LA PATOGENESI INFETTIVA DEGLI INSUCCESSI GRAVIDICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PATOGENESI INFETTIVA DEGLI INSUCCESSI GRAVIDICI"

Transcript

1 Problematiche in patologia perinatale: costruzione di un percorso multidisciplinare condiviso LA PATOGENESI INFETTIVA DEGLI INSUCCESSI GRAVIDICI Dott.ssa Cecilia Tibaldi S.S.D Malattie Infettive, Presidio S.Anna Città della Salute e della Scienza di Torino Casale Monferrato, 10 aprile 2014

2 Le infezioni cliniche delle vie urinarie e del tratto genitale inferiore, la batteriuria asintomatica e la flora vaginale anomala sono associate ad un maggior rischio di: aborto nel II trimestre rottura pretravaglio delle membrane amniocoriali a termine (PROM) o pretermine (pprom) parto pretermine basso peso alla nascita infezioni neonatali complicanze infettive puerperali

3 Rottura prematura delle membrane pretermine Corionamnioniti e Infezioni fetali Group B Streptococcus E. coli Travaglio pretermine con membrane integre In membrane e/o liquido amniotico Ureaplasma urealyticum Mycoplasma hominis Bacterial vaginosis (BV) Goldenberg et all. N. Engl J Med, 2000

4 VIE di ACCESSO INTRAUTERINO dei MICROORGANISMI Passaggio ematico transplacentare Introduzione accidentale durante procedure invasive Passaggio retrogrado dalla cavità peritoneale attraverso le tube Romero et all. Semin.Neonatol Risalita dalla vagina alla cervice

5 3 Stadio: Infezione intramniotica 4 Stadio: Infezione fetale 2 Stadio: Infezione decidua 1 Stadio : Flora vaginale anomala Romero et all. Semin.Neonatol. 2002

6 Colonizzazione batterica coriondeciduale CRH PG deidrogenasi corionica Decidua citochine e chemochine cortisolo surrene Contrazioni miometrio PG metalloproteasi Indebolimento e rottura amniocorion Infiltrazione dei neutrofili Dilatazione cervicale Goldenberg et all. N. Engl J Med, 2000

7 BATTERIURIA ASINTOMATICA Rilevazione su mitto intermedio di un unico batterio ad una concentrazione 10 5 cfu/ml in una persona senza sintomi suggestivi di infezione urinaria alta o bassa Gravidanza fisiologica- Aggiornamento 2011

8 BATTERIURIA ASINTOMATICA Previene il 40-80% delle pielonefriti Pielonefrite 30-40% 27% Può essere tardi! pprom, PARTO PREMATURO BASSO PESO ALLA NASCITA INFEZIONI NEONATALI INFEZIONI IN PUERPERIO

9 Batteriuria Asintomatica OR Batteriuria Asintomatica 1.9 ( ) Romero et all. Obstet Gynecl Pielonefrite 0.23 ( ) OR Basso peso alla nascita 0.66 ( ) Smaill F. The Cochrane Library 2008 Antibiotici Controlli

10 FLORA VAGINALE ANOMALA Infezione Adesione invasione infiammazione DANNO TISSUTALE Può essere tardi! CORIONAMNIONITE, pprom, PARTO PREMATURO, INFEZIONI NEONATALI

11 FLORA VAGINALE ANOMALA Flora intermedia: Nugent score 4-6 Clue Cells ASSENTI Vaginosi batterica: Nugent score 7-10 Clue Cells PRESENTI

12 Interazione tra microorganismo ed ospite FLORA VAGINALE ANOMALA Produzione di sialidasi e prolidasi RISPOSTA INFIAMMATORIA LOCALE Attivazione di PMN (neutrofili) Produzione di IgA Citochine: IL1β, IL6, IL8, TNFα Difesa dell ospite Normalizzazione flora vaginale sialidasi e prolidasi Romero et all. Am J Obstet Gynecol 2004

13 Interazione tra microorganismo ed ospite RISPOSTA INFIAMMATORIA ALTERATA IgA citochine Infezione non controllata sialidasi e prolidasi citochine PMN Danno tissutale RISALITA IN UTERO DELL INFEZIONE Romero et all. Am J Obstet Gynecol 2004

14 Antibiotics for treating bacterial vaginosis in pregnancy (Review) Brocklehurst P, Gordon A, Heatley E, Milan SJ (+1294 ) Il numero di donne dalla prima revisione del 1998 alla quinta è più che triplicato (7847 donne, 21 trials).

15 21 trials Brocklehurst et al. The Cochrane Library trials con 1270 donne (Antibiotici VS Placebo in VB o flora anomala): Riduzione del Rischio di Aborto Tardivo ( < 24 sett) RR 0.20 ( ) 10 trials, 4403 donne (Antibiotici VS Placebo): Eradicazione Vaginosi Batterica RR 0.42 ( )

16 Brocklehurst et al. The Cochrane Library 2013 NO riduzione di Parto Pretermine (<37, <34, <32 sett), anche in caso di trattamento prima delle 20 sett di e.g. ma in pochi trials trattamento iniziato prima del II trim o delle 28 settimane Riduzione del Rischio di Aborto Tardivo ( < 24 sett) Probabile beneficio in sottogruppi a rischio per: Vaginosi batterica recidivante Polimorfismi genetici (esagerata risposta infiammatoria)

17 MICROORGANISMI BV a qualsiasi EG BV prima delle 16 sett. Flora intermedia Flora intermedia (prec. Parto Pretermine) Trichomonas vaginalis Neisseria gonorrhoeae C. trachomatis a 24 sett. C. trachomatis a 28 sett. U. urealyticum OR 1.3 ( ) 2.19 ( ) 2.2 ( ) 0.95 ( ) 1.0 ( ) 7.55 ( ) 2.41 ( )* 6.01 ( )* 5.31 ( ) Klein et al. Am J Obstet Gynecol 2004 *Leitich H et Kiss H

18 Ureaplasma urealyticum Studio di coorte prospettico OR PARTO < 37 SETT. BASSO PESO alla NASCITA 1.3 ( ) 1.9 ( ) SGA 1.6 ( ) Antibiotici Controlli Vogel et al. Acta Obstet Gynecol Scand 2006

19 Parto pretermine (<37 sett.) pprom Infezioni puerperali Sepsi neonatale Vaginosi batterica Antibiotici vs placebo (10-28 sett.) OR 0 Antibiotici ( ) Parto pretermine (<34 sett.) 1.16 ( ) Brocklehurst et al. The Cochrane Library ,74 ( ) Parto pretermine (<32 sett.) 1.13 (0.77-1,68) Basso peso alla nascita 0.99 ( ) Aborto tardivo (<24 sett) 0.20 ( ) 0.91 ( ) 1.40 ( ) Ricovero in TIN 1.02 ( ) Controlli 3

20 Vaginosi batterica Antibiotici vs placebo (13-22 sett.) Precedenti parti pretermine Parto pretermine (<37 sett.) OR 0.88 ( ) Parto pretermine (<34 sett.) 1.16 ( ) pprom Basso peso alla nascita Sepsi neonatale 0.14 ( )* 0.97 ( ) 1.40 ( ) Brocklehurst et al. The Cochrane Library 2013 *McDonald et al. The Cochrane Library Antibiotici Controlli 3

21 Brocklehurst et al. The Cochrane Library 2013 NON evidenza di terapia antibiotica migliore, ma... vantaggio per metronidazolo orale Eradicazione vaginosi batterica RR 0.25 ( ) 2 trials,335 donne Ricovero in TIN Peso neonatale RR 0.63 ( ) (Metronidazolo/Clindamicina per os VS vaginale) RR 0.97 ( ) (Metronidazolo VS Clindamicina) 342 g ( ) (Metronidazolo/Clindamicina per os VS vaginale) 75 g ( ) (Metronidazolo VS Clindamicina) Prolungamento e.g. (giorni) 9 gg ( ) (Metronidazolo/Clindamicina per os VS vaginale) 1 gg ( ) (Metronidazolo VS Clindamicina)

22 Qualsiasi Antibiotico Penicilline β lattamici Eritromicina Corionamniotite Infezione neonatale Alterazioni cerebrali ecografiche Parto <48 ore Parto <7 giorni 0.66 ( ) 0.67 ( ) 0.81 ( ) RR 1.14 ( ) 1.06 ( ) Kenyons et al. The Cochrane Library , Antibiotici Controlli

23 Qualsiasi Antibiotico Parto < 37sett. Parto <48 ore Mortalità perinatale Morte neonatale Infezione puerperale Penicilline Cefalosporine Eritromicina Clindamicina Metronidazolo RR 0.99 ( ) 1.04 ( ) 1.22 ( ) 1.52 ( ) 0.74 ( ) King et al. The Cochrane Library 2011 Antibiotici Controlli

24 METRONIDAZOLO o CLINDAMICINA RR Parto < 7 giorni Ricovero in TIN 0.62 ( ) 0.63 ( ) Enterocolite necrotizzante Parto < 37sett. Morte perinatale Sepsi neonatale 0.13 ( ) 0.85 ( ) 1.63 ( ) 0.56 ( ) King J et al. The Cochrane Library , Antibiotici Controlli

25 - Rottura Prematura Pretermine delle membrane(pprom) Travaglio Pretermine a membrane integre Infezioni neonatali - Infezioni materne

26 SEPSIS in preterm VLBW Neonates in NICU: causative agents and timing E. coli SGB CONS H. influenzae CONS S. aureus Candida spp E. coli (data from NICHD, ) < 72 hrs > 3 giorni > 60 days Kaufman, Clin Microbiol Rev 2004

27 pprom e parto pretermine Urocoltura a tutte le donne nel I trimestre Identificare le donne ad alto rischio per parto pretermine Testare in fase preconcezionale e/o nel I trimestre di gravidanza Trattare in fase preconcezionale o precocemente in gravidanza

28 Ricerca di nuovi markers di facile impiego per identificare le pazienti a rischio di infezioni fetali e neonatali che potrebbero beneficiare di terapia antibiotica Fibronectina cervicale, citochine vaginali e sieriche

29 Parti Parti pretermine EG di cui pprom % 30,5% Travaglio spontaneo %

30 Parti 7330 Anno 2013 Parti Pretermine ( ) 1112 (15%) Travaglio spontaneo 360 (32,3%) pprom 30,5% Aborti spontanei tardivi ( ) 81 (6,7%) 64 casi con conferma istologica di infezione (Corioamniotite) Batteriologico placentare Citrobacter freundii 27 42% + 58% - pprom 45,3% Chryseobacterium indologenes 37 Stafilococcus aureus flora polimicrobica Candida Albicans Streptococcus Agalactiae Mycoplasma Hominis Escherichia Coli Ureaplasma urealyticum

31 *5 casi: manca dato > 1 urocoltura POSITIVA E. Coli Klebsiella 25/59* 42% > 1 TCV POSITIVO E.Coli Ureaplasma urealyticum Klebsiella pneumoniae Vaginosi batterica 31/59* 52,5% Anno 2013 Almeno 1 colturale positivo: 40/59* 67,7% Concordanza colturali in gravidanza con Batteriologico Placentare (n=27) 12/ 27 (44%)

32 FATTORI di RISCHIO Etnia Livello socio-economico basso Malnutrizione Assistenza prenatale inadeguata Abuso di sostanze Infezioni delle vie urinarie Batteriuria asintomatica Flora vaginale anomala Polmoniti Infezioni addominali (appendicite, peritonite ) Goldenberg et all. The Lancet, 2008

33 PAZIENTE CON ANAMNESI POSITIVA PER INSUCCESSO GRAVIDICO Anamnesi ostetrica Modalità dei precedenti parti (EG, PROM, travaglio o dilatazione asintomatica, segni di infezione in gravidanza, parto, puerperio, infezioni neonatali) Individuazione eziologia più probabile infettiva? sovradistensione? patologia cervicale? mista? Accurata anamnesi su: Alimentazione Caratteristiche dell alvo Disturbi suggestivi per intolleranze alimentari Apporto idrico giornaliero Modificazioni importanti del peso corporeo Situazioni di stress psicofisico Fattori di rischio specifici Stili di vita

34 LE BASI DELL ECOLOGIA CLINICA: Alimentazione / Reazioni avverse al cibo Eubiosi / Disbiosi (intestino - vagina - cute) Equilibrio acido-base nell alimentazione Apporto minerali e vitamine

35 INTOLLERANZE ALIMENTARI 1.ENZIMATICHE (Glutine, lattosio, G6PDH) 2. NON ENZIMATICHE Soggetti con reattività particolare, generalmente non mediata da immunità, a sostanze contenute nei cibi (es. proteine del latte, additivi, amine vasoattive e in particolare istamina) I cibi più ricchi di istamina sono: formaggi, pomodori, birra funghi, cioccolato, pesce in scatola I cibi che causano più frequentemente intolleranze: latte, latticini, lieviti, frumento, cioccolato

36 INTOLLERANZE ALIMENTARI Intestinale: dolori addominali, irregolarità dell alvo, gonfiore, meteorismo Infezioni ricorrenti: in particolare genito-urinarie Disordini del peso corporeo: Più raramente: sia in eccesso, sia in difetto dolori muscolari e/o articolari, cefalea, dermatiti Sintomatologia La gravità dei sintomi generalmente è dose-dipendente

37 ECOSISTEMA MICROBICO INTESTINALE VAGINALE CUTANEO

38 FLORA EUBIOTICA INTESTINALE L intestino è il sistema immunitario più grande dell organismo: Superficie mucose intestinali: 300 m 2 Superficie broncopolmonare: 80 m 2 Superficie cutanea: 2 m 2 In condizioni di eubiosi i microrganismi probiotici aumentano progressivamente dallo stomaco all intestino.

39 FLORA EUBIOTICA INTESTINALE Anaerobi: Bacteroidi Bifidobatteri Aerobi facoltativi: Lactobacilli Aerobi: E.Coli (a bassa carica) facilita la produzione di vitamina K, B12, acido pantotenico, acido folico; aumenta l acido lattico che impedisce la risalita dei germi putrefattivi dal colon al tenue.

40 DISBIOSI INTESTINALE Alterazione della normale flora microbica gastrointestinale che facilita la proliferazione di germi patogeni Cause Alimentazione errata Tossine infettive (virali, fungine, parassitarie) Tossine esogene chimiche (acqua, ambiente di lavoro, ecc) Uso eccessivo di farmaci (in particolare antibiotici e lassativi) Focolai infettivi (sinusiti, appendiciti, annessiti, ecc) Cicatrici di interventi addominali Fattori endogeni (diverticolosi, disfunzioni epatiche, distiroidismi) Fattori psico-emozionali

41 PROBIOTICI (= a favore della vita ) Definizione Microorganismi vivi che, quando assunti in quantità adeguata, esplicano effetti benefici per la salute. Caratteristiche Origine umana Non patogeni Resistenti ai succhi gastrici Resistenti alla bile Adesione all epitelio intestinale Capacità di colonizzazione del tratto gastrointestinale Produzione di sostanze antimicrobiche Modulazione della risposta immune Influenza sull attivita metabolica OMS 2001

42 PROBIOTICI: LINEE GUIDA

43 CLASSIFICAZIONE DEI PROBIOTICI 4 CLASSI: Lactobacillus Ramnosus Lactobacillus Acidophilus Lactobacillus Bifidus Saccaromices Boulardi PROBIOTICI TRANSIENTI: con funzione limitata al tempo di transito nell intestino (Lactobacillus Bifidus e Acidophilus) PROBIOTICI SIMBIONTI: (es. Lactobacillus Ramnosus e Casei) capaci di formare colonie permanenti che equilibrano la flora intestinale (quantità minima necessaria 10 9 giorno) cellule vive per ceppo al

44 Meccanismo d azione PROBIOTICI Inibizione crescita batteri intestinali patogeni Riduzione ph endoluminale Secrezione proteine battericide Stimolazione produzione sostanze difensive Ostacolo alla colonizzazione Interferenza con adesione epiteliale o invasione di patogeni: Blocco legame epiteliale Produzione muco e modifica biofilm Inibizione invasione epiteliale

45 Meccanismo d azione PROBIOTICI Potenziamento funzione della barriera epiteliale e mucosa: Stimolazione produzione muco Produzione ac. grassi a catena corta (ac. butirrico) Potenziamento integrità funzionale di barriera Modificazione risposta immune: Stimolazione espressione e produzione citochine Stimolazione produzione IgA secretorie Riduzione TNF e IFN γ

46 Probiotici nei nati pretermine di basso peso (<1500g) Supplementazione enterale : 16 trials, n=2842 RR Enterocolite Necrotizzante (stadio II o superiore) Mortalità Sepsi nosocomiali RR 0.35 ( ) RR 0.40 ( ) RR 0.90 ( ) Raccomandati nella pratica clinica! AlFaleh K, Anabrees J, Bassler D, Al-Kharfi T. Probiotics for prevention of necrotizing enterocolitis in preterm infants. Cochrane Database of Systematic Reviews 2011, Issue 3. Art. No.: CD DOI: / CD pub3

47 PROBIOTICI E VAGINOSI BATTERICA: METANALISI 4 trials randomizzati - Differenti tipi di probiotici - Differenti vie e modalità di somministrazione Non sufficienti evidenze a favore/contro l'utilizzo di probiotici tuttavia... 1 trial, 96 donne (Probiotici+Metronidazolo orali) VS (Placebo+Metronidazolo orali) RR 0.09 ( ) 1 trial (Probiotici con Estriolo vaginale) VS (Placebo vaginale) RR 0.2 ( ) I regimi con Metronidazolo/probiotici orali appaiono promettenti

48 Probiotici e Parto Pretermine 3 Trials inclusi Sebbene l'utilizzo dei probiotici sia utile nel trattare le infezioni vaginali in gravidanza, vi sono dati insufficienti per dimostrare un impatto sulla nascita pretermine e sulle sue complicanze 1 trial, 238 donne, Probiotici VS Controlli Nascita <32 settimane di EG RR 0,65 ( ) Nascita <37 settimane di EG RR 3,95 ( ) 1 trial, 88 donne, Probiotici VS Controlli Infezioni genitali RR 0.19 ( ) Othman M, Alfirevic Z, Neilson JP. Probiotics for preventing preterm labour. Cochrane Database of Systematic Reviews 2007, Issue 1. Art. No.: CD DOI: / CD pub2

49 Da Settembre 2011 a Luglio 2013 afferite: gravide a rischio di parto prematuro 110 gravidanze concluse - 24 donne in epoca preconcezionale con precedente parto prematuro CURANTE PRONTO SOCCORSO POST-RICOVERO

50 Prima visita (in gravidanza/preconcezionale) Dettagliata anamnesi fisiologica, patologica, ostetrica Modalità dei precedenti parti (EG, PROM, travaglio o dilatazione asintomatica, segni di infezione in gravidanza, parto, puerperio, infezioni neonatali) e individuazione eziologia più probabile (infettiva? sovradistensione?patologia cervicale? mista?) Dettagliata anamnesi su alimentazione e caratteristiche dell alvo, segni di disbiosi intestinale/vaginale, infezioni genito-urinarie recidivanti Accertamenti colturali TAMPONE CERVICO-VAGINALE UROCOLTURA TERAPIA PROFILASSI RECIDIVE Accertamenti colturali

51 PROFILASSI DELLE RECIDIVE Probiotici Via orale +/- Via vaginale Informazioni nutrizionali: Alimenti da evitare/ limitare Adeguato apporto idrico Regolarizzare l'alvo

52 Probiotici Via orale+ vaginale (n=44) Via vaginale (n=48) EG media inizio terapia: 21 sett (+/- 8 sett) Via orale (n=68) EG media inizio terapia: 20 sett (+/-7 sett) + Indicazioni nutrizionali (n=72)

53 Obiettivo Valutare se l'approccio integrato terapia e probiotici + informazioni nutrizionali conferisca un vantaggio nella prevenzione del parto pretermine in donne omogenee per fattori di rischio e caratteristiche materne

54 Materiali e metodi Probiotici 44 gravidanze a rischio seguite c/o PPP Approccio integrato terapia e indicazioni nutrizionali + probiotici orali e vaginali Controlli 44 controlli ricoverati per MPP a eziopatogenesi infettiva, trattati con terapia ATB e presidi terapeutici del caso, eccetto probiotici

55 Risultati Esiti gestazionali (n=88) EG mediana parto * Esclusi aborti precoci e tardivi PROBIOTICI CONTROLLI p-value n=40* n=40 * 38,2 sett 36,1 sett p=0,065 PROBIOTICI CONTROLLI n=44 (%) n=44 (%) p-value Aborti 4/44 (9%) 4/44 (9%) p=1 Nati /44 (18%) 23/44 (52%) p=0,003 Nati> 37 sett di EG 32/44 (72%) 17/44 (38%) p=0,003

56 Risultati Esiti gestazionali (n=88) PROBIOTICI n=44 (%) CONTROLLI n=44 (%) p-value Aborti Precoci 1/44 (2,2%) 0/44 p=1 Aborti Tardivi 3/44 (6,8%) 4/44 (9%) p=1 Nati /44 (2,2%) 5/44 (11,3%) p=0,202 Nati /44 (13,6%) 8/44 (18,2%) p=0,771 Nati /44 (2,2%) 10/44 (22,7%) p=0,010 Nati > 37 sett di EG 32/44 (72,7%) 17/44 (38,6%) p=0,003

57 Conclusioni Nella nostra esperienza, numericamente ancora limitata, l'approccio integrato terapia +dieta-probiotici orali e/o vaginali si è dimostrato vantaggioso nel ridurre in modo significativo i parti pretermine in toto e nella fascia tra 34 e 36+6 settimane, con aumento significativo dei nati a termine, rispetto alla sola terapia antibiotica dell'evento infettivo.

58 Grazie per l attenzione!

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia DEFINIZIONE PROM Per premature rupture of membranes (PROM) si intende

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei I probiotici a base di Bifidobacterium e Lactobacillus prevengono l enterocolite necrotizzante e riducono la mortalità di neonati prematuri molto sottopeso L enterocolite necrotizzante (NEC) è una delle

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

La gravidanza a rischio e la nascita prematura

La gravidanza a rischio e la nascita prematura La gravidanza a rischio e la nascita prematura Pier Luigi Montironi Direttore S.C. Ostetricia Ginecologia Ospedale S. Croce Moncalieri Il parto pretermine costituisce uno dei maggiori problemi sanitari,

Dettagli

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale)

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

Dott.ssa Paola Carunchio U. O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Scandiano (RE) Infezioni urinarie Dimensioni del problema sono le infezioni più frequenti dopo quelle respiratorie impatto socio-economico

Dettagli

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI Razionale Occuparsi di nutrizione ai nostri giorni è il contributo maggiore che si può offrire alla comunità, perché è il metodo

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova!

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova! C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile Nuova! Il Problema La microflora batterica vaginale rappresenta una fondamentale e primaria barriera naturale in grado di proteggere la salute genito-urinaria

Dettagli

Infezioni delle vie urinarie

Infezioni delle vie urinarie Infezioni delle vie urinarie DEFINIZIONE Il termine infezione delle vie urinarie (Urinary tract infection UTI ) definisce la presenza di segni e sintomi delle vie urinarie associati a isolamento di microrganismi

Dettagli

Ruolo delle infezioni nel parto pretermine

Ruolo delle infezioni nel parto pretermine Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione Ruolo delle infezioni nel parto pretermine NICOLA COLACURCI Parto pretermine definizione

Dettagli

VAGINITI & MMG. Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto.

VAGINITI & MMG. Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto. VAGINITI & MMG Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto. La diagnosi e il trattamento spettano in prima istanza al mmg. Fra i miei assistiti le donne in età compresa fra

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Mycoplasmataceae Genere Mycoplasma: circa 100 specie Mycoplasma pneumoniae ( agente

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA, NORMOCALORICA, PRIVA DI FIBRE, GUSTI VARI 250 ML CA 1 381 200 100 681 DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA,

Dettagli

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi che impediscono agli invasori di entrare dentro all organismo

Dettagli

Il Parto Pretermine in Sicilia: i criteri e le criticita della diagnosi

Il Parto Pretermine in Sicilia: i criteri e le criticita della diagnosi Divisione di Ostetricia e Ginecologia Azienda Ospedaliera Cannizzaro Catania Il Parto Pretermine in Sicilia: i criteri e le criticita della diagnosi G. Conoscenti Definizioni travaglio, rottura delle membrane

Dettagli

Enterocolite Necrotizzante

Enterocolite Necrotizzante Giuseppe Stranieri Enterocolite Necrotizzante Patologia acquisita che interessa specialmente il neonato prematuro o il neonato patologico, caratterizzata da una necrosi della mucosa o anche degli strati

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

L ECOSISTEMA VAGINALE: DALLA PUBERTA ALLA MENOPAUSA Ferrara 22 Maggio 2015

L ECOSISTEMA VAGINALE: DALLA PUBERTA ALLA MENOPAUSA Ferrara 22 Maggio 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dip. Materno-Infantile L ECOSISTEMA VAGINALE: DALLA PUBERTA ALLA MENOPAUSA Ferrara 22 Maggio 2015 Giulia Dante La vagina può essere considerata uno dei

Dettagli

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA e spec. in Ortognatodonzia PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA Per la maggior parte delle donne, la gravidanza è un processo naturale e fisiologico che porta alla nascita di una nuova vita in circa

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli

GynecoNews Aggiornamenti dalla letteratura scientifica

GynecoNews Aggiornamenti dalla letteratura scientifica 12 VAGINOSI BATTERICA Commento a: Vaginosi batterica in gravidanza: un rischio da valutare La Vaginosi Batterica (VB) è la causa più frequente di secrezioni vaginali nella popolazione generale in età riproduttiva.

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Una delle meraviglie del corpo umano

Una delle meraviglie del corpo umano 6 Novembre 2012, Torino ALIMENTAZIONE, FUNZIONE INTESTINALE E BENESSERE LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO Una delle meraviglie del corpo umano APPARATO DIGERENTE Digestione degli

Dettagli

PPROM. Eziopatogenesi, fattori di rischio e possibilità di predizione

PPROM. Eziopatogenesi, fattori di rischio e possibilità di predizione PPROM Eziopatogenesi, fattori di rischio e possibilità di predizione Dott.ssa Francesca Gotsch Clinica Ostetrica Ginecologica Policlinico G.B. Rossi Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona Perchè

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

Probiotici: ristabiliscono il naturale equilibrio della flora vaginale. Dialoghi di benessere con la prof.ssa Alessandra Graziottin.

Probiotici: ristabiliscono il naturale equilibrio della flora vaginale. Dialoghi di benessere con la prof.ssa Alessandra Graziottin. F. (Bologna) Storia di e di un ospite sgradevole: la Candida. Ho 17 anni, non ho mai avuto rapporti. Dopo una cura di antibiotici, mi è venuta un infezione tremenda ai genitali con bruciore, dolore, prurito.

Dettagli

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Specialista in Medicina Interna Sindrome multifattoriale primitivamente localizzata a livello della barriera intestinale LA BARRIERA INTESTINALE

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA

LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA Camera di Commercio di Cremona 1-2 Dicembre 2006 Dr. Francesco Puerari Specialista in Scienze dell Alimentazione Gli alimenti funzionali a base di latte: il punto di vista

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Microbiota Intestinale Composizione e concentrazione delle specie microbiche dominanti nei vari segmenti dell apparato gastrointestinale

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico egato 04 Pag. 1 di 8 del 20/09/2012 La finalità delle indagini microbiologiche è quella di diagnosticare le infezioni ed accertare i patogeni in causa, attraverso indagini dirette e /o colturali ( identificazione

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE L'urina normale è sterile. L'isolamento di batteri nelle urine è legato alla colonizzazione batterica della mucosa del tratto urinario e/o dei reni. Le infezioni del tratto

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

Esistono due tipi di candida responsabili di infezioni a livello vaginale: la Candida albicans, molt o frequente e la Candida glabrata.

Esistono due tipi di candida responsabili di infezioni a livello vaginale: la Candida albicans, molt o frequente e la Candida glabrata. CHE COS'E' LA CANDIDA: La Vaginite micotica è una malattia provocata da un fungo appartenente al genere Candida. Esistono due tipi di candida responsabili di infezioni a livello vaginale: la Candida albicans

Dettagli

Candida Intestinale QUANDO SOSPETTARE DELLA CANDIDA COME FATTORE SCATENANTE DEI PROBLEMI DI SALUTE

Candida Intestinale QUANDO SOSPETTARE DELLA CANDIDA COME FATTORE SCATENANTE DEI PROBLEMI DI SALUTE 2009-09-10 16:40:53 - Candidosi e funzione immunitaria La Candida è un fungo che prolifica nell organismo, si accresce e crea un elevato numero di disturbi e malattie. Se avete malesseri non facilmente

Dettagli

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO HOME PROFILASSI ANTIBIOTICA IN CHIRURGIA PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO Lo scopo della profilassi antibiotica in ambito chirurgico è quello di ridurre l'incidenza di infezioni post-operatorie

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

Alcol, gravidanza e allattamento

Alcol, gravidanza e allattamento Alcol 0 Giornata di studio 1 aprile 2015 Azienda Ospedaliero-Universitaria careggi-firenze Dr Maurizio Fontanarosa - Maternità di Careggi Alcol, gravidanza e allattamento Spettro dei disordini feto-alcolici

Dettagli

ROTTURA PREMATURA DELLE MEMBRANE: pprom. Previable pprom : < 22 settimane e 6 giorni

ROTTURA PREMATURA DELLE MEMBRANE: pprom. Previable pprom : < 22 settimane e 6 giorni Corso di formazione e aggiornamento VERONA 20 OTTOBRE 2012 ROTTURA PREMATURA DELLE MEMBRANE: pprom Previable pprom : < 22 settimane e 6 giorni Debora Balestreri Assistenza al Parto - Corso Laurea Ostetrica/o

Dettagli

Molta ricerca, poca pubblicità e la TUA fiducia in noi farmacisti

Molta ricerca, poca pubblicità e la TUA fiducia in noi farmacisti Molta ricerca, poca pubblicità e la TUA fiducia in noi farmacisti I nostri prodotti sono il frutto di ricerche avanzate, di un accurata scelta di principi attivi. Sono formulati per ridurre il rischio

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Baia di Conte Alghero - 9 16 Settembre 2006 C è un razionale nella scelta di una formula funzionale nell alimentazione del lattante? V. Tripodi Dipartimento

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI DIABETE E GRAVIDANZA SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI ALESSANDRO VOLTA Alessandro.Volta@ausl.re.it ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Allergie alimentari : si manifestano con reazione immediata (orticariaangioedema ) e produzione di IgE. Pseudo allergie : dovute a deficit enzimatici (lattosio,fruttosio,sorbitolo)

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

WOMEN IN CHANGE Attualità e prospettive nella diagnostica di laboratorio LE INFEZIONI NELL ETA FERTILE ED IN MENOPAUSA Chiara Casolari Modena, 25-2727 marzo 2010 DONNE: FATTORI E CONDIZIONI CHE REGOLANO

Dettagli

Scritto da andrea Domenica 23 Gennaio 2011 12:35 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2012 16:49

Scritto da andrea Domenica 23 Gennaio 2011 12:35 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2012 16:49 FERTILITA, GRAVIDANZA E CELIACHIA 4. Malattia celiaca,aborto spontaneo,peso alla nascita e lattazione Le Alterazioni riproduttive più frequentemente riscontrate nelle donne affette da Malattia Celiaca

Dettagli

Corioamnionite e prematurità

Corioamnionite e prematurità Corioamnionite e prematurità Pasquale Martinelli Dipartimento di Ginecologia, Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Università di Napoli Federico II Corioamnionite Prevalenza di corioamnionite

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

Meglio informati sulla presa degli antibiotici

Meglio informati sulla presa degli antibiotici Informazioni per i pazienti Meglio informati sulla presa degli antibiotici 13116-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno «Antibiotici» 1 Indice Gli antibiotici. Cosa sono e

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto.

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto. Probiotico che ha nuovamente ottenuto l autorizzazione a livello Europeo per l uso nel cane e nel gatto in base alla Direttiva 1831/2003 Vi presentiamo la strada scientificamente provata per integrare

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA Definizione Sensazione generica di fastidio cronico o ricorrente localizzata ai quadranti addominali superiore e che insorge in assenza di patologie organiche

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

Le micotossine. L analisi consiste nella ricerca di IgG / IgA / IgM / IgE specifiche per Mycotssine, Muffe e Candida albicans nel nostro sangue.

Le micotossine. L analisi consiste nella ricerca di IgG / IgA / IgM / IgE specifiche per Mycotssine, Muffe e Candida albicans nel nostro sangue. Le micotossine Fin dal 1978 gli studi del Professor Truss evidenziarono come la trasformazione da spora a fungo della Candida Albicans (un micete normalmente presente nell'organismo della quasi totalita

Dettagli

Medical & Scientific Affairs Manager

Medical & Scientific Affairs Manager Battaini Fabio Medical & Scientific Affairs Manager L importanza dell allattamento al seno Il latte materno rappresenta l alimento migliore per il lattante e va favorito fino a quando è possibile: contiene

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Scegliere la QUALITÀ che CONTA è IMPORTANTE! Superceppi selezionati, estratti

Dettagli

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore?

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? Senza i biomarcatori, le sanità moderna non esisterebbe nemmeno. Questi indicatori biologici misurabili consentono ai medici di

Dettagli

Infezioni in gravidanza e rischio ostetrico: sintomi e segni da non perdere

Infezioni in gravidanza e rischio ostetrico: sintomi e segni da non perdere Infezioni in gravidanza e rischio ostetrico: sintomi e segni da non perdere Filippo Murina Responsabile Servizio di Patologia Vulvare Ospedale V. Buzzi-ICP-Università di Milano Premesse Le infezioni acquisite

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 Indice Introduzione... 5 Capitolo 1 - Caratteristiche generali... 7 Da dove viene la Candida...7 Il metabolismo deviato...8 Generalità... 9 Tipi o specie di Candida...10 Capitolo 2 - Cause e sintomi...

Dettagli

PerCorso Endocrinologia Pediatrica: Caso Clinico. Deficit di accrescimento

PerCorso Endocrinologia Pediatrica: Caso Clinico. Deficit di accrescimento PerCorso Endocrinologia Pediatrica: Caso Clinico Deficit di accrescimento Verona Rossella.Gaudino@univr.it Caso Clinico: MARIA Maria è una bambina di 7 anni che giunge alla nostra osservazione per persistenza

Dettagli

Le infezioni genitali da Candida

Le infezioni genitali da Candida Le infezioni genitali da Candida I microrganismi del genere Candida (o Monilia) sono una delle cause più frequenti di infezioni genitali femminili e maschili, tanto che la candidosi costituisce il motivo

Dettagli

La Farmacia si sta ponendo nel futuro assetto del Sistema Sanitario Nazionale come snodo essenziale per la Medicina Territoriale, importante

La Farmacia si sta ponendo nel futuro assetto del Sistema Sanitario Nazionale come snodo essenziale per la Medicina Territoriale, importante 1 2 La Farmacia si sta ponendo nel futuro assetto del Sistema Sanitario Nazionale come snodo essenziale per la Medicina Territoriale, importante cambiamento per abbandonare la logica di una salute centrata

Dettagli

L INFEZIONE DA STREPTOCOCCO DI GRUPPO B

L INFEZIONE DA STREPTOCOCCO DI GRUPPO B L INFEZIONE DA STREPTOCOCCO DI GRUPPO B Lo Streptococcus Agalactiae o Streptococco beta-emolitico di gruppo B (SGB) è un diplococco Gram-positivo comune commensale della donna gravida e responsabile di

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Tesi di Laurea FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico IL CONTROLLO QUALITÀ NELLA PRODUZIONE FARMACEUTICA INDUSTRIALE: APPLICAZIONE DI UNA METODICA PER L ANALISI

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015 (Prof. Paola Sinibaldi Vallebona, Dott.ssa Roberta Gaziano, Dott.ssa Elisabetta

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

L assistenza ostetrica in gravidanza

L assistenza ostetrica in gravidanza L assistenza ostetrica nella gravidanza fisiologica: attualità e prospettive Roma, 17 Dicembre 2010 L assistenza ostetrica in gravidanza Raccomandazioni di comportamento clinico sul percorso nascita redatte

Dettagli

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO DR.ANTONELLO ARRIGHI Specialista in Pediatria Professore a Contratto Università di Parma, Facoltà di Medicina Docente A.I.O.T. Associazione Medica

Dettagli

Minerva Ginecol. 2010 Feb;62(1):1-5.

Minerva Ginecol. 2010 Feb;62(1):1-5. Minerva Ginecol. 2010 Feb;62(1):1-5. Beta-glucano e terapia delle candidosi recidivanti e delle disepitelizzazioni cutanee iatrogene Pietrantoni E., Signore F., Berardi G., Donadio F., Donadio C. Obiettivo.

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli