SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM R E G O L A M E N T O anno scolastico 2009/2010 ORARIO SCOLASTICO inizio delle lezioni : lunedì, martedì e giovedì alle ore 8.20 mercoledì e venerdì alle ore 8.00 Ogni lunedì, martedì e giovedì dalle 8.00 alle 8.20 ha luogo la Tefillà. N.B.- Per inizio lezioni si intende inizio dell attività didattica, con i ragazzi già seduti nei banchi; pertanto l ingresso deve avvenire almeno 5 minuti prima. termine delle lezioni: martedì e giovedì ore lunedì, mercoledì e venerdì ore ) L'accesso agli allievi nella struttura scolastica é consentito dalle ore La scuola non si assume la responsabilità della sorveglianza degli alunni prima delle ore 7.45 e dopo il termine delle lezioni. 2) I ragazzi non ritirati dalle famiglie nell orario compreso tra la fine delle lezioni e i 15 minuti successivi saranno portati nell aula dove si trova il doposcuola. Scaduti i 15 minuti, in caso di ulteriore ritardo, sarà addebitato alle famiglie il costo dell intero pomeriggio di doposcuola. Il venerdì i ragazzi dovranno lasciare l edificio scolastico entro le 13.25, poiché dopo non è possibile la sorveglianza. ASSENZE, RITARDI E RICHIESTE DI USCITA ANTICIPATA 3) L'alunno ritardatario potrà entrare in classe solo se autorizzato dal Preside e provvisto della giustificazione dei genitori che dovrà essere esibita al professore; nel caso eccezionale in cui il ritardo non possa essere giustificato subito dalla famiglia, l'allievo verrà ammesso in classe solo se autorizzato dal Preside e la giustificazione sarà esibita il giorno successivo al docente della prima ora. 4) Eventuali uscite anticipate potranno essere richieste dalla famiglia solo mediante una comunicazione scritta sul diario. Gli alunni in tal caso dovranno essere ritirati da un genitore o adulto da lui delegato per iscritto, anche nel caso di alunni autorizzati ad uscire da soli. Ci si comporterà analogamente anche in caso di uscite anticipate dovute a problemi di salute. 5) Non sono ammesse deleghe telefoniche, eccezionalmente sono ammesse comunicazioni via fax. 6) Gli allievi, dopo assenze di uno o più giorni, saranno ammessi in classe solo se muniti di regolare giustificazione di un genitore che dovrà essere esibita al professore della prima ora. 7) In caso di assenza ogni informazione su argomenti delle lezioni, compiti assegnati, avvisi, materiali distribuiti ecc. è a cura esclusiva dell allievo. L assenza non giustifica in alcun modo il singolo allievo di fronte alle richieste che i docenti rivolgeranno a tutta la classe nei giorni in cui l allievo sarà nuovamente in classe. 1

2 AUTORIZZAZIONI 8) Al termine delle lezioni gli alunni potranno uscire da soli dall edificio solamente su autorizzazione scritta dei genitori. Gli alunni non autorizzati ad uscire da soli non saranno consegnati a persone sconosciute se non in seguito a richiesta scritta dei genitori contenente le generalità della persona delegata, che verrà conservata agli atti della segreteria. Non sono ammesse autorizzazioni telefoniche e verbali, eccezionalmente sono ammesse comunicazioni via fax. 9) E' necessario depositare in segreteria tutti i numeri di telefono aggiornati, utili, in caso di necessità, ad un rapido reperimento della famiglia durante le ore di scuola. MATERIALE E COMPORTAMENTO DEGLI ALLIEVI 10) Ogni alunno deve essere sempre munito del diario scolastico e del libretto di registrazione dei voti fornito dalla scuola da conservare in buon ordine fino alla fine dell'anno scolastico. Essi costituiscono strumenti essenziale di collegamento tra scuola e famiglia; i genitori devono prenderne visione tutti i giorni e firmarli. 11) Gli allievi devono presentarsi alle lezioni forniti di tutto l occorrente: materiale scolastico, diario, libri. Il comportamento negligente a questo riguardo verrà puntualmente segnalato alle famiglie e potrà comportare sanzioni a discrezione dei singoli docenti. 12) Non é ammesso richiedere alle proprie famiglie dopo l inizio dell attività ciò che si é dimenticato. Il personale non insegnante non é autorizzato a consegnare oggetti o merende agli allievi. 13) Gli allievi sono tenuti a comportarsi educatamente secondo le norme dettate dalla convivenza civile: rispetto verso i compagni e gli adulti, rispetto dei luoghi e delle cose. Il comportamento negligente a questo riguardo verrà puntualmente segnalato alle famiglie e potrà comportare sanzioni a discrezione dei singoli docenti o del consiglio di classe. 14) Si richiede un linguaggio corretto ed abbigliamento adeguato al luogo. 15) Le classi al termine delle lezioni dovranno essere lasciate in ordine: i banchi sgombri da materiale, le sedie sui banchi, il materiale scolastico conservato con la cura dovuta. 16) Durante l'intervallo sono vietate le corse, i giochi violenti, il pallone e le attività che possono provocare danni alle persone o alle cose. 17) Non è concesso introdurre nei locali scolastici materiale non pertinente alle attività didattiche. Ogni uso improprio verrà sanzionato, il materiale sarà sequestrato e restituito esclusivamente alle famiglie. 18) Durante l orario scolastico (ore di lezioni e intervalli) non è permesso utilizzare l uso di telefoni cellulari, lettori musicali, ecc.: essi devono essere tenuti spenti in cartella. In caso contrario verranno sequestrati, custoditi in presidenza e restituiti alle famiglie. 19) La scuola non si assume alcuna responsabilità per danni o smarrimenti dei materiali in possesso degli allievi. 20) Non è ammesso masticare gomme americane. 2

3 21) Durante le ore di lezione non è permesso bere o mangiare, se non su permesso specifico del docente presente. I cibi e le bottiglie devono essere conservati chiusi nello zaino. 22) Durante le ore di lezione non é permesso uscire dall'aula se non in casi eccezionali. Non è consentita l uscita per recarsi ai servizi igienici nella prima ora di lezione e nelle ore che seguono immediatamente gli intervalli. 23) Tra una lezione e l'altra, gli alunni devono rimanere in classe seduti ai loro posti. Il cambio d ora deve servire per riporre il materiale utilizzato nell ora precedente e per preparare sul banco il materiale che verrà utilizzato nell ora successiva. 24) Alla fine delle lezioni gli allievi dovranno aver cura di raccogliere tutto il loro materiale riponendolo negli armadi o negli zaini. Una volta usciti dall aula non è permesso ritornare a recuperare eventuali oggetti (libri, quaderni) dimenticati. INFORMAZIONI E DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 25) Palestra: per igiene gli allievi dovranno utilizzare in palestra scarpe da ginnastica pulite, che possono lasciare a scuola negli appositi contenitori. 26) Cortile: in questo spazio si deve tenere un comportamento corretto e tranquillo; è tassativamente vietato usare i giochi dei bambini più piccoli, sono proibite le corse, i giochi violenti ed i giochi con il pallone. Si deve evitare di disturbare gli ospiti della casa di riposo e chi lavora negli uffici. 27) Si ricorda il rispetto delle norme alimentari casher: non é consentito quindi introdurre a scuola carne, salumi, crostacei, ecc. E' proibito in caso di attività collettive e ricreative nei locali della scuola introdurre cibi confezionati personalmente dalle famiglie o comunque non appartenenti all'elenco dei cibi forniti dall'ufficio rabbinico di cui esiste copia in scuola. Le stesse regole valgono nel caso delle gite scolastiche. Per ogni dubbio in proposito la Preside, la segreteria e gli insegnanti sono a disposizione per chiarimenti. 28) E' vietato affidare commissioni private di qualsiasi genere al personale della scuola (materiali dimenticati, merende, quote di denaro da consegnare in segreteria, ecc.). 29) È vietato fumare nei locali della scuola. 30) Si ricorda che non è consentito sostare senza motivo nei locali scolastici e non è permesso accedere alle aule se non autorizzati. Il personale non insegnante ha il compito di far rispettare tali disposizioni. Si prega di adeguarsi in modo da evitare spiacevoli discussioni. 31) Gli alunni che danneggiano le attrezzature scolastiche o il materiale dei compagni sono tenuti a rifondere i danni. Nel caso in cui non si riesca a risalire al responsabile o ai responsabili, il risarcimento verrà diviso fra tutti gli allievi della classe o della scuola. 32) Qualora si voglia usufruire dei locali della scuola per riunioni od assemblee dei genitori occorre far richiesta scritta motivata alla direzione, firmata da almeno un decimo delle famiglie e con un preavviso di 15 giorni. Va esplicitato l ordine del giorno. La data e l'ora della riunione dovranno essere concordati con la direzione. Le richieste di consigli di classe straordinari dovranno essere presentate dal rappresentante di classe e firmate da almeno la maggioranza semplice delle famiglie esplicitando l ordine del giorno. 33) Certificati e dichiarazioni devono essere richiesti per iscritto con un preavviso di almeno tre giorni. 3

4 34) É tassativamente vietato ai genitori fare telefonate personali ai docenti e comunicare con loro, su argomenti attinenti fatti scolastici, al di fuori dei locali scolastici e dai tempi stabiliti. La scuola non fornisce dati personali dei docenti e degli allievi. 35) Non vengono somministrati agli allievi farmaci di nessun tipo. La scuola é fornita esclusivamente di termometri per la febbre, di materiale di pronto soccorso (ghiaccio artificiale, disinfettanti, bende e cerotti) e di assorbenti igienici. Nel caso in cui gli allievi debbano assumere farmaci durante la permanenza nella scuola é necessaria una comunicazione scritta della famiglia o una prescrizione medica con le modalità di somministrazione. Non sono ammesse comunicazioni telefoniche. 36) In caso di malattia infettiva la famiglia è pregata di darne tempestivo avviso telefonico. ORARI DI RICEVIMENTO 37) La segreteria é aperta al pubblico col seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore ) La Preside riceve i genitori su appuntamento. 39) Non appena stabilito l orario annuale definitivo i docenti comunicano gli orari di ricevimento dei genitori. 40) In caso di urgente necessità i genitori possono chiedere appuntamenti agli insegnanti anche al di fuori dell'orario stabilito, concordandolo preventivamente tramite il diario scolastico. MENSA 41) Tutti i giorni alle 9.15 viene comunicato in cucina il numero dei pasti da preparare. Dopo tale ora non sarà più possibile prenotare la mensa. In caso di ritardo nell entrata a scuola le famiglie sono pregate di avvisare entro tale ora in segreteria della presenza dei loro figli. 42) In caso di intolleranze alimentari o necessità di dieta particolare le famiglie devono comunicarlo per iscritto indicando le limitazioni ai cibi e la durata della dieta. 43) Non è permesso portare in mensa cibo fornito da casa. 44) Gli alunni che non usufruiscono mai del pasto usciranno alle e non potranno rientrare prima delle In questo intervallo di tempo la scuola non é responsabile della loro sorveglianza. In caso di assenza pomeridiana non comunicata per iscritto entro la mattinata si telefonerà tempestivamente alla famiglia. 45) Gli allievi che di norma mangiano a scuola, ma che hanno occasionalmente il permesso di uscita durante l intervallo del pasto, dovranno esibire la richiesta scritta della famiglia fatta di volta in volta al professore della prima ora, che segnerà la richiesta sul registro. Le richieste telefoniche potranno essere accettate solo se accompagnate da fax o mail alla segreteria. Potranno rientrare a scuola non prima delle 13.50, per essere in aula puntualmente alle h Gli alunni verranno muniti di pass nominativo, da consegnare all uscita al personale della sicurezza, che dovrà essere restituito al rientro a scuola. 46) Durante la mensa é necessario tenere un comportamento educato e tranquillo, i maschi dovranno indossare la kippà. Il momento del pasto deve permettere agli allievi di rilassarsi per affrontare le lezioni del pomeriggio. 4

5 Si deve stare seduti a tavola composti, tenere bene le posate, parlare a bassa voce, non alzarsi senza permesso, non sprecare il cibo o giocare con esso. 47) Ogni mancanza sarà ripresa da chi sorveglia e opportunamente segnalata alle famiglie. Se ripetuta verrà sanzionata con una sospensione dalla mensa di un giorno (la prima volta) e di una settimana le volte successive. Perciò in caso di comunicazione in tal senso i genitori dovranno venire a prendere i loro figli alla fine delle lezioni della mattina e riportarli 5 minuti prima l inizio delle lezioni del pomeriggio. 48) L organizzazione dei turni dei pasti e del dopo pasto é stabilita seconde le necessità di spazio e tempo a disposizione concordando le esigenze dei tre ordini di scuola. SICUREZZA 49) E indispensabile adeguarsi alle richieste di chi sorveglia l uscita e l ingresso della scuola: personale non insegnante e addetti alla sorveglianza. Ingresso degli alunni: 50) Le auto che accompagnano i ragazzi accosteranno al marciapiede davanti al cancello e velocemente li faranno scendere dal lato destro, sostando il minimo indispensabile per non impedire il traffico. Fanno eccezione i veicoli dotati di contrassegno per il trasporto disabili. Uscita degli alunni: 51) La modalità di uscita dalla scuola degli alunni può cambiare a seconda delle esigenze, éd è pensata in funzione della velocità di sgombero dell edificio scolastico. 52) Gli allievi che hanno il permesso di uscita da soli saranno accompagnanti dagli insegnanti al piano terra nell atrio esterno, da qui usciranno dalla scuola. Coloro che non hanno il permesso di uscita verranno prelevati dai genitori o loro incaricati che li aspettano all interno del cancello e fatti uscire a gruppi. 53) E vietato sostare sul marciapiede davanti alla scuola. 54) E vietato posteggiare o sostare anche solo per pochi minuti davanti al cancello della scuola nella zona delimitata dai dissuasori, è ovviamente anche vietato sostare davanti all androne della casa di fronte. La Preside Torino, novembre

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MONTEBELLO VICENTINO (VI) 36054 - MONTEBELLO VIC.NO - Via G. Gentile, 7 Tel. 0444/649086 - Fax 0444/649016 - e-mail:

Dettagli

il seguente regolamento con il fine di indicare le regole per creare nell'istituto un sereno ed ordinato ambiente di vita scolastica.

il seguente regolamento con il fine di indicare le regole per creare nell'istituto un sereno ed ordinato ambiente di vita scolastica. ISTITUTO VIA F. SANTI 65 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n. 44; VISTO IL POF

Dettagli

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 Circolare n. 6/15 Cesena, 12/09/2015 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 - Agli studenti e per loro tramite ai genitori E p.c.: ai Docenti dell Istituto

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1.ORARIO SCOLASTICO L orario delle lezioni è il seguente: CORZANO LONGHENA Entrata dalle ore 8.05 alle 9.00 Entrata

Dettagli

Regolamento di Istituto

Regolamento di Istituto Regolamento di Istituto 1. L iscrizione o la riconferma dell alunno è annuale ed è di competenza della Direzione della Scuola. Il termine per l iscrizione alla Scuola dell Infanzia e alla classe prima

Dettagli

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO.

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale A.Moro di SERIATE Corso Roma, 37 24068 SERIATE (BG) Tel. 035.295297 Fax 035.4240539 @-mail: bgic876002@istruzione.it

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E DEGLI ALUNNI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4. PROCEDURA 4.1 Rilascio del diario 4.2 Assenze 4.2.1 Assenze

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA , 20060 (MI) - Segreteria: 029566167 e Fax 029567005 -Fax Fax REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art.1. La scuola in collaborazione con le famiglie, svolge un azione educativa volta a dotare gli alunni

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO "MARCO EMILIO LEPIDO" Via Premuda 34 - REGGIO EMILIA Tel. e Fax. 0522/301282-0522/300221 E-mail: segretlep@tin.it (segreteria) - Sito internet: www.iclepido.gov.it Scuola Secondaria

Dettagli

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Ai Sigg. Genitori della Scuola Primaria Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Si portano a conoscenza dei genitori degli alunni iscritti alla Scuola Primaria

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s.

Dettagli

LICEO PΑΩLINO D AQUILEIA via Seminario, 7-34170 Gorizia scuola paritaria

LICEO PΑΩLINO D AQUILEIA via Seminario, 7-34170 Gorizia scuola paritaria Circolare n. 7 Gorizia, 19.09.2012 Destinatari: tutte le classi Oggetto: Disposizioni urgenti in materia di assenze, giustificazioni, ritardi, entrate e uscite fuori orario Per una ordinata gestione delle

Dettagli

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono.

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono. Carate Brianza, 13 settembre 2013 Comunicazione interna n. 15 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2013-2014 1. COLLOQUI DOCENTI GENITORI

Dettagli

-ingresso, per la scuola primaria, ore 8.30. -ingresso, per la scuola dell infanzia, è dalle 8.00 alle 9.00.

-ingresso, per la scuola primaria, ore 8.30. -ingresso, per la scuola dell infanzia, è dalle 8.00 alle 9.00. ISTITUTO VIA F. SANTI 65 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n. 44; VISTO IL POF

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

ai docenti al personale ATA

ai docenti al personale ATA Carate Brianza, 11 settembre 2015 Circolare interna n. 16 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2015-2016 1. FORME DI COMUNICAZIONE Tutte

Dettagli

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI DOVERI MANCANZE SANZIONI ORGANI COMPETENTI Ritardo oltre i 5 minuti senza giustificazione Rispetto dell orario

Dettagli

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO 18/08/2014 REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO PREMESSA Le norme scritte in questo documento mirano a regolare la vita interna della Scuola primaria paritaria

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO

REGOLAMENTO D'ISTITUTO SCUOLA MEDIA STATALE CARLO PORTA AD ORIENTAMENTO MUSICALE Via Moisè Loria, 37 20144 MILANO - Tel. / fax 02 4224553 Cod. mecc. MIMM06900E - Codice fiscale 80171490156 e-mail: smcporta@tin.it - http://www.scuolacarloporta.it

Dettagli

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI Le lezioni del mattino si svolgono da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, con un intervallo dalle ore 10.20 alle ore 10.40. Le lezioni pomeridiane si svolgono

Dettagli

Parte IV Area personale ATA

Parte IV Area personale ATA Sommario PARTE IV AREA PERSONALE ATA... 1 Art. 29 Norme di comportamento comuni a tutto il Personale A.T.A.... 1 Art. 30 - Norme di comportamento specifiche del Personale amministrativo agli sportelli

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL LABORATORIO MULTIMEDIALE

REGOLAMENTO DEL LABORATORIO MULTIMEDIALE allegato n. 2 LICEO SCIENTIFICO STATALE Galileo Galilei Liceo Scientifico, Liceo Linguistico, Liceo delle Scienze Sociali, Liceo Socio-Pedagogico Trav. Galileo Galilei - 81034, Mondragone (CE) Tel. 0823

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via Potenza 85028 Rionero in Vulture (PZ)

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via Potenza 85028 Rionero in Vulture (PZ) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via Potenza 85028 Rionero in Vulture (PZ) P I C C O L O V A D E M E C U M P E R I G E N I T O R I D E G L I A L U N N I - S C U O L A P R I M A R I A Finalità della Scuola La

Dettagli

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento CAPO V ALUNNI Art. 8 Norme di comportamento 1. Gli alunni sono tenuti ad avere, nei confronti del Dirigente Scolastico, dei docenti, di tutto il personale e dei compagni, un atteggiamento rispettoso della

Dettagli

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GONNESA Via Dettori, 10-09010 Gonnesa -CI Tel. e Fax 0781/45018 Codice Fiscale 90016590920- cod. meccanografico CAIC81400E e-mail caic81400e@istruzione.it CAIC81400E@Pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 40 del 25.11.2013 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA RISTORAZIONE SCOLASTICA R E G O L A M E N T O REGOLAMENTO RISTORAZIONE SCOLASTICA - DALL ANNO SCOLASTICO 2013/2014 1 PREMESSA L ambiente scolastico, in quanto comunità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISCRIZIONI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OFFERTA FORMATIVA Ogni alunno ha diritto ad un intervento educativo e didattico che rispetti la sua

Dettagli

VIGILANZA SUGLI ALUNNI

VIGILANZA SUGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO COMO PRESTINO-BRECCIA Via Picchi 6-22100 COMO Tel. 031507192 Fax 031 004738 C.F. 80020220135 coic81300n@istruzione.it VIGILANZA SUGLI ALUNNI REGOLAMENTO concernente la disciplina della

Dettagli

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale;

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art. 1 Funzionamento della scuola - La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; - L orario

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA MENSA

REGOLAMENTO DELLA MENSA Ministero dell istruzione, università e ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI NAVE Via Brescia, 20 25075 NAVE (BS)-Tel. 0302537490 Fax 0302534680 C.F. 80051740175 Cod.Mecc.BSIC85300T e-mail icnave@provincia.brescia.it--p.e.c.

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

Istituto scolastico comunale REGOLAMENTO DI ISTITUTO

Istituto scolastico comunale REGOLAMENTO DI ISTITUTO Istituto scolastico comunale REGOLAMENTO DI ISTITUTO TITOLO I ORGANIZZAZIONE DELL ISTITUTO CAPITOLO 1: Generalità Art. 1 Denominazione La scuola dell infanzia e la scuola elementare di Giubiasco costituiscono

Dettagli

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano).

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano). SCUOLA PRIMARIA L Istituto Villa Flaminia è una istituzione educativo - scolastica cattolica, fondata e diretta dai Fratelli delle Scuole Cristiane. Sorta nel 1956, come sede distaccata del Collegio S.

Dettagli

Circ. n.6 alunni San Zenone degli Ezzelini, 15 /09/2014

Circ. n.6 alunni San Zenone degli Ezzelini, 15 /09/2014 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Via A.Canova,2 Tel. 0423/567080 Fax0423/964574 e-mail tvic862003@istruzione.it TVIC862003@pec.istruzione.it - sito web www.comprensivosanzenone.gov.it CM.TVIC862003 CF.92026890266

Dettagli

Scuola Paritaria LAURA SANVITALE

Scuola Paritaria LAURA SANVITALE Scuola Paritaria LAURA SANVITALE N.B. A VOLTE TRA PARENTESI SONO INDICATE LE CLASSI O I SETTORI SPECIFICATAMENTE INTERESSATI, ALTRIMENTI RIGUARDANO TUTTI. 1 VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE ( nella secondaria

Dettagli

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola.

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. 1.1 La presenza degli alunni è obbligatoria, oltre che alle lezioni, a

Dettagli

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU)

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU) Visto il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità ; Visti i D.P.R. n. 249 del 24/6/1998 e D.P.R. n. 235 del 21/11/2007 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI Istituto Comprensivo di Cologno al Serio Via Rosmini, 12 24055 Cologno al Serio (BG) Tel. e Fax 035896031-0354872415 e-mail ministeriale: bgic89900p@istruzione.it http://www.iccolognoalserio.gov.it SCUOLA

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 - 1 - INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo

Dettagli

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto Comprensivo Statale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) Tel: 0331/212640-216284 Fax: 0331/217400 Sedi : scuole dell infanzia, primarie e secondarie 1 grado di Albizzate e

Dettagli

Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione.

Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione. Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione.it Circolare n. 83 Bologna, 09.11.2015 - A tutti gli Studenti e i

Dettagli

Lombardia REGOLAMENTO DEL CENTRO E REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

Lombardia REGOLAMENTO DEL CENTRO E REGOLAMENTO DI DISCIPLINA REGOLAMENTO DEL CENTRO E REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PREMESSA Il Regolamento di disciplina del Centro di MILANO si richiama innanzi tutto al proprio patrimonio storico di esperienze, iniziative e progetti

Dettagli

Regolamento della Biblioteca del Liceo Ginnasio E.Q.Visconti

Regolamento della Biblioteca del Liceo Ginnasio E.Q.Visconti Regolamento della Biblioteca del Liceo Ginnasio E.Q.Visconti PREMESSA Il presente regolamento, approvato dal C. d I in data 18 Settembre 2014, ha carattere transitorio, valido fino al completamento dei

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena Via Lepanto 2 04100 Latina 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu ltic847002@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA Via Bachelet n. 5-04100 LATINA - Tel. 0773/620905 - fax 0773/629059- ltic846006@istruzione.it SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MANCANZE DISCIPLINARI E CORRISPONDENTI SANZIONI Mancanze disciplinari Doveri

Dettagli

CONVITTO PER SORDI DI ROMA

CONVITTO PER SORDI DI ROMA CONVITTO PER SORDI DI ROMA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 00166 ROMA - Vico lo del Casale Lumbroso, 129 06/66180021 fax 06/66180297 RMVC060009@istruzione.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO Via D Azeglio 64/2, tel. 055-4216500 - fax 055-4218259 50019 SESTO FIORENTINO Mail: fiee56000v@istruzione.it - Pec: Fiee56000v@pec.istruzione.it C.M. FIEE56000V -

Dettagli

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA Istituto Comprensivo di Poggio Mirteto La scuola non deve soltanto far acquisire competenze, ma deve anche trasmettere valori per formare cittadini che abbiano senso di identità,

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO PER I BAMBINI CHE ENTRERANNO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA

LIBRETTO INFORMATIVO PER I BAMBINI CHE ENTRERANNO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA LIBRETTO INFORMATIVO PER I BAMBINI CHE ENTRERANNO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA 1 E PER LE LORO FAMIGLIE AI GENITORI QUESTO LIBRETTO NASCE CON L INTENZIONE DI AIUTARVI A CONOSCERE MEGLIO LA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Diritti e doveri degli studenti REGOLAMENTO

Diritti e doveri degli studenti REGOLAMENTO Diritti e doveri degli studenti REGOLAMENTO DIRITTI E DOVERI DEGLI ALUNNI SANZIONI DISCIPLINARI La Scuola è una comunità educativa dove tutti sono impegnati a creare un ambiente accogliente e rispettoso.

Dettagli

ORARIO SCOLASTICO Norme generali compiti dell insegnante

ORARIO SCOLASTICO Norme generali compiti dell insegnante REGOLAMENTO PALESTRA La palestra è l'aula più grande e frequentata di ogni scuola ed in essa vi si alternano settimanalmente tutti gli alunni per le attività curricolari ed atleti di società sportive autorizzate

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica Art. 1 Finalità Il servizio di mensa scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze stabilite dalla legislazione

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA, DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Via Capo Sperone 50 00122 - Roma 065662275 fax 065662340 rmps010004@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA

ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA Scuola dell infanzia Carlo Collodi REGOLAMENTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI La scuola è un ambiente educativo sereno, governato dal rispetto dei diritti e dei doveri di ognuno.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SANTO CALI Scuola dell

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SANTO CALI Scuola dell REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SANTO CALI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Indirizzo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

GUIDA PER GENITORI STRANIERI

GUIDA PER GENITORI STRANIERI GUIDA PER GENITORI STRANIERI SUL FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA IN ITALIA Prime informazioni per l'accoglienza dei vostri figli e delle vostre figlie a scuola pag. 2 BENVENUTI, BENVENUTE A E NELLE SUE SCUOLE

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara SCUOLA PRIMARIA DI PONTEGRADELLA

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara SCUOLA PRIMARIA DI PONTEGRADELLA Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara SCUOLA PRIMARIA DI PONTEGRADELLA Via Pioppa,100 Ferrara Tel. e fax 0532-756204 e-mail: pontegradella@inwind.it Sito web: http://elpontegradella.scuolaer.it/

Dettagli

lezioni, con la direttiva allegata intendo riportare alla Vostra attenzione alcune indicazioni sul tema

lezioni, con la direttiva allegata intendo riportare alla Vostra attenzione alcune indicazioni sul tema Circolare n.11 Laveno M., 7.9.2015 Ai Docenti Ai Collaboratori Scolastici E p.c. Ai Genitori Sito Web/Albo E p.c. al DSGA SEDI OGGETTO: Direttiva sulla vigilanza all interno dell Istituto Gentili Docenti

Dettagli

REGOLAMENTO. IL GIRASOLE 6596Gordola

REGOLAMENTO. IL GIRASOLE 6596Gordola REGOLAMENTO IL GIRASOLE 6596Gordola Indice: 1. Disposizioni generali. p. 3 1.1 Premessa p. 3 1.2 Campo d applicazione. p. 3 1.3 Obiettivi p. 3 1.4 Sede p. 3 1.5 Spazi p. 3 1.6 Organizzazione e gestione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA ELEMENTARE e MEDIA STATALE PISACANE e POERIO. Via Pisacane, 9 20129 Milano Tel. 02.88448870 Fax. 02.

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA ELEMENTARE e MEDIA STATALE PISACANE e POERIO. Via Pisacane, 9 20129 Milano Tel. 02.88448870 Fax. 02. ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA ELEMENTARE e MEDIA STATALE PISACANE e POERIO Via Pisacane, 9 20129 Milano Tel. 02.88448870 Fax. 02. 88448882 Elementare: Pisacane-Poerio Cod. Mecc. MIEE8B7001D Media: Locatelli-Oriani

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DELLA VIGILANZA DEGLI ALUNNI a.s. 2015/16

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DELLA VIGILANZA DEGLI ALUNNI a.s. 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Antonio Genovesi SAIC87700C Via Domenico Amato, 2 c.a.p. 84099 SAN CIPRIANO PICENTINO (SA) Tel.e Fax 089861753 e.mail : saic87700c@istruzione.it www.icsanciprianopicentino.gov.it

Dettagli

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni Circolare n. 11 Muravera, 16/09/2015 Ai Docenti Agli ATA Loro Sedi E p.c. Al Dsga Agli Atti Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni La vigilanza è un obbligo che investe tutto

Dettagli

mattino e del pomeriggio, saranno comunicati tempestivamente alle famiglie (previo consenso da parte del centro, attraverso un sevizio di SMS). 8.

mattino e del pomeriggio, saranno comunicati tempestivamente alle famiglie (previo consenso da parte del centro, attraverso un sevizio di SMS). 8. SEDE DI ARCO REGOLAMENTO INTERNO 1. L'accesso ai locali dell'istituto e alle pertinenze è strettamente riservato agli allievi del Centro. La direzione si riserva di adottare provvedimenti disciplinari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DON ANGELI REGOLAMENTO LABORATORIO INFORMATICO SECONDARIA MICHELANGELO Parte prima Accesso al laboratorio 1.

ISTITUTO COMPRENSIVO DON ANGELI REGOLAMENTO LABORATORIO INFORMATICO SECONDARIA MICHELANGELO Parte prima Accesso al laboratorio 1. ISTITUTO COMPRENSIVO DON ANGELI REGOLAMENTO LABORATORIO INFORMATICO SECONDARIA MICHELANGELO Parte prima Accesso al laboratorio 1. L accesso al laboratorio e l uso delle attrezzature multimediali è riservato

Dettagli

PRONTI? SI PARTE!!!! SCUOLA PRIMARIA DI MANIAGO CAPOLUOGO NUMERI DEGLI UFFICI SCOLASTICI E ORARI

PRONTI? SI PARTE!!!! SCUOLA PRIMARIA DI MANIAGO CAPOLUOGO NUMERI DEGLI UFFICI SCOLASTICI E ORARI NUMERI DEGLI UFFICI SCOLASTICI E ORARI La Dirigente Scolastica dell'istituto Comprensivo di Maniago è la Dott.ssa Livia CAPPELLA Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi Dott.ssa Mara Bonitta PRONTI?

Dettagli

Regolamento alunni della Scuola Primaria

Regolamento alunni della Scuola Primaria Regolamento alunni della Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO DI FICARAZZI Cortile Giallombardo - 90010 FICARAZZI La Scuola, come ogni società esistente, richiede il rispetto di regole chiare e precise

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo via Cittadini n. 1-20157 Milano Tel. 02/3575716/8 fax 02/39001523 E mail: paolofrisimi@tin.it - Sito web:www.ipsfrisi.it REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI

INDICAZIONI GENERALI INDICAZIONI GENERALI La Scuola è aperta dal lunedì al venerdi dalle ore 7.30 alle ore 17.30; il sabato dalle ore 8.00 alle ore 13.00. ORARIO ENTRATA PRIMA USCITA SECONDA USCITA POMERIGGIO Senza pranzo

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE F. CASATI DI BRENNA. a. s. 201 4-201 5

SCUOLA ELEMENTARE F. CASATI DI BRENNA. a. s. 201 4-201 5 SCUOLA ELEMENTARE F. CASATI DI BRENNA REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA a. s. 201 4-201 5 PREMESSA L ambiente scolastico, in quanto comunità educativa, deve essere un luogo in cui ciascun alunno possa fruire

Dettagli

ACCESSO ALLA STRUTTURA...

ACCESSO ALLA STRUTTURA... REGOLAMENTO INTERNO ACCESSO ALLA STRUTTURA... 1 Iscrizione... 1 Quota d iscrizione... 2 Tessera di iscrizione... 2 Ospiti... 2 Calendario delle attivita... 2 UTILIZZO DELLA STRUTTURA... 3 Norme generali...

Dettagli

REGOLAMENTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO SCOLASTICO Scuola Primaria paritaria S. Agostino REGOLAMENTO SCOLASTICO Via Pascoli, 23 43039 SALSOMAGGIORE TERME (PR) TEL/FAX 0524/574639 e-mail: info@scuolasantagostino.it Regolamento scolastico Affinché l esperienza

Dettagli

CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI

CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI Vi proponiamo una sintetica Guida per orientarvi tra le molteplici attività ed iniziative della nostra scuola. Naturalmente attendiamo le vostre osservazioni, le vostre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE 1 INDICE... 2 Premessa... 3 Art. 1 Norme generali e compiti dell insegnante... 3 Art. 2 Norme per gli alunni... 3 Art. 3 Concessione

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Si ricorda che il presente REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ha finalità educative per una condivisione e responsabilizzazione del

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI (appendice del Regolamento d Istituto)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI (appendice del Regolamento d Istituto) SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SEC I GRADO di Melara S. Pertini C. Collodi F. Rismondo Direzione e Segreteria C.F. 8002186032 Via Forlanini 32, 34139 Trieste Tel. 040-912882 / Fax 040-9148004

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

SCUOLA M. TONOLI delle MINIME OBLATE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA Modulo COMUNICAZIONE ESTERNA

SCUOLA M. TONOLI delle MINIME OBLATE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA Modulo COMUNICAZIONE ESTERNA Da Dirigente scolastico A Genitori degli alunni iscritti della Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria Oggetto Circolare n 1G 2011/2012 Prot. n. 112 /11G Gentili genitori, nel raggiungervi al termine di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA CITTA DI TRAVAGLIATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO di DISCIPLINA

REGOLAMENTO di DISCIPLINA REGOLAMENTO di DISCIPLINA Alunni di Scuola Primaria protocollato atti scuola 369/B19_ 23 settembre 2013 Presidenza - plesso Troisi, via Gianturco 75 TELEFAX - 0815743460 Direzione Amministrativa ed uffici

Dettagli

COMUNE DI ROVEREDO SCUOLA ELEMENTARE

COMUNE DI ROVEREDO SCUOLA ELEMENTARE COMUNE DI ROVEREDO SCUOLA ELEMENTARE INFORMAZIONI PER I GENITORI Le seguenti disposizioni sono trasmesse alle famiglie con lo scopo di informare sulle norme che regolano il funzionamento della Scuola elementare

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO VITA QUOTIDIANA A SCUOLA Lo Statuto degli Studenti definisce i diritti e i doveri degli studenti per garantire una serena convivenza scolastica. Il presente regolamento elaborato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI PLESSO

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA C. COLLODI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 20012/ 13 NORME ANNO SCOLASTICO 20012/2013 1. La divisa regolamentare della Scuola è il grembiule nero (per le femmine), la

Dettagli

2-INGRESSO E USCITA ALUNNI

2-INGRESSO E USCITA ALUNNI 1-PREMESSA Il presente regolamento è redatto in conformità con il regolamento del I Circolo Didattico ed ha lo scopo di integrarlo e di renderne operative le norme, adeguandole alle concrete situazioni

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO Art.17 Visite e viaggi di istruzione Le visite d istruzione e le uscite didattiche costituiscono una parte integrante della programmazione didattico - educativa in

Dettagli

REGOLAMENTO. b. Nel tempo tra l entrata a scuola e l inizio delle lezioni non è lecito vociare, correre otenere comportamenti pericolosi

REGOLAMENTO. b. Nel tempo tra l entrata a scuola e l inizio delle lezioni non è lecito vociare, correre otenere comportamenti pericolosi REGOLAMENTO Sul piano pedagogico ed educativo-didattico, la scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza culturale e sociale, informata ai valori democratici della Costituzione italiana

Dettagli

Multimediale e Informatico

Multimediale e Informatico M.I.U.R. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto d Istruzione Superiore U.Midossi Via F. Petrarca s.n.c. 01033 Civita Castellana (VT)

Dettagli