Attaccamento e coscienza di legame in Giappone Riflessioni psicoanalitiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attaccamento e coscienza di legame in Giappone Riflessioni psicoanalitiche"

Transcript

1 Attaccamento e coscienza di legame in Giappone Riflessioni psicoanalitiche CHIARA ROSSO Introduzione Gli osservatori occidentali che si sono interessati alla cultura giapponese sottolineano la presenza di qualcosa di misterioso ed ineffabile che sfugge allo studio più meticoloso. Ne fa un accenno il giornalista Federico Rampini (L Impero di Cindia, 2006) nel suo saggio sulle «tigri asiatiche» o nuove potenze orientali emergenti. Jorge Canestri, nella sua prefazione al libro di Takeo Doi Anatomia della dipendenza (1973), ricordando la complessità della lingua giapponese e le difficoltà connesse al problema della traduzione, riporta un passaggio della conversazione tra il filosofo Heidegger (1959) e il conte giapponese Shuzo Kuki. Heidegger concludeva il dialogo con il suo interlocutore suggerendo l idea che quanto più «Il mondo orientale traluceva in luminosa chiarezza, più distinto emergeva il pericolo implicito» nei dialoghi giacché: «Il pericolo dei nostri colloqui si nascondeva nella lingua stessa, non in ciò che noi discutevamo, e neppure nel modo in cui cercavamo di discuterlo» (corsivo mio) poiché la lingua ha uno spirito e lo spirito della lingua giapponese può rimanere inaccessibile all interrogante [occidentale] (Doi,1973, 8). Considerando alcuni aspetti propri alle due culture, tenterò di circoscrivere la mia riflessione ad un area essenzialmente psicoanalitica. Tuttavia, addentrarsi nel territorio della psicoanalisi giapponese, per un occidentale, equivale al cimentarsi in una lingua straniera con tutte le difficoltà e insidie che questa operazione comporta dal momento che anche la «lingua» psicoanalitica condensa in sé un mondo intero e porta il sigillo della cultura a cui appartiene. Consapevole dei limiti della mia osservazione, traggo incoraggiamento dalle parole di Goethe «chi non conosce una lingua straniera non conosce la propria» (Doi, 1973, 8) e dirigo uno sguardo a «volo d uccello» sulle dimensioni dell attaccamento, della dipendenza e del legame nella cultura giapponese, sottolineandone differenze e similitudini con quella occidentale. Approfondisco la relazione precoce madrebambino e la peculiare funzione di «ponte» che la figura materna sembra esercitare per favorire il passaggio del piccolo alla comunità gruppale. A tal fine mi sono avvalsa di contributi psicoanalitici orientali che in parte elenco, come quelli offerti dai lavori di Heisaku Kosawa (1932) sul concetto di colpa e del mito di AJASE, di Takeo Doi (1973) sulla questione della dipendenza, di Keigo Okonogi (1977) sulla famiglia giapponese, di 1

2 Osamu Kitayama (1985) per quanto concerne l AMAE. Sul fronte occidentale l insegnamento di diversi autori mi ha, naturalmente, accompagnata. Menzionandone solo alcuni, ho fatto riferimento, a proposito delle teorizzazioni concernenti il legame, al pensiero di Bion (1959), di Pichon Rivière e degli Scharff (2011). Il lavoro di Bolognini (2002) sull empatia mi è stato di grande aiuto per sondare le possibili connessioni tra l area del legame e il concetto di AMAE. Infine, le osservazioni di Freeman (2009), psicoanalista statunitense che si è interessato in modo approfondito alla psicoanalisi in Giappone, sono state per me centrali. Per contestualizzare meglio le mie riflessioni, ho attinto preziose informazioni da un classico dell antropologia sui modelli culturali giapponesi Il crisantemo e la spada (1946) di Ruth Benedict. 1 Qualche cenno storico-sociale Il motto giapponese «Ogni cosa al suo posto» ci illumina riguardo al concetto di gerarchia, elemento strutturale di questa società. Malgrado le rivoluzioni interne attraversate dal Giappone nel corso dei secoli, esso è ancora attuale e permea profondamente questa cultura, interessando sia il nucleo famigliare che la collettività. Il Giappone del VI, VII secolo D.C. importa dalla Cina la religione e la scrittura, modificandole entrambe per adattarle alla sua matrice culturale. Il Buddismo già arrivato in Cina dall India, viene considerato una perfetta religione di stato poiché si sposa con la complessa teoria del legame e delle interazioni gruppali che caratterizzano il paese, mentre lo Scintoismo sussume il politeismo preesistente. A differenza di ciò che accade per la Cina, la figura dell imperatore giapponese è considerata di origine divina. L imperatore vive appartato e non si mostra pubblicamente. L alone sacrale che lo avvolge ha un ruolo coesivo nei riguardi del corpo sociale. In occasione degli ultimi eventi catastrofici che hanno funestato il Giappone, l attuale imperatore Akihito è comparso in via eccezionale agli occhi del suo popolo per un breve discorso televisivo (16 marzo 2011), rompendo una tradizione di estrema riservatezza. Il Giappone è dunque una società essenzialmente aristocratica che tiene conto della diversa posizione sociale occupata dagli individui, oltre che delle differenze di sesso, di età e del tipo di legami famigliari. Come altri popoli del Pacifico il Giappone possiede una «lingua del rispetto» (Benedict, 1946, 58); essa regolamenta i rapporti interpersonali attraverso un raffinato cerimoniale interessante la postura e si declina in vari tipi di inchini e di manifestazioni gestuali. Rivolgiamo brevemente il nostro sguardo alla storia del Giappone, avvalendoci del 1 Il «Crisantemo e la spada» (1946) viene commissionato all Autrice dall Office of War Information degli Stati Uniti e pubblicato all indomani di Hiroshima. Diventato il «manuale breviario» delle forze americane di occupazione in Giappone, rimane ancor oggi, malgrado la sua datazione, un documento di impressionante attualità e di grande lucidità. 2

3 contributo della Benedict (1946) e notiamo quanto segue. Il Giappone feudale del 600 è suddiviso in caste. 2 Con l avvento dell era dei TOKUGAWA, al potere per un paio di secoli, il paese attraversa una fase evolutiva particolare. L imperatore, considerato fino ad allora la massima autorità, viene relegato ad un ruolo di pura rappresentanza mentre è lo SHOGUN, o comandante armato supremo, a dominare la scena. I TOKUGAWA vegliano sull equilibrio omeostatico delle classi sociali: la casta dei commercianti è frenata nella sua espansione e quella dei samurai-guerrieri limitata nel suo potere militare. Questi due «poli» della società, infatti, pur costituendo una risorsa, possono anche rappresentare un pericolo, ragione per cui sono confinati a ruoli specifici. Con il crollo dei TOKUGAWA e la restaurazione del potere imperiale dell epoca dei MEJI (1868) il Giappone subisce una nuova rivoluzione interna ed entra nell epoca moderna. Mentre in occidente la crisi dei regimi feudali e i laceranti conflitti intestini creano le condizioni perché si sviluppi ed emerga il cosiddetto «ceto medio», il Giappone conserva la sua intrinseca organizzazione gerarchica e vede svilupparsi nel suo seno una progressiva «mobilità sociale» (Benedict, 1946, 84). Si verifica cioè una condizione assolutamente originale e propria del Giappone in quanto la casta dei mercanti «compra» una condizione sociale superiore stringendo alleanze coi samurai. Si ridisegnano così gli equilibri interni senza tensioni eccessivamente critiche tra l aristocrazia e la borghesia, come in una sorta di rivoluzione silenziosa. Il rispetto irrinunciabile e in qualche modo strutturante della gerarchia, nonché le particolari qualità dei legami interpersonali, famigliari e societari, garantiscono una transizione relativamente indolore verso l era moderna e tendono a fondare ancora oggi la peculiarità delle interazioni giapponesi. Il «Complesso di AJASE» nella psicoanalisi giapponese La psicoanalisi arriva presto in Giappone innestandosi su un terreno fecondato da una solida cultura psichiatrica che si è diffusa, sulla scia delle idee di Emil Kraepelin, intorno al In seguito all incontro di Marui con Freud, viene fondato nel 1933 il primo ramo dell IPA a Sendai. È però Heisaku Kosawa (1932) la figura più intraprendente e feconda nel divulgare il messaggio freudiano. Considerato il padre della psicoanalisi giapponese, egli sottopone a Freud una rivisitazione del complesso di Edipo che chiama «Complesso di AJASE». In questo complesso, che trae origine dalla rielaborazione di un antico mito indiano, è l ambivalenza materna nei confronti del figlio che viene messa particolarmente in luce rispetto al versante edipico. Riportiamo la storia del mito indiano. In un antico regno indiano la coppia regale formata da Bimbisora e dalla regina Vaidehi non riusciva ad avere figli. La regina, temendo di perdere l amore del marito se 2 Vi è la casta privilegiata dei samurai-guerrieri, quella dei contadini e quella degli artigiani. Segue la casta dei mercanti subito al di sopra di coloro che sono considerati gli «intoccabili» o gli ETA, rappresentati dai becchini, conciatori di pelle, spazzini 3

4 non gli avesse dato un erede, consulta un indovino che le predice che nel giro di tre anni, un saggio abitante in una foresta, sarebbe morto reincarnandosi nel suo seno. La regina, impaziente, non attende il tempo stabilito e fa uccidere il saggio. Costui, morente, proferisce una maledizione secondo la quale egli si sarebbe sì reincarnato in lei ma un giorno suo figlio l avrebbe uccisa. Ella rimane incinta e, tormentata dalla maledizione, tenta invano di abortire. Subito dopo il parto infine, butta giù il neonato da un alta torre. Il neonato sopravvive riportando solo la frattura del dito mignolo (verrà per questo chiamato AJASE che significa: «il principe dal dito rotto»). I postumi della frattura resteranno il segno del «rancore prenatale» (MISHON) della madre nei suoi confronti. Una volta adulto, AJASE apprende la storia delle sue origini. Una profonda disillusione lo investe così come intensa era stata l idealizzazione della madre durante la sua infanzia. Divenuto re, progetta di vendicarsi della madre e si accinge ad ucciderla come già aveva fatto col padre, di cui aveva usurpato il trono. AJASE viene però dissuaso dai suoi consiglieri dal procedere in questa intenzione omicida e successivamente, animato da un profondo senso di colpa, sviluppa un conflitto a causa del quale si ammala. Il suo corpo si riempie di pustole maleodoranti e nessuno può più avvicinarlo. Solo la madre, sostenuta dal Buddha ancora vivente, decide di perdonarlo e di occuparsi di lui, alleviando le sue sofferenze. La leggenda narra che AJASE guarisce divenendo in seguito un sovrano apprezzato e illuminato. In questo mito l aspetto del figlicidio precede quello del matricidio, come già Rascovsky (1974) aveva sostenuto in un lavoro sulla rivisitazione dell Edipo e come ricordano Carloni e Nobili (2004) nelle loro riflessioni riguardo alla clinica del figlicidio. AJASE catalizza su di sé una linea di sangue: vi è il rancore del saggio assassinato e i ripetuti attentati materni nei suoi confronti ma AJASE sopravvive agli istinti figlicidi e, diminuita l ambivalenza materna, gode della relazione fusionale e idealizzata con la madre. Quando l idealizzazione viene meno ed apre gli occhi sulla propria storia, nutre vendetta e rancore verso una madre che è stata manchevole. Pensiamo al lancio dall alto della torre e più tardi alla malattia del suo «involucro-pelle», come manifestazione tardiva che segnala un difetto del contenitore primario (Bleandonu, 2002). In AJASE il desiderio di vendetta lascia però il posto alla vergogna per i suoi istinti matricidi e al senso di colpa associato al pentimento. Kosawa (1932) si basa su questa narrazione mitologica per illustrare due tipi di sensi di colpa: quello infantile legato alla paura della punizione (castrazione) e quello più adulto legato alla consapevolezza della colpa che conduce al pentimento e al desiderio di riparazione. Sia il senso di colpa che il desiderio di riparazione affondano le loro radici nella gratitudine o debito morale ON nei confronti della madre. L Autore riprende l idea della Klein ( ) riguardo al senso di colpa depressivo, legato all istinto di vita e il senso di colpa persecutorio, connesso all istinto di morte, sviluppandoli però in due tempi appartenenti a due età della vita distanziate tra di loro. La psicoanalisi giapponese riflette l enfasi della relazione madre-bambino preedipica nei suoi aspetti legati all oralità e all ambivalenza. Nella relazione diadica fusionale della madre con il bambino, 4

5 l ambivalenza assume in qualche modo un ruolo strutturante e contribuisce al ridimensionamento dell onnipotenza della coppia preparando il terreno al successivo avvento della triangolazione edipica. Il Complesso di AJASE sembra quindi includere sia l ipotesi kleiniana che quella edipica. Inoltre, l alternarsi della ostilità con la gratificazione fa sì che la gratificazione non sia scontata divenendo in questo modo un attitudine alla riparazione ed alla accettazione della dipendenza. La dipendenza d altra parte, a differenza di ciò che avviene in occidente, è considerata un valore; essa consente l interiorizzazione di un forte legame con la madre ed influenza più tardi la qualità del legame che il soggetto stabilisce coi membri del gruppo di appartenenza. L attitudine alla riparazione che accompagna l individuo durante tutto il suo percorso vitale potrebbe essere ricollegabile alla teorizzazione dell AMAE. L enigma dell AMAE L AMAE è un concetto della psicoanalisi giapponese di difficile traduzione, non ha una precisa corrispondenza nel pensiero occidentale. L AMAE è a metà strada tra l amicizia e l amore benché esprima più della prima condizione e meno della seconda. Potremmo anche dire che è un sentimento ineffabile che lega emotivamente due individui, un anelito o desiderio mai completamente soddisfatto. È una condizione della relazione che si esprime su di un registro non verbale, si esperisce ma non si racconta. L AMAE affonda le sue radici nel rapporto madre-bambino. Doi (1973), lo indica come un sentimento che nasce nella seconda metà del primo anno di vita del bambino quando questi comincia a reclamare la madre che riconosce esistere indipendentemente da lui. L AMAE è quindi anche un tentativo di negare la separazione indulgendo nella relazione fusionale e regressiva con la madre. Per Balint (1968), in seguito agli scambi avuti con Doi, questo concetto è assimilabile a quello dell amore primario e alle sue trasformazioni nel corso dell esistenza dell individuo. Ne fa cenno nel suo lavoro, The basic fault (1968,194). L AMAE sarebbe dunque una caratteristica psicologica dell individuo giapponese. Il concetto di AMAE descrive un ampio arco che abbraccia l area emotiva connessa con l attaccamento, la dipendenza e il desiderio affettivo che si sviluppa tra due persone. L AMAE è identificabile come un formidabile motore del legame; offre il rifornimento libidico di cui l individuo necessita durante la sua vita e a cui può attingere nel corso delle sue molteplici interazioni con l altro. Potremmo avvicinare il concetto di AMAE anche a quello di una regressione attiva (a differenza della passività) al servizio dell Io, di una regressione influenzata e disciplinata dalle pratiche ispirate alla tradizione buddista, come per esempio l autocontrollo e la meditazione, tanto per citarne alcune. Legami d Oriente e d Occidente: una trama complessa Riflettendo sul complesso di AJASE, le particolarità del concetto di AMAE e la 5

6 conflittualità tra madre e bambino, possiamo notare come lo svilupparsi del senso di colpa e l attitudine alla riparazione si articolino tra di loro in modo complesso. Queste dinamiche fondano a loro volta il legame tra l individuo e il gruppo in un rapporto di reciprocità: l individualità del singolo si legittima attraverso l appartenenza al gruppo. Sul piano simbolico, dunque, il gruppo assume un ruolo centrale e rappresenta l equivalente della legge paterna nella cultura occidentale. Come sottolinea Maurice Pinguet (2002): «Se il Super-Io occidentale si basa sulla interiorizzazione della legge del padre, il Super-Io giapponese si basa sulla coscienza di legame». Del resto, anche nel campo del diritto e della organizzazione sociale del paese, ritroviamo analogie con ciò che descriviamo sul piano psicologico. Chiara Gallese, nel suo libro (2002, 14), riguardo alla storia dell ordinamento giuridico in Giappone scrive: «Il rispetto delle norme sociali è assunto come imperativo categorico e la coercizione risiede non nella minaccia di una sanzione di legge ma nella riprovazione sociale». E ancora: «[ ] Esiste in Giappone un quasi-diritto non scritto, tradizionale, geneticamente conculcato nella coscienza individuale e di massa che spesso e volentieri sovrasta il diritto ed influenza enormemente il comportamento» (tratto da Villa, 2002, 157). Affrontando il tema del legame, diamo uno sguardo alle sue definizioni. Etimologicamente il legame significa «tenere insieme qualcosa» e nel contempo evoca l idea di uno scioglimento. Si tratta di un concetto complesso che include vari significati; esso rinvia all immagine del contenitore di Bion (1959), allo spazio transizionale winnicottiano (1958), oppure ancora all Io pelle di Anzieu come involucro gruppale (1985) e naturalmente al concetto di attaccamento sviluppato da Bowlby (1988). In Argentina, negli anni 50, Pichon Rivière approfondisce la teoria del legame, vinculo (Berenstein, 2010) in base alla quale la psiche individuale si sviluppa secondo due assi: quello verticale che collega l individuo alla generazione precedente e alla cultura d origine, e l asse orizzontale che lo collega alla famiglia e al gruppo sociale di appartenenza. Il legame indicherebbe quindi una struttura super-ordinata alimentata dall interazione personale. «I legami si costituiscono a partire dai bisogni infantili di amore, cura, comprensione, riduzione della frustrazione e della aggressione e gratificazione sessuale, che persistono per tutta la vita». (Scharff D. e J., 2011, 2). La teoria del legame completa ed estende quella delle relazioni oggettuali nello studio e nel trattamento degli individui, della famiglia e delle istituzioni. Idealmente (pensando all immagine di una catena), il legame è raffigurabile non solo come un anello che congiunge altri due anelli ma anche come una maglia, parte integrante di una rete più o meno vasta e complessa, delle relazioni umane. Il legame esprime le relazioni oggettuali interne, le interazioni delle persone con l esterno ed infine la zona intermedia. Si tratta di una organizzazione globale alla cui fondazione concorrono tutti i partecipanti i quali a loro volta ne sono essi stessi organizzati. Attraverso il legame infine, quello che è interattivo o interpersonale diventa intrapsichico e ciò che è psichico diventa interpsichico (Bolognini, 2008). Affrontare il tema dei legami in Oriente, è un po come giocare al gioco dello 6

7 «SHANGAI». 3 È però difficile estrarre un singolo stecchino dal mucchietto senza simultaneamente far precipitare gli altri che gli fanno da supporto, che sono sopra o sotto di esso o semplicemente contigui. D altra parte è proprio l insieme degli stecchini che dà risalto al singolo e ne definisce la posizione. Lo «stecchino-legame», allora, ci appare in stretta connessione con una cascata di concetti tra cui L ON (debito), L AMAE (dipendenza), il MISHON (risentimento), L HAJI la (vergogna) che concorrono a caratterizzare la ricchezza delle interazioni presenti in questa cultura orientale. Nelle frequenti raffigurazioni della coppia madre-bambino ad opera dell artista giapponese Utamaro (2009) possiamo osservare come il piccolo, pur aggrappandosi alle vesti materne con una manina, si protenda verso il mondo esterno con la parte opposta del corpo. Mi sembra che il dettaglio di questa immagine rappresenti efficacemente il legame madrefiglio nella società giapponese. La madre intreccia un rapporto fusionale di lunga durata con il suo bambino per un tempo assai lungo rispetto ai canoni occidentali. Ella è il grembo che accoglie il piccolo e nel contempo si costituisce come un ponte di accesso alla dimensione gruppale. Due concetti possono illustrare la «specificità» giapponese ed essere utilizzati, a mio avviso, come una chiave di lettura del sistema etico-simbolico di questa cultura: il BONSAI e il KOAN. Il primo esprime «l arte di coltivare un piccolo albero in un piccolo vaso». Formato da due ideogrammi BON (contenitore) e SAI (educare/coltivare), il BONSAI è qualcosa di più di una semplice tecnica botanica nata in Cina e perfezionata in Giappone, il BONSAI risente dell influenza buddista e rappresenta l unione della natura con l arte. Il KOAN, anch esso di origine cinese (KO = pubblico e AN = regola) è una tecnica meditativa del culto buddista zen. Ha il significato di un dilemma a cui non c è risposta oppure può anche indicare una espressione paradossale (ne è un esempio l idea de «l applauso con una sola mano»). Il KOAN potrebbe attagliarsi all immagine della madre giapponese cioè di una figura che nella relazione col bambino esprime l apparente inconciliabilità di opposte dimensioni, la dipendenza fusionale duale e l accesso al rapporto «plurale». Del resto anche la stessa cultura giapponese, nella sua qualità enigmatica, si presenta a noi sotto le vesti di un KOAN, e fa appello alla nostra umiltà e ad un certo grado di illuminazione interna per essere compresa. Secondo una espressione rimasta celebre, la Benedict (1946,245) ha definito il Giappone come la cultura della vergogna, paragonata all occidente impregnato da una cultura della colpa. È solo con l occidentalizzazione che si assiste ad una graduale transizione da una dimensione all altra. Ad ogni modo, il Giappone sembra esprimere una 3 Questo gioco di società consiste nel gettare un insieme di stecchini lunghi, di diversi colori, su di un piano orizzontale. Vince chi riesce ad accaparrarsi il numero maggiore di stecchini affastellati, del colore scelto, senza muovere gli altri. 7

8 raffinata cultura del legame. Riflettendo sui contributi psicoanalitici giapponesi relativi a questo tema, un aspetto che accomuna le varie declinazioni del legame è rappresentato dal fatto che esso non si recide. Il legame viene plasmato piuttosto, modellato e adattato alla situazione specifica o all esigenza del momento. Abbiamo colto questo fenomeno anche a proposito delle trasformazioni storiche avvenute in Giappone, in occasione delle nuove alleanze tra samurai e commercianti dell epoca post feudale. In campo botanico, la tecnica stessa del BONSAI offre un mirabile esempio di «addomesticamento» del legame. Nell ambito delle relazioni socio-famigliari il legame può anche essere «moltiplicato», ne è un esempio l antica pratica dell adozione del marito (Benedict, 1946, Okonogi, 1977). In un casato con solo figlie femmine il padre «adottava» un marito per la figlia, marito che, rinunciando al suo nome, diventava parte integrante della famiglia (nell eventualità che il marito si trovasse schierato in battaglia contro il proprio padre avrebbe dovuto essere fedele al nuovo casato). Questa pratica adottiva estende il concetto di legame ad una dimensione «parafamigliare» che ricorda il sistema clanico di devozione assoluta al signore del feudo Daimyo (Benedict, 1946) più che ai componenti della propria famiglia. La forza del gruppo dunque, trascende i vincoli famigliari originari. A questo proposito K. Nohara (1936) citato dalla Benedict (1946, 138) così si esprime: «Proprio per l alta opinione che hanno per la famiglia, i giapponesi mancano totalmente di rispetto per i singoli componenti di essa e per il legame che li unisce tra di loro come individui». Da questa frase possiamo evincere che una certa quota di violenza animi le dinamiche intrafamigliari, dove i desideri dell individuo devono adeguarsi alle regole implacabili del gruppo. L ostilità è tuttavia contemplata ed accettata. Nell infanzia si tollera che il bambino sfoghi la sua collera nei confronti della madre, poiché si pensa che così facendo egli possa fortificare la sua personalità. Anche le forti rivalità tra fratelli e le conflittualità all interno della parentela sono considerate normali. Ricordiamo, ad esempio, le cosiddette parenti-del riso-freddo di cui parla la Benedict (1946, 137), termine con cui vengono connotate le vedove in difficoltà accolte dalla parentela. Se da un lato esse vengono aiutate, dall altro sono trattate senza riguardo e, da ultime arrivate, mangiano un riso ormai «freddo». Nelle interazioni orientali, esplorate fino ad ora, notiamo la presenza di un particolare investimento della zona intermedia del legame (Scharff, 2011). Cioè di quella parte che è connessa con la funzione del legame o funzione di collegamento in senso bioniano (1959) piuttosto che con l oggetto stesso del legame. Analogamente, l idea di globalità, nella sua espressione più diffusa, tenderebbe a trascendere l unità del singolo individuo. Adottare un sistema di pensiero analogico piuttosto che digitale ci avvicina maggiormente alla comprensione della circolarità dell esistenza, di ispirazione buddista. La dimensione etico-simbolica giapponese, del resto, non contempla l opposizione dualistica tra bene e male, entrambi gli elementi sono costitutivi dell essere umano e, seconda delle circostanze, potrà prevalere nell individuo l animo «nobile» o quello «rozzo». L attenzione per la zona intermedia del legame, piuttosto che per l oggetto del legame, ci porta ad associare con le osservazioni relative al concetto giapponese di Sé o JIBUN, di un Sé cioè 8

9 che tra le sue qualità annovera quella di poter «non essere» o di «sfumare» finanche a sparire. Doi ricorda infatti come esista un espressione relativa all eventualità di non possedere un Sé, di essere cioè jibun ga nai e, scrive Doi, questo fatto è: «probabilmente tipico ed esclusivo della lingua giapponese [ ] è tuttavia interessante chiedersi perché i giapponesi si siano presi la briga di sottolinearne la presenza o l assenza. In occidente nessuna lingua offre equivalenti corrispondenti a questa espressione» (Doi, 1973, 135). Si può pensare che la zona intermedia del legame e il Sé «sfumato» si armonizzino col pensiero buddista e con la tradizione zen secondo la quale il soggetto e l oggetto si confondono finendo per coincidere. In questo stesso orientamento si collocano gli studi filosofici sul vuoto o MU di Nishida (Doi, 1973). Il vuoto o l equilibrio interiore rinviano all unione tra l Io osservante (il nostro Super-Io occidentale) e l Io dell azione (il nostro Io), unione raggiungibile a costo di severe pratiche di autodisciplina zen. L unità interiore si esprime allora attraverso un gesto divenuto fluido e spontaneo, non più frenato da sentimenti di colpa, di vergogna od oscurato da scissioni interne. Si toccherebbe un culmine in cui sottolinea la Benedict (1946,265) tra l Io osservante e l Io dell azione non esisterebbe più neppure lo spazio di un capello. Infine, a proposito del legame, riportiamo le osservazioni di Okonogi (1977) relative alla distinzione dei vari tipi di legame nei gruppi. Egli solleva un confronto interessante tra il legame contrattuale, basato sulla legge del padre e tipico della tradizione giudaico cristiana e quello invece basato su una dimensione materna e riparativa. L Autore paragona la storia greca di Oreste, governata dal principio di contrattualità, a quella orientale di Ajase, fondata sulla conservazione del legame e illuminata dall AMAE. Nella mitologia, Oreste ed Elettra erano i figli di Agamennone, re di Micene, sposato a Clitemnestra. Per vendicare il padre Agamennone, ucciso da sua madre Clitemnestra e dall amante Egisto, Oreste uccide a propria volta la madre. Nel caso del mito di AJASE, sia la madre del principe AJASE che il figlio passano da uno stadio di violenza e di egoismo a quello successivo di pentimento e riparazione. Entrambi sono animati da reciproche intenzioni omicide in seguito non agite. Nella situazione di Oreste invece, il matricidio è agito nell intenzione di tener fede ad un principio contrattuale di ordine e giustizia. Okonogi conclude sottolineando come, per Freud, la tragedia di Oreste segua il passo della transizione da una società matriarcale a quella patriarcale, espressa attraverso l antagonismo tra Agamennone e la moglie Clitemnestra. Il legame madre-bambino Negli ultimi venti anni la società giapponese si è profondamente trasformata. La struttura della famiglia e l insieme delle regole educative hanno subito modificazioni a contatto con l occidentalizzazione, come ci ricorda Keiko Okonogi (1977) nel suo lavoro. Antiche tradizioni hanno progressivamente ceduto il passo a nuove configurazioni sul piano micro e macrosociale sfociando nella crisi dei legami abituali, sia all interno della famiglia 9

10 che nella collettività. Tuttavia alcune riflessioni della Benedict a proposito della distribuzione dei privilegi e dei doveri a carico dell individuo giapponese, ci aiutano a comprendere qualcosa di più a proposito del legame madre-bambino. L Autrice prende come esempio l immagine della lettera U dove i due poli estremi diretti verso l alto indicano l infanzia e la vecchiaia, le stagioni della vita in cui predominano la libertà e l indulgenza. La parte concava della lettera coinciderebbe con la fatica e le responsabilità che invece investono l adulto. Riguardo all infanzia, impariamo che l allattamento è protratto e che vi è una sorta di «gestazione extrauterina» espressa attraverso un contatto continuo e duraturo col corpo materno. Freeman (2009), nei suoi studi sulla psicoanalisi giapponese, ci fa notare come l ambivalenza originaria tra madre e bambino non venga risolta completamente nella prima infanzia. L Autore, riprendendo la teorizzazione kleiniana delle fasi schizo-paranoide e depressiva, sottolinea la divaricazione temporale nel passaggio dalla prima alla seconda fase, in particolare, la fase depressiva in connessione col senso di colpa e la successiva riparazione, caratterizzerebbero epoche più mature dell individuo. La scena primaria, inoltre viene denegata finché il bambino non sia pronto a sopportarne le implicazioni emotive e l ansia che essa comporta. Il processo di individuazione del bambino, all interno di una simbiosi prolungata con la madre, è incoraggiato mentre viene ritardata le separazione fisica e spaziale del bambino dal corpo materno. In altre parole è come se il piccolo dovesse maturare «nelle braccia della mamma»; del resto Freeman (2009) ci fa notare come il bambino impari prima a parlare che a camminare. Secondo un immagine di Kitayama (1985, riportata da Freeman, la madre condivide lo sguardo verso l esterno con il bambino, pur tenendolo stretto a sé, pertanto il bambino si affaccerebbe sul mondo dal vertice di un «triangolo proto simbolico», costituito dalla madre, dal bimbo e dagli oggetti esterni. Per il piccolo, si sviluppa così una fase transizionale di apprendimento «in sicurezza» che comporta anche la comprensione del linguaggio non verbale. Il bambino, infatti, percependo le contrazioni muscolari del corpo materno ne decodifica il linguaggio corporeo e trae indicazioni sullo stato mentale e affettivo della madre, sia nei propri confronti che nei confronti degli interlocutori con cui ella interagisce. Le discontinuità che si presentano nel contatto con la madre, nei momenti di non sintonizzazione di quest ultima coi bisogni dell infante, contribuiscono ad introdurre le piccole separazioni che preparano il bambino agli stadi evolutivi successivi. La madre, offrendo un holding caldo e paziente al bambino si costituisce come un Io ausiliare che riduce al minimo la conflittualità. Parallelamente, ella si offre anche come il supporto di un Super-Io che affonda le radici nel sentimento di gruppalità interna. Attraverso le riflessioni di Freeman e di Kitayama che indagano le differenze fra la cultura giapponese e quella occidentale, emerge come gli occidentali possiedano un ricco vocabolario di espressioni verbali indicanti l area emotiva, mentre sono più esitanti rispetto al contatto corporeo e accordano meno attenzione alla comunicazione non verbale. Il bambino, che nei suoi primi passi si distacca dal corpo materno, mantiene con la genitrice un legame verbale: è per così dire «a portata di voce». Questo vincolo 10

11 uditivo-verbale nella coppia madre bambino occidentale assume il ruolo che ha il contatto nelle interazioni madre-bambino orientali. Lo stretto legame con la madre e l addestramento al linguaggio non verbale, stimolano le capacità empatiche del bambino e ne incoraggiano la disposizione altruistica. Possiamo avvicinare l area delle capacità empatiche e quella della comunicazione non verbale al tema dell AMAE. Abbiamo descritto l AMAE come una condizione della relazione che si esprime su di un registro non verbale, esso si esperisce, non si racconta. L AMAE implica la presenza di una relazione tra due persone analogamente a ciò che avviene per l empatia. Bolognini (2002) scrive nel suo libro sull empatia: «[ ] l empatia è [ ] una condizione di contatto conscio e preconscio caratterizzata da separatezza, complessità e articolazione» (2002, , corsivo mio) e ancora, riportando il pensiero di Pao, egli sottolinea come nella comunicazione empatica, si sviluppi una «[ ] intricata rete di comunicazioni connesse tra loro, composta non solo da un continuo scambio (verbale e non verbale), tra i due [interlocutori] ma anche da interazioni mentali attive dentro ciascuno» (2002, 59). L empatia è dunque un esperienza difficile da trasmettere o, come scrive Semi nella prefazione del libro, è «un esperienza, con quel tanto di non completamente dicibile e ancor più, scrivibile che ogni esperienza ha» (2002, 9). Infine Bolognini, citando Pao, associa l empatia ad un «potenziale empatico» che «può essere imparato ma non può essere insegnato» (2002, 60). Potremmo allora immaginare che questo potenziale empatico, analogamente all AMAE, possa essere, se non insegnato, perlomeno «trasmesso» nella relazione madre-bambino orientale e che si costituisca come una sorta di «kit formativo» a disposizione del bambino. Del resto, in Giappone la comunicazione non verbale caratterizza gran parte delle interazioni tra gli adulti ed implica una quota di empatia affinché il messaggio veicolato sia compreso. La comunicazione non verbale si accompagna alla creatività, ognuno è libero di «colorare» a suo modo il messaggio ricevuto al di là del limite rappresentato dalle parole. A tal proposito Freeman (2009, 9) riporta le impressioni di un suo dialogo con Kitayama in cui, all interno di uno scambio ricco di allusioni implicite, il legame empatico tra Freeman e Kitayama si sostituiva ad ogni ulteriore precisazione verbale che confermasse l avvenuta comprensione tra i due; Freeman si sentiva libero di attingere alle proprie capacità immaginative senza avvertire la necessità di illustrarle a Kitayama. Riguardo le connessioni tra empatia e creatività, ricordiamo qui le osservazioni della Klein (1957), relative al legame tra frustrazioni sopportabili e l emergere delle capacità riparative e sublimative. Il bambino, in grado di elaborare piccole frustrazioni all interno di una relazione sufficientemente buona con la madre, alimenta la fiducia nel seno buono ed impara a sviluppare il sentimento di gratitudine, all opposto, un invidia eccessiva e quindi distruttiva verso l oggetto non permette alla gratitudine di insediarsi e intralcia lo sviluppo dei processi creativi. 11

12 ON, il senso del debito tra vergogna e masochismo Nel descrivere l influenza del rapporto madre-bambino sullo sviluppo della psiche dell infante, Doi (1962) parla di una «coscienza duale». Il bambino impara a coltivare «due Sé», entrambi ritenuti costitutivi dell identità giapponese. Da una parte vi è il Sé di rappresentanza (la maschera sociale) e dall altra il Sé più profondo o il back side della personalità (Freeman, 2009). Potremmo indicare questa capacità del bambino come un «addestramento alla scissione», attitudine funzionale al codice etico-sociale dei giapponesi. Parallelamente, la scissione tra i due Sé, così come l abbiamo tratteggiata, ci rinvia alla descrizione offerta da Bolognini (2002, 81). Egli cita un esempio che illustra la distinzione tra il cosiddetto Sé orbitale e il Sé nucleare. Nel primo caso il Sé sarebbe costituito dagli oggetti che lo rappresentano e «ospita il mondo oggettuale esterno interiorizzato»; nel secondo caso, il Sé nucleare sarebbe assimilabile al Sé più profondo o al «vero Sé» nel senso winnicottiano (1965). La collettività giapponese riconosce nell individuo l esistenza del Sé autentico e ne comprende le esigenze, tanto è vero che l individuo, durante la sua vita, può attingere ad un rifornimento libidico attraverso l AMAE, nell ambito delle relazioni con l altro. Tuttavia il Sé autentico rimane in secondo piano rispetto al Sé di rappresentanza e ciò genera sofferenza ed alimenta sentimenti ostili. E proprio in una società che tenta di appianare i conflitti e di ridurre al minimo la competizione si possono osservare due fenomeni interconnessi: il sorgere dell aggressività, e la tendenza al masochismo. Okonogi (1977, 74) sottolinea come nella cultura giapponese vi sia un masochismo di fondo ed una certa indulgenza nei confronti del suicidio, ultima via d uscita onorevole in situazioni impossibili. D altro canto, il masochismo e l aggressività si situano su di uno stesso asse e con lo sfaldarsi dei legami famigliari il masochismo, da contenitore culturale può diventare il terreno di una aggressività esplosiva. La crisi dei legami famigliari nel Giappone odierno coincide con il cambiamento, come è avvenuto altrove, dei ruoli maschili e femminili. La famiglia giapponese vive per i figli e con le separazioni di coppia si indebolisce la dimensione simbolica della genitorialità a vantaggio dell identità femminile o maschile individuale. Nei figli si innesca così una sofferenza psicologica caratterizzata dal rancore (MISHON) verso i genitori, che può condurre ad atti di estrema violenza culminanti col matricidio o col parricidio, gesti divenuti più frequenti in Giappone rispetto al figlicidio. Del resto il Giappone moderno affronta il doppio lutto: la perdita della madre, intesa come valore della maternità e quella del padre, figura diventata debole ed incerta (Okonogi 1977,113 e Nishizono, 2008). La rivoluzione dei costumi ha in parte intaccato la forza coesiva di certi riti tradizionali, come il rito dell ON che esprime il concetto di debito. In Giappone il ringraziamento ha il significato del sentirsi in obbligo per un favore ricevuto. Se, come abbiamo visto, la dimensione di gerarchia infiltra il tessuto culturale orientale, anche quella del debito, ON, è onnipresente e si intreccia saldamente con l idea del legame all interno del gruppo. Il bambino che cresce, deve rispettare ed onorare il proprio ON per 12

13 tutta la vita. L ON esprime un concetto ampio che può includere anche il sentimento di affetto ma non si sottrae ad una complessa contabilità. 4 Il senso del debito si associa naturalmente al sentimento di pietà filiale che appare molto sviluppato in Giappone: il miglior modo di onorare i genitori consiste nel dedicarsi appieno all educazione della prole e il legame con essa è funzione di quello con gli ascendenti. Non si può prescindere dalle figure del padre e della madre e ad esse si farà inevitabilmente ritorno. Un interrogativo Zen relativo al tema della pietà figliale e che pone l accento sulla indivisibilità del soggetto dall oggetto e del Sé dagli altri, così recita: «A chi assomiglia un individuo prima che suo padre e sua madre nascano?» ( Doi, 1973, 81). Il concetto di debito inoltre, si connette profondamente con quello della dipendenza, una delle caratteristiche dell AMAE. A causa dei mutati legami tra i membri della famiglia la dipendenza, che suggella il valore dell attaccamento reciproco tra genitori e figli, tende a sfilacciarsi sempre più, lasciando libero corso ad una crescente aggressività. Parallelamente aumenta il senso di colpa dei genitori che sostituisce, nei confronti dei figli, il legame rappresentato precedentemente dalla vergogna. Riguardo alla vergogna ricordiamo che nella tradizione giudaico cristiana il senso di colpa, connesso al Super-Io edipico, costituisce un «invisibile» travaglio morale per l individuo. La vergogna invece, affetto patologico legato all Io Ideale, si riflette «negli occhi dell altro» e, sottolinea Hermann (1929), rappresenta una angoscia sociale con due versanti: quello intrapsichico (angoscia di frammentazione) e quello relazionale (angoscia di esclusione dal gruppo). Nella cultura nipponica l accento si pone perlopiù sul versante relazionale della vergogna, HAJI. Essa ha una funzione di coesione sociale importante rinviando l individuo al giudizio dell altro ed evocando l idea di una sanzione sia dal gruppo esterno che dalla «gruppalità interna». Inoltre, l emergere della vergogna turba l equilibrio armonioso della «forma» o KATA, aspetto rilevante in questa cultura. Possiamo pensare al KATA come «all ultima mano di lacca» che racchiude in un velo di perfezione formale l essenza giapponese, in tutte le sue espressioni. Concludiamo a questo proposito con le parole di De Mente (2005,15): «Agli albori della loro storia i giapponesi svilupparono la convinzione secondo la quale la forma anticipava la realtà precedendo anche la sostanza [ ] fare le cose in modo giusto è sempre stato più importante che fare la cosa giusta». Conclusioni Ho inseguito il legame e le sue vicissitudini come correndo dietro ad un serpente fiabesco, sinuoso e sfuggente, un serpente dalle molteplici teste e dalle mute frequenti. Rispetto all intento iniziale di dare un taglio psicoanalitico al mio lavoro ho certamente 4 Tradizionalmente, come la Benedict (1946,129) ricorda, esistono vari tipi di debito: il CHU, debito verso l imperatore, il KO, verso i genitori e gli antenati, i GIRI, debiti limitati nel tempo e da ripagarsi con una equivalenza matematica, oppure ancora i debiti d onore verso il proprio nome o verso il lavoro. 13

14 «sconfinato» nei campi affini. Ho camminato fuori strada e ai bordi del legame, soprattutto nella sua zona intermedia. Ho tuttavia il sospetto che non ci fosse propriamente una «strada» quanto un insieme di sentieri che, schiudendosi l uno nell altro, formassero un reticolo intrigante quanto affascinante. Ho osservato come il legame, nelle sue varie declinazioni orientali, assuma caratteristiche specifiche quali la flessibilità, l adattabilità, la capacità di trasformarsi: esso si piega ma non si spezza. E così, nella contestualizzazione storica, il nuovo legame tra commercianti e samurai ha permesso di ridisegnare il profilo societario dell epoca senza cruenti soluzioni di continuità; a proposito del Complesso di AJASE, il legame tra madre e figlio sopravvive alle tempeste dell odio per accedere ad una dimensione riparativa attraverso l AMAE. Ho descritto l evoluzione del legame comunicativo ed empatico nella relazione madrebambino, ho preso in considerazione gli aspetti masochistici del legame e di come esso sottostia alle leggi del debito, ON, tra rancore e dipendenza. Un ultimo sintetico sforzo mi porta a ricorrere all immagine del BONSAI, figura che racchiude tre dimensioni apparentemente contraddittorie: quella della conservazione, della trasformazione e della creazione. La pianta del BONSAI conserva le caratteristiche dell albero originario, al tempo stesso quest ultimo è trasformato rispetto alle sue proporzioni. Il BONSAI non è solamente un albero rimpicciolito ma rappresenta una nuova creazione. Come infatti fa notare Doi (1973) per poter assimilare qualcosa di nuovo, lo spirito giapponese deve poterlo trasformare adattandolo alla propria cultura attraverso uno sviluppo creativo. Così è stato per la lingua, per la religione e per tanti altri aspetti ancora. In qualche modo anche il processo psicoanalitico subisce la stessa sorte e analogamente al BONSAI è frutto di una tecnica sapiente che «coltiva» le trasformazioni. La rilettura che ho proposto di concetti psicoanalitici classici, rivisitati da colleghi orientali, e la presentazione di alcune teorizzazioni psicoanalitiche giapponesi,come quella relativa al Complesso di AJASE, invitano tuttavia a riflettere sulla difficoltà di trovare tracce comuni lungo la via del sapere psicoanalitico. Qualcuno potrà rimanere deluso o perplesso, oppure ancora, meravigliato o affascinato, dipenderà di volta in volta dal vertice di osservazione adottato qualora ci si inoltri in una dimensione «altra», pur sempre appartenente ad un pianeta comune. SINTESI L Autrice prende in considerazione alcune teorizzazioni della psicoanalisi giapponese associate a caratteristiche della tradizione culturale (AMAE, ON, Complesso di AJASE), dirigendo uno sguardo «a volo d uccello» sulle dimensioni della dipendenza, dell attaccamento e del legame. Avvalendosi di contributi psicoanalitici orientali ed occidentali, ne sottolinea differenze e similitudini. L Autrice si interroga in particolare sulle qualità del legame nelle interazioni giapponesi fondanti le dinamiche gruppali. Approfondisce la relazione precoce madre-bambino ed indaga sulla peculiare funzione di «ponte» che la figura materna sembra esercitare in Giappone, nel 14

15 favorire il passaggio del bambino dalla dimensione fusionale a quella «plurale». PAROLE CHIAVE: Psicoanalisi giapponese, legame madre-bambino orientale, AMAE, ON, Complesso di AJASE. BIBLIOGRAFIA Anzieu D. (1985). L Io-Pelle. Roma, Borla, Balint M. (1968). Il difetto fondamentale. In La regressione (1959). Milano, Cortina, Benedict R. (1946). Il crisantemo e la spada. Roma, Laterza, Berenstein I. (2010) Concepts of the link. Presentation at the 4 th International meeting of the International Psychoanalytic Congress, Chicago, USA. BionW.R. (1959). Attacchi al legame. In Analisi degli schizofrenici e metodo psicoanalitico (1967). Roma, Armando, Bleandonu G. (2002). Il pensiero mitopoietico e il trauma. In Romano R. (a cura di), Il racconto della mente. Dedalo, Bari. Bolognini S. (2002). L empatia psicoanalitica. Torino, Bollati Boringhieri. Bolognini S. (2008). Passaggi segreti. Teoria e tecnica della relazione interpsichica. Torino, Bollati Boringhieri. Bolwby J. (1988). Una base sicura. Milano, Cortina, Carloni G., Nobili D. (2004). La mamma cattiva. Fenomenologia, antropologia e clinica del figlicidio. Rimini, Guaraldi. Calza G. (2009). Utamaro e il quartiere del piacere. Milano, Mondadori, De Mente B.L. (2005). Il Giappone oltre la maschera. Bologna, Clueb, Doi T. (1962). Amae. A key concept for understanding japanese personality structure. In R.J. Smith e R.K. Beardsley, (a cura di), Japanese culture: its development and characteristics. Chicago, Aldine, Doi T. (1973). Anatomia della dipendenza. Milano, Cortina, Freeman D. (2009). Psychoanalysis in a shame culture, Japanese psychoanalytic insights. In 46 Th IPA Congress, Chicago, USA, 29 luglio-1 agosto. Gallese C. (2002). Come fare affari in Giappone: introduzione al diritto commerciale giapponese. Lulu.com. Heidegger M. (1959). In cammino verso il linguaggio. Alberto Caracciolo (a cura di). Milano, Gruppo Ugo Mursia, Hermann I. (1929). La honte comme angoisse sociale. In Cahiers Confrontations, 1982, 8, Kitayama O. (1985). Preoedipal Taboo in Japanese folk tragedies. Int. Rev. Psycho-Anal.,12, Klein M. (1957). Invidia e gratitudine. Firenze, Martinelli, Klein M. ( ). Scritti. Torino, Boringhieri, Kosawa H. (1932). two kinds of guilt feelings: the Ajase Complex. Japanese Contributions to Psychoanalysis, The Japan Psychoanalytic Society. Tokyo, 2, 3-11, Nishizono M. (2008). Dal Giappone, una riflessione su questioni di psicoanalisi nel XXI secolo. Psiche. Vol I, Nohara K. (1936). Il vero volto del Giappone. Londra, Jarrolds. Okonogi K. (1977). Il mito di Ajasé e la famiglia giapponese. Milano, Spirali/Vel, Pinguet M. (1984). La mort volontaire au Japon. Paris, Gallimard. Rampini F. (2006). L impero di Cindia. Milano, Mondadori. Rascovsky A. (1974). Il figlicidio. Roma, Astrolabio. Scharff D., Scharff S. (2011). L inconscio interpersonale nel contesto delle Teorie delle Relazioni Oggettuali e il Legame (el Vinculo). Relazione al Centro Psicoanalitico di Bologna, marzo Villa A. (2002). Aspetti legali. In Il Giappone a portata di mano. Camera di Commercio italiano in Giappone, ETAS, 157. Winnicott D.W. (1965). L integrazione dell Io nello sviluppo del bambino. In Sviluppo affettivo e ambiente. Roma, Armando, Winnicott D.W. (1947). L odio nel controtransfert. In Dalla pediatria alla psicoanalisi. Firenze, Martinelli,

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Dott.ssa Eleonora Giannelli

Dott.ssa Eleonora Giannelli Dott.ssa Eleonora Giannelli Tratteremo: La scelta del partner Il cambiamento nella coppia Coppie sane e disfunzionali: quale differenza? Transazione alla genitorialità Premesse sistemiche Il colloquio

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro Luigi Casa Monica Vincenzi Finalmente Beatrice Un viaggio nella Divina Commedia Prefazione di Alberto Bermolen e Maria Grazia Dal Porto Introduzione

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante RESOCONTTI Il presente elaborato è un resoconto dell attività di ricerca del progetto formativo svolto presso

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA Psicologa Acone Silvana L ADOLESCENTE: CHI SONO? Il compito dell adolescente è quello di "individuarsi" rispetto alla propria famiglia. Emanciparsi

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

Dal respiro al mondo interno

Dal respiro al mondo interno a cura di Tito Baldini Dal respiro al mondo interno Psicomotricità psicoanalitica: diario clinico di un trattamento in supervisione Indice Ringraziamenti 11 Prefazione 13 DAL RESPIRO AL MONDO INTERNO Tonia

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Attaccamento e relazioni di coppia

Attaccamento e relazioni di coppia Attaccamento e relazioni di coppia Contesto Attraverso l evoluzione delle cure materne e dei meccanismi di affiliazione relativi a queste cure, le relazioni sessuali tra adulti hanno avuto la possibilità

Dettagli

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma.

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma. Aggiornamento 21.03.15 Andolfi M. D Elia A. (2007). Le perdite e le risorse della famiglia. Raffaello Cortina Editore, Milano. Il volume si rivolge principalmente ai professionisti che lavorano con le

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Non poter avere figli: il supporto che cura

Non poter avere figli: il supporto che cura Non poter avere figli: il supporto che cura Sterilità, infertilità, fecondazione assistita: diagnosi pesanti, appesantite dal dubbio di non poter avere (mai) figli. Si supera? Ne parliamo con Emilse Dumit,

Dettagli

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie?

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? 1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? Il tema del controllo è trasversale a tutti gli operatori (assistenti

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

RECENSIONE DEL DOCUMENTARIO HOME

RECENSIONE DEL DOCUMENTARIO HOME RECENSIONE DEL DOCUMENTARIO HOME Il giorno 12 dicembre 2013, insieme alla mia classe, mi sono recato nell aula della 3 E per la visione del documentario Home. Inizialmente credevo che fosse uno di quei

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso*

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Tredimensioni 3(2006) 321-326 LETTO PER VOI «La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Anna Deodato ** «V orrei che

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Comunicazione Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Non si può non comunicare, afferma uno degli assiomi della comunicazione. Non esiste infatti la non

Dettagli

Associazione Messianica d'italia

Associazione Messianica d'italia Associazione Messianica d'italia PRATICA DEL SONEN Testo esplicativo Il gabinetto della Presidenza della Chiesa Messianica Mondiale del Brasile ha ricevuto molti e-mails da membri che chiedevano il testo

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA FORUM PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA CONVEGNO Venerdi 19 agosto 2011 - TREVANO (Lugano) - AULA MAGNA SUPSI - 8,30/16,30 LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

Dettagli

L uso e il significato delle regole (gruppo A)

L uso e il significato delle regole (gruppo A) L uso e il significato delle regole (gruppo A) Regole organizzative: devono essere rispettare per far sì che la struttura possa funzionare e che si possa vivere in un contesto di rispetto reciproco; Regole

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile CRESCERE PER AIUTARE A CRESCERE Un percorso in sostegno alla genitorialità

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Progetto Co.r.re.l.a.re I servizi per l infanzia come luogo di integrazione L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Lodi 8 aprile 2013 Gabriella Lessana Cosa fare all inizio? Per

Dettagli

WORKSHOP LO SPORTELLO D ASCOLTO E CONSULENZA SPAZIO STUDENTI: CONDIVISIONE DEGLI ESITI Brescia, 5 novembre 2015 Aspetti qualitativi delle domande portate a consulenza Dott. Andrea Costa Psicologo Consulente

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Omosessualità e normalità

Omosessualità e normalità INTERVENTO DI JOSEPH NICOLOSI PSICOLOGO Omosessualità e normalità Il dott. Joseph Nicolosi si occupa da diversi anni di terapia riparativa dell'omosessualità; è cofondatore e direttore dell'associazione

Dettagli

Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015

Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015 Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015 Quali difficoltà devono affrontare i figli dopo la separazione dei genitori? Genitori e figli hanno

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Maria Teresa Palmas, 2008.-

Maria Teresa Palmas, 2008.- Maria Teresa Palmas, 2008.- Fisher : L abdicazione di un padre, dal Re Lear di Shakespeare. Sul significato dell eredità, intesa come passaggio alla generazione successiva, il dramma del Re Lear, mostra

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006 Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella separazione Bologna 1 e 2 dicembre 2006 - Mediatore familiare e Avvocato: il Protocollo d intesa di Reggio Emilia

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale Dolore frustrazione e legami affettivi nel ciclo vitale Dottoressa Tiziana Mizzoni Psicologa e Psicoterapeuta Gestazione Spazio mentale del bambino Pensare Individuale Pensare Comune Maturità della Coppia

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

Essere Adolescenti e figli di genitori separati

Essere Adolescenti e figli di genitori separati Adolescenti e processi d aiuto Firenze 13-14 Gennaio 2011 Essere Adolescenti e figli di genitori separati Giancarlo Francini psicoterapeuta - Istituto di Terapia Familiare di Firenze Associazione Co.Me.Te

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

La Casa dei Bambini e dei Genitori a San Rossore

La Casa dei Bambini e dei Genitori a San Rossore La Casa dei Bambini e dei Genitori a San Rossore Promotori del progetto Il Progetto è stato proposto dal Comitato di presidenza della Tenuta di San Rossore In collaborazione con Regione Toscana, Ente Parco

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli