U.A. 1 - OPERATIVA N a CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "U.A. 1 - OPERATIVA N. 1. 5 a CLASSE"

Transcript

1 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 136 nome:. U.A. 1 - OPERATIVA N. 1 L energia dei cibi L energia posseduta e liberata dalle sostanze organiche assunte dal nostro organismo si misura in calore e viene espressa in unità, chiamate calorie. La tabella in basso riporta le calorie sviluppate da diversi alimenti per 100 g di peso. ❶ Osserva la tabella. Per ogni categoria di cibi evidenzia in giallo quelli più calorici e in verde quelli meno calorici. Tra le tre categorie, qual è quella che contiene gli alimenti con il più alto valore energetico? Nel quaderno prova a calcolare le calorie variando la quantità degli alimenti. ALIMENTI A PREVALENTE CONTENUTO DI GLUCÌDI (ZUCCHERI) LIPÌDI (GRASSI) PROTÌDI (PROTEINE) ALIMENTO KCAL ALIMENTO KCAL ALIMENTO KCAL Pane 290 Pasta 350 Riso 340 Banana 62 Mela 45 Zucchine 11 Pomodori 19 Patate 80 Burro 758 Olio di oliva 900 Olio di semi 900 Mascarpone 450 Lardo 891 Panna 335 Margarina 760 Mandorle 581 Manzo magro 130 Vitello magro 113 Maiale magro 141 Uova 146 Merluzzo 71 Pollo 175 Coniglio 150 Piselli freschi 76 Miele 303 Ricerca e spiega i termini dieta ipercalorica e ipocalorica. Non sono diete raccomandate, tuttavia sai se ci sono condizioni in cui sono ammesse? Conoscere la composizione nutritiva degli alimenti e in particolare il loro valore energetico Nocciole Lenticchie 320 Matematica - Confrontare dati quantitativi e qualificarli in relazione ai contesti diversi

2 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 137 nome:. U.A. 1 - OPERATIVA N. 2 Bisogno di energia Nella tabella sono rappresentati in modo approssimativo le esigenze complessive di energia giornaliera necessaria per svolgere delle attività. Il fabbisogno energetico è distinto per età e sesso. 35 anni ETÀ MASCHIO FEMMINA 11 anni kcal 2400 kcal 2000 kcal 2100 kcal 1900 ❶ Rispondi con VERO o FALSO. Una persona in attività ha bisogno di meno calorie di un altra a riposo. V F Più si mangia nell arco della giornata e più aumenta la quantità di calorie assunte. V F Con l avanzare dell età aumenta il fabbisogno energetico. V F Il valore energetico dei cibi è la somma tra le calorie apportate dai nutrienti. V F Il fabbisogno energetico non varia con l età V F Il bilancio energetico è la differenza tra entrate caloriche dei cibi e consumo. V F Un ragazzo in fase di crescita necessita di maggiore energia per lo sviluppo fisico. V F L energia non utilizzata dall organismo viene eliminata sotto forma di calore. V F Il consumo calorico della giornata viene così ripartito nei 5 pasti: 20% a colazione 5% a merenda 35% a pranzo 5% a merenda 35% a cena. Rappresenta con grafici le proporzioni. Conoscere le diverse condizioni che regolano il bilancio energetico 137 Italiano - Riconoscere i rapporti logici tra le parole di una frase

3 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 138 nome:. U.A. 1 - OPERATIVA N. 3 Cibo e sport ❶ Leggi attentamente il brano. I ragazzi solitamente svolgono attività sportive nel pomeriggio dopo la fine delle lezioni scolastiche, lontano dal pranzo quanto basta per non trovarsi in piena digestione durante il lavoro fisico. Il pasto di mezzogiorno dovrà essere digeribile e completo: un buon piatto di pastasciutta o in brodo, un secondo leggero di carne, pesce o formaggio accompagnato da verdure fresche o cotte e a completamento frutta possibilmente di stagione, o una fetta di torta. I carboidrati soprattutto quelli complessi di pane, pasta, patate, riso, prodotti da forno e cereali, rappresentano la fonte di energia principale per lo sforzo fisico e la concentrazione. Durante l allenamento è preferibile bere acqua per integrare i liquidi della sudorazione, evitando bevande troppo zuccherate. Finita l attività si potrà consumare una merenda nutriente e leggera, adatta al recupero dopo l impegno atletico: frutta, succhi, latte accompagnato da pane e marmellata o biscotti, oppure una merenda confezionata non troppo ricca di grassi ed energia. Come alimentarsi nel giorno di una gara? L ultimo pasto deve essere consumato almeno due o tre ore prima dell inizio della gara, scegliendo alimenti ricchi di carboidrati. Nel periodo imminente la prestazione si potranno sorseggiare bevande poco zuccherate e se si avesse fame si potrà consumare qualche fetta biscottata o biscotto, e prevenire così cali di zuccheri derivanti dall ansia, che potrebbero compromettere il rendimento sportivo. ❷ Rispondi. Nel brano hai individuato alcune regole importanti sulla quantità e qualità dei cibi quando si fa sport? Nella dieta dello sportivo quale fra i tre nutrienti (lipìdi protìdi glucìdi) deve essere presente in percentuale maggiore? Perché? Ci sono sport più dispendiosi di altri. Puoi fare una classifica degli sport in rapporto al fabbisogno energetico richiesto? Individuare il ruolo dell alimentazione in rapporto al dispendio energetico delle attività fisiche 138 Scienze motorie e sportive - Riconoscere il rapporto tra alimentazione e attività fisica

4 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 139 nome:. U.A. 2 - OPERATIVA N. 4 Gerarchia tra i cibi ❶ Gli alimenti di una giornata vanno assunti in quantità diverse in rapporto al gruppo cui appartengono. Osserva lo schema guida della piramide alimentare e rispondi. Quali alimenti vanno assunti con più frequenza? Quali con moderazione? La tabella riporta il numero di volte in cui gli alimenti di un gruppo possono essere preferibilmente consumati durante i 5 pasti del giorno. ALIMENTI Cereali/Tuberi Ortaggi/Frutta Latte e derivati Carne/Pesce/Uova/Legumi Zuccheri/Grassi ASSUNZIONI IN UN GIORNO 2-4 volte 3-5 volte 1-2 volte 1-2 volte 1-2 volte ❷ Rispettando i tuoi gusti, crea un menu della giornata completo ed equilibrato. 1. Prima colazione Merenda Pranzo Merenda Cena... PER RIFLETTERE Nella definizione del menu hai tenuto conto delle bevande? Influiscono sugli aspetti nutritivi ed energetici? Qual è la bevanda ideale? Comporre la razione alimentare giornaliera secondo le indicazioni della piramide alimentare 139 Scienze- Riconoscere i legami tra salute e igiene alimentare

5 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 140 nome:. U.A. 2 - OPERATIVA N. 5 Raccomandazioni alimentari La campagna nazionale di Educazione Alimentare del 1997 ha indicato 7 direttive per un sano rapporto con il cibo. Osserva il disegno a lato. ❶ Colora le frecce, da sinistra verso destra, rispettivamente di: indaco, blu, azzurro, verde, giallo, arancione, rosso. ❷ Le linee guida sono come i 7 colori dell arcobaleno. Secondo te, perché questa scelta? ❸ Le raccomandazioni sono accompagnate da 7 frecce, che cosa possono rappresentare queste forme? ❹ Quale tra i 7 suggerimenti consideri più importante? Perché? ❺ In gruppo, utilizzando linguaggi grafici e verbali, elabora un progetto pubblicitario con lo scopo di sollecitare negli altri un sano comportamento alimentare. Nel sito dell Istituto Nazionale della Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, all indirizzo inn.ingrm.it puoi trovare le Linee Guida più recenti, aggiornate al Con l aiuto di un adulto ricerca le integrazioni e le novità. Evidenziare il ruolo dell alimentazione per la salute dell organismo 140 Arte e Immagine - Individuare le funzioni dell immagine ed elaborare in modo creativo testi visivi

6 Convivenza_Schede_ qxd :31 Pagina 141 nome:. U.A. 2 - OPERATIVA N. 6 I sapori della salute ❶ Leggi il seguente brano. Le origini della cucina mediterranea sono antichissime, essa è sorta sulle coste del bacino mediterraneo, ha sfruttato la varietà dei naturali prodotti di una terra fertile e generosa. Semplici preparazioni rispettano ed esaltano i sapori delle genuine materie prime; le dosi degli ingredienti rispettano le proporzioni consigliate per l assunzione di nutrienti: carboidrati, proteine, lipidi, sali minerali e vitamine. Inoltre consumando cibi ricchi di fibre si riduce l apporto di calorie a parità di quantità di cibo. Un tempo era considerata la dieta semplice dei poveri, oggi viene consigliata per prevenire le malattie della civiltà del benessere, che ricorre sempre più a cibi già pronti, ricchi di grassi e consumati in velocità. La cucina mediterranea utilizza soprattutto prodotti vegetali, olio d oliva, pasta, pane, legumi, ortaggi e frutta fresca; li combina in modo fantasioso nelle giuste quantità ai cibi di origine animale, carne, latte, uova e pesce, e valorizza i sapori con aromi e condimenti. La nostra tradizione alimentare assicura salute, esaltando allo stesso tempo gusto e sapori. Essa rappresenta un modello di alimentazione equilibrata, varia e adatta a qualsiasi età. La cucina mediterranea è la cucina del sole, dei sapori e della salute! ❷ Nel dipinto Natura morta con frutta di Vincenzo Campi ( ) (Milano, Pinacoteca di Brera), si possono riconoscere i prodotti caratteristici della dieta mediterranea. Descrivili PER RIFLETTERE Il pasto veloce o fast food è un modo di alimentarsi sempre più diffuso tra i giovani. Svolgi tra i compagni un indagine e poi affronta con loro vantaggi e svantaggi. Mettere in relazione tipi di dieta con gli stili di vita e considerane gli effetti sul benessere fisico 141 Arte e immagine - Conoscere e interpretare beni del patrimonio artistico e culturale presenti sul territorio

7 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 142 nome:. U.A. 2 - OPERATIVA N. 7 La carta d identità del cibo L etichettatura di un prodotto ha lo scopo di guidare il consumatore nell acquisto, verso una scelta consapevole fornendo indicazioni sul prezzo, la composizione, le qualità nutritive e la durata di conservazione. ❶ Utilizzando tutte le informazioni presenti nell etichettatura descrivi di che prodotto si tratta, quali sono i suoi ingredienti, le sue caratteristiche nutrizionali, come può essere usato... Distinguere informazioni sulla composizione dei cibi e sulle loro modalità di consumo 142 PER RIFLETTERE Al supermercato leggi le etichette prima di acquistare un prodotto? Quali sono le informazioni che consideri più importanti? Ti lasci condizionare nell acquisto dalla pubblicità sul prodotto? Italiano - Ricercare informazioni su tabelle e schemi in funzione di una descrizione sintetica

8 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 143 nome:. U.A. 3 - OPERATIVA N. 8 Prodotti regionali ❶ Leggi il testo relativo a un prodotto tipico regionale e sottolinea tutti gli elementi che ne fanno un prodotto DOP (Denominazione d Origine Protetta). Prosciutto di Parma (DOP) La sua storia e la sua tradizione risalgono a tempi molto antichi (oltre 2000 anni fa) e trovano origine nelle particolari condizioni ambientali, ecologiche e climatiche che caratterizzano la zona di produzione. Il segreto del prosciutto di Parma inizia con l accurata selezione del maiale, per continuare con i tradizionali metodi di lavorazione e di stagionatura. Il prosciutto viene stagionato per un periodo di almeno mesi e, durante la sua lavorazione, un solo ingrediente viene utilizzato: il sale. Per questo motivo è un prodotto assolutamente naturale, buono, nutriente e digeribile. Il Consorzio del Prosciutto di Parma ne protegge e ne garantisce la qualità e l autenticità riconoscibile dal marchio della corona ducale. Riduzione e adattamento da Cultura che nutre, Ismea ❷ Collega il prodotto tipico alla regione dove si produce. Parmigiano reggiano Mozzarella di bufala Bergamotto di Reggio Calabria Olio Terra d Otranto Cappero di Pantelleria Lenticchie di Castelluccio di Norcia Radicchio rosso di Treviso Bresaola della Valtellina Lombardia Calabria Veneto Sicilia Puglia Trentino Umbria Campania - Lazio Speck Spiega cosa vuol dire DOP e quando il prodotto può avere questo marchio. Tra il prosciutto crudo o cotto, qual è il migliore dal punto di vista nutrizionale? Individuare elementi di qualità nei prodotti tipici di un territorio 143 Emilia Romagna Geografia - Conservare e valorizzare le tradizioni alimetari

9 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 144 nome:. U.A. 3 - OPERATIVA N. 9 Conservare i cibi Gli alimenti conservati in modo inadeguato non solo perdono le loro naturali caratteristiche, ma possono diventare un pericolo per la nostra salute. Sin dai tempi remoti l uomo ha sperimentato varie tecniche di conservazione dei cibi con lo scopo di evitarne il deterioramento e l alterazione, dovuti a microrganismi ed enzimi, che li renderebbero tossici. AFFUMICAMENTO SALATURA ESSICCAMENTO AL SOLE A questi metodi di conservazione di lontana origine se ne sono aggiunti recentemente di sofisticati, impiegati nell industria alimentare: surgelamento, pastorizzazione, disidratazione o liofilizzazione, conservazione con additivi. ❶ Collega in modo appropriato alimenti, tecnica di conservazione e descrizione. Caffè Spinaci Maionese Latte SURGELAMENTO PASTORIZZAZIONE DISIDRATAZIONE o liofilizzazione CONSERVAZIONE con ADDITIVI Processo di riscaldamento su alimenti liquidi che permette di eliminare microbi patogeni. Aggiunta di sostanze chimiche che impediscono lo sviluppo di organismi nocivi alla salute. Congelazione rapida del prodotto a bassissima temperatura per una prolungata conservazione. Eliminazione dell acqua da un alimento che provoca un rallentamento dell attività dei microrganismi. Gli additivi migliorano l aspetto e la durata dei cibi, ma che effetti hanno sulla salute? Analizza alcune etichette e scopri quali additivi assumi assieme agli alimenti. Riconoscere nei processi produttivi e di lavorazione aspetti relativi alla sicurezza alimentare 144 Tecnologia e informatica - Conoscere tecniche relative ai processi di conservazione dei cibi

10 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 145 nome:. U.A. 3 - OPERATIVA N. 10 Cibi sicuri? Nonostante normative nazionali ed europee a garanzia della sicurezza dei prodotti alimentari si possono verificare alcuni incidenti di percorso e sulla nostra tavola possiamo trovare ❶ Leggi il brano e partecipa alla discussione di gruppo. La mucca pazza ha generato una profonda ansia riguardo alla carne che da anni mettiamo sulla nostra tavola e ha sconvolto antiche abitudini alimentari. Un allarme nuovo potrebbe scattare per i polli. Quelli allevati in batteria infatti sono molto suscettibili a influenze e per questo la legge consente che vengano curati con antibiotici. Dopo il trattamento è previsto un periodo di disintossicazione prima del loro commercio. Potrebbe accadere che, per le pressanti esigenze di mercato dopo la crisi di mucca pazza, tale lasso di tempo non sia pienamente rispettato. Così sulle nostre tavole potrebbe spuntare un nuovo pericolo: il pollo impasticcato. Poi i precedenti sui polli non sono proprio tranquillizzanti. Nel 1999 si scoprì che quelli provenienti dal Belgio erano stati allevati con mangimi alla diossina, una sostanza altamente tossica e cancerogena. Recentemente un ulteriore timore è stato lanciato per la presenza di mercurio nei nostri mari che potrebbe intossicare i pesci. Il ministero per le Politiche Agricole ha però rassicurato i consumatori spiegando che la quantità di pesce consumato in occidente non può essere sufficiente per far insorgere pericoli effettivi. Ma certo bene, il mercurio non può fare. Riduzione e adattamento da Gli OGM (Organismi Geneticamente Modificati) sono delle specie di vegetali trasformati in laboratorio per renderli, ad esempio, più resistenti ai diserbanti. Rappresentano dei pericoli per coloro che li mangiano? Riconoscere nei processi produttivi e di lavorazione aspetti relativi alla sicurezza alimentare 145 Italiano - Consultare testi di approfondimento e ricerca e estrapolare dati

11 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 146 nome:. U.A. 1 - VERIFICA N. 1 Cibo e valuta L energia che serve per svolgere i diversi impegni giornalieri viene fornita dal cibo. Immagina che ciascuna delle seguenti attività abbia un costo, che varia da una a cinque monete di cioccolato. ❶ Riordina le seguenti attività dalla meno alla più dispendiosa colorando le monete necessarie (1 moneta = attività meno dispendiosa, 5 monete = attività più dispendiosa). Camminare sul marciapiede Camminare sul marciapiede con uno zaino a spalle Camminare sulla strada accidentata del parco Stare fermi in piedi Stare seduti ❷ Scegli il perché. Stare in piedi da fermi è più dispendioso che stare seduti, perché in piedi siamo più alti i muscoli per farci stare eretti lavorano Camminare in piano è meno dispendioso che in salita, perché la superficie è ampia e sicura la superficie non è accidentata Portare un peso a spalle è più dispendioso che camminare senza borse, perché la fatica è maggiore non c è stato allenamento PER RIFLETTERE Passi molte ore della tua giornata seduto? Svolgi attività fisiche intense che richiedono un maggiore costo energetico? Le svolgi con regolarità? OGGETTO DI VERIFICA Individuare il ruolo dell alimentazione nel dispendio energetico delle attività fisiche

12 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 147 nome:. U.A. 2 - VERIFICA N. 2 Le 3 chiavi ❶ Nelle caselle cifrate sono nascoste le 3 parole-chiave che aprono la porta a un alimentazione quotidiana sana e corretta. Per trovarle, leggi gli indizi riportati sotto e considera che a numero uguale corrisponde lettera uguale Q U L B M D Z N V T Tutti i cibi possono entrare nella dieta quotidiana, ciò che conta è consumarli in proporzioni diverse secondo il gruppo cui appartengono. È una questione di. tra i cibi. Salendo i gradini della piramide alimentare, i consumi dei cibi densi di energia devono diminuire, per cui si consiglia di mangiarli con Nessun alimento da solo è capace di fornire tutti i nutrienti che servono all organismo; una dieta monotona causa carenze nutritive, è importante quindi mangiare più di cibi. SONO CAPACE Per alimentarmi in modo corretto devo scegliere cibi che garantiscono l apporto di tutti i nutrienti nelle giuste proporzioni. OGGETTO DI VERIFICA Comporre la razione alimentare giornaliera secondo le indicazioni della piramide alimentare

13 Convivenza_Schede_ qxd :32 Pagina 148 nome:. U.A. 3 - PORTFOLIO N. 1 Pasto a base di ❶ Analizza i diversi comportamenti alimentari descritti, e scrivi sul quaderno le tue conoscenze e riflessioni sull'alimentazione nei secoli. Nella preistoria il pasto tipo era composto da tuberi, radici, frutti spontanei, semi, uova di uccello, miele e qualche insetto. Nell antico Egitto si mangiava molto pane, fatto con farina di frumento o di orzo.veniva consumato insieme al pesce, raramente con la carne. Nel 1000 a.c. presso gli Ebrei alla base dell alimentazione c era il pane, anche senza lievito: azzimo. Si mangiavano legumi, formaggio e frutta. Sulla tavola dei Fenici non mancava mai la zuppa di farro o di legumi e il pane da consumare con ortaggi vari. Fichi, datteri, uva e altri frutti erano ottimi fuoripasto. Nell antica Roma imperiale si apprezzava il piacere della buona tavola. Il pane era sempre alla base dei pasti, consumato con fave, lenticchie, ceci o con carne allo spiedo. Dopo le invasioni barbariche si mangiava in grande quantità selvaggina cotta allo spiedo. Alla base dell alimentazione c era sempre il pane. Quali alimenti sono sempre presenti nella tavola in ogni tempo storico? Quali modelli alimentari garantivano una alimentazione varia ed equilibrata? Alla base di ogni modello alimentare non devono mai mancare i carboidrati e i glucìdi. Perché sono così importanti questi nutrienti? Quando si dice che l alimentazione è completa? SONO CONSAPEVOLE Alcuni alimenti sono sempre stati alla base dell alimentazione dell uomo per l importanza dei loro apporti nutritivi. IMPARO A VALUTARMI Queste attività per me sono state: molto facili abbastanza facili un po difficili

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport La nutrizione nell'attività fisica e nei vari sport

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C IN COLLABORAZIONE CON Le esperte dell Azienda Provinciale Servizi Sanitari Dott.ssa Ramona Camellini e Marilena

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

L ALIMENTAZIONE. DANIELA BASOSI Scuola Secondaria inferiore - Classe terza 8 Maggio 2011

L ALIMENTAZIONE. DANIELA BASOSI Scuola Secondaria inferiore - Classe terza 8 Maggio 2011 L ALIMENTAZIONE DANIELA BASOSI Scuola Secondaria inferiore - Classe terza 8 Maggio 2011 Un approccio operativo ai concetti di alimentazione e di nutrizione. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Ricostruire lo scopo

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

L alimentazione equilibrata

L alimentazione equilibrata L alimentazione equilibrata ( R. Pellati, 2005) Macronutrienti Percentuale % Quantità Calorie Proteine 12-15 80-90 g/die Grassi 25-30 75-85 g/die Carboidrati Fibra 55-60 --- 360-390 g/die 20-30 g/die 1

Dettagli

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E DEI SERVIZI ACCESSORI NEI NIDI D INFANZIA, NELLE SCUOLE D INFANZIA,

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Lotto n. 1 Allegato B TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Fasce d età considerate Scuola dell infanzia ANNI 2,5-5,5 Scuola elementare 5,5-10,5 Scuola media * 10,5-14,5 * Nella fascia di età

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari DELLE COMMISSIONI MENSA la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari 10 gennaio 2008 Lucia Antonioli Margherita Schiavi 3 COME SI STRUTTURA UNA TABELLA DIETETICA 5 LARN Livelli di assunzione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica)

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DATA della richiesta : DATA scadenza dieta : COGNOME E NOME: pasta o riso o orzo o farro con olio e parmigiano reggiano, con pomodoro o con verdure;

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì I menù proposti da EURORISTORAZIONE per la ristorazione scolastica sono strutturati in 4 settimane, che si ripetono ciclicamente e stagionalmente (menù estivo/menù autunnale/menù invernale) per le scuole

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

QUESTIONARIO PER EDUCATORI

QUESTIONARIO PER EDUCATORI www.okkio3a.liguria.org Codice ID questionario _ _ _ _ _ _ _ _ ASL Scuola Classe QUESTIONARIO PER EDUCATORI 1. Elenca alcuni alimenti o bevande che contengono zuccheri: 2. Hai l abitudine di fare la colazione

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA NOI E IL CIBO Per crescere servono calorie e principi nutritivi e la nutrizione della prima parte della vita influisce sull

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Più gusto con lo spuntino giusto La fase iniziale: perché mangiamo? Quali sono i principi nutritivi degli alimenti? Insieme all assistente sanitaria Patrizia abbiamo ripreso

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE Colazione 1 tazza di caffè e latte parzialmente scremato: caffè: una tazzina Latte parzialmente scremato: 200 gr. 4 fette biscottate Sostituibili

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( )

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( ) INDOVINA COSA MANGIO Ciao! La Commissione Mensa, composta dai genitori di alcuni ragazzi che frequentano la tua stessa scuola, si occupa di ciò che mangi in mensa. Il suo obiettivo è quello di migliorare

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Modello alimentare italiano e Stili di Vita Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Dott.ssa Carla Favaro Specialista in scienza dell alimentazione Dottore di ricerca in Nutrizione

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

EDUCAZIONE. alimentare

EDUCAZIONE. alimentare Convivenza_Teoria_4-5.qxd 23-06-2005 14:58 Pagina 138 5 EDUCAZIONE alimentare Presentazione Il percorso offre una serie di spunti per insegnare ai bambini ad alimentarsi in modo sano ed equilibrato. Fornirà

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

3. Consigli e strategie

3. Consigli e strategie Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 3. Consigli e strategie Raccomandazioni

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

Servizio Refezione Mense

Servizio Refezione Mense Solaris s.r.l. Servizio Refezione Mense Comune di: Castel S. Pietro Terme e Ozzano dell Emilia MENU ASILO NIDO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A cura del Servizio Dietetico della Solaris S.r.l. Dott.ssa in dietistica

Dettagli

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero)

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) Consigli COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) E un momento alimentare troppo spesso trascurato. E importante consumare un adeguata colazione. E dimostrato, peraltro, che l assenza di questo pasto

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

Salute e benessere iniziano a mensa!

Salute e benessere iniziano a mensa! Salute e benessere iniziano a mensa! SCUOLA DELL INFANZIA COSSIGNANO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 2 PRESENTAZIONE L accesso e la pratica di una sana e corretta alimentazione è uno dei diritti fondamentali

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli