MARIA CARAZZI LUISELLA PIZZETTI IL NUOVO. GEO LAB dossier. Cittadinanza, ambiente, questioni del presente. con. Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARIA CARAZZI LUISELLA PIZZETTI IL NUOVO. GEO LAB dossier. Cittadinanza, ambiente, questioni del presente. con. Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori"

Transcript

1 MARIA CARAZZI LUISELLA PIZZETTI IL NUOVO GEO LAB dossier Cittadinanza, ambiente, questioni del presente con ESERCITAZIONI PER LA QUARTA PROVA NAZIONALE Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori

2 MARIA CARAZZI LUISELLA PIZZETTI IL NUOVO GEO LAB dossier Cittadinanza, ambiente, questioni del presente con ESERCITAZIONI PER LA QUARTA PROVA NAZIONALE Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori

3 INDICE I cambiamenti del clima 1 Quali sono le cause 4 Doc 1 Cause naturali o responsabilità umane? 4 2 Le possibili conseguenze 6 Doc 2 Un problema planetario 6 3 A un problema planetario servirebbe una risposta planetaria 8 Doc 3 Dal protocollo di Kyoto alla Conferenza mondiale sul clima di Copenaghen 8 Doc 4 E intanto l Africa chiede i danni ai paesi ricchi 9 Mettiamoci al lavoro La globalizzazione 1 Un mondo interdipendente 12 Doc 1 L India va all estero 12 Doc 2 Nel mercato globale viaggiano anche i tronchi di latifoglie 13 Doc 3 Caffè italiano in India 13 Doc 4 Quando un monsone indiano fa salire i prezzi del riso a Chicago 14 Doc 5 Se la Cina chiude gli impianti contaminanti 2 sui mercati mondiali sale il prezzo dello zinco 14 Il mercato globale: un opportunità per tutti? 15 Doc 6 Il punto di vista della Banca Mondiale 15 Doc 7 Il punto di vista di Muhammad Yunus, banchiere dei poveri e premio Nobel per la pace 16 3 Globalizzazione e culture 17 Doc 8 La diversità culturale aumenta o diminuisce? 17 Prepariamoci alla quarta prova 18 Mettiamoci al lavoro Malattie e povertà 1 La malaria, una malattia antica 22 Doc 1 La storia di una malattia antica e delle lotte per debellarla 22 Doc 2 La malaria oggi, un flagello per i paesi poveri 23 Doc 3 La diffusione mondiale della malaria 23 2 L Aids, la nuova peste 24 Doc 4 L Aids nel mondo 24 Doc 5 Un rapporto sull Aids 25 3 L accesso ai farmaci 26 Doc 6 India, smacco a Novartis. Sì ai farmaci dei poveri 26 Doc 7 Il Brasile respinge la richiesta di brevetto per un farmaco essenziale contro l Aids 27 Doc 8 Un farmaco a basso costo 27 Prepariamoci alla quarta prova 28 Mettiamoci al lavoro Il turismo globalizzato Da dove arriva e dove va il turista 32 Doc 1 L Europa e gli europei: i protagonisti del turismo internazionale 32 2 Le diverse facce del turismo 34 Doc 2 I tesori del mondo soffocati dal turismo 34 Doc 3 Turismo verso sud: l impatto ambientale 3 ed economico 35 Il turismo responsabile: una scelta possibile 37 Doc 4 Un modo per conoscersi e non un arma per distruggere 37 Prepariamoci alla quarta prova 38 Mettiamoci al lavoro La geografia dei luoghi sacri 1 Religioni nel mondo 42 Doc 1 Aree di diffusione delle religioni 42 2 Luoghi sacri in India, Cina e Giappone 43 Doc 2 Luoghi dell induismo 43 Doc 3 Luoghi del buddismo 44 Doc 4 Luoghi dello shintoismo, dei sikh e del taoismo 44 3 Luoghi sacri in Africa e Asia 46 Doc 5 Luoghi dell islam 46 Doc 6 Gerusalemme città sacra 47 Mettiamoci al lavoro Il lavoro minorile 1 Quanti sono i minori che lavorano? 50 Doc 1 Sono circa 218 milioni, ma stanno diminuendo 50 Doc 2 La distribuzione geografica del lavoro minorile 50 Doc 3 Che lavoro fanno? 51 Doc 4 Il caro-cibo crea nuovi schiavi 51 Doc 5 La mancanza di istruzione 52 Doc 6 Nel mondo lavorano 100 milioni di bambine 52 2 Il lavoro minorile in Italia 53 Doc 7 Minori italiani e stranieri al lavoro 53 3 Le cause del lavoro minorile 54 Doc 8 Povertà, ma non solo 54 4 Come eliminare il lavoro minorile? 55 Doc 9 Quando una legge non basta 55 Mettiamoci al lavoro I consumi alimentari 1 Mangiare alla mensa scolastica 58 Doc 1 Hot dog, wonton e borscht 58 2 Il mondo in tavola 59 Doc 2 L alimentazione in Ecuador 59 Doc 3 Mangiare cinese: pochi grassi, troppo sale 60 Doc 4 Ciad: un alimentazione povera di sostanze nutritive 61 Quando la tavola è il fast food 62 3 Doc 5 Le conseguenze di un alimentazione ipercalorica 62 Mettiamoci al lavoro... 63

4 I cambiamenti del clima PER ENTRARE IN ARGOMENTO Gli studi sul clima, condotti su archi di tempi molto lunghi, mettono in luce che la Terra ha sempre attraversato periodi di riscaldamento e di raffreddamento. Eppure negli ultimi anni la questione dei cambiamenti climatici ha assunto una particolare urgenza ed è oggetto di preoccupazione non solo da parte di scienziati ed ecologisti, ma anche del mondo politico e della società. Ciò è accaduto perché gli anni novanta del secolo scorso e i primi anni del XXI secolo sono stati gli anni più caldi e la temperatura media della Terra si è alzata di 0,6 C. Non è nemmeno un grado, ma sufficiente a compromettere la salute del pianeta. 0,8 C 0,6 C 0,4 C 0,2 C 0-0,2 C -0,2 C -0,2 C Il grafico riporta le variazioni medie della temperatura della Terra dal 1850 al Le linee sottili azzurre indicano le variazioni annuali, mentre la linea rossa mostra l andamento generale. Quali sono i periodi nei quali annualmente si sono registrati cali di temperatura? A partire da quale anno la temperatura ha cominciato a salire? A quanto arriva l aumento massimo in gradi centigradi? Prerequisiti Sapere Sapere che cos è il clima Sapere Saper leggere grafici e immagini Obiettivi Conoscere gli equilibri tra clima, paesaggio e vita umana Capire le cause del mutamento climatico e le possibili conseguenze Valutare l importanza degli impegni internazionali nella difesa dell ambiente

5 I cambiamenti del clima 1 Quali sono le cause Oggi è ormai consolidata la convinzione che le principali responsabili del cambiamento climatico siano le attività umane. Ma come si è giunti a tale conclusione? Esistono infatti cause del tutto naturali che potrebbero da sole giustificare il riscaldamento del pianeta. Della questione si sono occupati molti studiosi e in particolare un organismo dell Onu: l Ipcc, il Comitato intergovernativo sul cambiamento climatico. 1 LEGGERE UN TESTO SCIENTIFICO Cause naturali o responsabilità umane? Nel testo seguente, l autore analizza le varie spiegazioni dell aumento di temperatura media del nostro pianeta. Non c è dubbio che nel corso dell esistenza della Terra le variazioni nella quantità di energia fornita dal Sole hanno avuto un enorme influenza sul cambiamento dei sistemi climatici. Se domani l emissione di energia del Sole aumentasse anche in misura minima, ne risulterebbero cambiamenti climatici abbastanza radicali sulla Terra. L Ipcc, il principale organismo mondiale sul cambiamento climatico, ha studiato da vicino l attività solare. È emerso che, nonostante ci fosse stato un aumentato potere radiante del Sole durante la prima metà del XX secolo che ha portato a un piccolo aumento della quantità di energia solare che colpisce la superficie della Terra, questo non era sufficiente per dar conto dell aumento delle temperature. Anche le esplosioni vulcaniche hanno la capacità di modificare la situazione, raffreddando la Terra invece di riscaldarla. Ma nel XX secolo questi fenomeni raramente sono durati più di qualche anno, cosicché non possono essere considerati la causa dei cambiamenti a lungo termine. Tutto rimanda allora a un altro probabile colpevole, l influenza dell uomo. La catastrofe climatica che gli esseri umani stanno provocando si basa paradossalmente su un elemento di cui il pianeta è avvolto, il carbonio. Questo elemento, infatti, si trova in un gas, l anidride carbonica, che dapprima permette all energia solare di raggiungere la superficie terrestre e poi trattiene l energia restituita dalla Terra, impedendo che si disperda nello spazio. In questo modo rende stabile la temperatura del pianeta. È l effetto serra, un fenomeno naturale e benefico senza il quale la temperatura della Terra sarebbe inferiore di circa 15 C. L industrializzazione, che pure è stata una componente vitale del progresso umano, ha portato a uno squilibrio del sistema. Per far funzionare le macchine si bruciano combustibili fossili (carbone, petrolio e gas naturale) che ogni anno riversano nell atmosfera tra i cinque e i sei miliardi di tonnellate di carbonio. Si prevede che entro il 2080 i livelli di carbonio nell atmosfera raddoppieranno rispetto a quelli preindustriali. Accanto a ciò, continua il taglio delle foreste, con la conseguente diminuzione della capacità della Terra di assorbire carbonio. Ecco allora che l eccessivo accumulo di anidride nell atmosfera imbriglia quantità eccessive di calore, provocando così l innalzamento della temperatura del pianeta. Adattato da G. Dynyar, I cambiamenti climatici, Carocci Immagine da satellite di un fiordo delle isole Svalbard, modellato dall azione dei ghiacci. Le immagini satellitari mostrano come nel corso del tempo i ghiacci perenni stiano arretrando, a causa dell aumento della temperatura globale. 4

6 1. Confronta i grafici Osserva i due grafici. Essi sono in stretto rapporto tra loro. Aiutandoti anche con le informazione fornite dal testo, scrivi un commento che illustri tale rapporto. Concentrazione atmosferica di anidride carbonica ( ) Parti per milione Anni Variazioni di temperatura nell emisfero settentrionale dall anno Variazioni di temperatura Anni

7 I cambiamenti del clima 2 Le possibili conseguenze Sono numerose le aree del mondo colpite dalle conseguenze dell aumento della temperatura. Nell Europa settentrionale, per esempio, sono aumentate fortemente le precipitazioni a causa della maggior quantità di vapore acqueo presente in un atmosfera più calda. Per contro, molte aree sono più frequentemente colpite dalla siccità; ciò si è già verificato nell Europa mediterranea e in modo più drammatico in vaste aree del continente africano. Sempre in Africa, negli ultimi 20 anni è scomparso il 33% dei ghiacci del Kilimangiaro e nel continente americano si stanno ritirando velocemente le nevi e i ghiacciai sulle Ande peruviane; nell Artico è diminuito lo spessore del ghiaccio marino. 2 LEGGERE UN TESTO INFORMATIVO Un problema planetario L aumento della temperatura compromette l equilibrio di molti sistemi fisici e biologici. Nel testo che segue ne vengono illustrati alcuni. Acqua. I cambiamenti climatici ridurranno ulteriormente l accesso a un acqua potabile sicura. L acqua proveniente dallo scioglimento dei ghiacci oggi soddisfa il fabbisogno di più di un miliardo di persone. Se a causa dell innalzamento della temperatura molti ghiacciai si scioglieranno sempre più cessando la loro esistenza, quest acqua non sarà più disponibile. Le popolazioni che dipendono da questa risorsa potrebbero quindi essere costrette a migrare verso altre regioni del pianeta, provocando sconvolgimenti e insicurezza a livello locale o mondiale. Aumenteranno probabilmente anche le zone colpite da siccità. Ecosistemi (1) e biodiversità (2). Dal 20 al 30% delle specie animali e vegetali esaminate finora potrebbe vedere aumentare il rischio di estinzione se la temperatura media mondiale aumentasse di più di 1,5-2,5 C. Verrebbe a incrementarsi il fenomeno della desertificazione, cioè dell avanzata delle zone desertiche a danno delle aree coltivabili. Cibo. I cambiamenti climatici dovrebbero far aumentare anche il rischio di carestie. Coste. L innalzamento del livello dei mari, risultato dello scioglimento dei ghiacci polari per l aumento della temperatura, metterà in pericolo il delta del Nilo, del Gange e del Mekong. Entro il 2050 più di un milione di persone in ognuna di queste regioni potrebbe essere costretto ad abbandonare il territorio. I piccoli stati insulari sono già colpiti da questo fenomeno. Salute. Il mutamento del clima avrà effetti diretti e indiretti sulla salute umana e animale. Tra i rischi principali da valutare vi sono gli effetti di fenomeni meteorologici estremi e l aumento delle malattie infettive. Le malattie sensibili al clima sono tra quelle che mietono il maggior numero di vittime in tutto il mondo: la diarrea, la malaria e la malnutrizione da carenza di proteine hanno causato, da sole, più di 3,3 milioni di morti in tutto il mondo nel 2002, di cui il 29% concentrato in Africa. Riduzione e adattamento da Commissione Europea, L adattamento ai cambiamenti climatici - Libro verde (1) L ecosistema è un insieme di elementi che occupano un determinato spazio e si influenzano tra loro. Gli ecosistemi della Terra, di cui si parla qui, sono costituiti di elementi non viventi (gas, rocce...) e viventi (animali, compreso l uomo, piante...). (2) Si intende per biodiversità la grande varietà di forme di vita sulla Terra. 6

8 2. Leggi le immagini Queste immagini si riferiscono ad alcuni fenomeni di cui parla il testo precedente. Di quali fenomeni si tratta? Spiegalo scrivendo vicino a ognuna di esse una breve didascalia. 7

9 I cambiamenti del clima 3 A un problema planetario servirebbe una risposta planetaria Davanti all emergenza climatica, l unica risposta possibile deve vedere l azione congiunta di tutti i paesi a livello mondiale. Un rapporto dell Ipcc prevede che, se non si interverrà in modo efficace, da qui al 2100 ci sarà un ulteriore aumento della temperatura e anche la velocità di riscaldamento aumenterà rispetto a quella del XX secolo. 3 LEGGERE ARTICOLI DI GIORNALI Dal protocollo di Kyoto alla Conferenza mondiale sul clima di Copenaghen Nel dicembre 1997 nella città giapponese di Kyoto decine di paesi industrializzati stipulano un accordo (Protocollo di Kyoto) per la riduzione dei gas ad effetto serra. Gli articoli seguenti sono degli aggiornamenti sull azione internazionale a salvaguardia del clima. 15 febbraio 2005: il protocollo di Kyoto diventa legge La rivoluzione è attesa per la mezzanotte di domani. Mercoledì entrerà in vigore il protocollo di Kyoto e, almeno nelle intenzioni, sarà un cambiamento globale. I governi di 141 stati hanno firmato per salvare la Terra. L Unione europea, la Russia, il Giappone, tutti hanno ratificato il protocollo. Meno gli Stati Uniti. L Italia dovrà ridurre le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai livelli del Adattato da «la Repubblica», 14 febbraio 2005 Settembre 2009: il vertice Onu sul clima Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki- Moon, ha rimproverato la comunità internazionale per la «lentezza glaciale» dei negoziati verso un nuovo trattato che sostituisca il protocollo di Kyoto nel Il nuovo trattato deve includere «obiettivi per la riduzione di emissioni di gas serra entro il 2020 e supporto finanziario e tecnologico» ai paesi in via di sviluppo. Il cambiamento climatico colpisce soprattutto i paesi meno sviluppati e in particolare l Africa, dove «minaccia di cancellare anni di sviluppo, destabilizzando stati e rovesciando governi». Il presidente cinese Hu Jintao ha detto che il paese intende ridurre le emissioni di anidride carbonica di un «margine notevole» entro il 2020; ha parlato di un importante aumento della superficie boschiva, di tecnologie ecosostenibili (1) e di un aumento del 15% della quota di energia non fossile nel totale del consumo grazie a uno «sviluppo vigoroso» delle energie rinnovabili e del nucleare. Il primo ministro giapponese Yukio Hatoyama ha ricordato che il suo paese intende ridurre del 25% le emissioni di gas serra entro il Adattato da «Corriere della Sera», 22 settembre 2009 Ottobre 2009: secondo l Onu sono in rialzo le emissioni di CO 2 L Agenzia delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici ha reso noto che nel 2007 le emissioni di CO 2 nei paesi industrializzati sono cresciute dell 1%. Il 2008 è il settimo anno consecutivo con emissioni in crescita nei 40 Paesi industrializzati e questo nonostante che i paesi dell Unione Europea abbiano tagliato le loro emissioni in media dell 1,6% all anno, con in testa la Danimarca a 6,1%. Ma gli Usa, il Paese che emette più gas serra insieme alla Cina, hanno spinto il dato globale verso l alto con un aumento delle loro emissioni dell 1,4%; emissioni in rialzo anche in Giappone, Canada e Australia. Fonte Onu (1) Tecnologie il cui utilizzo non provochi danni all ambiente. Sono tecnologie ecosostenibili, per esempio, quelle con basso livello di emissioni di gas serra o a emissioni zero. 8

10 3. Lavora sui testi Indica, accanto a ogni data citata nei testi presentati, l informazione a essa relativa. Alla fine del tuo lavoro, rileggendo tutto di seguito dovresti essere riuscito a ricostruire il quadro sintetico degli accordi e degli obiettivi definiti a livello internazionale a proposito del clima Settembre LEGGERE UN ARTICOLO DI GIORNALE E intanto l Africa chiede i danni ai paesi ricchi Nel seguente articolo i leader africani motivano la loro posizione sul tema dell inquinamento. Nel forum annuale di Stoccolma tra Europa e Africa nel quale i delegati di 125 paesi si confrontano sulle politiche di cooperazione, i leader africani stanno cercando una posizione comune. Non vogliono più che il loro continente, storicamente depredato dalle materie prime di cui sono avidi i paesi ricchi, venga ancora considerato una cenerentola, la latrina del mondo. L Africa ha già formulato la sua richiesta di risarcimento per i danni causati dall inquinamento diretto e indiretto causato dai paesi ricchi: 46 miliardi di euro l anno per 10 anni, fino al Totale: 460 miliardi di euro. «L Africa dice il ministro dell Ambiente del Burkina, Salifou Sawadog è la vittima dell inquinamento causato dai paesi ricchi, anche se contribuisce in misura minima all inquinamento del pianeta ed emette meno del 4% dei gas serra». L Unione africana ha creato una commissione apposita con delegati di dieci paesi per coordinare tutte le richieste. A capo della commissione siede il primo ministro dell Etiopia, Meles Zenawi. E Zenawi ha già minacciato una uscita dei delegati africani dai successivi tavoli delle trattative per un nuovo trattato sul clima se le richieste di risarcimento non verranno tenute in considerazione. 4. Rifletti sul testo 1. Nel testo si parla di inquinamento diretto e inquinamento indiretto; prova, insieme ai tuoi compagni, a spiegare il significato di queste espressioni. 2. Quali sono secondo te i danni ambientali subiti dall Africa a causa dell inquinamento provocato dai paesi ricchi? Per rispondere rileggi i testi presentati anche nelle pagine precedenti. 3. «L Africa contribuisce in misura minima all'inquinamento del pianeta ed emette meno del 4% dei gas serra». Perché? Spiega questa affermazione. Adattato da «Il Sole-24 Ore», 24 ottobre

11 I cambiamenti del clima Mettiamoci al lavoro Rimetti in ordine le idee Nelle pagine precedenti ti abbiamo fornito informazioni e proposto spunti di riflessione. Ora rimetti in ordine le idee sul tema affrontato. Per farlo costruisci uno schema che riassuma il percorso: riempi le caselle e stabilisci delle relazioni fra esse. SEGNI DEL FENOMENO CAUSE FENOMENO CONSEGUENZE POSSIBILI SOLUZIONI 2. Discuti su un tema Le emissioni di CO 2 sono oggi imputabili anche a paesi emergenti che si affacciano ora all industrializzazione (la Cina soprattutto, ma anche l India). Anche a essi si chiede di dare un contributo alla soluzione del riscaldamento del pianeta, ma non sono stati loro a determinarlo. Prova a vedere che cosa dice in proposito in un intervista B. Lomborg, uno studioso che si è interessato molto alla questione climatica. Discutine poi insieme ai tuoi compagni e all insegnante. Intervistatore: Secondo lei si può lavorare insieme ai paesi in via di sviluppo, facendo, per esempio, il seguente discorso? «Guardate, noi abbiamo commesso un grosso errore non costruendo (per fare un esempio) più ferrovie o migliori sistemi di trasporto pubblico. Progredendo, voi potrete raggiungere il nostro stile di vita, ma non diventate esattamente come noi». E dunque aiutarli a sviluppare uno stile di vita e un sistema di infrastrutture validi e sostenibili? Lomborg: Una cosa che secondo me è molto importante è non dimenticarsi che i combustibili fossili in questo momento stanno aiutando miliardi di persone in particolare in India e in Cina a raggiungere un tenore di vita che era inimmaginabile per i loro genitori. L industria, che fa affidamento prevalentemente sui poco costosi combustibili fossili, sta facendo uscire miliardi di persone dalla povertà. Io ritengo, nell ottica di individuare una risposta sostenibile al riscaldamento globale, che sia necessario riconoscere questo aspetto prima di ragionare sul modo migliore per affrancarci, a livello globale, dalla nostra dipendenza dai combustibili fossili. Non riusciremo mai a convincere queste persone appena uscite dalla povertà a pagare molto di più per rinunciare ai combustibili fossili. Dobbiamo invece fare in modo che le tecnologie verdi diventino tanto economiche che tutti saranno disposti a comprarle. da «Il Sole-24 Ore», 13 agosto

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA LA POVERTÀ CONDUCE DIRETTAMENTE AL DEGRADO AMBIENTALE, PERCHÉ I POVERI NON PENSANO AL FUTURO E TAGLIERANNO ANCHE

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo

Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo Stand Up 2009 Gli obiettivi del millennio Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo Caritas Diocesana - Foligno Stand Up 2009 Gli obiettivi del millennio 16/18 ottobre 2009

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La quindicesima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è svolta nel Bella Center di Copenhagen, in Danimarca,

Dettagli

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente Cristiana Viti CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente ENERGIA ED AMBIENTE PROBLEMA ENERGETICO è STRETTAMENTE CORRELATO ALLA TUTELA DELL AMBIENTE perché per produrre energia consumiamo

Dettagli

LA NOSTRA IMPRONTA ECOLOGICA

LA NOSTRA IMPRONTA ECOLOGICA LA NOSTRA IMPRONTA ECOLOGICA CHE COSA E' L'IMPRONTA ECOLOGICA L impronta ecologica INDICATORE è un AGGREGATO E SINTETICO che mette in relazione gli STILI DI VITA di una popolazione con la quantit à di

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010 AMBIENTE E SVILUPPO SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE 12 Novembre 2010 LO STATO DEL PIANETA: I FONDAMENTALI Living Planet Report : documento base Viene pubblicato dal 1998 e, a partire dal 2000, ogni due

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici).

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). IL CAMBIAMENTO CLIMATICO \ INQUINAMENTO DELL'ARIA Ogni anno

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi 195 Paesi, Stati Parte della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti

Dettagli

La globalizzazione e l economia

La globalizzazione e l economia La globalizzazione e l economia La globalizzazione Oggi nel mondo sono scomparse sia le distanze fisiche sia le distanze culturali. La cultura è diventata di massa: ovunque nel mondo abbiamo stili di vita

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo Energia e ambiente: sviluppo sostenibile Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo La quantità di energia consumata dipende dal grado di sviluppo dell economia Tempo:

Dettagli

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Ing. Manlio Palmarocchi STES SONO ANNI CHE STES, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI E DEI RISULTATI CHE ARRIVANO DALL ONU ATTRAVERSO L IPCC, UNO

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME PIANO 20 20 20 Si tratta dell insieme delle MISURE pensate dalla UE per il periodo successivo al termine del Protocollo

Dettagli

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio J.H. C. Classe I B Virgilio C.G. Classe V B Virgilio Classe V A Virgilio Il suolo è uno dei beni più preziosi dell umanità. Consente la vita dei vegetali, degli animali e dell uomo sulla superficie della

Dettagli

2 INCONTRO DI FORMAZIONE

2 INCONTRO DI FORMAZIONE 2 INCONTRO DI FORMAZIONE Insegnanti della Scuola Secondaria 2 ore Temi trattati: L impatto ambientale dei rifiuti, cosa serve la raccolta differenziata e come ridurre l emissioni di CO2 in atmosfera PRESENTAZIONE

Dettagli

PIANO ISS INSEGNARE SCIENZE SPERIMENTALI 4 PRESIDIO TERRITORIALE- BR

PIANO ISS INSEGNARE SCIENZE SPERIMENTALI 4 PRESIDIO TERRITORIALE- BR PIANO ISS INSEGNARE SCIENZE SPERIMENTALI 4 PRESIDIO TERRITORIALE- BR Tema: La combustione Attività: Combustione e... dintorni Istituto Tecnico Commerciale Statale G:Calò Francavilla Fontana (BR) www.itccalo.it

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE

INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE Il progetto FIERA-EXPO ECOAPPENNINO Stefano Semenzato Direttore progetto CISA INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE venerdi-sabato-domenica 28-29-30 settembre 2007 Porretta Terme prima fiera-expò delle

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

E poi abbiamo anche visto che le Alpi, per la loro posizione naturale, sono particolarmente colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico.

E poi abbiamo anche visto che le Alpi, per la loro posizione naturale, sono particolarmente colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico. Le Alpi sono ancora lontane da una politica climatica sostenibile, ma una inversione di tendenza è possibile. Andreas Götz Questo era il bilancio della conferenza annuale della CIPRA Le Alpi oltre Kyoto

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

Incontro pubblico su Spreco alimentare e fame nel mondo Martedì 15 dicembre 2009, Aula magna ITC Molari Santarcangelo di Romagna (RN)

Incontro pubblico su Spreco alimentare e fame nel mondo Martedì 15 dicembre 2009, Aula magna ITC Molari Santarcangelo di Romagna (RN) onlus Rimini Incontro pubblico su Spreco alimentare e fame nel mondo Martedì 15 dicembre 2009, Aula magna ITC Molari Santarcangelo di Romagna (RN) I problemi agricoli e alimentari del Terzo Mondo come

Dettagli

QUESTIONARIO. Progetto HOPEurope Speranza Europa

QUESTIONARIO. Progetto HOPEurope Speranza Europa QUESTIONARIO Progetto HOPEurope Speranza Europa Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Scuole ed enti d'istruzione e formazione superiore Liguria 2014

Dettagli

Gamberame Nord Vaiano, Prato

Gamberame Nord Vaiano, Prato Gamberame Nord Vaiano, Prato NON FAR SCORRERE L ACQUA INUTILMENTE L IMPIANTO IDROELETTRICO DI GAMBERAME E IL SUO GIARDINO DELLE RINNOVABILI Roberto Gualtieri - presidente di H2E srl In questi periodi dove

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41 "COP18" A Doha la conferenza dell'onu sul cambiamento climatico 17mila partecipanti e 194 nazioni per cercare un nuovo "accordo globale sul clima". Ma è polemica per la scelta del Qatar, il paese che detiene

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Acqua come risorsa preziosa

Acqua come risorsa preziosa Acqua Lezione introduttiva 1 Risultati attesi di apprendimento Sapere che solo una piccola percentuale dell acqua nel mondo è costituita da acqua dolce accessibile. Sapere che la disponibilità di acqua

Dettagli

L Amministrazione comunale

L Amministrazione comunale L Amministrazione comunale ha adottato, negli anni decorsi, una pluralità di iniziative di tutela ambientale da realizzare nel territorio del Comune di Castelgrande, iniziative che si muovono lungo il

Dettagli

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Giuseppe Garcea Ufficio Controllo e Certificazione di Prodotto CCPB srl E mail: ggarcea@ccpb.it Fiera SANA 2013 Etimologia dei termini Sostenibilità:

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

DAL RISCALDAMENTO GLOBALE ALLE FONTI RINNOVABILI.

DAL RISCALDAMENTO GLOBALE ALLE FONTI RINNOVABILI. RISCALDAMENTOGLOBALEAUMENTOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOSSILINONRINNOABILIFONTIRINNOABILI RISCALDAMENTOGLOBALEAUMEN TOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOSSILINONRINNOABILIFONTIRINNOABILIRISCALDAMENTOGLOBALEAUMENTOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOS

Dettagli

Fermiamo la STRAGE SILENZIOSA

Fermiamo la STRAGE SILENZIOSA Fermiamo la STRAGE SILENZIOSA 2 miliardi e 400 milioni di persone (il 40% della POPOLAZIONE Ogni anno la malaria colpisce da 300 a 500 milioni di persone ed è endemica in oltre 100 paesi. OGNI ANNO MUOIONO

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce

Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce EMERGENZA ACQUA Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce Le società umane si sono sviluppate laddove c era disponibilità d acqua. Le prime civiltà furono, infatti, civiltà fluviali. Il Nilo, il

Dettagli

Energoclub nel proprio sito mette a disposizione ulteriori informazioni in proposito:

Energoclub nel proprio sito mette a disposizione ulteriori informazioni in proposito: "L energia consumata per il riscaldamento e per l acqua calda sanitaria nell edilizia residenziale, rappresenta circa il 15% dei consumi energetici nazionali". ENEA (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie,

Dettagli

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO ORGANISMO GENETICAMENTE MODIFICATO PRO CONTRO LA FAME NEL MONDO Il maggior utilizzo degli Ogm consentirà una maggiore produttività dei raccolti, garantendo cibo in abbondanza anche ai paesi più arretrati

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030 IP/3/661 Bruxelles, 12 maggio 23 Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 23 Nel 23 il consumo mondiale di energia risulterà raddoppiato; tra le

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A Scuola Media Seghetti Figlie del sacro Cuore di Gesù Piazza Cittadella, 10 VERONA PROGRAMMA D ESAME E Classe III A ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Prof.ssa Ruffo Laura DIRITTI UMANI E VIOLAZIONI, LIBERTÀ, FORME

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Paesaggio Capire che cos è la geografia e di che cosa si occupa. Saper distinguere tra geografia fisica e umana. Capire il mondo in cui viviamo attraverso le

Dettagli

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi Prospettive energetiche Oggi e Domani DA DOVE ARRIVA L ENERGIA? L energia si può ottenere

Dettagli

EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITÀ E SULL AGROECOSISTEMA BOSCHI-BRIANTI-MELEGA CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITA Molti studi affermano che i cambiamenti climatici

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Anno 2004. Recensioni

Anno 2004. Recensioni Anno 2004 Recensioni AI CONSUMATORI PIACE L ENERGIA SOLARE 3 marzo lancio di agenzia I consumatori italiani credono nell energia solare, la considerano la principale fonte di energia pulita. È quanto emerge

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

Il contributo dell Agenzia Spaziale Europea (ESA) per la difesa dei Continenti Polari

Il contributo dell Agenzia Spaziale Europea (ESA) per la difesa dei Continenti Polari FOCUS ECOLOGIA E TECNOLOGIA Verso la conclusione del IV Anno Polare Internazionale Il contributo dell Agenzia Spaziale Europea (ESA) per la difesa dei Continenti Polari Hi-tech aerospaziale europeo per

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

di Edo Ronchi Roma,4 dicembre 2009

di Edo Ronchi Roma,4 dicembre 2009 Per la conferenza di Copenhagen -I dati dell insuccesso del Protocollo di Kyoto -Il peso delle emissioni della Cina e dei 20 principali Paesi emettitori - Il temporaneo impatto della crisi economica -La

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

José Graziano da Silva. della

José Graziano da Silva. della 1 9 4 5 Se tutti facciamo la nostra parte, insieme possiamo realizzare l obiettivo fame zero nell arco della nostra vita José Graziano da Silva Direttore Generale della FAO A N N I della 2 0 1 5 i Nostri

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

L energia. Pre-ascolto. sprecare l energia è stupido perché... 1. Osservate e descrivete l immagine.

L energia. Pre-ascolto. sprecare l energia è stupido perché... 1. Osservate e descrivete l immagine. L energia L energia 08 Pre-ascolto 1. Osservate e descrivete l immagine. (campagna promossa dal WWF Italia nell ambito di Generazione Clima, luglio 2007) 2. Completate per iscritto il messaggio contenuto

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

Ambasciatori. Rappresentano gli interessi di un area geografica. Russia Medio Oriente. Cina Sud-Est Asiatico. Nord America Fabbisogno energetico

Ambasciatori. Rappresentano gli interessi di un area geografica. Russia Medio Oriente. Cina Sud-Est Asiatico. Nord America Fabbisogno energetico Ambasciatori gli interessi di un area geografica Russia Medio Oriente Economia basata sul petrolio e sul gas naturale Cina Sud-Est Asiatico carbone, economia in forte crescita Nord America grande nazione,

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

-La crisi della diversità

-La crisi della diversità -La crisi della diversità La diversità culturale e la diversità biologica sono legati strettamente. Ovunque le comunità locali hanno sviluppato il proprio sapere, hanno trovato il modo di ricavare i mezzi

Dettagli

Sadava, Heller, Orians, Purves, Hillis Biologia.blu Ambiente e sostenibilità

Sadava, Heller, Orians, Purves, Hillis Biologia.blu Ambiente e sostenibilità Sadava, Heller, Orians, Purves, Hillis Biologia.blu Ambiente e sostenibilità VERIFICA LE TUE COMPETENZE - PROVE PISA Leggi attentamente il testo e rispondi alle domande che seguono. Le domande sono divise

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

La Storia della Vita sulla Terra

La Storia della Vita sulla Terra Le Ere Geologiche La Terra, secondo gli scienziati, ha circa 4,5 miliardi di anni e la vita sul pianeta è iniziata circa 3,5 miliardi di anni fa! La Storia della Vita sulla Terra La Storia della Vita sulla

Dettagli

Per o contro la Cooperazione allo. Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo

Per o contro la Cooperazione allo. Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo Per o contro la Cooperazione allo sviluppo? Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo L aiuto è inefficace e costoso! (per il continente africano) Negli ultimi cinquanta anni i Paesi

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Secondo Forum Rifiuti Ricerca Lorien Intervento di Antonio Valente

Secondo Forum Rifiuti Ricerca Lorien Intervento di Antonio Valente Roma, 8 Ottobre 2015 Secondo Forum Rifiuti Ricerca Lorien Intervento di Antonio Valente Il sentiment degli italiani e i temi ambientali Italiani preoccupati per disoccupazione e immigrazione, sempre meno

Dettagli

Un progetto di rivitalizzazione

Un progetto di rivitalizzazione MARE MORTO Un progetto di rivitalizzazione Nel dicembre scorso, la Giordania e Israele hanno firmato una convenzione che riguarda la realizzazione di un progetto sponsorizzato dalla Banca Mondiale che

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Sa chi è il partner migliore e socio fidato della sua attività? LA NATURA

Sa chi è il partner migliore e socio fidato della sua attività? LA NATURA Sa chi è il partner migliore e socio fidato della sua attività? LA NATURA La nostra Azienda crede fortemente nell affinità che l essere umano ha con essa e come lei abbiamo un partner unico e fidato come

Dettagli

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che negli anni passati?

Dettagli

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO B5 queste schede ti aiuteranno a scoprire quanto sia utile autointerrogarsi e autovalutarsi potrai renderti conto di quanto sia utile porsi domande per verificare la propria preparazione se ti eserciterai

Dettagli

Perché sprecare se...

Perché sprecare se... Perché sprecare se... Emergenza acqua Dal ciclo dell'acqua dipendono sia le condizioni climatiche e ambientali, sia i processi di fotosintesi e respirazione, che rendono possibile la vita sul nostro pianeta.

Dettagli

Esperienza della Rete delle Scuole di Spoleto per Educarsi al Futuro

Esperienza della Rete delle Scuole di Spoleto per Educarsi al Futuro Esperienza della Rete delle Scuole di Spoleto per Educarsi al Futuro Seminario ENIS Italia 5-6-7 aprile 2006, Villa Lucidi Monte Porzio Catone (Roma) Maria Blasini Giovanni Andreani Scuola ENIS Dante Alighieri

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013 - Conferenza stampa

Roma, 15 febbraio 2013 - Conferenza stampa Roma, 15 febbraio 2013 - Conferenza stampa v Secondo la stima della Fondazione, le emissioni dirette di gas serra in Italia nel 2012 sono pari a 465/470 MtCO2eq, 20 MtCO2eq in meno rispetto al 2011. v

Dettagli