Elenco dei candidati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elenco dei candidati"

Transcript

1 ,67,787267$7$/(',,6758=,21(683(5,25( ³(15,&20$77(, &(59(7(5, (6$0,',67$72&21&/86,9,'(,&256,',678', ',,6758=,21(6(&21'$5,$683(5,25( '2&80(172 '(/&216,*/,2',&/$66( 9/ /,&(2/,1*8,67,&2 $1126&2/$67,&2 1

2 &217(1872 ¾ (OHQFRFDQGLGDWLHGDWLUHODWLYLDOODFDUULHUDVFRODVWLFD ¾ (OHQFRGRFHQWLHGDWLUHODWLYLDOODFRQWLQXLWjGLGDWWLFD ¾ 4XDGURRUDULRHGDWLUHODWLYLDOODIUHTXHQ]D ¾ /DVWRULDGHOODFODVVHHLUDSSRUWLFRQOHIDPLJOLH ¾ 2ELHWWLYLJHQHUDOLHSHUDUHHGLVFLSOLQDUL ¾ 6FKHGHLQIRUPDWLYHVXOODSURJUDPPD]LRQHPHWRGRORJLFRGLGDWWLFDUHODWLYDDOOH VHJXHQWLGLVFLSOLQH,WDOLDQR /DWLQR /LQJXDHOHWWHUDWXUDLQJOHVH /LQJXDHOHWWHUDWXUDIUDQFHVH /LQJXDHOHWWHUDWXUDVSDJQROD )LORVRILD 6WRULD 0DWHPDWLFD )LVLFD %LRORJLD 6WRULDGHOO DUWH (GXFD]LRQHILVLFD 5HOLJLRQH ¾ 0HWRGLHPH]]L ¾ /DYDOXWD]LRQHWLSRORJLHGHOOHSURYHRUDOLHVFULWWHVFKHPDGHLSDUDPHWULYDOXWDWLYL GHJOLRELHWWLYLFRJQLWLYLFULWHULHVWUXPHQWLGLYDOXWD]LRQHUHODWLYLDFRQRVFHQ]H FRPSHWHQ]HFDSDFLWj ¾ $WWLYLWjFXUULFRODULHGH[WUDFXUULFRODUL ¾ &ULWHULVHJXLWLSHUODSURJHWWD]LRQHVRPPLQLVWUD]LRQHHYDOXWD]LRQHGHOODWHU]D SURYDVFULWWDG HVDPH ¾ 6FKHGDLQIRUPDWLYDUHODWLYDDOODVLPXOD]LRQHGHOODWHU]DSURYD 6LDOOHJDQRDOSUHVHQWHGRFXPHQWRLTXHVLWLOHJULJOLHGLYDOXWD]LRQHHJOLHODERUDWLUHODWLYLDOOD VLPXOD]LRQHGHOODWHU]DSURYD 2

3 3UHVHQWD]LRQHGHOODFODVVH (OHQFRGHLFDQGLGDWLHGDWLUHODWLYLDOODFDUULHUDVFRODVWLFD Elenco dei candidati 1. Borgna Rebecca 2. Canu Francesca 3. Ciarletta Nadia 4. Crovella Noemi 5. Del Nonno Ester 6. Di Fluri Asia 7. Di Giuseppe Veronica 8. Fondate Alessandra 9. Fondate Simona 10. Frattari Valeria 11. Fumasoni Eleonora 12. Gargiulo Alessandra 13. Giorgi Martina 14. Lovardi Silvia 15. Lucarini Ilaria 16. Manzari Stefano 17. Marini Alessandra 18. Melone Beatrice 19. Mihai Georgiana 20. Pittei Beatrice 21. Podestà Elisa 22. Romano Valentina 23. Ruffo Luca 24. Sagripanti Simona 25. Salustri Francesca 26. Tacchetti Anastasia 27. Toufic Sara 28.Zanoboni Giada X= il candidato è presente nel gruppo classe; O = il candidato ha ripetuto l anno 3

4 Muru Renata &RPSRVL]LRQHGHO&RQVLJOLRGL&ODVVH (OHQFRGRFHQWL Italiano e Latino Ferrara Assuntina Inglese Cardile Floriana Francese Pellinghelli Silvia Spagnolo Fiorani Cristina Storia, Filosofia Sturiale Paola (sost. della Prof.ssa Lama M. Antonietta ) Danzet Monica Storia dell arte Matematica, Fisica Romeo Rita Biologia Galice Ilaria Educazione Fisica De Toffol Sandra Conversazione francese De Leon Eridania Mamolo Sabrina Conversazione spagnola Conversazione inglese Donati Angiolina Religione Amato Salvatore Sostegno alla classe 4

5 &RQWLQXLWjGLGDWWLFDQHOWULHQQLR $QQLGLFRUVR ITALIANO x x x LATINO x x x LINGUA E LETT. INGLESE x x x LINGUA E LETT.FRANCESE x x x LINGUA E LETT. SPAGNOLA x STORIA x FILOSOFIA x STORIA. DELL ARTE x x MATEMATICA x x x FISICA x x BIOLOGIA x x ED. FISICA x RELIGIONE x x x 48$'5225$5,2 2UHGLOH]LRQH Previste Effettuate (Fino a 30/4/13) ITALIANO LATINO LINGUA E LETT. INGLESE LINGUA E LETT. FRANCESE LINGUA E LETT. SPAGNOLA STORIA FILOSOFIA STORIA DELL ARTE MATEMATICA FISICA BIOLOGIA EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE 33 5

6 /$&/$66((/$68$6725,$ PROFILO DELLA CLASSE La classe è composta da 28 alunni (26 femmine e due maschi) ed è il risultato delle fusione di due classi avvenuto al terzo anno. In essa è presente un alunna diversamente abile che, pur essendo stata presente con continuità alle lezioni, per motivi vari si è integrata poco con i compagni. L alunna, seguita per alcune materie da un insegnante di sostegno, ha svolto in generale il programma della classe in quasi tutte le materie. Anche le verifiche sono state svolte sugli stessi argomenti anche se, in molti casi, con richieste semplificate. Riguardo l aspetto disciplinare, gli alunni si sono dimostrati corretti ed educati nei riguardi degli insegnanti e nei rapporti interpersonali in genere e la loro partecipazione alle attività proposte e alle lezioni si può considerare discreta, anche se a volte un po passiva, e non per tutti il lavoro a casa è stato produttivo. L atmosfera in classe è stata per lo più serena, anche se nell ultimo anno si sono notati comportamenti ansiosi soprattutto dal parte di alcuni alunni più emotivi. Lo svolgimento dei programmi ha subito alcuni rallentamenti in seguito ad interruzioni di vario tipo quali festività, attività e progetti che hanno coinvolto la classe. Anche l elevato numero di alunni ha influito sull attività didattica in generale, data la quantità di tempo necessario per effettuare le richieste verifiche orali e per la correzione ed il commento in classe di quelle scritte. Nel corso del triennio è mancata la continuità nell insegnamento di alcune materie, ma ciò non ha causato particolari problemi alla classe che ha affrontato i cambiamenti con maturità e impegno. Dal punto di vista didattico è possibile individuare nella classe alcune fasce di livello per quanto attiene a conoscenze, competenze e capacità. Alcuni alunni hanno raggiunto una preparazione buona, avendo sempre dedicato impegno e cura al lavoro scolastico che hanno arricchito grazie alla curiosità intellettuale, agli interessi, non limitati agli argomenti scolastici, e alle personali capacità. Questi alunni si sono sempre dimostrati puntuali e responsabili nello svolgimento del lavoro a casa ed hanno raggiunto un buon grado di autonomia nel lavoro intellettuale. Un secondo gruppo è formato da alunni che, pur presentando all inizio del percorso didattico difficoltà, riguardanti soprattutto il metodo di studio, e alcune lacune pregresse, sono riusciti con notevole impegno e volontà a migliorare i propri livelli di apprendimento, conseguendo una preparazione da sufficiente a discreta. Un ultimo gruppo ha avuto maggiori difficoltà a raggiungere livelli mediamente sufficienti di preparazione, principalmente a causa di un impegno quasi sempre superficiale e discontinuo, ma anche per difficoltà personali nell affrontare lo studio in modo via via più approfondito e consapevole. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE I colloqui con le famiglie si sono svolti sia come: ricevimenti individuali, durante la mattina, sia come colloqui pomeridiani, uno alla fine del primo periodo, l altro alla metà del secondo periodo. In entrambi i casi si è avuta si è avuta la partecipazione puntuale di alcuni genitori, mentre altri sono stati molto meno presenti. Il docente coordinatore 6

7 2%,(77,9,*(1(5$/,'(),1,7,'$/&216,*/,2',&/$66( Obiettivi formativi x Educazione al rapporto rispettoso e leale con gli altri x Accettazione di sé in relazione agli altri x Educazione alla solidarietà, disponibilità allo scambio x Rispetto dell ambiente e delle regole della vita scolastica Obiettivi cognitivi e didattici x Comprensione del valore strumentale dell apprendimento x Padronanza del patrimonio lessicale e strutturale come strumento per la comprensione e l interpretazione dei contenuti disciplinari x Capacità di analizzare logicamente e criticamente i contenuti per effettuare gli opportuni collegamenti disciplinari x Capacità di individuare e analizzare i termini di un problema per proporre soluzioni diversificate x Capacità di programmare lo studio e di rispettare le scadenze 7

8 2ELHWWLYLSHUDUHHGLVFLSOLQDUL $UHDOLQJXLVWLFRXPDQLVWLFD &RQRVFHQ]H ¾ Conoscenze dei contenuti fondamentali di ogni singola disciplina ¾ Conoscenza critica di un prodotto letterario, di un pensiero filosofico e di un arte figurativa, anche per evidenziare i rapporti con il contesto culturale e storico dei periodi in esame ¾ Conoscere la distinzione ed i legami imprescindibili tra filosofia, scienza ed altre forme di attività del pensiero umano ¾ Conoscenza delle strutture e dei meccanismi linguistici che operano ai diversi livelli: testuale, lessicale, morfosintattico, fonetico ed ortografico &RPSHWHQ]H ¾ Acquisire competenze linguistiche e comunicative ¾ Saper analizzare, confrontare testi e brani non solo nei loro aspetti contenutistici ma anche in quelli formali ¾ Saper effettuare un analisi comparativa della propria lingua e della propria cultura con le lingue straniere e con il patrimonio culturale, cogliendo diversità ed analogie ¾ Saper comprendere il cambiamento, poiché ogni lingua riflette le modificazioni culturali della comunità che la usa ¾ Saper utilizzare la terminologia appropriata alle singole discipline &DSDFLWj ¾ Capacità di contestualizzare e storicizzare periodi, avvenimenti, persone, temi e problemi ¾ Capacità di pensare per modelli diversi e di individuare alternative possibili, anche in rapporto alla richiesta di capacità critiche da sviluppare ¾ Capacità di collegare la realtà contemporanea con altre culture, ambiti storici, sociali, politici ed istituzionali ¾ Sviluppare capacità critiche, di analisi, di sintesi e di rielaborazione ¾ Capacità di confrontare in un quadro interdisciplinare temi ed idee $UHDVFLHQWLILFD &RQRVFHQ]H ¾ Conoscere i contenuti fondamentali delle diverse materie ¾ Conoscere tecniche e procedure di svolgimento del calcolo formale e numerico ¾ Conoscere principi, teorie, modelli e linguaggi ¾ Conoscere i procedimenti dell indagine sperimentale, le sue potenzialità ed i suoi limiti 8

9 &RPSHWHQ]H ¾ Saper organizzare il proprio lavoro in forma logica, chiara, sintetica e precisa ¾ Esporre e scrivere con uso appropriato dei termini propri del linguaggio scientifico &DSDFLWj ¾ Sviluppare capacità logiche-intuitive, di astrazione, di analisi, di sintesi, di ricerca e di osservazione ¾ Capacità di rilevare, elaborare, analizzare ed interpretare dati ¾ Capacità di saper correlare gli argomenti in modo interdisciplinare (GXFD]LRQHILVLFD ¾ Conoscere il proprio corpo ¾ Consapevolezza dei propri mezzi anche attraverso la scoperta delle attitudini personali ¾ Capacità di interagire, integrarsi e comunicare 9

10 5(/$=,21,(352*5$00$=,21, RELAZIONE FINALE Classe: V Sez: L Linguistico Materie: Italiano E Latino Docente: Renata Muru La classe attuale, formata da 26 femmine e 2 maschi, è il risultato dell unione, avvenuto al terzo anno, di due classi diverse a cui si sono unite tra il quarto e il quinto anno altre tre alunne. E presente un alunna diversamente abile che però, per motivi vari tra cui un carattere particolarmente timido, non si è mai integrata realmente. E una classe che, in generale, risulta abbastanza affiatata, anche se permangono alcune differenze di vedute tra i due gruppi di diversa provenienza. Tutti gli alunni sono educati e rispettosi, corretti nei rapporti con l insegnante e tra loro e, nel corso degli anni, hanno mostrato una notevole evoluzione rispetto alla maturazione e alla crescita personale. Gli alunni hanno partecipato alle lezioni in modo responsabile e attento e, anche se, per motivi caratteriali, non sempre sono stati molto propositivi, tuttavia hanno sempre mostrato interesse per le materie che hanno affrontato con viva curiosità. Lo svolgimento dei programmi ha subito alcuni rallentamenti in concomitanza con interruzioni di vario tipo quali festività, attività e progetti che hanno coinvolto alunni, classi o l intero Istituto. I risultati finali sono, nel complesso, soddisfacenti: un gruppo di alunni ha raggiunto un buon livello di preparazione globale, affinando e ampliando conoscenze e competenze e raggiungendo una discreta capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari. Un secondo gruppo, partito da basi meno salde, ha tuttavia lavorato con interesse e impegno e raggiunge risultati da sufficiente e a discreto. Un ultimo gruppo di alunni, malgrado le continue sollecitazioni da parte dell insegnante, ha mostrato interesse superficiale e impegno discontinuo, con risultati finali poco soddisfacenti. Le verifiche scritte sono state cinque, secondo le tipologie previste per l Esame di Stato, e quelle orali sono state frequenti, sia in itinere che sommative. Il ripasso è stato costante e continuo, con lezioni dedicate al ripasso e all approfondimento di argomenti e con esercitazioni continue sulle tipologie di testo richieste dall esame. Le lezioni sono state di tipo frontale e durante l anno una delle ore settimanali di italiano, che si è svolta in compresenza con l insegnante di storia, ha permesso di approfondire il periodo storico del primo 900, in cui si colloca buona parte del programma di letteratura italiana. L insegnante 10

11 Programma svolto Italiano Classe 5 L Docente: Renata Muru 7HRULDGHOODOHWWHUDWXUD. La seconda metà del Settecento: quadro storico (ripasso: l età dell Illuminismo;Il Neoclassicismo. Il Preromanticismo; L età del Romanticismo: quadro storico e culturale Il Romanticismo: la nascita, i rapporti con l illuminismo ed il classicismo, le idee portanti. Il Romanticismo in Italia: l articolo di M.me de Stael. La poesia e il romanzo storico. A. Manzoni: vita e opere. L intellettuale cattolico e liberale; la religiosità e il problema del male. Il romanzo storico: la genesi, l ambientazione; la scelta degli umili; il problema della lingua; la condanna della creatività artistica. G. Leopardi: vita e opere: l intellettuale e il suo tempo; il rifiuto dei miti romantici;; Il pessimismo storico e cosmico ; la solidarietà umana unica arma contro la Natura; la teoria del piacere. L età post-unitaria: quadro storico e culturale. Positivismo e naturalismo in Italia La Scapigliatura G. Verga: vita e opere. Le idee e la formazione della poetica verista; le tecniche narrative e stilistiche; il ciclo dei vinti. Il Simbolismo ed il Decadentismo G. Pascoli: vita e opere. La poetica del fanciullino; il nido, la siepe, la natura e il mondo; il simbolismo; la prosa politica. G. D annunzio: vita e opere. L intellettuale e la comunicazione di massa. Le idee: il superuomo, il modello della borghesia, l evoluzione dell eroe; il culto del vitalismo. L età giolittiana e della 1 guerra mondiale: quadro storico. L. Pirandello: vita e opere. L umorismo e l impossibilità di conoscere la realtà. 7HVWLDQDOL]]DWL Manzoni: /HWWHUDDO6LJQRU&KDXYHW.). Odi civili:,oflqtxh0djjlr, - Leopardi: Canti:,OSDVVHURVROLWDULR/ LQILQLWR/DVHUDGHOGuGLIHVWD$6LOYLD/DJLQHVWUD«Operette morali: 'LDORJRGHOOD1DWXUDHGLXQ,VODQGHVH'LDORJRGL)5X\VFKHGHOOHVXHPXPPLH,OFDQWLFRGHOJDOORVLOYHVWUH'LDORJRGLWULVWDQRHGLXQDPLFR Zibaldone: Il SLDFHUHGHOO LQGHILQLWRSULPDGHOLOSLDFHUHGHOO LQILQLWROXJOLROD VLWXD]LRQHSRHWLFDGHOO LQILQLWR (1 agosto 1821) E. Praga: Penombre: ³3UHOXGLR U. Tarchetti0HPHQWR Verga: Vita dei campi: 3UHID]LRQHD³/ DPDQWHGL*UDPLJQD ; L amante di gramigna5rvvr 0DOSHOR/DOXSD)DQWDVWLFKHULD/DURED I Malavoglia: / DGGLRGLµ1WRQL Mastro DonGesualdo/DQRWWHDOOD&DQ]LULD Pascoli: Myricae: $UDQR,l lampo; Il tuono; Novembre Canti di Castelvecchio:,OJHOVRPLQRQRWWXUQR: 11

12 Il fanciullino:,oidqflxoolqrqlqwxwwl D Annunzio: Il piacere: (I,1) $QGUHD6SHUHOOL, L innocente: O DJRQLD Alcyone:/DVHUDILHVRODQD/DSLRJJLDQHOSLQHWR. Parole chiave del primo 900: la psicanalisi Pirandello: L umorismo: OHIRUPHHLOIOXVVRGHOODYLWD (II, 5). Il fu Mattia Pascal: /RVWUDSSR (XII)). Sei personaggi : Non sono noi 'LYLQDFRPPHGLD. IO3DUDGLVR: la struttura del Paradiso: la vera sede dei beati e la loro distribuzione; originalità del paradiso: narrazione e dottrina; il realismo metafisico del Paradiso: la luce; il tema dell ineffabile; i caratteri artistici del Paradiso. Lettura, analisi e contestualizzazione dei canti: I, III, VI, XI, XV, XVII, XX, Sintesi del contenuto degli altri canti. 7LSRORJLHWHVWXDOLRipasso, attraverso esercizi in classe e casa, delle varie tipologie testuali con particolare riferimento a quelle richieste nelle prove dell esame di stato: analisi del testo narrativo, analisi del testo poetico; il testo argomentativo, il saggio breve, l articolo di giornale. Programma di cui si prevede lo svolgimento dopo il 15 maggio: Italo Svevo Cenni sui movimenti culturali del primo Novecento: Futurismo e poesia crepuscolare, ; cenni su vita e opere di Ungaretti, Saba e Montale Dante, 'LYLQD&RPPHGLD, Canti XXIV, XXX e XXXIII Ore di compresenza : l ora settimanale di compresenza tra Italiano e Storia è stata i utilizzata per effettuare approfondimenti della parte di programma relativa al periodo del primo 900. Testi in adozione: De Caprio, Progetto Letteratura, Einaudi scuola, 2003 Cataldi-Luperini, Antologia della Divina Commedia, Le Monnier,2003 Cerveteri, L insegnante Gli alunni 12

13 ,67,787267$7$/(,6758=,21(683(5,25( ENRICO MATTEI CERVETERI Programma svolto Latino Classe: 5 Sez. L Insegnante: Renata Muru /HWWHUDWXUD Riepilogo degli ultimi argomenti svolti nel precedente anno scolastico; Dall età giulio-claudia alla tarda antichità: quadro storico; vita e opere dei seguenti autori: Plinio; Seneca; Persio; Lucano; Petronio; Quintiliano; Marziale; Plinio il giovane; Tacito; Giovenale; Svetonio; Apuleio; la letteratura cristiana; Agostino. I generi letterari: il romanzo; la satira; l orazione; l epigramma.. 7HVWLDQDOL]]DWL Seneca, $G/XFLOLXP: Schiavitù e dignità dell uomo (47); Persio: Il prologo (&KROLDPEL, 6DWLUH ( III, vv. 1-31) il giovin signore Lucano: %HOOXPFLYLOH,L evocazione dei morti,( VI, vv681755); Cesare davanti alla testa di Pompeo (IX, vv ) Petronio:Satyricon: (34 )Il carpe diem di Trimalchione;( ) La matrona di Efeso; (97) Gitone sotto il letto; Quintiliano: Institutio oratoria II, 2, 1-53) l insegnante ideale Marziale: (SLJUDPPL I, 4, Poesia lasciva, vita onesta. ; III, 43, Non si inganna Proserpina; X, 72, Ritrattazione; De Spectaculis, 2, Roma restituita e a se stessa; Plinio il giovane Epistole : (VIII, 8) Le fonti del Clitumno; X, 96, 97,: Il problema dei cristiani: Tacito; L assassinio di Britannico;La fine di Messalina:, L incendio di Roma XV, 39-40; 44); Giovenale: Satire, Via da Roma (III, vv ); Le donne (VI)) Apuleio: La preghiera ad Iside (XI, 1-6) La Letteratura del II secolo e la letteratura cristiana Atti dei Martiri: i martiri scilitani Agostino: Confessioni, II, Il furto delle pere. 3URJUDPPDGLFXLVLSUHYHGHORVYROJLPHQWRGRSRLOPDJJLR: Seneca: brani dalle (SLVWROH Tacito: brani dagli $QQDOHV Apuleio: brani da /HPHWDPRUIRVL Testo usato:l. Canali: &DPHQDEinaudi Scuola L insegnante 13

14 LINGUA E CIVILTA INGLESE RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE MATERIA D INSEGNAMENTO: /,1*8$(&,9,/7$,1*/(6( &/$66(96(=/ DOCENTE: PROF.ssa ASSUNTINA FERRARA In questo ultimo anno di corso ci si è posti l obiettivo di guidare gli studenti verso una maggiore autonomia nell uso della lingua straniera e il consolidamento del proprio metodo di studio, per l apprendimento di contenuti di carattere letterario, storico e più ampiamente culturale. In particolare si sono letti, analizzati e interpretati testi letterari, con riferimento ad una pluralità di generi, quali il racconto, il romanzo, la poesia e il testo teatrale, relativi ad autori particolarmente rappresentativi della tradizione letteraria in lingua inglese dall età Vittoriana all epoca Contemporanea, mettendoli in relazione tra loro e con i diversi contesti storico-sociali. La classe, che seguo dal terzo anno, ha risposto nel complesso abbastanza positivamente alle richieste cognitive e formative, anche se non in modo omogeneo e continuo. Gli obiettivi specifici sono stati raggiunti da una buona parte degli studenti, sebbene con esiti diversificati in base alle capacità e al metodo di lavoro. Il quadro globale della classe risulta sufficientemente positivo dal punto di vista dell impegno e del profitto, ma si diversifica tuttavia in fasce per quanto riguarda gli esiti relativi agli obiettivi specifici, raggiungendo anche buoni risultati in riferimento sia alla conoscenza contenutistica dei singoli argomenti sia al potenziamento delle competenze espositive tramite l utilizzo di strumenti lessicali e sintattici adeguati, nello scritto e nell orale. Una buona parte degli studenti si è distinta per il senso di responsabilità, il metodo e la costanza nel lavoro individuale e scolastico. Dotati di senso critico e capacità di rielaborazione personale, di interessi ampi e ottime capacità analitiche, questi ragazzi hanno compiuto un solido percorso formativo. Come è naturale, tuttavia, un secondo gruppo di allievi non ha potuto tenere il passo: essi hanno mostrato minore talento per la lingua inglese e qualche difficoltà nell espressione linguistica in generale, ma hanno cercato di compensare queste debolezze con lo studio e la buona volontà, anche se in maniera disuguale, non sempre costante ed efficace, in tempi e forme diverse. Vi sono, infine, degli alunni che, a causa di una frequenza molto irregolare ma anche di un impegno discontinuo, approssimativo e sostanzialmente non adeguato a recuperare le lacune progressivamente accumulate, non sono ancora riusciti a raggiungere nella disciplina gli obiettivi stabiliti. In conclusione va tuttavia sottolineato che l eccessiva irregolarità nella presenza in classe, determinata da continue e numerosissime assenze e uscite anticipate, alla lunga ha finito con l avere una ricaduta negativa su tutta la classe determinando nella disciplina il rallentamento del piano programmatico ed una riduzione del tempo a disposizione per il recupero e sostegno in itinere. Il rapporto con le famiglie è stato diversificato: a fronte di genitori che partecipavano ai colloqui numerose volte nell arco dell anno scolastico ce ne sono stati altri che non si sono mai presentati. / LQVHJQDQWH 3URIVVD$VVXQWLQD)HUUDUD 14

15 LINGUA E CIVILTA INGLESE RELAZIONE METODOLOGICA DIDATTICA MATERIA D INSEGNAMENTO: /,1*8$(&,9,/7$,1*/(6( &/$66(96(=/ DOCENTE: PROF.ssa ASSUNTINA FERRARA 7HVWRLQDGR]LRQH Texts: 2QO\&RQQHFW1HZ'LUHFWLRQV7KH1LQHWHHQWK&HQWXU\H2QO\&RQQHFW«1HZ 'LUHFWLRQV7KH7ZHQWLHWK&HQWXU\ Marina Spiazzi e Marina Tavella - Zanichelli )LQDOLWjHGRELHWWLYLJHQHUDOL L insegnamento della lingua straniera tende a contribuire, in armonia con le altre discipline, allo sviluppo delle facoltà espressive, logiche, creative e critiche dello studente, nonché all acquisizione della competenza comunicativa in lingua straniera, anche nelle sue componenti paralinguistiche ed extralinguistiche. Gli obiettivi sono quindi pensati sia in termini di reale competenza linguistica che in termini di conoscenza di civiltà comparate, per il raggiungimento di una corrispondente formazione personale atta ad inserire lo studente in potenziali realtà socio-culturali diverse. 2ELHWWLYLVSHFLILFL Al termine del triennio, l alunno dovrà aver acquisito le competenze linguistiche di comunicazione relazionale atte a metterlo in grado di: x Rafforzare le capacità di comprensione della lingua parlata, attraverso una varietà di messaggi orali, in diversi contesti e attraverso vari canali x Confermare rapporti interpersonali, attraverso una conversazione funzionale al contesto e rispetto a situazioni di comunicazione x Possedere un lessico fluente ed appropriato, curando anche una corretta pronuncia e intonazione, per parlare e rispondere correttamente x Leggere e comprendere testi scritti, elaborando i significati, usando un lessico appropriato anche mediante l uso costante di sinonimi x Raccogliere e sintetizzare informazioni x Familiarizzare con i termini letterari x Produrre correttamente testi scritti con lessico adeguato x Riconoscere i generi testuali e, al loro interno, riconoscere gli elementi che li caratterizzano x Comprendere, analizzare ed interpretare testi letterari 2ELHWWLYLUDJJLXQWLLQUHOD]LRQHDOOH &RQRVFHQ]H Il livello medio raggiunto dalla classe è discreto anche se va segnalata una disomogeneità di conoscenze da parte degli studenti. Bisogna tuttavia evidenziare che alcuni di loro hanno raggiunto un buon livello di conoscenze grazie all impegno assiduo e critico dimostrato nel corso dell anno scolastico. &RPSHWHQ]H La classe ha dimostrato di possedere una discreta competenza linguistica essendo in grado di utilizzare la lingua in modo essenziale ma pertinente. Un gruppo di alunni ha dimostrato di avere un buon bagaglio lessicale e si esprime in modo corretto e disinvolto. Alcuni di loro si sono impegnati frequentando lezioni pomeridiane per il conseguimento della Certificazione Cambridge FCE (livello B2) ed alcuni hanno conseguito il Cambridge First Certificate in English (FCE) durante il terzo e quarto anno. &DSDFLWjMediamente gli alunni hanno dimostrato di aver raggiunto un livello sufficiente per quanto riguarda la capacità di analizzare un testo e rielaborarlo in modo autonomo sia nella forma 15

16 scritta che orale, pur se con errori che non pregiudicano la comprensione. Va evidenziato che alcuni alunni hanno raggiunto un buon livello di capacità organizzativa del contenuto e di esposizione anche con spunti critici.,qglfd]lrqlphwrgrorjlfkhhgrujdql]]d]lrqhghoodglgdwwlfd Nell impostare l iter didattico, si è cercato di tenere nella giusta considerazione i bisogni di ognuno, le abilità e le capacità specifiche. Per il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento non si è fatto uso di un solo metodo ma si è preferito un approccio integrato a seconda del tipo di lavoro da portare avanti. Lo studio della letteratura inglese è stato proposto attraverso l analisi testuale; non è richiesta la traduzione letteraria, tecnica di un altro approccio, bensi la comprensione del testo, osservando il fenomeno letterario con spirito scientifico per giungere, attraverso specifiche operazioni linguistiche, alla sua conoscenza e collocazione in un preciso ambito di genere, di evoluzione letteraria, di epoca storica, favorendo collegamenti e confronti. I contenuti sono stati presentati in una scansione modulare corrispondente ai tre periodi letterari: The Victorian Age, The Modern Age,The Present Age. E stata privilegiata la scelta di testi di prosa, ma sono stati analizzati testi di poesia e di teatro anche, che sono sempre stati trattati sia riguardo al contenuto sia riguardo all analisi dei singoli personaggi dell opera ed alle possibili interrelazioni fra di loro e personaggi di opere simili di altri autori per consentire agli studenti di riconoscere con maggior chiarezza le caratteristiche dei diversi ambiti. All interno di ciascun modulo si è ritenuto opportuno seguire lo sviluppo cronologico, inserendo i vari autori e le varie tecniche di espressione nei contesti europei, con riferimenti alle letterature degli altri paesi, ai movimenti filosofici, alla scienza ed all arte. La scelta di non abbandonare, pur nell ambito dei moduli, un impianto cronologico è stata dettata dall esigenza di fornire agli studenti un solido quadro di riferimento. 6WUXPHQWL x Libro di testo x Fotocopie ed appunti forniti dall insegnante x CD Audio e Videoregistratore / DVD 0RGDOLWj x Lezioni frontali in lingua inglese: le lezioni sono state principalmente di tipo induttivo e si sono svolte in lingua inglese, proprio per permettere quella consuetudine all uso della L2 che è indispensabile per promuovere consapevolezza ed autonomia espositiva. x Sono stati attivati frequenti momenti di interazione didattica, di discussione in classe, su argomenti e contenuti di tipo letterario e non. x Approfondimento: lavoro autonomo a casa utilizzando, oltre al libro di testo, anche materiale fornito dal docente. 0RGDOLWjGLYDOXWD]LRQH Per quanto riguarda la valutazione sommativa ci si è valsi di verifiche scritte ed orali. Le verifiche scritte sono state di tipo oggettivo e soggettivo e secondo le tipologie A (Trattazione sintetica di argomenti) e B (Quesiti a risposta singola) della Terza prova. I descrittori e punteggi delle prove scritte sono stati: Descrittori: Padronanza del codice linguistico (Grammatica Vocabolario) Conoscenze e competenze riferite agli argomenti proposti Capacità di sintesi e collegamento Punteggi: Grammatica vocabolario 4 punti Conoscenze e competenze 8 punti Capacità di collegamento e sintesi 3 punti Totale: 15 punti Secondo quanto stabilito dal Dipartimento di Lingue Straniere. Le verifiche orali, di tipo piuttosto tradizionale, hanno previsto il colloquio in L2 sui temi trattati, da cui si evincano conoscenze specifiche del fatto storico, del contesto socio-economico, 16

17 eventualmente della geografia del paese anglofono, nonché dell autore e delle caratteristiche filosofiche e formali della sua produzione letteraria, ma soprattutto si è valutato la capacità critica dell allievo di scomporre il testo nelle sue parti costitutive, di comprenderlo nella sua relazione con la cultura che l ha prodotto e di paragonarlo ad altri testi della stessa o di altre epoche. Le prove orali hanno tenuto conto dei seguenti descrittori: Descrittori: Conoscenza degli argomenti trattati Rielaborazione personale, capacità di sintesi e critica Fluidità e competenza comunicativa Correttezza sintattico-grammaticale Secondo quanto stabilito dal Dipartimento di Lingue Straniere. Per la valutazione sono stati considerati i seguenti criteri:,qvxiilflhqwh0hglrfuh conoscenza superficiale e frammentaria di contenuti ed esposizione incerta e poco corretta. 6XIILFLHQWH conoscenza completa ma non approfondita dei contenuti, esposizione semplice ma chiara e abbastanza corretta. 'LVFUHWR±conoscenza completa dei contenuti, esposizione corretta con varietà di lessico. %XRQR2WWLPR±conoscenza completa approfondita, riproduzione corretta, coordinata, ampliata e personale. 7HPSLTre ore settimanali di insegnamento, tra cui un ora in compresenza con l insegnante di Conversazione in Lingua Inglese. 352*5$00$692/72ILQRDOPDJJLR $5*20(17, Dal libro di testo: 2QO\&RQQHFW1HZ'LUHFWLRQV7KH1LQHWHHQWK&HQWXU\ Marina Spiazzi e Marina Tavella Zanichelli 0RGXOH7KH9LFWRULDQ$JH(da Settembre a Dicembre) 7KH+LVWRULFDODQG6RFLDOFRQWH[W 9.1 The early Victorian Age 9.2 The later years of Queen Victoria s reign 9.3 The American Civil War and the settlement in the West 7KH:RUOG3LFWXUH 9.4 The Victorian Compromise 9.5 The Victorian frame of mind The Arguments For and Against Imperialism ( From New Literary Links ) 7KH/LWHUDU\&RQWH[W 9.6 The Victorian novel 9.7 Types of novels Fiction 8: The industrial setting 9.9 Aestheticism and Decadence $XWKRUVDQGWH[WV &KDUOHV'LFNHQV 2OLYHU7ZLVW: Extract t902olyhuzdqwvvrphpruh and visual analysis +DUG7LPHV Extract from New Literary Links - $0DQRI5HDOLWLHVand guided comprehension Extract t95 - &RNHWRZQ(from line 4 to 23) and guided comprehension (photocopy) (PLO\%URQWH :XWKHULQJ+HLJKWVExtract t98 &DWKHULQH V5HVROXWLRQ and visual analysis 17

18 2VFDU:LOGH 7KH3LFWXUHRI'RULDQ*UD\: Extract %DVLO VVWXGLR and guided comprehension Dal libro di testo: 2QO\&RQQHFW1HZ'LUHFWLRQV7KH7ZHQWLHWK&HQWXU\ Marina Spiazzi e Marina Tavella Zanichelli 0RGXOH7KH0RGHUQ$JH(da Gennaio ad Aprile) 7KH+LVWRULFDODQG6RFLDO&RQWH[W 10.1 The Edwardian Age 10.2 Britain and World War I 10.3 The Twenties and the Thirties 10.4 The second World War 7KH:RUOG3LFWXUH 10.6 The age of anxiety 7KH/LWHUDU\&RQWH[W 10.7 Modernism 10.8 Modern Poetry Poetry 6: Free verse 10.9 The Modern Novel Fiction 10: The interior monologue $XWKRUVDQGWH[WV 7KH:DU3RHWV:2ZHQ±'XOFHHWGHRUXPHVWand visual analysis 7KRPDV6WHDUQV(OLRW 7KH:DVWH/DQG t139-7kh%xuldoriwkhghdg and visual analysis -DPHV-R\FH 'XEOLQHUVt162 (YHOLQH and visual analysis From 7KH'HDGt163 6KHZDVIDVWDVOHHSand visual analysis 9LUJLQLD:RROI 0UV'DOORZD\t167 &ODULVVDDQG6HSWLPXV and visual analysis 0RGXOH7KH3UHVHQW$JH(Da Aprile a Giugno) 7KH+LVWRULFDODQG6RFLDO&RQWH[W 11.1 The Welfare State 11.2 Paths to Freedom 11.3 The time of troubles 11.4 The Thatcher years 11.5 From Blair to the Present Day 7KH:RUOG3LFWXUH 11.7 The Cultural Revolution Dossier: Youth culture and street style in Britain Reading FCE and Listening FCE 7KH/LWHUDU\&RQWH[W Post-War Drama 352*5$00$'$692/*(5('232,/0$**,2 $XWKRUVDQGWH[WV 6DPXHO%HFNHWW :DLWLQJIRU*RGRW t205 :H OOFRPHEDFNWRPRUURZ and visual analysis t206 :DLWLQJ and text analysis -RKQ2VERUQH 18

19 /RRNEDFNLQ$QJHUt208 %RULQJ6XQGD\V and visual anlaysis Compare and contrast: Absurd vs Anger Dal libro di testo: 1HZ(QJOLVK)LOH±8SSHU,QWHUPHGLDWH Clive Oxenden and C.Lathan-Koenig Oxford ( Da settembre a maggio) From Unit 2 to Unit 4: Reading, Writing, Listening and Speaking activities. Revision and introduction of new Grammar Structures. Vocabulary Bank. Phrasal verbs in context (lezioni svolte in compresenza con l insegnante di Inglese Conversazione 1 ora a settimana) L insegnante Prof.ssa Assuntina Ferrara 19

20 /,1*8$)5$1&(6( Relazione finale Classe VL A. S. 2012/2013 La classe costituita da 28 elementi si scompone in diversi gruppi associativi che scaturiscono da metodologie di studio differenti e dipendenti dalla loro personalità e dalla loro consapevolezza culturale. Tuttavia la classe appare globalmente affiatata, per aver vissuto insieme esperienze culturali al di fuori dal contesto scolastico(viaggio a Parigi,4 anno). Avendoli seguiti per tutto il loro percorso scolastico, si è notata una crescita culturale ed una maggiore accettazione e tolleranza delle diversità culturali e non. Dal punto di vista didattico la classe nel complesso possiede un livello globale di conoscenze e competenze linguistiche pienamente sufficiente, si distinguono gruppetti vivaci e propositivi, con buone capacità dialogiche e rielaborative, alcuni riescono ad avere una visione interdisciplinare dei contenuti studiati. Il percorso di apprendimento del gruppo classe è stato rallentato a causa di interruzioni didattiche non sempre dipendenti dalla loro volontà, ma dovute a festività, progetti, clima, ecc., che hanno sempre sacrificato le ore settimanali della materia. Si è comunque cercato di effettuare degli interventi di recupero grammaticale in itinere ai quali gli alunni hanno risposto positivamente. I discenti hanno comunque dimostrato un atteggiamento maturo e responsabile, forse un po' troppo timoroso nell'esporsi nel dialogo in lingua francese, infatti qualcuno ne è proprio rimasto ai margini non migliorando pertanto il proprio livello linguistico. Molti hanno dimostrato una buona volontà di recupero, interesse ed attenzione sono stati i loro punti di forza, un po' meno partecipativi durante il dialogo educativo, sicuramente attribuibile alla reticenza scaturita da quanto sopra accennato. Le lezioni sono state svolte frontalmente, cercando di sollecitare la loro interazione sull'argomento trattato e per valutarne anche il livello di apprendimento. Le verifiche scritte sono state cinque, volte all'esercitazione dell'esame scritto della seconda e della terza prova d'esame. Le verifiche orali sono state sommative ed in itinere con frequenti domande sugli argomenti trattati. Sono stati rivisti alcuni punti grammaticali sui quali è stata svolta una verifica Le valutazioni hanno tenuto conto dei livelli di partenza e di arrivo secondo la curva di Gauss. Durante la conversazione sono stati trattati temi di attualità riguardanti la Francia e la sua attualità per questo si fa riferimento al programma. L'insegnante Cardile Floriana 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO DI SPAGNOLO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO DI SPAGNOLO Pagina 1 di 8 PROFILO CLASSE INGRESSO USCITA LA CLASSE È COMPOSTA DA 21 ALUNNI E SI DIMOSTRA NEL COMPLESSO ABBASTANZA MOTIVATA E INTERESSATA AL LAVORO DIDATTICO. IL LIVELLO DI APPRENDIMENTO RAGGIUNTO APPARE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2013-14 SCUOLA Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Nicoletta Fabbri MATERIA: FRANCESE Classe 4 Sezione H FINALITÀ DELLA DISCIPLINA Si fa riferimento

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE III SEZ C. INDIRIZZO LL PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. MUSSONI ROSSANA INGLESE Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

SPAGNOLO SECONDA LINGUA

SPAGNOLO SECONDA LINGUA SPAGNOLO SECONDA LINGUA QUINTA GINNASIO Verranno rafforzate ed ampliate le conoscenze linguistiche e le funzioni comunicative apprese nel primo anno, attraverso un analisi più complessa degli esponenti

Dettagli

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi:

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi: LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO Obiettivi formativi: Acquisire maggiore consapevolezza sia della cultura straniera che della propria esempio di una cultura diversa dalla propria Acquisire ed usare autonomamente

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Secondo Biennio e Quinto anno Docente: Isabelle Rohmer OBBIETTIVI E COMPETENZE Proseguendo il percorso già iniziato durante il Primo Biennio

Dettagli

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE L. MANARA 00152 ROMA VIA BASILIO BRICCI, 4 Fax 06/67663900Tel. 06/121127825 XXIV

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2015/2016 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-10 Contratto Formativo Individuale Classe 3 Sez H Docente: Prof.ssa Piangiarelli Sandra 1. ANALISI DELLA CLASSE: (dare delle definizioni in termini

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. TARANTINO

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. TARANTINO LICEO SCIENTIFICO STATALE G. TARANTINO Programmazione GRAVINA IN PUGLIA (BA) Dipartimentale A051 Lingua e Letteratura italiana Lingua e Letteratura latina. A.S 2014/15 PREMESSA Nella scuola dell autonomia,

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LA NOSTRA IDENTITÀ Liceo Linguistico Regina Mundi Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti Siamo impegnati a verificare

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

LINGUA E CULTURA STRANIERA

LINGUA E CULTURA STRANIERA LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEO CLASSICO LINEE GENERALI E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera deve procedere lungo due assi fondamentali tra loro interrelati: lo sviluppo di competenze

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli

SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

SCUOLA MEDIA UNIFICATA PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER LA PRIMA LINGUA STRANIERA - INGLESE E necessario che all apprendimento delle lingue venga

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

LICEO CLASSICO e SCIENTIFICO

LICEO CLASSICO e SCIENTIFICO LICEO CLASSICO e SCIENTIFICO 1.1 FINALITÀ EDUCATIVE ED OBIETTIVI DEI LICEI CLASSICO E SCIENTIFICO La scuola ha elaborato un corso di studi liceale organizzato in un Area Comune e due di Indirizzo, una

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ALESSANDRO DA IMOLA PIANO DI LAVORO. Bartolini Michela MATERIA: SPAGNOLO CLASSE: 3 SEZIONE: G. a.s.

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ALESSANDRO DA IMOLA PIANO DI LAVORO. Bartolini Michela MATERIA: SPAGNOLO CLASSE: 3 SEZIONE: G. a.s. ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ALESSANDRO DA IMOLA CON LICEI LINGUISTICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO E DELLE SCIENZE SOCIALI DISTRETTO SCOLASTICO 33 IMOLA Via Manfredi 1/A 40026 Imola (BO) Tel. 0542 23606 PIANO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE Programmazione didattica-educativa Bienno-triennio a.s. 2013/2014 Premessa Sulla base di una scelta didattica

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sede Coordinata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI fax:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

LICEO LINGUISTICO. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI FRANCESE Tutte le classi

LICEO LINGUISTICO. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI FRANCESE Tutte le classi LICEO LINGUISTICO PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI FRANCESE Tutte le classi CLASSE PRIMA ( Libro di testo A vrai dire pas à pas 1- Unità 1-metà 5) Gli articoli determinativi e indeterminativi Gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli