G3-Giornate Giovani GNRAC Quartiere Fieristico di Ferrara, 20 Settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G3-Giornate Giovani GNRAC Quartiere Fieristico di Ferrara, 20 Settembre 2013"

Transcript

1 Quartiere Fieristico di DIMENSIONAMENTO DI UNA VERY LARGE FLOATING STRUCTURE" EQUIPAGGIATA CON SISTEMI WAVE ENERGY CONVERTER DEL TIPO OSCILLATING WATER COLUMN Prime considerazioni e progetto di modellistica fisica Dott.ssa Ilaria Crema

2 MOTIVAZIONI G3-Giornate Giovani GNRAC Caratterizzazione della disponibilità energetica nel Mar Mediterraneo (PhD V. Vannucchi) Caratterizzazione delle zone più energetiche offshore e nearshore Prototipazione & Fattibilità/Ottimizzazione (I. Crema) Dimensionamento ed ottimizzazione preliminare dell efficienza idraulica e della risposta idroelastica di un sistema VLFS-OWC Modello Numerico (I. Simonetti) Ottimizzazione dell efficienza idraulica e meccanica del dispositivo OWC

3 OBIETTIVI G3-Giornate Giovani GNRAC 1 2 SVILUPPO di un Sistema VLFS-WEC realizzabile e sicuro OTTIMIZZAZIONE dell efficienza idraulica del WEC e della stabilità del sistema VLFS-WEC Revisione della LETTERATURA MODELLO FISICO in scala ridotta 3 STIMA PRELIMINARE dell energia prodotta dal sistema VLFS- WEC in uno specifico sito di installazione nel Mar Mediterraneo Analisi della SERIE TEMPORALE dei dati acquisiti sperimentalmente

4 INTRODUZIONE: COS È UNA VLFS? Limitata disponibilità di terreno SOLUZIONE Very Large Floating Structure Suzuki & Yoshida (1996) definiscono una struttura galleggiante Very Large quando questa soddisfa le seguenti condizioni: della lunghezza d onda caratteristica: λ wave L VLFS è maggiore: del parametro caratteristico: CONCENTRATED LOAD λ c VLFS BUOYANCY EI: resistenza alla flessione [N m 2 ]

5 INTRODUZIONE: QUALE VLFS? Secondo Watanabe et al., 2004 le VLFSs su classificano in: Semi-sommerse VANTAGGI facile e veloce da costruire ecologico facile da spostare, rimuovere, trasportare ed espandere economico A pontone SVANTAGGI poco sicuro in caso di tsunami La tecnologia scelta è: poco sicuro in caso di attacchi terroristici comportamento idroelastico sotto l'azione delle onde

6 INTRODUZIONE: COS È UN WEC Falcão (Falcão, 2010) ha classificato i WECs CONVERTITORI DI ENERGIA CHE SFRUTTANO IL MOTO ONDOSO secondo il principio di funzionamento WAB Wave Activate Body OWC Oscillating Water Column OTD Overtopping Device Fonte:

7 INTRODUZIONE: QUALE WEC? Poiché WAB OTD movimento dell intero sistema o delle sue unità strutturali installazione di un ampio bacino di raccolta sulla piattaforma Sicurezza e Stabilità degli operatori e delle infrastrutture NON ASSICURATE! Area disponibile per l installazione di eventuali altri dispositivi NON SUFFICIENTE! La tecnologia scelta è: OWC (COLONNA D ACQUA OSCILLANTE) è in grado di garantire SIMULTANEAMENTE: l'approvvigionamento energetico l attenuazione della risposta idroelastica

8 INTRODUZIONE: SITO DI INSTALLAZIONE L onda di progetto è stata scelta in base ai dati raccolti nel precedente lavoro di dottorato sulla caratterizzazione della disponibilità energetica del Mediterraneo (2013, Vannucchi) MEAN POWER YEAR 2011 (kw/m) ONDA DI PROGETTO 1<H m0 <4.5m 4.5<T e <9s Toscana Centrale: UTM32 Latitude: Longitude: Water depth:-50m Mean wave power 2011:2.9kW/m Sardegna Nord-Occidentale: UTM32 Latitude: Longitude: Water depth:-50m Mean wave power 2011: 8kW/m

9 IL PROTOTIPO: LA PIATTAFORMA VLFS In accordo con Suzuki (1986, Suzuki), è stato scelto di costruire il prototipo di VLFS in calcestruzzo, in quanto è un materiale: a basso costo idoneo in ambiente marino di facile fabbricazione e trasportabilità Inoltre sono note molte applicazioni di strutture in calcestruzzo galleggianti, ad esempio: Mega-Float (Tokyo Bay) Osaka Kansai Airport (Osaka) Ujina Floating Pier (Hiroshima, Japan) Mega-Float (Marina Bay, Singapore)

10 IL PROTOTIPO: COSTRUZIONE DELLA VLFS CASSONE GALLEGGIANTE 25X25X15m ASSEMBLAGGIO DELLE UNITA PIATTAFORMA Piattaforma rettangolare in cls: 150x50x15m Area utile: 7500m 2 Peso: 25x10 3 t

11 IL PROTOTIPO: COSTRUZIONE DELL OWC Con lo scopo di: ripartire i costi di costruzione ridurre la risposta idroelastica della VLFS proteggere la VLFS dal moto ondoso estrarre energia dal moto ondoso La VLFS è equipaggiata con convertitori OWCs : Air turbine 10m 2.5m 10m 10m Struttura a cassone in cls: 10x10x15m Spessore della parete frontale: 0.8m 8.8m -7.5m 15m 15m -7.5m Ampiezza della camera: 8.8m 0.8m Pescaggio:-7.5m

12 IL PROTOTIPO: IL SISTEMA VLFS-OWC 44 OWCs sono disposti intorno alla piattaforma rendendo tutto il sistema indipendente dalla direzione dell'onda 15m 170m La VLFS-OWC è mantenuta ad una profondità di 50m da un ancoraggio lasco che segue il gradiente di marea locale -50m Sistema di forma rettangolare: 170 x70x15m Secondo quanto affermato da Suzuki & Yoshida 1996, questo valore soddisfa la condizione di VLFS poiché: λ wave <130m N OWC: 44 Profondità: -50m Freeboard: +7.5m

13 METODOLOGIA: IL MODELLO FISICO 1 STEP Ottimizzazione del efficienza idraulica dell OWC Alla scala dell OWC 2 STEP Valutazione dell'efficienza del sistema VLFS-OWC e Risposta Idrodinamica Alla scala del sistema VLFS-OWC VLFS-OWC 3 STEP Stima preliminare della produzione di energia del sistema VLFS-OWC VLFS-OWC

14 METODOLOGIA: LE CONDIZIONI DI PROVA 1 st STEP SCALA DELL OWC C0 Fisso VLFS-OWC Efficienza idraulica dell OWC fisso 2 nd STEP SCALA DEL SISTEMA VLFS-OWC C1 Ancorato VLFS-OWC Risposta idrodinamica e movimento della sola piattaforma C2 Ancorato VLFS-OWC Efficienza idraulica e risposta idrodinamica dell intero sistema

15 1 STEP: OTTIMIZZAZIONE DELL OWC PARAMETRI DI PROGETTO FISSI: Ld Td Fc Posizione della Turbina ad aria Freeboard: Fc Ampiezza della camera: W Inclinazione del muro frontale: β Spessore del muro frontale: b b W D PARAMETRI DI PROGETTO DA OTTIMIZZARE: Lunghezza della camera: Ld Pescaggio: D Effetto della turbina: Td

16 La LUNGHEZZA DELLA CAMERA (Ld) influenza: 1. La frequenza di risonanza dell OWC (1978, Evans) G3-Giornate Giovani GNRAC 1 STEP: OTTIMIZZAZIONE DELL OWC 2. Il volume d aria e il fenomeno dell air spring che comporta possibili picchi di risonanza (2010, Lovas) 3. Il periodo di sloshing all interno della camera (2005, Carbon Trust), (2012, Sheng). In accordo con Sheng Ld<¼ λ wave, quindi per il sito selezionato Ld<14m Ld =8.8m Ld =13.8m Ld =3.8m G1 G2 G3 8.8m 13.8m 3.8m

17 1 STEP: OTTIMIZZAZIONE DELL OWC IL PESCAGGIO (D) influenza: 1. La frequenza di risonanza dell OWC (1978, Evans) 2. Il fenomeno dell inlet broaching che implica sbalzi di pressione e conseguenti perdite (2005, Carbon Trust) 3. Il periodo di sloshing all interno della camera (2012, Sheng) D=-7.5m D=-20m D=-35m G4 G5 G6

18 1 STEP: OTTIMIZZAZIONE DELL OWC L EFFETTO DELLA TURBINA (Td ): La presenza della turbina ad aria influenza l efficienza di conversione dell energia catturata dal dispositivo. Questo effetto di smorzamento può essere simulato riproducendo orifizi di differente diametro (2010, Toyota; 2007, Morris-Thomas; 2012, Sheng) Td=0.5% Td=1% Td=2% G7 G9 G10

19 2 STEP: OTTIMIZZAZIONE DEL VLFS-OWC Inoltre saranno condotti dei test anche per un sistema VLFS-OWC di maggiore lunghezza e numero di dispositivi per valutarne le differenti prestazioni 150x50x15m 300x50x15m 170x70x15m (44 OWCs) 320x70x15m (74 OWCs)

20 MODELLO FISICO: SCELTA DEL FATTORE DI SCALA L attività sperimentale sarà condotta nel CANALE MARITTIMO del Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale dell Università di Firenze applicando il CRITERIO DI SIMILITUDINE DI FROUDE Il fattore di scala è stato scelto considerando i seguenti vincoli di laboratorio: Il livello massimo di acqua di fronte al generatore di moto ondoso è di 50 60cm; La massima altezza significativa generata è caratterizzata da: Hs = 15cm, Tp = 1-2s 1 100

21 MODELLO FISICO: REALIZZAZIONE Il modello fisico del sistema VLFS-OWC sarà riprodotto in plexiglas, regolandone accuratamente il peso per una corretta rappresentazione del momento di inerzia Rectangular Plexiglas platform: 170x70x15cm Per una simulazione rappresentativa del comportamento idroelastico dalla piattaforma sarà opportunamente scalata la rigidità associata alle connessioni tra le singole unità strutturali della VLFS.

22 MODELLO FISICO: SET UP EFFETTO DELLA TURBINA simulato con orifizi di differenti diametro saranno installati 4 CUSCINETTI A SFERA con la funzione di: ridurre l attrito con le pareti del canale prevenire la collisione tra il modello e le pareti del canale limitare il movimento del sistema a due gradi di libertà

23 MODELLO FISICO: ACQUISIZIONE DEI DATI SONDE RESISTIVE Misurano i livelli di acqua CELLE DI CARICO Misurano le tensioni sviluppate sugli ancoraggi TRASDUTTORI DI POSIZIONE Misurano il movimento del sistema VLFS-OWC VISTA LATERALE WG 8 WG 7 WG 6 LC-3 LC-4 LC-1 LC-2 WG 5 WG 4 WG 3 WG WG 2 WAVE 1 MAKER Absorbing beach TRASDUTTORI DI PRESSIONE SONDA RESISTIVA VISTA FRONTALE ANEMOMETRO A FILO CALDO Misurano le pressioni interne alla camera Misura la velocità del flusso d aria attraverso l orifizio

24 Quartiere Fieristico di GRAZIE PER L ATTENZIONE Dott.ssa Ilaria Crema

ENERGIA DA ONDA POTENZIALE E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE. Lorenzo Cappietti lorenzo.cappietti@unifi.it

ENERGIA DA ONDA POTENZIALE E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE. Lorenzo Cappietti lorenzo.cappietti@unifi.it Laboratorio di Ingegneria Marittima www.unifi.it/labima ENERGIA DA ONDA POTENZIALE E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE Lorenzo Cappietti Wave Energy Research Group at UNIFI Main Objectives (Med Sea) 1) Offshore/Nearshore

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino ENERGIA DAL MARE LE NUOVE TECNOLOGIE PER I MARI ITALIANI - Luglio Enea Via Giulio Romani, Roma Politecnico di Torino Metodologia di integrazione di risorsa e tecnologia Caso studio: la costa Ovest della

Dettagli

A cura di: G. Sannino e V. Artale

A cura di: G. Sannino e V. Artale A cura di: G. Sannino e V. Artale INDICE 1. STATO E PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE 5 2. CONVERTITORI DI ENERGIA DALLE CORRENTI DI MAREA 6 3. CONVERTITORI DI ENERGIA DAL MOTO ONDOSO 7 3 1. STATO E PROSPETTIVE

Dettagli

Dighe REWEC3 per la produzione di energia elettrica dalle onde di mare: nuove attività sperimentali presso il laboratorio NOEL di Reggio Calabria

Dighe REWEC3 per la produzione di energia elettrica dalle onde di mare: nuove attività sperimentali presso il laboratorio NOEL di Reggio Calabria ENERGIA ACADEMIC YEAR DAL 2013/2014 MARE LE NUOVE TECNOLOGIE DEI MARI ITALIANI 1-2 luglio 2014 ENEA, Roma Dighe REWEC3 per la produzione di energia elettrica dalle onde di mare: nuove attività sperimentali

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento Ingegneria Civile Laurea magistrale in Ingegneria Civile per la protezione dai rischi naturali Anno accademico 2014/2015 Tutor: Prof. Giorgio Bellotti Studentessa:

Dettagli

WAVE SAX un dispositivo modulare innovativo per la generazione d energia elettrica dal moto ondoso

WAVE SAX un dispositivo modulare innovativo per la generazione d energia elettrica dal moto ondoso ENERGIA DAL MARE, Le nuove tecnologie per i mari italiani ENEA, 1 e 2 Luglio 2014 WAVE SAX un dispositivo modulare innovativo per la generazione d energia elettrica dal moto ondoso Peviani M., Agate G.,

Dettagli

ENERGIA DAL MARE TOSCANO IL MOTO ONDOSO LA SUA ENERGIA E LO SFRUTTAMENTO. Lorenzo Cappietti Laboratorio di Ingegneria Marittima www.labima.unifi.

ENERGIA DAL MARE TOSCANO IL MOTO ONDOSO LA SUA ENERGIA E LO SFRUTTAMENTO. Lorenzo Cappietti Laboratorio di Ingegneria Marittima www.labima.unifi. ENERGIA DAL MARE TOSCANO IL MOTO ONDOSO LA SUA ENERGIA E LO SFRUTTAMENTO Lorenzo Cappietti Laboratorio di Ingegneria Marittima www.labima.unifi.it LABORATORIO DI INGEGNERIA MARITTIMA WWW.LABIMA.UNIFI.IT

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

ISWEC: varo del sistema in scala reale nel mare di Pantelleria

ISWEC: varo del sistema in scala reale nel mare di Pantelleria ISWEC: varo del sistema in scala reale nel mare di Pantelleria Giuliana Mattiazzo - giuliana.mattiazzo@waveforenergy.com Wave for Energy 2014 ISWEC https://www.youtube.com/watch?v=avyvfrbpfrg Page 2 Wave

Dettagli

I CONVERTITORI DI ENERGIA ONDOSA: STATO ATTUALE IN EUROPA E PROSPETTIVE ITALIANE

I CONVERTITORI DI ENERGIA ONDOSA: STATO ATTUALE IN EUROPA E PROSPETTIVE ITALIANE I CONVERTITORI DI ENERGIA ONDOSA: STATO ATTUALE IN EUROPA E PROSPETTIVE ITALIANE Luca Martinelli (luca.martinelli@unipd.it) Dip. IMAGE - Università di Padova AIOM Studi di Aggiornamento sull'ingegneria

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

Progetto ViSIR. Verifica numerico-sperimentale delle forze laterali scambiate da una coppia di navi affiancate. Daniele Peri

Progetto ViSIR. Verifica numerico-sperimentale delle forze laterali scambiate da una coppia di navi affiancate. Daniele Peri Progetto ViSIR Verifica numerico-sperimentale delle forze laterali scambiate da una coppia di navi affiancate. Daniele Peri 6 1.) Introduzione L obiettivo della campagna sperimentale è quello di misurare

Dettagli

Isolamento acustico. Andrea Nicolini

Isolamento acustico. Andrea Nicolini Isolamento acustico Andrea Nicolini Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale, sezione di Fisica Tecnica nicolini.unipg@ciriaf.it ISOLAMENTO ACUSTICO Strutture fonoisolanti

Dettagli

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA turbine eoliche ad asse verticale VAWT A.A. 2008/09 Energie Alternative Prof.B.Fortunato

Dettagli

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione INTRODUZIONE Da alcuni anni si è diffusa l abitudine di riscaldare fabbricati industriali con i pannelli radianti a pavimento. La nostra associazione EMCP di produttori di pannelli radianti a soffitto

Dettagli

IMPIANTI MINIEOLICI 2013

IMPIANTI MINIEOLICI 2013 Sede Amministrativa e Commerciale: Viale Vittorio Veneto, 115-94018 Troina (EN) Cell: 329/4857300 Ufficio di Rappresentanza: Via Alcide De Gasperi, 18 24123 Bergamo (BG) - Cell: 328/3515308 Via Cavour,

Dettagli

Progettazione di un sistema di produzione di energia da moto ondoso in scala reale. G. Mattiazzo, E. Giorcelli, D. Poggi G. Sannino, A.

Progettazione di un sistema di produzione di energia da moto ondoso in scala reale. G. Mattiazzo, E. Giorcelli, D. Poggi G. Sannino, A. Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Progettazione di un sistema di produzione di energia da moto ondoso in scala

Dettagli

Sviluppo di un modello numerico per simulazioni CFD di sistemi di conversione del moto ondoso tipo U-OWC (Oscillating Water Column).

Sviluppo di un modello numerico per simulazioni CFD di sistemi di conversione del moto ondoso tipo U-OWC (Oscillating Water Column). Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Sviluppo di un modello numerico per simulazioni CFD di sistemi di conversione

Dettagli

Sfruttamento dell energia da onde di mare

Sfruttamento dell energia da onde di mare Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici SEMINARI DI INGEGNERIA COSTIERA, PORTUALE E OFFSHORE CICLO 2007-2008: ENERGIA E MARE, 28 novembre 2008 Sfruttamento dell energia da onde di mare prof. ing. Felice

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory. stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici 1 Schema di una stazione sismica D POWER Display keyboard S ADC CPU I/O DRIVE CLOCK S POWER ADC CPU I/O CLOCK D sensore alimentazione

Dettagli

Acqua come risorsa scarsa: quali usi energetici?

Acqua come risorsa scarsa: quali usi energetici? Acqua come risorsa scarsa: quali usi energetici? Dario GAMBA Zeco Automazioni Dalla fine degli anni 60 Zeco fornisce prodotti e soluzioni nell ambito della generazione idroelettrica. Zeco produce turbine

Dettagli

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Esercitazione 6 Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Si esegua la verifica di stabilità allo scorrimento nella sola fase di cresta dell

Dettagli

L ENERGIA DELL OCEANO

L ENERGIA DELL OCEANO L ENERGIA DELL OCEANO LE ONDE vento acqua si innesca il moto ondoso ZONE CON UN MEDIO POTENZIALE ENERGETICO IN ITALIA IN TERMINI DI ONDE. Evidenziate in rosso ed in rosa sono le aree con il maggior potenziale

Dettagli

Tecnologie per l uso efficiente dell energia e per l utilizzo di fonti energetiche rinnovabili

Tecnologie per l uso efficiente dell energia e per l utilizzo di fonti energetiche rinnovabili Corso di laurea in: Innovazione Tecnologica e Design per i Sistemi Urbani e il Territorio Titolo insegnamento: Audit e progettazione energetica Docente: Arch. Antonio Carbonari Tecnologie per l uso efficiente

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria del Territorio Corso di Regime e Protezione dei Litorali. Corso di REGIME E PROTEZIONE DEI LITORALI

Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria del Territorio Corso di Regime e Protezione dei Litorali. Corso di REGIME E PROTEZIONE DEI LITORALI Corso di REGIME E PROTEZIONE DEI LITORALI (A. A. 009 010) ESERCITAZIONE N Trasferimento delle onde estreme alla costa Nella costa sud-orientale della Sardegna si deve realizzare un opera di difesa mediante

Dettagli

SISTEMA PER LA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA DELLE ONDE MARINE IN ENERGIA ELETTRICA ( Energy Double System ) EDS

SISTEMA PER LA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA DELLE ONDE MARINE IN ENERGIA ELETTRICA ( Energy Double System ) EDS Tecnomac S.R.L. Via Pablo Neruda 69 / 71 25020 Flero (BS) Italy C.F.-P. IVA 02169030174 Phone-Fax ++39 030 3580817 Home page : www.tecnomac.it e-ail :info@tecnomac.it SISTEMA PER LA TRASFORMAZIONE DELL

Dettagli

ICT nelle Smart Grid: Interoperabilità e Paradigma dell Utente Attivo

ICT nelle Smart Grid: Interoperabilità e Paradigma dell Utente Attivo ICT nelle Smart Grid: Interoperabilità e Paradigma dell Utente Attivo Angelo Frascella ENEA, angelo.frascella@enea.it Seminario R2B Smart Grid: dalla Teoria alla pratica Bologna 8 Giugno 2011 1 Sommario

Dettagli

Analisi di fattibilità per l approvvigionamento energetico di una struttura turistica costiera mediante fonti rinnovabili

Analisi di fattibilità per l approvvigionamento energetico di una struttura turistica costiera mediante fonti rinnovabili Tesi di laurea di Andrea Pasi Relatore Renata Archetti Analisi di fattibilità per l approvvigionamento energetico di una struttura turistica costiera mediante fonti rinnovabili Università degli studi di

Dettagli

1- DESCRIZIONE GENERALE

1- DESCRIZIONE GENERALE PPR REELLEEV VA AC CA AM MPPIIO ON NII A AU UTTO OM MA ATTIIC CO O -- H HEER RO ON N 33000000 1- DESCRIZIONE GENERALE Il sistema di campionatura automatico del seme proposto dalla società francese TPLG

Dettagli

Il Torque Converter Intro. Il Torque Converter Funzionamento (base)

Il Torque Converter Intro. Il Torque Converter Funzionamento (base) Il Intro Tutte le vetture con cambio manuale dispongono di una frizione interposta tra motore e trasmissione che ha la funzione di creare o interrompere il collegamento meccanico tra questi due dispositivi,

Dettagli

Energia dal moto ondoso

Energia dal moto ondoso Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Triennale in Ingegneria dell Informazione Tesina di laurea triennale Energia dal moto ondoso Wave energy Candidato: Stefano Lissandron

Dettagli

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare.

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti SEA_LAB Tel www.rotospeed.it Premessa SEA_LAB è un innovativo laboratorio marino galleggiante, trasportabile, e dotato di sonde

Dettagli

PALI DI FONDAZIONE E PALIFICATE

PALI DI FONDAZIONE E PALIFICATE PALI DI FONDAZIONE E PALIFICATE 6. SPERIMENTAZIONE SUI PALI 1 SPERIMENTAZIONE -SCOPI - VERIFICA DELLA ESECUZIONE E DELLE PRESTAZIONI Prove di carico di collaudo Carotaggio Diagrafia sonica Metodi radiometrici

Dettagli

REWEC3: nuove dighe portuali. di energia elettrica dalle onde di mare

REWEC3: nuove dighe portuali. di energia elettrica dalle onde di mare www.wavenergy.it ANNO ACCADEMICO DUEMILADODICI/DUEMILATREDICI Università di Bari 12 e 13 novembre 2012 Green City Energy MED REWEC3: nuove dighe portuali per la produzione di energia elettrica dalle onde

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il PVTRAIN PhotovoltaicTrain - è un progetto pilota della durata di 3 anni (iniziato il 1 Novembre 2002 e terminato il 31 Ottobre 2005) realizzato dalla

Dettagli

Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni

Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni 1 Sommario Introduzione Teoria Approccio (alcune osservazioni) Componenti principali Portata d aria Usi inappropriati Perdite Parametri che influenzano i consumi Esercizi Caso Studio Conclusioni 2 3 L

Dettagli

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE R. Pucinotti, M.R. Udardi Dipartimento Patrimonio, Architettura e Urbanistica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

Dettagli

Approccio intermedio fra i precedenti

Approccio intermedio fra i precedenti Modelli usati per simulare il sistema respiratorio Ingegneria Biomedica Anno Accademico 2008-0909 Tommaso Sbrana Un modello è una rappresentazione di un oggetto o di un fenomeno che ne riproduce alcune

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 6.0 I Sistemi Deposizionali Costieri Sergio G. Longhitano Dipartimento di

Dettagli

SCHEDA 21A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 500 E SIMILI (FIAT 550, FIAT 600, etc.)

SCHEDA 21A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 500 E SIMILI (FIAT 550, FIAT 600, etc.) SCHEDA 21A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 500 E SIMILI (FIAT 550, FIAT 600, etc.) Il presente documento è stato realizzato nell ambito dell attività di ricerca prevista:

Dettagli

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 PNEUMATICA PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 1. Generalità L unità carrellata Didacta PN20DNT consente lo studio dei parametri tipici di ventilatori centrifughi

Dettagli

Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio

Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio Marco Domaneschi Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano Tubi commerciali in

Dettagli

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.)

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) Il presente documento è stato realizzato nell ambito dell attività di ricerca prevista:

Dettagli

I supporti dei sistemi fotovoltaici

I supporti dei sistemi fotovoltaici I supporti per il montaggio dei moduli Su tetto a falda: retrofit e integrazione A terra o su tetti piani: vasche, supporti metallici, Girasole, Gazebo A parete: frangisole, in verticale Sistemi retrofit

Dettagli

Sviluppo di celle fotovoltaiche innovative a semiconduttore nanostrutturato

Sviluppo di celle fotovoltaiche innovative a semiconduttore nanostrutturato Proposta di Tesi di Laurea Sviluppo di celle fotovoltaiche innovative a semiconduttore nanostrutturato PERIODO : 6 mesi 1 anno con inizio da febbraio 2008 Soggetti industriali coinvolti : CERICOL, Colorobbia,

Dettagli

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Termometri sonori Introduzione In condizioni prossime a quelle standard, un onda sonora si propaga nell aria a velocità = f (T ) In un fluido, infatti, vale la

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche Indice 1 Equazioni fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Equazionedicontinuità... 2 1.3 Principio di conservazione della quantità di moto.... 5 1.4 Principiodiconservazionedellaenergia... 8 1.5 Considerazioniconclusive...

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

THE FUTURE BOAT & YACHT VENICE CONVENTION

THE FUTURE BOAT & YACHT VENICE CONVENTION THE FUTURE BOAT & YACHT VENICE CONVENTION Venezia, 14 15 Marzo 2008 INNOVAZIONE IDRODINAMICA E TECNOLOGICA NEI MODERNI CATAMARANI VELOCI Igor ZOTTI, Università di Trieste, Dipartimento DINMA PREMESSA I

Dettagli

Laboratorio di AEROTECNICA

Laboratorio di AEROTECNICA Laboratorio di AEROTECNICA Misurazione delle Forze Aerodinamiche con la Galleria del Vento 1) OBIETTIVO dell ESPERIMENTO Misurare le forze aerodinamiche, portanza e resistenza, agenti su di un profilo

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino 1 Dipartimento di Ingegneria dell'ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture LABORATORIO DI IDRAULICA GIORGIO Riproduzione di un disegno di Giorgio Bidone sul Risalto Idraulico

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

Progettazione: CONSORZIO RAETIA DEI BY PASSS

Progettazione: CONSORZIO RAETIA DEI BY PASSS Committente: Progettazione: CONSORZIO RAETIA PROGETTO PRELIMINARE CALCOLI PRELIMINARI DELL IMPIANTO DI SOVRAPPRESSIONE DEI BY PASSS I N D I C E 1. OGGETTO 1 2. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO 1 3. METODOLOGIA

Dettagli

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE CONVEGNO AIOM GENOVA 16 Ottobre 2015 Autorità Portuale di Savona Porto di Vado Ligure Ing. Susanna Pelizza Ing. Guido Fiorini SCOPO DEL PROGETTO UN TERMINAL CONTAINER DI CAPACITA 720,000 TEUs ALL ANNO.

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA: Misure, Monitoraggio, Diagnosi

EFFICIENZA ENERGETICA: Misure, Monitoraggio, Diagnosi E 2 CIT EFFICIENZA ENERGETICA: Misure, Monitoraggio, Diagnosi Prof. Ing. Paolo Tartarini DIMeC Dip. di Ingegneria Meccanica e Civile, Univ. di Modena e Reggio E. E 2 CIT Centro di Innovazione Tecnologica

Dettagli

Sun Tracker GALILEO Western CO.

Sun Tracker GALILEO Western CO. Sun Tracker GALILEO Western CO. 1 Descrizione inseguitore. L inseguitore Galileo Western CO. è la soluzione ottimale, in termini di area occupata e prestazioni, per impianti FV da installare a terra o

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA L azienda Nata nel 1985 come fornitore internazionale di ricambi aeronautici, sia per il settore militare che per

Dettagli

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG).

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG). Meteo Meteo è una gamma completa di caldaie specifiche per esterni. Gli elevati contenuti tecnologici ne esaltano al massimo le caratteristiche specifiche: dimensioni, pannello comandi remoto di serie,

Dettagli

GreenValve: la valvola di regolazione che recupera energia

GreenValve: la valvola di regolazione che recupera energia CONVEGNO Valvole e attuatori: novità tecnologiche e casi applicativi GreenValve: la valvola di regolazione che recupera energia Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, sez.

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

ATI STARTES JACQUARD Spa

ATI STARTES JACQUARD Spa SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI STARTES JACQUARD Spa STARTES JACQUARD Spa Villasanta MI MAKO SHARK Srl Dolzago LC ID55/2003 PROGETTO I&I Studio del fenomeno dell attrito e delle relative soluzioni

Dettagli

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo. PALI Si distinguono: 1. pali di piccolo diametro se D/L0,05 Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

Prese d aria supersoniche [1-14]

Prese d aria supersoniche [1-14] Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale Insegnamento di Propulsione Aerospaziale Anno accademico 2011/12 Capitolo 4 sezione a2 Prese d aria supersoniche

Dettagli

Integrated Comfort SyStemS

Integrated Comfort SyStemS Integrated Comfort Systems EST (Energy Saving Technology) è una tecnologia applicata ai ventilconvettori e cassette EURAPO che consente di ottenere assorbimenti elettrici estremamente contenuti e una modulazione

Dettagli

D.Lgs. 311/2006: un obbligo di legge

D.Lgs. 311/2006: un obbligo di legge Il calcestruzzo cellulare YTONG: la risposta al D.Lgs. 311/2006 D.Lgs. 311/2006: un obbligo di legge Il D.Lgs. 192/05 aggiornato dal D.Lgs. 311/06 recepisce la Direttiva comunitaria 2002/91/CE sul rendimento

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Università degli studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea specialistica in Ingegneria Civile

Università degli studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea specialistica in Ingegneria Civile Università degli studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea specialistica in Ingegneria Civile Valutazione prestazionale di edificio scolastico esistente mediante analisi non lineare a plasticità

Dettagli

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico CHRYSO Flexò: la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico IL SISTEMA, COPERTO DA BREVETTO INTERNAZIONALE, PER OTTIMIZZARE LA PRESTAZIONE TERMICA

Dettagli

Hydronic Unit LE. Pompe di calore idroniche

Hydronic Unit LE. Pompe di calore idroniche Hydronic Unit LE Pompe di calore idroniche UNIT LE LA NUOVA POMPA DI CALORE IDRONICA ARIA-ACQUA DI BERETTA CON CIRCOLATORE BASSO CONSUMO Le pompe di calore UNIT LE sono idonee per riscaldamento, raffrescamento

Dettagli

Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 termofisica dell involucro edilizio. Parte seconda prof.

Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 termofisica dell involucro edilizio. Parte seconda prof. Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 termofisica dell involucro edilizio L attivazione della massa e i materiali a cambiamento di fase per l involucro edilizio opaco: presentazione

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO

INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO - IPOTESI ALTERNATIVE ing. Daniele Rinaldo n. 1886 Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

Sistemi fotovoltaici ottimizzati per tetti commerciali

Sistemi fotovoltaici ottimizzati per tetti commerciali Sistemi fotovoltaici ottimizzati per tetti commerciali I tetti commerciali rappresentano un enorme risorsa potenziale per la produzione di energia alternativa. Solo negli Stai Uniti circa 2,8 miliardi

Dettagli

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Ref.: MPS352A Murata Power Solutions www.murata-ps.com Articolo Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Paul Knauber, Field Applications Engineer, Murata Power Solutions

Dettagli

v. p. green Energy G3 30KW

v. p. green Energy G3 30KW v. p. green Energy G3 30KW costruzione molto robusta che si adatta a tutti venti manutenzione ridotta triplo freno a disco non necessita di inverter il migliore compromesso qualità/prezzo diametro del

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8

631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8 631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8 Le fotografie pubblicate si riferiscono a immagini istantanee di situazioni reali in cantiere che non sono da considerare come esempi di impiego. I

Dettagli

Green economy Le attività della Ricerca ENEL Sauro Pasini Ricerca ENEL Ingegneria e Innovazione

Green economy Le attività della Ricerca ENEL Sauro Pasini Ricerca ENEL Ingegneria e Innovazione Green economy Le attività della Ricerca ENEL Sauro Pasini Ricerca ENEL Ingegneria e Innovazione Green City Energy Pisa, 18 Dicembre 2009 La sfida climatica Le energie verdi rappresentano un'occasione da

Dettagli

La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici

La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici Ing. Filippo Palo, XC Engineering Srl Ing. Raul Pirovano, XC Engineering Srl

Dettagli

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza

Dettagli

COMPRESSORI A VITE CON INIEZIONE AD ACQUA OILFREE WIS 40-75 ZA TO RI ARIA PURA

COMPRESSORI A VITE CON INIEZIONE AD ACQUA OILFREE WIS 40-75 ZA TO RI ARIA PURA INDUSTRIA COMPRESSORI A VITE CON INIEZIONE AD ACQUA OILFREE WIS 40-75 ASSIST E N LABORA ZA TO RI ARIA PURA PERCHE A causa del costante sviluppo di macchinari, processi e applicazioni per l aria compressa,

Dettagli

STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO. ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi

STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO. ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi 5 maggio 2005 - Corso di Laboratorio Monitoraggio Frane STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi FINALITA

Dettagli

Energie rinnovabili dal mare, una strategia percorribile?

Energie rinnovabili dal mare, una strategia percorribile? Energie rinnovabili dal mare, una strategia percorribile? Renata Archetti, DICAM, Università di Bologna Abstract Viene presentata la fattibilità di estrazione di energia dai nostri mari. In particolare

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

Casa in legno. antica o soluzione moderna?

Casa in legno. antica o soluzione moderna? Casa in legno Ritorno all antica antica o soluzione moderna? Storia della casa in legno La storia delle case in legno inizia nel 2700 a.c. nell Europa centrale (Blockhaus). Storia della casa in legno A

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e Facoltà di Agraria. Corso di laurea in Scienze e Tecnologie per l Ambiente e il Territorio

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e Facoltà di Agraria. Corso di laurea in Scienze e Tecnologie per l Ambiente e il Territorio Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e Facoltà di Agraria Corso di laurea in Scienze e Tecnologie per l Ambiente e il Territorio Curriculum Marino Tesi di Laurea Specialistica STUDIO SPERIMENTALE,

Dettagli

Introduzione al monitoraggio degli edifici

Introduzione al monitoraggio degli edifici Introduzione al monitoraggio degli edifici ing. Lorenzo Balsamelli Onleco s.r.l. balsamelli@onleco.com _Profilo ONLECO nasce nel 2001 per iniziativa di giovani ricercatori e dottorandi in Energetica e

Dettagli