Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di incertezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di incertezza"

Transcript

1 Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di Donato Giannico Con la partecipazione di: Rodolfo Fracassi Napoli 25 giugno Firenze 09 luglio Roma 14 settembre 1

2 14,30 Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di Fabrizio Crespi 16,30 Il Debito Sovrano nei prossimi anni: Opportunità e Rischi Donato Giannico 17,15 Impact Investing: investire combinando rendimenti finanziari e sociali Rodolfo Fracassi 18,00 Tavola Rotonda ed estrazione premi w w w. P F A c a d e m y. i t 2

3 Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di Percorso accreditato FA per 4 ore in modalità B D o c e n t e : F a b r i z i o C r e s p i w w w. P F A c a d e m y. i t 3

4 AGENDA DELL INTERVENTO Il concetto di asset allocation: una precisazione definitoria Politica economica e politica monetaria: alcune riflessioni I principali indicatori macroeconomici Andamenti macroeconomici e asset allocation: i possibili approcci Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di w w w. P F A c a d e m y. i t 4

5 Il concetto di asset allocation: una precisazione definitoria 5

6 Asset allocation: una precisazione definitoria Il termine asset allocation viene generalmente utilizzato per indicare il processo di gestione di risorse finanziarie all interno di un portafoglio. Tuttavia, il termine può assumere connotati diversi a seconda dell ambito di riferimento in cui viene utilizzato Si devono almeno distinguere, a nostro avviso, due macro accezioni del termine in questione Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di w w w. P F A c a d e m y. i t 6

7 Asset allocation: una precisazione definitoria Asset allocation attuata dal gestore di un prodotto di risparmio gestito (fondi, sicav, fondi pensioni, GPM, ecc..) Asset allocation attuata dal cliente (guidata o meno da un consulente/promotore) Criticità: Vincoli giuridici Vincoli di mandato Presenza di un benchmark Conflitti di interesse Economicità Orizzonte temporale non determinato. w w w. P F A c a d e m y. i t Criticità: Limiti temporali Profilo di rischio Imprevisti Coordinamento con asset non finanziari Coordinamento tra investimenti presso diversi intermediari Presenza di flussi 7

8 Asset allocation: una precisazione definitoria L asset allocation per il cliente, in realtà, è un processo ciclico, che non si ferma alla semplice costruzione di un portafoglio in un determinato istante L asset allocation per il cliente è in definitiva una parte integrante della pianificazione finanziaria (financial planning) del cliente stesso, cioè di un processo molto più complesso e articolato che richiede sovente la creazione/gestione di più portafogli Ciò è dovuto alla possibile presenza di plurimi obiettivi di investimento, e alla tendenza dei risparmiatori a ragionare secondo conti mentali separati. w w w. P F A c a d e m y. i t 8

9 Asset allocation: una precisazione definitoria L asset allocation per il cliente, in realtà, è un processo ciclico, che non si ferma alla semplice costruzione di un portafoglio in un determinato istante L asset allocation per il cliente è in definitiva una parte integrante della pianificazione finanziaria (financial planning) del cliente stesso, cioè di un processo molto più complesso e articolato che richiede sovente la creazione/gestione di più portafogli Ciò è dovuto alla possibile presenza di plurimi obiettivi di investimento, e alla tendenza dei risparmiatori a ragionare secondo conti mentali separati. w w w. P F A c a d e m y. i t 9

10 La pianificazione finanziaria La pianificazione finanziaria (o financial planning), comprende anche l asset allocation Essa è però da intendersi come un processo continuo volto alla gestione e all investimento della ricchezza (non solo finanziaria) del cliente, e alla ricerca di soluzioni a problematiche tipiche della vita di ogni individuo Pianificazione = dare un nome ai soldi w w w. P F A c a d e m y. i t 10

11 La pianificazione finanziaria Entrate Entrate Risparmio indifferenziato Uscite Uscite w w w. P F A c a d e m y. i t 11

12 Esigenze, obiettivi e asset allocation E importante comprendere e far capire al cliente che l esistenza di più bisogni e di più obiettivi comporta la creazione di diversi portafogli caratterizzati da orizzonti di investimento e da profili di rischio differenti Occorre quindi andare oltre la tradizionale logica di costruzione del portafoglio w w w. P F A c a d e m y. i t 12

13 Uno schema alternativo Fonte: A. Chabra, Beyond Markowitz w w w. P F A c a d e m y. i t 13

14 Asset allocation strategica o asset allocation tattica?? Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di Sempre in tema di asset allocation. Gestione attiva o gestione passiva?? Diversificazione o focalizzazione?? w w w. P F A c a d e m y. i t 14

15 Politica economica e politica monetaria: alcune riflessioni 15

16 La politica economica Insieme coordinato di provvedimenti che avvalendosi della: Politica di bilancio Politica dei redditi Politica monetaria intende perseguire obiettivi in termini di: Crescita economica Occupazione Stabilità dei prezzi Equilibrio bilancia pagamenti 16

17 Gli obiettivi della politica economica Gli obiettivi di politica economica vengono specificati, in base ai valori di talune grandezze rappresentative e misurabili con specifici indicatori, come proxy del fenomeno che vanno a rappresentare: il pil, per la crescita economica; il tasso di disoccupazione per il mercato del lavoro; l indice dei prezzi al consumo per l inflazione; il saldo della bilancia dei pagamenti per l equilibrio dei conti con l estero. 17

18 L equazione di base del PIL PIL = C + I + G + Exp - IMP C = spesa per consumi privati I = spesa per investimenti G = spesa pubblica (EXP-IMP) = saldo della bilancia commerciale 18

19 La definizione di PIL VALORE DI MERCATO DI TUTTI I BENI E I SERVIZI FINALI PRODOTTI IN UN PAESE IN UN DATO PERIODO DI TEMPO BENI E SERVIZI FINALI : non sono considerati i beni intermedi (strumentali alla produzione di altri beni). Se si rilevasse ogni produzione effettuata all interno del Paese, compresi i beni strumentali, si effettuerebbero delle duplicazioni INTERNO : il calcolo del Pil deve includere tutto ciò che viene prodotto sul territorio nazionale, indipendentemente dalla nazionalità dei fattori produttivi e delle imprese coinvolti nel processo produttivo (criterio di residenza). LORDO (al lordo degli ammortamenti). Alcuni fattori produttivi impiegati nella produzione sono beni a fecondità ripetuta (beni strumentali o beni di capitale): il loro contributo alla produzione va al di là del periodo di rilevazione del Pil ad esempio l anno ma sono soggetti ad obsolescenza 19

20 La composizione del PIL dell area euro Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di 20

21 La composizione del PIL dell Italia Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di 21

22 La composizione del PIL degli USA Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di 22

23 23

24 La politica di bilancio Manovra effettuata tramite il bilancio dello Stato con la finalità di incidere sulle variazione del reddito, dell occupazione, e di contenere l inflazione. E una manovra che può agire sia sul lato delle entrate sia su quello delle uscite, incidendo sulla dinamica dei consumi privati e di quelli pubblici. I vincoli esterni all uso di questo strumento. La principale autorità competente della politica di bilancio è il Parlamento, che si avvale della legge finanziaria. 24

25 La politica di bilancio: alcune definizioni Debito pubblico (definizione ampia) Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di Per debito pubblico si intende il debito dello Stato nei confronti di altri soggetti, individui, imprese, banche o stati esteri, che hanno sottoscritto un credito allo Stato sotto forma di obbligazioni (quali, in Italia, BOT e CCT) destinate a coprire il disavanzo del fabbisogno finanziario statale ovvero coprire l'eventuale deficit pubblico nel bilancio dello Stato. Quando il debito è contratto con soggetti economici di stati esteri si parla di debito estero, viceversa quando è contratto con soggetti economici interni allo stesso stato si parla di debito interno normalmente entrambe le componenti sono presenti in misura variabile all'interno del debito pubblico di uno stato. 25

26 La politica di bilancio: alcune definizioni Debito pubblico (definizione tecnica del MEF) Il debito pubblico è pari al valore nominale di tutte le passività lorde consolidate delle amministrazioni pubbliche (amministrazioni centrali, enti locali e istituti previdenziali pubblici). Il debito è costituito da biglietti, monete e depositi, titoli diversi dalle azioni esclusi gli strumenti finanziari derivati e prestiti, secondo le definizioni del SEC

27 Il debito pubblico italiano 27

28 Il debito pubblico italiano Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di L ammontare dei titoli di Stato in circolazione si riferisce invece a tutti i titoli emessi dallo Stato, sia sul mercato interno (BOT, CTZ, CCT, BTP e BTP I), sia sul mercato estero (programmi Global, MTN e Carta commerciale). Al 31 dicembre 2011 i titoli di Stato rappresentano circa l 84% del debito pubblico. 28

29 Il debito pubblico italiano Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di 29

30 Il debito pubblico italiano: la sostenibilità Ricordiamo che Alla fine del 2010 la ricchezza lorda delle famiglie italiane era pari a circa miliardi di euro, corrispondenti a poco meno di 400 mila euro in media per famiglia. Le attività reali rappresentavano il 62,2% della ricchezza lorda, le attività finanziarie il 37,8%. Le passività finanziarie, pari a 887 miliardi di euro, rappresentavano il 9,3 % delle attività complessive 30

31 La politica di bilancio: alcune definizioni Deficit pubblico Il deficit o disavanzo pubblico è l'ammontare della spesa pubblica non coperta dalle entrate, ovverosia quella situazione economica in cui, in un dato periodo, le uscite dello Stato superano le entrate. Il disavanzo è dunque un risparmio pubblico negativo, al contrario del surplus o avanzo pubblico, che è risparmio pubblico positivo (quando le entrate superano le spese); in tal caso, però, l'avanzo pubblico va distinto dal cosiddetto avanzo primario (disavanzo primario), che considera la differenza tra entrate ed uscite al netto della spesa per interessi sul debito pubblico. 31

32 Deficit nell area euro Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di In 2011 EU-27 general government total revenue stood at 44.6 % of GDP, while total expenditure amounted to 49.1 % of GDP, producing a deficit of -4.5 % of GDP. In the euro area (EA-17), total revenue was 45.3 % of GDP and total expenditure 49.4 % of GDP, with a deficit of -4.1% of GDP Fonte Eurostat 32

33 Deficit nell area euro 33

34 Deficit nell area euro 34

35 La crisi e i debiti pubblici Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di 35

36 La politica dei redditi Volta a generare una crescita equilibrata dei salari e del margine di profitto praticato dalle imprese, compatibile con la dinamica della produttività aziendale, per eliminare frizioni nella distribuzione del valore aggiunto che provocano l inflazione. E realizzata agendo con: provvedimenti legislativi; con accordi tra le parti sociali; interventi delle autorità di governo al fine di persuadere le parti sociali. La responsabilità della gestione della politica dei redditi è affidata essenzialmente alle autorità governative e alle parti sociali. 36

37 La Banca Centrale Europea: struttura e funzioni Il SEBC comprende la BCE e le Banche Centrali Nazionali (BCN) di tutti i paesi membri dell UE (anche quelli che non hanno adottato l euro) L Eurosistema è composto dalla BCE e dalle BCN dei paesi che hanno introdotto la moneta unica L Eurosistema e il SEBC coesisteranno fintanto che vi saranno Stati membri dell UE non appartenenti all area dell euro L Area euro comprende i paesi dell UE che hanno adottato la moneta unica 37

38 Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di Variabili macroeconomiche e investimenti La Banca Centrale Europea: struttura e funzioni Il SEBC comprende la BCE e le Banche Centrali Nazionali (BCN) di tutti i paesi membri dell UE (anche quelli che non hanno adottato l euro) L Eurosistema è composto dalla BCE e dalle BCN dei paesi che hanno introdotto la moneta unica L Eurosistema e il SEBC coesisteranno fintanto che vi saranno Stati membri dell UE non appartenenti all area dell euro L Area euro comprende i paesi dell UE che hanno adottato la moneta unica 38

39 Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di Variabili macroeconomiche e investimenti 39

40 La Banca Centrale Europea: struttura e funzioni La Banca Centrale Europea rappresenta il vertice istituzionale ed operativo del sistema. Gli organi decisionali della BCE sono: Il Comitato Esecutivo composto dal Presidente, Vicepresidente e altri quattro membri, tutti scelti dai governi dei Paesi dell area euro (attua la politica monetaria) Il Consiglio Direttivo, composto dai membri del Comitato Esecutivo e dai governatori delle banche centrali aderenti all area euro (formula la politica monetaria) Il Consiglio Generale, composto da tutti i membri del consiglio direttivo più i governatori dei Paesi dell Unione non aderenti all UME. 40

41 La Banca Centrale Europea: struttura e funzioni Ha personalità giuridica. E nucleo centrale dell eurosistema Aderisce al principio del decentramento. E indipendente Ha doveri di comunicazione e trasparenza. 41

42 Obiettivi e compiti del SEBC Primario = mantenere la stabilità dei prezzi Secondario = sostenere politiche economiche - Definire e attuare politica monetaria dell area euro - Svolgere operazioni su cambi. - Detenere e gestire riserve ufficiali - Promuovere il sistema dei pagamenti - Emettere banconote. - Approvare l ammontare delle emissioni di monete metalliche. 42

43 Definizione quantitativa dell obiettivo primario Aumento sui 12 mesi dell indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) per l area euro inferiore (ma intorno) al 2%. (in un orizzonte di medio termine) 43

44 Inflation in the euro area (annual percentage changes, non-seasonally adjusted) HICP Average inflation since

45 45

46 46

47 Gli aggregati monetari M1, aggregato monetario ristretto, costituito dal circolante più i depositi in conto corrente; M2, aggregato monetario intermedio, costituito oltre che da M1 anche dai depositi con durata fino a due anni o ritirabili con preavviso fino a tre mesi; M3, aggregato monetario ampio, costituito oltre che da M2 anche dai pct e dalle quote di fondi comuni monetari e titoli di mercato monetario. Attenzione Più l aggregato monetario è ampio, più risulta difficile per una banca centrale controllarlo. Tuttavia, più l aggregato monetario è ampio, più il suo controllo produce effetti in termini di lotta all inflazione. La BCE utilizza come riferimento per la sua politica monetaria l aggregato M3 47

48 48

49 49

50 Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di Variabili macroeconomiche e investimenti 50

51 Reference Operation 1 Operati on currenc y Settlement date Maturity date Duration (days) Minimum Rate (bids) Marginal/ Fixed Rate Weighted Average Rate Allotted amount OT EUR 20/06/ /06/ % 0.26 % 0.26 % bn MRO EUR 20/06/ /06/ % bn LTRO EUR 13/06/ /07/ % bn LTRO EUR 31/05/ /08/ bn LTRO EUR 26/04/ /07/ bn LTRO EUR 29/03/ /06/ bn LTRO EUR 01/03/ /02/ bn LTRO EUR 22/12/ /01/ bn LTRO EUR 27/10/ /11/ bn 1) MRO = Main Refinancing Operations, LTRO = Long Term Refinancing Operations, OT = other type of operation 51

52 L allargamento dei collaterali Dicembre 2011 BCE decide di. to increase collateral availability by reducing the rating threshold for certain assetbacked securities (ABS). In addition to the ABS that are already eligible for Eurosystem operations, ABS having a second-best rating of at least single A in the Eurosystem harmonised credit scale at issuance, and at all times subsequently, and the underlying assets of which comprise residential mortgages and loans to small and medium-sized enterprises, will be eligible for use as collateral in Eurosystem credit operations. Moreover, national central banks will be allowed, as a temporary solution, to accept as collateral additional performing credit claims (namely bank loans) that satisfy specifi c eligibility criteria. 52

53 L allargamento dei collaterali Giugno 2012 BCE decide di. reduced the rating threshold and amended the eligibility requirements for certain assetbacked securities (ABSs). In addition to the ABSs that are already eligible for use as collateral in Eurosystem operations, the Eurosystem will consider the following ABSs as eligible: Auto loan, leasing and consumer finance ABSs and ABSs backed by commercial mortgages (CMBSs) which have a second-best rating of at least single A [1] in the Eurosystem s harmonised credit scale, at issuance and at all times subsequently. These ABSs will be subject to a valuation haircut of 16%. 53

54 L allargamento dei collaterali Giugno 2012 Residential mortgage-backed securities (RMBSs), securities backed by loans to small and medium-sized enterprises (SMEs), auto loan, leasing and consumer finance ABSs and CMBSs which have a second-best rating of at least triple B [2] in the Eurosystem s harmonised credit scale, at issuance and at all times subsequently. RMBSs, securities backed by loans to SMEs, and auto loan, leasing and consumer finance ABSs would be subject to a valuation haircut of 26%, while CMBSs would be subject to a valuation haircut of 32%. [1] A single-a rating is a rating of at least A3 from Moody s, A- from Fitch or Standard & Poor s, or AL from DBRS. [2] A triple-b rating is a rating of at least Baa3 from Moody s, BBB- from Fitch or Standard & Poor s, or BBB from DBRS. 54

55 I principali indicatori macroeconomici 55

56 I principali indicatori macroeconomici Quali sono e come vengono calcolati? Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di Esistono molti indicatori che danno informazioni sulla dinamica di almeno una delle voci dell equazione di base e, quindi, sull andamento dell economia Gli indicatori economici sono inoltre utilizzati per comprendere il momento del ciclo economico, e per questo vengono distinti in indicatori leading, coincident, lagging CYCLICAL INDICATORS LEADING COINCIDENT LAGGING Anticipano l evoluzione del ciclo economico Coincidono con l andamento del ciclo economico Danno un indicazione ex-post sull andamento del ciclo economico 56

57 Quali sono e come vengono calcolati? LEADING COINCIDENT LAGGING Indice NAPM Indice PMI Unemployment Insurance Claim Indice ISM Conf. Board Leading Indicators Costr.ne Nuove Case Indice IFO Indice ZEW Vendite al dettaglio Beige Book Occupazione PIL

58 Analisi di scenario e Asset Allocation nei contesti di I principali indicatori macroeconomici Variabili macroeconomiche e investimenti 58

59 I principali indicatori macroeconomici: alcune riflessioni Sono troppi?? Sono spesso troppo enfatizzati?? Sono poco spiegati??? Quali sono quelli che effettivamente contano?? Chi è il consensus?? Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di L importanza dell ampiezza della serie storica?? 59

60 Indicatori sull attività economica degli Stati Uniti Occupazione (employment situation) Importanza per il mercato = molto alta Fonte: Department of labour, Bureau of Labor statistics Frequenza: mensile (terzo venerdì seguente la settimana di rilevamento) Le statistiche sull occupazione sono frutto di due analisi: 1) intervista alle famiglie (stima la forza lavoro e il tasso di disoccupazione); 2) analisi su libri paga di circa imprese (escluse quelle agricole, Nonfarm payrolls) Il tasso di disoccupazione è considerato un indicatore ritardato della situazione economica Disoccupazione (unemployment insurance claim) Importanza per il mercato = molto alta Fonte: Department of labour, Bureau of Labor statistics Frequenza: settimanale (giovedì, cinque giorni dopo il termine del periodo di rilevamento) Il report fornisce sia il numero di chi per la prima volta ha chiesto il sussidio sia il numero totale delle persone che lo ricevono. E un indice anticipatore dei cambiamenti del mercato del lavoro.

61 Indicatori sull attività economica degli Stati Uniti Prodotto Interno Lordo (Gross Domestic Product) Importanza per il mercato = alta Fonte: Department of commerce, Bureau of Economic Analysis Frequenza: trimestrale (circa quattro settimane dopo la fine del trimestre) Vi sono tre dati: advance GDP (prima stima un mese dopo il trimestre); Preliminary GDP (due mesi dopo la scadenza del trimestre), Revised GDP (dopo tre mesi ed è quello ufficiale fino alla revisione annuale) Attività manifatturiera, Indice ISM (Institute of Supply Management) Il Manufacturing Index dell'institute of Supply Management (ISM) registra l'entità dell'attività manifatturiera registrata nel mese precedente. Se l'indice presenta un valore inferiore al 50, a seguito di un decremento dell'attività, tende a indicare una recessione economica. Un valore sostanzialmente superiore al 50 indica un periodo di crescita economica. L'indice ISM è il risultato di un'indagine condotta presso oltre 400 aziende in 20 settori diversi di 50 stati americani. Nel corso degli anni l'ism ha dimostrato la propria validità. In una fase di recessione il fondo dell'ism può precedere di alcuni mesi il momento di svolta di un ciclo economico.

62 Indicatori sull attività economica degli Stati Uniti Conference Board Leading Indicators Fonte: Conference Board Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di Frequenza: mensile (l'indice normalmente è comunicato a metà del mese ed ha un ritardo di due mesi dal mese a cui si riferisce) The Composite leading index è costruito sulla media ponderata di dieci indicatori della salute dell'economia. L'indice generalmente si sposta verso il basso prima di una recessione o verso l'alto se l'economia è in espansione. In ordine di importanza gli indicatori sono i seguenti: 1) lo spread tra i titoli governativi a 10 anni e il tasso di finanziamento delle banche. 2) l'offerta di moneta M2. 3) la media delle settimane lavorative nel settore manifatturiero. 4) i nuovi ordini manifatturieri per merci ai consumatori. 5) S&P500 6) la media delle nuove richieste di disoccupazione settimanali. 7) l'indice NAPM. 8) le autorizzazioni di costruzione nuove case. 9) la spesa dei consumatori. 10) i nuovi ordini manifatturieri per merci particolari.

63 Indicatori sull attività economica degli Stati Uniti The Beige Book Fonte: Federal Reserve Board Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di Frequenza: pubblicato otto volte l anno The Beige Book è usato dagli analisti come indagine descrittiva dell'economia di ogni regione del paese e come base per prevedere la futura politica monetaria della Federal Reserve's Open Market Committee. Breve descrizione: il Summary of Commentary on Current Economic Conditions by Federal Reserve District è più comunemente detto Beige Book. Ogni Federal Reserve Bank raccoglie informazioni sulla situazione corrente dell'economia del suo distretto mediante dei reports e delle interviste a imprenditori, economisti, esperti di mercato e altre fonti. Il Beige Book riporta queste informazioni per Distretto e settore. Il Beige Book non rappresenta i punti di vista della Federal Reserve Board o delle singole Federal Reserve Banks, ma riporta informazioni e commenti del sistema esterno alla Federal Reserve System. Le indagine riguardano le condizioni del mercato del lavoro, delle vendite al dettaglio, della spesa per consumi, dell'attività manifatturiera, delle costruzioni, delle banche e della finanza, dell'agricoltura, dell'energia e delle risorse naturali di ogni regione. L'indagine è accompagnata dai commenti di tutti i 20 Federal Reserve Districts.

64 Indicatori sui consumi degli Stati Uniti Vendite al dettaglio Importanza per il mercato = alta Frequenza: mensile (divulgazione circa due settimane dopo la fine del mese) L indicatore stima su base campionaria, in termini nominali e destagionalizzati, le vendite di beni durevoli e non. Il dato in anticipo è una valutazione debole delle vendite al dettaglio perché il campione è ridotto. Attenzione: l indicatore deve essere letto con cautela perché risente delle condizioni atmosferiche, del numero di giorni festivi, dei periodi di vendita a sconto ecc Costruzione nuove case residenziali Fonte: Bureau of Census Frequenza: mensile (divulgato approssimativamente quattro/cinque settimane dopo la fine del mese) E' un'indagine svolta per telefono o personalmente intervistando costruttori tra aziende selezionate. Per avere una visione completa di tutto il paese, il campione da intervistare è preso a caso e vengono intervistati anche 820 uffici locali che rilasciano i permessi di nuove costruzioni su un campione composto da 70 aree diverse in attesa di essere autorizzate. Il volume delle vendite è un buon indicatore dello stato della domanda per le abitazioni. Il trend di medio periodo dei prezzi è un indicatore dell'apprezzarsi o no delle abitazioni.

65 Indicatori di fiducia Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di Vengono costruiti sulla base di interviste a particolari attori dell economia quali: Direttori agli acquisti, Direttori alle vendite, Esperti di mercato, Consumatori, etc Indice NAPM (National Association of Purchasing Managers): Elaborato ogni mese dall'associazione dopo un'indagine ai suoi 300 membri circa su vari dati (produzione, nuovi ordinativi, nuovi ordinativi dall'estero, importazioni, occupazione, scorte, prezzi, tempi di consegna, tempestività forniture). Indice PMI (Purchasing Managers Index): il PMI è considerato una misura affidabile del ciclo economico USA. Indice IFO (Germania): Fonte: Institute for Economic Research, Monaco L'indice IFO agisce come un indicatore dello sviluppo economico in Germania. Ogni mese, è condotta un'indagine su 7000 aziende della Germania dell'est e dell'ovest, chiedendo una loro opinione sulla situazione attuale dell'economia e le aspettative che hanno per il futuro. Impatto sui mercati: gli operatori finanziari interpretano il dato come anticipatore del rallentamento o dell'espansione dell'economia.

66 Indicatori di fiducia Indice ZEW (Germania), Indicator of Economic Sentiment: L'indicatore ZEW si calcola mensilmente come saldo percentuale fra le attese positive e quelle negative degli interrogati (circa 350 esperti) sull andamento dell economia nei successivi sei mesi. Se, per esempio, il 40 per cento degli esperti prevede un miglioramento dello sviluppo congiunturale ed il 30 per cento pronostica un peggioramento, l'indice ha un saldo positivo del 10 per cento. Indice di fiducia dei consumatori, University of Michigan: Si tratta di un indicatore chiave, in grado di anticipare la spesa dei consumatori, che rappresenta una quota fondamentale nell'attività economica totale. Dati superiori al previsto devono essere interpretati come positivi/rialzisti per il dollaro USA (USD), mentre valori inferiori alle attese sono da interpretarsi in senso negativo/ribassista per il dollaro USA.

67 Specifica sui Mercati Emergenti Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di Il rapporto debito/pil: mediamente questo rapporto è ormai inferiore rispetto a quello dei paesi sviluppati, il che denota sia una maggiore capacità di ripagare il debito, sia la possibilità di aumentare la spesa pubblica in caso di rallentamento economico. Il tasso di crescita economica: tassi di crescita più elevati si riflettono in una maggiore raccolta fiscale, quindi una maggiore capacità di ripagare il debito; inoltre, sono molto importanti i fattori che influenzano la crescita: sebbene la crescita del PIL delle economie emergenti sia ancora fortemente dipendente dall esportazione di materie prime, molte nazioni hanno saputo approfittare negli ultimi anni del forte aumento dei prezzi delle materie prime stesse per innescare un circolo virtuoso di crescita basato sulla domanda interna e, pertanto, meno dipendente dalla domanda dei paesi sviluppati. Il livello dei tassi di interesse: tassi di interesse mediamente più elevati rispetto alle economie sviluppate, da un lato attraggono investimenti dall estero, specialmente nell attuale contesto di tassi di interesse bassi, dall altro permettono alle Banche Centrali di avere maggiore spazio di manovra in caso di rallentamento economico. Fonte: Merrill Lynch

68 Specifica sui Mercati Emergenti Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di La libertà di scambio delle valute e le riserve valutarie: grossi esportatori di materie prime hanno visto aumentare fortemente le proprie riserve in divise pregiate hanno sviluppato un mercato obbligazionario domestico mediante emissioni sul mercato locale Il rischio inflazione: Uno dei maggiori rischi tuttora associati ai paesi emergenti è il rischio inflazione. Il livello di inflazione nelle economie emergenti è attualmente più basso rispetto agli standard degli anni passati (ex Argentina, Venezuela) Fonte: Bloomberg

69 Andamenti macroeconomici e asset allocation: i possibili approcci 69

70 Andamenti macroeconomici e asset allocation: i possibili approcci TOP DOWN Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di Andamento macroeconomico Settori Aziende 70

71 Andamenti macroeconomici e asset allocation: i possibili approcci TOP DOWN Analisi di scenario e asset allocation nei contesti di Il processo decisionale è schematizzabile nel seguente modo: - Studio Macroeconomico e/o Settoriale - Formulazione scenari previsionali - Assegnazione probabilità agli scenari - Verifica Compatibilità composizione del benchmark con scenario più probabile - Formulazione Asset Allocation derivante dalla composizione del benchmark - Scelta dei titoli migliori dei rispettivi paesi e/o settori e scelta del Timing d entrata - Controllo del rischio e dello scostamento dal benchmark 71

72 Andamenti macroeconomici e asset allocation: i possibili approcci Andamento macroeconomico Settori BOTTOM UP Aziende 72

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager FONTEDIR Selezione Gestori Finanziari Monica Basso Milano, luglio 2007 Institutional Sales Manager Agenda Struttura e esperienza del mercato dei Fondi pensione Filosofia e Processo di investimento Sistema

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

LA BANC A CENTRALE EUROPEA L EUROSISTEMA DI BANCHE CENTRALI

LA BANC A CENTRALE EUROPEA L EUROSISTEMA DI BANCHE CENTRALI LA BANC A CENTRALE EUROPEA L EUROSISTEMA IL SISTEMA EUROPEO DI BANCHE CENTRALI INDICE Prefazione del Presidente della Banca centrale europea 3 1 Il cammino verso l Unione economica e monetaria 1.1 L integrazione

Dettagli

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE ARTICOLI interazione fra gli intermediari finanziari e impatto sull'analisi monetaria A partire dalla terza fase dell Unione economica e monetaria l intermediazione finanziaria si è sviluppata sia in termini

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli