IS COMMUNITY BUSINESS AND TECHNOLOGY OUTLOOK RESEARCH PROGRAM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IS COMMUNITY BUSINESS AND TECHNOLOGY OUTLOOK RESEARCH PROGRAM"

Transcript

1 in collaboration with Prof. Vasant Dhar of IS COMMUNITY BUSINESS AND TECHNOLOGY OUTLOOK RESEARCH PROGRAM INFORMATION TECHNOLOGY TRENDS: Outlook 2012 Emerging IT Issues Milano, 08 aprile

2 Agenda Agenda Pag. 3 Pag. 5 Pag. 21 BTO Proceedings Introduzione del programma di ricerca BTO tenuto da Vasant Dhar (Stern School of Business, New York University) 2

3 BTO Proceedings BTO Proceedings Documenti: «BTO Proceedings» è un output creato e distrubuito per divulgare i risultati di ricerca, presentati durante gli incontri dell Executive Community. Il documento, prodotto dal team di ricerca BTO, è presentato in un formato che permette una consultazione dei contenuti facile e rapida. Scopo: BTO Proceedings offre un quadro generale dei contenuti discussi durante l Executive Community, evidenziandone gli aspetti più importanti ed i punti di partenza della ricerca. Abstract: Il tema della discussione di questa sessione è stato INFORMATION TECHNOLOGY TRENDS: Outlook 2012 Emerging IT Issues I cambiamenti delcontesto macroeconomicoe la definizione di nuoviquadri normativihanno contribuito all'emergere di nuoviscenari di business in vari settori e ad una riconfigurazione del contesto competitivo. Queste trasformazioni portano le imprese ad un focus maggiore sulconsolidamentodella propria struttura organizzativa, in modo da coniugare, allo stesso tempo,allineamentoeagilitànella revisione deimodelli di businesse con il fine di meglio perseguire i propri obiettivi strategici in termini dicontrollo dei costi,conformitàai nuovi quadri normativi egovernanceorientata ad una gestione più efficace del rischio. In momenti particolarmente dinamici, la necessità di riconoscere itrend evolutiviin grado di supportare lacrescitadelle imprese diventa un elemento significativo per individuarestrategie innovativenecessarie a prevedere e recepire i trend del futuro, mantenendo un buon livello di performance. Durante l incontroè intervenutoanchevasantdhar, direttore dell Information Systems Group e del Centro Digital Economy Research alla Stern School of Business, New York University 3

4 Agenda Agenda Pag. 3 Pag. 5 Pag. 21 BTO Proceedings Introduzione del programma di ricerca BTO tenuto da Vasant Dhar (Stern School of Business, New York University) 4

5 Introduzione Il calendario delle attività 2011 prevede la realizzazione di 3 incontri plenari su temi di interesse trasversali individuati sulla base delle esigenze dei soci aderenti alla Community Il programma Information Technology Trends: Outlook Emerging IT Issues (April 2011) 1 2 Business Process Architecture: how to optimize agility of business (June 2011) Business Model Innovation: how to design business innovation and how to exploit IT for innovating (October 2011) 3 5

6 Introduzione con l obiettivo di fornire loro un supporto significativo a tutti i livelli Road map Strategic level 1 Information Technology Trends: Outlook Emerging IT Issues Support areas 2 Business Process Architecture Operations 3 Business Model Innovation I temi in programma per il 2011 sono stati selezionati sulla base dei suggerimenti e delle esigenze espresse dagli stakeholder, con l obiettivo di offrire un supporto scientifico ed operativo agendo a tutti i livelli organizzativi: strategico, di supporto ed operativo 6

7 Introduzione Gli argomenti previsti per il 2011 saranno analizzati da alcuni tra i più importanti ricercatori accademici a livello internazionale Ricercatori coinvolti nel research program Information Technology Trends: Outlook Emerging IT issues Vasant Dhar - Stern School of Business, New York University Business Process Architecture: how to optimize agility of business George Westerman - MIT Sloan School of Management Business Model Innovation: how to design business innovation and how to exploit IT for innovating Vallabh Sambamurthy - Michigan State University 7

8 Introduzione Coerentemente con gli argomenti proposti sottoponiamo alla vostra attenzione la BTO Collection, una raccolta di paper selezionati dal gruppo di ricerca Il materiale a supporto CONTRIBUTO SELEZIONATO CIO STRATEGY OUTLOOK Information technologies in business: a blueprint for education and research 2. The emerging CIO role of business technology strategist IT BUSINESS VALUE MEASUREMENT Measuring IT performance and communicating value 4. Creating, capturing and measuring value from it investments: could we do better? STRATEGIC FOCUS POINT Effective information security requires a balance of social and technology factors 6. A business intelligence perspective on the future internet 7. How large U.S. companies can use twitter and other social media to gain business value 8 OBIETTIVO DEL CONTRIBUTO La formazione di nuovi leader e la creazione di nuove competenze per gli executive richiedono programmi business-centric e technology-centric. Il ruolo strategico del CIO dipende dal suo«potere formale» e dalla sua abilità nell assimilare e comunicare informazione di valore strategico. I CIO necessitano di metodi efficaci per misurare, monitorare e comunicare al CEO ed executives il valore di business degli investimenti IT. Come creare, e misurare il valore degli investimenti IT? Un panel dei principali esperti internazionali indica metodi e approcci da integrare alle tradizionali analisi finanziarie. L Information Security e la privacy degli asset aziendali sono fattori critici di successo, che richiedono allineamento tra i prodotti IT e i fattori organizzativi e sociali. La Business Intelligence deve trasformare le sfide di web 2.0/3.0 e social network in opportunità di business e gestione del cambiamento a livello di clientela. L uso dei social media richiede da parte delle aziende una strategia basata su capacita di assorbimento organizzativo e community building.

9 Introduzione e il volume Staying Power in cui si evidenziano i principi strategici che devono abilitare innovazione e valore di business attraverso l IT Il materiale a supporto CONTENUTI E OBIETTIVI Come muoversi in un contesto caratterizzato da rapide innovazioni a livello di prodotti/servizie modelli di business, abilitati da tecnologie digitali dell informazione e della comunicazione? Come riuscire ad adattarsi ai rapidi cambiamenti della tecnologia e dei mercati, e ottenere valore continuando a crescere come azienda? Per fornire risposte a queste domande strategiche, Michael Cusumano, Professore del MIT Sloan School of Management si basa su quasi 30 anni di ricerca sulle pratiche di aziende multinazionali leader riconosciute nei settori di riferimento: Microsoft, Apple, Intel, Google, tra altre, nel settore software, servizi internet, ed elettronica di consumo, e Toyota nel settore manifatturiero. In particolare emergono sei principi strategici che -in varie combinazioni sono stati cruciali per le aziende, apportando valore a livello di strategia, di pratiche di gestione dell'innovazione, e di capacità di affrontare il cambiamento e l incertezza. I primi due principi -piattaforme(non solo prodotti) e servizi, sono modi relativamente nuovi e più ampi di pensare strategie e modelli di business. Gli altri quattro -competenze(non solo strategia), il concetto di "pull", economie di scopo e di flessibilità (non solo di efficienza) -contribuiscono all agilità del business, che è un mix di flessibilità e velocità. Alcune pratiche associate a questi principi, come le capacità dinamiche, produzione just-in-time, sviluppo iterativodel prodotto, design flessibile, architetture modulari, riuso dei componenti, ora sono comunemente considerati come best practice standarde sono strategici per affrontare un contesto competitivo dominato da tecnologia, piattaforme e servizi da queste abilitati. Pull, Don t Just Push e Scope, Not Just Scale rappresentano alcuni dei fattori chiave in grado di alimentare la capacità delle organizzazioni di rispondere ai trend IT emergenti. 9

10 Introduzione 1 In un contesto in cui prevalgono variabilità e discontinuità, la strategia IT si caratterizza per una serie di trend ed obiettivi emergenti Business - Aumento dei competitor nei pagamenti -Aumento delle esigenze di personalizzazione -Aumento delle informazioni strategiche esterne all organizzazione Aumento della competitività nei servizi fidelizzazione cliente Il contesto Compliance 4 Normativa sempre più stringente ( SEPA e PSD) Business Technology Strategy -Aumento della trasparenzanei pagamenti - Aumento della sicurezza e della privacy -Nuovi modelli di governanceper fraud e risk management Innovazione delle competenze e flessibilità del sourcing Sfide specifiche settore finance Organizzazione 3 -Maggiore ruolo strategico di canali di erogazione dei servizi e di interazione orientati all utente e di prossimità (Web 2.0, 3.0, RFID, NFC) - Nuove modalità di sourcing(cloud) -Nuovi strumenti di supporto alle decisioni 2 Diffusione di nuove tecnologie e architetture IT 10 -Maggiori opportunità di consolidamento delle risorse interne -Maggiore disponibilità internadi competenze -Maggiore valore della costruzione di competenze interne flessibili e trasversali

11 Introduzione La discontinuità economica continua a influenzare l agenda IT in termini di controllo dei costi e portafoglio progetti, ma il focus su infrastrutture agili e l emergere di nuove priorità rappresentano un segnale di cambiamento IT Agenda 2011 Rank 2011 Azioni Rank Sviluppare e governare infrastrutture agili e modulari Agire sul portafoglio progetti (selezione-roi BT) New Entry 2 3 Innovare le politiche di sourcing (infrastruttura e servizi) 4 Continuare a ridurre i costi di struttura (IT) 5 Aumentare la consapevolezza del Valore dell IT 6 Rendere trasparenti i costi IT 7 Coinvolgere risorse business nei progetti IT 8 Gestire la convergenza (New Media, Social network) 9 Abilitare l uso di nuovi strumenti di intelligence Selezionare, ampliare, e rinnovare le competenze IT New Entry New Entry New Entry 10 New Entry -Fonte: elaborazione BTO su basi dati scientifiche 11

12 Introduzione e la spesa IT mostra uno spostamento dal supporto al business corrente alla sua crescita o trasformazione Obiettivi della Spesa IT Tecnologia 23 Sviluppo applicazioni Area Obiettivi Spesa IT (%) Supporto applicazioni Data Center Desktop e periferiche Help Desk Network (Dati) Network (Voce) IT Management Risorse Umane Outsourcing Software Hardware Altro Supporto alla crescitadel business Supporto alla operativitàdel business Supporto alla trasformazione del business 2 Amministrazione e controllo *Elaborazioni BTO su fonti scientifiche e industriali 12

13 Introduzione Nel 2011 le percezioni del business rispetto al ruolo dell IT saranno orientate ad abilitazione/supporto del Business e semplificazione, pur mantenendo un focus stabile sull innovazione di prodotti e servizi Business vs IT ρ Percezione del ruolo dell IT Contribuire all agilità del business attraverso infrastrutture flessibili e sicure (Abilit. Business) 2. Supportare in maniera efficace la compliance normativa (Supp. Business) 3. Contribuire alla riduzione costie al miglioramento dei processiaziendali (Semplificare) 4. Abilitare nuove politiche di sourcing(supp. Business) 5. Contribuire all innovazione di prodotti( core ) e servizi(innovazione) 6. Abilitare la disponibilità di informazioni rapide, sinteticheed efficaci(supp. Business) -Fonte: elaborazione BTO su basi dati scientifiche 13

14 Introduzione L IT dovrà agire aumentando la consapevolezza del proprio valore attraverso un innovazione mirata a trasformare in opportunità le nuove sfide della convergenza tecnologica IT Agenda Aumentare la consapevolezza del Valore dell IT Innovare le politiche di sourcing (infrastruttura e servizi) Sviluppare e governare infrastrutture agili e modulari (sicurezza) Gestire la convergenza (New Media, Social network) Abilitare l uso di nuovi strumenti di intelligence Selezionare, ampliare, e rinnovare le competenze IT Rendere trasparenti i costi IT Aumentare le interazioni con gli altri manager Coinvolgere risorse business nei progetti IT * -3 -Fonte: elaborazione BTO su basi dati scientifiche. *New entry previsione

15 Introduzione e la spesa IT si focalizzerà sul supporto alla crescita e trasformazione del business con una particolare attenzione alla sinergia tra competenze Business Technology e sviluppo applicazioni per il business Obiettivi della Spesa IT Tecnologia 23 Sviluppo applicazioni Area Obiettivi Spesa IT (%) Supporto applicazioni Data Center Desktop e periferiche Help Desk Network (Dati) Network (Voce) Risorse Umane Software Outsourcing Hardware Altro Supporto alla crescitadel business Supporto alla trasformazione del business Supporto alla operativitàdel business 2 IT Management 2 Amministrazione e controllo *Elaborazioni BTO su fonti scientifiche e industriali 15

16 Introduzione In sintesi l azione dei CIO dovrà concentrarsi su controllo e innovazione ed essere guidata da 5 principi chiave I fattori critici di successo Aree strategiche Principi guida CONTROLLO INNOVAZIONE 1 Attivare il business, non solo abilitarlo Governance aziendale chiara, efficace e in grado di supportare un allineamento (bilanciato) tra IT e business Tecnologie di intelligence che abilitano un uso competitivo e la qualità delle informazioni Presenza di una cultura aziendale relativa all innovazione condivisa tra business e IT Condivisione di conoscenza cross-funzionale abilitata da social network 2 3 Generare opportunità, non solo costi Sviluppare competenze, non solo strategie L IT dispone di competenze necessarie (tecniche e manageriali) e di metodologie semplici e replicabili per la gestione dei progetti I livelli di servizio dell IT supportano l efficacia del business dell azienda Flessibilità dell IT nell adattarsi a priorità di business in continua evoluzione Gestione del rischio utilizzata come opportunità di cambiamento (soglia di tolleranza dell innovazione) 4 5 Promuovere la flessibilità, non solo l efficienza Progettare servizi, non solo piattaforme tecnologiche 16

17 Introduzione... per affrontare le priorità dettate dalle sfide delle nuove tecnologie abilitanti sempre più orientate al business. Con l avvio di attività significative nel Sfide Collectiveintelligence e Decision2.0 (Previsioni e supporto alle decisioni) Le priorità Soluzioni 1 Open Enterprise Platform Tecnologie Web 2.0/3.0 e crowdsourcing per l innovazione di prodotti/servizi (cliente coproduce (Innovazione di servizi) valore). 4 5 Enterprise Information Integration (Data Governance) Virtualizzazione (Sourcing e Delivery) Mobile-Customer Experience (Innovazione di canale) Interfacce 3D per interazione avanzata su mobile. Business intelligence integrata a tecnologie di social network (sentiment analysis) per attività di previsione sulla diffusione di prodotti e servizi. Tecnologie per l integrazione di dati strutturati, semi strutturati e non strutturati (possibilità di integrare immagini, dati da RFID e sensori con documenti xml o record di database) per una gestione efficace della conoscenza e per creare valore dall information asset. Nuove forme di sourcing in ottica cloud per applicazioni, piattaformee infrastruttureper una maggiore configurabilità sostenibile del business. RFID e sensoriper la gestione dell offerta e dell interazione con il cliente. Tecnologie NFC per i sistemi di pagamento. Sviluppo Legenda Completato In corso Avvio Business Technology Innovation Governance 17

18 Introduzione BTO prevede di sviluppare il suo Scientific Network, già costituito dalle più prestigiose università mondiali, aumentando il numero dei centri di ricerca internazionali Network di ricerca internazionale TEPPER [Carnegie Mellon] WHARTON SCHOOL [Penn Uni] MIT HARVARD FSIC [Cork UC] E-Finance Lab London Business School Hebrew Universityof Jerusalem CIFT [Berkeley] CEDEC [NYU Stern] Hong Kong Polytechnic Institute Universityof Malaya MICHIGAN State University EITIM [Hamburg University] Institute for Development & Research in Banking Technology [IDRBT] National Universityof Singapore 18

19 Introduzione L ampliarsi del Network scientifico ha permesso lo sviluppo dell osservatorio di ricerca sull innovazione, che ha condotto alla creazione della seguente mappa delle tecnologie The enabling technologies 19

20 Agenda Agenda Pag. 3 Pag. 5 Pag. 21 BTO Proceedings Introduzione del programma di ricerca BTO tenuto da Vasant Dhar (Stern School of Business, New York University) 20

21 Vasant Dhar Stern School of Business, New York University Aree di ricerca Analisi di grandi quantità di dati per serie temporali (vendite, trading e risk management). Modelli predittivi per l analisi di mercati finanziari, news, blogs e altri user generated content. Corporate data and information technologies governance Sistemi di supporto alle decisioni Profilo Professore alla Stern School of Business della New York University (NYU), membro della faculty dal 1983, direttore dell Information Systems Group e del Centro Digital Economy Research alla Stern School of Business, New York University. La sua ricerca si è focalizzata a lungo sulla costruzione di sistemi automatizzati di decision making per grandi database, basati sui principi e sui metodi di Intelligenza Artificiale e altre discipline correlate. La sua ricerca più recente, in particolare, si è focalizzata su tematiche di Corporate Data Governance e sul bilanciamento di benefici e rischi dovuti all utilizzo dell IT nel business e su come questo porti a trasformazioni nel contesto aziendale. Il professor Dhar ha pubblicato più di 70 paper, finanziati da borse di studio provenienti dall industria e dalla National Science Foundation. Vasant Dhar insegna corsi di Trading Strategy, IT e Corporate Strategy e partecipa spesso come guest-speaker a forum accademici e meeting industriali. Pubblicazioni Seven Methods for Transforming Corporate data Into Business Intelligence (con Roger Stein), Prentice-Hall (1997) Data Mining in Finance: Using Counterfactuals to Generate Knowledge from Organizational Information Systems, Information Systems, Vol. 23, No. 7,

22 Fundamental Questions for the CIO What is the role of the CIO in the next few years? Custodian of legacy plumbing? Enabler of new business models through IT? If the CIO role is one of enabler, how? What are the relevant questions for the CIO/CXO? What are the organizational capabilities required? How should IT performance be measured? 22

23 Drivers of Emerging Information Technologies (What is DIFFERENT about information technologies from other technologies?) Digitization Information separates from its artifacts Computing Power Shared IT platforms of growing functionality Modularity Technology-mediated spaces and interfaces technological invariants Source: Dhar and Sundararajan, consequences

24 Significant Business Technology Trends Data Driven Decision Making and Predictive Analytics Digitization Computing Power Modularity technological invariants Information separates from its artifacts Shared IT platforms of growing functionality Technology-mediated spaces and interfaces consequences Cloud Computing Software as a Service Crowdsourcing User-Generated Content Mobile/Digital Convergence Social networking Platforms 24

25 Agenda Questions for the CIO/CEO Dialog Organizational capabilities required to exploit emerging technologies Infrastructure technologies: Cloud/SaaS Data driven decision making Social networking platforms Crowdsourcing Digital IQ 25

26 Questions for the CIO/CEO/CFO dialog & Required Capabilities 26

27 Business Question #1 How does IT transform industries and blur the boundaries between them? Separation of information from artifacts and powerful shared infrastructures shifts channel and consumption interfaces info software that is eventually installable on general purpose devices of increasing power. Opportunities make use of this shift. Matching takes place with greater precision (potential for MASS CUSTOMIZATION) Source: Dhar and Sundararajan,

28 Business Question #2 How do platforms alter existing business models and create new ones? They can be built upon, with potentially significant first-mover advantages They can knock out incumbents with bloated cost structures or obsolete platforms Source: Dhar and Sundararajan,

29 Business Question #3 What determines success in IT investments? Correct balance between use of markets and internal A portfolio approach to investments The right complementary investments Strong Business-IT partnership Source: Dhar and Sundararajan,

30 Business Question #4 How do firms effectively govern data? Making information liquid and easy to transport across applications A culture of predictive modeling and active hypothesis generation Closing the loop between measurement and performance Managing the risks associated with the acquisition, storage and use of data Source: Dhar and Sundararajan, 2000;

31 Investing in Data Driven Decision Making Benefits Firms Data-Driven Decision-makers: 4% higher productivity, and 6% greater profitability. Source: Brynjolfsson and Kim (2010a) 31

32 Use data to make decisions across company? Minerals, Oil & Gas, Utilities, and Construction Manufacturing Wholesale/Retail Trade, Transport, Accommod./Food Not at all Completely Not at all Completely Not at all Completely Information Finance and Insurance Professional and Other Services Not at all Completely Not at all Completely Not at all Completely SOURCE: 2009 Digital Advantage survey 32

33 We Have Data We Need? Minerals, Oil & Gas, Utilities, and Construction Manufacturing Wholesale/Retail Trade, Transport, Accommod./Food Not at all Completely Not at all Completely Not at all Completely Information Finance and Insurance Professional and Other Services Not at all Completely Not at all Completely Not at all Completely SOURCE: 2009 Digital Advantage survey 33

34 Productivity and Data-Driven Decision-Making: Results from survey Dependent variable = Ln(Sales) Ln(Value-Added) Residual from MFP DDD ** (0.019) (0.040) ** (0.019) Ln(Material) 0.501*** (0.042) Ln(Capital) ***(0.023) 0.235***(0.032) Ln(IT-Employee) ***(0.022) 0.190***(0.044) Ln(Non-IT Employee) 0.224***(0.032) 0.433***(0.054) Constant 1.133***(0.182) (0.306) (0.057) Industry and Year Control Yes Yes Yes Number of Firms Observations R-squared Robust standard errors were clustered around firms. ***p<0.01,. **p<0.05, *p<0.1. Industry classification was based on NAICS 2 digit for manufacturing and 1 digit for other industries (Source: Erik Brynjolfsson). 34

35 Case Study of DDDM: Morgan Stanley Some customers need higher levels of service and reward don t treat all customers equally! make the service differentiation visible!! incent/reward employees to make customers feel special Listen carefully to what people value and measure them Create a culture of predictive modeling and hypothesis generation 35

36 Using IT to Increase Customer LV Acquire Info. Systems enable the company to Develop Customer Lifetime Value Retain 36

37 Maximizing Customer Value How do you maximize value from customers? View business as a portfolio of customers Calculate the lifetime value of your customers LV = 2 m. r m. r m. r i 1+ i 1 + i ( ) ( ) ( ) = r m 1+ i r m = margin per year r = retention rate / year i = discount rate n = no. of customers C = acquisition cost LV = margin x multiple Firm value = n x LV C 37

38 Increasing Lifetime Value: What Matters? Increase in Firm Value ($ Million) Increase Margin Increase retention 1% 2% 5% 10% 1% % % % % Assumptions No. of customers = 100,000 LV = margin x multiple Firm value = n x LV C Margin/ customer = $ 1000 Hurdle rate = 10 % Retention rate = 70 % Value $ 175 m 38

39 Why Did Morgan Stanley Succeed? Close Business Unit IT relationship Sophisticated data infrastructure Extensive customer profile information Demographics business/retail/price_sensitive, etc Trade information instruments traded, frequency, etc Prior salesperson success rates Access to Call reports from salespeople Scientific approach with control groups Sales executives were armed with the latest data, better able to mentor salespeople The relationship with the customer became the company s, not the salesperson s! 39

40 Morgan Stanley s IT/BU Challenges Consolidating the data and getting it into an analyzable form why is that difficult? Multiple systems/touchpoints with customer Need a single integrated picture for each customer across business units Getting salespeople to adopt scientific approach How do you make sense of all this data? Ability to slice and dice Fast response to complex queries Modeling tools and user interfaces 40

41 Cloud and SaaS What are the strategic implications of clients SaaS adoption? What are the strategic benefits of adopting SaaS? How can firms achieve these benefits through adopting SaaS? In particular, what complementary organizational capabilities can help firms achieve these benefits? What motivates firms adoption of SaaS? How does this depend on firms specific technical and business needs? 41

42 Methodology Interview and case studies Over 30 qualitative, open-ended interviews with SaaS clients and vendors, each lasting 1-2 hours Goal: understanding the emerging phenomenon and developing theoretical models for quantitative empirical tests Survey (on-going) Quantitative data collection from a large number of client companies Goal: statistical verification of qualitative findings Source: Aral, Sundararajan and Xin 42

43 Benefits Economic Benefits Lower cost in IT infrastructure Large, mature IT house Rarely cited as a benefit Small, emerging IT house Widely cited as a major benefit Lower cost in IT Rarely cited as a Widely cited as a major operation benefit benefit Lower cost in system maintenance Transfer of fixed costs into variable costs Widely cited as a major benefit Rarely cited as a benefit Widely cited as a major benefit Widely cited as a major benefit 43

44 Benefits Technical Benefits Access to up-to-date functional or process improvement Improved system reliability and performance Seamless updates and upgrades with minimum service interruption Ability to access the application globally Large, mature IT house Widely cited as a major benefit Rarely cited as a benefit Occasionally cited as a benefit Widely cited as a major benefit Small, emerging IT house Widely cited as a major benefit Widely cited as a major benefit Widely cited as a major benefit Widely cited as a major benefit 44

45 Benefits Agility Improved scalability: the ability to change the capacity of the system on the fly Large, mature IT house Widely cited as a major benefit Rapid implementation Widely cited as a major benefit Rapid response to emerging business needs Shorter IT development cycle Widely cited as a major benefit Rarely cited as a benefit Small, emerging IT house Widely cited as a major benefit Widely cited as a major benefit Widely cited as a major benefit Occasionally cited as a major benefit by innovative users 45

46 Benefits Strategic Benefits Ability to focus IT resources on core IT capabilities Enabling product/service innovation Enabling business process innovation Increased business satisfaction with IT Large, mature IT house Widely cited as a major benefit Rarely cited as a benefit Rarely cited as a benefit Widely cited as a major benefit Small, emerging IT house Widely cited as a major benefit Occasionally cited as a major benefit by innovative users Occasionally cited as a major benefit by innovative users Widely cited as a major benefit 46

47 Concerns/Risks of SaaS adoption Concerns about application performance, such as lack of availability or slow response time Concerns about data and application security Concerns about integration with our other systems Concerns about meeting government or industry-specific compliance requirements Inability to customize the application to meet our needs Lack of specific applications/functions needed Loss of control over changes made to the system or interface Risk of being locked in a vendor's platform Switching costs from our existing investments in software applications, computing resources and/or organizational expertise Unexpected future charges by the SaaS vendor Concerns about the viability of the vendor 47

48 How to become successful at SaaS adoption? Creating IT architecture competency: IT architecture competency evolves through stages. Ask the following questions sequentially: Do we have standardized IT platforms supporting shared infrastructure services? Do we have standardized IT platform, data and applications support the enterprise-wide core processes? Are we growing a library of reusable application and process modules that builds on our standardized IT environment (i.e. IT platform and data)? Building business-it partnership Do we leverage dedicated effort (e.g. business analysts working as liaisons between business units and the IT department) or multi-disciplinary teams to blend business and technology expertise in your IT practice? Do we have mechanisms instituted to promote communication between business and IT units? Does feedback from business units play a role in evaluation of IT performance? How do we educate business users on the value of IT? 48

49 How to become successful at SaaS adoption? Growing IT innovation capability How do we encourage joint efforts between business units and the IT department in pursuing innovative activities? How do we encourages collaboration across the functional areas within the IT department in pursuing innovative activities? How do we ensure the availability of organizational and technical resources needed for innovation with IT? Do our HR policies strongly encourage experimentation and rewards successful innovation with IT? Do the skill levels of our current IT employees facilitate our innovation with IT? Improve business process decomposition and integration capability How well does IT understand the business processes of the organization? Do we have the expertise internally to model business processes and translate the requirements into technical solutions? Do we have the expertise to understand the implications of different integration solutions? 49

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

Ricoh Process Efficiency Index Giugno 2011

Ricoh Process Efficiency Index Giugno 2011 Ricoh Process Efficiency Index Giugno 11 Ricerca condotta in Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Paesi Scandinavi (Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca), Spagna, Svizzera e Regno Unito Una

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION digitale La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence Lo Stard UCIP e le competenze per la Business Intelligence Competenze per l innovazione digitale Roberto Ferreri r.ferreri@aicanet.it Genova, 20 maggio 2008 0 AICA per lo sviluppo delle competenze digitali

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli