Biglietto di sola andata per l Eldorado

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Biglietto di sola andata per l Eldorado"

Transcript

1 Biglietto di sola andata per l Eldorado REPORTAGE di O Spagna o morte. Così si cerca in tutti i modi di scappare. E può costare fino a 800 euro il viaggio della speranza dalle coste del Senegal all Europa. Spesso gli scienziati sociali descrivono i flussi dei clandestini senza averne una conoscenza diretta. Qui si è cercato di fare il contrario, partendo dagli uomini in carne e ossa, dalla loro fame e dal loro sudore Perchè non si ripeta mai più è scritto su un cartello appeso alle pareti ocra della Maison des esclaves, sulla piccola isola di Gorée. Invece si ripete ancora, eccome. Allora schiavi verso le Americhe. Oggi clandestini verso le Canarie, porta d ingresso in Europa. Dalla Casa degli schiavi su questo scoglio davanti al porto di Dakar tre secoli fa iniziava un viaggio di sola andata. Passando attraverso la cosiddetta porta del non ritorno : una piccola uscita affacciata sul mare dove i bastimenti diretti oltreoceano imbarcavano il loro carico di merce umana. Ora i migranti salpano sulle grandes pirogues dei pescatori senegalesi trasformate in triremi del Terzo Millennio. Stesso Atlantico, altra destinazione: i campi di fragole dell Andalusia invece di quelli di cotone dell Alabama. Per tre euro all ora quando va bene. E non si parte più nemmeno da Gorée, simbolo di una schiavitù condannata e abolita. Tra le viuzze di questa piccola isola-museo in un pomeriggio assolato di luglio trovi cascate di buganvillee e negozietti di souvenir con gl immancabili batik. Le guide si disputano le comitive ciabattanti in arrivo, francesi ma non solo. Scolaresche in gita scattano le foto della memoria. Sulla banchina del porto, un gruppo di rasta scandisce sui tamburi djembé il ritmo della risacca. Queste onde, ormai, sono solo per i turisti. Le galee della nostra epoca partono di notte dai litorali senegalesi cercando di sfuggire ai controlli di un Europa che alza barriere sul mare. Le frontiere dell emigrazione intanto si stanno spostando sempre più a sud e si salpa ormai anche dalla vicina Guinea Bissau, dalla Sierra Leone e persino dalla Costa d Avorio. Una sorta di circumnavigazione del continente all incontrario, sulla rotta della disperazione e della voglia di una nuova vita. Ieri gli avventurieri coloniali europei calavano dal nord per saccheggiare le risorse dell Africa. Oggi i figli africani della colonizzazione salgono verso il Vecchio Continente perché a loro è rimasto ben poco. Mbaye Fall, 31 anni, il suo viaggio se lo ricorda bene: Dopo sette giorni di piroga, sbarcammo alle Canarie l anno scorso nel giorno della vittoria dell Italia contro la Francia ai mondiali. Mentre da noi ancora si festeggiava, lui era già stato rispedito in Senegal a bordo di un volo organizzato dalle autorità spagnole. Rimpatriato. Senza soldi ma con uno stigma: Essere rimandati a casa è un marchio di fallimento, racconta a bordo del taxi che guida di notte. L auto non è mia, puntualizza subito. Me la presta un 18

2 Corbis amico che di giorno lavora come tassista. Nel gorgo infernale del traffico di Dakar le ore notturne sono un sollievo. Di giorno, i coloratissimi car-rapide i bus collettivi sono api rumorose e inquinanti nell alveare della capitale, in un groviglio di lavori in corso che costringe a interminabili code. Dakar Uno dei principali punti di partenza dei migranti irregolari è Saint-Louis, 260 chilometri a nord di Dakar. Occorre però partire da qui, dalla capitale, per comprendere i motivi di un inarrestabile esodo di massa, di una fuga parossistica verso il sogno chiamato Europa. Avenue George Pompidou in pieno centro brulica di piccoli commerci informali, una teoria di bancarelle giustapposte che trasformano i marciapiedi in una vuccirria in salsa afro, un caotico mercato all aperto. È uno zig-zag tra venditori di arachidi tostate, calzini, cd, manghi, orologi, banane, scarpe. E t imbatti pure nelle solite cinture Dolce&Gabbana vendute dal solito senegalese. Proprio come in via Dante a Milano o sul ponte di Castel Sant Angelo a Roma. Solo che lui stavolta gioca in casa. Casa sua. La merce arriva al porto di Dakar dalla Cina via Dubai, spiega Mamadou, 29 anni. Merce contraffatta, s intende. Non serve specificarlo. Anche le stoffe africane non sono più originali, aggiunge Ibrahim, che ha appena avviato un attività in proprio dopo tre lustri di lavoro a Roma. Abitavo a Porta Maggiore, là mi chiamavano tutti Mario. Ora lo chiamano così anche nel mercato dei tessuti del quartiere popolare di Pikine, ribattezzata Pechino per il suo milione e passa di abitanti. Tutte le stoffe esposte sono di fabbricazione cinese, spiega Ibrahim-Mario. Mostra matasse lunghe dieci metri; se ne vendono a migliaia. Sotto gli aghi di vecchie Singer a pedale, le mani abili dei sarti trasformano queste stoffe negli splendidi bou-bou, i vestiti colorati e svolazzanti delle donne dell Africa Occidentale. Il vero panno originale della Costa d Avorio con gl inconfondibili ghirigori multicolore al tatto ha una consistenza diversa che i polpastrelli percepiscono immediatamente: Però costa il doppio, sorride il venditore. La globalizzazione include tutti. ma ne esclude ancora troppi. Come nel quartiere di Guinaw Rail, periferia polverosa di Dakar. Per arrivarci si costeggia il mare sulla Corniche, una specie di tangenziale a ridosso delle onde. A destra, scogli a picco. A 19

3 Contrasto_Reuters sinistra, ville lussuose e residenze diplomatiche con trionfi di jacarande fiorite. Si oltrepassano le due mammelle, due piccole alture sabbiose così chiamate per la loro inconfondibile sagoma. Si prosegue verso punta Almadies, capezzolo proteso della Madre Africa verso l Oceano. È questo il punto più a ovest dell intero continente. Nel labirinto della banlieu della capitale spunta Guinaw Rail, ammasso di casupole tra stradine di sabbia lungo una ferrovia. Siamo una rete che riunisce 55 associazioni di donne per la promozione di attività lavorative spiega Maye N Dour, coordinatrice del Reseau di piccole organizzazioni femminili di un quartierone con centomila abitanti. Una creatività poliforme per campare: tessitura di batik, trasformazione di cereali, produzione di sapone, microgiardinaggio. Durante un incontro con i delegati della Casa della Carità di Milano, che stanno studiando alcuni interventi di solidarietà in Senegal, la donna avvolta, anche lei, nel tradizionale abito multicolore racconta del loro sistema di risparmio collettivo per le spese sanitarie. Venti centesimi di euro al mese per ogni componente della famiglia. Una mutua-fai-da te con 612 iscritti, che in caso di necessità possono usare questi fondi per pagarsi farmaci e cure mediche. È la banca di chi non ha soldi e deve inventarsi la sopravvivenza. Con dignità e fantasia: per questo il Reseau ha realizzato anche un centro internet, una radio comunitaria e una cooperativa di produttori di djembé, i popolari tamburi senegalesi. E mentre gli uomini sono costretti a partire in piroga per una vita più dignitosa, le donne sono condannate a restare. Perché sono la locomotiva del continente. E anche la carrozza-senegal è trainata dalla forza-motrice di madri e mogli. Sola andata In francese li chiamano candidati all emigrazione. Ma non c è nessun esame né concorso da superare. Solo la roulette russa di una bonaccia per sei-sette giorni, il tempo d approdare sugli scogli di Tenerife o Lanzarote. Il proiettile nascosto di questo gioco pericoloso col destino s annida tra le procelle dell Atlantico. Lo sa bene Yayi Bayam Diouf, 49 anni. La incontriamo a Thiaroye sur Mer, casette basse di fronte alla spiaggia e un dedalo di stradine di sabbia alla periferia meridionale di Dakar. Da qui nel marzo 2006 partì suo figlio Al Umar. Non fece più ritorno, inghiottito dai flutti implacabili di queste latitudini di mare. Gli dissi 20

4 REPORTAGE _Sopra, quel che rimane della Maison des ésclaves, sull isola di Gorée, da dove partivano gli schiavi per le Americhe. Oggi dal Senegal si parte per le Canarie, che per molti rappresentano la porta d ingresso in Europa io stessa di partire per le Canarie pur conoscendo gli enormi rischi. Ho atteso per oltre un mese la sua telefonata, racconta la donna. Il suo figlio unico ventisettenne non l avrebbe mai chiamata. Un parente da Las Palmas mi comunicò che Al Umar era morto in mare per una tempesta durante la traversata dell Oceano insieme a decine di altri clandestini. Il ragazzo prosegue la madre con voce leggermente incrinata venne ingaggiato a Nouadibou, in Mauritania. Un passeur gli chiese di condurre una piroga carica di un ottantina di aspiranti immigrati sub-sahariani non solo dal Senegal, ma anche da Mali, Niger, Guinea, Liberia verso le Canarie, territorio spagnolo e miraggio europeo visto dall Africa. Da anni questo tratto di Atlantico inghiotte centinaia, forse migliaia, di clandestini senza nome; una cinquantina gli ultimi, naufragati a luglio, e oltre un migliaio quelli spariti nel Dopo la disgrazia per la perdita del figlio, Bayam Diouf ha iniziato la sua personale battaglia. Ho voluto incontrare le madri delle altre vittime, perché mio figlio era il responsabile della piroga e sono morti tutti a causa sua, spiega. È difficile parlare a una madre che ha perso un figlio, aggiunge la donna. Siamo noi mamme che spesso finanziamo le loro partenze verso la Spagna. Per questo, dice ancora Bayam Diouf, ho iniziato andando in spiaggia a dire di non partire, di non rischiare la vita. Le prime risposte positive sono arrivate da altre mamme. Da qui l idea di creare il Collettivo delle donne per la lotta all immigrazione clandestina, che tra l altro promuove attività generatrici di reddito in un ottica di prevenzione dell immigrazione clandestina. Lottare contro la povertà significa permettere una vita dignitosa senza bisogno di fuggire altrove, sostiene la mamma anti-immigrazione. Che ha voluto incontrare anche i pescatori perché i trafficanti vengono qui con denaro contante, comprano una piroga e un motore, poi cercano i nostri figli pescatori per condurre la barca alle Canarie. Il ricatto dei passeur è semplice: a chi si prende il rischio di salpare alla guida delle carrette della morte offrono passaggio gratuito e denaro per la famiglia che resta. Qui a Thiaroye sur Mer almeno 600 giovani sono partiti, 115 sono morti, 19 rimpatriati. E ci sono degli scomparsi di cui non abbiamo notizie, racconta. La sua è la prima associazione impegnata su questo fronte in Senegal e probabilmente in tutta l Africa Occidentale. Quando si iniziano a mettere barriere nei mari o costruire muri con scelte che provocano la morte di giovani, conclude Bayam, seduta in un cortile dove una cooperativa di donne produce saponi e pesce essiccato bisogna fermare queste politiche e permettere ai nostri giovani di costruire il loro Paese con dignità e onestà. Rimesse, colonna del PIL Il biglietto di sola andata per l Europa può costare fino a mezzo milione di franchi locali, circa 800 euro. I conti sono presto fatti: ogni imbarcazione trasporta in media un ottantina di aspiranti clandestini, che garantiscono un bel gruzzolo ai trafficanti. A giugno la polizia di Sant Louis ha fermato un gruppo di 98 quasi-immigrati che stava per salpare sfidando le onde di notte. I passeur avevano denaro contante equivalente al 21

5 BIGLIETTO DI SOLA ANDATA PER L ELDORADO reddito annuo di decine di pescatori. Io ho già pagato, ci racconta Abdulaye, 20 anni, maglietta scura e sguardo timido. Insieme a un coetaneo è entrato in contatto con uno dei mediatori della rete informale che gestisce il traffico di piroghe. Voglio partire per l Europa per guadagnare più soldi. Là c è denaro e ci sono possibilià di lavoro, qui in Senegal, invece, se hai fortuna lavori duro ma non guadagni. Altrimenti aspetti un occasione che non arriva mai, sostiene. Il suo passaggio a caro prezzo per l Europa l ha comprato a Mbour, una località turistica famosa a sud di Dakar. Da lì, il giovane è arrivato in bus a Saint Louis, l antica capitale coloniale francese. Seguiamo anche noi lo stesso tragitto salendo dalla capitale verso nord. Su un rullo d asfalto infuocato di primo pomeriggio si intuiscono meglio i motivi della fuga da queste terre. La statale taglia in un due il Sahel, cintura africana tra deserto e foresta. Il Senegal è tra i primi produttori mondiali di arachidi. Ti chiedi dove le coltivino. All improvviso dalla strada si intravedono campi che sembrano pettinati con l aratro. Qua e là occhieggiano grandi baobab, isole d ombra in lastre di sole. La pioggia è davvero imprevedibile: di solito concentrata nei temporali tra luglio a settembre. Poi, a volte, zero pluviometrico per mesi. Si prosegue sfiorando Louga, una delle città col più alto tasso d emigrazione del Senegal. Un nulla rovente e polveroso. L Harmattan soffia come un asciugacapelli puntato dentro il finestrino. Gli emigrati garantiscono un indispensabile contributo ai loro famigliari e all intero Senegal: le rimesse rappresentano ormai il 7-8% del Pil nazionale. Secondo Mohamadou Mbodi, presidente del Forum Civile di Dakar, i senegalesi portano 250 miliardi di franchi CFA all anno, circa 400 milioni di euro. Un circolo virtuoso che transita per Saint Louis, la città dal fascino decadente con le sue case in stile coloniale e il grande ponte ad arcate metalliche costruito da Gustav Eiffel, lo stesso della celebre Torre. Destinato al Danubio, fu invece montato qui, dove oggi è un trampolino di lancio verso l Europa. Saint Louis, tra fiume e oceano La certezza di trovare un passaggio per le Canarie anche a caro prezzo attira qui migliaia di giovani senegalesi e non solo. Questa zona è un punto di reclutamento e di passaggio, uno snodo per tutta l Africa Occidentale, spiega Abdullaye Niang, docente di Sociologia dello sviluppo all Università Gaston Berger di Saint Louis. Da quando sono aumentati i controlli, è cresciuta anche la clandestinità, aggiunge il professore durante una conversazione nel suo studio. L Europa attraverso i programmi dell agenzia Frontex tenta di sigillare le frontiere via mare. Schiera motovedette per fermare il flusso dall Africa. Il Senegal, in base ai nuovi accordi con Bruxelles, prova a intensificare controlli e repressione anche via terra. Ma da qui si continua a scappare. Con il rischio sempre più frequente di essere rimpatriati dopo poche settimane. A me è andata male, racconta Ahmed Kanteh, titolare di un piccolo chiosco a Guet N dar, il quartiere di pescatori di Saint Louis. Aveva racimolato risparmi suoi e della famiglia allargata per raggiungere un cugino a Madrid. Quasi tutti abbiamo un parente in Spagna o in Con un tasso di disoccupazione ufficiale del 48%, in Senegal non ci sono prospettive per il futuro. Per tutto il Paese risuona solo un tetro refrain: Barça o Barzak, Barcellona o l aldila. O Spagna o morte. Ma la traversata della speranza miete sempre più vittime 22

6 REPORTAGE Italia, spiega il negoziante. Il vero problema, aggiunge è ricominciare dopo aver investito tutti i risparmi per il viaggio verso l Europa. La solidarietà famigliare permettere di raggranellare i denari per la traversata, poi però i parenti-azionisti chiederanno il loro dividendo al congiunto che avrà un giorno trovato lavoro come operaio in provincia di Brescia. Con un tasso di disoccupazione ufficiale del 48%, in Senegal non c è prospettiva per il futuro. Per tutto il Paese da Dakar a Kaolack fino alle splendide coste della Casamance nel sud risuona un solo tetro refrain: Barça o Barzak, Barcellona o l aldilà, Barzak in lingua wolof. O Spagna o morte. Qui l Unione Europea non prende forma con la sagoma isolata di Lampedusa, _Yayi Bayam Diouf ha perso il suo unico figlio durante una traversata in oceano alla ricerca di una vita migliore. Ora è promotrice del Collettivo delle donne per la lotta all immigrazione clandestina ma con le coste frastagliate delle Canarie, distanti oltre un migliaio di chilometri di mare. Sette-otto giorni di navigazione su grandi piroghe, aspiranti clandestini inscatolati sotto il sole a bordo della stessa imbarcazione. Nel 2006 sono sbarcati alle Canarie oltre disperati dell Africa sub-sahariana; nei primi sei mesi del 2007 si è registrato un calo, il 55% in meno dell anno precedente. Impossibile definire il numero di vittime morte durante la traversata. Una macabra contabilità senza riscontri oggettivi. Sappiamo il numero di arrivi ma non quello delle partenze, osserva Mamadou Biaye, direttore del giornale Le Quotidien di Dakar. Siamo al punto in cui per gli immigrati è diventata la stessa cosa morire in mare sulle piroghe o vivere qui in Senegal: questo è davvero troppo, commenta Mouhamadou Seck, coordinatore della Rete africana per la difesa dei diritti umani (Raddho) a Saint Louis. L imperativo categorico è uno solo: partire. Qui la quasi totalità

7 BIGLIETTO DI SOLA ANDATA PER L ELDORADO delle famiglie può sopravvivere grazie a un parente emigrato in Europa. Questo spinge i nostri giovani, dal Senegal e da tutta l Africa Occidentale, a salpare verso le Canarie, dice ancora Seck, un avvocato che da anni si occupa di diritti umani. Dalle testimonianze raccolte, non esiste una vera e propria rete criminale : si tratta sempre più spesso di gruppi auto-organizzati, con veri e propri armatori che acquistano le piroghe dei pescatori per trasformarle poi in barconi della disperazione. Ormai i carichi di uomini valgono più dei carichi di pesce, scuote la testa Samba Diop, un giornalista locale. Per l avvocato dei diritti umani si tratta comunque di una speculazione sulla miseria altrui: Possiamo assimilarlo tranquillamente al traffico di droga, perché questi passeur vendono morte ai loro passeggeri. Il meccanismo è semplice: di fronte alle crescenti difficoltà soprattutto del settore ittico spina dorsale dell economia di questa regione c è chi preferisce investire denaro per costruire una piroga destinata ai clandestini: Poi recluta un timoniere e un motorista per condurla fino alle Canarie e organizza un carico a volte con un centinaio di aspiranti immigrati: è inaccettabile, occorre fermare questo tipo di organizzazione, picchia duro l attivista dei droits de l homme. Sia nel 2006 che quest anno ci sono stati arresti lungo tutto il litorale senegalese; a Saint Louis nelle scorse settimane si è aperto il primo processo contro i trafficanti di immigrati. Le partenze però proseguono. Le cause di questa emigrazione di massa sono complesse. Da decenni assistiamo all esportazione abusiva di pesce nel nostro mare e di tutte le nostre risorse da parte dei pescherecci stranieri, osserva l avvocato. Lungo le nostre coste avviene un vero e proprio saccheggio, s indigna Oumar Sarr, vice-presidente del Comitato di quartiere del villaggio di Guet N dar, una sorta di vicesindaco. I battelli europei di notte invadono i tratti di mare

8 REPORTAGE riservati alla pesca artigianale e ci sottraggono enormi banchi di pesci, provocando gravi conseguenze per tutto il settore a livello locale. Guet N dar è il villaggio di pescatori più famoso del Paese, abbarbicato sulla Lange de Barbare, la sottile striscia di sabbia tra la foce del fiume Senegal e l Oceano Atlantico. Dal 2006, dice ancora Sarr, almeno un migliaio di giovani sono partiti da qui verso le Canarie. Restano donne, bambini e anziani, ma intanto perdiamo la nostra forza-lavoro altamente qualificata. Sulle capacità degli esperti di Guet N dar non ci sono dubbi. Tant è che da anni grandi pescherecci asiatici prima russi, ora nord coreani vengono qui ad affittare piroghe e pescatori. Caricano i nostri uomini con le _Nel porto di Saint Louis sono ancora una volta protagoniste le donne. Sono loro che aspettano le grandes pirogues che rientrano dal mare e che si occupano della trasformazione e della vendita del pescato loro barche sui grandi battelli e li portano a pescare in Gabon e Angola per due o tre mesi, spiega il vicesindaco. Poi riportano qui i nostri pescatori e fanno rotta verso l Asia col loro bottino ittico. Congelato e pronto da inviare nel mondo. La risorsa pesce Eppure la situazione in termini di pescato non sarebbe catastrofica secondo Pierre Morand, dell Istituto di ricerca per lo sviluppo di Dakar. La quantità di pesce presente in questo tratto di mare è piuttosto stabile e si mantiene sugli stessi livelli anche quello raccolto dai pescatori artigianali, malgrado l assenza di dati recenti. Secondo la Direzione per la pesca del Senegal, nel 2003 sono state prodotte tonnellate di pesce artigianale, contro circa tonnellate di pesce industriale destinato ai mercati esteri. Questi dati sono equivalenti a quelli di cinque-dieci anni fa, dice l esperto in un ampia intervista al giornale Le

9 BIGLIETTO DI SOLA ANDATA PER L ELDORADO Quotidien. Il problema aggiunge un secondo ricercatore, Didier Jouffre è un altro: Il volume del pescato non si è davvero abbassato, ma sono aumentati i pescatori e la pressione della pesca. Le risorse non sono dimiuinte però è il ragionamento degli esperti se la torta è sempre la stessa e aumenta il numero di invitati, le fette si riducono sempre più. Di parere diverso il sindacato dei pescatori, secondo cui le imbarcazioni europee che dovrebbero mantenersi ad almeno 8-10 miglia dalla costa penetrano di notte nelle acque riservate alla pesca locale. Fino al 2006, gli accordi per permettere l attività dei grandi motopescherecci stranieri soprattutto europei, cinesi e giapponesi garantiva al governo di Dakar 64 milioni di euro all anno, con un accordo per assegnare almeno una percentuale minima di questi ricavi alle associazioni di categoria dei pescatori. Che invece lamentano la totale mancanza di sostegno da parte delle autorità senegalesi. Beffa doppia, perché invece le società straniere del settore ittico ricevono forti sussidi dai loro Paesi: la Cina paga due miliardi all anno di dollari per il carburante dei pescherecci, mentre Unione Europea e i Paesi membri secondo il Wall Street Journal non meno di sette miliardi. Non solo, le ripercussioni negative in Senegal si abbattono su una filiera di persone, che costituisce il primo settore produttivo del Paese. E spesso sono le donne a pagarne le conseguenze. Perché la trasformazione del pesce e la vendita sul mercato locale è tutta affidata a loro. Per rendersene conto basta andare la mattina presto nella zona del porto di Saint Louis. Donne d ogni età anche anziane e ragazzine aspettano le grandes pirogues che rientrano dal mare. Appena si avviciano a riva, gli scaricatori fanno la spola con la terraferma infilandosi nell acqua fino alla vita. Sistemano sulla testa casse di pesce pesanti decine di chili, che sgocciolano come una grondaia dopo un acquazzone. Entrano ed escono rapidi dai flutti come piccoli bulldozer anfibi; ai piedi indossano scivolosi sandaletti di plastica che si trasformano invece in cingolati di caterpillar. Sgattaiolano verso i camion-frigo che attendono sulla banchina. Rombi, razze, occhiate, sardine, branzini. Il pesce buono prende subito la via di Dakar o verso l interno del Paese. Il resto viene scaricato su grandi teli di plastica dove sono proprio le donne del posto a selezionare i pezzi migliori da prendere a credito e rivendere poi nell affollato mercato ittico. Aminata, una ragazzina fragile che indossa le immancabili infradito, si carica un secchio colmo di pesce fresco sulla testa e s incammina verso i padiglioni del mercato. Chi può permetterselo, evita la fatica del percorso a piedi viaggiando a bordo di un piccolo calesse trainato da un ronzino bolso, alternativa economica ai tradizionali taxi. Una parte del pescato è destinata all essicazione e alla preparazione sotto sale. Il laboratorio all aperto qui, sulla riva del fiume dove attraccano le piroghe ha atmosfere surreali da film in bianco e nero di un altra epoca. Il terreno è un melma fangosa grigiastra impastata di scarti di pesce e conchiglie. Dentro grandi bidoni ormai neri di grasso si cuociono sardinelle ricoperte poi di sale. Persino le vesti cangianti delle donne sembrano stinte in questo girone dantesco, tra lische di pesce marcite e file di rombi esposti all aria per l essicatura. Mani rugose ma esperte di donna, ancora una volta attizzano un piccolo rogo. Fumi e miasmi si mescolano nella luce tremula di un tramonto senza bagliori. Sono necessarie regole igieniche che qui non sono più rispettate da tempo, spiega a East Lamin Kan Joum, responsabile del Servizio pesca del comune di Saint Louis. In queste condizioni l attività di trasformazione non può continuare, nei prossimi mesi tutta la zona verrà smantellata, aggiunge il funzionario 26

10 REPORTAGE per il turista, ripetitiva, ma proteica pietanza unica per gli abitanti di casa. Il vero piatto forte è comunque la teranga, la proverbiale ospitalità senegalese che supera per calore e spontaneità anche cortesie già collaudate in altre lande d Africa. _Uno dei principali punti di partenza dei migranti irregolari è Saint Louis (sopra a sinistra), paese dedito alla pesca e situato a circa 260 km a nord della più caotica Dakar (sopra) riferendosi all inferno in chiaroscuro che abbiamo appena visitato al porto. Altrove, invece, la collaborazione con alcune organizzazioni non governative internazionali ha dato risultati incoraggianti: bisogna percorrere un paio di chilometri sulla stessa penisola e oltrepassare Guet N Dar. Nel punto dove la lingua di sabbia tra fiume e Oceano misura poche centinaia di metri, hanno trovato spazio i locali della Djamabar Syn, una delle quattro cooperative del villaggio dove lavorano in tutto oltre duecento donne. Spazi puliti, igiene, acqua corrente: rispetto al marasma nauseabondo del porto, qui pare un padiglione della Nokia. Lo stipendio mensile si aggira intorno ai franchi CFA, euro. Troppo poco anche per noi, spiega una delle coordinatrici, Seneba Ndiaye, 48 anni e cinque figli. La vede quella casa? È stata costruita coi soldi dei nostri parenti che lavorano in Spagna da alcuni anni. Suo figlio Seydou vorrebbe partire per raggiungere un cugino a Siviglia. Dico di no, è diventato troppo pericoloso, ammette Seneba, che intanto spalanca le porte della sua abitazione semplice ma accogliente. Subito per l ospite si prepara tieboudienne, pesce cotto con verdure. Delizia Clandestini di serie B Intanto chi non fugge è costretto ad arrabattarsi. Pochi chilometri a nord di Guet N Dar scorre il confine con la Mauritania, altra terra di partenza per le piroghe ma, le cui spiagge sono ormai presidiate dalla guardia costiera locale e spagnola. Dal villaggio di Gouum Bahx partono anche fuoristrada imbottiti di persone e mercanzie diretti al piccolo abitato di Ndiago, poche casette prefabbricate di metallo già in Mauritania. In mezzo, tra i due Paesi, sette chilometri di dune e mare con una frontiera non tracciata. Solo senegalesi e mauritani possono attraversarla, ma non gli stranieri. Consapevoli di essere clandestini per un ora, c infiliamo comunque su una 4x4 che slitta tra la sabbia algida di un mezzogiorno infuocato. Una manciata di minuti ed è Mauritania. Un poliziotto blocca subito il bianco intrufolato tra i locali e gli intima di ripartire con la prima jeep disponibile dopo un breve interrogatorio con piglio minaccioso. Decisione non inattesa, che permette comunque di sbirciare da vicino il via-vai di piccoli traffici in questa quasi-terra-di-nessuno. Sul tetto del fuoristrada si accumulano pacchi, bidoni, bottiglie di plastica, taniche. Contrabbando puro e semplice. Come per qualsiasi taxi collettivo africano, l unico criterio per la partenza del viaggio di ritorno verso il Senegal è il tutto-esaurito. Mezz ora dopo si raggiunge quota dodici passeggeri. Si riparte. L auto slitta sulla sabbia come in uno slalom del Sestriere. Dal finestrino s intravvedono colline ondulate e colonie di granchi nell acqua stagnante del fiume. All improvviso dalle uniche palme di tutto il tragitto sbuca una pattuglia della polizia senegalese. Dall alto del fuoristrada due ragazzi scaricano all istante ogni tipo di merce, come se fosse un copione ben conosciuto. Le taniche rotolano tra la sabbia. Attimi di panico a bordo, l autista pigia e non si ferma. La donna di fronte a noi apre una confezione di dodici spray Ddt e li distribuisce con gesti rapidi. Ne infila un paio sotto la sottana, tutti prendono e nascondono una bottiglietta 27

11 BIGLIETTO DI SOLA ANDATA PER L ELDORADO per spirito di solidarietà. Anche noi la infiliamo nello zaino. La pattuglia si ferma nella striscia di nulla tra i due confini, all arrivo in territorio senegalese i passeggeri si dileguano in un batter d occhio. Ognuno restituirà poi il Ddt alla donna, l unica che ha salvato il suo piccolo malloppo. Il resto, scivolato tra la sabbia dal tetto della jeep, è stato sequestrato dalla polizia. Accade spesso, la polizia cerca di spaventare la gente, commenta sornione l autista. Ma noi dobbiamo pur sopravvivere. La stessa frase letteralmente che ti senti rivolgere la mattina dopo all alba a bordo della piroga Ahmadou Bamba. Dobbiamo sopravvivere, sbotta Doudou Gueye, 22 anni, un terzo della sua vita già trascorsa a gettare e reti. Salpiamo da Guet N dar alle prime luci. Onde alte a ridosso della riva, poi il respiro lento dell oceano. Sull autostrada invisibile dell Atlantico il timoniere vira a babordo come per una sosta all autogrill. Ha riconosciuto la porzione di mare dove ieri mattina stessa ora, stesse riflessi diafani in un verde increspato i marinai avevano gettato le reti. Bottino magro anche oggi: qualche sarago, rombi, occhiate, salpe. Capisci perché ce ne vogliamo andare? Qui perdiamo tempo. Chi è in Spagna lavora davvero. Anch io voglio partire come clandestino, insiste Doudou. Fosse per lui, farebbe rotta direttamente verso le Canarie con questa bagnarola, che invece punta di nuovo verso Guet N Dar per il rientro a terra. A mezzogiorno sono allineate centinaia di piroghe sulla spiaggia, in un mosaico dalle mille tonalità che conferisce alle barche quasi la solennità di sculture colorate. L immigrazione si alimenta anche di paradossi: dall Europa le rimesse dei senegalesi all estero finanziano le partenze di nuovi aspiranti immigrati. A poco finora sono servite le misure dell Unione Europea per fermare i boat people africani con i dispositivi di sorveglianza delle frontiere marittime. Il bilancio del ministero dell Interno del Senegal degli ultimi nove mesi è di fermi, sequestro di 32 piroghe e di litri di carburante. Nella prima metà del 2007 la Spagna ha già rispedito a casa secondo fonti ufficiali di Madrid migranti irregolari. Ai miei studenti dico che Italia ed Europa non sono l Eldorado. Per convincerli porto a lezione anche gli immigrati, scuote la testa il professor Ibrahim Diawara, docente di Italianistica all Università di Dakar. C è qualcuno che fa credere loro nella partenza come unica soluzione. Ma tocca ai nostri giovani organizzarsi qui, anche con creatività. Il folle volo in senso opposto verso l Europa non è solo una questione economica ma dipende anche da una forte volontà di cambiamento, insiste il sociologo Abdullaye Niang. Malgrado l alto numero di rimpatri forzati, sostiene, molti sono recidivi. Cioè ci riprovano. Nuova colletta famigliare e nuova roulette russa sull Oceano cercando un altra vita nel Vecchio Continente. I refoulées rispediti in Senegal per via aerea in base alle nuove norme europee qui a Saint Louis si sono addirittura organizzati in un associazione. Conta già 430 iscritti il Réseau du fleuve, la rete di clandestini della regione del Fiume Senegal, che riunisce i rimpatriati di questa zona. Sappiamo che in piroga ci sono rischi ma non abbiamo altra scelta, spiega il coordinatore Nouckobaye Ndiouf, mandato a casa in aereo da Las Palmas nell ottobre Europa vietata, scrive Jeune Afrique una delle migliori riviste del continente in un ampia inchiesta dedicata all emigrazione. Un Europa che adotta metodi radicali vi si legge contrari ai suoi stessi principi, adottando misure come espulsioni forzate, manovre militari nel Mediterraneo e nell Atlantico, campi di rimpatrio nel Maghreb. Una vera e propria guerra che finora secondo la rivista ha portato sì all abbassamento del numero di richiedenti asilo ma anche all aumento delle vittime. A Saint Louis esiste persino un associazione che cerca di sensibilizzare i giovani sui rischi della traversata in piroga verso l Europa, coinvolgendo i leader musulmani della città (il 90% dei senegalesi è di religione islamica), associazioni locali, parrocchia cattolica e istituzioni. Non possiamo fermare gli immigrati, spiega padre Fernand Sambou, ma almeno spiegare loro come si usa il giubbotto di salvataggio. Samba non è in grado di utilizzarlo ma assicura di saper nuotare. Ha già pagato un passeur di Saint Louis per un passaggio in piroga alle Canarie. Aspetto solo una telefona per sapere quando salperemo di notte, confida a east. E garantisce di spedire una mail al suo arrivo in terra spagnola per confermare il buon esito della traversata. Non hai paura di morire? Non ho alternative. Insciallah, aggiunge, che Dio ce la mandi buona. Ma la mail finora non è ancora arrivata. 28

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

LA SCUOLA IN ITALIA UNITÁ 20

LA SCUOLA IN ITALIA UNITÁ 20 LA SCUOLA IN ITALIA In Italia, l istruzione è obbligatoria per otto anni, dai sei ai quattordici anni di età. La scuola dell obbligo inizia con la scuola elementare, che dura cinque anni, e continua con

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Intervista a Yonous Muhammadi, President of Greek Forum of Refugees

Intervista a Yonous Muhammadi, President of Greek Forum of Refugees Carovana per i diritti dei migranti, per la dignità e la giustizia Lampedusa 22 novembre-torino 6 dicembre 2014 Ci può descrivere qual è la condizione che vivono i richiedenti asilo in Grecia? Intervista

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

: basta chiedere alle banche quanti

: basta chiedere alle banche quanti .d. Mettete in ordine le frasi disordinate presenti all interno del testo. L italiano si fa a scuola Negli ultimi trent anni, l Italia è divenuto un paese di immigrazione. Nell ultimo decennio, poi, essa

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

INVASIONE? Le cifre del problema

INVASIONE? Le cifre del problema INVASIONE? Le cifre del problema 114.285 richiedenti asilo in Italia nei primi 8 mesi dell anno (2.000 in più rispetto allo stesso periodo del 2014 L Italia accoglie un numero molto modesto di profughi

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Introduzione. Guarda il filmato:

Introduzione. Guarda il filmato: Introduzione. Guarda il filmato: Lo sfruttamento del lavoro minorile e il caso di Iqbal Masih http:///il-lavoro-minorile.htm Cosa dice l articolo 32 della convenzione ONU sui diritti dell infanzia? Quell

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si è spostata in

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Ciao! Il mio nome è Nilani e vivo in Sri Lanka.

Ciao! Il mio nome è Nilani e vivo in Sri Lanka. Ciao! Il mio nome è Nilani e vivo in Sri Lanka. 1 Lo Sri Lanka è una bellissima isola a sud dell India, conosciuta anche col suo vecchio nome, Ceylon, oppure chiamata Lacrima dell India, per via della

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Tempo. I miei ritmi, dopo mesi di viaggio, sono già parecchio distanti da quelli italiani standard. Eppure, tutto sta per cambiare.

Tempo. I miei ritmi, dopo mesi di viaggio, sono già parecchio distanti da quelli italiani standard. Eppure, tutto sta per cambiare. Tempo Premessa: Questo racconto parla di un esperienza molto personale, interiore. Non so se (mi) sia possibile descriverla appropriatamente con parole e, soprattutto, immagini. Ma voglio comunque provarci.

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi checkin a v v e n t u r a g l i a l p i n i d o p o l a s p e d i z i o n e s u l m o n t e v i n s o n Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo Un impresa unica, fin nei minimi particolari. «Immagini

Dettagli

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati ebook pubblicato da: www.comefaresoldi360.com Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati Perché possono essere una fregatura Come e quanto si guadagna Quali sono le aziende serie Perché alcune aziende ti pagano

Dettagli

CLIDA P3 ESAME 0307 FASE UNO PROVE SCRITTE FASE DUE PROVE ASCOLTO. Esami CLIDA. centro linguistico italiano dante alighieri Firenze.

CLIDA P3 ESAME 0307 FASE UNO PROVE SCRITTE FASE DUE PROVE ASCOLTO. Esami CLIDA. centro linguistico italiano dante alighieri Firenze. centro linguistico italiano dante alighieri Firenze Esami CLIDA CLIDA P3 ESAME 0307 FASE UNO PROVE SCRITTE FASE DUE PROVE ASCOLTO Sede esame Cognome Nome Firma... Prove scritte Inizio della fase uno Leggi

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Settimana del SAPERE

Settimana del SAPERE Settimana del SAPERE Fascicolo 1 Il sapere e la storia di due giovani uomini All interno: l originale in Inglese e la traduzione in Italiano di una delle più famose lettere di vendita di tutti i tempi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

IN COMUNE UNITÁ 8. (allo sportello)

IN COMUNE UNITÁ 8. (allo sportello) IN COMUNE Sanit: Bogosò: Sanit: Bogosò: Sanit: Bogosò: Sanit: Ciao, Bogosò, come stai? Io sto bene e tu? Questi sono i miei bambini: Fortunato e Faduma. La mia bambina, invece, è a casa. Che cosa fai in

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Scampia. ieri, oggi... e domani? fotoreportage di Andrea Brera

Scampia. ieri, oggi... e domani? fotoreportage di Andrea Brera Scampia ieri, oggi... e domani? fotoreportage di Andrea Brera ...le "Case dei puffi": chiamate così per via dei materiali scadenti, da giocattolo, con cui furono realizzate; e per quel sarcasmo che sempre

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Intervista a Stefan Di Kun_Tiqi Surfboards

Intervista a Stefan Di Kun_Tiqi Surfboards Intervista a Stefan Di Kun_Tiqi Surfboards Abbiamo fatto due chiacchiere con Stefan, shaper tedesco trasferitosi da qualche anno in Cantabria, dove ha aperto il primo laboratorio-negozio europeo che produce

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE In questo esercizio esplorerete il concetto di sinergia di team. Lavorando dapprima individualmente e successivamente in team, sarete in grado di valutare la forza del gruppo nel modificare o rinforzare

Dettagli

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare...

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... VOLUME 1 CAPITOLO 3 IL MARE E LE COSTE MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... onda... spiaggia... costa...

Dettagli

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in Più volte ho provato a descrivere la realtà cinese, la frenetica realtà cinese, con il suo progresso e con il suo attaccamento alla tradizione, con i suoi colori e i suoi odori. Più volte ho provato e

Dettagli

INTERVISTE DURANTE ASTA DI BICICLETTE DELL'ALTRA BABELE 11 MAGGIO 2013

INTERVISTE DURANTE ASTA DI BICICLETTE DELL'ALTRA BABELE 11 MAGGIO 2013 INTERVISTE DURANTE ASTA DI BICICLETTE DELL'ALTRA BABELE 11 MAGGIO 2013 40 anni, lavoratrice la ricettazione è la rivendita di cose rubate (cellulari, bici, qualsiasi cosa). È illegale anche acquistare

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

PLIDA. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana. Novembre 2010 PARLARE. Livello

PLIDA. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana. Novembre 2010 PARLARE. Livello PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana Novembre 2010 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE PLIDA 2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA Molto spesso arrivo a scuola in ritardo per colpa di un semaforo che diventa verde dopo molto tempo o di persone in auto che non mi vogliono far passare sulle

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Seconda. Codici.

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Seconda. Codici. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli