REGOLAMENTI COMUNITARI DI IGIENE, NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN APICOLTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTI COMUNITARI DI IGIENE, NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN APICOLTURA"

Transcript

1 REGOLAMENTI COMUNITARI DI IGIENE, NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN APICOLTURA Dr.ssa ROSANNA ROSSI ASL7 SIENA Montepulciano 25/11/2011

2 NORMATIVA COMUNITARIA Reg. CE 178 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 28/01//2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l Autorità Europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della della sicurezza alimentare. Reg.CE 852/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 29/04/2004 sull igiene dei prodotti alimentari. NORMATIVA NAZIONALE Linee Guida ai fini della rintracciabilità degli alimenti e dei mangimi per fini di sanità pubblica volta a favorire l attuazione del Reg. CE 178/2002 (Conferenza permanente per i rapporti tra Stato e Regioni). Accordo 28/07/2005 Linee Guida applicative del Reg.CE 852/2004 Accordo 29aprile 2010 (Conferenza permanente per i rapporti Stato/Regioni)

3 REG. CE 178/2002 STABILISCE I PRINCIPI E I REQUISITI GENERALI DELLA LEGISLAZIONE ALIMENTARE, ISTITUISCE L AUTORITÀ EUROPEA PER LA SICUREZZA ALIMENTARE E FISSA PROCEDURE NEL CAMPO DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Costituisce la base per GARANTIRE un livello elevato di TUTELA della SALUTE umana e degli interessi dei consumatori PRODUZIONE TRASFORMAZIONE DISTRIBUZIONE degli alimenti e dei mangimi. DISCIPLINA TUTTE LE FASI della: NON SI APPLICA Alla produzione primaria per USO DOMESTICO PRIVATO Alla preparazione, manipolazione e alla conservazione domestica di alimenti DESTINATI AL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO

4 Reg. CE 178/2002 L OSA: Operatore del Settore Alimentare è la persona fisica o giuridica responsabile di GARANTIRE il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare nell impresa alimentare posta sotto il suo controllo inoltre L OSA deve VERIFICARE che tali disposizioni siano soddisfatte GLI STATI MEMBRI applicano la legislazione e controllano e verificano il rispetto delle disposizioni da parte degli O.S.A. (CONTROLLO UFFICIALE in base al Reg. CE 882/2004)

5 CHI SONO gli OSA in APICOLTURA Tutti gli APICOLTORI che PRODUCONO e COMMERCIALIZZANO i prodotti dell alveare: semplici, composti e trasformati. Semplici Composti es. miele, pappa reale, polline, ecc. es. miele e frutta secca, miele e propoli ecc. Trasformati es. miele liofilizzato, idromele ecc. Tutti coloro che CONFEZIONANO e COMMERCIALIZZANO soltanto

6 Reg. CE 178/2002 e Linee Guida accordo Stato/Regioni del 28/07/2005 RINTRACCIABILITA E la possibilità di ricostruire e seguire il percorso di un alimento attraverso tutte le fasi della produzione, trasformazione e della distribuzione. E disposta in tutte le fasi della produzione, trasformazione e della distribuzione la RINTRACCIABILITA degli alimenti, dei mangimi, degli animali destinati alla produzione alimentare e qualsiasi altra sostanza atta ad entrare a far parte di un alimento o mangime

7 Reg.CE178/2002 L OSA (APICOLTORE) deve essere in grado di individuare CHI ABBIA FORNITO A LUI un alimento, un mangime, un animale destinato alla produzione alimentare o qualsiasi altra sostanza destinata a far parte di un alimento o mangime RINTRACCIABILITA A MONTE E deve disporre sistemi e procedure per individuare le imprese ALLE QUALI HA FORNITO i propri prodotti RINTRACCIABILITA A VALLE

8 Reg.CE 178/2002 Esempi di RINTRACCIABILITA A MONTE in APICOLTURA DOCUMENTARE L ORIGINE del materiale usato in allevamento: fogli cerei, arnie, vernici ecc. dei mangimi per le api: candito/sciroppo, integratori ecc. degli animali introdotti: alveari, sciami, regine, ecc dei farmaci usati in apiario del materiale usato in mieleria: vasetti, fusti, macchinari, etichette, ecc. degli alimenti e/o ingredienti introdotti: miele, frutta secca, aromi,ecc. IN CHE MODO Con SCHEDE predisposte dove registrare i nomi dei fornitori, i loro riferimenti e la natura dei beni forniti, la quantità e il lotto del prodotto. Se l attività è molto piccola può bastare la tenuta agli atti dei ddt o fatture.

9 Reg.Ce178/2002 Esempi di RINTRACCIABILITA A VALLE in APICOLTURA DOCUMENTARE LE CESSIONI ad altre imprese: miele o altri prodotti edibili, alveari, sciami, cera ecc. IN CHE MODO Sempre attraverso SCHEDE predisposte dove annotare nome del cliente indirizzo e i suoi contatti, quantitativi del prodotto consegnato, il lotto ecc. Non devono essere documentate le cessioni dirette al consumatore finale TRACCIABILITA INTERNA Si tratta di attribuire il numero di LOTTO alle varie partite di miele prodotto (registro dei lotti). Il numero di lotto sarà poi apposto sui contenitori e accompagnerà il vasetto di miele lungo la sua vita commerciale e deve essere riportato anche sui DDT.

10 Reg.Ce178/2002 Gli alimenti o mangimi immessi sul mercato devono essere adeguatamente etichettati per agevolarne la rintracciabilità

11 Reg. CE 178/2002 Altro compito dell OSA Per gli ALIMENTI NON CONFORMI, L OSA deve immediatamente avviare procedure per ritirarlo ed informare le autorità competenti. Se il prodotto è arrivato al consumatore, l operatore informa il consumatore in maniera efficace ed accurata Pertanto In caso di NON CONFORMITA rilevata anche in autocontrollo l apicoltore ha l obbligo di: Adottare procedure per il RITIRO/RICHIAMO degli alimenti non idonei informando: I CLIENTI Il FORNITORE se del caso I CONSUMATORI FINALI se il prodotto è arrivato a loro E COLLABORARE con le A.C. per i provvedimenti da prendere

12 CASO PARTICOLARE Il commerciante di miele che acquista una partita di miele NON CONFORME, es. presenza di residui da farmaci NON LO PUO VENDERE NON LO PUO DILUIRE NON LO PUO RESTITUIRE DEVE BLOCCARE LA PARTITA IDENTIFICARLA SEGNALARE la partita non conforme ALLA ASL per L ELIMINAZIONE DAL COMMERCIO (Nota Min. Sal. DGSAN P04/08/2010)

13

14

15 Deliberazione 24/10/2011 n 890 Linee Guida per la gestione del sistema di allarme rapido per gli alimenti e i mangimi nella Regione Toscana e revoca della delibera GRT 405/2009 Punto Adozione di provvedimenti sui prodotti ritirati C) prodotti sottoposti a trasformazione.ovviamente per inattivazione non si deve intendere la diluizione che non è comunque consentita

16 REG.CE 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSILIO del 29/04/2004 SULL IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI STABILISCE NORME GENERALI in materia di igiene dei prodotti alimentari, destinate agli O.S.A. SI APPLICA a tutte le FASI della: PRODUZIONE TRASFORMAZIONE DISTRIBUZIONE degli alimenti L Operatore deve GARANTIRE la SICUREZZA degli ALIMENTI lungo tutta la catena alimentare, a cominciare dalla PRODUZIONE PRIMARIA, comprese tutte le operazioni associate quali trasporto, magazzinaggio e manipolazione dei Prodotti Primari sul luogo di produzione.

17 Reg. CE 852/2004 NON SI APPLICA Alla preparazione, manipolazione,conservazione DOMESTICA di alimenti destinati al CONSUMO DOMESTICO PRIVATO Alla FORNITURA DIRETTA di PICCOLI QUANTITATIVI di prodotti primari dal produttore al consumatore finale o a dettaglianti locali che forniscono direttamente il consumatore finale -Art. 1, comma 2, lettera c)-

18 Cosa si intende per PRODOTTO PRIMARIO in APICOLTURA Linee Guida applicative del Reg.852/2004 ( conf. stato/regioni del 29/04/2010) Tutte le attività relative alla produzione dei prodotti derivanti dall apicoltura deve essere considerata PRODUZIONE PRIMARIA, compreso l allevamento delle api, la raccolta del miele ed il confezionamento e/o imballaggio nel contesto dell azienda di apicoltura, compresa la gestione diretta del singolo apicoltore in strutture collettive (Regione Toscana). Fanno parte della Produzione Primaria le operazioni associate quali: Trasporto delle api Trasporto del miele nel melario e nel barattolo (idem propoli, pappa reale e polline) Magazzinaggio dei prodotti Tutte le operazioni che avvengono al di fuori dell azienda, compreso il confezionamento e/o imballaggio del miele, non rientrano nella produzione primaria.

19 CHI SONO gli OSA previsti dal Reg.CE 852/2004 IN APICOLTURA Apicoltori che allevano api e producono prodotti edibili dell alveare per il commercio senza trasformarli PRODUTTORI PRIMARI DEVONO RISPETTARE i requisiti del Reg. 852/2004 ALL.I Apicoltori che allevano api, producono prodotti edibili dell alveare per il commercio, effettuano prodotti composti o trasformati ( es. miele e nocciole, miele e pappa reale, idromele, miele in polvere) e/o commercializzano anche il miele altrui NON SONO PRODUTTORI PRIMARI DEVONO RISPETTARE i requisiti del Reg. 852/2004 ALL.II

20 ALL.I Reg.CE 852/2004 Requisiti generali in materia di igiene per la PRODUZIONE PRIMARIA e le operazioni associate Controllo delle CONTAMINAZIONI derivanti dall aria, acqua, suolo, dai mangimi, medicinali veterinari, dai prodotti fito sanitari e dai biocidi (disinfettanti) nonché dal magazzinaggio e dalla gestione dei rifiuti Applicazione di misure relative alla SALUTE e BENESSERE DEGLI ANIMALI PERTANTO

21 Reg.CE 852/2004 ALL.I Gestire le Contaminazioni significa: Fare una VALUTAZIONE dei PERICOLI relativi a tutto il processo produttivo, dall allevamento delle api fino alla commercializzazione del miele. Individuare le modalità di GESTIONE dei pericoli attraverso la stesura di PROCEDURE che costituiranno evidenza delle misure intraprese per tenere sotto CONTROLLO l attività. QUESTO E AUTOCONTROLLO anche se inteso in tutta la sua flessibilità L apicoltore può utilizzare anche i MANUALI DI CORRETTA PRASSI IGIENICA approvati dal Ministero (es. Coldiretti o Linee guida per l applicazione dell autocontrollo igienico sanitario nella produzione primaria di miele Regione Toscana/ Arsia DD 2169 del 12/05/2009)

22 Esempi di CONTROLLO delle CONTAMINAZIONI e misure di BENESSERE e SALUTE delle api: Gestione delle postazioni degli apiari e alveari: lontani da fonti di inquinamento, sollevate da terra, eliminazione delle famiglie morte, evitare i saccheggi ecc. Gestione dei materiali d uso, pulizia, manutenzione (cera, fumo, vernici usate ecc.) Rimozione e trasporto dei melari in modo da evitare la contaminazione dei favi con polveri, terra, gas di scarico dei mezzi ecc Gestione del farmaco veterinario: utilizzo di farmaci registrati, rispetto dei tempi di sospensione ecc. Controllo infestanti nei locali di smielatura e magazzinaggio ecc.

23 Reg CE.852/2004 ALL.I L Operatore (Apicoltore) deve adottare se del caso, misure adeguate per: PULIZIA e DISINFEZIONE -Attrezzi utilizzati per l allevamento -Attrezzi utilizzati per la smielatura, -Indumenti, ambienti di lavorazione e mezzi di trasporto, ecc. UTILIZZO DI ACQUA POTABILE -Per le operazioni di pulizia delle attrezzature e ambienti di lavorazione del miele PERSONALE addetto FORMATO e igienicamente IDONEO alle pratiche in mieleria Gestione dei RIFIUTI TRACCIABILITA di tutto ciò che entra a far parte della produzione e tutto ciò che esce come prodotto Tenuta delle REGISTRAZIONI

24 In particolare REGISTRARE AZIONE E DOCUMENTI Registrazione aziendale o Notifica COSA FARE Conservare copia del documento di Notifica Denuncia degli alveari Conservare copia della denuncia Acquisti (Tracciabilita ) Conservare i documenti di acquisto relativi a: sciami, api, regine, famiglie ecc. eventuali mangimi o farmaci Tenere il registro fornitori Vendite (Tracciabilita ) Registrazioni in allevamento (tracciabilita ) Insorgenza di malattie che possono incidere sulla sicurezza dei prodotti I risultati delle analisi effettuate su animali o altri campioni che abbiano rilevanza per la salute umana. Conservare i documenti relativi alla vendita (solo a imprese) di: sciami, regine, famiglie, ecc. eventuali mangimi prodotti miele, pappa reale, propoli e polline Tenere il registro clienti Tenere registro dei farmaci e indicare tutti i trattamenti sanitari operati in allevamento Se utilizzati tenere registro dei mangimi Conservare copia dei referti di analisi o verbali dei controlli veterinari

25 ALL.II Reg. CE 852/2004 Requisiti Generali in materia di igiene applicabili a tutti gli OSA (diversi da quelli di cui all ALL.I) Gli OSA se necessario adottano le seguenti misure igieniche specifiche: rispetto dei CRITERI MICROBIOLOGICI degli alimenti prodotti rispetto dei requisiti per il CONTROLLO delle TEMPERATURE e mantenimento della CATENA DEL FREDDO (PAPPA REALE) CAMPIONATURE e ANALISI GLI OSA predispongono, attuano, e mantengono una o più procedure basate sui principi HACCP

26 Reg.CE 852/2004 ALL.II Questo allegato prende inoltre in considerazione i REQUISITI GENERALI e SPECIFICI delle strutture dove si manipolano gli alimenti (CAP.I e II) LE STRUTTURE devono : consentire adeguata manutenzione, pulizie e disinfezione evitare l ingresso degli infestanti disporre di gabinetti e lavabi e se necessario di spogliatoi disporre di adeguata illuminazione gli impianti di scarico devono essere progettati e costruiti in modo da evitare contaminazioni i prodotti per la pulizia e disinfezione devono essere tenuti separati dagli alimenti I pavimenti, le pareti, le porte le finestre, i soffitti devono essere mantenuti in buone condizioni, costruiti con materiale resistente, non tossico, facile da pulire ecc.

27 Reg.CE 852/2004 ALL.II Ancora REQUISITI applicabili al TRASPORTO alle ATTREZZATURE al RIFORNIMENTO IDRICO alla GESTIONE RIFIUTI al CONFEZIONAMENTO e IMBALLAGGIO ai PRODOTTI ALIMENTARI all IGIENE DEL PERSONALE : ogni persona deve mantenere uno standard elevato di pulizia, indossare indumenti adeguati, puliti ecc. nessuna persona affetta da malattia o portatrice di malattia trasmissibile con gli alimenti... deve essere autorizzata a qualsiasi titolo a manipolare alimenti o a entrare a qualsiasi titolo nell area di trattamento degli alimenti

28 Reg.CE 852/2004 ALL.II Ancora REQUISITI applicabili alla FORMAZIONE R.Toscana DGR 559/2008 E NOTA PROT. Aoo- GRT/ /Q del 28/11/2008 PRODUZIONE PRIMARIA R.UMBRIA Delibera 1849 del 22/12/2008 integr. e modif. DGR 93/2008 Formazione del personale addetto alle imprese alimentari.. Nell ambito della Produzione Primaria i contenuti formativi si limitano a consentire le conoscenze di base della tracciabilità e delle norme igienico sanitarie relative alla filiera produttiva interessata. La diffusione di tali contenuti può essere effettuata con modalità e strumenti di carattere informativo si parla genericamente di seminari, incontri, proiezioni campagne di formaz./informazione promosse dalle organizz. professionali o da altri organismi competenti Pertanto nella produzione primaria la formazione non deve essere documentata ma soltanto verificata dagli operatori addetti al controllo. Solo nel caso di grave carenza sarà prescritta. La Regione Umbria prevede per la Produzione Primaria una formazione di base di 4 ore per la con aggiornamenti ogni 5 anni sempre della durata di 4 ore.

29 Per gli addetti alla manipolazione di prodotti complessi e/o trasformati o comunque per le ATTIVITÀ ESCLUSE DALLA PRODUZIONE PRIMARIA il percorso formativo prevede: REGIONE TOSCANA DGR 559/2008 Formazione del personale neoassunto entro 180 gg. dall inizio dell attività lavorativa da effettuare con una o più U.F. (di 4 ore ciascuna), in relazione alla mansione. Aggiornamento ogni 5 anni Addestramento annuale, all inizio dell attività lavorativa e al cambio di mansione REGIONE UMBRIA DGR 93/2008 e del. 1849/2008 Formazione del personale neoassunto entro 6 mesi con corsi di base di 12 ore Aggiornamenti ogni 3 anni di almeno 6 ore

30 Reg.CE 852/2004 Art. 6 NOTIFICA Ogni operatore notifica all opportuna autorità competente, secondo le modalità prescritte dalla stessa, ciascuno stabilimento posto sotto il suo controllo che esegua una qualsiasi delle fasi di produzione, trasformazione e distribuzione di alimenti ai fini della registrazione del suddetto stabilimento Pertanto GLI APICOLTORI che PRODUCONO e/o TRASFORMANO e/o DISTRIBUISCONO MIELE e gli altri prodotti dell alveare DEVONO REGISTRARSI IN CHE MODO?

31 Reg CE 852/2004 art.6 REGIONE TOSCANA L.R.T. 21/2009 art.4 comma 2 REGIONE UMBRIA D.D del 11/06/2010 proc. oper. applicazione DGR 791/2010 aggior. L.G. 852 e 853/2004 Specifica che l apicoltore che ha dichiarato in prima registrazione, il possesso e la consistenza dei propri alveari ai Servizi Veterinari ASL dove è residente o dove ha sede legale l impresa, NON E soggetto all obbligo di ulteriori notifiche (come previsto dal reg. 852/2004 e suo reg. di attuazione della R.T. 40/R /2006) IMPORTANTE: in questa prima dichiarazione deve essere specificato se l allevamento viene condotto per FINI DI AUTOCONSUMO O COMMERCIALI ( mod. A decreto RT n 6161/2009) La Regione Umbria non prevede nulla di particolare. Pertanto la produzione di miele per il commercio associata o meno a trasformazione o all acquisto di alimenti non direttamente prodotti, prevede l attivazione di DIA/SCIA

32 Reg.CE 852/2004 art.1 comma 2 lett. c) ESCLUSIONE DAL REG. 852/2004 La fornitura diretta di piccoli quantitativi di Prodotti Primari dal produttore al consumatore finale o a dettaglianti locali che forniscono direttamente il consumatore finale o a laboratori annessi agli esercizi di commercio al dettaglio o di somministrazione a livello locale Esempio: Apicoltore che produce miele per autoconsumo ma che in una annata particolarmente produttiva ha una quota da destinare alla vendita diretta

33 In conformità ai reg. 852/2004 e 853/2004,per FORNITURA DIRETTA DI PICCOLI QUANTITATIVI di PROD. PRIM. si deve intendere la CESSIONE OCCASIONALE e SU RICHIESTA del consumatore finale o titolari di esercizi di commercio al dettaglio o laboratori annessi agli esercizi di comm. al dettaglio AMBITO LOCALE è la Provincia in cui insiste l azienda ed il territorio delle Province contermini Per quanto riguarda la PICCOLA QUANTITA non è stato definito cosa si intende in apicoltura, mentre sono stati fissati dei parametri per altri alimenti quali carni avicunicole, la selvaggina (Regione Toscana)

34 Linee Guida Reg 852/2004 Accordo Stato/regioni del 29/04/2010 L esclusione dal campo di applicazione del regolamento e quindi dagli obblighi che esso comporta non esime l operatore dall applicazione, durante la sua attività delle regole base dell igiene e delle buone pratiche agricole al fine di ottenere un prodotto sicuro Il dettagliante che acquista prodotti da un produttore escluso dal campo di applicazione del Reg. 852/2004, ha l obbligo della rintracciabilità e si assume la responsabilità diretta sui prodotti che acquista e ha quindi l obbligo di mettere in atto le procedure di rintracciabilità in caso di allerta.

35 GRAZIE PER L ATTENZIONE

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I)

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Dr. Giovanni Formato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Il nuovo approccio per garantire la salubrità

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

LABORATORIO DI SMIELATURA CONSORTILE DI SIENA

LABORATORIO DI SMIELATURA CONSORTILE DI SIENA L Apicoltura Moderna in Pillole Venerdì 11 marzo 2011- Roma LABORATORIO DI SMIELATURA CONSORTILE DI SIENA UNA REALTA TOSCANA Serena Rocchi, veterinario libero professionista esperto apistico email: serena.rocchi@gmail.com

Dettagli

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo Seconda Sessione - L impatto sulla sicurezza alimentare: dall autocontrollo al controllo ufficiale PERCORSO FROM FARM TO FORK

Dettagli

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA'

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' Dr. Franco Ravagnan Integrate dalla Dr.a Piroska Sabbion ASL 8 Montebelluna. Az.U.L.S.S.16 Padova Padova 16 dicembre 2012 p.p.l. Progetti

Dettagli

REGISTRAZIONE DATI HACCP

REGISTRAZIONE DATI HACCP REGISTRAZIONE DATI HACCP REGISTRO NON CONFORMITA Data Prodotto Fornitore Quantità Motivo della non conformità Azione intrapresa Firma Operatore Questo registro serve per identificare ed allontanare la

Dettagli

Procedura per. Il rilascio della autorizzazione sanitaria temporanea ai laboratori di smielatura dei piccoli produttori

Procedura per. Il rilascio della autorizzazione sanitaria temporanea ai laboratori di smielatura dei piccoli produttori ASL TERAMO SERVIZIO VETERINARIO IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE E LORO DERIVATI DIRETTORE: DR. LEONARDO RICOTTI P.O.S. N. 017 Protocollo N. 2023_AG_42 Procedura per Il rilascio la autorizzazione

Dettagli

Linee guida applicative del Regolamento CE n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio sull igiene dei prodotti alimentari

Linee guida applicative del Regolamento CE n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio sull igiene dei prodotti alimentari Linee guida applicative del Regolamento CE n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio sull igiene dei prodotti alimentari Le presenti linee-guida, tenuto conto delle indicazioni di cui all accordo

Dettagli

Obblighi delle imprese oggetto di controlli effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (SIAPZ)

Obblighi delle imprese oggetto di controlli effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (SIAPZ) Obblighi delle imprese oggetto di controlli effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (SIAPZ) ALIMENTAZIONE ANIMALE L impresa (OSM) deve attenersi alle Audit D iniziativa,

Dettagli

Sanità e igiene della filiera apistica

Sanità e igiene della filiera apistica Sanità e igiene della filiera apistica La valutazione delle buone prassi nella raccolta, nella lavorazione e nella commercializzazione dei prodotti alimentari dell apicoltura. Boschi Massimo Pisa 28-29/11/2012

Dettagli

Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive. Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre. Thiene (VI), 8 novembre 2004

Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive. Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre. Thiene (VI), 8 novembre 2004 Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre Thiene (VI), 8 novembre 2004 Regolamento n.852/2004 del 29.04.2004 sull igiene dei prodotti alimentari

Dettagli

Qualità igienico-nutrizionale del pasto nella mensa scolastica CONVEGNO AGIDAE

Qualità igienico-nutrizionale del pasto nella mensa scolastica CONVEGNO AGIDAE Qualità igienico-nutrizionale del pasto nella mensa scolastica CONVEGNO AGIDAE Chianciano,, giugno 2008 dott. Alessandra Mauti - Dietista NUOVI MODELLI DI CONSUMO CRESCITA DELLA RISTORAZIONE EXTRADOMESTICA

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI

LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Le presenti linee-guida, predisposte in collaborazione con le Regioni

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

b) Requisiti strutturali generali Pavimenti

b) Requisiti strutturali generali Pavimenti Allegato 2 alla D.G.R. n 4-9933 del 3/11/2008 Indicazioni relative ai requisiti minimi per gli stabilimenti soggetti a riconoscimento ai sensi del Regolamento CE/853/2004 e per talune tipologie di impianti

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE E RINTRACCIABILITÀ Le norme per il settore

SICUREZZA ALIMENTARE E RINTRACCIABILITÀ Le norme per il settore SICUREZZA ALIMENTARE E RINTRACCIABILITÀ Le norme per il settore Sicurezza alimentare e rintracciabilità OBIETTIVO Presentazione delle novità introdotte dalla EU sulla sicurezza e dei prodotti alimentari.

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE

LA SICUREZZA ALIMENTARE LA SICUREZZA ALIMENTARE PERCHÉ UNA NUOVA LEGISLAZIONE IN MATERIA PRODOTTI ALIMENTARI? Le 14 Direttive e testi relativi che dal 1964 sono state emanate in tempi successivi in tema garantito la protezione

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

Le garanzie igieniche in apicoltura

Le garanzie igieniche in apicoltura RICONOSCERE E GESTIRE LE PATOLOGIE DELLE API NEL RISPETTO DELLA SICUREZZA DEI PRODOTTI DELL ALVEARE Le garanzie igieniche in apicoltura Prof. Carlo D Ascenzi Roma, 9 Ottobre 2013 Le garanzie igieniche

Dettagli

Modalità di controllo ufficiale nelle microimprese - 8 novembre 2013

Modalità di controllo ufficiale nelle microimprese - 8 novembre 2013 MODALITÀ DI CONTROLLO UFFICIALE NELLE MICROIMPRESE EMILIA ROMAGNA LIGURIA VALLE D AOSTA Procedure semplificate HACCP A. non svolgono alcuna attivitàdi preparazione, produzione o trasformazione di prodotti

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele)

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele) Ogni operatore del settore alimentare notifica Produzione primaria per uso domestico privato alimenti di Preparazione, manipolazione origine animale che esegua e conservazione domestica (eccetto di alimenti

Dettagli

Le strutture appaiono pulite, sottoposte a manutenzione e in buone

Le strutture appaiono pulite, sottoposte a manutenzione e in buone SERVIZIO VETERINARIO AREA B U.O.C. IGIENE ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE CHECK LIST M Regione Lazio Azienda U.S.L. RM/F Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario area b VIGILANZA NEGLI ESERCIZI AL

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI Maria, Grazia Cerulo Medico veterinario, Responsabile UO Veterinaria filiera lattiero casearia ASL Napoli 2 Nord EVOLUZIONE

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO L attività di audit del Laboratorio Chimico per la ristorazione scolastica LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre

Dettagli

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Premessa: Le indicazioni di seguito riportate non vogliono essere una aggiunta al complesso sistema di norme vigenti, ma uno strumento utile a chi vuole intraprendere e/o modificare significativamente

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA'

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' AREA DI COORDINAMENTO SANITA' SETTORE SANITA' PUBBLICA VETERINARIA. Dirigente Responsabile: Andrea Leto

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 07 RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO Copia conforme

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Proposta di Linee guida per l applicazione del Pacchetto Igiene nella produzione del miele e dei prodotti dell alveare. Premessa

Proposta di Linee guida per l applicazione del Pacchetto Igiene nella produzione del miele e dei prodotti dell alveare. Premessa Proposta di Linee guida per l applicazione del Pacchetto Igiene nella produzione del miele e dei prodotti dell alveare. Premessa L entrata in vigore della normativa europea relativa alla sicurezza alimentare,

Dettagli

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI Reg. (CE) n 183/2005 Requisiti per l igiene dei mangimi Reg. (CE) n 767/2009 Etichettatura dei mangimi Reg. (CE) n 178/2002 Procedure sulla sicurezza alimentare Reg. (CE) n 852/2004

Dettagli

NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA

NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.12.2010 N. 21-1278 PER I SEGUENTI

Dettagli

«Il LOCALE POLIFUNZIONALE» (D.G.R. 1286/2012)

«Il LOCALE POLIFUNZIONALE» (D.G.R. 1286/2012) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA SETTORE PREVENZIONE, SANITÀ PUBBLICA, FASCE DEBOLI, SICUREZZA ALIMENTARE E SANITÀ ANIMALE «Il LOCALE POLIFUNZIONALE» (D.G.R. 1286/2012) UN ESEMPIO DI SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

2. Requisiti della formazione rivolta agli OSA e agli alimentaristi

2. Requisiti della formazione rivolta agli OSA e agli alimentaristi FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI E DEGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) AI SENSI DELLA D.G.R. LIGURIA 29/06/2012 N. 793 1. Introduzione Un efficace formazione e un adeguato addestramento del personale

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con

Dettagli

MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE

MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE AZIENDA Sede legale: Comune Via e n Telefono fax e-mail 1^ Sede operativa: cod. stalla 2^ Sede operativa: cod. stalla Comune

Dettagli

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA Allegato A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA (in attuazione della L.R. n. 24/2003, art. 2 e dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004) 1 1. Premessa La formazione degli alimentaristi

Dettagli

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Corso Base Formazione/Informazione Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Provincia di Bologna Via Zamboni, 13 Bologna 30 Novembre

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI OBIETTIVI DELL AUTOCONTROLLO ALIMENTARE Applicando quanto previsto dal Reg. CE 852/04

Dettagli

1. Cucine agrituristiche, locali polivalenti e sale per la somministrazione... 2. 1.1. Requisiti generali... 3. 1.2. Servizi Igienici...

1. Cucine agrituristiche, locali polivalenti e sale per la somministrazione... 2. 1.1. Requisiti generali... 3. 1.2. Servizi Igienici... Allegato B Disposizioni sanitarie per l impresa multifunzionale agricola Allegato alla Delib.G.R. n. 32/4 del 31.5.2016 Sommario 1. Cucine agrituristiche, locali polivalenti e sale per la somministrazione...

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE UFFICIO II LINEA-GUIDA PER L ELABORAZIONE

Dettagli

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 IL PIANO DI AUTOCONTROLLO GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE PREDISPONGONO, ATTUANO E MANTENGONO UNA O PIÙ PROCEDURE PERMANENTI, BASATE SUI PRINCIPI DEL SISTEMA

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

Il controllo e l igiene degli alimenti: i principi generali. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare

Il controllo e l igiene degli alimenti: i principi generali. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare Il controllo e l igiene degli alimenti: i principi generali Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare Finalità La finalità del corso è quella di fornire ai farmacisti

Dettagli

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup. I MANGIMI MEDICATI Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.it 1 2 3 4 5 6 7 8 5. CONTROLLO DI QUALITÀ 5.1 esiste una persona

Dettagli

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi Coldiretti Validato dal Ministero della Salute a gennaio

Dettagli

Laboratorio di smielatura provinciale consortile

Laboratorio di smielatura provinciale consortile Laboratorio di smielatura provinciale consortile dell Amministrazione Provinciale di Siena Dott.ssa Serena Rocchi, veterinario, collaboratore presso: Amministrazione Provinciale di Siena Via Massetana

Dettagli

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive)

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) CON DECRETO Assessorato Regionale Sanità del 27/02/2008 sono state emanate le linee di indirizzo attuative del Regolamento CE n.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI 1 FINALITÀ DELL INTERVENTO: NUOVA ATTIVITÀ RISTRUTTURAZIONE ATTIVITÀ ESISTENTE RICONVERSIONE O AGGIUNTA TIPOLOGIA ATTIVITÀ ESISTENTE Trattasi

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge

Dettagli

Aspetti di sicurezza alimentare: manuali nazionali di corretta prassi operativa e piani di autocontrollo Carlo Donati

Aspetti di sicurezza alimentare: manuali nazionali di corretta prassi operativa e piani di autocontrollo Carlo Donati Aspetti di sicurezza alimentare: manuali nazionali di corretta prassi operativa e piani di autocontrollo Carlo Donati Ufficio II Igiene generale degli alimenti Roma CONTENUTO DELLA PRESENTAZIONE Organizzazione

Dettagli

PDL 239. Disposizioni per la trasformazione e il confezionamento di quantitativi minimi di prodotti agricoli

PDL 239. Disposizioni per la trasformazione e il confezionamento di quantitativi minimi di prodotti agricoli PDL 239 Disposizioni per la trasformazione e il confezionamento di quantitativi minimi di prodotti agricoli SOMMARIO Art. 1 - Obiettivi Art. 2 - Destinatari Art. 3 - Prodotti Art. 4 - Requisiti strutturali

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST Pag. 1 di 11 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

I requisiti del latte alimentare

I requisiti del latte alimentare I requisiti del latte alimentare Le disposizioni delle Linee Guida e della Misura 215. Progetto Qualità Latte Premessa A partire dal 1 gennaio 2006, sono in applicazione le disposizioni previste dai regolamenti

Dettagli

Disposizioni operative specifiche per l agriturismo

Disposizioni operative specifiche per l agriturismo giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 315 del 12 marzo 2013 pag. 1/6 Legge regionale 10 agosto 2012, n. 28 Disciplina dell agriturismo, ittiturismo e pesca turismo Disposizioni operative

Dettagli

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità Veterinaria e Sicurezza Alimentare Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Dettagli

L applicazione del pacchetto igiene nell industria alimentare. Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az.

L applicazione del pacchetto igiene nell industria alimentare. Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az. L applicazione del pacchetto igiene nell industria alimentare Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az.Ulss 12 Veneziana c è chi ha detto: In azienda il problema sarà risolto definitivamente

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 4 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina,

Dettagli

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ASL OLBIA (S.I.A.N.) SERVIZIO IGIENE E ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE (S.I.A.O.A.)

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2 Art. 1 REGOLAMENTO CORSI PER ALIMENTARISTI E OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (Decreto D.G. n. 1038 del 23 novembre 2009 Registro Decreti n. 21667 del 1.12.2009) I corsi mirano all istruzione, formazione

Dettagli

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti EUWEP ASSEMBLEA GENERALE 2010 VERONA, 4 GIUGNO Dr. Silvio Borrello Direttore Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, REGOLAMENTO (CE) N. 2076/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 dicembre 2005 che fissa disposizioni transitorie per l attuazione dei regolamenti del Parlamento europeo e del Consiglio (CE) n. 853/2004, (CE) n.

Dettagli

CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico

CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico S.A.T.A. La condizionalità negli allevamenti da latte CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico S.A.T.A.

Dettagli

RINTRACCIABILITA. nel SETTORE TACCHINI

RINTRACCIABILITA. nel SETTORE TACCHINI TRACCIABILITA e RINTRACCIABILITA nel SETTORE TACCHINI FILIERA TACCHINO Totale rintracciabilità del prodotto in ogni fase. Identificazione del tipo di alimentazione per Gruppo di animali (LOTTO Allevamento).

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA ALIMENTARE i doveri degli operatori e i compiti delle autorita. MANTOVA 11 giugno 2009

SISTEMA DI ALLERTA ALIMENTARE i doveri degli operatori e i compiti delle autorita. MANTOVA 11 giugno 2009 SISTEMA DI ALLERTA ALIMENTARE i doveri degli operatori e i compiti delle autorita MANTOVA 11 giugno 2009 REGOLAMENTO (CE) N. 178/2002 DEL 28.01.2002 Stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

GMP e HACCP. I principali rischi di aziende non certificate sono:

GMP e HACCP. I principali rischi di aziende non certificate sono: GMP e HACCP Tramite un accurata selezione dei fornitori, con molti anni di esperienza sul mercato farmaceutico e cosmetico, tutti i prodotti ESSENS possono esporre il certificato d origine GMP riconosciuto

Dettagli

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene GROSSETO CONSIDERAZIONI Il mantenimento e la promozione della salute dell'uomo sono strettamente connessi con le caratteristiche della sua alimentazione e con la qualità dell'ambiente in cui vive. Tra

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA.

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. OBIETTIVI DEL CORSO: Intervento di formazione per la certificazione di competenza

Dettagli

OGGETTO: Produzione mangimi medicati: misure per ridurre la contaminazione crociata

OGGETTO: Produzione mangimi medicati: misure per ridurre la contaminazione crociata Ministero della Salute Dipartimento per la sanità pubblica veterinaria, la nutrizione e al sicurezza degli alimenti Direzione Generale della sanità animale e del farmaco veterinario (ex Ufficio XI bis

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A:

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE SALUMI PER LA VENDITA AL CONSUMATORE FINALE PREMESSA

Dettagli