INDAGINE DEMOSCOPICA SVOLTA DA ASTRA RICERCHE PER IL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DI INDUSTRIALI REGGIO EMILIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE DEMOSCOPICA SVOLTA DA ASTRA RICERCHE PER IL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DI INDUSTRIALI REGGIO EMILIA"

Transcript

1 INDAGINE DEMOSCOPICA SVOLTA DA ASTRA RICERCHE PER IL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DI INDUSTRIALI REGGIO EMILIA Presentazione dell Osservatorio sulla società reggiana EDIZIONE 2011

2

3 I reggiani e le scelte per il futuro

4

5 QUESTA RICERCA Nelle pagine che seguono vengono presentati i risultati dell'annuale sondaggio sul sentiment dei cittadini italiani dai 18 anni in su residenti a Reggio Emilia e nella provincia, i quali ammontano a circa adulti. L'indagine è stata realizzata tra il 15 e il 18 dicembre 2010 tramite 500 interviste telefoniche somministrate col metodo CATI (Computer Aided Telephone Interviewing). I dati, laddove possibile, sono confrontati con quelli delle rilevazioni precedenti: sempre dal 2007, a volte dal 2006 (quando questa risulta perfettamente comparabile). 5

6 LA FUORIUSCITA DALLA CRISI ECONOMICO-SOCIALE Partiamo dai risultati del Monitor di fine 2009: ben il 90% dei reggiani (del capoluogo e non) riteneva che la crisi avviatasi nell'ottobre 2008 avesse avuto, nei suoi primi sedici mesi, un impatto assai rilevante. Per l'esattezza, il 35% del campione parlava di conseguenze molto gravi o gravissime e il 55% riferiva di conseguenze abbastanza gravi: il che segnalava, con ogni evidenza, che quest'area non era riuscita affatto a 'proteggersi' dal tracollo dell'economia mondiale ma anzi ne era stata investita in pieno, in parte proprio per il forte peso dell'industria esportatrice, massimamente penalizzata dal calo della domanda anzitutto euro-americana. E - ricordiamolo - la percezione di tale impatto assolutamente negativo risultava maggiore della media tra chi lavorava (in primis il ceto medio impiegatizio e la classe operaia con l'aggiunta degli agricoltori e dei braccianti, i 25-54enni, i soggetti con redditi e consumi medi, quelli con la licenza media ed elementare). Come si presenta la situazione un anno dopo, ossia a quasi ventotto mesi dal fallimento della Lehman Brothers, ormai divenuto il simbolo del più terribile 'crollo' dal secondo dopoguerra? La risposta si trova nella 'torta' qui sotto, dalla quale si evince che solo il 29% dei residenti italiani nell'intera provincia di Reggio Emilia ritiene che la ripresa sia in atto; il 13% parla d'una sostanziale stagnazione 'in basso' oppure insiste sull'esistenza d'una recovery a macchia di leopardo (in certe aree sì e in altre no oppure in taluni comparti sì e in altri no); col dominante 58% che nega che si sia verificata o sia in atto alcuna ripresa dell'economia del territorio. Con un'aggiunta: i vissuti positivi si ritrovano maggiormente tra i men che 45enni, i laureati, gli imprenditori/dirigenti/professionisti, coloro che appartengono a nuclei familiari con quattro o più membri e specialmente con bambini e adolescenti; all'opposto, i vissuti negativi albergano assai al di sopra della media tra i 55-64enni, i singles, coloro che hanno conseguito solo la licenza elementare o addirittura non hanno alcun titolo di studio, i commercianti/esercenti/artigiani; con gli 'stabili' soprammedia 55-64enni, casalinghe, residenti nella Bassa e dunque nella zona pianeggiante a sud del Po. 1 Indice di perceived recovery POSITIVO ( ) 28,8% NULLO/ AMBIVALENTE (53.000) 12.8% NEGATIVO ( ) 58,4% 6

7 Vediamo il dettaglio delle condizioni degli intervistati: solo il 12% è certo che la ripresa si sia avviata (ma unicamente il 4 per mille la descrive come veloce); il 33% la dice presente solo in certi settori e il 26% in alcune zone della provincia: il 9% sostiene che la crisi è finita o quasi per la produzione e per le esportazioni ma è tuttora grave per l'occupazione, il lavoro; il 45% afferma che essa è ancora in atto ma con visibile rallentamento negli ultimi mesi, mentre il 38% sostiene che la crisi economicosociale sta tuttora aggravandosi, s'avvita su se stessa, dunque continua a peggiorare. Una conferma viene dai dati riferiti all'attuale situazione delle imprese reggiane che producono beni e servizi, quindi non solo manifatturiere. Come si vede dando un'occhiata alla 'torta' qui sotto riportata, non più del 30% del campione è certo che esse siano uscite - del tutto o quasi completamente - dalle difficoltà vissute negli ultimi due anni e mezzo; il 28% parla d'un'intensità e d'una diffusione significative della crisi; il 42% la racconta rilevantissima, a volte drammatica. L'analisi dei dati disaggregati mostra che il sentiment positivo è più presente tra gli anziani e i residenti nel capoluogo, la percezione di persistenti difficoltà di medio peso si trova specie tra i 18-24enni, i lavoratori autonomi e gli studenti con i giovani in cerca di prima occupazione, i soggetti con redditi e tenore di vita medio-bassi e bassi; l'allarme risulta più forte nell'area meridionale appenninica della provincia, tra i laureati, presso i commercianti/esercenti/artigiani e gli operai/braccianti/commessi. 2 Indice di crisi delle imprese reggiane ALTO ( ) 42,2% NULLO/ BASSO ( ) 30,1% MEDIO ( ) 27,7% 7

8 IL RITORNO DELL'OTTIMISMO PERSONAL-FAMILIARE Dunque, secondo la netta maggioranza dei residenti italiani in questa provincia, la crisi persiste, seppur in attenuazione: non si registra alcuna significativa ripresa dell'economia e specialmente dell'occupazione, per cui il quadro complessivo rimane perturbato, con l'aggravante dell'inedita durata della crisi stessa, ormai superiore ai 28 mesi. Eppure - ed è questo forse il risultato più rilevante di questo Monitor - la recovery sia socio-economica sia psico-culturale della popolazione è in atto, con forte discontinuità rispetto a dodici mesi prima. In altre parole, se le imprese e il lavoro continuano, secondo i più, a soffrire assai, la ripresa degli individui e delle famiglie sta affermandosi con forza. Ma entriamo nel merito. Cominciamo dalla cruciale domanda: "Nell'insieme, come vanno le cose a Lei e ai Suoi cari?". Le risposte-chiave si trovano nella 'torta' riportata nella pagina seguente, che mette in luce il nettissimo predominio dei soddisfatti circa la propria condizione (61%) sugli insoddisfatti (39%). Certo, gli assai contenti non raggiungono il 7% del totale campione, mentre un ben maggiore 54% risponde 'abbastanza bene', con toni non entusiastici; ma è anche vero che i totalmente negativi superano di poco il 6% e gli indicanti che a loro le cose vanno 'così così' si fermano al 32%. Il clima collettivo è tornato, dunque, a essere confortante, seppur non euforico: in particolare, nei gruppi sociali con redditi e titolo di studio medio-superiori e superiori, nel ceto medio impiegatizio, presso i membri di famiglie con 4 o più componenti, tra gli opinion leaders diffusi (ossia tra coloro che influenzano gli altri, fanno tam tam, attivano fenomeni 'virali'); con - all'opposto - più insoddisfatti della propria situazione socio-economica i soggetti con redditi, consumi, scolarità medio-bassi e bassi, i salariati ma anche diversi imprenditori/dirigenti/professionisti, i singles, i soggetti che non 'trainano' gli altri ma semmai fanno da 'vagoni' più che da 'locomotive' (per assenza di elevata Forza della Personalità). 3 L attuale situazione personale NON INDICANO (1.000) 0,2% INSODDISFATTI ( ) 38,8% SODDISFATTI ( ) 61,0% 8

9 Quel che è davvero cruciale è il confronto storico tra i cinque Monitor sin qui realizzati da AstraRicerche (qui sono compresi anche i dati del 2006 in quanto pienamente comparabili agli altri): per esso rinviamo ai cinque istogrammi qui sotto riportati. 4 L attuale situazione personale ,5% 71,8% ,4% 75,2% ,9% 49,1% ,2% 47,8% ,8% 61,0% 0% 50% 100% MALE/ COSI' COSI' BENE NON INDICANO Il benessere diffuso in questa provincia emergeva chiarissimo nel primo biennio, quando solo il 28% (a fine 2006) e il 24% (nel dicembre 2007) si descriveva come affetto da insoddisfazione personalfamiliare circa la propria condizione socio-economica. Poi, a fine 2008, ossia dopo circa due mesi dal tracollo delle economie mondiali, gli scontenti risultavano più che raddoppiati, sino a un maggioritario 51%, lievemente cresciuto poi sino al 52% della fine di dicembre Il 2010, testé conclusosi, ha segnalato una drastica inversione di tendenza, con i soddisfatti cresciuti dal 48% al 61% degli Italiani adulti di Reggio e provincia. Non si è ancora tornati al livello pre-crisi, supposto che ciò sia davvero possibile, ma senza dubbio la tradizionale forza - a un tempo economica, sociale, psicologica e culturale - di questa provincia è prepotentemente riemersa, anticipando la ripresa dell'economia e specialmente dell'occupazione. Se le cose appaiono in (dichiarato) recupero, pure l'ottimismo a un anno - riferito sempre a sé e ai propri cari - risulta in incremento. Guardiamo la consueta 'torta' che sintetizza il cosiddetto sentiment dei Reggiani (non solo del capoluogo), ricordando che esso è definito positivo quando gli intervistati prevedono nei successivi dodici mesi un miglioramento (il che a fine 2010 avveniva per il 21% del campione) ma anche quando essi ipotizzano 'stabilità positiva', ossia invarianza della propria condizione socio-economica se essa in precedenza è stata definita come positiva (38%). 9

10 5 Il sentiment PESSIMISTI ( ) 38,4% OTTIMISTI ( ) 59,2% STABILI/ AMBIVALENTI/ INCERTI (10.000) 2,4% Ebbene, a parte un infimo 3% che non prende posizione, i pessimisti autoriferiti a breve termine sono il 38%, ossia assai meno degli ottimisti per sé e i propri cari dal momento dell'intervista (59%). I primi sono, come di consueto, più presenti nelle fasce bassa e medio-bassa della popolazione (per reddito, livello di consumi, titolo di studio, capacità d'influenzare gli altri, forza psicologica, autostima, ecc.) e - per quanto attiene ai gruppi socio-professionali - tra gli studenti, i giovani in cerca di prima occupazione non precaria, i salariati e specialmente i lavoratori autonomi. Gli ottimisti, invece, si incontrano al di sopra della media tra i 18-24enni, i residenti nel capoluogo, i diplomati, gli imprenditori/dirigenti/professionisti e gli impiegati/quadri/insegnanti, i soggetti medio-alti e alti per reddito/consumi/opinion leadership, i membri di famiglie con 4 o più componenti. Come sempre, l'elemento più rilevante è il trend nei cinque anni, mostrato dagli istogrammi che seguono. 10

11 6 Il sentiment ,4% 23,3% 2,1% 45,1% ,1% 26,2% 2,6% 35,1% ,6% 13,4% 1,8% 18,2% ,4% 1,6% 51,0% ,4% 2,4% 59,2% 0% 50% 100% PESSIMISTI STABILI/ AMBIVALENTI INCERTI OTTIMISTI Se nel 2006 i pessimisti a Reggio e provincia superavano di poco il 29%, alla fine dell'anno successivo erano cresciuti sino al 36%, per poi - poco dopo l'avvio rumoroso e drammatizzato della crisi planetaria - 'volar su' al 67% di fine Già l'anno scorso, nel dicembre 2009, le aspettative autoriferite a breve termine si erano rovesciate, talché gli ottimisti erano tornati a sopravanzare i pessimisti (seppur solo 51% versus 47%). Oggi la tendenza al recupero psicologico s'è consolidata ed estesa ulteriormente, riportando i prevedenti negativamente il proprio prossimo anno quasi al livello di fine 2007, ossia all'ultima rilevazione prima della catastrofe dell'autunno Non c'è dubbio: se la crisi dell'economia certamente continua, invece la popolazione - già dal dicembre 2009 e ancor più dodici mesi dopo - anticipa la recovery, facendo leva sia sulle sue doti personal-familiari di laboriosità pro-attiva, sia sulla propria estroversione positiva: quest ultima costituisce un carattere stabile delle donne e degli uomini di questa provincia, come confermano alcuni tratti dell'auto-profilo degli intervistati, che per il 69% si definiscono forti e sicuri di sé, per il 76% si descrivono allegri ed estroversi (lievemente più le donne), per il 74% ottimisti (senza differenza tra i due generi), per il 59% con tanti sogni e progetti e ambizioni (qui con lieve prevalenza maschile). 11

12 REGGIO E PROVINCIA NEI PROSSIMI CINQUE ANNI Passiamo ora al sentiment relativo al Reggiano. La solita 'torta', riportata di seguito, ci aiuta a capire come andranno le cose nei prossimi cinque anni per l'intera area, secondo l'opinione dei suoi abitanti italiani adulti. Pure qui, i pessimisti 'pesano' assai poco, non raggiungendo neppure il 16% dell'insieme degli intervistati (con maggior peso relativo dei laureati, degli studenti e dei giovani inoccupati con l'aggiunta dei lavoratori autonomi, dei soggetti che non influenzano gli altri, dei residenti nella Bassa). Se il 4% non fa previsioni, il 28% ipotizza una sostanziale stabilità, con una sorta di ambivalenza, per cui il reggiano non perderebbe se stesso e i suoi punti di forza ma neppure si svilupperebbe assai (sono i 18-24enni e gli opposti ultra64enni a coltivare - assai più della media - tale convinzione, insieme ai soggetti poveri o con redditi e consumi medio-bassi, agli studenti e ai giovani in cerca d'una prima occupazione stabile). In conclusione, un maggioritario 52% segnala il proprio sentiment positivo relativo a Reggio e provincia da ora alla fine del 2015 (un ottimismo più rilevabile tra i 25-34enni, nella fascia meridionale appenninica, nei gruppi sociali benestanti o abbienti, presso i membri di famiglie con quattro o più componenti e specialmente con 0-14enni, tra gli opinion leaders attivanti fenomeni imitativi e 'virali' in grazia della loro peculiare Forza della Personalità). 7 Il sentiment a medio termine riferito alla provincia NON SANNO, NON FANNO PREVISIONI (17.000) 4,0% PEGGIO (66.000) 15,6% MEGLIO ( ) 52,4% STABILI/ AMBIVALENTI ( ) 28,0% L'analisi delle tendenze risulta determinante anche in questo caso. Gli ottimisti circa il futuro a medio termine di Reggio e provincia erano rimasti pressoché stabili nei primi quattro anni, pur se tra il 2006 e il 2008 i pessimisti - sempre minoritari - erano un po' cresciuti a scapito degli 'stabili'. Ora, invece, s'è verificata la svolta: il sentiment positivo per la prima volta diviene maggioritario (oltre il 52%); gli 'stabili' calano; specialmente i pessimisti si dimezzano rispetto al dicembre 2008 (dal 31% al 16%). Insomma - non v'è dubbio - nel cielo del reggiano è tornato il sereno: un dato tanto più interessante sol che si tenga conto di quanto abbiamo visto all'inizio di questo testo, quando abbiamo dovuto misurarci con la convinzione diffusa che la crisi in quest'area sia tutt'altro che finita (o addirittura - per circa un terzo - risulti in ulteriore aggravamento). 12

13 Facciamo un passo avanti e diamo una scorsa alle previsioni del campione circa il futuro - sempre a medio termine - di ben 23 aspetti della realtà dell'intera provincia, per ciascuno dei quali è stato chiesto all'intervistato di indicare il proprio specifico ottimismo/pessimismo tramite un voto da 1 (massimo pessimismo) a 10 (massimo ottimismo). La classifica dei voti medi è leggibile qui sotto e nella pagina seguente. 8 Le previsioni circa i trend a medio termine di alcuni aspetti di Reggio Emilia e del Reggiano 13

14 L'ottimismo domina, come sempre, per quel che attiene al sistema sanitario pubblico, alla scuola (università inclusa) e alla formazione, al leisure e alla cultura, alle infrastrutture della mobilità, alla qualità della vita e ai rapporti familiari, alle imprese reggiane (in termini sia di export sia di competitività). Su livelli di modestissimo ottimismo troviamo lo sviluppo economico (in generale e in particolare di nuovi settori produttivi), le possibilità di crescita professionale, i media locali (giornali, radio, televisioni), la qualità delle relazioni interpersonali al di fuori del nucleo familiare. A metà strada ecco la tutela dell'ambiente, l'occupazione dei giovani, l'accoglienza e l'integrazione positiva degli extracomunitari, la giustizia sociale, la tutela del risparmio delle famiglie, la qualità e l'efficienza delle amministrazioni comunali e provinciale. Infine, le tre previsioni più negative concernono l'occupazione stabile (dunque non precaria) e specialmente l'onestà e la qualità etica della classe dirigente così come l'ordine e l'assenza di criminalità. 14

15 È interessante notare che non sono emerse variazioni significative rispetto al quarto Monitor, quello del dicembre Certo, si riduce un po' - in misura generalizzata - l'ottimismo, con la sola eccezione delle infrastrutture della mobilità (per strade, autostrade, ferrovie, ecc. la positività risulta - seppur di poco - in incremento). Il pessimismo sale soprammedia per la sanità, i rapporti familiari, la qualità della vita. Nell'insieme, comunque, il quadro complessivo rimane pressoché stabile e specialmente non si modifica significativamente la classifica, il ranking. 15

16 IL 'CHE FARE' PER IL REGGIANO La medesima scarsità di variazioni rilevanti vale per un altro tradizionale capitolo di questo Monitor, giunto alla sua quinta edizione: ci riferiamo alle ben 31 azioni per ciascuna delle quali è stato chiesto d'indicare se esse siano tra le più importanti e urgenti per Reggio Emilia e la sua provincia. Iniziamo con l'esaminare i nove raggruppamenti - espressi da appositi indici - nei quali sono stati considerati insieme, per omogeneità tematica, le varie azioni, attività, iniziative auspicate dal campione. Ebbene, la principale macro-domanda sociale (88%) concerne il miglioramento del governo e dell'amministrazione, connesso anche alla crescita della qualità della politica: l'88% degli intervistati reputa questo tema decisivo. Nel merito, l'80% pretende che si smetta con i litigi, gli insulti, le risse nella vita politica e amministrativa a favore d'un dialogo più civile pure in sede locale; il 75% vorrebbe più ascolto e coinvolgimento dei cittadini nelle scelte politiche e amministrative; il 75% auspica un governo locale più aperto e trasparente; il 74% desidera il ringiovanimento dell'intera classe dirigente. Si conferma qui la grande, tradizionale attenzione alla politica dei reggiani, i quali si tengono lontani dalle sirene dell'anti-politica ma soffrono della crisi della politica ed esprimono forti richieste di eticità, dialogo civile, partecipazione e rinnovamento. Un'altra peculiarità di questo territorio e della sua gente è l'orientamento alla giustizia sociale (86%): un tema caro anzitutto alla tradizione 'rossa' e a quella cristiano-sociale ma divenuto valore comune diffuso e trasversale, talché l'86% lo avverte con particolare forza quando si parla, per esempio, di aiuto ai disoccupati, ai cassintegrati, ai precari (preteso dal 93% del campione); di migliorare il welfare (79%); di ridurre la disuguaglianza e dunque l'ingiustizia sociale (79%); d'integrare gli immigrati (64%); ecc.. Quasi egualmente netto è il forte (85%) favore per la tutela dell'ambiente, per la lotta a ogni tipo d'inquinamento, per il perseguimento dell'ecosostenibilità, che qui s'intrecciano indissolubilmente con la domanda di qualità della vita. In dettaglio, l'attivazione di ulteriori politiche ambientaliste è indicato come importantissimo e urgente dall'85% degli intervistati; il 76% vuole che siano resi più vivibili le città e i paesi della provincia; il 68% pretende che s'investa per ampliare e migliorare i trasporti pubblici urbani; il 62% auspica il recupero del centro storico di Reggio Emilia, e così via. Al quarto posto, sempre su valori assai elevati (80% di grande e appassionata attenzione) viene la cultura: e qui si va dall'86% che chiede forti investimenti nella ricerca all'81% che li vuole per attività culturali specifiche, dal 62% che dà grande peso a una nuova stagione dell'urbanistica non speculativa sino al 45% - venato spesso di religiosità - che vorrebbe che anche in questa provincia si desse maggior spazio agli aspetti spirituali, non materialistici e consumistici, dell'esistenza. Un po' più indietro, ma sempre col 66% di forte consenso, incontriamo l'auspicio di una serie di azioni volte a incrementare e ad affinare la competitività del sistema economico reggiano e delle sue imprese manifatturiere in primo luogo: dalla R&D (85%) alla lotta alle infiltrazioni della grande criminalità organizzata (89%), dallo sviluppo dei servizi sia pubblici (72%) sia privati (46%) - anche alla produzione - al miglioramento della mobilità (71%), sino ad altri provvedimenti 'sociali' che sostengano i processi di riconversione dell'apparato industriale. Il 62% esprime una significativa domanda d'ordine, in questa provincia nella sua versione sociale, in gran parte lontana dalle tematiche securitarie del law & order: dunque, il 94% auspica lotta alla 16

17 criminalità e l'89% in particolare alle infiltrazioni mafiose e camorristiche ma anche - contemporaneamente - più giustizia sociale (79%), più solidarietà e volontariato (73%), più accoglienza inclusiva degli stranieri (64%). Nel contempo, sarebbe errato sottovalutare la richiesta di restaurazione dell'ordine e dell'autorità (propria del 73%), il favore ormai amplissimo per l'espulsione degli immigrati irregolari se delinquono (68%), il minoritario ma significativo auspicio che Reggio e la provincia vengano restituiti agli italiani (42%). Al sesto posto ecco, assai avvertita dal 61% del campione, la richiesta di forti investimenti in servizi e infrastrutture: non in nuove mega-strutture commerciali (auspicate da meno dell'8%) quanto - come vedremo - in quelli connessi al 'rilancio' del capoluogo, all'utilizzo dell'inedita opportunità dell'alta Velocità ferroviaria, al ridisegno dell'intero sistema dei trasporti pubblici e privati, eccetera. Al settimo posto, col 55% di consistenti adesioni, ecco il favore per il consenso, tipico d'una società nella quale prevalgono da tanto tempo le istanze sia del dialogo, sia del consociativismo: e qui valgono molte delle domande rivolte alla politica all'insegna appunto del coinvolgimento generalizzato, della partecipazione allargata, dello sviluppo della collaborazione 'pubblico-privato' (71%), della garanzia della coesione sociale (69%), eccetera. All'ottavo e ultimo posto, sempre con adesione maggioritaria (55%) osserviamo il rilancio del capoluogo, che pure potrebbe apparire interessante solo per i residenti a Reggio e magari nei comuni limitrofi, essendo in teoria tema non necessariamente universale: eppure i nuovi progetti per Reggio sono reputati importantissimi e urgenti dal 62% degli intervistati (a partire dal recupero del suo centro storico), la riprogettazione del capoluogo per adeguarlo ai tempi nuovi è richiesta fortemente dal 51%, la realizzazione della stazione dell'alta Velocità è ritenuta essenziale dal 47% (si veda anche più avanti). 17

18 9 Sinottica degli indici 0% 50% 100% BUONA POLITICA/AMMINISTRAZIONE 87,6% 8,6% 3,8% GIUSTIZIA 86,0% 13,4% 0,6% AMBIENTE/QUALITÀ DELLA VITA 85,0% 11,2% 3,8% CULTURA 80,0% 13,8% 6,2% COMPETITIVITÀ 65,8% 26,0% 8,2% ORDINE 61,8% 32,4% 5,8% SERVIZI/INFRASTRUTTURE 60,6% 30,0% 9,4% CONSENSO 55,2% 29,6% 15,2% RILANCIO DEL CAPOLUOGO 55,0% 24,4% 20,6% ALTO o MEDIO-ALTO MEDIO o MEDIO-BASSO NULLO/ BASSO Nell'insieme, il ranking di tali auspici cambia assai poco rispetto a quello del dicembre 2009: si osserva, come prima, un generale leggero attutimento delle richieste, con poche eccezioni. La prima riguarda la sostanziale stabilità - su valori massimi - dell'attenzione alle tematiche occupazionali e a quelle del contrasto della criminalità (la lotta alle infiltrazioni mafiose e camorristiche, in precedenza mai esplorata, si colloca subito ai primissimi posti). La seconda concerne il particolare calo, al limite del tracollo, delle istanze spirituali, di quelle volte a restituire Reggio e la provincia agli italiani, del favore per i servizi privati. Ma, appunto, l'insieme non appare dinamico, quasi che l''agenda' dei reggiani in senso lato non sia stata granché modificata dalla crisi economico-sociale. 18

19 GLI AUSPICI CIRCA REGGIO E IL REGGIANO AL 2030 In occasione del 5 Monitor è stato introdotto un nuovo set di domande specifiche riguardanti il futuro dell'intera provincia nei prossimi due decenni: non stavolta sotto forma di previsioni quanto in termini di auspici. La sintesi è espressa nella mappa degli indici, riferiti a specifici 'grappoli' di desideri simili o comunque omogenei: la si vede qui sotto. 10 Sinottica degli indici 0% 50% 100% CIVILTÀ 82,8% 12,0% 5,2% ECO-SOFT ECONOMY 77,2% 11,6% 11,2% INNOVAZIONE/COMPETITIVITÀ 75,4% 15,6% 9,0% CULTURA 73,6% 15,4% 11,0% SERVIZI 67,6% 18,6% 13,8% INFRASTRUTTURE 55,2% 20,2% 24,6% ALTO o MEDIO-ALTO MEDIO o MEDIO-BASSO NULLO/ BASSO La maggiore aspirazione, avvertita dall'83% degli intervistati, riguarda il livello di civiltà del Reggiano: un mix di welfare e cultura ma specialmente di umanità e tolleranza nei rapporti tra le persone e i gruppi sociali (80%), di valorizzazione delle risorse umane in ogni ambito (80%), di maggior peso delle donne in tutti i settori (78%). Al secondo posto incontriamo l'eco-soft economy (77% di forte e medio-forte auspicio), ossia d'una società e d'un apparato produttivo più risparmianti energia e con maggior utilizzo delle fonti 'pulite' (87%), ecosostenibili o green (86%), con trasporti non energivori e poco inquinanti (tram, veicoli elettrici, biciclette, ecc.: 79%), con grandi parchi pure urbani (58%) e così via. 19

20 Poi è la volta della speranza di una provincia tra vent'anni contemporaneamente con più innovazione e competitività (75%): dunque con molti centri di ricerca scientifica e tecnologica (83%), ricca di competenze (78%), creativa e orientata all'innovazione (75%), con produzioni rinnovate e apprezzate nel mondo (74%), con una società dinamica e in continuo cambiamento (71%), con la classe dirigente completamente rinnovata (69%), con forte peso dei settori industriali avanzati ed eccellenti nel mondo (come la meccatronica: 62%), con grandi infrastrutture nuove o rese più moderne (58%). In quarta posizione ecco la cultura (74%): in dettaglio, tanti centri di R&D (83%), una forte e autorevole università (82%), una società informata e colta (78%), un grande peso delle scuole per l infanzia (69%), uno o più grandi eventi culturali (63%), ecc.. Al quinto posto troviamo i servizi (68%): da quelli sanitari (84%) a quelli connessi alla ricerca e ai trasporti (già citati più volte), dal turismo al terziario in generale (65%), dalle strutture per il tempo libero e lo sport (58%) al polo fieristico (48%), ecc.. Viene, infine, il groupage delle infrastrutture, di grande interesse per il 55% del campione e già segnalate nelle pagine precedenti. Con un aggiunta, mai affrontata nelle indagini demoscopiche annuali svolte da AstraRicerche per i Giovani Imprenditori reggiani aderenti a Confindustria: quella che riguarda lo sviluppo programmato del capoluogo (specie verso nord). Ebbene, salvo che per l ipotesi d un nuovo centro commerciale (interessante meno dell 8% del campione), l idea di una vera e propria riprogettazione del capoluogo appare condivisibile e attrattiva per la netta maggioranza degli italiani adulti residenti nel territorio dell intera provincia (55%). Consensi specifici e rilevanti concernono il rilancio del capoluogo anche recuperandone il centro storico (62%), la nuova linea ferroviaria dell AV e la relativa stazione (53%), la creazione d un polo culturale e universitario a un tempo variegato e intenso oltre che avanzato (63%) - pure col sostegno di grandi eventi di qualità appunto culturali (63%) - e poi la messa in opera d un grande parco dello sport e del tempo libero (58%), con lo sviluppo del polo fieristico (48%). Per concludere quest ampia sezione incentrata sul futuro a lungo termine di Reggio Emilia e della sua provincia, meritano di essere citate talune opinioni minoritarie: quella - in senso letterale reazionaria e dunque riportante indietro il Reggiano - di chi vorrebbe che quest ultimo magicamente tornasse a com era anni fa (11%: tale nostalgia regressiva coinvolge soprammedia non gli anziani ma i 35-44enni); quella che si basa sul sogno che Reggio si fonda con altre province (33%) o addirittura entri a far parte d uno Stato autonomo senza Roma e senza il sud (15%: un istanza più presente tra i 18-24enni e nell area meridionale appenninica). In realtà la grandissima maggioranza a un tempo desidera e prevede mutamenti migliorativi ma nel solco d una sostanziale continuità con un esperienza storica visibilmente ritenuta apprezzabile: d altra parte ben il 71% degli intervistati afferma di aver vissuto sempre o quasi sempre all interno della provincia (specie gli ultra54enni, i pensionati e gli opinion leaders diffusi), mentre non più del 24% si racconta come dotato di cultura internazionale, in un contesto nel quale i Reggiani si dicono sì per il 48% innovatori ma con un poco minore 44% che preferisce descriversi come conservatore. 20

21 IL FUTURO DELLE IMPRESE REGGIANE Affrontiamo questo tema con una premessa: a metà degli anni 2000 un indagine demoscopica svolta da AstraRicerche per l Associazione Industriali di Reggio Emilia mise in luce il favore maggioritario della popolazione adulta per le imprese industriali qui operanti, pur in presenza d un cospicuo favore anche per le aziende pubbliche e le cooperative; ma segnalò anche - seppur in via di contrazione - l esistenza di una minoranza, pari a quasi un terzo degli intervistati, ancora impregnata di cultura anticapitalistica e in ogni caso di severe critiche nei confronti delle imprese e (ma solo in parte) degli imprenditori, più apprezzati se locali. Ebbene, passati cinque anni, la situazione appare assai mutata, certamente anche a seguito della crisi, la quale ha spinto molti a rivalutare l industria privata in quanto fornente occupazione. Il risultato è che a fine 2010 meno del 19% degli intervistati adulti appariva ostile o critico o gravemente pessimista circa le imprese manifatturiere reggiane, pensando all oggi e specialmente al loro futuro. Si guardi, a conferma, la torta riportata di seguito, la quale indica appunto che il 19% del campione si rapporta con sfiducia alle aziende private del settore industriale; il 32% appare abbastanza ottimista; il 49% lo è molto o moltissimo. Con la solita aggiunta, concernente le accentuazioni dei tre gruppi: i pessimisti si trovano al di sopra della media nella Bassa e tra i 55-64enni, tra coloro che hanno la licenza media, i lavoratori autonomi, gli appartenenti alle classi medio-bassa e bassa, i singles, coloro che sono trainati e non influenzatori; all opposto, i più ottimisti sono gli imprenditori/dirigenti/professionisti, i diplomati, i benestanti e gli abbienti, i membri di famiglie numerose e con 0-14enni, gli opinion leaders diffusi; con i medi ottimisti più forti tra i soggetti con la sola licenza elementare o addirittura senza alcun titolo di studio e tra i lavoratori autonomi con gli studenti e i giovani in cerca d un primo lavoro non precario. 11 Indice di ottimismo per le imprese reggiane NULLO/ BASSO (78.000) 18,5% ALTO ( ) 49,4% MEDIO ( ) 32,1% 21

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita. Grande Mappa e Nuovi Stili di Vita

La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita. Grande Mappa e Nuovi Stili di Vita SINOTTICA-E U R I S K O La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita 1 Sinottica-Eurisko 2004 Premessa Nel presente documento Eurisko propone una nuova segmentazione della popolazione italiana

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli