Settembre 1944: morte di un ponte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settembre 1944: morte di un ponte"

Transcript

1

2 Settembre 1944: morte di un ponte Scorrendo le liste dei morti sotto i bombardamenti del Borgo leggo il nome di un piccolo pavese, Claudio, di otto mesi. A questo piccolo concittadino a me sconosciuto, la cui vita si è fermata alle 11 del 6 settembre 1944, va il mio affettuoso pensiero. Addio Claudio... L'Autore. 2

3 Prefazione Prefazione Cedo a pochi questa indagine, approntata nel tempo notturno, senza schema se non quello del reperimento casuale delle notizie orali di chi era presente agli avvenimenti e delle fonti scritte (pochissime) di chi, a memoria, stilò qualche appunto dei giorni dell ira. Per forza di cose le dinamiche di azione sono deduttive e induttive, basate però sulle risultanze dei fatti concreti, testimoniati dalle fotografie di Chiolini e altri, di ciò che successe a Pavia nel Due monconi di mattoni sono tutto ciò che resta nelle pagine ingiallite della guerra su Pavia e sul suo Ponte. Ancora oggi, nelle sere di nebbia, si aggirano attorno a questi monconi fantasmi di antiche lavandaie, ombre grevi di elemosinanti, dazieri e cavatori di ghiaia, spettri di pescatori, barcaioli e affogati. È la popolazione del Vecchio Ponte che non trova pace. Ogni tanto sorprendo qualche anziano pavese che guarda con aria triste questi poveri monconi cercando di cogliere ancora il respiro del Ponte Vecchio (spesso, è successo anche a me...). L'Autore. 3

4 Settembre 1944: morte di un ponte Il bombardamento del Ponte Coperto ha lasciato nel cuore dei vecchi pavesi (che allora erano giovani) una profonda ferita, una crisi emozionale che, in tutti questi anni, non si è mai sopita. Parlando con chi vide morire il Ponte, si avverte tutto il disagio, tutto il rimpianto, il dolore di un taglio di cordone ombelicale che fu il significato di una Pavia ancestrale, quasi materna e ormai scomparsa e annullata per sempre nel suo simbolo più vero. Ne parlano con tono rassegnato, quasi sommesso, sono restii a ricordare, a descrivere, o non sanno bene motivare il perché di un bombardamento, di una distruzione così inutile che pose, quel terribile settembre 1944, un interrogativo che ebbe ben poche precise risposte. Perché le Forze Alleate USA infierirono sull Italia ormai in ginocchio, se erano alleate con gli Italiani? Dare una risposta non è semplice. In tutti questi anni nessun dato, nessuna notizia, venne mai fornita dagli Archivi USA, e i bombardamenti degli ultimi venti mesi di guerra (dopo la firma dell Armistizio dell 8 settembre 1943) fecero assai più vittime di quante ve ne furono prima dell Armistizio. Il tutto, però, venne sempre passato sotto il silenzio ed etichettato con la sigla: WAR SECRET. Un dato però è certo: dal dicembre 1943 gli Alleati rovesciarono sull Italia tonnellate di bombe... Gli obiettivi dichiarati della piccola Pavia erano i tre ponti, che potevano permettere alle forze tedesche, già sfiancate, di risalire la Val Padana, raggiungere il ridotto Alpino e da lì riorganizzarsi con aiuti freschi dalla Germania. In realtà, i ponti ebbero, proporzionalmente al volume di bombe sganciato su Pavia, pochi o relativi danni, mentre vennero rasi al suolo - quasi fossero stati ponti - interi rioni storici con conseguenti numerose vittime civili. 4

5 Le basi di partenza Furono davvero errori di calcolo di bombardamento dovuti all inesperienza dei piloti e degli equipaggi? Così si è sempre sostenuto. Anche se i fatti sembrano dare torto a questa tesi: Milano centro venne bombardata per il 55% e nel suo centro storico non esisteva alcun obiettivo militare, e ciò malgrado gli aerei militari sganciarono con precisione sul Teatro alla Scala, sulla Galleria, su Corso Vittorio Emanuele, sui magazzini La Rinascente, sul lato sinistro del Duomo, così pure Roma, dove i quartieri San Lorenzo e Prenestino erano notoriamente composti da rioni popolari ricchi di trattorie, negozi, casette e abitazioni ultrasecolari. Malgrado ciò, la popolazione italiana, nonostante le distruzioni patite, accolse a braccia aperte i Liberatori Americani, e dimenticò presto. Per indennizzarci, i Liberatori ci inondarono di leccornie mai viste, Camel, Lucky Strike, cioccolato, whisky, corned beef, chewing gum, boogie woogie, luci al neon, Coca Cola, stranezze ed abitudini tutte diverse da quelle della mamma e della nonna. Ma da dove partivano gli aerei che bombardarono Pavia? E di quale tipo di aerei si trattava? Quante bombe portavano e quante ne sganciarono? Quali zone e in quali giorni furono bombardate e con quali danni? Vediamo con ordine. Le basi di partenza L organizzazione delle Forze Aeree Alleate nel teatro di operazioni del Mediterraneo era denominata MAAF, Military Allied Air Forces. La MAAF era così articolata: MASAF - Military Allied Strategic Air Forces; MATAF - Military Allied Tactical Air Forces; MACAF - Military Allied Combat Air Forces. L aviazione da bombardamento strategico si era stabilita nel gruppo degli aeroporti foggiani, mentre l aviazione tattica era di stanza su altri aeroporti pugliesi: Brindisi, Lecce, Amendola, Tortorella, Manduria, Grottaglie, San Pancrazio, Leverano, San Vito dei Normanni, Palese, Gioia del Colle. Il Genio Aeronautico USA costruì in brevissimo tempo nuove basi, nuove piste, raccordi, diramazioni, piazzole, depositi, e un grande oleodotto che dal porto di Manfredonia convogliava il carburante necessario alle esigenze operative delle varie basi aeree. La potenza aerea del Meditrraneo poteva contare all inizio del 1944 su di una prima linea composta da 500 bombardieri pesanti, da 865 bombardieri medi, caccia di ogni tipo e 400 aerei da trasporto, oltre ad un nutrito gruppo di ricognitori. Nel settembre 1944, le unità da bombardamento che per prime volarono su Pavia, partirono quindi dagli aeroporti di Foggia. Il volo da Foggia a Pavia, considerando il carico di bombe assai greve, aveva una durata non inferiore alle quattro ore. Le formazioni navigavano, durante la rotta di avvicinamento, ad una quota variante tra gli e gli metri. Tale quota, in prossimità dell obiettivo veniva ridotta da un minimo di metri ad un massimo di metri, per poi scendere ad una quota variabile tra i ed i metri per 5

6 Settembre 1944: morte di un ponte la fase di sgancio del carico di bombe. Caratteristico e indimenticabile, per chi lo ricorda, era il rumore delle bombe che scivolavano sui binari in caduta, rumore assai simile al rovesciamento di un carico di ghiaia da un autocarro... Gli aerei Gli aerei che volarono su Pavia nel settembre 1944 avevano, come si è detto, base operativa nel foggiano. Qui si trovava il grosso del 15 th Strategic Air Force da bombardamento, composto dai bombardieri pesanti Boeing B-17 Flying Fortress (Fortezze Volanti). Il Boeing B-17 aveva una apertura alare di oltre 31 metri, una lunghezza di oltre 22 ed una altezza di circa 6 metri. La velocità massima era di 510 km/ora ad una quota di metri, con una autonomia di Km. L equipaggio era composto di 8-11 uomini. Era il fiore all occhiello dell aviazione USA sia per il poderoso carico di bombe trasportabile, sia per la concezione costruttiva. Era infatti capace di tornare alla base anche con gravi danni a bordo. Per questa ragione era molto amato dai suoi equipaggi, i quali si riferivano al B-17 come The Lady o The Queen, la Signora del cielo. Nel corso delle ostilità le Fortezze Volanti diedero un contributo fondamentale alla vittoria delle forze alleate distruggendo buona parte del potenziale bellico avversario. Per rendersene conto basta scorrere le cifre del tonnellaggio sganciato sui bersagli europei, che ammonta a più di tonnellate, un totale che corrisponde ad oltre il 40% di tutte le bombe sganciate da tutti i tipi di bombardieri alleati. Sopra, un B-17 Flying Fortress in volo. 6

7 Gli aerei Oltre al Boeing B-17, le forze USAF disponevano di caccia bombardieri monoposto e monomotore la cui agilità veniva sfruttata come scorta ai bombardieri pesanti e per operazioni di attacco al suolo. Il più famoso fu il Thunderbolt P- 47, il cui equipaggio era costituito da un solo uomo che azionava tutti i comandi di volo, di mitragliamento e di sgancio di carico bombe. I Thunderbolt volarono con certezza su Pavia, come riferiscono più testimoni oculari, e i fori di mitragliamento delle sue otto canne scalari sono ancora visibili sul moncone del distrutto Ponte della Ferrovia. Il caccia Thunderbolt P-47, era armato con 6 o 8 mitragliatrici Browning da 12,7 mm e con un carico offensivo di libbre di bombe (1.134 kg) o 5 razzi da 127 mm. Il suo motore era agilissimo, e dal marzo 1943 all agosto 1945 i Thunderbolt effettuarono circa sortite in Europa e sganciarono circa tonnellate di bombe, lanciarono razzi e spararono 135 milioni di colpi di mitragliatrice. I caccia Thunderbolt avevano base strategica, anziché negli aeroporti di Foggia, nelle basi situate negli aeroporti di Pisa - San Giusto, ovvero esattamente a metà della penisola, il che dava loro la massima agilità e velocità di dislocazione su tutto il territorio. Alla fine del conflitto, gli USA, senza troppi complimenti, ci imposero, in quanto paese vinto, l uso a tempo indeterminato dei più bei litorali: Livorno, Sigonella, Aviano, La Maddalena, dove ancora oggi sono presenti le basi militari della Nato Air Forces. Sopra, cinque P-47 Thunderbolt in formazione. Il quadrimotore B-24 Liberator costituiva, l alternativa, quale bombardiere pesante, al Boeing B-17. Ebbe intenso impiego operativo su tutti i fronti in virtù della sua caratteristica di bombardiere pesante a largo raggio. L equipaggio era composto da dieci uomini: due piloti, un navigatore, un puntatore e sei mitraglieri. Il Liberator non fu mai amato dai suoi equipaggi che gli affibbiarono soprannomi poco lusinghieri dovuti soprattutto alla scarsa stabilità ed alla mag- 7

8 Settembre 1944: morte di un ponte giore vulnerabilità ai colpi della contraerea soprattutto da parte dell ala, che tendeva, se colpita, a spezzarsi. Il Liberator era equipaggiato con un armamento difensivo costituito da 10 mitragliatrici Colt-Browning da 12,7 mm, con dotazione complessiva di colpi suddivisi in una torretta anteriore binata, una ventrale retrattile, ed una caudale. Il carico di caduta standard era di kg di bombe, che potevano salire a in missioni a breve raggio, mentre su lunghe distanze l armamento tipico era di kg. Sopra, un B-24 Liberator durante un azione. Ultimo, ma non ultimo, il B-26 Marauder, robustissimo bombardiere con un grosso tronco centrale in cui era alloggiato il vano bombiero. Portava un equipaggio di sette uomini che comprendevano i due piloti, il navigatore, un marconista, il mitragliere/bombiere anteriore ed i mitraglieri in torretta ed in coda. La disponibilità di fuoco di mitragliamento era di colpi. Il carico massimo di caduta era costituito da due bombe da 726 kg ma la maggior parte delle missioni fu compiuta con otto bombe da 227 kg o 16 da 113 kg. È probabile, ma non assodato, che alcuni Marauder affiancarono i B-17 che volarono su Pavia nel

9 L armamento L armamento I bombardieri USAF furono progettati anzitutto per trasportare e lanciare un notevole volume offensivo composto dal carico di bombe, dirompenti e perforanti, e spezzoni incendiari, oltre all impiego di fuoco di mitragliamento. Il Boeing B-17, bombardiere per eccellenza, era equipaggiato con due mitragliatrici in posizione caudale, brandeggiabili, di cal. 12,7 mm. Un armiere era situato sulla torretta ventrale binata ed il suo tempo era impiegato a rimanere inginocchiato per manovrare il congegno di puntamento. Altri due mitraglieri stavano in posizioni laterali ed uno in posizione dorsale posteriore mentre sulla torretta dorsale superiore stava un ingegnere di volo cui spettava anche l azionamento di una mitragliatrice binata. In totale questo poderoso aereo portava dieci bocche da mitragliamento ed era quindi praticamente difeso su tutti i lati. Il munizionamento era composto da 500 colpi per la mitragliatrice anteriore, 300 colpi ciascuna per le mitragliatrici situate sui fianchi, 400 colpi ciascuna per le mitragliatrici in torretta dorsale, 500 colpi per arma nella torretta ventrale, 565 colpi per arma nella posizione caudale. Il munizionamento veniva aumentato in situazioni particolari. Il carico di bombe trasportabili poteva essere costituito dalle seguenti combinazioni: 26 bombe da 45 kg, o 16 da 136 kg, o 12 da 227 kg, o 8 da 454 kg, oppure 4 da 908 kg. Da quanto è dato sapere, ovvero dai ritrovamenti di bombe sganciate sui ponti di Pavia e rimaste inesplose, dai frammenti siglati e da deduzioni ragionate, si può concludere che nel settembre del 1944 vennero prevalentemente sganciate su Pavia bombe dirompenti da libbre, ovvero 454 kg cadauna. Tale tipo di bomba aveva un altezza di 171 cm ed una circonferenza di 150 cm. Sulla parte posteriore portava applicato il governale, ovvero un gruppo composto da quattro alette inscritte in una fascia d acciaio il cui compito era quello di mantenere la traiettoria verticale con l ogiva completa di spoletta, diretta verso il basso. L involucro generalmente era di acciaio o in ghisa acciaiosa con spessori di parete diversi: pareti sottili e medie per bombe dirompenti, pareti di massimo spessore per bombe perforanti. Un esemplare di bomba da 1000 libbre (454 kg) sganciata in uno dei bombardamenti su Pavia è visibile nel monumento alle vittime dei bombardamenti sul Borgo, all uscita del Ponte Coperto, a sinistra. Un calcolo del numero di bombe sganciato su Pavia è ovviamente impossibile. Si possono solo fare calcoli ipotetici e approssimativi. Il testimone oculare che con maggior precisione riportò sulla carta gli schizzi di ciò che vide è lo studente (di allora) Mario Sacchi, anche se parecchi studenti della Sezione Geometri dell'istituto Tecnico Bordoni fecero altrettanto. In quei tempi già così difficili non era peraltro diffuso il possesso di un apparecchio fotografico e del resto sarebbe stato assai arduo reperire le pellicole fotografiche in una Pavia che mancava di tutto. Il Sacchi, nel suo diario disegnato, annota che nel settembre 1944 «centinaia di aerei sorvolano Pavia». L annotazione del Sacchi - senza nulla toglierle - sembra eccessiva, e dettata dalla spinta emotiva del momento. Se infatti si ritenesse esatta l annotazione di «centinaia» di aerei B-17 equipaggiati con il classico carico di 12 bombe cadauno si avrebbe, per un solo centinaio di aerei, uno sganciamento su Pavia di bombe, il che appare inverosimile. Più prudentemente, si può stimare, per il primo giorno di bombardamento, il 4 9

10 Settembre 1944: morte di un ponte settembre 1944, considerando i danni risultanti dalle fotografie, uno sganciamento di circa venti-venticinque bombe per ogni parte, a destra e a sinistra del Ponte, verso la città. Un totale ipotizzabile, quindi, di circa 100 bombe, delle quali circa il 10% rimanne inesploso e venne poi recuperato alla fine del conflitto. In questo ultimo ventennio, l ultimo ritrovamento risale al 1997, vennero ancora alla luce una decina di rugginose bombe da libbre. Rugginose ma ancora efficienti. L avvicinamento al nemico I criteri di attacco delle formazioni aeree USAF furono modificati più volte nell ultima parte del conflitto. Vennero adottati nuovi concetti difensivi ed offensivi, ma sempre ostentando una sicurezza che in effetti non sussisteva, ovvero, in materia di tattica militare le forze armate tedesche erano di gran lunga superiori. Le formazioni in manovra di avvicinamento badavano a non scendere sotto i metri, e ciò per essere fuori dal tiro della contraerea tedesca che a Pavia era dislocata nella zona del Confluente, nell area dell Arsenale, nella zona di Cascina Campeggi e che, per la verità, riuscì rare volte ad arrecare gravi danni agli aerei americani in fase d avvicinamento. Una formazione da bombardamento USAF, nel 1944, era composta da uno Squadron di 18 aerei B-17 (o B-26 Marauder) suddiviso in 3 quadrati difensivi chiamati Combat Box Stagger, o scatole oscillanti, con disposizione su quote differenziate. L aereo capo squadriglia, o Squadron Leader, era contraddistinto da una colorazione diversa, a lui spettava il compito di impartire gli ordini operativi sia per l azione di bombardamento sia per fronteggiare gli attacchi dei caccia dell aviazione della RSI. Le tre formazioni volavano, come si è detto, su quote differenziate e decentrate in una vasta area e si raggruppavano su colonne parallele al momento del bombardamento, per poi allargarsi nuovamente dopo lo sgancio del carico esplosivo... Disposizione di volo e difensiva di squadriglia di bombardieri USAF, formazione denominata a scatola oscillante. Come si vede chiaramente, ogni angolo della formazione era perfettamente difeso. 10

11 Il volo su Pavia Era una tattica mobile ed intelligente, e per allora modernissima, che si prefiggeva di ingannare la difesa antiaerea, costretta ad un fuoco d interdizione diretto a quote differenti e quindi con effetto decentrato del tiro. L alta quota di volo ed il largo decentramento delle formazioni diluiva altresì il tiro della contraerea ostacolandone le operazioni di puntamento ed acuendo le difficoltà di brandeggio dei pezzi, inoltre la concentrazione del tiro su una determinata formazione permetteva ad altre formazioni di superare la zona critica indenne o con modeste perdite. Il volo su Pavia I bombardamenti degli Alleati su Pavia si articolarono in complessive dieci incursioni. La prima ebbe luogo lunedì 4 settembre 1944, cui seguirono quelle di martedì 5 settembre, di martedì 12 settembre, di sabato 23 settembre e di martedì 26 settembre. Oltre ad altre incursioni di minore entità, più per spezzonamento e mitragliamento che per bombardamento, nei giorni 23 e 25 aprile e agosto 1944 e 4 e 22 aprile La prima incursione avvenne in una mattinata che i testimoni ricordano normalissima e piena di sole. Il rombo degli stormi aerei si avvertì esattamente alle 10:28 e dopo pochi minuti le formazioni descrissero un ampia circonferenza sulla città per dare tempo agli equipaggi di collimare le apparecchiature di puntamento ed anche - per antica consuetudine - per dare tempo ai civili di mettersi al riparo. Si disse che la cupola del Duomo limitava i movimenti di virata degli aerei ma la tesi non è accettabile, sia perché le formazioni volavano ad alta quota (non meno di metri) sia perché la cupola non era situata sulla direttrice di volata degli aerei. Gli attacchi alla città, di per se stessi più facili del previsto, furono resi ancora più facili dall uso dei Windows (finestre) come gli americani chiamavano convenzionalmente le striscioline di carta stagnola lunghe 27 cm, che avevano la proprietà di turbare i radar per circa 10 minuti. La parola in codice tra i componenti e le squadriglie era la seguente: «Open the windows»... ovvero, aprite le finestre, ed era, se intercettata a terra dalla difesa antiaerea, assolutamente inspiegabile. Queste striscioline di stagnola venivano lanciate, a decine di migliaia, dai finestrini degli aerei, da una quota di metri, e creavano la più incredibile confusione in tutto il sistema difensivo tedesco. I radar, non ancora perfezionati come quelli odierni, captavano la massa metallica della stagnola veleggiante nell aria e rappresentavano sugli schermi radar un confuso effetto grandine che veniva interpretato come un fiume di aerei proveniente da tutte le direzioni. Mettere in posizione i mezzi di difesa antiaerea, collimazione - direttrice - altitudine - distanza - tiro, era così praticamente impossibile. Il puntamento e lo sgancio Si disse che i piloti americani avevano poca esperienza di bombardamenti, che erano stati istruiti affrettatamente e in modo sommario, al punto che avevano 11

12 Settembre 1944: morte di un ponte difficoltà ad usare le attrezzature di bordo per il puntamento e lo sgancio del carico di bombe. Si disse anche che i piloti - per la maggior parte di colore - portassero con sé nelle sortite una buona scorta di whisky. Ciò spiegherebbe l errore di bombardamento dell obiettivo Ponte Vecchio e conseguentemente la distruzione dei quadranti antistanti il Ponte, Porta Salara e Lungo Ticino, Via dei Mille, Via Milazzo. Potrebbe anche essere così benché i fatti dimostrino invece che il Ponte della Ferrovia cadde subito in frantumi in virtù di uno sgancio perfettamente centrato. Così pure il Ponte dell Impero, sbagliato di pochissimo il bersaglio (il pilone) alla prima incursione, dopo un solo aggiustamento di tiro venne esattamente centrato nella prima arcata verso il Borgo, troncandola di netto, benché fosse egregiamente costruito e rivestito in granito. Per capire invece il motivo del bombardamento fuori dall obiettivo Ponte Vecchio, occorre esaminare la tecnica di volo dei bombardieri, le condizioni atmosferiche, l eventuale riflesso del sole sul fiume ed il sistema di puntamento. La tattica di volo è ben ricostruita in un disegno dal vero di Mario Sacchi, allora giovane testimone oculare. Il Sacchi ricostruisce la tattica dei piloti per bombardare i ponti sul Ticino scrivendo: «gli stormi sorvolano la città e all altezza del Policlinico virano e si separano a monte del Ponte della Ferrovia, virano sul piazzale della Minerva, prendendo d infilata il Ponte Coperto e proseguono in direzione sud. Altri aerei colpiscono di fianco il ponte dell Impero, virano su San Teodoro e sganciano bombe all inizio di Via Milazzo e di Via dei Mille». Le condizioni atmosferiche nei giorni del settembre 1944 erano, stando ai testimoni oculari, eccellenti. Il sole alle 10:30 del mattino si trova a circa 25 gradi dello Zenith, pertanto un aereo che vira sul Piazzale della Minerva si avvicina al Ponte Vecchio con il sole pressoché alle spalle, e quindi in condizioni ottimali di puntamento. Il disegno dal vero di Mario Sacchi - schizzato al momento - che riproduce con realismo le direttrici di volo durante la prima incursione su Pavia. 12

13 I danni Il sistema di puntamento per lo sgancio del carico di bombe montato sul bombardiere B-17 negli anni del conflitto era denominato Norden, e su di esso venne sempre mantenuto il più rigoroso segreto per tutta la durata della Seconda Guerra Mondiale. Il Norden era un sistema avanzatissimo, giro-stabilizzato sull asse verticale e su quello orizzontale. I dati balistici delle bombe, la velocità al suolo, la deriva, venivano preinseriti dal puntatore, elaborati e corretti sino alla determinazione del punto preciso di sgancio da un calcolatore. In pratica, grazie al Norden, il puntatore poteva condurre l aereo sul punto preciso di sgancio. Una considerazione, allora, balza subito evidente: nessun pilota d aereo da guerra avrebbe potuto sbagliare un obiettivo come il Ponte Vecchio, la cui copertura in tegole rosse lo faceva stagliare nettamente sul collimatore, arrivando a sganciare sulla Via Acquanegra (distanza dall obiettivo circa 1Km.) o sui Viali Lungo Ticino (distanza m), se si tiene conto che la consegna per i bombardieri era quella di tornare alle basi vuoti di carico si può ben dedurre che i piloti dell USAF vollero bombardare le case dei civili, così come già era avvenuto a Milano, Roma, Padova, Genova e nel resto d Italia. Si tenga conto altresì che sulle case vi furono complessivamente dodici ondate di passaggi e, in tutte le ondate, gli aerei sganciarono bombe. Errore su errore? Equipaggi perennemente sbronzi di whisky? Imperizia al puntamento? Le varie ipotesi non reggono, mentre - contrariamente a quanto si è sempre sostenuto a Pavia - si appalesa la certezza che non vi fu alcun errore, né dovuto al riverbero del sole nelle acque del Ticino, né di imperizia al puntamento. Gli americani, malgrado l armistizio tirato con i denti, nutrivano disprezzo per gli italiani, nemici sino al giorno prima, poi traditori dell alleato tedesco, poi neoalleati con gli angloamericani, e, di conseguenza, non andarono troppo per il sottile, inoltre si avvicinarono alla guerra d Europa incattiviti dal disastro di Pearl Harbour e le loro azioni di bombardamento sfociarono ben presto nel più bieco terrorismo... I danni La prima incursione aera su Pavia, con specifico obiettivo dei tre ponti, avvenne martedì 4 settembre Alle 10:28 tre formazioni di aerei furono sulla città e alle 10:50 iniziarono a sganciare i primi grappoli di bombe sulla zona del Borgo. Le prime ad essere colpite furono le case che si trovavano sulla destra e sulla sinistra del dell ingresso del Ponte Vecchio (circa una dozzina). Il tipo di bomba sganciato era probabilmente di quello dirompente e infatti le case vennero letteralmente sventrate. In questa prima incursione non sembra siano stati sganciati spezzoni incendiari, cosa che invece avvenne in seguito. Tre ondate successive distrussero completamente il Ponte della Ferrovia. Il povero ponte, costruito forse con materiali non eccelsi, ebbe le arcate completamente polverizzate nello spazio di pochi minuti. Il moncone ancora esistente porta alla base i fori del mitragliamento subìto. Era un ponte strategicamente importante in quanto ferroviario, ed è per questo che costituì il primo obiettivo in assoluto dell USAF. In una di queste ondate venne colpito il primo pilone del Ponte dell Impero verso 13

14 Settembre 1944: morte di un ponte il Borgo, ma senza causarne il crollo. In questa prima incursione venne danneggiata la chiesetta del Ponte Vecchio, parte del tetto e delle colonnine di sostegno. Il fotografo Chiolini, sgomento come tutti i pavesi, accorse per fissare sulla lastra le prime ferite dei ponti di Pavia. Ciò che oggi, varcando il Ponte Coperto, si vede verso il Borgo è un semplice e freddo piazzale, spostato altresì più a valle del fiume. Prima dei bombardamenti era un succedersi ininterrotto di negozietti, trattorie, casette dove erano nate e morte decine di generazioni dei pavesi più autentici. Tutte distrutte nello spazio di un ora. Le squadre di soccorso subito accorsero, prima fra tutte una formazione della Brigata Nera Alfieri, seguita da un gruppo di agenti di Polizia, da militi dell UNPA e da Vigili del Fuoco, e si adoperarono per lo sgombero delle macerie e per il soccorso dei feriti, i quali vennero ricoverati all Ospedale Militare presso il Collegio Borromeo, mentre altre squadre della GNR e soldati germanici si prodigavano per sistemare i sinistrati. Il Ponte della Ferrovia interamente distrutto al primo bombardamento del 4 settembre La stima di uno sganciamento di bombe complessive da 500 libbre può ritenersi verosimile. 14

15 I danni Via dei Mille dopo il bombardamento del 4 settembre 1944 (Foto Chiolini). Il bilancio di questa prima giornata si può riassumere in quattro case totalmente distrutte ed altre due parzialmente distrutte in Via Milazzo. Due case distrutte in Via dei Mille, due in Via Bianca Maria Visconti, e due in Via Ponte Vecchio. Inoltre, gravi danni a tredici case in Via dei Mille, ad una in Via della Rocchetta, ad una in Viale Oberdan ed a sette case in Via di Porta Salara. La giornata ebbe un seguito. Mentre era in corso l opera di sgomebro delle macerie, alle 12:30 si ebbe una nuova incursione, seppur minore, durante la quale la zona di Porta Garibaldi subì numerosi mitragliamenti. A sinistra, il Ponte Vecchio dopo la prima incursione del 4 settembre Le ferite sono superficiali, ma un epoca inizia a finire. A destra, cartina della zona fluviale del centro storico di Pavia. In evidenza, tratteggiate in grigio, le aree bombardate il 4 settembre. 15

16 Settembre 1944: morte di un ponte 5 settembre, martedì La seconda incursione, Pavia la subì il giorno seguente, martedì verso le 10:20. Le sirene d allarme annunciarono l arrivo degli aerei ed alle 10:30 il primo sibilo annunciò che il primo grappolo era stato sganciato. L obiettivo era ancora il Ponte Vecchio, ed infatti la chiesetta andò completamente distrutta, mentre le arcate resistettero, (è questo il più bel complimento che si possa fare alle maestranze del XIII secolo). La Statua di San Giovanni Nepomuceno*, protettore di chi è in procinto di annegare, cadde nel Ticino e galleggiando arrivò nelle acque del Borgo basso, dove venne recuperata dagli abitanti. Furono cinque le ondate di quel mattino. Al terzo passaggio dei B-17 il Ponte dell Impero venne colpito e la prima arcata verso il Borgo troncata di netto, bloccando così il passaggio della Strada Statale 35. Molte bombe sganciate nei vari passaggi sulla zona del Ponte dell Impero (si può stimare che furono non meno di una cinquantina) rimasero inesplose e, al termine della guerra, gli artificieri lavorarono per oltre un anno per tentare di ripescare tutto l inesploso. Vi riuscirono quasi completamente, benché si presuma che, insabbiate sul fondo del fiume, vi siano ancora, nel tratto Ponte della Ferrovia - Ponte della Becca, non meno di venti-trenta bombe e spezzoni ancora in grado di esplodere recando danno. Ovviamente nessuno sa, né saprà mai, la posizione ed il numero esatto di queste, a meno che il fiume, nel suo variare di fondali e correnti, provveda egli stesso a segnalarle. E sinora, da mezzo secolo ai giorni nostri, il Ticino è sempre stato generoso... * Giovanni Nepomuceno, sacerdote e confessore della Regina Giovanna di Boemia. Nel 1383 Re Venceslao gli chiese di conoscere i pensieri segreti della Regina in confessione. Rifiutatosi di rispondere, venne legato ed annegato nella Moldava. Da allora, per tradizione, viene invocato da chi è in pericolo di annegamento. Cartina di Pavia. In evidenza, tratteggiate, le aree bombardate il 5 settembre

17 5 settembre, martedì Sopra, il Ponte dell Impero colpito nella prima arcata verso il Borgo la mattina del 5 settembre 1944 (Foto Chiolini). Sotto, il Ponte dell Impero riattivato provvisoriamente il 27 novembre 1944 dalle Forze Armate tedesche per la ritirata (Foto Chiolini). 17

18 Settembre 1944: morte di un ponte 12 settembre, martedì Pavia subì la terza incursione il martedì 12 settembre, dopo alcuni giorni di tranquillità, durante i quali si cercava in qualche modo di risistemare e recuperare tra le macerie quanto poteva ancora essere utile. Alle 10:20 le squadriglie di B-17 furono sulla città e iniziarono a sganciare nella zona di Borgo al Ticino specialmente tra Via Pasino, Via dei Mille e Via Ponte Vecchio, e nella zona di Porta Salara, a ridosso di Viale Fiume (come allora si chiamava il Lungo Ticino), Via Sant Ennodio, Via dei Longobardi e Via della Rocchetta. Il Ponte Vecchio venne mutilato ancora gravemente verso la città e il transito venne consentito solo a coloro che in Borgo si recavano per prestare soccorso o perché vi erano residenti. In Borgo Ticino venne distrutte la scuola elementare e la Caserma dei Carabinieri, ma fu risparmiata la Chiesa di Santa Maria in Betlem, con il porticato annesso, mentre venne distrutta la Casa Parrocchiale. Il Parroco Mons. Emilio Ripa si salvò sul campanile dove si era rifugiato pochi minuti prima dello scoppio delle bombe. La Via Longobardi, pittoresca stradina disseminata di casette-presepe risalenti alla fine del sec. XVII, e che confluiva, attraverso la Rocchetta, in Via Porta Salara, venne completamente cancellata. Il popolo parlava di questa zona come l area sulla quale probabilmente sorgeva la reggia privata della regina dei Longobardi Teodolinda. Oggi in fondo a Strada Nuova (nel 1944 l esatta denominazione era Corso Ettore Muti) rimane, di allora, un sottoportico che prima dei bombardamenti metteva in comunicazione Corso Ettore Muti con Porta Salara. Dal pomeriggio i sinistrati iniziarono a raccogliere le poche cose che potevano essere recuperate per le esigenze familiari e per poter sopravvivere, piatti scheggiati, biancheria strappata, materassi lacerati, pentole ammaccate o L incursione del 4 settembre ha distrutto tutta la copertura in tegole. Il Ponte Vecchio sembra nudo ed umiliato... 18

19 12 settembre, martedì schiacciate ma che potevano ancora servire per cucinare un simulacro di pasto caldo. Oggi è impossibile spiegare e capire che cosa subì chi ebbe una casa distrutta dai bombardamenti dell ultima guerra e, soprattutto, non vi saranno mai lodi sufficienti al coraggio, all altruismo ed allo spirito delle donne di quell epoca. I sinistrati di quella giornata trovarono rifugio provvisoriamente nei locali ancora intatti delle suore del Borgo, delle suore di Travacò e nei locali parrocchiali. In quei locali vennero tirate alcune corde, distese delle lenzuola a mo di muri provvisori e sistemate alla meglio delle brande per donne e bambini. Gli uomini si arrangiarono alla meglio, la maggior parte arrotolando un giubbotto sotto il capo e coprendosi con ciò che vi era a portata di mano. Cartina di Pavia. In evidenza le aree bombardate il 5 settembre settembre, sabato La giornata di sabato 23 fu caratterizzata da un bombardamento indiscriminato diretto verso le sole case del Borgo e verso la popolazione, pur avendo come obiettivo il Ponte Vecchio, ancora praticabile, benché ferito. I borghigiani, quel mattino, cercavano, con mezzi di fortuna (carriole, biciclette, a spalla) di recuperare quanto potevano in mezzo a polvere e macerie. Alcuni, coadiuvati dal Parroco Don Domenico Zucca - l indimenticato Dondo - cercavano di arginare i fenomeni di sciacallaggio. Alle 10:45 si udì il rombo acuto dei bombardieri in continuo aumento e tutto faceva pensare che il grosso dello sgancio sarebbe avvenuto sul Ponte Vecchio. Così non fu. I borghigiani che si trovavano allo scoperto cercarono scampo in 19

20 Settembre 1944: morte di un ponte Via Acquanegra, dove si trovava un sotterraneo naturale, chiamato il tombone, nel quale si rifugiarono una ventina di persone. La strada porta ancora oggi all Osteria Acquanegra, e l improvvisato rifugio, trovandosi lontano sia dal Ponte Vecchio (circa un chilometro) sia dal Ponte dell Impero sembrava abbastanza sicuro. Un grappolo di bombe sganciato proprio su quel rifugio naturale, e fu massacro. Non si salvò nessuno. Si può ritenere un caso, o il destino, o un errore del pilota che, erroneamente, abbia condotto il proprio aereo proprio su quel punto, a circa un chilometro di distanza dal Ponte Vecchio, ed abbia sempre erroneamente sganciato il proprio carico di bombe? O si può invece accomunare il triste destino di quei poveretti a quello di tanti altri civili che vennero mitragliati dai caccia americani abbassatisi appositamente fino a poche decine di metri del suolo? In questa incursione circa dieci case nel tratto Via dei Mille - Strada Acquanegra vennero distrutte al punto da non essere più riparabili. Il Ponte Vecchio era ancora in piedi e i borghigiani, stremati e terrorizzati, pensarono seriamente di proporre alle autorità di far saltare di propria mano un arcata, per evitare altre incursioni e conseguenti lutti e distruzioni. Non se ne fece nulla. In alto, il piazzale antistante l uscita dal ponte verso il Borgo. Qui sopra, Via Porta Salara, ovvero la parte della cinta muraria verso la città. Oggi su quest area sorgono i palazzi di Viale Lungo Ticino. 20

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

Bombardamenti a Brindisi

Bombardamenti a Brindisi BRINDISINI LA MIA GENTE Bombardamenti a Brindisi Giovanni Membola Via Cittadella, e al fondo Via Santa Aloy, all alba del 8 novembre 1941 Cosimo Guercia Le abitazioni bombardate Roberto Guadalupi Bombardamenti

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente GARIBALDI A PALERMO Giuseppe Cesare Abba nella sua Storia dei Mille fornisce un racconto dettagliato degli incredibili giorni che segnarono la fine del dominio borbonico a Palermo. Dopo lo sbarco a Marsala

Dettagli

Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine

Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine di Laura Cerno * INTRODUZIONE La propaganda del regime fascista così si esprimeva sulla stampa specializzata, in merito all' eventuale possibilità

Dettagli

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi,

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, le bombe su londra Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, distruzioni, convogli affondati in mare, grandi e piccole nazioni già occupate. Insomma, il massacro

Dettagli

Genio ALTRE ARMI E CORPI

Genio ALTRE ARMI E CORPI ALTRE ARMI E CORPI I Caduti varesini che militavano in altre Armi, Corpi e Servizi, oltre alla Fanteria e all Artiglieria, furono 487 così suddivisi: Genio Zappatori 73 Genio Telegrafisti 31 Genio Pontieri

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Segni Alex Lombardi MANUALE NBC ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Alex Lombardi MANUALE NBC INTRODUZIONE

Dettagli

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno Intrappolato in una miniera d'oro La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno A Gorno c'erano le miniere di zinco e piombo, i proprietari gestivano anche le miniere d'oro in Australia. Spesso,

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

La cappella Pazzi 1429-1461

La cappella Pazzi 1429-1461 La cappella Pazzi 1429-1461 Cappella Pazzi era una aula dietro l altare dove la famiglia del committente aveva il diritto di sepoltura. Si pone accanto alla chiesa come una struttura che non ha bisogno

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

Struttura del castello I fossati

Struttura del castello I fossati P robabilmente il castello ebbe origine come ampliamento delle torri che erano costruzioni molto massicce, isolate e situate di solito in posti strategici. I castelli erano circondati da possenti mura

Dettagli

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Atene (Grecia) Chicago, Illinois (USA) Ricostruzione del volo fino al momento del disastro aereo Resoconto delle testimonianze Estratti dal verbale del Civil Aeronautics

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

UN MISTERO PER LA 127 ROSSA?

UN MISTERO PER LA 127 ROSSA? UN MISTERO PER LA 127 ROSSA? di Maurizio Barozzi Sarebbe interessante e importante se la nuova Commissione Moro potesse rispondere ad alcune domande riguardo l enigma di una 127 rossa. Abbiamo realizzato

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA TRINCEA La Prima Guerra Mondiale fu caratterizzata da combattimenti in TRINCEA una tattica di guerra che vide gli eserciti nemici fronteggiarsi per lunghi periodi di tempo.

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

G i o v a n Pi e t r o M o r e t t i n i L a t t i v i t à n e l F o r t e d i G a v i L a P o l v e r i e r a d e l l a M e z z a l u n a

G i o v a n Pi e t r o M o r e t t i n i L a t t i v i t à n e l F o r t e d i G a v i L a P o l v e r i e r a d e l l a M e z z a l u n a Giovan Pietro Morettini Pietro Morettini, figlio di Filippo, maestro muratore, e di Filippina Casserini, nacque nel 1660 a Camanoglio, frazione di Cerentino, località della Val Maggia nel Canton Ticino.

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

CORSO DI PESCA IN MARE

CORSO DI PESCA IN MARE FIPSAS sezione provinciale di Torino Settore mare S.P.S.D Amo d Oro Colmic presentano CORSO DI PESCA IN MARE ATTIVITA CANNA DA RIVA Dispensa tecnica delle lezioni svolte presso la società S.P.S.D. Amo

Dettagli

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec.

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. MARTA MATTIOLO CHIARA ROTA MARIA CRIPPA -PROGETTO 21- I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. Negli ultimi anni numerosi sono stati gli interventi architettonici all' interno della città di Lecco. Alcuni di questi

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione

Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione ARCHITETTURE d INTERNI servizi di progettazione professionale on-line Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione La presente guida intende fornire le indicazioni

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Application: the Vajont Landslide

Application: the Vajont Landslide Application: the Vajont Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu VAJONT: 9 OTTOBRE 1963 Un sasso è caduto in un bicchiere, l acqua è uscita sulla tovaglia.

Dettagli

Le Tre Gemelle Fabio Oss

Le Tre Gemelle Fabio Oss Curiosità LE TRE GEMELLE Quando il 10 aprile 1912, quella che venne definita la più grande nave del mondo, per di più inaffondabile, salpò da Southampton, per il viaggio inaugurale, nello stesso porto

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale I NONNI FANNO LA STORIA La seconda guerra mondiale In occasione del 25 aprile, giorno della liberazione dal regime nazifascista, abbiamo intervistato i nostri nonni per conoscere la guerra che loro hanno

Dettagli

EVENTI NUCLEARI MAI RESI NOTI!

EVENTI NUCLEARI MAI RESI NOTI! EVENTI NUCLEARI MAI RESI NOTI! LA MADDALENA : sottomarini nucleari Il 25 ottobre 2003 un sottomarino statunitense a propulsione nucleare si incaglia in una secca nell'arcipelago della Maddalena, tra la

Dettagli

IURY E LA Tigre bianca

IURY E LA Tigre bianca IURY E LA Tigre bianca di Infanti Susy Dedicato a tutti coloro, che desiderano cambiare il mondo accanto a se, con l'augurio di non perdere mai la speranza. C era una volta, in un tempo non molto lontano,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Regione CAMPANIA - Note storiche

Regione CAMPANIA - Note storiche Regione CAMPANIA - Note storiche Terremoto dell Alta Irpinia del 1930 (Centro di Documentazione - Servizio Sismico Nazionale) ALCUNI DEI TERREMOTI PIU' DISTRUTTIVI NELL'ULTIMO MILLENNIO Data Intensità

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Ski Report Pasqua 2008 a Canazei

Ski Report Pasqua 2008 a Canazei Ski Report Pasqua 2008 a Canazei Venerdi' 21 marzo con Giuse si sale sul pordoi tardi (verso le 11) con l'idea di andare sulla mezdi. Poi a Giuse non gli regge di farsi la salita quindi ripieghiamo per

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. Magia. Una gamma di prodotti che renderà facile poter scegliere la tua scala ideale. 0 Guida alla scelta. Gamma prodotti. Modulo

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

COSA FACCIAMO BONIFICA OCCASIONALE

COSA FACCIAMO BONIFICA OCCASIONALE Reggimento Genio Guastatori Reggimento Genio Guastatori SCOPO Descrizione dello sviluppo delle attività di bonifica occasionale del territorio da ordigni residuati bellici; Fornire delle indicazioni di

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Associazione Storico Culturale I Cavalieri de li Terre Tarentine

Associazione Storico Culturale I Cavalieri de li Terre Tarentine La Spada a due mani La spada a due mani è l arma principale nei secoli XIV e XV e a riprova di ciò i primi manoscritti di arti marziali occidentali risalenti agli inizi del XV secolo, trattano con più

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 RACCONTIAMO DI LUOGHI E DI FATTI CHE NON DEVONO ESSERE DIMENTICATI RICORDIAMO COLORO CHE HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI SCEGLIERE IL BENE Classe v Scuola Primaria di

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA RELITTO BARON GAUTSCH Distanza dal centro: 14 NM Massima profondità: 39 metri Minima profondità: 28 metri Lunghezza: 89 metri Questa e la nave di passeggeri Austriaca ed e la più conosciuta destinazione

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Quella verdeggiante collina si trovava in una posizione ideale per quel compito, posta com era a dominio panoramico dell intero abitato cittadino.

Quella verdeggiante collina si trovava in una posizione ideale per quel compito, posta com era a dominio panoramico dell intero abitato cittadino. Delegazione - Castelletto Queste foto accompagnate dai testi,le ho scaricate da internet senza alcun accenno al copyright,le ho solo divise per rione e creato i file Microsoft Word.DOC e Adobe Acrobat

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo,

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, magari avrebbe trovato la risposta che cercava. E così

Dettagli

LA LAGUNA SCONOSCIUTA by Giorgio e Lucio

LA LAGUNA SCONOSCIUTA by Giorgio e Lucio LA LAGUNA SCONOSCIUTA by Giorgio e Lucio 30 Aprile 3 Maggio Programma Giovedì 30 aprile 2009 Arrivo individuale al Camping Union Lido del Cavallino e sistemazione in zona riservata (accesso max ore 22,00,

Dettagli

PRIMA TAPPA: Case FIAT

PRIMA TAPPA: Case FIAT PRIMA TAPPA: Case FIAT Ritrovo presso la Casa nel parco, sede della Fondazione della Comunità di Mirafiori, all'interno del Parco Colonnetti (Via Panetti, 1 Incrocio con Via Artom). La Casa nel Parco è

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

Lo sviluppo della USP ovvero

Lo sviluppo della USP ovvero Pistole Compatta e versatile Heckler & Koch USP C.45 Lo sviluppo della USP ovvero Universal Selbstlade Pistole (pistola semiautomatica universale) prese il via nei laboratori della tedesca Heckler & Koch

Dettagli

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE In questo esercizio esplorerete il concetto di sinergia di team. Lavorando dapprima individualmente e successivamente in team, sarete in grado di valutare la forza del gruppo nel modificare o rinforzare

Dettagli

Cenni di problem solving

Cenni di problem solving Cenni di problem solving 1. Assi e bilance 1. Un asta di metallo lunga 1 metro è sospesa per il suo centro. A 40 cm dall estremità sinistra è agganciato un peso di 45 kg, mentre all estremità opposta è

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

CICLOPISTA DELL ARNO: DA FIRENZE (Ponte all Indiano) ALLE SIGNE

CICLOPISTA DELL ARNO: DA FIRENZE (Ponte all Indiano) ALLE SIGNE CICLOPISTA DELL ARNO: DA FIRENZE (Ponte all Indiano) ALLE SIGNE Resoconto di un sopralluogo sull anello Firenze (ponte all Indiano), Scandicci, Lastra a Signa, Signa, San Donnino, Firenze(ponte all Indiano)

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA 2 1_Grada / su Cancello Grada In seguito ad accordi con alcuni privati, nel 1208 il Comune di Bologna fece costruire una nuova

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il Sistema VAL (Veicolo Automatico Leggero) per 29 treni che viaggiano sotto corso Francia, corso Vittorio Emanuele e via

Dettagli