Elenco dei candidati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elenco dei candidati"

Transcript

1 ,67,787267$7$/(',,6758=,21(683(5,25( ³(15,&20$77(, &(59(7(5, (6$0,',67$72&21&/86,9,'(,&256,',678', ',,6758=,21(6(&21'$5,$683(5,25( '2&80(172 '(/&216,*/,2',&/$66( 9/ /,&(2/,1*8,67,&2 $1126&2/$67,&2 1

2 &217(1872 ¾ (OHQFRFDQGLGDWLHGDWLUHODWLYLDOODFDUULHUDVFRODVWLFD ¾ (OHQFRGRFHQWLHGDWLUHODWLYLDOODFRQWLQXLWjGLGDWWLFD ¾ 4XDGURRUDULRHGDWLUHODWLYLDOODIUHTXHQ]D ¾ /DVWRULDGHOODFODVVHHLUDSSRUWLFRQOHIDPLJOLH ¾ 2ELHWWLYLJHQHUDOLHSHUDUHHGLVFLSOLQDUL ¾ 6FKHGHLQIRUPDWLYHVXOODSURJUDPPD]LRQHPHWRGRORJLFRGLGDWWLFDUHODWLYDDOOH VHJXHQWLGLVFLSOLQH,WDOLDQR /DWLQR /LQJXDHOHWWHUDWXUDLQJOHVH /LQJXDHOHWWHUDWXUDIUDQFHVH /LQJXDHOHWWHUDWXUDVSDJQROD )LORVRILD 6WRULD 0DWHPDWLFD )LVLFD %LRORJLD 6WRULDGHOO DUWH (GXFD]LRQHILVLFD 5HOLJLRQH ¾ 0HWRGLHPH]]L ¾ /DYDOXWD]LRQHWLSRORJLHGHOOHSURYHRUDOLHVFULWWHVFKHPDGHLSDUDPHWULYDOXWDWLYL GHJOLRELHWWLYLFRJQLWLYLFULWHULHVWUXPHQWLGLYDOXWD]LRQHUHODWLYLDFRQRVFHQ]H FRPSHWHQ]HFDSDFLWj ¾ $WWLYLWjFXUULFRODULHGH[WUDFXUULFRODUL ¾ &ULWHULVHJXLWLSHUODSURJHWWD]LRQHVRPPLQLVWUD]LRQHHYDOXWD]LRQHGHOODWHU]D SURYDVFULWWDG HVDPH ¾ 6FKHGDLQIRUPDWLYDUHODWLYDDOODVLPXOD]LRQHGHOODWHU]DSURYD 6LDOOHJDQRDOSUHVHQWHGRFXPHQWRLTXHVLWLOHJULJOLHGLYDOXWD]LRQHHJOLHODERUDWLUHODWLYLDOOD VLPXOD]LRQHGHOODWHU]DSURYD 2

3 3UHVHQWD]LRQHGHOODFODVVH (OHQFRGHLFDQGLGDWLHGDWLUHODWLYLDOODFDUULHUDVFRODVWLFD Elenco dei candidati 1. Borgna Rebecca 2. Canu Francesca 3. Ciarletta Nadia 4. Crovella Noemi 5. Del Nonno Ester 6. Di Fluri Asia 7. Di Giuseppe Veronica 8. Fondate Alessandra 9. Fondate Simona 10. Frattari Valeria 11. Fumasoni Eleonora 12. Gargiulo Alessandra 13. Giorgi Martina 14. Lovardi Silvia 15. Lucarini Ilaria 16. Manzari Stefano 17. Marini Alessandra 18. Melone Beatrice 19. Mihai Georgiana 20. Pittei Beatrice 21. Podestà Elisa 22. Romano Valentina 23. Ruffo Luca 24. Sagripanti Simona 25. Salustri Francesca 26. Tacchetti Anastasia 27. Toufic Sara 28.Zanoboni Giada X= il candidato è presente nel gruppo classe; O = il candidato ha ripetuto l anno 3

4 Muru Renata &RPSRVL]LRQHGHO&RQVLJOLRGL&ODVVH (OHQFRGRFHQWL Italiano e Latino Ferrara Assuntina Inglese Cardile Floriana Francese Pellinghelli Silvia Spagnolo Fiorani Cristina Storia, Filosofia Sturiale Paola (sost. della Prof.ssa Lama M. Antonietta ) Danzet Monica Storia dell arte Matematica, Fisica Romeo Rita Biologia Galice Ilaria Educazione Fisica De Toffol Sandra Conversazione francese De Leon Eridania Mamolo Sabrina Conversazione spagnola Conversazione inglese Donati Angiolina Religione Amato Salvatore Sostegno alla classe 4

5 &RQWLQXLWjGLGDWWLFDQHOWULHQQLR $QQLGLFRUVR ITALIANO x x x LATINO x x x LINGUA E LETT. INGLESE x x x LINGUA E LETT.FRANCESE x x x LINGUA E LETT. SPAGNOLA x STORIA x FILOSOFIA x STORIA. DELL ARTE x x MATEMATICA x x x FISICA x x BIOLOGIA x x ED. FISICA x RELIGIONE x x x 48$'5225$5,2 2UHGLOH]LRQH Previste Effettuate (Fino a 30/4/13) ITALIANO LATINO LINGUA E LETT. INGLESE LINGUA E LETT. FRANCESE LINGUA E LETT. SPAGNOLA STORIA FILOSOFIA STORIA DELL ARTE MATEMATICA FISICA BIOLOGIA EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE 33 5

6 /$&/$66((/$68$6725,$ PROFILO DELLA CLASSE La classe è composta da 28 alunni (26 femmine e due maschi) ed è il risultato delle fusione di due classi avvenuto al terzo anno. In essa è presente un alunna diversamente abile che, pur essendo stata presente con continuità alle lezioni, per motivi vari si è integrata poco con i compagni. L alunna, seguita per alcune materie da un insegnante di sostegno, ha svolto in generale il programma della classe in quasi tutte le materie. Anche le verifiche sono state svolte sugli stessi argomenti anche se, in molti casi, con richieste semplificate. Riguardo l aspetto disciplinare, gli alunni si sono dimostrati corretti ed educati nei riguardi degli insegnanti e nei rapporti interpersonali in genere e la loro partecipazione alle attività proposte e alle lezioni si può considerare discreta, anche se a volte un po passiva, e non per tutti il lavoro a casa è stato produttivo. L atmosfera in classe è stata per lo più serena, anche se nell ultimo anno si sono notati comportamenti ansiosi soprattutto dal parte di alcuni alunni più emotivi. Lo svolgimento dei programmi ha subito alcuni rallentamenti in seguito ad interruzioni di vario tipo quali festività, attività e progetti che hanno coinvolto la classe. Anche l elevato numero di alunni ha influito sull attività didattica in generale, data la quantità di tempo necessario per effettuare le richieste verifiche orali e per la correzione ed il commento in classe di quelle scritte. Nel corso del triennio è mancata la continuità nell insegnamento di alcune materie, ma ciò non ha causato particolari problemi alla classe che ha affrontato i cambiamenti con maturità e impegno. Dal punto di vista didattico è possibile individuare nella classe alcune fasce di livello per quanto attiene a conoscenze, competenze e capacità. Alcuni alunni hanno raggiunto una preparazione buona, avendo sempre dedicato impegno e cura al lavoro scolastico che hanno arricchito grazie alla curiosità intellettuale, agli interessi, non limitati agli argomenti scolastici, e alle personali capacità. Questi alunni si sono sempre dimostrati puntuali e responsabili nello svolgimento del lavoro a casa ed hanno raggiunto un buon grado di autonomia nel lavoro intellettuale. Un secondo gruppo è formato da alunni che, pur presentando all inizio del percorso didattico difficoltà, riguardanti soprattutto il metodo di studio, e alcune lacune pregresse, sono riusciti con notevole impegno e volontà a migliorare i propri livelli di apprendimento, conseguendo una preparazione da sufficiente a discreta. Un ultimo gruppo ha avuto maggiori difficoltà a raggiungere livelli mediamente sufficienti di preparazione, principalmente a causa di un impegno quasi sempre superficiale e discontinuo, ma anche per difficoltà personali nell affrontare lo studio in modo via via più approfondito e consapevole. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE I colloqui con le famiglie si sono svolti sia come: ricevimenti individuali, durante la mattina, sia come colloqui pomeridiani, uno alla fine del primo periodo, l altro alla metà del secondo periodo. In entrambi i casi si è avuta si è avuta la partecipazione puntuale di alcuni genitori, mentre altri sono stati molto meno presenti. Il docente coordinatore 6

7 2%,(77,9,*(1(5$/,'(),1,7,'$/&216,*/,2',&/$66( Obiettivi formativi x Educazione al rapporto rispettoso e leale con gli altri x Accettazione di sé in relazione agli altri x Educazione alla solidarietà, disponibilità allo scambio x Rispetto dell ambiente e delle regole della vita scolastica Obiettivi cognitivi e didattici x Comprensione del valore strumentale dell apprendimento x Padronanza del patrimonio lessicale e strutturale come strumento per la comprensione e l interpretazione dei contenuti disciplinari x Capacità di analizzare logicamente e criticamente i contenuti per effettuare gli opportuni collegamenti disciplinari x Capacità di individuare e analizzare i termini di un problema per proporre soluzioni diversificate x Capacità di programmare lo studio e di rispettare le scadenze 7

8 2ELHWWLYLSHUDUHHGLVFLSOLQDUL $UHDOLQJXLVWLFRXPDQLVWLFD &RQRVFHQ]H ¾ Conoscenze dei contenuti fondamentali di ogni singola disciplina ¾ Conoscenza critica di un prodotto letterario, di un pensiero filosofico e di un arte figurativa, anche per evidenziare i rapporti con il contesto culturale e storico dei periodi in esame ¾ Conoscere la distinzione ed i legami imprescindibili tra filosofia, scienza ed altre forme di attività del pensiero umano ¾ Conoscenza delle strutture e dei meccanismi linguistici che operano ai diversi livelli: testuale, lessicale, morfosintattico, fonetico ed ortografico &RPSHWHQ]H ¾ Acquisire competenze linguistiche e comunicative ¾ Saper analizzare, confrontare testi e brani non solo nei loro aspetti contenutistici ma anche in quelli formali ¾ Saper effettuare un analisi comparativa della propria lingua e della propria cultura con le lingue straniere e con il patrimonio culturale, cogliendo diversità ed analogie ¾ Saper comprendere il cambiamento, poiché ogni lingua riflette le modificazioni culturali della comunità che la usa ¾ Saper utilizzare la terminologia appropriata alle singole discipline &DSDFLWj ¾ Capacità di contestualizzare e storicizzare periodi, avvenimenti, persone, temi e problemi ¾ Capacità di pensare per modelli diversi e di individuare alternative possibili, anche in rapporto alla richiesta di capacità critiche da sviluppare ¾ Capacità di collegare la realtà contemporanea con altre culture, ambiti storici, sociali, politici ed istituzionali ¾ Sviluppare capacità critiche, di analisi, di sintesi e di rielaborazione ¾ Capacità di confrontare in un quadro interdisciplinare temi ed idee $UHDVFLHQWLILFD &RQRVFHQ]H ¾ Conoscere i contenuti fondamentali delle diverse materie ¾ Conoscere tecniche e procedure di svolgimento del calcolo formale e numerico ¾ Conoscere principi, teorie, modelli e linguaggi ¾ Conoscere i procedimenti dell indagine sperimentale, le sue potenzialità ed i suoi limiti 8

9 &RPSHWHQ]H ¾ Saper organizzare il proprio lavoro in forma logica, chiara, sintetica e precisa ¾ Esporre e scrivere con uso appropriato dei termini propri del linguaggio scientifico &DSDFLWj ¾ Sviluppare capacità logiche-intuitive, di astrazione, di analisi, di sintesi, di ricerca e di osservazione ¾ Capacità di rilevare, elaborare, analizzare ed interpretare dati ¾ Capacità di saper correlare gli argomenti in modo interdisciplinare (GXFD]LRQHILVLFD ¾ Conoscere il proprio corpo ¾ Consapevolezza dei propri mezzi anche attraverso la scoperta delle attitudini personali ¾ Capacità di interagire, integrarsi e comunicare 9

10 5(/$=,21,(352*5$00$=,21, RELAZIONE FINALE Classe: V Sez: L Linguistico Materie: Italiano E Latino Docente: Renata Muru La classe attuale, formata da 26 femmine e 2 maschi, è il risultato dell unione, avvenuto al terzo anno, di due classi diverse a cui si sono unite tra il quarto e il quinto anno altre tre alunne. E presente un alunna diversamente abile che però, per motivi vari tra cui un carattere particolarmente timido, non si è mai integrata realmente. E una classe che, in generale, risulta abbastanza affiatata, anche se permangono alcune differenze di vedute tra i due gruppi di diversa provenienza. Tutti gli alunni sono educati e rispettosi, corretti nei rapporti con l insegnante e tra loro e, nel corso degli anni, hanno mostrato una notevole evoluzione rispetto alla maturazione e alla crescita personale. Gli alunni hanno partecipato alle lezioni in modo responsabile e attento e, anche se, per motivi caratteriali, non sempre sono stati molto propositivi, tuttavia hanno sempre mostrato interesse per le materie che hanno affrontato con viva curiosità. Lo svolgimento dei programmi ha subito alcuni rallentamenti in concomitanza con interruzioni di vario tipo quali festività, attività e progetti che hanno coinvolto alunni, classi o l intero Istituto. I risultati finali sono, nel complesso, soddisfacenti: un gruppo di alunni ha raggiunto un buon livello di preparazione globale, affinando e ampliando conoscenze e competenze e raggiungendo una discreta capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari. Un secondo gruppo, partito da basi meno salde, ha tuttavia lavorato con interesse e impegno e raggiunge risultati da sufficiente e a discreto. Un ultimo gruppo di alunni, malgrado le continue sollecitazioni da parte dell insegnante, ha mostrato interesse superficiale e impegno discontinuo, con risultati finali poco soddisfacenti. Le verifiche scritte sono state cinque, secondo le tipologie previste per l Esame di Stato, e quelle orali sono state frequenti, sia in itinere che sommative. Il ripasso è stato costante e continuo, con lezioni dedicate al ripasso e all approfondimento di argomenti e con esercitazioni continue sulle tipologie di testo richieste dall esame. Le lezioni sono state di tipo frontale e durante l anno una delle ore settimanali di italiano, che si è svolta in compresenza con l insegnante di storia, ha permesso di approfondire il periodo storico del primo 900, in cui si colloca buona parte del programma di letteratura italiana. L insegnante 10

11 Programma svolto Italiano Classe 5 L Docente: Renata Muru 7HRULDGHOODOHWWHUDWXUD. La seconda metà del Settecento: quadro storico (ripasso: l età dell Illuminismo;Il Neoclassicismo. Il Preromanticismo; L età del Romanticismo: quadro storico e culturale Il Romanticismo: la nascita, i rapporti con l illuminismo ed il classicismo, le idee portanti. Il Romanticismo in Italia: l articolo di M.me de Stael. La poesia e il romanzo storico. A. Manzoni: vita e opere. L intellettuale cattolico e liberale; la religiosità e il problema del male. Il romanzo storico: la genesi, l ambientazione; la scelta degli umili; il problema della lingua; la condanna della creatività artistica. G. Leopardi: vita e opere: l intellettuale e il suo tempo; il rifiuto dei miti romantici;; Il pessimismo storico e cosmico ; la solidarietà umana unica arma contro la Natura; la teoria del piacere. L età post-unitaria: quadro storico e culturale. Positivismo e naturalismo in Italia La Scapigliatura G. Verga: vita e opere. Le idee e la formazione della poetica verista; le tecniche narrative e stilistiche; il ciclo dei vinti. Il Simbolismo ed il Decadentismo G. Pascoli: vita e opere. La poetica del fanciullino; il nido, la siepe, la natura e il mondo; il simbolismo; la prosa politica. G. D annunzio: vita e opere. L intellettuale e la comunicazione di massa. Le idee: il superuomo, il modello della borghesia, l evoluzione dell eroe; il culto del vitalismo. L età giolittiana e della 1 guerra mondiale: quadro storico. L. Pirandello: vita e opere. L umorismo e l impossibilità di conoscere la realtà. 7HVWLDQDOL]]DWL Manzoni: /HWWHUDDO6LJQRU&KDXYHW.). Odi civili:,oflqtxh0djjlr, - Leopardi: Canti:,OSDVVHURVROLWDULR/ LQILQLWR/DVHUDGHOGuGLIHVWD$6LOYLD/DJLQHVWUD«Operette morali: 'LDORJRGHOOD1DWXUDHGLXQ,VODQGHVH'LDORJRGL)5X\VFKHGHOOHVXHPXPPLH,OFDQWLFRGHOJDOORVLOYHVWUH'LDORJRGLWULVWDQRHGLXQDPLFR Zibaldone: Il SLDFHUHGHOO LQGHILQLWRSULPDGHOLOSLDFHUHGHOO LQILQLWROXJOLROD VLWXD]LRQHSRHWLFDGHOO LQILQLWR (1 agosto 1821) E. Praga: Penombre: ³3UHOXGLR U. Tarchetti0HPHQWR Verga: Vita dei campi: 3UHID]LRQHD³/ DPDQWHGL*UDPLJQD ; L amante di gramigna5rvvr 0DOSHOR/DOXSD)DQWDVWLFKHULD/DURED I Malavoglia: / DGGLRGLµ1WRQL Mastro DonGesualdo/DQRWWHDOOD&DQ]LULD Pascoli: Myricae: $UDQR,l lampo; Il tuono; Novembre Canti di Castelvecchio:,OJHOVRPLQRQRWWXUQR: 11

12 Il fanciullino:,oidqflxoolqrqlqwxwwl D Annunzio: Il piacere: (I,1) $QGUHD6SHUHOOL, L innocente: O DJRQLD Alcyone:/DVHUDILHVRODQD/DSLRJJLDQHOSLQHWR. Parole chiave del primo 900: la psicanalisi Pirandello: L umorismo: OHIRUPHHLOIOXVVRGHOODYLWD (II, 5). Il fu Mattia Pascal: /RVWUDSSR (XII)). Sei personaggi : Non sono noi 'LYLQDFRPPHGLD. IO3DUDGLVR: la struttura del Paradiso: la vera sede dei beati e la loro distribuzione; originalità del paradiso: narrazione e dottrina; il realismo metafisico del Paradiso: la luce; il tema dell ineffabile; i caratteri artistici del Paradiso. Lettura, analisi e contestualizzazione dei canti: I, III, VI, XI, XV, XVII, XX, Sintesi del contenuto degli altri canti. 7LSRORJLHWHVWXDOLRipasso, attraverso esercizi in classe e casa, delle varie tipologie testuali con particolare riferimento a quelle richieste nelle prove dell esame di stato: analisi del testo narrativo, analisi del testo poetico; il testo argomentativo, il saggio breve, l articolo di giornale. Programma di cui si prevede lo svolgimento dopo il 15 maggio: Italo Svevo Cenni sui movimenti culturali del primo Novecento: Futurismo e poesia crepuscolare, ; cenni su vita e opere di Ungaretti, Saba e Montale Dante, 'LYLQD&RPPHGLD, Canti XXIV, XXX e XXXIII Ore di compresenza : l ora settimanale di compresenza tra Italiano e Storia è stata i utilizzata per effettuare approfondimenti della parte di programma relativa al periodo del primo 900. Testi in adozione: De Caprio, Progetto Letteratura, Einaudi scuola, 2003 Cataldi-Luperini, Antologia della Divina Commedia, Le Monnier,2003 Cerveteri, L insegnante Gli alunni 12

13 ,67,787267$7$/(,6758=,21(683(5,25( ENRICO MATTEI CERVETERI Programma svolto Latino Classe: 5 Sez. L Insegnante: Renata Muru /HWWHUDWXUD Riepilogo degli ultimi argomenti svolti nel precedente anno scolastico; Dall età giulio-claudia alla tarda antichità: quadro storico; vita e opere dei seguenti autori: Plinio; Seneca; Persio; Lucano; Petronio; Quintiliano; Marziale; Plinio il giovane; Tacito; Giovenale; Svetonio; Apuleio; la letteratura cristiana; Agostino. I generi letterari: il romanzo; la satira; l orazione; l epigramma.. 7HVWLDQDOL]]DWL Seneca, $G/XFLOLXP: Schiavitù e dignità dell uomo (47); Persio: Il prologo (&KROLDPEL, 6DWLUH ( III, vv. 1-31) il giovin signore Lucano: %HOOXPFLYLOH,L evocazione dei morti,( VI, vv681755); Cesare davanti alla testa di Pompeo (IX, vv ) Petronio:Satyricon: (34 )Il carpe diem di Trimalchione;( ) La matrona di Efeso; (97) Gitone sotto il letto; Quintiliano: Institutio oratoria II, 2, 1-53) l insegnante ideale Marziale: (SLJUDPPL I, 4, Poesia lasciva, vita onesta. ; III, 43, Non si inganna Proserpina; X, 72, Ritrattazione; De Spectaculis, 2, Roma restituita e a se stessa; Plinio il giovane Epistole : (VIII, 8) Le fonti del Clitumno; X, 96, 97,: Il problema dei cristiani: Tacito; L assassinio di Britannico;La fine di Messalina:, L incendio di Roma XV, 39-40; 44); Giovenale: Satire, Via da Roma (III, vv ); Le donne (VI)) Apuleio: La preghiera ad Iside (XI, 1-6) La Letteratura del II secolo e la letteratura cristiana Atti dei Martiri: i martiri scilitani Agostino: Confessioni, II, Il furto delle pere. 3URJUDPPDGLFXLVLSUHYHGHORVYROJLPHQWRGRSRLOPDJJLR: Seneca: brani dalle (SLVWROH Tacito: brani dagli $QQDOHV Apuleio: brani da /HPHWDPRUIRVL Testo usato:l. Canali: &DPHQDEinaudi Scuola L insegnante 13

14 LINGUA E CIVILTA INGLESE RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE MATERIA D INSEGNAMENTO: /,1*8$(&,9,/7$,1*/(6( &/$66(96(=/ DOCENTE: PROF.ssa ASSUNTINA FERRARA In questo ultimo anno di corso ci si è posti l obiettivo di guidare gli studenti verso una maggiore autonomia nell uso della lingua straniera e il consolidamento del proprio metodo di studio, per l apprendimento di contenuti di carattere letterario, storico e più ampiamente culturale. In particolare si sono letti, analizzati e interpretati testi letterari, con riferimento ad una pluralità di generi, quali il racconto, il romanzo, la poesia e il testo teatrale, relativi ad autori particolarmente rappresentativi della tradizione letteraria in lingua inglese dall età Vittoriana all epoca Contemporanea, mettendoli in relazione tra loro e con i diversi contesti storico-sociali. La classe, che seguo dal terzo anno, ha risposto nel complesso abbastanza positivamente alle richieste cognitive e formative, anche se non in modo omogeneo e continuo. Gli obiettivi specifici sono stati raggiunti da una buona parte degli studenti, sebbene con esiti diversificati in base alle capacità e al metodo di lavoro. Il quadro globale della classe risulta sufficientemente positivo dal punto di vista dell impegno e del profitto, ma si diversifica tuttavia in fasce per quanto riguarda gli esiti relativi agli obiettivi specifici, raggiungendo anche buoni risultati in riferimento sia alla conoscenza contenutistica dei singoli argomenti sia al potenziamento delle competenze espositive tramite l utilizzo di strumenti lessicali e sintattici adeguati, nello scritto e nell orale. Una buona parte degli studenti si è distinta per il senso di responsabilità, il metodo e la costanza nel lavoro individuale e scolastico. Dotati di senso critico e capacità di rielaborazione personale, di interessi ampi e ottime capacità analitiche, questi ragazzi hanno compiuto un solido percorso formativo. Come è naturale, tuttavia, un secondo gruppo di allievi non ha potuto tenere il passo: essi hanno mostrato minore talento per la lingua inglese e qualche difficoltà nell espressione linguistica in generale, ma hanno cercato di compensare queste debolezze con lo studio e la buona volontà, anche se in maniera disuguale, non sempre costante ed efficace, in tempi e forme diverse. Vi sono, infine, degli alunni che, a causa di una frequenza molto irregolare ma anche di un impegno discontinuo, approssimativo e sostanzialmente non adeguato a recuperare le lacune progressivamente accumulate, non sono ancora riusciti a raggiungere nella disciplina gli obiettivi stabiliti. In conclusione va tuttavia sottolineato che l eccessiva irregolarità nella presenza in classe, determinata da continue e numerosissime assenze e uscite anticipate, alla lunga ha finito con l avere una ricaduta negativa su tutta la classe determinando nella disciplina il rallentamento del piano programmatico ed una riduzione del tempo a disposizione per il recupero e sostegno in itinere. Il rapporto con le famiglie è stato diversificato: a fronte di genitori che partecipavano ai colloqui numerose volte nell arco dell anno scolastico ce ne sono stati altri che non si sono mai presentati. / LQVHJQDQWH 3URIVVD$VVXQWLQD)HUUDUD 14

15 LINGUA E CIVILTA INGLESE RELAZIONE METODOLOGICA DIDATTICA MATERIA D INSEGNAMENTO: /,1*8$(&,9,/7$,1*/(6( &/$66(96(=/ DOCENTE: PROF.ssa ASSUNTINA FERRARA 7HVWRLQDGR]LRQH Texts: 2QO\&RQQHFW1HZ'LUHFWLRQV7KH1LQHWHHQWK&HQWXU\H2QO\&RQQHFW«1HZ 'LUHFWLRQV7KH7ZHQWLHWK&HQWXU\ Marina Spiazzi e Marina Tavella - Zanichelli )LQDOLWjHGRELHWWLYLJHQHUDOL L insegnamento della lingua straniera tende a contribuire, in armonia con le altre discipline, allo sviluppo delle facoltà espressive, logiche, creative e critiche dello studente, nonché all acquisizione della competenza comunicativa in lingua straniera, anche nelle sue componenti paralinguistiche ed extralinguistiche. Gli obiettivi sono quindi pensati sia in termini di reale competenza linguistica che in termini di conoscenza di civiltà comparate, per il raggiungimento di una corrispondente formazione personale atta ad inserire lo studente in potenziali realtà socio-culturali diverse. 2ELHWWLYLVSHFLILFL Al termine del triennio, l alunno dovrà aver acquisito le competenze linguistiche di comunicazione relazionale atte a metterlo in grado di: x Rafforzare le capacità di comprensione della lingua parlata, attraverso una varietà di messaggi orali, in diversi contesti e attraverso vari canali x Confermare rapporti interpersonali, attraverso una conversazione funzionale al contesto e rispetto a situazioni di comunicazione x Possedere un lessico fluente ed appropriato, curando anche una corretta pronuncia e intonazione, per parlare e rispondere correttamente x Leggere e comprendere testi scritti, elaborando i significati, usando un lessico appropriato anche mediante l uso costante di sinonimi x Raccogliere e sintetizzare informazioni x Familiarizzare con i termini letterari x Produrre correttamente testi scritti con lessico adeguato x Riconoscere i generi testuali e, al loro interno, riconoscere gli elementi che li caratterizzano x Comprendere, analizzare ed interpretare testi letterari 2ELHWWLYLUDJJLXQWLLQUHOD]LRQHDOOH &RQRVFHQ]H Il livello medio raggiunto dalla classe è discreto anche se va segnalata una disomogeneità di conoscenze da parte degli studenti. Bisogna tuttavia evidenziare che alcuni di loro hanno raggiunto un buon livello di conoscenze grazie all impegno assiduo e critico dimostrato nel corso dell anno scolastico. &RPSHWHQ]H La classe ha dimostrato di possedere una discreta competenza linguistica essendo in grado di utilizzare la lingua in modo essenziale ma pertinente. Un gruppo di alunni ha dimostrato di avere un buon bagaglio lessicale e si esprime in modo corretto e disinvolto. Alcuni di loro si sono impegnati frequentando lezioni pomeridiane per il conseguimento della Certificazione Cambridge FCE (livello B2) ed alcuni hanno conseguito il Cambridge First Certificate in English (FCE) durante il terzo e quarto anno. &DSDFLWjMediamente gli alunni hanno dimostrato di aver raggiunto un livello sufficiente per quanto riguarda la capacità di analizzare un testo e rielaborarlo in modo autonomo sia nella forma 15

16 scritta che orale, pur se con errori che non pregiudicano la comprensione. Va evidenziato che alcuni alunni hanno raggiunto un buon livello di capacità organizzativa del contenuto e di esposizione anche con spunti critici.,qglfd]lrqlphwrgrorjlfkhhgrujdql]]d]lrqhghoodglgdwwlfd Nell impostare l iter didattico, si è cercato di tenere nella giusta considerazione i bisogni di ognuno, le abilità e le capacità specifiche. Per il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento non si è fatto uso di un solo metodo ma si è preferito un approccio integrato a seconda del tipo di lavoro da portare avanti. Lo studio della letteratura inglese è stato proposto attraverso l analisi testuale; non è richiesta la traduzione letteraria, tecnica di un altro approccio, bensi la comprensione del testo, osservando il fenomeno letterario con spirito scientifico per giungere, attraverso specifiche operazioni linguistiche, alla sua conoscenza e collocazione in un preciso ambito di genere, di evoluzione letteraria, di epoca storica, favorendo collegamenti e confronti. I contenuti sono stati presentati in una scansione modulare corrispondente ai tre periodi letterari: The Victorian Age, The Modern Age,The Present Age. E stata privilegiata la scelta di testi di prosa, ma sono stati analizzati testi di poesia e di teatro anche, che sono sempre stati trattati sia riguardo al contenuto sia riguardo all analisi dei singoli personaggi dell opera ed alle possibili interrelazioni fra di loro e personaggi di opere simili di altri autori per consentire agli studenti di riconoscere con maggior chiarezza le caratteristiche dei diversi ambiti. All interno di ciascun modulo si è ritenuto opportuno seguire lo sviluppo cronologico, inserendo i vari autori e le varie tecniche di espressione nei contesti europei, con riferimenti alle letterature degli altri paesi, ai movimenti filosofici, alla scienza ed all arte. La scelta di non abbandonare, pur nell ambito dei moduli, un impianto cronologico è stata dettata dall esigenza di fornire agli studenti un solido quadro di riferimento. 6WUXPHQWL x Libro di testo x Fotocopie ed appunti forniti dall insegnante x CD Audio e Videoregistratore / DVD 0RGDOLWj x Lezioni frontali in lingua inglese: le lezioni sono state principalmente di tipo induttivo e si sono svolte in lingua inglese, proprio per permettere quella consuetudine all uso della L2 che è indispensabile per promuovere consapevolezza ed autonomia espositiva. x Sono stati attivati frequenti momenti di interazione didattica, di discussione in classe, su argomenti e contenuti di tipo letterario e non. x Approfondimento: lavoro autonomo a casa utilizzando, oltre al libro di testo, anche materiale fornito dal docente. 0RGDOLWjGLYDOXWD]LRQH Per quanto riguarda la valutazione sommativa ci si è valsi di verifiche scritte ed orali. Le verifiche scritte sono state di tipo oggettivo e soggettivo e secondo le tipologie A (Trattazione sintetica di argomenti) e B (Quesiti a risposta singola) della Terza prova. I descrittori e punteggi delle prove scritte sono stati: Descrittori: Padronanza del codice linguistico (Grammatica Vocabolario) Conoscenze e competenze riferite agli argomenti proposti Capacità di sintesi e collegamento Punteggi: Grammatica vocabolario 4 punti Conoscenze e competenze 8 punti Capacità di collegamento e sintesi 3 punti Totale: 15 punti Secondo quanto stabilito dal Dipartimento di Lingue Straniere. Le verifiche orali, di tipo piuttosto tradizionale, hanno previsto il colloquio in L2 sui temi trattati, da cui si evincano conoscenze specifiche del fatto storico, del contesto socio-economico, 16

17 eventualmente della geografia del paese anglofono, nonché dell autore e delle caratteristiche filosofiche e formali della sua produzione letteraria, ma soprattutto si è valutato la capacità critica dell allievo di scomporre il testo nelle sue parti costitutive, di comprenderlo nella sua relazione con la cultura che l ha prodotto e di paragonarlo ad altri testi della stessa o di altre epoche. Le prove orali hanno tenuto conto dei seguenti descrittori: Descrittori: Conoscenza degli argomenti trattati Rielaborazione personale, capacità di sintesi e critica Fluidità e competenza comunicativa Correttezza sintattico-grammaticale Secondo quanto stabilito dal Dipartimento di Lingue Straniere. Per la valutazione sono stati considerati i seguenti criteri:,qvxiilflhqwh0hglrfuh conoscenza superficiale e frammentaria di contenuti ed esposizione incerta e poco corretta. 6XIILFLHQWH conoscenza completa ma non approfondita dei contenuti, esposizione semplice ma chiara e abbastanza corretta. 'LVFUHWR±conoscenza completa dei contenuti, esposizione corretta con varietà di lessico. %XRQR2WWLPR±conoscenza completa approfondita, riproduzione corretta, coordinata, ampliata e personale. 7HPSLTre ore settimanali di insegnamento, tra cui un ora in compresenza con l insegnante di Conversazione in Lingua Inglese. 352*5$00$692/72ILQRDOPDJJLR $5*20(17, Dal libro di testo: 2QO\&RQQHFW1HZ'LUHFWLRQV7KH1LQHWHHQWK&HQWXU\ Marina Spiazzi e Marina Tavella Zanichelli 0RGXOH7KH9LFWRULDQ$JH(da Settembre a Dicembre) 7KH+LVWRULFDODQG6RFLDOFRQWH[W 9.1 The early Victorian Age 9.2 The later years of Queen Victoria s reign 9.3 The American Civil War and the settlement in the West 7KH:RUOG3LFWXUH 9.4 The Victorian Compromise 9.5 The Victorian frame of mind The Arguments For and Against Imperialism ( From New Literary Links ) 7KH/LWHUDU\&RQWH[W 9.6 The Victorian novel 9.7 Types of novels Fiction 8: The industrial setting 9.9 Aestheticism and Decadence $XWKRUVDQGWH[WV &KDUOHV'LFNHQV 2OLYHU7ZLVW: Extract t902olyhuzdqwvvrphpruh and visual analysis +DUG7LPHV Extract from New Literary Links - $0DQRI5HDOLWLHVand guided comprehension Extract t95 - &RNHWRZQ(from line 4 to 23) and guided comprehension (photocopy) (PLO\%URQWH :XWKHULQJ+HLJKWVExtract t98 &DWKHULQH V5HVROXWLRQ and visual analysis 17

18 2VFDU:LOGH 7KH3LFWXUHRI'RULDQ*UD\: Extract %DVLO VVWXGLR and guided comprehension Dal libro di testo: 2QO\&RQQHFW1HZ'LUHFWLRQV7KH7ZHQWLHWK&HQWXU\ Marina Spiazzi e Marina Tavella Zanichelli 0RGXOH7KH0RGHUQ$JH(da Gennaio ad Aprile) 7KH+LVWRULFDODQG6RFLDO&RQWH[W 10.1 The Edwardian Age 10.2 Britain and World War I 10.3 The Twenties and the Thirties 10.4 The second World War 7KH:RUOG3LFWXUH 10.6 The age of anxiety 7KH/LWHUDU\&RQWH[W 10.7 Modernism 10.8 Modern Poetry Poetry 6: Free verse 10.9 The Modern Novel Fiction 10: The interior monologue $XWKRUVDQGWH[WV 7KH:DU3RHWV:2ZHQ±'XOFHHWGHRUXPHVWand visual analysis 7KRPDV6WHDUQV(OLRW 7KH:DVWH/DQG t139-7kh%xuldoriwkhghdg and visual analysis -DPHV-R\FH 'XEOLQHUVt162 (YHOLQH and visual analysis From 7KH'HDGt163 6KHZDVIDVWDVOHHSand visual analysis 9LUJLQLD:RROI 0UV'DOORZD\t167 &ODULVVDDQG6HSWLPXV and visual analysis 0RGXOH7KH3UHVHQW$JH(Da Aprile a Giugno) 7KH+LVWRULFDODQG6RFLDO&RQWH[W 11.1 The Welfare State 11.2 Paths to Freedom 11.3 The time of troubles 11.4 The Thatcher years 11.5 From Blair to the Present Day 7KH:RUOG3LFWXUH 11.7 The Cultural Revolution Dossier: Youth culture and street style in Britain Reading FCE and Listening FCE 7KH/LWHUDU\&RQWH[W Post-War Drama 352*5$00$'$692/*(5('232,/0$**,2 $XWKRUVDQGWH[WV 6DPXHO%HFNHWW :DLWLQJIRU*RGRW t205 :H OOFRPHEDFNWRPRUURZ and visual analysis t206 :DLWLQJ and text analysis -RKQ2VERUQH 18

19 /RRNEDFNLQ$QJHUt208 %RULQJ6XQGD\V and visual anlaysis Compare and contrast: Absurd vs Anger Dal libro di testo: 1HZ(QJOLVK)LOH±8SSHU,QWHUPHGLDWH Clive Oxenden and C.Lathan-Koenig Oxford ( Da settembre a maggio) From Unit 2 to Unit 4: Reading, Writing, Listening and Speaking activities. Revision and introduction of new Grammar Structures. Vocabulary Bank. Phrasal verbs in context (lezioni svolte in compresenza con l insegnante di Inglese Conversazione 1 ora a settimana) L insegnante Prof.ssa Assuntina Ferrara 19

20 /,1*8$)5$1&(6( Relazione finale Classe VL A. S. 2012/2013 La classe costituita da 28 elementi si scompone in diversi gruppi associativi che scaturiscono da metodologie di studio differenti e dipendenti dalla loro personalità e dalla loro consapevolezza culturale. Tuttavia la classe appare globalmente affiatata, per aver vissuto insieme esperienze culturali al di fuori dal contesto scolastico(viaggio a Parigi,4 anno). Avendoli seguiti per tutto il loro percorso scolastico, si è notata una crescita culturale ed una maggiore accettazione e tolleranza delle diversità culturali e non. Dal punto di vista didattico la classe nel complesso possiede un livello globale di conoscenze e competenze linguistiche pienamente sufficiente, si distinguono gruppetti vivaci e propositivi, con buone capacità dialogiche e rielaborative, alcuni riescono ad avere una visione interdisciplinare dei contenuti studiati. Il percorso di apprendimento del gruppo classe è stato rallentato a causa di interruzioni didattiche non sempre dipendenti dalla loro volontà, ma dovute a festività, progetti, clima, ecc., che hanno sempre sacrificato le ore settimanali della materia. Si è comunque cercato di effettuare degli interventi di recupero grammaticale in itinere ai quali gli alunni hanno risposto positivamente. I discenti hanno comunque dimostrato un atteggiamento maturo e responsabile, forse un po' troppo timoroso nell'esporsi nel dialogo in lingua francese, infatti qualcuno ne è proprio rimasto ai margini non migliorando pertanto il proprio livello linguistico. Molti hanno dimostrato una buona volontà di recupero, interesse ed attenzione sono stati i loro punti di forza, un po' meno partecipativi durante il dialogo educativo, sicuramente attribuibile alla reticenza scaturita da quanto sopra accennato. Le lezioni sono state svolte frontalmente, cercando di sollecitare la loro interazione sull'argomento trattato e per valutarne anche il livello di apprendimento. Le verifiche scritte sono state cinque, volte all'esercitazione dell'esame scritto della seconda e della terza prova d'esame. Le verifiche orali sono state sommative ed in itinere con frequenti domande sugli argomenti trattati. Sono stati rivisti alcuni punti grammaticali sui quali è stata svolta una verifica Le valutazioni hanno tenuto conto dei livelli di partenza e di arrivo secondo la curva di Gauss. Durante la conversazione sono stati trattati temi di attualità riguardanti la Francia e la sua attualità per questo si fa riferimento al programma. L'insegnante Cardile Floriana 20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

L IMMAGINE CHE NON C ERA

L IMMAGINE CHE NON C ERA L IMMAGINE CHE NON C ERA SEZIONE SCIENTIFICA DEL CONCORSO LA PAGINA CHE NON C ERA BANDO DELLA II EDIZIONE Se è vero che un'immagine può essere più esplicativa di tante parole, allora perché non provare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it NEL BLU I NOSTRI SERVIZI: - Corsi aziendali - Traduzioni - Traduzioni con

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli