LICEO LINGUISTICO CORSO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA A.S DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^ B

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO LINGUISTICO CORSO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA A.S. 2011-2012 DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^ B"

Transcript

1 LICEO LINGUISTICO CORSO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA A.S DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^ B Approvato nella seduta del (ai sensi dell art. 5 comma 2 del DPR N. 323) Pro. N 2031/C29 Albo N 156 DEL 15/05/2012 Il Dirigente Scolastico Prof. Gian Domenico Demuro

2 Indice PARTE PRIMA: LA QUINTA B Contenuti specifici dell indirizzo linguistico pag. 3 Composizione del Consiglio di Classe pag. 4 Continuità didattica pag. 4 Gli alunni pag. 5 Presentazione sintetica della classe pag. 5 Gli obiettivi pag. 6 Verifiche e valutazione pag. 7 Simulazioni di prove d esame effettuate pag. 7 Attività di approfondimento svolte nella classe ed attività extracurricolari pag. 8 PARTE SECONDA: LE DISCIPLINE E I PROGRAMMI Italiano e Latino. pag. 9 Lingua e Civiltà inglese. pag. 17 Lingua e Civiltà francese. pag. 21 Religione cattolica. pag. 26 Educazione Fisica. pag. 29 Scienze. pag. 31 Disegno e Storia dell Arte. pag. 34 Matematica e Fisica pag. 36 Lingua e Civiltà Spagnola. pag. 40 Storia e Filosofia pag. 44 PARTE TERZA : GLI ALLEGATI (griglie di valutazione prove scritte Italiano e testi delle simulazioni terze prove).

3 A. Contenuti specifici dell indirizzo linguistico. Il Liceo linguistico (Progetto Brocca) prevede lo studio di tre lingue straniere moderne. Due lingue sono studiate dal biennio inglese e francese; la terza, lo spagnolo, si aggiunge nel triennio. Il contatto con le lingue moderne è arricchito dal confronto con la lingua italiana e quella latina. L'insegnamento non si concentra solo sull'aspetto normativo, ma prevede un ampio esercizio di conversazione grazie alla disponibilità di lettori di madrelingua. Per il biennio è previsto lo studio di diritto ed economia; lo studio delle scienze copre quattro anni, esclusa la II liceo e il disegno e la storia dell arte rispettivamente il biennio e il triennio. LINGUA STRANIERA 1 francese n. 3 ore biennio e triennio, LINGUA STRANIERA 2 inglese n. 4 ore nel biennio; n. 3 ore nel triennio, LINGUA STRANIERA 3 spagnolo n. 5 ore (III, IV), n. 4 ore (V liceo) FRANCESE, INGLESE, SPAGNOLO con esperti di madrelingua. La competenza comunicativa raggiunta corrisponde mediamente al livello B1 del Quadro di Riferimento Europeo delle Lingue Straniere per la prima e la seconda lingua; al livello B2 per la terza. 3

4 B) Composizione del Consiglio di Classe: Docente Materia/e Ore settimanali Monaco Italiano-Latino 4 3 Massimiliano Pais Giulia Storia-Filosofia 3 3 *Campus Lingua Straniera 3 Mariangela Inglese Trudu Marisa Inglese (Conv.) *Muscas Stefania Lingua Straniera 3 Pariggi Patricia Francese Francese (Conv.) *Orrù Carla Lingua Straniera 4 Lapaz Martinez Spagnolo Ismael Spagnolo (Conv.) Cocciolone Maria Matematica-Fisica 3-2 Teresa Soru Giovanni Storia dell Arte 2 Botta Paolo Educazione Fisica 2 Deriu Tamara Scienze 2 Amico Lucia Sostegno 9 Firma Scarpinati Federica Sostegno 9 De Palmas Antonella Religione Cattolica 1 *Con l asterisco sono contrassegnati i Commissari interni. Continuità didattica A. S. 2010/2011 IV B Variazioni: Lingua e Letteratura inglese, Storia e Filosofia, Disegno e Storia dell Arte; Lingua e Letteratura francese, Scienze. A. S. 2011/2012 V B Variazioni: Lingua e civiltà Spagnola, Italiano e Latino, Matematica e Fisica, Scienze, Storia e Filosofia. Il Dirigente Scolastico prof. Gian Domenico Demuro 4

5 C) Gli alunni Cognome e Nome Atzori Enrico Carta Stefania Cogotzi Silvia Guarracino Daniela Licheri Daniele Mele Giorgio Meloni Sara Muscau Michela Porcu Camilla Sanna Valeria Zacheo Monica D) Presentazione sintetica della classe La classe è formata da 11 alunni, 8 ragazze e 3 ragazzi, provenienti da Ghilarza e dai paesi del circondario. La classe risulta non del tutto omogenea in quanto a personalità, stili e ritmi di apprendimento, impegno nello studio e profitto; infatti sebbene in generale, gli alunni dimostrino interesse verso le discipline ed un gruppo ottenga ottimi risultati, non tutti però partecipano in ugual maniera e con lo stesso impegno al dialogo didattico educativo. Il comportamento è sempre stato corretto, i rapporti con le famiglie costanti e proficui e la frequenza assidua, ad eccezione di un allieva che in quest ultimo anno di corso ha sommato numerose assenze le quali rientrano,comunque, nel monte ore indicato dalla normativa. Motivazione e impegno si evidenziano anche nella buona partecipazione degli alunni alle attività extracurricolari quali l accoglienza delle classi prime, l orientamento per le terze classi della scuola media, la certificazione di lingua inglese, francese e spagnola (PET, DELF e DELE). Si sottolineano anche le 5

6 difficoltà derivanti dalla mancanza di continuità didattica in diverse materie (cfr. pag. 4). E) Obiettivi generali A seguito del rilevamento dei livelli di partenza, in sede di programmazione, il Consiglio di classe ha stabilito gli obiettivi trasversali da raggiungere e, in relazione ad essi, i criteri di valutazione. In particolare si è deciso di appurare: - la conoscenza dei contenuti disciplinari; - le competenze, ossia la possibilità di applicazione pratica dei concetti appresi; - la capacità di analisi, sintesi e rielaborazione, anche a livello critico; Si è altresì stabilito di considerare: - la capacità d uso del linguaggio specifico delle singole discipline; - il progresso o meno rispetto ai livelli di partenza; - l interesse e la partecipazione al dialogo educativo. Si è tenuto conto della volontà di applicazione a fronte di qualche difficoltà di apprendimento. In quanto agli obiettivi formativi di tipo educativo e relazionale si è stabilito di valutare : - La disponibilità all ascolto, all osservazione ed al dialogo; - La capacità di autocontrollo e di intervento; - Il rispetto delle persone, dell ambiente e delle regole; - L interesse e la partecipazione in classe; - La costanza nell applicazione; -L acquisizione di un proficuo metodo di studio; Dalle relazioni dei singoli docenti risulta che al momento attuale la classe per una parte rilevante ha raggiunto gli obiettivi, con conoscenze consolidate che sa elaborare; coglie le relazioni tra i vari argomenti; è in grado di operare analisi e sintesi; formula osservazioni personali e critiche, collegando i concetti a fenomeni o fatti generali. In alcuni allievi persiste qualche difficoltà rielaborativa, a causa di carenze pregresse e/o incostanza nell applicazione. 6

7 F) Obiettivi disciplinari raggiunti Per i percorsi, i contenuti, i metodi ed i risultati didattici relativi alle singole discipline d insegnamento si rinvia alle relazioni finali dei singoli docenti. G) Verifiche e valutazione CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO Per l assegnazione del credito scolastico, il Consiglio di classe si atterrà alle disposizioni contenute nell OM 40/2009 e nel DM n.5, dove si afferma che il voto sul comportamento concorre, unitamente alla valutazione degli apprendimenti, alla valutazione complessiva dello studente. Si terrà conto, quindi, dei seguenti parametri: 1. media dei voti; 2. credito scolastico (attività svolte all interno dell Istituto); 3. credito formativo (attività svolte all esterno dell Istituto e documentate da un Ente riconosciuto); Al fine di verificare l efficacia del processo educativo per ogni disciplina si è provveduto alle valutazioni attraverso prove scritte e/o orali, pratiche e grafiche. Si sono attuate strategie per il recupero, il sostegno, il potenziamento (allungamento dei tempi di assimilazione dei contenuti, controllo sistematico dei compiti e dei materiali, attività guidate con un livello di difficoltà crescente). Si è tenuto conto dei progressi compiuti dagli alunni in itinere in rapporto al livello di partenza, alle loro capacità di apprendimento, all impegno e interesse dimostrati. Apposite griglie concordate nei diversi dipartimenti si trovano allegate alle programmazioni delle singole discipline e a questo documento. H) Simulazioni di prove d esame effettuate Nel corso dell anno sono state effettuate due simulazioni di terza di prova ma ciascun insegnante nell ambito della propria disciplina,ha proposto verifiche strutturate secondo le varie tipologie d esame, A, B, C e mista e si è così accertato che la tipologia B è quella più consona alle caratteristiche degli allievi e quella in cui conseguono migliori risultati. Nella prima simulazione della III prova ( ) sono state coinvolte le seguenti materie: lingue straniere, fisica, storia, latino secondo le tipologie B e C. Nella seconda simulazione della III prova ( ) sono state coinvolte le seguenti materie: lingue straniere, matematica, filosofia, secondo la tipologia B (quesiti a risposta breve). Per i testi delle prove si rimanda agli esempi a disposizione in allegato. Inoltre gli alunni hanno avuto modo di esercitarsi nelle tipologie richieste per la prima e seconda prova d esame. 7

8 I) Attività di approfondimento svolte nella classe ed attività extracurricolari Il Consiglio di classe, concorde sull importanza di arricchire l offerta formativa, ha coinvolto gli alunni in attività integrative curricolari ed extracurricolari, a scuola e in ambienti extrascolastici. Risulta quindi la partecipazione della classe alle seguenti attività: Progetto Orientamento (accoglienza delle classi terze provenienti dalle scuole medie del territorio); Partecipazione al Circolo Filosofico. Iniziative promosse dall Assessorato alla Cultura del Comune di Ghilarza (conferenze, seminari, rappresentazioni teatrali ). Giornate di Orientamento promosse dalle Università di Cagliari, Sassari, Oristano e da altri Enti e Istituti formativi. 8

9 LE DISCIPLINE RELAZIONE DEL DOCENTE E PROGRAMMA SVOLTO. Docente: Prof. Massimiliano Monaco Materie: italiano e latino Distribuzione oraria: Tre ore settimanali di latino- quattro ore settimanali italiano Relazione finale La classe V B del Liceo Linguistico è composta da 11 alunni, di cui due si avvalgono dell insegnante di sostegno. Il sottoscritto è subentrato nel corrente anno scolastico. La classe ha denotato un impegno non omogeneo: una parte infatti ha sempre seguito le lezioni con attenzione e si è dedicata con costanza allo studio delle discipline; altri alunni hanno dimostrato minor costanza e un impegno piuttosto discontinuo. Bisogna però aggiungere che la maggior parte degli alunni in generale ha dimostrato interesse verso la maggior parte degli argomenti trattati. I risultati sono quindi piuttosto vari: una parte degli alunni ha raggiunto ottimi risultati, altri buoni o discreti mentre alcuni si attestano su livelli sufficienti. In latino, in particolare nella conoscenza morfosintattica, emergono lacune per taluni alunni. Programma svolto di lingua e letteratura italiana Obiettivi disciplinari Saper decodificare un testo letterario ed enucleare i motivi profondi, le parole chiave, gli elementi strutturali ( figure retoriche, ritmo, metrica) Saper contestualizzare il testo in relazione all esperienza dell autore e del periodo storico Focalizzare le tappe più significative di un epoca letteraria, di una corrente sapendo elaborare dei collegamenti con altre discipline (filosofia, latino, lingue straniere, storia) Confrontare le proprie idee con quelle dell autore e attualizzare, senza forzature, alcuni argomenti letterari e alcuni autori. Valorizzare la lettura come momento privilegiato per arricchire il proprio bagaglio culturale, terminologico, e acquisire maggiori strumenti per scrivere bene Confrontarsi con alcune tipologie testuali: il tema, il saggio breve, l articolo, per acquisire padronanza nell elaborazione scritta, capacità di argomentazione e di scrittura corretta. Saper discutere, esporre un proprio parere su temi di attualità supportato da una buona informazione, frutto di studio e di ricerca 9

10 Metodo Lezione partecipata Lezione frontale Lavoro di gruppo Mezzi Libro di testo: Guido Baldi, Silvia Giusso, Mario Razetti, Giuseppe Zaccaria-Voll. 4,5,6; Paravia Dante:Paradiso a cura di Merlante Prandi-La Scuola Contenuti 1 I Caratteri generali del Neoclassicismo e Preromanticismo in Europa (Ossian, Thomas Gray, J.J. Winckelmann). Johann Wolfgang Goethe: I dolori del Giovane Werther Lettura: lettera del 12 agosto. 2 Ugo Foscolo: l esperienza biografica; ideologia e poetica; Le Ultime lettere di Jacopo Ortis: trama e motivi dominanti Analisi e commento dei seguenti brani: lettera dell 11 ottobre Lettera del 4 dicembre ; lettera del 12 novembre. I sonetti Alla sera : analisi, commento e parafrasi A Zacinto : analisi, commento e parafrasi In morte del fratello Giovanni : analisi, commento e parafrasi Le odi: Ode all amica risanata analisi, commento e parafrasi Dei Sepolcri: Analisi e commento vv 1-50; ; ; ; sintesi e commento delle parti restanti. Le Grazie : progetto, contenuto, funzione poetica e ideologica. La poesia civile. Analisi, commento e parafrasi dei vv ( Il velo delle Grazie ). IL Foscolo didimeo; Foscolo critico letterario. 3 Aspetti generali del Romanticismo europeo: il romanticismo nero (Novalis, Hoffmann, Poe) e le tematiche negative come negazione del presente; l artista romantico; irrazionalià romantica; individualismo e tensione verso l assoluto; fuga nel passato: la nostalgia; l esotismo; stille e sensucht; i miti romantici: il genio, il popolo, l infanzia, il primitivo. 10

11 Arte e letteratura romantica: la poetica e la critica al principio d imitazione; la melancolia romantica, l attenzione verso gli umili e il quotidiano, il grottesco. Tratti generali della poesia romantica; il romanzo in Europa: Walter Scott. La peculiarità del Romanticismo italiano. Il movimento romantico in Italia e la polemica coi classicisti. Madame de Stael; i classicisti: Pietro Giordani; i romantici Italiani: Giovanni Berchet (brano dalla Lettera Semiseria ; il Conciliatore. 4 Alessandro Manzoni: la vita e l opera. La conversione. La poetica: il romanzesco e il reale, il vero storico e il vero poetico ( Lettre à M. Chuavet, passim, libro di testo pagg ); L utile, il vero, l interessante ( Lettera sul Romanticismo al Marchese D Azeglio, passim, pag. 406). Le caratteristiche degli Inni Sacri Le Odi: Il cinque maggio -analisi, commento e parafrasi. Le tragedie : il sistema tragico di Manzoni;le scelte tematiche e le innovazioni; la funzione del coro. Caratteri generali de Il conte di Carmagnola. L Adelchi: visione pessimistica della storia; Adelchi come eroe romantico. Il carattere di Ermengarda Lettura: Adelchi, atto IV, vv.1-30;85-120: analisi e commento, parafrasi svolta individualmente dagli alunni. I Promessi Sposi : il perché della scelta: I Promessi Sposi e il romanzo storico - Il quadro polemico del 600-L ideale manzoniano di società-l intreccio del romanzo e la formazione di Renzo e Lucia-La fine del romanzo: il rifiuto dell idillio- La concezione manzoniana della Provvidenza-Il problema della lingua. Letture: Capitolo III; IV; XI; XVII; XXI;XXXII;XXXIII;XXXIV. (lettura autonoma). Manzoni dopo I Promessi Sposi : la negazione della validità del romanzo storico. 5 La vita e le opere di Giacomo Leopardi La filosofia e la poetica leopardiana dagli Idilli alla Ginestra: la fase del Pessimismo Storico ; la fase del Pessimismo Cosmico ; l a poetica del vago e indefinito; il bello poetico; il particolare classicismo romantico di Leopardi. Gli Idilli; I grandi Idilli; Canzoni; il Ciclo di Aspasia; Operette Morali. Passi tratti da Zibaldone : la teoria del piacere( )- Il vago, l indefinito( ); indefinito e infinito ( ); Le parole poetiche( ); teoria della visione ( ); teoria del suono ( ); la doppia visione (4418); la rimembranza (4426). Letture: L Infinito analisi, commento e parafrasi; A Silvia analisi, commento e parafrasi; Le ricordanze analisi, commento e parafrasi; La quiete dopo la tempesta analisi e commento (parafrasi effettuata dagli studenti); 11

12 Il sabato del villaggio analisi,parafrasi e commento; Canto notturno di un pastore errante nell Asia Centrale ; analisi, parafrasi e commento. Il passero solitario analisi, parafrasi e commento; A se stesso analisi, parafrasi e commento; La Ginestra vv analisi, parafrasi e commento. Le Operette morali: Analisi e commento de Dialogo della natura e di un islandese ; analisi e commento de Cantico del gallo silvestre ; Caratteri generali dell ultima produzione leopardiana: I paralipomeni della Batracomiomachia ; la Palinodia al marchese Gino Capponi. 6 La cultura nell età postunitaria: Il Positivismo, la nostalgia romantica e il progresso; gli intellettuali. La scapigliatura: la contestazione scapigliata; Scapigliatura e romanticismo nero; Scapigliatura, Baudelaire, Poe; limiti della contestazione scapigliata. Letture: Emilio Praga, Preludio da Penombre. Analisi, commento e parafrasi. Il positivismo e il romanzo: Naturalismo e Verismo. Giovanni Verga, vita e opere; La svolta verista: la poetica dell impersonalità- eclisse dell autore, regressione; L ideologia verghiana: Le novelle di Vita dei campi :Rosso Malpelo: analisi e commento. Il ciclo dei Vinti: il progetto. I Malavoglia, il Mastro don Gesualdo e i romanzi incompiuti. Lettura integrale de I Malavoglia. Darwinismo sociale e pessimismo in Verga. 7 Il Decadentismo L origine del termine Decadentismo : Verlaine. La visione del mondo decadente. La poetica del Decadentismo. Le tecniche espressive. Temi e miti della letteratura decadente. La differenza tra Decadentismo e Romanticismo. Gabriele D Annunzio: la vita. L esteta; il Superuomo Tribuno; il panismo dannunziano; la sua posizione politica e letteraria; i rapporti con il regime fascista; le poetiche e i miti decadenti e D annunzio; il teatro; il periodo notturno. Letture: da Il Piacere, libro III, cap III; da Alcyone (Laudi): La sera fiesolana, analisi commento e parafrasi; La pioggia nel pineto analisi, commento e parafrasi; 12

13 Meriggio analisi, commento e parafrasi; da Notturno passim. Giovanni Pascoli: la vita; la visione del mondo; la poetica pascoliana e i contatti con la letteratura simbolista; La poetica del fanciullino: analisi e commento da Il fanciullino ; Myricae: caratteristiche generali della raccolta- i nuclei tematici analisi e commento delle liriche: X Agosto: analisi, commento e parafrasi; L Assiuolo: analisi, commento e parafrasi; Dall argine: analisi, commento e parafrasi; Novembre: analisi, commento e parafrasi; da Poemetti : Digitale Purpurea analisi, commento e parafrasi. 8 Le avanguardie: I futuristi (lettura da Zang tuum tumb di Filippo Tommaso Marinetti); I crepuscolari (lettura: Desolazione del povero poeta sentimentale, di Sergio Corazzini); I vociani (Dino Campana, L invetriata). Luigi Pirandello: la vita e la formazione La visione del mondo: il vitalismo bergsoniano -la critica dell identità individualela trappola della vita sociale- il rifiuto della socialità. La poetica: L Umorismo. Pirandello e il Decadentismo. Da L Umorismo : passim Da Le Novelle per un anno : Il treno ha fischiato ; La trappola; Ciaula scopre la luna. Il Fu Mattia Pascal: lettura integrale. Uno Nessuno Centomila: la destrutturazione del romanzo. Dopo il 15 maggio si prevede di svolgere i seguenti argomenti: terminare il canto XI del Paradiso; il teatro pirandelliano; La coscienza di Zeno, di Italo Svevo; 13

14 9 Dante e la Divina Commedia Il Paradiso: genesi e caratteristiche generali. I canti I-III- Presentazione-lettura-commento e analisi Tempi: Verifica e valutazione Le verifiche effettuate sono state scritte(due per ogni quadrimestre) e orali (due per ogni quadrimestre). Per la valutazione orale si rimanda alle griglie della programmazione per aree dell istituto. Per la valutazione dello scritto di italiano si allegano le griglie differenziate per ciascuna tipologia dell esame di stato (Tipologia A-B- C-D). Programma svolto di lingua e letteratura latina Obiettivi disciplinari Collocare il testo latino in un percorso e comprendere il suo significato complessivo. Analizzare il testo come occasione per cogliere le modalità della comunicazione letteraria nella cultura latina Analizzare i testi come occasione per cogliere i legami con le letterature moderne Saper tradurre correttamente un testo riconoscendo le strutture grammaticali che lo esprimono. Cogliere la ricchezza dei testi e degli autori coltivando la consapevolezza che rappresentano le radici della letteratura europea neolatina Riconoscere la tipologia dei testi, le strutture retoriche e metriche di più largo uso. Individuare i caratteri salienti della letteratura latina e collocare i testi e gli autori nella trama generale della storia letteraria Metodo Lezione partecipata lezione frontale Lavoro di gruppo Mezzi Libro di testo: Luca Canali, Camena,Einaudi vol. 1 (tomo 2); Vol.2 (Tomo 1-2) 14

15 Contenuti Dalla Repubblica al principato Gli eventi: dopo le idi di marzo del 44 a.c.-lo scontro tra Ottaviano e Antonio-La sopravvivenza formale della repubblica-la pax augusta- la cultura e la propaganda augustea-il consenso degli intellettuali-il classicismo della letteratura augustea Virgilio: L opera di Virgilio: l esperienza biografica Le Bucoliche: fonti-ambientazione-argomenti Le Georgiche: caratteristiche generali L Eneide: la celebrazione di Ottaviano-la struttura I modelli del poema- gli dei, la religiosità, il fato, il linguaggio e lo stile- la fortuna di Virgilio Analisi, traduzione e commento dei seguenti brani: Ecloga IV dalle Bucoliche. Dall Eneide: Il proemio ( vv.1-11); Ovidio: La vita e le opere; la produzione giovanile; Amores, ars amatoria, Medicamina faciei foeminae, Heroides, Fasti, Metamorfosi; opere dall esilio; letture (in traduzione) Amores I,9; Ars amatoria I, vv ; III vv Da Augusto ad Adriano. Roma dopo Augusto- I principali avvenimenti storici Nerone- Gli intellettuali e il potere- gli imperatori e la cultura. Seneca: l a vicenda biografica-l opera- caratteri generali dei Dialogi e dei trattati- la filosofia di Seneca- le Epistulae morales ad Lucilium- le caratteristiche generali delle tragedie- lo stile di Seneca Analisi dei seguenti brani: De vita beata I, 1-4: analisi, commento, traduzione. De Clementia I, 1-2: analisi, commento e traduzione. Epistulae Morales ad Lucilium,Epistula 47 (in Italiano). Epistulae Morales ad Lucilium, V 49, (1-2, 4-5; 8-9). I colpi dell avversa fortuna e l indifferenza del saggio ( De providentia 2, I-12) Lucano: La vita; Il poema e la critica al potere; confronto con l Eneide. Petronio: la vita. Motivazioni della scelta di Petronio come autore del Satyricon. Il Satyricon e le problematiche relative alla datazione. 15

16 Tra romanzo greco e letteratura comico-satirica. La Cena di Trimalchione e il realismo petroniano. La lingua, lo stile e la tecnica narrativa Lettura, analisi e traduzione del brano tratto da Satyricon 28-29, I; La matrona di Efeso (in Italiano) Marziale: la vita; gli epigrammi; la tecnica dell aprosdoketon; la società romana e Marziale; il poeta cliente. Letture: Epigrammi I,1 (in Italiano); I, 107 (analisi e traduzione) III,12 (analisi e traduzione); XII, 18 (in Italiano); VIII, 36 (in Italiano); X, 72 (in Italiano). Tacito: Vita e opere; la visione storica di Tacito; l interpretazione del principato e lo smascheramento del potere. Letture: Annales, I,1 (traduzione, analisi e commento) Dopo il 15 maggio si terminerà la trattazione di Tacito e verranno svolti alcuni approfondimenti sugli autori trattati. Verifica e valutazione Sono state effettuate verifiche scritte ( due per quadrimestre) e orali ( due per quadrimestre). La simulazione di terza prova di latino( allegata) è stata effettuata nel mese di Marzo e comprendeva quesiti di letteratura e un breve esercizio di traduzione tra quelli svolti in classe. L insegnante Massimiliano Monaco Gli studenti 16

17 LINGUA e CIVILTA INGLESE Docente: Mariangela Campus Svolgimento del programma, criteri didattici seguiti e mete educative raggiunte. Il programma di lingua inglese (L3) svolto dalla classe V B contribuisce, in armonia con le altre discipline, allo sviluppo delle capacità culturali e personali degli studenti. Obiettivo principale è stato lo studio della letteratura inglese e della società Britannica in un momento di fondamentale importanza che va dall epoca delle grandi rivoluzioni la sconfitta di Napoleone e i nuovi assetti europei sino all epoca moderna, passando attraverso i grandi cambiamenti causati dalla rivoluzione industriale e variamente osservati dagli scrittori di epoca tardo Romantica e Vittoriana. Si è, inoltre, effettuato un confronto fra la nostra realtà socio culturale e quella oggetto di studio dei paesi anglosassoni per una fattiva presa di coscienza dei valori, della storia, la filosofia e l economia di altre comunità e intravedere in nuce i prodromi di un Europa unita. La classe è disomogenea dal punto di vista dei risultati conseguiti: un gruppo di allievi consegue ottimi risultati, alcuni possiedono una competenza comunicativa appena sufficiente. Nel corso del quinquennio, ho creato occasioni di crescita linguistica e di motivazione per la classe: un gruppo di alunni durante la frequenza della quarta classe,ha partecipato ad uno stage linguistico di quindici giorni a Londra nell ambito del progetto Sardegna speaks English. Ritengo quest esperienza di grande valore sul piano del confronto culturale e dell educazione alla cittadinanza oltreché della motivazione all apprendimento della lingua Inglese. Alcuni alunni hanno partecipato alle attività del MUN, simulazione delle sedute delle Nazioni Unite, che si tengono annualmente presso il Liceo Fermi di Nuoro e Spano di Sassari,analizzando in lingua, la situazione socio economica e dei diritti umani degli Stati che rappresentavano, proponendo risoluzioni e partecipando alle discussioni con gli alunni degli altri stati membri. Per quanto riguarda la metodologia si è proceduto dalla comunicazione orale (speaking) con le funzioni più immediate per pervenire a funzioni complesse ed oggettive. I brani tratti dalla letteratura Face to Face sono stati divisi in sequenze per individuare i principali concetti e i collegamenti di causa ed effetto e sono stati ripercorsi oralmente per ricomporre l unitarietà. 17

18 I brani antologici proposti sono stati analizzati principalmente in chiave strutturalista ma è sempre stata tenuta presente la contestualizzazione e l individualizzazione dei principali nodi tematici relativi al periodo in analisi. Per quanto è stato possibile si è cercato di differenziare, graduare e individualizzare il lavoro in modo che ogni allievo potesse trovare spazi di intervento personali. In relazione agli obiettivi generali gli allievi sono in grado di comunicare, ascoltare e leggere prodotti linguistici soggettivi ed oggettivi e di utilizzare il vocabolario monolingue. Per quanto riguarda infine l attività scritta (Writing) sono state proposte alla classe i testi degli esami ministeriali di maturità linguistica degli anni precedenti in modo da riprendere,contestualizzandolo in modo appropriato, il programma svolto di grammatica e sintassi,ampliare il lessico e riflettere su tematiche attuali che potrebbero essere oggetto di prova d esame e che debbono comunque far parte del background culturale degli alunni. Sono state svolte, a tal fine, alcune unità didattiche dal testo F.C.E.( livello B2 ) ed. Cideb a completamento del percorso linguistico e culturale iniziato nel terzo anno..durante le ore di conversazione con l insegnante di madrelingua,marisa Trudu, sono stati svolti argomenti collegati a parti di programma svolto. Criteri di valutazione Al termine di ogni unità o modulo di lavoro si è proceduto alla verifica audio orale e/o scritta mirata ad accertare il conseguimento degli obiettivi. Le verifiche sono state intese come la normale conclusione di un attività in modo da eliminare, per quanto possibile, l elemento ansiogeno. Sono state utlizzate prove libere e semistrutturate e la classe, talvolta, è stata coinvolta nell attività di correzione e computo del punteggio finale secondo la griglia di valutazione proposta ed accettata dai Docenti della classe. Si sono utilizzati i libri di testo menzionati, si è fatto uso del computer, del videoregistratore per alcuni film in lingua e del fotocopiatore. La frequenza è stata regolare e il comportamento degli allievi sempre corretto e partecipe. I rapporti con le famiglie degli allievi, sebbene limitati ai momenti istituzionali, sono stati positivi. Programma svolto Romanticism: main features. Historical and social background of Romanticism Reason vs sentiment 18

19 .The First Generation of Romantic Poets: Nature as one of the main themes of English Romanticism:Wordsworth s Daffodils. Text analysis. Imagination and escape in Romanticism :Coleridge s The Rhyme of the Ancient Mariner.Text analysis,main features and use of symbols. The Second Generation of Romantic Poets: La Belle Dame sans Merci by J.Keats and its influence in the work of the Pre Raphaelites. Victorian Age Victorian society: the Reform Bills, Chartism,The Empire. Victorian values. The Condition of England Novel :Charles Dickens : D.Copperfield Child labour, workhouses and condition of workers( Factory Acts).. The Aesthetic Movement The Portrait of Dorian Gray by O.Wilde..The theme of the double ; the myth of Narcissus and of the Faustian pact. Vision of the film D. Gray. Modernism Historical background; a new view of human nature,history, time, a deep cultural crisis. The War Poets; Dulce et Decorum est by W.Owen : text analysis. J.Joyce. 19

20 Eveline from Dubliners. Text analysis,literary devices,symbology. yes I will Yes from Ulysses. The Mythical method. Stream of consciousness and interior monologue. Epiphany and theme of paralysis. 20

21 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE A. VOLTA RELAZIONE SUL PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE VB LINGUISTICO A. S PREMESSE Il programma ha avuto inizio con attivita di revisione ed approfondimento di alcuni argomenti trattati l anno precedente. Le proposte di lavoro vertenti su temi ancorati alle linee di sviluppo storico-sociale della letteratura e cultura francese dei sec. XIX e XX sono state oggetto di costanti verifiche lungo il corso del presente anno scolastico. Attraverso la lettura e l analisi di brani tratti da opere di genere narrativo e poetico, si è riflettuto su personaggi del panorama culturale: scrittori, artisti, condottieri che hanno influenzato l immaginario delle generazioni di giovani vissute nell In particolare sui temi in oggetto, in compresenza con l insegnante di conversazione, sono state svolte attività quali la visione dell opera lirica Carmen di Bizet al teatro lirico di Cagliari. Attività, questa, preceduta e seguita dallo studio e analisi comparata della figura della gitane nell opera di P. Merimée e della Esmeralda in Notre-Dame de Paris di V. Hugo. Per quanto attiene ai temi di attualità, la partecipazione alla conferenza sul caso Englaro e il testamento biologico ha dato luogo a lavori di riflessione e ricerca vertenti su aspetti sociali e etico-giuridici legati alla normativa regolante questa materia in Italia e Francia. Inoltre sono stati oggetto di conversazione e rielaborazione temi legati alla sfera esistenziale : l indifférence, la solitude, la perception de l étranger, l immigration attraverso passi tratti da opere di A Camus, M. Yourcenar e T.B. Jelloun. Si è cercato di adeguare la complessità delle tematiche trattate sia alle conoscenze derivanti dallo studio di altre discipline già possedute dagli studenti, sia alle competenze linguistiche raggiunte attraverso lo studio della lingua nell arco dei primi due anni del triennio. OBIETTIVI OPERATIVI a- Ampliamento e arricchimento delle competenze linguistico-comunicative; b- Approfondimento e articolazione della sistematizzazione grammaticale su una piu ricca gamma di esponenti linguistici e di registri; c- Sviluppo delle abilita di analisi e sintesi dei testi proposti; d- Sviluppo della competenza di argomentare in situazioni di comunicazione che richiedano l espressione di opinioni personali, conoscenze culturali acquisite in altre discipline o desumibili dalle proprie esperienze; e- Sviluppo delle capacita critiche; f- Sviluppo delle abilita organizzative e progettuali; 21

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli