Il mondo di Predi Antiogu

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mondo di Predi Antiogu"

Transcript

1 Il mondo di Predi Antiogu Spigolature culturali e linguistiche Illustrazione di Andrea Orani Calendario 2014

2 Illustrazione di Andrea Orani L avvertimento Predi Antiogu arringa il popolo dal pulpito della chiesa. Comunica ai fedeli di aver subito il furto del suo bestiame e invita tutti al pentimento. Versi Populu de Masuddas, chi a s ora de accuiai is cabonis e is puddas basseis a scrucullai, donaimì attenzioni po totu su chi si nau, si ap a teni arrexoni de ciccai is crabas mias, ca funti giai dua bias chi dd apu fattu notoriu e custu ad essi su trezzu e uttimu monitoriu. Gennaio - Gennàrgiu Populu disdiciau, temerariu e prepotenti, chi non lassas cosa in logu, ascutta e poni menti...

3 Illustrazione di Andrea Orani Il furto Cinque ladroni, definiti oziosi, discoli o vagabondi dalle leggi penali vigenti al tempo del racconto, assaltano l ovile del rettore e portano via le bestie. Versi Po cuddus chi no ddu scint, obrascendi a sa di binti de su mesi chi ddu e bassiu, ind una notti e scuriu facci a su spanigadroxu a i duas oras po is tresi fuanta prus de cincu o sesi, chi, a pistoa e a scupetta, passau funti in Genn eretta, s ecca ant assattillau e is crabas nd anti liau de mimmi su Vicariu; Febbraio - Friàrgiu Pottàda su crabu sou, po chi essi fattu scidu, sonalla e pittaiou.

4 Illustrazione di Andrea Orani La sorpresa Ironicamente Predi Antiogu porta a conoscenza dei fedeli che i razziatori hanno portato via tutti gli animali, ad eccezione di una capra rognosa, screpolata e cisposa. Il sacerdote appena alzato, accompagnato dalla perpetua, si porta nell ovile e incontra l unica bestia rimasta. Versi Una nd anti lassau, ca fu totu arrungiosa, screpada e ziddiccosa. Marzo - Martzu E una strumbonada e balla ddisi ghettint a s ammuntu,

5 Illustrazione di Andrea Orani La minaccia Dopo l avvertimento il rettore, nel caso in cui il popolo non obbedisca alle sue parole, minaccia l avverarsi di grandi sciagure. Versi chi per is arranconis, sartus e bidazzonis, de bestiamini e de lori no ddu ad a abarrai cambu, ni massaiu, ni pastori (ohi, amomia, oddeu) e chi totu sa idda intera, senz e nisciuna spera, ddu ad a cabai in prumu, e mannus e pittius, a sa ia e su fumu! Aprile - Abrili e si pongiad unu entu chi osi pesid a boai...

6 Illustrazione di Andrea Orani Frate Crispino I malevoli dicono che frate Crispino nelle ore più segrete s intratterrebbe con una signora a fare all amore. La scena allegorica raffigura il frate e la donna che stanno in una stanza da letto mentre giocano e vengono sorpresi dal marito. Versi Chini, malu-penzadori, boga famas a su ixinu narendu chi frai Crispinu a is oras prus serchetas attura fendu marietas e i dd iad agatau su crabu gioghendu cun sa pobidda, Maggio - Maju ca arrancu de gunnedda no ndi dd ad andau mai.

7 Illustrazione di Andrea Orani Coixedda (Lucifero) Rivolto ai celibi e alle nubili, Predi Antiogu ricorda che esiste l inferno dove vive Lucifero. E lo descrive. Versi E no ddu biei pintau, ca potta su fruccaxu e sa coa de azzraxu cun farruncas de intruxu? Cadebai a Coixedda, cu is corrus trottoxaus e is ungheddas de moenti a groppas de su zrapenti ca potta setti concas, Giugno - Làmpadas a no tenni paura de cussa bestia e Luziferru!

8 Illustrazione di Andrea Orani La sfida Dopo aver pronunciato la scomunica dal pulpito dell altare, il rettore, per dare forza ai suoi anatemi, nel chiedere che tutte le campane suonino con i rintocchi a morte, butta via le candelette, la stola, il messale e tutto l armamentario utilizzato e li calpesta. Versi E in fini de totu custu, po chi mroxanta de assustu, ant essi de totu is cresias de is biddas e de Casteddu toccadas a son e mottu is campanas a matteddu, e de morus e de cristianus de trucus e prubicanus, e po essi de sinnali inci ettu is candebeddas, sa stoba e su missabi e streppus cantu ddu adi, po chi siant appatigaus: Luglio - Mesi de Argiolas e aici s ant a appatigai, fillus de perdizioni,

9 Illustrazione di Andrea Orani Gli scomunicati Tra le tante persone a cui viene irrogata la scomunica ci sono anche coloro che hanno ucciso e poi mangiato le carni delle sue bestie. Versi E si de is pegus mius algunu nd ant occiu, ad essi iscomunigau chini totu nd a pappau, siad a prangiu siad a cena Agosto - Austu e po cussu in custa idda inci a tanti bribbantis...

10 Illustrazione di Andrea Orani L anatema dei cani I ladri, a causa dei loro misfatti, vengono condannati ad essere rincorsi dai cani ovunque si trovino. Versi Po totu su chi eis fattu, chi totu is canis de prazza osi cruxanta avattu e si sigant aundi seis. Settembre - Cabudanni sindi tiri donnia cani un ancodeddu e croxu...

11 Illustrazione di Andrea Orani San Lussorio Predi Antiogu invoca San Lussorio chiedendogli di far morire tutti gli scomunicati di polmonite, uno accanto all altro. In caso di mancato accoglimento della richiesta lo minaccia di rivolgersi a San Cristoforo, lasciandolo solo e al buio nella nicchia. Versi E bosu Santu Luxori, chi seis su protettori e su Santu miu diciosu, chi seis tantu poderosu in celu, in terra e mari, fadeimiddu su favori: chi totus de su puntori mroxanta conca a pari. Ottobre - Mesi de Ladàmini e pigu a Santu Cristou e bosu me in su nicciu abarrais sou sou.

12 Illustrazione di Andrea Orani Ultimo anatema Siamo all epilogo del poema. il prete, prima invita tutti a non scherzare troppo con i santi e con i diavoli, poi auspica di vederli morire nella strada, raggomitolati, con le stampelle e senza confessione. Versi E osaterus, beccus futtudus, ancora seis tostaus? Deu s abettu, labai! Ni cun Santus, ni cun tiaus no nci brulleis meda, asinuncas oi e totu ind èis a torrai sa sceda, e s apu a biri a bacceddus, fattus a cancarroni, morendu me in sa ia sena de cunfessioni. Novembre - Donniassantu O creestis ca brullammu? Oh, ita mobentis chi seis!

13 Illustrazione di Andrea Orani Predi Antiogu e le sue bestie La scena gioiosa rappresenta il desiderio del prete di poter rivedere e parlare ai suoi animali. La metafora della rinascita e di una storia finita bene. Questo era il suo profondo e insito desiderio, che si può ricavare dal modo in cui ricorda e descrive gli animali del suo gregge. Versi Ddui fud u angioneddu senza de teni s annu, chi a pasci, su scureddu, no podia mancu bassì, ca ddi luxia su piu de cantu fu grassu, ni a de notti ni a de dì. Dicembre - Mesi de Idas Ddui fu su crabu mannu, ddui fu su mascu e ghia...

14 Il mondo di Predi Antiogu Spigolature culturali e linguistiche Introduzione Sono trascorsi ben 134 anni da quel lontano 1879, quando la Tipografia del Corriere di Sardegna in Cagliari pubblicò per la prima volta la Famosissima maledizioni de s arretori de Masuddas. L aggettivo Famosissima, attribuito dall editore al poema di Predi Antiogu, si presta ad almeno una duplice riflessione: quella più semplice ed immediata fa intuire che lo stesso poema fosse molto conosciuto ed apprezzato in tutta la Sardegna e, verosimilmente, partendo da una versione originale scritta nei decenni precedenti, il veicolo di trasmissione fosse quello orale durante le sagre e feste paesane, ancora molto diffuse in quel periodo; l altra considerazione è che l editore avesse pienamente compreso il valore storico e linguistico dei versi di Predi Antiogu, ed anche l alto gradimento in ambito popolare, al punto di indurlo ad usare un superlativo assoluto (appunto, Famosissima) col fine di colpire maggiormente la curiosità e l interesse del potenziale lettore. Non è superfluo, a questo proposito, evidenziare che, da una ricerca effettuata sulla bibliografia sarda, a tutt oggi non risulta nessun altra opera letteraria alla quale sia stato accostato il termine Famosissima. Successivamente sono state pubblicate tante altre edizioni del poema (generalmente col titolo Sa scomuniga de Predi Antiogu, arrettori de Masuddas), ben riassunte nel brillante ed approfondito lavoro del compianto Antonello Satta pubblicato nel 1983 e ristampato nel 2002 e Diversi sono stati anche i personaggi famosi e gli studiosi che si sono avvicinati alla Scomuniga de Predi Antiogu. Da Antonio Gramsci, che, giudicando il poema carico di umorismo fresco e paesano, ne sollecitò alla mamma l invio in carcere con una lettera del 27 giugno 1927, a Max Leopold Wagner, autore di studi fondamentali sulla cultura e la lingua sarda, che tradusse Sa scomuniga in tedesco e pubblicò in Germania il capolavoro nel 1942, nella varietà campidanese del sardo e nel contempo in grafia fonetica, favorendone la diffusione presso gli studiosi e nelle università di tutto il mondo. Nel 2007, il caro professor Gian Giacomo Ortu ha organizzato un importante convegno di studi dedicato a questo poema, al quale hanno dato un contributo di elevato livello scientifico illustri studiosi ed accademici sardi, i cui interventi sono stati pubblicati nel volume Masullas, il paese di Predi Antiogu, edito dalla CUEC. Un altra edizione de Sa scomuniga è stata curata nel 2006 (Tipografica Artigiana Musanti) dal Prof. Matteo Porru, vero cultore ed appassionato del poema, del quale possiede la documentazione più completa, ed uno dei maggiori conoscitori dello stesso in Sardegna. Artisti di varie discipline si sono cimentati nel rappresentare e cogliere gli aspetti più salienti de Sa scomuniga de Predi Antiogu: dal regista Giovanni Columbu, allo scultore Antonio Marchi, dai pittori Carmelo Floris, Paolo de Bellis, Giuseppe Bosich, Andrea Orani al commediografo ed attore Elio Turno Arthemalle, dalla cantante, musicista, compositrice e attrice, nonché nostra compaesana, Rossella Faa, all attore Ottavio Congiu (che da oltre 30 anni presenta in tutta la Sardegna la commedia teatrale su Sa scomuniga). A questo punto non poteva mancare il contributo letterario di un Masullese! Ed è a questo proposito che l Amministrazione Comunale, nel programmare la predisposizione del Calendario 2014, dedicato proprio a Sa scomuniga de Predi Antiogu, arrettori de Masuddas, ha pensato di chiedere la collaborazione del Dr. Adriano Siuni, che, accettando la proposta con tanta passione ed orgoglio, ha svolto in tutti questi mesi un encomiabile lavoro di ricerca storica e letteraria e di coordinamento generale. In questo lavoro hanno dato un importante sostegno l amico Antonello Garau, esperto di linguistica sarda, e l illustratore Andrea Orani per i disegni. Sono certo che anche il calendario su Predi Antiogu, così come quello degli anni precedenti, troverà apprezzamento da parte delle famiglie e diventerà un ricordo prezioso da custodire gelosamente. Anche per questo sento il dovere di esprimere vivi complimenti agli autori di questa eccellente opera e porgere loro i più sentiti ringraziamenti da parte mia personale, del Consiglio Comunale e dell Intera Cittadinanza. IL SINDACO Mansueto Siuni Premessa Con grande onore e piacere e con un pizzico di emozione per il delicato compito affidatomi, nato da un idea estiva, subito condivisa dal Sindaco Mansueto Siuni, mi sono apprestato ad iniziare i lavori per l allestimento del calendario masullese per l anno 2014, proseguendo in quella che è ormai divenuta un intrigante consuetudine culturale della locale Amministrazione comunale. Lo spunto tematico questa volta, come già indicato dal Sindaco nella sua introduzione, fa riferimento al famoso poemetto in lingua sarda intitolato Sa scomuniga de Predi Antiogu, arrettori de Masuddas, il cui scritto anonimo si fa risalire presumibilmente ai primi anni dell Ottocento. È una bellissima poesia ricca di significati e di importanti riferimenti socio-culturali alla Sardegna di quel periodo. Con la brillantissima collaborazione dell artista Andrea Orani, che ha creato le illustrazioni che omaggiano l autorevole e fiero arrettori de Masuddas, e dell operatore culturale Antonio Ignazio Garau, che ha curato, trasposto e ordinato le spigolature culturali e linguistiche, è stato elaborato il presente calendario. Ogni mese dell anno è rappresentato da un illustrazione iconografica lavorata a china, acquerello e matita colorata, avente per oggetto alcune delle scene più importanti de Sa scomuniga e corredata di una sottostante didascalia. La parte retrostante del calendario è dedicata, in parte equamente distribuita, alla pubblicazione del poemetto, accompagnato da un piccolo commento e da dodici finestre, ognuna delle quali mette in evidenza quanto complesse e variegate siano le espressioni linguistiche utilizzate dall autore di questo corposo lavoro, quanto profonda sia la conoscenza del tessuto culturale della comunità rappresentata. Gli approfondimenti tematici sono articolati come segue: Gennaio: Espressioni idiomatiche Febbraio: L universo zoologico Marzo: Esclamazioni e locuzioni interiettive Aprile: Riferimenti a parti del corpo umano e degli animali Maggio: La vis ironica di Predi Antiogu Giugno: Le espressioni metaforiche Luglio: Considerazioni sul popolo di Masullas Agosto: Oggetti della cultura materiale e di ambito liturgico-religioso Settembre: Molti nomi per un unica entità: il diavolo Ottobre: L universo religioso e agiologico Novembre: Universo e comportamenti femminili licenziosi Dicembre: Similitudini, proposizioni comparative e comparative ipotetiche nella lingua di Predi Antiogu IL CURATORE Adriano Siuni Per il testo de Sa scomuniga si è fatto riferimento alla pubblicazione Sa scomuniga de Predi Antiogu arrettori de Masuddas Antighissimu scherzu in versus sardus de autori incertu (prefazione e glossario a cura di Matteo Porru), Cagliari, Tipografica Artigiana Musanti, giugno Il numero che compare fra parentesi immediatamente dopo le citazioni rinvia al verso dal quale sono estrapolate. Copyright 2013 Comune di Masullas Adriano Siuni Andrea Orani Antonio Ignazio Garau. I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto del Comune di Masullas e degli autori.

15 Populu de Masuddas, chi a s'ora de accuiai is cabonis e is puddas basseis a scrucullai, donaimì attenzioni po totu su chi si nau, si ap' a teni arrexoni de ciccai is crabas mias, ca funti giai dua' bias chi dd'apu fattu notoriu e custu ad essi su trezzu e uttimu monitoriu. Po chi nisciunu però no pozzad allegai ni chi si ni chi no, avrincus de ignoranzia ddu torraus a manastai sagundu sa costumanzia po odrini de Munzannori. Po cuddus chi no ddu scint, obrascendi a sa di binti de su mesi chi ddu' e' bassiu, ind'una notti 'e scuriu facci a su spanigadroxu a i' duas oras po is tresi fuanta prus de cincu o sesi, chi, a pistoa e a scupetta, passau' funti in Genn'eretta, s'ecca ant assattillau e is crabas nd'anti liau de mimmi su Vicariu; ch'e' sagundu su summariu chi ddu' a' fattu me in Curia su missennori Notariu, ca totu andad a tanori de su chi ad arrellatau 'oppai Ninni su majori cun totu' is barracellus e sagundu s'arrasuttau de su giugi dellegau de custa comunidadi, chi in drottina e sabiori u'antru no ddu' ind'adi. Auncas arzeus sa 'oxi: is crabas fuanta doxi Questa prima parte del poema mette in evidenza l'attività di Predi Antiogu, il quale, vittima del furto del suo bestiame, dal pulpito della chiesa, con grande impeto arringa i suoi fedeli. Il discorso inizia con un'intelligente e penetrante metafora diretta a tutta la popolazione, accusata di uscire a rovistare solo quando i galli e le galline vanno a ritirarsi sui loro sostegni per riposarsi: cioè all'imbrunire. Secondo i costumi e per ordine del Monsignore, per quelli che ancora non ne fossero venuti a conoscenza, ripete ancora una volta i fatti origine delle sue rimostranze. Con riferimento al sommario presentato in Curia dal notaio, corrispondente alla relazione conclusiva del Giudice delegato redatta secondo le risultanze del Maggiore di giustizia e dei Barracelli, elenca minuziosamente gli animali razziati e le relative caratteristiche. Il verso 44 dà l'idea del fervore con il quale il sacerdote si presenta per il suo ultimo atto. Testualmente: Auncas arzeus sa 'oxi! [Dunque alziamo la voce!]. Questo a significare che tutti dovevano udire meglio quanto avrebbe detto. Espressioni idiomatiche Gli 'idiomatismi' o 'espressioni idiomatiche' sono quelle proprie di una determinata lingua, fanno riferimento alla cultura ad essa sottesa e da essa traggono spunto. Il testo de Sa scomuniga ne è ricchissimo, a testimonianza della profonda conoscenza che l'autore aveva del sardo, del suo lessico, della sua grammatica e delle sue espressioni più autentiche, che piegava abilmente ai bisogni di efficacia espressiva, spesso legati all'esigenza di rendere la rima, talvolta baciata, talaltra alternata. Le espressioni idiomatiche possono presentarsi in occorrenze lessicali singole o sotto forma di sintagmi, sia di senso letterale che metaforico. Se ne propone di seguito una selezione fra le tante: Ca totu andad a tanori (35), poiché tutto coincide ; andai a tenori significa anche essere commisurato a : per esempio, esiste il detto a tenori de su stampu su babballoti ; no mi 'ollu imbidrigai (79), non voglio diventar verde, per effetto della rabbia; no pottànta s'ogu puntu (109), lett. non avevano l occhio punto, non avevano l occhio iettatorio, che porta sfortuna ; in realtà l'espressione significa avere buon gusto nello scegliere, scegliere le cose migliori ; minci e chi si a' parau e pottau a segu' de carru ( ), lett. fottuto, maledetto chi vi ha partorito e portato sulla parte posteriore del carro, cioè fottuto, maledetto chi vi ha partorito e cresciuto ; tristus, mannus e nieddus (114), lett. molto tristi, afflitti, e neri ; torreus a passu (116), lett. recuperiamo il passo, cioè chiudiamo la digressione, torniamo al discorso originario ; l'espressione metaforica si riferisce probabilmente alla coreutica, al ritmo e ai passi delle danze tradizionali eseguite in piazza, dove può capitare che qualche ballerino perda il passo per distrazione; ca no mi 'ollu annischizzai (117), perché non voglio infastidirmi ; i apustis s'annischizzais (181), e poi vi infastidite ; su nischitzu è la noia, il fastidio : la parola, secondo Max Leopold Wagner, deriverebbe dall'aggettivo nischitzosu, metatesi dell'italiano schizzinoso ; basciu pena de scomunioni (129), sotto pena di scomunica ; ddu' ad a cabai in prumu (156), ci finirà direttamente ; una maniga de ladronis (172), lett. un fastello, un covone di ladroni, cioè un gruppo di ladroni ; la metafora è presa dal lessico della mietitura, dove si indica con il termine mannugu il qantitativo di steli di grano che è possibile afferrare con una mano e tagliare, mentre il termine màniga designa l'insieme di cinque mannugus; ca ognunu boid intrai me in su cuu de su cumpangiu ( ), lett. poiché ognuno vuole entrare nel sedere del compagno, cioè poiché ognuno intende fregare il prossimo ; e ita totu imprabastais (180), lett. che cosa mescolate, cioè che cosa fate ; minci e chini s'ad isbiddiau (198), lett. fottuto, maledetto chi chi vi ha rotto il cordone ombelicale, cioè fottuto, maledetto chi chi vi ha fatto nascere ; attura' fendu marietas (209), si trattiene a fare giochetti ; e a mimmi no m'ei' bogau (217), lett. e su di me non avete sparso la voce, cioè quanto a me, avete fatto circolare la voce. Si tratta infatti di un'espressione antifrastica ma non ironica tipica del sardo, nella quale si ricorre di fatto alla forma negativa ('non m'eis bogau') per significare invece un valore constatativo-assertivo, talvolta venato di stupore, per cui l'espressione significa all'incirca quanto a me - non me lo sarei mai aspettato! - avete fatto circolare la voce ; no e' nudda ancora su sciaccu (460), lett. il danno, il disastro, la disgrazia è ancora di dimensioni modeste, cioè ancora i guai per voi devono arrivare.

16 senza chi sianta contadas cuattru brabeis angiadas i atras tres allattantis chi cincu dis innantis po essi troppu pittias i si ddui fuanta istruias. Ddui fud u' angioneddu senza de teni s'annu, chi a pasci, su scureddu, no podia' mancu bassí, ca ddi luxía' su piu de cantu fu' grassu, ni a de notti ni a de dì. Ddui fu' su crabu mannu, ddui fu' su mascu `e ghia e u' antru chi ndi tenia chi donni' annu, po Pasca, sena nienti de malu, a una gommai mia ndi fadia s'arregalu. E po tali sinnali pottànta is pegus mius totus sa gutturada. Pottàda su crabu sou, po chi essi' fattu scidu, sonalla e pitaiou. Su tontu! A no ai sonau candu ndi dd'anti liau, ca ndi fuia bassiu cun sa daga e is trumbonis, ca si ant'essi cagau po finzas is crazzonis. Basta', sigaus a nai ca no mi 'ollu imbidrigai: is brabeis fuanta nieddas e pottànta po sinnali is origas ispizzadeddas; fuanta is angioneddus bellus i arruffadeddus e po essi cannotus fuanta sena coa i a corrixeddus trottus. I' mascus fuanta totus de una manta e unu cabori: ddu' indi fudi unu brabudu e u' antru incorradori e po tali sinnali, poita sèmpiri attumbàda, unu corru dd'ammancada. Is crabas e i su crabu fuanta a lana ammasturada, piu longu e piu cruzzu, e totu accaddaionada; unu solu ddu' indi fudi chi camminàda zoppu poita nci fudi arrutu a intru de unu garroppu. Una nd'anti lassau, ca fu' totu arrungiosa, screpada e ziddiccosa. Il resoconto dei danni subiti viene esposto in forma dettagliata e precisa, animale per animale. In questa lunga e minuziosa catalogazione s arrettori dà l'idea di conoscere molto bene il mondo agro-pastorale. Dal contesto si possono estrapolare tre importanti particolari che lasciano immaginare il tipo di rapporto e quanto egli fosse attaccato ai suoi animali. Il primo riguarda l'enfasi con il quale descrive un agnellino: ca ddi luxia su piu de cantu fu grassu [poiché gli luccicava il pelo per quanto era grasso]; il secondo quando rimprovera il maschio da guida, l'unico munito di campanello e campanaccio, per non aver dato la sveglia quando i malviventi erano entrati nell'ovile: Su tontu! A no ai sonau candu ndi dd anti liau ; mentre il terzo riguarda l'amara consolazione nel rilevare che non tutti gli animali erano stati portati via. Era rimasta solo una capra ma non certo la più bella: Una ind anti lassau ca fu totu arrungiosa screpada e ziddiccosa [ era rognosa, screpolata e cisposa]. L universo zoologico L'universo zoologico di Predi Antiogu si distribuisce nel testo de Sa scomuniga in tre distinti contesti di occorrenze: nell'inventario dei capi di bestiame rubati al sacerdote; nella descrizione dell'iconografia tradizionale del diavolo e all'interno di espressioni idiomatiche della lingua sarda. Riportiamo di seguito l'elenco degli animali citati e i riferimenti a loro caratteristiche: Cabonis (3), galli ; puddas (3), galline ; accuiai (2), appollaiarsi ; crabas (8) (30) (45) (95) (414), capre ; brabeis (47) (80) (173) (414), pecore ; angioneddu (52) (83) (173), agnellino ; crabu mannu (59) (69) (95) (210), caprone ; mascu 'e ghia (60) (88) (579), maschio da guida ; pegus (67) (375), capi o bestie ; gutturada (68), collare ; po chi essi' fattu scidu (70), affinché avvisasse ; is origas ispizzadeddas (82), le orecchie spuntate ; de una manta e unu cabori (89), di un unico mantello e colore ; a lana ammasturada (96), dal mantello variopinto ; piu longu e piu cruzzu (97), pelo lungo e pelo corto ; accaddaionada (98), sporca di caccole ; arrungiosa (104), rognosa ; manta pinturina (124), dal mantello variopinto ; bestiamini (150), bestiame ; baccas e bois (174), vacche e buoi ; mraxanis (185), volpi ; gattu (186), gatto ; cani (189), cane ; intruxu (242), avvoltoio ; moenti (245) (580) (670), asino ; zrapenti (246), serpente ; iscropionis (248), scorpione ; pìberas e caborus (249), vipere e serpenti ; tigris e lionis (251), tigri e leoni ; bremi (264), verme ; procu (336) (409), maiale ; beccus (658), lett. becchi, maschi delle capre, ma metaforicamente anche cornuto.

17 E una strumbonada 'e balla ddisi ghettint a s'ammuntu, ca po essi a su scuru no pottànta s'ogu puntu! Ehi... chi mindi fui accatau, minci e chi si a' parau e pottau a segu' de carru, ca sind' ia fatt' andai tristus, mannus e nieddus, sena conca ni ciorbeddus. Basta', torreus a passu, ca no mi 'ollu annischizzai. A prus de su chi apu nau, chi casi mi scarescía, ddui fu' su mascu sanau, ca donni' annu dd' 'occìa po Santu Liberau, e po tali sinnali fud a manta pinturina e pottàda u' ogu scioppau de una puntura 'e ispina. Eccu totu, in concrusioni, su chi e' mancau a mimmi. Basciu pena de scomunioni e scomunioni maggiori a is chi anti furau a s'arrettori. Po odrini de Munzannori is chi nd'anti pigau abettu e ddu tenint in serchetu funti totus obbrigaus a ndi fai relazioni in Curia o in cunfessioni, chini at essi chi si bollat a ddu depi dannunziai est obbrigau amarolla. Populu disdiciau, temerariu e prepotenti, chi non lassas cosa in logu, ascutta e poni menti a su chi na' Predi Antiogu, asinuncas t'impromittu chi t'ap' a fai unu scrittu chi per' is arranconis, sartus e bidazzonis, de bestiamini e de lori no ddu' ad a abarrai cambu, ni massaiu, ni pastori (ohi, amomia, oddeu) e chi totu sa 'idda intera, senz' 'e nisciuna spera, ddu' ad a cabai in prumu, e mannus e pittius, a sa 'ia 'e su fumu! Populu archiladori, abbandonau de giai de sa manu 'e su Criadori, torrandi a penitenzia! Si miticoi no ti sboddias de is affarius de cuscienzia, incappa ti ddui troddias. In questa terza parte il sacerdote conclude con la descrizione delle bestie rubate. Subito dopo questa lunga prolusione, per ordine del Monsignore e facendo esplicito riferimento alla pronunzia di una imminente scomunica, invita tutte le persone a conoscenza dei fatti a farne denuncia in Curia o in confessione. Esorta quindi quel popolo di ladri, definito sfacciato, temerario e prepotente, ad ascoltare e obbedire a tutto ciò che avrebbe detto. In caso contrario, minaccia di compiere una fattura tale da annientare ogni genere di vita, sia nel villaggio che nelle terre vicine e lontane. Esclamazioni e locuzioni interiettive Le esclamazioni e le locuzioni interiettive si distinguono in diverse tipologie a seconda dell'interpretazione che hanno nel lessico della lingua: possono essere univoche, come nel caso di ehi, ohi, etc. (hanno, cioè, un'unica interpretazione olofrastica), oppure plurivoche, come nel caso di unu tiau!, su tontu!, etc. (che, oltre ad avere un'interpretazione olofrastica, appartengono anche al lessico del linguaggio articolato). Ne riportiamo una selezione: Su tontu! (72), lo stupido! ; E una...(106): introduce formule augurali o, più spesso, imprecative; ehi (110), eh, esprime rammarico e indignazione; minci e chi...(111), fottuto, maledetto chi..., introduce formule imprecative ; eccu (127), ecco, forma riassuntiva e conclusiva; Ohi (153), ohi, esprime dispiacere e sofferenza; amomia (153), mamma mia ; oddeu (153), mio Dio ; ischì ischì (166), esprime incitamento, suvvia ; e ita tiau de manera (179), lett. che maniere sono queste, esprime meraviglia e disapprovazione; minci anca seis bassius (195), lett. maledetto il posto da dove siete usciti, cioè maledetto il ventre materno che vi ha partorito ; minci e chini s'ad isbiddiau! (198), lett. maledetto chi vi ha tagliato il cordone ombelicale, cioè maledetto chi vi ha fatto nascere ; Cropu de anca seis arrutus! (216), lett. il corpo dal quale siete caduti!, cioè accidenti a chi vi ha dato i natali!, esprime meraviglia venata da disapprovazione; Ohi... amomia scura! (235), forma composta dall'interiezione sarda oi + l'italiano mamma mia, sardizzato, seguito da scura con il significato di infelice ; mincidissu e ita giogu (254), che diavolo di gioco ; ahi! (262), ahi, esprime dolore; Minci e chi si a' parau! (599), maledetto chi vi ha partorito ; unu tiau (608), un diavolo ; Minci e chini s'ad isbiddiau e pottau a segu' de carru! ( ), lett. maledetto chi vi ha tagliato il cordone ombelicale e portato dietro il carro, cioè maledetto chi vi ha fatto nascere e crescere ; Oh, ita mobentis chi seis! (670), oh, che asini che siete! ; Ellu e duncas? (675), e allora?.

18 Ischì... ischì... Liori, cun totu' cantu is tiaus. Ma poit' e' chi sind'arrieis? Ma labai ca seis maus! Peus de osatrus no ddu' ind'adi e seis in comunidadi una maniga de ladronis. Ni brabeis e ni angionis e ni baccas e ni bois no pódinti campai sia' de 'idda o siada strangiu ca ognunu boid intrai me in su cuu de su cumpangiu. E ita tiau de manera, e ita totu imprabastais? I apustis s'annischizzais ca sinci 'ettant a galera: a sa frucca iad essi mellus e dd'ia a nai prus beni fattu ca seis tantis mraxanis e furuncus che i su 'attu, imbidiosus de s'allenu chi sindi sattant is ogus, praizzosus che i su cani ca 'olleis bivi de fura e senza de traballai; malandrinus sen' 'e contu e i su chi pari' prus tontu indi 'oddi' sa musca in s'aria! Minci anca seis bassius, infangaus finzas a bruncu in donnia sotti 'e peccau: minci e chini s'ad isbiddiau! Chini, malintenzionau, si uni' cun tres o cuattru bribbantis che a iss' 'e totu e ciccant a s'unu i a s'atru po ddu torrai a pedì, chi no ddu podint 'occì. Chini, malu-penzadori, boga' famas a su 'ixinu narendu chi frai Crispinu a is oras prus serchetas attura' fendu marietas e i dd'iad agatau su crabu gioghendu cun sa pobidda, candu chi totu sa 'idda ddu depid arraspettai, ca arrancu de gunnedda no ndi dd'ad andau mai. Cropu de anca seis arrutus! E a mimmi no m'ei' bogau, aici sindi 'oghint is ogus e i s'aba de su figau, chi a mesudì toccau i mi seu abarrau aundi e' 'ommai Prudenzia a fai su meigamma, candu chi sa scuredda no potta' mancu dentis Dopo aver invocato le forze del male, Predi Antiogu si spinge in una singolare riflessione verso gli irriverenti responsabili del misfatto. A loro, prima pone la domanda: Ma poit e chi sind arrieis? [ma perché ridete?], poi li accusa di essere cattivi, furbi come le volpi, ladri come i gatti e invidiosi dei vicini. Ma l'accusa più grave che egli rivolge a questa gente è quella di essere dei malvagi, che vanno in giro a spargere maldicenze nei confronti di frate Crispino, accusato di essere stato scoperto dal marito tradito mentre giocava con la moglie, ed anche nei propri confronti, quando viene accusato di rimanere a fare la siesta a casa di comare Prudenzia. La filippica del rettore continua, mettendo in risalto vizi e difetti dei suoi paesani, intrecciando similitudini e metafore tali da rendere il contesto ridicolo e grottesco. Riferimenti a parti: Del corpo umano Ogu (109) (218), occhio ; conca (115), testa ; ciorbeddu (115), cervello ; bruncu (196), muso ; isbiddiai (198), tagliare il cordone ombelicale ; figau ( ), fegato ; dentis (225), denti ; su sessu femininu (256), la vulva ; su sessu masculinu (258), il pene ; sa schina (260), la schiena ; cuu (261), sedere ; su coru ( ), il cuore ; pitturras (335), petto ; i' cillus (588), le sopracciglia. Degli animali Origa (82), orecchio ; coa (86), coda ; corru (87) (94) (244) (579), corno ; manta (89), manto ; piu (97), pelo ; farruncas (242), artigli ; ungheddas (245) (580), zoccoli ; conca (247), testa ; zudda 'e procu (336), setole di maiale.

19 e sena de contai atrus incumbenientis? Seis 'osatrus is bribbantis, bagadìus e bagadìas, chi a sa muda i a su scuru inci 'esseis a manu muru candu no ddu e' babbai, ca tengu finza bregungia de ddu nai me in s'artai. Ohi... amomia scura! A no iscì ca ddù e' su 'nferru, a no tenni paura de cussa bestia `e Luziferru! E no ddu biei' pintau ca potta' su fruccaxu e sa coa de azzraxu cun farruncas de intruxu? Cadebai a Coixedda, cu' is corrus trottoxaus e is ungheddas de moenti a groppas de su zrapenti ca potta' setti concas sena contai is iscropionis, pibaras e caborus chi ddu' ind'adi a ceddonis. E tigris e lionis e cantu no ddu' ind'adi! Cantu brabaridadi! Mincidissu e ita giogu ddui faid u' tiaueddu: a su sessu femininu iddi 'etta' prumu scallau; a su sessu masculinu ddi brintad una barrina chi ddi passa' me in sa schina e si ndi dd'ogad in cuu. Ahi, ddu' ind'a' de tremi e de fai orazioni, mancai fessid unu bremi. E non prangeis ancora, ca seis totus crocobendi? Satana, bessi a foras de cussu fossu prefundu e ingiriammidda a tundu custa 'idda 'e frammassonis e bogandeddus a truba de per' is arranconis, ca ti ddu cumandu 'eu: poninceddis unu tarrori a custa genti schirrioba; chi is domus s'isbèntuinti che i sa palla in s'axroba, ca abbisongiu e' chi pòttinti su coru e su figau. Ma ita mincialli chi seu: a chini predicu 'eu? A is truncus o a sa pedra? Ma chi zerriu... (no, medra!). E chi fu' po un'arriabi sa scomuniga papabi Per Predi Antiogu i veri birbanti sono i celibi e le nubili. Sono loro, difatti, che in assenza dei padri, in silenzio e al buio, di soppiatto vanno dietro il muro e s'intrattengono a fare giochetti. Nel proferire queste accuse, egli ha quasi imbarazzo nel farlo dall'altare; ma tale e tanta è la vergogna che sente l'esigenza di ricordare a questi giovani che esiste l'inferno comandato da Lucifero. Egli immagina questa bestia, tutta colorata, con la coda d'acciaio, gli artigli d'avvoltoio e con il tridente in mano; le corna ritorte e gli zoccoli d'asino, seduto in groppa ad un serpente che ha sette teste, senza contare gli scorpioni, i leoni, le tigri, le vipere ed i serpenti che gli stanno attorno. Accanto a cotanta barbarie, c'è anche un diavoletto che fa i giochetti: al sesso delle donne butta addosso piombo fuso, mentre trapassa quello degli uomini con un succhiello che, passando per la schiena, fuoriesce dal sedere. Ma tutto questo non gli basta: nell'invitare tutti a piangere, invece che spettegolare, invoca Satana ad uscire dall'inferno. A lui comanda di circondare questo villaggio di miscredenti, di tirarli tutti fuori con violenza dai loro nascondigli e incutere loro tanto di quel terrore da far volare le case in aria come la paglia nell'aia. È questo il momento cruciale del sermone. Predi Antiogu comprende che sta predicando a vuoto, nel nulla, come se davanti a lui non ci fossero uomini, ma solo tronchi e pietre. Decide perciò di irrogare la scomunica papale. La vis ironica di Predi Antiogu Il poemetto è pervaso da una sottile vis ironica e, spesso, autoironica, come si evince da alcuni brani di seguito selezionati: Chi a mesudì toccau i mi seu abarrau aundi e' 'ommai Prudenzia a fai su meigamma, candu chi sa scuredda no potta' mancu dentis e sena de contai atrus incumbenientis? ( ), che dopo pranzo mi sarei intrattenuto con comare Prudenzia a fare la siesta, mentre alla poveretta mancano i denti e senza cosiderare altri possibili inconvenienti? ; Ma chi zerriu... (no, medra!) (283), ma a chi urlo io... (no, merda!) ; liburus de 'ommai Osanna (316), libri di comare Osanna ; et stercus demoniorum (441), e sterco dei demoni ; et in testimonium veritatis siant cum malandrinis acqua, sulfur et ignis, et geennam sempiterna, chi no sciu ita tiau ad essi (445)(449),..., che non so proprio di che diamine si tratti.

20 ddisi 'ettu in su mamentu e ind'apu a fai scramentu ca ind'ant a tenni pena cantu ddu' ind'adi in su 'nferru, in su cuu de sa cadena. Prestu, 'oppai Ninni Frori, su sragastanu maggiori, bitteimindi is candebeddas: labai ca funti tresi, asutta 'e su faristou, una groga e duas nieddas, cumanzaiddas a allui e giai chi seis inguni, arregollei s'ebriariu, totu' is arrasponsorius e cun s'antifonariu, sa cappa de pontificabi, s'asprassoriu e su missabi e istreppus cantu ddu' adi, ca deu gei tengu innoi sa scrittura de is Profetas, is orazionis serchetas e is brebus de Salamoni, is salmus sabatinus cundun'atera orazioni cosa chi apu fattu 'eu: Alfea, betta, agios, o Teu, mega, solfa, eleison, imas, vanitas, copua e gimas, disperditio demoniorum, liburus de 'ommai Osanna, chi ant a tremi che i sa canna totu' is contribulaus, virtus, psalmorum martirizaus, e is iscrittus de Predi Giacu. Immoi 'os apu a fai biri s'onnipotenzia mia cun totu sa teologia chi pottu ananti 'e is ogus, chi anti a fueddai is tiaus mancai fessint a arrogus e cun s'ornamentariu, istrumentu poderosu de mimmi su Vicariu, chi ad a fai ammoddiai po totu su sparimentu su coru prus azzraxau e ddu depid annichilai mancai fessi' de stoccu o chi pottid in pitturras su piu che zudda 'e procu. Adduncas incumanzeus: siant iscomunigaus e anatematizzaus ab homine et latae sententiae interditae suspensionis censura de ogn'incremenzia de scomunioni maggiori chi ddi fessi' fruminada de sa Curia de Arromas, La cerimonia ha inizio. Predi Antiogu invita compare Ninni, il sacrestano maggiore, a portargli prima di tutto le tre candeline che si trovano sotto il leggio (una gialla e due nere) e a cominciare ad accenderle, nonché tutte le scritture, i salmi e le orazioni, in aggiunta al manto con il cappuccio pontificale, l'aspersorio, il messale e tutte le bardature. Munito di tutti gli strumenti previsti per dare inizio al rito e rivolto ai presenti, pronuncia la seguente frase di grande effetto scenico: Con tutto l'armamentario e la teologia che ho davanti agli occhi, adesso vi farò vedere quanto è poderosa la mia onnipotenza. Anche se non lo volessero fare, ne parleranno perfino i diavoli, perché essa sarà così distruttiva, che per l'effetto che produrrà, anche il cuore più duro sarà annientato. Le espressioni metaforiche Nel testo de Sa scomuniga sono reperibili innumerevoli esempi di usi metaforici del linguaggio, come del resto ampiamente presenti nella lingua sarda. Eccone alcuni: E i dd'iad agatau su crabu gioghendu cun sa pobidda ( ), e lo ha scoperto il caprone (= il marito tradito, dunque cornuto) a giocare con la moglie ; ca arrancu de gunnedda no ndi dd'ad andau mai ( ), poiché l odore di gonna (= il profumo di donna) non gli è mai stato familiare ; chi ad a fai ammoddiai po totu su sparimentu su coru prus azzraxau ( ), che per tutto l esperimento intenerirà anche il cuore più duro ; It'ap'a nai immoi a is eguas colludas? ( ), Cosa dirò adesso alle donne lussuriose e sfacciate? ; E finzas po tres arriabis 'osi feis iscrapuddai ( ), e persino per tre reali vi fate fottere.

La scomunica di Prete Antioco

La scomunica di Prete Antioco La scomunica di Prete Antioco Popolo di Masullas, che all ora di rinchiudere galli e galline uscite a curiosare: ascoltate con attenzione tutto quello che dico per vedere se ho ragione di cercare le mie

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE)

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) di Ilaria Grazzani, Veronica Ornaghi, Francesca Piralli 2009 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione R. Massa, Università degli Studi di Milano Bicocca Adesso ti

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

il commento al vangelo della domenica

il commento al vangelo della domenica il commento al vangelo della domenica CHI DI VOI E SENZA PECCATO, GETTI PER PRIMO LA PRIETRA CONTRO DI LEI commento al vangelo della quinta domenica di quaresima (13 marzo 2016) di p. Alberto Maggi: Gv

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

La Santa Sede VISITA ALLA PARROCCHIA ROMANA «SANTA MARIA MADRE DEL REDENTORE A TOR BELLA MONACA» PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO

La Santa Sede VISITA ALLA PARROCCHIA ROMANA «SANTA MARIA MADRE DEL REDENTORE A TOR BELLA MONACA» PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO La Santa Sede VISITA ALLA PARROCCHIA ROMANA «SANTA MARIA MADRE DEL REDENTORE A TOR BELLA MONACA» PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO III Domenica di Quaresima, 8 marzo 2015 [Multimedia] CHIESA DI SANTA GIOVANNA

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Sa mama de funtana. Comunu de Xrèxei. Ufìtziu de sa Lìngua sarda. Contus antigus 2. Sighit sa tradutzioni in italianu.

Sa mama de funtana. Comunu de Xrèxei. Ufìtziu de sa Lìngua sarda. Contus antigus 2. Sighit sa tradutzioni in italianu. Comunu de Xrèxei Ufìtziu de sa Lìngua sarda Contus antigus 2 Sighit sa tradutzioni in italianu Ztia Fustìghina D ònni annu, una pòbura becìtedda de nòmini tzia Fustìghina bèssiat a cicai linna s ùrtima

Dettagli

GLI ANIMALI. Percorso didattico per la classe prima VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO

GLI ANIMALI. Percorso didattico per la classe prima VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO GLI ANIMALI VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI Percorso didattico per la classe prima ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO QUALI ANIMALI ABBIAMO? Iniziamo il percorso con una conversazione: parliamo con

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa Dott.ssa Amanda Panebianco Psicologa psicoterapeuta Servizio di psicologia ospedaliera ASL TO4 L inizio della relazione d

Dettagli

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1 NOME CLASSE... DATA... Verifica delle conoscenze 1. Chi sono, di solito, i protagonisti delle favole? a animali c uomini b animali umanizzati d oggetti 2. Qual è lo scopo delle favole? a divertire b annoiare

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

San Pietro e i suoi successori

San Pietro e i suoi successori San Pietro e i suoi successori Antonio Sanna SAN PIETRO E I SUOI SUCCESSORI prosa 1 volume www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Antonio Sanna Tutti i diritti riservati Ringrazio mia moglie e i miei

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Giornata Mondiale per l Eliminazione delle Violenza sulle Donne Le vie della dipendenza relazionale sono spesso tracciate da un trauma infantile

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 2 2 La cucina dai sapori africani S O M M A R I O In Prima 1 Pulizie 2 Eventi 3 Manutenzione 3 Articolo 4 Fashion Pazzi di caffè 5 La cucina è il settore

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda La locandiera PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda 5 10 Atto I La scena si rappresenta a Firenze, nella

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

UN REGALO INASPETTATO

UN REGALO INASPETTATO PIANO DI LETTURA dai 5 anni UN REGALO INASPETTATO FERDINANDO ALBERTAZZI Illustrazioni di Barbara Bongini Serie Bianca n 64 Pagine: 48 Codice: 566-0469-6 Anno di pubblicazione: 2012 L AUTORE Scrittore e

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere Nina Cinque Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere TITOLO: FESTA DI COMPLEANNO PER BAMBINI: Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana!

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008

Essere con - Essere per Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Bellissima la coincidenza odierna, qui al Suffragio, che celebra insieme la festa

Dettagli

Le righe della zebra

Le righe della zebra COGNOME... CLASSE... DATA... 5 10 15 20 25 Le righe della zebra C era una zebra che si vergognava moltissimo delle sue righe nere, avrebbe preferito essere un cavallo. La zebra stava dentro una gabbia

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli