Proposta di progetto Conferenza/Progetti sulle Migrazioni nel settore pubblico euro-mediterraneo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proposta di progetto Conferenza/Progetti sulle Migrazioni nel settore pubblico euro-mediterraneo"

Transcript

1 Proposta di progetto Conferenza/Progetti sulle Migrazioni nel settore pubblico euro-mediterraneo Partecipanti: EPSU, PSI, Portogallo, Spagna, Francia, Italia, Cipro, Malta, Grecia, Israele, Tunisia e Algeria Background/ Fondamenti: Tutti gli Stati europei sono oramai considerati paesi a immigrazione netta. Con più di un milione di migranti in un anno e domande d'asilo solo nel 2006, l'europa è una destinazione primaria per i migranti di tutto il mondo. I paesi rivieraschi del Mediterraneo sono i più colpiti. L'attuale crisi economica e l aggravarsi della povertà, della disoccupazione, del degrado ambientale, dei conflitti politici e delle guerre nel continente africano costringeranno sempre più immigrati a percorrere i pericolosi sentieri della immigrazione irregolare verso l Europa. L'ultimo decennio ha testimoniato un aumento del volume dei flussi migratori misti di migranti e di richiedenti-asilo che arrivano alle frontiere terrestri e marittime del Europa meridionale. Nel 2003, la ricerca condotta dall International Centre for Migration Policy Development (Centro internazionale per lo sviluppo delle politiche migratorie -ICMPD) ha rivelato che tra e migranti attraversino il Mediterraneo ogni anno, con circa 80% delle partenze dalla Libia. La Guardia costiera spagnola stima che circa 2000 persone anneghino ogni anno, con un numero di avvistamenti in mare nel di per l'italia, per la Spagna, da parte di Cipro, per la Grecia, e per Malta (Baldwin-Edwards, 2005). Nel primi nove mesi del 2006, la Spagna ha registrato un salto in avanti nel numero di arrivi alle isole Canarie dai nel 2005 a circa Nei primi tre trimestri del 2006, l'italia ha contato arrivi, mentre Malta ne ha registrato I migranti provenienti dall'africa raggiungono Malta utilizzando piccole e rudimentali imbarcazioni. Molti sono stati trovati, in attesa di aiuto, ancora impigliati nelle reti per la pesca del tonno lasciate dai pescatori maltesi. Da gennaio a giugno 2006, la Grecia ha intercettato 900 arrivi dal mare e ha arrestato a terra, durante lo stesso periodo, migranti irregolari. Mentre gli Stati esercitano la piena sovranità nella gestione dei flussi migratori, essi hanno parimenti l obbligo di rispettare i diritti umani internazionali e la legislazione umanitaria. Un efficace attuazione richiede la costruzione e il potenziamento delle capacità dei lavoratori statali e delle amministrazioni locali hanno la responsabilità principale e di primi impatto nello svolgimento di queste funzioni. Purtroppo, continua ad esserci una mancanza di informazioni e di capacità tra il personale dei servizi di prima linea nella gestione dei flussi migratori misti (ad esempio. i flussi di migranti e richiedenti asilo) alle frontiere e ai livelli di ricevimento. Norme frammentate e regolamenti sulla gestione delle frontiere e dei ricevimenti hanno portato a trattamenti opprimenti ed a procedure di classificazione. Analogamente, incoerenze, così come l assenza di regole possono portare corruzione ed abuso di potere da parte del personale alle frontiere e dell immigrazione e da parte dei privati (ad es. trafficanti di uomini e contrabbandieri). In questi centri di ricevimento, sosta e detenzione si verificano flagranti violazioni dei fondamentali diritti umani dei migranti e dei richiedenti asilo. Spesso, queste violazioni sono collegate al traffico di migranti, in particolare donne e bambini. La mancanza di coordinamento, la sovrapposizione di competenze e le gravose procedure burocratiche provocano confusione, inutili detenzioni e lo sfruttamento e l abuso di migranti, dei richiedenti asilo e dei rifugiati Public Sector Euro-Mediterranean Conference on Migration 1

