COMUNE DI RUSSI Domenica, 06 aprile 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI RUSSI Domenica, 06 aprile 2014"

Transcript

1 COMUNE DI RUSSI Domenica, 06 aprile 2014

2 Domenica, 06 aprile 2014 Prime Pagine 06/04/2014 Prima Pagina Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) 1 06/04/2014 Prima Pagina La Voce di Romagna 2 cultura e turismo 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 9 UNA DOMENICA ALLA SCOPERTA DELLE PIEVI 3 economia e lavoro 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 14 Il Centro Paradiso nella villa di proprietà dell' ex numero due di /04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 I produttori del Faentino in vetrina al Vinitaly 5 politica locale 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 9 E Fabrizio arruola il partigiano?andrea' 7 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 9 «In questi anni siamo cresciuti Eccoci pronti a governare» 8 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 14 Qui per ridare voce a tutti i cittadini' 10 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 47 Le categorie veglino 11 pubblica amministrazione 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 6 «Buona riforma o chiudere il Senato» 13 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 15 ALESSANDRO GALIMBERTI Evasione, a rischio un contribuente su cinque 15 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 40 Il filo della nostra storia 17 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 9 ALESSIA MACCAFERRI Il turismo che crede nell' effetto Big data 19 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 2 GIORGIO SANTILLI Le vie della ripresa 21 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 ROBERTO TURNO Lorenzin: non toccare la spesa sanitaria Altolà dalle Regioni 23 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 15 GIANNI BONVICINI Per la Ue un' agenda carica di obiettivi 25 sanità, sociale e servizi per l'infanzia 05/04/2014 Ravenna24Ore.it R3 "#allacciamoli", anche i Godo Knights contro l' omofobia 27 05/04/2014 Ravenna24Ore.it R3 "#allacciamoli", anche il Baseball Godo contro l' omofobia 28 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 9 Si parla di cyber bullismo 29 sport 06/04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 45 Il Godo paga la falsa partenza contro l' Unipol Bologna 30 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 7 Il Ravenna a caccia di un miracolo 31 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 7 Un testacoda per la Ribelle 32 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 8 Lega Pro, al?neri' il piatto forte Santarcangelo, cercasi riscatto a /04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 10 SILVESTRI MARIO Godo subito ko con la Fortitudo 35 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 23 DILETTANTI 37 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 29 GARA /04/2014 La Voce di Romagna Pagina 29 Knights senza speranze con Bologna 40 05/04/2014 RavennaNotizie.it Per lo sport le discriminazioni sono "fuorigioco", i Godo Knights... 41

3 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Prima Pagina 1

4 La Voce di Romagna Prima Pagina 2

5 Pagina 9 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) cultura e turismo UNA DOMENICA ALLA SCOPERTA DELLE PIEVI OGGI la Pro Loco di Russi organizza una simpatica iniziativa, portando chi lo desidera alla scoperta di alcuni luoghi caratteristici della zona. Questi gli appuntamenti: alle 15 visita guidata alla Pieve di Godo, alle visita guidata alla Pieve di San Pancrazio. 3

6 Pagina 14 La Voce di Romagna economia e lavoro RUSSI ULTIMI BLITZ DI GIUNTA: IL DOPOSCUOLA IN VIA DI ROMA: SPESA SUPERIORE AI 500MILA EURO. Il Centro Paradiso nella villa di proprietà dell' ex numero due di Mps Dovrebbe funzionare così. Io sono un' azienda dalle spalle larghe, diciamo tipo Enel o il Gruppo Maccaferri (o tutti e due) e diciamo che vengo sul vostro territorio per riconvertire uno zuccherificio in centrale a biomasse. Diciamo che questo impianto sarà piuttosto grandino, tipo da 30 Mw, che sarà alimentato da una caldaia che brucerà pioppi e canne e che quindi avrà un discreto impatto ambientale sul territorio circostante. Io che sono l' azienda, però, sono disposta a trattare e mettere sul tavolo delle compensazioni. Anzi, cara amministrazione, ti dico che quasi quasi può scegliere un po' te quello che vuoi, senza esagerare però. Diciamo che l' amministrazione in questione nel 'menù' delle compensazioni o contropartite ci metta anche la realizzazione di una nuova sede per il frequentatissimo centro didattico/doposcuola. Voi vi aspettereste che tocchi al Comune decidere dove, come e quando realizzare la struttura. Ecco, invece, a Russi non è andata così. Perché la giunta Retini ha affidato all' azienda il compito di cercare un immobile adatto, invitando poi la stessa società a presentarle le proposte di acquisto. Sta di fatto che Enel Powercrop di proposte ne ha fatte quattro. E l' amministrazione ha accettato quella che prevede la trasformazione di una villa dei primi anni '70, situata al civico 13 di via di Roma, nel Centro Paradiso. Spesa per l' acquisto 350mila euro, spesa stimata per l' adeguamento strutturale 160mila euro. Prendere o lasciare. Affare fatto ha detto la giunta. Ah, una nota a margine, tra (gli ormai ex) proprietari della villa c' è anche Gian Luca Baldassari, il lughese l' ex capo area finanza di Montepaschi, in carcere nell' ambito dell' indagine relativa al crac dell' istituto di credito senese. 4

7 Pagina 13 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) economia e lavoro ENOLOGIA. I produttori del Faentino in vetrina al Vinitaly FAENZA. Importante e qualificata è la squadra che rappresenterà la Faenza enologica al Vinitaly di Verona. Da oggi a mercoledì la pattuglia faentina che raggiungerà la terra natale di Giulietta e Romeo sarà composta da dieci produttori faentini, due di Castel Bolognese e uno di Brisighella. Non mancheranno anche rappresentanze ravennati con delegazioni provenienti da Lugo (due aziende), Bagnacavalllo (una), Fusignano (una) e Russi (una). In tutto diciannove eccellenze provinciali che porteranno questa parte del made in Romagna enologico alla ribalta internazionale. Nello specifico, per Faenza le cantine e le aziende presenti saranno Poderi Morini, Ancarani, Ferrucci, Campanacci, Cantine Intesa, Zerbina, Callegati, Cevico, la Berta, la Sabbiona, Spinetta, Tenuta Massellina e Trerè. A queste si aggiungerà anche la delegazione del Consorzio vini di Romagna. Grazie all' ente di tutela con sede a Tebano, la testimonianza vitivinicola della Romagna acquisterà maggiore spessore. Le aziende presentate e ospitate dal Consorzio sono: Bartolini, Braschi/Eroica, Tenuta Casali (Mercato Saraceno), Galassi Maria Daniela (Cesena), Bissoni, Campodelsole, Celli, Fattoria Paradiso, Madonia, Tenuta La Viola, Villa Trentola (Bertinoro) Fattoria Nicolucci (Predappio), Marta Valpiani (Castrocaro), Ancarani, Campanacci, Conti Leo ne, Gallegati, La Sabbiona, Spinetta (Faenza), Tenuta Uccellina ( Russi), Longanesi (Bagnacavallo), Zuffa (Imola), Branchini (Dozza), Palazzona di Maggio (Ozzano). Ricco il programma che si alternerà alla parte espositiva. «Ogni giorno spiega il presidente Giorgio Zinzani il Consorzio vini di Romagna organizza eventi e iniziative. Si parte ovviamente oggi con la degustazione "Albana Docg: perla dei grandi bianchi italiani, rara e preziosa". Proseguiremo domani con la presentazione di un' importante scoperta documentaristica dedicata alle radici del Sangiovese nel '600 romagnolo, con lo storico Giuseppe Sangiorgi». E ancora, prosegue Zinzani: «Martedì proporremo una degustazione dedicata a "Romagna Sangiovese Riserva 2011: l' eccellenza romagnola, ora con menzione geografica". Infine mercoledì avremo la presentazione di "Anteprima del Romagna Sangiovese, Riserva storica e Albana Dei"». Non mancherà durante la quattro giorni veronese anche la proposizione al grande pubblico della convivialità e della qualità gastronomica faentina. «Ogni giornoci tiene a sottolineare il presidente Continua > 5

8 Pagina 13 < Segue Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) economia e lavoro Zinzani dalle 12 alle 13 i visitatori potranno deliziarsi con l' aperitivo romagnolo a base di vini bianchi e rossi romagnoli abbinati a golose specialità mentre alle 17 offriremo l' inimitabile merenda romagnola, con Albana passito e i tradizionali zuccherini». Sulla fiera più importante a livello nazionale. il presidente del Consorzio romagnolo non nasconde come «le attese sono elevate. Il Vinitaly è l' unica manifestazione nazionale di rilievo mondiale e ogni espositore vuole presentarsi al meglio». Per questo «il nostro Consorzio affronta questa edizione con uno sforzo economico importante, deciso a ribadire coi suoi 103 soci di credere nella Romagna del vino e in un percorso di valorizzazione delle nostre Dop in Italia e nel mondo». Riccardo Isola. 6

9 Pagina 9 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) politica locale SINISTRA CON RUSSI IL SÌ DI LINO BONDI. E Fabrizio arruola il partigiano?andrea' COLPACCIO della lista?la sinistra per Russi' che candida al consiglio comunale un personaggio come Lino Bondi. Il comandante partigiano Andrea, 91 anni, da venti lontano dalla politica attiva, ha accettato l' invito del giovane candidato sindaco Nicola Fabrizio, e correrà per la carica di consigliere comunale con la lista de?la sinistra per Russi Bene Comune'. Bondi è stato segretario della Camera del lavoro di Russi, vicesindaco per oltre quindici anni, dirigente di primo piano del PCI dal 1943 nonché fondatore e per venti anni presidente della più grande associazione di volontariato locale il centro sociale Porta Nova. Sempre attivo e vicino ai più giovani è spesso invitato nelle scuole di Russi dove trasmette i valori della Resistenza, giustizia, eguaglianza, libertà e la sua esperienza di lotta antifascista e di difesa della Costituzione. Ha scritto ultimamente un libro?anni indimenticabili' nel quale racconta la storia della sua vita. Il ricavato della vendita lo ha donato all' istituto comprensivo di Russi. «Vedo in questi giovani che hanno dato vita a?la sinistra per Russi Bene comune' e nelle loro idee ha commentato Lino Bondi la continuazione delle battaglie democratiche per i diritti e le libertà che hanno caratterizzato la mia vita fin dalla giovinezza». 7

10 Pagina 9 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) politica locale POLITICA LA PRESENTAZIONE DELLA LISTA?LIBERARUSSI' «In questi anni siamo cresciuti Eccoci pronti a governare» L' obiettivo?«condividere le scelte con i cittadini» «RIDIAMO un' anima a Russi, ridiamo la città ai suoi cittadini, ridiamo un governo alla città». È questo il progetto spiegato ai cittadini da Enrico Conti candidato sindaco della lista civica LiberaRussi e dei suoi alleati Forza Italia, Udc e Ncd. «Vogliamo governare la città facendo scelte politiche condivise coi cittadini. Non rinviando decisioni, e tantomeno delegando ad altri le soluzioni per l' interesse della città». Conti ha tracciato le linee del suo programma, nel corso di un incontro tenutosi venerdì sera nella sala Pier Franco Ravaglia del centro culturale. Una settantina i presenti. A fianco del candidato due fra i fondatori di LiberaRussi Verter Barnabè e Emilio Vita e il segretario comunale di Forza Italia Marco Bertozzi. BARNABÈ ha definito il sindaco Retini «un pericolo per Russi per la sudditanza dimostrata verso Powercrop» ( la società che deve realizzare la centrale a biomasse) e ha sottolineato come il via libera alla centrale non segni la chiusura di un percorso, ma l' apertura di un altro ben più delicato: il capitolo salute, «perché l' incenerimento in aree già critiche è un problema. E a un sindaco che non ha mostrato il minimo coraggio politico non può essere affidata la gestione dell' osservatorio, al momento senza risorse e competenze, che dovrebbe garantire la salute dei cittadini. Per questo e perché vogliamo essere noi assieme ai cittadini a governare la città abbiamo deciso di allargare LiberaRussi, chiedendo ai partiti di opposizione di abbandoare le appartenenze ed unirsi alla nostra lista civica». «Libera Russi è nata più di cinque anni fa ha esordito poi Conti in questi anni è cresciuta e oggi riteniamo di avere le competenze per governare». Ha poi ricordato la «pesante eredità che lascia quest' amministrazione». In primo luogo la centrale a biomasse, di cui neppure «dalla lettura dell' opuscolo patinato arrivato a casa di tutti i cittadini, si desume quanti saranno i posti di lavoro creati dalla centrale«. La Calderana, la problematica discarica dei rifiuti solidi urbani e la discarica d' amianto. «Una questione non affrontata? ha detto su cui ora gravano un' ingiunzione della Provincia e una richiesta danni per 650mila euro». Il leader di LiberaRussi ha ribadito che le soluzioni ai problemi, dal bilancio, alla Calderana al Piano regolatore, vanno prese coinvolgendo i cittadini. Ha parlato di certificazione Emas per Russi e della «valorizzazione dei prodotti tipici, non con le parole, ma partendo dalle coltivazioni. Riappriopriamoci di servizi come la raccolta rifiuti, che possiamo fare meglio, e dei nostri Continua > 8

11 Pagina 9 < Segue Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) politica locale spazi culturali: dal teatro Comunale, alla biblioteca, privi d' anima perché gestiti da estranei a Russi». 9

12 Pagina 14 La Voce di Romagna politica locale ELEZIONI LiberaRussi ha presentato il programma Le priorità tutela di ambiente e salute ma anche sviluppo sostenibile e partecipazione. Qui per ridare voce a tutti i cittadini' asta con le scelte calate dall' alto, basta con il futuro del nostro territorio svenduto all' industriale di turno, basta con questa amministrazione Retini, pericolosa per Russi e per i suoi cittadini". Si è aperta con un chiaro invito a 'voltare pagina' quello lanciato a tutti i presenti e a tutti i russiani dall' ex Pci Verter Barnabè, medico di base nonché socio fondatore di LiberaRussi la presentazione pubblica delle fondamenta del programma elettorale che la lista civica sta ultimando in vista delle amministrative del 25 maggio. Davanti ad una platea eterogena, molti giovani, pensionati, ma anche commercianti e imprenditori locali, la civica all' interno della quale sono confluite anche alcune forze di centrodestra, Forza Italia, Ncd e Udc ha illustrato le priorità per il territorio. Dopo l' introduzione affidata al medico, l' incontro moderato dal responsabile della Fondazione Ravenna Festival Emilio Vita, già eletto in Consiglio tra le fila di LiberaRussi è proseguito con l' intervento del candidato sindaco Enrico Conti. Il libero professionista 59enne, titolare di uno studio di progettazione, ha esordito toccando ancora una volta il tema della centrale a biomasse Enel Powercrop, "impianto che ci è stato imposto dall' amministrazione uscente serva delle potenze industriali e sorda alla contrarietà espressa dalla maggioranza dei cittadini impianto le cui ricadute locali da punto di vista occupazionale restano incerte, mentre certo è l' impatto ambientale negativo che esso avrà sul nostro territorio, territorio non ci stanchiamo mai di dirlo, ha aggiunto il candidato da sempre vocato all' agricoltura di qualità". Il messaggio lanciato da Conti è chiaro: "Serve responsabilità di governo per gestire la fase che verrà, quella dei controlli ambientali sulla centrale, sarebbe infatti un clamoroso autogol lasciare che i controllati siano anche controllori". Secondo Conti, infatti, "sinora Powercrop ha comandato e l' amministrazione obbedito silente. Ne è prova, ad esempio conclude il candidato sindaco la vicenda della nuova sede del centro Paradiso (ne diamo notizia nell' articolo a fianco ndr.), scelta non dal Comune, bensì da quell' azienda alla quale sino ad oggi, grazie a Retini, nella nostra Russi tutto è stato concesso". Chiusura affidata a Marco Bertozzi, responsabile Forza Italia Russi, il quale si è detto certo che "dal 25 maggio si aprirà una nuova pagina per la città, una pagina che finalmente vedrà i russiani protagonisti delle scelte che li riguardano". 10

13 Pagina 47 La Voce di Romagna politica locale Le categorie veglino Si fa un gran parlare dell oggetto della seguitissima trasmissione "Striscia la notizia " commentata dall' opinione pubblica locale con grande disappunto poiché tratta un argomento assai delicato e di annosa diatriba e cioè del lavoro in nero eseguito da numerosi dipendenti a favore di altrettanti alberghi riminesi. Naturalmente non voglio prendere le parti di coloro che stanno contro la legge ma, essendo anche io albergatrice e, per forza di cose, costantemente a contatto con le problematiche lavorative sia da una parte che dall' altra, mi sento di esternare ai lettori alcuni miei punti di vista. Tengo, in primis, a ricordare che in un albergo come per esempio il mio che offre agli ospiti un servizio di pensione completa (prima colazione del mattino, seconda colazione pranzo del mezzogiorno pranzo seralecena) il lavoro inizia alle 7 e si conclude alle 21. Come è evidente le ore sono 14 ma quelle effettivamente lavorate da ogni addetto non superano le 8 (frammentate poiché sottostanti al consumo dei pasti in hotel e alla pausa postprandiale che di solito si svolge dalle 15 alle 18, inoltre non tutti i dipendenti arrivano e vanno alla stessa ora). Non credo di essermi allontanata di molto da quello che effettivamente è la realtà del servizio negli alberghi di Rimini, anzi, se così fosse, prego coloro che hanno un' idea diversa dalla mia di riferirmela! Ora, il contratto collettivo del lavoro nel settore del turismo, propone un turno per ogni dipendente di 6 ore e 40 minuti: voi capite che se questi orari non vengono portati ad almeno 8 ore al dì, tutti gli albergatori di Rimini e non solo di Rimini ma di tutto il mondo, ben difficilmente riusciranno a non essere definiti "EVASORI" poiché, per amore e per forza, con il servizio di pensione completa (8 ore complessive quotidiane), che si deve ricoprire per erogare tutti i servizi richiesti dal cliente, anche facendo un miracolo, difficilmente si starebbe dentro i tempi esigiti dalla legge. Allora, visto inoltre che quasi nessuno, per non dire NeSSUNO, per dispendio di economie ( la contribuzione mensile dovuta ad ogni dipendente è pari circa alla metà dello stipendio stesso), può permettersi di assumere altri dipendenti per fare un doppio turno, succede che i dipendenti assunti debbano lavorare quelle famose 8 ore (d' altronde cari colleghi quante ore lavoriamo noi? E noi, d' estate, ce l' abbiamo il giorno di riposo?). Se invece si pensasse a detassare per esempio le assunzioni di donne lavoratrici o ragazzi, qualcuno, di certo, comincerebbe ad assumerne, anche se, sinceramente, un lavoro di 8 ore mi sembra più che umano! Questo è a mio modesto parere il nocciolo della questione. Ora, per affrontare l' altro discorso e cioè: dipendenti che lavorano per pochi euro al giorno, vorrei ricordare che, se degli alberghi accettano clienti a prezzi irrisori (si parla di 7 euro a notte per i russi), mi sembra ovvio che o paghino poco i dipendenti, o non li paghino per niente! Quindi anche qui ci sarebbe da focalizzare la questione da stanare e far chiudere, per il bene della Riviera, questo tipo di strutture. Per quanto riguarda la signora albergatrice intervistata dalla Voce nell' articolo del 3 Aprile che dichiara che la sua dipendente prende una paga mensile di euro ed è Continua > 11

14 Pagina 47 < Segue La Voce di Romagna politica locale ospitata direttamente da lei in albergo, penso che costei possa ritenersi fortunata perché una camera in affitto, per chi non lo sapesse, costa da i 250, ai 350 euro al mese altrimenti c' è la macchina dove, se la dipendente non è Patrizia Balducci Albergatrice a Rimini approccio che secondo me è sbagliato. In questa società disordinata dove ci si prende cura con attenzione delle proprie cose ormai solo raramente servirebbe cominciare dalla salute. Per una donna che non desidera figli una contraccezione regolare quotidiana consente di vivere il proprio rapporto di coppia con grande tranquillità invece di avere l' ansia di dover ricorrere alla pillola del giorno dopo. Dott. Alessandro Bovicelli 12

15 Pagina 6 Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione L' asse sulle riforme. Forza Italia rilancia premierato forte e presidenzialismo Il nodo dell' agibilità politica del leader: dalla prossima settimana torno in tv. «Buona riforma o chiudere il Senato» Berlusconi: avanti, ma non a tutti i costi Poi precisa: il patto resta, critici sulla composizione LA NOTA SERALE «Fi resta una convinta sostenitrice della necessità di riformare il Senato, a partire da quanto stabilito al Nazareno» LA STRATEGIA DEGLI AZZURRI Gasparri: «Il punto è che dobbiamo uscire dalla sudditanza psicologica, noi siamo più moderni di lui. Stiamo al tavolo, ma in piedi» Emilia Patta ROMA «O facciamo una buona riforma o tanto vale chiudere il Senato del tutto. Così è assolutamente inaccettabile e indigeribile». E ancora: «La prima riforma da fare è l' elezione diretta del presidente della Repubblica, poi occorre dare più poteri al premier». Silvio Berlusconi, reduce dal ricovero per il ginocchio («mi faceva "Giacomo Giacomo" non per paura, ma per il mio passato da centometrista», ha provato a scherzare), sembra intenzionato a tornare in campo con forza nonostante l' avvicinarsi del 10 aprile, quando conoscerà il suo destino di condannato per il caso Mediaset (o arresti domiciliari o affido ai servizi sociali). E in un intervento telefonico durante un' iniziativa di Fi a Milano detta i suoi paletti sul disegno di legge costituzionale messo in campo da Matteo Renzi che abolisce il Senato elettivo, riforma il Titolo V della Costituzione e cancella dalla Costituzionale le Province e il Cnel. Tuttavia l' obiettivo non sembra essere quello di far saltare il patto stipulato con Renzi nell' ormai famoso incontro del Nazareno su Italicum e pacchetto riforme. Lo dice lo stesso Berlusconi scrivendo in serata una nota di suo pugno: «Forza Italia resta una convinta sostenitrice della necessità di riformare il Senato, a partire da quanto stabilito nel cosiddetto patto del Nazareno: ovvero la fine del bicameralismo, la fine degli indennizzi dei componenti di quella Camera in modo da non gravare sulle tasche dei cittadini, la designazione degli stessi in modo equo e rappresentativo delle realtà territoriali. Su queste basi rassicura Forza Italia è pronta a discutere ogni dettaglio per modificare e rendere più efficiente il Parlamento della Repubblica». I toni usati da Berlusconi nella telefonata avevano di certo allarmato e indispettito Palazzo Chigi. E come si vede nella precisazione serale Berlusconi non fa cenno alla non elettività dei senatori, uno dei punti più contestati del Ddl governativo anche tra gli azzurri. Le possibili modifiche a cui si riferisce Berlusconi sono fuori dai quattro paletti irrinunciabili fissati da Renzi, e quindi Continua > 13

16 Pagina 6 < Segue Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione accoglibili: i nuovi senatori designati proporzionalmente agli abitanti della Regione, d' altra parte, è una delle richieste dei governatori. Nel mirino di Fi e dei governatori, anche se Berlusconi nella sua nota non ne fa cenno, anche i 21 senatori nominati dal presidente della Repubblica: la loro cancellazione dal Ddl è altra richiesta accoglibile. Il resto anche nella lettura di Palazzo Chigi, che guarda con fiducia al cammino della riforma costituzionale è materia da campagna elettorale, con sondaggi drammatici per Fi (Pd al 33% e Fi e Grillo alla pari attorno al 21%) e il 25 maggio delle europee alle porte, agibilità politica o meno. La parola d' ordine è dunque alzare l' asticella, dettare condizioni, guadagnare visibilità e differenziarsi. Le parole di fuoco di Berlusconi nella telefonata al circolo di Milano sono arrivate non a caso dopo che in mattinata è stato diffuso sulla rete un eloquente fuori onda tra Maria Stella Gelmini e Giovanni Toti (si veda fotonotizia a fianco). Il retroscena che si fa scena. «Non sa cosa fare con Renzi. Ha capito che questo abbraccio mortale ci sta distruggendo ma non sa come sganciarsi», diceva nel fuori onda il consigliere politico di Berlusconi all' ex ministra che gli chiedeva dell' umore del leader. «Siamo preoccupati dall' abbraccio con Renzi conferma poi Toti "in chiaro". Questo non vuole dire far saltare il tavolo perché noi per le riforme ci siamo, ne vogliamo di più e migliori». Ecco il punto: differenziarsi per non scomparire nei sondaggi e nelle urne. Spiega Maurizio Gasparri: «Il punto è che bisogna uscire dalla subalternità psicologica, dobbiamo ribaltare. Noi siamo più nuovi, più riformatori e più moderni di lui...». Il tavolo non salta, non è questo in discussione. «Stiamo al tavolo ma stiamo in piedi dice Gasparri. Io presenterò un emendamento sull' elezione diretta del presidente della Repubblica e vediamo se ce lo bocciano». Una bandiera da portare in campagna elettorale, insomma, un modo per poter dire "noi avremmo voluto fare di meglio". Un assaggio della campagna elettorale lo ha dato ieri lo stesso Berlusconi, che è tornato a parlare dell' euro come di «una moneta estera» e della necessità di «rinegoziare tutti i trattati europei firmati in ginocchio di fronte alla Germania» a cominciare dagli «assurdi vincoli del patto di stabilità». Intanto, in attesa della decisione dei giudici il 10 aprile, Berlusconi si dice sicuro che dalla prossima settimana potrà fare liberamente campagna elettorale: «Dalla prossima settimana anche io starò sempre in tv, come Renzi». E ai suoi ripete: «Voglio proprio vedere se i giudici avranno anche il coraggio di togliermi il diritto di parola». RIPRODUZIONE RISERVATA. 14

17 Pagina 15 Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione Lotta al sommerso. L' indagine dell' agenzia delle Entrate fotografa il rapporto fra i cittadini e l' amministrazione finanziaria. Evasione, a rischio un contribuente su cinque La mappa premia il Nord «periferico» Bocciate le metropoli e le aree del Centro Sud LA METODOLOGIA Per studiare i comportamenti più diffusi sono utilizzate banche dati pubbliche integrate dal data base dell' Anagrafe. Alessandro Galimberti MILANO Sono 11 milioni 200 mila poco meno di un quarto del numero complessivo i contribuenti italiani a "rischio totale" di evasione alle tasse. E il pericolo più elevato si annida nel centro sud della penisola e nelle zone interne delle isole, dove il bassissimo tenore di vita si sposa con il basso indice di popolazione e con l' alta pericolosità sociale. La radiografia del tax gap stilata dall' agenzia delle Entrate in realtà uno screening per comprendere i bisogni dei contribuenti e le realtà territoriali da controllare, ha detto il direttore Attilio Befera nell' audizione alla Commissione finanze in Senato di mercoledì scorso disegna un' Italia divisa in otto aree, spesso contigue e sovrapposte, ma con alcuni andamenti e delle direttrici chiare. Il Nord, per esempio, da est a ovest è una sorta di affidabile paradiso per l' agenzia fiscale, ma a condizione di stare lontano dalla metropoli milanese a rischio medio alto di evasione e dalla dorsale dei capoluoghi produttivi, dove la tentazione di "fuga" dall' adempimento è più alta rispetto alle Langhe, all' alto Triveneto o all' area emilano romagnola, solo per fare alcuni esempi. L' indice di rischio sale invece vertiginosamente da Roma che come Milano è in zona quasi rossa in giù, coprendo l' intero mezzogiorno della penisola. Il rischio fiscale totale, elaborando i 36 indici utilizzati dall' agenzia delle Entrate, riguarda in modo simmetrico il basso Tirreno, il basso Adriatico e la zona ionica, con l' entroterra a fare da cuscinetto sotto la categoria di "alta pericolosità fiscale". Sono queste le aree che pesano di più nei 90 miliardi di "tax gap" calcolati dall' Agenzia solo di Iva e di Irap, contribuzioni e tasse locali escluse nello studio consegnato in Parlamento in settimana (si veda Il Sole 24 Ore del 3 aprile) che misura il divario tra quello che il fisco dovrebbe incassare e quello che raccoglie concretamente: colpa, comunque, non solo dell' evasione ma anche di errori e di impossibilità a pagare il dovuto per mancanza di liquidità. Dato per assodato che lo studio non ha per obiettivo di criminalizzare tagli geografici di popolazione Continua > 15

18 Pagina 15 < Segue Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione tanto da non aver seguito neppure esattamente i confini amministrativi del Paese è interessante capire i parametri utilizzati. Che sono innanzitutto originati da banche dati pubbliche, diffuse dalle principali istituzioni ed enti di ricerca, integrati con il data base dell' Anagrafe tributaria e infine classificati in sette categorie e 36 variabili. L' indice di densità del bacino di utenti è quindi la somma delle dichiarazioni fiscali (persone fisiche e giuridiche) e di atti successori da qui le due macro aree metropolitane con «forte dinamismo produttivo, alto tenore di vita e medio/alta pericolosità fiscale» mentre la variabile di rischio di evasione è tarata anche sul tasso di fallimenti delle imprese e quello dei protesti. Ancora, la pericolosità sociale viene calcolata su sei parametri, tra cui l' indice dei reati contro la persona e contro il patrimonio, il contrabbando e i reati di stampo mafioso, mentre il tenore di vita di una comunità viene stimato sui depositi bancari, sul patrimonio immobiliare, le immatricolazioni di auto, i consumi elettrici pro capite, i rifiuti prodotti, le pensioni erogate, l' occupazione/disoccupazione e i premi assicurativi del ramo vita. A corollario dell' Italia in controluce (fiscale) le Entrate hanno scelto infine i parametri della maturità della struttura produttiva (Irap, anche della piccola industria e dell' agricoltura, e tasso di lavoro autonomo), oltre al livello della tecnologia dei servizi (in sostanza le transazioni dematerializzate "no cash") e infine la disponibilità di infrastrutture di trasporto. Per scoprire alla fine, ancora una volta, che di Italie ce ne sono tante. Anche per il Fisco. RIPRODUZIONE RISERVATA La situazione nelle province L' anticipazione La mappa regionale del rischio evasione è stata anticipata giovedì 3 aprile dal Sole 24 Ore. Una vera e propria "geografia del sommerso" in Italia (che ammonta a 90 miliardi di imposte evase), con le indicazioni sul "tax gap" Irpef, Ires, Iva e Irap. Cifre dalle quali è emersa, tra l' altro, una classifica che fa registrare i rischi maggiori in Campania, Calabria e Puglia. ALESSANDRO GALIMBERTI 16

19 Pagina 40 Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione guido carli ( ) Il filo della nostra storia Piero Craveri Questo volume su La figura e l' opera di Guido Carli è l' ultimo di una serie di altri, dedicati ai suoi scritti e discorsi, e contiene quarantacinque interviste a personaggi eminenti della cultura e del mondo finanziario e politico, realizzate dal nipote, Federico Carli. Raramente raccolte siffatte, al di là di qualche suggestione e precisazione, hanno la sostanza di un meditato contributo su avvenimenti e problemi, in questo caso della nostra storia nazionale. Passaggi decisivi di essa vengono invece illuminati da molte di queste interviste, con notizie inedite e fatti rimasti ignoti. Così è, ad esempio, per il ruolo che Carli, come governatore della Banca d' Italia, ebbe nella prima difficile congiuntura, dopo gli anni del "miracolo economico" del '62 '63 (Emilio Colombo Giovanni Pieraccini); nella crisi della bilancia dei pagamenti del '73 '74 (Antonio Fazio Giorgio La Malfa); nell' impegno risolutivo che profuse, come ministro del Tesoro, in sede europea per superare gli ostacoli dell' ingresso dell' Italia nell' euro (Gianni De Michelis Mario Sarcinelli Mario Draghi). Non mancano critiche all' opera sua complessiva di governatore della Banca d' Italia, di cui la più ragionata è quella di Giuliano Amato (ce ne sono altre dello stesso tenore di La Malfa e Luigi Spaventa), che critica a fondo la politica economica dei governi, a partire dalla seconda metà degli 60, e nota che Carli «aveva una qualità assolutamente superiore alla media e quindi superiore a quella dei politici» e avrebbe potuto «esercitare un potere di bilanciamento più forte di quello che lui riteneva istituzionalmente di poter esercitare», limitando invece «il suo compito alla riduzione del danno». Le qualità di Guido Carli erano, invero, eccezionali: una conoscenza profonda della teoria economica, una capacità di sintesi nell' attuazione concreta della politica economica e monetaria, una determinazione e rapidità a individuare gli strumenti e le soluzioni convenienti e una chiarezza di esposizione in qualsiasi circostanza, per iscritto con una prosa lineare, a voce, non solo in italiano ma allo stesso modo in inglese, francese e tedesco. Commemorandolo, Andreotti ricordava che quando entrava nella sala del consiglio, solo per lui, gli altri ministri si alzavano in piedi. Esercitava una suggestione particolare nei suoi interlocutori, anche nei consessi internazionali, per la fama che si era acquisito di portare ordine e chiarezza nelle più complesse questioni. Di un tale personaggio, nella riflessione postuma, vien naturale chiedersi se poteva fare di più per arrestare quella progressiva rottura, operata dalla classe politica, degli argini entro cui avrebbe potuto consolidarsi lo sviluppo Continua > 17

20 Pagina 40 < Segue Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione italiano, dopo la rapida ascesa del primo ventennio postbellico. E ciò considerando che egli, come governatore della Banca centrale, fu uno sperimentato costruttore di dighe e canali che consentirono all' Italia di conquistare e mantenere un posto di primo piano tra i Paesi con cui si confrontava. Ma non poteva correggere il male più interno della democrazia italiana, in cui la sinistra fu a lungo, nella sua maggioranza, anticapitalista, mentre la Democrazia cristiana si assumeva la responsabilità di difendere l' assetto istituzionale proprio di un' economia di mercato, integrata con gli altri Paesi dell' Occidente, gestendola tuttavia principalmente al fine di consolidare il proprio potere politico, senza un' idea chiara di come la struttura economica del Paese andasse consolidata, ai fini della continuità dello sviluppo. Dei tanti momenti di questa storia che, attraverso le interviste, è possibile esplorare, la vicenda della trattativa che condusse al trattato di Maastricht, di cui Guido Carli fu protagonista, produce tuttora i suoi effetti cogenti e conclude anche un processo storico che era iniziato trenta anni prima. Carli in principio era contrario alla moneta unica. Già nel 1970 Monet gli aveva affidato l' incarico di formularne un progetto e aveva declinato l' invito. Nel 1989 fu Andreotti a chiamarlo ad assumere tale compito, come ministro del Tesoro. Accettò un mandato in bianco sul come condurre la trattativa per conto dell' Italia. Non lo ebbe invece sulla politica di bilancio, per contenere il debito, che durante il suo mandato fece l' ultimo balzo in avanti, dal 90 a oltre il 110 per cento. Non gli fu facile sostenere questi esiti dinnanzi agli altri contraenti europei, specie i tedeschi e gli olandesi. Questi ultimi volevano fissare una soglia al 60% per il debito e al 3% per il deficit. Ottenne che invece della soglia fissa si considerasse lo sforzo tendenziale di ciascun Paese a convergere verso questi parametri, ponendo le condizioni perché l' Italia entrasse nell' euro dalla finestra. Nella complessità di quella trattativa il suo prestigio e le sue capacità di negoziatore raggiunsero il risultato. Restava convinto che, entrando, l' Italia doveva fare uno sforzo immane per adeguarsi ma, come scrisse nelle sue memorie, riteneva anche che solo con quei «vincoli esterni» la classe politica avrebbe trovato l' ostacolo necessario alla sua «dissennatezza» nel gestire le politiche del bilancio statale. Carli vedeva inoltre come complemento indispensabile del trattato sulla moneta quello sull' unione politica che, negli stessi anni in cui si formulavano le regole dell' euro, aveva preso ad avviarsi, per poi concludersi nel nulla dei Consigli europei di Nizza e Lisbona. L' Italia entrò nell' euro, non adeguando per intero la sua economia al sistema nuovo di regole che aveva sottoscritto, privandosi nel contempo degli strumenti sovrani che fino ad allora gli avevano concesso di galleggiare. Carli in quella trattativa aveva garantito alcuni proficui margini. La soglia del deficit al 3 per cento, nel trattato di Maastricht, doveva valere al momento dell' ingresso nell' euro, poi assumere il suo carattere tendenziale. A conclusione dell' ultima fase di introduzione della moneta unica fu chiesto all' Italia di firmare anche un patto di stabilità che rendeva permanente la soglia del 3 per cento. Il governo Prodi Ciampi aderì senza un voto del Parlamento. Giuseppe Guarino, che è autore in questa collana dedicata a Carli di un volume complessivo sulla sua opera, ha sollevato obiezione su questo vulnus procedurale, non sanato dall' ulteriore vincolo del fiscal compact, che invece ha avuto l' approvazione parlamentare. E altri vincoli possono ancora arrivare, molto oltre la medicina che Carli aveva ritenuto di dover prescrivere. RIPRODUZIONE RISERVATA La figura e l' opera di Carli. Testimonianze, a cura di Federico Carli, Bollati Boringhieri, Torino, pagg. 758, 60,00. 18

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Domenica, 06 aprile 2014

COMUNE DI ANZOLA Domenica, 06 aprile 2014 COMUNE DI ANZOLA Domenica, 06 aprile 2014 Domenica, 06 aprile 2014 Cultura e turismo 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Pagina 22 L' ex chiesa di San Francesco svela gli antichi splendori 1

Dettagli

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Rilevazione 25 Novembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Le notizie della settimana: la Sardegna concentra tutta l attenzione L alluvione

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 02/07/2015 Il Resto del Carlino Pagina 24 PEREGO ACHILLE Gli italiani tornano formichine Consumi, oggi parte il test dei saldi

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Fra i candidati sindaco, otto su dieci hanno un profilo su Facebook, e tre su cinque hanno un sito personale

Fra i candidati sindaco, otto su dieci hanno un profilo su Facebook, e tre su cinque hanno un sito personale LA CAMPAGNA ON-LINE PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2011 Fra i candidati sindaco, otto su dieci hanno un profilo su Facebook, e tre su cinque hanno un sito personale Su Facebook De Magistris e De Luca i

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA

L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA I contenuti della manovra Monti ci fanno esprimere un giudizio del tutto negativo. Sembrano passati secoli dal discorso d insediamento in cui

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare)

Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare) Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare) Multimedialità, relazione, cura, notizie in anteprima: gli ingredienti giusti per non finire nel rumore indistinto

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati RASSEGNA STAMPA Martedì, 24.02.2015 Il Sole 24 Ore 1 Split payment, rimborsi semplificati 2 Precompilata, deleghe dettagliate 3 Statali, pronte le tabelle per la mobilità Il Secolo XIX - Ed. Levante 1

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

Investire nei social. con ritorno

Investire nei social. con ritorno con ritorno Per le aziende che operano nel turismo la vera opportunità è creare un esperienza sociale che consenta agli web users di sentirsi parte di una community. Così aumentano brand awareness e fatturato.

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale

Dettagli

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 435 AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 30 Ottobre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 664 BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE 28 aprile 2014 INDICE 2 10 milioni

Dettagli

Concorso L evasione fiscale in Italia

Concorso L evasione fiscale in Italia Concorso L evasione fiscale in Italia Materiale realizzato dall Agenzia delle Entrate, a cura di: Daniela Berlese, Maria Macchia, Edoardo Mizzon, Luciano Morlino, Luca Ostellino, Roberta Quarto, Marco

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE

TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE Villa d'este, Cernobbio 2, 3 e 4 settembre 2011 Riprodotto

Dettagli

Salute: Lorenzin, non un costo ma opportunita' investimento

Salute: Lorenzin, non un costo ma opportunita' investimento Salute: Lorenzin, non un costo ma opportunita' investimento (ANSA) - ROMA, 19 NOV - "L' investimento in salute e' il presupposto per la crescita e lo sviluppo di un Paese". Per questo e' necessario "abbandonare

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

Elezioni Comune di Napoli 2011

Elezioni Comune di Napoli 2011 Elezioni Comune di Napoli 2011 Alcune riflessioni sulle tendenze emerse dai sondaggi elettorali a cura di Michele Caiazzo, componente Assemblea Nazionale PD / responsabile Centro Studi e Ricerche PD Campania

Dettagli

In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti?

In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti? FAQ su riforma del sistema sanzionatorio dei reati tributari In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti? Nella legislazione vigente fissata nel decreto legislativo 74 del 2000 sono

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

DOCUMENTO SULLA ORGANIZZAZIONE DELLA FILT VERSO IL CONGRESSO NAZIONALE

DOCUMENTO SULLA ORGANIZZAZIONE DELLA FILT VERSO IL CONGRESSO NAZIONALE DOCUMENTO SULLA ORGANIZZAZIONE DELLA FILT VERSO IL CONGRESSO NAZIONALE Nel percorso che ci porterà ai congressi nazionali della Filt e della Cgil abbiamo ritenuto opportuno, anche a seguito del confronto

Dettagli

RISPARMIO ED EFFICIENZA: La prima fonte di energia

RISPARMIO ED EFFICIENZA: La prima fonte di energia FEDERAZIONE NAZIONALE LAVORATORI EDILI AFFINI E DEL LEGNO Aderente alla Fédération Européenne des Travailleurs du Batiment et du Bois dans la CEE ( F.E.T.B.B. ) e alla Fédération Internationale des Travailleurs

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

OSSERVATORIO RENZI Il Rottamatore da rottamare

OSSERVATORIO RENZI Il Rottamatore da rottamare a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 1/10 OSSERVATORIO RENZI Il Rottamatore da rottamare 20 giugno 2013 INDICE 2 Perché l osservatorio

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani 11 novembre 2011 Gruppo 183: onorevole Mariani, come giudica la fase che attraversa l organizzazione dei

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. Si al graduale superamento del contante, ma non a spese delle microimprese. Audizione Cna in Parlamento

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. Si al graduale superamento del contante, ma non a spese delle microimprese. Audizione Cna in Parlamento Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato

Dettagli

Il rilancio parte da sinistra

Il rilancio parte da sinistra Il rilancio parte da sinistra Come fare ridere i poveri senza fare piangere i ricchi Luglio 2013 UNA CRISI CHE VIENE DA LONTANO La crisi economica e sociale del paese non nasce nel 2011, ne nel 2008. Ha

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Mercoledì 1 aprile 2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX 1 Esenzioni ticket, le autocertificazioni sono valide fino al 31 marzo 2016

RASSEGNA STAMPA. Mercoledì 1 aprile 2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX 1 Esenzioni ticket, le autocertificazioni sono valide fino al 31 marzo 2016 RASSEGNA STAMPA Mercoledì 1 aprile 2015 Il Sole 24 Ore 1 La Pa fuori dallo spesometro 2 E-fattura, guardia alta sulle ricevute 3 Possibili risparmi fino a 1,5 miliardi Il Secolo XIX 1 Esenzioni ticket,

Dettagli

Infrastrutture e legge urbanistica, le novità preparate dal governo 06-04 - 2014

Infrastrutture e legge urbanistica, le novità preparate dal governo 06-04 - 2014 Segreteria Ordine Architetti L'Aquila Da: Segreteria Ordine Architetti L'Aquila [infolaquila@archiworld.it] Inviato: lunedì 7 aprile 2014 10:21 A: 'arch.m.bruno@virgilio.it' Oggetto: I: [Inu - Istituto

Dettagli

innovazione incrementale

innovazione incrementale In questo secondo appuntamento abbiamo l opportunità di conoscere: Revenue Manager at GestioneHotel.Guru pietra miliare della libera condivisione di know-how turistico al servizio degli albergatori. Caro

Dettagli

Il cartone vince sul degrado

Il cartone vince sul degrado 1. Il cartone vince sul degrado inshare Il cartone vince sul degrado di Sergio Ferraris Al Rione Sanità ogni giorno si raccolgono 2,3 tonnellate di cartone. Un risultato eccellente dovuto non solo alla

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Alberghi a rilento per Expo

Alberghi a rilento per Expo 05-03-2015 1 / 2 domenica24 casa24 moda24 food24 motori24 job24 stream24 viaggi24 salute24 shopping24 radio24 altri Cerca Accedi How To Spend It NEW! Professioni e Imprese24 Business School ed eventi Milano

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

SEDUTA DI MARTEDÌ 15 LUGLIO 2014

SEDUTA DI MARTEDÌ 15 LUGLIO 2014 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMMISSIONE PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULLE ATTIVITÀ DEGLI ENTI GESTORI DI FORME OBBLIGATORIE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA SOCIALE RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 Politica locale 23/01/2015 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 7 SILVIA BIGNAMI Riforme, i renziani ai dissidenti Pd:

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo Nelle difficoltà un bilancio di attenzione alla città L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria di Leopoldo Di Girolamo Approvato il bilancio preventivo 2010 dal Consiglio

Dettagli

PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014

PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014 PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014 Legge n.150/2000 D.P.R. 21-9-2001 n. 422 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 19 del 25/02/2014 1/9 PREMESSA L'evoluzione che caratterizza l'attuale scenario

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. DIRITTO E IMPRESA Antincendio negli hotel con regola Italia Oggi pag. 33 del 23/07/2015

RASSEGNA STAMPA. DIRITTO E IMPRESA Antincendio negli hotel con regola Italia Oggi pag. 33 del 23/07/2015 giovedì 23 luglio 205 RASSEGNA STAMPA DIRITTO E IMPRESA Antincendio negli hotel con regola Italia Oggi pag. 33 del 23/07/205 EDILIZIA Edilizia privata: basta ritardi L Unione Sarda pag.8 del 23/07/205

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Perché la Corea oggi. Turismo

Perché la Corea oggi. Turismo 14 Milioni di turisti Turismo Nel 2001 erano 6 milioni. Ma nel 2012 il numero dei Coreani che ha fatto un viaggio all estero è più che raddoppiato: sono stati quasi 14 milioni, superando così il record

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 7 LEZIONE IL DECENTRAMENTO FISCALE: IL CASO ITALIANO (ottobre 2008) BIBLIOGRAFIA:

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE)

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) PREMESSA La UIL esprime una valutazione positiva in merito all opportunità

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Il bollettino di guerra dopo la legge di stabilità 2014 Le nuove indicizzazioni

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

Ridurre la burocrazia per far ripartire lo sviluppo urbano

Ridurre la burocrazia per far ripartire lo sviluppo urbano C E N S I S Ridurre la burocrazia per far ripartire lo sviluppo urbano Workshop riservato Roma, 10 settembre 2014 INDICE 1. Dalla burocrazia colpo di grazia per edilizia e trasformazioni urbane Pag. 1

Dettagli

DAILY REPORT 18 Agosto 2014

DAILY REPORT 18 Agosto 2014 DAILY REPORT 18 Agosto 2014 Ecco qua alcune tabelle per valutare il Sistema Italia, in un momento in cui vediamo i nostri Titoli di Stato comprati come non mai, quasi si intravedesse la luce in fondo al

Dettagli

A scagliarsi contro la mediazione civile obbligatoria sono stati soprattutto gli avvocati.

A scagliarsi contro la mediazione civile obbligatoria sono stati soprattutto gli avvocati. MEDIAZIONE decreto del fare di Claudia Di Pasquale DA CHE TEMPO CHE FA DEL 29/09/2013 ENRICO LETTA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Tra le cose che abbiamo fatto in questi cinque mesi c è stata una riforma della

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli