, che sara da essi usata fuori di scuola. In tal modo i sordomuti si arricchiranno di lessico, e, in pari tempo, le varie forme del linguaggio si imprimeranno meglio nella loro mente. Nella scuola di Francoforte si riconosce pure la bonta delle lezioni di cose : cio si puo arguire dalla ricca colle- (i) E veramcnte inutile I'inse^nare, per esempio, il nomc di molti fiori e loro parti, quello di molti animali ecc. nella classe preparatoria. La nomenclatura> che fa di bisogno ai sordomuti, s'inscgni man mano che apprendono a conoscere ed a usare il verbo nelle sac varie flessioni. A questo modo la nomenclatura non sara da essi dimenticata.

11 5 zione di oggetti che rappresentano la storia delle cose. Allorquando il maestro trova necessario di fare agli allievi delle classi superiori una lezione, per esempio, su qualche mobile, presenta dapprima la figura di un albero e con essa gli strumenti che servono per atterrarlo, per ridurne il fusto in assi, indi mostra le assi accatastate, segate, piallate e ridotte finalmente in quel mobile su cui verte la lezione. Nell'Istituto di Francoforte non mancano pure i quadri illustrativi : di essi ne vidi degli splendidi. Ormai tutti sanno che di siffatti quadri non si deve abusare; ma altro e I'abusare ed altro il non far uso del tutto: il piu delle volte le lezioni per aspetto costano fatica all'insegnante, il che consiglia a non abusarne. Narrato, per esempio, un fatto storico se ne presenta il quadro, in cui sono rappresentati i personaggi principali nell'atteggiamento in cui il fatto e stato narrato: e allora la visione del quadro e di grande giovamento, e serve a dare un'idea chiara al sordomuto di quanto si e spiegato. Appena fu comunicata al Vatter la nostra visita, questi non ci fece (come avviene in certi Istituti) molto aspettare. Ci venne tosto incontro sul magnifico scalone, che conduce alle scuole, e ci accolse cordialmente o meglio fraternamente (i). II Vatter avraio credo oltrepassatoisessant'anni, ma e ancora cosi vegeto da destare 1' invidia di molti maestri ancora nel vigor della vita. E di media statura, tarchiato ed interamente canuto. Dal suo occhio scintillante appare la sua intelligenza e diro anche il suo amore per la causa dei sordomuti. Ha una voce veramente rimbombante e bene adatta allarte nostra. Ci introdusse nelle classi, incominciando dalle classi superiori, ai cui insegnanti declino il nostro nome e pro- (i) La stessa accoglienza di Francoforte e le notizie, che noi desideravamo, abbiamo avuto negli Istituti di Zurigo, di Riehen, di Colonia, d' Anversa, di Rotterdam, di Bruxelles, di Lilla e di Lione. Nell'Istituto Nazionale di Parigi non vi trovammo che il portinaio : tutti erano assenti! Non potemmo recarci, come era nostro desiderio, all'istituto d'asni res, dove il simpatico Direttore, signer Gustave Baguer, ci aspettava.

12 venienza; indi si fermo nella classe preparatoria o di ar ticolazione, che e divisa in due sezioni: la prima sezione e composta degli allievi del primo anno d'insegnamento e la seconda di quelli del secondo anno. II Vatter stessoesegui dapprima parecchi esercizi con gli allievi del primo anno: fece emettere ad essi la voce, articolare dei fonemi, delle sillabe, dei vocaboli ed eseguire passivamente parecchie azioni con verbi intransitivi e transitivi composti di due sillabe (i). Uno solo non manteneva la posizione della lingua e delle labbra nella emissione di qualche fonema ed aveva la voce di falsetto. Da esperto e valente insegnante il Vatter mise la mano degli allievi dove potevano sentire le vibrazioni dei suoni e dei rumori, che dovevano emettere. Lo vidi pure porre le sue dita nella bocca di qualche allievo; cosa peraltro che non si peritava di fare il celebre Dottor Corrado Amman. Del resto chi e pratico nelpinsegnamento delparticolazione sa benissimo che le dita, in certi casi, per la loro pieghevolezza valgono meglio della stecca. L'articolazione degli allievi della se conda sezione era in tutti compiuta: non difettavano di verun elemento. Dalla classe preparatoria si passo alia classe degli allievi del IV 0 e V 0 anno d'insegnamento. Sul tavolino c'era un girasole. II Vatter lo prese e intorno a quello fece moltissime e svariate domande, eseguendo pure alcune azioni, che faceva esporre dai discenti. In quel momento il Vatter m'apparve il vero maestro dei sordomuti: egli col suo vivido sguardo teneva fissi a se gli allievi in guisa che la parola era col pensiero rapidamente colta da ciascun interrogate. Nel Vatter io rivedevo in quel momento il mio venerato maestro Giulio Tarra: lo rivedevo nelle espressioni del suo volto ed in quella facondia cosi adatta ai poveri sor domuti. L'ltalia non e un'esagerazione lamia colla (i) Nella lingua tedesca, come si sa, ci sono molti nomi monosillabici' come hut (cappello) brot (pane) gans (oca) btich (libro) vein (vino) glas (bicchiere) uhr (orologio) ring 'anello) kopf (testa) mund (bocca) hals (collo) ohr (orecchia) stok (bastone) schaf (pecora) ecc. E questo e senza dubbio un grande vantaggio.

13 scomparsa di Giulio Tarra ha perduto il suo piti grande maestro dei sordomuti: il vuoto da lui lasciato, non si e fin adesso riempito. Si e scritto molto dopo la sua morte, ma le nostre scuole non hanno ancora acquistato quella vita che il Tarra sapeva infondervi (i). Auguro che la Germania trovi dei continuatori del Vatter, dei maestri che abbiano il suo genio, quel genio voluto dall'arte di educare il sordomuto. I moderatori della pubblica istruzione della Germania lo hanno, riconosciuto e ne sono prova le onorificenze che gli furono conferite. NelPultima classe si parlo dell'italia, di Roma, di Milano, del mio Istituto, della Scuola Normale Gerolamo Cardano, dei sordomuti italiani: tutti risposero con cognizione di causa, e lo si comprendeva, giacche le do mande erano fatte in modo che evidentemente risultasse di sapere essi cio che veniva chiesto a loro. E qui troro necessario che si sappia come nella scuola di Francoforte regni Tordine, la disciplina in sommo grado. Se la disciplina e indispensabile per gli udenti, che diremo noi dei sordomuti? Essi devono rilevare la parola dal labbro, e la parola e formata da suoni prodotti da movimenti degli organi vocali di cui alcuni sono pressoche impercettibili al nostro sguardo. Per questo abbiamo chi ci dice che ci sono fonemi che il sordomuto non puo leggere dal labbro. Ma in realta il sordomuto non sapra leggere questi fonemi se la sua attenzione non sara coltivata, se il suo occhio non sara educato alia lettura labiale analitica, se la scrittura avra nella scuola il primo posto (2), o se si fara uso dei gesti, e se non si badera che nella scuola il sordo muto mantenga quel contegno che alia scuola si addice. La scuola, e vero, non deve essere un peso per il sordomuto: ma io credo che lo divenga se lascieremo Pallievo in balia a se stesso. L'esperienza mi dice che la scuola e cara al sordomuto quando vede che quivi apprende molte cose (1) Eppure il Tarra ebbe dei critici anche per J a vitalita che sapeva infondere nelle sue scuole come ne avrebbe il Vatter se fosse italiano. ; (2) Veggasi la nota in fine dell'opuscolo.

14 8 utili a lui. Egli stesso biasima non soltanto il maestro che non lavora, ma quello che da troppa liberta agli allievi, che si mette a pari con essi, perdendo, per i suoi atti piu che famigliari, la sua dignita. II Vatter ama i suoi allievi e ne e certamente riamato, perche tiene la condotta di un padre dolce e se vere ad un tempo. Questa severita e necessaria affinche il sordomuto possa applicarsi con amore e costanza alio studio, da cui dipende la sua rigenerazione. La visita alia scuola di Francoforte mi convinse sempre piu della bonta del metodo orale-puro. Ma questo metodo, lo sappiamo, richiede da parte del maestro una grande fatica ed una costanza, che non tutti hanno. Ma questa costanza e una delle precipue virtu del Vatter: ed e percio che il suo Istituto primeggia, giacche con tale dote congiunta alpingegno, si puo applicare intera mente il metodo orale-puro, e se ne ottengono i migliori risultati. Ma nella patria del De I'Epee, di questo uomo che con tanto amore si dichiarava pronto a favorire ogni me todo che conducesse il sordomuto alia sua compiuta redenzione, si leva di tanto in tanto qualche voce, timida se vogliamo, contro il metodo orale-puro, contro il memorando Congresso internazionale di Milano, che I'ha solennemente proclamato, dopo che i maestri quivi convenuti ne riconobbero dinanzi alia prova dei fatti tutta la bonta. Ed a chi condanna il metodo orale-puro, a chi non lo ammette, a chi non lo crede possibile, io dico di recarsi a Francoforte, dove lo vedra severamente applicato. La serieta delpapplicazione del metodo orale-puro si puo anche arguire dal fatto che nelle scuole non c'e che una sola piccola lavagna: a Francoforte si fa un uso costant della parola, e il Vatter in questo segue Ferdinando Arnoldi, il quale volendo che ogni parola fosse letta dal labbro, piuttosto che scriverla, allorquando di primo tratto i sordomuti non la comprendevano, la ripeteva una decina di volte fin che dalp allievo fosse chiaramente percepita. Del resto non e soltanto a Francoforte, che cosi si opera:

15 si visitino le scuole di Zurigo, di Riehen, di Anversa, di Rotterdam e si vedra che quivi la parola non e serva, ma e padrona, anzi regina in tutto I'insegnamento. Gli allievi che escono da queste scuole sono i piu caldi sostenitori della parola: ma tali non sono quelli che escono da scuole dove il metodo non e ne rorale-puro ne il misto. Al Congresso di Liegi vedemmo gli allievi di tali scuole: il marchio della loro sventura era ancora impresso in loro. In loro si era incarnata quella mimica che dal De TEpee e dal Sicard fu creata. E di questo io era maravigliato, come lo saranno stati i Direttori delle scuole di Rotterdam e di Groninga, nonche quello della scuola di Lione, il signor Hugentobler, caldi sostenitori del metodo orale-puro (i). Dopo i ripetuti assalti mossi al metodo nostro, e consolante il vedere come esso sia di gran lunga superiore ad ogni altro, e come i risultati confortino i maestri che con coscienza lo praticano. Una delle piu grate impres sion! della mia vita d'insegnante provai ponendo piede nella scuola di Francoforte, dove ognuno puo vedere co me per i sordomuti la parola diventi il mezzo precipuo di comunicazione. (i) Anche in Francia, come si sa, in molte scuole si pratica il metodo oralepuro. 11 fatto poi che per il Congresso di Liegi fu nominato rappresentante del Governo francese Pegregio amico Prof. Agostino Dubranle, Ispettore generale degli Istituti pei sordomuti, significa un riconoscimento della bonta dei suoi pensamenti in fatto d'istruzione dei sordomuti, pensamenti che si formarono in lui alia scuola di G. Tarra. E qui mi place ricordare la Rev.ma Superiora del- Plstituto di Bordeaux che al Congresso di Liegi rappresentava il suo Governo, e I'amico Prof. M. Dupont noto per i molteplici suoi scritti, che fanno onore a lui ed all'istituto Nazionale di Parigi, cui appartiene.

16 CENNI STORICI DELL'ISTI- TUTO PEI SORDOMUTI DI FRANCOFORTE SUL MENO Nel 1827 Luigi Hosel, che aveva appreso Parte di istruire i figliuoli privi della loquela negli Istituti di Gmiind e di Lipsia, fondava a Francoforte sul Meno, sua citta nativa, un Istituto pei sordomuti. I suoi allievi furon sempre pochi, giacche voleva che il suo Istituto fosse come una famiglia. In quel tempo in Germania Pistruzione dei sordomuti non durava che tre o quattro anni. L'HoseL che aveva studiato il sordomuto e riconosciuto il suo infelicissimo stato, stabili per i suoi allievi un corso d'istruzione di otto anni. I mezzi usati da lui nelpistruzione furono sempre la parola e la scrittura. «II metodo orale egli diceva e il vero e piu sicuro mezzo per restituire il sordomuto alia societa». Ma egli aveva bisogno d'una casa propriaene acquisto una circondata da quattro ettari di giardino. Nel 1829 lo Stato gli accordo un sussidio annuo di mille fiorini e poi d'altri trecento, con Pobbligo di raccogliere ed istruire i sordomuti poveri della citta. L' Hosel era solo: con tale sussidio egli pote avere una distinta istitutrice, che fu la signorina Schmitt. Incli vi elesse maestro il signor Augusto Ravenstein, che era molto conosciuto e stimato in Francoforte, e, come insegnante di disegno, scelse il pittore G. Peipers.

17 II La ginnastica vi era da qualche anno insegnata dal Dottor Schwartz, a cui nel 1838 si affido pure una classe di allievi per I'insegnamento della lingua e delle materie di coltura. Per conservare ed accrescere Pinteresse del pubblico a favore dell' Istituto, si davano ogni anno degli esami pubblici. L'assegno dello Stato era stato nel frattempo elevato a 1800 fiorini; ma non bastava per il continuo incremento dell'istituto. Nel 1839 il benemerito signor M. G. Seufferheld sindaco di Francoforte, fondo un comitato, che aveva per fine di raccogliere denaro onde comprare l'edificio del- PHosel e di edificarne uno nuovo secondo le esigenze richieste dalla pedagogia speciale per i sordomuti. I cittadini sottoscrissero per fiorini e cosi si pote costruire nel mezzo del giardino dell'hosel PIstituto, nel quale entrarono gli allievi nel La vita dell'istituto di Francoforte era ormai assicurata: esso, come scrive il Vatter, formava un anello della bella catena degli Istituti di beneficenza, di cui va adorna la citta di Francoforte. L'Hosel per il suo Istituto aveva consacrato la sua vita e le sue sostanze; ma, mentre egli lavorava per il Congresso degli educatori tedeschi, che si doveva tenere in Francoforte, il 18 Giugno del 1847 un colpo apopletico gli toglieva la vita. A perpetuare la memoria di cosi distinto maestro e benefattore dei sordomuti, gli fu decretata una via in vicinanza dell'istituto. Allora la direzione dell'istituto fu presa dal Dottor Schwartz: egli trovo una valente cooperatrice nella maestra Schmitt, che era divenuta sua consorte. Lo Schwartz fece nuovamente rifiorire PIstituto, avendo trovato dei benefattori, che ne aumentarono, con la loro annuale contribuzione, il fondo. Nel 1861 Pamministrazione dell'istituto, in forza d'una legge allora promulgata, si afifido ad una Commissione di quattro membri: il Dottor Schrader ne fu membro per quaranta anni, facendo prosperare la giovane istituzione. Al Dottor Schwartz successe nella direzione dell'istituto

18 12 il signor I. G. Rapp, che era direttore del Regio Istituto di Esslingen. Egli era un partigiano convinto del metodo orale : voleva condurre il sordomuto ad un piu alto grado di coltura generale e linguistica, a cui fin d'ora non si era giunti. Adotto i libri di lettura dell'hill e di Rossler: buoni ne iurono i risultati, giacche per essi crebbe nei sordomuti J'amore alio studio, mentre Puso della parola divenne piu facile per tutti, giacche per mezzo della lettura, oltre che acquistare svariate cognizioni, le forme linguistiche si imprimevano meglio nella loro mente. Nel 1869 il signor Rapp chiese per ragioni di salute un coadiutore nella direzione delpistituto. Gli fu concesso il signor I. Vatter, che ne era maestro fino dal Una violenta polmonite tronco la vita al Rapp nella fiorente eta di 47 anni. Anche di lui s'e dedicata in Franco forte una via onde ricordare ai posteri il bene fatto ai sordomuti (1874). : Allora il Vatter assunse interamente la direzione dell'istituto. Col suo ingegno ed amore vivissimo alia causa dei figliuoli, a cui si era consacrato, pote felicemente compiere gli ideali dei suoi predecessori. Egli prese sempre parte attiva alle conferenze che da oltre 50 anni si tengono in Germania dai maestri dei sordomuti. Ascoltato dai suoi colleghi, infuse in loro il suo spirito, che e quello voluto dalla condizione del sordo muto. II metodo d'insegnamento delle scuole tedesche e quello che si pratica in Francoforte. II Vatter pero ha sentito piu volte il bisogno di far sentire 1 a sua voce contro quegli Istituti, in cui si affida la sorveglianza degli allievi a giovani senza veruna coltura pedagogica. Allorquando P Istituto di Francoforte raggiunse il numero di 30 allievi, l'edificio primitivo divenne insufficiente per essi. L'amministrazione si rivolse alia carita pubblica, che rispose generosamente all'appello. Avute dal Comune 70 are di terreno in splendida posizione, si incomincio la fabbrica secondo il disegno e il progetto delparchitetto F. Sander. La magnifica casa ha un'area di 930 metri

19 - 13 quadrati ed e circondata da 60 are di terreno. «Essa scrive il Vatter e un'eloquente prova della carita attiva che regna nei cittadini, giacche questa ha saputo in 75 anni fornire ai sordomuti un Istituto che risponde pienamente ai loro bisogni ed all'arte che li restituisce alia societa istruiti per mezzo della viva parola». Ed all'inaugurazione della nuova casa il signor Dottor Schroder Presidente della Commissione amministratrice delp Istituto rivolse agli insegnanti queste memorande parole: «L' edificio dell'istituto col suo ampio giardino e adatto per promuovere il benessere corporale dei nostri allievi e rendere loro piu gradito il soggiorno presso di noi, in modo che malgrado la mancanza d' udito, essi non potranno che sentirsi felici Ma tutta la bellezza dell' esterna apparenza non ha nessun pregio, se la mandorla interna non e sana. Solamente cio che si ottiene nell'interno dell'isti tuto decide sul vero valore del medesimo». In 75 anni si istruirono nelpistituto di Francoforte 200 sordomuti. Grazie al carattere datogli dal Fondatore si pote compiere una importante missione nello sviluppo del metodo generale pei sordomuti. Fu per esso che vi accorsero dal 1874 in poi piti di 600 maestri tedeschi e stranieri, e tutti poterono verificare la bonta del metodo orale-puro nella sua conseguente applicazione. «Nella lotta che ci fu per la scelta del metodo dice il Vatter PIstituto di Franco forte si trovo sempre in prima linea». Oggi esso puo esclamare: «Anche tra i nostri piu ardenti avversari si e fattamolta strada, perocche anch'essi riconoscono che il sordomuto e meglio istruito per mezzo del metodo oralepuro» (1). (1) Noto che nell'istituto di Francoforte gli allievi ed allieve si educano in comune: in Italia pero il carattere dei giovani e piu vivace e meno freddo dei settentrionali; perci6 credo che qualora questo sistema venisse adottato presso di noi, si noterebbero degli inconvenienti che in Germania, e in genere nei paesi del nord, pare non si verifichino.

20 NELLA FESTA DEL 75 0 AN- NIVERSARIO DALLA FON- DAZIONE DELU ISTITUTO PEI SORDOMUTI DI FRAN COFORTE SUL MENO II primo novembre del 1902 PIstituto pei sordomuti di Francoforte sul Meno compiva il suo 75 0 anno dalla sua fondazione. In tale giorno si voile dapprima condurre gli allievi al Camposanto, dove riposano i primi Direttori dell'isti tuto. Al loro sepolcro il signor Haux maestro dell'istituto tenne il seguente discorso agli allievi, che mi fu tradotto in lingua italiana dalle esimie istitutrici dell'istituto pei sordomuti di Locarno, la cui Direttrice S. r Maria Edvige Miiller di Briesach (Baden) segue con vivo interessamento i progressi che si compiono nella sua patria. La forma semplice con cui il discorso e esposto prova come si debba sempre parlare ai sordomuti in corso d'i struzione. DISCORSO Siamo alia meta della stagione autunnale. II sole va sempre piu oltre il sud, e le giornate si accorciano. I fiori appassiscono e le foglie cadono dagli alberi.

21 15 Foglie e fiori appassiscono e scompaiono. L'autunno ci mostra la caducita della terra e delle cose terrene. Anche il corpo dell'uomo e caduco. Tal cosa e indicata puranco da questo luogo, il Cam posanto. Molti e molti che qui riposano erano un giorno gio vani e freschi come noi. Eppure sono passati alia stessa guisa dell'erba nei prati e dei fiori nei campi. Molti trapassati sono anche presto dimenticati: nessuno piu pensa a loro. Ce ne sono invece alcuni che si onorano ancora, benche siano morti da lungo tempo. Noi siamo venuti qui per onorare e ringraziare al cuni di questi defunti. Noi abbiamo il dovere di onorarli e di ringraziarli. E perche cio? Eccone la risposta. II nostro Istituto conta oggi 75 anni. In questo tempo furono educati ed istruiti molti sor domuti di qui ed altrove. Per i sordomuti di Francoforte e buona cosa che ci sia un Istituto pei sordomuti. Essi possono cosi rimanere nella loro citta nativa e vedere spesso i loro genitori e parenti. Percio devono ringraziare Luigi Hosel, che riposa in quel sepolcro. Egli ha cominciato ad istruire i sordomuti il primo novembre del Da quest'epoca esiste il nostro Istituto: PHosel Pha fondato. Ringraziate oggi il fondatore dell'istituto di educazione pei sordomuti prima di tutti. E i cittadini di Francoforte e tutti i sordomuti che hanno trovato nell'istituto la vita delpintelligenza lo ringraziano pure. Dopo la morte prematura delp Hosel, prese la dire zione dell'istituto il Dottor Schwartz. Anche lui qui riposa dal suo lavoro. II Dottor Schwartz e la sua consorte lavorarono con tutta la loro forza per i sordomuti.

22 i(s Egli fu per 25 anni maestro attivissimo. In questo lungo tempo ha fatto molto bene ai suoi scolari. Ancora oggi il bene, che egli ha fatto, e utile per noi. Percio noi gli siamo di cuore riconoscenti. L T no sguardo riconoscente rivolgiamo pure a quel se polcro e mandiamo un silenzioso saluto a coloro che ci dormono in pace. Essi sono il Direttore Rapp e la sua consorte. 11 Rapp fu il successore del Dottor Schwartz. Ouando venne a Francoforte era gia un esperto mae stro dei sordomuti. Egli fece progredire ancora PIstituto. L'Hosel lo fondo, ed il Rapp diede ad esso il buon nome, che ora gode, perche voile che i sordomuti parlassero sempre e solamente parlassero (1). I gesti a poco a poco scomparvero dal nostro Istituto. Questo fu una benedizione per i sordomuti. Tal cosa essi non dimenticheranno. Domani e il giorno in cui qui si onorano i morti, in cui qui si adornano i loro sepolcri. Noi lo facciamo oggi ; noi oggi qui commemoriamo i nostri poveri morti. Noi li ringraziamo per tutto il bene che hanno fatto al nostro Istituto. II loro nome vivra nell'istituto finche questo avra vita. Dio lo voglia (2). (T) E una, raccomandazione che si dovrebbe fare a molti sordomuti, a que' sordomuti educati con la parola che si trovarono al Congresso di Liegi. (2) Nell'Istituto di Francofoite non ci sono soltanto sordomuti protestantir ce ne sono di cattolici ed israeliti. A questi I'insegnamento della religione e impartito da appositi insegnanti, come vidi praticarsi in altri Istituti della Ger mania e dell'olanda.

23 NOTA Trovo necessario pubblicare questa lettera diretta al Prof. B. Thollon dell'istituto Nazionale di Parigi, Pautore dell'opuscolo «Ni methode mixte ni methode or ale-pure» in cui si vedra come la scrittura debba essere nelpinsegna mento relegata al II piano, se si vuole che il sordomuto parli e legga dal labbro alia stessa guisa'degli allievi del l'istituto di Francoforte. Egregio Collcga (i). «Scrivendo nel mio' opuscolo «Per la storia dell'arle d'istruire» i sordomuti» che alcuni maestri dell'istituto nazionale di Parigi» non sono niente affatto partigiani del metodo orale-puro non» dissi che il vero. E voi stesso confermate questo fatto giacche tro-» vate, a differenza di noi, che Tuso della scrittura in antecedenza» della parola non puo nuocere all'apprendimento del linguaggio» orale come forma prima del pensiero, anzi soggiungete che limi-» tando la scrittura airufficio di ancella della parola si fa cosa pre-» giudizievole al successo stesso della lingua parlata. Io qui non vo-» glio ripetervi le ragioni esposte in modo speciale dal Tarra, di» cui voi foste un ammiratore, in varii congress! ed in tanti suoi» scritti, che certamente conoscete, contro i danni della scrittura usata» come mezzo precipuo d'insegnamento. Vi narrero soltanto un fatto,» poiche i fatti, nel caso nostro, valgono assai piu delle ragioni.» Nell'Istituto pei sordomuti poveri, al quale ancora appartengo,» mi furono affidati degli allievi, il cui maestro dell'anno prima per» la sua debole salute dava nell'insegnamento la precedenza e la parte» maggiore alia scrittura. Io, che nonostante la mia lunga carriera tra (i) Si legga sulla Revue g n ra]e de Pcnseignement des sourds-muets I'articolo «Une egende» N. 8, Anno 1904.

24 IS * i sordomuti, mi sento giovane ancora, avendo i polmoni che resi-» stono anche dopo lunghe lezioni fatte a viva voce, mi chiamai dat-» torno, come sempre faccio, i nuovi allievi, e volli intavolare (se- ^ condo Pistruzione ricevuta) nna conversazione con loro, dacche alia» conversazione si deve dare nella scuola dei sordomuti la piu alta» importanza. Ma tosto mi avvidi che il loro occhio non era punto ^ abituato a rilevare dal labbro non soltanto intere dizioni, ma pu- s > ranco semplici vocaboli. E dopo sei mesi di appositi esercizi di let- >; tura labiale non resi atti quegli allievi a leggere con speditezza dal» mio labbro. Dico dal mio labbro, perche al VI 0 anno d'istruzione i ^ sordomuti devono pure leggere dal labbro di chicchessia, purche» (intendiamoci) essi siano d'aperto intendimento ed abbiano un co-» pioso corredo di cognizioni, con la conoscenza e I'uso di pressoche» tutte le forme linguistiche.» Che ne dite di questo fatto? Ne potrei citare degli altri, ma s > per la loro natura delicata, giacche si entra nei sentimenti perso-» nali di qualche collega, passo oltre.» Cio che ha colpito voi e quel punto del mio menzionato opu-» scolo dove dico che alcuni maestri dell'istituto nazionale di Parigi» fanno uso dei gesti epeani.» Comincio anzitutto col dire che non asserii categoricamente» tal cosa ; solo dissi, e lo sostengo e sosterro sempre, che chi» non e partigiano convinto del metodo orale-puro, moltissime volte» e quasi senza volerlo, ricorre nell'insegnamento alia mimica del» De I'Epee. Ed eccone il perche.» Certi maestri, e specialmente i maestri giovani (e questo sia» detto senza offendere nessuno), che si ridono del metodo orale-» puro, vogliono fare in fretta: quando si trovano davanti un allievo» per insegnare al quale bisogna esser dotati della virtu di Giobbe,» dopo aver ripetuto terque quaterque una parola, se questa dalpallievo» non e ancora compresa, perdono d'un tratto la pazienza e fanno» il gesto... II mezzo e rapido: Pallievo comprende, e I'insegnante» puo continuare la sua lezione senza tanto stancarsi i polmoni.» Ma qui mi si potrebbe rispondere: Tutti i maestri, e special-» mente i giovani non conoscono i gesti del De I'Epee. Ma a dire il» vero ci vuol poco a conoscere la mimica e i gesti che son rimasli» per tradizione negli Istituti, e che, siamo sinceri, tornano cosi co-» modi ai maestri che non vogliono punto affaticarsi, ripetendo nomi,» aggettivi e verbi che il gesto piu che la scrittura stessa richiama *> alia mente dell'allievo.» Del resto sentiamo mo' quello che ci dice il compianto Ran-» curel che fu, non v'ha dubbio, vostro collega amato e stimato. ^> «D'ailleurs nous n'en sommes plus a la thcorie intransigeante de

25 19» I'orale-pure comme moyen d'initiation et nous aimons mieux dire» qu'il est preferable de /aire fleche de tout bois pour arriver, en fin» d'etudes, a pouvoir faire des classes veritablement orales (non po-» teva certamente formarle) que de refuser obstineme?it le concours du» geste, au risque de laisser la confusion dans 1'esprit de nos eleves,» pour la maigre satisfaction de rester fideles, malgre les lenteurs» et les deboires, a un principe d'ailleurs illogique».» No no, io non fui male informato ne sono vittima di un ma-» linteso, perocche tocco con mano come i maestri che non danno» nella scuola il primato alia viva parola, non si fanno tanto scru-» polo d'usare i gesti: e i gesti del De I'Epee. E vero che ci fu chi» un tempo credette di doverla finire colfaggettivo di puro attribuito» al metodo orale, ma alia prima riunione dei maestri italiani dei» sordomuti tenutasi a Roma nel 1899 si e trovato necessario di con-» servare questa determinazione. Ed infatti il Fornari ivi cosi si» espresse:» Non dimentichiamo mai un momento, colleghi, due cose: una» che siamo in Roma, ne parole ci appulcro, che tanto nomini nullum» par consilium; Paltra che per la natura della istruzione nostra che» la fa internazionale, tanto piu dopo il memorando Congresso di» Milano nel 1880, i colleghi d'oltralpe e d'oltremare, cui per ata-» vismo e come culto innato di riverenza nell'animo loro majestas po-» puli romani, sono con gli occhi intenti su questa assemblea, dalla» quale molti aspettano il verbo, quasi se lecito mi fosse il» Roma locuta est, Roma non puo, non deve essere da meno di Mi-» lano. Eppero per primo verdetto vi propongo la confermazione della» nostra fede in quello solennemente votato da tutto il mondo civile dove ha lagrime un'alta sventura,» nella Metropoli lombarda, or fanno diciannove anni. Eccolo:» I maestri italiani dei sordomuti, riuniti in Roma per esporre e» discutere diverse tesi intorno all'istruzione, sulla protasi della prima,» con unanime sentimento confermano che «// Metodo orale-puro qualificato per distinzione dal misto «e Vunico metodo raziojtale per un*istruzione pi atica ed un'elevata educa- «zione del sordo?nuto».» Se nel mio opuscolo in risposta a quello del Dottor Regnard» parlai del metodo orale-puro, lo feci perche egli per combattere» il De I'Epee se ne mostro caldo sostenitore, lodando quei maestri > che ancor oggi in Francia ne riconoscono tutta la bonta.» Ed ora, mentre sinceramente vi applaudo, perche avete tanto» a cuore il vostro Istituto, affinche questo si mantenga'nel conspetto» della Francia e dell'europa, quale sempre fu, respingo I'accusa di

26 20 prestare appoggio col mio nome a delle leggende: ho scritto, con vinto di scrivere ifvero, e sostenuto da una lunga esperienza, che mi concede, credo, di essere ascoltato. II vostro Affez. 0 collega C. PERINI In un'altra mia lettera feci notare al Prof. Thollon che qualora la parola nei primi cinque anni d'insegna mento sia nella scuola la sola e vera regina, in seguito la scrittura non nuoce piu ne alia lettura labiale ne alia scorrevolezza del pensiero, poiche, come si sa, la lingua parlata s'e talmente incarnata nel sordomuto da divenire, per clirla coll'hill, una organica attivita vitale.

27

28 DEL MEDESIMO AUTORE: Metodo per insegnare la lingua ai sordomuti colla parola. Terza edizione nuovamente riveduta e migliorata. [^ 6.00 Compendio della Storia delp arte d' istruire i sordomuti. L 1 25

29 Gaylord Bros. Makers Syracuse, N. Y.

30 Q504C.1 I Vatter e llstituto pei sordomuti d UNIVERSITY OF CHICAGO

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

WICHTIGER HINWEIS: Bitte fertigen Sie keine Kopien dieses Fragebogens an!

WICHTIGER HINWEIS: Bitte fertigen Sie keine Kopien dieses Fragebogens an! Test-Umfrage Cari allievi, il vostro parere è per noi molto importante! Desideriamo migliorare costantemente la qualità del nostro lavoro nella scuola. Al fine di individuare i punti di forza e quelli

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH :

COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH : COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH : LETTERA APERTA, SUOR TANTELY CONGREGAZIONE SUORE SAN GIUSEPPE D'AOSTA AI VOLONTARI DI PROGETTO SARAH I NUMERI e IL COSTO SOSTENUTO IN

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

Cerimonia di benvenuto alle nuove ed ai nuovi abitanti. 9 ottobre 2010, ore 16.00 Salle communale de Plainpalais

Cerimonia di benvenuto alle nuove ed ai nuovi abitanti. 9 ottobre 2010, ore 16.00 Salle communale de Plainpalais Cerimonia di benvenuto alle nuove ed ai nuovi abitanti 9 ottobre 2010, ore 16.00 Salle communale de Plainpalais Discorso della Signora Sandrine Salerno Sindaca di Ginevra «Benvenute e benvenuti a Ginevra:

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 «Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 Eminenza, Signore e Signori rappresentanti delle autorità pubbliche, Signore e Signori membri e protagonisti delle comunità educative delle Scuole Cattoliche e di

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola!

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola! Che cos'è la Chiesa Gesù disse: "Edificherò la mia chiesa" (Matteo 16:18).Cosa intendeva dire parlando di "chiesa"? Che significato aveva questa parola per i discepoli? Avrete notato che la parola chiesa

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

Dipartimento S.E.U. www.ens.it

Dipartimento S.E.U. www.ens.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per L Abruzzo Centro Servizi Amministrativi per la Provincia di L Aquila GLIP Gruppo di lavoro Interistituzionale

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda La locandiera PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda 5 10 Atto I La scena si rappresenta a Firenze, nella

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Parrocchia del Crocifisso. In cerca d autore. Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13

Parrocchia del Crocifisso. In cerca d autore. Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13 Parrocchia del Crocifisso In cerca d autore Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13 Dal vangelo di Luca [Cap. 9 ver. 10-17] Nel nome del Padre Al loro ritorno, gli apostoli raccontarono

Dettagli

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?...abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Tutta un altra storia

Tutta un altra storia Elisabetta Maùti Tutta un altra storia Come spiegare ai bambini la diversità Illustrazioni di Salvatore Crisà Indice Introduzione 9 Il principe con due piedi destri (Cos è normale?) 13 E tu da dove vieni?

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni

Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni Chiesa di Cristo, Via Paglia 37, Ferrara Telefono: 0532 760138 http://www.chiesadicristofe.org NOTA: Iniziamo la presente serie con brevi puntualizzazioni

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli