Parrocchia di Caravaggio. Nostra N 1 - FEBBRAIO Famiglia. Ecco ora il momento favorevole!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parrocchia di Caravaggio. Nostra N 1 - FEBBRAIO 2013. Famiglia. Ecco ora il momento favorevole!"

Transcript

1 Parrocchia di Caravaggio Nostra N 1 - FEBBRAIO 2013 Famiglia Ecco ora il momento favorevole!

2 Sommario Il Parroco Lasciatevi riconciliare con Dio... 1 Chiesa Benedetto XVI lascia la guida della Chiesa universale...2 Diocesi Quaresima di Carità Sostegno a vicinanza...4 Parrocchia Una riflessione sul Concilio Vaticano II...5 Diario Liturgico-Pastorale...5 Anno della Fede In Cristo, creature nuove... 6 Oratorio Campo Invernale - Torino Comunità Ricominciamo dall Oratorio...11 La benedizione pasquale delle famiglie nelle case...12 Fede 20 Anniversario della Visita di Giovanni Paolo II al Santuario di Caravaggio...13 Giornata per la Vita 2013 Festa per la Vita...14 Uno di noi...16 L abbonamento al bollettino per l anno 2013 è di 18 euro. Società Verso le prossime elezioni politiche e regionali...17 Luoghi della Fede La Chiesa di Santa Elisabetta...18 Anagrafe parrocchiale e Angolo della generosità...20 Realizzazione grafica: Antonio Solivari - Stampa: Laboratorio Grafico Direttore Responsabile: Vincenzo Rini - Caravaggio - Periodico - Reg. Trib. di Bergamo 5/4/1984 n.18 - Reg. Stampa

3 Il Parroco Lasciatevi riconciliare con Dio Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio (2 Corinti 5,21). Il tempo quaresimale inizia con questa supplica dell Apostolo Paolo che risuona nella liturgia del Mercoledì delle ceneri e che ascolteremo nuovamente come invito pressante e urgente. La Chiesa, popolo dei credenti, conosce il male e il peccato che generano inimicizie e sofferenze. Si mette in ascolto della sola Parola che si è fatta carne e ha riaperto la strada sbarrata dall egoismo dell uomo, creato da Dio come suo partner insostituibile. Gesù è il nuovo Adamo con il quale Dio ricomincia a tessere la trama del dialogo interrotto dalla superbia del primo uomo che si è depositata in ognuno di noi. Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza! (2 Corinti 6,2). Non c è tempo da perdere! Il momento che viviamo è tempo donato per la nostra conversione. Non c è altro tempo! Non sprechiamo, gettando ai cagnolini, i doni che abbiamo ricevuto nel Battesimo e che riceviamo continuamente se lo desideriamo nei sacramenti che la Chiesa celebra, rinnovando la Pasqua di vita e di risurrezione in ogni cuore e in ogni esistenza. La stagione che viviamo è segnata, soprattutto per gli eccessi di un interminabile campagna elettorale, da grandi lacerazioni del nostro tessuto sociale ed ecclesiale. La Chiesa ci invita a ritrovare, nel silenzio eloquente della preghiera personale e comunitaria, il gusto dell ascolto gioioso della presenza di Dio nella nostra vita, attraverso la forza unificante della Parola e del Pane di vita. Riprendiamo di nuovo a percorrere insieme da fratelli nella fede la strada che conduce a vivere la Domenica, giorno del Signore, giorno della Risurrezione, con lo sguardo rinnovato che cerca luce nuova e ragioni di fede più solide, grazie alle quali affrontare vittoriosamente la dura battaglia contro il male che abbruttisce e incattivisce le nostre relazioni quotidiane. Non stanchiamoci di sentirci dire Convertitevi, e credete al Vangelo ed anche Ricordati che sei polvere e in polvere tornerai, espressioni che il sacerdote ripeterà, all inizio del tempo quaresimale, ponendo sul nostro capo chino un po di cenere, sim- (segue) 1

4 Chiesa bolo del nostro desiderio di crescere nell amore che dà sapore alla vita. Siamo oppressi dal malessere di una crisi economica che è lo specchio della nostra società edonistica alimentata da una cultura dell avarizia e del vantaggio individuale che deprime anche i più elementari valori umani relegandoli nella sfera delle cose impossibili e di una ingenua visione della vita fuori dalla realtà. Non abbiamo più voglia di sognare. Non abbiamo più fiducia in noi stessi e negli altri. Senza speranza il nostro cammino si interrompe, il nostro cuore si paralizza. Si spegne la luce degli occhi. Sommersi nell oscurità delle nostre grettezze, ogni cosa, sentimenti, pensieri, sguardi, vagano nel buio dell incertezza e della fragilità. Torniamo a contemplare l orizzonte di luce che la Pasqua di Cristo continua a riproporci pazientemente come una realtà realmente presente nella nostra vita. Per coglierla abbiamo bisogno di guardare più in profondità vincendo ogni forma di superficialità. Abbiamo bisogno di ascoltare con più attenzione lottando contro ogni forma di pigrizia. Seguiamo i passi di Gesù. Lui solo può parlarci di Dio, come di un Padre buono e misericordioso, che attende il nostro ritorno per fare festa con noi. Gesù è la profezia che si è compiuta della vittoria della vita sulla morte, della forza irresistibile dell amore che supera odi e rancori. Sappiamo che si può ostacolare la profezia, ma non ucciderla. La sua vitalità è incontenibile perché viene da Dio. Anche la nostra Chiesa e il nostro Paese oggi traboccano di mistici, profeti, sognatori, coraggiosi. Quello che manca sono gli ascoltatori. Manchiamo noi che non sappiamo vedere l infinito all angolo della strada, il mistero rannicchiato sulla soglia della nostra casa (Ermes Ronchi). Il cammino spirituale della Quaresima ci riporta all origine della nostra fede, alla sorgente della nostra comunione con Dio e con i fratelli, alle fondamenta della nostra libera decisione di appartenere a Cristo e alla sua Chiesa. Auguro a tutti in questa Quaresima un fecondo cammino spirituale di riscoperta della grazia del sacramento della riconciliazione per una nuova immersione nelle acque purificatrici e rigeneranti del perdono di Dio. Il frutto più prelibato che possiamo gustare nell anno della fede. Don Angelo L umiltà di Pietro L annuncio di Benedetto XVI scuote il mondo: lascia dal 28 febbraio. Necessario il vigore di corpo e animo. Carissimi fratelli, vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole ma non meno soffrendo e pre- 2

5 Il commento del Vescovo Dante al ritiro di Benedetto XVI «Una decisione che rivela una grande libertà interiore e una profonda umiltà di cuore» Confermata la visita ad limina Incredulità per la notizia inaspettata, ma anche profonda serenità perchè la decisione è stata presa dopo lunga preghiera e un attento discernimento interiore. Questi i sentimenti provati dal vescovo Lafranconi dopo aver saputo della scelta di Benedetto XVI di lasciare la guida della Chiesa universale, annunciata durante il Concistoro di lunedì 11 febbraio. Il presule è venuto a conoscenza della notizia dalla radio mentre si recava a Rivolta d'adda per visitare le Suore Adoratrici anziane ospiti della Casa «Santa Maria» e successivamente per celebrare l'eucaristia nella Giornata mondiale del malato presso la Cappella della Casa Famiglia «Beato Francesco Spinelli». «Questo fatto - ha spiegato a caldo mons. Lafranconi prima della Messa - ci dice che non tutti i Papi sono uguali e che anche i momenti storici sono diversi. Giovanni Paolo II ha compreso, nell'intimo della sua coscienza, di poter servire la Chiesa anche attraverso la malattia e la sofferenza, Benedetto XVI, invece, ha capito che il miglior servizio che poteva offrire alla comunità dei credenti è di lasciare il posto a qualcuno di più giovane e di più forte. La sua decisione rivela una grande libertà interiore e una profonda umiltà di cuore. Egli certamente continuerà a servire il Vangelo attraverso lo studio e la preghiera. Lo ricordiamo con gratitudine nella preghiera in questo importante momento della sua esistenza». Per ora pare confermata la visita ad limina dei vescovi lombardi dal 14 al 16 febbraio: proprio sabato prossimo mons. Lafranconi, insieme agli altri presuli della regione, incontreranno, in forma plenaria, Benedetto XVI. Saranno tra gli ultimi vescovi cattolici che saluteranno Joseph Ratzinger come Successore di Pietro, dalle ore 20 del 28 febbraio egli, infatti, sarà vescovo emerito di Roma. gando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20,00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l elezione del nuovo Sommo Pontefice. Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti. Ora, affidiamo la Santa Chiesa alla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinché assista con la sua bontà materna i Padri Cardinali nell eleggere il nuovo Sommo Pontefice. Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorrò servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio. Benedetto XVI 3 3

6 Diocesi Sostegno a vicinanza : opera educativa e di carita Il messaggio del Vescovo La tradizione della Chiesa da secoli organizza la Quaresima attorno a tre fondamentali indicazioni: la preghiera, la penitenza, la pratica di opere buone. Le opere buone, che devono essere compiute e non solo desiderate, stanno sul versante di Dio (con atti di adorazione, ringraziamento, espiazione) e sul versante del prossimo, memori che non si ama Dio che non si vede se non si soccorre il prossimo che si vede. Tanti sono gli ambiti in cui la nostra carità può sentirsi sollecitata. Come Chiesa cremonese decidiamo anche in questa occasione di essere solidali con chi piu sta soffrendo per la crisi economica sociale che ormai da anni stiamo vivendo. Una crisi che manifesta tutta la sua tragicità soprattutto nell ambito lavorativo che richiede risposte non solo di tipo economico sociale ma anche con prospettive di speranza. E una speranza è quella di sapere che ci sono persone di fede e di buona volontà che sanno aprire il loro cuore alla solidarietà, coinvolgendo tutta la famiglia e magari altre famiglie. È quello che sta accadendo con la proposta del SOSTEGNO A VICI- NANZA che già dall estate scorsa la Caritas diocesana ha rilanciato. Ora il tempo quaresimale deve diventare l occasione perché diverse altre famiglie si lascino coinvolgere in questa iniziativa e anzi, sarebbe bello che, questo coinvolgimento avvenisse anche nei gruppi che a diverso titolo si ritrovano nelle nostre parrocchie o nei vari ambienti di vita del nostro territorio. Conoscere le storie di povertà e disagio che famiglie vicino a noi stanno vivendo può inoltre essere un esperienza educativa per la famiglia e per il gruppo e aiutarci a progredire in quella vita buona del Vangelo che siamo chiamati a condividere nelle nostre Comunità manifestando al loro interno segni di fede e di speranza. L iniziativa promossa e coordinata dalla nostra Caritas potrà essere realizzata non solo a livello diocesano attraverso gli Uffici della Caritas, ma anche nelle singole parrocchie o unità pastorali. + Dante, vescovo 4

7 Parrocchia La Parrocchia di Caravaggio in collaborazione con il Circolo ACLI propone per la Quaresima 2013 una riflessione sul Concilio Vaticano II in occasione del cinquantesimo Il Concilio davanti a noi. Per una memoria capace di futuro. Perché parlare del Concilio Vaticano II? A 50 anni dall apertura è sicuramente doveroso celebrare un anniversario importante, ma soprattutto è bello ed appassionante recuperarne con la memoria i valori, affinchè la ricchezza del Concilio continui a operare nella Chiesa. Martedi 5 Marzo alle ore Saloncino San Carlo Oratorio Caravaggio La vicenda storica di un evento che ha cambiato la Chiesa e il mondo. Incontro con Daniele Rocchetti, teologo, Vice Presidente delle ACLI di Bergamo Martedi 12 Marzo alle ore Saloncino San Carlo Oratorio Caravaggio Il soffio dello Spirito. Un testimone del Concilio Vaticano II. Incontro con mons. Luigi Bettazzi, Vescovo Emerito di Ivrea Martedi 19 Marzo alle ore Saloncino San Carlo Oratorio Caravaggio Il Concilio davanti a noi. Responsabilità e impegni per i laici nella storia. Incontro con Giovanni Bianchi, già Presidente Nazionale delle ACLI Diario Liturgico-Pastorale FEBBRAIO Mercoledì 13 Mercoledì delle Ceneri con rito dell imposizione delle ceneri Ore 16.15: Celebrazione per bambini e anziani VENERDÌ DI QUARESIMA Via Crucis in Chiesa Parrocchiale e nei quartieri Adorazione nella Cappella della S. Famiglia, il venerdì mattino, dopo la S. Messa delle ore 9.30 Da Lunedì 18 a Giovedì 21 In Parrocchia: Esercizi spirituali zonali Da Venerdì 22 a Domenica 24 Esercizi spirituali per i giovani a Tignale MARZO Domenica 10 Ore 14.30: I bambini di terza elementare celebrano il sacramento della Riconciliazione Ore 19.30: Cena frugale al Conventino con gli adolescenti Ore 20.45, in Parrocchia: Celebrazione penitenziale d inizio quaresima Domenica 17 Ore 10: Rito di elezione dei candidati alla Cresima Ore 11.15: Rito di elezione dei candidati alla Prima Comunione Lunedì 25 Ore 20.45: Corso genitori e insegnanti Scuola Conventino e Sorgente guidato da don Marco D Agostino 5

8 Anno della Fede In Cristo, creature nuove Riflessioni sui cammini di iniziazione cristiana Lunedì 22 gennaio il Vescovo Dante ha incontrato in Santuario i catechisti delle zone pastorali 1 e 2; obiettivo dell incontro, ascoltare da loro ricchezze e difficoltà nel ministero che svolgono e confermarli nell importanza della loro missione. Da una decina d anni, inoltre, il Vescovo approfitta di queste occasioni per sostenere l idea che tutte le parrocchie passino dal modo tradizionale di formare i nuovi cristiani al modello catecumenale. Tante parrocchie, da più o meno anni, stanno sperimentando i nuovi cammini, apprezzandone i punti di forza e mettendone in luce i limiti. Anche a Caravaggio c è l intenzione di aderire alla scelta della Diocesi: è un passaggio rilevante, che mette in gioco i catechisti, i bambini e i genitori, ma anche l intera comunità cristiana. Ecco perché abbiamo deciso di parlarne, per qualche volta, sul giornale della parrocchia. Sin dai primi secoli, la Chiesa riconosce nel battesimo, nella confermazione (cresima) e nell eucaristia (comunione) le tappe indispensabili del cammino necessario per entrare nella comunità e per fare in essa esperienza del Cristo: perciò ad essi viene dato il nome di sacramenti dell iniziazione cristiana; iniziazione significa, infatti, introduzione. Il termine iniziazione, certamente un po difficile per i non addetti ai lavori, suggerisce la gradualità del processo attraverso cui il Dio vivente entra nell esistenza concreta degli uomini. Essa è motivata, anzitutto, dalla condizione storica dell essere umano, che esige per ogni cosa la fatica e la pazienza del divenire: anche nell esistenza del credente, redenta dalla morte e risurrezione di Gesù, la presa di coscienza del dono ricevuto è un processo lento e graduale e la vita secondo gli insegnamenti evangelici si sviluppa per tappe e per gradi nella crescita della fede, della speranza e dell amore. Ma è soprattutto l accondiscendenza divina a giustificare l esigenza dell iniziazione: Dio, che rispetta la libertà umana, entra nel tempo e accetta di concretizzare il suo amore nella storicità di un cammino che ripresenta nella storia di ciascuno le meraviglie operate nella storia della salvezza. Un semplice esempio può rendere il discorso più comprensibile; ogni bambino impara pian piano, partendo dalle conoscenze più semplici e procedendo, via via, verso quelle più complesse: impara a scrivere le lettere dell alfabeto; poi, unendo le parole, inizia a scrivere intere parole; 6

9 apprende, poi, ad accostare le parole per formare un pensiero che abbia senso; e arriva, così a saper scrivere un intero testo. La nostra esperienza procede così: ad un bambino di prima elementare, ancora incapace di leggere e scrivere, non possiamo certo chiedere di scrivere una tesi di laurea; ma, partendo dall alfabeto e facendo gradualmente tutti i passaggi necessari, una volta divenuto un giovane universitario, sarà in grado di affrontare anche un lavoro complesso come una tesi. Allo stesso modo, a mano a mano che cresce, con l aiuto dei suoi genitori e della comunità cristiana, un bambino impara gradualmente, in relazione alla sua età, a conoscere Gesù Cristo e il suo messaggio, a pregarlo e a celebrarlo nei sacramenti, a vivere come lui propone. Possiamo allora affermare che gli anni del catechismo sono tempo in cui il bambino e il ragazzo si formano, fanno tirocinio per poi diventare cristiani adulti. In quest ottica, comprendiamo facilmente che il cammino dei bambini e dei ragazzi non è solo per ricevere i sacramenti; è molto di più: quando un genitore iscrive suo figlio al cammino di catechesi chiede che il piccolo venga aiutato a sperimentare gradualmente come si vive da cristiani. In questo cammino, i sacramenti segnano le tappe determinanti, ma non sono il punto di arrivo, come normalmente si pensa. L obiettivo del cammino catechistico è formare una persona che, divenuta adulta, possa vivere da cristiano. In questa logica stride molto il modo di pensare e anche l abitudine normalmente seguita, secondo la quale, una volta ricevuta la cresima, i ragazzi smettono di partecipare alla Messa, alla catechesi, ad ogni percorso formativo che la parrocchia propone; si sono preparati a questo per anni e, quando è il momento di iniziare a farlo, spariscono!! Per usare un immagine, sarebbe come se un atleta si allenasse a lungo per partecipare ad una importante gara e poi, quando viene il grande giorno, decidesse di starsene a letto!! Se l obiettivo del cammino di iniziazione cristiana non è ricevere i sacramenti, ma educare i bambini e i ragazzi a diventare cristiani adulti, comprendiamo che il percorso è globale e deve tenere strettamente intrecciati tre canali, annuncio, celebrazione e carità: il cristiano ascolta la Parola di Dio, celebra nei sacramenti (in particolare la Messa) Gesù morto e risorto, con la forza dello Spirito è invitato a costruire relazioni nel bene. Nel percorso del bambino che si prepara a diventare cristiano questi tre momenti non si possono separare; non è, cioè, corretta, l abitudine normalmente seguita: a catechismo sì, a Messa no!! La partecipazione alla Messa per un cristiano e per chi si prepara a diventarlo non è negoziabile! Chiaro che queste considerazioni mettono decisamente in gioco anche i genitori (un bambino, generalmente, non viene a Messa se non accompagnato): d altra parte, sono proprio loro che chiedono alla Chiesa che il loro figlio possa diventare cristiano; non è la Chiesa, né tantomeno la parrocchia ad imporlo! Nel clima di abitudine e fiacchezza che spesso segna il nostro vivere da cristiani, ribadire queste idee è importante: - Anzitutto per non perdere di vista che i sacramenti sono doni importanti di Dio; quando la Chiesa li celebra sa di amministrare un tesoro di grande valore; perciò propone, come da secoli fa, un percorso di preparazione, per aiutare le persone a rendersi conto della preziosità del dono che ricevono. L impressione è che, tante volte, il sacramento sia vissuto come una pretesa, più che come un dono, anche a fronte di un cammino non fatto o fatto solo in parte. Prevale talvolta, come è tipico della nostra cultura, l arrogare a se il diritto di decidere se il cammino proprio o dei propri figli sia sufficiente a ricevere il sacramento. Ma il sacramento non è proprietà privata: è la Chiesa a darlo, quindi alla Chiesa (non ai singoli!) spetta di fissare le modalità di preparazione e alla Chiesa (non ai singoli!) spetta di discernere se vi siano almeno i requisiti minimi per amministrarlo. - In secondo luogo, è importante che i genitori siano liberi di vedere il percorso di iniziazione come scelta libera e consapevole: non come qualcosa che bisogna fare, per tradizione, perché si è sempre fatto così, sperando che finisca il prima possibile e con il minor disturbo possibile (che tristezza se fosse così!!); meglio sceglierlo con la convinzione che sia il meglio da consegnare come tesoro prezioso ai propri figli. Don Andrea 7

10 Oratorio Campo Invernale Torino 2013 Neanche il tempo di riprendersi da capodanno che, anche quest'anno, bisogna partire per il campo invernale. Quest'anno si va sui passi di don Bosco. Tantissimi ragazzi, tanti educatori, un diacono, un solo autista simpatico e un solo prete. Per fortuna, dopo, verremo raggiunti da tre frati francescani nostri amici! L'inizio non poteva essere dei migliori Si va subito a visitare la casa salesiana di Valdocco. Andiamo subito sulla tomba di san Giovanni Bosco per affidare direttamente a lui questo campo. Valdocco è dove don Bosco iniziò ad essere il prete dei ragazzi cercando di portare nel suo oratorio tutti i ragazzi più bisognosi per coinvolgerli nelle sue catechesi innovative e divertenti. Colpiti dalla figura di don Bosco e con un regalo che ci accompagnerà lungo tutto l'anno 2013 (un bellissimo calendarietto salesiano che gli animatori si sono premuniti di far avere ad ogni ragazzo) lasciamo i salesiani di Valdocco per recarci al Sermig: l'arsenale della pace. Qui incontriamo due ragazzi che hanno deciso di vivere la loro vita nell'arsenale della pace aiutando gli altri. Tramite l'ascolto delle loro testimonianze e delle belle canzoni che loro stessi hanno scritto conosciamo meglio questa associazione laica e rimaniamo stupiti da quanto bene possa fare per rimanendo in disparte. Ciò che, però, ancora tutti si chiedevano era cosa significa sermig?. Chiedete a qualsiasi ragazzo e sicuramente saprà rispondere: SERvizio MIssionario Giovani. Arriviamo così alla fine del nostro primo e intenso giorno che concludiamo con la sistemazione nelle camere, cena e una serata giochi. Il secondo giorno lo passiamo sulla neve di Sestriere Nonostante fosse una giornata all'insegna del divertimento non sono mancate occasioni per dimostrare quanto faccia bene lo spirito di questi campi. I migliori sciatori del gruppo, infatti, anziché lanciarsi a tutta velocità, giù lungo piste nere difficili per mettere alla prova la loro infallibile tecnica, sono rimasti a fare da guide e maestri ai più bisognosi : gli sciatori più inesperti del gruppo. Nel frattempo alcuni di noi si sono divertiti a sfidare con i bob il campione indiscusso di tutti i campi, don Umberto. Dopo una giornata così leggera c'è spazio per una serata molto profonda. Vediamo il cortometraggio Il circo della farfalla. Questo circo è diretto da Mr Mendez, un uomo abile a trasformare ogni bruco in bellissime farfalle. Ma come ci riesce? Semplicemente credendo in loro. Mr Mendez non accetta fenomeni da baraccone, ma accoglie persone. E così Will (Nick Vuijcic), un uomo privo di braccia e gambe, entra a far parte della carovana, senza un ruolo, spettatore estasiato, sconvolto e assorto nello scoprire che esiste un 8

11 mondo nel quale ci si può mettere in mostra non per i propri limiti, ma per le proprie risorse. Un mondo nel quale le competenze sono molto più importanti delle incompetenze, un mondo nel quale ognuno, nella sua diversità, ha un posto. Will, però, considerato da sempre un povero storpio, non sa cosa può essere la sua vita se non la vive come fenomeno da baraccone, guardato da tutti, mai avvicinato, sempre deriso, mai ascoltato. E così è Mr Mendez a spiegargli, con una semplicità disarmante, che ognuno è ciò che crede di essere. Poche parole, poche spiegazioni. E quando Will chiede come farà lui, a cui la natura non ha regalato proprio nessuna risorsa, a trovare un modo nuovo di vedersi, Mr Mendez risponde Più grande è la lotta, più glorioso è il trionfo. Will non comprende subito quelle parole, non conosce le storie di quegli uomini che ora appaiono così vincenti, forti, uniti nel gruppo, ma dopo qualche giorno, è lui stesso a sperimentare una parte di sé stesso che non conosceva: in un giorno di riposo, mentre tutti si divertono al fiume, Will è l unico che non può godere della compagnia, non è in grado di raggiungere l altra riva, nè di nuotare. Chiede aiuto, ma nessuno gli risponde. E così pensa di potercela fare da solo, dopo essere caduto si rialza, con quel moncherino di piede che per tanto tempo ha ritenuto inutile. Ma poi Will cade in acqua. Forse da soli è proprio difficile rialzarsi. Mentre tutti, spaventati, cercano Will disperatamente, lui riemerge dall acqua, felice: ha ora capito le parole di Mr Mendez: è possibile trovare un modo nuovo per aiutarsi, per scoprire e utilizzare le proprie risorse, anche quando tutto e tutti non hanno fatto altro che indicarci che così non è. Will ha un nuovo posto, un nuovo mondo, una nuova possibilità: e così nel suo stupore, nella sua gioia, nella sua paura per quello che lo attende, Will trova una nuova occasione. Discutiamo di tutto questo con i nostri ragazzi, sapendo quanto sia difficile per loro, a quell'età in cui tutti siamo passati e tutti passeranno, trovare il proprio posto in questo mondo spesso difficile da capire. Concludiamo la serata cantando e giocando tutti insieme, anche con i frati francescani che ci hanno appena raggiunti. Il terzo giorno si preannuncia bello carico. Ci dobbiamo dividere in due gruppi per visitare a turno Colle don Bosco, la casa natia di San Giovanni Bosco, e la Piccola Casa della Divina Provvidenza conosciuta anche con il nome di Cottolengo dal nome del suo fondatore San Giuseppe Benedetto Cottolengo. Ed è proprio al Cottolengo che il nostro campo arriva al clou, toccando le corde dell'anima di ognuno di noi. Li vediamo dal vivo tante persone con percorsi simili a quello di Will: gente apparentemente senza niente, privata di arti, vista, udito e parola ma con una pace interiore e una gioia di vivere per e nel Signore incredibile. Un ragazzo dei nostri ha detto certo che io mi faccio mille problemi e poi conosci queste persone e vedi come con poco stanno bene. E allora mi accorgo che le mie sono solo menate e devo cominciare a vivere con gioia, ringraziando tutto quello che ho. È solo una delle tante riflessioni fatte da tutti noi. Riflessioni che sono arrivate dall'incontro con Angela, una donna cieca sordo-muta. Riusciamo a conversare con lei grazie alla suora in grado di interpretare i suoi gesti, si perchè altrimenti noi non avremmo capito: siamo tutti un po' handicappati ci dice suor Giancarla. Angela, dopo averci fatto divertire, in cinque minuti ci riassume il senso della vita spronando tutti a seguire la propria vocazione senza paura, a vivere facendo del bene e non del male rispettando e ascoltando i nostri sacerdoti. (segue) 9

12 Colpiti e stupefatti da questo incontro e dalla visita della Piccola Casa (420 assistiti solo a Torino, 35 case di assistenza in tutta Italia con circa 1700 assistiti, più le succursali all'estero), cambiamo completamente scenario per dare sfogo alla passione di tanti: il museo dell'automobile. Arrivati in albergo iniziamo la nostra ultima serata con il gioco finale! Le squadre si sfidano in giochi, prove e scherzi per ottenere il titolo di campioni d'inverno Ciò che davvero conta, però, è aver capito che, così come nel gioco serviva il talento di ognuno per far vincere la propria squadra, anche nella nostra vita dobbiamo mettere in gioco i nostri talenti, senza paura! Dal Vangelo di Matteo leggiamo la parabola dei talenti e notiamo degli aspetti molto importanti. Il servitore timoroso ha seppellito il suo talento e non ha guadagnato nulla e per questo è cacciato dal padrone mentre i due servitori che hanno fatto rendere i loro talenti sono accolti dal padrone, indipendentemente da quanto abbiano guadagnato. Ci rassicuriamo dal fatto che ognuno dei tre servi avessero almeno un talento, significa che ognuno di noi ha almeno un talento. Don Bosco lo sapeva bene, vedeva nell'anima di ogni ragazzo, anche il più disastrato per lui era prezioso; perfino Bartolomeo Garelli, un orfano analfabeta apparentemente in grado di non fare nulla, era importante per don Bosco. Egli riesce a farlo venire nel proprio oratorio scoprendo in lui un talento semplice e banale ma pur sempre qualcosa: Bartolomeo, sai fischiare?. Sì! rispose lui. Bene, allora vieni in oratorio che così possiamo fischiare assieme!. Anche Angela e Will avevano un talento e hanno saputo sfruttarlo al massimo regalando gioia a tante persone. Così dobbiamo fare noi. Con tutti quei pensieri tanto belli quanto difficili e profondi andiamo a letto per l'ultima notte, pronti per l'ultimo giorno. L'ultimo giorno: una visita storica-culturale della città di Torino. Quello su cui il nostro don Umberto ci fa concentrare è la sua amata Sindone, di cui, però, vediamo solo una riproduzione. È sufficiente, però, a far scaldare il nostro don che con una delle sue spiegazioni ci dimostra la sua immensa fede in Gesù. Il viaggio di ritorno passa veloce, come tutti i viaggi di ritorno; facciamo anche tappa a Ivrea per conoscere il Vescovo e visitare la cattedrale. Sono gli ultimi momenti passati assieme prima dell'arrivo in oratorio. Qui c'è spazio per i saluti. E noi educatori rimaniamo con la speranza di aver fatto capire ai nostri ragazzi che in noi un Mr Mendez lo possono sempre trovare! Matteo Caputo, educatore 10

13 Comunità Ricominciamo dall Oratorio Il primo sguardo è rivolto ai giovani, alla nuova generazione. Basta processi e lamentele intorno ad una generazione definita di bamboccioni. Sono figli nostri, figli delle nostre famiglie e di questa nostra comunità. Sono il senso profondo del nostro essere. L orizzonte dei nostri progetti più belli. Questo per me significa: Ricominciamo dall Oratorio. 1 Dal mese di novembre, convocati da don Angelo, ci ritroviamo come consiglio d oratorio per ricominciare concretamente dal nostro oratorio, per cercare di rispondere alle urgenze che le nuove generazioni presentano. Prima di portare avanti delle azioni, abbiamo creduto importante trovarci a pensare insieme : scrivere un progetto che dia senso e orientamento alle nostre scelte, per lasciare una traccia, per renderci conto di quanto cammino rimane ancora da fare, per essere realisti, per non illuderci di essere già arrivati o per non sentirci schiacciati da ciò che resta da fare. Scrivere un progetto per aprirci alla novità, per esercitarci nella speranza, per riflettere sul senso di una realtà che è presente da molto tempo nel territorio, e che, pur cambiando le modalità, non può dimenticare o fare a meno del suo fondamento, del perché esiste e del per Chi. Desideriamo ancora condividere e riflettere sulle esperienze svolte nei diversi ambiti in cui si opera, per aver uno sguardo d insieme e poter cogliere tutti gli aspetti di questa complessa realtà, per cogliere i bisogni, in generale e di ogni singolo servizio, per dare obiettivi chiari che rispondano a questi bisogni. Alcuni passi sono stati fatti, ci siamo confrontati con le linee per un progetto di pastorale giovanile e oratorio della nostra Diocesi. Aiutati da queste linee, abbiamo condiviso il fondamento: Alla base dell esistenza stessa della realtà oratoriana e ancor prima degli strumenti, degli spazi e dei tempi, sta l annuncio evangelico sull uomo e sulla novità di vita che il mistero di Cristo ha portato e continuamente rinnova nella Chiesa. 2 Ci sono ancora passi da fare, tutto questo non basta, rimarrebbe un lavoro significativo per pochi e sterile per molti se non riusciamo a condividere con tutti voi il senso profondo che ci muove, il fondamento e il fine di questo impegno educativo all interno della nostra comunità cristiana. Cominciamo a farvi partecipi attraverso queste poche righe, nella speranza che i rappresentanti di ogni singola realtà possano condividere al più presto i frutti di questo percorso. Ci auguriamo che la partecipazione non si riduca a lamentele, e le azioni non si fermino a un servizio di cura come tanti altri, ma tutti, in questo Ricominciare possiamo accogliere con gratitudine la Tradizione che ci precede e aprirci alla Novità, che può attuarsi unicamente se rimaniamo ancorati a Cristo e al suo Vangelo. Suor Carla 1 PARROCCHIA SS. FERMO E RUSTICO,, il nostro parroco, Novembre 2012, n 5. 2 DIOCESI DI CREMONA, Che cercate? Venite e vedrete, linee per un progetto di pastorale giovanile e oratorio, (2009),

14 Comunità La benedizione pasquale È una bella tradizione della Chiesa che è andata affievolendosi e che noi sacerdoti intendiamo ripristinare a partire da quest anno. delle famiglie nelle case Desideriamo in questo modo dare una risposta concreta al desiderio che tanti fedeli cristiani della nostra Parrocchia hanno espresso di incontrare i propri sacerdoti e di essere visitati nelle loro case per una preghiera di benedizione. Siamo anche consapevoli del notevole impegno che questo ci richiederà. Siamo motivati a non perderci d animo alla prima difficoltà. Abbiamo messo a fuoco alcune modalità che ci auguriamo siano d aiuto perché ogni difficoltà sia superata. Ci sta a cuore incontrare chi è disponibile ad accoglierci nella propria casa per un saluto e una preghiera fraterna. Non siamo ancora in grado di stabilire i tempi che saranno necessari per completare l intero percorso passando di casa in casa. Non sappiamo con certezza quanto tempo ci servirà, senza sospendere nessuna attività in programma in Parrocchia, per raggiungere ogni famiglia e ogni casa sparse su tutto il territorio parrocchiale. L ideale sarebbe incontrare tutta la famiglia riunita nella propria abitazione. Pensando agli attuali ritmi di vita delle nostre famiglie comprendiamo che sarà, per tanti validi motivi, estremamente complicato trovare un orario utile per tutti i membri della famiglia. Senza pretendere la presenza di tutti i membri della famiglia diamo valore a ciò che concretamente è possibile aspettarsi, per non perdere l opportunità di un incontro e di un saluto cordiale. Per venirci incontro e non far aspettare inutilmente saranno messi in atto alcuni accorgimenti. Sul foglio degli avvisi settimanali a disposizione in Chiesa, richiamati anche attraverso radio magnolia, verrà indicato il quartiere e le vie che saranno percorsi dai sacerdoti nel corso della settimana. Non solo! Poiché è difficile indicare il giorno preciso e l ora esatta del passaggio del sacerdote, là dove non è stato possibile trovare in casa qualcuno, verrà lasciato un avviso con indicato il numero telefonico di recapito del sacerdote che è passato perché sia possibile concordare insieme il momento più opportuno per la benedizione. Il sacerdote visitando la famiglia lascerà un piccolo dono, come ricordo del suo passaggio e segno concreto di amicizia. Certamente il dono più prezioso è l opera che il Signore desidera compiere nella vita di chi è disposto ad accogliere con gioia la Sua benedizione. Intanto vi invitiamo ad unirvi alla nostra preghiera invocando il dono dello Spirito Santo perché ci guidi e ci accompagni nel nostro cammino. Don Angelo, don Attilio, don Andrea, don Umberto

15 Fede 20 ANNIVERSARIO DELLA VISITA DI GIOVANNI PAOLO II AL SANTUARIO DI CARAVAGGIO Il Cardinal Stanislaw Dzwisz al Santuario di Caravaggio nel ricordo della visita di Giovanni Paolo II Il nome di Caravaggio è legato in maniera singolare al Santuario, la cui storia costituisce una solenne riprova di come Dio, per comunicare agli uomini le sue parole di consolazione, si serva di Maria vergine e madre, e scelga non le persone celebri e colte, ma le più umili e semplici. Era il 19 Giugno 1992, con queste parole Sua Santità Giovanni Paolo II, iniziava la sua visita al Santuario Santa Maria del Fonte in Caravaggio. Sono passati vent anni da un avvenimento storico per la nostra Comunità caravaggina. Al termine della visita Pastorale del Santo Padre, la nostra Banca, per ricordare l avvenimento e soprattutto per fare memoria del significato profondo del messaggio che il Santo Padre ha portato alle nostre comunità attraverso la sua presenza e le sue parole, che nei tre giorni caravaggini hanno toccato il cuore di quanti hanno partecipato all evento, aveva pubblicato un volume che raccoglieva, con le fotografie e la cronaca dell evento, i discorsi ufficiali pronunciati durante la visita del Papa. Oggi, dopo vent anni, il Consiglio di Amministrazione della Banca di Credito Cooperativo di Caravaggio, a testimonianza dell importanza dell evento, per fare memoria delle toccanti parole pronunciate dal Santo Padre nei tre giorni al Santuario di Santa Maria del Fonte, ha promosso la realizzazione di un convegno, che si terrà nei giorni di Sabato 16 e Domenica 17 Marzo p.v., presso il Santuario di Caravaggio. Sarà presente per l occasione, sua Eminenza il Cardinale Stanislaw Dziwisz ai tempi della visita papale, segretario particolare di sua Santità Giovanni Paolo II e oggi Cardinale di Cracovia in Polonia. Sarà per noi l occasione di raccogliere la testimonianza di chi ha vissuto a stretto contatto con Papa Wojtyla per lunghi anni e con lui ha condiviso i momenti che hanno contribuito, alla fine del secolo scorso, a cambiare la storia dell umanità. Due, sono i momenti dell incontro, sabato pomeriggio un convegno a testimonianza della pastorale di Papa Wojtyla nell anno della fede, mentre sabato sera, l incontro sarà dedicato ai più giovani, come vent anni or sono, volle Giovanni Paolo II, nella serata del sabato trascorso a Caravaggio. La nostra Cooperativa di Credito di Caravaggio, ha voluto che il ventennale di questo importante evento sia degnamente ricordato. È per noi, cristiani impegnati in campo sociale, il momento per riaffermare i valori che sono alla base del nostro operare quotidiano, e ricordando quanto ebbe a dire il Santo Padre in un passaggio del suo primo discorso a Caravaggio: Siete chiamati a diffondere giustizia e solidarietà in un mondo che rischia di essere dominato dall indifferenza e dalle regole del profitto ad ogni costo, trascurando e talora calpestando i più poveri e i più deboli. Vogliamo che la memoria di quanto abbiamo condiviso vent anni fa, sia di sprone a tutti noi per un lavoro continuo e duraturo, basato sui valori della dottrina sociale cristiana, nel costruire giorno dopo giorno il benessere e la pace sociale. Banca di Credito Cooperativo di Caravaggio Il Presidente Carlo Mangoni 13

16 Giornata per la Vita 2013 Festa per la Vita È stato un fine settimana all insegna della riflessione e della gioia quello del 2 e 3 febbraio nella nostra parrocchia di Caravaggio, perché in unione a tutta la chiesa italiana, abbiamo celebrato la Festa per la Vita. Due sono stati gli appuntamenti degni di nota: quello della Veglia zonale il sabato sera e quello per tutte le famiglie della Parrocchia domenica mattina. Per le zone pastorali 1 e 2 della diocesi, la veglia si è tenuta nella serata di sabato 2, presso la nostra parrocchiale. La chiesa era stata addobbata per l'occasione con i disegni dei bambini, e alla veglia ha partecipato un buon numero di fedeli, che hanno animato la preghiera con canti e letture. La veglia si è strutturata in tre momenti, ciascuno comprendente un momento di canto, la lettura di alcuni estratti dal messaggio dei Vescovi per la giornata della vita, una preghiera, e la testimonianza diretta di due ginecologi e del presidente del Centro di Aiuto alla Vita (CAV) di Cassano. «Come è stato ricordato nel messaggio dei Vescovi, molto spesso la rinuncia alla vita è la conseguenza della precarietà economica e della crisi del lavoro ha spiegato Adriano Maggioni, presidente del CAV Il centro di aiuto alla vita cerca quindi di aiutare le coppie oppure le madri in difficoltà economica offrendo loro non solo un supporto psicologico, ma anche un concreto aiuto economico. Tra i vari progetti vorrei ricordare il progetto 'Gemma', un programma di contribuzione economica per diciotto mesi alla mamma e al suo bambino, che è stato possibile realizzare anche grazie alla generosità di molti; dal 2010 inoltre è possibile usufruire anche dei fondi stanziati dalla regione Lombardia, attraverso il fondo 'nasco', che anch'esso supporta la scelta del parto anziché quella dell'aborto. Attraverso questi progetti speriamo che sempre meno donne siano costrette ad abortire per problemi economici, ma riescano a far fronte ai problemi aiutate da un forte sostegno». Alla veglia ha partecipato anche il primario del reparto di ostetricia e ginecologia dell'ospedale Treviglio-Caravaggio Roberto Grassi, che ha esposto la sua testimonianza come medico obiettore di coscienza: «Io mi considero un laico obiettore ha spiegato e non credo ci sia una contraddizione in questo: la vita è un bene primario, e qualsiasi progetto di interruzione di vita è una perdita irrecuperabile, per tutta l'umanità. Le storie di aborti sono storie di morte e di dolore; durante la mia carriera ho visto tante storie di interruzioni di gravidanza, ma anche tantissime storie di vite sbocciate, ed è sempre una grande gioia vedere, anni dopo, famiglie unite, che magari 14

17 sono passate attraverso un momento di dubbio. Il fatto di essere contrario all'aborto mi fa convivere ogni giorno con una realtà molto diversa, e vivo ogni giorno la contraddizione di obiettore pur dirigendo un reparto che pratica l'interruzione di gravidanza». Molto toccante è stata anche la testimonianza di Fadheel Suhair, ginecologa dirigente presso l'ospedale di Treviglio-Caravaggio, che ha spiegato la propria esperienza di vita. «Il mio paese originario è l'iraq, e vivo in Italia da più di otto anni ha raccontato ho vissuto la mia infanzia e la mia giovinezza tra le guerre e il regime dittatoriale, ma questo non ha mai fermato la mia voglia di vita. È qualcosa che mi hanno trasmesso i miei genitori, con i loro nove figli, e che ho imparato sulla mia pelle: nessuna difficoltà può fermare la speranza nella vita». Molto allegra e vivace è stata la mattinata del 3 febbraio. Infatti, a differenza del programma degli anni scorsi, tanti bambini e ragazzi dall asilo alle superiori insieme alle loro famiglie hanno partecipato alla S. Messa delle ore 10. La chiesa vestita a festa da colorati cartelloni che riportavano la famosa preghiera di Madre Teresa preparati dai ragazzi di terza media la sera precente, ha accolto davvero tante persone in festa. La gioia era palpabile. Oltre ai canti eseguiti con maestria dal nutrito coro di giovani e ragazzi, l omelia di don Angelo ha davvero fatto centro nei cuori: Siete voi bambini e ragazzi i protagonisti della festa di oggi. Voi siete l immagine vivente della gioia di vivere. Alla fine dell Eucaristia, alternandosi in due gruppi, i bambini e ragazzi si sono portati prima nel Teatro Parrocchiale per ascoltare la testimonianza di due adolescenti dell Oratorio che svolgono un servizio di volontariato presso Casa Famiglia di Rivolta D Adda dalle Suore Adoratrici e per imparare un canto sul desiderio di lottare per la vita. Poi in palestra un gioco insieme, organizzato dagli educatori e dai ragazzi delle superiori ha movimentato tutti i presenti. Allo scoccare del mezzogiorno questo fiume di persone si è riversato sul sagrato della chiesa parrocchiale per il lancio dei palloncini con il messaggio di quest anno Generare la vita vince la crisi. In pochi minuti il cielo si è riempito di colori e ancora una volta abbiamo ribadito che la vita dal concepimento sino alla sua fine naturale è ciò che di più prezioso difende la comunità cristiana. I due bebè Nel ventre di una donna incinta si trovavano due bebè. Uno di loro chiese all'altro: Tu credi nella vita dopo il parto? Certo. Qualcosa deve esserci dopo il parto. Forse siamo qui per prepararci per quello saremo più tardi. Sciocchezze! Non c'è una vita dopo il parto. Come sarebbe quella vita? Non lo so, ma sicuramente... ci sarà più luce che qua. Magari cammineremo con le nostre gambe e ci ciberemo dalla bocca. Ma è assurdo! Camminare è impossibile. E mangiare dalla bocca? Ridicolo! Il cordone ombelicale è la via L'alimentazione... Ti dico una cosa: la vita dopo il parto è da escludere. Il cordone ombelicale è troppo corto. Invece io credo che debba esserci qualcosa. E forse sarà diverso da quello cui siamo abituati ad avere qui. Però nessuno è tornato dall'aldilà, dopo il parto. Il parto è la fine della vita. E in fin dei conti, la vita non è altro che un'angosciante esistenza nel buio che ci porta al nulla. Beh, io non so esattamente come sarà dopo il parto, ma sicuramente vedremo la mamma e lei si prenderà cura di noi. Mamma? Tu credi nella mamma? E dove credi che sia lei ora? Dove? Tutta intorno a noi! È in lei e grazie a lei che viviamo. Senza di lei tutto questo mondo non esisterebbe. Eppure io non ci credo! Non ho mai visto la mamma, per cui, è logico che non esista. Ok, ma a volte, quando siamo in silenzio, si riesce a sentirla o percepire come accarezza il nostro mondo. Sai?... Io penso che ci sia una vita reale che ci aspetta e che ora soltanto stiamo preparandoci per essa... 15

18 Giornata per la Vita 2013 Uno di noi Un anno di mobilitazione per portare il diritto alla vita al cuore dell Europa Perché Uno di noi? L iniziativa dei cittadini europei denominata Uno di noi intende chiedere alla Commissione europea, cioè al governo della Ue, che il riconoscimento del bambino concepito e non ancora nato sia sancito da un esplicito atto legislativo con ricadute positive sulla ricerca scientifica, la sanità e la cooperazione alla sviluppo. Questi sono i temi che incrociano la vita umana prenatale e su cui la Commissione europea ha competenza. Ed a proposito di questi temi la Commissione è invitata ad introdurre un divieto al finanziamento di attività che implicano la distruzione di embrioni umani. Uno di noi è promossa da un Comitato composto dalle principali associazioni pro life d Europa, fra cui anche il Movimento per la vita che rappresenta l Italia. Quali obiettivi si propone? L embrione umano merita il rispetto della sua dignità e integrità. Lo afferma una recente sentenza della Corte Europea di Giustizia dove definisce l embrione umano come l inizio dello sviluppo dell essere umano. Cioè l embrione, fin dal momento del concepimento, è titolare di tutti i diritti che spettano all adulto. A cominciare da quello alla vita. Ogni essere umano, anche prima della nascita è una persona. Definizione sulla quale le Istituzioni europee hanno sempre tenuto una posizione equivoca. È ora che l Europa, culla del diritto e dei diritti, esca definitivamente da questa equivocità. Come si può aderire? Ogni cittadino maggiorenne dei 27 Paesi che attualmente costituiscono l Unione europea può sostenere Uno di noi. Le procedure non richiedono l autenticazione notarile ma richiedono che il cittadino si identifichi con metodi che variano da Paese a Paese. In Italia è necessario riportare i dati del documento di identità (esclusivamente passaporto o carta d identità) in corso di validità. I cittadini degli altri Paesi, anche se firmano in Italia, devono utilizzare le procedure di identificazione previste per il loro Paese. Ogni cittadino può apporre la propria firma una volta soltanto. Si può scegliere la sottoscrizione on line o quella su modulo cartaceo: Firma on line Il sistema telematico è unico per tutti i paesi europei. Vi si accede attraverso il sito che è organizzato in sezioni differenziate per tutti i cittadini di ogni nazionalità così da rispettare le diverse procedure di identificazione. Per questo è consigliabile che i cittadini stranieri che si trovano in Italia scelgano, per sostenere Uno di noi, comunque la firma on line. Firma su carta Il modulo cartaceo da firmare è a disposizione costantemente presso l ufficio parrocchiale negli orari di apertura, al mattino dalle ore 9.00 alle e al pomeriggio dalle ore alle Saranno inoltre individuate alcune domeniche e il luogo adatto in cui poter firmare al termine delle SS. Messe. 16

19 Società Verso le prossime elezioni Nota dell Ufficio diocesano di Pastorale sociale politiche e regionali Attraversiamo uno dei periodi più difficili per il nostro Paese e per tutta quanta l Europa. Siamo di fronte a scelte importanti per definire il futuro, abbiamo bisogno che la politica torni a proporre soluzioni ed idee lungimiranti, evitando le facili promesse. Le prossime elezioni politiche e regionali segneranno il futuro della nostra Regione, dell Italia, dell Europa. In questi anni il volto della nostra società è profondamente cambiato. Partecipiamo al travaglio del passaggio tra un mondo che muore e uno che nasce, consapevoli che questo è il tempo in cui ci è dato di vivere e vogliamo starci dentro, facendo tesoro del messaggio del Vangelo che è messaggio pienamente rispondente alle esigenze autentiche dell uomo e della società. Con la forza del passato, con il coraggio del futuro, con la presa in carico del presente. L attuale clima di antipolitica e di sfiducia che si respira nel Paese non aiuta, ma da cittadini e da credenti, non ci rassegniamo a questa situazione, anzi la consideriamo una sfida a partecipare attivamente e responsabilmente, attraverso il diritto/dovere di voto, alla scelta di indirizzi politici coerenti con i valori fondamentali dell uomo, non meno che alla scelta di persone oneste e competenti. Partecipare per cambiare non è solo uno slogan è esigenza e salvaguardia di ogni democrazia. Non possiamo più permetterci di delegare, occorre fare uno sforzo in più. Il Paese ha bisogno di cittadini liberi e attenti, capaci di discernere e comprendere il bene comune e di agire di conseguenza. È finita l epoca dei proclami e delle false promesse, adesso è il tempo di mettere in gioco noi, le nostre vite, la nostra fede senza paure e reticenze. Ricordiamo una espressione di don Lorenzo Milani: A che servono le mani pulite se si tengono in tasca?. Libera la domenica Iniziativa quaresimale diocesana Nel tempo quaresimale le parrocchie della diocesi che si ritrovano, territorialmente, sotto la giurisdizione dei Tribunali di Cremona e Mantova (prossimamente per quelle sotto Crema e Bergamo), sono invitate ad aderire alla raccolta firme Libera la domenica promossa da Confesercenti e Federstrade, con il sostegno convinto della Conferenza Episcopale Italiana. Si tratta di una campagna che mira a correggere gli eccessi della liberalizzazione sulle aperture domenicali dei negozi e restituire alle Regioni la potestà di decidere a riguardo, dopo che il decreto Salva Italia del 1 gennaio 2012, aveva liberalizzato definitivamente, senza eccezioni e in tutto il territorio nazionale, il regime degli orari degli esercizi commerciali. 17

20 Luoghi della Fede La Chiesa di Santa Elisabetta Sono stati appaltati i lavori di restauro e consolidamento della Chiesa di Sant Elisabetta, la quale dopo molto tempo ha la necessità di essere messa in sicurezza e riadattata al ruolo importante di testimonianza cristiana che le compete. Molti sono i fedeli che quotidianamente la visitano e si soffermano per una preghiera, anche in virtù del silenzio e del senso di raccoglimento che si prova al suo interno. Per il suo valore artistico, ma anche di comunità, è interessante conoscere una breve ricognizione storica, ottenuta dalla consultazione di fonti e documenti provenienti dagli archivi parrocchiali e dal prezioso libro del Prof. Pietro Tirloni intitolato: Le chiese di Caravaggio (1997, P. Tirloni, Le chiese di Caravaggio, Caravaggio). Per ovvie ragioni, ci limiteremo ad elencare essenzialmente i passaggi storici più importanti. Già prima del 500 si fa menzione di una chiesa utilizzata dalle religiose di Sant Elisabetta, (forse ricavata da un edificio appartenente agli Umiliati), ma l edificio attuale fu costruito a partire dall anno 1626 su disegno dell architetto Fabio Mangoni, così come la sistemazione del chiostro antico. Negli anni successivi scoppiò la peste e la costruzione della chiesa subì rallentamenti anche per la mancanza di fondi economici. Venne benedetta nel 1669 e consacrata nel maggio 1674, tuttavia ancora incompleta di parecchi elementi architettonici. Il monastero laterale restò incompleto ed il chiostro realizzato su tre lati. Dagli archivi parrocchiali non vi son più notizie storiche fino all anno 1805, quando in conseguenza alla soppressione napoleonica la chiesa divenne di proprietà demaniale, che successivamente la vendette in parte anche a privati cittadini. Con delibera consigliare del 28 novembre 1870, veniva concesso alla Fabbriceria Parrocchiale l uso di quella chiesa per i bisogni del culto. Dopo tale data si ripercorrono attorno agli anni , alcune importanti questioni, per la ripartizione delle spese di manutenzione straordinaria, risolta in compartecipazione tra il comune di Caravaggio e la Fabbriceria Parrocchiale. Nei primi anni del novecento l Amministrazione di Caravaggio propose alla Fabbriceria Parrocchiale, il cambio della chiesa di S. Defendente con la chiesa di Sant Elisabetta. Per diverso tempo non si raggiunse alcun accordo, ma attorno al 1950, due diverse amministrazioni portarono in Consiglio Comunale la proposta di donare alla Fabbriceria della Parrocchia di Caravaggio la chiesa. Fu così che nel 1953 venne deliberata la donazione della chiesa alla Parrocchia di Caravaggio, sotto la positiva disponibilità del parroco Mons. Lingiardi ed il benestare della Curia vescovile.

21 In data 28 ottobre 1957, la Soprintendenza ai Monumenti regionale, sottopone l edificio al vincolo di tutela per l interesse storico artistico. Oggi, nonostante saltuari interventi di manutenzione ordinaria, la chiesa necessita di un intervento sostanziale e duraturo nel tempo. L intervento di restauro consisterà essenzialmente nel rifacimento del manto di copertura, con coppi storici o di recupero. Verranno altresì sostituite le lattonerie e si prevede l installazione dei dispositivi anticaduta per le future manutenzioni. Le grandi capriate in legno di rovere, che costituiscono la struttura di copertura, saranno mantenute e soggette a risanamento conservativo, ed affiancate da opportune strutture metalliche per la distribuzione dei carichi. La piccola orditura verrà sostituita. Le cornici di gronda in laterizio intonacato saranno oggetto di consolidamento e di nuova intonacatura Anche le facciate esterne, ove intonacate, saranno oggetto di intervento, mediante un minuzioso lavoro di consolidamento degli intonaci esistenti, o la loro sostituzione con intonaci antichi a base di grassello di calce. Anche i serramenti vetrati storici presenti sui fronti della chiesa saranno restaurati. L intervento di consolidamento statico prevede diverse tipologie di lavori. Il primo riguarda il rinforzo delle murature di coronamento della copertura, ed eventualmente di altre porzioni particolarmente ammalorate, anche con l inserimento di catene metalliche e capochiave atte a cucire le tessiture murarie ed a legare in più direzioni la struttura. Le volte e gli archi saranno cautelativamente consolidati con una bendatura di sicurezza formata essenzialmente da sovrastruttura sospesa. L elegante campanile, verrà rinforzato mediante l inserimento di una struttura metallica con piccole scale aventi funzione di controvento al fine di creare un valido accesso al sottotetto, così come le porzioni aperte dei timpani verranno tamponate con idonei serramenti in ferro e idonea rete metallica forata per permettere l aerazione e impedire l ingresso di volatili. Verrà restaurato il prezioso ed elegante portale di arenaria sulla facciata principale e recuperato il massiccio portone di ingresso in legno. Le spese di intervento sono notevoli, e per la buona riuscita dell intervento saranno impiegate ditte altamente specializzate nel restauro di edifici di culto. Saranno altresì impiegate maestranze particolarmente esperte nel trattamento del legno, del laterizio, degli intonaci storici e della pietra, oltre a professionisti e progettisti specifici nel campo del restauro e del consolidamento di edifici storici. Arch. Cristiano Mariani 19

22 Anagrafe Parrocchiale dal 2 Dicembre 2012 al 9 Febbraio 2013 Battesimi Rinati alla vita ANNO Buzzini Pietro Francesco di Roberto e Allegri Barbara 84 Rossetti Emma di Roberto e Folzini Alessia 85 Sbernini Niccolò di Andrea e Marca Adriana ANNO Guerrerio Matilde di Andrea e Cremonesi Daniela 2 Ambiveri Angelica Maria di Gianpietro e Frosi Maristella 3 Buccino Lorenzo di Antonio e Nocerino Francesca 4 Costa Angelica di Gian Mario e Casella Jessica 5 Macchi Leonardo di Manuel e Gamba Annalisa 6 Vancini Merighi Giorgia di Alberto e Facchetti Maria Grazia 7 Brugu Luca di Marco e Mecchella Lina 8 Fattori Francesco di Massimo e Imeri Miriam 9 Moriggia Michela di Gian Domenico e Berna Melissa 10 Recanati Manuel di Diego e Resmini Michela 11 Trincucci Desirèe Andrea di Andrea e Rocca Valentina Matrimoni Uniti nella Grazia del Signore 1 Lustrì Domenico con Del Duca Federica il Minoia Luigi con Legramandi Paola il 2.02 Defunti Riposano nella pace del Signore ANNO Belloli Pierangelo, anni Zamboni Marina, anni Invernizzi Patrizia, anni Cornalba Maria, anni Farina Alberto, anni Carminati Margherita, anni Imeri Santo, anni 81 ANNO Valimberti Battista, anni 90 2 Reccagni Maria Grazia, anni 45 3 Radaelli Margherita, anni 91 4 Tura Angelo, anni 82 5 Natali Antonietta, anni 63 6 Colombo Fortunato, anni 73 7 Turati Giuseppina, anni 81 8 Invernizzi Edda, anni 63 9 Rossetti Gianfranco, anni Solivari Gian Carlo, anni Lanzeni Luigi, anni Cantini Giuseppina, anni Sudati Gina, anni Robati Natalina, anni Vitali Angelo, anni Maestri Mario, anni 87 20

23 Angolo della Generosità Nell occasione dei Battesimi di: Pietro, Emma e Niccolò...400,00 Matilde...150,00 Angelica, Lorenzo, Angelica, Leonardo, Giorgia...270,00 Desirèe, Manuel, Michela, Francesco e Luca...250,00 Messe Perpetue in suffragio di: A.G. per Mino Carminati...50,00 Mamma Maria Concetta e Giuseppe Curcio e Maria e Ambrogio Colombo...100,00 Nonni Caverzaghi e Merisio...50,00 S. e G....50,00 R.B. per i propri defunti...200,00 Defunti Famiglia Milanesi e Scrivanti...50,00 Gianna Benassi e Giuseppe Curcio...100,00 Zibetti Marco...300,00 Sandra e Carlo...300,00 Lisetta e Giovanni...300,00 Gianna a ricordo di Maria Cornalba...50,00 Fam. Comminesi per la zia Radaelli Margherita...100,00 La famiglia a ricordo di Marina Zamboni Bianchi...200,00 Paolo Lonati e Paolo Berlusconi 20,00 Offerte varie: Nel ricordo di Angelo, Pino e Santina 55,00 - Nel ricordo di Pierangelo, 30,00 - Franca per il riscaldamento, 50,00 - N.N per la Parrocchia, 20,00 - A e M.M. per i poveri 500,00 - Un ammalata 50,00 - Gruppo Alpini 100,00 - Alcuni ammalati 50,00 - N.N. 50,00 - N.N. per la Parrocchia, 20,00 - N.N. 5,00 - A.F.C. per la Parrocchia 150,00 - A.F.C. per la Caritas 150,00 - N.N. in ricordo di Alberto In suffragio defunti fam. B e L. 55,00 - I vicini di casa di Via Nullo e via Cistercensi in suffragio di Imeri Santo, 30,00 - F.F. in suffragio dei suoi defunti, 35,00 - Fam. F. in suffragio dei defunti fam. F e L. 450,00 - L.F. per la Parrocchia, 50,00 - N.N. per il riscaldamento 20,00 - Alcuni ammalati per comunioni natalizie 930,00 - CISL per uso sala oratorio, 50,00 - NN. Per la Chiesa 30,00 - Classe 1943, 30,00 - Angela e Luigi per la Parrocchia, 1000,00 - La Banda per uso palestra per concerto di Natale, 120,00 - In ricordo di don Giuseppe Cavalleri 50,00 - N.N. per la Parrocchia, 50,00 - N.N. in ricordo del marito, 500,00 -In suffragio della propria defunta 50,00 - I familiari in ricordo di Luigi Pederzoli 200,00 - N.N. 5,00 - N.N. 5,00 - N.N. per i suoi defunti 35,00 - I familiari in ricordo di Natalina, 100,00 - Fam. Merigo a ricordo dei genitori, per le opere parrocchiali, 300,00 - Dal Cenone di S. Silvestro 700,00 RADIO CARAVAGGIO/MAGNOLIA FM 92.2 Ore 9.00/ /17.00 Nelle ore non indicate sopra, la Radio Caravaggio/Magnolia è collegata con la Radio Diocesana «Cittanova» (Cremona) 21

24 Campo invernale 2013 Torino Sui passi di don Bosco e del Cottolengo

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

"Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale

Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale "Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale Uno dei catechismi più invidiati nel mondo redatto da una delle

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti Il Vescovo di Crema Alla Comunità Cristiana che è in Casaletto Vaprio, al parroco, don Achille Viviani, ai membri del consiglio pastorale, alle catechiste, ai diversi gruppi impegnati. Sono passate alcune

Dettagli

Progetto Pastorale Parrocchiale

Progetto Pastorale Parrocchiale Progetto Pastorale Parrocchiale E' il desiderio dì vivere come Chiesa il nostro rapporto con Dio: Padre - Figlio - Spirito, e con ogni persona, in una comunione sempre più vera e intensa, perché ognuno

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI PERCORSO DELL INIZIAZIONE CRISTIANA Due parole per spiegare i motivi di una scelta Innanzitutto, non dobbiamo dimenticare

Dettagli

Linee guida per un percorso Catechistico...

Linee guida per un percorso Catechistico... Parrocchia di sant Alessandro Martire in Capriate Parrocchia del SS. Nome di Maria in Crespi Linee guida per un percorso Catechistico... Anno catechistico 2013/2014 16 1 Prima elementare Obiettivi: imparare

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

IL PROGETTO DIOCESANO

IL PROGETTO DIOCESANO IL PROGETTO DIOCESANO DANIELE PIAZZI Premessa: dalle idee ispiratrici a una prassi conseguente Vista l urgenza di imparare ad accompagnare alla fede ragazzi e famiglie, queste istanze devono tradursi in

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ All inizio del nuovo anno pastorale 2014-2015 viene distribuito alla comunità il Calendario Pastorale, segno del cammino comunitario e strumento utile per la programmazione delle diverse attività della

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565 Il Vescovo di Crema Alle Parrocchie di Palazzo Pignano, Cascina Caprio, Cascina Gandini, riunite in unità pastorale; al parroco, don Benedetto Tommaseo, al cappellano, don Ernesto Mariconti al consiglio

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

I dom di Quaresima 2013 LA RINUNCIA DEL PAPA E LA QUARESIMA

I dom di Quaresima 2013 LA RINUNCIA DEL PAPA E LA QUARESIMA I dom di Quaresima 2013 LA RINUNCIA DEL PAPA E LA QUARESIMA Stiamo vivendo un momento storico nella Chiesa Cattolica universale per l annuncio (lunedì scorso) di Benedetto XVI davanti al Concistoro, della

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO ARCIPRETURA MARIA SS. ASSUNTA E SAN PIETRO APOSTOLO SAN PIETRO DI CARIDA PROGRAMMA PASQUA 2014 SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE

Dettagli

L abc dell ACR.e non solo

L abc dell ACR.e non solo AZIONE CATTOLICA ITALIANA PARROCCHIA SANT IPPOLISTO M. L abc dell ACR.e non solo SCUOLA per EDUCATORI ACR Direi che essere educatori significa avere una gioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli