Raccolta differenziata RAEE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta differenziata RAEE"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO DELL APPALTO: Servizio di raccolta differenziata e integrata dei rifiuti solidi urbani spazzamento strade diserbo pulizia caditoie stradali Comune di Casola di Napoli - CIG D62 Denominazione COMUNE DI CASOLA DI NAPOLI Indirizzo VIA ROMA N. 7 Località/Città/Provincia CASOLA DI NAPOLI (NA) Posta elettronica certificata (PEC) Posta elettronica ( ) STAZIONE APPALTANTE Servizio - Responsabile AREA TECNICA ING. GIOVANNI MIRANDA C.A.P Telefono Telefax Indirizzo Internet (URL) Art. 1 Carattere del Servizio Il servizio oggetto dell appalto contemplato nel presente capitolato è da considerarsi ad ogni effetto servizio pubblico e, ai sensi e per gli effetti dell art. 178 del D.Lgs n. 152, costituisce attività di pubblico interesse, finalizzata ad assicurare un elevata protezione dell ambiente. I servizi non potranno essere sospesi o abbandonati, salvo comprovati casi di forza maggiore immediatamente segnalati all Amministrazione Comunale. L Impresa deve usare, nella conduzione dei servizi, la diligenza del Buon padre di famiglia ai sensi dell art C.C. In caso di arbitrario abbandono o sospensione del servizio il Comune, a mezzo di Ditta incaricata, potrà sostituirsi all appaltatore per l esecuzione d ufficio, addebitando allo stesso le relative spese. La sostituzione potrà avvenire anche per singoli servizi o parte di essi non eseguiti dalla Ditta aggiudicataria. In caso di astensione dal lavoro del personale per sciopero, la Ditta aggiudicataria dovrà impegnarsi al rispetto delle norme contenute nella L. 146/90 e s.m.i., per l esercizio del diritto allo sciopero nei servizi pubblici essenziali. L appalto comprende tutte le prestazioni ed i servizi specificati nel presente capitolato e comunque ogni onere relativo al personale e alla sua gestione, alle attrezzature e ai mezzi e alla loro manutenzione, al cantiere e agli uffici. Il Comune si riserva, sentita la Ditta aggiudicataria, la più ampia facoltà di apportare quelle aggiunte, migliorie e variazioni dei servizi che si rendessero necessarie per migliorare le prestazioni soprattutto dal punto di vista igienico - sanitario. I costi e le economie conseguenti le citate variazioni del servizio formeranno oggetto di trattativa tra il Comune, la ditta Appaltatrice e gli eventuali terzi fornitori. Art. 2 Oggetto L Appalto ha per oggetto l espletamento del servizio di raccolta differenziata integrata e igiene urbana all interno dell intero territorio comunale di Casola di Napoli mediante sistema porta a porta, costituiti da: Codifica A1/RR A2/VE.RD A3/LA-RD A4/PL-RD A5/C-RD A6/O-RD A7/RI-RD A8/RP-RD A9/RAEE-RD B1/SP C1/DS C2/PC Riferimento Servizio Raccolta RU indifferenziati (o residuali) Raccolta differenziata VETRO Raccolta differenziata LATTINE E CONTENITORI METALLICI Raccolta differenziata PLASTICA Raccolta differenziata CARTA E CARTONE Raccolta differenziata ORGANICO Raccolta INGOMBRANTI Raccolta differenziata RIFIUTI PERICOLOSI (Pile, Farmaci,ecc.) Raccolta differenziata RAEE Spazzamento manuale e meccanico Diserbo stradale Pulizia Caditoie Il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti effettuato sul territorio comunale prevede la raccolta delle diverse frazioni con il sistema di raccolta porta a porta ed interessa sia le utenze domestiche che quelle non domestiche. L impresa dovrà inoltre garantire specifici servizi interni, di supporto e straordinari, oggetto di specifica valutazione nell articolo 5 del presente capitolato speciale d appalto, compensati con l aliquota del 13% per spese generali, tra i quali: 1Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

2 B2/PV B3/PM D1 D2 D3 Lavaggio, rimozione scarichi abusivi, pronto intervento, pulizia e disinfezioni varie Raccolta rifiuti e pulizia straordinaria presso i mercati e festività Gestione rapporto con l Utenza Campagna pubblicitaria di sensibilizzazione utenza Servizi straordinari a carattere occasionale I rifiuti oggetto del servizio di cui al presente appalto sono quelli solidi urbani ed assimilati provenienti da abitazioni private, ed insediamenti civili in genere, esercizi pubblici e commerciali, mercati e mercatini per la vendita al minuto ed all ingrosso, botteghe artigiane, stabilimenti industriali (esclusi i residuati delle lavorazioni), banche, cimitero, uffici pubblici e privati, scuole, luoghi di cura (esclusi quelli speciali non assimilati), istituti, ospizi ed in genere da ogni edificio o locale a qualunque uso adibito. Nello specifico, a titolo esemplificativo: a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione; b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità, ai sensi dell'articolo 21, comma 2, lettera g) del D.lgs. n. 22/97 e s.m.i.; c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade; d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico; e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali; Sono altresì compresi le altre tipologie di rifiuto connesse alle modalità organizzative dei singoli servizi e/o generate dagli stessi (es. acque di lavaggio dei mezzi, o rifiuti provenienti dallo sfalcio d erba proveniente dal ciglio stradale); a titolo esemplificativo: a) i rifiuti provenienti dallo spazzamento, manuale e meccanizzato, delle strade; b) i beni di consumo durevoli di arredamento, di impiego domestico, di uso comune; c) i rifiuti raccolti in maniera differenziata; d) altre tipologie di rifiuto connesse alle modalità organizzative dei singoli servizi e/o generate dagli stessi (es acque di lavaggio dei mezzi). Sono esclusi i rifiuti speciali non assimilati e quelli pericolosi di origine non urbana diversi da quelli individuabili nei summenzionati punti a) b), c), d). E prevista anche la raccolta dei rifiuti ovunque accumulati, anche sfusi, nelle aree e punti assegnati, sia immessi negli appositi contenitori e sia depositati a terra nelle zone intorno ai cassonetti e/o campane nell ambito di 5 metri dagli stessi. Nei servizi di spazzamento sono incluse anche le seguenti attività: Svuotamento dei cestini portarifiuti compreso l onere della fornitura del sacchetto a perdere; Raccolta dei rifiuti presenti a fianco e sotto i cassonetti, compresi i rifiuti ingombranti e altre tipologie, tra cui le scatole di cartone e altre scatole di imballaggio. Per queste ultime s intende infatti che queste situazioni siano il frutto di abbandono, considerato che nessun servizio di raccolta differenziata prevede la consegna di materiale presso i cassonetti; Raccolta vetro e lattine per liquidi abbandonati su suolo pubblico e conferimento degli stessi entro appositi contenitori per la raccolta differenziata; Raccolta dei rifiuti delle aree verdi e/o ad uso pubblico (aiuole, giardini, fontane, ecc.); Raccolta foglie; Raccolta delle siringhe; Pulizia dei residui o rifiuti risultanti a seguito di incidenti stradali, manifestazioni sportive e folcloristiche. In tutte le fasi di spazzamento manuale e meccanizzato, effettuato secondo i programmi, devono essere asportati tutti i rifiuti che in qualsiasi modo possono ostacolare il regolare deflusso delle acque, in particolare in corrispondenza delle griglie per le caditoie stradali e delle bocche di lupo per deflusso sui tratti alveari. È escluso nel servizio richiesto la rimozione di carogne animali che possono trovarsi sulla sede stradale. In caso di rilievo di carogne animali l operatore che nell area di lavoro dovesse accertarne la presenza ha l obbligo di comunicare immediatamente al responsabile del servizio, in modo da attivare la procedura di legge. L asportazione delle stesse è a carico del Comune. Sono esclusi tutti gli oneri necessari per il trattamento, recupero o smaltimento dei rifiuti. Essi sono a carico dell amministrazione comunale. Art. 3 Ambito territoriale di svolgimento dei Servizi I servizi di cui all art. 2 devono essere svolti nella totalità del territorio comunale di Casola di Napoli. Sono fornite di seguito alcune informazioni base: popolazione residente al : abitanti estensione territorio comunale 2,5 kmq (densità abitativa: ab/km2) rifiuti prodotti nel 2011: (circa) t 2Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

3 Art. 4 Condizioni generali Il Comune di Casola di Napoli ha redatto un apposito piano di gestione, corredato tra l altro, dall analisi dei costi e dall elenco prezzi nel quale ogni singolo servizio è stato analizzato separatamente e all interno del servizio di raccolta per ogni singola frazione di rifiuto. Il Comune di Casola di Napoli ha specificato, in modo analitico, per ogni singolo servizio o frazione: il numero e le ore di impiego del personale, suddiviso per categoria, compreso quello amministrativo; il numero, le ore di impiego e le caratteristiche dei mezzi da impiegare ad uso parziale; il numero e le caratteristiche dei mezzi da impiegare ad uso esclusivo sul cantiere del Comune; il costo del singolo servizio. Il sistema proposto è stato dimensionato per raggiungere il 65% di raccolta differenziata entro il Si evidenzia, inoltre, che ai fini del calcolo della percentuale minima del 65% di raccolta differenziata, sono incluse nel calcolo tutte le frazioni riportate nei precedenti articoli ad esclusione della frazione indifferenziata. 4.1) Modalità organizzative dei servizi A) Deve essere sempre garantita una qualità di servizio, indipendentemente dagli automezzi e dal personale utilizzati, tale da assicurare un ottimo livello di esecuzione dei servizi; B) Dovranno, in ogni caso, essere garantite le risorse minimali operative (personale, automezzi, attrezzature, materiale di consumo) indicate nel capitolato. Le squadre di lavoro dovranno essere dotate di tutte le attrezzature, dotazioni personali (D.P.I.), automezzi e materiali, necessari per un ottimale esecuzione del servizio; ad esempio per servizio di spazzamento manuale l operatore dovrà essere provvisto, oltre all automezzo di servizio, di tutti gli attrezzi e materiale di consumo necessari per un ottimale espletamento del servizio (scopa, sacchi a perdere). Ove richiesto dal Comune, la ditta si dovrà dotare per specifiche aree anche del soffiatore a spalla. C) Le modalità organizzative dei servizi sono regolate dal Piano di Lavoro di seguito descritto per ciascun servizio. La ditta appaltatrice dovrà pertanto prevedere un organizzazione dei servizi coerente con le modalità organizzative, il personale e mezzi previsti dal Comune di Casola di Napoli; D) In caso di specifiche esigenze del Comune di Casola di Napoli, potranno essere apportate modifiche ai programmi dei servizi e orari senza che ciò possa comportare oneri aggiuntivi a carico del Comune; le eventuali modifiche verranno comunicate dal Comune con ordine di servizio alla ditta appaltatrice. Rimane inteso che è comunque facoltà del Comune variare, anche giornalmente, le modalità di esecuzione dei servizi, a parità di risorse minimali previste; in tal caso il Comune provvederà a comunicare le modifiche al coordinatore operativo della ditta appaltatrice. Dette comunicazioni preferibilmente devono essere effettuate formalmente a mezzo di documento cartaceo o mediante invio di PEC. In casi di necessità sarà possibile effettuare anche semplici comunicazioni verbali. E) La ditta appaltatrice dovrà attenersi ai Piani di Lavoro e comunque dovrà comunicare preventivamente eventuali varianti nell organizzazione del servizio che dovranno ottenere l approvazione del Comune di Casola di Napoli. F) E consentito all impresa proporre soluzioni diverse di organizzazione del servizio e utilizzo di mezzi. In tal caso, previa accettazione formale del Comune, l organizzazione proposta deve garantire pari o superiore livello di qualità del servizio reso; G) I servizi devono essere assicurati anche in presenza di condizioni atmosferiche avverse, nonché in occasione di due o più giorni festivi consecutivi vi si dovrà provvedere il giorno antecedente e quello successivo alle festività consecutive. Nel caso di impianto di smaltimento non funzionante, si dovrà far in modo che il servizio venga comunque reso nei limiti imposti nella condizione d emergenza. Nel caso che eventuali fermi degli impianti di smaltimento e/o recupero dovessero generare condizioni d emergenza, all eliminazione od all attenuazione della stessa, la ditta dovrà provvedere, anche facendosi carico di risorse aggiuntive (forze lavorative mezzi e strumenti), nel minor tempo possibile, a far rientrare il servizio reso negli standard prestazionali richiesti. H) Nel periodo transitorio, in attesa degli automezzi ed attrezzature coerenti con le specifiche definite, devono, in ogni caso, essere garantite le risorse minimali operative (personale, automezzi, attrezzature, materiale di consumo) indicate nel capitolato. I) Nel caso di impianto di smaltimento funzionante ma per condizioni di emergenza non sia possibile conferire il materiale nei tempi standard, gli oneri connessi ad eventuali soste di operai e automezzi saranno a totale carico della ditta appaltatrice senza nessuna rivalsa sull Amministrazione Comunale. Anche in questo caso La ditta dovrà provvedere, anche facendosi carico di risorse aggiuntive (forze lavorative mezzi e strumenti), nel minor tempo possibile, a far rientrare il servizio reso negli standard prestazionali richiesti. Art. 5 Modalità di esecuzione dei Servizi (Piano di lavoro) Vengono di seguito presentate le modalità organizzative, unitamente standard prestazionali minimali per lo svolgimento dei singoli servizi indicati all art. 2. 3Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

4 A1/RR) Raccolta RU indifferenziati (o residuali) A2/ VE.RD Raccolta differenziata VETRO A3/LA-RD LATTINE A4/PL-RD) Raccolta differenziata PLASTICA Tale frazione è costituita da rifiuti secchi non riciclabili. Le utenze da servire saranno: a) domestiche; b) non domestiche (negozi associazioni, istituzione, scuole, istituti bancari) è previsto un sistema di raccolta articolato porta a porta di buste della capacità di 60 l di specifico colore lasciate dall utenza, la mattina del giorno di raccolta, ed in orari prefissati, all esterno della propria abitazione. La frequenza di raccolta è di due giorni alla settimana (2/7).(martedi - sabato) Per tale servizio saranno adoperate le stesse squadre previste per la raccolta della frazione organica (si veda il punto specifico) Le utenze non domestiche verranno dotate di sacco da 60 l il cui contenuto sarà ritirato con le stesse periodicità previste per l analoga raccolta per le utenze domestiche Verranno utilizzati n. 2 autocarri a vasca ribaltabile di piccola portata (tipo gasoloni) in n. 1 autocompattatore di grande portata, n. 3 operatori per 4 ore di lavoro e n. 1 autista per sei ore di lavoro. Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di materiali: - barattoli e vasetti in vetro; - bottiglie in vetro per acqua e liquidi in genere; La raccolta deve essere effettuata con frequenza quindicinale per le utenze domestiche le quali depositeranno i contenitori forniti dall Amministrazione la mattina del giorno di raccolta (giovedi). Per le utenze non domestiche (fondamentalmente commerciali) si procederà al ritiro con cadenza quindicinale secondo il calendario dell utenza domestica (giovedi), oltre ad un ritiro settimanale nel giorno di martedi. Il deposito deve essere effettuato nei punti di raccolta per le singole utenze. - Verranno utilizzati n. 2 autocarri a vasca ribaltabile di piccola portata (tipo gasoloni) in n. 1 autocompattatore di grande portata e una squadra operativa composta da n. 3 operatori per 4 ore di lavoro e n. 1 autista per sei ore di lavoro. Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di materiali: - barattoli e vasetti in alluminio e/o banda stagnata; - lattine in alluminio in per acqua e liquidi in genere; La raccolta deve essere effettuata con frequenza quindicinale per le utenze domestiche le quali depositeranno i contenitori forniti dall Amministrazione la mattina del giorno di raccolta (giovedi). Per le utenze non domestiche (fondamentalmente commerciali) si procederà al ritiro con cadenza quindicinale secondo il calendario dell utenza domestica (giovedi), oltre ad un ritiro settimanale nel giorno di martedi. Il deposito deve essere effettuato nei punti di raccolta per le singole utenze. - Verranno utilizzati n. 2 autocarri a vasca ribaltabile di piccola portata (tipo gasoloni) in n. 1 autocompattatore di grande portata e una squadra operativa composta da n. 3 operatori per 4 ore di lavoro e n. 1 autista per sei ore di lavoro. II servizio di raccolta di plastica, viene effettuato fornendo alle utenze sacchi di colore specifico trasparenti di media volumetria (capacità di 60 l). Le tipologie dei rifiuti sono rappresentate, ad esempio, da: 1) bottiglie di plastica per acqua minerale; 2) flaconi bagnoschiuma, detersivo, shampoo marcati con i simboli PET, PE e PVC; 3) imballaggi in plastica in genere non contaminati da sostanze pericolose e/o residui organici è previsto un sistema di raccolta articolato porta a porta di buste della capacità di 60 l di specifico colore lasciate dall utenza, la mattina del giorno di raccolta, ed in orari prefissati, all esterno della propria abitazione. La frequenza di raccolta è di un giorno a settimana (1/7).(venerdi) - Verranno utilizzati n. 2 autocarri a vasca ribaltabile di piccola portata (tipo gasoloni) in n. 1 autocompattatore di grande portata e una squadra operativa composta da n. 3 operatori per 2 ore di lavoro e n. 1 autista per sei ore di lavoro. 4Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

5 A5/-C-RD) Raccolta differenziata CARTA E CARTONE A6/RFO) Raccolta frazione organica (FORSU) umido II servizio di raccolta carta e cartone ed imballaggi è fatta suddividendo l utenza domestica da quella commerciale, secondo i seguenti criteri a) utenze domestiche e commerciali: raccolta porta a porta o condominiale con la carta depositata dall utenza all esterno della propria abitazione in pacchi o all interno di scatoloni la mattina del giorno della raccolta con frequenza settimanale (mercoledì), (1/7). b) utenze commerciali e non domestiche: raccolta mediante ritiro diretto del materiale depositato dall utenza all esterno della propria attività commerciale all interno di scatoloni o legato in pacchi ad orario stabilito del giorno della raccolta. La frequenza per tale servizio prevista è di due giorni settimanali (mercoledi sabato) (2/7). La raccolta presso utenze non domestìche come scuole e uffici (il servizio è rivolto alle attività, quali uffici pubblici, banche, scuole e a tutte quelle attività presenti sul territorio comunale, che si ritiene producano fondamentalmente grandi quantitativi di carta di qualità) verrà effettuata con l utilizzo di cassoni scarrabili di dimensioni adeguate - utenze domestiche Verranno utilizzati n. 2 autocarri a vasca ribaltabile di piccola portata (tipo gasoloni) in n. 1 autocompattatore di grande portata e una squadra operativa composta da n. 3 operatori per 2 ore di lavoro e n. 1 autista per 4 ore di lavoro. - attività commerciali 1 giorno extra a settimana. Verrà impiegato un automezzo per la raccolta (compattatore di grande portata) con squadra composta da un autista e da 1 operatore per tre ore di lavoro. È prevista la raccolta della frazione organica dei rifiuti (FORSU), detta anche umido con la frequenza di tre giorni a settimana 3/7 ( lunedìmercoledi- venerdi).essa rappresenta la frazione maggiore, in termini di percentuale nell insieme dei rifiuti da gestire. Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta misto con frequenza di tre giorni a settimana così articolato: 1) raccolta domiciliare porta a porta; 2) raccolta mediante bidoni carrellati ad uso condominiale (ove possibili ed opportuno); 3) secchiello da 25 lt dotato di dispositivo antirandagismo a tutti i nuclei familiari; 4) bidoncini carrellati la 120 lt per le utenze di medi condomini aventi nuclei familiari serviti di numero N compreso da 5 N 10; 5) bidoni carrellati 240 lt per i condomini aventi un numero di utenze superiore a 10 (N > 10). Il numero di bidoni deve essere incrementato di un bidone da 120 lt o da 240 lt rispettivamente per ogni 5 o 10 nuclei familiari in più per ogni condominio Le utenze non domestiche saranno dotate di contenitore personalizzato da 120 lt. Si stima un numero totale di utenze pari a circa 40. Per svolgere l intero servizio saranno utilizzati i seguenti contenitori: a) Secchiello da 25 lt: n (circa); b) Bidone carrellato da 120 lt: n 25 (circa); c) Bidone carrellato da 240 lt: n 25 (circa); Tutti i detti contenitori sono già distribuiti presso le utenze. Durante le operazioni di svuotamento la Ditta dovrà porre la massima cura per non arrecare danni ai bidoni e per non sporcare o lasciare residui di rifiuti sulle strade che, in ogni caso, dovranno essere immediatamente raccolti. Verranno utilizzati n. 2 autocarri a vasca ribaltabile di piccola portata (tipo gasoloni) in n. 1 autocompattatore di grande portata, n. 3 operatori per 4 ore di lavoro e n. 1 autista per 4 ore di lavoro. Il servizi di raccolta della frazione umida risulta strategico nel raggiungimento degli obiettivi di Raccolta Differenziata complessivi. 5Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

6 A7/RI) Raccolta INGOMBRANTI A8/RD-RP) Raccolta rifiuti pericolosi (Pile, Farmaci, T Siringhe, cartucce stampanti ed altri rifiuti pericolosi) Riguarda a titolo semplificativo le seguenti tipologie di rifiuto: - frigoriferi, congelatori e surgelatori; - televisori, computer; - lavatrici e lavastoviglie, condizionatori d aria; - divani, poltrone, sedie, armadi e materassi, ecc.. Il servizio dovrà essere articolato con modalità differenziate: 1. intervento di squadre specifiche per il ritiro di tali tipologie di rifiuti presso le utenze che ne fanno richiesta secondo i seguenti parametri minimali: - servizio un giorno a settimana (1/7) martedi; - istituzione di un numero verde con il compito di raccogliere e smistare le richieste degli utenti, che sarà reso pubblico attraverso un incisiva campagna di pubblicizzazione; - predisposizione di un programma di interventi presso le utenze. Il servizio verrà effettuato a domicilio (il materiale verrà prelevato dal suolo pubblico); - squadra operativa composta da 2 operatori con autocarro tipo Fiat Daily per 2 ore di lavoro II servizio riguarda le seguenti tipologie di rifiuti urbani pericolosi: - batterie e pile esauste; - prodotti e relativi contenitori etichettati con la lettera "T" (tossico) e/o "F" (facilmente o estremamente infiammabile); - prodotti farmaceutici inutilizzati o scaduti; - cartucce contenenti inchiostro e/o toner per stampanti; - altri rifiuti pericolosi provenienti dalla raccolta; II raggiungimento di elevati standard di servizio possono essere raggiunti attraverso: - una diffusa rete di contenitori presso utenze specifiche; - l'ottimizzazione dei circuiti di raccolta; - il coinvolgimento degli operatori della distribuzione Le caratteristiche di larga diffusione di tali tipologie di materiali, fa sì che essi si prestino alla raccolta mediante appositi contenitori ubicati entro o nelle immediate vicinanze dei luoghi di vendita. In particolare si propone: - pile esauste: contenitori da 20 litri, ubicati presso rivendite di prodotti elettrici, centri commerciali, fotografi, ecc.; - farmaci scaduti: contenitore da 120 litri ubicato presso l unica farmacia; - prodotti e relativi imballaggi marcati T e/o F: contenitori da 30 litri, ubicati presso rivenditori. Il servizio dovrà essere espletato con frequenza minima di un giorno ogni due mesi da una squadra composta da un operatore dotato di automezzo furgonato attrezzato con contenitori adatti alla raccolta dei rifiuti in oggetto. Tale automezzo dovrà essere autorizzato per il trasporto dei rifiuti urbani pericolosi. La ditta dovrà fornire e gestire i seguenti contenitori : Contenitori Pile: 10 (ivi compresi 2 contenitori di riserva) Contenitori Farmaci: 2 (ivi compreso 1 contenitore di riserva) Contenitori T e/o F: 5 (ivi compresi 2 contenitori di riserva) Contenitori toner stampanti: 1 (da installare nella casa comunale) II servizio dovrà prevedere, inoltre, la bonifica del suolo pubblico mediante rimozione delle siringhe infette abbandonate. Il servizio di raccolta dovrà espletato da un operatore dotato di idoneo abbigliamento e attrezzatura di sicurezza; l'automezzo utilizzato è un furgonato attrezzato con contenitori adatti alla raccolta dei rifiuti in oggetto. 6Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

7 A9/RAEE Rifiuti da Apparecchiatur e Elettriche ed Elettroniche B1/SP) Spazzamento manuale e meccanizzato I RAEE sono rifiuti di AEE. Le AEE a loro volta sono apparecchiature che per un corretto funzionamento dipendono dall'energia elettrica, sia come utilizzatrici, sia come generatrici, progettate per funzionare a tensioni fino a 1000 V AC o 1500 V CC, e appartengono a una delle seguenti categorie: 1. Grandi elettrodomestici; 2. Piccoli elettrodomestici; 3. Apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni; 4. Apparecchiature di consumo; 5. Apparecchiature di illuminazione; 6. Strumenti elettrici ed elettronici (ad eccezione degli utensili industriali fissi di grandi dimensioni); 7. Giocattoli e apparecchiature per lo sport e per il tempo libero; 8. Dispositivi medici (ad eccezione di tutti i prodotti impiantati ed infetti); 9. Strumenti di monitoraggio e controllo; 10. Distributori automatici. Il servizio dovrà essere espletato con frequenza mensile (primo lunedì del mese) da una squadra composta da due operatori dotati di automezzo attrezzato con divisori per ogni singola tipologia di RAEE raccolta. II servizio prevede lo spazzamento e la pulizia aree e spazi soggetti a pubblico transito: in particolare nel servizio risultano comprese le seguenti attività: - raccolta di qualsiasi rifiuto, compresi i vari detriti fino alle più piccole dimensioni, prodotti dagli utenti o dagli agenti naturali, quali cartacce, detriti, terriccio, foglie, escrementi animali, ecc; - svuotamento dei cestini gettacarta e sostituzione dei sacchi in polietilene; La proposta di organizzazione prevede la combinazione delle seguenti modalità operative complementari e differenziate tra loro per finalità e tipologia di rifiuti raccolti: - spazzamento manuale; - spazzamento meccanizzato; - interventi di mantenimento; - lavaggio stradale. Lo spazzamento manuale verrà effettuato da due operatori dotati di mezzo per la mobilità (tipo Ciao Porter o Automezzo con vasca ribaltabile) e attrezzature varie (carrelli, scope ecc.). Le operazioni di pulizia manuale agiscono sui rifiuti ricorrenti (carta, polveri ecc.), casuali (pacchetti vuoti di sigarette e fiammiferi, foglietti di carta, escrementi di animali ecc.) e eccezionali. Il servizio di spazzamento manuale prevede lo svuotamento dei cestini gettacarte, mediante la rimozione del sacchetto in polietilene collocato al suo interno e sostituzione dello stesso con uno nuovo. Lo spazzamento sarà effettuato su via Roma e nei vicoli cittadini secondo il calendario di cui all art. 5. Lo spazzamento cosiddetto di mantenimento è un servizio manuale meno capillare e prevede una pulizia delle aree esterne delle scuole ubicate sul territorio. Lo spazzamento meccanizzato viene invece eseguito con l'impiego di autospazzatrice aspirante; la squadra operativa sarà composta da un autista e da 1 operatore appiedato in appoggio, che nelle zone non accessibili alla macchina provvederà all accumulo dei rifiuti nella direzione di marcia. Questa tipologia di servizio è rivolta oltre che ai rifiuti ricorrenti, casuali ed eccezionali specialmente ai rifiuti propriamente stradali (polvere terriccio, fango e simili) e stagionali (ramaglie, sabbia e simili). Lo spazzamento sarà effettuato su via Gesini, via Vittorio Veneto, via Tuoro e via Monticelli secondo il calendario di cui all art. 5. 7Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

8 B2/PV spazzamento integrato. Lavaggio, rimozione scarichi abusivi, pronto intervento, pulizia e disinfettazione varie B3/PM spazzamento Integrato. Pulizia mercati e festività C1/DS) Diserbo stradale Il lavaggio stradale è parte complementare integrante del servizio di spazzamento; esso è finalizzato all'eliminazione di polveri, oli e grassi, inquinanti e microinquinanti prodotti in particolare dal traffico automobilistico, che si depositano sul suolo prevalentemente nel periodo non piovoso La squadra tipo sarà composta da 1 autista, con automezzo appositamente attrezzato per eseguire i seguenti interventi: - innaffiamento con getto a bassa pressione, per l'abbattimento della polvere sul sedime stradale; - lavaggio con getto ad alta pressione, per la pulizia di tutta la sede stradale al fine di eliminare gli strati di terriccio e gli eventuali inquinanti; - aspirazione della del residuo del lavaggio stradale ed invio a smaltimento resso impianti autorizzati. Le tipologie di servizio di spazzamento e il lavaggio strade, risultano quindi complementari in quanto agiscono su diverse tipologie di rifiuto e in momenti differenti. Il servizio è stato articolato su livelli diversi in funzione delle caratteristiche da servire e del "grado di utilizzo" del territorio stesso da parte del cittadino/utente. Nella realtà in esame sono stati individuati 3 livelli di servizio in relazione alle caratteristiche delle aree da servire, i cui principali parametri sono descritti di seguito: LIVELLO 1: aree di particolare interesse ad elevatissimo grado di utilizzo ed elevata frequentazione pedonale. Frequenza interventi LAVAGGIO: 52 volte all'anno LIVELLO 2: vicoli con bassa presenza di attività commerciali con basso grado di utilizzo del territorio (basso traffico pedonale). Frequenza interventi LAVAGGIO: 52 volte all'anno LIVELLO 3: strade a bassa densità di traffico pedonale e bassa densità abitativa. Frequenza interventi LAVAGGIO: 26 volte all'anno La cartografia con evidenziate le principali aree di riferimento è disponibile presso l'ufficio tecnico del COMUNE DI CASOLA DI NAPOLI. In allegato i nominativi delle strade con il livello corrispondente. Dovrà essere garantito la rimozione mediante pronto intervento di scarichi abusivi segnalati dall Ufficio Tecnico, pulizia e disinfettazione varie. Devono essere garantite anche i seguenti interventi di spezzamento integrato: 1) nelle aree mercatali, subito dopo la rimozione dei rifiuti; 2) nelle zone ove si verificano eventi particolari (mostre, sagre, feste padronali, manifestazioni sportive e di ogni tipo), il giorno antecedente e quello successivo alle manifestazioni; 3) nelle zone ed in prossimità di esse ove si verificano eventi religiosi, il giorno antecedente e successivo all evento; 4) nelle zone ed in prossimità di esse nei periodi di aperture delle scuole, o di chiusura delle stesse, il giorno antecedente e successivo all evento; 5) successivamente all avvenuto sfalcio d erba e diserbo lungo le zone limitrofe alle sedi stradali; 6) in tutti i casi eccezionali che l amministrazione comunale comunicherà tempestivamente (in funzione dell eccezionalità del caso), alla Ditta. II servizio di diserbo stradale risulta complementare al servizio di spazzamento. Si tratta di un servizio periodico specializzato, secondo il calendari allegato e comunque per un totale di 129 ore, per gli interventi di: - sfalcio delle aree comunali incolte limitrofe alle strade fino ad una profondità di 3 m (dal marciapiede) o 5 m (dal limite della carreggiata); - monitoraggio continuativo ed eliminazione delle erbe infestanti su tutta la rete stradale comunale. La squadra tipo sarà costituita da 1 operatore dotato di automezzo tipo Porter Piaggio e attrezzature varie (tipo decespugliatori meccanici). NOTA BENE - Il diserbo deve interessare i cordoli di delimitazione delle aiuole o piante. - Non potranno essere utilizzati prodotti chimici. Gli oneri dello smaltimento sono a carico dell impresa esecutrice del servizio. 8Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

9 C2/PC) Pulizia caditoie D1) Gestione rapporto con l Utenza D2) Campagna di sensibilizzazion e utenza D3) Servizi straordinari II servizio di pulizia caditoie risulta complementare al servizio di spazzamento. Si tratta di un servizio periodico specializzato, secondo il calendari allegato e comunque per un totale di 117 ore, per gli interventi di: - rimozione griglia e pulizia della stessa se le aree di scolo sono ostruite; - pulizia pozzetto di ispezione; - pulizia collegamento pozzetto fognatura mediante freccia idraulica. La squadra tipo sarà costituita da 1 operatore dotato di automezzo tipo Porter Piaggio e attrezzature varie (tipo freccia idraulica). NOTA BENE Non potranno essere utilizzati prodotti chimici. Gli oneri dello smaltimento sono a carico dell impresa esecutrice del servizio. Entro 60 giorni dalla data di Consegna dei servizi la ditta appaltatrice si obbliga ad attrezzare un ufficio dotato di telefono, fax e numero verde gratuito a disposizione degli utenti del COMUNE DI CASOLA DI NAPOLI. Tale ufficio deve essere aperto tutti i giorni (esclusi i giorni festivi) almeno nella fascia oraria dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 17:00. In particolare l'ufficio dovrà: - gestire le richieste di informazioni provenienti dai cittadini; - ricevere le prenotazioni dei servizi individuali (raccolta ingombranti, ecc.) da parte dell'utenza. - distribuire il materiale promozionale e informativo per gli utenti. - fornitura di n kit mensili, con stampato Comune di Casola di Napoli, di buste per raccolta differenziata cosi distinte: - n. 8 buste colore celeste con stampato Indifferenziato capacità 40 lt; - n. 12 buste biodegradabili colore trasparente con stampato organico capacità 15 lt; - n. 8 buste colore bianco capacità 60 lt; I kit di buste saranno distribuite dal Comune di Casola di Napoli. Compete alla Ditta Appaltatrice adottare le iniziative e le attività di carattere promozionale necessario a sollecitare la collaborazione degli utenti al fine di garantire il miglioramento dei livelli di esecuzione del servizio richiesti. La Ditta appaltatrice provvedere a consegnare annualmente al Comune il programma delle iniziative che intende svolgere durante tutto il periodo di validità del contratto e che dovranno prevedere l'impiego di mezzi di comunicazione di massa (riviste, opuscoli, etc.),. All'atto della realizzazione dell'attività promozionale, la ditta appaltatrice dovrà concordare i contenuti dei messaggi con l'amministrazione Comunale. Una percentuale pari al 2 % del canone annuo offerto per il primo anno ed al 1 % del canone annuo offerto per i restanti anni deve essere destinata al finanziamento delle attività promozionali sopradette, le cui spese sono sostenute direttamente dalla Ditta aggiudicataria; eventuali contributi pubblici o privati saranno considerati in aggiunta alla cifra derivante dall'applicazione della percentuale citata. Con l'accettazione dell'appalto la Ditta Appaltatrice si impegna a svolgere tutte le prestazioni previste di cui al presente articolo e quelli precedenti, ritenendosi pienamente compensata dal canone annuo pattuito, per tutte le spese indicate nel presente Capitolato Speciale d'appalto nonché quelle relative al personale, alle attrezzature, ai materiali di consumo, agli oneri di supervisione, coordinamento e controllo e quanto altro necessario all'esecuzione delle prestazioni pattuite. Con il personale e le attrezzature rese disponibili per la gestione del servizio la Ditta Appaltatrice si impegna, inoltre, ad eseguire gli ulteriori interventi aventi carattere straordinario ed occasionale che il Comune richiederà. Art. 6 Personale da utilizzare per il servizio Il personale da adibire al servizio è quello derivante dal passaggio di cantiere della precedente gestione e di cui al sottostante elenco riportante qualifiche e livelli, ai sensi e per gli effetti dell'art. 6 del C.C.N.L. FISE ASSOAMBIENTE: n. 1 operatore 3 livello; n. 4 operatori 2 livello; n. 1 operatore 1 livello. Ad avvenuta assunzione dei suddetti operatori, l Azienda vincitrice dell appalto dovrà trasmettere copia conforme all originale del Libro Matricola con nominativo e livello di ogni operatore esercente servizio sul territorio di Casola di Napoli. 9Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

10 Art. 7 Orario di svolgimento dei servizi I servizi dovranno essere svolti secondo il calendario e i prospetti seguenti: RACCOLTA LUNEDI MARTEDI MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ SABATO UMIDO INDIFFERENZIATO UMIDO VETRO/METALLO UMIDO INDIFFERENZIATO operatore ore operatore ore operatore ore operatore or operatore ore operatore ore e 1 livello 4 1 livello 4 1 livello 4 1 livello 4 1 livello 4 1 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 2 livello 4 3 livello 6 3 livello 6 3 livello 6 3 livello 6 3 livello 6 3 livello 6 INGOMBRANTI MANTENIMENTO A CARTA MANTENIMENTO A PLASTICA MANTENIMENTO A 2 livello 2 2 livello 2 operatore ore 2 livello 2 operatore ore 2 livello 2 1 livello 2 1 livello 2 2 livello 2 1 livello 2 2 livello 2 1 livello 2 MANTENIMENTO B MANTENIMENTO B 2 livello 2 MANTENIMENTO B 2 livello 2 MANTENIMENTO B 2 livello 2 2 livello 2 1 livello 2 2 livello 2 1 livello 2 2 livello 2 MANTENIMENTO A operatore ore intervento a farsi - SPAZZAMENTO 2 livello 2 a copertura operatore su spazzatrice 1 livello 2 a copertura operatore su spazzatrice MANTENIMENTO B operatore ore intervento a farsi Totale ore annue Scuola elementare Capoluogo, Scuola Materna, Scuola Media, Scuola Cappellano e a 2 livello 2 copertura diserbo, pulizia caditoie e raccolta pile, farmaci e RAEE 416 ore SPAZZAMENTO MANUALE LUNEDI MARTEDI MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ SABATO VIA ROMA * VIA ROMA * VIA ROMA * VIA ROMA * VIA ROMA * VIA ROMA * operatore ore operatore ore operatore ore operatore ore operatore ore operatore ore 2 livello 6 2 livello 6 2 livello 6 2 livello 6 2 livello 6 2 livello 6 VICOLI VICOLI VICOLI VICOLI VICOLI VICOLI operatore ore operatore ore operatore ore operatore ore operatore ore operatore ore 2 livello 6 2 livello 6 2 livello 6 2 livello 6 2 livello 6 2 livello 6 * compreso Piazza Crocifisso, Piazza Iozzino e slarghi su via Roma SPAZZAMENTO MECCANICO LUNEDI MARTEDI MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ SABATO VIA V. VENETO VIA V. VENETO VIA V. VENETO operatore ore operatore ore operatore ore 2 livello 0,5 2 livello 0,5 2 livello 0,5 2 livello 0,5 2 livello 0,5 2 livello 0,5 VIA MONTICELLI VIA MONTICELLI VIA MONTICELLI operatore ore operatore ore operatore ore 2 livello 0,5 2 livello 0,5 2 livello 0,5 2 livello 0,5 2 livello 0,5 2 livello 0,5 VIA GESINI VIA GESINI VIA GESINI operatore ore operatore ore operatore ore 2 livello 0,8 2 livello 0,8 2 livello 0,8 2 livello 0,8 2 livello 0,8 2 livello 0,8 VIA TUORO VIA TUORO VIA TUORO operatore ore operatore ore operatore ore 2 livello 0,2 2 livello 0,2 2 livello 0,2 2 livello 0,2 2 livello 0,2 2 livello 0,2 10Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

11 CALCOLO ORE PER IL SERVIZIO DI DISERBO descrizione strada Gennaio Marzo Maggio Luglio Settembre. Novembre. Piazza IV Novembre 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Via Vittorio Veneto Palazzine 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Via Vittorio veneto parco dell'amicizia 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 Via Monticelli principale (I trav. - II trav. - parte alta) 3,00 3,00 3,00 3,00 3,00 3,00 Via cupa delle grotte 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Via delle selve (scuola) 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 traversa palazzine IACP 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 traversa scuola dell'infanzia 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo sbrizzi 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo Strino 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo abagnale 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo D'auria I 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo D'auria II 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Traverse palazzine destra e sinistra 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo Sicignano 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Via G. Del Balzo 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo Orazzo 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo caiazzo 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo Iozzino e Via Cevane 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo Commentale 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Via Pendino e traversa 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Via Piccirillo 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Via Tuoro e via San Giorgio 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 Vicolo chierchia intero 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 totale ore per ogni mese 21,50 21,50 21,50 21,50 21,50 21,50 totale ore annue 129 ORE 21,50 CALCOLO ORE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CADITOIE descrizione strada Febbraio Aprile Giugno Agosto Ottobre Dicembre Via Vittorio Veneto Palazzine 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Via Vittorio Veneto parco dell'amicizia 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 Via Monticelli principale (I trav. - II trav. - parte alta) 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 Via cupa delle grotte 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 traversa palazzine IACP 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 traversa scuola dell'infanzia 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo sbrizzi 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo Strino 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo abagnale 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo D'auria I 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Vicolo D'auria II 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Traverse palazzine destra e sinistra 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo Sicignano 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Via G. Del Balzo 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo Orazzo 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo caiazzo 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo Iozzino e Via Cevane 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Vicolo Commentale 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Via Pendino e traversa 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 1,00 Via Piccirillo 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 Via Tuoro e via San Giorgio 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 2,00 Vicolo Chierchia intero 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 0,50 totale ore per ogni mese 19,50 19,50 19,50 19,50 19,50 19,50 totale ore annue 117 ORE 21,50 Pile/Farmaci RAEE CALCOLO ORE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA PILE/FARMACI/RAEE Una volta a bimestre Un operatore 2 ore Totale annuo: 12 ore Una volta Apr. al mese Due operatori Ago. 2 ore Totale annuo: 48 ore totale ore annue Apr. annuo: ORE ore Ago. 21,50 11Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

12 Per i servizi di diserbo, pulizia caditoie e raccolta pile/farmaci/raee si ha un totale di 306 ore. Pertanto per la pulizia delle aree esterne alle scuole restano disponibili 110 ore. Per il coordinamento dei suddetti interventi, si procederà a stilare apposito calendario con la ditta esecutrice del servizio. Art. 8 Consegna dei servizi La consegna dei servizi di cui all'art 2 da parte del Comune di Casola di Napoli avverrà dopo l'aggiudicazione definitiva. L'appaltatore non potrà ritardare l'inizio dell'esecuzione del servizio neanche di un giorno dalla data di consegna, pena la decadenza "dejure e de facto" dell'appalto; saranno inoltre posti a suo carico i danni causati al Comune di Casola di Napoli in conseguenza del ritardo dell'inizio dei servizi. Art. 9 Variazione delle quantità Per tutta la durata dell'appalto, il Comune si riserva la possibilità di richiedere, con preavviso di giorni 7, l'estensione dei servizi appaltati, nonché assegnare altri servizi similari o complementari a quelli in corso d'esecuzione. In tal caso le parti concorderanno le modalità di gestione e provvederanno agli eventuali adeguamenti contrattuali, fermo restando l'obbligo della ditta ad eseguire le prestazioni richieste. L Amministrazione si riserva la facoltà di effettuare pesature prima e dopo il servizio degli autocarri impegnati nel sistema di raccolta rifiuti cittadino. Art. 10 Durata dell appalto Il presente appalto avrà validità di cinque anni, presumibilmente dal al e comunque non oltre l entrata a regime della L.R. n. 4/07. In tal caso il contratto si intende automaticamente risolto senza che la ditta aggiudicataria possa avere nulla a pretendere. Con riferimento a quanto sopra si precisa che il Comune di Casola di Napoli affida il servizio in oggetto con facoltà di cessazione automatica del contratto di appalto per effetto del venir meno delle competenze attribuitegli dall art. 13, comma 5 del D.L. 29 dicembre 2011 n. 216 pubblicato sulla G.U.R.I. n. 302 del 29/12/2011 (mille proroghe 2012) e l entrata in vigore del regime previsto dalla suddetta L.R. Campania n. 4/2007 ai sensi dell art. 11 del D.L. 30 dicembre 2009 n. 195 convertito in Legge 26 febbraio 2010 n. 26. In tale ipotesi nulla sarà dovuto alla ditta aggiudicataria dell appalto tranne i compensi per il solo servizio svolto. In caso di inadempienza e/o inadeguatezza delle attività eseguite dalla ditta, il Comune potrà applicare le penali di cui al successivo articolo, fino a dichiarare la decadenza del contratto. Ai sensi dell art. 57 comma 7 del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i. È vietato il rinnovo tacito dei contratti aventi ad oggetto forniture, servizi, lavori e i contratti rinnovati tacitamente sono nulli. Alla scadenza del contratto lo stesso si intenderà naturalmente concluso senza necessità di ulteriori atti formali da parte dell Amministrazione Comunale. Solo nel caso, in cui alla scadenza del contratto, non siano state ancora espletate tutte le operazioni relative alla nuova gara di appalto per l affidamento del servizio, la ditta su richiesta formale dell'amministrazione Comunale sarà tenuta alla prosecuzione del contratto in regime di temporanea prorogatio per un periodo massimo di sei mesi. Durante tale periodo di proroga rimarranno inalterate tutte le condizioni stabilite nel presente capitolato e nel relativo contratto senza alcun indennizzo aggiuntivo. Art. 11 Corrispettivi dell Appalto, Revisione e Pagamenti 1. Quale corrispettivo di tutte le obbligazioni di cui al presente capitolato spettano alla ditta: a) Il canone annuo risultante dall importo annuo posto a base di gara decurtato del ribasso formulato in sede di gara dalla Ditta appaltatrice; b) compenso per aggiornamento periodico del canone come previsto al punto 3 del presente articolo. Il canone di cui alla precedente lettera a) è riferito ai servizi che devono essere espletati con continuità come analiticamente determinato agli artt. 2, 5, 7 e 34 del presente capitolato speciale d appalto. L importo complessivo dell appalto è pari a: per cinque anni: ,50 (euro unmilionenovecentoquarantasettemilatrecentoquarantacinque/50) oltre IVA 10%; importo annuale: ,10 (euro trecentottantanovemilaquattrocentosessantanove/10) oltre IVA 10%. L importo non comprende gli oneri per gli smaltimenti presso gli impianti autorizzati che rimarranno a carico del Comune di Casola di Napoli ad eccezione degli oneri occorrenti per lo smaltimento del rifiuto proveniente dalle operazioni di diserbo e pulizia delle caditoie stradali, che sono a carico dell impresa. Il pagamento del canone di cui alla precedente lettera a), avverrà in ratei mensili posticipati presunti di ,10/12 = ,76 oltre IVA, da assoggettare a ribasso. Il pagamento del canone mensile è 12Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

13 da effettuarsi entro il giorno 30 del mese successivo a quello di competenza, mediante emissione dell apposito mandato e l erogazione su conto corrente bancario o postale, acceso presso banche o Poste Italiane S.p.A., dedicato, anche in via non esclusiva alla commessa pubblica, in esecuzione a quanto previsto dalla legge 13 agosto 2010, n La liquidazione ed il pagamento del canone, è subordinato all acquisizione di un certificato di regolare esecuzione rilasciato dal responsabile dell attività di controllo controfirmato dalla Ditta, che attesterà la regolare esecuzione del servizio, specificando analiticamente che tutte le prestazioni previste siano state effettivamente rese nel corso del mese di riferimento cui la liquidazione attiene. Nei casi in cui dalla predetta certificazione si rilevino difformità nelle prestazioni rese (sia qualitative che quantitative) rispetto a quelle previste nel piano di gestione, saranno applicate le penalità previste dal successivo art. 22; nei casi di reiterazione, rapportate ad un numero di penali tali che il loro importo superi il 10% del canone netto annuo, la Stazione Appaltante ha facoltà di risolvere unilateralmente il contratto senza che la Ditta Appaltatrice possa accampare pretese di sorta. In caso di ritardo nei pagamenti, a decorrere dalla scadenza del termine di pagamento come sopra fissato, troverà applicazione quanto disposto dal Dlgs. 231/2002. E, comunque, facoltà dell appaltatore nel caso in cui l ammontare delle mensilità per le quali non sia stato tempestivamente emesso il titolo di spesa, raggiunga il quarto dell importo netto contrattuale quinquennale, di agire ai sensi dell art del Codice civile, rifiutando di adempiere alle sue obbligazioni se la Stazione appaltante non provvede al pagamento integrale di quanto maturato; in alternativa è facoltà dell appaltatore, previa costituzione in mora della Stazione appaltante, promuovere il giudizio in sede civile per la dichiarazione di risoluzione del contratto, trascorsi 60 giorni dalla data della predetta costituzione in mora. 2. Il pagamento è inoltre subordinato alla presentazione, da parte della Ditta appaltatrice, della seguente dichiarazione sostitutiva, rilasciata dal legale rappresentante della ditta appaltatrice nelle forme previste dal D.P.R. 28/12/00, n 445, concernente: a) lo stato di servizio di tutto il personale dipendente e la dotazione di automezzi (numero, tipologia, targhe, data immatricolazione); b) al rilascio del DURC che sarà richiesto dall ufficio tecnico per ogni mese di servizio; c) l avvenuto smaltimento delle acque di lavaggio prodotte nel mese; d) il report mensile dei servizi svolti dettagliati per tipologia e quantità. 3. La revisione periodica del prezzo è prevista in conformità a quanto disposto dall art. 6 della L. 24 dicembre 1993, n. 537, come sostituito dall art. 44, L. 23 dicembre 1994, n Ai fini del calcolo del relativo importo, la revisione sarà calcolata a partire dal 3 semestre e con esclusione delle variazioni prezzi intervenute nel corso del primo anno. Pertanto, alla data del terzo semestre, saranno calcolate le variazioni intervenute nel 1 semestre del secondo anno, al netto delle variazioni intervenute nel primo anno. Tale revisione dovrà essere richiesta dall impresa con domanda scritta, acquisita al protocollo della stazione appaltante. L istruttoria per la revisione dei prezzi prevista dall art. 44, comma 4, L , n. 724, sarà condotta sulla base delle variazioni intervenute, a decorrere dal mese di formulazione dell offerta; in particolare: La variazione del costo della mano d opera sarà accertata in base all aggiornamento periodico dei compensi riportati nelle tabelle FISE ASSOAMBIENTE con riferimento agli operatori dell area raccolta e spazzamento per ogni livello di operatore presente sul territorio desumibile dal Libro Matricola aziendale da trasmettere secondo quanto stabilito all art. 6. Le altre spese saranno riviste in base all indice ISTAT sulle variazioni dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. 4. Eventuali variazioni delle modalità esecutive dei servizi da svolgere, per nuove o mutate esigenze della collettività, o per il necessario adeguamento a nuove norme legislative afferenti la specifica materia, potranno comportare la necessità di definire, in accordo tra le parti una nuova pattuizione contrattuale integrativa che stabilirà i compensi spettanti all Appaltatore a compensazione degli oneri insorgenti, nel rispetto delle normative vigenti in materia. 5. I servizi previsti contrattualmente, che il Soggetto aggiudicatario non potesse eseguire, anche giornalmente, per causa di forza maggiore, saranno proporzionalmente quantificati e dedotti in sede di liquidazione dei corrispettivi. Art. 12 Proprietà dei rifiuti raccolti e relativa destinazione I rifiuti oggetto del presente appalto conferiti al servizio di raccolta ordinario (rifiuti solidi urbani, rifiuti speciali assimilati e materiali recuperati) sono di proprietà dell'amministrazione Comunale, vengono prelevati dalla Ditta Appaltatrice e conferiti allo smaltimento finale e/o recupero che la stessa Amministrazione indicherà, nel rispetto della legislazione vigente. Il trasporto dei rifiuti indifferenziati avverrà fino al luogo indicato dall'ente Appaltante. Esso dovrà essere fatto senza fermate intermedie e dovrà avvenire in condizioni di sicurezza stradale e tecnica. L'Ente appaltante è 13Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

14 esente da ogni responsabilità derivante da danni verso terzi durante le operazioni di trasporto. Sono a carico dell Ente Gestore l obbligo di conferire i rifiuti nelle aree di trasferenza autorizzate dal Commissariato di Governo e territorialmente pertinenti, dovendosi intendere remunerati nei corrispettivi contrattuali i relativi oneri. Attualmente il Comune di Casola di Napoli conferisce: i rifiuti indifferenziati presso l impianto di CDR ubicato nel territorio del Comune di Tufino; il rifiuto organico presso l impianto della ditta L Igiene Urbana in Scafati (SA); il vetro presso l impianto della Ditta Ambiente in San Vitaliano (NA); la banda stagnata presso l impianto della ditta Metalsedi in Fisciano (SA); la carta e cartoni presso l impianto di selezione della SEA in Angri (SA); la plastica presso l impianto della ditta Di Gennaro in Caivano (NA); gli ingombranti, i farmaci/pile/raee presso l impianto della Ditta Ambiente in San Vitaliano (NA). Rimangono a carico/beneficio dell'amministrazione Appaltante: l'onere economico relativo alle operazioni di smaltimento finale e/o recupero dei rifiuti di qualsiasi tipologia raccolti nell ambito dei servizi di cui alla presente sono a carico dell amministrazione comunale; i costi e/o benefici derivanti dalla vendita dei materiali recuperati (carta, cartone, vetro, metalli, alluminio, ferro). Le acque reflue prodotte dal lavaggio dei contenitori stradali dovranno essere smaltite presso depuratori autorizzati, gli oneri di smaltimento delle acque reflue rimangono a carico della ditta appaltatrice. Nella Tabella sottostante è evidenziata la competenza dei costi e/o benefici tra la ditta appaltatrice e il Comune per le singoli frazioni merceologiche: Frazione merceologica Costo e/o beneficio per il Comune Costo e/o beneficio per la ditta appaltatrice Rifiuto indifferenziato SI NO Rifiuti organici SI NO Beni Durevoli (Pericolosi e non) SI NO Pile, Farmaci, T e/o F SI NO Acque di lavaggio NO SI Materiali recuperabili (cartacei, vetro, metalli, alluminio, plastica) SI NO Art 13 Piano di Lavoro e monitoraggio delle attività eseguite L Impresa appaltatrice si obbliga a: 1. presentare entro 10 giorni dalla data di Consegna dei Servizi, apposito Piano di lavoro contenente il Calendario di Programmazione delle singole attività da eseguire. I Piani di Lavoro dovranno essere esplicitamente approvati dal Comune, il quale si riserva di apportare tutte le modifiche che riterrà opportune. L Impresa dovrà successivamente attenersi ai singoli Piano di Lavoro e comunque dovrà comunicare con almeno due giorni di anticipo eventuali varianti concordate con il Comune di Casola di Napoli (esempio al percorso dei mezzi); 2. fornire, con cadenza mensile, all ufficio competente del Comune di Casola di Napoli apposito rendiconto dettagliato delle prestazioni svolte con i relativi formulari entro i 10 giorni successivi alla fine del mese di riferimento; 3. predisporre i documenti richiesti per la redazione del MUD annuale ai sensi della normativa vigente per conto del Comune di Casola di Napoli, con anticipo di giorni 30 sulla data di scadenza ufficiale di consegna; 4. redigere ogni documentazione utile all acquisizione di finanziamenti o provvidenze riconosciuti dalle norme vigenti secondo le forme più opportune e vantaggiose per il Comune di Casola di Napoli; 5. trasmettere al Comune di Casola di Napoli, entro 30 giorni dal termine di ciascun anno solare, apposita relazione sugli obiettivi raggiunti; 6. stendere, entro sei mesi dall aggiudicazione dell appalto, progetto bozza di ipotesi di passaggio da tassa a tariffa, laddove ancora previsto dalla normativa vigente, il cui costo non compreso nel canone annuo dell appalto, dovrà essere sottoposto a preventiva autorizzazione ed accettazione da parte dell Ente. Art 14 Personale impiegato con relativi requisiti minimali 1. L'impresa aggiudicataria dovrà osservare le disposizioni del C.C.N.L. FISE ASSOAMBIENTE, per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di nettezza urbana, smaltimento rifiuto, espurgo pozzi neri e simili e depurazione delle acque, relative al passaggio di gestione per scadenza di contratto di appalto; in particolare dovrà essere attuato il passaggio diretto e immediato del personale addetto ai servizi oggetto dell'appalto, dall'impresa cessante all'impresa subentrante, nel rispetto dell art. 6 del suddetto C.C.N.L. 14Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

15 2. Fermo restando l obbligo di cui al punto 1, la ditta appaltatrice dovrà garantire il seguente personale minimo per tutta la durata dell appalto: n. 6 (sei) addetti complessivi, a tempo pieno, comprensivo del personale dei servizi operativi indiretti, i servizi di coordinamento e generali. 3. Al personale impiegato dovranno essere applicate tutte le vigenti disposizioni di legge, contrattuali e regolamentari, sia per quanto riguarda il trattamento giuridico ed economico, che il trattamento assistenziale assicurativo, previdenziale, di sicurezza del lavoro, di prevenzione infortuni e di igiene sul lavoro. 4. E facoltà dell Ente appaltante utilizzare, senza alcun onere aggiuntivo tutto il personale impiegato nel presente appalto per fronteggiare eventi atmosferici verificatisi, (nevicate, allagamenti, ecc.) in sostituzione del servizio non eseguito allo stesso titolo. 5. Tutto il personale deve tenere un contegno corretto nei confronti degli utenti e dei gestori delle attività pubbliche e private. Sarà compito dell impresa aggiudicataria rendere edotto dei rischi specifici il proprio personale, elaborare un piano delle misure di sicurezza ed emanare disposizioni che dovranno essere adottate per garantire l'incolumità del proprio personale e di terzi. Tale Piano dovrà essere consegnato al Comune entro 30 giorni dalla data di consegna dei servizi. 6. Tutto il personale dipendente dell'impresa appaltatrice dovrà essere vestito in modo uniforme e decoroso, indossando gli abiti da lavoro conformi alle norme di sicurezza e al Codice Stradale; dovrà essere inoltre messa bene in vista una tessera con foto e nominativo ad identificazione del dipendente. 7. Per l espletamento dei servizi di cui al presente appalto, fermo restando l obbligo di assumere il personale addetto per i servizi oggetto dell appalto, l impresa appaltatrice dovrà comunque garantire a sua cura e spese il corretto e continuo svolgimento del servizio assumendo e mantenendo in forza altro personale, ove necessario. 8. L'impresa appaltatrice avrà l'obbligo di osservare e far osservare ai propri dipendenti, oltre alle norme specificate nel presente capitolato d'appalto tutte le disposizioni di cui alle leggi e ai regolamenti in vigore, comprese le norme regolamentari o le ordinanze municipali specie quelle riguardanti l'igiene e comunque aventi rapporto con i servizi d'appalto. 9. Nei casi di infrazione l'impresa appaltatrice è, comunque, sempre responsabile dell'operato dei propri dipendenti. 10. La ditta appaltatrice deve designare una persona con funzioni di Responsabile Unico della commessa da segnalare obbligatoriamente all Ente Appaltante. Il compito del Responsabile è quello di controllare e far osservare al personale impiegato le funzioni e gli incarichi stabiliti e verificare il rispetto dei Piani di Lavoro dei singoli servizi. Il Responsabile Unico dovrà essere sempre reperibile ed avere in dotazione un apparecchio ricerca persone (telefono cellulare o analogo). Art. 15 Automezzi impiegati con relativi requisiti minimali La Ditta appaltatrice dovrà disporre sia dal momento della Consegna dei Servizi, di tutti gli automezzi necessari per l espletamento dei singoli servizi. Il numero e la tipologia di automezzi dovrà essere tale da garantire la perfetta esecuzione nei modi e nei tempi previsti nel presente capitolato ed in ogni caso non potrà essere inferiore alla dotazione minima e con le caratteristiche come riportate nella seguente tabella: Automezzi Dotazione minima Riferimento al Servizio prevalente a cui è dedicato Autocompattatore 3 assi grande (18-25 m3) 1 A1/RR raccolta e trasporto RSU indifferenziati A2/VE.RD - raccolta e trasporto Vetro A3/LA.RD - raccolta e trasporto Lattine A4/PL.RD - raccolta e trasporto Plastica A5/C.RD - raccolta e trasporto Carta e Cartone B3/PM - raccolta e trasporto pulizia straordinaria B2/PV - raccolta e trasporto scarichi abusivi Autocompattatore 2 assi capacità 140 q 1 A6/O-RD raccolta e trasporto Organico Automezzo con vasca con alzavoltabidoni (tipo Gasolone) Minipazzatrice 1 2 A1/RR raccolta e trasporto RSU indifferenziati A2/VE.RD - raccolta e trasporto Vetro A3/LA.RD - raccolta e trasporto Lattine A4/PL.RD - raccolta e trasporto Plastica A5/C.RD - raccolta e trasporto Carta e Cartone A6/O-RD raccolta e trasporto Organico B3/PM - raccolta e trasporto pulizia straordinaria B2/PV - raccolta e trasporto scarichi abusivi B1/SP spezzamento meccanico B3/PM - raccolta e trasporto pulizia straordinaria 15Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

16 Automezzo tipo IVECO Daily con pianale 1 A7/RI-RD raccolta e trasporto Ingombranti A9/RAEE-RD raccolta e trasporto RAEE Motocarro tipo Ape 50 1 B1/SP spazzamento manuale Automezzo furgonato tipo Fiorino 1 Autobotte a tre assi con attrezzatura tipo Canal-jet - capacità minima l pompa ad alta pressione di almeno 200 bar 1 A8/RP-RD - Raccolta e trasporto Pile, Farmaci,ecc. B2/PV lavaggio strada C2/PC pulizia caditoie La Ditta appaltatrice, fin dalla data di Consegna del Servizio, dovrà dotarsi ed utilizzare automezzi, e relativi allestimenti, di moderna tecnologia ed in perfette condizioni di uso e manutenzione, nonché conformi alle vigenti disposizioni di legge. Gli automezzi, con relativi allestimenti, dovranno, durante l intera durata dell appalto, essere mantenuti in perfetta efficienza. E fatta salva la facoltà della Ditta appaltatrice, previa approvazione del Comune, di utilizzare mezzi meccanici diversi durante il periodo di appalto che, comunque, assicurino una migliore funzionalità dei servizi in appalto. E obbligo della Ditta appaltatrice comunicare all Ente appaltante l elenco dei mezzi con relative autorizzazioni ad espletare il servizio ed eventuali variazioni dei mezzi impiegati e l aggiornamento delle autorizzazioni nel rispetto delle norme vigenti. Dovranno essere rispettate in particolare le norme contenute nella circolare n. 172 del 13/07/1983 del Ministero dei Trasporti del Ministero dei trasporti e le norme standard Europee. UNI EN : Veicoli raccolta rifiuti e relativi dispositivi di sollevamento - Requisiti generali e di sicurezza - Parte 1: Veicoli raccolta rifiuti a caricamento posteriore. Parte 2: Veicoli raccolta rifiuti a caricamento laterale. Gli automezzi dovranno essere e mantenute in perfetto stato di efficienza tecnica ed estetica. In particolare dovranno essere rispondenti alle seguenti caratteristiche di massima: Tutte le parti di carrozzeria prive di ammaccature; Tutte le attrezzature revisionate ed in perfetto stato di efficienza; Tutti i dispositivi di sicurezza, previsti per le macchine operatrici, in perfetto stato di funzionamento. Per tutti gli automezzi dovrà essere fornita attestazione dell avvenuta revisione periodica, con esito regolare, da parte della M.C.T.C. oltre a valida attestazione di efficienza e regolarità delle attrezzature. Tutti gli automezzi utilizzati per i servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti dovranno essere inseriti nell iscrizione all Albo Nazionale delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti per le categorie e classi richieste della Ditta appaltatrice. In caso di integrazione del parco macchine effettuate a mezzo atto notorio protocollato presso l Albo Nazionale delle Imprese che effettuano la gestione dei rifiuti, occorre, prima di iniziare i servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti, fornire anche copia della perizia giurata consegnata all ente preposto ove si possano evincere i dati necessari per svolgere il servizio (targhe dei mezzi, tipologie dei rifiuti che possono con essi essere trasportati). Gli automezzi utilizzati per il prelievo dei rifiuti dovranno essere dotati di sistema alzavoltacontenitore idoneo a movimentare cassonetti compatibilmente con gli attacchi e con la diversa volumetria dei cassonetti installati. Il servizio non dovrà essere sospeso, neanche parzialmente, in caso di indisponibilità, seppur momentanea, di automezzi e attrezzature che eventualmente dovranno essere sostituiti con altri aventi analoghe caratteristiche. La ditta assuntrice dovrà disporre degli automezzi entro e non oltre sei mesi dalla data dalla data di aggiudicazione definitiva dell appalto. Gli automezzi ad impiego esclusivo nel cantiere di Casola Di Napoli, dovranno riportare sulle due fiancate la dicitura Comune di Casola Di Napoli Servizio raccolta differenziata RSU e igiene urbana - ditta.. Gli automezzi ad impiego parziale su più cantieri dovranno riportare sulle due fiancate le diciture dei cantieri in cui operano. Art. 16 Automezzi di proprietà del Comune Per l espletamento del servizio previsto nel presente capitolato l appaltatore potrà disporre degli automezzi di proprietà del Comune di Casola di Napoli dati in uso alla Ditta medesima, secondo una delle modalità previste dal codice della strada. In ogni caso preventivamente all utilizzo anche detti mezzi devono rientrare tra quelli autorizzati dall Albo Nazionale delle Imprese che effettuano la gestione dei rifiuti per le categorie, classi e tipologie per le quali vengono utilizzati. La Ditta potrà utilizzare le attrezzature per tale servizio, con il proprio personale, così come saranno a carico dell impresa gli oneri relativi al consumo di carburante, energia elettrica, alla manutenzione programmata e non programmata, ordinaria e straordinaria, ed eventuali danni arrecati per imperizia e negligenza, nonché tassa di possesso ed assicurazione totale degli stessi che dovrà prevedere anche il rischio di furto e incendio. La Ditta si impegna, in ogni caso, a garantire il servizio indipendentemente dalla funzionalità degli automezzi di proprietà del Comune forniti in uso alla Ditta. Al termine del periodo di validità del presente appalto, gli automezzi dovranno essere resi al Comune nello stato in cui si trovavano al momento della consegna, salvo il deperimento d uso. 16Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

17 A garanzia del rispetto di quest ultima clausola il Comune potrà rivalersi nei confronti dell appaltatore con il parziale utilizzo della cauzione definitiva di gara. Qualora non intendesse disporre dell uso dei sottoelencati automezzi, la ditta è tenuta a comunicarlo per iscritto dando le relative motivazioni tecniche. Automezzi Dotazione minima Automezzo con vasca con alzavoltabidoni (tipo Gasolone) Targa BR 639 SX e Targa DA 827 HK 2 Automezzo compattatore 3 assi Targa CD 019 EN 1 Totale 3 Nessun maggiore compenso sarà riconosciuto per l eventuale prestazione di analoghi automezzi da parte della ditta. Art. 17 Attrezzature impiegate La Ditta appaltatrice è obbligata ad impiegare specifiche attrezzature in numero minimo indicate nella tabella sottostante: Tipologia Attrezzatura Dotazione minima (n ) Contenitori pile 20 l 10 Contenitori farmaci 120 l 2 Contenitori T e/o F 120 l 5 Contenitori cartucce inchiostro/toner stampanti 1 Contenitori scarrabili da mc 30 1 Cassoni scarrabili con pressa 24 m3 1 Decespugliatore 1 La ditta dovrà prevedere la fornitura e la manutenzione a suo carico di attrezzature di nuova generazione. L approvvigionamento di tutte le attrezzature dovrà essere completato entro 60 giorni dall inizio del servizio. Le attrezzature dovranno, durante l intero arco di tempo di durata dell appalto, essere in perfetto stato di efficienza tecnica ed estetica. E fatta salva la facoltà della Ditta appaltatrice di utilizzare attrezzature diverse che, comunque, assicurino pari funzionalità dei servizi in appalto. Tali attrezzature (tutte o in parte) potranno, su scelta insindacabile dell Amministrazione appaltante, restare di proprietà del Comune di Casola di Napoli al termine dei cinque anni programmati per l appalto, senza alcun onere aggiuntivo a carico del Comune, in quanto il periodo relativo all ammortamento delle attrezzature è incluso all interno della durata dell appalto stesso. La manutenzione ordinaria e straordinaria delle attrezzature suindicate è a carico della ditta appaltatrice. La Ditta appaltatrice dovrà inderogabilmente garantire, per tutta la durata dell appalto: la sostituzione di contenitori, non più utilizzabili con altri nuovi dello stesso tipo, formato e volume, in modo tale da garantire l efficienza e l efficacia del servizio; l utilizzo su ogni contenitore di adesivi informativi riportanti le modalità di uso del contenitore ed il numero di identificazione dello stesso. La determinazione sulla sostituzione dei contenitori fatiscenti sarà presa dal Responsabile del Servizio del Comune. L Amministrazione si riserva la facoltà di apportare, previo accordo con la Ditta appaltatrice, variazioni alla collocazione dei contenitori. Art. 18 Obblighi e responsabilità della ditta appaltatrice 1. La gestione dei servizi oggetto del presente capitolato verrà effettuata dall appaltatore a proprio nome, per proprio conto ed a proprio rischio e pericolo, a mezzo di personale ed organizzazione propri. 2. L impresa appaltatrice in ogni caso si intenderà espressamente obbligata a tenere comunque sollevata ed indenne il Comune di Casola di Napoli da ogni qualsivoglia danno diretto ed indiretto che potesse comunque e da chiunque derivare in relazione ai servizi oggetto dell appalto, sollevando con ciò il Comune di Casola di Napoli ed i suoi obbligati da ogni e qualsiasi azione sia in via giudiziale che stragiudiziale da chicchessia instaurata. 3. L impresa appaltatrice, inoltre, risponderà interamente per ogni difetto dei mezzi ed attrezzature impiegati nell espletamento dei servizi, nonché dei conseguenti eventuali danni a persone o cose per 17Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

18 l intera durata dell appalto, sollevando il Comune di Casola di Napoli da ogni e qualsiasi responsabilità al riguardo. 4. L impresa appaltatrice, oltre all osservanza di tutte le norme specificate nel presente capitolato, avrà l obbligo di far osservare al proprio personale tutte le disposizioni conseguenti a leggi, regolamenti e decreti, siano essi nazionali o regionali, in vigore od emanati durante il periodo di appalto, comprese le norme regolamentari e le ordinanze municipali. 5. La Ditta Appaltatrice assume l obbligo di disporre di un Centro Servizi, comprendente la rimessa automezzi, magazzino ricambi e attrezzature, spogliatoi e servizi per i dipendenti a norma di legge. 6. L appalto sarà soggetto alle norme di legge applicabili al settore dei rifiuti e al Nuovo codice della strada. 7. In circostanze eccezionali, tali da richiedere provvedimenti particolari in difesa della salute pubblica, il Sindaco potrà emettere norme speciali relative al funzionamento dei servizi di igiene urbana a cui l appaltatore dovrà attenersi. 8. Tutte le comunicazioni inerenti al servizio di cui al presente articolo trasmesse dal Comune, si riterranno come intimate personalmente all appaltatore ed al suo legale rappresentante, qualora siano state notificate al personale preposto agli uffici dell impresa. 9. L impresa appaltatrice dovrà rendere noto il recapito a cui potranno essere indirizzate le comunicazioni urgenti che il Comune di Casola di Napoli intendesse trasmettere. 10. L impresa appaltatrice inoltre, se espressamente richiesto, dovrà presentarsi presso il competente ufficio del Comune di Casola di Napoli direttamente o a mezzo di un suo incaricato, per ricevere le comunicazioni che si rendessero necessarie ed opportune. Sarà cura dell impresa appaltatrice segnalare al Comune di Casola di Napoli il nominativo del referente incaricato di tenere i rapporti con il Comune di Casola di Napoli nonché, in caso di sostituzione, il nominativo del nuovo referente. Art. 19 Prescrizioni in materia di salute e sicurezza La ditta aggiudicataria dovrà svolgere le attività che sono oggetto dell appalto nel pieno rispetto di tutte le norme vigenti in materia di sicurezza, igiene del lavoro nonché di tutela ambientale. La ditta aggiudicataria è tenuta ad osservare le disposizioni emanate dalla ASL e da ogni altra autorità competente, in ordine alla dotazione di mezzi di protezione sanitaria ed igienica degli operatori e del personale in genere, alle modalità di esercizio delle attività ed ai necessari controlli sanitari. Art. 20 Documento di valutazione dei rischi Con il verbale di consegna la ditta aggiudicataria assume l onere completo a proprio carico di adottare, nell esecuzione di tutti i servizi, i procedimenti e le cautele necessarie per garantire la vita e la incolumità degli operai, delle persone addette ai servizi e dei terzi, nonché per evitare danni ai beni pubblici e privati. Sono equiparati tutti gli addetti ai lavori. Ogni più ampia responsabilità, in caso di infortuni, ricadrà per tanto sulla ditta aggiudicataria, restandone sollevata l Amministrazione indipendentemente dalla ragione a cui debba imputarsi l incidente. La ditta aggiudicataria rimane obbligato ad osservare e a fare osservare a tutto il personale e ad eventuali subappaltatori autorizzati, tutte le norme in materia antinfortunistica. La ditta aggiudicataria è inoltre obbligato al rispetto del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Entro 30 giorni dalla data del verbale di consegna la ditta aggiudicataria dovrà pertanto presentare la propria valutazione dei rischi con relativo piano operativo di sicurezza. Entro lo stesso termine, la ditta aggiudicataria dovrà redigere e consegnare all Amministrazione Comunale e alle Autorità Competenti di controllo, il piano delle misure per la sicurezza ed incolumità dei lavoratori. Entrambi i documenti (valutazione dei rischi e piani di sicurezza), qualora ritenuti lacunosi da parte dell Amministrazione Comunale devono essere aggiornati senza alcun maggior onere per il Comune. In caso di mancato adempimento dell obbligo innanzi indicato l Amministrazione potrà chiedere di risolvere il rapporto contrattuale. In ossequio a quanto previsto dal D. Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni, l Amministrazione Comunale avverte che nell esecuzione del servizio potrà rendersi necessario mettere a disposizione attrezzature di protezione individuale indicativamente per le seguenti tipologie di attività (elenco non esaustivo): - movimentazioni e stoccaggi; - manipolazione di prodotti acidi e alcalini, disinfettanti, detergenti corrosivi ed emulsioni; - manipolazione di oggetti con spigoli vivi; - lavori in cui è necessario accorgersi in tempo della presenza dei lavoratori. Quanto previsto nel presente articolo va esteso senza riserva alcuna e a completo carico della ditta aggiudicataria per tutti i prestatori d opera, nessuno escluso, siano essi artigiani, professionisti, od esecutore di opere a qualsiasi titolo e merito entro lo stesso luogo di lavoro. Il Piano di sicurezza forma parte integrante del contratto di appalto. Le gravi o ripetute violazioni del piano stesso da parte della ditta aggiudicataria, previa formale costituzione in mora dell interessata, costituiscono causa di risoluzione del contratto. 18Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

19 La ditta aggiudicataria dovrà inoltre seguire le normative e le circolari in vigore in relazione ai piani di sicurezza. Art. 21 Controlli La vigilanza sui servizi competerà al comune di Casola di Napoli per tutto il periodo di affidamento in appalto, con la più ampia facoltà e nei modi ritenuti più idonei, senza che ciò costituisca pregiudizio alcuno per i poteri spettanti per legge o regolamento in materia di raccolta, trasporto dei rifiuti solidi urbani, di igiene e sanità, di pulizia urbana, di circolazione e traffico, di igiene urbana. Il comune di Casola di Napoli potrà conseguentemente disporre in qualsiasi momento e a sua discrezione e giudizio l ispezione sugli automezzi, attrezzature, ecc. e su quant altro faccia parte dell organizzazione di servizi al fine di accertare l osservanza di tutte le norme stabilite dal presente capitolato, nonché di tutte quelle altre norme conseguenti vigenti o emanate in materia. In particolare si apporranno delle attività mirate all accertamento del rispetto di tutti gli adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. in capo alla società affidataria. Nel caso di riscontrate irregolarità, fatta salva e impregiudicata ogni maggiore azione diretta o provvedimento che possa competere al Comune di Casola di Napoli. L azione di controllo e vigilanza da parte del Comune di Casola di Napoli non implicherà per il Comune stesso alcuna responsabilità per quanto attiene al funzionamento e alla gestione dei servizi oggetto del presente capitolato; ogni qualsivoglia responsabilità rimarrà sempre ed esclusivamente a carico del concessionario. Art. 22 Penalità Per l inosservanza delle prescrizioni contenute nel presente capitolato che non costituiscano causa di decadenza previa contestazione scritta da parte del Comune di Casola di Napoli, sentite le motivazioni della ditta appaltatrice, potranno essere applicate le seguenti penalità: Per i casi di prestazione effettuata in ritardo ingiustificato è prevista l applicazione della penalità giornaliera P17. Per i casi di inadempienza sono previste le penalità da P1 a P16 di seguito indicate, oltre all eventuale deduzione contabile delle prestazioni non eseguite: RIF. INADEMPIENZA IMPORTO MAX PENALITA IN EURO P1 Mancata effettuazione di tutti i servizi del giorno 500 per ogni contestazione P2 Mancato rispetto della disponibilità degli automezzi e delle 250 per inadempienza attrezzature, nei tempi e modi definiti dal capitolato P3 Mancato rispetto della programmazione di esecuzione dei 100 per singola contestazione servizi (modalità organizzative e tempi di esecuzione) P4 Inadempienze nell esecuzione delle attività cui all art per ciascuna inadempienza P5 Mancata effettuazione del servizio di raccolta Rifiuti Urbani 250 per ogni contestazione Indifferenziati P6 Omessa raccolta rifiuti e pulizia dai mercati settimanali 150 per ogni contestazione P7 Omessa raccolta dei rifiuti ingombranti dal territorio 150 per ogni contestazione P8 Omessa effettuazione dei servizi straordinari richiesti 150 per ogni contestazione P9 Mancato svuotamento di ciascun cestino portarifiuti 10 per ogni cestino contestato P10 Mancato svuotamento di ciascun contenitore 50 per ogni elemento contestato P11 Incompleta effettuazione degli altri servizi 150 per singola contestazione P12 Mancato impiego delle divise aziendali 100 per ogni contestazione P13 Inadeguato stato di conservazione degli automezzi 150 per singola contestazione P14 Irregolarità di funzionamento del Call center (Ufficio Utenti) 150 per ogni contestazione P15 Mancata consegna di documentazione amministrativa 100 per ogni contestazione contabile (esempio report richiesti, formulari, MUD) P16 Altre inadempienze contrattuali non rientranti tra le 100 per singola inadempienza P17 precedenti Penalità per ritardi ingiustificati, rispetto al programma stabilito, non cumulabili con le precedenti relative soltanto ad omissioni od inadempienze. Penalità 25,00 per ogni giorno di ritardo applicata separatamente per ciascuna prestazione effettuata in ritardo. N.B. Alla ditta appaltatrice possono essere contestate contemporaneamente più infrazioni per un ammontare massimo che non può superare il 10% del corrispettivo mensile aggiornato con la deduzione delle prestazioni non eseguite in base ai prezzi unitari di cui all art. 34. La violazione degli obblighi contrattuali, rilevata con le modalità già indicate, sarà contestata alla ditta interessata per iscritto, anche a mezzo telefax, con l indicazione della penalità applicabile e con l invito a far pervenire, entro 7 giorni dalla ricezione, eventuali giustificazioni a discarico. La giustificazione, presentata 19Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

20 entro il temine indicato, potrà essere accolta con la revoca della contestazione, oppure respinta con la comminazione della penale, ad insindacabile giudizio del Comune di Casola di Napoli. In caso di mancata presentazione della giustificazione entro il termine indicato, sarà applicata dal Comune di Casola di Napoli la penale a carico della ditta senza ulteriori comunicazioni. Alla ditta sarà comunicato mensilmente un riepilogo delle penali irrogatele ed il relativo importo verrà trattenuto al primo pagamento utile successivo. Il contratto potrà essere risolto allorquando l inosservanza delle prescrizioni contrattuali da parte della ditta sarà considerata dal Comune di Casola di Napoli inadempienza grave, così come previsto. Art. 23 Recesso contrattuale Ai sensi dell art. 1373/2 comma del Codice Civile entrambe le parti possono recedere dal contratto, alla scadenza del 30 mese dalla data di consegna dei servizi, previa comunicazione scritta da inviarsi con lettera raccomandata almeno 3 mesi prima. Il recesso non ha effetto per le prestazioni già eseguite o in corso di svolgimento. Art. 24 Cauzione provvisoria e definitiva Le cauzioni dovranno essere prestate con le modalità stabilite dalle norme vigenti (art. 75 del D. Lgs. 163/2006). In ogni caso, in seguito all esito negativo derivato dall'accertamento di uno dei fatti di cui la cauzione sia a garanzia, l'importo dovrà essere esigibile a semplice richiesta del Comune, quest'ultima condizione dovrà essere espressamente indicata. La cauzione provvisoria per la partecipazione alla gara sarà pari al 2% del prezzo base dell'appalto. La cauzione definitiva sarà pari al 10% dell'importo contrattuale, ex art. 113 del D. Lgs. 163/2006. La cauzione definitiva è a garanzia dell'adempimento di tutte le obbligazioni nascenti dal contratto, del risarcimento dei danni derivanti dall'inadempimento delle obbligazioni stesse, del rimborso di somme eventualmente corrisposte in più dal Comune, nonché della tacitazione di crediti esposti da terzi verso l'appaltatore in relazione a lavori e/o forniture connessi con l'appalto, salva, in tutti i casi, ogni altra azione ove la cauzione non risultasse sufficiente. La cauzione dovrà essere ricostituita nella sua integrità nel termine di quindici giorni dal verificarsi dell'evento, ove per qualsiasi causa, l'importo della stessa scenda al di sotto di quanto previsto dal terzo comma del presente articolo. La cauzione verrà svincolata alla cessazione del rapporto contrattuale, previo accertamento del Comune circa la regolarità e il buon esito delle prestazioni oggetto dell'appalto. Resta però convenuto che, dopo la scadenza del contratto, la cauzione, ad insindacabile giudizio del Comune, potrà essere vincolata, in tutto o in parte, a garanzia dei diritti di eventuali creditori fino a quando l'appaltatore non avrà dimostrato di aver assolto ogni obbligo e tacitato ogni credito, e saranno, inoltre, pervenute le dichiarazioni liberatorie degli Istituti assicurativo - previdenziali. La ditta aggiudicataria dovrà inoltre presentare una polizza di assicurazione che copra i danni per il danneggiamento o la distruzione totale o parziale di impianti e opere, anche preesistenti, per la somma di Euro ,00 (unmilione cinquecentomila/00). Tale polizza deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all'eccezione di cui all'articolo 1957, comma 2, del codice civile, nonché l'operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta del Comune di Casola di Napoli; una polizza a copertura dei rischi di Responsabilità Civile verso Terzi (R.C.T.) e di Responsabilità Civile verso prestatori di lavoro (R.C.O.) per un massimale non inferiore a Euro ,00 (unmilionecinquecentomila/00). Tale polizza deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all'eccezione di cui all'articolo 1957, comma 2, del codice civile, nonché l'operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta del Comune di Casola di Napoli. Art. 25 Responsabilità verso terzi La ditta aggiudicataria sarà responsabile verso il Comune del buon andamento di tutti i servizi da essa assunti e della disciplina dei suoi dipendenti. La ditta aggiudicataria individuerà tra il proprio personale i referenti tecnici ed amministrativi incaricati di curare i rapporti con l Amministrazione Comunale. Tutti i rischi derivanti dalla esecuzione del servizio, da qualunque causa determinati, sono a carico dell Appaltatore che è obbligato a tenere indenne il Comune di Casola di Napoli da qualsiasi responsabilità conseguente. A tal fine l Appaltatore è tenuto a stipulare apposita polizza assicurativa a copertura dei rischi predetti ed a garanzia della conseguente responsabilità civile per danni a terzi, intendendosi per tali anche i dipendenti e comunque i collaboratori a qualsiasi titolo dell appaltatrice. La polizza, o eventuale appendice alla stessa, dovrà essere stipulata con compagnia assicuratrice di primaria importanza. La polizza, o eventuale sua appendice, dovrà, altresì, essere vincolata a favore del Comune di Casola di Napoli e riportare l impegno dell Assicuratore, esteso all intera durata dell appalto, a comunicare entro 10 giorni 20Capitolato Speciale d appalto: Servizi di igiene urbana, spazzamento, diserbo e pulizia caditoie

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO ELENCO DEI SERVIZI 1. RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI 2. RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI RESIDUALI 3. RACCOLTA STRADALE E TRASPORTO VETRO 4. RACCOLTA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo 1 Servizi in appalto I servizi oggetto dell appalto consistono nell espletamento, da parte dell appaltatore, secondo le modalità

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

Allegato B Modello Offerta economica. Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62

Allegato B Modello Offerta economica. Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62 Allegato B Modello Offerta economica Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62 Il/La sottoscritto/a Oggetto: Appalto dei servizi di igiene urbana per i Comuni di Vizzolo Predabissi

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SPECIFICA TECNICA SERVIZIO S1: Raccolta domiciliare e trasporto

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco Ordinanza n. 46 del 27 Maggio 2013 Oggetto: Modalità di gestione e conferimento Rifiuti Solidi Urbani.- IL SINDACO (In qualità di Autorità

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 2.464 Produzione RSU 2008 [t] 774 Numero famiglie 990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 269 Numero famiglie porta a porta/organico 870 Produzione

Dettagli

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 1 Premessa COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 PIANO FINANZIARIO - TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

C O M U N E D I V O L L A

C O M U N E D I V O L L A C O M U N E D I V O L L A P R O V I N C I A D I N A P O L I - IV SETTORE - Appalto: per il Servizio di spazzamento e raccolta differenziata integrata con il sistema porta a porta Piano industriale per

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI E DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO. MODIFICA ALL ARTICOLO 23 ESAME ED

Dettagli

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 Tabella B1/a Servizi a base di gara - Raccolte domiciliari e igiene urbana Costo unitario Unità di misura Quantità Unità di misura Costo totale annuo Costo

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA PER UN PERIODO DI 36 MESI CUP B49E10001760004 CIG 0557130E34

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA PER UN PERIODO DI 36 MESI CUP B49E10001760004 CIG 0557130E34 Comune di San Colombano al Lambro - Provincia di Milano Via Monti, 47-20078 San Colombano al Lambro Tel. 03712931 - fax 0371897965 E mail: protocollo@comune.sancolombanoallambro.mi.it WWW.comune.sancolombanoallambro.mi.it

Dettagli

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n.15

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n.15 OGGETTO: GESTIONE SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE PER MESI SEI RELAZIONE - QUADRO ECONOMICO - PLANIMETRIA; Premesso che il Comune di Santa Croce Camerina con deliberazione di Giunta Comunale n. 07 del 13/02/2015

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE PROVINCIA DI VARESE POLIZIA LOCALE ORDINANZA N 103 Venegono Superiore, 20 novembre 2009 Oggetto: Disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti. IL SINDACO Visto l art.

Dettagli

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111 SEGUE ALLEGATO N.2 ALLE PRESCRIZIONI DI GARA SCHEDA PREZZI ANNUALI SERVIZI IN APPALTO Servizi base Totale Cernobbio Maslianico Brienno Carate-Urio Laglio Moltrasio Servizio raccolta e trasporto all impianto

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA

D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA Sommario 1 - PREMESSA...2 2 ENTE APPALTANTE...2 3 LUOGO DI SVOLGIMENTO, DURATA E COSTO DELL APPALTO...2 4 DESCRIZIONE DEI SERVIZI AFFIDATI IN APPALTO...2

Dettagli

COMUNE DI FAULE SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI FAULE SCHEDA SERVIZI COMUNE DI FAULE SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 479 Produzione RSU 2008 [t] 164 Numero famiglie 220 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 15 Numero famiglie porta a porta 220 Produzione plastica (stradale)

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI IN USO AL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PRESSO LA SEDE DI VIA VITTORIO VENETO N.

Dettagli

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI Il Comune di Recanati è aderente al CO.SMA.RI. Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti di Tolentino, costituito ai sensi e per gli effetti dell art.25

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo Calendario 0 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano stampato su riciclata ottobre 0 Per informazioni Servizio Clienti Utenze non domestiche 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00

Dettagli

COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento)

COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento) COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento) Ordinanza n. 235 del 21/11/2014 Prot. n. 50795 del 21/11/2014 OGGETTO: Servizio di raccolta dei Rifiuti solidi urbani domestici nel centro urbano modifica ed integrazione

Dettagli

COMUNE DI ARESE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI ARESE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI ARESE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Approvato con Delibera

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Centro di Raccolta Rifiuti (stazione ecologica) I Centri sono luoghi a disposizione

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO COMUNE DI CERVESINA Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO Approvato con deliberazione C.C. n.7 del

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA N. D ORDINE REGISTRO DELLE ORDINANZE 125 DATA EMISSIONE 21/11/2014 SETTORE SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ECOLOGIA OGGETTO DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI

APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI COMUNE DI SENNORI PROVINCIA DI SASSARI APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI ANALISI ECONOMICA Responsabile dell Area Tecnica Dott. Ing. Pier Giovanni Melis Il

Dettagli

di cui prezzo unitario al netto del personale soggetto a ribasso 30,34 /km 69,66 /km 4,00 /km 8,00 /km

di cui prezzo unitario al netto del personale soggetto a ribasso 30,34 /km 69,66 /km 4,00 /km 8,00 /km Affidamento del Servizio di Raccolta e Trasporto dei Rifiuti Solidi Urbani e Rifiuti Assimilati da avviare a smaltimento/recupero, Raccolta Differenziata, Nettezza urbana e di ulteriori Servizi Accessori

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014 Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare nei Comuni di Bentivoglio, Castello d Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Pietro in Casale, San

Dettagli

Allegato C2 da copiare su carta intestata

Allegato C2 da copiare su carta intestata Spett. Comuni Associati di Bogliasco, Pieve Ligure e Sori Via Mazzini, 122 16031 Bogliasco GE Oggetto: procedura aperta per l affidamento dell appalto dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani,

Dettagli

COMUNE DI BARZIO CAPITOLATO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA STRADE, SVUOTAMENTO CESTINI E PULIZA TOMBINI CON MEZZO MECCANICO

COMUNE DI BARZIO CAPITOLATO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA STRADE, SVUOTAMENTO CESTINI E PULIZA TOMBINI CON MEZZO MECCANICO COMUNE DI BARZIO amministrativo CAPITOLATO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA STRADE, SVUOTAMENTO CESTINI E PULIZA TOMBINI CON MEZZO MECCANICO Il presente Capitolato disciplina i servizi di: Art. 1 OGGETTO

Dettagli

Calendario Raccolta Rifiuti

Calendario Raccolta Rifiuti P Comune di San Zeno di Montagna Provincia di Verona Calendario Raccolta Rifiuti Modalità e giorni di raccolta ECOman presenta La nuova guida per la raccolta differenziata porta a porta. Più vicino a te,

Dettagli

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione 1 ART. 1) OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola ecologica comunale denominata Arechi. In particolare il presente

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it Per informazioni Servizio Clienti 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00 alle.00, dalle.00 alle.00..00 da telefono cellulare chiamata apagamento, costi variabili in base all operatore e al profilo

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

COMUNE DI SIRONE Provincia di Lecco

COMUNE DI SIRONE Provincia di Lecco COMUNE DI SIRONE Provincia di Lecco BANDO DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI, DELLE FRAZIONI RECUPERABILI, DEI RIFIUTI ASSIMILATI E DI SPAZZAMENTO STRADE.

Dettagli

Servizio IGIENE AMBIENTALE CARTA DELLA QUALITA DI SERVIZI AMBIENTALI

Servizio IGIENE AMBIENTALE CARTA DELLA QUALITA DI SERVIZI AMBIENTALI Servizio IGIENE AMBIENTALE CARTA DELLA QUALITA DI SERVIZI AMBIENTALI Edizione N.3 Luglio 2008 INDICE PREMESSA pag. 3 PRESENTAZIONE DELL AZIENDA pag. 3 MINI DIZIONARIO DEI TERMINI AZIENDALI pag. 3 PRINCIPI

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta ! "! 1. Presentazione della società Cisterna Ambiente è l azienda partecipata dal Comune di Cisterna di Latina che gestisce nel territorio comunale i servizi ambientali e cioè la pulizia della città, la

Dettagli

COMUNE DI BARGE SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI BARGE SCHEDA SERVIZI COMUNE DI BARGE SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 7757 Produzione RSU 2008 [t] 2.200 Numero famiglie 4450 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 149 Numero famiglie Organico 4210 Produzione plastica

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli IL SINDACO. Oggetto: Nuove disposizioni per il conferimento deirifiuti - Modifica sistema sanzionatone.

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli IL SINDACO. Oggetto: Nuove disposizioni per il conferimento deirifiuti - Modifica sistema sanzionatone. COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli Ordinanza sindacale jtt **$' f- 104Z IL SINDACO Oggetto: Nuove disposizioni per il conferimento deirifiuti - Modifica sistema sanzionatone. Premesso che con ordinanza

Dettagli

La Carta dei Servizi è un documento

La Carta dei Servizi è un documento I PRINCIPI FONDAMENTALI Nell erogazione propri servizi AMA rispetta i seguenti principi conformi alla direttiva Ciampi del 27 gennaio 994: EGUAGLIANZA E IMPARZIALITÀ Garantire la parità di trattamento

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 151 del 27/12/2012 OGGETTO: APPALTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI,

Dettagli

GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI.

GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI. COMUNE DI ROBBIATE Provincia di Lecco GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 53 del 23/12/2015

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 5977 Produzione RSU 2008 [t] 1.761 Numero famiglie 4656 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 108 Numero famiglie Organico 2700 Produzione

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI A. Premessa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 413 del 03/12/2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA Approvato con Deliberazione C.C. n 33 del 14/07/2010 1 art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA Art. 1 - Oggetto del regolamento 1.1 Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina della gestione e dell'utilizzo dell'area opportunamente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI I NOSTRI PRINCIPI INTRODUZIONE

CARTA DEI SERVIZI I NOSTRI PRINCIPI INTRODUZIONE CARTA DEI SERVIZI INTRODUZIONE La Carta dei Servizi è il punto ideale di incontro tra ESA e il Cliente/Utente, una sorta di contratto in cui l'azienda, dichiarando le proprie attività ed obiettivi, si

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

Allegato di Piano 5 - Standard di qualità del servizio (lett. g bis dell articolo 9 comma 1 della l.r. 25/1998)

Allegato di Piano 5 - Standard di qualità del servizio (lett. g bis dell articolo 9 comma 1 della l.r. 25/1998) Allegato di Piano 5 - Standard di qualità del servizio (lett. g bis dell articolo 9 comma 1 della l.r. 25/1998) Sommario PREMESSA...3 1 STANDARD TECNICI...4 1.1 STANDARD AZIENDALI 4 1.2 STANDARD DEI SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI E SULLA CORRETTA SEPARAZIONE E CONFERIMENTO DELLE VARIE FRAZIONI DI RIFIUTO URBANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI E SULLA CORRETTA SEPARAZIONE E CONFERIMENTO DELLE VARIE FRAZIONI DI RIFIUTO URBANO COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo Via Arnosto n. 25 24030 Fuipiano Valle Imagna Tel. 035856134 - Fax 035866402 C. Fisc. 00542030168 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI

Dettagli

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti.

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti. CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE VIII Ambiente, Energia, Protezione Civile Via Mario Spadola, 56 Pal. Ex Consorzio Agrario - Tel. 0932 676436 Fax 0932 676438 - E-mail giulio.lettica@comune.ragusa.gov.it

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it Per informazioni Servizio Clienti 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00 alle.00, dalle.00 alle.00..00 da telefono cellulare chiamata apagamento, costi variabili in base all operatore e al profilo

Dettagli

SCHEDA TECNICA N 06 CANNERO. RACCOLTA DIFFERENZIATA RIFIUTI URBANI con PORTA a PORTA TRADIZIONALE Art. 2 Capitolato

SCHEDA TECNICA N 06 CANNERO. RACCOLTA DIFFERENZIATA RIFIUTI URBANI con PORTA a PORTA TRADIZIONALE Art. 2 Capitolato CANNERO RACCOLTA DIFFERENZIATA RIFIUTI URBANI con PORTA a PORTA TRADIZIONALE Art. 2 Capitolato Presso le frazioni di DONEGO ed OGGIO, il servizio si svolge con la metodologia a CASSONETTI STRADALI Servizio

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER 20.01.40. CAPITOLATO TECNICO

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER 20.01.40. CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 8 Art. 1 - Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto

Dettagli

COMUNE DI MONASTEROLO DI SAVIGLIANO

COMUNE DI MONASTEROLO DI SAVIGLIANO COMUNE DI MONASTEROLO DI SAVIGLIANO SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 1257 Produzione RSU 2008 [t] 340 Numero famiglie 595 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 44 Numero famiglie porta a porta 525

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NELL ATO-CT1 PIANO OPERATIVO DI GESTIONE

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NELL ATO-CT1 PIANO OPERATIVO DI GESTIONE IN LIQUIDAZIONE AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NELL ATO-CT1 PIANO OPERATIVO DI GESTIONE ALLEGATO N. 8 Giarre li 23/03/2011 IL DIRIGENTE SERVIZIO R.D. F.to Antonino Germanà IL DIRIGENTE SERVIZIO

Dettagli

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 Obbligo di conferire in modo differenziato i rifiuti urbani ed assimilati al pubblico servizio di raccolta nel centro cittadino e nei nuclei periferici-

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN AUTOSTRADA E RELATIVE PERTINENZE 2014-2017

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN AUTOSTRADA E RELATIVE PERTINENZE 2014-2017 S.p.A. Autovie Venete Concessionaria dell Autostrada Venezia Trieste con diramazi Palmanova Udine e Portogruaro Pordenone Conegliano Società soggetta all attività di direzione e coordinamento da parte

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

PROGETTO TECNICO GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA DEL COMUNE DI RAMACCA

PROGETTO TECNICO GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA DEL COMUNE DI RAMACCA ANNESSO 1 PROGETTO TECNICO GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA DEL COMUNE DI RAMACCA 1 PREMESSA.. pag 3 1. ELENCO DEI SERVIZI.. pag 9 2. RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI. pag 10 2.1 RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA (SEA) ART. 1 - FUNZIONE E DESTINATARI

Dettagli

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA CALENDARIO RACCOLTA RIFIUTI A DOMICILIO Il nuovo sistema di raccolta prevede un cambiamento del calendario settimanale di raccolta così organizzato: MARTEDI' 1 e 3 martedì

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE COMUNE DI SPELLO Provincia di Perugia REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE Approvato con deliberazione consiliare n. 9 del 14 marzo 2005 Modificato ed integrato con deliberazione consiliare

Dettagli

Servizio Clienti Utenze non domestiche 800.999.700. costi variabili in base all operatore e al profilo tariffario scelto

Servizio Clienti Utenze non domestiche 800.999.700. costi variabili in base all operatore e al profilo tariffario scelto Calendario Raccolta differenziata domiciliare nei Comuni di Bentivoglio,Castello d Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale stampato su riciclata www.ondecomunicazione.it

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

A.Am.P.S. S.p.A. Via dell artigianato 39b 57121 - Livorno

A.Am.P.S. S.p.A. Via dell artigianato 39b 57121 - Livorno A.Am.P.S. S.p.A. Via dell artigianato 39b 57121 - Livorno RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA PER IL SERVIZIO di spazzamento manuale, meccanizzato, diserbo, rimozione foglie, pulizia spiagge e servizi opzionali

Dettagli

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO TRASPORTI

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO TRASPORTI Pagina 2 di 5 TRASPORTI 27 Viaggi RSI art. 28 viaggi viaggi 116 28 Viaggi Imballaggi materiali misti art. 28 viaggi viaggi 17 29 Viaggi RPS art. 28 viaggi viaggi 32 30 Viaggi plastica art. 28 viaggi viaggi

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

La raccolta del SECCO NON RICICLABILE

La raccolta del SECCO NON RICICLABILE Comune di Teolo Cittadella, 1 febbraio 2015 Oggetto: Secco, vetro, carta e cartone, umido e verde negli appositi contenitori Gentile Cittadino, dal 1 giugno 2015 i rifiuti secco non riciclabile, vetro,

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

COMUNE DI FABRICA DI ROMA

COMUNE DI FABRICA DI ROMA COMUNE DI FABRICA DI ROMA (Provincia di Viterbo) UFFICIO TECNICO APPALTO DEI SERVIZI INTEGRATI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA E TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI DISCIPLINARE TECNICO SINDACO Mario Scarnati Progetto

Dettagli

Centri di Raccolta Rifiuti (stazioni ecologiche)

Centri di Raccolta Rifiuti (stazioni ecologiche) Calendario Raccolta differenziata domiciliare nei Comuni di Bentivoglio,Castello d Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale Centri di Raccolta Rifiuti (stazioni ecologiche)

Dettagli

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale marca da bollo 16,00 Pagina 1 di 5 OFFERTA ECONOMICA Gara del / / LISTA A n prog. PRESTAZIONI d'appalto manodopera Importo totale compreso costi per la manodopera PRESTAZIONI E/O SERVIZI 1 3 4 5 Svuotamento

Dettagli

Città di Portici Provincia di Napoli

Città di Portici Provincia di Napoli CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEGLI OLII ESAUSTI DI ORIGINE DOMESTICA CLASSIFICATI CON IL C.E.R. 20.01.25 (OLI E GRASSI COMMESTIBILI) ART. 1 NATURA E OGGETTO DEL SERVIZIO

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli