Emotional Design: Il ruolo del Design nello sviluppo di prodotti innovativi ed emozionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emotional Design: Il ruolo del Design nello sviluppo di prodotti innovativi ed emozionali"

Transcript

1 U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e MASTER DANIELI Dipartimento di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Emotional Design: Il ruolo del Design nello sviluppo di prodotti innovativi ed emozionali Ing. Gianluca Biotto - Udine, 19 marzo

2 Sommario Obiettivi della presentazione Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 2

3 Sommario Obiettivi della presentazione Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 3

4 Obiettivi della presentazione Stato dell arte del Design e dell Emotional Design Strumenti e Metodologie per la valutazione dell impatto emotivo del prodotto Mappatura delle filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi delle aree dell Emotional Design e delle filosofie di strutturazione del prodotto Definizione dell innovazione emotional-driven 4

5 Sommario Obiettivi della presentazione Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 5

6 Libri: Classificazione per argomento Argomento Design Design thinking - creatività Sviluppo prodotto Innovazione Marketing Teoria delle emozioni Emotional design Totali Italiani Stranieri non tradotti Totale Stranieri Totale Stranieri Stranieri tradotti Totali

7 Articoli: Classificazione per argomento CLASSE Design Emotional Design ARGOMENTO Design & Management, Esempi, Storia Design process Design Thinking/ Creativity Innovation Design Totale Esempi e casi studio Filosofie di strutturazione del prodotto Metodologie valutazione impatto emotivo Metodologie valutazione impatto emotivo (Kansei engineering) Prodotto/Brand/Assets Strumenti valutazione impatto emotivo Teoria delle emozioni Emotional Design Totale Totale complessivo TOTALI

8 Sommario Obiettivi della tesi Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 8

9 Design: una definizione Il design è il processo attraverso il quale un informazione (un idea) è trasformata in un output sia tangibile (prodotto) che intangibile (servizio). Von Stamm,

10 Design 10

11 Design Process problem solving Gestione processo Output Sviluppo prodotto Product Design Classificazione Context Mercato Mercato Ruolo competitivo e strategico 11 Bruno (1999) Munari (1981) Kelly IDEO (2001) Ulrich e Eppinger (2001) Urban e Hauser (1998) Finizio (2002) Borja de Mozota e Veryzer (2005) Von Stamm (2003) Badgett; Bowen er al. (2002) Peks, Cooper, Jones (2005) Carey, Vogel et al. (2003) Summer e Jones (2002) Trabucco, Mangiarotti et al. (2005) Rampino (2004) De Fusco (2005)/ Kamaike (2003)/ Riccò (1999) Bettiol e Micelli (2005) Kotler (2003) Ambiti del Design Autori Argomenti Engine Design Process Product Design

12 Punti di vista di analisi del Design Dal pdv del prodotto classificazione Dal pdv del processo Elaborato da Keen (1997) 12

13 Approcci al Design process elaborata da Lerdahl (2001) 13

14 Il design process dal pdv micro e macro [T. M. Kasel, 1997 in R. Anders, 2002] 14

15 Il Designer Purtroppo molte aziende concepiscono ancora una figura di designer con compiti paragonabili a quelli di un semplice disegnatore del prodotto, tralasciando così tutto quel processo di conoscenza della realtà esterna ed interna all'azienda necessario per sviluppare un prodotto che riesce a "vivere" sul mercato. D. Bruno (1999) 15

16 Le aree del Design Process Modificato da Walker (1999) 16

17 Il Design Process in IDEO 17

18 Il Design in IDEO 18

19 Il Design secondo Bruno Munari (1) Che cos è un problema Problema Definizione del problema Componenti del problema Raccolta di dati Analisi dei dati Bruno Munari [ Da cosa nasce cosa, 1981 pag.35-63] Il problema non si risolve da solo ma contiene però tutti gli elementi per la sua soluzione, occorre conoscerli e utilizzarli nel progetto di soluzione. servirà a definire i limiti entro i quali il progettista dovrà operare. Qualunque sia il problema lo si può smontare nelle sue componenti. Questa operazione facilita la progettazione perché tende a individuare i piccoli singoli problemi che si nascondono nei sottoproblemi. Ogni sottoproblema ha una sua soluzione ottimale che però può contrastare con le altre. La parte più ardua del lavoro del designer sarà quella di conciliare le varie soluzioni con il progetto globale. La soluzione del problema generale sta nel coordinamento creativo delle soluzioni dei sottoproblemi. 19

20 Il Design secondo Bruno Munari (2) Che cos è un problema Creatività Bruno Munari [ Da cosa nasce cosa, 1981 pag.35-63] -Sarà appunto la creatività a sostituire l'idea intuitiva, ancora legata al modo artistico-romantico di risolvere un problema. Mentre l'idea, legata alla fantasia, può proporre soluzioni anche irrealizzabili per ragioni tecniche o materiche, oppure economiche, la creatività si mantiene nei limiti del problema, limiti che risultano dall'analisi dei dati e dei sottoproblemi. -Mentre l'idea è qualcosa che dovrebbe fornire la soluzione bella e pronta, la creatività tiene conto, prima di decidere per una soluzione, di tutte le operazioni necessarie che seguono l'analisi dei dati. Materiali tecnologia Sperimentazione -piccola raccolta di dati relativi ai materiali e alle tecnologie che il designer ha a sua disposizione in quel momento per realizzare il suo progetto -la creatività compie delle sperimentazioni sia sui materiali sia sugli strumenti, per avere ancora altri dati con i quali stabilire relazioni utili al progetto. 20

21 Il Design secondo Bruno Munari (3) Che cos è un problema Modelli Verifica Bruno Munari [ Da cosa nasce cosa, 1981 pag.35-63] Dalla sperimentazione possono nascere dei modelli, realizzati per dimostrare delle possibilità materiche o tecniche da usare nel progetto. Questi modelli dovranno necessariamente avere delle verifiche di ogni tipo per controllarne la validità. Disegni costruttivi Soluzione occorre anche definire il tipo di soluzione che si vuole raggiungere: una soluzione provvisoria oppure una soluzione definitiva, una soluzione puramente commerciale, una soluzione che duri nel tempo (fuori dalle mode che impongono un certo gusto in quel momento), una soluzione tecnicamente sofisticata o una soluzione semplice ed economica. 21

22 Il Design leader nel Processo di sviluppo di nuovi prodotti Fonte: Von Stamm (2003) 22

23 Il Design e la mass customization (1) Strategie push-pull: 23

24 Il Design e la mass customization (2) Il Design e la spirale della personalizzazione di massa (adattato da Valdani, 1995) 24

25 Evoluzione del Design Emotional Design Piacere Usabilità Funzionalità Mazda Motor Co. La gerarchia di consumer need (Jordan 2000) 25

26 Sommario Obiettivi della presentazione Classificazione della letteratura Il Design L Emotional Design Risultati 26

27 Emotional Design: temi sviluppati Definizione Aree Emotional Design Strumenti e metodologie di valutazione dell impatto emotivo Filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi dell Emotional Design Innovazione Emotional-Driven 27

28 Emotional Design: una definizione Catturare i bisogni soggettivi ed emozionali dei consumatori ed incorporarli nel processo di design. (Progetto Europeo ENGAGE Engineering Emotional Design) Fonte: rielaborato da Abbate e Ferrero (2003) 28

29 Funzioni dell'emisfero sinistro Verbali: uso di parole per descrivere e definire. Analitiche: soluzione dei problemi per gradi affrontando un aspetto per volta. Simboliche: uso di simboli rappresentativi. Astratte: estrapolazione di un dato parziale utilizzandolo per rappresentare l'oggetto intero. Temporali: senso del tempo, applicazione di un ordine successivo alle azioni, agli oggetti ecc.. Razionali: formulazione di conclusioni in base a premesse e fatti. Computistiche: uso dei numeri come nella computazione. Logiche: formulazione di conclusioni in base alla logica, elaborazione di ordini successivi di tipo logico e matematico. Lineari: pensiero basato su idee collegate 29

30 Funzioni dell'emisfero destro Non-verbali: consapevolezza delle cose senza il minimo ricorso alle parole. Sintetiche: unione degli elementi di una situazione fino a formare un tutto. Concrete: considerazione delle cose così come sono al momento presente. Analogiche: percezione delle somiglianze tra oggetti, comprensione dei rapporti basati sulla metafora. Atemporali: mancanza del senso del tempo. Non razionali: mancanza della necessità di premesse e fatti, disponibilità a sospendere il giudizio. Spaziali: osservazione della collocazione degli oggetti rispetto ad altri oggetti e delle parti rispetto all'insieme. Intuitive: momenti illuminanti, di improvvisa comprensione delle cose, spesso in base a schemi incompleti, impressioni, sensazioni o immagini visive. Globali: visione contemporanea di tutti gli aspetti di un oggetto o fatto, percezione di schemi o strutture al completo, spesso orientate verso conclusioni divergenti. 30

31 L effetto iceberg Fonte: Abbate e Ferrero (2003) 31

32 L effetto iceberg (2) 32

33 L effetto iceberg (3) 33

34 L effetto iceberg (4) 34

35 L effetto iceberg (5) 35

36 Le sfide dell Emotional Design (1) Why would some people pay over $100 for a teakettle when the job can be performed just as efficiently and satisfactory with one that costs only $20? So, what makes Mr. Grave's design so special?... "It makes me smile," said one user. Apparently she is not alone. How many of you thought - even remotely that "makes me smile" could be a customer demanded product requirement for a teakettle design?. [QFD Institute, 2005]. 36

37 Le sfide dell Emotional Design (2) 37

38 Le emozioni 38

39 Le emozioni Sistemi di reazione coordinati comprendenti: La valutazione degli stimoli I mutamenti fisiologici Le risposte comportamentali Le risonanze affettive Le risonanze cognitive 39

40 Natura delle emozioni: Fisiologica (aumento del tasso del battito cardiaco) Espressiva (espressione facciale) Sperimentale (sensibilità soggettiva che la persona può riconoscere e descrivere) Comportamentale (per esempio, battere il piede per la frustrazione) 40

41 Definizione di emozione L emozione può essere definita come la catena di eventi che si innescano tra uno stimolo scatenante (input) e l esecuzione del comportamento elaborato come risposta (output) [Gallucci, 2006] 41

42 Livelli di risposta emozionale Psicologico Esperienza verbale: mi è piaciuta Comportamentale Azione: espressioni motorie, cambiamenti postura, espressione facciale Fisiologico Modificazioni fisiologiche 42

43 Le emozioni primarie Sono universali e innate, nascono spontaneamente e durano qualche secondo per volta Gioia, sofferenza, rabbia, paura, sorpresa, disgusto (felicità e tristezza sono considerate stati d animo) 43

44 Le emozioni cognitive superiori Sono universali, ma maggiormente influenzate dall ambiente culturale Amore, senso di colpa, vergogna, imbarazzo, orgoglio, invidia e gelosia. 44

45 La teoria di Izard (1) 10 emozioni primarie (tristezza, gioia, sorpresa, sconforto, rabbia, disgusto, disprezzo, paura, vergogna, senso di colpa) Le altre sono una combinazione di due o più emozioni primarie. 45

46 La teoria di Izard (2) Tre interazioni della persona con l ambiente: Percezione ottenuta Percezione richiesta Percezione spontanea Cinque processi interpersonali: Memoria (ottenuta, richiesta o spontanea) Immaginazione Attività motoria facciale-posturale o altro Sistema endocrino Attività spontanea dei sistemi neuromuscolari 46

47 La teoria di Plutchik (1980) Le emozioni variano in intensità e nel grado di somiglianza reciproca e presentano un carattere bipolare 8 emozioni fondamentali 47

48 Il sistema che regola la formazione delle emozioni Collettiva Personale Identità Memoria Attenzione Emozioni [Gallucci, 2006] Informazioni Esperienze Luoghi Stimoli 48

49 Il quadro di sintesi di Franklin Psicologia Top-down Intelligenza Artificiale Analitico Mente Sintetico Neuroscienze Bottom-up Meccanismi della mente 49

50 Il modello di LeDoux Via alta Corteccia Cerebrale Memoria dichiarativa Talamo sensorio Via bassa Amigdala Memoria emotiva Stimolo emotivo Reazioni emotive 50

51 Sistemi sensoriali e Sinestesie [Riccò, 1999] 51

52 Emotional Design: temi sviluppati Definizione Aree Emotional Design Strumenti e metodologie di valutazione dell impatto emotivo Filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi dell Emotional Design Innovazione Emotional-Driven 52

53 Il rapporto Emozione - Prodotto E P Mi servo di una emozione per progettare un prodotto P E Un prodotto genera una emozione P E Il prodotto viene arricchito con una componente emozionale P E Il prodotto ha proprie emozioni 53

54 Livelli di analisi nell Emotional Design (1) Contesto Valori - Cultura 54 Oliverio ( ) Galloni, Mangiarotti et al. (2005) Sheth, Newman, Bross (1991) Autori Gobé (2001) Abbate e Ferrero (2003) Molotoch (2005) Damasio (1995) Goleman (2001) Tedeschi (2000) Eminente (1991) Brunswick (1952) Valdani (1995) Tematiche Utente Prodotto Azienda Neuroscienze - Teoria emozioni Decision making Dimensioni Qualità Brand Livello di analisi

55 Livelli di analisi nell Emotional Design (2) Autori Prodotto Dimensioni 55 Underhill (2004) Finizio (2002) Wimmer (1990) Postrel (2004) Dewey (1995) Riccò (1999) Luce, Bettman, Payne (2001) Schiffman, Kanuk (1991) Codeluppi (2001) De Fusco (2005) Verganti et al. (2002) Tematiche Neuroscienze - Teoria emozioni Utente Azienda Decision making Qualità Brand Livello di analisi Contesto Valori - Cultura

56 Aree dell Emotional Design Analisi Emozionale Utente Emotional User Background Livello di analisi Prodotto Azienda Emotional Product Design Emotional Branding EMOTIONAL DESIGN Contesto Emotional Assets 56

57 Aree dell Emotional Design: contributi principali Autore Anno Contributi Principali Focus Rapporti Emozione-Prodotto Emotional Design Emotional Product Design Emotional Branding Emotional Assets Jordan Desmet Norman Gobé Abbate e Ferrero Progettare un prodotto emozionale tenendo conto delle percezioni e delle emozioni del consumatore Costruire relazioni ed esperienze con il consumatore La psicolinguistica per l analisi della Cultura analogica ed emotiva P E E P P E Affective Computing Picard 2001 Studi del MIT sull emozione applicata alla robotica P E 57

58 L Emotional Branding 1 - Emotional Branding is the conduit by which people connect subliminally with companies and their products in an emotionally profound way. [...]. This strategy works because we all respond emotionally to our life experiences and we naturally project emotional values onto the objects around us. M. Gobé, (2001). 58

59 L Emotional Branding 2-59

60 L Emotional Branding 3-1. Il consumatore acquista, le persone vivono. 2. I prodotti soddisfano bisogni, le esperienze desideri. 3. L onestà è attesa, la fiducia va meritata. 4. La qualità per il giusto prezzo oggigiorno è data per scontata, la preferenza crea le vendite. 5. Essere noti non implica essere amati!. M. Gobé, (2001). 60

61 L Emotional Branding 4-6. L identità è riconoscimento. La personalità ha a che fare con il carattere ed il carisma!. 7. La funzionalità di un prodotto è relativa solo a qualità concrete o superficiali. Il design sensoriale è relativo all esperienza. 8. L ubiquità viene vista. La presenza emozionale è sentita. 9. La comunicazione è raccontare. Il dialogo è condividere. 10. Il servizio è vendere. La relazione è riconoscere. M. Gobé, (2001). 61

62 Emotional Assets 1 - La Psicolinguistica è una metodologia di ricerca indirizzata allo studio dei codici di linguaggio collettivo (visivo, auditivo - parlato e musicale - tattile, gustativo, olfattivo). In particolare, l'obiettivo prioritario è quello di capire la relazione tra significato comune e significante, cioè i codici profondi del linguaggio. Abbate e Ferrero (2003). 62

63 Emotional Assets 2 - Fonte: Abbate e Ferrero (2003) 63

64 Emotional Assets 3 - Automatismi emotivi collettivi del consumatore: Pensiero contiguo Pensiero proiettivo Pensiero incompiuto Pensiero estremo 64

65 Emotional Assets 4 - Pensiero contiguo 65

66 Emotional Assets 5 - Pensiero proiettivo 66

67 Emotional Assets 6 - Pensiero incompiuto 67

68 Emotional Assets 7 - Pensiero estremo 68

69 Emotional Design: temi sviluppati Definizione Aree Emotional Design Strumenti e metodologie di valutazione dell impatto emotivo Filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi dell Emotional Design Innovazione Emotional-Driven 69

70 Valutazione dell impatto emotivo PRODOTTO METODOLOGIE UTENTE IMPATTO EMOTIVO ANALISI DATI RACCOLTA DATI STRUMENTI 70

71 Strumenti di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (1) Strumenti individuati Ambiti d uso Risorse richieste Coinvolgimento Consumatore capire le persone evidenziare quali benefit sono ricercati in un prodotto come tradurre questi desiderata in proprietà formali valutare i design concept valutare l'impatto emotivo tempo impegno abilità uso metodo mezzi e attrezzature costo Non richiesto 1 2 Expert appraisal Property checklists x x x xx x xx x x x x x x x x xxxx xxxx x x x x 3 Immersion xxx xxx xxx xxx xxx x xx xxxx x x 4 Private camera conversation xxx xxx xx xxx xxx xxxx xx xx xx xxx 5 Experience diares xxxx xxx xx xxx xxx xxx xxx x x x Passivo 6 7 Questionnaires Field observations xxx xxxxx xxx xxx xxx x xxx xxxxx xx xxxx xxx xxx xxx xx xxx xxx xx xx xx xxx 8 Real People xx xxxx xxx xxxx xxx xx x x x x 9 Controlled observation xxx xxx xx xxx xxx xxx xxx xxxx xxxx xxx 71

72 Strumenti di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (2) Strumenti individuati Ambiti d uso Risorse richieste Coinvolgimento Consumatore capire le persone evidenziare quali benefit sono ricercati in un prodotto come tradurre questi desiderata in proprietà formali valutare i design concept valutare l'impatto emotivo tempo impegno abilità uso metodo mezzi e attrezzature costo 11 Think aloud protocols xxxxx xxxx xx xxx xxx xx xx x x x Interattivo One to one Reaction checklists Interviews Laddering Product personality profiling SHIRA Focus groups xxx xxxxx xxxx xxx xxx xxxx xxx xxxx xxxx xx xx xxxx x xx xxx x xxx xx xxx xxxx xxxx xxx xxx xxx xxx xxx xxxx xxxx xx xx x xx xxx xxx xxx xx x xxx xxx xxx xxx xx x xxx xxx xx xx xxxx x xx x xx x x x xxx x xx xx xx A gruppi Co-discovery Participative creation Mood boards xxx xxxx xxx xxx xxxx xxx xx xxxx x xx xxx xx xx xxx xxxx xx xxx xxx x xxx xxxx x xxx xxx x x xxx x xx xx 21 Nominal group technique xx xxxx xx xxx x xxx xxx xxx x xx 72

73 Strumenti di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (3) Non verbali: Elettromiografico (EMG) Temperatura cutanea (TEMP) Resistenza cutanea (GSR) Frequenza cardiaca (HRV) Elettroencefalografico (EEG) L Eye-tracking 73

74 Metodologie di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (1) Metodologie Conjoint Analysis QFD Kano Survey RGA ZMET Kansei Engineering SEQUAM Attività Processo di Sviluppo Prodotto Generazione idea nuovo prodotto Selezione idea Studio di mercato per lo svilppo del concept Market Identification positioning, marketing strategy specification Analisi business-finanziaria Sviluppo prodotto Test del prodotto Previsione volumi di vendita () () 74

75 Metodologie di valutazione dell impatto emotivo del prodotto (2) Metodologie Conjoint Analysis QFD Kano Survey RGA ZMET Kansei Engineering SEQUAM Misurazione Impatto emotivo Esplicitazione Trasferimento nel design del prodotto In modo implicito In minima parte Se ne tiene conto In minima parte Segnala solo le caratteristiche attractive Solo indicazioni generali Solo indicazioni generali 75

76 Metodologia Kansei Engineering Vantaggi/Limiti 76 Liu (2003) Hiort (2004) Jordan (2000) Definizione Perché applicarla Storia/Evoluzione Tipi di KE Come si applica Esempi e casi studio Confronto con altre metodologie Nagamachi et al. (1995) Lee et al. (2000) Schutte e Eklund (2004), Schutte (2002, 2005) JSKE (2004) Guerin (2004), QFD Institute (2005) Childs et al.(2003) Mazda Motor Co.(2005) Nakada (1997) Spillers (2004) Lindberg (2004) Such (2005) Bouchard et al.(2003) Axelsson (2001) Autori Argomento Trattato

77 Cosa vuol dire Kansei (1) Kansei is an individual s subjective impression from a certain artefact, environment or situation using all the senses of sight, hearing, feeling, smell, taste as well as recognition [Nagamachi, 2001] is a word which inclusively involves the meaning of words such as sensitivity, sense, sensibility, feeling, aesthetics, emotion, affection and intuition [Harada et al., 2000]. 77

78 Cosa vuol dire Kansei (2) Kansei is the integrated functions of the mind, and various functions exist in during receiving and sending. Filtering, acquiring information, estimating, recognizing, modeling,making relationship, producing, giving information, presenting and etc. are the contents of Kansei. [Japan Society of Kansei Engineering (JSKE) ]. 78

79 Etimologia del termine Kansei [Harada et al., 2000]. 79

80 Kansei vs Chisei [Schütte, 2005]. 80

81 Il KE in sintesi a technology for translating human feelings into a product design. [M. Nagamachi et al., 1995]. Il Kansei Engineering in sintesi Schütte, 2005 adattato da Nagamachi 1989] 81

82 Campo d indagine del KE Il campo d indagine del Kansei Engineering viene diviso in tre parti principali: Sensory Engineering which is a product design support evaluating short term emotions, Kansei product technology, focusing on medium term reactions Kansei culture, society and philosophy focusing on taste and sentiment over the long term. Shimizu e al. (2004) 82

83 Perché applicare il KE? (1) 83

84 Perché applicare il KE? (2) 84

85 Kansei Value vs Use Value Fujita e Nishikawa (2001) 85

86 KE focus..., with Kansei Engineering, the focus is not on direct measures such as performance and quality achievements but rather the intangible virtues such as pleasure, beauty, and emotional attachment. [Mazda M-5 program manager Takao Kijima, 2005]. 86

87 Il KE come metodologia di sviluppo prodotto Kansei Engineering is not only a useful tool for helping designers understand customers, but also a Company s powerful weapon to forsee marketing opportunity and creating user experience [Nagamachi, 1999]. 87

88 Il vantaggio del Ke Eventually many customers make their final decision unconsciously based on rather subjective factors. They purchase the product, which feels better, and are often unable to explain why. Taking this feeling into account already in the design process can give a substantial selling advantage [Söderlund, 2003]. 88

89 La firma emozionale del prodotto If Kansei Engineering s purpose is to organize design requirements around the emotions that embody user expectations and interaction, then emotion can meaningfully be treated as a design tool. The kansei can be considered the emotional signature of a product. [F. Spillers, 2004] 89

90 Evoluzione dell emotional design [Childs et al., 2003] 90

91 Le tre macro-fasi del processo KE Il Prof. Nagamachi ha sviluppato tre stadi del processo KE ciascuno con sotto-elementi e varianti : 1. La raccolta dei dati 2. L analisi dei dati. 3. La sintesi 91

92 Tipi di KE KE Type I- Category Classification KE Type II- Kansei Engineering System KE Type III- Hybrid Kansei Engineering System KE Type IV- Kansei Engineering Modelling KE Type V- Virtual Kansei Engineering KE Type VI- Collaborative Kansei Engineering Designing 92

93 KE Type I: KANSEI CATEGORY CLASSIFICATION SYSTEM. 93

94 KE Type II- Kansei Engineering System 94

95 KE Type III- Hybrid Kansei Engineering System from context to design 'from design to diagnosis Hybrid KES [Nagamachi 1997] 95

96 KE Type III: Dual mapping model [M. Kitajima, K. Don-Han, 1998] 96

97 KE Type IV- Kansei Engineering Modelling The kansei mathematical model is a system with mathematical structure which is able to deal with the kansei and to predict phenomena according to kansei assumptions. [Nagamachi 2002] Sanyo desired to make a unique sophisticated color copy machine and attempted to utilize kansei engineering. The project team evaluated the attributes of beautiful and healthy faces using semantic differential scales, and discovered that a limited set of hue, brightness and saturation of a limited area were able to predict people s reactions to a beautiful copy. The hue, brightness and saturation were expressed by fuzzy logic and the team constructed a fuzzy model, which was implemented as an intelligent color copy machine, a unique kansei engineering activity (Fukushima et al., 1995). 97

98 KE Type V- Virtual Kansei Engineering [Nagamachi 2002] 98

99 KE Type VI- Collaborative Kansei Engineering Designing [Nagamachi 2002] 99

100 KE Process [Schutte 2002] 100

101 Mappatura e raccolta dati nel KE Metodi manuali : Diagrammi di affinità Scelte dei designer Interviste Raccolta dati Metodi statistici a supporto: Factor Analysis Cluster Analysis 101

102 Sintesi dati raccolti nel KE Metodi manuali : Category Identification Metodi statistici: Linear Regression Quantification Theory I- IV Neural Networks Genetic Algorithm Rough Set Analysis 102

103 Test di validità Test: t-test Kolmogorow-Smirnov test Check visivo della distribuzione 103

104 Scale e statistiche permesse [QFD Institute] 104

105 Quali metodi statistici per quali tipi di variabili [QFD Institute] 105

106 Le Quantification Theories di Hayashi Quantification Theory Type I Quantification Theory Type II Quantification Theory Type III Quantification Theory Type IV [Tanaka, 1979] 106

107 Quantification Theory I Yi è il valore osservato per la variabile dipendente (il valore semantico differenziale di una parola Kansei). bjk coefficiente di regressione (category score) per l attributo (item) j con la variante (category) k. 107

108 Spazio vettoriale semantico [Osgood e Suci, 1969] 108

109 Semantic Differential Survey 109

110 Esempio output fase di raccolta dati Parole Kansei Caratteristiche del prodotto 110

111 Esempio di Design of Experiment 111

112 Esempio output Analisi Fattoriale Interruttori esaminati 112

113 Esempio output Quantification Theory I 113

114 Esempio di indicazioni offerte dal KE left: ergonomic, middle: quality, precision, right: masculine, robust. 114

115 Aziende che usano il KE [Nagamachi,

116 Esempio 1: Toppan Printing Co.Ltd Un esempio di relazioni tra il colore del packaging ed il gusto del prodotto [Childs et al. 2003] 116

117 Esempio 2: Sharp 117

118 Esempio 3: Interni del Boeing 787 [QFD Institute] 118

119 Esempio 3: Interni del Boeing 787 (2) 119

120 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (1) 120

121 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (2) Nel settore automobilistico Zhang e Shen (1999) hanno stilato la seguente lista di componenti che possono essere sviluppati con il KES: Sound quality and acoustic environments Auto interior thermal comfort Consumer product development Steering wheel feel Automotive audio system Comprehensive: vehicle interior images and components Vehicle dynamic perception Seating for comfort [Zhang, Shen, 1999] 121

122 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (3) Studio del frontale di un automobile [Park et al., 2003] 122

123 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (4) We at Mazda, having defined Kansei Engineering as a technology to transfer human perceptions, feelings and mental images into a tangible product, are trying to develop cars focusing on the sensory aspects of individual people [Yamamoto, 1986]. 123

124 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (5) Jinba Ittai horse and rider as one 124

125 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (6) 125

126 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (7) Instead of zero-to-60-mph acceleration statistics, Kansei Engineering helps us understand how the car feels through the driver s sense of touch, how it sounds at speed, how it looks with the top folded, and what pleasant scents can be enjoyed during a spring drive. 126

127 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (8) 127

128 Esempio 4: Mazda Miata (M5) (9) studio della relazione tra escursione del pedale e comfort [Childs et al. 2003] 128

129 Esempio 5: Gruppo molla-ammortizzatore Relazioni individuate tra le parole Kansei e le componenti molla-ammortizzatore [J. Axelsson, 2001] 129

130 Limiti KE (1) At present it is not possible to measure the Kansei completely. [ ]When the Kansei is measured by external methods, such as words, only the impressions and emotions can be described which reaches the consciousness. Consequently, the description of the Kansei is incomplete [S. Schütte, 2005] semantic tools for evaluation of words are mainly used for measuring a products emotional impact on a human s mind. But these tools do only cover a part of the total Kansei. [S. Schütte, J. Eklund, 2004, p.14]. 130

131 Limiti KE (2) Hiort ( 2004) riconosce altri tre svantaggi del Kansei: il possibile divario tra ciò che il prodotto può comunicare e ciò che il consumatore recepisce il fatto che le caratteristiche vengono considerate come assolute la semplice correlazione tra aggettivo e elemento di design non implica un rapporto di causalità. 131

132 Limiti KE (3) Un altro limite del Kansei Engineering è che, il voler analizzare l effetto dei singoli elementi di design, ha come base implicita l assunzione che un design sia la somma delle proprie parti in altre parole la somma delle sue proprietà formali. [Jordan,2000] 132

133 KE & QFD [QFD Institute] 133

134 Emotional Design: temi sviluppati Definizione Aree Emotional Design Strumenti e metodologie di valutazione dell impatto emotivo Filosofie di strutturazione del prodotto Modello di sintesi dell Emotional Design Innovazione Emotional-Driven 134

135 Filosofie di strutturazione del prodotto (1) A B B C D E F G H I L M Tecnologia Significato N O P Q R 135 Heskett (1998) Jääskö & Mattelmäki (2003) Boztepe (2003) Frateili (1969) Piroli (1991) Emozione Rafaeli & Vilnai- Yavetz (2004) Stokholm (2003) Lerdahl (2001) Gotzsch (2002) Liu (2000) Alessi (1998) Khaslavsky & Shedroff (1999) Jordan (2000) Desmet & Hekkert (2002) Norman (2004) Hassenzahl (2000) Kano (1984) Dimensioni di analisi Autori

136 Filosofie di strutturazione del prodotto (2) A B B C D E F G H I L M Prodotto N O P Q R 136 Heskett (1998) Jääskö & Mattelmäki (2003) Boztepe (2003) Frateili (1969) Piroli (1991) Utente Rafaeli & Vilnai- Yavetz (2004) Stokholm (2003) Lerdahl (2001) Gotzsch (2002) Liu (2000) Alessi (1998) Khaslavsky & Shedroff (1999) Jordan (2000) Desmet & Hekkert (2002) Norman (2004) Hassenzahl (2000) Kano (1984) Livello analisi Autori Azienda Contesto

137 Mappatura filosofie di strutturazione Principale livello di analisi Utente Prodotto Azienda Contesto Tecnologia Dimensioni di analisi Significato Emozione L H Q M E G B I D C R N P A F B O 137

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

LA DIFFERENZA È NECTA

LA DIFFERENZA È NECTA LA DIFFERENZA È NECTA SOLUZIONI BREVETTATE PER UNA BEVANDA PERFETTA Gruppo Caffè Z4000 in versione singolo o doppio espresso Tecnologia Sigma per bevande fresh brew Dispositivo Dual Cup per scegliere il

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Stress and Control Techniques for Cave Divers Activity

Stress and Control Techniques for Cave Divers Activity Stress and Control Techniques for Cave Divers Activity Mauro CAMPINI 1; Lorenzo EPIS 2 Via Ostigliese,82 Barbasso di Roncoferraro Mantova ITALY Tel +39 376 664509 maurocampini@hotmail.com 1 - Technical

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli