Es este el Palo Santo? Abstract

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Es este el Palo Santo? Abstract"

Transcript

1 52 53 Es este el Palo Santo? Abstract In tutta l America centro meridionale esistono più di quindici alberi che sono comunemente chiamati palo santo. La necessità di una disambiguazione è evidente. Il presente saggio ha l obiettivo di indagare le principali piante che condividono la denominazione popolare di palo santo, fornendone una prima descrizione ed avanzando un ipotesi etnolinguistica intorno all origine di tale comunanza. Lo spunto della riflessione è l equivoco nato durante una ricerca in Bolivia, dove sono almeno due le piante medicinali comunemente conosciute con il nome di palo santo: la Bursera graveolens e la Triplaris americana. Sono poche le ricerche effettuate sulle caratteristiche e le qualità di queste piante. Questo breve articolo vuole essere una base di partenza ed uno stimolo ad approfondire la conoscenza, l uso, le somiglianze e le differenze che esistono tra i vari alberi chiamati palo santo. Equivoco e disambiguazione. Nel Settembre 2010 partii verso la Bolivia con la spedizione Silvia Granier Ligabue, un progetto nato dalla collaborazione tra l università Ca Foscari di Venezia, il Centro studi e ricerche Ligabue e l associazione Onlus Human Beings Heritage. Durante la prima parte del viaggio attraversammo il Beni, una vasta regione della Bolivia orientale, un area in cui, all arrivo della primavera, le popolazioni dei villaggi applicano il tradizionale chaqueo, o taglia e brucia. La finalità di Frontespizio del testo Historia naturalis Brasiliae di Willem Piso, 1648.

2 54 Es este el Palo Santo? 55 questa tecnica è rinnovare il terreno per future colture o tramutarlo in pascolo per il più redditizio bestiame, por hacer pasto affermano i campesinos. Una volta tale pratica era limitata alla finalità di rigenerare la terra ed era supportata da una certa conoscenza delle relazioni intersistemiche, oggi è spesso utilizzata per creare aree produttive capaci di garantire un profitto immediato, causando però enormi danni ambientali. Il 2010 è stato un anno di forte siccità in tutta la Bolivia, un fenomeno che non si verificava da decenni con tale intensità. Per mesi non ha piovuto, intanto il vento spingeva le fiamme ben oltre le aree calcolate. Il nostro gruppo di ricerca stava percorrendo la strada che, attraversando una parte dell amazzonia boliviana, porta da San Javier a Trinidad, quando un albero caduto per via delle fiamme ci bloccò il cammino. Scendemmo dalla macchina per ammirare il terribile paesaggio che ci circondava. L intera foresta intorno a noi era ormai bruciata, il suolo coperto da uno strato di cenere che raggiungeva i quaranta centimetri, alcune fiamme continuavano a spuntare dai tronchi anneriti. Annusai l aria e percepii una fragranza inconfondibile. Il legno di Bursera graveolens è utilizzato come incenso naturale e rilascia nell atmosfera un caratteristico aroma. L albero non era riconoscibile in mezzo a quel disastro, ma il profumo di palo santo accompagnava gli ultimi respiri della foresta, come un requiem che la natura stava dedicando a se stessa. Questo è l elemento più misterioso ed equivoco dell intera ricerca. Non vi sono testi che documentano la presenza di Bursera graveolens nell area beniana della Bolivia. Eppure, oltre al sottoscritto, altri diciotto membri della spedizione erano presenti e testimoniano di aver sentito il caratteristico profumo d incenso di palo santo. Iniziai a fare alcune domande per verificare la presenza dell albero. All epoca non conoscevo la grande varietà di alberi chiamati palo santo, dunque utilizzai questo nome credendo fosse identificativo della sola Bursera graveolens; questo fu il momento in cui si compì l equivoco. Nel Beni è conosciuto un solo albero chiamato palo santo, ma non si tratta della Bursera Graveolens. L albero che risponde al nome di palo santo, è invece la Triplaris americana, comunemente chiamata anche palo diablo. Quando intervistai gli abitanti di Nueva Israel, un piccolo villaggio nei pressi di Casarabe, questi m indicarono con sicurezza un alto albero popolato da formiche velenose. Convinto di aver trovato l albero d incenso che stavo cercando, presi alcuni campioni di legno, raccolsi diverse informazioni e solo più tardi mi accorsi di aver mancato il mio obiettivo. L equivoco fu svelato solo una volta ritornato in Italia, quando consultai Plantas utiles en bosques y pampas chiquitanas (Birk 1995), dove il palo santo è classificato scientificamente secondo nomenclatura binomiale come Triplaris americana, un albero della famiglia delle Polygonaceae. Il palo santo che stavo cercando, la Bursera graveolens, appartiene invece alla famiglia delle Burseraceae. È chiaro che si tratta di due piante differenti, non imparentate tra loro. Questo aneddoto mostra quanto possa essere facile confondere piante differenti accomunate dallo stesso appellativo. Palo santo è un nome popolare che identifica piante che spesso non hanno caratteristiche in comune. Per essere più precisi ogni pianta, oltre alla nomenclatura ufficiale, possiede almeno un paio di nomi dialettali o popolari: in nessun caso palo santo è il nome esclusivo di una particolare pianta. Prenderò come esempio, al fine di mostrare le grandi differenze esistenti tra le piante chiamate palo santo, un analisi delle principali caratteristiche della Triplaris americana e della Bursera graveolens. Oltre alle difformità, è interessante notare come i due alberi siano accumunati dal possedere varie proprietà medicinali; proprio questa caratteristica potrebbe essere ciò che unisce le piante denominate palo santo: il loro elevato potere curativo.

3 56 Es este el Palo Santo? 57 Bursera Graveolens Nome scientifico: Bursera graveolens Nomenclatura: Triana & Planch Ordine: Sapindales Famiglia: Burseraceae Genere: Bursera Nomi comuni: Palo santo, palo dulce, palito sacro, incienso natural. Bursera graveolens è un albero comunemente utilizzato da migliaia di anni dalle comunità originarie dell America latina, ma la sua storia moderna inizia solo nel 2000, grazie al lavoro della fondazione Deltatau, guidata da Dante Bolcato, studioso e artigiano del palo santo. Le informazioni riportate in questa sezione si fondano su uno studio bibliografico, ma si avvalgono anche del contributo dello stesso Dante Bolcato, intervistato dall autore nel Dicembre Diffusione e habitat: L albero cresce in un particolare ecosistema, il bosco secco. Si trova in America del Sud, nell ampia regione del Gran Chaco, sulle coste dell Ecuador e del Perù e nelle isole Galapagos (per questo motivo è una specie protetta); in Centro America cresce in Messico, Guatemala, Honduras e Nicaragua. Descrizione: La Bursera graveolens è un albero della famiglia delle Bursareacee, la stessa famiglia del franchincenso e della mirra. Albero caducifoglio, rimane spoglio nel mese di agosto. Il tronco dell albero adulto misura mediamente 6 metri, ma può raggiungere i 10 metri di altezza, il diamentro medio è di 60 centimetri. La corteccia è liscia, color grigio cinereo a volte tendente al marrone, la superficie è lenticelare. Le foglie, composte, sono imparipennate alternate, si concentrano verso la fine dei rami e possono presentare 3 o 4 coppie più una foglia isolata, fino ad un totale di 9. I fiori si concentrano alla fine dei rami: piccoli, ermafroditi, color verde chiaro. Il frutto ha la forma di un oliva, è lungo circa un centimetro, il colore va dal verde al rossiccio; è molto apprezzato come nutrimento dalla fauna dell ecosistema. Il seme, prima di germogliare, viene digerito dalla flora locale. La fioritura è variabile, a seconda della zona geografica, dei fattori ambientali e climatici. Indicativamente la fioritura più forte avviene tra maggio e giugno, i frutti compaiono tra giugno e luglio e, durante questo periodo, è stata rilevata la presenza di api che si nutrono del nettare dei fiori. Uso: È possibile distinguere un uso tradizionale ed un uso contemporaneo del palo santo Bursera graveolens, uno ha origini millenarie, l altro inizia nel 2000, anno in cui Dante Bolcato estrasse per la prima volta l olio essenziale dal legno dell albero. Bursera graveolens: albero tipico dei boschi secchi dell America latina.

4 58 Es este el Palo Santo? 59 Palo Santo... Il palo santo è così chiamato per i rimedi alle infermità che da esso si ricavano. Da esso si ottiene una resina che fa le veci e dà i benefici della trementina; cura infermità e dolori causati dal freddo; la stessa e l acqua in cui si cuoce la radice sanano i catarri; la resina serve anche come incenso profumato. Infermità e suoi rimedi: le infermità volgari della terra sono herpes estesi e dolori in tutto il corpo, che generalmente sono dovuti a bubas (it. framboesia). Queste si curano con rovo comune e palo santo; gli herpes con salassi e purghe di mechoacan (una specie di Gialappa) e cañifístola. Uso tradizionale: le prime notizie scritte sul palo santo Bursera graveolens si trovano nei registri del re di Spagna, in una relazione su Puerto Viejo ed il suo distretto, datata Palo Santo: al palo santo llaman así por los remedios que de él se toman para las enfermedades. Sácase de el una resina que hace las veces y provechos de la trementina; cura enfermedades y dolores que proceden de frío, ella y el agua en que se cuece la raíz y el palo sana los catarros; también sirve la resina por incienso para perfumes. Enfermedades y sus remedios : las enfermedades vulgares en la tierra son calenturas prolijas recias y dolores en todo el cuerpo que ordinariamente son de bubas. Estas curan con zarza y palo santo; las calenturas con sangrías y purgas de mechoacan y cañifístola. (Segunda parte de la descripcion de Guayaquil en que se trata de la ciudad de Puerto Viejo y su distrito, 1605 Biblioteca Nacional de Madrid, signatura 3064:56, trascrizione a cura di Dante Bolcato). Già dai tempi del colonialismo, l albero Bursera graveolens era chiamato palo santo ed era considerato una pianta capace di curare varie infermità. In questo antico documento la resina viene accomunata alla trementina per le sue proprietà antisettiche, espettoranti, balsamiche e antireumatiche; la resina è tuttora utilizzata in alcune comunità indigene. Circa dieci giorni prima di un parto la famiglia incide la corteccia del palo santo, seguendo un rituale in cui viene chiesto il permesso di ferire la pianta, al fine di ottenere il prezioso liquido. La resina, dalle proprietà antisettiche e cicatrizzanti, viene poi raccolta ed applicata al neonato sul moncone residuo del cordone ombelicale. La resina è usata anche per curare le micosi della pelle ma, a questo scopo, Dante Bolcato riferisce di un altro possibile processo terapeutico. Nel Manabì cresce un albero, la Ceiba pentadra, la quale produce una fibra lanosa che può essere utilizzata come spugna; dopo aver fatto un buco nel tronco del palo santo, s inserisce in esso la lana di Ceiba e si richiude il buco; il giorno seguente, dalla spremitura della lana si ottiene un liquido oleoso molto profumato che può essere applicato sulla pelle. L olio e la resina sono rimedi efficaci nella cura di funghi, eczemi e dermatiti, ma sono anche in grado di alleviare dolori articolari e ossei. Il documento indirizzato al re di Spagna riferisce che il palo santo Bursera graveolens era utilizzato nella cura delle malattie da raffreddamento. Ancora oggi le popolazioni locali fanno bollire in acqua il legno di palo santo, respirando i vapori balsamici esalati e bevendo l aguita ricavata dall infusione; due rimedi efficaci contro le malattie delle vie respiratorie, l influenza e i dolori osteoarticolari a essa legati. Il the è utile anche per calmare i dolori di stomaco, delle vie orinarie e del corpo in generale. Il cronista del documento non ha considerato che, nella cosmovisione quechua, fredde sono non solo le malattie da raffreddamento, ma anche le infermità delle ossa e tutti i dolori che non si vedono, compreso l umore depresso. Il palo santo Bursera graveolens è infatti utilizzato Bursera graveolens, foglie e frutti (disegno di Antonio Paolillo).

5 60 Es este el Palo Santo? 61 Frammento di tronco di Bursera graveolens (foto di Antonio Paolillo). anche per migliorare lo stato d animo freddo, a questo scopo può essere masticato o bevuto in tisana. Il legno di palo santo bruciato è utilizzato da millenni come incenso; rilascia un aroma caratteristico, dai toni freschi e agrumati, ed è considerato capace di allontanare le energie negative. L incenso di Bursera graveolens è capace di allontanare molte specie d insetti, i quali sono considerati una tangibile energia negativa. Il suo uso come incenso non si limita però all essere un ottimo insettifugo. Il fumo prodotto dalla combustione è utilizzato nella regione andina in molte cerimonie e pratiche di limpiadura, le quali consistono in una pulizia tanto dell aria quanto dello spirito. L incenso di Bursera graveolens è utilizzato per fumigare vari ambienti, come case o luoghi di allevamento di animali, vestiti, in particolare la biancheria intima; anche gli esseri umani possono trarre beneficio dal fumo di palo santo. La cosmovisione andina insegna che vi sono livelli dell essere che esistono anche se non possono essere toccati con mano; potremmo definirlo, per comodità, il mondo delle divinità, degli spiriti o delle energie invisibili. Il palo santo è considerato una via di accesso a queste dimensioni, in particolare è utilizzato al fine di pulire, limpiar, l energia di un uomo o di un luogo. Pulire significa allontanare le energie negative, le quali possono essere considerate come cause o riflesso di mali psicologici come depressione, tristezza, debolezza e altri stati che impediscono una buona relazione con il mondo. L incenso, puro legno o mischiato in un sahumerio, è anche un elemento fondamentale nelle cerimonie per la Pachamama, dove è offerto come dono in reciprocità ai frutti ricevuti dalla terra. Uso moderno: l uso del legno di Bursera graveolens continua da tempi immemori, ma un nuovo prodotto ha attirato l attenzione sull albero, si tratta dell olio essenziale. La storia contemporanea del palo santo Bursera graveolens inizia nel 2000, anno in cui Dante Bolcato giunge in Ecuador e si dedica, insieme a Claudio Passerini, allo studio della pianta; i due inaugurano un metodo di estrazione dell olio essenziale a corrente di vapore. A Puerto Lopez, nel Manabí, Bolcato inaugura la Fundacion Deltatau Palosanto, con la quale raccoglie ed estrae dalla legna un olio dalle proprietà curative. La fondazione ha lavorato per anni nella formazione di personale proveniente da gruppi sociali disagiati, ha ideato un metodo per far germogliare il seme e ha piantato più di trentamila alberi, contribuendo a salvare la Bursera graveolens dal pericolo di estinzione; ha inoltre dimostrato la sostenibilità ambientale intrinseca al metodo di produzione dell olio, stipulando accordi con il governo ecuadoriano per la sua lavorazione ed esportazione, prima proibita poiché la Bursera graveolens è una specie protetta. Attualmente Dante Bolcato è El artesan del palo santo, una piccola impresa che produce e commercia olio, garantendo condizioni di sostenibilità ambientale e tutelando la sopravvivenza della pianta grazie ad un vivaio in continua espansione. Dante Bolcato estrae l olio essenziale mediante corrente di vapore, senza l uso di solventi chimici, in modo da ottenere un olio puro al 100%. L olio ottenuto, dal colore dorato e dall aroma citrico, è utile per curare differenti infermità e per migliorare lo stato d animo. Ecco i consigli che lo studioso condivide sul proprio sito internet. Gripe-Alergias-Asma-Jaqueca-Estrés-Mal Humor: poner algunas gotas de Palosanto Oil en el pecho a nivel del corazón, en la nariz y en la cervical. Induce a la meditación y al relajamiento psicofísico: diluir algunas gotas en agua y disolver los vapores al ambiente con un difusor por esencia a vela. Situaciones de mareo de mar como de aire: poner algunas gotas en el pecho a nivel del corazón. Situaciones de pánico, estrés y ansiedad laboral: poner algunas gotas de Palosanto Oil en el pecho a niel del corazón, en la nariz y en la cervical. Masajes: reactiva la circulación sanguínea y recarga el nivel energético Artritis y Artrosis y dolores musculares: solo cuando hay dolor, poner 3 veces al día algunas gotas directamente en el punto del dolor sobando la parte hasta que el aceite este absorbido. Proteger la parte con una sabana de color rojo. Dolor de cervical: solo cuando necesita, poner algunas gotas en Gripe-Alergias... Influenza-Allergia-Asma-Emicrania-Stress-Malumore: porre alcune goccie di olio di Palosanto sul petto a livello del cuore. Induce la meditazione e il rilassamento psicofisico: diluire alcune gocce con acqua e liberare nell ambiente con un diffusore a candela. Mal di mare e mal d aria: mettere alcune gocce sul petto a livello del cuore. Situazioni di panico, stress e ansia lavorativa: mettere alcune gocce sul petto a livello del cuore, sulle narici e sulle cervicali. Massaggi: riattiva la circolazione e ricarica a livello energetico. Artriti, artrosi e dolori muscolari: solo quando c è dolore, mettere 3 gocce al giorno sul punto dolente, massaggiando fino ad assorbimento. Proteggere con una benda di colore rosso. Dolori cervicali: solo quando necessario, porre alcune gocce sulla parte dolente, fino ad assorbimento. Prevenzione contro i tumori dello stomaco, fegato, polmoni e pelle: porre 3 gocce sotto la lingua 3 volte al giorno per 6 giorni a settimana.

6 62 Es este el Palo Santo? 63 la parte que duele sobando la parte hasta que el producto este absorbido. Prevención contra los tumores de estomago, hígado, pulmones, mamas y piel: poner 3 gotas debajo de la lengua 3 veces al día por 6 días a la semana. importanti triterpeni: il lupeolo e l epi-lupeolo, i quali hanno effetto antinfiammatorio, antireumatico, antibatterico. La comunità scientifica ritiene che il lupeolo abbia inoltre effetti chemiopreventivi, in particolare per quanto riguarda i tumori della pelle e della prostata. Sezioni di Bursera graveolens, il frammento in alto presenta venature a forma di rosa, tipiche delle piante di sesso femminile; il frammento in basso, privo di venature, proviene da un albero di sesso maschile. L olio essenziale di Bursera graveolens è divenuto oggetto di ricerca di diverse università, alcuni studi sui principi attivi sono stati pubblicati in Giappone e a Cuba (Yukawa C. 2004, 2005, 2006; Manzano 2009). Le recenti ricerche sull olio essenziale hanno evidenziato la presenza di principi attivi contenuti nella Bursera graveolens e possono far luce sull efficacia della pianta in relazione alla cura di varie infermità. L elemento maggiormente presente è il limonene, con percentuali che variano tra il 60% e il 68% per quanto riguarda la Bursera graveolens del Manabì. A seconda della regione di provenienza, l albero presenta una composizione chimica differente, per esempio in altre regioni dell Ecuador ed in Perù il palo santo presenta, generalmente, percentuali di limonene più basse, tra il 40% e il 50%. Il limonene ha proprietà antisettiche, sgrassanti, insettifughe, ma le più recenti ricerche si stanno concentrando sui suoi effetti chemiopreventivi e chemioterapeutici. Il limonene aiuta lo sviluppo di enzimi epatici coinvolti nella neutralizzazione dei carcinogeni, e promuove il sistema antiossidante GSH (Glutatione) di fegato ed intestino, implicato nell eliminazione dei carcinogeni. L olio essenziale di Bursera graveolens contiene inoltre buone percentuali di mentofurano (fino al 10%, effetto analgesico, decongestionante, balsamico) e pulegone (fino all 1%), alfa-terpineolo (fino all 8%, azione disinfettante, antimicrobica, antifunginea ad ampio spettro d azione), germacrene-d (antimicrobico, feromone), carvone (sedativo e insetticida). In totale l olio essenziale contiene circa cento elementi, tra cui tracce di acido guayaretico, un anestetico presente anche in altri alberi chiamati palo santo. La scienziata e ricercatrice ecuadoriana Patricia Manzano (2007) pone l accento sul potenziale fitofarmaceutico della Bursera graveolens. Afferma che sono stati isolati dall olio essenziale due Sostenibilità La Bursera graveolens è un albero che presenta caratteristiche uniche in natura, infatti, l olio essenziale non può essere ottenuto da piante tagliate dall uomo o da piante ancora vive. Perché si generi l olio, occorre che la pianta muoia per sradicamento e venga lasciata maturare dai quattro ai dieci anni a contatto con il proprio habitat. L albero vivo presenta una sostanza maleodorante e non può essere utilizzato né come incenso, né per la produzione di olio. L unica parte utilizzabile in vita è la resina che cicatrizza le incisioni e le ferite dell albero, ed è dunque di difficile ottenimento. Dante Bolcato ha seguito le indicazioni dei nativi, i quali affermano che dall albero tagliato non è possibile ottenere l incenso profumato. Per un anno ha tagliato quattro alberi al mese, seguendo le fasi lunari, fino ad un totale di quarantotto alberi. Nel giro di uno o due anni gli alberi tagliati si sono degradati e sono diventati nutrimento per la terra, grazie anche al contributo di insetti ed animali. Allo stesso modo si degradano e decompongono gli alberi morti per malattia, circa il 3-4% della popolazione vivente. Solo il 3-4% degli alberi muore per sradicamento, processo facilitato dal fatto che la Bursera graveolens ha radici molto superficiali. A volte è sufficiente un temporale o un forte vento per causare la morte dell albero, il quale mantiene però le radici e il tronco sano, non attaccato da malattie. Alcuni alberi cadono per terra e vengono ricoperti dalla vegetazione, altri muoiono in piedi, andando incontro a differenti processi. Gli alberi che muoiono in piedi iniziano a seccarsi, perdono la corteccia durante il primo anno, la quale si stacca nettamente, lasciando il tronco nudo. In seguito in-

7 64 Es este el Palo Santo? 65 setti e altri animali attaccano la polpa esterna dell albero, fino a lasciare intatto il solo cuore interno, che è la parte in cui si concentra l olio. Nel secondo e terzo anno dalla morte iniziano a staccarsi i rami più sottili, dopo tre o quattro anni cade anche il tronco. Se l albero muore cadendo, viene presto avvolto e protetto dalla vegetazione, il processo di trasformazione è differente e già dal secondo anno dalla morte è in grado di dare un litro d olio. Nelle sue ricerche Dante Bolcato ha verificato che la quantità di olio estraibile da un albero che rimane a contatto con la terra sulla quale è morto, aumenta con il passare degli anni: dopo sei anni di riposo è possibile ottenere fino a due litri di olio con un solo albero. Un altro fattore importante è la tempistica dell estrazione: una volta raccolto e separato dal luogo della morte, si hanno circa trenta giorni per estrarre l olio, passati i quali il legno inizia a seccare e l olio a diminuire, fino all inutilizzabilità. Il palo santo Bursera graveolens non può essere prodotto industrialmente, giacché l uomo non può forzare i processi naturali intrinseci della pianta. L albero non può essere tagliato, non può essere accumulato al di fuori del suo habitat e deve essere lasciato a riposo per un periodo che varia tra i quattro e i dieci anni. Mentre è vivo l albero emana un odore sgradevole, il legno è molto pesante e di difficile trasporto, per questi motivi non conviene raccoglierlo mentre è in vita. Queste caratteristiche garantiscono una sorta di sostenibilità ambientale intrinseca alla pianta, per questo motivo il palo santo Bursera graveolens potrebbe essere considerato un simbolo di collaborazione armoniosa tra uomo e natura. è la Pachamama, la forza cosmica femminile, o madre terra, l essere umano è colui se ne prende cura coltivandola e aiutando la sua rigenerazione. Lo stesso lavoro agricolo del campesino diviene una forma di culto, una presentazione simbolica dell ordine cosmico Pacha, in cui la vita si ricrea continuamente. Per questo motivo il lavoro del campesino non è un mero atto produttivo, ma un dialogo intimo e intenso con le forze della vita, è una preghiera alla Pachamama, un atto simbolico dal carattere rituale. In questa pratica emerge come l uomo andino debba ascoltare l ordine della natura-pacha: da un lato per poterla conoscere, dall altro per rispettarne le leggi e collaborare così alla rigenerazione del cosmo. Nella cultura andina tutta la natura è un organismo vivo, al contrario che in occidente, dove prevale una concezione meccanicista e causalista intorno ad essa. L essere umano andino osserva gli elementi della natura nascere, crescere e morire secondo un ordine organico soggia- Cosmovisione andina e palo santo La cosmovisione andina è una visione del mondo in cui l uomo non è il centro dell universo, ma si riconosce come parte della natura e del cosmo. L essere umano, lungi dall essere padrone della natura, ne è guardiano e conservatore. Egli non produce, la vera produttrice Un monolito in cui è rappresentata la cosmovisione andina: i tre strati del cosmo, hanak pacha, kay pacha e manqha pacha, non sono realmente separati tra loro, l insieme forma un unico organismo, Pacha, che vive delle sue infinite interrelazioni.

8 66 Es este el Palo Santo? 67 Dibujo cosmologico de Pachacuti Yamqui, in Yamqui P., Relacion de antiguedaded desde Reyno del Piru, manoscritto originale N 3169 della biblioteca nazionale di Madrid, Indicazioni tradotte in spagnolo. Si tratta di una rappresentazione del cosmo Pacha come casa organicamente ordinata: ogni essere occupa un luogo che gli è proprio, vivendo senza violare l equilibrio della natura e dell universo. cente. Il suo agire etico, economico e sociale si accorda a una visione della natura come essere vivente donatrice di vita, la quale però non può solo dare, ha anche bisogno di cure da parte dei propri figli. Nella cosmovisione andina l uomo gode dei benefici offerti dalla natura, ma deve prendersene anche cura, rispettando un ordine di reciprocità che garantisce la vita ad entrambi. Secondo la cosmovisione andina il palo santo, così come molti altri elementi della natura, è una pianta sacra poiché dà vita; ma i suoi doni non sono gratuiti. L uomo, infatti, per poter ottenere dei benefici, deve coltivare l albero in maniera rispettosa, proteggendo il suo ciclo naturale e attendendo che questo si compia. Il palo santo è un albero ricco di elementi positivi ed utili all uomo, ma richiede anche un ascolto minuzioso. La produzione industriale non è applicabile a questa particolare pianta: è la natura stessa a dettare le regole. Il palo santo Bursera graveolens deve seguire il suo ciclo vitale, morire di morte naturale, rimanere a contatto con la sua terra per diversi anni. Il palo santo potrebbe essere considerato un simbolo di collaborazione armoniosa tra l uomo e la natura. Tale simbiosi, che in ecologia è chiamata sostenibilità, è una relazione in cui entrambi i soggetti beneficiano l uno dell altro, garantendo la reciprocità nella cura: la natura offre molto, in cambio l uomo la coltiva, la protegge e la omaggia. Triplaris Americana Nome scientifico: Triplaris americana Nomenclatura: (L.) Pav. Ex Meisn 1856 Ordine: Caryophyllales Famiglia: Polygonaceae Genere: Triplaris Specie: Triplaris americana Nomi comuni: Palo santo, palo diablo, palo de santa maria, varasanta, guacamayo. Diffusione e habitat: La Triplaris americana è un albero nativo dei boschi settentrionali dell America meridionale, dell America centrale e delle Antille. Descrizione: Il tronco può misurare fino a 25 metri di altezza e 40 centimetri di diametro. Le foglie sono semplici, dalla forma ellittica e le nervature parallelinervie, misurano fino a cm di lunghezza. I fiori sono dioici, quelli delle piante femmine hanno colori che vanno dal rosa, al fucsia, all arancione; quelli delle piante maschio dal giallino, al bianco, al grigio. L albero vive in simbiosi con varie specie di formiche del genere Pseudomyrmex o Myrmica triplarina, le quali sono animali mutualisti. Probabilmente il nome palo diablo deriva dalla Albero di Triplaris americana.

9 68 Es este el Palo Santo? 69 Sopra: un abitante del villaggio di Nueva Israel indica un giovane esemplare di Triplaris americana (Foto di ). Sotto: sezione di Triplaris americana, il tronco cavo è ambitato da formiche, Myrmica triplarina (Foto di ). presenza di queste formiche, usate nel passato come tortura e punizione, e capaci di uccidere un uomo. Proprietà e uso: Disturbi intestinali: i germogli più giovani, facilmente reperibili nelle piante che ancora non hanno raggiunto un altezza elevata, sono utili per curare la diarrea. Non sono conservati, ma ricercati e tagliati freschi. Una volta raccolti si fanno bollire in acqua uno o più germogli e si beve l infuso. Reumatismi e artriti: i morsi delle formiche che vivono nel Triplaris sono utilizzati nel trattamento di reumatismi ed artriti. In un intervista condotta nell ottobre 2010 nel villaggio di Nueva Israel, Beni, Bolivia, i locali affermano che il morso crea dolore in principio, in seguito la sensibilità diminuisce e la parte del corpo interessata rimane anestetizzata per alcuni minuti. È possibile che una quantità elevata di morsi causi svenimento. Una volta ripresa sensibilità, il dolore sarà scomparso. Il procedimento per farsi mordere segue alcune fasi. Inizialmente è necessario muovere o dare dei colpi all albero, in modo tale da provocare la fuoriuscita e l allerta delle formiche. Dopo aver individuato le zone del corpo che si vuole trattare, le si avvicina all albero in modo che le formiche salgano sulla parte interessata ed inizino immediatamente a mordere. Il processo è molto doloroso, nel momento in cui il male si fa insopportabile, è necessario allontanarsi dall albero e scacciare le formiche. È probabile che il veleno delle formiche abbia funzione anestetica, servono analisi chimiche per approfondire la natura di questo elemento. I morsi delle formiche erano usati anche come forma di tortura, un numero elevato di mordeduras possono portare alla morte. I giornali locali riportano incidenti occasionali, uno dei più recenti il decesso di un uomo che, ubriaco, si è addormentato sotto un albero di Triplaris americana, per poi non risvegliarsi più. Emorragie: in caso di emorragia dovuta all estrazione di un dente, si può fare un infuso con la corteccia dell albero o con i germogli più giovani. Si assume bevendone un po, in seguito occorre fare un gargarismo, poi se ne beve un altro po e si fa un altro gargarismo. Queste informazioni andranno verificate meglio, ma hanno un riscontro nel lavoro di Gudrun Birk Plantas utiles en bosques y pampas chiquitanas (Birk 1995). Sono sei gli usi medicinali del palo diablo elencati nel testo originale: - Mal di pancia: macinare la corteccia e bollirla in un bicchiere d acqua, berne un sorso tre volte al giorno. - Mal di pancia, diarrea: bollire la corteccia finchè l acqua non diventa nera. Lasciar raffreddare e bere un sorso al giorno, i bambini un cucchiaino tre volte al giorno. - Diarrea: Tagliare la corteccia dal lato esposto al sole, bollire in acqua insieme alla corteccia di Tarumà e di Sahuinto, anch esse tagliate dal lato del sole. Per gli adulti mezzo bicchiere, per i bambini a cucchiaini. - Mal di denti: bollire la corteccia in acqua, sciacquarsi la bocca. È anche possibile tritare le formiche e metterle sopra il dente. - Pasmo de sereno: bollire la foglia in acqua, bere. - Reumatismo: appoggiarsi all albero, lasciarsi pungere dalle formiche. - Tosse: bollire il fiore in acqua. Bere a sorsi. I principali alberi chiamati palo santo Il nome palo santo è diffuso in tutta l America centrale e America del sud, ma in ogni paese il nome richiamerà l attenzione degli abitanti verso piante molto diverse tra loro. Nella Bolivia orientale palo santo si riferisce alla Triplaris americana, o al guayacan, mentre nella zona altiplanica il palo santo è considerato nome proprio della Bursera graveolens, così come in Perù e in Ecuador. In Paraguay il palo santo è la Bulnesia sarmentoi, in Chile palo santo è il nome di più di cinque diverse specie arboree, tra le quali la Porliera chilensis, Dasyphyllum diacanthoides e la Weinmannia trichosperma. Il Guaiacum officinale è forse l albero che porta il nome di palo santo più diffuso e utilizzato al mondo, anche industrialmente. Anche in Europa ci sono alberi conosciuti, in alcune denominazioni popolari, con il nome di palo santo, tra i quali vi è anche il Diospiro kaki, l albero dei cachi. A seguire viene riportata una descrizione di un palo santo europeo, saranno poi classificati i principali alberi di palo santo diffusi nell America centro meridionale. Albero di Triplaris americana.

10 70 Es este el Palo Santo? 71 Amelanchier ovalis Bulnesia sarmientoi Nome scientifico: Amelanchier ovalis Nomenclatura: Medik., Gesch. Bot Ordine: Rosales Famiglia: Rosaceae Genere: Amelanchier Nomi comuni: È una pianta dotata di molti nomi popolari in differenti lingue. In castigliano: palo santo, ma anche amelanchero, amelanchiero, bellomera, bullomera, carrasquilla, carroné, cormiera, cornera, cornijillo, cornijuelo, cornillo, cornés, corruñé criñolera, criñonera, curña, curñera, curnia, curniera, curroné, curruñé, curruné, durillo, durillo agrio, durillo blanco, escallonera, escobizos, espino-majuelo de fruto negro, gayubilla, gayumilla, griñales, grijolera, grillonera, griñolé, griñolera, griñuelo, guilloma, guillomera, guillomero, guillomo, guiñolera, gullomo, hierba del riñón, malanguera, mellema, mellomino, mellomo, melones, palo duro, peroníspero silvestre de los Pirineos, árbol de las gayubas, sena, senera, serniera, villomo, zurillo. Diffusione e habitat: Cresce nelle aree boschive e rocciose del bacino occidentale del Mediterraneo e sulle Alpi, fino a 2100 metri di altitudine. Descrizione: Arbusto caducifoglio che raggiunge un altezza compresa tra l uno e i quattro metri. I rami sono flessibili e resistenti, le foglie ovali. I fiori sono bianchi e compaiono tra aprile e maggio, i frutti sono drupe commestibili, dal colore blu scuro, tendente al nero. Proprietà e uso: Tradizionalmente è utilizzata la corteccia infusa, circa 35 grammi, cui è possibile aggiungere un grammo di bicarbonato di sodio per aumentare l effetto. L infuso ha proprietà ipotensive, probabilmente dovute a qualche flavonoide. La corteccia contiene anche tannini tra il 10% e il 20%, la cui azione astringente e coleretica è utile per curare patologie epatiche. Le foglie contengono betulino e sono conosciute per le proprietà antipiretiche; la linfa è usata come diuretico e antireumatico. Nome scientifico: Bulnesia sarmientoi Nomenclat]ura: Lorentz ex Griseb. Divisione: Fanerogama Magnoliophyta Classe: Dicotiledonea Magnoliopsida Ordine: Zygophyllales Famiglia: Zygophyllaceae Genere: Bulnesia Nomi comuni: Palo santo, ibiocaí, vera. A volte è chiamato Paraguay lignum vitae, poiché le sue proprietà e il suo uso sono simili a quelle del guayacan, un albero del genere Guaiacum. Diffusione e habitat: Cresce nei boschi del Gran Chaco, soprattutto nelle zone asciutte e calde. È diffuso soprattutto in Argentina, Brasile, Paraguay. Descrizione: L albero ha un altezza che varia tra i 6 e i 15 metri di altezza, il tronco ha un diametro che varia tra i 20 e i 40 centimetri. La corteccia è rugosa, il legno molto duro e profumato, il colore può variare dal marrone scuro fino al verde oliva. Proprietà e uso: Il legno di palo santo Bulnesia sarmientoi è diffuso nel mercato internazionale ed è particolarmente apprezzato per le pregiate venature, la levigatezza, la lucentezza, la consistenza molto resistente e per il piacevole profumo. Dal legno si estrae l olio essenziale di guaiac, lo stesso che si estrae dagli alberi di Guaiacum. L olio di guaiac è diffuso nell industria della cosmesi, in particolare è utilizzato nella realizzazione di profumi e saponi. La Dogfish Head Brewery ha creato una particolare birra scura utilizzando questa pianta, la Palo Santo Marron. L uso tradizionale prevede l infusione della corteccia per ottenere una bevanda utile a trattare problemi di stomaco. Il legno produce un aroma gradevole quando bruciato, per questo è utilizzato anche come incenso naturale, specie in momenti rituali. In alcuni villaggi le coppie che si sposano piantano un seme di Bulnesia come simbolo della loro unione.

11 72 Es este el Palo Santo? 73 Dasyphyllum Diacanthoides Erythrina Costaricensis Nome scientifico: Dasyphyllum diacanthoides Nomenclatura: (Less.) Cabrera Divisione: Tracheophyta Ordine: Asterales Famiglia: Asteraceae Genere: Dasyphyllum Nomi comuni: Trevo, tagu, tayú, palo santo, palo blanco. Diffusione e habitat: Diffuso in luoghi umidi e ombrosi o in terreni aridi, tra i 200 e i 1000 metri di altitudine. Si trova in Chile e in Argentina. Descrizione: sempreverde, può raggiungere i 20 metri di altezza e i 2 di diametro. La corteccia è morbida e sottile, segnata da profondi tagli longitudinali. Fiorisce una volta all anno, tra gennaio e febbraio, i suoi fiori sono bianchi e aromatici. Produce un piccolo frutto dalla forma cilindrica, lungo 3-4 millimetri e largo uno. Proprietà e uso: Con i fiori si produce un miele di ottima qualità. Le foglie possono essere applicate nella cura di piaghe e ferite, ha inoltre proprietà espettoranti e calma la tosse. Nome scientifico: Erythrina costaricensis Nomenclatura: Krukoff (1939) Divisione: Magnoliphyta Ordine: Fabales Famiglia: Fabaceae Genere: Erythrina Nomi comuni: Gallito, pito, machetito, palo santo. Diffusione e habitat: Si sviluppa nell area centrale della Costa Rica, dove spesso cresce adiacente a piccoli ruscelli, nella foresta. Cresce anche a Panama e in Colombia. Descrizione: Piccolo albero di foresta, con fiori rossi e brillanti. Il tronco è corto, solitamente inclinato o ricurvo, ha spine affilate. Le foglie hanno tripartizioni a forma di cuore, le estremità sono larghe, la parte inferiore è verde chiaro o bluette. I fiori sono allungati, la forma è tubolare e stretta, con una piccola apertura; compaiono quando l albero è senza foglie. Proprietà e uso: La corteccia è usata come astringente nei bagni terapeutici e contro i dolori reumatici nelle saune. Circa un terzo degli alberi della famiglia Erythrina contengono un alcaloide, l eritrina, che possiede proprietà narcotiche e sedative.

12 74 Es este el Palo Santo? 75 Fouquieria Formosa Guaiacum Officinale Rami di Fouquieria formosa con gemme e fiori. Nome scientifico: Fouquieria formosa Nomenclatura: Kunth Classe: Mangoliopsida Ordine: Ericales Famiglia: Fouquieriaceae Genere: Fouquieria Nomi comuni: Tlapacon, palo santo, rabo de iguana, rosadillo, rosalillo. Diffusione e habitat: Questa specie è ampiamente diffusa nelle foreste tropicali secche dalla depressione di Bolson in Messico, fino all istmo di Tehuantepec, oltre che in Guatemala. Descrizione: Le Fouquieria hanno l aspetto di piante da deserto, ma non sono legate ai cacti. Hanno gambi semi-succulenti da cui spuntano punte sottili con piccole foglie alla base. La formosa è la specie che maggiormente assomiglia ad un albero, è riconoscibile dai distintivi fiori rosso-arancione chiaro. Può raggiungere i sei metri di altezza e i venti centimetri di diametro. Proprietà e uso: Non si conoscono usi particolari. Nome scientifico: Guaiacum officinale Nomenclatura: Linneo 1753 Ordine: Zygophyllales Famiglia: Zygophyllaceae Genere: Guaiacum Nomi comuni: Palo santo, lignum vitae, guayacan, guayacum. Diffusione e habitat: Abita le foreste secche dei bassopiani e le zone boscose, spesso cresce nelle aree costiere. Diffuso in molte parti del mondo, in particolare nelle americhe: Antigua, Bahamas, Barbados, Colombia, Costa Rica, Cuba, Repubblica Dominicana, Grenada, Guadalupe, Guatemala, Haiti, Honduras, Jamaica, Martinica, Messico, Montserrat, Antille Olandesi, Nicaragua, Panama, Porto Rico, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent e Grenadine, Trinidad e Tobago, Stati Uniti, Venezuela, Isole Vergini. È stata introdotta anche in India e in Ghana e fin dal 1508 fu merce di scambio in Europa, dove arrivò via mare attraverso la Spagna. Descrizione: Albero dalla crescita molto lenta, può raggiungere i 12 metri di altezza e il diametro di 60 centimetri. È un sempreverde, le foglie sono composte, lunghe circa 3 centimetri e larghe 2, dalla forma irregolare, possono essere obovate o ottuse. I fiori, azzurri, hanno cinque petali, il frutto è giallo arancione chiaro, l interno è rosso con semi neri. Proprietà e uso: il legno è caratterizzato da venature pregiate, è inoltre dotato di grande forza e resistenza. Grazie a queste caratteristiche, unite alla lubrificazione garantita dalla buona quantità di resina contenuta nel legno, lo rendono particolarmente adatto a essere utilizzato per la costruzione di componenti nell industria navale. È usato anche nella costruzione di palle da bowling, mobili, artigianato, martelli di legno, pulegge, ruote per carrelli, manici di vari oggetti e altro. In Europa

13 76 Es este el Palo Santo? 77 Guaiacum officinalis, pianta, fiore e frutto (disegno Antonio Paolillo). era utilizzato come rimedio medicinale per diversi scopi, si diffuse principalmente con il nome di lignum-vitae, wood of life, ma anche palo santo: nomi derivanti dall attribuzione di grandi poteri medicinali. Tradizionalmente la resina era utilizzata per curare la sifilide, ma anche il mal di denti, varie malattie della pelle, reumatismi e gotta. La resina, chiamata guaiac, è costituita da acidi organici quali il guaiaconico, il guaiaretico e il guaiacico, presenti anche nella Bulnesia sarmientoi, nella Porliera chilensis e alcune tracce nella Bursera graveolens. Industrialmente viene estratta dalla segatura e dagli scarti mediante alcohol o etere, ma può anche essere raccolta dall albero stesso o estratta bollendo in acqua i rami. Il guaiac è comunemente utilizzato in medicina nel gfobt (guaiac fecal occult blood test), utilizzato per l individuazione di sangue nelle feci. Guaiacum ha una azione stimolante locale che lo rende adatto al trattamento di reumatismi. I componenti della resina hanno inoltre un azione antiinfiammatoria, lassativa, diuretica, sudorifera, rinvigorente. Porliera chilensis Nome scientifico: Porliera chilensis Nomenclatura: Johnst. Ordine: Zygophyllales Famiglia: Zygophyllaceae Genere: Porliera Nomi comuni: Guayacan, palo santo, huayacan. Diffusione e habitat: Albero endemico del Chile, cresce dalla regione IV, il Limarì, fino alla Colchagua nella regione VII. Secondo alcuni autori era presente anche in Perù. Si trova sulle coste assolate delle montagne, in luoghi rocciosi e nelle valli. È un elemento comune nei boschi sclerofili, il cui eccessivo sfruttamento e distruzione ha portato molte specie ad essere a rischio estinzione. Descrizione: Albero sempreverde che può raggiungere i 3 metri di altezza. Rami tortuosi, corteccia grigio cenere, ha piccole foglie opposte, lunghe da 0,6 a 1,2 centimetri. I fiori sono ermafroditi, piccoli ed isolati. Il frutto è una piccola capsula ovale, marrone o viola scuro, diviso in quattro lobi profondi, ciascuno contenente semi. È una pianta che cresce lentamente; la fioritura avviene tra settembre e ottobre. Proprietà e uso: Il nome popolare guayacan deriva dall omonimo Guaiacum officinale, le cui proprietà medicinali sono descritte da vari autori come simili a quelle della Porliera chilensis. Nella provincia di Coquimbo si usava la tintura preparata con la resina come sostituto di quella del guayaco. Attualmente si utilizzano i tagli legnosi cotti al fine di abbassare la febbre, e come depurativo per trattare infermità reumatiche, renali, dolori lombari e contusioni. È possibile utilizzare un infusione di circa un cucchiaio di legno per litro d acqua al fine di trattare raffreddori, infermità renali e reumatiche, febbre. La stessa infusione può essere applicata in caso di dolori e contusioni. Ha un azione balsamica, depurativa, sudorifera, antibatterica e antiinfiammatoria. Il legno, molto duro e dalle venature pregiate, è utilizzato per intagliare strumenti decorativi.

14 78 Es este el Palo Santo? 79 Virola elongata pianta, semi e fiori (disegno Antonio Paolillo). Virola elongata Nome scientifico: Virola elongata Nomenclatura: Warb Ordine: Magnoliales Famiglia: Myristicaceae Genere: Virola Nomi comuni: Sangre de toro, gabún, palo santo negro, epená, paricá e altri. Diffusione e habitat: Pianta nativa dei boschi umidi tropicali, cresce fino agli 800 metri di altitudine ed è autoctona della foresta Amazzonica. Si trova in Suriname, Panama, Colombia, Venezuela, Ecuador, Perù, Bolivia, Brasile e Guyana. Ne esistono più di 67 specie. Descrizione: Si presenta come un albero dalle dimensioni variabili, il diametro medio è di circa 43 centimetri, il tronco può misurare dai 7 ai 23 metri, ma può raggiungere anche i 30 metri di altezza. La corteccia è color grigio marrone, la resina interna diventa rossa al contatto con l aria. Le foglie sono lucide, color verde scuro, ha grappoli di piccoli fiori gialli che emettono un odore pungente. Il frutto si presenta a grappoli, è ellissoide o sub globulare, lungo dagli 11 ai 20 millimetri, il diametro varia dai 10 ai 15 millimetri. Proprietà e uso: Ha proprietà allucinogene, dovute al contenuto in dimetiltriptamina (DMT, lo stesso principio attivo dell ayahuasca) e bufotenina. Il suo uso rituale si diffuse in Bolivia dalle terre basse verso il nord dell Amazzonia, ma i resti archeologici dimostrano il suo uso anche nell altipiano andino e nel Tiahuanaco. È tuttora utilizzata come pianta medicinale dalle varie applicazioni; è un antinfiammatorio, un fungicida, è usato nella cura dell ulcera dello stomaco e per combattere le infezioni da stafilococco. Alcune tribù usano tuttora la pianta in alcuni rituali sacri, inducendo uno stato di coscienza alterato. Per la preparazione della sostanza allucinogena, occorre pestare la corteccia essiccata e i semi, fino ad ottenere una fine polvere che andrà inalata attraverso una sorta di lunga cannuccia. Il processo d inalazione avviene tra due persone, una pone un estremità della canna nel proprio naso ed inspira, un altra soffia all interno dell altra estremità al fine di aiutare il processo. La polvere inalata a scopo medicinale è chiamata rapé. Weinmannia trichosperma Nome scientifico: Weinmannia trichosperma Nomenclatura: Cav Ordine: Oxalidales Famiglia: Cunoniaceae Genere: Weinmannia Nomi comuni: Tineo, tenío, palo santo, teniu, tinel, maden. Diffusione e habitat: Endemico di luoghi boscosi e umidi della cordigliera del Chile e dell Argentina. In Chile cresce dalla provincia di Talca, nella VII regione, fino alla penisola di Taitao, nella XI regione. Descrizione: Albero sempreverde che raggiunge i 30 metri di altezza e il metro di diametro. Il tronco è retto e cilindrico, la corteccia grigia, rugosa e con fessurazioni longitudinali e trasversali ben marcate. Le foglie sono composte, imparipennate, coriacee, molto brillanti nella parte superiore, verde glauco nella parte inferiore. I fiori, bianchi, sono ermafroditi e aggruppati. Il frutto è una capsula coriacea, bipartita, obovata, lunga dai 6 ai 9 millimetri e larga 2. In autunno il frutto diviene color rosso scuro. Proprietà e uso: L uso principale è quello ornamentale. La pianta, dotata di un legno resistente e molto bello d aspetto, è sovente piantata nei giardini e nei parchi di Chile e Argentina, ma a questo scopo è stata esportata anche in Irlanda del Nord, Inghilterra, Scozia e sulla costa pacifica degli Stati Uniti.

15 80 Es este el Palo Santo? 81 I fiori, ricchi di nettare, sono utilizzati dalle api per produrre un miele molto pregiato. La corteccia contiene tannino, per questo motivo è utilizzabile per la cura di piccole ferite, ustioni e anche dermatiti. L origine del nome palo santo: un ipotesi Appurato che esistono molte piante chiamate palo santo differenti tra loro, occorre interrogarsi intorno all origine comune di tale nome. L ipotesi maturata, per far luce intorno alla genesi di tale comunanza, prende le mosse da una analisi del linguaggio e della visione del mondo in cui il termine palo santo è stato coniato e si è sviluppato. Ogni cultura usa una lingua per parlare e definire la realtà, ogni linguaggio si forma in una particolare visione del mondo. Per fare una genealogia della denominazione santo riferita ad un albero (palo, in spagnolo), occorre interrogarsi a partire dal mondo da cui provenivano i primi uomini che usarono questo nome: i colonizzatori spagnoli. Questi arrivarono in America quando l influenza culturale della chiesa cattolica era molto forte, così come la presenza, tra i coloni, di frati e monaci missionari, i quali erano anche i depositari dei saperi delle principali discipline e s impegnavano sia a registrare informazioni sulle nuove colonie, che a cambiare i complicati nomi indigeni con termini occidentali. Molti chiamarono santo alcuni alberi. Per quale motivo? Santo è un termine che rimanda alla tradizione cristiana. La religione cattolica, in particolare, si fonda su una struttura gerarchica, dove il massimo del potere è concentrato nelle mani di un solo Dio, appunto, onnipotente. Più in basso ci sono gli angeli e altre figure importanti, tra cui i santi, le quali hanno a loro volta capacità simili a quelle divine: possono per esempio fare miracoli e guarire le persone. Per diventare santo, un uomo deve fare qualcosa d importante nel corso della sua vita per la cura del prossimo. Santo è anche l olio che redime dai peccati gli infermi, l acqua santa è usata per benedire i malati. Per risonanza la parola santo era probabilmente usata anche dai medici, dai monaci e dai cronisti spagnoli di cultura cattolica per nominare alcune medicine, piante e principi attivi che servivano per curare. Si può ipotizzare che più malattie e più efficacemente una medicina cura, maggiore è il suo potere, maggiore è il suo santo. Gli alberi chiamati palo santo hanno il potere di curare e dare vita, questo basta a renderli sacri. I vari palo santo sono accomunati dall essere, in maggior parte, piante dalle proprietà medicinali (Bursera graveolens, Triplaris americana, varie specie di Guaiacum, Bulnesia sarmientoi, Porliera chilensis, Weinmannia trichosperma, Dasyphyllum diacanthoides, Amelanchier ovalis). Altri alberi, oltre ad essere medicinali, sono detti santo anche perché hanno un importante ruolo nella cura rituale, dovuto a proprietà allucinogene o psicoattive (Virola elongata, varie specie di Erythrina). Alcuni di questi sono usati anche come incenso durante le cerimonie (Bursera graveolens, Bulnesia sarmientoi) o come offerta. In ultima istanza gli alberi nominati palo santo sono coinvolti nella cura dell essere umano, alcuni da un punto di vista terapeutico o medicinale, alcuni hanno anche un ruolo importante nella cura di dimensioni spirituali. Occorre però ricordare che l uso tradizionale di queste piante s inserisce in una cosmovisione e in uno stile di vita che non separa la cura dell organismo umano dalla cura delle proprie relazioni vitali con la comunità, con la natura e con la spiritualità. L obiettivo di questa ricerca era di fornire una prima classificazione e disambiguazione delle piante chiamate palo santo; in futuro auspico che la ricerca prosegua. Spero che questo lavoro possa essere utile per scegliere i metodi e le tecniche più adeguate per un ulteriore approfondimento.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura.

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura. Nelle figure seguenti illustriamo la tecnica di applicazione dei nostri gel con l'uso della tip. Da questa dimostrazione si può apprezzare come il Gel System sia semplice e veloce da usare, in quanto non

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

L arancio. Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance

L arancio. Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance L arancio La leggenda L albero Il frutto Gli agrumi La spremuta Le decorazioni Verifiche Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance Bevi un goccio

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli