Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI"

Transcript

1 Allegato A) GARA PER LA VENDITA DI N 14 LOTTI DI BOSCO IN PIEDI E DI N. 1 LOTTO DI LEGNAME ALL IMPOSTO NEI COMPLESSI FORESTALI IN GESTIONE ALL UNIONE DI COMUNI VALDARNO-VALDISIEVE GARA DEL 17/10/2013 Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI LOTTO n. 1 - Fustaia transitoria di faggio da diradare (29,21 ha) in località Poggio Usciaioli nel Complesso Forestale Alpe di S.Benedetto, comune di San Godenzo PF n. 25/1. Q.tà complessiva stimata: Mst di legna da ardere. Prezzo base: 6,50/mst. Valore base lotto : ,00. % (in cifre) (in lettere). LOTTO n. 2 Ceduo invecchiato di faggio da avviare all alto fusto (19,00 ha) in località Sassello nel Complesso Forestale Alpe di S.Benedetto, comune di San Godenzo PF n. 47/1 Q.tà complessiva stimata: Mst di legna da ardere. Prezzo base: 4,00/mst. Valore base lotto: 5.200,00..% (in cifre) (in lettere).

2 LOTTO n. 3 Ceduo invecchiato di faggio da avviare all alto fusto (26,31 ha) in località Poggio Peschiena nel Complesso Forestale Alpe 2, comune di San Godenzo PF n. 4/1. Q.tà complessiva stimata: Mst di legna da ardere. Prezzo base: 2,00 /mst. Valore base lotto: 4.200,00. % (in cifre) (in lettere). LOTTO n. 4 Fustaia transitoria di faggio da diradare (3,00 ha) in loc. Massa Regina nel complesso Foresta di S.Antonio, comune di Reggello PF 46/3. Q.tà complessiva stimata: Mst. 210 di legna da ardere. Prezzo base: 5,00/mst. Valore base lotto: 1.050,00. LOTTO n. 5 Fustaia transitoria di faggio da diradare (3,00 ha) in località Bartolesse nel complesso Foresta di S.Antonio, comune di Reggello PF 52/3 53/3. Q.tà complessiva stimata: Mst. 210 di legna da ardere. Prezzo base: 7,00/mst. Valore base lotto: 1.470,00. % (in cifre) (in lettere).

3 LOTTO n. 6 Ceduo invecchiato di castagno da avviare all alto fusto (4,00 ha) in loc. Pian del Tiglio nel complesso Foresta di S.Antonio, comune di Reggello PF 40/1. Q.tà complessiva stimata: Mst. 320 di legna da tannino e paleria. Prezzo base: 2,00/mst. Valore base lotto: 640,00. % (in cifre) (in lettere). LOTTO n. 7 Fustaia di abete bianco, douglasia e abete rosso da diradare (1,20 ha) in loc. Macinaia nel complesso Foresta di S.Antonio, comune di Reggello PF 2/1. Q.tà complessiva stimata: Mst. 100 di legname da imballaggio e cartiera. Prezzo base: 3,00/mst. Valore base lotto: 300,00. % (in cifre) (in lettere). LOTTO n. 8 Fustaia di pino silvestre da diradare (3,59 ha) in loc. Pianelli nel complesso forestale di Rincine, comune di Londa PF 20/2. Q.tà complessiva stimata: Mst. 140 di legname da imballaggio e cartiera. Prezzo base: 2,00/mst. Valore base lotto: 280,00.

4 LOTTO n. 9 Ceduo di specie quercine, carpino e castagno (4,29ha) in loc. Castelletti nel complesso forestale di Rincine, comune di Londa PF 74/1. Q.tà complessiva stimata: Mst. 340 di legna da ardere. Prezzo base: 11,50/mst. Valore base lotto: 3.910,00. LOTTO n. 10 Fustaia di douglasia da diradare (17,18 ha) in loc. Campo Ritroso, La Motta nel complesso forestale di Rincine, comune di Londa PF 82/1 73/1 74/3. Q.tà complessiva stimata: Mst di legname da imballaggio e legname da lavoro. Prezzo base: 9,00/mst. Valore base lotto: ,00. LOTTO n. 11 Fustaia di pino silvestre da diradare (3,96 ha) in loc. Prato al Viaio nel complesso forestale di Rincine, comune di Londa PF 70/3. Q.tà complessiva stimata: Mst. 200 di legname da imballaggio e cartiera. Prezzo base: 4,00/mst. Valore base lotto : 800,00.

5 LOTTO n. 12 Ceduo a sterzo di faggio (10,03 ha) in loc. Basta Fanelli nel complesso forestale di Rincine, comune di Londa PF 7/1. Q.tà complessiva stimata: Mst. 400 di legna da ardere. Prezzo base: 8,00/mst. Valore base lotto: 3.200,00. LOTTO n. 13 Ceduo di specie quercine e carpino nero (4,50 ha) in loc. Fosso delle Comunanze nel complesso forestale di Rincine, comune di Londa PF 19/1p 19/3p 36/4. Q.tà complessiva stimata: Mst. 500 di legna da ardere. Prezzo base: 13,00/mst. Valore base lotto: 6.500,00. LOTTO n. 14 Ceduo misto di latifoglie (8,00 ha) in loc. Poggio Petroio nel complesso forestale di Rincine, comune di Londa PF 43/1. Q.tà complessiva stimata: Mst 640 di legna da ardere. Prezzo base: 10,00/mst. Valore base lotto: 6.400,00.al Mst. (IVA esclusa) corrispondente ad un aumento pari al

6 LOTTO n. 15 Tronchi di douglasia e di castagno all imposto in loc. Secchieta nel complesso Foresta di S.Antonio, comune di Reggello. Q.tà complessiva stimata: Mst 250 Prezzo base: 16,00/mst. Valore base lotto: 4.000,00 Data Firma e timbro

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione Protocollo ARTEA Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (Mod. A2) Settore forestale Dichiarazione di taglio ed opere connesse L.R. 39/00 e Regolamento Forestale Dichiarazione per interventi

Dettagli

Quadro A - Proprietario o Azienda

Quadro A - Proprietario o Azienda DICH-P Pagina 1 di 9 Settore Programmazione Forestale Quadro A - Proprietario o Azienda Sez. 00 - Documenti accessori Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (barrare solo una casella) Settore Forestale Dichiarazione

Dettagli

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Le linee d azione d regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Dott. Elisabetta Gravano Settore Programmazione Forestale Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo

Dettagli

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato.

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Nuoro 22/10/13 PEFC 18-23-01 Promuoviamo la gestione

Dettagli

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso simone.blanc@unito.it Dipartimento di Scienze

Dettagli

avvertenza: considerare solo il formato piccolo Pagina 1 inserire timbro e firma

avvertenza: considerare solo il formato piccolo Pagina 1 inserire timbro e firma Camera di Commercio di Lucca - affidamento servizi postali Modello C offerta economicabis, Pagina 1 avvertenza: nella compilazione considerare solo il formato piccolo Il sottoscritto legale rappresentante

Dettagli

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LOTTI. LOTTO 1 Bosco in piedi Complesso Forestale Alpe di S.Benedetto, Comune di S.Godenzo. Superficie (Ha) Età (anni)

DESCRIZIONE DEI LOTTI. LOTTO 1 Bosco in piedi Complesso Forestale Alpe di S.Benedetto, Comune di S.Godenzo. Superficie (Ha) Età (anni) Alle ditte boschive interessate Rincine, 18/09/2013 Prot. n. 7905/11 GARA PER LA VENDITA DI N 14 LOTTI DI BOSCO IN PIEDI E DI N. 1 LOTTO DI LEGNAME ALL IMPOSTO NEI COMPLESSI FORESTALI IN GESTIONE ALL UNIONE

Dettagli

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET Massimo Negrin - AIEL Valter Francescato AIEL Foreste e prelievi in Italia (D. Pettenella, L. Secco dip. TeSAF Università di Padova)

Dettagli

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Torino, 05.04.2013 1 Territorio: 2.539.923 ha (2^ Regione dopo la

Dettagli

IL SISTEMA DUE DILIGENCE NELLA GESTIONE DELLE PROPRIETA DELLA REGIONE ASSEGNATE AL SERVIZIO GESTIONE FORESTALE E PRODUZIONE LEGNOSA Versione 1/2013

IL SISTEMA DUE DILIGENCE NELLA GESTIONE DELLE PROPRIETA DELLA REGIONE ASSEGNATE AL SERVIZIO GESTIONE FORESTALE E PRODUZIONE LEGNOSA Versione 1/2013 IL SISTEMA DUE DILIGENCE NELLA GESTIONE DELLE PROPRIETA DELLA REGIONE ASSEGNATE AL SERVIZIO GESTIONE FORESTALE E PRODUZIONE LEGNOSA Versione 1/2013 A) PREMESSA Dal 03/03/2013 entra il vigore il Regolamento

Dettagli

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Valerio Motta Fre (Regione Piemonte) valerio.mottafre@regione.piemonte.it Pierpaolo Brenta (IPLA S.p.A.) brenta@ipla.org Pier Giorgio

Dettagli

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE ENERGIA E TURISMO DALLE FORESTE IN VALTARO CONTESTO TERRITORIALE La Valtaro è situata in provincia di Parma, negli Appennini

Dettagli

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino L'Istituto per le Piante da Legno e l'ambiente (IPLA S.p.A.), in qualità di comodatario della "Tenuta Millerose" sede dell Istituto di Proprietà

Dettagli

ALLEGATO C. LOTTO n. 1 MODULO DI OFFERTA ECONOMICA

ALLEGATO C. LOTTO n. 1 MODULO DI OFFERTA ECONOMICA ALLEGATO C Bollo 16,00 LOTTO n. 1 MODULO DI OFFERTA ECONOMICA Vendita TV Samsung LCD di proprietà provinciale Determinazione dirigenziale n. 4439 del 21/10/2015 N. LOTTO 1 MARCA TV SAMSUNG LCD MODELLO

Dettagli

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova FORESTALE I SESSIONE 2005 Prima prova 1. Il candidato illustri le condizioni di un popolamento di sua conoscenza soggetto a un quadro di dissesto di origine animate o vegetale e dopo puntuale descrizione

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

Scheda AZIENDA FORESTALE o DITTA BOSCAIOLA. Attività: servizi connessi alla selvicoltura e utilizzazione di aree forestali

Scheda AZIENDA FORESTALE o DITTA BOSCAIOLA. Attività: servizi connessi alla selvicoltura e utilizzazione di aree forestali Attività: servizi connessi alla selvicoltura e utilizzazione di aree forestali Tipo di attività: Esecuzione o gestione per conto di enti pubblici enti morali associazioni e privati di lavori Nome: COOPERATIVA

Dettagli

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI MODELLI SELVICOLTURA GENERALI TIPOLOGIA DESTINAZIONE ASSETTO SUPERFICIE

Dettagli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli Barzio 6 ottobre 2011 Quanto legname possono fornirci? Incremento corrente

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

INDICE DELLE DEFINIZIONI

INDICE DELLE DEFINIZIONI Dizionario forestale INDICE DELLE DEFINIZIONI 1. BOSCO 2. MASSA AD ETTARO (o consistenza o provvigione) 3. NUMERO DI PIANTE 4. GOVERNO (forma di governo) a) Ceduo b) Fustaia 5. STRUTTURA DEL BOSCO a) monoplana

Dettagli

ALLEGATO C LOTTO n. 1 MARCA E MODELLO: IVECO MODULO DI OFFERTA ECONOMICA

ALLEGATO C LOTTO n. 1 MARCA E MODELLO: IVECO MODULO DI OFFERTA ECONOMICA MARCA DA BOLLO ALLEGATO C LOTTO n. 1 MARCA E MODELLO: IVECO MODULO DI OFFERTA ECONOMICA Vendita mezzi meccanici ed automezzi elettrici di proprietà provinciale Determinazione dirigenziale n. 4544 del 28/10/2015

Dettagli

Legname di Castagno ad Uso Strutturale

Legname di Castagno ad Uso Strutturale Legname di Castagno ad Uso Strutturale Dott. For. Luchetti Marco Ufficio Normativa Assolegno di FederlegnoArredo Tel. +39 02 80604 328; mob. +39 333 2763278 marco.luchetti@federlegnoarredo.it Introduzione:

Dettagli

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana Auditorium Consiglio Regionale 22 Luglio 2009 La realtà forestale della Regione Toscana Dott. Giovanni Vignozzi Resp. Settore Programmazione Forestale Direzione Generale dello Sviluppo Economico Regione

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

IL SETTORE DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO IN BOSNIA ERZEGOVINA

IL SETTORE DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO IN BOSNIA ERZEGOVINA IL SETTORE DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO IN BOSNIA ERZEGOVINA La Bosnia Erzegovina ha una lunga tradizione nel settore della lavorazione del legno, che affonda le sue radici nella seconda metà del 19-esimo

Dettagli

COMUNE DI FORENZA. Provincia di Potenza

COMUNE DI FORENZA. Provincia di Potenza COMUNE DI FORENZA Provincia di Potenza Corso Grande Umberto I, n.5/a - C.A.P.. 85023 tel. 0971 772217.- fax 0971 772229 - P. IVA 00904230760 - C. F. 86000050764 Settore LL. PP. ed Urbanistica AVVISO D

Dettagli

L'uso del legno nel comparto industriale regionale. Il legno da triturazione

L'uso del legno nel comparto industriale regionale. Il legno da triturazione L'uso del legno nel comparto industriale regionale Il legno da triturazione Fabbisogno di legname dell'industria Regionale Consumi regionali dell'industria della carta e del pannello Legname da triturazione:

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU13 02/04/2015

REGIONE PIEMONTE BU13 02/04/2015 REGIONE PIEMONTE BU13 02/04/2015 Codice A18170 D.D. 2 febbraio 2015, n. 228 Informazione e divulgazione nel settore forestale. Collana di manuali di selvicoltura Regione Piemonte - Blu Edizioni. Realizzazione

Dettagli

Alle ore 13.00 del 31/01/2013, termine di scadenza fissato per la presentazione delle offerte, risultano pervenute n. 3 offerte.

Alle ore 13.00 del 31/01/2013, termine di scadenza fissato per la presentazione delle offerte, risultano pervenute n. 3 offerte. VERBALE DI GARA UFFICIOSA PER L AGGIUDICAZIONE DELLA CONCESSIONE POLIENNALE DI N. 2 LOTTI DI TERRENI AGRICOLI SITI NEL COMPLESSO FORESTALE DI RINCINE IN COMUNE DI LONDA In data 04-02-2013 alle ore 13,00,

Dettagli

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA Potenzialità di sviluppo e di investimento 1. L INDUSTRIA DEL LEGNO IN PELLET Il pellet è un combustibile densificato costituito da biomassa legnosa; il suo utilizzo

Dettagli

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Dott. Marco Panella Ufficio per la Biodiversità Corpo Forestale dello Stato m.panella@corpoforestale.it * * 2 * * 3

Dettagli

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO Data/Prot. di presentazione Amministrazione Provinciale di Siena Ufficio Vincolo Idrogeologico Via Massetana, 106 53100 Siena BOLLO Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse L.R. 21.03.2000,

Dettagli

ALLEGATO 2 alla lettera di invito DICHIARAZIONE DI OFFERTA ECONOMICA PROCEDURA SELETTIVA AI SENSI DELL ART. 34 D.I. 44/2001

ALLEGATO 2 alla lettera di invito DICHIARAZIONE DI OFFERTA ECONOMICA PROCEDURA SELETTIVA AI SENSI DELL ART. 34 D.I. 44/2001 ALLEGATO 2 alla lettera di invito DICHIARAZIONE DI OFFERTA ECONOMICA PROCEDURA SELETTIVA AI SENSI DELL ART. 34 D.I. 44/2001 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO E PERNOTTAMENTO RELATIVO A USCITE DIDATTICHE

Dettagli

La gestione attiva e sostenibile delle foreste in Carinzia

La gestione attiva e sostenibile delle foreste in Carinzia Carinzia: 953.349 ettari Bosco: 570.00 ettari = 60 % 30% Bosco di protezione Funzione protettiva Piano di sviluppo forestale Funzione sociale Funzione ricreativa Funzione produttiva Alberi - Specie AGHIFOGLIE

Dettagli

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO Numeri e nozioni di Xiloenergetica Per richiedere il volume rivolgersi a: Settore Politiche Forestali della Regione Piemonte Corso Stati Uniti, 21-10128 TORINO E_mail: tosettore.foreste14-@regione.piemonte.it

Dettagli

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO PARTE PRIMA GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO Gli alberi forestali della nostra Provincia Gli alberi che formano i boschi della nostra Provincia sono comuni a tutto l arco alpino, e non solo. In questo manuale

Dettagli

Analisi dendrometriche fondamentali

Analisi dendrometriche fondamentali Esame di Gestione delle Foreste e dei Parchi, insegnamento di Misure e tecnologie forestali (parte di misure) AA 2013-2014 Una parte del materiale riprodotto è relativo al corso di "Dendrometria e Selvicoltura"

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

Bivacco Monte dei Gralli

Bivacco Monte dei Gralli Bivacco Monte dei Gralli Il bivacco Monte dei Gralli si trova nel Complesso Forestale Regionale Alpe San Benedetto, comune di San Godenzo (FI) e nel Parco Nazionale Foreste Casentinesi Monte Falterona

Dettagli

Le essenze legnose. Pomilio Giovanni IC

Le essenze legnose. Pomilio Giovanni IC Le essenze legnose Pomilio Giovanni IC 1 Classificazione delle essenze legnose In botanica (la scienza che studia le piante) l essenza indica un arbusto o un albero con parti legnose. Il termine può essere

Dettagli

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed.

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. Panoramica e criteri di scelta dei riscaldamenti a legna Corso Riscaldamenti a legna Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici IL LEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ IN EDILIZIA Centro Congressi Lingotto, Torino 6 giugno 2007 Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Dettagli

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA INCENTIVI PREVISTI DAL P.S.R. 2007-2013 REGIONE PIEMONTE REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI VOLTI AL MIGLIORAMENTO DELL AMBIENTE E DELLA

Dettagli

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio 2 METODOLOGIA DI INDAGINE La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio Foreste e Tutela del Territorio, del Dipartimento Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità.

Dettagli

FORMAZIONE FORESTALE DI RINCINE

FORMAZIONE FORESTALE DI RINCINE CENTRO PER LA FORMAZIONE FORESTALE DI RINCINE www.formazioneforestale.it PROFESSIONE BOSCAIOLO Grazie all avvento delle nuove tecnologie e all evolversi delle tecniche di utilizzazione forestale, il boscaiolo

Dettagli

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO SOSTENIBILE ED ECONOMICO Magnifica Comunità di Fiemme Massimo NEGRIN m.negrin@mcfiemme.eu Hotel Lagorai Cavalese 20 Gennaio 2012 Progetto BIO-EN-AREA

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. NR. 12 DEL 27.02.1997

Dettagli

Sicurezza sul lavoro Vincolo idrogeologico

Sicurezza sul lavoro Vincolo idrogeologico Sicurezza sul lavoro Vincolo idrogeologico Il taglio del bosco Sicurezza sul lavoro Prevenzione infortuni ed igiene del lavoro Vincolo idrogeologico Aspetti autorizzativi Il taglio del bosco Sicurezza

Dettagli

LE ESSENZE LEGNOSE ESSENZE TENERI O DOLCI Le essenze tenere o dolci sono facilmente lavorabili e si prestano bene al taglio, ma con altrettanta facilità sono sensibili a urti, graffi e scalfitture e hanno

Dettagli

C O M U N E D I B A N Z I (PROVINCIA DI POTENZA) Area Tecnica / U.T.C. / LL.PP. Piazza Aldo Moro, 1 Tel. 0971/947820 Fax 0971/947825

C O M U N E D I B A N Z I (PROVINCIA DI POTENZA) Area Tecnica / U.T.C. / LL.PP. Piazza Aldo Moro, 1 Tel. 0971/947820 Fax 0971/947825 C O M U N E D I B A N Z I (PROVINCIA DI POTENZA) Area Tecnica / U.T.C. / LL.PP. Piazza Aldo Moro, 1 Tel. 0971/947820 Fax 0971/947825 AVVISO D ASTA PUBBLICA (con solo offerta in aumento) Per il taglio e

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE AVVISO DI ASTA PUBBLICA Vendita e utilizzazione del materiale legnoso assegnato al taglio nella particella forestale n. 17 del P.A.F. Bosco Comunale Santa Giulia Estensione di circa Ha 31,65.63 IL RESPONSABILE

Dettagli

8. LA FILIERA FORESTA-LEGNO (Luca Cesaro - INEA)

8. LA FILIERA FORESTA-LEGNO (Luca Cesaro - INEA) (Luca Cesaro - INEA) 8.1 LE RISORSE FORESTALI E LE PRODUZIONI LEGNOSE NEL VENETO E IN ITALIA 8.1.1 La superficie forestale La definizione, a livello statistico, di superficie forestale (o boscata) è un

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

Visura per immobile Visura n.: T14719 Pag: 1 Situazione degli atti informatizzati al 21/08/2013

Visura per immobile Visura n.: T14719 Pag: 1 Situazione degli atti informatizzati al 21/08/2013 Data: 21/08/2013 - Ora: 09.25.18 Visura per immobile Visura n.: T14719 Pag: 1 Catasto Terreni Foglio: 28 Particella: 394 N. DATI IDENTIFICATIVI DATI CLASSAMENTO 1 28 394 - BOSCO 1 57 00 Euro 5,89 Euro

Dettagli

ALLEGATO 4 AL DISCIPLINARE DI GARA SCHEMA DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 4 AL DISCIPLINARE DI GARA SCHEMA DI OFFERTA TECNICA GARA D APPALTO, CON PROCEDURA APERTA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASLOCO E SERVIZI VARI CONNESSI PER LE ESIGENZE DELLA REGIONE LAZIO ALLEGATO 4 AL DISCIPLINARE DI GARA SCHEMA DI OFFERTA

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO Ideazione: Area Agricoltura della Comunità Montana Valtellina di Sondrio Testo e disegni - parte prima e parte terza:

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE N. 1 REGIONE N. 2 Comuni di: FIRENZUOLA, LONDA, MARRADI, PALAZZUOLO SUL SENIO, SAN GODENZO Comuni di: PELAGO, REGGELLO BOSCO CEDUO 1816,00 SI 1743,00

Dettagli

OFFERTA ECONOMICA LOTTO N. 2 SEDIE E POLTRONE

OFFERTA ECONOMICA LOTTO N. 2 SEDIE E POLTRONE MODELLO B OFFERTA ECONOMICA LOTTO N. 2 SEDIE E POLTRONE bollo 14,62 (1 ogni 4 facciate) Al Comune di Pistoia PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA E POSA IN OPERA DI SEDIE E POLTRONE PER LA

Dettagli

COSTI DI UTILIZZAZIONE IN CANTIERI FORESTALI A DIVERSO LIVELLO DI MECCANIZZAZIONE

COSTI DI UTILIZZAZIONE IN CANTIERI FORESTALI A DIVERSO LIVELLO DI MECCANIZZAZIONE COSTI DI UTILIZZAZIONE IN CANTIERI FORESTALI A DIVERSO LIVELLO DI MECCANIZZAZIONE Giulio Sperandio Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura Unità di Ricerca per l Ingegneria Agraria

Dettagli

DIRETTIVE PER LA VENDITA DI ASSORTIMENTI LEGNOSI INERENTI L EUCALIPTETO POSTO IN AGRO DI SILI REGIONE PABARILE LOTTO A DI CUI ALLA

DIRETTIVE PER LA VENDITA DI ASSORTIMENTI LEGNOSI INERENTI L EUCALIPTETO POSTO IN AGRO DI SILI REGIONE PABARILE LOTTO A DI CUI ALLA DIRETTIVE PER LA VENDITA DI ASSORTIMENTI LEGNOSI INERENTI L EUCALIPTETO POSTO IN AGRO DI SILI REGIONE PABARILE LOTTO A DI CUI ALLA PROCEDURA NEGOZIATA ESPERITA IN DATA 20.03.2014 APPROVATA CON DETERMINAZIONE

Dettagli

RIAPERTURA TERMINI BANDO DI GARA PER LA VENDITA DI LEGNA DA ARDERE AD AUTOCONSUMO A SEGUITO DI TAGLIO DEL BOSCO

RIAPERTURA TERMINI BANDO DI GARA PER LA VENDITA DI LEGNA DA ARDERE AD AUTOCONSUMO A SEGUITO DI TAGLIO DEL BOSCO COMUNE DI NUVOLENTO (Provincia di Brescia) Piazza Roma, 19-25080 Nuvolento (BS) Tel. 030/69008221 - Fax 030/69008208 ALLEGATO A RIAPERTURA TERMINI BANDO DI GARA PER LA VENDITA DI LEGNA DA ARDERE AD AUTOCONSUMO

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

Procedura aperta per l affidamento del servizio di stampa del materiale promozionale dell Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio

Procedura aperta per l affidamento del servizio di stampa del materiale promozionale dell Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO OGGETTO Procedura aperta per l affidamento del servizio di stampa del materiale promozionale dell Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio Modello

Dettagli

foreste forma La gestione sostenibile nei boschi delle Marche di Carlo Urbinati

foreste forma La gestione sostenibile nei boschi delle Marche di Carlo Urbinati foreste in forma La gestione sostenibile nei boschi delle Marche di Carlo Urbinati Foreste in forma La gestione sostenibile nei boschi delle Marche Progetto realizzato nell ambito del programma ASSO 2008

Dettagli

IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI

IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO AL LAVORO IN BOSCO 10 ANNI DI ATTIVITA DEL CENTRO DI ADDESSTRAMENTO DI RINCINE IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI Enrico

Dettagli

Verbale di Deliberazione n. 11/2014

Verbale di Deliberazione n. 11/2014 AMMINISTRAZIONE SEPARATA USI CIVICI DI DERCOLO COMUNE DI CAMPODENNO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione n. 11/2014 OGGETTO: Realizzazione sorti legna esercizio 2014 a favore dei Frazionisti di

Dettagli

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private Dipartimento risorse naturali e corpo forestale Lo stato dell arte della formazione forestale lungo l arco alpino Barzio 6 ottobre 2011 Direzione foreste e infrastrutture Aspetti della formazione forestale

Dettagli

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale 1 1. COME SI CONSULTA QUESTA GUIDA Il Regolamento approvato dalla Giunta regionale

Dettagli

Buone pratiche per coniugare uso e sostenibilità delle Foreste dell Appennino. www.fagus-life-project.eu. Progetto LIFE+11 NAT/IT/000135 N 4/2015

Buone pratiche per coniugare uso e sostenibilità delle Foreste dell Appennino. www.fagus-life-project.eu. Progetto LIFE+11 NAT/IT/000135 N 4/2015 N 4/2015 Progetto LIFE+11 NAT/IT/000135 Beneficiari: Ente Parco Nazionale del Cilento,Vallo di Diano e Alburni Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Università di Roma La Sapienza Dipartimento

Dettagli

Ecodolomiti S.r.l. Una piccola realtà nata nell Agordino in Provincia di Belluno che opera nel Veneto, Friuli e Trentino. Ecodolomiti S.r.l.

Ecodolomiti S.r.l. Una piccola realtà nata nell Agordino in Provincia di Belluno che opera nel Veneto, Friuli e Trentino. Ecodolomiti S.r.l. Ecodolomiti S.r.l. Una piccola realtà nata nell Agordino in Provincia di Belluno che opera nel Veneto, Friuli e Trentino Ecodolomiti S.r.l. ECODOLOMITI S.r.l. L IMPRESA CHE RISPETTANDO L AMBIENTE VI FA

Dettagli

COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI

COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 61 del 21.12.2011 ART. 1 (Finalità

Dettagli

2 Assortimento e misurazione del legname

2 Assortimento e misurazione del legname 2 Assortimento e misurazione del legname 2.1 Assortimenti di legname In questo capitolo sono trattate le prescrizioni usate in Svizzera per l assortimento e per la misurazione. Legname tondo, tronchi Conifere

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI REGIONE LAZIO ASSESSORATO AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 Autorità

Dettagli

Di Elisa Rossi & Marina Capria. Le essenze legnose

Di Elisa Rossi & Marina Capria. Le essenze legnose Di Elisa Rossi & Marina Capria Le essenze legnose ESSENZE TENERE O DOLCI Le essenze tenere o dolci sono facilmente lavorabili, sono sensibili a urti, graffi e scalfitture e hanno una scarsa resistenza;

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Via XXV Aprile, 10-50068 Rufina (FI) Tel. 055/8396638/39 - Fax 055/8396634 E-mail: vincolo@cm-montagnafiorentina.fi.it Codice Fiscale: 90016720485

Via XXV Aprile, 10-50068 Rufina (FI) Tel. 055/8396638/39 - Fax 055/8396634 E-mail: vincolo@cm-montagnafiorentina.fi.it Codice Fiscale: 90016720485 COMUNITA MONTANA MONTAGNA FIORENTINA Via XXV Aprile 10-50068-Rufina Tel 055839661 Fax 055839663 LOTTO SA.1 PIAN DELLA FARNIA COMPLESSO DEMANIALE DI SANT ANTONIO REGGELLO (FI) DESCRIZIONE E INDIVIDUAZIONE

Dettagli

La legna da ardere in Italia Logistica, organizzazione e costi operativi

La legna da ardere in Italia Logistica, organizzazione e costi operativi Dossier La legna da ardere in Italia Logistica, organizzazione e costi operativi Progetto RES & RUE Dissemination A cura di: Realizzato da CEAR Bruno Vettraino Maddalena Carlino Simona Rosati INDICE PREMESSA...

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO IL LEGNO E uno dei materiali più antichi ed ha rappresentato per l uomo il modo di risolvere, per molti

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA SUL SINNI (PROVINCIA DI POTENZA)

COMUNE DI FRANCAVILLA SUL SINNI (PROVINCIA DI POTENZA) Prot. U.T.C. n 3341 del 27/11/2009 BANDO DI ASTA PUBBLICA (soggetta ad offerta in aumento) Per il taglio e l utilizzazione del materiale legnoso ritraibile dal diradamento del bosco di alto fusto in agro

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE 2 RENDE NOTO

IL DIRIGENTE DEL SETTORE 2 RENDE NOTO Prot. n. 55093 del 01.10.2015 COMUNE DI SCHIO (Provincia di Vicenza) Via F.lli Pasini n. 33 36015 Schio Tel. 0445/691317 Fax 0445/691437 E-mail: ambiente@comune.schio.vi.it Sito internet http: www.comune.schio.vi.it

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 ZONA MONTANA MONTE AMIATA Comuni di: ABBADIA SAN SALVATORE, CASTIGLIONE D ORCIA, PIANCASTAGNAIO VAL D ELSA Comuni di: CASOLE D ELSA, COLLE DI VAL D ELSA, MONTERIGGIONI,

Dettagli

Impieghi della biomassa a fini energetici in provincia di Trento

Impieghi della biomassa a fini energetici in provincia di Trento CONVEGNO FIPER Milano, 16 Novembre 2011 Impieghi della biomassa a fini energetici in provincia di Trento arch. Giacomo Carlino Agenzia provinciale per l energia - Servizio pianificazione energetica e incentivi

Dettagli

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare IL LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco di legno massello Oggi: il banco di ferro e truciolare Il legno Definizione Le caratteristiche Sezione di un tronco La produzione: dal taglio alla segheria La

Dettagli

QUADRO GENERALE DEI TAVOLI DI CONFRONTO

QUADRO GENERALE DEI TAVOLI DI CONFRONTO Gennaio 2011 (Traduzione di documento di B. Bonnell) Datebook QUADRO GENERALE DEI TAVOLI DI CONFRONTO a cura di Riccardo Castellini Condividere un progetto Condividere un visione Identificare i Partecipanti

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE OFFERTA ECONOMICA. (B) offerta prezzo. cadauno(in cifre) cadauno (in lettere) cadauno (in cifre) cadauno (in lettere)

MODULO DICHIARAZIONE OFFERTA ECONOMICA. (B) offerta prezzo. cadauno(in cifre) cadauno (in lettere) cadauno (in cifre) cadauno (in lettere) MODULO DICHIARAZIONE OFFERTA ECONOMICA descrizione autotelai e unità richieste lotto 1) nr. 3 (tre) autotelai per allestimento carico laterale 26 ton. lotto 1) nr. 1 (uno) autotelaio per allestimento gru

Dettagli

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO INDICE INTRODUZIONE PREMESSA LA FINALITÀDEL PRESENTE LAVORO ÈSTATA QUELLA DI FORNIRE AGLI ALUNNI STRUMENTI E

Dettagli

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Sommario a) Legna da ardere Sezione I Usi generali Distinzione Art. 1 Qualità 2 Pezzatura 3 Stagionatura 4 Provenienza 5 Forma del contratto 6 Prezzo 7 Contrattazione

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LOTTI. LOTTO 2 Bosco in piedi Complesso Forestale Alpe di San Benedetto Comune di San Godenzo Legname ritraibile stimato Località

DESCRIZIONE DEI LOTTI. LOTTO 2 Bosco in piedi Complesso Forestale Alpe di San Benedetto Comune di San Godenzo Legname ritraibile stimato Località GARA PER LA VENDITA DI N. 9 LOTTI DI BOSCO IN PIEDI E DI N. 2 LOTTI DI LEGNAME DI CONIFERE ALL IMPOSTO NEI COMPLESSI FORESTALI IN GESTIONE ALL ENTE GARA DEL 05-10-2015 Ai sensi del Regolamento Generale

Dettagli

BOSCO CURA e SALVAGUARDIA GIORDANI SA CURA, SALVAGUARDIA DEL BOSCO E COMMERCIO DEL LEGNAME LEGNO MATERIA PRIMA RINNOVABILE

BOSCO CURA e SALVAGUARDIA GIORDANI SA CURA, SALVAGUARDIA DEL BOSCO E COMMERCIO DEL LEGNAME LEGNO MATERIA PRIMA RINNOVABILE BOSCO CURA e SALVAGUARDIA Selvicoltura Esbosco, Risanamenti Ingegneria naturalistica Acquisto boschi in piedi Taglio, manutenzione alberi 50 1961 2011 GIORDANI SA CURA, SALVAGUARDIA DEL BOSCO E COMMERCIO

Dettagli

Glossario. aziende medio-piccole 25.000 50000 euro. aziende medio-grandi 100.000 500.000 euro

Glossario. aziende medio-piccole 25.000 50000 euro. aziende medio-grandi 100.000 500.000 euro Accordato: classe di dati relativa all ammontare di credito che gli organi competenti dell intermediario segnalante hanno deciso di concedere al cliente; per i crediti di firma corrisponde all ammontare

Dettagli

Lineamenti strategici per la valorizzazione delle Filiera Foresta Legno - Energia in areali appenninici. Contributo per un confronto

Lineamenti strategici per la valorizzazione delle Filiera Foresta Legno - Energia in areali appenninici. Contributo per un confronto Lineamenti strategici per la valorizzazione delle Filiera Foresta Legno - Energia in areali appenninici. Contributo per un confronto Università degli Studi di Salerno - 11 ottobre 2010 Luigi Todaro Università

Dettagli

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus.

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. PROVENIENZA: si è naturalizzato in Africa meridionale dov è considerata

Dettagli