La presente collana è stata voluta e creata da. Tullio Di Fiore. Marcello Di Tora o.p. Giuseppe Ferrari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La presente collana è stata voluta e creata da. Tullio Di Fiore. Marcello Di Tora o.p. Giuseppe Ferrari"

Transcript

1

2

3 COLLANA TEOLOGIA, RELIGIONI E RELIGIOSITÀ ALTERNATIVA La presente collana è stata voluta e creata da Tullio Di Fiore Pres. GRIS di Palermo e Sicilia, docente invitato presso ISSR Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia Marcello Di Tora o.p. Prof. associato presso la Facoltà Teologica di Sicilia e membro dell equipe del GRIS Giuseppe Ferrari Segretario del GRIS nazionale

4 Chi non avrà creduto non sperimenterà e chi non avrà fatto esperienza non conoscerà. Anselmo d Aosta, Lettera sull incarnazione del verbo 1 (9,6) A mia moglie Katia e a mio figlio Simone

5 Tullio Di Fiore Magia e satanismo La follia dell uomo contemporaneo Con il contributo di A. Terrana Introduzione di don Giuseppe Mihelcic DARIO FLACCOVIO EDITORE

6 Tullio Di Fiore Magia e satanismo ISBN by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel altreletture.darioflaccovio.it Prima edizione: gennaio 2016 Di Fiore, Tullio <1975-> Magia e satanismo / Tullio di Fiore. - Palermo : D. Flaccovio, ISBN Magia [e] Satanismo CDD-22 SBN PAL CIP - Biblioteca centrale della Regione siciliana Alberto Bombace

7 Indice Sigle e abbreviazioni... pag. 11 Prefazione...» 13 Nota dell autore...» 15 Introduzione...» 17 Parte prima 1. Una riflessione sui MRA a partire dal tema della fede...» Aspetti criminologici delle sette di Alfonso Terrana...» Profilo criminologico...» 50 Parte seconda 3. La magia...» Definizione di magia e sua articolazione...» Le forme della magia...» Altre forme di magia...» Lo spiritismo...» La divinazione...» Satana, il regista di questo mondo...» Il satanismo...» Un po di storia...» Edward Alexander Crowley alias Aleister Crowley...» 101

8 8. Le caratteristiche e le finalità delle sette sataniche..» Tante classificazioni e sotto classificazioni...» I giovani e il satanismo...» Dati statistici sul satanismo...» Le motivazioni...» Alcuni consigli...» Come aiutare una persona che vuole uscire da questi gruppi...» Il distacco da un NMR...» Conclusioni...» 123 Bibliografia...» 125

9 Sigle e abbreviazioni CCC Catechismo della Chiesa Cattolica CEI Conferenza Episcopale Italiana CECa Conferenza Episcopale della Campania CEER Conferenza Episcopale dell Emilia-Romagna CETo Conferenza Episcopale della Toscana GRIS Gruppo di Ricerca e Informazione Socio-religiosa MRA Movimenti Religiosi Alternativi NMR Nuovi Movimenti Religiosi 11

10 PREFAZIONE Il presente volume rappresenta un prezioso aiuto per coloro che vogliono affrontare il tema della magia e del satanismo alla luce del testo biblico e del magistero della Chiesa. Si apprezza anzitutto la chiarezza nella spiegazione dei termini, spesso usati nei mezzi di comunicazione in modo vago e talvolta confuso. Nel testo ci si sofferma, tra gli altri, sulla divinazione, sullo spiritismo, sui vari tipi di pratiche magiche (magia bianca, nera, rossa, verde). La tematica viene affrontata non solo da un punto di vista scientifico o sociologico. Si avverte il frutto di un lavoro di ascolto e di accoglienza rivolto alle persone che direttamente, o attraverso dei familiari, hanno sperimentato gli effetti negativi di pratiche magiche o sataniche. Anche il contributo del dr. Alfonso Terrana aiuta ad orientarsi tra gli aspetti criminologici relativi al plagio, al lavaggio del cervello e a molti altri aspetti, per cogliere il tema della magia e del satanismo anche da questo importante punto di vista. Traspare la competenza e il confronto con situazioni reali, con la capacità di usare un linguaggio documentato e comprensibile. Nella parte finale il prof. Di Fiore illustra alcuni elementi che vanno sempre tenuti presenti quando si affrontano tematiche così delicate. Egli invita alla prevenzione e alla vigilanza per aiutare i nostri fratelli e sorelle a non incorrere nell errore, affinché possano imparare a conoscere e 13

11 ad amare la verità di Gesù. Un impegno che richiede una seria opera di catechesi che aiuti a conoscere la Parola di Dio e la dottrina della Chiesa. L altro aspetto riguarda l accoglienza da offrire a coloro che ritornano alla Chiesa cattolica. Poi il dialogo con chi aderisce a questi gruppi, recependo le indicazioni della Chiesa che invita al discernimento, alla prudenza, ma soprattutto all amore. E, infine, la preparazione che deve essere adeguata e rivolta ai preti e agli operatori pastorali per poter rinviare le persone nei centri di ascolto come quelli del GRIS. Un opera formativa che trova in questo volume uno strumento agile e pratico, per poter offrire risposte chiare a molte domande e svolgere con dolcezza e rispetto un servizio alla verità e al bene delle persone. Don Giuseppe Mihelcic 1 1 Presbitero dell Arcidiocesi di Trento. Ordinario di Storia, Teologia e scienze delle religioni presso lo Studio Teologico Accademico di Trento. Fa parte del Consiglio Nazionale del GRIS. 14

12 NOTA DELL AUTORE Da tempo meditavo di pubblicare queste riflessioni a proposito di magia e satanismo, e sembra ormai giunto il momento che anch esse vedano la luce. Sono il frutto di diversi anni di attività con il GRIS sul territorio di Palermo, della Sicilia e oltre. Si distaccano dal mio precedente testo sulla massoneria 2 per l evidente tipologia più pastorale e meno scientifica, ma non per questo meno importante per i contenuti che sono frutto di tanto lavoro e ascolto delle più svariate domande poste da quanti incontrati durante le numerose conferenze sul tema. Il testo vuole essere una guida semplice e di facile lettura per tutti e soprattutto certa e fondata sotto il profilo dottrinale su alcune questioni importanti. Infatti su alcuni temi c è tra i fedeli cattolici molta confusione e soprattutto molto fai da te: per capirci meglio molti fedeli, per ignoranza o per disperazione, non disdegnano di consultare maghi, indovini, o di fare sedute spiritiche o quanto si prospetti loro nel panorama dell occulto, misconoscendo i pericoli e i problemi che poi si manifestano lungo il loro cammino. Altro problema è quello legato al mondo del satanismo, piaga sociale, fonte di enormi pericoli soprattutto per i più giovani, e luogo dove si sono consumati molti dei crimini che la cronaca ci ha fatto conoscere negli ultimi quarant anni 3. 2 T. Di Fiore, Massoneria e chiesa cattolica. Dall incompatibilità alle condizioni per un confronto, ed. Dario Flaccovio, Palermo F. Di Chio, D. Murgia, Satana in tribunale. Politici e forze dell ordine alle prese con i delitti dell occulto, ed. San Paolo, Cinisello Balsamo

13 Ovviamente prima di procedere nella riflessione sul satanismo è preliminare una riflessione su Satana sulla cui figura c è molta confusione, in particolare sul punto cruciale della sua reale esistenza, per cui alcuni propendono, nelle loro ricerche, a definirlo come una dimensione simbolica. C.S. Lewis, al quale sono molto legato, in un suo testo dal titolo Le lettere di Berlicche, parlando di Satana dice: «Vi sono due errori, uguali e opposti, nei quali la nostra razza può cadere nei riguardi dei Diavoli. Uno è di non credere alla loro esistenza. L altro, di credervi, e di sentire per essi un interesse eccessivo e non sano. I Diavoli sono contenti d ambedue gli errori e salutano con la stessa gioia il materialista e il mago» 4. Questa riflessione dipinge perfettamente l attuale situazione in cui ci troviamo ma ritorneremo su questa questione nel paragrafo in cui parlerò più dettagliatamente di questo personaggio. Infine, sono felice di potere ospitare nel mio testo un contributo di un esperto e carissimo amico, il dottore Alfonso Terrana, sugli aspetti criminologici delle sette, che contribuisce a definire un ambito importante e ancora poco esplorato di questo fenomeno. Vorrei ancora ringraziare il prof. Antonio La Malfa per il contributo artistico al mio testo con le due splendide immagini che focalizzano i due temi portanti del libro: la magia con la tavola su La Zingara e il satanismo con l altra tavola su La caduta del Diavolo. 4 C.S. Lewis, Le lettere di Berlicche, Oscar Mondadori, Milano 1999, p

14 INTRODUZIONE Affrontare il tema dei Nuovi Movimenti Religiosi (NMR) o Movimenti Religiosi Alternativi (MRA) o delle Sette questi i termini usati per parlare del fenomeno è un compito arduo e di una vastità sconfinata: ciò è testimoniato dall enorme quantità di pubblicazioni specialistiche 5. La difficoltà ad inquadrare il fenomeno può essere sintetizzata in questa breve affermazione di A. Contri: «Affrontare il fenomeno dei Movimenti Religiosi Alternativi e tentare di definirne i confini per condurre più agevolmente l indagine è un po come giungere alle colonne di Ercole e sapere esattamente dove si collocano per poterle superare. Metaforicamente, esse indicano il limite del conosciuto oltre il quale ci si predispone ad approfondire la conoscenza di qualcosa che ci è sconosciuto o poco familiare» 6. Questa citazione pone un duplice problema: il primo, 5 A questo proposito si possono consultare i seguenti sul tema generale: A. Contri, Patologia del Sacro. La proliferazione delle sette nel mondo contemporaneo, Il Cerchio, Rimini 2007; E. Fizzotti (a cura di), Sette e nuovi movimenti religiosi, Ed. Paoline, Milano 2007; H. Stamm, Le sette. Manipolazione, potere, schiavitù: consigli per liberare e liberarsi, ed San Paolo, Cinisello Balsamo 1997; A. Buonaiuto, La trappola delle sette. L occultismo dilaga. Conoscere per capire e reagire, Sempre Comunicazioni, Rimini 2011; C.G. Trocchi, Nomadi spirituali. Mappe dei culti del nuovo millennio, Ed Nuovi misteri Oscar Mondadori, Milano 1998; A. Fasol, Le sette svelate. I nuovi movimenti religiosi tra religione e ideologia, ed Il Cerchio, Rimini 2008, oltre ai documenti della Chiesa Cattolica che citeremo nei prossimi paragrafi. 6 A. Contri, Patologia del Sacro, op. cit., pp

15 quello di non riuscire in modo chiaro a delineare i confini di questo fenomeno, che sfugge spesso anche alle analisi più accurate sul piano sociologico, psicologico e fenomenologico, e il secondo legato alle motivazioni che spingono il singolo individuo a scegliere questi gruppi. La difficoltà legata al primo dei due problemi è dovuta ad alcune caratteristiche tipiche dei MRA 7 e/o delle sette che qui di seguito proviamo a sintetizzare. Il primo elemento che appare agli occhi dello specialista è il travaso di elementi propri da un gruppo all altro 8, per cui non sempre è facile collocare gli stessi in un ambito religioso preciso. Lo stile fai da te caratterizza fortemente questi gruppi, spesso frutto della bizzarria del leader fondatore, che in alcune tipologie di gruppi opera in modo sincretistico. La nuova religiosità può essere paragonata ai nostri grandi centri commerciali, dove si entra, si gira tra i negozi e si compra quello che si vuole, accompagnati in questo da un clima accogliente e favorevole. Caratteristica che sottolinea fortemente un certo nomadismo spirituale, che oggi sembra avere assunto caratteristiche vicine alla nevrosi o alla schizofrenia, per cui si può parlare a ragion veduta di vagabondaggio religioso. Il marcato soggettivismo culturale in cui viviamo favori- 7 Facciamo nostra l idea di Contri sulla dicitura di Movimenti Religiosi Alternativi perché la riteniamo più completa di quella di NMR, in quanto l elemento di novità spesso non è rintracciabile né sotto il profilo dottrinale, perché si riferiscono a idee e dottrine antiche, né sotto il profilo dei comportamenti e delle pratiche dato che le metodiche utilizzate sono note e conosciute; l unico elemento di novità che si può rintracciare in questi movimenti è l utilizzo di tecnologie contemporanee, mentre è caratteristica comune quella di porsi come alternativa alle religioni storiche e tradizionali presenti nei vari territori. 8 M. Di Tora, Cristianesimo e religioni, EDI, Napoli 2008, p

16 sce il diffondersi di credenze vaghe e sincretistiche, per cui la religiosità diventa un abito fatto su misura. Da quest ultima caratteristica proviene quello che possiamo definire il fenomeno dell appartenenza multipla. Credo non sia più il caso di parlare in certe situazioni di doppia appartenenza. Infatti molti dei soggetti che ho incontrato presso il nostro centro d ascolto hanno raccontato di avere continuato a frequentare la propria fede cattolica (per quello che conveniva) e di avere fatto altre esperienze quali quella della massoneria, della magia, il reiki o in generale delle terapie e tecniche alternative 9. Questi elementi appena elencati, e tanti altri che si potrebbero aggiungere, ci danno la misura e la consistenza della difficoltà a delineare il fenomeno in modo chiaro e preciso, difficoltà che si riscontra anche nel classificare in modo corretto ognuna di queste realtà, cioè collocarle tra le sette, o i MRA. Se è vero che è difficile comprendere il fenomeno e delinearne i confini, è ancora più complicato individuare quelle che sono le motivazioni che spingono una persona ad entrare in uno di questi movimenti o sette e le caratteristiche che la possono spingere ad abbracciare una nuova forma religiosa. Diciamo subito che non esiste un identikit dell adepto. Si tratta di un fenomeno che non tocca solo persone di un determinato sesso, area geografica, istruzione culturale, condizione sociale. Il fenomeno, sulla base della nostra esperienza sul campo, è assolutamente variegato. Si va dal professionista all ope- 9 G. Mihelcic, Religiosità e medicina alternativa. L illusione delle terapie non convenzionali, Collana GRIS, ed. Dario Flaccovio, Palermo

17 raio, dall analfabeta al laureato, dal più giovane all anziano. Quindi è assolutamente erroneo pensare che in questi gruppi finiscano solo le persone ignoranti, con problemi psicologici o con disturbi della personalità di vario tipo. A questo punto è d obbligo porsi una domanda: quali sono le motivazioni che spingono una persona ad aderire ad una qualsiasi nuova forma di religiosità? Le risposte si possono brevemente riassumere in poche battute, chiaramente, non esaustive: scarsa conoscenza del fenomeno in generale e delle sue implicanze psico-socio-legali, poca conoscenza in ambito biblico, teologico e spirituale che è ampiamente sfruttata da gruppi settari e MRA di varia matrice. Infatti spesso si assiste ad una migrazione continua dal gruppo d origine verso altri gruppi. A tutto questo va aggiunto il contesto in cui viviamo che si presenta fortemente disgregato, contesto all interno del quale le relazioni umane sono ridotte alla frammentarietà e alla superficialità. In questa situazione l uomo avverte forte il desiderio di stare insieme, in una dimensione d amore, di comunione, condivisione, accettazione, un ambiente che offra attenzione, protezione, fraternità, accoglienza e solidarietà. A questo proposito dobbiamo dire che le nostre comunità parrocchiali, e non solo, non sempre risultano attente a valorizzare queste dimensioni che sono prettamente evangeliche e quindi costitutive delle nostre realtà ecclesiale. Per questo sono da considerare queste realtà un segno dei tempi 10 di fronte alle quali la Chiesa e la Teologia devono interrogarsi profon- 10 Nota Pastorale del Segretariato per l Ecumenismo e il Dialogo della CEI, L impegno pastorale della Chiesa di fronte ai Nuovi Movimenti religiosi e alle sette, EDB, Bologna 1993, p

18 damente, per rispondere adeguatamente a questa sfida, lasciata da sempre ai soli studiosi di sociologia, antropologia culturale e psicologia. Bisogna aggiungere ancora che quanti svolgono gli studi presso le Pontificie Facoltà di Teologia non hanno nel proprio curriculum di studi una adeguata formazione su questo fenomeno capace di offrirgli strumenti idonei per una pastorale che sappia affrontare queste nuove realtà, per cui auspichiamo che le stesse 11 pensino ad inserire corsi che consolidino la formazione dei futuri presbiteri e operatori pastorali; ciò potrebbe essere un primo antidoto, capace di dare risposte a quanti sono smarriti e in ricerca 12. La felicità e la sua ricerca caratterizzano fortemente l uomo d oggi, sempre in cerca di pace e armonia interiori, che spesso lo orientano nelle scelte anche di carattere religioso. Se la società discrimina, emargina, mortifica l ori- 11 A questo proposito segnaliamo che presso la Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia San Giovanni Evangelista di Palermo, già dal 2011 all interno dell ISSR è previsto un corso obbligatorio denominato Fenomeni religiosi contemporanei che ci auspichiamo possa estendersi anche a quanti aspirano al baccellierato. Il corso è così strutturato: la prima parte è dedicata alle questioni generali ed è volta all acquisizione di un corretto linguaggio teologico e una corretta metodologia di lavoro e ricerca sul fenomeno così sviluppata: 1. Classificazione e terminologia; 2. Tecniche di reclutamento e sostegno pastorale al fuoriuscito; 3. Riflessioni magisteriali e approcci pastorali al fenomeno. La seconda parte in continuità con la prima entra nello specifico dei vari fenomeni analizzandoli sotto il profilo dottrinale alla luce delle recenti acquisizioni e riflessioni teologiche. Essa è così suddivisa: 1. Satanismo, magia e demonologia; 2. Movimenti di matrice cristiana; 3. Movimenti gnostico-esoterici; 4. Fenomeni di matrice orientale; 5. Il fenomeno delle rivelazioni private; 6. Movimenti del potenziale umano; 7. Proposta sistematica per un approccio al fenomeno. 12 Cf., Conferenza Episcopale Emilia-Romagna, Religiosità alternativa, sette, spiritualismo. Sfida culturale, educativa, religiosa, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2013, pp

19 ginalità del singolo, egli cerca un ambito in cui riscoprire la propria identità, che gli permetta di esprimersi spontaneamente, che gli faccia provare sensazioni forti, che gli procuri guarigioni fisiche e spirituali, che gli indichi una via nuova per vivere la vita felicemente: tutto ciò lo trova spesso nella galassia sconfinata dei MRA. L uomo d oggi vivendo immerso nella frenesia della vita quotidiana sente l esigenza di recuperare una certa dimensione spirituale che gli restituisca serenità, pace interiore ed energia nuova per affrontare la vita di ogni giorno. Esigenza spesso appagata da gruppi di matrice orientale, dalle proposte della New Age, da gruppi di matrice psicologica o del potenziale umano, luoghi e realtà dove non mancano pericoli per la propria vita spirituale, psicologica e affettiva. Alle provocazioni, ai bisogni e al grido di aiuto dell uomo contemporaneo i MRA rispondono attraverso l offerta di risposte teoriche, di proposte di vita comunitaria, di guide spirituali, di itinerari di maturazione e riscoperta di sé proponendosi come luoghi terapeutici alternativi. Non possiamo esimerci in questo contesto da una riflessione legata al tema delle nuove generazioni. Si è parlato spesso negli ultimi anni di emergenza educativa, non sottolineando spesso che a questo proposito la generazione degli adulti deve fare un serio esame di coscienza. I giovani guardano al mondo degli adulti cercando in esso risposte alle loro domande ultime e testimoni adeguati da seguire, invece trovano spesso adulti stanchi, superficiali, arrendevoli, incapaci di coerenze con le proprie idee, che prendono poco seriamente le loro domande o peggio ancora non le ritengono degne di risposte. I nostri giova- 22

20 ni hanno bisogno di guide, di modelli di riferimento, che possano aiutarli ad orientarsi durante il loro percorso di crescita in una società fortemente sincretista, relativista che ha perso il senso del Vero. La mancanza di aiuto da parte di genitori, preti, educatori verso coloro che per costituzione sono in ricerca è colmata spesso da capi carismatici, leader di sette, spesso psicologicamente instabili, che riescono a colmare apparentemente questo desiderio di ricerca, con conseguenze a noi tutti note 13. Quanto abbiamo detto ha solo il valore di una breve introduzione al fenomeno e non di un analisi esaustiva per la quale rimandiamo a testi specialistici. Un ultima riflessione ci porta a sottolineare che il mondo in cui viviamo presenta molti aspetti bizzarri che sono palesemente in contraddizione tra di loro: da una parte il razionalismo esasperato, dall altra l irrazionalismo più assurdo; ancora, una certa scienza che non accetta se non ciò che positivamente dimostrabile e quindi ripetibile, o confutabile secondo modelli matematici e, dall altra parte, il prosperare di pratiche magiche, di riti iniziatici, di mitologia, di conoscenze occulte, caratteristiche che spesso si ritrovano contemporaneamente nella stessa persona: superstiziosa e razionalista. Per cercare di dare consistenza a quanto abbiamo detto è op- 13 Basterebbe ricordare gli ultimi fatti di cronaca come il caso di Chiavenna delle tre ragazze che uccisero suor Maria Laura (2000); il caso di Caserta (2001) in cui vennero arrestati 27 persone di cui 25 minorenni per violazione di sepolcro, vilipendio di tombe, maltrattamento di animali e atti osceni; il caso delle Bestie di Satana (2004); gli ultimi arresti a Catania effettuati dalla Polizia a proposito di pedo-satanismo. Chi scrive potrebbe continuare ad elencare tutte quelle storie che magari non finiscono in omicidi ma che frequentemente distruggono intere famiglie, la vita dei bambini che si ritrovano a vivere contesi dal genitore e dalla setta ecc. 23

21 portuno presentare sinteticamente i dati sulla magia in Italia pubblicati da EURISPES nel primo semestre del Giro d affari 6,5 miliardi di euro Fruitori 11 milioni circa Numero di operatori dell occulto Presenza nel paese % Italia settentrionale Costo prestazione Da 50 ai 1000 euro ,3 miliardi di euro 13 milioni circa % Italia settentrionale 30% nel centro 28% sud Consulenze da 50 euro online per amuleti trova lavoro a 200 euro per combattere il destino avverso Ovviamente leggere questi dati, per i quali non è necessaria nessuna interpretazione, nell era dell informatica, della comunicazione, della globalizzazione, della tecnologia avanzata, pensando che molti davano per defunta una certa credenza nella magia, disorienta molto e imbarazza perché abbiamo ritenuto che queste cose appartenessero ad un epoca ormai tramontata. Gli studi recenti in campo psicologico ci hanno aperto gli occhi su alcune forme patologiche come l ossessione, la depressione, lo stress per non dire la paranoia, la psicosi maniaco-depressiva che un tempo venivano trattate come forme di ossessione, vessazione o in alcuni casi come vera possessione diabolica. Per altro verso, gli studi di etno-antropologia ci dicono 14 La sintesi proposta è una nostra ricostruzione in cui abbiamo voluto sottolineare i dati che più ci interessavano relativi al tema. 24

22 come certe credenze in entità soprannaturali o in rituali di comunicazione con l aldilà possano determinare una solidità in certi gruppi sociali. Infine i mezzi di comunicazione a qualunque livello ci dimostrano ogni giorno quanto sia presente e pervasiva la presenza di ciarlatani capaci di approfittare delle debolezze di una folla di disperati e sprovveduti; ovviamente con i dati di cui sopra possiamo senz altro dire che questo settore non potrà patire crisi perché sfrutta le debolezze delle persone e molto spesso l inganno. Non è difficile quando si parla di queste cose tra amici, soprattutto se dite loro che state compiendo degli studi o inchieste particolari su questi argomenti, che si comincino ad dispiegare dinnanzi a voi mondi che non avevate mai pensato o immaginato potessero fare parte del vissuto di persone a voi note. Infatti, le persone che avete davanti cominceranno a raccontarvi di avere vissuto fenomeni particolari o di avere visto strane entità. Nel peggiore dei casi questa discussione può giungere fino al punto che qualcuno di quelli presenti potrebbe dirvi di avere consultato uno pseudo veggente, di essere stato egli stesso vittima della sfortuna, oppure di conoscere un bravo mago raccomandato ovviamente da un altro amico per le sue particolari capacità. A questo punto l ulteriore domanda: Chi si rivolge agli operatori dell occulto e perché?. Chiunque creda di essere perseguitato, di essere vittima della sfortuna, di avere subito un maleficio o una fattura; chi pensa che nella sua vita vada tutto male, dal lavoro alla vita sentimentale; chi si trova in una situazione di salute difficile Da questa lista non bisogna escludere chi si trova in una 25

23 posizione di privilegio o in vista e teme gelosie e invidie per cui si rivolge al mago di turno per chiedere protezione, quindi non perché le cose vanno male ma per evitare che vadano male. Ovviamente il mago in questo caso produrrà un qualche rituale e consegnerà alla persona un talismano da portare sempre addosso, possibilmente da tenere a contatto con la pelle. È qui si aprono scenari inconsueti per non dire, in alcuni casi, da film horror: sono circostanze ben note agli esorcisti e a chi come me vive da molti anni all interno del centro d ascolto del GRIS. 26

24 PARTE PRIMA

25 1. UNA RIFLESSIONE SUI MRA A PARTIRE DAL TEMA DELLA FEDE Sotto questa voce vorrei proporre e sollecitare tutti, compreso chi scrive, a riflettere sul tema della fede e non dare per scontato che essa sia una questione risolta, nel senso che tutti noi pensiamo di essere persone di fede, credenti. La riflessione che brevemente proporrò e che è perfettamente pertinente con il tema di questo libro vuole sottolineare ciò che manca alla fede e che viene sfruttato ampiamente delle nuove istanze religiose della nostra società. Vorrei iniziare con una prima riflessione che traggo da un testo su cui ho sempre riflettuto che è il noto apologo del clown e del villaggio in fiamme di Kierkegaard, ripreso da H. Cox 15 e da Ratzinger che nel suo testo Introduzione al cristianesimo, diceva: «Chi oggi tenti di parlare di fede cristiana, di fronte a persone che per professione o per convinzione non hanno familiarità col pensiero e col linguaggio ecclesiale, avvertirà ben presto quanto sia ostica e sconcertante tale impresa. Avrà [ ] la sensazione che 15 H. Cox, La città secolare, Vallecchi, Firenze 1968, p

26 la sua posizione sia descritta per filo e per segno» 16 nel testo del Clown che adesso riproponiamo: «Capitò, tanto tempo fa, che in un circo viaggiante in Danimarca si sviluppasse un incendio. Il direttore mandò al vicino paese il clown già abbigliato per lo spettacolo. Il clown arrivò affannato al villaggio, e supplicò i paesani di accorrere per dare una mano a spegnere l incendio, che rischiava di propagarsi alle stesse case del paese. Ma le grida del clown furono interpretate come un astuto trucco del mestiere: lo applaudivano e ridevano fino alle lacrime. Il povero clown tentava inutilmente di spiegare che non si trattava affatto di una finzione, di un trucco, bensì di un amara realtà, e li scongiurava ad andare. Il suo pianto non faceva altro che intensificare le risate. La commedia continuò così finché il fuoco s appiccò realmente al villaggio e ogni aiuto giunse troppo tardi: sicché circo e villaggio andarono entrambi distrutti dalle fiamme». Gli autori sopracitati narrano questa storia per sottolineare la condizione in cui versa il teologo di professione di ieri e potremmo dire di oggi. Vorrei, se mi è concesso, ampliare il concetto di teologo e allargarlo a tutti i credenti dato che, in un modo o nell altro, ogni volta che parlano di Dio fanno teologia. Questa premessa serve a dire che oggi il problema e la difficoltà a parlare di fede non sono più questione legata a chi non ha come dice Ratzinger dimestichezza con il linguaggio o le cose di Chiesa, ma il problema si pone anche dinnanzi a chi crede e non comprende più il linguaggio della fede pur essendo credente: questa, credo, sia la vera questione che la teologia deve o dovrà affrontare. 16 J. Ratzinger, Introduzione al cristianesimo, Queriniana, Brescia 2008, p

27 Da ciò derivano una serie di riflessioni che mi porteranno a valutare in quest ottica anche il fenomeno della religiosità contemporanea. La prima riflessione da fare rispetto alla figura del clown è che ognuno di noi è un po clown ogni volta che vuole parlare di Dio agli altri o vuole che il suo messaggio sia ascoltato, ma sembra quasi di non essere mai presi sul serio. «Comunque si comporti, qualsiasi tentativo faccia per presentare la serietà del caso, tutti sanno già in partenza che egli è appunto solo un Clown» 17. Già si sa cosa dirà, come presenterà la questione e che essa stessa nulla ha a che fare con la realtà. Lo si può ascoltare con animo sollevato perché nulla di quello che dirà potrà inquietare l animo dell ascoltatore. Siamo troppo ancorati a schemi e linguaggi del passato che non ci consentono la reale trasmissione della fede. In questo testo abbiamo cambiato prospettiva rispetto all interpretazione di Cox e Ratzinger nei confronti del ruolo-figura del teologo-clown e degli abitanti del villaggio come uomini lontani dalla fede. Stiamo utilizzando l intramontabile racconto di Kierkegaard in modo differente: nella figura del clown vediamo il credente che vuole a modo suo dare testimonianza della propria fede, mentre nel ruolo dei cittadini del villaggio vediamo anzitutto i credenti. Qualcuno potrebbe pensare che basterebbe al clown dimettere gli abiti per essere creduto, ma la questione non è così semplice, non basta ripulirsi la faccia e cambiarsi d abito perché tutti aiutino a spegnere le fiamme. E il problema non è neanche la forma. Chiunque oggi voglia testi- 17 Ibidem, p

28 moniare a se stesso e agli altri la propria fede deve imparare ad ammettere a se stesso di non essere l uomo mascherato, a cui basta cambiarsi d abito per essere in grado di istruire alla fede gli altri 18. Deve comprendere che la sua situazione non è radicalmente diversa da quella degli altri 19. Si accorgerà, mettendosi accanto agli altri, che le potenzialità dei due gruppi sono simili. L immagine che meglio rappresenta questa scena è quella di Gesù che si mette in cammino con i discepoli di Emmaus: ascolta per tutto il tempo necessario e poi parla e compie dei gesti-testimonianza 20. Si potrebbe sintetizzare ulteriormente in questo modo «è impossibile credere da soli» 21.Proviamo a scendere un po di più nel concreto, per dire quali sono secondo noi gli spazi o «lacune che la Chiesa ha lasciato che si aprissero nel rapporto con la società» 22 contemporanea. Alcuni ambiti vitali trascurati nell opera di catechesi ed evangelizzazione sono stati teatro di allontanamento tra fede e cultura, intesa quest ultima come un sistema di idee, vita, strutture e valori. Tema che fu evidenziato da Poalo VI con queste parole: «la rottura tra Vangelo e cultura è senza dubbio il dramma della nostra epoca, come lo fu anche di altre» 23. Volendo calare tutto ciò nella nostra questione, rileviamo alcuni punti critici collegati al fenomeno delle nuove religiosità o pseudo tali che ci danno la misura della crisi in cui versa la fede oggi. 18 Ibidem, p At 24, Lumen Fidei, A. Contri, Patologia del Sacro, op. cit., p Ivi. 23 DV,

29 Ciò di fronte a cui ci troviamo è uno dei più significativi segni dei tempi: la proliferazione di nuove spiritualità-religioni che si rivolgono a quelle dimensioni mai approfondite o poco approfondite dal cristianesimo post-tridentino. Perché oggi molti uomini e tra essi molti cattolici vanno alla ricerca di ogni forma di religiosità alternativa? Una prima lacuna del cattolicesimo polemico e apologetico si può individuare nell enfatizzazione del Magistero, in evidente contrapposizione con la sottolineatura ortodossa della Tradizione e con la fondazione biblica dei protestanti. Tra le persone si nota oggi una sete acuta nei confronti della Bibbia che va attenzionata. Il Vaticano II aveva coraggiosamente autoridimensionato il Magistero in quanto non al di sopra della Parola ma al suo servizio 24. Questa dimensione deve avere una veloce e immediata attuazione a tutti i livelli della Chiesa. Il concetto di Dio non si ricava dalla filosofia o da ragionamenti logici, ma dalla rivelazione ebraico-cristiana come Pascal ci ricorda. Ne conseguono altri problemi evidenziati dai due documenti 25 sull argomento che qui riprendiamo sinteticamente. 24 Il fenomeno delle sette o nuovi movimenti religiosi sfida pastorale. Rapporto provvisorio basato sulle risposte (circa 75) e sulla documentazione pervenuta al 30 ottobre 1985 dalle conferenze episcopali regionali e nazionali, EDB, Bologna 1986; Segretariato per l ecumenismo e il dialogo CEI, nota pastorale, L impegno pastorale della chiesa di fronte ai nuovi movimenti religiosi e alle sette, EDB, Bologna Il fenomeno delle sette o nuovi movimenti religiosi sfida pastorale. Rapporto provvisorio basato sulle risposte (circa 75) e sulla documentazione pervenuta al 30 ottobre 1985 dalle conferenze episcopali regionali e nazionali, EDB, Bologna 1986; Segretariato per l ecumenismo e il dialogo CEI, nota pastorale, L impegno pastorale della chiesa di fronte ai nuovi movimenti religiosi e alle sette, EDB, Bologna

30

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

COMPETENZE, FORMAZIONE E SCAMBI PROFESSIONALI PER GLI IdR FORMATORI

COMPETENZE, FORMAZIONE E SCAMBI PROFESSIONALI PER GLI IdR FORMATORI CONFERENZA EPISCOPALE SICILIANA CORSO REGIONALE DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DI RELIGIONE CATTOLICA L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA DENTRO LA SCUOLA DELLA RIFORMA (Docenti di religione

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria)

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria) Premessa L I.R.C. si inserisce nel progetto educativo-didattico della scuola come disciplina cha valorizza l aspetto storico-culturale della religione cattolica e non come una catechesi, pertanto rientra

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 linguaggio. poter aprire con i ragazzi un confronto sulle tematiche del mondo giovanile proposte dal testo. lo studente impara a riflettere sulle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Signore Gesù, tu ci inviti ad essere germe fecondo di nuovi figli per la tua Chiesa. Fa che possiamo diventare ascoltatori attenti della tua Parola

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto Angolo via Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it

I.I.S. PAOLO FRISI Via Otranto Angolo via Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto Angolo via Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI I.R.C. Anno Scolastico: 2014-15 CLASSI QUINTA DOCENTI Manganini Cristina

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA?

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Sac. Don Magloire Nkounga Dott. D Ambrosio Giuseppina 1 Quando ci possono

Dettagli

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013)

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) GRUPPO GENOVA LEVANTE Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) Art. 22 Statuto Agesci Progetto educativo del Gruppo Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi

Dettagli