2 Le lavoratrici ed i lavoratori del settore pubblico nei paesi mediterranei che sono in prima linea nella ricezione di immigrati che giungono in Europa sono molto preoccupati per l'impatto dell'immigrazione irregolare sui diritti dell'uomo e sui diritti sindacali. La migrazione è una questione sindacale e deve quindi essere trattati dalla prospettiva dei diritti, che partono dal rispetto fondamentale dei diritti umani del migrante, alla protezione contro le precarietà e le condizioni di sfruttamento, dalla lotta contro il razzismo e le discriminazioni, alle sane politiche d integrazione e di difesa dei i diritti sindacali per tutti i lavoratori migranti soprattutto per le donne. I sindacati stanno sempre più assumendo un ruolo attivo nel rendere esigibili questi diritti. Obiettivi Scopo del progetto è di organizzare una "Conferenza euro mediterranea del settore pubblico sulla migrazione, che riunisce le rappresentanti ed i rappresentanti dei sindacati del settore pubblico di entrambe le sponde del Mare Mediterraneo. Uno dei principali obiettivi del progetto potrebbe essere l identificazione degli specifici settori in cui i dipendenti dei servizi pubblici in uno specifico paese può avere un più alto livello operativo e altri settori dove ci potrebbe essere una carenza di competenze (e cercare di capire il perché). Un secondo obiettivo potrebbe essere la valutazione del livello di preparazione professionale del dipendente pubblico rispetto alle questioni collegate alla migrazione. Un terzo obiettivo potrebbe essere l identificazione di una formazione legata ai temi della migrazione e dei chiedenti asilo. Attività - Elaborazione di una mappa della legislazione europea sulla migrazione (es. legalizzazione dei migranti, gestione dei flussi migratori, richieste di asilo, cittadinanza, mercato del lavoro, diritti ) e delle legislazioni nazionali dei paesi partecipanti al progetto. - Definizione delle attività (identificazione dei gruppi bersaglio, bozza del questionario, discussione del questionario con i partner durante la Conferenza preparatoria di Bari, elaborazione della versione finale del questionario, identificazione di studi di caso, ecc) La conferenza ha inoltre lo scopo di: 1. Migliorare le conoscenze e le capacità delle lavoratrici e dei lavoratori del servizio pubblico in materia di migrazione da una prospettiva basata sui diritti mediante lo scambio di informazioni e delle migliori pratiche 2. Promuovere la cooperazione e la solidarietà sindacale attraverso la creazione di una politica di mainstreaming e un piano d'azione per la difesa dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori migranti nelle varie fasi del processo di migrazione, vale a dire l arrivo, l occupazione, l'integrazione nel paese ospitante, nonché il rimpatrio e il reinserimento nei paesi di origine. o Politiche e programma di azione sarà stabilito una politica e un programma d'azione una politica e un programma d'azione basato sui risultati delle discussioni in plenaria e nei seminari,. Il programma di azione si svilupperà su un arco di tempo di tre anni e comprenderà: Public Sector Euro-Mediterranean Conference on Migration 2

3 - creazione di una rete PSI/EPSU euro mediterranea sulla migrazione; - identificazione delle campagne comuni (ad es. Campagna per la ratifica delle convenzioni delle Nazioni Unite sui lavoratori migranti e delle convenzioni OIL sui lavoratori migranti e C97 e C143; seguito della Conferenza mondiale 2001 della dichiarazione e del programma di azione contro il razzismo; ecc.); - costruire la cooperazione con le ONG, le agenzie inter governative e le altre parti interessate che lavorano sui lavoratori migranti e i diritti dei rifugiati; - identificazione degli strumenti (ad es. follow up della formazione) e delle risorse necessarie (ad es. bilancio e calendario) nell'espletamento di tali campagne; - il follow-up e l identificazione di un meccanismo di revisione saranno effettuati sul quarto anno. o Valutazione della conferenza La valutazione della conferenza sarà realizzata attraverso una la valutazione della ricerca Partecipanti/beneficiari: iscritti sindacali che siano lavoratori delle amministrazioni locali o dello stato nell'ue e nei paesi mediterranei, in particolare quelli coinvolti nella gestione dei flussi migratori; dirigenti sindacali e funzionari; le donne dirigenti sindacali; migranti iscritti al sindacato. Numero dei partecipanti alla Conferenza: 80 dei quali è previsto che il cinquanta per cento saranno donne. Paesi partecipanti: (indicare) Organizzazioni che attuano il progetto - Internazionale dei servizi pubblici (ISP) Public Services International (PSI) - Federazione sindacale europea dei servizi pubblici (FSESP)/ European Federation of Public Service Unions (EPSU) Piano di lavoro CONFERENZA DI BARI Nella Conferenza preparatoria tutti partner forniranno il loro apporto per: - mappa della legislazione nazionale - disponibilità dei sindacati a sviluppare la ricerca in ogni singolo paese - input dai partner a sviluppare la struttura del questionario (che sarà presentato alla Conferenza di Bari) e a definirlo sulla base degli specifici bisogni regionali - metodologia della ricerca - struttura del rapporto finale da discutere durante la ricerca Cosa Quando Dove Chi è responsabile Preparazione della ricerca - Struttura del questionario - tempo per la Febbraio - marzo Public Sector Euro-Mediterranean Conference on Migration 3

4 somministrazione in ogni paese - metodologia CONFERENZA PREPARATORIA Identificazione degli studi di caso Ricerca di eventuali lacune nelle informazioni ricevute Sviluppo della ricerca e ritorno dei questionari compilati 16 MARZO 2010 BARI Entro il 30 giugno 2010 Entro il 31 luglio 2010 Entro il 31 luglio 2010 CONFERENZA OTTOBRE 2010 MALAGA Valutazione ed elaborazione Successiva alla dei dati Conferenza di Malaga Reporting Rapporto finale della ricerca presentato a EPSU e PSI e distribuito a tutti i partner Dal 15 novembre 2010 Ricercatore Gruppo di lavoro del progetto Ricercatore BOZZA PER IL PROGRAMMA DI MALAGA - Conferenza di 2 giorni o Programma della Conferenza un mix di sessioni plenarie e workshop di gruppo. Gli oratori in plenaria affronteranno: 1) Una visione d insieme delle politiche della UE in tema di migrazione e delle pratiche correnti vis-à-vis di asilo; 2) Le politiche e le pratiche sulla migrazione e sull asilo e pratiche nei principali paesi di partenza e nei paesi di transito nel Nord Africa e nel Maghreb; 3) Gli strumenti internazionale e regionali per la protezione dei migranti e dei rifugiati; 4) Le politiche e le azioni sindacali per la protezione dei diritti dei migranti e dei rifugiati I workshop affronteranno le seguenti questioni: 1) Individuare le sfide e le realtà incontrate dai lavoratori in prima linea del settore pubblico nell'accoglienza e la gestione di flussi migratori misti 2) Come i sindacati rispondono a queste sfide? Quali sono le buone pratiche? 3) Quali azioni concrete e quali campagne pubbliche possono affrontare i sindacati per proteggere i migranti e i diritti dei rifugiati, comprese le particolari esigenze delle donne migranti e rifugiati? 4) Quali sono gli strumenti e le risorse necessarie per attuare queste azioni e campagne? Public Sector Euro-Mediterranean Conference on Migration 4

5 Altre organizzazioni invitate: - funzionari stato governo coinvolti in materia di immigrazione - locali governo funzionari coinvolti in materia di immigrazione Agenzie intergovernative: - UN High Commissioner for Refugees (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, UNHCR) - UN Office of the High Commissioner for Human Rights (Alto Commissariato dell'onu per i Diritti Umani (OHCHR) - UN Special Rapporteur on the Human Rights of Migrants - International Organization for Migration, IOM (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) - International Labour Organization, ILO (Organizzazione internazionale del lavoro, OIL) - Commissione europea - Consiglio d Europa - Organization for Security and Cooperation in Europe (OSCE), Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) Organizzazioni non governative: - Platform for International Cooperation on Undocumented Migrants in Europe (PICUM) - International Federation of the Red Cross and Red Crescent Societies (Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa) - Jesuit Refugee Service (JRS) - International Catholic Migration Commission (ICMC) - Amnesty International - Human Rights Watch - Euro-Mediterranean Human Rights Network (EMHRN) - CARITAS Public Sector Euro-Mediterranean Conference on Migration 5

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

Il progetto Praesidium

Il progetto Praesidium Il progetto Praesidium Marzo 2006 - Febbraio 2010 Strengthening of reception capacity in respect of migration flows reaching the island of Lampedusa Progetto inizialmente co/finanziato dalla Commissione

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

PROGETTO FINESTRE FOCUS

PROGETTO FINESTRE FOCUS Obiettivo Fornire, alle classi che hanno già realizzato negli anni precedenti il progetto Finestre, la possibilità di approfondire il tema del diritto d asilo attraverso specifici percorsi. La musica,

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 ottobre

srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 ottobre srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 ottobre Proroga della durata dei permessi di soggiorno per motivi umanitari: ulteriori informazioni Introduzione Circolare dell'8

Dettagli

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Meccanismo di monitoraggio Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Obiettivi della Convenzione La Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta

Dettagli

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Da Lampedusa alla coscienza europea. Dopo il naufragio di Lampedusa avvenuto il 3 ottobre 2013, dove persero la vita circa 366 migranti, il governo italiano

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

in materia di immigrazione

in materia di immigrazione in materia di immigrazione Gruppo PPE al Parlamento Europeo in materia di immigrazione in materia di immigrazione 1 Sommario in materia di immigrazione 5 1. Risposta alla crisi del sistema di asilo 7 2.

Dettagli

srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 settembre

srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 settembre srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 settembre Ingresso di cittadini stranieri per corsi di formazione professionale e tirocini formativi per l'anno 2011 Introduzione

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

L Italia e la lotta alla povertà nel mondo

L Italia e la lotta alla povertà nel mondo L Italia e la lotta alla povertà nel mondo Quanto vale la cooperazione allo sviluppo? 2011 2012 Impegno finanziario dell Italia per la cooperazione allo sviluppo dal 2011 al 2012 0,20% 0,13% Nel 2012 l

Dettagli

PROGRAMMA SESSIONI APPROFONDIMENTO PER GLI AMMINISTRATORI E DIRIGENTI DEL LAZIO

PROGRAMMA SESSIONI APPROFONDIMENTO PER GLI AMMINISTRATORI E DIRIGENTI DEL LAZIO BENEFICIARIO CAPOFILA REGIONE LAZIO DIREZIONE POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIA, SICUREZZA E SPORT PROGRAMMA ANNUALE FEI 2013 AZIONE 9 PROG. N. 105682 - C.U.P. F83E13000070007 PROGRAMMA SESSIONI APPROFONDIMENTO

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

DAL PEAD AL FEAD: cosa cambia negli aiuti europei contro la grave deprivazione materiale SINTESI LABORATORIO

DAL PEAD AL FEAD: cosa cambia negli aiuti europei contro la grave deprivazione materiale SINTESI LABORATORIO DAL PEAD AL FEAD: cosa cambia negli aiuti europei contro la grave deprivazione materiale SINTESI LABORATORIO Stato dell arte in Europa: - normative, direttive, raccomandazioni della Commissione e/o Parlamento

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Cent anni di persuasione

Cent anni di persuasione Cent anni di persuasione Mandato, struttura ed efficacia della Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) Marialaura Fino Dipartimento di Ricera, OIL* *Questa presentazione è di esclusiva responsabilità

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Principi comuni riguardo all'espulsione di immigrati irregolari e di richiedenti asilo che non hanno ottenuto lo status di rifugiato

Principi comuni riguardo all'espulsione di immigrati irregolari e di richiedenti asilo che non hanno ottenuto lo status di rifugiato EUROPEAN COUNCIL ON REFUGEES AND EXILES federazione delle chiese evangeliche in italia Principi comuni riguardo all'espulsione di immigrati irregolari e di richiedenti asilo che non hanno ottenuto lo status

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2014

Dossier Statistico Immigrazione 2014 Dalle discriminazioni ai diritti Dossier Statistico Immigrazione 2014 Rapporto UNAR a cura del Centro Studi e Ricerche IDOS Obiettivi del Rapporto Superare i luoghi comuni sulle migrazioni, a partire dal

Dettagli

Relazione finale. International Symposium on International Migration and Development

Relazione finale. International Symposium on International Migration and Development Relazione finale International Symposium on International Migration and Development Politecnico di Torino 8-0 giugno 006 Lo scorso giugno, dal 8 al 0, si è svolto presso la sede del Politecnico di Torino,

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa. Regolamento. Forum Percorsi di cittadinanza

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa. Regolamento. Forum Percorsi di cittadinanza COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa Regolamento Forum Percorsi di cittadinanza 1 SOMMARIO Art. 1 - Compiti ed Obiettivi 3 Art. 2 - Organi del Forum 3 Art. 3 - Il Presidente 3 Art. 4 - Il Vicepresidente

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Questo articolo presenta le statistiche dell'unione europea (UE) in materia di migrazioni internazionali, la popolazione di cittadini autoctoni e stranieri

Dettagli

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE Progetto di mediazione linguistica e culturale per l integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione internazionale in Italia attraverso il volontariato

Dettagli

NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016

NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016 NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016 NOTIZIE DALL'EUROPA RICERCA E INNOVAZIONE RESPONSABILI COLLABORAZIONE TRA SCIENZA E SOCIETÀ CIVILE L RRI è il processo che allinea la ricerca e l innovazione

Dettagli

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 22 giugno 2015 (OR. en) 8394/15 LIMITE CO EUR-PREP 20 NOTA Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: Consiglio Oggetto: Consiglio europeo (25 e

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011 Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Come preparare un buon progetto Idoneità dell applicant e dei parnter Validità della rete di partenariato

Dettagli

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA Consiglio Regionale del Molise IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA BREVE ANALISI DELLA SITUAZIONE IN ITALIA GRUPPO DI LAVORO IMMIGRAZIONE, POLITICHE SOCIALI E DIRITTI UMANI Le migrazioni forzate provocate da guerre,

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo

Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo Stand Up 2009 Gli obiettivi del millennio Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo Caritas Diocesana - Foligno Stand Up 2009 Gli obiettivi del millennio 16/18 ottobre 2009

Dettagli

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO GLOSSARIO Convenzione di Ginevra La Convenzione di Ginevra sullo Statuto

Dettagli

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Informazioni generali e stato di attuazione 1. Le finalità Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 fa parte nella componente di cooperazione

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

Workshop I diritti di cittadinanza europea: opportunità e strumenti di informazione. Napoli, 12 maggio2014. Coordinatrice progetto: Nicoletta Basili

Workshop I diritti di cittadinanza europea: opportunità e strumenti di informazione. Napoli, 12 maggio2014. Coordinatrice progetto: Nicoletta Basili Workshop I diritti di cittadinanza europea: opportunità e strumenti di informazione Europa nelle lingue del mondo: presentazione progetto Napoli, 12 maggio2014 Coordinatrice progetto: Nicoletta Basili

Dettagli

anno I, n.2, 2011 Recensioni

anno I, n.2, 2011 Recensioni L. Salamone, La disciplina giuridica dell'immigrazione clandestina via mare, nel diritto interno, europeo ed internazionale, Torino, Giappichelli 2011, pp. XXVI-406 Come è noto, gli arrivi irregolari per

Dettagli

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Bologna 21 settembre 2011 Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni I migranti sono un importante risorsa

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO PC.DEC/756 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio permanente ITALIANO Originale: INGLESE 641 a Seduta plenaria Giornale PC N.641, punto 2 dell ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

Le pari opportunità e le politiche. di genere in ambito UE

Le pari opportunità e le politiche. di genere in ambito UE Le pari opportunità e le politiche di genere in ambito UE Parità di opportunità tra le donne e gli uomini L'uguaglianza tra le donne e gli uomini rappresenta uno dei principi fondamentali sanciti dal diritto

Dettagli

PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE 2014. di cui al punto 4.3.4 lett. a) e b) Obiettivo generale 5 Asse 3 Educazione alla cittadinanza globale

PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE 2014. di cui al punto 4.3.4 lett. a) e b) Obiettivo generale 5 Asse 3 Educazione alla cittadinanza globale ALLEGATO B Regione Toscana Direzione generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali D.C.R. n. 26 del 04/04/2012 Piano Integrato delle attività internazionali PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013

Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile Opera nel

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

IL RESPINGIMENTO DEGLI IMMIGRATI E I RAPPORTI TRA ITALIA E UNIONE EUROPEA

IL RESPINGIMENTO DEGLI IMMIGRATI E I RAPPORTI TRA ITALIA E UNIONE EUROPEA DOCUMENTI IAI IL RESPINGIMENTO DEGLI IMMIGRATI E I RAPPORTI TRA ITALIA E UNIONE EUROPEA di Bruno Nascimbene IL RESPINGIMENTO DEGLI IMMIGRATI E I RAPPORTI TRA ITALIA E UNIONE EUROPEA di Bruno Nascimbene

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 16 ottobre 2015 (OR. en) EUCO 26/15 CO EUR 10 CONCL 4 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino.

Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino. Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino. Incontri informativi per far conoscere la guida Invecchiare in Svizzera. Guida alla

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2006 ) 829 DEFINITIVO BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2006 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLI 23, 31 BRUXELLES, 28.06.2006 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC 27/2006 Aiuti

Dettagli

Rete Provinciale contro la violenza di genere

Rete Provinciale contro la violenza di genere Assessorato alle Pari Opportunità Protocollo d intesa per la costituzione della Rete Provinciale contro la violenza di genere Protocollo d intesa per la costituzione della Rete Provinciale contro la violenza

Dettagli

Gruppo di lavoro - ABRUZZO Inquadramento, ruolo e compiti

Gruppo di lavoro - ABRUZZO Inquadramento, ruolo e compiti Gruppo di lavoro - ABRUZZO Inquadramento, ruolo e compiti Partner responsabile: Regione Abruzzo Progetti Sociali s.r.l. Impresa Sociale PRESENTAZIONE DEL PROGETTO SIMPLE Il progetto SIMPLE è un progetto

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici di salute dei migranti sul territorio

Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici di salute dei migranti sul territorio XIII CONVEGNO dell Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici

Dettagli

Calendario degli incontri

Calendario degli incontri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Corso di Laurea Interfacoltà in COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO in collaborazione con UNIEXPORT PADOVA e CONFINDUSTRIA PADOVA Seminario di studio I processi di delocalizzazione

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

DECISIONE N.1168 ORDINE DEL GIORNO DELLA RIUNIONE SULL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI NEL QUADRO DELLA DIMENSIONE UMANA DEL 2015

DECISIONE N.1168 ORDINE DEL GIORNO DELLA RIUNIONE SULL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI NEL QUADRO DELLA DIMENSIONE UMANA DEL 2015 PC.DEC/1168 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio permanente ITALIAN Original: ENGLISH 1048 a Seduta plenaria Giornale PC N.1048, punto 3 dell ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L'IMMIGRAZIONE DEL LIONS CLUBS INTERNATIONAL MULTIDISTRETTO ITALY 108 PER LA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L'IMMIGRAZIONE DEL LIONS CLUBS INTERNATIONAL MULTIDISTRETTO ITALY 108 PER LA PROTOCOLLO D'INTESA TRA DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L'IMMIGRAZIONE DEL E LIONS CLUBS INTERNATIONAL MULTIDISTRETTO ITALY 108 PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ IN FAVORE DI BENEFICIARI DI PROTEZIONE

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO Programma di dettaglio

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Codice fiscale Di Dio Giovanni DDIGNN77H25F205R ESPERIENZA LAVORATIVA 11/2011 - in corso ITALIA LAVORO SPA - Via Guidubaldo del Monte,

Dettagli

INVASIONE? Le cifre del problema

INVASIONE? Le cifre del problema INVASIONE? Le cifre del problema 114.285 richiedenti asilo in Italia nei primi 8 mesi dell anno (2.000 in più rispetto allo stesso periodo del 2014 L Italia accoglie un numero molto modesto di profughi

Dettagli

Catania, via Caronda, 350 fisso 095.434440 mobile 349.2684564 e- mail melamedia.info@tiscali.it

Catania, via Caronda, 350 fisso 095.434440 mobile 349.2684564 e- mail melamedia.info@tiscali.it UFFFFI ICIO STTAMPA Catania, via Caronda, 350 fisso 095.434440 mobile 349.2684564 e- mail melamedia.info@tiscali.it ELENCO NOTIZIE E SERVIZI 11.09.2009 Agenzie di stampa Migrazione: Il giorno dopo gli

Dettagli

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata Nazioni Unite Consiglio Economico e Sociale Rivisto E/CN.7/2012/L.8/Rev.1 Distribuzione Limitata 15 marzo 2012 Commissione stupefacenti 55ª sessione Vienna, 12-16 marzo 2012 Punto 6 (a) dell agenda Attuazione

Dettagli

Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe:

Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe: Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe: NEL 1946 L ONU COSTITUISCE LA COMMISSIONE DEI DIRITTI DELLE DONNE

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione SItI Lombardia SALUTE E MIGRAZIONE 18 maggio 2012 Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione Manila Bonciani Istituto Superiore di Sanità Società Italiana di Medicina delle Migrazioni manila.bonciani@iss.it

Dettagli

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone LA STORIA DELLA CROCE ROSSA Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Henry Dunant (8 maggio 1828 30 ottobre 1910) 24 giugno1859 BATTAGLIA di SOLFERINO Henry Dunant organizza i soccorsi collaborando con

Dettagli

Circolare n.3 2 marzo2012

Circolare n.3 2 marzo2012 Circolare n.3 2 marzo2012 C.I.C.U. Comitato Italiano Città Unite Conferenza Regionale del Nord Africa sulla MIGRAZIONE E SVILUPPO organizzata congiuntamente dalle Nazioni Unite e dalla Commissione europea

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

LA CONVENZIONE DI BARCELLONA

LA CONVENZIONE DI BARCELLONA LA CONVENZIONE DI BARCELLONA Introduzione: Venti paesi rivieraschi del Mediterraneo (Albania, Algeria, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Cipro, Egitto, Francia, Grecia, Israele, Italia, Jugoslavia, Libano, Libia,

Dettagli

Per un Lavoro Dignitoso. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Per un Lavoro Dignitoso. Organizzazione Internazionale del Lavoro Per un Lavoro Dignitoso Organizzazione Internazionale del Lavoro Organizzazione Internazionale del Lavoro (O.I.L.) Agenzia specializzata delle Nazioni Unite che persegue la promozione della giustizia sociale

Dettagli

I LAVORI DOMESTICI E DI CURA ALLA PERSONA IN FRANCIA E IN EUROPA

I LAVORI DOMESTICI E DI CURA ALLA PERSONA IN FRANCIA E IN EUROPA I LAVORI DOMESTICI E DI CURA ALLA PERSONA IN FRANCIA E IN EUROPA Scegliere un approccio responsabile e civico Marie Beatrice LEVAUX, Presidente del Fepem 1 Colloque Boulogne 7 octobre L IMPORTANZA DEI

Dettagli

Cooperazione e lavoro, la proposta di Confcooperative Napoli per il sistema dell istruzione.

Cooperazione e lavoro, la proposta di Confcooperative Napoli per il sistema dell istruzione. CTS: Strumenti Organizzativi Didattici educativi Seminario Napoli 10.02. Cooperazione e lavoro, la proposta di Confcooperative Napoli per il sistema dell istruzione. In tutti i settori economici nei quali

Dettagli

PICUM è una organizzazione non-governativa che promuove il rispetto per i diritti umani degli immigrati privi di documenti.

PICUM è una organizzazione non-governativa che promuove il rispetto per i diritti umani degli immigrati privi di documenti. PICUM è una organizzazione non-governativa che promuove il rispetto per i diritti umani degli immigrati privi di documenti. Van Parys Media MRCI DWAG & Susan Gogan Van Parys Media Difendere i diritti umani

Dettagli

HIV/AIDS Civil Society Forum (CSF) European Union

HIV/AIDS Civil Society Forum (CSF) European Union HIV/AIDSCivilSocietyForum(CSF) EuropeanUnion Appello all Europa per un intervento volto a eliminare le restrizioni allamobilitàdellepersoneconhivineuropaentroil2010 Nel 2010, la Conferenza Internazionale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

INDICE. Basic L'avvio del processo di integrazione

INDICE. Basic L'avvio del processo di integrazione INDICE Presentazione, di Dominick Salvatore pag. 17 Introduzione» 21 Basic L'avvio del processo di integrazione 1. Il processo di globalizzazione mondiale» 31 1. Introduzione» 31 2. La creazione di macroregioni»

Dettagli

The PURPLE revolution?

The PURPLE revolution? La nuova disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo Legge n.25 del 4 agosto 204 Legge agosto 204, n. 25. The PURPLE revolution? B www.bolodewo.com 2 Una riforma lunga 30 anni

Dettagli

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO Università degli Studi di Milano - Bicocca Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento Giuridico delle Istituzioni Nazionali ed Europee In collaborazione con Amnesty International Sezione Italiana - Associazione

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI CIVILI PER L IMMIGRAZIONE E L ASILO PRAESIDIUM IX

DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI CIVILI PER L IMMIGRAZIONE E L ASILO PRAESIDIUM IX UNIONE EUROPEA DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI CIVILI PER L IMMIGRAZIONE E L ASILO PRAESIDIUM IX 2014 SCHEDA PROGETTUALE DELLE ATTIVITA SVOLTE DA ALTO

Dettagli

CIVIC.A.S. Contesti Internazionali in evoluzione e Cooperazione allo Sviluppo

CIVIC.A.S. Contesti Internazionali in evoluzione e Cooperazione allo Sviluppo Incontrare Seminario da 1 CFU - Sesta edizione Trento, 25 marzo - 6 maggio 2015 CFSI TCIC Centro Training per la Formazione Centre for alla Solidarietà International Internazionale Cooperation CIVIC.A.S.

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Il Comune di Vicenza e il Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell Università degli Studi di Padova Il Comune di Vicenza (indicato nel prosieguo come Comune) con sede in Corso

Dettagli