Inquinamento Indoor QUALITÀ DELL ARIA DEGLI AMBIENTI CONFINATI E SALUTE UMANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inquinamento Indoor QUALITÀ DELL ARIA DEGLI AMBIENTI CONFINATI E SALUTE UMANA"

Transcript

1 Inquinamento Indoor QUALITÀ DELL ARIA DEGLI AMBIENTI CONFINATI E SALUTE UMANA

2 Se il problema dell inquinamento prodo2o dalle industrie nell ambiente esterno è stato ogge2o di studi e ricerche già dagli anni 50 (i risulta: hanno permesso di a;vare interven: da parte dei vari Sta: e di formulare leggi specifiche per proteggere la popolazione) la normativa riguardante la qualità dell aria degli ambienti interni è invece più tardiva. I primi studi risalgono agli anni 70, quando vi furono alcuni casi di malattie polmonari, alcune letali, in edifici con impianti di condizionamento.

3 Ambienti Indoor Ambienti confinati di vita e di lavoro non industriali che comprendono: - abitazioni, uffici pubblici e privati, strutture comunitarie (ospedali, scuole, caserme, alberghi, banche, etc.); - locali destinati ad attività ricreative e/o sociali (cinema, bar, ristoranti, negozi, strutture sportive, etc.); - mezzi di trasporto pubblici e/o privati (auto, treno, aereo, nave, etc.);

4 Pericolo indoor Nella nostra società si trascorre fino al 90% del proprio tempo in luoghi chiusi (ambien: confina: quali uffici, abitazioni o mezzi di trasporto). 90% degli agenti inquinanti si concentra negli ambienti confinati (principalmente uffici), dove si soggiorna per la maggior parte della giornata. Così l ambiente indoor diventa causa di assenza dal lavoro o di ridotta produttività degli occupanti

5 Le conseguenze di una ca4va qualità dell aria interna possono limitarsi a suscitare una sensazione sgradevole negli occupan>, ma possono anche risultare dannose per la salute umana, con effe4 irritan> ed addiriaura cancerogeni (Bocchio & Masoero, 1992; CEN, 1996). La situazione qualita:va dell aria degli ambien: interni sta diventando un problema sempre più importante nei paesi economicamente sviluppa:, al punto che esistono fonda= sospe> che siano maggiori i rischi sanitari associabili all inquinamento interno, rispebo all inquinamento esterno: si pensa che il 40% delle assenze da lavoro per mala4a sia dovuto a problemi di qualità dell aria interna degli uffici (Bocchio & Masoero, 1992).

6 L inquinamento indoor rappresenta un problema per la Sanità Pubblica: prolungata permanenza della popolazione negli ambienti interni (casa, lavoro, svago, mezzo di trasporto) il rischio espositivo non è limitato a categorie ben definite come il rischio professionale o occupazionale interessa una parte estesa della popolazione Particolarmente grave per alcuni gruppi più suscettibili quali bambini, anziani e persone già affette da patologie croniche (malattie cardiache, respiratorie, asma bronchiale, allergie) che trascorrono negli ambienti chiusi una percentuale di tempo elevata.

7 Tipologie di inquinanti degli ambienti interni Negli anni 80, negli studi sulla qualità dell aria degli ambien: interni, si cercò di differenziare gli agen: inquinan: chimici provenien: dall ambiente esterno, da quelli prodo; dai normali processi metabolici e dalle a;vità degli occupan:. I possibili inquinan: interni delle abitazioni, dei locali ricrea:vi, degli edifici industriali, sono mol:, sia biologici che chimici, e dipendono dall ubicazione degli edifici, dai materiali usa: per la costruzione e l arredamento, dall a2vità svolta, dalla presenza di impian7 di condizionamento. In o;ca di risparmio energe:co, si sono introdo; sistemi di riscaldamento e di condizionamento che riciclano l aria e che, se non adeguatamente proge2a:, installa: e periodicamente revisiona:, possono rappresentare una fonte d inquinamento sia biologico, che chimico.

8 Agenti Inquinanti Chimici Fisici Biologici

9 Agenti Inquinanti Chimici

10 Agenti fisici

11 Agenti biologici

12 Le fonti di inquinamento degli ambienti confinati La qualità dell aria negli ambien: interni dipende da molteplici fabori: Ø sorgen= inquinan= esterne: provenien: dall atmosfera, dalle acque o dal suolo; Ø a>vità umane: generano inquinamento dovuto ai normali processi metabolici, agli animali domes:ci, al fumo di tabacco, alla co2ura dei cibi, all uso di detersivi e detergen: vari; Ø inquinamento prodobo dall ambiente fisico interno: emissione da parte dei materiali da costruzione e degli arredi; Ø inquinamento derivante da sistemi impian=s=ci di condizionamento dell aria, di combus=one e dalle diverse apparecchiature, sia domes=che che per l ufficio.

13 Inquinanti provenienti dall ambiente esterno Agen: inquinan: provenien: dall ambiente esterno, immessi nell atmosfera principalmente dagli autoveicoli e dagli impian: industriali, così raggruppa:: Ø ossidi di carbonio (COx); Ø ossidi di zolfo (SOx); Ø ossidi di azoto (NOx); Ø compos= organici vola=li (COV); Ø par=colato solido totale (PST); Ø microinquininan= (es.: metalli pesan:), presen: in atmosfera con concentrazioni piccolissime ma con considerevoli effe; sanitari.

14 Fonti di Inquinamento Ambienti Indoor Vernici e materiali di rifinitura Arredamento Pareti, pavimenti, soffitti Tappezzeria Stufe e camini Sistema di riscaldamento Piano di cottura Apparecchi e impianti elettrici

15 Vernici e materiali di rifinitura Sono fonti di emissione di Composti Organici Volatili (VOC) (formaldeide, benzene, toluene, ecc.) residuati dall utilizzo con la funzione di solventi, diluenti, ecc.. Possono rilasciare pesticidi e metalli pesanti (piombo, cromo, mercurio) Precauzioni: Fonti di Inquinamento Ambienti Indoor Selezionare vernici a bassa tossicità prive di formaldeide e a bassa emissione di VOC (vernici ad acqua e al lattice) Preferire prodotti che non contengono piombo, mercurio e cromo. Durante la verniciatura, utilizzare un impianto di ventilazione Aerare il locale per 2 3 giorni dopo la tinteggiatura

16 Fonti di Inquinamento Ambienti Indoor Arredamento Gli arredi durante i processi di produzione, verniciatura e pulizia possono assorbire sostanze chimiche nocive per poi rimetterle: ureaformaldeide, VOC (acetonitrile, acetone, toluene, benzaldeide ecc.) Temperatura ed Umidità porta ad emissione VOC dagli arredi costituiti dai derivati del legno. Precauzioni: Verificare che tutti i prodotti a base di legno contenenti urea formaldeide siano certificati secondo gli standard di bassa emissione di formaldeide e VOC. Comprare mobili e materiali rifiniti in legno con superfici e bordi laminati (pannelli grezzi non laminati emettono più formaldeide) Ventilare per + di 72 ore dopo la collocazione di mobili nuovi. temperatura ed umidità emissioni di VOC.

17 Stufe e camini - Cattivo funzionamento di stufe e camini produce fumo e fuliggine sulla mobilia e quindi presenza nell aria indoor di sostanze inquinanti derivate dalla combustione: CO, NO 2, particolato aerodisperso, SO 2. - Dalla combustione viene prodotto vapore acqueo che Umidità sviluppo sostanze inquinanti biologiche (acari, muffe e batteri). Precauzioni : Fonti di Inquinamento Ambienti Indoor Aprire la valvola per l immissione di aria quando si aggiunge legna alla stufa o camino. Usare legna dura e stagionata (olmo, quercia) perché calore creosoto (catrame oleoso e nero). Non bruciare legna verniciata o trattata con preservanti ( sostanze inquinanti VOC, arsenico e piombo) Prima dell inverno, controllare le canne fumarie dei camini e le tubature delle stufe (pulite e prive di creosoto fuoriuscita di inquinanti nell ambiente indoor) Canne fumarie e tubature delle stufe non debbono contenere amianto deteriorato emissione di fibre dannose.

18 Sistemi di riscaldamento a combustione Questi apparecchi in determinate circostanze (cattiva ventilazione, mal funzionamento del sistema di sicurezza) determinano fughe di CO e/o produzione di vapore acqueo che provoca la formazione di superfici bagnate e di umidità con successivo sviluppo di sostanze inquinanti biologiche: acari, muffe e batteri. Precauzioni: Fonti di Inquinamento Ambienti Indoor Scegliere apparecchi con annesso sistema di ventilazione. Gli impianti di riscaldamento a gas dovrebbero avere un sistema di sicurezza per evitare fughe di CO. E necessario una buona ventilazione che garantisca un ricambio di aria fresca dall esterno in modo da ridurre i livelli di inquinanti indoor e consentire il loro trasporto all esterno. La pressione all interno del fabbricato deve esser più alta rispetto all esterno altrimenti gli inquinanti della combustione stazionano all interno.

19 Piano di cottura I piani di cottura (forni e fornelli) con alimentazione a gas naturale o a gas di petrolio liquefatto (GPL) possono emettere nell ambiente domestico sostanze inquinanti: - mal funzionamento per erronea installazione o manutenzione o inadeguata ventilazione emissione di sostanze tossiche: CO, NO, SO 2 generate dalla combustione - vapore acqueo che si forma per combustione e cottura dei cibi deposito sulle pareti formazione di muffe e batteri - sostanze generate durante la cottura dei cibi Precauzioni: Fonti di Inquinamento Ambienti Indoor Utilizzare cappe di aspirazione con scarico all esterno per espellere inquinanti. Filtri della cappa puliti e sostituiti. I fornelli del piano cottura alimentati con gas naturale dovrebbero avere una fiamma blu e non presentare sfumature giallo più intenso.

20 Fonti di Inquinamento Ambienti Indoor Apparecchi ed impianti elettrici (Televisore, telefoni cordless, stereo hi-fi, computer, forno a microonde) La presenza di numerosi apparecchi elettrici negli ambienti dove si trascorre molto tempo, comporta l emissione di Campi Elettromagnetici che determinano dolori muscolari, ansia, affaticamento cronico, insonnia. Precauzioni: Televisore: Tenersi a distanza dalla schermo, non lasciare il televisore in standby, non sostare sul retro affianco ad un televisore acceso. Stereo hi-fi: Stare ad almeno 50 cm dall impianto e almeno a 40 cm dagli altoparlanti, limitare l uso delle cuffie. Computer: stare ad almeno 60 cm dal videoterminale, usare un monitor a basse emissione elettromagnetica o a cristalli liquidi, usare in modo moderato il computer e fare frequenti soste. Forno a microonde: non stare troppo vicino al forno in funzione, far misurare ad intervalli di 12 mesi le emissioni, non usare il forno in caso di urti o danni. Fotocopiatrice e stampante: mantenersi a distanza dalle apparecchiature in funzione, mantenere in buona efficienza i collegamenti elettrici, i cavi di alimentazione e di messa a terra e le sicurezze.

21 Fonti di Inquinamento legati alle abitudini di vita Fumo di tabacco ambientale Condizionatori e deumidificatori Prodotti per la pulizia Insetticidi

22 Fonti di Inquinamento legati alle abitudini di vita Fumo di tabacco ambientale Il fumo di tabacco è uno dei principali inquinanti all interno degli spazi confinati. Il fumo ambientale respirato dal fumatore passivo è la somma del: fumo della corrente centrale della sigaretta (fumo mainstream - MS) espirato dal fumatore attivo nell aria ambientale ad ogni boccata fumo della corrente laterale (fumo sidestream SS) che si sprigiona dall estremità accesa della sigaretta nell intervallo tra una boccata e l altra Maggiore concentrazione di sostanze cancerogene nel fumo sidestream (N nitrosammine più concentrate nell SS da 6 a 100 volte) Principali sostanze tossiche del fumo liberate nell ambiente: CO, IPA, benzopirene, VOC, ammoniaca, ac. cianidrico, alcaloidi del tabacco, catrame, composti poliaromatici. Il fumo potenzia la nocività di altre sostanze cancerogene (amianto e radon) Precauzioni: Evitare di fumare negli ambienti confinati. Non fumare in presenza di bambini e donne in gravidanza. Non fumare all interno degli autoveicoli.

23 Fonti di Inquinamento legati alle abitudini di vita Condizionatori e deumidificatori Tutti gli elementi costituenti i condizionatori, se non opportunamente mantenuti possono essere fonte di inquinamento, sia come sito di crescita e moltiplicazione dei contaminanti biologici, sia come trasporto e disseminazione degli stessi. Nei filtri e nei condotti degli apparecchi possono annidarsi ACARI, POLVERI, MUFFE, BATTERI, ALLERGENI DI ORIGINE ANIMALE, responsabili di numerose allergie e problemi respiratori. Precauzioni: Assicurarsi che le ispezioni tecniche e di manutenzione avvengano regolarmente. Non collocare le prese d aria in prossimità di aree ad elevato inquinamento quali le vie ad alto traffico, i parcheggi sotterranei, le autofficine. Pulizia regolare dei filtri.

24 Fonti di Inquinamento legati alle abitudini di vita Prodotti per la pulizia La qualità dell aria indoor può essere influenzata da alcune sostanze presenti in prodotti per la pulizia della casa (disinfettanti, detergenti, sgrassatori, lucidi per mobili ecc.) che possono rilasciare sostanze chimiche tossiche o irritanti (benzene, VOC ) Precauzioni: Utilizzare la minor quantità di prodotto per ottenere il risultato richiesto. Conservare ed applicare il prodotto secondo le direttive date dal fornitore. Usare i prodotti in ambienti ben ventilati. Limitare l uso di diffusori spray in quanto disperdono nell aria una maggior quantità di prodotto contenente sostanze chimiche nocive. Non mescolare i prodotti tra di loro, si generano ulteriori vapori tossici e dannosi per la salute (Ammoniaca + candeggina) Mantenere sempre il prodotto nel suo contenitore originale.

25 Fonti di Inquinamento legati alle abitudini di vita Insetticidi Utilizzati negli ambienti Indoor, nelle abitazioni per combattere parassiti domestici connessi alla presenza di piante, animali, prodotti legnosi. La maggior parte degli insetticidi è altamente tossica per l uomo. Effetti sanitari: da sintomi più lievi come mal di testa, vertigini, formicolio, a danni al sistema nervoso centrale, al fegato, ai reni, fino ad effetti cancerogeni nei casi di elevate concentrazioni. Presenti sul mercato in diverse tipologia: piastrine per apparecchi elettrici, spray e polveri. Includono la naftalina, utilizzata per proteggere vestiti e libri dalle tarme. Precauzioni Arieggiare le stanze durante e dopo avere irrorato l insetticida. Limitare l uso di naftalina in luoghi dove si trascorre una parte limitata di tempo e aerare prima dell uso gli indumenti che sono stati a contatto con essa. Lavare frequentemente gli animali domestici e le foglie delle piante d appartamento. Non irrorare mai controvento. Conservare gli insetticidi assicurandosi che siano ben chiusi e nel loro contenitore originale.

26 Inquinanti Indoor per luogo Luogo Fonti Inquinanti Abitazioni, locali ricreativi Fumo di tabacco Forni a gas Forni a legna e caminetti Materiali da costruzione Arredamenti e prodotti di consumo Caldaie a gas Polvere Materiale isolante Superfici umide Particolato respirabile; ossido di carbonio; composti organici volatili. Biossido di azoto; ossido di carbonio. Particolato respirabile; ossido di carbonio; idrocarburi policiclici aromatici. Radon; formaldeide Formaldeide; composti organici volatili. Biossido di azoto; ossido di carbonio. Agenti biologici; Asbesto, fibre di vetro. Agenti biologici; particolato respirabile.

27 Inquinanti Indoor per luogo Uffici Fumo di tabacco Materiali da costruzione Arredi Fotocopiatrici Impianti di condizionamento Fumo di tabacco Particolato respirabile; ossido di carbonio; composti organici volatili. Formaldeide; composti organici volatili. Formaldeide; composti organici volatili. Composti organici volatili. Agenti biologici, particolato respirabile, biossido di azoto, ossido di carbonio. Particolato respirabile; ossido di carbonio; composti organici volatili. Mezzi di trasporto Inquinanti ambientali Condizionatori da automobile Ozono negli aeromobili; ossido di carbonio e piombo negli autoveicoli Agenti biologici; particolato respirabile.

28 Sindromi indoor " Sindrome dell edificio malato (Sick Building Syndrome SBS) Viene interessata la maggior parte degli occupanti che lamentano disturbi aspecifici (mal di testa, astenia, mal di gola, irritazione cutanea, delle mucose e percezione di odori sgradevoli), riferiti all ambiente di vita o di lavoro. Non è sempre possibile individuare un agente etiologico specifico: si ipotizza un azione sinergica di più sostanze presenti nell ambiente. Maggiore responsabilità di tale sindrome è data alla ventilazione meccanica degli edifici che sembrerebbe aumentare la concentrazione e la quantità degli inquinanti. L OMS la definisce Reazione al Microclima inadeguato " Malattie correlate al lavoro (Building-Related Illness BRI) Viene interessata solo una piccola parte degli occupanti, il quadro clinico e ben preciso e ben obiettivabile (tosse, senso di costrizione toracica, dolori muscolari). Malattie allergiche, malattie causate da radon, amianto ecc. " Sindrome da sensibilità chimica multipla (Multiple Chemical Sensitivity syndrome MCS) Vengono interessati soggetti con maggiore suscettibilità agli agenti chimici e ambientali; viene spesso segnalata come percezione di uno o più odori, con interessamento neurologico e comportamentale (ansia, depressione ecc). Non si evidenziano dati obiettivi anormali né specifiche alterazioni laboratoristiche e strumentali.

29 La sindrome da Edificio Malato Nel 1968, una strana epidemia cara2erizzata da febbre, mal di testa e dolori muscolari, colpì quasi tu; gli impiega: di alcuni uffici pubblici situa: in un edificio di Pon=ac, nel Michigan (USA). Dopo diverse ricerche si iden:ficò la causa dell epidemia in un baberio che aveva trovato un terreno di coltura ada2o nei detri: tra2enu: dai filtri del sistema di ven:lazione, in ca;vo stato di funzionamento (Robertson, 1987). Nel 1970, alcuni medici statunitensi notarono l insorgere di alveoli: allergiche tra gli impiega: di uffici con aria condizionata: a tali sintomi, e a quelli suscita: dall epidemia del 1968, si a2ribuì il nome di Sindrome da Edificio Malato (European Concerted Ac:on, 1989; Bourbeau et al., 1997).

30 Nel 1976, in Philadelphia (USA), ci fu l esplosione di una mala;a infe;va sconosciuta, soprannominata la Mala;a dei Legionari. Questo morbo che colpì i polmoni, fu causato da un ba2erio sconosciuto, probabilmente sviluppatosi in una torre di raffreddamento adiacente al sistema di condizionamento di un hotel di Philadelphia dove si riunivano i membri della Legione dei Veterani dell Esercito Americano. Perciò, al ba2erio fu dato il nome di Legionella pneumophila. In seguito si iden=ficò con Legionella lo stesso baberio che aveva causato l epidemia di Pon=ac del 1968 (Robertson, 1987). Gli studi svol: a proposito portarono ad iden:ficare la causa della contaminazione negli impian= di condizionamento: le temperature dell acqua tra i 20 C ed i 50 C nelle torri di raffreddamento favoriscono lo sviluppo di Legionella e, grazie ai condo;, il ba2erio può diffondersi.

31 Le epidemie da Legionella, risultate in alcuni casi mortali, si manifestano normalmente con sintomi acu: facilmente riconoscibili (European Concerted Ac:on, 1989). Negli anni 80, dagli studi su Legionella, si arrivò ad individuare come causa della Sindrome da Edificio Malato più di una dozzina di differen= =pi di baberi, oltre a Legionella, tra i quali anche Stafilococco e Candida, ed oltre due dozzine di funghi presen: nell aria degli ambien: con impian: di ven:lazione (Robertson, 1987). Si dedusse, poi, che una ven:lazione inefficiente fosse il fa2ore principale per l insorgere della Sindrome da Edificio Malato. Infa;, impian: di ven:lazione con condo; degrada: e serrande non funzionan: corre2amente, anziché ricambiare l aria, riciclano aria viziata e portatrice di ba2eri, gas nocivi, funghi ed altro materiale inquinante. La scarsa efficienza dei filtri determina sia una portata d aria depurata insufficiente, che un livello eccessivo di CO: possibili cause di spossatezza fisica. Infine, in queste condizioni le diverse par: che compongono l impianto sono facilmente contaminate dalla crescita di microbi, funghi e germi.

32

33 Metodologie per studio aria indoor " Acquisizione dati sull edificio: valutazione del terreno sul quale è costruito l edificio, del rilevamento dell ubicazione dell edificio, il tipo di materiale utilizzato. " Rilievo della situazione in loco: si effettua un sopralluogo per verificare la funzionalità degli impianti, verificare mediante questionario le condizioni di confort o di malessere all interno dell edificio. " Indagine ambientale di base: per identificare le varie tipologie di contaminanti, le loro concentrazioni. " Indagini ambientali specialistiche: consiste nella caratterizzazione più accurata dei singoli agenti e nella stima dell esposizione giornaliera degli stessi oltre che nell attuare degli accertamenti sanitari, mediante l ausilio di tecniche di laboratorio e strumentali al fine di rilevare gli effetti specifici che tali inquinanti hanno sull organismo.

34 Prevenzione " Formazione Informazione: è importante che ogni soggetto individuato acquisisca un patrimonio di conoscenze orientato in senso analitico " Accorgimenti tecnici: per la progettazione, costruzione, manutenzione degli edifici " Monitoraggio ambientale: valutazione del esposizione quotidiana per i singoli edifici " Sorveglianza sanitaria: valutazione degli effetti sui singoli organi e apparati " Rivalutazione del rischio in seguito a modifiche nel piano d azione organizzativa

35 Conclusioni Tenere sotto controllo le sorgenti inquinanti Curare la manutenzione degli spazi a disposizione Garantire un ottimale organizzazione degli ambienti Garantire condizioni microclimatiche ottimali

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO 1 Legislazione di riferimento D.Lgs 277/91 D.Lgs 66/00 D.Lgs. 25/02 UNI EN 689/97 TLV - Threshold Limit Values della American Conference

Dettagli

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com NELLA CASA SI TRASCORRE L 80% DEL TEMPO DELLA NOSTRA VITA CHE ARIA RESPIRIAMO DENTRO LA NOSTRA

Dettagli

La Qualità dellʼaria allʼinterno delle nostre abitazioni

La Qualità dellʼaria allʼinterno delle nostre abitazioni La Qualità dellʼaria allʼinterno delle nostre abitazioni La qualità dellʼaria negli ambienti confinati (indoor), comprese le abitazioni, può essere causa di una vasto numero di effetti indesiderati che

Dettagli

La Qualità dell aria. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD.

La Qualità dell aria. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl La Qualità dell aria Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Secondo lo Standard 62/04 ASHRAE: «La qualità

Dettagli

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri?

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri? che peso ha l aria che respiri? periso ti libera dagli aggressori dell aria QUALITÀ DELL ARIA E IONIZZAZIONE La qualità della vita riveste sempre maggiore interesse nei settori pubblici e privati. Fornire

Dettagli

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Radon Cos è e da dove viene Il radon è un gas radioattivo di origine naturale proveniente dal sottosuolo che si può infiltrare e accumulare nelle abitazioni

Dettagli

Inquinamento indoor: effetti della condensazione superficiale

Inquinamento indoor: effetti della condensazione superficiale 1) La Ventilazione meccanica applicazioni e normativa vigente 2) applicazione nella ristrutturazione 3) La classe A e la ventilazione meccanica i perchè della scelta. Umberto Buzzoni Inquinamento indoor:

Dettagli

Che aria tira a Moie?

Che aria tira a Moie? Questo studio è stato realizzato da Daniele Campolucci ed Emanuela Piedimonte. Alcuni cittadini, anche se si sentivano rassicurati sulla presenza e sulla gestione della discarica dai risultati dei continui

Dettagli

PROGETTO INDOOR SCHOOL

PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria degli scolari e degli adolescenti

Dettagli

Dott. Morando Soffritti

Dott. Morando Soffritti Istituto Nazionale B. Ramazzini Centro di Ricerca sul Cancro Cesare Maltoni IV GIORNATE MEDICHE DELL AMBIENTE SALSOMAGGIORE 5 Novembre 2009 Gli effetti a lungo termine delle basse dosi di inquinanti negli

Dettagli

LA SINDROME DELL EDIFICIO MALATO

LA SINDROME DELL EDIFICIO MALATO LA SINDROME DELL EDIFICIO MALATO Dott. Stefano Borghesi Specialista in Medicina del Lavoro Università degli Studi di Brescia Medico Competente Provincia di Brescia AMBIENTE CONFINATO Trasformazione dell

Dettagli

EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DALL INQUINAMENTO INDOOR. Dr. Riccardo Arduini Medico del Lavoro Azienda U.S.L. di Bologna

EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DALL INQUINAMENTO INDOOR. Dr. Riccardo Arduini Medico del Lavoro Azienda U.S.L. di Bologna EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DALL INQUINAMENTO INDOOR Dr. Riccardo Arduini Medico del Lavoro Azienda U.S.L. di Bologna Il comfort può essere definito come una condizione di benessere psicofisico dell

Dettagli

www.vortice.com Perché è importante VENTILARE?

www.vortice.com Perché è importante VENTILARE? www.vortice.com Perché è importante VENTILARE? Ti riconosci in queste SITUAZIONI? L edificio malato Il problema dell inquinamento INDOOR è ormai un problema noto a tutti. La sindrome dell edificio malato

Dettagli

Prof. Marco Ragazzi Materiali prodotti e sistemi per costruire la qualità degli ambienti interni in LEED INDOOR QUALITY - Qualità degli ambienti interni nella certificazione 2 Indice Fonti inquinanti indoor

Dettagli

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria ARPA FVG Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia DAL LEGNO AL FUOCO come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria Fumo della legna

Dettagli

QUALITÀ DELL ARIA INDOOR

QUALITÀ DELL ARIA INDOOR QUALITÀ DELL ARIA INDOOR Composizione dell aria atmosferica Inquinanti primari e secondari Altre sostanze Energia Attività umane Inquinanti primari Reazioni Inquinanti secondari Esempio... Radiazioni Ossigeno

Dettagli

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma L aria indoor è contaminata? L aria degli ambienti interni può essere contaminata sia da sostanze già presenti

Dettagli

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria

Dettagli

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema SEMINARIO Contaminazione indoor: sicurezza, ambiente e sostenibilità Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema BRUNO MARCHESINI 3 maggio 2011 S a l a B o l e r o Ambiente

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1 Fattori di rischio a scuola 2 a parte Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 2.1 Rischio nelle attività di pulizia I prodotti chimici Sono da considerare potenzialmente

Dettagli

Gazzetta Ufficiale Supplemento Ordinario n. 276 del 27/11/2001.

Gazzetta Ufficiale Supplemento Ordinario n. 276 del 27/11/2001. Linee guida per la tutela e la promozione della salute negli ambienti confinati Accordo del 27/09/2001 tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome. Documento 601S27SE.000 emanato dalla

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

Definizione di ambiente indoor

Definizione di ambiente indoor Definizione di ambiente indoor Ambienti confinati di vita e di lavoro non industriali quali abitazioni, uffici pubblici e privati, strutture comunitarie, locali destinati ad attività ricreative e mezzi

Dettagli

INQUINAMENTO INDOOR EFFETTI SULLA SALUTE Nicola Magnavita Istituto di Medicina del Lavoro, UCSC, Roma All interno degli ambienti confinati è possibile l inquinamento da parte di agenti: Fisici (radiazioni,

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

CAMINETTI A BIOETANOLO

CAMINETTI A BIOETANOLO CAMINETTI A BIOETANOLO Istruzioni per l uso www.magazzinodellapiastrella.it 1 BIOETANOLO Il bioetanolo è alcol di origine agricola che deriva dalla fermentazione di cereali come la barbabietola o la canna

Dettagli

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE?

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? a cura di: PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? I gas che possiamo trovare all interno delle nostre abitazioni, a causa di guasti, mancata manutenzione, malfunzionamenti, errata installazione, errato utilizzo,

Dettagli

LE SOSTANZE PERICOLOSE

LE SOSTANZE PERICOLOSE SICUREZZA NELLA CASE Incontro informativo a cura dei vigili del fuoco L INCENDIO LE SOSTANZE PERICOLOSE IL RISCHIO ELETTRICO IL GAS COMBUSTIBILE ALTRI RISCHI DOMESTICI COSA FARE IN CASO DI LE SOSTANZE

Dettagli

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno La salute negli ambienti di lavoro Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASS6 Friuli Occidentale

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

COMUNE DI TREVISO. per i rifiuti gassosi non è possibile effettuare un servizio di raccolta e smaltimento;

COMUNE DI TREVISO. per i rifiuti gassosi non è possibile effettuare un servizio di raccolta e smaltimento; COMUNE DI TREVISO Oggetto: Raccomandazioni per la prevenzione ed il contenimento dell'inquinamento da rifiuti gassosi, prodotti da fonti fisse e mobili. PREMESSO che: il funzionamento dei motori endotermici,

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private LA PREVENZIONE DALLA LEGIONELLOSI Acqua destinata al consumo umano Decreto legislativo 2 feb. 2001, n 31 Attuazione della direttiva

Dettagli

MASSIMIZZARE L ACQUISTO come ottenere il meglio dai nuovi infissi

MASSIMIZZARE L ACQUISTO come ottenere il meglio dai nuovi infissi MASSIMIZZARE L ACQUISTO come ottenere il meglio dai nuovi infissi IL CONFORT Il confort all interno degli edifici è dato dalla somma di diversi fattori: l isolamento termo-acustico, la luminosità, la temperatura

Dettagli

I.P. A PROPOSITO DI OZONO. PER INFORMAZIONI:

I.P. A PROPOSITO DI OZONO. PER INFORMAZIONI: I.P. A PROPOSITO DI OZONO. PER INFORMAZIONI: Direzione Tutela e Risanamento Ambientale - Programmazione Gestione Rifiuti Via Principe Amedeo 17, Tel. 011.432.14.20 - Fax 011.432.39.61 www.regione.piemonte.it/ambiente/aria.html

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Trattamenti antibatterici per la purificazione dell aria

Trattamenti antibatterici per la purificazione dell aria Trattamenti antibatterici per la purificazione dell aria Pezzoli Daniele, Ph.D. INSTM - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali NextMaterials S.R.L., spin-off di

Dettagli

PlasmaMade e aria pulita. Come vendere aria pulita per tutti, ovunque V1.0 000-11.1

PlasmaMade e aria pulita. Come vendere aria pulita per tutti, ovunque V1.0 000-11.1 PlasmaMade e aria pulita Come vendere aria pulita per tutti, ovunque V1.0 000-11.1 Le garanzie del filtro aria PlasmaMade: Aria Sana Aria Pulita In spazi dove più persone coabitano, come soggiorni, camere

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE I FATTORI DI RISCHIO Ing. Guido SAULE I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO I rischi lavorativi presenti negli ambienti di lavoro, in conseguenza dello svolgimento delle attività lavorative in un determinato

Dettagli

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria Dott. Stefano Marzani Dott. Francesco Lisena Dott.ssa Michela Barni Aula Angelo Celli

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Esposizione ad inquinanti indoor nelle scuole di Udine e hinterland

Esposizione ad inquinanti indoor nelle scuole di Udine e hinterland Esposizione ad inquinanti indoor nelle scuole di Udine e hinterland Marilena Mazzariol, Manuela Mazzariol, Alen Carli, Mario Canciani Servizio di Allergo-Pneumologia Clinica Pediatrica, Università di Udine

Dettagli

Impianto di ventilazione: la casa respira da sola

Impianto di ventilazione: la casa respira da sola minergie Impianto di ventilazione: la casa respira da sola I moderni edifici provvisti di sistemi di aerazione garantiscono un clima abitativo o lavorativo confortevole, sano e aria sempre fresca nei locali;

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO due GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Inquinamento Atmosferico e Salute Umana Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Cosa intendiamo per ambiente? Definizione restrittiva: AMBIENTE = ARIA + ACQUA

Dettagli

le stime della contaminazione ambientale

le stime della contaminazione ambientale Tabacco e ambiente 13 giugno 2012 ENEA SEDE - Roma Suolo, Aria, Acqua: le stime della contaminazione ambientale Carmine Ciro Lombardi - ENEA Casaccia Roma Giornata di studio ENEA- SITAB 2010 Tabacco e

Dettagli

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A.

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. Norma 7129:2008 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. UNI 7129-2 ed. 2008 Seconda parte: Installazione apparecchi

Dettagli

www.pizzaovenacademy.com

www.pizzaovenacademy.com COME BRUCIA IL LEGNO Il legno è, in sostanza, un magazzino di energia solare. Le foglie degli alberi agiscono come piccoli pannelli solari che assorbono l energia irraggiata dal sole, utilizzandola per

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE Monitoraggio degli effetti dell inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica Monitoring Air Pollution Effects on Children for supporting

Dettagli

SigmaCare. Pitture immunizzanti e antinquinamento per interni.

SigmaCare. Pitture immunizzanti e antinquinamento per interni. EDILIZIA PROFESSIONALE SigmaCare. Pitture immunizzanti e antinquinamento per interni. SigmaCare. La difesa della salute passa anche dalle pareti. Il problema della qualità dell aria è all ordine del giorno

Dettagli

Finalmente dell aria fresca.

Finalmente dell aria fresca. Finalmente dell aria fresca. Ristrutturare ai fini del risparmio energetico vale ben poco senza un sistema di ventilazione adeguato Il sistema di ventilazione Pluggit refresh rappresenta il sistema di

Dettagli

Importanza fisiologica dell aria

Importanza fisiologica dell aria Importanza fisiologica dell aria L aria rappresenta una materia prima indispensabile per la vita degli organismi: è infatti la fonte dell ossigeno necessario ai processi di produzione dell energia che

Dettagli

Il dispositivo Cairsens può essere utilizzato nella maggior parte delle situazioni lavorative ed è costituito da:

Il dispositivo Cairsens può essere utilizzato nella maggior parte delle situazioni lavorative ed è costituito da: CAIRSENS O3 & NO2 MANUALE D ISTRUZIONE Descrizione tecnica Cairsens è un dispositivo di misurazione dell inquinamento atmosferico di Ozono e Biossido di Azoto; esso misura in modo continuo il livello di

Dettagli

Fuoco e fiamme senza fumo

Fuoco e fiamme senza fumo Fuoco e fiamme senza fumo Una campagna d informazione dei fumisti e degli spazzacamini dell APA in collaborazione con l Agenzia provinciale per l ambiente In guten Händen. In buone mani. Hanspeter Munter

Dettagli

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline. Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.it www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA MONOSSIDO DI CARBONIO Le cause Ventilazione Combustione Evacuazione

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities Ventilazione Paolo Baggio Univ. Di Trento Overview dei problemi di ventilazione nelle residenze Gli edifici ad alte prestazioni sono edifici a tenuta

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

LA VITA DIETRO UNA FINESTRA! Informazioni sulla Sindrome da Sensibilità Chimica Multipla (MCS)

LA VITA DIETRO UNA FINESTRA! Informazioni sulla Sindrome da Sensibilità Chimica Multipla (MCS) LA VITA DIETRO UNA FINESTRA! Informazioni sulla Sindrome da Sensibilità Chimica Multipla (MCS) Progettato da Stocchi Donatella e disegnato da Mario Linari Realizzato con la collaborazione di Occhiali Fausto

Dettagli

Fuoco e fiamme senza fumo

Fuoco e fiamme senza fumo Fuoco e fiamme senza fumo Una campagna d informazione dei fumisti e degli spazzacamini dell APA in collaborazione con l Agenzia provinciale per l ambiente In guten Händen. In buone mani. Michl Laimer Klaus

Dettagli

Purificazione dell aria

Purificazione dell aria Purificazione dell aria Per un aria sana per tutti Lo sapevate che trascorriamo circa l 80 percento della nostra vita all interno spesso respirando aria viziata? Le sostanze nocive di ogni tipo presenti

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK UV SMELL RK UV SMELL RK Apparecchio a Raggi UV-C + Ozono + TiOX per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe e soffitti aspiranti di grandi cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore UV-

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Data di stampa: 04.06.2014 Pagina 1 di 6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM

Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM dopo la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale n. 11 del 24 luglio 2002 della legge

Dettagli

DEPURA. Pavimento DEPURA. Con TX Active. Pulisce l ARIA di casa tua. contro l inquinamento investi in salute!

DEPURA. Pavimento DEPURA. Con TX Active. Pulisce l ARIA di casa tua. contro l inquinamento investi in salute! Pavimento Con TX Active Pulisce l ARIA di casa tua 1 contro l inquinamento investi in salute! La tua SALUTE è nell aria che respiri Figure Figura1: 1 : le aree le aree in rosso in rosso indicano indicano

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

Sistemi di ventilazione. Perché recovair? Perché il benessere è anche l aria che respiri. recovair VAR 150/4 recovair VAR 260/4 recovair VAR 360/4

Sistemi di ventilazione. Perché recovair? Perché il benessere è anche l aria che respiri. recovair VAR 150/4 recovair VAR 260/4 recovair VAR 360/4 Sistemi di ventilazione Perché recovair? Perché il benessere è anche l aria che respiri. recovair VAR 150/4 recovair VAR 260/4 recovair VAR 360/4 2014. Vaillant compie 140 anni. 140 anni segnati da alcune

Dettagli

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione Radon e salute A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012 ASL di Milano Dipartimento di Prevenzione Struttura semplice dipartimentale Salute e Ambiente Via Statuto 5 20121 Milano

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

Esperienze di sicurezza ambientale

Esperienze di sicurezza ambientale Esperienze di sicurezza ambientale Progetto Analisi statistica dell inquinamento atmosferico Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie - Napoli Allievi Relatori: Francesco Capasso, Roberta Avolio,

Dettagli

+35 CLIMA INTERNO +30 +25 +20 +15 +10 -10 -15

+35 CLIMA INTERNO +30 +25 +20 +15 +10 -10 -15 +35 +30 +25 +20 +15 +10 +5 0-5 -10 CLIMA INTERNO -15 come calcolare il consumo mensile annotare su un quaderno le cifre NERE indicate nel contatore e sottrarre quelle segnate il mese precedente = 0,75

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO

RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO P. Saragosa *, V. Amicarelli** *Dirigente Medico 1 livello ORL SPRESAL ASL/FR **Università di Roma La Sapienza, Cattedra e Scuola di Specializzazione di Medicina del Lavoro,

Dettagli

aerazione migliore Respirare aria pulita Dormire meglio Risparmio energetico LÜFTUNGSSYSTEME

aerazione migliore Respirare aria pulita Dormire meglio Risparmio energetico LÜFTUNGSSYSTEME 100 aerazione migliore Respirare aria pulita Dormire meglio Risparmio energetico Il primo e unico impianto decentralizzato certificato passivhaus. LÜFTUNGSSYSTEME 100 La migliore combinazione di due sistemi

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

TINTURE AD OSSIDAZIONE

TINTURE AD OSSIDAZIONE SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO AD USO PROFESSIONALE TINTURE AD OSSIDAZIONE INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: PLURA COLORAZIONE 1:1,5 Descrizione prodotto: Azienda: associazione di coloranti

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK Apparecchio a raggi UV-C + Ozono + Tiox per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe aspiranti delle cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore che può essere equipaggiato

Dettagli

PROGETTO LEGNO AMICO"

PROGETTO LEGNO AMICO istituto nazionale per la ricerca sul cancro istituto scientifico per lo studio e la cura dei tumori 16132 Genova - Largo Rosanna Benzi, n. 10 telefono 010 5600.1 centralino PROGETTO LEGNO AMICO" Riassunto.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Filtro in Fibra di Vetro (Tipo VBB) 1 (180g/m 2 ) 1.2. Società distributrice: D.L.G.

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Il flussante Ecoflux ACQUA 4000 della serie no clean rappresenta un significativo sviluppo tecnologico dei flussanti organici, esso è idrosolubile ed è completamente costituito

Dettagli

POST INCENDIO E ALLAGAMENTO

POST INCENDIO E ALLAGAMENTO POST INCENDIO E ALLAGAMENTO BONIFICA RIPRISTINO E PULIZIA & INSIEME PER IL RIPRISTINO DEL TUO IMMOBILE Via Boezio 2 20145 Milano Magazzini: Via Osoppo 19, Milano Via Luchino del Maino 7, Milano NUMERO

Dettagli

LA CASA SICURA prevenzione degli incidenti domestici

LA CASA SICURA prevenzione degli incidenti domestici LA CASA SICURA prevenzione degli incidenti domestici Corso di formazione Pari opportunità e conciliazione tra tempi del lavoro professionale e tempi del lavoro di cura familiare e personale Varese, 21

Dettagli

PRESENTAZIONE PRODOTTO

PRESENTAZIONE PRODOTTO PRESENTAZIONE PRODOTTO L'IDEA ECOPARED Ecological System è un sistema di pannelli ecologici che hanno la capacità di eliminare, ridurre, adsorbire umidità, cattivi odori, condensa, muffe e fumo e che permettono

Dettagli

Esistono vari tipi di inquinamento:

Esistono vari tipi di inquinamento: L inquinamento L inquinamento è un alterazione delle caratteristiche ambientali. Queste variazioni possono essere provocate da fenomeni naturali e da fenomeni dovuti all azione dell uomo, in particolar

Dettagli

IV GIORNATE ITALIANE MEDICHE DELL AMBIENTE

IV GIORNATE ITALIANE MEDICHE DELL AMBIENTE IV GIORNATE ITALIANE MEDICHE DELL AMBIENTE Salsomaggiore Terme, 4-64 6 Novembre 2009 Malattie allergiche respiratorie da esposizione a muffe negli ambienti confinati: prevenzione primaria e diagnosi precoce

Dettagli

QUALITA DELL ARIA. Il problema della qualità dell aria interna è divenuto di attualità in questi ultimi anni per una serie di ragioni:

QUALITA DELL ARIA. Il problema della qualità dell aria interna è divenuto di attualità in questi ultimi anni per una serie di ragioni: QUALITA DELL ARIA La composizione normale dell aria negli ambienti confinati può essere alterata dalla presenza di sostanze diverse, alcune delle quali emettono odori, altre hanno effetti irritanti, altre

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione: Eberhard-Finckh-Straße Nome Commerciale: S-U-DENTA-VLIES 39 D-89075 Ulm (Donau) Germany Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Dettagli

Microclima. Roma, ottobre 2009

Microclima. Roma, ottobre 2009 Microclima Roma, ottobre 2009 MICROCLIMA Le condizioni microclimatiche sono un fattore determinante per la salubrità degli ambienti perché interagiscono con il benessere degli abitanti. Il microclima è

Dettagli

Fumi di saldatura - Rischi e Soluzioni. con particolare riguardo a Cromo e Manganese

Fumi di saldatura - Rischi e Soluzioni. con particolare riguardo a Cromo e Manganese Fumi di saldatura - Rischi e Soluzioni con particolare riguardo a Cromo e Manganese La saldatura dell'acciaio inox può causare seri danni alla salute L'esposizione ai fumi di saldatura, ed in particolare

Dettagli