VARIE TIPOLOGIE DI DISABILITA GUIDA ALLE PRINCIPALI PATOLOGIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VARIE TIPOLOGIE DI DISABILITA GUIDA ALLE PRINCIPALI PATOLOGIE"

Transcript

1 MODULO 01 VARIE TIPOLOGIE DI DISABILITA GUIDA ALLE PRINCIPALI PATOLOGIE Although retarded children may be victims of fate, they will not be the victims of our neglect. J. F. Kennedy Donatella Donati -Pagina 1 di 14

2 INDICE DEI CONTENUTI INSUFFICIENZA/RITARDO MENTALE RITARDO MENTALE e MALATTIA MENTALE EZIOLOGIA -SU BASE ORGANICA- DEL RITARDO MENTALE Fattori Prenatali Fattori Perinatali Fattori Post-Natali SINDROMI GENETICHE PIÙ NOTE Sindrome di Down Sindrome del cromosoma X fragile LESIONI DEL MIDOLLO SPINALE Poliomielite Anteriore Acuta - Malattia di Heing-Medin Traumi Midollari PARALISI CEREBRALE INFANTILE DISTROFIE MUSCOLARI EPILESSIA AUTISMO Cosa non è l autismo Cos è l autismo PSICOSI Schizofrenia NOTIZIE UTILI Soggetti affetti da DIABETE Bibliografia essenziale Note al testo Donatella Donati -Pagina 2 di 14

3 INSUFFICIENZA/RITARDO MENTALE Insufficienza mentale è un termine, consigliato nel 1954 dall O. M. S. è, ancora oggi, spesso usato genericamente per definire un deficit delle capacità intellettive. Poiché questo tipo di classificazione viene usata frequentemente, si ritiene di fondamentale importanza sottolineare che, soprattutto in ambito pedagogico, questo deve essere utilizzato come uno fra gli indicatori, di un quadro composito e complesso, di cui fare una lettura ed una interpretazione molto attenta. Molte sono le classificazioni delle disabilità che esistono in letteratura e altrettanti, quindi, i criteri su cui si basano. Ogni quadro teorico, infatti, individuando il proprio livello di analisi delle problematiche che intende indagare, fornisce un suo modello fondamentale che permette di comprendere il significato dei fenomeni che vuole spiegare. Se ne forniscono alcuni esempi a. anatomopatologica o patogenetica; b. patologica-sociale: subordinata al criterio di adattabilità all ambiente sociale; c. psicometria: si riferisce al Q.I. - Quoziente Intellettivo -; d. neurologica: basata sulla sede anatomica della lesione; e. classificazione naturalistico-descrittiva: proposta in termini di sindromi; in ogni caso, quale sia il modello (medico o psicometrico) ogni sistema di classificazione mescola quasi sempre in modo insoddisfacente parametri valutativi diversi. In alcuni casi, ad esempio, viene evidenziato l aspetto eziologico(classificazione proposta da Grossman), in altri quello relativo alla gravità (come quello psicometrico), in altri ancora quello fenomenico o sintomatico, in cui ogni termine viene usato per far riferimento a raggruppamenti di sintomi (Meazzini, 1997, p. 28) E importante comprendere che sono tutte schedature di comodo, sicuramente non inutili dal punto di vista della ricerca ma poco significative sul piano rieducativo ed educativo se il concetto guida è la globalità dell individuo. Possono essere causa di una vera discriminazione tra i soggetti diversamente abili e determinare disparità di interventi. Soprattutto in ambito pedagogico-educativo, è necessario andare oltre l etichetta diagnostica e conoscere la specificità di ogni individuo se non vogliamo che categorie linguistiche riduttive rendano falsamente omogenei problemi che sono, invece, diversi. Si deve rilevare, però che, negli ultimi anni, nelle classificazioni sta prendendo piede il criterio della funzionalità o adattamento comportamentale 1, che possiamo definire trasversale a tutti gli altri. Poiché la classificazione psicometrica è quella che più da vicino tocca la scuola, se per definire l insufficienza mentale si parte dal presupposto delle minori capacità intellettive, è opportuno fare alcune riflessioni di carattere più generale. Il concetto di intelligenza è altamente complesso e probabilmente indefinibile in modo univoco. Se vogliamo considerare intelligente una condotta quando è in sintonia con il contesto situazionale in cui il soggetto agisce, possiamo affermare che ogni attività è una manifestazione di intelligenza quando è frutto di un adattamento all ambiente. Le capacità cognitive ci consentono di costruire strutture cognitive che permettono: il formarsi di concetti astratti, il ragionare logicamente o, utilizzando l esperienza e l apprendimento, di adattare quelli già esistenti per affrontare novità. Esse, quindi, non si estrinsecano solo nella soluzione di problemi percettivi, motori o logici ma anche nell affrontare, con competenza, le situazioni sociali, così come dal punto di vista affettivo, si estrinsecano nell imparare a controllare gli impulsi e i desideri e a tollerare le frustrazioni. Se viene considerata l importanza dei fattori affettivi sullo sviluppo intellettivo, possiamo prendere atto di un ritardo evolutivo, individuando una inibizione intellettiva senza identificarla necessariamente come una INSUFFICIENZA, che invece esprime una realtà determinata e definita. 1 definito come <la capacità mostrata dalla persona di raggiungere i livelli richiesti di autonomia personale e responsabilità sociale da parte del gruppo sociale di appartenenza, in funzione del diverso livello di età>. Donatella Donati -Pagina 3 di 14

4 Ciò non significa negare l esistenza di soggetti con seri ritardi nello sviluppo intellettivo ma, piuttosto, affermare che le capacità cognitive di quelli che vengono definiti INSUFFICIENTI non corrispondono alle prestazioni richieste. Se il criterio diagnostico dell I.M. si uniforma solamente alle metodologie di misurazione del Q.I., considerando possibile che gli individui vengano confrontati secondo una scala obiettiva, rivela l idea di un intelligenza quantitativa, statica e che procede per acquisizioni successive ritenendo, quindi, che le capacità intellettive aumentino con l età con un processo di sviluppo che procede secondo una progressione lineare, passibile di misurazione. Il più recente concetto di RITARDO MENTALE, considerando il problema in modo più globale, si discosta dalla valutazione del solo deficit intellettivo e lo rappresenta come una realtà composita in cui sono implicati fattori fisiologici, psicologici, sociali, culturali ed educativi, definendolo più come un modo di essere determinato dal rapporto dialettico dell io del soggetto con i suoi vari deficit strumentali. Per esempio, secondo Grossman (Grossman, cit. Meazzini, 1997: 28), durante l infanzia e la prima fase adolescenziale, è atteso un adeguato sviluppo nelle abilità: 1. sensomotorie; 2. di comunicazione; 3. autonomia, 4. sociali: capacità di interagire con gli altri; mentre durante le altre fasi di sviluppo adolescenziale è attesa un evoluzione per quanto riguarda le abilità: 1. scolastiche e loro utilizzazione nelle attività quotidiane; 2. cognitve (ragionamento ecc.) nella gestione dei problemi; 3. sociali: partecipazione alle attività di gruppo; nell età adulta è attesa la capacità di presa di responsabilità lavorative e civiche. In questo contesto il grado di ritardo mentale definito con il Q.I. i viene ad essere un elemento di conoscenza che ci aiuta ad affrontare la complessa analisi dei vari processi evolutivi del soggetto con cui ci troviamo ad interagire. RITARDO MENTALE E MALATTIA MENTALE L approssimazione terminologica, purtroppo ancora oggi esistente, ha determinato una commistione di immagini concettuali, di servizi d assistenza e di sostegno sociale per i soggetti portatori di handicap mentale (insufficienti o disabili mentali) e per soggetti malati (disturbati) di mente. Anche se, talvolta, l insufficienza mentale e la malattia mentale si presentano associate nello stesso soggetto è, tecnicamente e socialmente, opportuno separare le due distinte realtà. L INSUFFICIENZA MENTALE: il soggetto insufficiente mentale è abilitabile in rapporto alle sue residue attitudini e capacità (potremmo definire improprio parlare di riabilitazione e recupero). LA MALATTIA MENTALE, generalmente, presentando vari tipi e gradi di sviluppo del comportamento, si tratta più di devianza dalla norma che di incapacità di adattamento sociale. Il malato di mente è funzionalmente disadatto ma è teoricamente recuperabile e riabilitabile, mentre l insufficiente mentale è inadattato adattabile. EZIOLOGIA -SU BASE ORGANICA- DEL RITARDO MENTALE Solo il 20% dei casi di ritardo mentale è dovuto a fattori organici ad eziologia dimostrata, che possono essere raggruppati, secondo la cronologia, in tre categorie: Donatella Donati -Pagina 4 di 14

5 FATTORI PRENATALI SINDROMI MALFORMATIVE CRANIO-ENCEFALICHE Rientrano in questa categoria diagnostica tutte quelle patologie legate a malformazioni encefaliche, craniche e cranio- facciali. Alcuni esempi: le microcefalie: quando l indice cranio-cefalico è inferiore a 77 (rapporto tra diametro trasversale e antero-posteriore X 100). La deformazione cranica è direttamente proporzionale alla diminuzione del peso del cervello, quando questo é inferiore a 1000 gr.; le idrocefalie : l anomalo accumulo di liquido cefalorachidiano sia nei ventricoli (idrocefalia interna) che negli spazi sub-aracnoidei (idrocefalia esterna). Importante chiariche che di per sé non è una malattia ma è l espressione sintomatologica di differenti condizioni morbose sia congenite che acquisite, dovute, ad esempio, anche a: infiammazioni, infezioni (es.: la toxoplasmosi connatale=trasmessa al feto dalla madre ), tumori. INFEZIONI VIRALI: Infezioni virali quali: embriopatie da rosolia ed encefalopatia da toxoplasma. ENZIMOPATIE EREDITARIE Sono caratterizzate da un difetto enzimatico che comporta lesioni del sistema nervoso del bambino il cui cervello, al momento della nascita è ancora in evoluzione. Sono spesso accompagnate da danni epatici, splenici, cardiaci, vascolari, ossei, cutanei e da lesioni oculari. Tra le alterazioni del metabolismo degli aminoacidi (amino-acidurie dismetaboliche) la più conosciuta è: FENILCHETONURIA o MALATTIA DI FOLLING anche se rara, la sua precocità di reperimento che consente di evitarne gli esiti negativi a livello mentale, l ha resa famosa. Il bambino alla nascita è normale. Il ritardo può essere evitato se la terapia farmacologica e dietologica interviene entro le prime settimane di vita. E dovuta alla non trasformazione della fenilalanina in tiroxina e all accumulo dei precursori (iperfenilalaninemia). ABERRAZIONI CROMOSOMICHE Le aberrazioni cromosomiche sono dovute ad errori che si manifestano nel corso della prima o delle prime divisioni dello zigote. Le alterazioni della meiosi possono determinare sia variazioni del numero dei cromosomi (alterazioni quantitative) che della loro struttura (alterazioni qualitative). Quelle numeriche sono dovute, generalmente, ad una non-disgiunzione dei cromosomi. Le aberrazioni di struttura sono dovute a rotture di uno o più cromosomi e assenza del normale processo riparatore. Alcuni esempi: aberrazioni numeriche autosomiche = sindrome di Down; aberrazioni di struttura = SINDROME DELL X FRAGILE (l estremità del braccio lungo del cromosoma X appare stirata); Donatella Donati -Pagina 5 di 14

6 SINDROME DEL VERSO DEL GATTO o <<cri du chat>> (delezione di metà circa delle braccia corte del cromosoma 5 determina una malformazione della laringe che provoca il grido che ricorda il miagolio del gatto. Caratterizzata da ritardo mentale grave, microcefalia, malformazioni cardiache. EMBRIO-FETOPATIE (=affezioni materne trasmesse al feto) Oltre alle già citate aggressioni infettive vi sono quelle di origine tossica quali: tossiemia gravidica (nefrite ipertensiva della madre); fetopatie alcoliche, tabagiche, da farmaci (es.talidomide). FATTORI PERINATALI la sofferenza fetale perinatale generalmente insorge per complicazioni da parto, per trauma fisico, ma più spesso per anossia dovuta non solo a cause meccaniche (es.: cordone ombelicale legato attorno al collo) ma anche a cause cardiache e polmonari. incompatibilità sanguigna feto-materna: fenomeno di iso-immunizzazione in una madre con (fattore Rhesus) Rh- incinta di un bimbo Rh+. FATTORI POST-NATALI infettivi: es. encefaliti acute convulsivanti, meningoencefaliti batteriche o virali. Un esempio è costituito dall erpete (= simile al virus citomegalico per quanto concerne gli effetti sul feto, acquisito spesso al momento del parto, provoca meningo-encefalite con cianosi, febbre, vomito, epatomegalia, coma, convulsioni; l evoluzione è molto grave.). post-vaccinali metabolici: ittero nucleare o encefalopatia bilirubinica. Molteplici cause possono determinare l aumento della bilirubina libera che oltrepassa la barriera ematoencefalica e si localizza nei gangli della base, nel midollo allungato, nella corteccia cerebrale. L ittero non trattato provoca in seguito spasticità extrapiramidale con sintomatologia coreoatetosica, oligofrenia (microcefalia), ipoacusia. SINDROMI GENETICHE PIÙ NOTE Sindrome di DOWN CENNI STORICI Prima comparsa in letteratura medica della sindrome di Down nel Esquirol nel 1838 descrive per la prima volta idioti di bassa statura con plica epicantale, testa piccola, e radice del naso depressa. Nel 1846 Seguin aggiunge alle caratteristiche suddette la presenza in questi soggetti di lingua grossa e fissurata, una spiccata sensibilità alle infezioni cutanee polmonari e naso tronco. Nel 1866 nella descrizione del LONDON HOSPITAL REPORTS, nella classificazione dei deboli mentali che Langdon-Down fa sulla base della morfologia della faccia, prendendo spunto dalle caratteristiche etniche presentate, collega la sindrome con la razza MONGOLICA e la denomina IDIOZIA MONGOLOIDE o mongolismo. La cultura di tipo evoluzionistico che a quel tempo poneva la razza bianca come massima espressione dell evoluzione porta Down alla spiegazione su base razziale della malattia: era definito segno di malattia il ritorno ad una razza definita meno evoluta. Nel 1895 Shuttelworth definisce il bambino affetto da questa sindrome come il bambino non completo unfinished child, poiché questi neonati presentano alcuni segni fisici che ricordano il feto nel 2 trimestre di gravidanza, Donatella Donati -Pagina 6 di 14

7 taluni dei quali sono conservati anche con la crescita. Nel 1959 J. Lejeune osserva che nel cariotipo di questi soggetti è presente. nella coppia 21, un cromosoma in eccesso (Lenzini - Baccicchetti, op. cit.) CAUSA DIRETTA Circa il 95% delle persone affette dalla sindrome di Down ha TRISOMIA 21 LIBERA COMPLETA ED OMOGENEA, causata da una non-disgiunzione (nondisjunction) cioè un difetto di funzionamento durante la meiosi -divisione cellulare- per cui due cromosomi non si separano e vengono trasmessi insieme. Circa il 4% ha la TRISOMIA 21 DA TRASLOCAZIONE (ROBERTSONIANA) cioè il cromosoma 21 invece di essere indipendente viene traslocato- trasferito su di un altro cromosoma (generalmente sul o 22 ). Importante sottolineare che circa il 50% di questo tipo di trisomia è di origine familiare, cioè uno dei due genitori è portatore (carrier) di questo rimaneggiamento. Circa l 1% è affetto da TRISOMIA 21 LIBERA COMPLETA A MOSAICO dovuta in una mancata disgiunzione di uno dei cromosomi 21 durante i primi stadi di sviluppo dopo il concepimento che comporta, in uno stesso individuo, la presenza di cellule con completa trisomia del cromosoma 21 e cellule normali (senza trisomia). Si presentano quindi come tessere di un mosaico, distribuite in percentuali estremamente variabili, cellule con 47 e cellule con 46 cromosomi. EZIOLOGIA Le cause indirette responsabili della trisomia 21 o di altri fattori che la condizionano non sono ancora ben chiariti. Rimaneggiamenti parentali I portatori di traslocazioni coinvolgenti il cromosoma 21 sono una categoria ad alto rischio anche se è dimostrato che il rischio di sbilanciamento cromosomico dipende dal sesso del portatore e dal tipo di traslocazione. dal 5% al 12% nei maschi - dal 12% al 165 nelle femmine. Mosaico parentale Comporta un rischio per la prole il fatto che uno dei due genitori sia portatore di trisomia 21 in mosaico a bassa frequenza (cioè possiede due linee cellulari: una normale e una con trisomia 21).Mosaici parentali sono stati riscontrati sia nelle madri che nei padri; non è attualmente possibile stabilire la frequenza nella popolazione di soggetti portatori di mosaicismi, in quanto questo reperto non può essere associato ad alcun effetto visibile e rimane pertanto sconosciuta fino al momento in cui si verifica la nascita di un bimbo affetto. Circa l 8% dei casi di ricorrenza familiare di trisomia 21 è dovuta a mosaico parentale. Effetto intercromosomico Allo stato attuale non vi sono prove che consentano di accertare un rapporto di causa-effetto tra un anomalia cromosomica in un genitore e una completamente diversa nel cariotipo della prole. Consanguineità dei genitori I dati sulla influenza della consanguineità sulla non-disgiunzione del cromosoma 21 sono ancora del tutto insufficienti e quindi controversi. Uno studio condotto nel 1980 nella popolazione del KUWAIT- che ha più del 50% di matrimoni contratti tra consanguinei - ha riscontrato un aumento del 4% della presenza sella sindrome rispetto ad un campione di controllo. Radiazioni ionizzanti Nonostante alcuni studi indichino una probabile correlazione tra radiazioni a basso dosaggio e il manifestarsi della trisomia 21, al momento attuale non si può dare una risposta definitiva a questo quesito essendo ancora controversi i dati disponibili. Contraccettivi (ormoni femminili) Non si ritiene, a tutt oggi, che i contraccettivi orali abbiano degli effetti nella non - disgiunzione cromosomica. Ruolo dell età materna Donatella Donati -Pagina 7 di 14

8 L incidenza dell evento è stimata intorno a 1:100 nelle donne con età superiore ai 38 anni e 1:2000 in quelle intorno ai 20 anni. Non è ancora completamente chiarito il significato del suddetto rapporto, poiché non si conosce il motivo dell effetto dell età materna, sono state formulate diverse ipotesi: -la lunga permanenza della cellula uovo allo stato di prima fase meiotica sia responsabile dell istaurarsi di eventuali danni dovuti all accumularsi di eventuali fattori -FISICI-CHIMICI o VIRALI nocivi, che posterebbero di conseguenza a una segregazione anomala (Ferguson - Smith, 1984). Sono però riportati dati che confermerebbero l aumento delle nascite di soggetti con trisomia 21 anche in madri molto giovani Penrose, 1963; Erickson, 1978). Si ipotizza che vi sia un ruolo dello squilibrio ormonale che si verifica sia verso la menopausa che nell età molto giovane. A tutt oggi, comunque, nessuna delle ipotesi è in grado di chiarire questa problematica. Ruolo dell età paterna Non si ritiene che l età paterna giochi un ruolo rilevante nella non-disgiunzione. PRINCIPALI SEGNI CLINICI DELLA SINDROME DI DOWN - Jackson et al da la Sindrome di Down a cura di Lenzini & Baccichetti 1. brachicefalia 2. rime palpebrali orientaleggianti 3. epicanto 4. blefarite o congiuntivite 5. macchie di Brusfield 6. nistagmo 7. bocca semiaperta 8. anomalie dei denti 9. lingua sporta 10. lingua con profonde incisure (scrotale) 11. palato arcuato 12. orecchie poco disegnate 13. collo corto 14. cute sovrabbondante al collo 15. mani corte e tozze dito corto 17. clinodattilia del 5 dito 18. solco palmare trasverso unico 19. aumentata distanza tra il primo ed il secondo dito dei piedi 20. cardiopatia 21. soffio cardiaco 22. ipertensione articolare 23. ipotonia muscolare Oltre alle caratteristiche somatiche note, di particolare rilevanza per la pratica dell attività motoria è la possibile instabilità assiale dell atlante (non corretto allineamento tra atlante ed epistrofeo - prime due vertebre cervicali), accertata in una percentuale che va dal 12 al 22% degli individui, molto più prevalente nelle femmine. Donatella Donati -Pagina 8 di 14

9 SINDROME DEL CROMOSOMA X FRAGILE Il recente sviluppo tecnologico ha portato alla scoperta di una nuova alterazione cromosomica denominata sindrome del cromosoma X fragile o di Martin-Bell che, secondo Spitz (1988) si contende con la sindrome di Down il primato di maggior fattore genetico quale causa di ritardo mentale. La prima osservazione risale al Sino all età prepuberale nei soggetti affetti da questa sindrome non risultano particolarmente evidenti anomalie fisiche. Ciò ne ha reso difficile la diagnosi e il conseguente ritardo mentale è stato attribuito a cause culturali e/o familiari. Le madri, portatrici di un alterazione strutturale di una piccola parte del braccio lungo del cromosoma sessuale X, denominata sito fragile, possono trasmetterla sia ai figli maschi, che risultano affetti dalla sindrome, sia alle femmine, che potranno essere o portatrici dell anomalia o affette (solo il 30%) da lieve ritardo mentale. Tale condizione non può essere trasmessa dal padre ai figli maschi. La frequenza si calcola possa essere di circa 1 caso su 1000 nati maschi, mentre sarebbe di circa 1 su 600 la prevalenza delle femmine portatrici (S. Del Gracco n1/98 Handicap Risposte). Pur non evidenziandosi segni neurologici anormali, il ritardo mentale conseguente a questa sindrome è mediamente classificato tra il lieve o moderato. Segni clinici di riconoscimento, che peraltro si evidenziano in età prepuberale sono generalmente: mani grandi; viso allungato con fronte ampia; fronte e mento sporgenti; padiglioni auricolari grandi e labbra grosse; macrorchidismo Vi è un ritardo nello sviluppo, ma i piccoli camminano, parlano e generalmente riescono a ben inserirsi nella società. Tendono a uno scarso contatto oculare e il loro linguaggio si caratterizza per la ripetizione di suoni o frasi e per la pronuncia veloce e con ritmo sbagliato delle parole. Sviluppo psicomotorio e attenzione risultano deficitari anche se può esservi iperattività. Talvolta, associati al ritardo mentale, si possono riscontrare comportamenti di tipo autistico (Blackman,1990), con stereotipie gestuali e grosse difficoltà di relazione. Un intervento precoce ed individualizzato di rieducazione logopedica e neuropsicomotoria possono notevolmente favorire l inserimento sociale di questi bambini. LESIONI DEL MIDOLLO SPINALE POLIOMIELITE ANTERIORE ACUTA- Malattia di Heing-Medin E causata dai poliovirus che producono lesioni infiammatorie distruttive la cui sede elettiva è rappresentata dalle corna anteriori del midollo spinale. Le lesioni possono estendersi al midollo allungato, alle formazioni reticolari del ponte, ai nuclei vestibolari, ai centri del cervello ed anche alla corteccia cerebrale. E una malattia infettiva tendenzialmente epidemica, ma oggi rarissima e sporadica, che provoca paralisi muscolare atrofica. La paralisi flaccida, che interessa i più disparati gruppi muscolari, ha tuttavia una netta predilezione per la muscolatura degli arti: prevalentemente quelli inferiori. E capricciosa nella sua distribuzione topografica: a volte alcuni gruppi muscolari o alcuni muscoli di un arto (in prevalenza quelli del tratto prossimale, es.: i glutei, gli adduttori, il quadricipite femorale) e l altro arto controlaterale in maniera completa. Di particolare importanza è l inalterata sensibilità dei muscoli colpiti, non essendo le corna posteriori del midollo spinale sede elettiva dei poliovirus; dal punto di vista dell apprendimento motorio è sicuramente un vantaggio non trascurabile avere coscienza della posizione di un segmento corporeo pur non potendolo muovere. Donatella Donati -Pagina 9 di 14

10 TRAUMI MIDOLLARI Lesioni midollari provocate da cause accidentali, quali ad esempio lussazioni e/o fratture vertebrali da incidenti d auto o tuffi errati, provocano l interruzione della conduzione dell impulso nervoso necessario al movimento volontario, con la conseguente paralisi della muscolatura. Il livello della lesione e la sua completezza - totalità o parzialità - incompletezza, determinano la parte di corpo non collegata e quindi paralizzata. Le minuscole porzioni di midollo spinale comprese tra due corpi vertebrali, denominate metameri, raramente, infatti, vengono lesionate da un trauma in modo completo, cioè con sezione trasversa perfetta; quasi sempre la lesione avviene in modo imperfetto, consentendo un ponte di collegamento al di sopra o al di sotto di essa. Questo ponte porta ad un alterato tono muscolare(ipertono); la lesione totale ne provoca, invece, la mancanza assoluta cioè, la paralisi flaccida. Generalmente, se la lesione è compresa tra la IV vertebra cervicale e la I toracica vi è una paralisi di tutti e quattro gli arti, cioè, tetraplegia; se è compresa tra la II toracica e la II sacrale vi è una paralisi degli arti inferiori, cioè, paraplegia. PARALISI CEREBRALE INFANTILE E descritta come un disturbo neurologico cronico, non progressivo derivante da una lesione cerebrale insorta durante uno stadio di sviluppo precoce (prenatale, perinatale, neonatale). Può essere associata a ritardo mentale; HEALY(1990) ritiene che il 60% - 70% delle persone con CP abbia qualche grado di ritardo mentale. Classificazioni della paralisi cerebrale Circa il 97% dei casi ricade sotto le tre maggiori categorie : Paralisi cerebrale di tipo spastico - 60% - 65% - Dovuta, principalmente, ad alterazione delle vie piramidali. E caratterizzata da difficoltà di generare movimenti volontari rapidi e precisi. Vi è infatti l incapacità di rilassare, nei distretti colpiti, i muscoli ad esso antagonisti. Il disturbo tonico-motorio si caratterizza, prevalentemente, con retrazioni tendinee che provocano: ipertonia estensoria agli arti inferiori, ipertonia flessoria e adduttoria agli atri superiori. Con la crescita, le ipertonie che interessano alcuni distretti muscolari, provocano posture sbagliate e deformazioni articolari. Paralisi cerebrale di tipo atetosico - 25% - Dal greco thetos (=posizione fissa) a privativa; dovuta principalmente ad alterazioni delle vie extrapiramidali. HEALLY ( 1990) più accuratamente descrive i seguenti tipi di CP: Discinesia è il termine che descrive la paralisi cerebrale caratterizzata da movimenti spontanei, involontari; questi includono i movimenti lenti che ricordano lo scrivere o lo strisciare dei vermi, in particolare del polso e delle dita (ATETOSICI), che possono essere accompagnati da altri più a scatto e repentini (COREOATETOSICI). Questi, alternandosi al movimento volontario, lo rendono funzionalmente incoordinato e inefficiente. Un altra forma di discinesia (DISTONIA) comprende movimenti, lenti e ritmici che interessano il tronco o una estremità. BLECK (1982) che usa il termine più antico di atetosi identifica come maggiore sua caratteristica i movimenti caldi: I movimenti sono, a volte, rotatori (torsione e rotazione degli arti), distonici (posizione distorta degli arti, collo, o del tronco, che è tenuta per alcuni secondi, e poi rilassata). Se sollecitato da ragioni emotive il movimento di un atetosico può assomigliare a quello di un burattino. Generalmente chi è atetosico ha uno scarso controllo delle labbra e dei muscoli della lingua; ciò rende estremamente difficoltoso il parlare ed è spesso causa di balbuzie. Questa inabilità a parlare, dovuta a questo accentuatissimo balbettamento, porta a pensare che questi soggetti abbiano un forte ritardo mentale; molti bambini con atetosi hanno invece capacità intellettuali medie o superiori alla media. Paralisi cerebrale di tipo atassico - 7% - Donatella Donati -Pagina 10 di 14

11 Dal greco taxis (ordine - equilibrio ) a privativa. Dipende generalmente da alterazioni del cervelletto e delle sue vie. Caratterizzata da disturbi della coordinazione dei movimenti volontari e dell equilibrio, barcollamento nel cammino, non è generalmente associata a ritardo mentale. Nella posizione seduta questi soggetti possono ben allenare la parte superiore del corpo (annullando quindi, problemi di equilibrio statico e dinamico) tanto da poter essere sottoposti anche a carichi pesanti. L ergometro a manovella è, per loro, ottimo strumento per migliorare la capacità cardiorespiratoria. Paralisi cerebrale di tipo misto Non essendo sempre possibile classificare tutti i casi nelle suddette categorie, poiché presentano caratteristiche che appartengono a diverse classi, viene utilizzato il termine tipo misto ( HALEY). La localizzazione della lesione definisce la classificazione con termini usati in Italia in modo diverso dagli altri paesi.(vedi tabella) DISTROFIE MUSCOLARI A questa categoria appartiene un grande gruppo di malattie con eziologia e quadri clinici eterogenei. Sono caratterizzati dalla degenerazione progressiva dei muscoli scheletrici. In alcune forme, dette miogene, il processo degenerativo è a carico principalmente delle fibre muscolari; in altre, dette neurogene, esso è a carico delle fibre nervose, conseguentemente a ciò avviene la progressiva degenerazione muscolare. In genere hanno carattere ereditario. EPILESSIA Epilessia è il nome della sindrome caratterizzata da crisi che tendono a ripetersi in modo cronico a causa di una anomalia durevole del funzionamento cerebrale. Epilessia lesionale: viene denominata quella causata da alterazioni strutturali del cervello evidenziabili. Epilessia non lesionale o criptogenetica: è denominata quella in cui non sono evidenti anomalie anatomiche del cervello. La crisi epilettica (= manifestazione clinica parossistica, cioè di massima intensità) può manifestarsi in vario modo ed è la conseguenza di una anormale attività di una parte della sostanza grigia cerebrale, espressione biologica dell ipersincrono funzionamento di una massa di neuroni corticali. Tale attività viene abitualmente registrata come una alterazione specifica del tracciato elettroencefalografico. La malattia epilettica è data dalla ripetizione delle crisi dovuta a circostanze scatenanti somatiche e psichiche. L epilettico è colui la cui organizzazione psichica utilizza il ripetersi delle crisi come via di scarico di pulsioni, sia in modo massivo che investendo di un valore rappresentativo funzionale le manifestazioni cliniche, valore di rappresentazione funzionale, affettiva o fantasmatica che le manifestazioni cliniche in origine non possiedono. Donatella Donati -Pagina 11 di 14

12 E importante sottolineare la rarità di disturbi mentali cronici nell epilettico. Con le precauzioni determinate dalla possibilità di una crisi, sotto il controllo del trattamento farmacologico, la maggioranza di essi può condurre una vita normale. I casi di ammalati gravi, bisognosi di assistenza per vivere, sono soggetti colpiti sin dall infanzia ed è quindi particolarmente difficile capire quanto della loro condizione trova fattore eziologico nella malattia epilettica - sia come causa organica che dal trattamento - o in carenze educative o di relazione. Per quanto riguarda la personalità dell epilettico, risulta evidente che esiste un <<vissuto>> dell epilessia che, in una parte dei soggetti, stabilisce delle relazioni tra la malattia e lo sviluppo della loro personalità. Moltissimi sono gli studi - psicometrici, fenomenologici e psicoanalitici - che tentano di determinare il confine dell epilessia verso le nevrosi e i disturbi psico-affettivi. AUTISMO A questa sindrome sarà dedicato un modulo. In questo si danno solo le informazioni basilari. Il concetto di autismo infantile nasce nel 1943 con LEO KANNER che descrive e definisce un gruppo di 11 bambini con questo termine. Per questo autore.. tutti questi bambini sono indubbiamente dotati di buone potenzialità cognitive... Kanner utilizzò il termine autistico per significare l incapacità di rapportarsi con gli altri e il desiderio di essere lasciati soli. COSA NON E L AUTISMO Non è la conseguenza di un alterato rapporto tra un bambino nato sano e l ambiente, soprattutto familiare, incapace di accettarlo. Non è un disturbo psicologico dovuto alla patogena relazione affettiva madre - figlio, l effetto di una <<madre frigorifero>>. CHE COS E L AUTISMO Conoscenze scientifiche ci hanno consentito di capire che l autismo è un disturbo generalizzato dello sviluppo che coinvolge diverse funzioni cerebrali e perdura per tutta la vita. per descriverlo viene utilizzato il termine sindrome perché le cause che provocano caratteristiche cliniche e disturbi dello sviluppo, comuni nelle persone ne soffrono, sono diverse e sconosciute. La comunità scientifica internazionale (classificazione ICD 10 dell OMS e DSM IV) lo considera un disturbo pervasivo dello sviluppo che si manifesta entro il terzo anno di età con deficit in tre aree: 1. comunicazione, 2. interazione sociale, 3. immaginazione. Secondo stime recenti l autismo colpisce 1 persona su 1000; 2 su 1000 sono quelle che ne presentano alcuni sintomi e, pertanto, vengono incluse nello spettro autistico. Donatella Donati -Pagina 12 di 14

13 PSICOSI Potremmo definirla un modo di essere abnorme della psiche; l IO del soggetto è disturbato ed egli non ha piena coscienza di ciò che gli accade e lo disturba. E ancora oggi ritenuta valida la distinzione tradizionale tra psicosi organiche ed endogene o funzionali. PSICOSI ORGANICHE: sindromi psicopatologiche di tipo psicotico conseguenti a disturbi organici del funzionamento cerebrale e si dividono in croniche e acute. Le prime si identificano con le demenze essendo caratterizzate da diminuzione di memoria e intelligenza; le seconde sono caratterizzate da una compromissione più o meno marcata della lucidità della coscienza e sono conseguenti ad un alterato funzionamento cerebrale per cause tossiche, infettive o traumatiche (es.: al risveglio da un coma per trauma cranico). PSICOSI FUNZIONALI: sono un insieme non omogeneo di disturbi di tipo psicotico per i quali è assente o non accertata una patologia cerebrale, o comunque somatica. La psicosi funzionale più tipica è la schizofrenia SCHIZOFRENIA Secondo il DSM III la malattia schizofrenica consiste in: <<disturbi mentali con tendenza alla cronicità, con diminuzione delle funzioni e caratterizzati da sintomi psicotici riguardanti disturbi del pensiero, dell affettività e del comportamento>>. Cause: risultano molto importanti fattori ambientali stressanti e carenze affettive ed educative; si ammette che esista una predisposizione genetica. Molti soggetti rivelano in precedenza tratti caratterologici particolari quali: asocialità, chiusura affettiva, atteggiamento persegutivo. Sintomatologia: vi è una progressiva disorganizzazione delle funzioni psichiche che in fase acuta risultano tutte compromesse: il linguaggio, il pensiero, la percezione, il sentimento di sé e il rapporto con gli altri, gli affetti. Molto raramente vi è la coscienza del proprio stato. Forme cliniche: LATENTE include i casi definiti al limite o borderline ATTENUATA EBEFRENICA in cui l impoverimento demenziale della personalità è l elemento prevalente; CATATONICA in cui prevalgono i disturbi del movimento PARANOIDE caratterizzata da comportamenti violenti poiché i soggetti si sentono perseguitati e minacciati Può esservi agitazione psicomotoria o, al contrario, blocco totale dei movimenti. Alcuni soggetti possono manifestare movimenti bizzarri, smorfie, atteggiamenti enfatizzati. La percezione è alterata da allucinazioni, da voci che vengono udite in assenza di ogni stimolazione obiettiva. Il pensiero è confuso, caotico, pieno di astrazioni, simbolismi, strutture deliranti. Può esservi la convinzione che il proprio pensiero sia dominato da altri. Donatella Donati -Pagina 13 di 14

14 Notizie utili Soggetti affetti da DIABETE Se il soggetto è correttamente trattato può praticare qualsiasi attività fisica o sportiva. Si possono tuttavia verificare delle manifestazioni anormali dovute a varie cause tipo insufficienza o eccesso trattamento insulinico somministrato, o per una non corretta alimentazione. Se il trattamento insulinico è insufficiente può verificarsi un imperioso bisogno di urinare o una sete incoercibile. Per eccesso di insulinoterapia si possono verificare dei malesseri ipoglicemici con manifestazioni variabili da soggetto a soggetto ma costanti nello stesso con sole variazioni d intensità. Queste manifestazioni generalmente sono le seguenti: sensazione di fame fame imperiosa con sensazione di dolenza allo stomaco crampi malessere spesso descritto come impressione di cervello vuoto, accompagnato da abbondanti sudorazioni, pallore, cefalea, vertigine e anche piccoli tremori; dolenza alle gambe con impossibilità di effettuare il minimo sforzo, deambulazione da ubriaco; turbe del comportamento quali: assoluta indifferenza o insolita eccitazione, collera improvvisa, cattivo umore; sonnolenza che può sfociare in una perdita di coscienza più o meno completa, accompagnata talvolta da movimenti convulsivi. Primo immediato intervento è quello di somministrare glucosio sotto qualsiasi forma. i Quoziente intellettivo: è il quoziente numerico che esprime la misura dell intelligenza individuale, ottenuto dal rapporto tra: Q.I.= età mentale (risultante da test psicometrici) X 100 età cronologica Donatella Donati -Pagina 14 di 14

Cenni di neuropsichiatria infantile

Cenni di neuropsichiatria infantile Cenni di neuropsichiatria infantile Le cause della disabilità possono essere genetiche, prenatali (insorte durante la vita fetale), perinatali (insorte alla nascita) o postnatali (insorte dopo la nascita).

Dettagli

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA L alunno disabile chi è, com è, cosa fare 21 novembre 2013 DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA FT Dott. Andrea Menon Ass. La Nostra Famiglia _ Padova Definizione di funzione: Soluzione operativa

Dettagli

LE MALATTIE PEDIATRICHE

LE MALATTIE PEDIATRICHE LE MALATTIE PEDIATRICHE Malattie infettive Tumori Malattie congenite e ereditarie Paralisi cerebrale infantile Idrocefalo Autismo Disturbi dell età evolutiva 1 LE MALATTIE INFETTIVE Le malattie infettive

Dettagli

Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide

Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide Aneuploidie Nullisomia: 2n-2 (morte preimpianto) Monosomia: : 2n-1 (generalmente morte embrionale) Trisomia: :

Dettagli

ANOMALIE DELLO SVILUPPO. Sara Varanese, MD PhD

ANOMALIE DELLO SVILUPPO. Sara Varanese, MD PhD ANOMALIE DELLO SVILUPPO Sara Varanese, MD PhD PARALISI CEREBRALE Encefalopatia statica di origine prenatale o perinatale Colpisce le funzioni motorie, cognitive e il tono muscolare provocando: Atassia

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

PARALISI CEREBRALE INFANTILE

PARALISI CEREBRALE INFANTILE PARALISI CEREBRALE INFANTILE E descritta come un disturbo neurologico cronico non progressivo derivante da una lesione cerebrale insorta durante uno stadio di sviluppo precoce (prenatale, perinatale, neonatale)

Dettagli

LA SINDROME DI X FRAGILE

LA SINDROME DI X FRAGILE LEZIONE: ALCUNE SINDROMI (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA

Dettagli

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese)

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Benessere e compromissione delle capacità motorie: aspetti teorici e riflessioni Dott.ssa Nicoletta

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

ATTIVITA' MOTORIA ADATTATA. Terzo Modulo. online

ATTIVITA' MOTORIA ADATTATA. Terzo Modulo. online ATTIVITA' MOTORIA ADATTATA Terzo Modulo online In questo terzo modulo online vi viene presentato il ritardo mentale come definizione e quadro patologico. Il ritardo mentale è una delle categorie di disabilità

Dettagli

La Sindrome di Down Aspetti principali Dott.ssa Nicoletta Businaro

La Sindrome di Down Aspetti principali Dott.ssa Nicoletta Businaro Insegnamento Psicologia delle disabilità e dell integrazione (Prof.ssa Ottavia Albanese) La Sindrome di Down Aspetti principali Dott.ssa Nicoletta Businaro 12 Dicembre 2011 Per approfondimenti Dott.ssa

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

Emiatrofia cerebrale e microftalmia

Emiatrofia cerebrale e microftalmia Emiatrofia cerebrale e microftalmia TROMBOSI TROMBOSI Prevenzione dell handicap congenito Nel 1 gruppo di casi genetici con rischio di ricorrenza, la prevenzione può attuarsi attraverso una corretta diagnosi

Dettagli

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino.

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino. NON BERE BEVANDE ALCOLICHE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO U.O. Consultorio Familiare Distretto n 1 e n 2 Ostetrica t CRISTINA FILIPPI Ostetrica BIANCA PIVA 1 Non bere bevande alcoliche in gravidanza

Dettagli

Sindrome di Down. Aspetti genetici, fisici, motori e medici. www.fluitekruidje.com

Sindrome di Down. Aspetti genetici, fisici, motori e medici. www.fluitekruidje.com Sindrome di Down Aspetti genetici, fisici, motori e medici www.diagnosiprenatale.it www.lucinafoundation.org www.fluitekruidje.com Corso di Disabilità cognitive Prof. Renzo Vianello - Università di Padova

Dettagli

Il Bambino Down. Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Anno Accademico 2009 2010

Il Bambino Down. Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Anno Accademico 2009 2010 Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Anno Accademico 2009 2010 Il Bambino Down Insegnamento di Pediatria Preventiva e Sociale La Sindrome di Down Nel 1866 il medico inglese

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

Le patologie da noi affrontate: PARALISI CELEBRALE INFANTILE SINDROME SPASTICA SINDROME ATASSICA SINDROME DISCINETICA SPINA BIFIDA DISTROFIA

Le patologie da noi affrontate: PARALISI CELEBRALE INFANTILE SINDROME SPASTICA SINDROME ATASSICA SINDROME DISCINETICA SPINA BIFIDA DISTROFIA Disabilità motoria Introduzione Lo sviluppo motorio, dal quale può derivare lo sviluppo motorio atipico, deve essere considerato come un processo complesso che si verifica grazie alle interazioni bidirezionali

Dettagli

Che cosa è l autismo

Che cosa è l autismo Che cosa è l autismo AUTISMO L'autismo è un disturbo pervasivo dello sviluppo che si manifesta entro il terzo anno di età con gravi deficit della comunicazione (turbe qualitative e quantitative del linguaggio),

Dettagli

IL RITARDO MENTALE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, ottobre 2008 1

IL RITARDO MENTALE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, ottobre 2008 1 IL RITARDO MENTALE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, ottobre 2008 1 RITARDO MENTALE ICD 10: F70-79 Non ci si riferisce ad un unico quadro clinico ben definito, bensì ad un gruppo di situazioni assai eterogenee

Dettagli

RITARDO MENTALE (DISABILITÀ INTELLETTIVE): CARATTERISTICHE GENERALI

RITARDO MENTALE (DISABILITÀ INTELLETTIVE): CARATTERISTICHE GENERALI LEZIONE: INTRODUZIONE PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 1.1. MILLE DOMANDE, TUTTE

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata La didattica inclusiva per il I DESTINATARI ALUNNI CON B. E. S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E più facile rompere un atomo che un pregiudizio A. Einstein Gli studenti con B. E.

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie neurologiche Patologia Patente A-B Patente C-D-E Accertamenti Idoneità Non idoneità Idoneità Non idoneità Paraplegia spastica da: Lesione midollare Sclerosi multipla

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

LA SINDROME DI DOWN Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, novembre 2008 1

LA SINDROME DI DOWN Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, novembre 2008 1 LA SINDROME DI DOWN Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, novembre 2008 1 ASPETTI EPIDEMIOLOGICI INCIDENZA circa 1:800 nati vivi il 75-80% dei feti con sindrome di Down esitano in aborto spontaneo PREVALENZA

Dettagli

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione di una corretta gestione del soccorso Corso BASE Relatore:

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

- Markers di anomalie cromosomiche. - Trisomia 21 (sindrome di Down) - Trisomia 13 (sindrome di Patau) - Trisomia 18 (sindrome di Edwards)

- Markers di anomalie cromosomiche. - Trisomia 21 (sindrome di Down) - Trisomia 13 (sindrome di Patau) - Trisomia 18 (sindrome di Edwards) - Markers di anomalie cromosomiche - Trisomia 21 (sindrome di Down) - Trisomia 13 (sindrome di Patau) - Trisomia 18 (sindrome di Edwards) - Sindrome di Turner - Sindrome di Williams - Sindrome di Angelman

Dettagli

LA SINDROME DI DOWN LA STORIA

LA SINDROME DI DOWN LA STORIA LA SINDROME DI DOWN LA STORIA La sindrome di Down, che è detta anche trisomia 21 o mongoloidismo, è una malattia causata dalla presenza di una terza copia del cromosoma 21; è la più comune anomalia cromosomica

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Struttura CENTRALE: Encefalo (cervello, cervelletto, tronco) Midollo spinale NB: non confondere Il midollo spinale con il midollo osseo!!! PERIFERICO:

Dettagli

ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN

ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN Sinonimi: Trisomia 21 Frequenza : 1/750 nati vivi ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN La sindrome di Down (detta anche

Dettagli

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH = facioscapulohomeral muscolar daystrophy) Detta anche distrofia di Landouzy-Dejerine che per primi la descrissero nel 1884. Definizione La distrofia FSH è la terza

Dettagli

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1!

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1! Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1 Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 2 LO SVILUPPO FISICO-CEREBRALE Considerate

Dettagli

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Sistemi Internazionali di classificazione dei disturbi mentali Il

Dettagli

Che cos è la distonia?

Che cos è la distonia? La distonia Che cos è la distonia? Il termine distonia viene usato per un gruppo di malattie neurologiche, caratterizzate dalla presenza di spasmi muscolari involontari e protratti, che determinano posizioni

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

I disturbi dell apprendimento

I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento si dividono in: Disturbi specifici dell apprendimento (DSA) (sono quei disturbi che si manifestano in soggetti con adeguato sviluppo cognitivo,

Dettagli

Numero 42 /2015 Certificato medico Invalidità Civile: le novità

Numero 42 /2015 Certificato medico Invalidità Civile: le novità Numero 42 /2015 Certificato medico Invalidità Civile: le novità Come è noto la Commissione per l accertamento dell Invalidità civile, dell handicap e della disabilità è composta un medico specialista in

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Crisi epilettiche Crisi ipoglicemiche CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Obiettivi Imparare a conoscere i diversi tipi: 2.CRISI EPILETTICHE 3.CRISI IPOGLICEMICHE

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause Dal sito : A tutta scuola http://www.atuttascuola.it GLI AUDIOLESI Quando si parla di deficit uditivo è opportuno specificare la differenza tra i soggetti sordi e quelli sordomuti. Infatti, nel caso di

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DOTTOR EGIDIO BOVE. Laurea in Psicologia indirizzo clinico e di comunità. Dottorato di Ricerca in Scienze Psicologiche

DOTTOR EGIDIO BOVE. Laurea in Psicologia indirizzo clinico e di comunità. Dottorato di Ricerca in Scienze Psicologiche DOTTOR EGIDIO BOVE Laurea in Psicologia indirizzo clinico e di comunità Dottorato di Ricerca in Scienze Psicologiche Cultore della Materia di Psicologia Clinica e Psichiatria E-mail: egidiobove@libero.it

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

OBIETTIVI DEFINIRE IL COMPORTAMENTO E LE SUE DEVIANZE

OBIETTIVI DEFINIRE IL COMPORTAMENTO E LE SUE DEVIANZE CAPITOLO 9 OBIETTIVI DEFINIRE IL COMPORTAMENTO E LE SUE DEVIANZE CONOSCERE I MOTIVI CHE PORTANO AD UN COMPORTAMENTO ANORMALE CONOSCERE LE PRINCIPALI MALATTIE MENTALI E LE PATOLOGIE ORGANICHE CHE POSSONO

Dettagli

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA.

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA. I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA CHI E IL LOGOPEDISTA? Il Logopedista è il Professionista Sanitario che, a seguito di un percorso formativo universitario, acquisisce le competenze necessarie

Dettagli

Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile

Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile Studio Epidemiologico su Mucopolisaccaridosi Ricerca Geni Coinvolti in alcune forme di paraplegia spastica ereditaria Screening

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

GENETICA ed EREDITARIETÀ

GENETICA ed EREDITARIETÀ GENETICA ed EREDITARIETÀ 1. Introduzione L Epidermolisi Bollosa (EB) è una malattia di carattere genetico, la cui causa è pertanto da ricercare nei caratteri ereditari di un individuo. I processi che avvengono

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna APPARATO NEUROLOGICO Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia del sistema nervoso Riconoscere le principali patologie del Sistema nervoso Effettuare

Dettagli

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva Definizione (Associazione Americana Ritardo Mentale 2002): il ritardo mentale è una disabilità caratterizzata da limitazioni significative sia

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

2060. E IO COME SARO?

2060. E IO COME SARO? 2060. E IO COME SARO? La Sindrome di Down nell età adulta e anziana LA MEDICINA DI GENERE E SINDROME DI DOWN Dott. Roberto Fraioli Treviso sede della Provincia 21 marzo 2013 2060. E IO COME SARO? La Sindrome

Dettagli

Disabilità. vita quotidiana

Disabilità. vita quotidiana Disabilità e vita quotidiana Caracciolo Antonio Fisioterapista Coordinatore Servizio DAT (Domotica, Ausili, Terapia occupazionale) IRCCS Fondazione Don Carlo Gnocchi, Milano Di chi parliamo. Handiccappati

Dettagli

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda LA LOMBALGIA Lezione 1 C Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda Il dolore lombare Il dolore lombare può essere classificato in base a criteri clinici,

Dettagli

Disabilità intellettive e disturbi pervasivi dello sviluppo Renzo Vianello. La sindrome di Down Parte prima

Disabilità intellettive e disturbi pervasivi dello sviluppo Renzo Vianello. La sindrome di Down Parte prima Disabilità intellettive e disturbi pervasivi dello sviluppo Renzo Vianello La sindrome di Down Parte prima Volume Disabilità intellettive Capitolo 6 Nel 1866 un medico inglese, H. Langdon Down in un suo

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Autismo e disabilità intellettive. Dott.ssa Cristiana Fiorillo

Autismo e disabilità intellettive. Dott.ssa Cristiana Fiorillo Autismo e disabilità intellettive 1 DISABILITA INTELLETTIVE Quadri polimorfi di funzionamento intellettivo con profili caratterizzati da punti di forza e debolezza. Encefalopatie infantili (genetiche,

Dettagli

La sindrome di Down. Diverse forme di Trisomia 21

La sindrome di Down. Diverse forme di Trisomia 21 La sindrome di Down Il nome di questa sindrome si deve a John Haydon Langdon Down, medico inglese che nel 1866 per la prima volta ne diede una descrizione clinica. Pur non avendo a disposizione le conoscenze

Dettagli

Presentazione generale

Presentazione generale Presentazione generale L autismo infantile rappresenta sicuramente una delle sindromi più angoscianti e difficilmente spiegabili dell età evolutiva. La sua fenomenologia, infatti, si presenta mediante

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL)

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) Premessa La tutela della Salute materno- infantile e la riabilitazione in età evolutiva, ha valenza strategica nei sistemi sanitari, sia per le ripercussioni sul

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

AUTISMO. Manifestazioni e disturbi associati. Comportamento. Caratteristiche associate ad età e sesso. Comunicazione. Incidenza. Interazione sociale

AUTISMO. Manifestazioni e disturbi associati. Comportamento. Caratteristiche associate ad età e sesso. Comunicazione. Incidenza. Interazione sociale AUTISMO L autismo è una patologia la cui causa è a tutt oggi ignota. Per questo la diagnosi viene ancora effettuata in base ad indicatori comportamentali; ciò significa che specifici comportamenti del

Dettagli

LUCA ROCCHETTI U.O. GENETICA MEDICA AVR SINDROME DI BLOCH SULTZBERGER O INCONTINENTIA AI PIGMENTI DI TIPO 2

LUCA ROCCHETTI U.O. GENETICA MEDICA AVR SINDROME DI BLOCH SULTZBERGER O INCONTINENTIA AI PIGMENTI DI TIPO 2 LUCA ROCCHETTI U.O. GENETICA MEDICA AVR SINDROME DI BLOCH SULTZBERGER O INCONTINENTIA AI PIGMENTI DI TIPO 2 PRIMA INFANZIA: LESIONI CUTANEE DALLO SVILUPPO CARATTERISTICO ( dermatite bollosa congenita )

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

Prevenzione Random reflections

Prevenzione Random reflections Prevenzione Random reflections Ferrara 30 Gennaio 2004 Pierpaolo Mastroiacovo Professor of Paediatrics Director ICBD, International Centre on Birth Defects Sommario Definizioni Quale effetto ci attendiamo

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Laboratori BES - Regione Lombardia Progetto di formazione 2014-15 CTS-MIUR (DM 821/2014) 24 febbraio 2015 L INCLUSIONE DI ALUNNI CON

Laboratori BES - Regione Lombardia Progetto di formazione 2014-15 CTS-MIUR (DM 821/2014) 24 febbraio 2015 L INCLUSIONE DI ALUNNI CON Laboratori BES - Regione Lombardia Progetto di formazione 2014-15 CTS-MIUR (DM 821/2014) 24 febbraio 2015 G I O R N A T A D I A T T I V I T À L A B O R A T O R I A L E M O D U L O C I N Q U E PRESA IN

Dettagli

Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici

Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici Dr.ssa A.I.Decembrino Centro per la Diagnosi,la Cura e lo Studio dei Disturbi della Comunicazione e della Socializzazione UONPIA AUSL PARMA Fidenza,

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

SCAMBI tra due coppie di cromosomi NON omologhi

SCAMBI tra due coppie di cromosomi NON omologhi TRASLOCAZIONI RECIPROCHE SCAMBI tra due coppie di cromosomi NON omologhi La traslocazione tra i cromosomi X e 21 può interrompere la sequenza del gene DMD e causare la manifestazione della DISTROFIA MUSCOLARE

Dettagli

Anomalie cromosomiche

Anomalie cromosomiche Anomalie cromosomiche costituzionali acquisite nelle cellule germinali nelle cellule somatiche Le alterazioni che avvengono nelle cellule germinali se compatibili con la vita porteranno alla nascita di

Dettagli

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI 1 CORSO FORMATIVO/INFORMATIVO MESORACA (KR) 24/ 28 MAGGIO ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI DOTT.SSA MARIANTONIA ALTIMARI DIRIGENTE RESPONSABILE CSM MESORACA ASPETTATIVA DI VITA Il miglioramento

Dettagli

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore: un problema, un mistero Il dolore l animale lo evita,

Dettagli

Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie

Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie Giancarlo Di Battista, Marialaura Santarelli Neurologia - ACO San Filippo Neri disabilità neuromotoria Insieme di deficit motori di diversa natura

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Il sistema immunitario reagisce contro la glia come se questa fosse estranea, aggredendola e distruggendola come farebbe con qualunque aggressore

Il sistema immunitario reagisce contro la glia come se questa fosse estranea, aggredendola e distruggendola come farebbe con qualunque aggressore SCLEROSI MULTIPLA Malattia autoimmune Colpisce in generale soggetti giovani: 15-35 anni Anticorpi contro le cellule gliali: i neuroni in linea di principio sono risparmiati Andamento a ricadute e remissioni

Dettagli

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. I disturbi pervasivi dello sviluppo si caratterizzano per la presenza di disabilità almeno

Dettagli

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala BES Bisogni Educativi Speciali Autismo Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala DEFINIZIONE L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato,

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia)

DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia) DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia) Enrico Granieri Direttore delle Scuole di Specializzazione in Neurologia e Neurochirurgia Direttore della Sezione di Neurologia e del Dipartimento di Discipline

Dettagli

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76.

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Dott. Marco Lipera Dott.ssa Alessandra Leucata Psicologo, Psicodiagnosta Psicologa Clinica e Giuridica Via Trieste n.19, Catania 95127 Psicodiagnosta

Dettagli

NOSOGRAFIA E PSICOPATOLOGIA DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO. M. Cremonte SOC di Neuropsichiatria Infantile ASO di Alessandria

NOSOGRAFIA E PSICOPATOLOGIA DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO. M. Cremonte SOC di Neuropsichiatria Infantile ASO di Alessandria NOSOGRAFIA E PSICOPATOLOGIA DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO M. Cremonte SOC di Neuropsichiatria Infantile ASO di Alessandria DISTURBI DI APPRENDIMENTO (learning disorders DSM IV) Livello di apprendimento

Dettagli

Curricolo Verticale di Igiene e Cultura Medico Sanitaria. Triennio IPSS G. Severini

Curricolo Verticale di Igiene e Cultura Medico Sanitaria. Triennio IPSS G. Severini Curricolo Verticale di Igiene e Cultura Medico Sanitaria Triennio IPSS G. Severini Igiene ed Anatomia Classe Terza COMPETENZE - competenze linguistiche - comprensione di testi - ricerca di informazioni

Dettagli

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com IL PROBLEMA DISLESSIA Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA La dislessia è una disabilità invisibile per questo i genitori

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO RIABILITAZIONE EQUESTRE. Anni Accademici 2013/2014-2014/2015 PROGRAMMA

MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO RIABILITAZIONE EQUESTRE. Anni Accademici 2013/2014-2014/2015 PROGRAMMA MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO IN RIABILITAZIONE EQUESTRE Anni Accademici 2013/2014-2014/2015 PROGRAMMA PROGRAMMA di NEUROLOGIA NEUROLOGIA Sviluppo del Sistema Nervoso e sue alterazioni Motricità fetale

Dettagli