Affrontare il nuovo ruolo di dirigente della scuola

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Affrontare il nuovo ruolo di dirigente della scuola"

Transcript

1 03_Delai_Professione_dirigente 07/10/ :40 Pagina 1 Affrontare il nuovo ruolo di dirigente della scuola di NADIO DELAI (*) 4 L articolo è un estratto del volume Essere dirigente della scuola oggi - Indagine su identità, ruolo e sviluppo professionale dei Capi d Istituto (Gruppo editoriale Spaggiari, Parma, 2013). (*) Sociologo - Presidente della società di consulenza e di ricerca Ermeneia-Studi & Strategie di sistema La scelta di lanciare un operazione di ascolto U na significativa evoluzione di identità e di ruolo ha investito la figura del Capo di Istituto che operava tradizionalmente nella scuola pubblica italiana: nuovi dirigenti della scuola sono stati infatti assunti, con riferimento al nuovo profilo professionale, a seguito di tre successivi concorsi, tenutisi nell ultimo decennio. Per questo ANP e La Fabbrica hanno deciso di promuovere una vera e propria operazione di ascolto che ha assunto la forma di un indagine apposita, condotta tramite questionario autosomministrato. Esso è stato preceduto da alcuni Focus Group, composti da dirigenti scolastici assunti a seguito dei concorsi suddetti. Nel mese di febbraio 2013 il questionario è stato inviato all intera platea dei soggetti interessati, come uno strumento innanzitutto al loro servizio: l indagine infatti rappresenta una modalità per potersi guardare allo specchio e per compiere un primo bilancio delle esperienze sin qui maturate: - a partire dal percorso compiuto, dal momento dell ingresso nel mondo dell insegnamento a quello dell assunzione di eventuali incarichi di sostegno al capo di istituto, dal ruolo svolto da parte di molti intervistati di preside incaricato a quello dell assunzione del ruolo di dirigente scolastico a tutti gli effetti, a seguito del superamento del concorso; - per poi considerare l esercizio quotidiano delle nuove funzioni, con tutte le caratteristiche, le valutazioni, i problemi ma anche le soddisfazioni che questa novità ha potuto generare; - ma anche per ragionare attorno a delle possibili modifiche delle procedure di formazione e di reclutamento per coloro che affronteranno i

2 03_Delai_Professione_dirigente 07/10/ :40 Pagina 2 futuri concorsi; - e infine per considerare sia pure in breve il tema della valutazione nei confronti dei dirigenti della scuola e dello svolgimento concreto della loro attività. I risultati dell indagine possono essere ricondotti ad alcune tesi di fondo di seguito illustrate. Un ruolo complesso, ma con alla base una forte identificazione profes sionale L a prima tesi è che i dirigenti della scuola presentano un identità solida ed un identificazione professionale elevata, entrambe fortemente condivise. L affermazione trova riferimento (cfr. tav. 1) innanzitutto nelle ragioni che risalgono ancora alla scelta della profes sione di docente: esse appaiono significativamente guidate da una inizia le spinta vocazionale che occupa il primo posto in assoluto e a significa tiva distanza, come intensità di risposte, rispetto alle altre ragioni addotte. Ma bisogna tener conto anche delle ragioni che hanno indotto gli intervistati a partecipare al concorso per dirigente della scuola, le quali affondano le loro radici nel desiderio di compiere un passo avanti (motivazione collocata al primo posto), irrobustita sovente dal fatto di aver già avuto esperienze di collaborazione col dirigente (collocata al secondo posto rispetto al l insieme delle motivazioni). 5 Tav. 1 Un identità e un identificazione ispirate alla solidità Fenomeni Dati Le ragioni più importanti dell accesso all insegnamento Una spinta di tipo vocazionale 1 posto (58,1%) Il consiglio e/o l esempio di qualche docente particolarmente importante avuto durante la formazione scolastico-universitaria 2 posto (23,6%) L occasione di un concorso a cui ho partecipato 3 posto (22,8%) Le ragioni più importanti dell accesso al concorso per dirigente La pratica professionale maturata come insegnante e il desiderio di compiere un passo avanti 1 posto (63,1%) Il fatto di aver già avuto esperienze di collaboratore del dirigente e quindi di sentirsi pronti ad assumere il ruolo di capo istituto 2 posto (48,1%) L opportunità di ottenere una migliore retribuzione 3 posto (27,9%) Il livello di soddisfazione professionale (Giudizi Molto + Abbastanza soddisfatto ) Come docente 96,10% Come collaboratore del dirigente 87,20% Come dirigente scolastico 80,90% L intervistato intraprenderebbe di nuovo la carriera del dirigente della scuola Sì, senz altro e malgrado i problemi quotidiani 73,70% Forse sì e forse no: al momento sono incerto 16,60% No, preferirei restare legato al mio ruolo di docente 4,50% Decisamente no: sceglierei un altra professione 4,40% Fonte: indagine Ermeneia Studi & Strategie di Sistema per ANP e La Fabbrica, 2013

3 03_Delai_Professione_dirigente 07/10/ :40 Pagina 3 6 Ci sono infine degli evidenti segnali di identificazione professionale con tutti i diversi ruoli via via svolti all interno della scuola, visto che gli intervistati si dichiarano molto e/o abbastanza soddisfatti : - sia rispetto al ruolo svolto come insegnante (da parte del 96,1% degli intervistati); - sia rispetto al ruolo di collaboratore del dirigente (da parte del l 87,2% degli intervistati); - sia rispetto al ruolo di dirigente scolastico (da parte dell 80,9% degli intervistati). È evidente come in tutto questo vengano a declinarsi due elementi della soddisfazione professionale: quello più legato alla scelta vocazionale dell insegnamento (che risulta molto elevata) e quello dell assunzione gra - duale di ruoli di tipo dirigenziale. Essi presentano una evoluzione della propria identità insieme a quella di uno svolgimento via via più sicuro delle proprie funzioni: entrambe debbono poter stabilizzarsi nel tempo e perciò è comprensibile che quella più recente di dirigente scolastico richieda in qualche modo di essere guadagnata sul campo, accettando le sfide che il nuovo ruolo impone sino a permettere agli interessati di ritrovare senso e direzione di marcia rispetto alla nuova posizione di responsabilità assunta. Tuttavia va anche ribadito che il 73,7% degli intervistati dichiara come, se tornasse indietro, intraprenderebbe senz altro la carriera di dirigente della scuola malgrado i problemi quotidiani da affrontare (sempre a conferma dell elevato livello di identificazione complessiva). L a seconda tesi è che il cambiamento di paradigma professionale viene avvertito in maniera pronunciata e non di rado con una percezione di onerosità del ruolo, ma anche con una scommessa positiva circa la capacità di adeguarsi al ruolo stesso. Per essere più precisi (cfr. tav. 2) si consideri che il 67,4% degli intervistati dichiara di aver avvertito in maniera signifi cativa tale cambiamento, legato a più aspetti: la responsabilità contem poranea di più plessi scolastici, l esigenza di esercitare attivamente la delega di responsabilità ai collaboratori, la necessità di operare per obiettivi e per conseguente verifica del loro raggiungimento. Perciò ri sulta evidente che compiere un salto di ruolo da docente a dirigente scolastico è molto più impegnativo che non passare da collaboratore del dirigente a dirigente oppure da preside incaricato a dirigente: il cambia mento infatti appare essere molto elevato per tutti gli ex-docenti, mentre scende gradualmente di intensità percepita, a seconda dell esperienza maturata precedentemente come collaboratore oppure come preside in caricato (anche se resta relativamente elevata nel primo caso, mentre di venta molto più contenuta nel secondo caso). Certo esistono anche dei problemi, definiti come significativamente impor tanti dagli intervistati, come ad esempio: - le caratteristiche della normativa, valutata come eccessiva e soprattutto da interpretare, risul tando essa non di rado confusa e contraddittoria; - le condizioni di esercizio quotidiano del ruolo, che in ducono gli intervistati a collocare ai primi posti i problemi legati al l esiguità delle risorse finanziarie e di personale, all ampiezza delle mansioni che ovviamente un ruolo di dirigenza comporta (e a cui si era necessariamente meno abituati quando si esercitava la profes sio ne docente), nonché alla percezione di una retribuzione non ade guata per il tipo di responsabilità che il dirigente della scuola si trova ad esercitare;

4 03_Delai_Professione_dirigente 07/10/ :40 Pagina 4 - ed infine l insufficiente preparazione al ruolo da parte del diri - gente neo-assunto sul triplice piano della gestione amministrativa, della gestione del personale e della gestione organizzativa dei plessi scolastici. Ciò non toglie che, malgrado i problemi da affrontare, circa 8 intervistati su 10 riconoscano che il ruolo di dirigente permette loro finalmente di dare un impronta personale all Istituto che dirigono come pure ricono - scono che tale ruolo consente di migliorare lo status professionale com - plessivo sia interno che esterno alla scuola. E del resto il 68,2% de gli intervistati afferma di poter comunque svolgere bene il proprio ruolo, malgrado i problemi che deve affrontare, magari acquisendo le cono scen ze e Tav. 2 - La percezione del cambiamento del paradigma professionale e la scommessa sulla capacità di adeguarsi al ruolo Fenomeni Dati La percezione del cambiamento del paradigma professionale L ho avvertito molto 29,70% Totale L ho avvertito abbastanza 37,70% 67,40% La percezione del cambiamento di ruolo (Giudizi Molto + Abbastanza significativo ) Da docente a dirigente 97,00% Da collaboratore del dirigente a dirigente 92,70% Da preside incaricato a dirigente 33,00% La tipologia di problemi più importanti incontrati (Giudizi Molto + Abbastanza importanti ) Eccesso di normativa e contraddittorietà della medesima 90,1%-94,4% Esiguità di risorse e di personale + Molteplicità delle responsabilità + Retribuzione non adeguata alle medesime 92,4%-95,8% Inadeguata preparazione pregressa in tema di amministrazione, personale e organizzazione 68,7%-85,6% Un ruolo che dà soddisfazioni (Giudizi Molto + Abbastanza d accordo ) È un ruolo che permette di dare un impronta personale all istituto 82,90% È un ruolo che permette di migliorare lo status professionale all interno della scuola 81,10% È un ruolo che permette di migliorare lo status professionale rispetto al mondo esterno 74,00% Le positive aspettative di ruolo Credo di poter svolgere bene il mio ruolo malgrado i problemi che devo affrontare 33,10% Totale Credo di poter migliorare e consolidare il mio ruolo, acquisendo le conoscenze e le abilità che ancora mi mancano 35,10% 68,20% Credo di aver maturato esperienza sufficiente per valutare i pregi e i difetti del ruolo (insieme alle difficoltà non facilmente superabili) 21,20% Fonte: indagine Ermeneia Studi & Strategie di Sistema per ANP e La Fabbrica,

5 03_Delai_Professione_dirigente 07/10/ :40 Pagina 5 8 le abilità che ancora non sono in suo possesso; senza con tare che gli intervistati ritengono di aver maturato esperienza suffi ciente per valutare i pregi e i difetti di tale ruolo, insieme alle difficoltà che sono anche non facilmente superabili. L a terza tesi è che le modalità di reclutamento richiederebbero una messa a punto più coerente rispetto ad un ruolo di dirigente che deve eser citare funzioni ampie e corrispondenti responsabilità estese. A tale proposito si sottolinea l importanza di un primo criterio (cfr. tav. 3), quello della necessità di porre una particolare attenzione alla selezione iniziale dei candidati, poiché non ci sono strumenti di selezione che possono essere applicati in momenti successivi rispetto all ingresso o alla formazione, sempre in fase post-assunzione, che siano in grado di compensare un processo selettivo iniziale che si riveli inadeguato : ben l 88,6% degli in tervistati è di questa opinione, livello di consenso che viene peraltro a crescere sino al 96,3% qualora si consideri la necessità di valutare con attenzione i requisiti attitudinali del candidato, in vista dello svolgi - mento del ruolo di dirigente, requisiti che risultano ovviamente ben di versi rispetto a quelli della professione insegnante. Un secondo criterio importante è quello della necessità che i dirigenti neo-assunti possano usufruire di un periodo di inserimento sufficiente - mente lungo e sostenuto da modalità di affiancamento da parte di altri dirigenti già in servizio (93,7% di consensi), a conferma di quanto vie ne anche affermato circa le attività di formazione risultate maggior mente utili rispetto allo svolgimento del ruolo: circa 8 intervistati su 10 infatti riconoscono come sia stata fondamentale l esperienza maturata in precedenza come collaboratore del dirigente (85,3%) oppure come pre side incaricato (81,1%) a cui si è affiancata - quasi con analoga impor tanza - la formazione ricevuta nei fatti tramite l attività di mutuo soc corso, basata sull aiuto fornito dai dirigenti della scuola già in servizio (78,9%). Vanno poi ricordati i possibili ambiti di formazione, da curare in vista dell assunzione nel ruolo di dirigente. I tre ambiti che risultano più fortemente indicati da parte degli intervistati sono: - l ambito dell organizzazione; - l ambito dell amministrazione: - e l ambito della gestione del personale. Tutti e tre raccolgono la quasi totalità delle valutazioni positive dei dirigenti, ma con un intensità più pronunciata (cioè con un livello di consenso che supera il 70% degli intervistati), rispetto ad altri argomenti - pure importanti - come l ambito del contenzioso, quello della gestione delle disposizioni sulla sicurezza, quello della nor mativa scolastica, quello delle relazioni da tenere col mondo esterno (ambiti questi certamente non secondari e comunque largamente opzionati dagli inter vistati). I nfine si mette in rilievo come siano da far evolvere ulteriormente la qualità delle Commissioni di Valutazione utilizzate per il reclutamento dei dirigenti della scuola e questo soprattutto per quanto riguarda il pos sesso, da parte dei membri di tali Commissioni, dei requisiti indicati dalla legge (e questo è abbastanza ovvio), ma anche il fatto di aver se guito un percorso formativo e selettivo, centrato su competenze di va lutazione oltre che su competenze giuridiche (83% è il livello di con senso manifestato dagli intervistati).

6 03_Delai_Professione_dirigente 07/10/ :40 Pagina 6 Tav. 3 - Alcune proposte circa il reclutamento di futuri dirigenti della scuola Fenomeni Dati Criteri da adottare (Giudizi Molto + Abbastanza d accordo ) Porre particolare attenzione alla selezione iniziale dei candidati, poiché non c è selezione successiva o formazione post-incarico sufficienti per compensare un processo selettivo iniziale inadeguato 88,60% Valutare con attenzione i requisiti attitudinali del candidato per lo svolgimento del ruolo di dirigente 96,30% I dirigenti neo-assunti debbono poter usufruire di un periodo di inserimento sufficientemente lungo e con l affiancamento di altri dirigenti già in servizio 93,70% Le Commissioni di Valutazione debbono essere composte da professionisti che, oltre che possedere i requisiti di legge, abbiano seguito un percorso formativo selettivo, centrato su competenze valutative e giuridiche 80,30% Attività di formazione risultate maggiormente utili per lo svolgimento del ruolo di dirigente (Giudizi Molto + Abbastanza utile ) L esperienza maturata in precedenza come collaboratore del dirigente 85,30% L esperienza maturata in precedenza come preside incaricato 81,10% La formazione ricevuta attraverso il mutuo soccorso da parte dei dirigenti già in servizio 78,90% Ambiti di formazione particolarmente importanti in vista dell assun zione del dirigente (Giudizi Molto + Abbastanza importante : tra parentesi solo i giudizi Molto importante ) Ambito dell organizzazione 99,0% (74,0%) Ambito dell amministrazione 98,9% (70,6%) Ambito della gestione del personale 98,7% (73,3%) Ambito del contenzioso 94,8% (61,4%) Ambito della normativa sulla sicurezza 97,5% (62,8%) Ambito della normativa scolastica 95,7% (55,4%) Ambito delle relazioni col mondo esterno 89,2% (34,6%) Fonte: indagine Ermeneia Studi & Strategie di Sistema per ANP e La Fabbrica, L opportunità di costruire una comunità professionale per presidiare la scuola reale I n conclusione si può affermare dunque di essere davanti ad un corpus professionale in possesso di una buona maturità complessiva e di una con sapevolezza del mutamento di ruolo in cui si trova inserito e dal quale si sente talvolta un po travolto (magari sino a portarsi il lavoro a casa). A tutto questo va ad aggiungersi la presenza di un identità e di un livello di identificazione entrambi elevati, i quali sostengono l esercizio quotidiano delle funzioni del dirigente e le decisioni che servono a fronteggiare le si tuazioni e i problemi che via via si pongono. Gli intervistati peraltro registrano l importanza di poter usufruire di ap -

7 03_Delai_Professione_dirigente 07/10/ :40 Pagina 7 10 porti formativi, soprattutto per quanto riguarda i temi gestionali e questo dovrebbe aver luogo sia prima del concorso sia all inizio dell incarico di dirigente, ma anche in itinere, coerentemente con le esigenze poste dalla complessità delle funzioni svolte. Il quadro di insieme farebbe pensare all opportunità di costruire una vera e propria Comunità Professionale dei dirigenti della scuola, in grado di accompagnare non solo l inserimento iniziale dei nuovi incaricati, bensì anche lo svolgersi quotidiano della loro attività. Anche perché l insieme delle normative dimostrano come è ovvio il loro limite intrinseco ri spetto alle funzioni che la dirigenza deve esercitare: interpretando le dispo sizioni che inevitabilmente finiscono con l essere pensate per una scuola ideale, mentre è necessario trovare tutti i giorni il vestito giusto per la scuola reale che al dirigente fa capo. Il che richiede anche di svolgere una funzione di valutazione dei propri collaboratori, ma di essere anche valu tati, tema quest ultimo che è stato appena evocato dalla presente indagine, ma da cui si evince con chiarezza l esigenza da parte dei dirigenti di mettere in gioco ad un tempo le responsabilità gerarchiche e in parallelo le responsabilità di valutatori esterni come pure di trovare le giuste proiezioni dei risultati raggiunti sul piano dei possibili riconoscimenti economici. L importanza di considerare la formazione delle persone come una ri - sorsa che sta alla base della nostra convivenza collettiva, oltre che per mi - gliorare la capacità competitiva del Paese, implica di poter disporre di una dirigenza scolastica preparata e consapevole del proprio ruolo, cui va dedi - cato uno sforzo di attenzione continuata e non solo limitata alle scadenze concorsuali. Una lettura parallela dei risultati attraverso le opinioni in diretta L interesse mostrato dai dirigenti della scuola nei confronti dell inda gine si è manifestato sin dall inizio in occasione dell effettuazione dei Focus Group di ascolto e di discussione sui temi principali da introdurre nel questionario. Ma tale interesse è diventato ancora più evidente quando i questionari pervenuti sono stati sottoposti all elaborazione. Si è rilevata infatti la presenza di una grande massa di commenti, di suggerimenti e di proposte forniti di proprio pugno da parte degli intervistati. Per questa ragione si riportano di seguito alcuni dei Quadri, contenuti nell apposito Rapporto, che trasmettono con vivacità e immediatezza le opinioni su alcuni dei principali temi trattati. Una scorsa alle frasi virgolettate rappresenta perciò una possibile lettura parallela rispetto a quella basata sui risultati quantitativi, commentati nei paragrafi precedenti.

8 03_Delai_Professione_dirigente 07/10/ :40 Pagina 8 Le ragioni della scelta della profes sione di dirigente della scuola Il desiderio di cambiamento e le caratteristiche personali Il desiderio di cambiare e di fare un altra esperienza Il desiderio di partecipare al progresso della scuola rivestendo un ruolo diverso Il desiderio di cambiamento dopo 25 anni di insegnamento Il desiderio di cambiamento Il desiderio di cambiamento Il desiderio di cambiamento rispetto alla routine dell insegnamento La voglia di cambiare e di iniziare una sfida nuova La consapevolezza di aver esaurito la spinta motivazionale nell ambito dell inse gnamento e di poter mettere a disposizione la mia esperienza come dirigente sco lastico La volontà di cambiare lavoro Essere in servizio in una scuola senza dirigenza con cambi continui senza poter dar se guito ad un progetto di scuola con prospettive a lungo termine La necessità di rinnovarmi e di superare la crisi di mezza età La curiosità professionale e la voglia di cambiare La voglia di mettere in gioco le mie competenze organizzative e di leader La possibilità di mettermi alla prova personalmente e professionalmente, di co noscere il nuovo e di migliorare la mia condizione culturale La possibilità di sperimentare la condivisione nella gestione L occasione per mettermi alla prova dal punto di vista professionale, nonché l occasione per conoscere la normativa scolastica per lo più ignota ai docenti Il desiderio di mettermi in gioco Avevo fatto domanda per incarico di presidenza pur amando moltissimo la mia attività di insegnante, per spirito di servizio alla mia scuola che cambiava spesso dirigenti e lì ho svolto la mia attività di dirigente scolastico per 10 anni (5 come preside incaricato) Mi piaceva molto insegnare e avevo una bellissima cattedra di francese in un li ceo scientifico con sezione bilingue. La Gelmini ha eliminato la seconda lingua dallo scienti fico: dovevo comunque lasciare la mia scuola e ho scelto un cam bio radicale La spinta vocazionale Una sfida con me stessa nel cercare di riuscire a migliorare la scuola L opportunità di mettermi in gioco Mi piacciono le gare, i concorsi e le sfide in generale La voglia di misurare le mie capacità La convinzione di avere attitudini e capacità adeguate al ruolo La passione per questo genere di lavoro 11 La voglia di contribuire al miglioramento della scuola La convinzione che una buona governance contribuisce a migliorare la qualità del si stema scuola Motivazione vocazionale/contributo sociale Per servizio (alla persona, alla collettività,...) e perché nella mia zona c era bi sogno di qualcuno che lo facesse

9 03_Delai_Professione_dirigente 07/10/ :40 Pagina 9 La voglia di poter contribuire al miglioramento della Scuola La possibilità di svolgere un ruolo più incisivo al servizio della scuola pubblica Il desiderio di guidare una scuola attraverso cui realizzare un istituzione diversa Il desiderio di progettare una scuola migliore Perseguire l obiettivo di condurre un istituzione scolastica verso il miglioramento La passione per il sistema scolastico L opportunità di cambiare qualcosa nel mondo della scuola Rimuovere situazioni di inidonea funzionalità della scuola, per migliorare il fu turo dei ragazzi 12 L esperienza maturata precedentemente La consapevolezza-in base a esperienza maturata-che in un istituto mal diretto gli sforzi individuali di un docente siano vanificati Mettere a frutto l esperienza pluriennale maturata nel ruolo di collaboratore vi cario e di formatore Aver ricoperto costantemente incarichi aggiuntivi (es. Vicario, f.s., membro co mitato valut. insegn., giunta, c.d. ist., glip, ecc. La repulsione per il modo in cui alcuni dirigenti scolastici della mia zona eser cita(va)no il loro ruolo La non condivisione delle decisioni dei presidi conosciuti Il fatto di aver avuto già un esperienza di direzione di una scuola e quindi di sentirmi pronto ad assumere il ruolo di dirigente scolastico Dopo essere stato preside incaricato, ho valutato che ero pronto per tale ruolo L esperienza maturata con 7 anni di distacco sindacale Il desiderio di una progressione professionale Esperienza da preside incaricato Aver maturato esperienze di studio e di amministrazione e sentirmi adeguato al compito Raccogliere la sfida di misurarmi con complessità maggiore e proseguire nel cammino di emancipazione comune di genere La possibilità di carriera Il desiderio di esprimere meglio attitudini e competenze maturate nel corso degli anni Esperienza amministrativa maturata in altro settore L aver maturato una specifica vision della scuola Ero già preside incaricata Le esperienze lavorative pregresse nell ambito della ricerca educativa Mettere a frutto le numerose e diversificate esperienze maturate I tanti anni da vicaria in una scuola di confine spesso in reggenza... In fondo praticavo già ma in tempi più orientati Dopo 13 anni di vicepresidenza sentivo che alcuni colleghi desideravano (o cre devano di desiderare) fare la stessa esperienza e volevo lasciare posto, ma era dif ficile retrocedere dal mio impegno e mi è sembrato giusto fare un passo avanti Essere collaboratore distaccato per 4 anni ha fatto capire che poteva essere la mia strada, quindi accelerare studi per avere la laurea e parte-

a) Organizzare situazioni di apprendimento DESCRITTORI DI COMPETENZA Il docente dichiara di. DOMANDE GUIDA

a) Organizzare situazioni di apprendimento DESCRITTORI DI COMPETENZA Il docente dichiara di. DOMANDE GUIDA I. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALL INSEGNAMENTO (Didattica) a) Organizzare situazioni di apprendimento 1. Progettare le attività didattiche e le attività e gli strumenti di valutazione tenendo conto

Dettagli

progetti per l orientamento curricolo orientante PERCORSI FORMATIVI

progetti per l orientamento curricolo orientante PERCORSI FORMATIVI Alla luce della normativa il Progetto Orientamento si è basato sul principio che fare orientamento non significa realizzare tanto dei progetti per l orientamento quanto piuttosto adottare un curricolo

Dettagli

Questo messaggio riguarda questioni quali la formazione iniziale e in servizio, il profilo professionale, i valori e le competenze degli insegnanti,

Questo messaggio riguarda questioni quali la formazione iniziale e in servizio, il profilo professionale, i valori e le competenze degli insegnanti, Messaggio chiave 3 : Professionisti altamente qualificati Questo messaggio riguarda questioni quali la formazione iniziale e in servizio, il profilo professionale, i valori e le competenze degli insegnanti,

Dettagli

La 'professione nascosta', è chiamata anche così l attività di formatore di insegnante

La 'professione nascosta', è chiamata anche così l attività di formatore di insegnante Presenti in ogni fase del ciclo di vita dell insegnante guidano e insegnano al professionista ad essere incentrato sullo studente. Formazione e sviluppo professionale dell insegnante devono essere visti,

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona

COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona IL TAVOLO DI COMUNITA 2013-2014 LA CARTA EDUCATIVA DI ERBUSCO 2 QUADRIMESTRE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Il 26 Novembre 2012, presso il teatro comunale, era stata

Dettagli

PROFESSIONE DOCENTE: VALORE E RAPPRESENTANZA. Associazione nazionale dirigenti ed alte professionalità della scuola

PROFESSIONE DOCENTE: VALORE E RAPPRESENTANZA. Associazione nazionale dirigenti ed alte professionalità della scuola PROFESSIONE DOCENTE: VALORE E RAPPRESENTANZA Associazione nazionale dirigenti ed alte professionalità della scuola L indagine sui docenti italiani: caratteristiche principali L INDAGINE & IL CAMPIONE L

Dettagli

CITTA DI VARAZZE VALUTAZIONE CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI ANNO SCOLASTICO Alessia Ballerini Coordinamento progetto Marco Maggi

CITTA DI VARAZZE VALUTAZIONE CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI ANNO SCOLASTICO Alessia Ballerini Coordinamento progetto Marco Maggi CITTA DI VARAZZE PROGETTO RETI DI SICUREZZA Contro la violenza e per la legalità VALUTAZIONE CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI ANNO SCOLASTICO 2008-2009 Redatto da Alessia Ballerini Coordinamento progetto Marco

Dettagli

LA PSICOLOGIA SCOLASTICA Teatro della Gioventù Genova, 18 ottobre 2008

LA PSICOLOGIA SCOLASTICA Teatro della Gioventù Genova, 18 ottobre 2008 LA PSICOLOGIA SCOLASTICA Teatro della Gioventù INDAGINE sui Servizi psicologici nella scuola svolta in collaborazione con IRRE Liguria Percezione della psicologia nelle scuole 09/12/08 Composizione sociodemografica

Dettagli

ALLEGATO B PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

ALLEGATO B PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ ALLEGATO B PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO DI COLOGNE - PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA a norma dell art. 3 D.P.R. 235 del 21 Novembre 2007 PREAMBOLO La vita nella comunità

Dettagli

Orientare un individuo significa fargli acquisire competenze di auto-orientamento, finalizzate a migliorare la percezione di sé, a renderlo capace di

Orientare un individuo significa fargli acquisire competenze di auto-orientamento, finalizzate a migliorare la percezione di sé, a renderlo capace di Orientare un individuo significa fargli acquisire competenze di auto-orientamento, finalizzate a migliorare la percezione di sé, a renderlo capace di assumere decisioni e fare scelte coerenti con i propri

Dettagli

RAPPORTO INDAGINE DI SODDISFAZIONE 2012

RAPPORTO INDAGINE DI SODDISFAZIONE 2012 Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell Accoglienza RAPPORTO INDAGINE DI SODDISFAZIONE 212 CENTRO PER L AFFIDO E LA SOLIDARIETA FAMILIARE a cura del Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia

Dettagli

Restituzione dati QUESTIONARIO VALUTAZIONE DOCENTI

Restituzione dati QUESTIONARIO VALUTAZIONE DOCENTI I.C. Piaget Majorana A.S. 2017/18 Restituzione dati QUESTIONARIO VALUTAZIONE DOCENTI Area Valutazione ed Autovalutazione Prof.ssa Patrizia De Fazio I dati si riferiscono al questionario che i docenti hanno

Dettagli

Figura 1. Obiettivi di studio che i ragazzi intendono raggiungere (%)

Figura 1. Obiettivi di studio che i ragazzi intendono raggiungere (%) Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO VIOTTI, TORINO La scelta della scuola superiore

Dettagli

Leadership & Management: Come gestire ed ottenere il meglio dalle persone

Leadership & Management: Come gestire ed ottenere il meglio dalle persone Leadership & Management: Come gestire ed ottenere il meglio dalle persone Docenti: Prof. Vittorio D Amato Dott.ssa Francesca Macchi Dott. Roberto Zecchino- Bosch Leadership Leadership is about coping with

Dettagli

LA RICERCA ATTIVA DELLA SCUOLA SUPERIORE. A cura di Roberto Zanardo Scuola Professionale «Lepido Rocco»

LA RICERCA ATTIVA DELLA SCUOLA SUPERIORE. A cura di Roberto Zanardo Scuola Professionale «Lepido Rocco» 1 LA RICERCA ATTIVA DELLA SCUOLA SUPERIORE A cura di Roberto Zanardo Scuola Professionale «Lepido Rocco» 2 Il cercatore di funghi ci dà indicazioni utili nella ricerca della scuola Utili indicazioni nella

Dettagli

Autovalutazione di Istituto del Piano dell Offerta Formativa. Anno scolastico 2013/2014

Autovalutazione di Istituto del Piano dell Offerta Formativa. Anno scolastico 2013/2014 Istituto Comprensivo Statale Alda Costa Ferrara Autovalutazione di Istituto del Piano dell Offerta Formativa Anno scolastico 2013/2014 A cura delle Funzioni Strumentali Marianna Peluso - Maria Beatrice

Dettagli

W L AMORE COMPIE 5 ANNI

W L AMORE COMPIE 5 ANNI W L AMORE COMPIE 5 ANNI Paola Marmocchi, Loretta Raffuzzi, Eleonora Strazzari «Di che cosa parliamo quando parliamo d amore» Bologna, 17 Dicembre 2018 DA DOVE SIAMO PARTITI Precocizzazione dei rapporti

Dettagli

XV Convegno Nazionale AlmaDiploma. Educazione alla scelta e orientamento Nuove prospettive e nuovi strumenti per la scuola secondaria di I e II grado

XV Convegno Nazionale AlmaDiploma. Educazione alla scelta e orientamento Nuove prospettive e nuovi strumenti per la scuola secondaria di I e II grado XV Convegno Nazionale AlmaDiploma Educazione alla scelta e orientamento Nuove prospettive e nuovi strumenti per la scuola secondaria di I e II grado ESITI DEL PROGETTO ORIENTAMENTO E (DIS)ORIENTAMENTO

Dettagli

RELAZIONE FINALE. Percorsi per le Competenze Trasversali e per l Orientamento

RELAZIONE FINALE. Percorsi per le Competenze Trasversali e per l Orientamento NOME DELLA SCUOLA Città Indirizzo e telefono RELAZIONE FINALE Percorsi per le Competenze Trasversali e per l Orientamento NOME E COGNOME Classe e sezione Anno scolastico 2018/2019 Tutor Scolastico Prof.....

Dettagli

Insegnare e apprendere attraverso modalità collaborative: come gestirle in classe per sviluppare e potenziare le competenze di ciascuno

Insegnare e apprendere attraverso modalità collaborative: come gestirle in classe per sviluppare e potenziare le competenze di ciascuno Mazara, 28 novembre 2017 Insegnare e apprendere attraverso modalità collaborative: come gestirle in classe per sviluppare e potenziare le competenze di ciascuno Angela Pesci Dipartimento di Matematica

Dettagli

Permettetemi alcune personali riflessioni

Permettetemi alcune personali riflessioni Permettetemi alcune personali riflessioni A scuola d integrazione o d inclusione? La scuola che risponde ai bisogni oppure La scuola che garantisce i diritti? 1 Le cornici teoriche e normative La Direttiva

Dettagli

I DSA e lo studio sostenere i b/r nei compiti a casa

I DSA e lo studio sostenere i b/r nei compiti a casa I DSA e lo studio sostenere i b/r nei compiti a casa Elena Bortolotti Un primo bisogno un clima positivo! Andrich Miato e Miato (2007) oggi i giovani hanno bisogno di vivere in un clima positivo e coerente

Dettagli

NeoAssunti Bilancio delle competenze Indicazioni per la compilazione

NeoAssunti Bilancio delle competenze Indicazioni per la compilazione NeoAssunti 2015 Bilancio delle competenze Indicazioni per la compilazione! Perché il Bilancio delle Competenze Il Bilancio di competenze è un percorso utilizzato a livello europeo per supportare il soggetto

Dettagli

NeoAssunti Bilancio delle competenze Indicazioni per la compilazione

NeoAssunti Bilancio delle competenze Indicazioni per la compilazione NeoAssunti 2015 Bilancio delle competenze Indicazioni per la compilazione! Perché il Bilancio delle Competenze Il Bilancio di competenze è un percorso utilizzato a livello europeo per supportare il soggetto

Dettagli

PERSONALE AMMINISTRATIVO

PERSONALE AMMINISTRATIVO RILEVAZIONE SODDISFAZIONE DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2016/2017 NR. QUESTIONARI ESAMINATI - 5 PERSONALE AMMINISTRATIVO SEZIONE 2 - AMBIENTE DI LAVORO IL PERSONALE AMMINISTRATIVO RITIENE CHE IL COMFORT

Dettagli

Corso di Laurea in Servizio Sociale

Corso di Laurea in Servizio Sociale Pagina 1 di 17 REPORT QUESTIONARIO PER LE MATRICOLE 2014 2015 DATI QUESTIONARI Popolazione: 98 studenti Numero questionari ricevuti: 74 questionari Numero questionari mancanti: 24 questionari Data compilazione

Dettagli

AIUTIAMOLI A SCEGLIERE: quale percorso dopo la scuola media? Dott.ssa Monica Panzeri. Rassegna OrientaLamente Lecco 04 Ottobre 2012

AIUTIAMOLI A SCEGLIERE: quale percorso dopo la scuola media? Dott.ssa Monica Panzeri. Rassegna OrientaLamente Lecco 04 Ottobre 2012 AIUTIAMOLI A SCEGLIERE: quale percorso dopo la scuola media? Dott.ssa Monica Panzeri Rassegna OrientaLamente Lecco 04 Ottobre 2012 L adolescente: come un neonato di fronte alla scelta della scuola superiore!

Dettagli

Prime analisi di benchmark sul Benessere organizzativo

Prime analisi di benchmark sul Benessere organizzativo Prime analisi di benchmark sul Benessere organizzativo Il percorso Dicembre 2014 Febbraio 2015: Indagine sul Benessere organizzativo promossa dal Nucleo di Valutazione di Ca Foscari in attuazione dell

Dettagli

1. PRESENTAZIONE. Page 1

1. PRESENTAZIONE. Page 1 1. PRESENTAZIONE Cara Collega, come Comitato Pari Opportunità della Regione Veneto, a conclusione del nostro secondo (?) mandato, ti proponiamo di contribuire alla valutazione del nostro ruolo e delle

Dettagli

Una lettura del corso

Una lettura del corso CORSO DI FORMAZIONE COMUNICAZIONE DI QUALITÀ CON GLI UTENTI INTERNI ED ESTERNI Una lettura del corso L intervento formativo rivolto al Personale di Prima Accoglienza nelle diverse portinerie dell Ateneo,

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO

AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia ISTITUTO COMPRENSIVO N. 3 LOMBARDO RADICE P.zza XXV Aprile, - 9866 Patti (ME) Tel. e fax : 94.248

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY RICERCA SULL IMPATTO DEL PROGRAMMA ERASMUS + SUI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE IN ITALIA

EXECUTIVE SUMMARY RICERCA SULL IMPATTO DEL PROGRAMMA ERASMUS + SUI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE IN ITALIA EXECUTIVE SUMMARY RICERCA SULL IMPATTO DEL PROGRAMMA ERASMUS + SUI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE IN ITALIA Allo scopo di misurare l impatto delle azioni del Programma Erasmus+ e del precedente programma

Dettagli

Le opportunità che mette in atto una formazione di qualità: : una buona pratica

Le opportunità che mette in atto una formazione di qualità: : una buona pratica Le opportunità che mette in atto una formazione di qualità: : una buona pratica CGIL Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti Roma, 23 luglio 2008 Periplo s.n.c. Via Valsolda 7-20142 Milano - Tel. + 39 02

Dettagli

LA GESTIONE PROFESSIONALE DELLE RELAZIONI DI RUOLO

LA GESTIONE PROFESSIONALE DELLE RELAZIONI DI RUOLO LA GESTIONE PROFESSIONALE DELLE RELAZIONI DI RUOLO Essere una squadra è prima di tutto un modo di pensare 1. Lo scenario Nell attuale situazione caratterizzata da una crescente complessità e discontinuità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE SECONDO BIENNIO A.S.

PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE SECONDO BIENNIO A.S. PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE SECONDO BIENNIO A.S. 20../20.. CONSIGLIO DELLA CLASSE COORDINATORE DATA ELABORAZIONE DATA APPROVAZIONE Classe 1. LIVELLI DI PARTENZA - ESITO DI TEST

Dettagli

Ri-orientare il proprio futuro

Ri-orientare il proprio futuro Ri-orientare il proprio futuro Il lavoro negli istituti tecnici e professionali pone l'insegnante di italiano L2 a confrontarsi con una serie di interrogativi: è proprio vero che una scuola professionale

Dettagli

Il Servizio di Tutorato della Facoltà di Scienze della Formazione di Perugia. Una prima ricerca di facoltà.

Il Servizio di Tutorato della Facoltà di Scienze della Formazione di Perugia. Una prima ricerca di facoltà. Il Servizio di Tutorato della Facoltà di Scienze della Formazione di Perugia. Una prima ricerca di facoltà. C. Mazzeschi, S. Federici, S. Bonucci, C. Burini, L. Laghezza Università di Perugia claudia.mazzeschi@unipg.it

Dettagli

IX. Insegnamento bilingue

IX. Insegnamento bilingue IX. Insegnamento bilingue Pagina 199 Pagina 200 1. Bilingue italiano-francese e italianotedesco 1.1. Considerazioni generali Nel secondo biennio e a determinate condizioni agli allievi interessati è offerta

Dettagli

QUALITA E SICUREZZA DEI CITTADINI: IL PERCORSO DI MIGLIORAMENTO ORGANIZZATIVO DELLA POLIZIA LOCALE DI BERGAMO PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

QUALITA E SICUREZZA DEI CITTADINI: IL PERCORSO DI MIGLIORAMENTO ORGANIZZATIVO DELLA POLIZIA LOCALE DI BERGAMO PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA QUALITA E SICUREZZA DEI CITTADINI: IL PERCORSO DI MIGLIORAMENTO ORGANIZZATIVO DELLA POLIZIA LOCALE DI BERGAMO PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA EMERGENZA POLIZIA LOCALE - CITTA DI BERGAMO - LA NUOVA LEGGE

Dettagli

Negli ultimi anni si è registrato un bisogno sempre maggiore da parte degli Istituti Scolastici di interventi di

Negli ultimi anni si è registrato un bisogno sempre maggiore da parte degli Istituti Scolastici di interventi di CONTRIBUTO AL TAVOLO TECNICO PER LA PSICOLOGIA SCOLASTICA NEL SISTEMA FORMATIVO Negli ultimi anni si è registrato un bisogno sempre maggiore da parte degli Istituti Scolastici di interventi di Psicologia

Dettagli

Autovalutazione di istituto

Autovalutazione di istituto Riepilogo questionari di autovalutazione, marzo 2017 1 Autovalutazione di istituto I.C. "Dante Alighieri" - Aulla Nell'ultima settimana del mese di marzo 2017 sono stati somministrati dei questionari in

Dettagli

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE. Risultati - anno 2015

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE. Risultati - anno 2015 INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE Risultati - anno 2015 INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE L indagine sul personale è volto a rilevare il benessere organizzativo e il grado di condivisione del sistema di

Dettagli

INDAGINE BENESSERE ORGANIZZATIVO REPORT FINALE -

INDAGINE BENESSERE ORGANIZZATIVO REPORT FINALE - Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza INDAGINE BENESSERE ORGANIZZATIVO 2017 - REPORT FINALE - Azienda speciale della Provincia di Monza e della Brianza sede legale: p.zza Diaz n.1,

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO COMUNE DI SANTA MARIA A VICO PROVINCIA DI CASERTA UFFICIO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 11/2015 OGGETTO: Indagini sul benessere organizzativo art. 14 comma 5 d.lgs 150/2009. Sintesi dei risultati

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Criteri e modalità di selezione Criteri autonomi di selezione dell ente presentati ed approvati unitamente al progetto Le procedure di selezione dei candidati utilizzerà strumenti

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. Indagine sul personale dipendente 2016

NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. Indagine sul personale dipendente 2016 Indagine sul personale dipendente 2016 Tasso di risposta 2014 e 2016 Edizione indagine Popolazione d'indagine Rispondenti Tasso di risposta % 2016 2.278 1.465 64,3 2014 2.232 1.520 68,1 Popolazione d indagine

Dettagli

Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza

Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO 2016 - REPORT FINALE - Azienda speciale della Provincia di Monza e della Brianza sede legale: p.zza Diaz n.1,

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO I risultati dei progetti secondo le imprese di Padova e Treviso Rilevazione promossa da CONFINDUSTRIA PADOVA e UNINDUSTRIA TREVISO in collaborazione con FONDAZIONE NORD EST Novembre

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Criteri e modalità di selezione Criteri autonomi di selezione dell ente presentati ed approvati unitamente al progetto Le procedure di selezione dei candidati utilizzera strumenti

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Criteri e modalità di selezione

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Criteri e modalità di selezione SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Criteri e modalità di selezione Criteri autonomi di selezione dell ente presentati ed approvati unitamente al progetto Le procedure di selezione dei candidati utilizzera strumenti

Dettagli

OIV del Comune di Gravina in Puglia (Ba)

OIV del Comune di Gravina in Puglia (Ba) PREMESSA Con il D.Lgs. 150/2009 (Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle Pubbliche Amministrazioni),

Dettagli

Val.Ori. uno strumento per la valutazione della consulenza orientativa

Val.Ori. uno strumento per la valutazione della consulenza orientativa . Grimaldi, M. L. Pombeni, P. Gremigni, R. Porcelli Val.Ori. uno strumento la valutazione la consulenza orientativa FOTOCOPIBILE Istruzioni Di seguito troverà una serie di domande finalizzate alla ricostruzione

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO SAN PAOLO. Via Casilina 1606 ROMA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO SAN PAOLO. Via Casilina 1606 ROMA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO SAN PAOLO Via Casilina 1606 ROMA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Istituto San Paolo in Via Casilina 1606 ROMA Scuola dell'infanzia-scuola Primaria- Scuola Secondaria di Primo Grado

Dettagli

COSA SONO LE COMPETENZE TRASVERSALI

COSA SONO LE COMPETENZE TRASVERSALI COSA SONO LE COMPETENZE TRASVERSALI 1 La Competenza Definizione di competenza La competenza è la qualità professionale di un individuo in termini di conoscenze, capacità e abilità, doti professionali e

Dettagli

P I A N O P E R S O N A L I Z Z A T O D E L L E A T T I V I T A E D U C A T I V E

P I A N O P E R S O N A L I Z Z A T O D E L L E A T T I V I T A E D U C A T I V E I S T I T U T O C O M P R E N S I V O T I V O L I C E N T R O I I S C U O L A D E L L I N F A N Z I A P l e s s i I. G i o r d a n i e S. P o l o d e i C a v a l i e r i a. s. 2 0 1 3-2 0 1 4 P I A N O

Dettagli

Risultati questionario 1 rilevazione novembre 2014

Risultati questionario 1 rilevazione novembre 2014 Benessere organizzativo Indagini sul personale del Comune di BELLINZAGO NOVARESE Risultati questionario 1 rilevazione novembre 2014 23 dicembre 2014 Benessere Organizzativo, definizioni: SALUTE = Stato

Dettagli

POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE

POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE ALLEGATO (G) DEL REGOLAMENTO AZIENDALE In vigore dal 30 luglio 2008 Aggiornamento del 6 agosto 2018 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato

Dettagli

L orientamento. Laboratorio formativo 4

L orientamento. Laboratorio formativo 4 L orientamento Laboratorio formativo 4 Di cosa parliamo quando parliamo di orientamento Una bussola interna da saper orientare verso ciò che si crede di saper far meglio Attitudini Un percorso educativo

Dettagli

Esso ha quindi come obiettivo ottimale di far giungere l alunno all autovalutazione e all auto-orientamento.

Esso ha quindi come obiettivo ottimale di far giungere l alunno all autovalutazione e all auto-orientamento. PROGETTO ORIENTAMENTO 2013/2014 ORIENTARSI PER SCEGLIERE FINALITA EDUCATIVE L orientamento nella scuola secondaria di I grado è un processo educativo e didattico al quale concorrono, secondo le specifiche

Dettagli

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso 2011-2012 Documento QUESTIONARI DI SODDISFAZIONE Gli argomenti toccati dal questionario dedicato ai docenti riguardano: rapporti con

Dettagli

Opuscolo del tutor. Partecipante. Cognome: Nome: Abilità:

Opuscolo del tutor. Partecipante. Cognome: Nome: Abilità: Opuscolo del tutor Organizzazione Nome: Nome del supervisore: Cognome: Nome: Ufficio: Partecipante Cognome: Nome: Abilità: Da...a Programma di mobilità: Ciao, Il partecipante che hai accolto nella tua

Dettagli

Intervento F. di Cesare - 1

Intervento F. di Cesare - 1 Intervento F. di Cesare - 1 Intervento F. di Cesare - 2 Lavorare nel turismo: formazione ed aspettative professionali a confronto. Quali opportunità per il Veneto? Saluti iniziali ed apertura dei lavori

Dettagli

Questionario sul Benessere Organizzativo 2015: analisi delle risposte

Questionario sul Benessere Organizzativo 2015: analisi delle risposte Servizio Programmazione e Valutazione 2 novembre 2015 Questionario sul Benessere Organizzativo 2015: analisi delle risposte Sommario Premessa... 2 1. Caratteristiche degli intervistati... 2 2. Principali

Dettagli

Il bilancio di competenze iniziale

Il bilancio di competenze iniziale Il bilancio di competenze iniziale GIUSEPPE SABAINI - Codice Fiscale : SBNGPP73C28E884N Data invio 07/03/2016 14:12:24 Profilatura In quale ordine di scuola insegni? Scuola Secondaria di II grado [A4]

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI

QUESTIONARIO DOCENTI pag. 1 di 5 QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, aderendo al Progetto Qualità, la nostra scuola intende valorizzare il lavoro svolto dai docenti secondo le modalità consolidate negli anni, ma anche avviarsi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FALOPPIO Progetto Accoglienza Scuola Secondaria di I Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FALOPPIO Progetto Accoglienza Scuola Secondaria di I Grado ISTITUTO COMPRENSIVO DI FALOPPIO Progetto Accoglienza Scuola Secondaria di I Grado OBIETTIVI 1. Facilitare e rendere serena la ripresa dell attività didattica. 2. Condividere le regole dell Istituto (Patto,

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S e r r a s t r e t t a - D e c o l l a t u r a

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S e r r a s t r e t t a - D e c o l l a t u r a I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S e r r a s t r e t t a - D e c o l l a t u r a V A L U T A Z I O N E C O N C L U S I V A D E L P R O G E T T O C O N T I N U I T A S c u o l a I n f a n z i a - P

Dettagli

Asilo Nido. questionario inviato alle 21 famiglie. Volume di risposta non hanno risposto 4. Questionario inviato il 25 maggio. hanno risposto* 17

Asilo Nido. questionario inviato alle 21 famiglie. Volume di risposta non hanno risposto 4. Questionario inviato il 25 maggio. hanno risposto* 17 Asilo Nido questionario inviato alle 21 famiglie Volume di risposta non hanno risposto 4 hanno risposto* 17 Questionario inviato il 25 maggio 12 9 6 3 20 giugno: inviato promemoria *non necessariamente

Dettagli

GIOVANI, ATTORI DI CITTADINANZA E PARTECIPAZIONE

GIOVANI, ATTORI DI CITTADINANZA E PARTECIPAZIONE GIOVANI, ATTORI DI CITTADINANZA E PARTECIPAZIONE RICERCA CITTADINANZA ATTIVA, PER ME, PER GLI ALTRI Progetto realizzato da e con il finanziamento di Risultati della ricerca Cittadinanza attiva, per me,

Dettagli

Perché si diventa volontari?

Perché si diventa volontari? Perché si diventa volontari? Per amore del prossimo. Per amore del mondo o forse anche per amore di sé, per potersi confrontare con l altro, e per condividere pensieri ed azioni con l altro. Le ragioni

Dettagli

L orientamento. Laboratorio formativo 4

L orientamento. Laboratorio formativo 4 L orientamento Laboratorio formativo 4 Di cosa parliamo quando parliamo di orientamento Incontri In uscita e in entrata Conoscenza dei percorsi scolastici e professionali Un percorso guidato Che percorso

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO L art. 21 della legge 15 marzo 1997, che istituiva l autonomia delle istituzioni scolastiche, al comma 9 prevedeva per le stesse l obbligo di adottare procedure e strumenti di

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E PROTAGONISMO. Questionario Utenti Input

IMPRENDITORIALITA E PROTAGONISMO. Questionario Utenti Input IMPRENDITORIALITA E PROTAGONISMO Questionario Utenti Input Finalità 4. Preparare a una scelta formativa/professionale Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell attività di orientamento

Dettagli

Il Forum multistakeholder per il Bilancio Sociale dell Università del Sannio

Il Forum multistakeholder per il Bilancio Sociale dell Università del Sannio Il Forum multistakeholder per il Bilancio Sociale dell Università del Sannio L obiettivo del forum multistakeholder on line è stato quello di promuovere un confronto partecipato con gli studenti sollecitandoli

Dettagli

L'OPINIONE DEI LAUREATI IN INGEGNERIA MECCANICA DELL'UNIVERSITA' DI CAGLIARI Novembre 2018

L'OPINIONE DEI LAUREATI IN INGEGNERIA MECCANICA DELL'UNIVERSITA' DI CAGLIARI Novembre 2018 Corso di Studio in Ingegneria Meccanica L'OPINIONE DEI LAUREATI IN INGEGNERIA MECCANICA DELL'UNIVERSITA' DI CAGLIARI Novembre 2018 La rilevazione delle opinioni dei laureati in Ingegneria Meccanica è stata

Dettagli

ANALISI QUESTIONARI LICEO GALILEO GALILEI ERBA

ANALISI QUESTIONARI LICEO GALILEO GALILEI ERBA ANALISI QUESTIONARI LICEO GALILEO GALILEI ERBA ANALISI QUESTIONARI TRE GENERAZIONI A CONFRONTO QUALI STEREOTIPI SOCIALI? ANALISI QUESTIONARI TRE GENERAZIONI A CONFRONTO DAI NONNI AI NIPOTI ATTRAVERSIAMO

Dettagli

Leadership e middle management scolastico Presentazione del progetto di ricerca Prof. Angelo Paletta

Leadership e middle management scolastico Presentazione del progetto di ricerca Prof. Angelo Paletta Leadership e middle management scolastico Presentazione del progetto di ricerca Prof. Angelo Paletta In collaborazione con: Ufficio Scolastico Regionale Emilia Romagna Ufficio Scolastico Regionale Friuli

Dettagli

Azienda/Ente ospitante Sede Recapito telefonico Referente per il tirocinio

Azienda/Ente ospitante Sede Recapito telefonico  Referente per il tirocinio QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE FINALE DEL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (a cura del tutore aziendale) Il presente questionario è stato predisposto al fine di raccogliere utili elementi di valutazione

Dettagli

CORSO Di Specializzazione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

CORSO Di Specializzazione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CORSO Di Specializzazione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CORSI DI SPECIALIZZAZIONE COMPATIBILI CON UN PERCORSO PROFESSIONALE O FORMATIVO GIÀ ESISTENTE, UTILI PER SVILUPPARE O PERFEZIONARE LE PROPRIE COMPETENZE

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO PERCEPITO

BENESSERE ORGANIZZATIVO PERCEPITO BENESSERE ORGANIZZATIVO PERCEPITO A CURA DEL CUG DEL COMUNE DI LONGIANO INTRODUZIONE Nel presente rapporto sono riportati i risultati dell indagine Benessere organizzativo relativamente ai dati raccolti

Dettagli

Almamedie: Un percorso di orientamento dalle risorse personali alla educazione alla scelta per gli studenti della scuola secondaria di I grado

Almamedie: Un percorso di orientamento dalle risorse personali alla educazione alla scelta per gli studenti della scuola secondaria di I grado Almamedie: Un percorso di orientamento dalle risorse personali alla educazione alla scelta per gli studenti della scuola secondaria di I grado Dott.ssa GRETA MAZZETTI Docente - Dipartimento di Scienze

Dettagli

VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO

VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO CAPITOLO 4 4.9 Con l emanazione del DPR 80/2013 e della legge 107/2015 si sta delineando un compiuto sistema di valutazione finalizzato alla qualificazione del servizio scolastico, alla valorizzazione

Dettagli

MyDrive. Report di Profilo 04. gg/mm/aaaa. L.Borgogni - C.Consiglio - R.Cenciotti UTilia All rights reserved

MyDrive. Report di Profilo 04. gg/mm/aaaa. L.Borgogni - C.Consiglio - R.Cenciotti UTilia All rights reserved MyDrive L.Borgogni - C.Consiglio - R.Cenciotti Report di Profilo 04 gg/mm/aaaa 2013 UTilia All rights reserved Sommario Introduzione al Report... 3 Profilo individuale... 4 Profilo di sintesi... 9 2013

Dettagli

LIFE SKILLS - SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL CORSO DA PARTE DEI PARTECIPANTI

LIFE SKILLS - SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL CORSO DA PARTE DEI PARTECIPANTI 1) Il corso ha corrisposto, in linea di massima, alle Sue aspettative iniziali? Sì LIFE SKILLS - SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL CORSO DA PARTE DEI PARTECIPANTI Si 11 Abbastanza 1 No 0 Non risponde 1 Perché

Dettagli

ACTL Osservatorio Stage Elena Corsi per ACTL GENNAIO BOZZA 1

ACTL Osservatorio Stage Elena Corsi per ACTL GENNAIO BOZZA 1 ACTL Osservatorio Stage 214 Elena Corsi per ACTL GENNAIO 215 - BOZZA 1 Il contesto Secondo i dati ExcelsiorUnionCamere pubblicati nell agosto del 214 sta aumentando sempre di più la percentuale di assunzioni

Dettagli

1. FORMAZIONE, FLESSIBILITÀ E COMPETENZE. - Un primo problema emerso è quello legato alla formazione. Diversi volontari si

1. FORMAZIONE, FLESSIBILITÀ E COMPETENZE. - Un primo problema emerso è quello legato alla formazione. Diversi volontari si Nel corso dei due incontri realizzati con alcuni rappresentanti dei volontari di Servizio Civile attivi nella provincia di Modena, sono emerse le seguenti proposte e segnalazioni: 1. FORMAZIONE, FLESSIBILITÀ

Dettagli

Almamedie: Un percorso di orientamento dalle risorse personali alla educazione alla scelta per gli studenti della scuola secondaria di I grado

Almamedie: Un percorso di orientamento dalle risorse personali alla educazione alla scelta per gli studenti della scuola secondaria di I grado Almamedie: Un percorso di orientamento dalle risorse personali alla educazione alla scelta per gli studenti della scuola secondaria di I grado Dott.ssa RITA CHIESA Docente - Dipartimento di Psicologia

Dettagli

Questionario docenti anno scolastico 2014/2015

Questionario docenti anno scolastico 2014/2015 Questionario docenti anno scolastico 2014/2015 Hanno risposto 46 docenti su 70 - quasi il 66% In quale istituto insegni (se insegni in più istituti pensa a quello in cui hai più ore)? LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

Kuhn Non esiste una conoscenza assoluta, esistono i paradigmi (insiemi di teorie, regole, procedure, accettate da una comunità scientifica), soggetti

Kuhn Non esiste una conoscenza assoluta, esistono i paradigmi (insiemi di teorie, regole, procedure, accettate da una comunità scientifica), soggetti Kuhn Non esiste una conoscenza assoluta, esistono i paradigmi (insiemi di teorie, regole, procedure, accettate da una comunità scientifica), soggetti a rivoluzioni scientifiche, cioè ad evoluzione. sentirsi

Dettagli

Questionario per neo dirigenti FLC

Questionario per neo dirigenti FLC Questionario per neo dirigenti FLC Caratteristiche, condizione, osservazioni I partecipanti ai corsi di formazione sindacale per neo dirigenti FLC CGIL vengono invitati a compilare un questionario d ingresso

Dettagli

PER ME IL SERVIZIO CIVILE E (aula in formazione: Castelfranco-Vignola)

PER ME IL SERVIZIO CIVILE E (aula in formazione: Castelfranco-Vignola) PER ME IL SERVIZIO CIVILE E (aula in formazione: Castelfranco-Vignola) Un anno di esperienza lavorativa Un modo per dedicare il proprio tempo, capacità ed energie per fare un servizio alla comunità Un

Dettagli

OBIETTIVI B e D. (Questionario rivolto ai corsisti)

OBIETTIVI B e D. (Questionario rivolto ai corsisti) OBIETTIVI B e D (Questionario rivolto ai corsisti) Domanda n. : Nell ultimo anno ha partecipato ad altri corsi di formazione oltre quello sul quale le chiediamo di esprimere le sue opinioni? Sì, ho partecipato

Dettagli

Centro QUA_SI Qualità della vita nella Società dell Informazione La professionalità del Consulente per il miglioramento della scuola

Centro QUA_SI Qualità della vita nella Società dell Informazione La professionalità del Consulente per il miglioramento della scuola Centro QUA_SI Qualità della vita nella Società dell Informazione La professionalità del Consulente per il miglioramento della scuola Profilo di competenze, funzioni e finalità, approcci e strumenti metodologici

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SULL UTENZA DELLA CASA DI RIPOSO CARRARA ANNO 2011

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SULL UTENZA DELLA CASA DI RIPOSO CARRARA ANNO 2011 INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SULL UTENZA DELLA CASA DI RIPOSO CARRARA ANNO 2011 Presentazione dei risultati Il processo di trasformazione e modernizzazione delle amministrazioni pubbliche avviato

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE PERMANENTE DEL PERSONALE

COMUNE DI PREMARIACCO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE PERMANENTE DEL PERSONALE COMUNE DI PREMARIACCO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA PERMANENTE DEL PERSONALE Allegato alla delibera della Giunta Comunale n. 56 del.07.2005 Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO BIENNALE (2013/2014) Sistema di Accreditamento Interventi e Servizi Domiciliari. Requisito di Qualità n.11. Corso di Formazione

PROGETTO FORMATIVO BIENNALE (2013/2014) Sistema di Accreditamento Interventi e Servizi Domiciliari. Requisito di Qualità n.11. Corso di Formazione PROGETTO FORMATIVO BIENNALE (2013/2014) Sistema di Accreditamento Interventi e Servizi Domiciliari. Requisito di Qualità n.11 Corso di Formazione Annualità 2013 L assistente domiciliare: dalla consapevolezza

Dettagli

LA CARRIERA DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA: ACCESSO, PROGRESSIONE, SOSTEGNO

LA CARRIERA DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA: ACCESSO, PROGRESSIONE, SOSTEGNO LA CARRIERA DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA: ACCESSO, PROGRESSIONE, SOSTEGNO di Simona Baggiani La figura dell'insegnante sta diventando sempre più importante nel momento in cui l Europa affronta le sue sfide

Dettagli

«PRONTI E VIA!» mondo del lavoro

«PRONTI E VIA!» mondo del lavoro «PRONTI E VIA!» Un percorso per conoscere e avvicinarsi al mondo del lavoro 8 maggio 2018-Monza Contributo della Dott.ssa de Meglio Laura Pedagogista dell Associazione Capirsi Down Monza Onlus 1 2 Inizialmente

Dettagli

IL PERIODO DI FORMAZIONE E PROVA alla luce del DM 850/2015 e della CM del

IL PERIODO DI FORMAZIONE E PROVA alla luce del DM 850/2015 e della CM del IL PERIODO DI FORMAZIONE E PROVA alla luce del DM 850/2015 e della CM 36167 del 5-11-2015 Secondo quanto riportato dal DM 850 del 27/10/2015, il periodo di formazione e di prova è finalizzato specificamente

Dettagli