PIANO GENERALE DI SVILUPPO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO GENERALE DI SVILUPPO 2011-2016"

Transcript

1 Comune di Vergiate Piano Generale di Sviluppo PIANO GENERALE DI SVILUPPO Comune di Vergiate

2 2

3 SOMMARIO PARTE I GLI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE DELL ENTE LOCALE IL PIANO GNEERALE DI SVILUPPO BREVE INTRODUZIONE TECNICA ALLA LETTURA DEL DOCUMENTO PARTE II LA GIUNTA E LE DELEGHE - I REFERENTI POLITICI L AMMINISTRAZIONE I REFERENTI AMMINISTRATIVI PROGRAMMI PROGETTI E AZIONI PARTE III ALLEGATO : SCHEDE AZIONI PARTE IV PROGRAMMA AZIENDA SPECIALE SERVIZI SANITARI 3

4 4

5 PARTE I P.G.S. GLI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE DELL ENTE LOCALE PREMESSA AL PIANO GENERALE DI SVILUPPO BREVE INTRODUZIONE TECNICA ALLA LETTURA DEL DOCUMENTO 5

6 6

7 GLI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE DELL ENTE LOCALE Il sistema di pianificazione e programmazione generale dell ente locale parte dal programma amministrativo del Sindaco e si conclude con il Piano Esecutivo di Gestione PEG. Programma amministrativo del Sindaco neo eletto Linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare Arco temporale: 5 anni P.G.S PIANO GENERALE DI SVILUPPO Programma Programma Arco temporale:5 anni Progetti Progetti P.E.G Arco temporale: 1 7

8 IL PIANO GENERALE DI SVILUPPO Il Piano Generale di Sviluppo (PGS) è il documento che ha la funzione di raccordare i diversi livelli di programmazione in una cornice unica, all interno della quale vengono illustrati gli obiettivi strategici e le azioni, il tutto con un attenzione particolare agli impegni enunciati nelle Linee programmatiche di Mandato, presentate dal Sindaco il 27 Settembre 2011 e approvate con deliberazione di C.C. n. 37. Tale strumento rende inoltre possibile, attraverso la definizione della struttura delle responsabilità, il controllo politico sulle modalità di realizzazione degli obiettivi stessi. Il Piano Generale di Sviluppo costituisce, unitamente alle Linee Programmatiche, la programmazione di Mandato e si differenzia dalle Linee Programmatiche in quanto per la sua redazione è stato necessario mettere a confronto queste ultime con le reali possibilità operative dell ente. Esso esprime, per la durata del mandato in corso, le linee di azione concrete di lungo periodo dell ente nell organizzazione e nel funzionamento degli uffici, nei servizi da assicurare, nelle risorse finanziarie concrete acquisibili e negli investimenti e nelle opere pubbliche da realizzare. In tal senso, con il Piano Generale di Sviluppo viene fornita al Consiglio Comunale una prima proiezione degli andamenti economico-finanziari e patrimoniali inerenti il mandato amministrativo. GIUNTA CONSIGLIO COMUNALE ESAME PIANO GENERALE DI SVILUPPO APPROVA IL PGS PRECEDENTEMENTE AL PRIMO BILANCO ANNUALE DI MANDATO Con tale strumento vengono in particolare, esplicitati gli indirizzi di governo del Sindaco, traducendoli nelle strategie che caratterizzano il mandato amministrativo Il Piano Generale di Sviluppo confronta gli obiettivi strategici con le reali possibilità operative che l ente esprime, per la durata del mandato in corso, le linee di azione dell ente nell organizzazione e nel funzionamento degli uffici, nei servizi da assicurare, nelle risorse finanziarie correnti acquisibili e negli investimenti delle opere pubbliche da realizzare. Ne consegue che la sua predisposizione richiede una stima anche di massima sulle necessità finanziarie, sulla compatibilità degli interventi di sviluppo sia con le risorse che con le capacità di indebitamento. 8

9 Il Piano Generale di Sviluppo costituisce la sintesi di un processo di pianificazione che collega le politiche, gli obiettivi strategici e le azioni ai programmi e ai progetti da sviluppare nelle successive fasi di programmazione(dalla Relazione previsionale e programmatica al Piano esecutivo di gestione). Il Piano Generale di Sviluppo deve essere deliberato dal Consiglio Comunale precedentemente al primo bilancio annuale di mandato con i relativi allegati, tra cui la Relazione previsionale e programmatica e bilancio pluriennale. Il Consiglio Comunale, nei modi disciplinati dallo statuto, partecipa alla definizione, all adeguamento e alla verifica periodica dell attuazione delle linee programmatiche (art. 42, comma 2 lettera b) e comma 3, del TUEL). Relazione previsionale e programmatica Indirizzi sulle azioni da compiere Piano triennale lavori pubblici PIANO GENERALE DI SVILUPPO Indirizzi sulle risorse da acquisire Bilancio pluriennale Piano triennale del personale 9

10 BREVE INTRODUZIONE TECNICA AL DOCUMENTO Non esiste una impostazione normativa di questo strumento, per cui l ente può decidere il modo più adeguato alla propria programmazione e alla propria struttura. Il Comune di Vergiate ha pensato di creare un documento che ripercorra l impostazione delle linee programmatiche di governo definendo i PROGRAMMI e le rispettive linee di azione - PROGETTI. Il PGS viene aggiornato annualmente rilevando inoltre i risultati raggiunti a livello di AZIONE. Struttura del Piano Generale di Sviluppo del Comune di Vergiate PROGRAMMA Il programma rappresenta la prima aggregazione degli impegni elettorali per temi Per ogni PROGRAMMA sono indicati: - la descrizione - gli attori (soggetti da coinvolgere, coordinamento) - l elenco dei progetti per l attuazione del programma - Il budget di spesa e il budget di entrata necessari per la realizzazione del programma PROGETTO AZIONE Il progetto articola il programma per tipologia di intervento o per tipologia di utente a cui sono rivolti gli obiettivi L azione rappresenta la fase operativa della realizzazione degli obiettivi indicati nei progetti Per ogni PROGETTO sono indicati: - l elenco delle azioni collegate al progetto - Il budget di spesa e il budget di entrata necessari per la realizzazione del progetto - Il periodo di realizzazione e il responsabile politico Per ogni AZIONE sono indicati: - l assessorato e il servizio di riferimento - il centro di costo e di responsabilità, le risorse umane da impiegare - la descrizione e la motivazione delle scelte - gli obiettivi 10

11 PARTE II P.G.S. LA GIUNTA E LE DELEGHE I REFERENTI POLITICI L AMMINISTRAZIONE COMUNALE I REFERENTI AMMINISTRATIVI PROGRAMMI PROGETTI E AZIONI SINTESI DEI PROGRAMMI E PROGETTI 11

12 12

13 LA GIUNTA E LE DELEGHE I REFERENTI POLITICI SINDACO MAURIZIO LEORATO PERSONALE POLIZIA LOCALE- URBANISTICA- SPORT VICESINDACO DANIELE PARRINO SERVIZI SOCIALI COMUNICAZIONE ATTIVITA ECONOMICHE E PRODUTTIVE ASSESSORE MASSIMILIANO POROTTI BILANCIO E TRIBUTI ASSESSORE ANTONELLA PACCINI ISTRUZIONE CULTURA POLITICHE GIOVANILI ASSESSORE GIUSEPPE INTRIERI LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE I REFERENTI AMMINISTRATIVI RESPONSABILE AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE AREA FINANZIARIA RESPONSABILE AREA SOCIO- EDUCATIVA- CULTURALE RESPONSABILE AREA TECNICO MANUTENTIVA RESPONSABILE AREA POLIZIA LOCALE CRISTINA FONTANA ALFONSO FRANCESE LUISA DI MATTEO GRAZIANO MAGNI CARLO LAUDI AFFARI GENERALI- SEGRETERIA- PROTOCOLLO - PERSONALE- COMMERCIO-ANAGRAFE- CED RAGIONERIA- TRIBUTI SERVIZI SOCIALI-ISTRUZIONE-CULTURA-GIOVANI-SPORT LAVORI PUBBLICI- EDILIZIA PRIVATA- URBANISTICA-AMBIENTE POLIZIA LOCALE 13

14 14

15 PROGRAMMI PROGETTI - AZIONI 5. EDUCAZIONE E SCUOLA 4. PROMOZIONE POLITICHE PER LA FAMIGLIA 3.VERGIATE SOLIDALE 6. I GIOVANI COME RISORSA 7. CULTURA 8. SPORT E TEMPO LIBERO 9. PIANIFICAZIONE GESTIONE E RIQUALIFICAZIONE DEL TERRITORIO 10. GESTIONE PATRIMONIO PUBBLICO 11.QUALITA DELL AMBIENTE 2. SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE 12.SICUREZZA E VIABILITA 1. L AMMINISTRAZIONE VICINA AL CITTADINO 13.POLITICHE DELLE RISORSE FINANZIARIE 15

16 16

17 SINTESI DEI PROGRAMMI PROGETTI TRADIZIONE INNOVAZIONE E SUSSIDIARIETA TRADIZIONE E INNOVAZIONE: Nuovo modo di amministrare che sappia trovare un giusto compromesso tra la realizzazione di grandi opere e la risoluzione di piccoli problemi SUSSIDIARIETA : parola d ordine al servizio del cittadino, lavorare nell interesse di Vergiate e dei Vergiatesi e creare un rapporto più stretto con il cittadino PROGRAMMI PROGETTI RESPONSABILE 1 L AMMINISTRAZIONE VICINA AL CITTADINO 1.1 SEMPLIFICAZIONE FONTANA CRISTINA 1.2 ORGANIZZAZIONE FONTANA CRISTINA 1.3 INNOVAZIONE FONTANA CRISTINA 1.4 COMUNICAZIONE ESTERNA FONTANA CRISTINA 1.5 PARTECIPAZIONE FONTANA CRISTINA 2 SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE 2.1 SOSTEGNO ATTIVITA ECONOMICHE FONTANA CRISTINA 2.2 RIVITALIZZAZIONE DEL PAESE A FAVORE DEL COMMERCIO FONTANA CRISTINA 2.3 CONCORSI A TEMA FONTANA CRISTINA 2.4 RIORGANIZZAZIONE CENTRO DEL CAPOLUOGO FONTANA CRISTINA 17

18 SOLIDARIETA EQUITA SOCIALE FAMIGLIA EDUCAZIONE SOLIDARIETA ED EQUITA SOCIALE: offrire servizi alle fasce più deboli e bisognose della popolazione FAMIGLIA: il ruolo della famiglia come struttura base della comunità EDUCAZIONE: investire sul futuro della società PROGRAMMI PROGETTI RESPONSABILE 3 VERGIATE SOLIDALE 3.1 MINORI LUISA DI MATTEO 3.2 ANZIANI LUISA DI MATTEO 3.3 DISABILI LUISA DI MATTEO 3.4 SEGRETARIATO SOCIALE E PRESA IN CARICO PERSONE IN LUISA DI MATTEO DIFFICOLTA 3.5 AZIONI DI RETE LUISA DI MATTEO 4 PROMOZIONE POLITICHE PER FAMIGLIA 4.1 SERVIZIO PER L INFANZIA GRUPPO 0-6 G. RODARI ATTIVITA LUISA DI MATTEO DIDATTICO EDUCATIVA ASILO NIDO/SCUOLA DELL INFANZIA 4.2 GENITORI E FIGLI LUISA DI MATTEO 4.3 AFFIDI FAMILIARI LUISA DI MATTEO 4.4 MODALITA ALTERNATIVE DI SOSTEGNO FINANZIARIO LUISA DI MATTEO 5 EDUCAZIONE E SCUOLA 5.1 SERVIZI SCOLASTICI LUISA DI MATTEO 5.2 SOSTEGNO ALLA PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA LUISA DI MATTEO 5.3 INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI CON DISABILITA E DISAGIO LUISA DI MATTEO 5.4 CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI LUISA DI MATTEO 6 I GIOVANI COME RISORSA 6.1 CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE LUISA DI MATTEO 6.2 SERVIZI PER IL LAVORO LUISA DI MATTEO 6.3 SERVIZI PER L ANIMAZIONE, LA RELAZIONE E LA FORMAZIONE LUISA DI MATTEO 6.4 SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO LUISA DI MATTEO 18

19 7 CULTURA 7.1 GESTIONE DELLA BIBLIOTECA LUISA DI MATTEO 7.2 PROMOZIONE DELLA LETTURA LUISA DI MATTEO 7.3 SPETTACOLI DAL VIVO LUISA DI MATTEO 7.4 CORSI E MOSTRE LUISA DI MATTEO 7.5 CINEMA LUISA DI MATTEO 7.6 RICERCA FONDI LUISA DI MATTEO 7.7 COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI CULTURALI LUISA DI MATTEO 8 SPORT E TEMPO LIBERO 8.1 PROMOZIONE DELLO SORT A VERGIATE LUISA DI MATTEO AMBIENTE - TERRITORIO AMBIENTE e TERRITORIO : salvaguardia del territorio, risparmio energetico, educazione all utilizzo delle risorse ambientali PROGRAMMI PROGETTI RESPONSABILE 9 PIANIFICAZIONE GESTIONE E RIQUALIFICAZIONE DEL 14.1 P.G.T. E STRUMENTI URBANISTICI GRAZIANO MAGNI TERRITORIO 14.2 EDILIZIA PRIVATA GRAZIANO MAGNI 14.3 TUTELA DEL PAESAGGIO GRAZIANO MAGNI 10 GESTIONE PATRIMONIO PUBBLICO 10.1 MANUTENZIONE OPERE E INFRASTRUTTURE GRAZIANO MAGNI 10.2 REALIZZAZIONE OPERE E INFRASTRUTTURE GRAZIANO MAGNI 11 QUALITA DELL AMBIENTE 11.1 SERVIZI PER L AMBIENTE GRAZIANO MAGNI 11.2 EDUCAZIONE E RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE GRAZIANO MAGNI 19

20 CONTROLLO E PREVENZIONE CONTROLLO E PREVENZIONE : Verifica delle situazioni potenzialmente pericolose, installazione di dispositivi per prevenire Situazioni di disagio stradale 12 SICUREZZA E VIABILITA 12.1 VIABILITA CARLO LAUDI 12.2 SICUREZZA URBANA CARLO LAUDI OCULATEZZA OCULATEZZA: evitare ogni sperpero di denaro pubblico e convogliare le energie su iniziative priroritarie mirate all interesse generale PROGRAMMI PROGETTI RESPONSABILE 13 POLITICHE DELLE RISORSE FINANZIARIE 13.1 POLITICHE DI GESTIONE DEL BILANCIO ALFONSO FRANCESE 13.2 POLITICHE TRIBUTARIE ALFONSO FRANCESE 20

21 PARTE III P.G.S. ALLEGATO - SCHEDE AZIONI 21

22 22

23 PROGRAMMA 1 - L AMMINISTRAZIONE VICINA AL CITTADINO PROGETTO 1.1 SEMPLIFICAZIONE azione Semplificazione procedure azione Potenziamento servizi al cittadino PROGETTO 1.2 COMUNICAZIONE ESTERNA azione Adozione metodi di comunicazione semplici immediati e diretti azione Rinnovamento del periodico Vergiate azione Sviluppo nuovo sito internet PROGETTO 1.3 PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI azione Partecipazione dei cittadini alla vita pubblica azione Valorizzazione delle forme associative PROGETTO 1.4 ORGANIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE azione Interscambiabilità di funzioni azione Razionalizzazione dell utilizzo delle risorse umane PROGETTO 1.5 INNOVAZIONE TECNOLOGICA azione Passaggio a procedure in tecnologia web azione Sviluppo e potenziamento servizi telematici utilizzo pec firma digitale azione Stesura piano di sicurezza delle informazioni 23

24 PROGRAMMA 1 L AMMINISTRAZIONE VICINA AL CITTADINO Descrizione del programma: Principale obiettivo dell amministrazione sarà creare un maggior senso di identità tra i cittadini e il comune. Il confronto, il dialogo e la partecipazione saranno gli strumenti per far percepire che l amministrazione è vicina e tra i cittadini. Per andare sempre più incontro ai loro bisogni si cercherà di offrire servizi sempre migliori in termini di semplificazione, efficacia ed imparzialità. Attori: Amministrazione comunale, Cittadini, Associazioni, Aree e Servizi dell ente Progetti per l attuazione del programma: 1.1 Semplificazione 1.2 Comunicazione Esterna 1.3 Partecipazione dei cittadini 1.4 Organizzazione e valorizzazione delle risorse umane 1.5 Innovazione tecnologica BUDGET SPESA (spese derivanti dall attuazione del programma) Spesa corrente Spesa per investimenti BUDGET ENTRATA (fonti di finanziamento) Entrate specifiche Quote di risorse generali

25 Comune di Vergiate Piano Generale di Sviluppo Programma 1 - L AMMINISTRAZIONE VICINA AL CITTADINO Progetto 1.1 Semplificazione E volontà di questa amministrazione andare sempre più incontro alle esigenze dei cittadini offrendo migliori servizi in termini di semplificazione, efficacia, imparzialità e trasparenza. AZIONI Immediata attuazione di tutte le recenti norme di semplificazione in particolare riguardanti il servizio demografico e attività economiche/produttive. Applicazione di iter Semplificazione procedurali semplificati Daniele 2011/2016 procedimenti garantendo l attivazione Parrino di procedimenti d ufficio attraverso comunicazione interne tra i diversi uffici interessati dal medesimo procedimento o in possesso delle necessarie informazioni. 25

26 Miglioramento dei servizi anche attraverso il potenziamento delle varie modalità di erogazione dei servizi stessi. Potenziamento servizi on line Potenziamento servizi Daniele Incentivazione 2011/2016 al cittadino Parrino servizi a domicilio per le fasce deboli Incremento orari di apertura al pubblico con apertura anche al sabato 26

27 Programma 1 - L AMMINISTRAZIONE VICINA AL CITTADINO Progetto 1.2 Comunicazione Esterna Prioritario per questa amministrazione è il rapporto con il cittadino. A questo scopo sarà importante adottare metodi di comunicazione semplici, immediati e diretti al fine di favorire una maggiore conoscenza dell attività amministrativa, delle scelte effettuate dall amministrazione e dei servizi offerti ai cittadini. AZIONI Per favorire una maggiore conoscenza dell attività amministrativa verranno adottati sistemi di comunicazione che Adozione metodi di possano raggiungere tutte comunicazione le tipologie di cittadini. Daniele 2011/2016 semplici, immediati e Verranno predisposti Parrino diretti manifesti informativi, realizzate sintetiche carte dei servizi, aumentate il numero e la funzionalità delle bacheche attualmente disponibili sul territorio. 27

28 Il Periodico Vergiate verrà rinnovato. La speranza è che il giornale venga costruito con un maggior contributo dei cittadini, affinché diventi sempre meno il Rinnovamento del Periodico giornale dell amministrazione e sempre più il giornale dei vergiatesi. Allo scopo verrà 2011/2016 Daniele Parrino data maggiore attenzione alla vita cittadina e alla storia del nostro paese e si cercherà di proporre articoli più brevi, diretti ed immediati. Il Sito internet verrà rinnovato anche al fine di renderlo in linea con i criteri di Sviluppo nuovo Sito Daniele accessibilità ed usabilità 2011/2016 Internet Parrino richiesti ed in grado di gestire i nuovi servizi on line previsti dalla legge 28

29 Programma 1 - L AMMINISTRAZIONE VICINA AL CITTADINO Progetto 1.3 Partecipazione dei cittadini Incentivare al massimo la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica attraverso il dialogo e la valorizzazione delle libere forme associative. AZIONI Per incentivare al massimo la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica verranno organizzati incontri nel capoluogo e frazioni. In questo ambito l amministrazione informerà i cittadini in maniera diretta e chiara rispetto alle scelte effettuate ma cercherà soprattutto di creare Sindaco Maurizo Partecipazione dei l auspicato dialogo e ottenere le Leorato cittadini alla vita informazioni necessarie per le scelte 2011/2016 Daniele pubblica future o l affinamento di quelle in corso. Parrino Riapertura sul sito internet dello spazio Filo diretto con la Giunta creando una pagina maggiormente accessibile attraverso la quale i vergiatesi potranno dialogare con gli assessori e con l amministrazione nel suo complesso. 29

30 Nel riconoscere al mondo associativo un importante ruolo nella collettività si cercherà di coinvolgere le numerose associazioni nel modo più efficace Sindaco Maurizo Valorizzazione delle possibile sostenendo le loro Leorato iniziative attraverso patrocini, aiuti 2011/2016 forme associative Daniele organizzativi, concessioni di Parrino locali, strutture, attrezzature e contributi economici ed infine contribuendo a pubblicizzare le loro iniziative. 30

31 Programma 1 - L AMMINISTRAZIONE VICINA AL CITTADINO Progetto 1.4 Organizzazione e valorizzazione delle risorse umane Sviluppo di azioni volte a diffondere una cultura organizzativa orientata a una maggiore flessibilità ed interscambiabilità di funzioni con lo scopo non solo di valorizzare e aumentare le competenze del personale ma anche fine di ridurre il rapporto tra costi e attività realizzate. AZIONI Partendo dalla necessità di ampliare gli orari di apertura al pubblico e di avere pertanto più collaboratori in grado di gestire gli sportelli, si studieranno azioni volte Sindaco Maurizo Interscambiabilità di alla diffusione di una Leorato 2011/2016 funzioni cultura organizzativa Daniele orientata a un maggior Parrino coinvolgimento all interno dei diversi servizi, alla flessibilità, alla collaborazione e alla interscambiabilità di funzioni 31

32 Con l obiettivo di rendere servizi sempre più efficienti nonostante la necessità di ridurre il rapporto tra costi e attività realizzate, si Sindaco Maurizo Razionalizzazione cercherà di dell utilizzo delle razionalizzare l utilizzo Leorato 2011/2016 delle risorse umane Daniele risorse umane anche, nei casi di Parrino assenze prolungate, attraverso una collaborazione tra le diverse aree organizzative dell ente. 32

33 Programma 1 - L AMMINISTRAZIONE VICINA AL CITTADINO Progetto 1.5 Innovazione tecnologica Nell ottica di servizi sempre migliori, efficaci ed economici lo sviluppo informatico è fondamentale. Verranno pertanto introdotte, progressivamente, procedure tecnologiche sempre più avanzate ed in grado di poter offrire maggiori servizi on line e in conformità con le semplificazioni amministrative introdotte dalle recenti norme. AZIONI Progressivamente verrà effettuato il passaggio degli attuali software a Sindaco Maurizo procedure in tecnologia Passaggio a procedure Leorato web nel corso del 2011/2016 in tecnologia web Daniele si prevede l introduzione della procedura tributi Parrino edilizia privata demografici e personale. 33

34 Nell ottica di servizi efficaci e più economici si svilupperanno e potenzieranno i servizi telematici. Attraverso un maggior utilizzo della Sviluppo e posta elettronica Sindaco Maurizo potenziamento servizi certificata PEC e della Leorato telematici, utilizzo firma digitale, 2011/2016 Daniele della pec e firma unitamente alle citate Parrino digitale nuove procedure si arriverà ad una progressiva eliminazione del cartaceo con vantaggi organizzativi e minori costi. (Carta e spedizione posta) 34

35 L attivazione delle nuove tecnologie, le disposizioni del nuovo codice dell amministrazione digitale e la progressiva eliminazione del cartaceo hanno richiesto importanti Sindaco Maurizo Stesura piano di indicazioni in tema di Leorato sicurezza delle 2011/2016 continuità del servizio. Daniele informazioni Nuovo obbligo delle Parrino amministrazioni è la predisposizione di un piano di Disaster Recovery e di Business Continuità a salvaguardia dei servizi erogati a cittadini e aziende. 35

36 36

37 PROGRAMMA 2 - SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE PROGETTO 2.1 SOSTEGNO ATTIVITA ECONOMICHE azione Semplificazione procedure azione Mercato settimanale azione Distretti del commercio PROGETTO 2.2 RIVITALIZZAZIONE DEL PAESE A FAVORE DEL COMMERCIO azione Organizzazione eventi azione Attività promozionale azione Concorsi a tema azione Riorganizzazione centro del capoluogo 37

38 PROGRAMMA 2 SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Descrizione del programma: Dare maggior impulso al sistema economico locale favorendo lo sviluppo del tessuto commerciale e artigianale anche attraverso scelte politiche che tendano alla semplificazione delle procedure, alla proposizione di incentivi ed esoneri. Inoltre, dove le recenti normative lo consentiranno, si cercherà di non aggravare l imposizione tributaria. Supportare gli imprenditori nelle varie fasi, dalla nascita della attività, al funzionamento e alla promozione dell attività stessa. Attori: Amministrazione comunale, Imprenditori, organizzazioni di categoria, associazioni locali, aree e servizi dell ente Progetti per l attuazione del programma: 2.1 Sostegno attività economiche 2.2 Rivitalizzazione del paese a favore del commercio BUDGET SPESA (spese derivanti dall attuazione del programma) Spesa corrente Spesa per investimenti 0,00 0,00 0,00 BUDGET ENTRATA (fonti di finanziamento) Entrate Specifiche 60,00 60, Quote di risorse generali

39 Comune di Vergiate Piano Generale di Sviluppo Programma 2 - SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Progetto 2.1 Sostegno attività economiche Attivazione di modalità semplificate delle procedure necessarie all accesso alle diverse attività imprenditoriali nei vari settori ( commercio, somministrazione, ricettivo, artigianale, di servizio, trasporti, produttivo) al fine di favorire nuove aperture. AZIONI Attraverso le modalità dello Sportello Unico Attività Produttive ed in attuazione alle recenti disposizioni normative di semplificazione si Semplificazione Daniele attiveranno iter 2011/2016 procedure Parrino procedurali semplificati con lo scopo di supportare gli utenti e favorire le aperture di nuovi esercizi commerciali. 39

40 La sistemazione del mercato settimanale nella sua attuale storica collocazione ha la Mercato settimanale finalità di favorire la concentrazione di utenza in una zona dove sono presenti 2011/2016 Daniele Parrino esercizi commerciali in sede fissa a vantaggio quindi di entrambe le categorie. Nell ambito del distretto del commercio Malpensa- Nord- Ticino si continueranno a Distretti del commercio promuovere iniziative comuni per rilanciare il commercio. Il distretto sarà inoltre pronto a cogliere ogni opportunità di 2011/2016 Daniele Parrino finanziamento proposto dalla Regione Lombardia a favore dei commercianti locali. 40

41 Programma 2 - SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Progetto 2.2 Rivitalizzazione del paese a favore del commercio In un momento di profonda crisi economica generale si cercherà, con le pochissime disponibilità economiche a disposizione, di promuovere iniziative che possano valorizzare tutte le risorse di cui dispone il nostro territorio con il fine di incentivare il commercio e il settore del turismo. AZIONI Attraverso l organizzazione di eventi, manifestazione, mercatini, feste e Organizzazione eventi concessione di patrocini, si cercherà di creare maggior aggregazione Daniele 2011/2016 per rivitalizzare il nostro Parrino paese e favorire gli esercizi commerciali offrendo loro la possibilità di avere un bacino di utenza più ampio. 41

42 2.2.2 Attività promozionale Per far conoscere e sostenere le realtà esistenti sul territorio, in particolare le nuove aperture, verrà proposto un sistema di promozione dei prodotti/servizi con gli strumenti di comunicazione di cui dispone il comune. 2011/2016 Daniele Parrino Concorsi a tema Per contribuire a dare impulso al settore del commercio verranno proposti concorsi a tema ( miglior vetrina, originalità del prodotto, del piatto etc) al fine di vivacizzare il settore stesso e stimolare una proficua competitività. 2011/2016 Daniele Parrino 42

43 La riorganizzazione del centro del paese, il miglioramento dell arredo urbano, la riqualificazione dell area in Via Piave, con la Riorganizzazione creazione di un ampio Daniele 2011/2016 centro del capoluogo viale alberato dotato di Parrino parcheggi, hanno anche come finalità la rivitalizzazione del centro a vantaggio del commercio esistente nell area. 43

44 44

45 PROGRAMMA 3 VERGIATE SOLIDALE PROGETTO 3.1 MINORI azione azione azione Tutela Assistenza domiciliare minori Sostegno economico nuclei con figli minori PROGETTO 3.2 ANZIANI azione azione azione azione azione Servizio di Assistenza Domiciliare Animazione Sostegno economico Tutela Spesa a domicilio PROGETTO 3.3 DISABILI azione azione azione azione Servizio di Assistenza Domiciliare Servizio di Inserimento Lavorativo Sostegno economico Fondo Sostegno Disabili a Domicilio PROGETTO 3.4 SEGRETARIATO SOCIALE E PRESA IN CARICO PERSONE IN DIFFICOLTÀ azione Accoglienza utenza e informazioni di orientamento alla rete dei servizi azione Guida all accesso ed erogazione fondi provenienti da Enti Terzi azione Erogazione contributi economici nell ambito di percorsi che mirino all autonomia dei soggetti azione Controlli dichiarazioni ISEE azione Edilizia Residenziale Pubblica azione Elaborazione Carta dei Servizi PROGETTO 3.5 AZIONI DI RETE azione Partecipazione a Piano di Zona azione Sostegno e collaborazioni con le associazioni e gli enti del terzo settore territoriali azione Premio Liana Ranzani Monaci azione Fondo Famiglia e Lavoro 45

46 PROGRAMMA 3 VERGIATE SOLIDALE Descrizione del programma: Uno dei punti di forza di Vergiate è da sempre il settore delle attività socio assistenziali, che offre una vasta gamma di servizi, in particolare rivolti alle fasce più deboli e bisognose della popolazione. Nell attuale situazione di crescente difficoltà da parte di molti cittadini, si ritiene di primaria importanza mantenere attive tali attività e potenziarne l'offerta, ricorrendo a progettazioni specifiche che consentano l accesso a fondi e risorse aggiuntive Attori: servizi sociali, servizi comunali e relativi fornitori, ASSSV, Associazione Anziani, OVV, Caritas locale, Il Granello, Piano di Zona per i Servizi Sociali Progetti per l attuazione del programma: Minori, Anziani, Disabili, Segretariato Sociale e presa in carico persone in difficoltà, Azioni di Rete BUDGET SPESA (spese derivanti dall attuazione del programma) Spesa corrente Spesa per investimenti BUDGET ENTRATA (fonti di finanziamento) Entrate Specifiche Quote di risorse generali

47 Comune di Vergiate Piano Generale di Sviluppo PROGRAMMA 3 VERGIATE SOLIDALE Progetto 3.1 MINORI AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Presa in carico e sostegno nuclei familiari in presenza di provvedimenti della Autorità Tutela Giudiziaria, in collaborazione con il servizio psicologico specifico del Piano di Zona; eventuale segnalazione alle autorità di situazione di grave pregiudizio dei minori Contenere il ricorso alla istituzionalizzazione dei minori Intero quinquennio Parrino Daniele CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Percorsi educativi specifici di sostegno a domicilio p presso i Assistenza Domiciliare Minori servizi educativi e scolastici di minori disabili, in tutela o comunque in presenza di disagio significativo, in collaborazione con ASSSV Mantenimento e qualificazione con ricorso ad appalto apposito ed organizzato Intero quinquennio Parrino Daniele 47

48 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Sostegno economico nuclei con figli minori Erogazione contributi, eventualmente in attuazione provvedimenti di tutela, nell ambito di percorsi che mirino all autonomia dei beneficiari mantenimento Intero quinquennio Parrino Daniele Progetto 3.2 Anziani AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Erogazione dei servizi previsiti dal Regolamento Comunale (cura della persona a domicilio, Servizio di Assistenza trasporto sociale, pasti a Domiciliare domicilio), in collaborazione con ASSSV, per contenere il ricorso alla istituzionalizzazione degli anziani Mantenimento, garanzia della continuità assitenziale Intero quinquennio Parrino Daniele 48

49 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Animazione Creazione di occasioni di aggregazione e svago per far sentire gli anziani nil più lungo possibile soggetti attivi, in collaborazione con Associazione Anziani Intero quinquennio Parrino Daniele Mantenimento e qualificazione CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Erogazione contributi, con l obiettivo del mantenimento a Sostegno economico domicilio o del sostegno economico per gli anziani soli o con familiari in grave difficoltà quando l isituzionalizzazione diventa inevitabile Mantenimento e razionalizzazione Intero quinquennio Parrino Daniele CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Tutela Percorsi specifici di cura persone interdette, inabilitate o con amministratore di sostegno Intero quinquennio Parrino Daniele Mantenimento 49

50 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Spesa a domicilio accordi con i supermercati vergiatesi per la consegna a domicilio della spesa ad anziani e persone non autosufficienti Parrino Daniele Esplorazione possibile attivazione Progetto 3.3 Disabili AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Erogazione dei servizi previsiti dal Regolamento Comunale (cura della persona a domicilio, Servizio di Assistenza trasporto sociale, pasti a Domiciliare domicilio), in collaborazione con ASSSV, per contenere il ricorso alla istituzionalizzazione dei disabili Mantenimento, garanzia della continuità assitenziale Intero quinquennio Parrino Daniele 50

51 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Percorsi specifici per disabili Servizio di Inserimento Lavorativo volti all inserimento nel mondo del lavoro ed alla autonomia, in collaborazione con Piano di Intero quinquennio Parrino Daniele Zona Mantenimento CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Erogazione contributi, o Sostegno economico assunzione diretta di parte della spesa per disabilii con familiari in grave difficoltà per frequenza servizi a ciclo diurno o residenziale Mantenimento e razionalizzazione Intero quinquennio Parrino Daniele CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Fondo Sostegno Disabili a Domicilio Definizione modalità specifiche di erogazione mirata contributi a favore della domiciliarità di persone disabili Intero quinquennio Parrino Daniele Istituzione sperimentale con adozione specifiche linee di indirizzo Avvio anno 51

52 Progetto 3.4 Segretariato sociale e presa in carico persone in difficoltà AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Attività di sportello per ascolto e decodificazione richieste ed Accoglienza utenza e orientamento per il informazioni di orientamento soddisfacimento delle alla rete dei servizi necessità, tenendo conto dei servizi del comune e di terzi Mantenimento e qualificazione Intero quinquennio Parrino Daniele CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Guida all accesso ed Fondo Sostegno Affitti erogazione fondi provenienti da Regionale, Assegni INPS per Enti Terzi ed Nucleo Numeroso e di accompagnamento cittadini per Maternità, Bonus Gas ed ottenimento agevolazioni Energia Elettrica, eventuali altri tariffarie benefici di nuova istituzione Mantenimento Intero quinquennio Parrino Daniele 52

53 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Erogazione contributi economici nell ambito di percorsi che mirino all autonomia dei soggetti Presa in carico globale dei soggetti deboli con erogazione contributi nel rispetto del Regolamento ISEE, eventualmente a parziale copertura dei servizi comunali fruiti (servizi scolastici, 0-6, SAD) Mantenimento e razionalizzazione Intero quinquennio Parrino Daniele CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Controlli dichiarazioni ISEE Esecuzione controlli a campione e su legittimo sospetto, in attuazione strumenti regolamentari vigenti Intero quinquennio Parrino Daniele Mantenimento CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Edilizia Residenziale Pubblica Formazione e gestione graduatoria alloggi ERP, con ricorso a convenzioni specifiche con i CAF Intero quinquennio Parrino Daniele Formazione nuova graduatoria 53

54 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Elaborazione Carta dei Servizi Elaborazione ed approvazione del patto tra l Amministrazione e i cittadini, che vengono preventivamente informati sugli standard dei servizi offerti, sulle modalità di svolgimento delle prestazioni e sul comportamento adottato nel caso non vengano rispettati gli impegni assunti. Valutazione modalità di introduzione 2013 Parrino Daniele Progetto 3.5 Azioni di Rete AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Piano di Zona Partecipazione propositiva al piano di zona distrettuale come strumento di erogazione razionale e potenziamento dei servizi comunali, a sostegno della specifica azione politica Mantenimento e qualificazione Intero quinquennio Parrino Daniele 54

55 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Coordinamento e sostegno servizi ed azioni delle Sostegno e collaborazioni con associazioni ed enti del privato le associazioni e gli enti del sociale (OVV, Associazione terzo settore territoriali Anziani, Caritas, CAF dei Sindacati ed altri) Mantenimento Intero quinquennio Parrino Daniele CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Premio in memoria di Liana Ranzani Monaci (fondatrice dell' O.V.V) da assegnare una Premio Liana Ranzani Monaci volta all'anno a quei vergiatesi che si sono distinti maggiormente per il loro aiuto nei confronti dei soggetti più deboli. Istituzione premio Intero quinquennio Parrino Daniele CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Fondo istituito trasferendo i fondi del 5 per mille alla Parrocchia S. Martino, cui Fondo Famiglia e Lavoro concorrano risorse anche di altre realtà locali, per sostenere chi ha perso il lavoro Avvio gestione fondo Intero quinquennio Parrino Daniele 55

56 56

57 PROGRAMMA 4 PROMOZIONE POLITICHE PER LA FAMIGLIA PROGETTO 4.1 PROGETTO 4.2 PROGETTO 4.3 PROGETTO 4.4 SERVIZIO PER L INFANZIA GRUPPO 0-6 G.RODARI ATTIVITÀ DIDATTICO EDUCATIVA ASILO NIDO/SCUOLA DELL INFANZIA azione Coordinamento, organizzazione e gestione delle attività del servizio azione Predisposizione percorsi didattico/ educativi ed attività integrative Azione Attività di sostegno e integrazione bambini in disabilità e disagio Azione Servizio mensa Azione Formazione e sostegno alla genitorialità GENITORI E FIGLI azione Servizi informativi di sostegno alla genitorialità azione Percorsi formativi specifici per gruppi di genitori e/o di altre figure educative di riferimento AFFIDI FAMILIARI azione Percorsi di solidarietà tra famiglie e affido leggero azione Percorsi per l affido a tempo pieno a famiglie terze di minori in difficoltà Azione Creazione di un servizio affidi distrettuale MODALITÀ ALTERNATIVE DI SOSTEGNO FINANZIARIO azione Microcredito alle famiglie e per l autoimprenditorialità 57

58 PROGRAMMA 4 PROMOZIONE POLITICHE PER LA FAMIGLIA Descrizione del programma: Politiche di sostegno al ruolo della famiglia come struttura di base della comunità Attori: Aseesore ai Servizi Sociali, Servizi comunali e fornitori esterni; Piano di Zona e enti partners di progetti specifici; Istituto Comprensivo; Progetti per l attuazione del programma: Servizio per l infanzia Gruppo 0-6 G.Rodari ; genitori e Figli; Affidi Familiari; Modalità Alternative di Sostegno Finanziario BUDGET SPESA (spese derivanti dall attuazione del programma) Spesa corrente Spesa per investimenti BUDGET ENTRATA (fonti di finanziamento) Entrate specifiche Quote di risorse generali

59 Programma 4 PROMOZIONE POLITICHE PER LA FAMIGLIA Progetto 4.1 Servizio per l infanzia Gruppo 0-6 G.Rodari AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Coordinamento degli aspetti Coordinamento, organizzativi del servizio organizzazione e Anno scolastico; intero (personale, fornitori esterni, gestione attività quinquennio Parrino Daniele manutenzioni, pulizie e del servizio lavanderia) Applicazione degli standard gestionali e accuratezza nella gestione della quotidianità a garanzia del mantenimento dei livelli di qualità; cura nel contenimento dei costi di gestione ; valutazione eventuale adeguamento tariffario Risultati raggiunti nell anno 59

60 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Predisposizione e Condivisione e Progettazione educativa partecipata per la realizzazione di esperienze gestione dei Percorsi Anno scolastico; intero formative che favoriscono didattico/educativi e delle quinquennio Parrino Daniele l equilibrato sviluppo dei attività integrative bambini da 0 a 6 anni Mantenimento dei livelli qualitativi Risultati raggiunti nell anno CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Coordinamento in rete per la conduzione di percorsi Attività di sostegno e specifici Anno scolastico; intero integrazione bambini in Attività di progettazione e quinquennio Parrino Daniele disabilità e disagio conduzione di percorsi educativi individualizzati Mantenimento dei livelli qualitativi a fronte di eventuale aumento di minori in situazione di disagio 60

61 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Cura nella preparazione e nell erogazione dei pasti in Servizio mensa tempi e modalità Anno scolastico; intero personalizzate quinquennio Parrino Daniele Applicazione dei relativi controlli Mantenimento dei livelli qualitativi CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Attività di formazione del personale Coordinamento con istituti /università/cfp per Formazione del personale e inserimento / tutoraggio 1 semestre; intero attività a sostegno della stagisti quinquennio Parrino Daniele genitorialità Attività di sostegno alla genitorialità e coordinamento dello sportello di consulenza pedagogica Mantenimento dei livelli qualitativi 61

62 Progetto 4.2 Genitori e Figli AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Realizzazione conferenze e Servizi informativi di momenti seminariali con sostegno alla esperti rivolti al pubblico di intero quinquennio Parrino Daniele genitorialità genitori ed altre figure educative (insegnanti) Mantenimento dei livelli di qualità; ricerca fondi specifici con progettualità mirate Risultati raggiunti nell anno AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Percorsi formativi specifici per gruppi di Percorsi del tipo mutuo genitori e/o di altre aiuto con la presenza di intero quinquennio Parrino Daniele figure educative di esperti riferimento mantenimento dei livelli di qualità; ricerca fondi specifici con progettualità mirate Risultati raggiunti nell anno 62

63 Progetto 4.3 Affidi Familiari AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Reperimento famiglie disponibili, formazione, Percorsi di solidarietà abbinamento con famiglie in Progetto in corso con tra famiglie e affido difficoltà, sostegno di Parrino Daniele specifici finanziamenti leggero famiglie di appoggio e famiglie di origine Attuazione progetto I Custodi dei Sogni finanziato da Fondazione CARIPLO Risultati raggiunti nell anno CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Percorsi per l affido a Reperimento famiglie disponibili, formazione, tempo pieno a famiglie abbinamento con minori in Progetto in corso con terze di minori in difficoltà, sostegno di Parrino Daniele specifici finanziamenti difficoltà famiglie affidatarie e famiglie di origine Attuazione progetto I Custodi dei Sogni finanziato da Fondazione CARIPLO Risultati raggiunti nell anno 63

64 CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Creazione di un servizio affidi distrettuale Obiettivo finale progetto in corso in collaborazione con piano di zona e comuni partners 2013 Parrino Daniele Progetto in corso con specifici finanziamenti Attuazione progetto I Custodi dei Sogni finanziato da Fondazione CARIPLO Risultati raggiunti nell anno Progetto 4.4 Modalità alternative di sostegno finanziario AZIONI CODICE DENOMINAZIONE DESCRIZIONE PERIODO RESPONSABILE NOTE Microcredito comunale come strumento per Microcredito alle combattere l esclusione Azione condizionata a famiglie e per sociale ed economica e Intero quinquennio reperimento risorse Parrino Daniele l autoimprenditorialità promuovere lo sviluppo specifiche delle capacità della persona e la automprenditorialità Valutazione possibile progetto sperimentale Risultati raggiunti nell anno 64

65 PROGRAMMA 5 EDUCAZIONE E SCUOLA PROGETTO 5.1 SERVIZI SCOLASTICI azione Prescuola azione Trasporto scolastico azione Refezione azione pedibus PROGETTO 5.2 SOSTEGNO ALLA PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA azione Progetti educativi in orario curriculare azione Mediazione culturale scolastica PROGETTO 5.3 INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI CON DISABILITÀ E DISAGIO azione Raccordo e coordinamento con servizi sociali, specialistici e scuola Azione Interventi educativi di prevenzione e recupero drop out PROGETTO 5.4 CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI azione Coordinamento educativo dell attività dei ragazzi azione Raccordo con la Commissione Consigliare 65

66 PROGRAMMA 5 EDUCAZIONE E SCUOLA Descrizione del programma: Realizzazione di un sistema educativo e formativo integrato che coinvolga i vari soggetti presenti sul territorio e che consenta di migliorare l'offerta di servizi, attività e d interventi rivolti all'infanzia ed all'adolescenza, allo scopo di dare risposte molteplici e differenziate all'utenza, garantendo al contempo standard qualitativi elevati e valorizzando le molteplici risorse presenti sul territorio. Attori: a Istruzione Cultura e Politiche Giovanili, Istituzioni scolastiche del territorio statali e parificate, Genitori ed insegnanti, Servizi Comunali e relativi Fornitori Progetti per l attuazione del programma: Servizi scolastici, sostegno alla programmazione scolastica, integrazione scolastica alunni con disabilità e disagio, consiglio comunale dei ragazzi, coordinamento e rete tra le scuole dell infanzia pubbliche e private presenti sul territorio BUDGET SPESA (spese derivanti dall attuazione del programma) Spesa corrente Spesa per investimenti BUDGET ENTRATA (fonti di finanziamento) Entrate specifiche Quote di risorse generali

67 PROGRAMMA 5 EDUCAZIONE E SCUOLA Progetto Servizi Scolastici AZIONI Attività di custodia Prescuola curriculare degli alunni prima Anno scolastico; intero dell inizio dell orario quinquennio Paccini Antonella Mantenimento adeguamento tariffe Trasporto in pullman Trasporto scolastico per alunni scuola Anno scolastico; intero secondaria; primaria quinquennio Paccini Antonella limitatamente alla tratta Sesona Corgeno Mantenimento adeguamento tariffe 67

68 5.1.3 Refezione Scolastica Erogazione servizio in concessione Anno scolastico; intero quinquennio Paccini Antonella Controllo livelli qualitativi a garanzia degli utenti Coordinamento e sostegno insegnanti e Pedibus a piedi alunni scuola primaria genitori volontari Anno scolastico; intero nell accompagnamento quinquennio Paccini Antonella Prosecuzione e mantenimento 68

69 PROGRAMMA 5 EDUCAZIONE E SCUOLA Progetto Sostegno alla programmazione scolastica AZIONI Interventi di specialisti con gli Anno scolastico; Progetti educativi in alunni e gli insegnanti per intero orario curriculare arricchire il Piano dell Offerta Paccini Antonella quinquennio Formativa Massimizzare la condivisione con i referenti delle scuole Servizio di supporto Anno scolastico; Mediazione culturale educativo per l integrazione intero scolastica scolastica degli alunni Paccini Antonella quinquennio stranieri Mantenimento e qualificazione; ricerca fondi specifici per eventuale incremento 69

70 PROGRAMMA 5 EDUCAZIONE E SCUOLA Progetto integrazione scolastica alunni con disabilità e disagio AZIONI Raccordo e coordinamento con Anno Supporto e affiancamento di operatori servizi sociali, scolastico; (assistente sociale, insegnanti, specialisti Paccini specialistici e scuola intero sanitari, educatori) e famiglie Antonella nell integrazione alunni quinquennio con disabilità e disagio Mantenimento dei livelli qualitativi Azioni specifiche avverso la dispersione Anno Interventi educativi di scolastica, in coordinamento con scolastico; prevenzione e Paccini insegnanti, servizi sociali e servizio intero recupero drop out Antonella informalavoro quinquennio Mantenimento e qualificazione; ricerca fondi specifici per eventuale incremento 70

71 PROGRAMMA 5 EDUCAZIONE E SCUOLA Progetto 5.4 Consiglio Comunale dei Ragazzi AZIONI Coordinamento educativo dell attività dei ragazzi Attività educativa specifica con i rappresentanti eletti dai ragazzi Anno scolastico; intero quinquennio Paccini Antonella Mantenimento dei livelli qualitativi Presenza nelle Raccordo con la commissioni consiliari in Anno scolastico; Commissione eventuale affiancamento intero quinquennio Paccini Antonella Consigliare dei rappresentanti dei ragazzi Mantenimento dei livelli qualitativi 71

72 72

73 PROGRAMMA 6 I GIOVANI COME RISORSA PROGETTO 6.1 CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE azione Attività educativa ordinaria azione Centro Estivo PROGETTO 6.2 SERVIZI PER IL LAVORO azione Informalavoro azione Partecipazione a reti territoriali azione Percorsi individuali di facilitazione all inserimento nel mondo del lavoro azione Orientamento alle scelte scolastiche PROGETTO 6.3 SERVIZI PER L ANIMAZIONE, LA RELAZIONE E LA FORMAZIONE azione Educativa di Strada azione Informagiovani azione Progetti specifici azione CFP PROGETTO 6.4 SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO azione Selezione e formazione volontari azione Inserimento volontari nei servizi 73

74 PROGRAMMA 6 I GIOVANI COME RISORSA Descrizione del programma: Molta attenzione va posta ai giovani per ascoltarli ed incontrarli in luoghi e modi flessibili, anche scelti da loro stessi, con strumenti che facilitino l incontro ed il dialogo e che si adeguino al rapido mutarsi del contesto giovanile. L accompagnamento all ingresso nel mondo del lavoro, chiave di volta delle politiche giovanili e sociali, verrà favorito in ogni modo Attori: Istruzione Cultura e Politiche Giovanili, giovani vergiatesi, gruppi informali e associazioni giovanili, servizi educativi del comune e della parrocchia, Progetti per l attuazione del programma: Centro di Aggregazione Giovanile, Servizi per il Lavoro, Servizi per la Relazione e l Animazione, Servizio Civile Volontario BUDGET SPESA (spese derivanti dall attuazione del programma) Spesa corrente Spesa per investimenti BUDGET ENTRATA (fonti di finanziamento) Entrate specifiche Quote di risorse generali

75 PROGRAMMA 6 I GIOVANI COME RISORSA Progetto 6.1 Centro di Aggregazione Giovanile AZIONE interventi educativi per il tempo libero presso la sede di Corgeno,volti a promuovere il 35 settimane tra Attività educativa benessere di bambini e ragazzi settembre e ordinaria tra 6 e 18 anni, per il sostegno giugno; intero Paccini Antonella ai processi di crescita e la quinquennio prevenzione del disagio giovanile Rinnovo appalto per il periodo tra settembre e luglio 2015, razionalizzando le risorse per sostenere anche le attività estive del servizio, e mantenendo i livelli qualitativi 75

76 AZIONE Attività educative del CAG per il 7 settimane tra Centro Estivo di tempo libero per bambini e fine scuola e fine ragazzi, di età tra sei e luglio; intero Paccini Antonella quattordici anni, durante il periodo estivo. quinquennio Rinnovo appalto per il periodo tra settembre e luglio 2015, razionalizzando le risorse per sostenere anche le attività estive del servizio, e mantenendo i livelli qualitativi 76

77 Progetto 6.2 Servizi per il Lavoro AZIONE Ricevimento pubblico per Sportello informalavoro informazioni generiche e specifiche per orientamento Intero quinquennio Paccini Antonella nel mondo del lavoro e alle scelte scolastiche e formative Mantenimento e qualificazione presso la nuova sede AZIONE Rete provinciale InformaLavoro per Partecipazione a reti territoriali l orientamento, rete Città del ed erogazione relativi servizi intero quinquennio Lavoro, in particolare volta specifici Paccini Antonella all incontro tra domanda ed offerta di lavoro Rinnovo convenzione provinciale 77

COMUNE DI VERGIATE PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI VERGIATE PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI VERGIATE PROVINCIA DI VARESE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n del RESPONSABILE DI SPESA Cristina Fontana REFERENTI POLITICI Maurizio Leorato Daniele Parrino 3 PROGRAMMA 1

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani 4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani INDICE Inquadramento strategico.................... pag. 125 Risorse impiegate...................... pag. 126-127 Principali

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE Le amministrazioni pubbliche devono adottare, in base a quanto disposto dall art. 3 del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 10, metodi e strumenti idonei a misurare, valutare

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ; DELIBERAZIONE N.1177 DEL 23/12/2005 Oggetto: L.r. 7 dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia. Individuazione degli interventi prioritari, nonché delle modalità e dei criteri di riparto

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) Copia Conforme DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 29 DEL 03/04/2012 OGGETTO: APPROVAZIONE BOZZA CONVENZIONE CON CAF UIL E UGL PER SERVIZI RELATIVI ALL ISEE.

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona www.ulss.tv.it Principi costituzionali Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Comune di Trieste. Montebello

Comune di Trieste. Montebello Montebello Il nuovo insediamento ATER è inserito in un rione fortemente urbanizzato ma povero di servizi e luoghi di aggregazione. Comprende 10 condomini-180 alloggi- 480 persone. Presenza significativa

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia PROGETTO S.I.R.S. Strategie Innovative di Rete dei Servizi Sociali Linee guida per la predisposizione dei progetti: Orientamenti applicativi ARAN 1 Aumento

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate

Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate Art. 1 Oggetto Art. 2 Finalità Art. 3 Riferimenti legislativi

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI COMUNE DI SAGAMA PROVINCIA DI ORISTANO WEB: www.comune.sagama.or.it SEDE: Corso Vittorio Emanuele III, 46 08010 SAGAMA (OR) PEC: protocollo@pec.comune.sagama.or.it MAIL: servsociali@comune.sagama.or.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

DGR. n. 11496 del 17.3.2010

DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL' UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "CENTRO RICREATIVO DIURNO PER MINORI". ((PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA

IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA Associazione di Promozione Sociale Reatino 15 IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA Protocollo d intesa tra il Municipio Roma XV, l Istituto Comprensivo Parco di Veio, la Cooperativa Sociale Link e l Associazione

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254 Delibera n.34/2011 Carta dei Servizi Sistema Educativo Integrato dei servizi ai bambini di 0-6 anni Anno Scolastico 2011-2012 PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LAVARONE provincia di Trento REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 18 di data 20.06.2011. Modificato con deliberazione consiliare n. 40 dd.

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Sociale Direttore PEG ANNO 1 UNIONE RENO GALLIERA : UNIONE RENO GALLIERA : DIRETTORE Centro di costo: SETTORE SOCIALE OBIETTIVI PERMANENTI : Gestione delle attività amministrative

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato P.G. N.: 141598/2013 N. O.d.G.:.: 21/2013 2013 Data Seduta : 13/06/2013 Richiesta IE Dati Sensibili Adottato Oggetto: APPROVAZIONE DEI PROGRAMMI OBIETTIVO DEL QUARTIERE SAN DONATO

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli