Rapporto Cliente Oggetto : Ordine: Note N. pagine: N. pagine fuori testo: Data: Elaborato: AUT/SAE L.Bisone Verificato: AUT/SAE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto Cliente Oggetto : Ordine: Note N. pagine: N. pagine fuori testo: Data: 31.12.2000 Elaborato: AUT/SAE L.Bisone Verificato: AUT/SAE"

Transcript

1 AUT/SAE A1/ Pag.1/9 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: LORIS: sistema di ispezione subacquea a lungo raggio Ordine: Contratto nº 91/00053 Note: ROBIS/GEN/13/006 senza l'autorizzazione scritta del CESI questo documento può essere riprodotto solo integralmente N. pagine: 9 N. pagine fuori testo: Data: Elaborato: AUT/SAE L.Bisone Verificato: AUT/SAE D. Cattabiani Approvato: B.U. AUT V. Arcidiacono CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale 17,1 miliardi Sezione Ordinaria Centro Elettrotecnico Milano - Italia interamente versato Tribunale Milano Sperimentale Italiano Telefono CCIAA di Milano n P.I. IT Giacinto Motta spa Fax Registro delle Imprese C.F di Milano n

2 AUT/SAE A1/ Pag.2/9 Indice 1 INTRODUZIONE IL SISTEMA DI ISPEZIONE SUBACQUEA A LUNGO RAGGIO LORIS ASPETTI REALIZZATIVI DEL NUOVO SCAFO Struttura di supporto Flottante Componentistica di bordo PROVA STATICA IN VASCA E DINAMICA SUL CAMPO INSTALLAZIONE DEL BRACCIO MANIPOLATORE IL NUOVO SLIP-RING IL SISTEMA DI ISPEZIONE SUBACQUEA PER AMBIENTI ANGUSTI ALICE IL SISTEMA DI ALIMENTAZIONE DEL VEICOLO ALICE L alimentatore AC/DC Il convertitore DC/DC di bordo RISULTANZE DAL COLLAUDO DEL SISTEMA Logica di regolazione Circuito di comando IGBT...9 Copyright 2001 by CESI. All rights reserved - Activity code 26726G Keywords: 12035F 27120R 58001S

3 AUT/SAE A1/ Pag.3/9 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione A1/ INTRODUZIONE Dall esperienza operativa maturata in svariate campagne di ispezione entro manufatti od all esterno di tubazioni sommerse (oleodotti od altro) è emersa la necessità di aumentarne le capacità e la sicurezza operative del veicolo subacqueo filoguidato LORIS, acronimo di LOng Range Inspection System, a suo tempo progettato e ralizzato del CESI. Ciò ha portato alla stesura di un progetto, descritto nel rapporto CESI ROBIS/GEN/13/001, riguardante in particolare la realizzazione di un nuovo scafo in grado di Supportare un secondo motore verticale in modo da migliorare la manovrabilità del veicolo in tale direzione con un incremento di potenza e di affidabilità, avendo eliminato la criticità del componente singolo Montare una seconda testa profilatrice posizionata ad una opportuna distanza da quella già presente in maniera da potersi integrare a questa con conseguenti miglioramenti nella qualità dei tracciati sonar durante le campagne di ispezione su oleodotti appoggiati su fondale; Reggere, sia in maniera statica durante il trasporto che dinamica durante l operatività di questi, un braccio manipolatore capace di effettuare limitate azioni su componenti sommersi, come il prelievo di campioni, l aggancio di relitti o quant altro. Possedere una aggiore facilità di manutenzione con una aumentata altezza del ponte motori e di quello dell elettronica di bordo Avere una maggior capacità di carico utile in modo da trasportare strumentazione aggiuntiva oltre quella già prevista nella dotazione standard sfruttando completamente le possibilità di connessione offerte dal cavo ombelicale da 2000 metri attualmente disponibile, ciò con la realizzazione di un nuovo slip-ring sull aspo avvolgicavo In parallelo e con motivazioni analoghe si è operato sul secondo veicolo di realizzazione CESI, precedentemente indicato come slimvas e nel seguito ALICE, acronimo di Agile and Lightweight Inspection system for Constrained Environments, capace di operare in tubazioni da 1 metro di diametro e fino a 900 metri di distanza. Questo era stato fino ad ora impiegato solo con 100 metri di cordone ombelicale utilizzando un sistema di alimentazione provvisorio. Per raggiungerne la piena operatività si è reso necessario procedere alla ristrutturazione del sistema di alimentazione elettrica in Alta Tensione continua per poter passare alla successiva messa in servizio di un nuovo sistema aspo/cordone ombelicale da 800 metri.

4 AUT/SAE A1/ Pag.4/9 2 IL SISTEMA DI ISPEZIONE SUBACQUEA A LUNGO RAGGIO LORIS 2.1 Aspetti realizzativi del nuovo scafo Struttura di supporto La struttura di supporto del veicolo è stata ricavata dalla lavorazione di lastre in resina acetalica del tipo Sirfalen, anziché utilizzare tubazioni in acciaio inossidabile. Rispetto a quest ultimo infatti tale materiale offre una buona resistenza meccanica con un notevole vantaggio in termine di peso a tutto favore del carico utile trasportabile a parità di flottante. Il Sirfalen utilizzato per la costruzione dello scafo di LORIS ha: Colorazione blu per la struttura principale Colorazione gialla per le culle della strumentazione elettronica e delle guide di supporto ai motori Colorazione nera per i supporti delle telecamere e del sistema di brandeggio principale Le fiancate dello scafo sono state ricavate da unica lastra mediante fresatura e sono assemblate con bulloneria in acciaio inossidabile e boccole di serraggio in bronzo marino. I supporti e le strutture aggiuntive sono in acciaio inossidabile 304/316. È stato inoltre predisposto un gancio di sospensione basculante, per agevolare le operazioni di messa a mare e recupero di LORIS, collaudato con un carico di 1000 Kg. Nella parte inferiore della struttura, all interno dei pattini di supporto, è previsto l alloggiamento per i pani di zavorra di piombo utilizzati per stabilizzare e bilanciare il veicolo. Questi sono stati realizzati in maniera modulare sia per quanto riguarda il peso unitario che il sistema di fissaggio: si possono così aggiungere gradualmente senza pregiudizio alla loro stabilità ed alla corretta assicurazione fino a raggiungere il peso di zavorra desiderato Flottante Nella parte alta della struttura sono posizionati i corpi di materiale flottante. Questi sono stati ricavati da pani di materiale sintetico del tipo Thermanto e sono stati opportunamente dimensionati e sagomati in modo da garantire la piena stabilità e galleggiamento del mezzo con un ulteriore carico di circa 30/35 Kg in acqua di attrezzature aggiuntive oltre a quelle della dotazione standard. I corpi flottanti così realizzati sono quattro e quindi singolarmente facilmente maneggiabili da un solo operatore durante gli interventi di manutenzione. Essi sono stati opportunamente sagomati e dipinti di colore giallo con bande perimetrali bicolore utilizzando una vernice di tipo plastico ed elastico, insensibile all attacco salino Componentistica di bordo La nuova struttura così risultante alloggia i seguenti componenti: n 4 motori orizzontali n 2 motori verticali n 2 eventuali motori aggiuntivi la bottiglia contenente l elettronica di potenza (alimentatori, convertitori, ) la bottiglia contenente l elettronica di controllo (processore, interfaccie, ) la bottiglia per il trasformatore toroidale la bottiglia con gli adattamenti e le connessioni al cavo ombelicale n 2 sonar profilatori il sonar panoramico

5 AUT/SAE A1/ Pag.5/9 n 4 lampade la telecamera principale di navigazione (SIT) con opportuno brandeggio la telecamera B/N di supporto la telecamera a colori il sistema pan & tilt il manipolatore Tritech a 5 gradi di libertà il trasformatore per l alimentazione del manipolatore la scatola di controllo del manipolatore il compressore per l alimentazione idraulica al manipolatore altre attrezzature aggiuntive fino ad un massimo di Kg (opzionali). Avendo ritenuto opportuno mantenere la funzionalità del vecchio scafo, comunque utilizzabile in alcune situazioni stante il suo particolare fattore di forma, i seguenti componenti sono stati realizzati ex novo n 4 pani in materiale flottante il sistema d aggancio e sospendita basculante in acciaio inossidabile collaudato a 1000 Kg di tiro in verticale n 4 supporti per motori di spinta orizzontali con angolo d attacco orientabile e relativi agganci rapidi n 2 supporti per motori verticali e relativi agganci rapidi n 4 supporti per lampade n 3 supporti per sonar un supporto basculante per telecamera principale un supporto per la telecamera B/N un supporto per la telecamera colori supporti vari per il braccio manipolatore e per i relativi accessori n 3 culle e relativi agganci per bottiglie elettroniche la culla e l aggancio per la bottiglia J.Box di interconnessione un telaio di protezione anteriore per il sonar panoramico respingenti in gomma morbida per protezione laterale staffe e supporti per micro - telecamera per braccio manipolatore

6 AUT/SAE A1/ Pag.6/9 2.2 Prova statica in vasca e dinamica sul campo LORIS, una volta assemblato nella nuova configurazione, è stato provato nella vasca di prova per verificare che l assetto risultante fosse quello previsto dai calcoli. La distribuzione delle masse è risultata ottimale per avere un assetto neutro e perfettamente orizzontale. La portanza utile a sopportare l eventuale carico aggiuntivo è stata compensata predisponendo degli opportuni pani in piombo da 5 e da 1 kg con un sistema di aggancio all interno della base del ROV che rende facile ed immediato applicarli o toglierli del tutto od in parte modulando così il loro effetto di zavorra. Figura 1 - LORIS a Brindisi Sud Per verificare il comportamento del veicolo in maniera dinamica, in particolare sotto l effetto di correnti e del traino del cordone ombelicale, si è approfittato di una campagne di ispezione già programmata presso l impianto Enel di Brindisi Sud (vedi Figura 1). LORIS è stato impiegato nell ispezione dei quattro condotti di adduzione acqua di mare al condensatore, della lunghezza di 400 metri ed a sezione pressoché quadrata con lato di 3 metri, con risultati sempre lusinghieri sia in termini di manovrabilità che di tiro. 2.3 Installazione del braccio manipolatore Per espandere le possibilità operative del veicolo a tutte quelle attività che comportino piccole manipolazioni quali il prelievo di campioni, l aggancio di relitti o quant altro è stato montato a prua del veicolo un braccio manipolatore a cinque gradi di libertà (vedi Figure 2 e 3). Il modello scelto, il Cobra della Tritech, offre la possibilità di sollevare fino a 20 kg di carico utile. Il braccio completamente esteso misura 900 mm di cui circa 600 utilizzabili come vero raggio operativo. Il sistema si compone di cinque blocchi separati: la stazione di comando per i cinque movimenti il trasformatore di alimentazione da 110 a 240 V il moto compressore per l olio di attuazione il pacco valvole con l elettronica di controllo il braccio vero e proprio. A parte la stazione di comando, che deve trovarsi evidentemente a terra alla portata dell operatore, i rimanenti quattro componenti sono stati alloggiati nell ordine da poppa a prua, tre sul ponte inferiore del veicolo assieme alla rimanente elettronica di bordo ed il solo compressore sul ponte motori. La stazione di comando consiste in un contenitore a prova di spruzzi alloggiante i dieci pulsanti che comandano a modulazione di tempo, nei due sensi, le cinque valvole bidirezionali di pilotaggio dei gradi di libertà del braccio. In particolare due pulsanti consentono la rotazione di 180 del polso e due l apertura e chiusura della pinza capace di allargarsi fino a mm. A due pulsanti è pure demandato

7 AUT/SAE A1/ Pag.7/9 l azionamento a 180 del gomito, da completamente ripiegato a completamente esteso. Quattro pulsanti invece controllano i due movimenti della spalla, di 90 ciascuno. La connessione tra la stazione di comando e l elettronica di controllo, in loop di corrente 0 20 ma, è assicurata da un apposito doppino presente nel cordone ombelicale. L alimentazione a 110 V AC è stata prelevata dalla bottiglia dell elettronica di potenza in modo da poterla condizionare con un comando da terra così da non lasciare il sistema inutilmente alimentato durante le fasi in cui questo non è necessario. Il sistema è stato provato sia in aria che in acqua per verificarne e il funzionamento e l influenza sull assetto del veicolo, il tutto con risultati soddisfacenti. È stata inoltre predisposta un apposita telecamera miniaturizzata da installarsi all altezza del polso in alternativa alla normale telecamera B/N in maniera da poter controllare con maggior efficacia le operazioni di manipolazione. Figure 2 e 3 Il manipolatore Cobra a bordo LORIS 2.4 Il nuovo slip-ring Le espansioni effettuate alla strumentazione di bordo oltre a quelle prevedibili per l aumentata capacità di carico hanno reso necessario il pieno sfruttamento delle possibilità offerte dal cavo ombelicale da 2000 metri. Ciò è stato reso possibile dalla realizzazione di un nuovo slip-ring per l aspo avvolgicavo, visibile in Figura 4, che, alloggiato nel contenitore stagno presente su una delle spalle di sostegno dell asse di questo, esaurisce completamente le possibilità di collegamento tra veicolo e console di comando trasferendo a terra tutti i collegamenti possibili tramite il cavo in questione. Questo comprendendo anche quelli in fibra ottica previo opportuna conversione elettro ottica ottenuta da appositi convertitori alloggiati in un contenitore solidale con la bobina rotante dell aspo stesso. Figura 4 Lo slip-ring

8 AUT/SAE A1/ Pag.8/9 3 IL SISTEMA DI ISPEZIONE SUBACQUEA PER AMBIENTI ANGUSTI ALICE 3.1 Il sistema di alimentazione del veicolo ALICE Per ottenere in ALICE quelle caratteristiche di leggerezza e manovrabilità che lo caratterizzano si è deciso di alimentarlo direttamente in CC risparmiando di conseguenza il peso del trasformatore di bordo e con vantaggi anche nelle caratteristiche elettriche e di semplicità del cordone ombelicale. Si è così venuto a configurare un sistema di trasferimento di potenza composto da un alimentatore livellato AC/DC posizionato a terra e da un convertitore DC/DC da montare a bordo del veicolo, connessi tra loro tramite un cavo della lunghezza di 800 metri (resistenza pari a 16 Ohm, induttanza pari a 2 mh) L alimentatore AC/DC L'alimentatore AD/DC è stato configurato come un armadio munito di rotelle e manici in modo da poterlo movimentare come una carriola, con grado di protezione adeguato alla permanenza continuativa in ambiente marino ed avente le seguenti caratteristiche: tensione di ingresso 380 V AC trifase 50 Hz tensione di uscita 600 V AC ±5% potenza come richiesta dal DC/DC converter di cui in raddrizzamento con ponte trifase totalmente controllato salita tensione uscita a rampa protezione circuiti I/O a norme CE comprensiva di fungo di emergenza e protezione per ground fault Il convertitore DC/DC di bordo Il convertitore DC/DC è stato realizzato in modo da soddisfare i vincoli di spazio imposti dal contenitore montato a bordo del veicolo subacqueo cioè con simmetria ed ingombro tali da poter essere inscritto in un cilindro da 200 mm di diametro per un altezza di 130 mm, con una delle due facce circolari disponibili per la dissipazione. Il tutto con le seguenti caratteristiche: Tensione continua di entrata V Tensione continua di uscita 130 V ±15% 1) Corrente continua di uscita massima 23 A Corrente continua di uscita minima 0.2 A Ripple sulla tensione di uscita < 5 % Ripple sulla corrente di entrata < 10 % 2) Limitazione della corrente massima in ingresso 12 A Sovratensione massima in uscita < 170 V 3) Raffreddamento stadi di potenza Piastra termica T < 40 C 1) La tolleranza indicata si intende in stato stazionario per variazioni di tensione in entrata, corrente di carico, temperatura. Esclude quindi variazioni transitorie di cui alla nota 3) 2) Il ripple indicato si intende come fornito da un generatore avente resistenza interna pari a 12 Ohm 3) Detta sovratensione si intende transitoria con durata massima inferiore ad un secondo.

9 AUT/SAE A1/ Pag.9/9 3.2 Risultanze dal collaudo del sistema Logica di regolazione Verificata la congruenza con i relativi aggiornamenti fra schema elettrico, filatura circuitale e valore dei singoli componenti passivi, è stato inserito in fase di accensione un ritardo che permette la stabilizzazione delle tensioni di servizio prima che venga abilitato il regolatore dell'anello principale a 120 V. Ciò al fine di ottimizzare la rampa di salita della tensione in uscita a carico minimo, con l alimentazione della sola logica di controllo e di servizio, poiché la modalità di funzionamento software deve prevedere il comando a posteriori da parte dell'operatore dell'inserzione dei carichi motori e delle lampade sull alimentazione a 120V. È stato poi ottimizzato l'anello di regolazione della tensione di uscita a 120 V con un carico di lavoro pari a 20.5 A contro i 23 A indicati nella specifica di progetto stante la non disponibilità di ulteriori carichi resistivi. Questo con l accortezza che l'inserzione o la disinserzione del carico non avvenga in modo istantaneo sulla piena potenza bensì in modo graduale, a gradini di non più di 5 A ciascuno, onde evitare sovratensioni che possono superare i limiti di buon funzionamento dello stadio di ingresso. Questa ammissione d'altronde coincide con le usuali modalità operative di guida, non essendo ipotizzabile ne tantomeno desiderabile una partenza a piena potenza del veicolo. Si è riscontrato che con l erogazione di 20 A per oltre 15 minuti di funzionamento continuo a banco ha luogo un innalzamento di temperatura eccessivo, oltre i 120 C sulla pelle dell'induttanza di spianamento. Dal momento che anche lavorando in immersione l'attuale realizzazione non favorisce il raffreddamento del componente, occorre pensare al rifacimento dell'induttanza impregnandola con una resina conduttrice di calore che favorisca il drenaggio di questo verso il contenitore. Ciò naturalmente se si vogliono ottenere prestazioni superiori a quelle indicate Circuito di comando IGBT Considerando le caratteristiche idrodinamiche del mezzo che lo rendono comunque ingovernabile in caso di indisponibilità anche di un solo motore, si è adottata la soluzione di un unico canale di inserzione e disinserzione della linea 120 V verso i motori e le lampade con un unico interruttore IGBT (Insulate Gate Bipolar Transistor) comune a tutti i carichi. Sia i motori che le lampade hanno infatti una regolazione, di velocità i primi e di intensità le seconde, che può essere singolarmente controllata tra lo 0 ed il 100%. In caso di corto circuito di una lampada è previsto un fusibile dedicato che escluda solo il carico interessato mentre nel caso si abbia una qualunque anomalia di un motore occorre mettere fuori servizio il mezzo con il recupero manuale da parte dell'operatore se ciò avviene durante una missione. La soluzione attuata ha comportato una notevole semplificazione circuitale dal momento che i motori hanno la carcassa, la terra di potenza e la terra di segnale in comune e quindi per alimentarli separatamente si dovrebbe disporre di quattro interruttori "high side control" su quattro alimentazioni separate e fra loro isolate.

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto.

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. novembre 2006 Progetto RdS Trasmissione e distribuzione Rapporto TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/22 Committente Ministero

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI Il pallettizzatore cartesiano aperto è un robot cartesiano serie CC a 3/4 assi con un asse a terra che può arrivare a 10 metri di corsa, per pallettizzare fino a 7 posti

Dettagli

DL 2105A SET DI DIAPOSITIVE 4 DL 2105 KIT PER IL MONTAGGIO DI UN MOTORE ASINCRONO 4

DL 2105A SET DI DIAPOSITIVE 4 DL 2105 KIT PER IL MONTAGGIO DI UN MOTORE ASINCRONO 4 INDEX DL 1010B BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE 2 DL 1010D COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO 2 DL 1012Z BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI 2 DL 2106 KIT PER IL MONTAGGIO DI 2 TRASFORMATORI 3 DL 2106A

Dettagli

La Piattaforma con piano traslabile

La Piattaforma con piano traslabile Superare con eleganza pochi gradini senza creare ingombro sulla scala dopo l uso. Massima sicurezza e minimo impatto. La Piattaforma con piano traslabile L utile a scomparsa Sistema semplice e sicuro per

Dettagli

Installazione Sistema Ibrido Beta Marine

Installazione Sistema Ibrido Beta Marine Installazione Sistema Ibrido Beta Marine Foto 1 L installazione di un sistema ibrido è ragionevolmente semplice. Seguendo le indicazioni date in questo manuale non si dovrebbero incontrare particolari

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

DISSUASORE DI SICUREZZA FAAC J355 HA M30- P1 DESCRIZIONE DI CAPITOLATO

DISSUASORE DI SICUREZZA FAAC J355 HA M30- P1 DESCRIZIONE DI CAPITOLATO DISSUASORE DI SICUREZZA FAAC J355 HA M30- P1 DESCRIZIONE DI CAPITOLATO Dissuasore di sicurezza retraibile automatico (Hydraulic Automatic) M30 (prima K4) per utilizzo intensivo, certificato e testato secondo

Dettagli

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI DL 1010B DL 1010D DL 1012Z KIT PER TRASFORMATORI E MOTORI KIT PER IL MONTAGGIO

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

Apparecchiatura a 8 sensori per allineamento ruote autocarro DWA

Apparecchiatura a 8 sensori per allineamento ruote autocarro DWA Apparecchiatura a 8 sensori per allineamento ruote autocarro B A L A N C I N G M A C H I N E S DWA 4 5 0 T DWA 4 5 0 T caratteristiche generali Apparecchiatura a 8 sensori per allineamento ruote autocarro,

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA Apiel produce pallettizzatori cartesiani per soddisfare le più svariate esigenze della clientela. Abbiamo 13 modelli base che possiamo realizzare con caratteristiche diverse

Dettagli

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici Esame di Stato di Istituto Professionale Indirizzo: Tecnico delle industrie elettriche Tema di: Elettrotecnica, Elettronica e Applicazioni Luigi Manzo - Giuseppe Gallo In una piccola industria di floricoltura,

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB1 con persona a bordo

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB1 con persona a bordo DESCRIZIONE IMPIANTO Ascensore per auto a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche per traslazione di autovetture tra piani definiti a pantografo senza coperchio di chiusura fossa e CON PERSONA

Dettagli

PALETTIZZAZATORI E FINE LINEA

PALETTIZZAZATORI E FINE LINEA PALLETTIZZATORI PALETTIZZAZATORI E FINE LINEA Apiel produce pallettizzatori cartesiani per soddisfare le più svariate esigenze della clientela. Abbiamo 13 modelli base che possiamo realizzare con caratteristiche

Dettagli

L LSS-1, trasduttore StructureScan e la sua staffa di montaggio

L LSS-1, trasduttore StructureScan e la sua staffa di montaggio DRAFT III Installazione dello StructureScan Hardware La vostra scatola StructureScan viene fornita con un Cavo di alimentazione, il trasduttore StructureScan ed una staffa di montaggio. Al trasduttore

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA Solaut produce pallettizzatori cartesiani per soddisfare le più svariate esigenze della clientela. Abbiamo 13 modelli base che possiamo realizzare con caratteristiche diverse

Dettagli

Monosplit a Parete Alta - Installazione

Monosplit a Parete Alta - Installazione Prima di iniziare l installazione, è necessario scegliere il luogo di installazione delle apparecchiature, verificandone l idoneità tecnica. Per una installazione a regola d arte, non è sufficiente applicare

Dettagli

I supporti dei sistemi fotovoltaici

I supporti dei sistemi fotovoltaici I supporti per il montaggio dei moduli Su tetto a falda: retrofit e integrazione A terra o su tetti piani: vasche, supporti metallici, Girasole, Gazebo A parete: frangisole, in verticale Sistemi retrofit

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE ISTITUTO SCOLASTICO OGGETTO D INTERVENTO LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI - CATANZARO CODICE MECCANOGRAFICO:

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo Raddrizzatori doppio ramo SEE RADDRIZZATORE A DOPPIO RAMO, USCITA +/-1% Soluzione dedicata con batterie a vaso aperto o NiCd con tensione di uscita 110 o 220 V CC sino a 500 A Applicazioni industriali:

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

BIOGAS AGITATORI PER BIOGAS. Le nostre soluzioni per incrementare la produzione di biogas. Rappresentanza in Italia:

BIOGAS AGITATORI PER BIOGAS. Le nostre soluzioni per incrementare la produzione di biogas. Rappresentanza in Italia: AGITATORI PER BIOGAS Le nostre soluzioni per incrementare la produzione di biogas Rappresentanza in Italia: Agitatori con elica Giantmix FR Per digestori chiusi in cemento Fissaggio a parete o su copertura

Dettagli

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA MANUALE OPERATIVO PREMESSA Con l acquisto del convertitore DC/DC il cliente si impegna a prendere visione del presente manuale e a rispettare e far

Dettagli

Libro Bianco Etneo Italia the white book & technical papers

Libro Bianco Etneo Italia the white book & technical papers Libro Bianco Etneo Italia the white book & technical papers Prodotti e Sistemi per l assemblaggio Industriale - Dall attrezzo al Robot Personale ETNEO ITALIA Scientific & Technology Park Via Bovio 6-28100

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO. E. Principe

Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO. E. Principe Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO Veicolo ferroviario Principali requisiti per la progettazione dei veicoli ferroviari Scartamento delle sale 1435 mm

Dettagli

Dati tecnici Spandilegante serie TA SW 10 TA SW 16 TA

Dati tecnici Spandilegante serie TA SW 10 TA SW 16 TA Dati tecnici Spandilegante serie TA SW 10 TA SW 16 TA Dati tecnici Spandilegante SW 10 TA Spandilegante SW 16 TA Cassone Capacità del cassone 10 m 3 16 m 3 Diametro bocchettone / tubazione di riempimento

Dettagli

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004 Scheda 4 - D) MATURAZIONE SALATOIO CAMERA CALDA PROBLEMA 1) TRAINO/SPINTA DEGLI SPERSOLI SU RUOTE O DEL CARRELLO DELLE FORME COMMENTO: la modalità, ormai, maggiormente in uso è quella degli spersoli su

Dettagli

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00299. Note: N. pagine: 18 N. pagine fuori testo: 0.

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00299. Note: N. pagine: 18 N. pagine fuori testo: 0. AUT/SAE A1/034497 Pag.1/18 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: ALICE - Veicolo subacqueo tele operato per ambienti angusti: integrazione finale e collaudo in vasca. Ordine: Contratto CESI n. 71/00299

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

SOLON SOLfixx. Sistema fotovoltaico per tetti piani.

SOLON SOLfixx. Sistema fotovoltaico per tetti piani. SOLON SOLfixx Black/Blue IT SOLON SOLfixx. Sistema fotovoltaico per tetti piani. Novitá: Struttura di supporto a cuneo per l'impiego in zone montagnose Miglior rendimento per metro quadrato: elevato sfruttamento

Dettagli

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de Il carrello saliscale per i professionisti C I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente www.aat-online.de Il superamento delle scale è cosa difficile e faticosa quando si tratta di movimentare

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

I moduli fotovoltaici saranno prodotti con celle in silicio policristallino ad alta efficenza, tolleranza di resa ± 4,5%, collegamento delle celle

I moduli fotovoltaici saranno prodotti con celle in silicio policristallino ad alta efficenza, tolleranza di resa ± 4,5%, collegamento delle celle RELAZIONE TECNICA La presente relazione tecnica ha per oggetto gli impianti solari fotovoltaici da realizzare presso i seguenti edifici di proprietà comunale: Scuola media P.D. Frattini potenza 20 kwp;

Dettagli

Sensori di posizione lineari Magnetostrittivi Guida Utente

Sensori di posizione lineari Magnetostrittivi Guida Utente Sensori di posizione lineari Magnetostrittivi Guida Utente INDICE: 1 DESCRIZIONE... 1 1.1 Relazione segnale-posizione... 1 1.2 Area utile (attiva) del sensore magnetostrittivo da 75mm... 2 1.3 Area utile

Dettagli

CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE

CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE Le gru mobili portuali offrono soluzioni flessibili alla movimentazione dei carichi all interno dei porti,

Dettagli

IMRAK 610 Armadio per piccole e medie installazioni

IMRAK 610 Armadio per piccole e medie installazioni Armadio per piccole e medie installazioni 1 2 Sommario Specifiche materiali Copertura superiore: acciaio 1.2 mm Copertura inferiore: acciaio 1.2 mm Chiusura passaggio cavi: acciaio 1.2 mm Porta in vetro:

Dettagli

Sistemi a braccio portante e contenitori di comando

Sistemi a braccio portante e contenitori di comando Sistemi a braccio portante e contenitori di comando 2 Sistemi a braccio portante e contenitori di comando Rittal The System. Un insieme non è solo la somma delle singole parti. Sulla scorta di questo concetto,

Dettagli

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione per i quadri elettrici di bassa tensione Pubblicato il: 28/02/2005 Aggiornato al: 28/02/2005 di Gianfranco Ceresini Sta per terminare la stagione dei quadri AS e ANS che ha caratterizzato l'ultimo decennio.

Dettagli

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

Tema di ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI

Tema di ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI ESAME DI STATO Istituto Professionale Industriale Anno 2004 Indirizzo TECNICO INDUSTRIE ELETTRICHE Tema di ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI Un impianto funicolare è alimentato, oltre che dalla

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA Ing. ARMANDO FERRAIOLI P. I. ANTONIO CROCETTA Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 84013-CAVA DE TIRRENI (SA) 81020-S. NICOLA LA STRADA (CE) ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA

Dettagli

ATTUATORE CON VITE A SFERE. DIMENSIONI DI INGOMBRO La = Lc + Corsa Corsa. Attacco base con foro filettato BA. Supporto posteriore SP

ATTUATORE CON VITE A SFERE. DIMENSIONI DI INGOMBRO La = Lc + Corsa Corsa. Attacco base con foro filettato BA. Supporto posteriore SP ATTUATORE CON VITE A SFERE UBA 0 DIMENSIONI DI INGOMBRO La = Lc + Corsa Corsa Lc Interruttori reed finecorsa FCM T prof. 7 Attacco base con foro filettato BA (motore con freno) (motore con encoder) Supporto

Dettagli

VERAK KRIO Armadi industriali con condizionatori a tetto, porta o parete

VERAK KRIO Armadi industriali con condizionatori a tetto, porta o parete VERAK KRIO Armadi industriali con condizionatori a tetto, porta o parete Soluzione modulare costituita da armadio industriale e unità di raffreddamento Disponibile in 27U / 37U / 42U / 47U, profondità

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto.

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto. MANUALE TECNICO aerotermi a soffitto S80 I INDICE 1 GENERALITA'... 2 2 CARATTERISTICHE TECNICHE NOMINALI... 3 3 RESE TERMICHE... 4 3.1 Resa termica con funzionamento ad acqua... - 11 4 FUNZIONAMENTO A

Dettagli

Allestimenti veicoli commerciali. Catalogo n ii S05 00

Allestimenti veicoli commerciali. Catalogo n ii S05 00 Allestimenti veicoli commerciali Catalogo n ii S05 00 Indice pag. 4-5 L AZIENDA pag. 6-7 UNA GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI pag. 8-9 STRATEGICAMENTE FORTI pag. 10-27 LINEA FAST. Ottimizzazione dello spazio

Dettagli

Aria condizionata. Condizionatori 84 91. www.dometic.it www.waeco.it 82 83

Aria condizionata. Condizionatori 84 91. www.dometic.it www.waeco.it 82 83 Aria condizionata 84 91 www.dometic.it www.waeco.it 82 8 Informazioni sul prodotto per retrofit Pagine 86 91 È tutto incluso nel kit: MCS 5 e MCS 15 sono condizionatori autonomi, con i componenti A/C montati

Dettagli

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO:

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO: Oggetto: LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. PRODOTTO DA IMBALLARE: BOX DOCCIA. DIMENSIONI PRODOTTO: LUNGHEZZA (X) MIN. 800 MM MAX. 2200 MM LARGHEZZA (Y) MIN. 240

Dettagli

GRU I tipi di macchine da cantiere più diffuse sono quelle per il sollevamento ed il trasporto dei carichi. I principali tipi di macchine per il sollevamento sono le gru che a seconda della loro strutturazione

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER L ITALIA MACCHINE SOFFIA CAVO MINIFOK

DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER L ITALIA MACCHINE SOFFIA CAVO MINIFOK FAR s.r.l. Elettronica - Elettrotecnica - Telecomunicazioni - Test Via Firenze n.2-8042 NAPOLI Tel 08-554405 - Fax 08-5543768 E mail: faritaly@tin.it web : www.farsrlitaly.com DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER

Dettagli

Pompa sommersa KTP300. Per acque nere e bianche

Pompa sommersa KTP300. Per acque nere e bianche ISTRUZIONI DI MONTAGGIO, ESERCIZIO E MANUTENZIONE Pompa sommersa KTP300 Per acque nere e bianche Edizione 01/1992 No. di registrazione: 010-646 Con riserva di modifiche tecniche Pompa sommersa KTP 300

Dettagli

Cappa da cucina tradizionale confort

Cappa da cucina tradizionale confort Cappa da cucina tradizionale confort Prezzi a richiesta Vantaggi Compensazione integrata. Filtri a labirinto in acciao inox montati. Illuminazione ad incasso in opzione. Gamma Due altezze disponibili:

Dettagli

Catalogo tecnico Pompe Drenaggio e Fognatura - 2011. Rotex 3

Catalogo tecnico Pompe Drenaggio e Fognatura - 2011. Rotex 3 Catalogo tecnico Pompe Drenaggio e Fognatura - 2011 Rotex Scheda tecnica Descrizione Pompe a gambo, con motore esterno al pozzetto di raccolta, per estrazione acque chiare e condensato Struttura della

Dettagli

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO FS 08 1S E un sollevatore manuale uso gancio per operatori professionali del settore ferroviario. Consente il sollevamento di attrezzature ferroviarie dopo essere stato assemblato nei 3 moduli che lo compongono

Dettagli

caricat carica ori f ori f estali

caricat carica ori f ori f estali caricatori forestali Caricatore Forestale CF 325 Z Caricatore Forestale CF 350 N Caricatore Forestale CF 400 Z Caricatore Forestale CF 450 Z 1 caricatori forestali La nostra azienza è presente da anni

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

DISSUASORE FAAC J200 F DESCRIZIONE DI CAPITOLATO

DISSUASORE FAAC J200 F DESCRIZIONE DI CAPITOLATO DISSUASORE FAAC J200 F DESCRIZIONE DI CAPITOLATO Dissuasore di traffico Fisso (Fixed) J200. APPLICAZIONI: Delimitazioni permanenti di aree pedonali, parcheggi riservati, parcheggi per uffici, aree residenziali,

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

DL 2102AL DL 2102ALCC

DL 2102AL DL 2102ALCC DL 2102T01 Pulsante di Emergenza Pulsante di emergenza a fungo di colore rosso per il controllo manuale e la rapida apertura del circuito in caso di emergenza. Pulsante completo di un contatto normalmente

Dettagli

v. p. green Energy G3 30KW

v. p. green Energy G3 30KW v. p. green Energy G3 30KW costruzione molto robusta che si adatta a tutti venti manutenzione ridotta triplo freno a disco non necessita di inverter il migliore compromesso qualità/prezzo diametro del

Dettagli

ANALISI DEL PREZZO N 5. REGOLATORE STABILIZZATO DI FLUSSO LUMINOSO 50 KVA (con quadro comando della zona A incorporato)

ANALISI DEL PREZZO N 5. REGOLATORE STABILIZZATO DI FLUSSO LUMINOSO 50 KVA (con quadro comando della zona A incorporato) ANALISI DEL PREZZO N 5 REGOLATORE STABILIZZATO DI FLUSSO LUMINOSO 50 KVA (con quadro comando della zona A incorporato) Fornitura e posa in opera di Regolatore Stabilizzato di Flusso Luminoso per potenza

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

Collettore piano ad alta efficienza FKA Made in Germany

Collettore piano ad alta efficienza FKA Made in Germany Collettore piano ad alta efficienza FKA Made in Germany Collettore piano ad alta efficienza FKA La centrale solare Tubo collettore attivo ed integrato per installazione modulare dell impianto Spesso strato

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 )

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Leggere le istruzioni prima dell'uso. Questo dispositivo di controllo deve essere installato secondo i regolamenti

Dettagli

G 50/2-70/2 GAS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI

G 50/2-70/2 GAS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI DESCRIZIONE PER CAPITOLATO I bruciatori G 50-70/2 GAS di gas ad aria soffiata di tipo bistadio sono predisposti per funzionamento a G.P.L. (con kit di trasformazione). Cofano insonorizzato sagomato in

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

Presentazione nuova automazione scorrevole per vie di fuga ed uscite di emergenza EN16005 con motore brushless. SL5 Emergency

Presentazione nuova automazione scorrevole per vie di fuga ed uscite di emergenza EN16005 con motore brushless. SL5 Emergency Presentazione nuova automazione scorrevole per vie di fuga ed uscite di emergenza EN16005 con motore brushless SL5 Emergency Innovare per semplificare APRILE 2014 1 Total Customer Satisfaction Coerentemente

Dettagli

arsic Italia Voltmetri

arsic Italia Voltmetri Voltmetri Il voltmetro è uno strumento per la misura della differenza di potenziale elettrico tra due punti di un circuito, la cui unità di misura è il volt con simbolo V. L'unità di misura possiede questo

Dettagli

JM 9/2-16/2 - G 26/2 GAS

JM 9/2-16/2 - G 26/2 GAS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO I bruciatori JM 9/2-16/2 GAS e di gas ad aria soffiata di tipo bistadio sono predisposti per funzionamento a G.P.L. (kit di trasformazione in dotazione sui modelli:, ). Cofano

Dettagli

BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA PERRIS 350 RULLIERE DI CARICO E SCARICO TRONCATRICE MANUALE. qualità e durata nel tempo.

BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA PERRIS 350 RULLIERE DI CARICO E SCARICO TRONCATRICE MANUALE. qualità e durata nel tempo. BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA TRONCATRICE MANUALE RULLIERE DI CARICO E SCARICO qualità e durata nel tempo PERRIS 350 solida e compatta Rulliera di carico Rulliera di scarico con fermobarra Doppio supporto

Dettagli

EFD Serrande tagliafuoco certificate EI 180 S EN 1366-2 marcata UNI EN15650.

EFD Serrande tagliafuoco certificate EI 180 S EN 1366-2 marcata UNI EN15650. Serrande tagliafuoco certificate EI 180 S EN 1366-2 marcata UNI EN15650. Classificazione secondo EN13501-3:2005 Supporti normalizzati EI 120 S EI 180 S Parete in cartongesso 150 mm (v e i o) 1500x1000

Dettagli

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C COOLS SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE COOLSIDE box INVERTER R410A E C 2 COOLSIDE box INTRODUZIONE COOLSIDE BOX è un sistema split composto da una unità motocondensante

Dettagli

SL 27-IM Sensore di livello piezoresistivo INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE

SL 27-IM Sensore di livello piezoresistivo INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE SL 27-IM Sensore di livello piezoresistivo INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DESCRIZIONE... 3 Generalità... 3 Principio di misura... 3 Tipologia del sensore... 3 INSTALLAZIONE... 4 Aerazione... 4 Montaggio

Dettagli

Un nuovo sistema di riparazione

Un nuovo sistema di riparazione I Un nuovo sistema di riparazione SPEED sa fare di tutto! La maggior parte degli incidenti accadono a velocità così basse da non creare danni strutturali SPEED è dotato di un raddrizzatore adatto a riparazioni

Dettagli

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE Congratulazioni per la Vostra scelta! Av ete appena acquistato l elev atore motorizzato per v ideoproiettore SI- H 300 ideato

Dettagli

Impianto Fotovoltaico di potenza pari a 58,375 kwp sito nel Comune di Messina (ME) Committente: Comune di Messina

Impianto Fotovoltaico di potenza pari a 58,375 kwp sito nel Comune di Messina (ME) Committente: Comune di Messina Relazione Tecnica Impianto Fotovoltaico di potenza pari a 58,375 kwp sito nel Comune di Messina (ME) Committente: Comune di Messina 1 / 8 INDICE I. TIPOLOGIA E SITO DI INSTALLAZIONE... 3 II. MODULI FOTOVOLTAICI...

Dettagli

18.01. 1 NO 10 A Installazione da interno Particolarmente indicato per il fissaggio a parete 230/230 230/230 2300 2300 350 350 CFL W

18.01. 1 NO 10 A Installazione da interno Particolarmente indicato per il fissaggio a parete 230/230 230/230 2300 2300 350 350 CFL W Serie 18 - Rilevatore di movimento 10 A SERIE 18 Caratteristiche Rilevatore di movimento a infrarossi Dimensioni ridotte Dotato di sensore crepuscolare e tempo di ritardo Utilizzabile in qualsiasi posizione

Dettagli

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS 3.4.2 7.2008 0694 a gas metano e GPL, camera aperta, accensione automatica a batteria Acquasprint Iono è lo scaldabagno a camera aperta per l installazione semplice e veloce

Dettagli

Specifiche tecniche dei rack per apparati elettronici PRASE Engineering. IMnet 620. Tavola dei contenuti

Specifiche tecniche dei rack per apparati elettronici PRASE Engineering. IMnet 620. Tavola dei contenuti IMnet 620 APW Electronics Srl Anno 2003 Rev. 0-0 Tavola dei contenuti Sezioni Pag. Sez.I Specifiche tecniche generali.... 2 Descrizione dei telai...3 Composizione della struttura..4 Dimensioni.......5

Dettagli

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il gruppo di alimentazione ALSCB138V24 è stato progettato per risultare idoneo all impiego con tutti i tipi di apparecchiature,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI indice ALIMENTATORE TRIFASE ALIMENTATORE CC ALIMENTATORI DL 2102AL DL 2102ALCC MODULI PULSANTE DI EMERGENZA TRE PULSANTI TRE LAMPADE DI SEGNALAZIONE CONTATTORE RELE TERMICO RELE A TEMPO SEZIONATORE SENSORE

Dettagli

LE NOSTRE PRIORITA LE VOSTRE ESIGENZE SONO. Distribuzione elettrica sotto/sopra muro. Catalogo-Distribuzione elettrica sotto/sopra muro 01 A

LE NOSTRE PRIORITA LE VOSTRE ESIGENZE SONO. Distribuzione elettrica sotto/sopra muro. Catalogo-Distribuzione elettrica sotto/sopra muro 01 A LE VOSTRE ESIGENZE SONO LE NOSTRE PRIORITA Distribuzione elettrica sotto/sopra muro Catalogo-Distribuzione elettrica sotto/sopra muro 01 A Indice Introduzione Introduzione Selezione Selezione/ Costruzione

Dettagli

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Ref.: MPS352A Murata Power Solutions www.murata-ps.com Articolo Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Paul Knauber, Field Applications Engineer, Murata Power Solutions

Dettagli

MINI-SVO. POMPE SOMMERGIBILI Acque cariche domestiche 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

MINI-SVO. POMPE SOMMERGIBILI Acque cariche domestiche 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 18 m3/h Prevalenza fino a: mc.a. Temperatura d esercizio: da 0 a +40 C Profondità d immersione max: 5 m DN attacchi mandata: R1 1/2 Granulometria max: Ø 35 mm* * Max. 60 C

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

[blockquote]carrello Laterale Multidirezionale Compatto [/blockquote] Portata nominale da 1500 a 3000 kg

[blockquote]carrello Laterale Multidirezionale Compatto [/blockquote] Portata nominale da 1500 a 3000 kg [blockquote]carrello Laterale Multidirezionale Compatto [/blockquote] Portata nominale da 1500 a 3000 kg [span class=note]caratteristiche[/span] La serie 2120 è un carrello laterale con sterzo multidirezionale,

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA

GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA ST.01.01.00 GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA Art. 2170 Gruppo di rilancio completo di: - Valvola miscelatrice con servocomando a 3 punti - Circolatore a tre velocità - Valvole d intercettazione

Dettagli

Polivalenza senza eguali Il sistema di aggancio rapido ad azionamento idraulico permette la rapida intercambiabilità degli accessori.

Polivalenza senza eguali Il sistema di aggancio rapido ad azionamento idraulico permette la rapida intercambiabilità degli accessori. Velocità oltre 5 km/h La trasmissione idrostatica con pompa a cilindrata variabile che equipaggia i modelli con maggiori prestazioni, assicura il trasferimento veloce su strada. La potenza dove potrebbe

Dettagli

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel Compressore con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità Portata effettiva Massima pressione operativa

Dettagli

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI è l abbreviazione di Supervisione Integrata : un sistema di monitoraggio e controllo delle installazioni tecnologiche per la sicurezza

Dettagli

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro Formazione specifica Unità Didattica 1 L ambiente e le attrezzature di lavoro Definizione di ambiente di lavoro D.Lgs. 81/2008 Per luogo di lavoro si intende: i luoghi destinati a ospitare posti di lavoro,

Dettagli

Glendinning propone soluzioni innovative di eccezionale qualità per l industria nautica dal 1972. Cablemaster, il prodotto distribuito da Saim

Glendinning propone soluzioni innovative di eccezionale qualità per l industria nautica dal 1972. Cablemaster, il prodotto distribuito da Saim Glendinning propone soluzioni innovative di eccezionale qualità per l industria nautica dal 1972. Cablemaster, il prodotto distribuito da Saim Marine, è un avvolgicavo automatico che permette di estendere

Dettagli