Linee guida NICE. Working during pregnancy. Dietary information and education. Alcohol and smoking in pregnancy. Cannabis use in pregnancy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida NICE. Working during pregnancy. Dietary information and education. Alcohol and smoking in pregnancy. Cannabis use in pregnancy"

Transcript

1 OBIETTIVO 3: UN SANO INIZIO DELLA VITA Il counselling genetico e nutrizionale, una gravidanza senza fumo, cure prenatali evidence-based possono aiutare a prevenire il basso peso alla nascita e le anomalie congenite Stili di vita Linee guida NICE Working during pregnancy Dietary information and education Alcohol and smoking in pregnancy Cannabis use in pregnancy 1

2 I FATTORI NOCIVI ESOGENI PROVENIENTI DALL AMBIENTE SIA DI VITA CHE DI LAVORO POSSONO INTERFERIRE CON LA NORMALE FUNZIONE RIPRODUTTIVA, DALLA FECONDAZIONE ALLA GRAVIDANZA, NONCHE CON LO SVILUPPO DEL PRODOTTO DEL CONCEPIMENTO. E STATO CONFERMATO ANCHE SPERIMENTALMENTE, CHE FATTORI ESTERNI CHIMICI, FISICI, BIOLOGICI, PERSINO SOCIO-ORGANIZZATIVI POSSONO PRODURRE DIFETTI E MALFORMAZIONI CONGENITE. PRIMA DELLE DUE GUERRE MONDIALI LA CAUSA DI MORTALITA INFANTILE DURANTE IL PRIMO ANNO DI VITA, DOVUTA A DISTURBI PRENATALI PER AZIONE DI FATTORI AMBIENTALI DI VARIA NATURA, ERA DEL 5% CIRCA RISPETTO ALL ALTA MORTALITA PER MALATTIE INFETTIVE (30%). DOPO IL 1964 LE CAUSE SI INVERTONO: LA % DI MORTI PER MALFORMAZIONI CONGENITE SALE AL 20%, RISPETTO AL 5% PER MALATTIE INFETTIVE. 2

3 SOSTANZE CHIMICHE E AGENTI FISICI DOTATI DI AZIONE MUTAGENA SI TROVANO NELL AMBIENTE, NEGLI ALIMENTI, NEI PRODOTTI INDUSTRIALI E AGRICOLI. NUOVE MOLECOLE CHIMICHE SONO INTRODOTTE OGNI ANNO, A SEGUITO DELLO SVILUPPO DI MODERNE TECNOLOGIE, TRA CUI MIGLIAIA DI SOSTANZE CAPACI DI PROVOCARE MUTAZIONI NEI MODELLI SPERIMENTALI CELLULARI ED UMANI PREOCCUPAZIONI PER L ESTENSIONE DEL RISCHIO, SIA PER LA POPOLAZIONE GENERALE SIA PER GRUPPI DI INDIVIDUI SPECIFICAMENTE ESPOSTI, A SUBIRE MODIFICAZIONI EREDITARIE NELLA STRUTTURA GENETICA LE MUTAZIONI GENETICHE POSSONO CAUSARE STERILITA, INFERTILITA, MORTALITA PERINATALE, ABORTO. LE CONSEGUENZE DELL ESPOSIZIONE A MUTAGENI DEI GENITORI E/O A TERATOGENI DEL PRODOTTO DEL CONCEPIMENTO POSSONO ESSERE: ABORTI, MALFORMAZIONI, MORTALITA PERINATALE, PREMATURITA, MALATTIE TRASMESSE EREDITARIAMENTE, TUMORI IN ETA PEDIATRICA. 3

4 ALIMENTAZIONE NUMEROSE SOSTANZE INTRODOTTE PER VIA ALIMENTARE ADDITIVI ALIMENTARI ORMONI ANTIPARASSITARI PESTICIDI ERBICIDI COSTITUISCONO FATTORI DI RISCHIO PER L INFERTILITA, MA ANCHE PER ALCUNE FORME TUMORALI (es. tumori ovarici) E ABORTO, BASSO PESO ALLA NASCITA, ALIMENTAZIONE DIETA IPOCALORICA-IPOPROTEICA: DANNI TESTICOLARI DIETA IPERCALORICA CON ECCESSO PONDERALE: ALTI LIVELLI DI ESTROGENI, IPOGONADISMO E OLIGOSPERMIA, ANOVULAZIONE LE CARENZE NUTRIZIONALI DELLE MADRI PESANO SUI FIGLI: PREMATURITA, DEFICIT NEUROLOGICI PER APPORTO INSUFFICIENTE NELLA GRAVIDA DI ZINCO, FERRO, CALCIO, FOLATI 4

5 ABITUDINI VOLUTTUARIE ALCOL TABACCO ALCOL L ALCOL HA EFFETTO TERATOGENO DIRETTO. I LIVELLI DI ALCOLEMIA NEI TESSUTI FETALI SONO SIMILI A QUELLI DEL SANGUE MATERNO. IL RISCHIO FETALE ALCOL-CORRELATO SEMBRA ESSERE DOSE-DIPENDENTE. IL CONSUMO ECCESSIVO DI ALCOL IN GRAVIDANZA PUO DETERMINARE ABORTO, RITARDO DELL ACCRESCIMENTO, PARTO PREMATURO, MALFORMAZIONI FETALI. 5

6 ALCOL RITARDO DI CRESCITA E IPOPESO SI ACCENTUANO SE LA MADRE, OLTRE L ALCOL, CONSUMA MOLTO CAFFE ED E ANCHE FUMATRICE. EFFETTI PIU DANNOSI SI HANNO QUANDO L ASSUNZIONE DI ALCOL AVVIENE IN FASE PREGESTIONALE FINO AL III MESE DI GRAVIDANZA. ALCOL L ETANOLO E CAUSA DELLA SINDROME NEUROCOMPORTAMENTALE DEL BAMBINO NATO DA MADRE ALCOLISTA, CARATTERIZZATA DA TREMORI, IRRITABILITA, DEFICIENZA MENTALE E ALTRI SEGNI PSICOMOTORI (FAS). INCIDENZA DELLA FAS IN USA: 1-2% NATI SECONDO LA LETTERATURA ANGLOSASSONE: 1/ NASCITE 6

7 ALCOL - FAS QUANDO LA MADRE BEVE ALCOLICI DURANTE LA GESTAZIONE IL FETO SUBISCE DANNI TOSSICI AGGRAVATI DAL FATTO CHE NEL FETO NON SONO ANCORA SVILUPPATI GLI ENZIMI DEL CATABOLISMO EPATICO; INOLTRE L ALCOLISMO DELLA MADRE E SOVENTE ASSOCIATO A MALNUTRIZIONE; LA RIDUZIONE DEL FLUSSO PLACENTARE PUO DETERMINARE IPOSSIA NEL FETO: TUTTO CIO DETERMINA RITARDO DI ACCRESCIMENTO E QUINDI LA NASCITA DI BAMBINI DI BASSO PESO O LA NASCITA PRIMA DEL TERMINE E, SPESSO, RIPETUTI ABORTI. ANCHE LO SVILUPPO DEGLI ORGANI PUO ESSERE COMPROMESSO PER CUI SONO FREQUENTI VARIE MALFORMAZIONI. TABACCO IL FUMO DI SIGARETTA RAPPRESENTA LA CAUSA PRINCIPALE DI MORTI PREMATURE EVITABILI NELLA NOSTRA SOCIETA E IL MEGLIO DEFINITO FATTORE PREVENIBILE DI PATOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE 7

8 TUMORI E FUMO il fumo di tabacco agisce sia da promotore sia da iniziatore di tumori il fumo aumenta il rischio di tutti i tipi istologici di tumore del polmone l 82% dei cancri della laringe è dovuto al fumo di sigaretta il cancro del cavo orale è da 2 a 18 volte più frequente nei fumatori l 80% delle morti per cancro dell esofago sono dovute a fumo + alcol si stima che il 14% delle leucemie sia dovuto al fumo il fumo sostiene il 30% dei nuovi casi di cancro della cervice IL FUMO INTERVIENE IN CIRCA IL 30% DI TUTTE LE MORTI PER CANCRO TABACCO effetti clinici nel percorso nascita GRAVIDANZA PERIODO PRECONCEZIONALE Riduzione livelli ormonali Riduzione quantitativa ovociti Ritardo di crescita intrauterina Parto pretermine Patologie placentari Aborto precoce Mortalità perinatale PUERPERIO Produzione ostacolata di Prl e LH Carenza vitaminica nel latte materno Patologie respiratorie neonatali 8

9 TABACCO OLTRE AI POSSIBILI DANNI A CARICO DELLE VIE AEREE, DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO, DEL TUBO DIGERENTE, LE DONNE FUMATRICI PRESENTANO PIU DELLE NON FUMATRICI COMPLICAZIONI OSTETRICHE. L ABORTO, LA ROTTURA PREMATURA DELLE MEMBRANE, IL DISTACCO DI PLACENTA, LE EMORRAGIE UTERINE SONO GLI EVENTI OSSERVATI CON MAGGIORE FREQUENZA. TABACCO NEL FETO GLI EFFETTI DEL FUMO SONO DOVUTI PRINCIPALMENTE ALLA IPOSSIEMIA CONSEGUENTE ALL AUMENTO DELLA PERCENTUALE DI CARBOSSIEMOGLOBINA MATERNA, CHE RADDOPPIA NEL FETO, NONCHE ALLE ALTERAZIONI VASCOLARI UTEROPLACENTARI PROVOCATE DALLA NICOTINA E DALL OSSIDO DI CARBONIO. IL FLUSSO EMATICO MATERNO-FETALE RISULTA ALTERATO: IL TESSUTO PLACENTARE NELLE FUMATRICI DIVIENE PIU SPESSO, CON VASI SANGUIGNI PIU PICCOLI, OSTACOLANDO IL PASSAGGIO DELLE SOSTANZE NUTRITIVE PER IL FETO E COMPROMETTENDONE LO SVILUPPO PRIMA E DOPO LA NASCITA. 9

10 TABACCO IL FUMO MATERNO HA SICURA RELAZIONE CON L IPOPESO DELLA PROLE, DI CIRCA GRAMMI. STUDI AMERICANI, INGLESI, CANADESI HANNO EVIDENZIATO UNA FREQUENZA DOPPIA DI PESO NEONATALE INFERIORE A 2500 GRAMMI NEI FIGLI DI FUMATRICI, INDIPENDENTEMENTE DA ALTRI FATTORI MATERNI INFLUENTI SUL PESO. FUMO E ALLATTAMENTO LA NICOTINA PASSA NEL LATTE MATERNO; ANCHE SE NON VI SONO STUDI CONTROLLATI SUGLI EFFETTI DELLA NICOTINA SUL NEONATO, SONO PERO SEGNALATI CASI DI AVVELENAMENTO DA NICOTINA CON IRRITABILITA, INSONNIA, DIARREA E TACHICARDIA. IL PIU EVIDENTE EFFETTO EVIDENZIABILE NELLE FORTI FUMATRICI E UNA RIDUZIONE DELLA QUANTITA DI LATTE PRODOTTO. 10

11 DATI EPIDEMIOLOGICI Abitudine al fumo in Italia ( ( 14aa) Fonte: ISTAT , ,5 21, ,7 % Ex fumatore 15 14,5 Fumatore 10 16,3 5 0 Totale Uomini Donne 11

12 Fatti e cifre sul fumo di tabacco Piemonte 2006 PREVALENZA PER ETA (Italia, 2005) Fonte:: DOXA % ,9 28,2 31,1 29,2 24, ,6 7, over 65 Età Uomini Donne 12

13 PREVALENZA DI FUMATORI PER CLASSI DI ETA IN PIEMONTE (2003) Fonte: ISTAT ,6 38,9 23,5 31,2 24,2 18,8 9 30,3 % Uomini 18, Totale Età Donne Fra gli adolescenti 13

14 STUDIO S.ANNA 16 gennaio - 13 marzo donne in puerperio ricoverate presso il reparto di ostetricia unificato intervistate tramite la compilazione di un questionario proposto durante la degenza ospedaliera STUDIO S.ANNA: risultati Caratteristiche generali del campione Età < > Titolo di studio nessuno elementare meda inf. media sup. laurea 15% 2% 16% Luogo di nascita 67% Italia nord Italia centro Italia sud e isole estero Abitudine al fumo SI (%) Prima della gravidanza 94 (30) I timestre 43 (13.7) II trimestre 27 (8.6) III trimestre 27 (8.6) 14

15 Informazioni ricevute sugli effetti del fumo nel percorso nascita SI NO DA CHI? 27.5 % dal professionista che ha seguito la gravidanza 50 % da campagne informative 22.5% altro 9% 5% 2% ginecologo 84% consultorio ostetrica ambulatorio gravidanza fisiologica Solo il 56.0% delle donne straniere ha ricevuto informazioni rispetto all 80.6% delle donne italiane. Fumo passivo Il 37.4% delle donne vive in famiglia con persone che fumano Il 38.3 % delle intervistate lavora in un ambiente di fumatori prima della grav. passivo si I trim. passivo no Vivere in un ambiente di fumatori aumenta in maniera statisticamente significativa (p<0.001) il rischio per la donna di fumare nel periodo pregravidico e nel primo trimestre 15

16 Abitudine al fumo delle intervistate: i possibili determinanti Periodo pregravidico TITOLO DI STUDIO: O.R 1,57 MA I.C N.S. LUOGO DI NASCITA: O.R 0,53 MA I.C N.S. Gravidanza ABITUDINE AL FUMO NELLA PRECEDENTE GRAVIDANZA CORRELATA IN MODO STATISTICAMENTE SIGNIFICATIVO (p<0,0001) ALL ABITUDINE Modifica dell abitudine al fumo in gravidanza 350 SI NO <5 da 5 a 15 > fuori grav. 1 Trim. 2 Trim. 3 Trim. Durante la gravidanza il numero di fumatrici diminuisce in maniera statisticamente significativa (p<0.0001) 27 prima della gravidanza I trimestre II trimestre III trimestre Tra le fumatrici diminuisce progressivamente nel corso della gravidanza il numero di sigarette fumate al giorno 16

17 Possibili determinanti del trend di riduzione Sono stati presi in considerazione tre fattori che, oltre allo stato di gravidanza, potrebbero aver influito sul trend: -TITOLO DI STUDIO -LUOGO DI NASCITA -INFORMAZIONI RICEVUTE > 8 anni istruzione 8 anni istruzione Riduzione abitudine O.R. (I.C. 95%) ( ) p Italia centro-settentrionale Italia meridionale ( ) Info no Info sì Nessuno dei tre fattori presi singolarmente in esame ha influenzato significativamente la riduzione dell abitudine al fumo ( ) Conclusioni 1 MIGLIORARE LA MEDIAZIONE CULTURALE CONSIGLIARE ALLA DONNA DI CREARE AMBIENTI LIBERI DAL FUMO IL PROFESSIONISTA CHE SEGUE LA GRAVIDANZA DOVREBBE AFFRONTARE L ARGOMENTO ROUTINARIAMENTE IL NUMERO DI FUMATRICI PRIMA DELLA GRAVIDANZA NEL NOSTRO CAMPIONE SUPERA LA MEDIA NAZIONALE MA SI RIDUCE SIGNIFICATIVAMENTE DALL INIZIO DELLA GESTAZIONE: TALE RIDUZIONE SEMBRA ESSERE INDIPENDENTE PERSINO DALLE INFORMAZIONI RICEVUTE SUL FUMO IN GRAVIDANZA 17

18 Conclusioni 2 La gravidanza rappresenta quindi un ottimo momento di presa di coscienza del problema e le donne dimostrano di essere consapevoli dei rischi causati dal fumo nel percorso nascita MA Le informazioni, i consigli, il sostegno degli operatori possono andare ad agire là dove l informazione generica non abbia raggiunto il suo scopo. L OSTETRICA PUO ASSUMERE UN RUOLO STRATEGICO ED ESSERE DI AIUTO SPECIE PER QUELLA QUOTA (8,6%) DI DONNE CHE MANTIENE L ABITUDINE E NON RIESCE NEPPURE A RIDURRE I CONSUMI. E dopo la Legge 3/2003? Italia, uno dei primi Paesi al mondo ad aver adottato una legge che vieta il fumo nei locali pubblici e nei luoghi di lavoro Monitoraggio effetti applicazione della legge a distanza di un anno Annals of Oncology, novembre 2005: divieto accettato, senza conseguenze negative sul business dei locali. Consumo di sigarette ridotto dell 8%, soprattutto fra i giovani e le donne. 18

19 Confronto fra prima e dopo l applicazione della Legge 3/2003? (dati ISTAT 2006) Calo della % di fumatrici (dal 17,4% al 15,8%), soprattutto nell Italia nord-occidentale Qualche cambiamento anche nel comportamento dei fumatori, con aumento del numero di persone che hanno tentato di smettere (dal 20,9% al 23%), soprattutto nel Sud Italia Sono i più istruiti i più reattivi DROGHE LE DROGHE PENETRANO ATTRAVERSO LA PLACENTA E POSSONO COMPROMETTERE LO SVILUPPO DEL FETO. LE TOSSICOMANIE RIDUCONO LA SESSUALITA E LA FERTILITA, FACILITANO GLI ABORTI, MENO LE MALFORMAZIONI. OCCORRE CONSIDERARE ANCHE L ALTA % DI DONNE SIEROPOSITIVE PER HIV TRA LE TOSSICODIPENDENTI E LA CONSEGUENTE POSSIBILITA DI TRASMISSIONE VERTICALE DEL VIRUS AL FETO DURANTE LA GRAVIDANZA E IL PARTO. 19

20 DROGHE MARIJUANA: ritardo di crescita fetale ALLUCINIGENI (LSD): deficit funzionali e neurocomportamentali AMFETAMINE: malformazioni cardiache e dell apparato gastroenterico EROINA: aborto, parto prematuro, gestosi, ritardo di sviluppo fetale, distacco intempestivo di placenta, Più della metà dei neonati da madre eroinomane va incontro a sindrome da astinenza ore dopo il parto FARMACI IL FARMACO, SPECIE SE LIPOSOLUBILE, ATTRAVERSA LA PLACENTA E, GIUNTO AL FETO, PUO PERSISTERE A LUNGO PER L INCOMPLETO SVILUPPO DEI MECCANISMI BIOTRASFORMATIVI ED ESCRETORI. L EFFETTO TERATOGENO DEL FARMACO SUL FETO DIPENDE DALLA DOSE, DALLA DISTRIBUZIONE, DAL SUO TROPISMO VERSO TESSUTI SPECIFICI, DALLA EVENTUALE INTERAZIONE CON ALTRI FARMACI, DALLA SUA ETA GESTAZIONALE. 20

21 FARMACI LA CONSULENZA FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA E UN PROBLEMA CHE DEVE AFFRONTARE IL GINECOLOGO E SOVENTE ANCHE IL MEDICO DI BASE. SE E FACILE IDENTIFICARE I FARMACI SICURAMENTE TERATOGENI, CHE SONO LA MINORANZA, IN TUTTI GLI ALTRI CASI NON ESISTONO QUASI MAI PROVE CHE UN DETERMINATO FARMACO SIA INNOCUO IN GRAVIDANZA. FARMACI 1963: IL MINISTERO DELLA SANITA IMPONE ALLE CASE FARMACEUTICHE DI INSERIRE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO DI OGNI FARMACO UNA VOCE SPECIFICA PER L USO IN GRAVIDANZA 1989: LA COMMISSIONE PER L EFFICACIA E LA SICUREZZA DEI FARMACI DELLA CEE PROPONE UNA CLASSIFICAZIONE DEI FARMACI PER L USO IN GRAVIDANZA I FARMACI SONO SUDDIVISI IN CLASSI (A, B, C, D, X) IN FUNZIONE DEI DATI SPERIMENTALI DISPONIBILI 21

22 FARMACI E IMPORTANTE CONOSCERE I FARMACI SICURAMENTE TERATOGENI: ACIDO VALPROICO ANDROGENI E PROGESTINICI AD AZIONE ANDROGENA ANTINEOPLASTICI ANTITIROIDEI LITIO PENICILLAMINA RETINOIDI STREPTOMICINA TETRACICLINE WARFARINA E CUMARINICI AMBIENTE DI LAVORO ABORTI, PREMATURITA E IPOPESO, MALFORMAZIONI E DIFETTI CONGENITI, TUMORI INFANTILI POSSONO ESSERE PROVOCATI DA ESPOSIZIONI AMBIENTALI DI NATURA PROFESSIONALE CUI VA INCONTRO LA GESTANTE E TALVOLTA IL CONIUGE. TRA I FATTORI PROFESSIONALI IN TEMA DI PREMATURITA E IPOPESO E STATA RILEVATA L INFLUENZA NEGATIVA DELL ALTA TEMPERATURA, DEL LAVORO DI LABORATORIO, DI QUELLO INDUSTRIALE E IN AGRICOLTURA, DELL ESPOSIZIONE A RADIAZIONI IONIZZANTI E DEL LAVORO PESANTE IN GENERE. 22

23 AMBIENTE DI LAVORO NOTEVOLE L AZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI CIRCA PREMATURITA, DIFETTI CONGENITI E MALFORMAZIONI, RITARDI DI SVILUPPO, MENTALI E COMPORTAMENTALI, ECCESSO DI LEUCEMIE E TUMORI SOLIDI INDOTTI NELL INFANZIA IN PROLE DA GESTANTI ESPOSTE O IN SEGUITO AD IRRADIAZIONI IN UTERO AD ALTE DOSI. NON E ESCLUSA LA POSSIBILITA DI PREMATURITA IN PROLE DA PADRI ADDETTI A VARI TIPI DI LAVORO. 23

Fumo e benessere riproduttivo

Fumo e benessere riproduttivo Fumo e benessere riproduttivo Cosa c è in una sigaretta? Più di 4000 sostanze tossiche sono contenute nel fumo di tabacco. - Nicotina: crea dipendenza - Monossido di carbonio: ostacola l'azione dei muscoli

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Il progetto 6 + 1 (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Ministero della Sanità: Programma speciale ex art. 12, comma 2,

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA TOSSICITA RIPRODUTTIVA disfunzione indotta da sostanze xenobiotiche che colpiscono i processi di gametogenesi dal loro stadio più precoce all impianto del prodotto del concepimento nell endometrio. La

Dettagli

Alcol, gravidanza e allattamento

Alcol, gravidanza e allattamento Alcol 0 Giornata di studio 1 aprile 2015 Azienda Ospedaliero-Universitaria careggi-firenze Dr Maurizio Fontanarosa - Maternità di Careggi Alcol, gravidanza e allattamento Spettro dei disordini feto-alcolici

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino.

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino. NON BERE BEVANDE ALCOLICHE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO U.O. Consultorio Familiare Distretto n 1 e n 2 Ostetrica t CRISTINA FILIPPI Ostetrica BIANCA PIVA 1 Non bere bevande alcoliche in gravidanza

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

1986-2006 L ERBA AMARA DI CHERNOBYL

1986-2006 L ERBA AMARA DI CHERNOBYL 1986-2006 L ERBA AMARA DI CHERNOBYL RADIOATTIVITA EMISSIONE SPONTANEA DI RADIAZIONI IONIZZANTI DA PARTE DI ALCUNI ELEMENTI PER DISINTEGRAZIONE NUCLEARE RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI CHE PROVOCANO IONIZZAZIONI

Dettagli

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica Dottor Roberto Cionini A cosa deve fare attenzione il Pediatra di Famiglia in un bambino nato da madre diabetica. ANOMALIE NEL FETO INDOTTE

Dettagli

Qualche spunto per parlare di fumo, sigarette,

Qualche spunto per parlare di fumo, sigarette, Have you got a light? Qualche spunto per parlare di fumo, sigarette, nicotina,salute.. La lunga storia del tabacco Prevalenza dei fumatori secondo le indagini DOXA condotte tra il 1957 ed il 2005 70,0

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

Emiatrofia cerebrale e microftalmia

Emiatrofia cerebrale e microftalmia Emiatrofia cerebrale e microftalmia TROMBOSI TROMBOSI Prevenzione dell handicap congenito Nel 1 gruppo di casi genetici con rischio di ricorrenza, la prevenzione può attuarsi attraverso una corretta diagnosi

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

Effetti patogenetici del fumo sul futuro nascituro

Effetti patogenetici del fumo sul futuro nascituro INIZIATIVA FORMATIVA Tabagismo: dimensioni, effetti ed approcci diagnostico-terapeutici 20 Ottobre 2012 Effetti patogenetici del fumo sul futuro nascituro Dott. Giovanni Ruspa S.C. Ostetricia e Ginecologia

Dettagli

FARE ATTENZIONE ALLA SALUTE DEI GENITORI PER PROTEGGERE QUELLA DEL BAMBINO.

FARE ATTENZIONE ALLA SALUTE DEI GENITORI PER PROTEGGERE QUELLA DEL BAMBINO. FARE ATTENZIONE ALLA SALUTE DEI GENITORI PER PROTEGGERE QUELLA DEL BAMBINO. Diventare genitori è una decisione che richiede responsabilità. La salute dei genitori, e in particolare della mamma, ha una

Dettagli

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE VINCENZO SCOLA MMG CENTRO DI MEDICINA GENERALE DANIELE GIRALDI BOVOLONE (VR) DANNI

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

25 settembre 2014. Segnalazione in home page

25 settembre 2014. Segnalazione in home page 25 settembre 2014 Segnalazione in home page Il progetto della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica Carenza di iodio nell alimentazione Ne soffre più di un italiano su dieci Al via

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

Immigrazione, gravidanza e parto

Immigrazione, gravidanza e parto 9 febbraio 2013 Immigrazione, gravidanza e parto Monica Da Frè, Monia Puglia, Eleonora Fanti, Fabio Voller Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di epidemiologia Agenzia Regionale

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

Il fumo di sigaretta e la patologia polmonare: l esperienza del centro anti-tabagismo tabagismo dell ASL 4 Chiavarese

Il fumo di sigaretta e la patologia polmonare: l esperienza del centro anti-tabagismo tabagismo dell ASL 4 Chiavarese Il fumo di sigaretta e la patologia polmonare: l esperienza del centro anti-tabagismo tabagismo dell ASL 4 Chiavarese Carlo Campodonico S.C. Pneumologia ASL 4 Dimensione del problema fumo 1 miliardo e

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita Linee Guida Pierpaolo Mastroiacovo Professore di Pediatria Direttore ICBD Alessandra Lisi International Centre on Birth Defects and Prematurity

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza.

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 2) Docente, dal 1995, della Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. - Diagnosi

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

SCUOLA IN-FORMA GENERAZIONE FUTURA. Progetto Futura 2. Per la prevenzione dei difetti congeniti e delle malattie genetiche

SCUOLA IN-FORMA GENERAZIONE FUTURA. Progetto Futura 2. Per la prevenzione dei difetti congeniti e delle malattie genetiche Provincia Regionale di Caltanissetta Assessorato Solidarietà Sociale Associazione Casa Famiglia Rosetta Centro di Genetica Medica M.Averna Azienda Unità Sanitaria Locale N.2 Unità Operativa per l Educazione

Dettagli

Consigli importanti per genitori fumatori. Perché conviene smettere di fumare

Consigli importanti per genitori fumatori. Perché conviene smettere di fumare Consigli importanti per genitori fumatori Perché conviene smettere di fumare È consapevole che i bambini esposti al fumo di tabacco sono maggiormente a rischio di morte improvvisa del lattante e che sempre

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

I rischi chimici e biologici in gravidanza

I rischi chimici e biologici in gravidanza www.adapt.it, 19 luglio 2011 I rischi chimici e biologici in gravidanza di Andrea Trevisan e Michele Mongillo Introduzione Il d.lgs. n. 151/2001 «Testo unico delle disposizioni legislative in materia di

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività IGIENE branca della medicina che ha lo scopo di promuovere e mantenere lo stato di salute della popolazione disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale

Dettagli

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il parto naturale è quello che inizia spontaneamente e che si mantiene tale, senza segni di disfunzione,

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Guida per i Genitori A cura di: Centro Fibrosi Cistica e Centro Malattie Metaboliche AOU A. Meyer, Firenze Cari genitori, la Regione Toscana, secondo un programma

Dettagli

La gravidanza patologica nelle donne immigrate

La gravidanza patologica nelle donne immigrate La gravidanza patologica nelle donne immigrate Linda Gammaro Ospedale di San Bonifacio (Verona) Taormina, 15 e 16 aprile 2011 Madrugada ( Guinea Bissau) 11 marzo 2011 Mortalità materna nei Pesi poveri

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Servizio di Epidemiologia, Azienda USL

Dettagli

Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01)

Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01) ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01) LAVORATRICI GESTANTI, PUERPEREO IN PERIODO DI ALLATTAMENTO Scopo

Dettagli

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali.

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. Tuttavia, a livello mondiale, le principali cause di morte sono rappresentate da: -diarrea -malaria -tubercolosi

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi 31 Maggio 2010 GIORNATA MONDIALE CONTRO IL TABACCO G.Klimt 4 Giugno 2010 16 GIORNATA DEL RESPIRO L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi e con la collaborazione

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

Epidemiologia del tabagismo

Epidemiologia del tabagismo Ministero della Salute LOGO REGIONALE LOGO AZIENDALE Progetto CCM Definizione e implementazione di un sistema di monitoraggio del rispetto della normativa sul fumo in Italia : monitoraggio negli ambienti

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

Mortalità infantile I perché di uno studio

Mortalità infantile I perché di uno studio Mortalità infantile I perché di uno studio Nei regimi demografici ad alta mortalità, i morti nel primo anno di vita costituiscono 1/4-1/3 dei decessi complessivi Tra il primo ed il secondo anno di vita

Dettagli

Efficacia delle mediatrici culturali per migliorare l adesione agli interventi di prevenzione per donne e bambini immigrati

Efficacia delle mediatrici culturali per migliorare l adesione agli interventi di prevenzione per donne e bambini immigrati Efficacia delle mediatrici culturali per migliorare l adesione agli interventi di prevenzione per donne e bambini immigrati Adriano Cattaneo, Tea Burmaz, Michela Villani Unità per la Ricerca sui Servizi

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE IMPEGNO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE DEL MINISTERO DELLA SALUTE Daniela Galeone ISS OSSFAD: ROMA 31 MAGGIO

Dettagli

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Alcol e salute In Europa (OMS) terza causa di mortalità prematura, dopo

Dettagli

Determinanti ambientali e impatto sulla salute della donna e del bambino

Determinanti ambientali e impatto sulla salute della donna e del bambino Convegno La salute riproduttiva in ambiente di vita e di lavoro Determinanti ambientali e impatto sulla salute della donna e del bambino Cristiana Ivaldi Epidemiologia ambientale Ma cosa si intende per

Dettagli

Aumento REALE di incidenza dei tumori

Aumento REALE di incidenza dei tumori Aumento REALE di incidenza dei tumori ANCHE SE: MAGGIORI POSSIBILITA DIAGNOSTICHE DIMINUZIONE MORTALITA PER MALATTIE INFETTIVE AUMENTO DELLA VITA MEDIA (MALATTIA NEOPLASTICA AUMENTA CON L ETA ) INCIDENZA

Dettagli

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione ubicato nei comuni di Castenaso e Granarolo dell Emilia Il contributo dell Azienda USL di Bologna Dr. Paolo Pandolfi Dipartimento

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge

PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge Massimo O. Trinito, Sandro Baldissera, Valentina Minardi, Nancy Binkin per

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento Medicina molecolare e dello sviluppo PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al 31.12.2016 Il Dipartimento

Dettagli

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Problemi di metodo da affrontare nello studio epidemiologico delle malattie non infettive S ono spesso disponibili solo studi di

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute SCHEDA I NUMERI DEL TABAGISMO Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. L epidemia del tabacco è una delle più grandi

Dettagli

Pediatria ieri e oggi

Pediatria ieri e oggi LIONS CLUB PEGLI 9 febbraio 2012 Pediatria ieri e oggi Relatore Lion Prof. Ezio Gandullia Da Pediatria numero 3 - maggio 2011 Storia della Pediatria (Docente Dott.ssa Maria Giuseppina Gregorio) Mortalità

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Ragazzi siamo facoltativi!?

Ragazzi siamo facoltativi!? Siena Ragazzi siamo facoltativi!? Corso di sopravvivenza nel mare della procreazione assistita e dintorni A cura di Carlo Bellieni Clicca qui per iniziare!!! Il DNA di una persona esiste prima della sua

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST Cod. ID: Data: Paziente: ANTIAGING PROFILE Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST LO STRESS OSSIDATIVO NOME COGNOME Cod. ID 215xxxxx

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili nelle donne straniere

La prevenzione dei tumori femminili nelle donne straniere La prevenzione dei tumori femminili nelle donne straniere Lisa Francovich 1, Lidia Gargiulo 1, Barbara Giordani 2, Paolo Giorgi Rossi 3, Alessio Petrelli 4 1 Istat 2 Servizio Epidemiologia ASLTO3 Regione

Dettagli

AIUTARE IL PAZIENTE A SMETTERE DI FUMARE TORINO, 23.2.2005. Giuliano Bono, medico di famiglia

AIUTARE IL PAZIENTE A SMETTERE DI FUMARE TORINO, 23.2.2005. Giuliano Bono, medico di famiglia AIUTARE IL PAZIENTE A SMETTERE DI FUMARE TORINO, 23.2.2005 Giuliano Bono, medico di famiglia Risposte al questionario sul fumo tra i Medici di Famiglia Piemontesi 102 interviste ad un campione casuale

Dettagli

Il fumo di sigaretta. Salvatore Barberi. Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

Il fumo di sigaretta. Salvatore Barberi. Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Il fumo di sigaretta Salvatore Barberi Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Gli Italiani secondo l abitudine al fumo (Analisi secondo il sesso) Prevalenza del fumo di

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati

EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati Cancro Ictus Bronchite Malattie provocate Danni provocati All apparato respiratorio All apparato cardiovascolare All apparato digerente All

Dettagli

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA e spec. in Ortognatodonzia PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA Per la maggior parte delle donne, la gravidanza è un processo naturale e fisiologico che porta alla nascita di una nuova vita in circa

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli Convegno Active and Healthy Ageing: il ruolo della sorveglianza epidemiologica PASSI d Argento Roma - 26 settembre 2013 La prevenzione

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI AI SENSI DEL DLGS 151/2001 E DLGS 81/2008 ISTITUTO COMPRENSIVO PIERACCINI FIRENZE- SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D ISTITUTO PREMESSA La gravidanza

Dettagli

IL CONCETTO DI SALUTE RIPRODUTTIVA

IL CONCETTO DI SALUTE RIPRODUTTIVA IL CONCETTO DI SALUTE RIPRODUTTIVA Tullia Todros Unità di Medicina Materno- Fetale Università di Torino ASO OIRM-Sant Anna RISCHI OCCUPAZIONALI Dovuti a sostanze che inficiano la capacità di avere figli

Dettagli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli IL PROFILO DEL FUMATORE REATINO Dati Progetto PASSI - Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Nella

Dettagli

Scritto da andrea Domenica 23 Gennaio 2011 12:35 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2012 16:49

Scritto da andrea Domenica 23 Gennaio 2011 12:35 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2012 16:49 FERTILITA, GRAVIDANZA E CELIACHIA 4. Malattia celiaca,aborto spontaneo,peso alla nascita e lattazione Le Alterazioni riproduttive più frequentemente riscontrate nelle donne affette da Malattia Celiaca

Dettagli