CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI 1/11

2 ART. 1 Premessa Questo capitolato disciplina l affidamento del servizio di Assistenza domiciliare e scolastica per anziani e diversamente abili. Il servizio è previsto nell ambito del Programma Locale Unitario dei Servizi alla Persona (PLUS), tra gli interventi che il Comune svolge in larga parte in forma singola, attingendo sia ai fondi di cui alla L.R. 25/93, sia alle entrate derivanti dalla contribuzione degli utenti che afferiscono al servizio. La finalità principale dell intervento è quella di contribuire al miglioramento della qualità della vita degli utenti anziani e diversamente abili, sostenendo le famiglie nel compito assistenziale e favorendo l integrazione nel territorio di appartenenza. Nello specifico, gli interventi prevedono il sostegno nella cura dell igiene personale e dell abitazione, nel caso di assistenza domiciliare, e l assistenza di base nel caso di alunni diversamente abili frequentanti istituti scolastici di qualsiasi ordine e grado. In alcune situazioni, possono essere previste anche uscite all esterno, nell ambito del territorio di Palau, a piedi o con mezzo privato dell utente guidato da un familiare. ART. 2 Modalità di affidamento Il servizio è affidato mediante procedura aperta ai sensi dell art. 55 del D.Lgs. n. 163 del , con il metodo dell offerta economicamente più vantaggiosa, di cui all art. 83, comma 1, del medesimo D.Lgs.n.163/06, nonché in relazione ai criteri di valutazione previsti dall art.14 della L.R.16/97. La valutazione dei criteri di qualificazione dell impresa partecipante verrà effettuata da una commissione secondo i criteri stabiliti al successivo art. 9. ART. 3 Durata dell appalto La durata dell'appalto è fissata in mesi 12, con decorrenza dal e sino al L impresa appaltatrice si impegna ad attivare i servizi con decorrenza 16 dicembre 2011, pena l immediata rescissione del contratto. ART.4 Canone d appalto L importo complessivo a base dell appalto è di ,89 + IVA al 4%. Il canone è compensativo di qualsiasi prestazione inerente l attività nel suo complesso, incluse le spese generali, che corrispondono all 8% dell importo non soggetto a ribasso, senza alcun diritto a maggiori compensi ritenendosi l appaltatore in tutto soddisfatto dal Comune con il pagamento del corrispettivo d appalto. Gli importi s intendono calcolati sulla base dei livelli e delle relative retribuzioni stabiliti dal Contratto Nazionale di Lavoro delle Cooperative Sociali, e sono comprensivi degli oneri assicurativi e previdenziali: su tali prezzi non è ammessa alcuna revisione per tutta la durata dell appalto. Il ribasso dovrà essere calcolato solamente sulle spese generali, pari ad ,59 I.V.A. esclusa, così calcolati: 2/11

3 Figura Professionale Operatore domestico e scolastico, addetto all assistenza di base 3 livello Operatore Socio-Sanitario 4 livello Operatore Socio-Sanitario 5 livello Costo orario non soggetto a ribasso (I.V.A. esclusa) Monte ore totale Costo totale per figura professionale (I.V.A. esclusa) 16,21 h ,00 17,47 h ,00 18,02 h ,30 importo non soggetto a ribasso ,30 (I.V.A. esclusa) spese generali: 8% sull importo ,59 totale dell appalto (I.V.A. esclusa) TOT. APPALTO (I.V.A. esclusa) ,89 ART.5 Modalità di pagamento I corrispettivi mensili saranno liquidati e pagati previa presentazione di regolare fattura, vistata dal competente Ufficio Servizi Sociali al fine di attestare la regolarità delle prestazioni. Il corrispettivo sarà commisurato quale prodotto dei costi orari unitari con l effettivo numero di utenti e delle prestazioni rese. Le ore da destinare al coordinamento saranno definite dal Servizio Sociale in base alle esigenze, per un massimo di n. 315 ore per l intero periodo. Il Comune si riserva il diritto di variare l articolazione del numero delle prestazioni ipotizzate in relazione alla disponibilità dei fondi e al bisogno effettivo riscontrato nell utenza. I compensi per le prestazioni effettuate saranno corrisposti mensilmente dietro presentazione di fattura, corredata della documentazione relativa al servizio effettuato (numero ore controfirmate dall utente o familiare, o dal Servizio Sociale nel caso del coordinatore, personale impegnato e relazione sull'attività svolta nel mese) nella misura oraria di riferimento. ART. 6 Requisiti di partecipazione Sono ammesse a partecipare alla gara le cooperative sociali e loro consorzi, imprese non aventi scopo di lucro, anche associate temporaneamente, in possesso dei requisiti previsti dalle norme generali e speciali in materia. In particolare: 1) per quelle con sede legale nella Regione Autonoma della Sardegna, iscrizione all'albo Regionale delle cooperative sociali di cui all'art.2 della L.R. Sardegna del , n.16; alla C.C.I.A.A. competente per territorio, per attività corrispondenti all oggetto dell appalto; all Albo delle Società Cooperative tenuto dal Ministero delle Attività Produttive sezione cooperative sociali o in albi equivalenti nell ambito dell Unione Europea; 2) - esperienza nella gestione del servizio oggetto dell appalto maturata per almeno tre anni, in favore di pubbliche amministrazioni; 3) - un fatturato globale d impresa pari ad almeno ,00, realizzato negli ultimi tre esercizi finanziari ( ); 4) - un fatturato annuale, relativo al servizio oggetto dell appalto, pari ad almeno ,00, realizzato negli ultimi tre esercizi finanziari ( ); 5) - almeno una dichiarazione bancaria, da presentare in busta chiusa e sigillata dall Istituto di Credito, attestante l assenza di assegni protestati negli ultimi tre anni; 3/11

4 6) - possesso del personale specificato al successivo art. 8, con qualifiche professionali riconosciute dalle norme vigenti. Si precisa che il possesso di dette figure professionali è condizione necessaria per l ammissione alla gara. ART. 7 Destinatari Sono destinatari del servizio oggetto dell appalto i cittadini residenti, o comunque domiciliati nel Comune di Palau. In particolare, il servizio di assistenza domiciliare e scolastica è rivolto ai minori che necessitino di assistenza di base all interno della struttura scolastica e agli anziani e disabili che vivano situazioni di marginalità ed isolamento sociale, o che comunque si trovino in difficoltà per la perdita di abilità fisica e/o psichica, anche parziale o temporanea, e/o per l assenza di figure familiari di riferimento. La situazione dello stato di non autosufficienza e/o di disabilità va dichiarata tramite apposito certificato rilasciato dal medico di base e/o verificato dal Servizio Sociale Comunale. ART. 8 Personale La dotazione minima di personale da utilizzare è la seguente: - n 1 coordinatore con esperienza nel settore, con il titolo professionale di operatore sociosanitario; - n 5 operatori socio-sanitari; - n 3 operatori addetti all assistenza di base domiciliare. E fatto obbligo all impresa di fornire, in sede di gara, i nominativi degli operatori da impiegare e il relativo curriculum. Nei periodi di ferie e comunque di assenza del personale dovrà essere garantita la sostituzione in maniera tempestiva, in modo da non arrecare danno alla normale esecuzione del servizio. Il personale deve attenersi a quanto segue: - tenere con cura i fogli presenza, compilarli e farli firmare di volta in volta all utente del servizio di assistenza domiciliare e scolastica, o ad un suo familiare; - avvertire l assistente sociale dell assenza dell utente, o di qualsiasi problema o difficoltà nell espletamento dei servizi ; - non trasportare l utente con proprio mezzo né in forma gratuita né a pagamento, salvo che i rischi per le persone trasportate siano coperte da apposita polizza assicurativa e che l operatore sia debitamente autorizzato dall Amministrazione Comunale; - non apportare modifiche né all orario di lavoro né al calendario assegnato. Variazioni di calendario saranno possibili in situazioni di emergenza che saranno comunicate tempestivamente all assistente sociale; - mantenere il segreto d ufficio nonché quello professionale, circa il divieto di divulgare informazioni riservate acquisite nell esercizio della propria professione. Le competenze del personale sono le seguenti: - l operatore/trice socio-sanitario/a ha la competenza per lo svolgimento delle prestazioni di cui all art. 11 lett. a), b), d), e), f), h) di questo capitolato; - all operatore/trice domestico/a spetta lo svolgimento delle prestazioni di cui alle lettere c), g) del succitato articolo. Parimenti spettano all operatore/trice domestica gli interventi di assistenza scolastica meglio individuati nel medesimo art. 11 lett. h) di questo atto. L Assistente Sociale potrà valutare di inserire nella struttura scolastica, laddove ne ravvisi la necessità, la figura dell operatore socio-sanitario. L'aggiudicatario si obbliga a garantire che il proprio personale mantenga, durante il servizio ed in ogni situazione, un comportamento deontologicamente corretto e comunque un contegno dignitoso e rispettoso nei confronti degli utenti. Infatti, gli operatori rappresentano, nello svolgimento delle mansioni, l Amministrazione Comunale e, come tali, sono vincolati al rispetto 4/11

5 delle norme dettate dall Amministrazione anche per quanto riguarda i reati contro la Pubblica Amministrazione. Nei confronti del personale medesimo, l impresa si obbliga ad osservare le norme contrattuali previste dalle leggi vigenti. L impresa aggiudicataria, all atto della sottoscrizione del contratto, dovrà fornire l elenco nominativo del personale da adibire all esecuzione dei servizi nel Comune di Palau, con l indicazione dei dati anagrafici e dei profili professionali ricoperti. ART. 9 Criteri di valutazione dell offerta economica e dei requisiti di qualificazione La valutazione dell offerta nel suo complesso, a pena di esclusione del concorrente dalla gara, è costituita dall offerta economica e dai requisiti di qualificazione dell impresa, per un totale di punti 100 disponibili. In caso di parità di punteggio prevarrà l'offerta con il ribasso più vantaggioso. L attribuzione del punteggio sarà effettuata da una commissione di gara secondo le modalità di seguito indicate: a) Offerta economica: punti attribuiti massimo 30 L impresa concorrente dovrà presentare un ribasso unico da esprimersi in percentuale ed in cifra assoluta sull importo relativo alle spese generali, pari all 8% del costo complessivo dei servizi oggetto di gara, secondo le modalità indicate nel bando di gara. Le offerte dovranno essere corredate, a pena di esclusione, sin dalla presentazione, dalle giustificazioni di cui all art. 87, comma 2, del D.Lgs. n. 163/2006 relative alle voci di prezzo che concorrono a formare l importo complessivo posto a base di gara. I 30 punti disponibili saranno assegnati sulla base del seguente calcolo: il minor corrispettivo offerto tra i vari concorrenti ammessi, diviso il corrispettivo offerto dal singolo concorrente, moltiplicato per 30. Ovvero: (offerta minima : offerta in esame) x 30 b) Esperienza professionale dell impresa maturata nel Servizio di Assistenza domiciliare: punti attribuiti massimo 20 L'esperienza dovrà essere dimostrata producendo in sede di offerta la dichiarazione relativa al servizio prestato in favore di Pubbliche Amministrazioni, con indicazione dell oggetto e della durata complessiva del servizio prestato, delle date di inizio e di fine rapporto e dei destinatari. I 20 punti disponibili saranno assegnati nel seguente modo: - punti 0,1 per ogni mese intero di esperienza acquisita nel servizio di assistenza domiciliare, per un massimo valutabile di mesi 200. c) Qualificazione professionale ed esperienza lavorativa degli operatori: punti attribuiti massimo 20 Il punteggio sarà riferito esclusivamente agli operatori socio sanitari che verranno effettivamente impiegati nei servizi oggetto di gara in caso di aggiudicazione, per un massimo di 5 (cinque) operatori. Il punteggio sarà attribuito nel seguente modo: - partecipazione di ogni singolo operatore socio-sanitario a corsi di aggiornamento e di formazione professionale attinenti alla propria figura professionale, riconosciuti dalla Regione Autonoma della Sardegna o da Enti di Formazione: punti 1,00 se sono stati effettuati solamente corsi di durata inferiore alle 50 ore; punti 1,50 se sono stati effettuati solamente corsi di durata dalle 50 alle 300 ore; punti 2,00 se sono stati effettuati corsi di durata superiore alle 300 ore. Non saranno oggetto di valutazione i corsi inferiori alle 10 ore. d) Livello di innovazione, promozione di attività e capacità progettuale del servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica per Anziani e Disabili: punti attribuiti massimo 30 In sede di offerta, dovrà essere redatto un progetto che, in maniera sintetica, evidenzi la capacità organizzativa e progettuale dell impresa, attraverso l elaborazione dei seguenti punti: 5/11

6 - analisi sintetica della condizione degli anziani e del ruolo del servizio di assistenza domiciliare nel quadro del sistema dei servizi rivolti alle persone anziane, con particolare riferimento alle problematiche della popolazione anziana del territorio del Comune di Palau: fino a punti 5; - presentazione di un modello di organizzazione del servizio, che contenga: la pianificazione degli interventi; il modello organizzativo (turni, mansionario, coordinamento, ecc.); la programmazione degli interventi di coordinamento e di verifica della qualità del servizio; gli indicatori di controllo della qualità (strumenti e metodologie che si intendono utilizzare per migliorare il servizio, per il monitoraggio dello stesso e per la verifica dell efficacia e della soddisfazione degli utenti), con particolare attenzione ad evidenziare gli strumenti operativi a disposizione dell impresa: fino a punti 5; - elaborazione di un progetto d intervento a favore di utenti diversamente abili, ad integrazione dei progetti di cui alla Legge 162/98 e dei progetti ritornare a casa : fino a punti 5; - elaborazione di un progetto aggiuntivo di accompagnamento degli utenti presso studi medici, ospedali e centri di riabilitazione, anche al di fuori del Comune di residenza, con mezzo messo a disposizione dall impresa e costi a carico dell utenza (il punteggio sarà attribuito soprattutto in base alla convenienza economica e alla disponibilità dell impresa a fornire il servizio gratuitamente nei casi segnalati dal Servizio Sociale): fino a punti 5; - elaborazione di un progetto di integrazione tra gli anziani assistiti a domicilio e quelli inseriti nella Casa di Riposo di Palau: fino a punti 5; - proposte innovative e migliorative del servizio, rispetto al progetto base proposto, che prevedano il coinvolgimento delle famiglie e delle risorse del territorio, con particolare riferimento alle iniziative di sostegno e di socializzazione: fino a punti 5. ART. 10 Caratteri generali delle prestazioni del servizio di assistenza domiciliare e scolastica L intervento del servizio di assistenza domiciliare è previsto, previa valutazione dell Assistente Sociale, anche in presenza di familiari, parenti e/o collaborazioni private al fine di concorrere al raggiungimento di un buon grado di soddisfazione della persona. L esercizio delle attività deve tendere alla massima attivazione delle capacità potenziali residue della persona assistita o del nucleo, evitando che le prestazioni si sostituiscano ad attività che gli interessati, sia pur con un certo sforzo, siano in grado di svolgere direttamente o con l aiuto dei familiari. Esse devono essere erogate per il tempo, nel tipo e nella misura in cui il beneficiario e/o i suoi parenti non siano in grado di soddisfare autonomamente i bisogni relativi. Il Servizio di Assistenza scolastica di base verrà erogato all interno della struttura scolastica, in favore di minori con disabilità fisiche e/o psichiche. ART. 11 Natura delle prestazioni Gli interventi del Servizio di Assistenza Domiciliare consistono in prestazioni di aiuto per il governo della casa e per il soddisfacimento dei bisogni essenziali della persona. Il materiale e le attrezzature occorrenti sono a carico dell utente. Tali prestazioni in particolare riguardano: a) cura della persona; b) aiuto nella preparazione e nell'assunzione dei pasti; c) aiuti domestici; d) cambio della biancheria; e) assistenza nell assunzione di farmaci, dietro supporto del medico curante; f) frizioni antidecubito; 6/11

7 g) accompagnamento della persona; h) attività di socializzazione. a) Cura della persona L intervento prevede l'igiene personale, la cura dell'aspetto generale della persona (pettinatura, abbigliamento) e l aiuto fornito per la deambulazione all interno della propria abitazione. b) Aiuto nella preparazione e nell assunzione dei pasti Nei casi in cui i soggetti siano privi di sostegno familiare e non siano autosufficienti si provvederà all'aiuto nella preparazione dei pasti principali e nell'acquisto dei generi alimentari. Aiuto nell'assunzione dei pasti in caso di grave infermità. c) Aiuti domestici Questa prestazione comprende tutte le attività finalizzate a mantenere l'ambiente abitativo decoroso, igienicamente garantito e sicuro, oltre la cura della biancheria e degli indumenti anche mediante l'uso di materiali e strumenti tecnici per la pulizia e la sanificazione. d) Cambio della biancheria Gli interventi che si prendono in considerazione riguardano ciò che è fatto per garantire alla persona interessata il cambio e il lavaggio dei propri indumenti e degli effetti personali. Si prendono in considerazione sia le attività di lavanderia, effettuate a casa dell'interessato, sia il controllo dell'epidermide; sarà cura del personale addetto riferire con tempestività e precisione ai familiari o al personale sanitario le situazioni che si manifestino. e) Assistenza assunzione farmaci Questa prestazione riguarda l'assistenza che è fornita perché la persona interessata esegua in modo corretto le prescrizioni farmacologiche. Tale assistenza nell'assunzione dei farmaci deve essere eseguita tenendo conto delle indicazioni del medico curante, vigilando affinché le prescrizioni siano rispettate, e verificando lo stato di conservazione e scadenza dei farmaci e del materiale sanitario in possesso della persona interessata. Gli operatori hanno come compito quello di osservare l'aspetto esterno della persona interessata, per rilevare anomalie nel comportamento, nel linguaggio, nella respirazione, nella deambulazione, nell'appetito e riferire tempestivamente le eventuali anomalie al servizio competente. f) Frizioni antidecubito La prestazione che si prende in considerazione riguarda precisamente l'esecuzione di massaggi e frizioni sulla pelle al fine di prevenire la formazione di piaghe da decubito. La prestazione consiste nel tenersi costantemente in contatto col personale sanitario, nell'applicare prodotti specifici nelle zone interessate, nel frizionare e massaggiare in modo corretto, nell'esercitare una sorveglianza assidua sullo stato dell'epidermide e nel riferire con tempestività e precisione al personale sanitario le situazioni che si manifestino. g) Accompagnamento della persona In questa prestazione si considerano gli interventi di accompagnamento in occasione di visite mediche, visite a parenti oppure per altre necessità personali quali ad esempio il disbrigo pratiche. h) Attività' di socializzazione La prestazione mira al mantenimento delle relazioni interpersonali e sociali della persona con il contesto in cui vive, facendole superare stati di passività e di rinuncia. In particolare, dovrà favorirsi la presenza e la partecipazione dell assistito alle attività di animazione e del tempo libero. Gli interventi di assistenza scolastica riguardano le attività di assistenza di base, quali igiene della persona, cambio della biancheria, aiuto nella somministrazione dei pasti e nello spostamento, generici interventi del caso. 7/11

8 ART.12 Attuazione dei servizi Il servizio di assistenza domiciliare deve essere effettuato presso il domicilio dell'utente, o all esterno dell abitazione, secondo il progetto d intervento predisposto dall Assistente Sociale; mentre quello di assistenza scolastica sarà espletato nella struttura scolastica. Entrambi i servizi saranno erogati in relazione alle necessità. Il servizio, conformemente alle esigenze dell'utente, dovrà essere svolto nell'arco della settimana dal lunedì al sabato (tranne nel caso in cui, previa valutazione dell'ufficio Servizi Sociali, si manifestino esigenze diverse), garantendo la disponibilità del personale per tutto il periodo nella fascia oraria dalle ore 7.30 alle ore 19.30, salve eventuali modifiche da concordarsi con il servizio sociale. ART. 13 Rapporti con l ufficio servizi sociali I rapporti fra l impresa aggiudicataria e l'ufficio Servizi Sociali saranno strutturati attraverso riunioni mensili fra gli operatori coinvolti e l'assistente Sociale del Comune per la verifica delle situazioni in carico. L impresa dovrà, altresì, indicare il nome e il recapito di un responsabile del Servizio per le proposte dei casi e le emergenze. Dovrà inoltre essere garantita la sostituzione del personale assente con altro avente i medesimi requisiti professionali, dandone tempestiva comunicazione scritta all'ufficio Servizi Sociali del Comune. La presa in carico dell'utente sarà valutata e decisa dall'assistente Sociale del Comune, che provvederà a convocare anche telefonicamente il referente dell impresa aggiudicataria al fine di concordare il piano di intervento relativo all'utente. Il referente indicherà tempestivamente all'ufficio Servizi Sociali il nominativo dell'operatore domiciliare che prende in carico l'utente. Il primo accesso dell'operatore domiciliare presso l'utente, nei casi urgenti, dovrà essere garantito entro 24 ore dalla convocazione del referente. Il referente dell impresa e gli operatori domiciliari non potranno apportare variazioni autonome al piano di intervento, salvo assenso preventivo per iscritto dell'ufficio Servizi Sociali. ART. 14 Modalità d'ammissione al servizio di assistenza domiciliare L'ammissione al Servizio di Assistenza Domiciliare prevede la presentazione dei seguenti documenti: - presentazione della domanda, su apposito modulo, a cura dell'interessato o di un suo familiare; - eventuale certificato di invalidità o di riconoscimento ai sensi della L. 104/92; - autocertificazione di residenza e stato di famiglia; - autocertificazione dei redditi prodotti nell'anno precedente. L'assistente sociale provvederà all'analisi del bisogno e del grado di autonomia attraverso la raccolta d'informazioni sulla situazione familiare e sociale. In base agli elementi emersi, l'assistente sociale elabora un piano di lavoro personalizzato contenente le indicazioni relative ai servizi ed agli interventi da attivare in favore del richiedente. ART. 15 Motivi di non ammissione al servizio di assistenza domiciliare Non sono ammessi al godimento del Servizio di Assistenza Domiciliare: - coloro che rifiutino la proposta formulata secondo il piano di lavoro predisposto dall'assistente Sociale; - coloro che abbiano figli e/o genitori conviventi in grado di provvedere alla loro assistenza. 8/11

9 ART. 16 Cessazione, sospensione e riduzione del servizio di assistenza domiciliare Il Servizio di Assistenza Domiciliare può essere interrotto in caso di: - richiesta scritta dell'utente; - ricovero definitivo in istituto; - decesso. Il Servizio di Assistenza Domiciliare può essere sospeso in caso di: - ricovero ospedaliero; - soggiorni climatici; - soggiorni da parenti; - mancato pagamento delle quote di compartecipazione alla spesa; - gravi comportamenti nei confronti del personale preposto al servizio. Il Servizio di Assistenza Domiciliare può essere ridotto o ampliato negli accessi, nel numero delle ore e delle prestazioni, in relazione alle variazioni delle necessità dell'utente. Il Servizio Sociale potrà modificare l'erogazione del servizio in funzione della domanda da soddisfare e delle risorse a propria disposizione. ART. 17 Progetto L impresa partecipante dovrà presentare, ai sensi dell art.9 comma c), un progetto che preveda aspetti innovativi nella gestione del servizio, e/o attività di socializzazione dell utenza, con il coinvolgimento delle realtà, istituzionali e non, già operanti nel settore sociale del territorio di riferimento. Nel progetto dovranno essere illustrati gli obiettivi, gli strumenti operativi e le fasi di realizzazione. ART. 18 Obblighi contrattuali L impresa dovrà garantire il rispetto e l applicazione della normativa relativa alla sicurezza sul lavoro e all assicurazione del personale. L'amministrazione si riserva il diritto di controllare periodicamente l'applicazione delle clausole previste dal C.C.N.L. di settore da parte dell'affidatario, mediante richiesta della documentazione probatoria circa gli obblighi retributivi, assicurativi e previdenziali (D.M. 10, assicurazioni I. N. A. I. L.) nei confronti del personale, anche se socio, dell impresa appaltatrice. La mancata applicazione delle norme contrattuali sarà motivo di risoluzione del contratto. Pertanto, eventuali irregolarità comporteranno l immediata rescissione del contratto con preavviso scritto a mezzo raccomandata A/R, entro giorni 7 dall accertamento dell irregolarità e conseguente denuncia alle autorità competenti. ART. 19 Penalita' previste Gli operatori che espletano il servizio di cui trattasi per conto e in nome dell impresa appaltatrice, sono obbligati al segreto d'ufficio su tutte le questioni concernenti le prestazioni loro affidate nei rapporti con l'ente appaltatore. Essi sono altresì tenuti a mantenere, durante il servizio, un comportamento corretto, che in nessun modo sia pregiudizievole per gli utenti e per l'ente affidatario. E' fatto divieto al personale dell impresa di richiedere compensi agli assistiti per le prestazioni effettuate in nome e per conto del Comune e comprese negli orari di lavoro con lo stesso concordati. Il Comune può richiedere in qualunque momento all impresa, esponendo per iscritto le motivazioni, la sostituzione definitiva o temporanea di un operatore che sia causa di grave disservizio o di accertato malcontento da parte degli utenti e che dimostri di perseverare negli stessi comportamenti nonostante i dovuti richiami. 9/11

10 E' considerata grave inadempienza la mancata presa in carico del nuovo utente e/o l'interruzione del servizio non concordato con l'ufficio Servizi Sociali. Qualora tali condizioni si verifichino, saranno applicate le seguenti penalità: - per un giorno 100,00 per ogni utente; - la penalità sarà aumentata del 50% in più, dopo la prima mancata assistenza; - oltre il settimo giorno di mancate prestazioni il contratto s intende risolto. La sanzione sarà applicata previa comunicazione scritta, mediante raccomandata con avviso di ricevimento, contenente l accertata contestazione dell addebito, qualora entro dieci giorni l impresa aggiudicataria non produca adeguata giustificazione al mancato rispetto delle clausole contrattuali. E facoltà dell Amministrazione rescindere in qualsiasi momento il contratto per inadempienza contrattuale o per gravi ragioni che possano comportare danno alla salute degli utenti del servizio. ART. 20 Divieto di subappalto E vietata ogni forma di subappalto, pena la rescissione del contratto. ART. 21 Responsabilità e assicurazione L impresa appaltatrice risponderà direttamente dei danni alle persone o alle cose comunque provocati nello svolgimento del servizio, restando a suo completo ed esclusivo carico qualsiasi risarcimento senza diritto di rivalsa o compensi da parte del Comune, salvi gli interventi a favore dell impresa da parte di società assicuratrici. L impresa provvederà a stipulare apposita polizza assicurativa, per un massimale adeguato, in favore del personale in servizio e degli utenti beneficiari e delle corrispondenti prestazioni. Il Comune è, pertanto, sollevato da ogni e qualsiasi responsabilità che dovesse eventualmente derivare, nell'espletamento dell'incarico, per danni, infortuni, incidenti o simili causati a cose e/o a terzi. ART. 22 Cauzione provvisoria e definitiva I concorrenti, per partecipare alla gara, dovranno prestare una cauzione provvisoria del 2% sull importo complessivo del servizio a base d asta, pari a 3.529,48, IVA esclusa, a garanzia della mancata sottoscrizione del contratto d appalto per fatto dipendente dall aggiudicatario. Tale cauzione può essere prestata con assegno bancario circolare non trasferibile, polizza fideiussoria, fideiussione bancaria. Tale cauzione sarà svincolata automaticamente, a favore dell impresa aggiudicataria, al momento della sottoscrizione del contratto d appalto. Ai non aggiudicatari la cauzione sarà restituita entro 15 gg dalla sottoscrizione del contratto di appalto. Per fruire del beneficio relativo alla riduzione del cinquanta per cento della cauzione provvisoria, l operatore economico avente diritto, segnala in sede di offerta, il possesso del requisito e lo documenta nei modi prescritti dalle norme vigenti. Il vincitore dell'appalto dovrà versare la cauzione definitiva in ragione del 10% dell importo di aggiudicazione, alla Tesoreria Comunale, prima della stipulazione del contratto. La cauzione può essere versata anche per mezzo di fideiussione assicurativa o bancaria. La garanzia deve espressamente prevedere la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. 10/11

11 La cauzione definitiva resta depositata, per tutta la durata dell'appalto, a garanzia dell'esatto adempimento di tutte le condizioni del contratto e del risarcimento dei danni eventualmente derivati dall'inosservanza delle obbligazioni stesse, nonché delle spese in più che il Comune avesse eventualmente pagato durante l'appalto per inadempienza dell'appaltatore. L'Amministrazione ha il diritto di incamerare di propria autorità la cauzione, dietro accertamento da parte dell Ufficio competente dell infrazione e previa comunicazione all impresa appaltatrice. ART. 23 Controversie Le eventuali controversie che dovessero insorgere tra il Comune e l impresa aggiudicatrice, qualunque sia la natura e la causa, saranno devolute al Tribunale competente, Foro di Tempio Pausania. ART. 24 Contratto e spese contrattuali Tutte le spese inerenti la stipulazione del contratto, ivi comprese quelle di registrazione e i diritti di segreteria, sono a carico dell impresa aggiudicataria. ART. 25 Disposizioni finali Per quanto non previsto e disciplinato da questo capitolato si farà riferimento alle norme del codice civile in materia contrattuale, alla legislazione vigente in materia di appalto dei servizi pubblici, alle norme contrattuali o regolamentari vigenti in materia. 11/11

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE.

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. Art. l - PRINCIPI GENERALI Il presente capitolato ha per oggetto la gestione del servizio

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PIANI INDIVIDUALIZZATI DISABILI GRAVI Art.1 Oggetto del Capitolato La disgregazione e frammentazione territoriale,

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione.

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione. QUADERNO D ONERI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA ARMATA E DI TELESORVEGLIANZA MEDIANTE COLLEGAMENTO AL SISTEMA D ALLARME DEL MUSEO G. FATTORI PRESSO VILLA MIMBELLI E DELLA STRUTTURA ESPOSITIVA ATTIGUA EX

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA A1993/08-3 DISCIPLINARE DI GARA Allegato B) Alla determina n. del OGGETTO: Disciplinare di gara per il servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato. Art. 1 Procedura semplificata ai sensi degli

Dettagli

COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO

COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.25 DEL 29.05.2010 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Finalità del servizio

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE DISABILI GRAVI Art.1

Dettagli

COMUNE DI LECCO Servizio economato e provveditorato Capitolato speciale d appalto per l affidamento con le modalità previste dal Regolamento comunale per la disciplina delle acquisizioni in economia di

Dettagli

BANDO DI GARA Progetto ENTER

BANDO DI GARA Progetto ENTER Municipio Roma 6 U.O.S.E.C.S. BANDO DI GARA Progetto ENTER ALLEGATO A A. Premessa Il Municipio Roma 6 intende esperire una procedura aperta per affidare il progetto ENTER inserito nel Piano Regolatore

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO C.A.P. 09086 Tel. 0783/64023 64256 FAX 0783/64697 E.mail Comsam@Tiscali.it SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013 Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto l appalto della gestione di

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) AMBITO TERRITORIALE A6 ISTITUZIONE SOCIALE BAIANESE VALLO di LAURO Organismo di gestione del Piano di zona sociale L.n. 328/00 Prot. n. 2576 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS Art. 1 Finalità Il servizio di assistenza domiciliare ha come obiettivo il mantenimento o reinserimento nel proprio ambiente

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE Capitolato d'appalto per l affidamento del servizio di Assistenza domiciliare CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto SCHEDA TECNICA N. 4 SERVIZIO DI ASSISTENZA AL TRASPORTO SCOLASTICO PER GLI ALUNNI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO, NONCHE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 Scheda

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

Bando fornitura mezzi centro trasferenza di Atina BANDO DI GARA PER L APPALTO DI FORNITURA DI N.1 AUTOMEZZO PER TRASPORTO DEI RIFIUTI

Bando fornitura mezzi centro trasferenza di Atina BANDO DI GARA PER L APPALTO DI FORNITURA DI N.1 AUTOMEZZO PER TRASPORTO DEI RIFIUTI BANDO DI GARA PER L APPALTO DI FORNITURA DI N.1 AUTOMEZZO PER TRASPORTO DEI RIFIUTI A. AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE Società Ambiente Frosinone S.p.A. S.P. Ortella Km. 3 03030 Colfelice (Frosinone) Tel.

Dettagli

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO DISTRETTUALE PER SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Assessorato dei Trasporti. Società di Gestione SO.GE.A.OR. S.p.A.

Regione Autonoma della Sardegna. Assessorato dei Trasporti. Società di Gestione SO.GE.A.OR. S.p.A. Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Società di Gestione SO.GE.A.OR. S.p.A. - BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO - 1) Stazione Appaltante: Assessorato Regionale dei Trasporti con sede

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

Regolamento disciplinante il servizio di assistenza domiciliare erogato dalla Comunita' montana Grand combin

Regolamento disciplinante il servizio di assistenza domiciliare erogato dalla Comunita' montana Grand combin Novembre 2014 Regolamento disciplinante il servizio di assistenza domiciliare erogato dalla Comunita' montana Grand combin Approvato con provvedimento del Consiglio dei Sindaci n. 57 del 24 novembre 2014.

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o Via IV Novembre, 12 C.A.P. 12083 - Tel.0174/244481-2 - Fax.0174/244730 e-mail: comune@comune.frabosa-sottana.cn.it PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Spett.le Trasporti Pubblici Monzesi S.P.A. Via Borgazzi, 35 20052 MONZA. OGGETTO : Istanza di ammissione

Dettagli

CIG 567040563B. 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel.

CIG 567040563B. 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel. BANDO DI GARA: APPALTO N. 1/2014 CIG 567040563B 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel. 02/88463.267 Fax 02/884.66.237 2.

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI I L C O N S I G L I O C O M U N A L E PREMESSO che l assistenza domiciliare

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE ALL. A AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125 COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO DI PULIZIA E FACCHINAGGIO PER LA SEDE DELLA SOGESID S.P.A. DI ROMA E PER LA FORESTERIA MODALITÀ DI PRESENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 COMUNi: BRONTE MALETTO MANIACE E RANDAZZO Allegato : C PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI L anno il giorno del mese nei locali, in via

Dettagli

C o m u n e d i B a r i DISCIPLINARE DI GARA

C o m u n e d i B a r i DISCIPLINARE DI GARA C o m u n e d i B a r i DISCIPLINARE DI GARA SERVIZIO DI GESTIONE DEI SINISTRI DI IMPORTO INFERIORE ALLA FRANCHIGIA CONTRATTUALE DI EURO 7.500,00, PREVISTA NELLA POLIZZA ASSICURATIVA RCT/RCO PERIODO 6.11.2012-6.11.2013.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

Prot. n. 381 /C14e Roma, li 20.01.2016 SITO WEB: WWW.SCUOLAREGINAMARGHERITA.GOV.IT. IL Dirigente Scolastico

Prot. n. 381 /C14e Roma, li 20.01.2016 SITO WEB: WWW.SCUOLAREGINAMARGHERITA.GOV.IT. IL Dirigente Scolastico MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO Regina Margherita Via Madonna dell Orto,2 00153 ROMA 065809250 Fax: 065812015 Distretto

Dettagli

Comune di Azzanello Provincia di Cremona

Comune di Azzanello Provincia di Cremona Comune di Azzanello Provincia di Cremona Regolamento del servizio di assistenza domiciliare prestato dal Comune di Azzanello Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 47 del 28.10.1996. INDICE

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE C.I.G. 6445256980 CAPITOLATO DESCRITTIVO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE ANZIANE, PORTATORI DI HANDICAP E NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVO-ASSISTENZIALI PER PERSONE CON HANDICAP, MINORI ED ANZIANI. Cat. 25 numero rif.

CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVO-ASSISTENZIALI PER PERSONE CON HANDICAP, MINORI ED ANZIANI. Cat. 25 numero rif. Comune di Morlupo Provincia di Roma Ufficio Segreteria Via Domenico Benedetti, 1 Morlupo (RM) 00067 Tel. 06 901951 Fax 06 90195353 Internet : www.comune.morlupo.roma.it e-mail : info@comune.morlupo.roma.it

Dettagli

C O M U N E D I I T A L A ( PROVINCIA DI MESSINA )

C O M U N E D I I T A L A ( PROVINCIA DI MESSINA ) C O M U N E D I I T A L A ( PROVINCIA DI MESSINA ) ================== 1. STAZIONE APPALTANTE : Comune di Itala (Prov. di Messina) - Via Umberto I - Telefono : 090/952155 -Fax 090/952116-2. PROCEDURA DI

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale...

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale... COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore Servizi Sociali 30031, Via Cairoli n.39 041.5121911 Fax 041.410665 www.provincia.venezia.it/comune.dolo e-mail comune.dolo@provincia.venezia.it P.IVA 00655760270

Dettagli

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Testo approvato con Delibera Consiliare n. 9 del 01.03.2011 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI INDICE Art.1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806

C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806 C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806 AREA TECNICA E MANUTENTIVA 0964. 672324 0964.672300 e-mail ufficiotecnico@cert.comune.bovalino.rc.it SCHEMA

Dettagli

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo LOTTO N. 12 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO ALUNNI PER VISITE FUORI COMUNE. IMPORTO DISPONIBILE 27.272,72 oltre IVA (10%) ART. 1) OGGETTO DEL SERVIZIO, DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO

CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO PROVINCIA DI LECCE Tel.: 0833 514302-303 - Fax: 0833 514317 Sito: www.ambitodicasarano.it - pec:

Dettagli

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 10 marzo 2011

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO "Francesco Crispi" TECNICO "Giovanni XXIII" PROFESSIONALE "A. Miraglia" Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Francesco Crispi" Via Presti, 2-92016 Ribera (Ag) Tel. 0925 61523 - Fax 0925 62079

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO AFFIDAMENTO Servizio di somministrazione lavoro temporaneo Capitolato prestazionale - Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art.

Dettagli

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale.

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale. REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO DI SOGGETTI PROFESSIONALI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI ED INTERVENTI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI IN FAVORE DI ANZIANI, DISABILI E MINORI E LORO FAMIGLIE DELSERVIZIO DI

Dettagli

Presidenza della Regione Siciliana Rep. n. REPUBBLICA ITALIANA. Contratto di appalto. L anno il giorno del mese di nella sede del Dipartimento

Presidenza della Regione Siciliana Rep. n. REPUBBLICA ITALIANA. Contratto di appalto. L anno il giorno del mese di nella sede del Dipartimento Presidenza della Regione Siciliana Rep. n. REPUBBLICA ITALIANA Contratto di appalto L anno il giorno del mese di nella sede del Dipartimento Regionale della Programmazione della Presidenza della Regione

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE BANDO DI GARA

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE BANDO DI GARA COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE SETTORE SERVIZI SOCIALI via Emilia Romagna tel. 0832/704360 fax 0832/705009 E-mail: servizisociali@comune.guagnano.le.it BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L ACQUISTO

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PUBBLICO INCANTO - BANDO DI GARA N 23/2006. Il Comune di Cagliari - Servizio Appalti via Roma, 145 09124 Cagliari,

COMUNE DI CAGLIARI PUBBLICO INCANTO - BANDO DI GARA N 23/2006. Il Comune di Cagliari - Servizio Appalti via Roma, 145 09124 Cagliari, COMUNE DI CAGLIARI PUBBLICO INCANTO - BANDO DI GARA N 23/2006 Il Comune di Cagliari - Servizio Appalti via Roma, 145 09124 Cagliari, in esecuzione della Deliberazione G.C. n. 660 del 01.12.2005 e della

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Comune di Bardolino Provincia di Verona

Comune di Bardolino Provincia di Verona Comune di Bardolino Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.22 del 17/04/2003 1 ART. 1 FINALITA Il Servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI PALERMO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO A CALDO DI PIATTAFORME AEREE. SOMMA DISPONIBILE 20.000,00 ESCLUSA IVA (22%)

COMUNE DI PALERMO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO A CALDO DI PIATTAFORME AEREE. SOMMA DISPONIBILE 20.000,00 ESCLUSA IVA (22%) COMUNE DI PALERMO A REA AMMIN ISTRATIVA D ELLA RIQUALI FICAZIONE U RBANA E D E LLE IN F RAS T RU TTU RE Ufficio Contratti ed Approvvigionamenti Via Roma, 209 90133 Palermo Tel. 091 740. 35.36-.35.14 FAX.

Dettagli

BUSTA A: chiusa e sigillata con scritto Documentazione amministrativa : 1) da fac simile allegato; 2) 3)

BUSTA A: chiusa e sigillata con scritto Documentazione amministrativa : 1) da fac simile allegato; 2) 3) 89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877 DISCIPLINARE DI GARA INFORMALE Procedura per l individuazione di una ditta cui affidare il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO ARTICOLO 1 La casa di riposo per anziani gestita dalla società alcos srls è un presidio socioassistenziale

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI E ISTITUZIONE TARIFFE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI E ISTITUZIONE TARIFFE COMUNE DI VERBANIA Ufficio Politiche Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI E ISTITUZIONE TARIFFE Approvato dal Commissario Straordinario, con i poteri del Consiglio Comunale, con Delibera

Dettagli

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali Comune Capofila Marcianise

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali Comune Capofila Marcianise Ambito Territoriale dei Servizi Sociali Comune Capofila Marcianise Approvato dal Coordinamento Istituzionale Ambito Territoriale C05 nella seduta del 08.10.2014 Art.1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

COMUNE di BUSSOLENO CITTA METROPOLITANA DI TORINO AREA DEMOGRAFICA

COMUNE di BUSSOLENO CITTA METROPOLITANA DI TORINO AREA DEMOGRAFICA COMUNE di BUSSOLENO CITTA METROPOLITANA DI TORINO AREA DEMOGRAFICA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SANITARIO Approvato con Deliberazione C.C. n. 14 del 30.04.2016 INDICE pag. 1 Art. 1

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. CAPITOLATO D ONERI Art. 1 Oggetto del servizio, durata e compenso.

Dettagli

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655 DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L'appalto ha per oggetto il servizio di pulizia dei locali della sede dell Istituto di Santa Margherita. Art. 2 - LUOGO DI ESECUZIONE DELL'APPALTO I servizi

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE ART. 1 - ATTIVITA DEL CENTRO INTERCULTURALE ED OGGETTO

Dettagli

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1 COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA Il responsabile dell Area Servizi Sociali rende noto che questo Comune intende procedere all appalto del servizio in oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA (Rif. CIG: ) TRA

CONTRATTO DI FORNITURA (Rif. CIG: ) TRA 1 CONTRATTO DI FORNITURA (Rif. CIG: ) TRA l Istituto per la Microelettronica e Microsistemi del Consiglio Nazionale delle Ricerche, di seguito indicato per brevità Istituto, con Codice Fiscale nr.80054330586

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 22. del 4 marzo 2014 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO NORME VOUCHER-SAD PER POTENZIAMENTO PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI

Dettagli

OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO

OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO Si rende noto che il Comune di Castagneto Carducci intende procedere all affidamento dell incarico relativo

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO Durata : Dal 1 MAGGIO 2012 AL 30 APRILE 2015 PRESCRIZIONI SPECIFICHE E TECNICHE ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI BORGO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI LODI TEL (0371) 97004 FAX (0371) 97191

COMUNE DI BORGO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI LODI TEL (0371) 97004 FAX (0371) 97191 COMUNE DI BORGO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI LODI TEL (0371) 97004 FAX (0371) 97191 AVVISO PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO Il Responsabile Ai sensi della D.Lgs. n. 163/2006; APPROVA

Dettagli

COMUNI DEL CORSICHESE Comuni di: Assago, Buccinasco, Cesano Boscone, Corsico, Cusago, Trezzano sul Naviglio

COMUNI DEL CORSICHESE Comuni di: Assago, Buccinasco, Cesano Boscone, Corsico, Cusago, Trezzano sul Naviglio COMUNI DEL CORSICHESE Comuni di: Assago, Buccinasco, Cesano Boscone, Corsico, Cusago, Trezzano sul Naviglio PIANO DI ZONA per il sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 328/2000 AVVISO

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE internet: www.pasian.it SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO INDICE Articolo 1 Affidamento del servizio pagina 2 Articolo

Dettagli