Appunti di Storia della Pediatria Relatore Carlo Montinaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti di Storia della Pediatria Relatore Carlo Montinaro"

Transcript

1 Appunti di Storia della Pediatria Relatore Carlo Montinaro PERIODI DELL ETA CLASSICA ARCAICO o prescientifico Domina la medicina teurgica Da Apollo ad Asclepio ELLENICO Da Alcmeone a Ippocrate, nel quale vengono gettate le basi della filosofia e della scienza ELLENISTICO Risponde all ellenizzazione di tutto il mondo orientale in seguito alla conquista macedone. Culmina con la fiorente cultura alessandrina dei Tolomei (Tolomeo Soter e Tolomeo Filadelfo) successori di Alessandro Magno. PERIODO ROMANO La grecità, dominata dallo spirito latino vigoroso e organizzativo che trova la sua espressione nella PAX e nella LEX romane, permea di sé tutto l impero. (Grecia capta, ferum victorem coepit. Orazio). La medicina diventa un fatto sociale insieme all igiene. Domina la figura di Galeno. PERIODO DEI COMMENTATORI O DELLA DECADENZA Non vi sono medici di grande rilievo, non compaiono opere originali. Solo compilatori e commentatori Dissoltosi l Impero Romano la cultura trova le sue nuove sedi nella cultura bizantina di Costantinopoli e nella cultura araba (Rhazes e Avicenna) Dal Medio Evo della civiltà occidentale emerge la figura di S.Benedetto che promuove i primi tentativi di assistenza agli infermi nelle infermerie dei monasteri. A Montecassino arriva Costantino Africano ( XI sec.) che dall oriente Porta molti libri di medicina scritti in arabo. Nasce la Scuola Salernitana, la prima scuola medica dell Occidente. PERIODO ARCAICO O PRESCIENTIFICO ANALISI DEI DIVERSI PERIODI Apollo, dio iniziatore dell arte sanitaria Artemide, dea della maternità e protettrice dei bambini Persefone, dea della prolificità Ilitia, protettrice delle partorienti Da Apollo e Coronoide nasce Asclepio Asclepio allievo del centauro Chirone, discepolo di Apollo. 1

2 Dai discepoli di Asclepio nacque una casta ( degli Asclepiadi ), alla quale era devoluto l esercizio della medicina e il suo insegnamento. Podalirio e Macaone figli di Asclepio medici sotto le mura di Troia. Sorgono templi ad Asclepio (asclepiei) a partire dal V sec a.c. a Epidauro, Cirene, Coo, Cnido, Pergamo, Atene. Medicina teurgica e termale nello stesso tempo Il ruolo dei sacerdoti di Asclepio Questa venne al dio per figlioli. Dormendo ebbe una visione. Le sembrava che nel sonno un serpente le strisciasse sul ventre e, dopo ciò, le nacquero cinque figli. Aristomide di Ceo. L ALBA DELLA SCIENZA I PERIODEUTI, medici laici che esercitavano l arte fuori dal contesto teurgico, andando di casa in casa (Democede di Crotone). Da loro nascono i primi impulsi alla medicina come scienza biologica PERIODO ELLENICO Dal VII al V secolo i filosofi presocratici (Talete,Anassimandro, Anassimene, Eraclito, Pitagora) si pongono interrogativi sulla quiddità della materia. Questi filosofi decretarono la nascita del pensiero biologico, liberandolo, attraverso l osservazione dei fenomeni naturali, dallo stallo dell interpretazione teurgico-sacrale. Crotone, culla del pensiero biologico, scuola medica ispirata ad un principio di positivismo scientifico, attiva già prima di Pitagora. Alcmeone, principale esponente della medicina pre-ippocratica ( n. nel 560 a.c. a Crotone ) La sua teoria sulla formazione dell embrione: a) Il seme fecondato è stato emanato dal cervello. b) Nell embrione il primo a formarsi è il capo, perché in esso ha sede il principio direttivo di tutto l organismo. c) La nutrizione del feto avviene in tutta la superficie del corpo, assorbendo essa come una spugna il materiale nutritivo. d) Il sesso del nascituro corrisponde al genitore che nella fecondazione ha dato maggiore quantità di seme. Pitagora ( ), fondatore della scuola di Crotone. Elaborò la teoria umorale ACQUA, TERRA, ARIA, FUOCO, sono gli elementi componenti della natura. UMIDO, SECCO, FREDDO, CALDO, sono le qualità di questi elementi. Dalla proporzione di questi elementi è determinato il temperamento dell uomo, le sue qualità mentali, il suo stato di salute. La teoria pitagorica dominò la medicina dall anno 500 a.c. fino al 1858, quando venne sconfessata da Virchow. Empedocle di Agrigento ( a.c.). Scoprì il labirinto dell orecchio interno. Si occupò di embriologia, studiò la respirazione fetale: Il feto è inviluppato in una membrana. Prima si forma il cuore, poi le unghie, infine le altre parti. La respirazione non comincia fino al momento della nascita, quando i liquidi intorno al feto vengono espulsi. 2

3 Cercò di capire il perché dei parti mostruosi, dei parti gemellari, della somiglianza dei figli con i genitori, della durata della gravidanza. Egli anticipò la teoria dell evoluzionismo che non ebbe seguito per l opposizione di Aristotele. Pitagora ed Empedocle, tra i presocratici che si occupano della composizione della materia nel cosmo, sono gli unici ad estendere all uomo le considerazioni fatte per la materia cosmica, perciò vanno considerati gli iniziatori della scienza della vita, cioè della biologia. Solo più avanti si comincerà a studiare la vita nella sua espressione di malattia e nascerà la medicina razionale, che soppianterà quella teurgico- sacrale. Gorgia Siciliano fu allievo di Empedocle, e a sua volta fu maestro di Ippocrate. Knido e Kos, sono le due famose scuole di medicina che fiorirono nel V sec. A.C. Un altra scuola medica famosa fu quella di Cirene La medicina di Cnido come medicina d organo La medicina di Kos come medicina olistica Ippocrate ( Kos 460-Larissa 377 a.c. ) Fondatore della medicina in ambito storico scientifico I quattro elementi di Ippocrate ( sangue, flemma, bile gialla, bile nera ) Umoralismo ippocratico ( lo stato di salute- malattia dipende dal perfetto equilibrio dei quattro elementi ( Empedocle: aria, acqua, terra, fuoco, come costituenti del Cosmo ) Eucrasia-discrasia. Curare la malattia come un fattore generale che investe tutto l organismo Medicina olistica Superamento del soprannaturale OPERE DE MORBIS: Lombricus rotundus (ascaride), Lombricus latus (tenia) Ignora gli Ossiuri. DELLE EPIDEMIE: Parotite DELLA DENTIZIONE: dentizione, nutrizione, ulcere tonsillari del bambino I bambini che durante la dentizione hanno numerose scariche alvine sono meno soggetti alle convulsioni di quelli che vanno poco del ventre. I bambini che durante l eruzione dei denti sono colpiti da febbre acuta sono meno soggetti alle convulsioni. I bambini grassi non succhiano il latte in proporzione della loro grassezza. I bambini voraci e che succhiano molto latte, non ingrassano in proporzione. Le ulcere alle tonsille senza febbre sono meno inquietanti. Le ulcere che si propagano alle tonsille cambiano la voce a coloro che ne sono colpiti Il libro della generazione del bambino o De natura pueri (genetica) Del feto di sette mesi, Del feto di otto mesi (neonatologia ) Gli aforismi, opera autentica di Ippocrate, con molti riferimenti ai disturbi della nutrizione e sulla dieta nell infanzia (una delle più preziose essenze del sapere medico antico). Il male sacro 3

4 Ippocrate ne nega l origine divina, attribuendolo a cause naturali come l ereditarietà e la discrasia e chiama ciarlatani, impostori e stregoni coloro che lo affermano. La generazione: gli individui vengono generati dall incontro del seme paterno e materno che provengono da tutte le parti del corpo e confluiscono nelle parti genitali durante l amplesso. Il seme maschile è più forte di quello feminile. Il clima, influisce sul patrimonio ereditario Il giuramento Vis medicatrix naturae La medicina è l arte di imitare, di secondare e non di disturbare i procedimenti della natura medicatrice. IL CORPUS IPPOCRATICUM Studenti di entrambe le scuole di Cnido e di Kos contribuirono alla stesura del Corpus Ippocraticum, che è un antologia di scritti di diversi autori la cui paternità fu tradizionalmente attribuita a Ippocrate. Secondo le tesi moderne più accreditate il Corpus sarebbe stato assemblato nella biblioteca di Alessandria, all inizio del III sec. a.c. Il Corpus Ippocraticum è la dichiarazione di indipendenza della medicina. Scopo del medico ippocratico è quello di superare l empirismo, cioè la semplice osservazione dei fenomeni, per andare alla radice del male. I Greci ci hanno passato il concetto di causa-effetto, ponendo così le basi fondamentali della scienza. Ogni insieme di sintomi ha una causa o più cause e la terapia deve mirare a correggere queste cause e le loro conseguenze. La medicina greca dopo Ippocrate ebbe un momento di decadenza, per la convinzione che tutto ormai fosse stato acquisito (Scuola dogmatica ) ARISTOTELE ( a.c. ) Il principio attivo risiede nel seme del maschio che si mescola col sangue mestruale della femmina, che agisce come materia inerte e passiva. Secondo questa dottrina il seme era costituito dalla migliore parte del sangue e conteneva in potenza i caratteri del corpo e della psiche dei generandi. Il sangue, dopo aver subito una nuova digestione, diventa sperma e discende nei testicoli. Dante riprende questo concetto, secondo la filosofia aristotelica dominante nella sua epoca. ancor digesto, scende ov è più bello tacer che dire; e quindi poscia geme sovr altrui sangue in natural vasello. (Dante, Inferno.) Fu contrario all abbandono dei neonati Periodo ellenistico E quello che corrisponde alla ellenizzazione di tutto il mondo medio orientale ad opera della conquista macedone ( Alessandro Magno ) e che culmina colla fondazione della biblioteca di Alessandria, il massimo centro culturale dell antichità. 4

5 La scuola di Alessandria Tolomeo Soter e Tolomeo Filadelfo fondatori della biblioteca. (330 a.c. circa) Demetrio di Apamea, appartiene all età ellenistica e forse alla Scuola di Alessandria. Scrisse un famoso trattato di pediatria, oltre che di ostetricia, di semeiotica e di patologia (opere note solo attraverso Sorano d Efeso e Celio Aureliano ) Demetrio descrive la siriasi, malattia di dubbia interpretazione, ma che aveva sintomi comuni a molte malattie: febbre ardente, meningismo, infossamento del bregma e degli occhi, disidratazione e inappetenza. (Gastroenterite tossica? Colpo di calore?) Periodo romano Nei primi 600 anni dalla fondazione di Roma i Romani ebbero una medicina senza medici nel senso stretto, fatta di riti propiziatori, scongiuri, formule magiche, regole dietetiche, erbe medicinali e la medicina del pater familias, fatta di personale esperienza, cure termali, igiene pubblica (acquedotti, fognature), cura del proprio corpo nella palestra. Catone fu ostile ai medici greci che affluivano a Roma, anche perché i primi ad arrivare erano stregoni e venditori di pozioni. Solo successivamente cominciarono ad arrivare medici pratici. Solo nel I sec. a.c. arrivarono medici di fama. Il primo fu Asclepiade di Prusa, tra l altro contrario alla dottrina umorale degli ippocratici. Altri medici greci famosi furono: Antonio Musa, medico di Augusto, Sorano d Efeso (ostetricia e puericoltura), Areteo di Cappadocia (malattie acute e croniche), Scribonio Largo (farmacologia), Dioscoride di Cilicia (trattato di terapia), cui seguirono nel I sec. d.c. Celso e Plinio romani, e nel II sec. il greco-alessandrinoromano Galeno. Sorano d Efeso Nella sua opera Gynecia sulle malattie delle donne, scrive 23 capitoli dedicati al bambino dopo la nascita, dove dà consigli sull allevamento e la nutrizione del bambino fino allo svezzamento. Egli raccomanda la doppia legatura del cordone ombelicale e prescrive le prime cure per il neonato: la pulizia degli occhi e della bocca con l olio, la tecnica della fasciatura: Fasciare separatamente le gambe per evitare le ulcerazioni; mettere tra i calcagni, le ginocchia e i gomiti un panno di lana per evitare l eccessiva pressione delle parti sporgenti e quindi le lesioni da decubito: avvolgere anche il capo con una fascia circolare di panno di lana soffice e pulita. l inizio dell allattamento solo a terzo giorno, perché nei primi due il bambino andrebbe nutrito solo con miele bollito. Sorano continua dando consigli sul modo di procedere per l allattamento, sulla scelta della nutrice (sia greca perché il bambino sia da lei abituato alla migliore delle lingue), sulla docimasia del latte (da provarsi sull unghia). Sorano fu la classica fonte cui attinsero gli autori posteriori fino al Rinascimento Areteo di Cappadocia Descrisse i sintomi dell angina, dalla tonsillite acuta alla difterite. Propose la tracheotomia. Descrisse la sintomatologia acuta, gastroenterica e tossica del Cholera infantum Il cholera è una malattia acutissima nella quale le materie refluiscono da tutto il corpo e sono emesse col vomito e la diarrea ( ) 5

6 Le sue descrizioni dei sintomi sono simili a quadri pittorici, tanto che Puccinotti lo definì il Raffaello della medicina Aulo Gellio (n. a Roma nel 130 d.c.) Autore delle Notti attiche, dove scrive il famoso elogio dell allattamento materno. Dice alla madre della fanciulla che ha appena partorito e che essa vuole che non allatti per non stressarla ulteriormente: O donna ti prego, lascia che costei sia completamente madre di suo figlio! Cos è infatti questo voler andare contro natura? Questo esser madre soltanto a metà e non sino in fondo? Questo creare e subito poi allontanare da sé ciò che si è creato? Aver nutrito nell utero, col proprio sangue, una creatura quando ancora non la si vedeva e non volerla nutrire col proprio latte quando la si vede, quando ormai vive, quando è già creatura umana e implora da chi l ha messo alla luce che compia il suo ufficio di madre? Pensi forse anche tu che madre natura abbia donato alla donna i seni a mò, quasi, di vezzosi nei, non perché con essi allattino i loro figli, ma perché d essi vada ornato il loro petto? ( ). GALENO ( N. 130 d.c.) Greco di nascita, alessandrino di formazione, romano di elezione. Il più grande medico greco dopo Ippocrate. Riassume e coordina tutta la scienza medica dell antichità. L opera sua è immensa. Monoteista, crede che il corpo sia uno strumento dell anima, per questo fu sostenuto dalla Chiesa fino al Rinascimento. Tutte le cose derivano dalle quattro qualità astratte (caldo, freddo, secco, umido) e dalla diversa combinazione di questi elementi nell uomo derivano i quattro temperamenti (collerico, malinconico, sanguigno, flemmatico). Riprende Sorano dando consigli di puericoltura, sull allattamento. Tratta del pianto del bambino, sue cause e rimedi( fame, sete, arrossamenti, dentizione, fasce troppo strette, posizione inadatta etc), elogia la ginnastica, spontanea (del bambino lasciato sciolto dalle fasce) e provocata (dalla nutrice) Tratta in particolare dell epilessia ( De puero epileptico). I fattori causali dell epilessia sarebbero in parte costituzionali (sovrabbondanza di flegma) in parte ambientali (climatici, alimentari, fisici) Egli equipara le ovaie ai testicoli, ignorando quindi che il concepimento deriva dalla fecondazione dell uovo femminile da parte del seme maschile. La terapia galenica si basa sul principio dei contraria contrariis ( curare il freddo col caldo etc.) Nel III-IV sec. il galenismo soppianta completamente tutte le altre scuole di pensiero. GLI ENCICLOPEDISTI LATINI Aulo Cornelio Celso ( I sec. d.c.) Scrisse il De Medicina il solo trattato medico completo che sia stato scritto nella lingua latina. Celso fu il primo ad esprimere il concetto che il bambino non è un uomo in miniatura e che l organismo infantile ha carattere ed esigenze sue particolari. Celso fu un ippocratico. Trattò della dentizione, dei vermi, della epilessia. Propose il taglio del frenulo linguale corto. Fece la prima descrizione dell alopecia areata (area Celsi ) Conclusioni Nell età antica, fino al XVIII sec. la classificazione delle malattie viene fatta sulla base dei sintomi (febbre, tosse, diarrea ) e non su base etiopatogenetica. La terapia è fondata su due elementi fondamentali: 6

7 1) il principio ippocratico della discrasia umorale 2) il benefico intervento della natura nel processo di guarigione (vis medicatix naturae) Dopo la grande opera di Galeno l antica medicina si avvia al declino. LA MEDICINA NEL MEDIO-EVO La medicina e tutta la cultura che proveniva dal mondo greco romano avrebbe seguito, sul finire dell epoca antica, due grandi direttrici provenienti dalla scuola di Alessandria d Egitto, l unica dove veniva coltivata la medicina su basi sistematiche: 1) quella bizantina, cui va collegata quella latina dei territori bizantini di Ravenna; 2) quella siriaco-araba Medicina bizantina I dotti greci di Costantinopoli furono i soli continuatori della tradizione culturale classica ed ellenistica e la trasmisero in Oriente e in Occidente. Il passaggio della medicina ellenistica a quella bizantina è segnato dall attività di ORIBASIO ( ), autore di quel grande Corpus della Medicina che prese il nome di Sinagoghè, che comprendeva tutto lo scibile da Ippocrate a Galeno con pregevoli nozioni di pediatri e puericoltura prese quasi intergralmente da Ippocrate, Sorano e Galeno Ezio di Amida ( V-VI sec ),della scuola di Alessandria, scrisse un trattato in 16 libri( Tetrabiblion ) con un trattatello dedicato alle malattie dei bambini ( febbri e difterite ), preso dai classici, ma pieno di superstizione e formule magiche. Alessandro di Tralles ( ) Scrisse un trattato di medicina in 12 libri nei quali fuse i concetti dottrinali dei suoi predecessori con i frutti della sua lunga esperienza pratica, acquisita al letto dei malati. (disturbi degli occhi, febbre e vermi intestinali). Paolo di Egina ( ) Fatto prigioniero dagli Arabi ad Alessandria vi restò influenzando colla sua opera e i suoi scritti la medicina araba. Scrisse un trattato di medicina in sette libri più due perduti, che è una rielaborazione degli scrittori precedenti. Fu tradotto dagli Arabi e fu molto seguito nel Rinascimento. Descrisse la tracheotomia, ma si occupò più strettamente di pediatria trattando della dentizione, delle convulsioni,delle afte, della stipsi. Aronne, coevo di Paolo di Egina, descrisse il vaiolo nel suo compendio di medicina MEDICINA SIRIACO-ARABA La civiltà araba domina il pensiero scientifico dal Medio-evo per quasi sei secoli. Itinerario storico Nestorio e seguaci, condannati per eresia dal Concilio di Efeso, nel V secolo si ritirano nella Mesopotamia, in Siria e Persia portando con sé i vecchi testi da Costantinopoli ediffondendo lo studio della lingua e della cultura greche. Nell VIII secolo avvenne la trasfusione della cultura medica classica nell Oriente islamizzato ad opera dei dotti medici cristiani ed ebrei. Il primo siriano che scrisse in arabo fu Mesuè il vecchio, di Damasco, medico a Bagdad, noto in Occidente col nome di Giovanni Damasceno, il più illustre dei traduttori fu Humain Ibn Ishaq ( IX sec.), detto da noi Giovannizio. 7

8 RHAZES (IX-X sec.) Persiano. Practica puerorum Prima monografia dedicata esclusivamente alle malattie dell infanzia. Fece testo per 4 secoli e servì da modello fino al nostro Rinascimento. De variolis et morbillis (opera originale ) Primo studio clinico sulle malattie esantematiche. La varicella era considerata una manifestazione attenuata del vaiolo. Nel quadro nosologico del morbillo era incluse rosolia e scarlattina. AVICENNA ( X-XI SEC.) Turkestan Definito il più vasto organizzatore della scienza che sia apparso nell Islam. Il Canone è una poderosa compilazione elaborata sui testi dell antica sapienza greca. Dominò per 5 secoli l insegnamento e la pratica della medicina in Europa. Avicenna tratta del vaiolo e del morbillo ( che comprende tutte le malattie esantematiche ) Insiste sulla puericoltura prenatale: Prendete cura del bambino quando è ancora nel grembo materno; evitate qualsiasi danno allo sviluppo del suo corpo; fate che il sangue della madre, dal quale il neonato prende la sostanza per la sua formazione, sia sempre mantenuto puro.. E sulla scelta e il governo della balia. I medici arabi di Spagna Albucasis (Cordova XI sec. ) Avenzoar (Siviglia XII sec. ) Averroè (Cordova XII sec. ) Serapione il giovane (XII-XIII sec. ) Moseè Maimonide, israelita (Cordova XII-XIII sec. ) Costantino Africano (Numidia XI sec. ) Conoscitore della lingua e cultura latina e araba, dopo unnlungo peregrinare in cerca del sapere in Egitto, nell Iraqe forse in India, porta con sé in Italia molti libri di medicina e di altre discipline a Montecassino e nella Scuola di salerno, di cui diventa il massimo protagonista. Gerardo da Cremona (XI sec. ) Riprende in Toledo (tornata cristiana nel 1089), insieme ad altri dotti, l opera di Costantino Africano. Dalla Spagna si verifica il passaggio in vesti latine del patrimonio scientifico arabo e, con esso, il ritorno alla patria di origine, l Europa, dei testi medici, in buona parte smarriti, dell antichità, arricchiti e rinnovati dagli Arabi. Il meccanismo è stato il seguente: gli Ebrei traducono i testi arabi (a loro volta tradotti dal greco alessandrino ) in mozarabico, che è un misto di lingua romanza e di arabo. Il mozarabico è la lingua volgare parlata dai cristiani della Spagna musulmana. I dotti cristiani traducono a loro volta dal mozarabico al latino Medicina monastica 8

9 Nel mondo Occidentale cristiano del Medio Evo la medicina regredisce al livello di quella teurgico sacrale del periodo arcaico. La malattia è un castigo di Dio. Si arrivò all eccesso della proibizione imposta da San Bernardo di Chiaravalle ai monaci cistercensi di studiare libri di medicina e di vietare l uso di tutti i rimedi diversi dalla preghiera. Più illuminato fu San Benedetto che obbligò i menbri dell ordine a studiare le scienze e soprattutto la medicina, trasformando l abbazia di Montecassino nel più importante centro di studi del Medio- Evo, oltre che importante scriptorium ove abili ed instancabili amanuensi trascrivevano le opere antiche, per conservarle e tramandarle fino a noi. Da ciò nacque ben presto un sistema assistenziale, basato sulla carità cristiana e suggerito da san benedetto nella sua Regola, che prevedeva l assistenza e il ricovero degli infermi, con la nascita delle prime infermerie dei monasteri, primo embrione dei futuri ospedali. L abate Bertario da Montecassino fu egli stesso un medico famoso. Sempre nell alto medio Evo anche Fulda in Germania divenne un importante centro di studi medici, ad opera del teologo Rabano Mauro. Nel IX secolo, per iniziativa dell imperatore Carlo Magno, la medicina fu inclusa nei corsi di studio delle scuole delle cattedrali. Scuola Medica Salernitana in quanto ad essere favorite sono solo quelle donne residenti nella città sede della Scuola o coloro che abbiano un Magister medicinae et scientiae nell éntourage familiare. (Non a caso quasi tutte le donne medico che noi conosciamo sono imparentate a medici) Tale ultimo evenienza si realizza in genere allorchè l insegnante abbia interesse a istruire il congiunto e precisamente nel caso di assenza di un figlio maschio cui affidare la clientela, di un eventuale trasmissione di segreti di cura da rimanere in ambito familiare ovvero quando la presenza di una dottoressa risulti più che mai opportuna come nella diagnostica e nella terapia della patologia ginecologica ove sussiste il naturale turbamento del pudore. Comunque, almeno fino alla seconda metà del XIV secolo uomini e donne possono frequentare senza problemi di natura giuridica gli insegnamenti privati di uno o più Maestri, perché a Salerno, a dirla con la Boggi Cavallo, La donna conserva il rispetto delle origini, condivide eventi e gesta degli uomini, partecipa alle battaglie, esercita l arte sanitaria come medico e come operatrice di salute. La pratica medica delle donne salernitane (Mulieres salernitanae) e soprattutto le ricette e i rimedi sono più volte citati e adottati negli scritti della Scuola. Tutte le donne medico fiorite nel periodo angioino e aragonese risultano in possesso della licenza rilasciata dal sovrano previo esame. Del periodo antecedente purtroppo non è stato possibile recuperare alcuno attestato e soprattutto quello di Trotula, la più famosa di tali medichesse, la cui identità professionale, medico, levatrice,infermiera resta ancora un mistero. E stata affacciata l ipotesi che gran parte dei documenti del primo periodo della Scuola sia stata distrutta o asportata dalla soldataglie di Enrico VI, padre di Federico II, allorchè mise a sacco la città nel 1194 nel conflitto dinastico normanno svevo. La prima e la più nota di queste medichesse è per l appunto Trotula. Donna famosa ai suoi tempi, di nobile lignaggio e di grande ingegno, in grado di sfidare con la sua gagliardia dialettica e dottrinaria i migliori eruditi del tempo. De Renzi riporta l episodio di Rodolfo Malacorona, citato da Orderico Vitale,monaco cassinense autore di una Storia Ecclesiastica, che lo definisce uomo estremamente erudito in grammatica, dialettica,astronomia e musica, ma soprattutto in scienze fisiche, cioè in medicina. Costui amava girare per le Scuole d Europa e confrontarsi con i migliori dotti dell epoca, superandoli tutti immancabilmente. Nel suo peregrinare raggiunge nel 1059 Salerno, sede di antiche e prestigiose scuole di medicina. Qui si cimenta in erudizione con molti Maestri senza che nessuno riesca a tenergli testa, tranne una sapiente signora, che per una serie di considerazioni ed elementi tutti gli studiosi identificano in Trotula. 9

10 Nata intorno al e morta nel 1097 secondo i Registri delle Morti della Cattedrale, appartiene alla nobile famiglia dei de Ruggiero, quella stessa che donerà a Roberto il Guiscardo i terreni per l erigendo Duomo. Sposa Giovanni Plateario senior da cui ha Giovanni junior e Matteo, tutti ragguardevoli esponenti della medicina salernitana. E citata più volte con deferenza da illustri Maestri dell epoca come Cofone, autore del primo libro di anatomia, Anathomia porci, Giovanni da Rodi, Bernardo Provenzale, Pietro Ispano. Insegna a Salerno e scrive vari testi scientifici tra cui il De mulierum passionibus ante in et post partum, l unico pervenutoci e primo e fondamentale trattato di ostetricia e ginecologia di epoca medievale, un testo che tiene cattedra per quattro secoli fino al XV sec. Trotula vive un grande momento storico: l epoca di Gisulfo II, ultimo principe longobardo ( ), che fregia le sue monete con il motto: Opulenta Salernum, e poi quella dell avvento dei normanni con Roberto il Guiscardo. E testimone della costruzione del Duomo ( ), della sua consacrazione ad opera di Gregorio VII (1085), dell esilio di questo pontefice ( ), è contemporanea di Alfano I ( ), arcivescovo,poeta e medico, nonché di Costantino l Africano ( ). Insomma è partecipe di un periodo eccezionale per l Hippocratica Civitas. Il nome di Trotula probabilmente non è che il diminutivo di Trotta o Trocta, utilizzato dagli studenti per indicarne il trattato di Ostetricia, così come la Chirurgia di Ruggero era chiamata Rogerina e quella di Rolando Rolandina. Per comune consenso degli studiosi l opera in nostro possesso non è che una collazione di scritti tratti da appunti di lezioni dell Autrice. Una conferma ci viene proprio da un passo del testo ove è riferito un intervento personale di Trotula su una ragazza per un problema ginecologico. Nel brano è scritto letteralmente: Trotula venne definita da tutti maestra nel porre rimedio a ciò (Unde communiter Trotula vocata fuit quasi magistra operis). La prima pubblicazione a stampa del De mulierum, curata da Giorgio Kraut, vede la luce a Stoccarda nel 1544, seguita da quella aldina a Venezia nel Gli studiosi che oltre De Renzi maggiormente e più recentemente hanno approfondito la vita e l opera di questo personaggio sono da ravvisarsi negli americani J.F. Benton e Margherita Green nonchè nella nostra Pina Boggi Cavallo. Nel De Mulierum passionibus sono condensati una serie di ammaestramenti, di regole e di rimedi rivolti alla gestante, alla partoriente e alla puerpera ai fini di una buona riuscita della gravidanza. L ultima parte del testo, ritenuta un opera a se stante (De ornatu), riguarda una serie di suggerimenti atti a ricostruire il benessere fisico e psichico della donna e del suo bambino. E proprio in questo trattato è contenuta la descrizione di alcuni metodi, alcuni accorgimenti atti a preservare la salute del neonato e del bambino, uno spaccato di procedure comunemente eseguite all epoca (siamo nell XI sec.), in quanto comportamenti evidentemente validati dall esperienza. Ne riportiamo qualcuno: - Il cordone ombelicale sia reciso a tre dita dall addome (ligetur umbilicus tribus digitis a ventre mensuratis Cap.XVIII) - Appena nato si tenga il bambino con gli occhi coperti e non lo si esponga in luoghi luminosi. (In principio nativitatis oculi cooperiendi sunt, et summopere cavendum est ne sit il loco lucido Cap.XVIII). - Il bambino venga spesso strofinato e tutte le sue membra vengano racchiuse in fasce affinchè crescano dritte (Puer praeterea saepe est fricandus et quaelibet eius membra in una quaque parte fascia sunt retinenda et iungenda et rectificanda sunt eius membra Cap.XVIII) 10

11 - Vicino a lui si pronuncino cantilene e parole facili, mai cantare con voce aspra o rauca (Coram eo cantilenis et facilibus utendum vocibus, nec asperis vocibus cantandum neque raucis- Cap.XVIII) - La nutrice deve essere giovane, di colorito chiaro, bianco e rosso, non troppo vicina né troppo lontana al parto, non deve avere mammelle troppo piccole né troppo grandi, ma il petto ampio e sia moderatamente grassa (Iuvenem oportet esse nutricem, clarum colorem cum albedine et rubore permixtum habentem, quae non sit partui vicina neque multum a partu remota, neque nimis grossas habeat mammillas; pectus amplum, pinguis sit mediocriter Cap.XIX) - Quando è giunto il momento di mettere i denti, gli si strofinino ogni giorno le gengive con burro e grasso di gallina e le si ammorbidiscano con acqua d orzo (Cum tempus nativitatis dentium venerit, gingivae singulis diebus cum butyro et axungia gallinae saepe fricanda sunt et aqua ordei linienda Cap.XVIII). - Quando comincerà a mangiare si diano al bambino dei bastoncini a forma di ghianda fatti di zucchero e simili e latte, da poterli tenere in mano e giocarci, succhiarli e inghiottire qualcosa (Cum tempus advenerit in quo comedere incipiet, danda sunt infanti magdaleones ad modum glandis, facti de zuccaro et similia ac lacte, quos possit in manu tenere et cum eis ludere et de eis sugere et aliquid transglutire Cap.XVIII ) - Lo si nutra con petto di pollo, di fagiano e di pernice e quando ha cominciato a mangiare bene, si cominci a sostituire il latte delle mammelle, non permettendo che la notte succhi e osservando bene che non venga svezzato nella stagione calda (Caro quae est in pectore gallinarum et phasianorum et perdicum est ei tribuenda. Et postquam bene capere coeperit, mammillarum substantiam mutare incipiens, eas in nocte sugere non permittatur, bene observando ne tempore calido a lacte removeatur Cap.XVIII). Per farlo parlare correttamente, ungi il palato con miele e le narici con acqua calda (Et ut rectius loquatur unge palatum cum melle et nares cum aqua calida Cap.XVIII). Per la malattia dei bambini quale può essere una tosse violenta così interveniamo: prendi issopo e timo, fai un decotto col vino e dà da bere. Oppure stemperiamo bacche di ginepro con vino e diamo da bere (Passioni puerorum,quae est quasi tussis acerrima, sic subvenimus: accipe hysopum,serpillum et in vino decoque et da ad bibendum. Vel grana iuniperi distemperamus cum vino ed damus ad bibendum Cap XXV). Quando nei bambini compaiono piccole pustole, bisogna romperle con sale tritato e fasciare affinchè guariscano. A questi bambini non bisogna dare cibi grassi o dolci. (Quando pustulae nascuntur pueris parvae, tunc illae cum sale trito solvi debent et cum fascia ligari ut resolvantur. Quibus pueris nec unctuosa neque dulcia dari debent Cap.LI) Studi specifici sulle malattie infantili son fatti risalire a Paolo Bagellardi da Fiume, estensore di un libro De regimine infantiae, pubblicato a Padova nel 1472, ristampato dal Sudhoff sulla celebre rivista Janus e commentata dal Simonini,pediatra della scuoladi Modena nel Per quanto riguarda le altre dottoresse di Salerno, scrive Antonio Mazza, priore della Scuola nel XVII sec, nel suo Historiarum epitome de rebus salernitanis confermando questa singolare 11

12 tradizione: Fiorirono, insegnando nello Studio patrio e discettando in cattedra Abella,Mercuriade, Rebecca (Floruere igitur in Patrio Studio ac in Cathedris disceptando Abella, Mercuriadis, Rebecca ) Per quanto riguarda Abella si sa essere vissuta nel XIV sec. e sembra che abbia scritto su temi non proprio adatti per una donna dell epoca, come il De natura seminis humani, il che testimonia il notevole grado di emancipazione raggiunto dal sesso femminile. Su Rebecca Guarna si sa poco; membro di un illustre famiglia di Salerno, quella stessa che ha dato i natali all arcivescovo,medico e storico insigne Romualdo Guarna. I suoi scritti riguardano argomenti sulle febbri, sull embrione, sulle urine, una felice sintesi di quella che è la concezione biologica della medicina salernitana. Di Mercuriade ci è giunto solo qualche cenno. Sembra abbia redatto dei testi sui veleni, sulla peste, sulla cura delle ferite, sugli unguenti. Il Mazza riferisce ancora di Costanza Calenda, figlia di Salvatore, priore della Scuola di Salerno prima e poi di quella di Napoli, vissuta nella prima metà del XV sec. ai tempi di Giovanna II, donna di rara bellezza, maestra di medicina e di sapienza, sposa del signore Baldassarre di San Mango. Sono donne che si fanno onore sul campo come dottoresse e come autrici di opere scientifiche, tutte maritate e in genere imparentate a medici. La loro fama peraltro non si limita all arco ristretto del loro tempo, ma continua a rimbalzare nelle citazioni deferenti e ammirate di più di uno storico dell età moderna. Così nella Descrittione del Regno di Napoli di Scipione Mazzella, edito nel 1601, dove molti nomi di illustri maestri salernitani sono invece ignorati. Lo stesso dicasi per l opera Il Regno di Napoli in prospettiva di Enrico Bacco Alemanno, pubblicato nel 1620 ed ancora nella Breve descrittione del Regno di Napoli di Cesare D Engenio, apparso nel 1645, ove l A. si sofferma soprattutto sulla figura di Trotula. E così via,via da Ottanio Beltrano in un altra Descrittione del Regno di Napoli del 1671 fino a Giuseppe Maria Alfano nella Istorica descrizione del Regno di Napoli del 1798 Di seguito riportiamo il nome di alcune dottoresse con il relativo anno di conseguimento della licentia praticandi. Abilitate all esercizio della chirurgia: Abilitate all esercizio della medicina Francesca Romana 1321 Venturella Cisinato 1322 Maria Incarnata 1330 Sibilla d Afflitto 1338 Mobilia Scarpa 1338 Donna Cusina 1404 Bella di Paija 1414 Tommasia Castroisaia 1419 Abella Salernitana 1350 Raimonda di Taverna 1345 Vidimura 1376 Costanza Calenda 1423 Rebecca Guarna? Mercuriade? 12

13 Delle tante altre medichesse che si sono prodigate nel campo della medicina ci rimangono purtroppo solo dei nomi, alcuni dei quali riportati dalla Boggi Cavallo, come Margherita, Vigorita, Polisena, Grazia, Gemma, Adelicia, Gallicia, Clarice, Francesca, la maggior parte delle quali licenziatesi durante il periodo angioino (XIV sec.). Con il moltiplicarsi e il consolidarsi delle Università, fenomeno che si accompagna alla graduale scomparsa delle scuole private e all esclusivo conferimento delle licenze da parte dei Collegi medici universitari, la presenza delle donne medico si azzera. Ciò si spiega con l impossibilità delle donne di frequentare regolari corsi di studio universitari, resi peraltro obbligatori e ciò in considerazione della loro condizione sociale, della forma mentis e dell angolazione culturale dell epoca ove il pregiudizio è sempre molto forte e i costumi e la convenienza rigidi sotto il profilo formale. Resta il fatto che la posizione della donna a Salerno, almeno fino al sec. XV, è tale da rappresentare una sfida ad un occupazione da sempre e ovunque riservata agli uomini, ma evidentemente la suggestione del discorso erudito, la maestria della tecnica, la disinvoltura del comportamento, l entusiasmo per la ricerca e per il gusto letterario sono qualità saldamente in mano alle esponenti del gentil sesso. Sono anche queste figure, emerse lungo iul cammino della medicina medievale e distintesi sulle altre per vigore d impostazione e per impronta innovativa, a dare alla Scuola lustro e collocazione nella storia. Assieme a Costantino, a Ruggiero e ai Plateario hanno rappresentato di essa lo spirito limpido e originale. Ed infatti quando tale spirito impallidirà e i contrassegni distintivi verranno meno per influenze estranee ai principi ispiratori primevi, inizierà la decadenza, un agonia lunga e deprimente, che durerà molti secoli. E mentre le medichesse scompaiono ecco apparire le ciarlatane empiriche, ma bisognerà aspettare il XIX sec. per vedere finalmente di nuovo una donna addottorarsi presso un Università. Questa donna è Elizabeth Blackwell ( ), prima nella storia moderna a conseguire la laurea in medicina nel 1849 presso il Geneva College of Medicine di New York., nel clima di un ritrovato riconoscimento della parità dei sessi. Dalla Blackwell in poi è stato un assistere trionfale alla riscossa della donna quale operatrice professionale e quale medico, una riscossa prorompente, esaltante persuasiva, spesso, molto spesso vincente sul piano della sfida intellettuale. Co-Autori De Renzi (Storico della Scuola Medica Salernitana Giuseppe Lauriello (Scuola Medica Salernitana) Boggi Cavallo (Storica Scuola Medica Salernitana) 03 Giugno

separa la medicina dalla filosofia (disciplina scientifica autonoma --- > teoria e pratica) (fissa la tèchne --- > in forma scritta)

separa la medicina dalla filosofia (disciplina scientifica autonoma --- > teoria e pratica) (fissa la tèchne --- > in forma scritta) Ippocrate V secolo a.c. di famiglia di medici padre medico (Eraclide) nasce verso il 460 a.c. a Cos esercita e insegna la medicina: 95 libri! (68 trattati e 27 lettere) ---> apertura esterna alla famiglia

Dettagli

La donna che curava le donne

La donna che curava le donne La donna che curava le donne TROTULA DE RUGGIERO alias La Medichessa Vi dico di una donna filosofa di nome Trotula che visse a lungo e fu assai bella in gioventù e dalla quale i medici traggono grande

Dettagli

Nel 750 dinastia Abbaside fondazione di Baghdad, che divenne la nuova capitale del califfato, notevole fioritura delle arti e delle scienze

Nel 750 dinastia Abbaside fondazione di Baghdad, che divenne la nuova capitale del califfato, notevole fioritura delle arti e delle scienze In Arabia Dopo la morte di Maometto (570-632) presero il titolo di Califfi i successori del Profeta di Allah Nel 661 dinastia degli Omayyadi spostarono la capitale dalla Mecca a Damasco e governarono su

Dettagli

Storia e Filosofia della Medicina Dalla medicina magica alla medicina scientifica Lezione n. 2

Storia e Filosofia della Medicina Dalla medicina magica alla medicina scientifica Lezione n. 2 Storia e Filosofia della Medicina Dalla medicina magica alla medicina scientifica Lezione n. 2 Professione: precondizioni della sua definizione Analisi sociologica individua: L esistenza di un sapere specialistico

Dettagli

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio 6 - La storia della conoscenza La misura del tempo Quando gli uomini hanno voluto misurare il tempo, in tutte le epoche e in tutte le parti del

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

L idea di Medioevo. Lezioni d'autore

L idea di Medioevo. Lezioni d'autore L idea di Medioevo Lezioni d'autore Immagine tratta da http://bibliotecamakart.altervista.org Il Medioevo come un lungo periodo di secoli oscuri : guerre, torture, caccia alle streghe. È importante sradicare

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Ragazzi siamo facoltativi!?

Ragazzi siamo facoltativi!? Siena Ragazzi siamo facoltativi!? Corso di sopravvivenza nel mare della procreazione assistita e dintorni A cura di Carlo Bellieni Clicca qui per iniziare!!! Il DNA di una persona esiste prima della sua

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

LA SCUOLA MEDICA SALERNITANA E GALENO

LA SCUOLA MEDICA SALERNITANA E GALENO LA SCUOLA MEDICA SALERNITANA E GALENO a cura di Chicchì Marianna La Scuola medica salernitana è stata la prima e più importante istituzione medica d Europa all inizio del Medioevo (IX secolo). Essa si

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle DONNE E SCIENZA Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle NEL CORSO DELLA STORIA il cammino delle donne ha avuto difficoltà a incontrarsi con quello della scienza specialmente per quanto riguarda

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

IMPARO A... ...collocare nel tempo

IMPARO A... ...collocare nel tempo AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 17 AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 1 IMPARO A......collocare nel tempo ordine cronologico Immagina che il tuo album di fotografie sia caduto a terra e che le foto

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin La scuola pitagorica - Storia 1 Gianluigi Bellin December 22, 2010 Storia. Di Pitagora sappiamo che nacque a Samo intorno al 570 ac., che viaggiò molto, anche in Egitto ed a Crotone, nel golfo di Taranto,

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

DI ALCUNI ANTICHI PREGIUDIZII SULLA COSÌ DETTA SARDA INTEMPERIE E SULLA MALATTIA CONOSCIUTA CON QUESTO NOME LEZIONE FISICO-MEDICA

DI ALCUNI ANTICHI PREGIUDIZII SULLA COSÌ DETTA SARDA INTEMPERIE E SULLA MALATTIA CONOSCIUTA CON QUESTO NOME LEZIONE FISICO-MEDICA PIETRO ANTONIO LEO DI ALCUNI ANTICHI PREGIUDIZII SULLA COSÌ DETTA SARDA INTEMPERIE E SULLA MALATTIA CONOSCIUTA CON QUESTO NOME LEZIONE FISICO-MEDICA a cura di Giuseppe Marci presentazione di Alessandro

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità)

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità) LetteradiNatale2015dell'AbateGeneraleOCist Misericordiosi))come))il))Padre) Roma,8dicembre2015 Solennitàdell'Immacolata Carissimi Vi scrivo questa lettera di Natale proprio mentre inizia il Giubileo della

Dettagli

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Progressiva affermazione dei volgari in Italia nel XIII secolo atti notarili in volgare o parzialmente in volgare statuti

Dettagli

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola!

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola! Che cos'è la Chiesa Gesù disse: "Edificherò la mia chiesa" (Matteo 16:18).Cosa intendeva dire parlando di "chiesa"? Che significato aveva questa parola per i discepoli? Avrete notato che la parola chiesa

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI 7 GIUGNO 2015 BASILICA CATTEDRALE CASSANO ALLO IONIO Dove vuoi che andiamo a preparare la cena di Pasqua? Andate in città! Dove vuoi che andiamo a preparare perché tu

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Indice. Introduzione... vii

Indice. Introduzione... vii Indice Introduzione... vii PARTE PRIMA L AMORE IN OCCIDENTE... 1 L amore nel pensiero occidentale... 3 L amore nell Occidente cristiano... 17 L amore fiorisce nell infanzia... 23 I legami che l amore crea...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Bologna: una scuola per levatrici

Bologna: una scuola per levatrici Bologna: una scuola per levatrici O.Sanlorenzo Clinica Ostetrica e Ginecologica Fisiopatologia Ginecologica della Terza Età Università degli Studi di Bologna Giovanni Antonio Galli 1708-1782 dedicò e difese

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli