Emotional Design: Il ruolo del Design nello sviluppo di prodotti innovativi ed emozionali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emotional Design: Il ruolo del Design nello sviluppo di prodotti innovativi ed emozionali"

Transcript

1 U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e MASTER DANIELI Dipartimento di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Emotional Design: Il ruolo del Design nello sviluppo di prodotti innovativi ed emozionali Ing. Gianluca Biotto - Udine, 19 marzo

2 Sommario Obiettivi della presentazione Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 2

3 Sommario Obiettivi della presentazione Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 3

4 Obiettivi della presentazione Stato dell arte del Design e dell Emotional Design Strumenti e Metodologie per la valutazione dell impatto emotivo del prodotto Mappatura delle filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi delle aree dell Emotional Design e delle filosofie di strutturazione del prodotto Definizione dell innovazione emotional-driven 4

5 Sommario Obiettivi della presentazione Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 5

6 Libri: Classificazione per argomento Argomento Design Design thinking - creatività Sviluppo prodotto Innovazione Marketing Teoria delle emozioni Emotional design Totali Italiani Stranieri non tradotti Totale Stranieri Totale Stranieri Stranieri tradotti Totali

7 Articoli: Classificazione per argomento CLASSE Design Emotional Design ARGOMENTO Design & Management, Esempi, Storia Design process Design Thinking/ Creativity Innovation Design Totale Esempi e casi studio Filosofie di strutturazione del prodotto Metodologie valutazione impatto emotivo Metodologie valutazione impatto emotivo (Kansei engineering) Prodotto/Brand/Assets Strumenti valutazione impatto emotivo Teoria delle emozioni Emotional Design Totale Totale complessivo TOTALI

8 Sommario Obiettivi della tesi Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 8

9 Design: una definizione Il design è il processo attraverso il quale un informazione (un idea) è trasformata in un output sia tangibile (prodotto) che intangibile (servizio). Von Stamm,

10 Design 10

11 Design Process problem solving Gestione processo Output Sviluppo prodotto Product Design Classificazione Context Mercato Mercato Ruolo competitivo e strategico 11 Bruno (1999) Munari (1981) Kelly IDEO (2001) Ulrich e Eppinger (2001) Urban e Hauser (1998) Finizio (2002) Borja de Mozota e Veryzer (2005) Von Stamm (2003) Badgett; Bowen er al. (2002) Peks, Cooper, Jones (2005) Carey, Vogel et al. (2003) Summer e Jones (2002) Trabucco, Mangiarotti et al. (2005) Rampino (2004) De Fusco (2005)/ Kamaike (2003)/ Riccò (1999) Bettiol e Micelli (2005) Kotler (2003) Ambiti del Design Autori Argomenti Engine Design Process Product Design

12 Punti di vista di analisi del Design Dal pdv del prodotto classificazione Dal pdv del processo Elaborato da Keen (1997) 12

13 Approcci al Design process elaborata da Lerdahl (2001) 13

14 Il design process dal pdv micro e macro [T. M. Kasel, 1997 in R. Anders, 2002] 14

15 Il Designer Purtroppo molte aziende concepiscono ancora una figura di designer con compiti paragonabili a quelli di un semplice disegnatore del prodotto, tralasciando così tutto quel processo di conoscenza della realtà esterna ed interna all'azienda necessario per sviluppare un prodotto che riesce a "vivere" sul mercato. D. Bruno (1999) 15

16 Le aree del Design Process Modificato da Walker (1999) 16

17 Il Design Process in IDEO 17

18 Il Design in IDEO 18

19 Il Design secondo Bruno Munari (1) Che cos è un problema Problema Definizione del problema Componenti del problema Raccolta di dati Analisi dei dati Bruno Munari [ Da cosa nasce cosa, 1981 pag.35-63] Il problema non si risolve da solo ma contiene però tutti gli elementi per la sua soluzione, occorre conoscerli e utilizzarli nel progetto di soluzione. servirà a definire i limiti entro i quali il progettista dovrà operare. Qualunque sia il problema lo si può smontare nelle sue componenti. Questa operazione facilita la progettazione perché tende a individuare i piccoli singoli problemi che si nascondono nei sottoproblemi. Ogni sottoproblema ha una sua soluzione ottimale che però può contrastare con le altre. La parte più ardua del lavoro del designer sarà quella di conciliare le varie soluzioni con il progetto globale. La soluzione del problema generale sta nel coordinamento creativo delle soluzioni dei sottoproblemi. 19

20 Il Design secondo Bruno Munari (2) Che cos è un problema Creatività Bruno Munari [ Da cosa nasce cosa, 1981 pag.35-63] -Sarà appunto la creatività a sostituire l'idea intuitiva, ancora legata al modo artistico-romantico di risolvere un problema. Mentre l'idea, legata alla fantasia, può proporre soluzioni anche irrealizzabili per ragioni tecniche o materiche, oppure economiche, la creatività si mantiene nei limiti del problema, limiti che risultano dall'analisi dei dati e dei sottoproblemi. -Mentre l'idea è qualcosa che dovrebbe fornire la soluzione bella e pronta, la creatività tiene conto, prima di decidere per una soluzione, di tutte le operazioni necessarie che seguono l'analisi dei dati. Materiali tecnologia Sperimentazione -piccola raccolta di dati relativi ai materiali e alle tecnologie che il designer ha a sua disposizione in quel momento per realizzare il suo progetto -la creatività compie delle sperimentazioni sia sui materiali sia sugli strumenti, per avere ancora altri dati con i quali stabilire relazioni utili al progetto. 20

21 Il Design secondo Bruno Munari (3) Che cos è un problema Modelli Verifica Bruno Munari [ Da cosa nasce cosa, 1981 pag.35-63] Dalla sperimentazione possono nascere dei modelli, realizzati per dimostrare delle possibilità materiche o tecniche da usare nel progetto. Questi modelli dovranno necessariamente avere delle verifiche di ogni tipo per controllarne la validità. Disegni costruttivi Soluzione occorre anche definire il tipo di soluzione che si vuole raggiungere: una soluzione provvisoria oppure una soluzione definitiva, una soluzione puramente commerciale, una soluzione che duri nel tempo (fuori dalle mode che impongono un certo gusto in quel momento), una soluzione tecnicamente sofisticata o una soluzione semplice ed economica. 21

22 Il Design leader nel Processo di sviluppo di nuovi prodotti Fonte: Von Stamm (2003) 22

23 Il Design e la mass customization (1) Strategie push-pull: 23

24 Il Design e la mass customization (2) Il Design e la spirale della personalizzazione di massa (adattato da Valdani, 1995) 24

25 Evoluzione del Design Emotional Design Piacere Usabilità Funzionalità Mazda Motor Co. La gerarchia di consumer need (Jordan 2000) 25

26 Sommario Obiettivi della presentazione Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 26

27 Emotional Design: temi sviluppati Definizione Aree Emotional Design Strumenti e metodologie di valutazione dell impatto emotivo Filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi dell Emotional Design Innovazione Emotional-Driven 27

28 Emotional Design: una definizione Catturare i bisogni soggettivi ed emozionali dei consumatori ed incorporarli nel processo di design. (Progetto Europeo ENGAGE Engineering Emotional Design) Fonte: rielaborato da Abbate e Ferrero (2003) 28

29 Funzioni dell'emisfero sinistro Verbali: uso di parole per descrivere e definire. Analitiche: soluzione dei problemi per gradi affrontando un aspetto per volta. Simboliche: uso di simboli rappresentativi. Astratte: estrapolazione di un dato parziale utilizzandolo per rappresentare l'oggetto intero. Temporali: senso del tempo, applicazione di un ordine successivo alle azioni, agli oggetti ecc.. Razionali: formulazione di conclusioni in base a premesse e fatti. Computistiche: uso dei numeri come nella computazione. Logiche: formulazione di conclusioni in base alla logica, elaborazione di ordini successivi di tipo logico e matematico. Lineari: pensiero basato su idee collegate 29

30 Funzioni dell'emisfero destro Non-verbali: consapevolezza delle cose senza il minimo ricorso alle parole. Sintetiche: unione degli elementi di una situazione fino a formare un tutto. Concrete: considerazione delle cose così come sono al momento presente. Analogiche: percezione delle somiglianze tra oggetti, comprensione dei rapporti basati sulla metafora. Atemporali: mancanza del senso del tempo. Non razionali: mancanza della necessità di premesse e fatti, disponibilità a sospendere il giudizio. Spaziali: osservazione della collocazione degli oggetti rispetto ad altri oggetti e delle parti rispetto all'insieme. Intuitive: momenti illuminanti, di improvvisa comprensione delle cose, spesso in base a schemi incompleti, impressioni, sensazioni o immagini visive. Globali: visione contemporanea di tutti gli aspetti di un oggetto o fatto, percezione di schemi o strutture al completo, spesso orientate verso conclusioni divergenti. 30

31 L effetto iceberg Fonte: Abbate e Ferrero (2003) 31

32 L effetto iceberg (2) 32

33 L effetto iceberg (3) 33

34 L effetto iceberg (4) 34

35 L effetto iceberg (5) 35

36 Le sfide dell Emotional Design (1) Why would some people pay over $100 for a teakettle when the job can be performed just as efficiently and satisfactory with one that costs only $20? So, what makes Mr. Grave's design so special?... "It makes me smile," said one user. Apparently she is not alone. How many of you thought - even remotely that "makes me smile" could be a customer demanded product requirement for a teakettle design?. [QFD Institute, 2005]. 36

37 Le sfide dell Emotional Design (2) 37

38 Le emozioni 38

39 Le emozioni Sistemi di reazione coordinati comprendenti: La valutazione degli stimoli I mutamenti fisiologici Le risposte comportamentali Le risonanze affettive Le risonanze cognitive 39

40 Natura delle emozioni: Fisiologica (aumento del tasso del battito cardiaco) Espressiva (espressione facciale) Sperimentale (sensibilità soggettiva che la persona può riconoscere e descrivere) Comportamentale (per esempio, battere il piede per la frustrazione) 40

41 Definizione di emozione L emozione può essere definita come la catena di eventi che si innescano tra uno stimolo scatenante (input) e l esecuzione del comportamento elaborato come risposta (output) [Gallucci, 2006] 41

42 Livelli di risposta emozionale Psicologico Esperienza verbale: mi è piaciuta Comportamentale Azione: espressioni motorie, cambiamenti postura, espressione facciale Fisiologico Modificazioni fisiologiche 42

43 Le emozioni primarie Sono universali e innate, nascono spontaneamente e durano qualche secondo per volta Gioia, sofferenza, rabbia, paura, sorpresa, disgusto (felicità e tristezza sono considerate stati d animo) 43

44 Le emozioni cognitive superiori Sono universali, ma maggiormente influenzate dall ambiente culturale Amore, senso di colpa, vergogna, imbarazzo, orgoglio, invidia e gelosia. 44

45 La teoria di Izard (1) 10 emozioni primarie (tristezza, gioia, sorpresa, sconforto, rabbia, disgusto, disprezzo, paura, vergogna, senso di colpa) Le altre sono una combinazione di due o più emozioni primarie. 45

46 La teoria di Izard (2) Tre interazioni della persona con l ambiente: Percezione ottenuta Percezione richiesta Percezione spontanea Cinque processi interpersonali: Memoria (ottenuta, richiesta o spontanea) Immaginazione Attività motoria facciale-posturale o altro Sistema endocrino Attività spontanea dei sistemi neuromuscolari 46

47 La teoria di Plutchik (1980) Le emozioni variano in intensità e nel grado di somiglianza reciproca e presentano un carattere bipolare 8 emozioni fondamentali 47

48 Il sistema che regola la formazione delle emozioni Collettiva Personale Identità Memoria Attenzione Emozioni [Gallucci, 2006] Informazioni Esperienze Luoghi Stimoli 48

49 Il quadro di sintesi di Franklin Psicologia Top-down Intelligenza Artificiale Analitico Mente Sintetico Neuroscienze Bottom-up Meccanismi della mente 49

50 Il modello di LeDoux Via alta Corteccia Cerebrale Memoria dichiarativa Talamo sensorio Via bassa Amigdala Memoria emotiva Stimolo emotivo Reazioni emotive 50

51 Sistemi sensoriali e Sinestesie [Riccò, 1999] 51

52 Emotional Design: temi sviluppati Definizione Aree Emotional Design Strumenti e metodologie di valutazione dell impatto emotivo Filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi dell Emotional Design Innovazione Emotional-Driven 52

53 Il rapporto Emozione - Prodotto E P Mi servo di una emozione per progettare un prodotto P E Un prodotto genera una emozione P E Il prodotto viene arricchito con una componente emozionale P E Il prodotto ha proprie emozioni 53

54 Livelli di analisi nell Emotional Design (1) Contesto Valori - Cultura 54 Oliverio ( ) Galloni, Mangiarotti et al. (2005) Sheth, Newman, Bross (1991) Autori Gobé (2001) Abbate e Ferrero (2003) Molotoch (2005) Damasio (1995) Goleman (2001) Tedeschi (2000) Eminente (1991) Brunswick (1952) Valdani (1995) Tematiche Utente Prodotto Azienda Neuroscienze - Teoria emozioni Decision making Dimensioni Qualità Brand Livello di analisi

55 Livelli di analisi nell Emotional Design (2) Autori Prodotto Dimensioni 55 Underhill (2004) Finizio (2002) Wimmer (1990) Postrel (2004) Dewey (1995) Riccò (1999) Luce, Bettman, Payne (2001) Schiffman, Kanuk (1991) Codeluppi (2001) De Fusco (2005) Verganti et al. (2002) Tematiche Neuroscienze - Teoria emozioni Utente Azienda Decision making Qualità Brand Livello di analisi Contesto Valori - Cultura

56 Aree dell Emotional Design Analisi Emozionale Utente Emotional User Background Livello di analisi Prodotto Azienda Emotional Product Design Emotional Branding EMOTIONAL DESIGN Contesto Emotional Assets 56

57 Aree dell Emotional Design: contributi principali Autore Anno Contributi Principali Focus Rapporti Emozione-Prodotto Emotional Design Emotional Product Design Emotional Branding Emotional Assets Jordan Desmet Norman Gobé Abbate e Ferrero Progettare un prodotto emozionale tenendo conto delle percezioni e delle emozioni del consumatore Costruire relazioni ed esperienze con il consumatore La psicolinguistica per l analisi della Cultura analogica ed emotiva P E E P P E Affective Computing Picard 2001 Studi del MIT sull emozione applicata alla robotica P E 57

58 L Emotional Branding 1 - Emotional Branding is the conduit by which people connect subliminally with companies and their products in an emotionally profound way. [...]. This strategy works because we all respond emotionally to our life experiences and we naturally project emotional values onto the objects around us. M. Gobé, (2001). 58

59 L Emotional Branding 2-59

60 L Emotional Branding 3-1. Il consumatore acquista, le persone vivono. 2. I prodotti soddisfano bisogni, le esperienze desideri. 3. L onestà è attesa, la fiducia va meritata. 4. La qualità per il giusto prezzo oggigiorno è data per scontata, la preferenza crea le vendite. 5. Essere noti non implica essere amati!. M. Gobé, (2001). 60

61 L Emotional Branding 4-6. L identità è riconoscimento. La personalità ha a che fare con il carattere ed il carisma!. 7. La funzionalità di un prodotto è relativa solo a qualità concrete o superficiali. Il design sensoriale è relativo all esperienza. 8. L ubiquità viene vista. La presenza emozionale è sentita. 9. La comunicazione è raccontare. Il dialogo è condividere. 10. Il servizio è vendere. La relazione è riconoscere. M. Gobé, (2001). 61

62 Emotional Assets 1 - La Psicolinguistica è una metodologia di ricerca indirizzata allo studio dei codici di linguaggio collettivo (visivo, auditivo - parlato e musicale - tattile, gustativo, olfattivo). In particolare, l'obiettivo prioritario è quello di capire la relazione tra significato comune e significante, cioè i codici profondi del linguaggio. Abbate e Ferrero (2003). 62

63 Emotional Assets 2 - Fonte: Abbate e Ferrero (2003) 63

64 Emotional Assets 3 - Automatismi emotivi collettivi del consumatore: Pensiero contiguo Pensiero proiettivo Pensiero incompiuto Pensiero estremo 64

65 Emotional Assets 4 - Pensiero contiguo 65

66 Emotional Assets 5 - Pensiero proiettivo 66

67 Emotional Assets 6 - Pensiero incompiuto 67

68 Emotional Assets 7 - Pensiero estremo 68

69 Emotional Design: temi sviluppati Definizione Aree Emotional Design Strumenti e metodologie di valutazione dell impatto emotivo Filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi dell Emotional Design Innovazione Emotional-Driven 69

70 Valutazione dell impatto emotivo PRODOTTO METODOLOGIE UTENTE IMPATTO EMOTIVO ANALISI DATI RACCOLTA DATI STRUMENTI 70

71 Strumenti di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (1) Strumenti individuati Ambiti d uso Risorse richieste Coinvolgimento Consumatore capire le persone evidenziare quali benefit sono ricercati in un prodotto come tradurre questi desiderata in proprietà formali valutare i design concept valutare l'impatto emotivo tempo impegno abilità uso metodo mezzi e attrezzature costo Non richiesto 1 2 Expert appraisal Property checklists x x x xx x xx x x x x x x x x xxxx xxxx x x x x 3 Immersion xxx xxx xxx xxx xxx x xx xxxx x x 4 Private camera conversation xxx xxx xx xxx xxx xxxx xx xx xx xxx 5 Experience diares xxxx xxx xx xxx xxx xxx xxx x x x Passivo 6 7 Questionnaires Field observations xxx xxxxx xxx xxx xxx x xxx xxxxx xx xxxx xxx xxx xxx xx xxx xxx xx xx xx xxx 8 Real People xx xxxx xxx xxxx xxx xx x x x x 9 Controlled observation xxx xxx xx xxx xxx xxx xxx xxxx xxxx xxx 71

72 Strumenti di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (2) Strumenti individuati Ambiti d uso Risorse richieste Coinvolgimento Consumatore capire le persone evidenziare quali benefit sono ricercati in un prodotto come tradurre questi desiderata in proprietà formali valutare i design concept valutare l'impatto emotivo tempo impegno abilità uso metodo mezzi e attrezzature costo 11 Think aloud protocols xxxxx xxxx xx xxx xxx xx xx x x x Interattivo One to one Reaction checklists Interviews Laddering Product personality profiling SHIRA Focus groups xxx xxxxx xxxx xxx xxx xxxx xxx xxxx xxxx xx xx xxxx x xx xxx x xxx xx xxx xxxx xxxx xxx xxx xxx xxx xxx xxxx xxxx xx xx x xx xxx xxx xxx xx x xxx xxx xxx xxx xx x xxx xxx xx xx xxxx x xx x xx x x x xxx x xx xx xx A gruppi Co-discovery Participative creation Mood boards xxx xxxx xxx xxx xxxx xxx xx xxxx x xx xxx xx xx xxx xxxx xx xxx xxx x xxx xxxx x xxx xxx x x xxx x xx xx 21 Nominal group technique xx xxxx xx xxx x xxx xxx xxx x xx 72

73 Strumenti di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (3) Non verbali: Elettromiografico (EMG) Temperatura cutanea (TEMP) Resistenza cutanea (GSR) Frequenza cardiaca (HRV) Elettroencefalografico (EEG) L Eye-tracking 73

74 Metodologie di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (1) Metodologie Conjoint Analysis QFD Kano Survey RGA ZMET Kansei Engineering SEQUAM Attività Processo di Sviluppo Prodotto Generazione idea nuovo prodotto Selezione idea Studio di mercato per lo svilppo del concept Market Identification positioning, marketing strategy specification Analisi business-finanziaria Sviluppo prodotto Test del prodotto Previsione volumi di vendita () () 74

75 Metodologie di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (2) Metodologie Conjoint Analysis QFD Kano Survey RGA ZMET Kansei Engineering SEQUAM Misurazione Impatto emotivo Esplicitazione Trasferimento nel design del prodotto In modo implicito In minima parte Se ne tiene conto In minima parte Segnala solo le caratteristiche attractive Solo indicazioni generali Solo indicazioni generali 75

76 Metodologia Kansei Engineering Vantaggi/Limiti 76 Liu (2003) Hiort (2004) Jordan (2000) Definizione Perché applicarla Storia/Evoluzione Tipi di KE Come si applica Esempi e casi studio Confronto con altre metodologie Nagamachi et al. (1995) Lee et al. (2000) Schutte e Eklund (2004), Schutte (2002, 2005) JSKE (2004) Guerin (2004), QFD Institute (2005) Childs et al.(2003) Mazda Motor Co.(2005) Nakada (1997) Spillers (2004) Lindberg (2004) Such (2005) Bouchard et al.(2003) Axelsson (2001) Autori Argomento Trattato

77 Cosa vuol dire Kansei (1) Kansei is an individual s subjective impression from a certain artefact, environment or situation using all the senses of sight, hearing, feeling, smell, taste as well as recognition [Nagamachi, 2001] is a word which inclusively involves the meaning of words such as sensitivity, sense, sensibility, feeling, aesthetics, emotion, affection and intuition [Harada et al., 2000]. 77

78 Cosa vuol dire Kansei (2) Kansei is the integrated functions of the mind, and various functions exist in during receiving and sending. Filtering, acquiring information, estimating, recognizing, modeling,making relationship, producing, giving information, presenting and etc. are the contents of Kansei. [Japan Society of Kansei Engineering (JSKE) ]. 78

79 Etimologia del termine Kansei [Harada et al., 2000]. 79

80 Kansei vs Chisei [Schütte, 2005]. 80

81 Il KE in sintesi a technology for translating human feelings into a product design. [M. Nagamachi et al., 1995]. Il Kansei Engineering in sintesi Schütte, 2005 adattato da Nagamachi 1989] 81

82 Campo d indagine del KE Il campo d indagine del Kansei Engineering viene diviso in tre parti principali: Sensory Engineering which is a product design support evaluating short term emotions, Kansei product technology, focusing on medium term reactions Kansei culture, society and philosophy focusing on taste and sentiment over the long term. Shimizu e al. (2004) 82

83 Perché applicare il KE? (1) 83

84 Perché applicare il KE? (2) 84

85 Kansei Value vs Use Value Fujita e Nishikawa (2001) 85

86 KE focus..., with Kansei Engineering, the focus is not on direct measures such as performance and quality achievements but rather the intangible virtues such as pleasure, beauty, and emotional attachment. [Mazda M-5 program manager Takao Kijima, 2005]. 86

87 Il KE come metodologia di sviluppo prodotto Kansei Engineering is not only a useful tool for helping designers understand customers, but also a Company s powerful weapon to forsee marketing opportunity and creating user experience [Nagamachi, 1999]. 87

88 Il vantaggio del Ke Eventually many customers make their final decision unconsciously based on rather subjective factors. They purchase the product, which feels better, and are often unable to explain why. Taking this feeling into account already in the design process can give a substantial selling advantage [Söderlund, 2003]. 88

89 La firma emozionale del prodotto If Kansei Engineering s purpose is to organize design requirements around the emotions that embody user expectations and interaction, then emotion can meaningfully be treated as a design tool. The kansei can be considered the emotional signature of a product. [F. Spillers, 2004] 89

90 Evoluzione dell emotional design [Childs et al., 2003] 90

91 Le tre macro-fasi del processo KE Il Prof. Nagamachi ha sviluppato tre stadi del processo KE ciascuno con sotto-elementi e varianti : 1. La raccolta dei dati 2. L analisi dei dati. 3. La sintesi 91

92 Tipi di KE KE Type I- Category Classification KE Type II- Kansei Engineering System KE Type III- Hybrid Kansei Engineering System KE Type IV- Kansei Engineering Modelling KE Type V- Virtual Kansei Engineering KE Type VI- Collaborative Kansei Engineering Designing 92

93 KE Type I: KANSEI CATEGORY CLASSIFICATION SYSTEM. 93

94 KE Type II- Kansei Engineering System 94

95 KE Type III- Hybrid Kansei Engineering System from context to design 'from design to diagnosis Hybrid KES [Nagamachi 1997] 95

96 KE Type III: Dual mapping model [M. Kitajima, K. Don-Han, 1998] 96

97 KE Type IV- Kansei Engineering Modelling The kansei mathematical model is a system with mathematical structure which is able to deal with the kansei and to predict phenomena according to kansei assumptions. [Nagamachi 2002] Sanyo desired to make a unique sophisticated color copy machine and attempted to utilize kansei engineering. The project team evaluated the attributes of beautiful and healthy faces using semantic differential scales, and discovered that a limited set of hue, brightness and saturation of a limited area were able to predict people s reactions to a beautiful copy. The hue, brightness and saturation were expressed by fuzzy logic and the team constructed a fuzzy model, which was implemented as an intelligent color copy machine, a unique kansei engineering activity (Fukushima et al., 1995). 97

98 KE Type V- Virtual Kansei Engineering [Nagamachi 2002] 98

99 KE Type VI- Collaborative Kansei Engineering Designing [Nagamachi 2002] 99

100 KE Process [Schutte 2002] 100

101 Mappatura e raccolta dati nel KE Metodi manuali : Diagrammi di affinità Scelte dei designer Interviste Raccolta dati Metodi statistici a supporto: Factor Analysis Cluster Analysis 101

102 Sintesi dati raccolti nel KE Metodi manuali : Category Identification Metodi statistici: Linear Regression Quantification Theory I- IV Neural Networks Genetic Algorithm Rough Set Analysis 102

103 Test di validità Test: t-test Kolmogorow-Smirnov test Check visivo della distribuzione 103

104 Scale e statistiche permesse [QFD Institute] 104

105 Quali metodi statistici per quali tipi di variabili [QFD Institute] 105

106 Le Quantification Theories di Hayashi Quantification Theory Type I Quantification Theory Type II Quantification Theory Type III Quantification Theory Type IV [Tanaka, 1979] 106

107 Quantification Theory I Yi è il valore osservato per la variabile dipendente (il valore semantico differenziale di una parola Kansei). bjk coefficiente di regressione (category score) per l attributo (item) j con la variante (category) k. 107

108 Spazio vettoriale semantico [Osgood e Suci, 1969] 108

109 Semantic Differential Survey 109

110 Esempio output fase di raccolta dati Parole Kansei Caratteristiche del prodotto 110

111 Esempio di Design of Experiment 111

112 Esempio output Analisi Fattoriale Interruttori esaminati 112

113 Esempio output Quantification Theory I 113

114 Esempio di indicazioni offerte dal KE left: ergonomic, middle: quality, precision, right: masculine, robust. 114

115 Aziende che usano il KE [Nagamachi,

116 Esempio 1: Toppan Printing Co.Ltd Un esempio di relazioni tra il colore del packaging ed il gusto del prodotto [Childs et al. 2003] 116

117 Esempio 2: Sharp 117

118 Esempio 3: Interni del Boeing 787 [QFD Institute] 118

119 Esempio 3: Interni del Boeing 787 (2) 119

120 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (1) 120

121 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (2) Nel settore automobilistico Zhang e Shen (1999) hanno stilato la seguente lista di componenti che possono essere sviluppati con il KES: Sound quality and acoustic environments Auto interior thermal comfort Consumer product development Steering wheel feel Automotive audio system Comprehensive: vehicle interior images and components Vehicle dynamic perception Seating for comfort [Zhang, Shen, 1999] 121

122 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (3) Studio del frontale di un automobile [Park et al., 2003] 122

123 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (4) We at Mazda, having defined Kansei Engineering as a technology to transfer human perceptions, feelings and mental images into a tangible product, are trying to develop cars focusing on the sensory aspects of individual people [Yamamoto, 1986]. 123

124 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (5) Jinba Ittai horse and rider as one 124

125 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (6) 125

126 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (7) Instead of zero-to-60-mph acceleration statistics, Kansei Engineering helps us understand how the car feels through the driver s sense of touch, how it sounds at speed, how it looks with the top folded, and what pleasant scents can be enjoyed during a spring drive. 126

127 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (8) 127

128 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (9) studio della relazione tra escursione del pedale e comfort [Childs et al. 2003] 128

129 Esempio 5: Gruppo molla-ammortizzatore Relazioni individuate tra le parole Kansei e le componenti molla-ammortizzatore [J. Axelsson, 2001] 129

130 Limiti KE (1) At present it is not possible to measure the Kansei completely. [ ]When the Kansei is measured by external methods, such as words, only the impressions and emotions can be described which reaches the consciousness. Consequently, the description of the Kansei is incomplete [S. Schütte, 2005] semantic tools for evaluation of words are mainly used for measuring a products emotional impact on a human s mind. But these tools do only cover a part of the total Kansei. [S. Schütte, J. Eklund, 2004, p.14]. 130

131 Limiti KE (2) Hiort ( 2004) riconosce altri tre svantaggi del Kansei: il possibile divario tra ciò che il prodotto può comunicare e ciò che il consumatore recepisce il fatto che le caratteristiche vengono considerate come assolute la semplice correlazione tra aggettivo e elemento di design non implica un rapporto di causalità. 131

132 Limiti KE (3) Un altro limite del Kansei Engineering è che, il voler analizzare l effetto dei singoli elementi di design, ha come base implicita l assunzione che un design sia la somma delle proprie parti in altre parole la somma delle sue proprietà formali. [Jordan,2000] 132

133 KE & QFD [QFD Institute] 133

134 Emotional Design: temi sviluppati Definizione Aree Emotional Design Strumenti e metodologie di valutazione dell impatto emotivo Filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi dell Emotional Design Innovazione Emotional-Driven 134

135 Filosofie di strutturazione del prodotto (1) A B B C D E F G H I L M Tecnologia Significato N O P Q R 135 Heskett (1998) Jääskö & Mattelmäki (2003) Boztepe (2003) Frateili (1969) Piroli (1991) Emozione Rafaeli & Vilnai- Yavetz (2004) Stokholm (2003) Lerdahl (2001) Gotzsch (2002) Liu (2000) Alessi (1998) Khaslavsky & Shedroff (1999) Jordan (2000) Desmet & Hekkert (2002) Norman (2004) Hassenzahl (2000) Kano (1984) Dimensioni di analisi Autori

136 Filosofie di strutturazione del prodotto (2) A B B C D E F G H I L M Prodotto N O P Q R 136 Heskett (1998) Jääskö & Mattelmäki (2003) Boztepe (2003) Frateili (1969) Piroli (1991) Utente Rafaeli & Vilnai- Yavetz (2004) Stokholm (2003) Lerdahl (2001) Gotzsch (2002) Liu (2000) Alessi (1998) Khaslavsky & Shedroff (1999) Jordan (2000) Desmet & Hekkert (2002) Norman (2004) Hassenzahl (2000) Kano (1984) Livello analisi Autori Azienda Contesto

137 Mappatura filosofie di strutturazione Principale livello di analisi Utente Prodotto Azienda Contesto Tecnologia Dimensioni di analisi Significato Emozione L H Q M E G B I D C R N P A F B O 137

IL MARKETING ESPERIENZIALE

IL MARKETING ESPERIENZIALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia IL MARKETING ESPERIENZIALE a.a. 2011-2012 LE ORIGINI DEL MARKETING ESPERIENZIALE La pstmodernità: un nuovo scenario di riferimento - crollo

Dettagli

Service Design Programme

Service Design Programme Service Design Programme SERVICE DESIGN - cosa è Il Service Design è l attività di pianificazione e organizzazione di un servizio, con lo scopo di migliorarne l esperienza in termini di qualità ed interazione

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

User experience e marketing

User experience e marketing User experience e marketing Un alchimia vincente per una progettazione centrata sulle persone Debora Bottà UX Researcher & Designer debora.botta@boraso.com 2 Persone ed esperienze Oltre l usabilità e l

Dettagli

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento Chi Siamo ADM Advanced Development of Mind svolge la sua attività nell ambito del Miglioramento Personale, della Formazione Aziendale, della Consulenza e del Coaching. Fondata nel 1997 da Andrea Di Martino,

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

Introduzione a: Human-centred design User Experience

Introduzione a: Human-centred design User Experience Corso di Laurea Triennale in Disegno Industriale Laboratorio di Ergonomia per il Design a.a. 2014/2015 Introduzione a: Human-centred design User Experience Design Campus, Calenzano LE TRE STRATEGIE DELL

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu Il Piano di Marketing 1 Di cosa parleremo A cosa serve il marketing In cosa consiste Perché scrivere un piano di marketing Come scriverlo...in particolare per new business e innovazioni 2 Because its purpose

Dettagli

Master in marketing e comunicazione

Master in marketing e comunicazione Master in marketing e comunicazione Il Master intende fornire i fondamenti metodologici per operare in un settore in continua evoluzione come quello del marketing. Oggi la saturazione dei mercati impone

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

arte e personalità nel punto vendita

arte e personalità nel punto vendita arte e personalità nel punto vendita profilo aziendale company profile Venus è una società di consulenza specializzata nel settore marketing e retailing. Dal 1993 l obiettivo è divulgare la conoscenza

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

il marketing PER l innovazione

il marketing PER l innovazione il marketing PER l innovazione Annamaria Barzan Forlì 17 giugno 2008 Su MARKETING INNOVAZIONE 876.000 risultati 3.060.000 risultati temi entusiasmanti di cui parlano tutti INNOVAZIONE ARMA STRATEGICA PER

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Benedetta Castiglioni Dipartimento di Geografia, Università di Padova

Benedetta Castiglioni Dipartimento di Geografia, Università di Padova Benedetta Castiglioni Dipartimento di Geografia, Università di Padova EDUCAZIONE AL PAESAGGIO: DALLA CONOSCENZA LA CREATIVITA Bologna, 7 novembre 2011 Il Montello è una collina piena di gioia! In 3KCL

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Definizione della personalità del VDA

Definizione della personalità del VDA Definizione della personalità del VDA Agenda Agenda 1. User Experience 1. Dal Concept alla scelta definitiva 1. Sviluppo del VDA Intelligenza Artificiale La simulazione dell Intelligenza Artificiale E

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose

Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose Roma, 3 luglio 2015 Giornalismo, diritto di cronaca e privacy Diritto di cronaca e privacy: può succedere che il rapporto si annulli al punto che

Dettagli

CRM analitico: introduzione. Andrea Farinet

CRM analitico: introduzione. Andrea Farinet CRM analitico: introduzione Andrea Farinet 1 1. Agenda Definizione di Customer Relationship Management (CRM) Le caratteristiche strutturali di un progetto di Customer Relationship Management Il Customer

Dettagli

UNA NUOVA EQUAZIONE DEL VALORE

UNA NUOVA EQUAZIONE DEL VALORE UNA NUOVA EQUAZIONE DEL VALORE Studio Innovazione Ing. Renzo Rizzo ISTUD, Responsabile Area Business Innovation, Direttore Master di Marketing Studio Innovazione, Consulenza e Gestione per Progetti di

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Rivoluzione HR. human resource revolution

Rivoluzione HR. human resource revolution Rivoluzione HR human resource revolution L a tecnologia sta modificando le abitudini e lo stile di vita delle persone ma, nel nuovo mondo che verrà sarà il loro modo di pensare che dovrà cambiare. Ogni

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL POSIZIONAMENTO. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL POSIZIONAMENTO 1 Il processo di creazione del valore Analisi per l identificazione del valore La pianificazione del processo e delle attività Progettazione del valore Produzione del valore Comunicazione

Dettagli

WINEBRAND il valore parte da qui

WINEBRAND il valore parte da qui BUILDING & ARCHITECTURE CONSULTANTS WINEBRAND il valore parte da qui TM Architettura / Branding / Contaminazione Ogni cantina ha una storia da raccontare, ogni vino ha un carattere unico da trasmettere

Dettagli

Master in Project Management and System Engineering Master in Project Management and System Engineering

Master in Project Management and System Engineering Master in Project Management and System Engineering PROGRAMMA CORSO GESTIONE DEI SISTEMI COMPLESSI 1 PARTE PRIMA: TEORIA E MANAGEMENT DELLA COMPLESSITÁ Prof. Alberto Felice De Toni detoni@uniud.it 10 ore TEORIA DELLA COMPLESSITÁ MANAGEMENT DELLA COMPLESSITÁ

Dettagli

Sommario 1 L MARKETING CONCEPT 3 2 IL MARKETING MANAGER 27. Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente

Sommario 1 L MARKETING CONCEPT 3 2 IL MARKETING MANAGER 27. Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente Sommario Presentazione dell edizione italiana xix Prefazione xxi Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente 1 L MARKETING CONCEPT 3 Che cos è il Marketing concept 8 IL CASO DELLA AT&T

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

portfolio www.zero3studio.it info@zero3studio.it

portfolio www.zero3studio.it info@zero3studio.it portfolio www.zero3studio.it info@zero3studio.it comunicazione visiva, progettazione grafica e sviluppo web visual communication, graphic design and web development www.zero3studio.it info@zero3studio.it

Dettagli

Expò sanità 2012 User centered design e usabilità nella progettazione per la disabilità

Expò sanità 2012 User centered design e usabilità nella progettazione per la disabilità Expò sanità 2012 User centered design e usabilità nella progettazione per la disabilità Sabrina Muschiato TeDH_ Technology and Design for Healthcare Research Unit INDACO, Politecnico di Milano Work group

Dettagli

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra ILPO 2007 ERGONOMIA e INDUSTRIAL DESIGN Metodi di valutazione utilizzati nel processo di progettazione e realizzazione dei

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA Corso di studio: PE002 - SCIENZE POLITICHE Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia BRAND MANAGEMENT Prodotto vs. Brand Un prodotto si fabbrica Un brand si compra (fiducia) Un prodotto si copia Un brand (se ben costruito) è unico Un prodotto diventa obsoleto Un brand di successo vive

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE La formazione e lo sviluppo ru uno strumento di cambiamento per la persona e l organizzazione Ad Meliora srl partita iva 07458521007 Tel: 06 39754305 - Fax:

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Il servizio nel marketing del turismo e il comportamento del consumatore

Il servizio nel marketing del turismo e il comportamento del consumatore Lezione n. 2 Il servizio nel marketing del turismo e il comportamento del consumatore Prof.ssa Clara Bassano Corso di Principi di Marketing A.A. 2006-2007 Il fine del marketing è di rendere superflua la

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

TECNICHE. J. Cosa Accadrebbe Se...? 1. Cos è l analisi Cosa accadrebbe se...?

TECNICHE. J. Cosa Accadrebbe Se...? 1. Cos è l analisi Cosa accadrebbe se...? TECNICHE J. Cosa Accadrebbe Se...? 1. Cos è l analisi Cosa accadrebbe se...? L analisi What if? ( Cosa accadrebbe se...? ) è una tecnica che ha l obiettivo di stimolare la formulazione di idee e che si

Dettagli

Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane

Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane Che cos è Dolquest? E uno strumento che favorisce e

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Randstad HrUp shaping the world of work

Randstad HrUp shaping the world of work Randstad HrUp shaping the world of work Randstad HrUp striving for perfection Per migliorare la performance, la soddisfazione e la crescita delle aziende e dei loro dipendenti, sviluppiamo progetti eccellenti

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

Management: perchè, dove, come e quando

Management: perchè, dove, come e quando Management: perchè, dove, come e quando Il corso si propone di far conoscere il set degli strumenti che ogni manager deve portarsi in ogni viaggio/sfida aziendale, far comprendere dove il viaggio manageriale

Dettagli

Targeting ottimizzato: occhi fissi sul cliente in un mondo di contenuti

Targeting ottimizzato: occhi fissi sul cliente in un mondo di contenuti Targeting ottimizzato: occhi fissi sul cliente in un mondo di contenuti Giovanni Strocchi, CEO IAB Forum -25 novembre 2014 Siamo sommersi di dati Ma quali sono i dati che contano? I brand vogliono questo

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

Capitolo 6: CRM e Customer Experience

Capitolo 6: CRM e Customer Experience Capitolo 6: CRM e Customer Experience UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Magistrale: Comunicazione d impresa,marketing e nuovi media Corso: Customer Relationship Management CUSTOMER EXPERIENCE: DEFINIZIONE La customer

Dettagli

A c s in tutte le citt` europee

A c s in tutte le citt` europee A c s in tutte le citt` europee Leader europeo di soluzioni chiavi in mano per la vendita al dettaglio. 02 bk Group Avere un idea ben precisa è la vera chiave per arrivare al successo. Quando nel 1999

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

EMBA Executive Master in Business Administration

EMBA Executive Master in Business Administration Master Universitario EMBA Executive Master in Business Administration Master Universitario di Secondo Livello part-time 1 a EDIZIONE OTTOBRE 2015 MARZO 2017 LIUC UNIVERSITÀ CATTANEO La LIUC Università

Dettagli

Il gruppo nella ricerca-azione. azione. Cantù, 24 maggio 2011

Il gruppo nella ricerca-azione. azione. Cantù, 24 maggio 2011 Il gruppo nella ricerca-azione azione Cantù, 24 maggio 2011 Life Skills di comunità PAR (Participatory Action Research): Analisi degli Stakeholders Valorizzazione del lavoro in gruppo Focus groups Conference(Tavoli)

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione IFS in Fiera Compito prodotto - Organizzazione evento (compiti, ruoli, mezzi) - Materiali pubblicitari (sito web, logo dell azienda, video, pieghevole, biglietti da

Dettagli

Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali

Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali Maria Cristina Lavazza Better Software, Firenze 27-28 giugno 2011 Indice Cosa è la progettazione centrata sulle persone

Dettagli

Paola Mazzurana. Modulo: Etica ed Innovazione

Paola Mazzurana. Modulo: Etica ed Innovazione MODELLI DI GOVERNANCE DELL INNOVAZIONE: IL RUOLO DEGLI STAKEHOLDERS E LA SOSTENIBILITÀ Etica ed economia. Per un economia intelligente, inclusiva e sostenibile. Modulo: Etica ed Innovazione Paola Mazzurana

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Il marketing dei servizi

Il marketing dei servizi Il marketing dei servizi Il gap 2: la progettazione del servizio e gli standard operativi visibili e misurabili dai clienti 22 P f ROBERTO PAPA GAP 2: il gap di progettazione del servizio Il secondo gap

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo.

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. Programmazione neurolinguistica La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. OBIETTIVI della PNL Obiettivi: - individuare nella struttura

Dettagli

A unique expertise combined with innovative solutions to improve Learning & HR efficiency

A unique expertise combined with innovative solutions to improve Learning & HR efficiency A unique expertise combined with innovative solutions to improve Learning & HR efficiency Evaluation services, and much more The monitoring of Learning and HR projects requires cutting edge services capable

Dettagli

Differenze individuali: concetto di sé, personalità ed emozioni

Differenze individuali: concetto di sé, personalità ed emozioni Differenze individuali: concetto di sé, personalità ed emozioni 1 Una mappa per lo studio delle differenze individuali nel comportamento organizzativo L'individuo unico Tratti di personalità Valori personali

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

D - Cloud. Amandolese Daniela Difonzo Alessandro Mainente Elisa Napoli Marco Salvioni Ilaria Saviotti Federica

D - Cloud. Amandolese Daniela Difonzo Alessandro Mainente Elisa Napoli Marco Salvioni Ilaria Saviotti Federica Facoltà del design Open lecture Design of the other Things anno accademico 10-11 Docente: Stefano Maffei Cultori: Massimo Bianchini Ursula Borroni Beatrice Villari D - Cloud Amandolese Daniela Difonzo

Dettagli

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Il contenuto del documento è liberamente

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

PLM? Chi era costui? Sergio Terzi Università degli Studi di Bergamo e Politecnico di Milano

PLM? Chi era costui? Sergio Terzi Università degli Studi di Bergamo e Politecnico di Milano PLM? Chi era costui? Sergio Terzi Università degli Studi di Bergamo e Politecnico di Milano Osservatorio GeCo PLM? Gestione dei Processi Collaborativi di Progettazione Chi era costui? Bergamo, 8 Marzo

Dettagli

Neuroscienze e marketing: un matrimonio possibile. Prof. Fabio Babiloni Dip. Fisiologia e Farmacologia Univ. Sapienza Roma BrainSigns srl

Neuroscienze e marketing: un matrimonio possibile. Prof. Fabio Babiloni Dip. Fisiologia e Farmacologia Univ. Sapienza Roma BrainSigns srl Neuroscienze e marketing: un matrimonio possibile Prof. Fabio Babiloni Dip. Fisiologia e Farmacologia Univ. Sapienza Roma BrainSigns srl La selezione delle informazioni 1 1 La selezione dei messaggi pubblicitari

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE I FATTORI CHE ACCRESCONO L EFFICACIA DELL INSEGNAMENTO LE COMPETENZE DIDATTICHE Contrassegna con una X la casella prescelta per ogni indicatore L insegnante

Dettagli

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione.

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione. Mission Filosofia di intervento Soluzioni Management Consulting Training & HR Development Approccio al Training Catalogo Training Modello di Training Targetizzazione Contatti 2 MISSION Future People offre

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Lunedì 12 marzo 2007. Bologna - Star Hotel Excelsior. Comunicare STIMER

Lunedì 12 marzo 2007. Bologna - Star Hotel Excelsior. Comunicare STIMER Lunedì 12 marzo 2007 Bologna - Star Hotel Excelsior Comunicare STIMER Consorzio/prodotto: una necessaria distinzione Il nome Stimer va distinto dal prodotto di Bigliettazione Elettronica Integrato attraverso

Dettagli