Appunti di Storia della Pediatria Relatore Carlo Montinaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti di Storia della Pediatria Relatore Carlo Montinaro"

Transcript

1 Appunti di Storia della Pediatria Relatore Carlo Montinaro PERIODI DELL ETA CLASSICA ARCAICO o prescientifico Domina la medicina teurgica Da Apollo ad Asclepio ELLENICO Da Alcmeone a Ippocrate, nel quale vengono gettate le basi della filosofia e della scienza ELLENISTICO Risponde all ellenizzazione di tutto il mondo orientale in seguito alla conquista macedone. Culmina con la fiorente cultura alessandrina dei Tolomei (Tolomeo Soter e Tolomeo Filadelfo) successori di Alessandro Magno. PERIODO ROMANO La grecità, dominata dallo spirito latino vigoroso e organizzativo che trova la sua espressione nella PAX e nella LEX romane, permea di sé tutto l impero. (Grecia capta, ferum victorem coepit. Orazio). La medicina diventa un fatto sociale insieme all igiene. Domina la figura di Galeno. PERIODO DEI COMMENTATORI O DELLA DECADENZA Non vi sono medici di grande rilievo, non compaiono opere originali. Solo compilatori e commentatori Dissoltosi l Impero Romano la cultura trova le sue nuove sedi nella cultura bizantina di Costantinopoli e nella cultura araba (Rhazes e Avicenna) Dal Medio Evo della civiltà occidentale emerge la figura di S.Benedetto che promuove i primi tentativi di assistenza agli infermi nelle infermerie dei monasteri. A Montecassino arriva Costantino Africano ( XI sec.) che dall oriente Porta molti libri di medicina scritti in arabo. Nasce la Scuola Salernitana, la prima scuola medica dell Occidente. PERIODO ARCAICO O PRESCIENTIFICO ANALISI DEI DIVERSI PERIODI Apollo, dio iniziatore dell arte sanitaria Artemide, dea della maternità e protettrice dei bambini Persefone, dea della prolificità Ilitia, protettrice delle partorienti Da Apollo e Coronoide nasce Asclepio Asclepio allievo del centauro Chirone, discepolo di Apollo. 1

2 Dai discepoli di Asclepio nacque una casta ( degli Asclepiadi ), alla quale era devoluto l esercizio della medicina e il suo insegnamento. Podalirio e Macaone figli di Asclepio medici sotto le mura di Troia. Sorgono templi ad Asclepio (asclepiei) a partire dal V sec a.c. a Epidauro, Cirene, Coo, Cnido, Pergamo, Atene. Medicina teurgica e termale nello stesso tempo Il ruolo dei sacerdoti di Asclepio Questa venne al dio per figlioli. Dormendo ebbe una visione. Le sembrava che nel sonno un serpente le strisciasse sul ventre e, dopo ciò, le nacquero cinque figli. Aristomide di Ceo. L ALBA DELLA SCIENZA I PERIODEUTI, medici laici che esercitavano l arte fuori dal contesto teurgico, andando di casa in casa (Democede di Crotone). Da loro nascono i primi impulsi alla medicina come scienza biologica PERIODO ELLENICO Dal VII al V secolo i filosofi presocratici (Talete,Anassimandro, Anassimene, Eraclito, Pitagora) si pongono interrogativi sulla quiddità della materia. Questi filosofi decretarono la nascita del pensiero biologico, liberandolo, attraverso l osservazione dei fenomeni naturali, dallo stallo dell interpretazione teurgico-sacrale. Crotone, culla del pensiero biologico, scuola medica ispirata ad un principio di positivismo scientifico, attiva già prima di Pitagora. Alcmeone, principale esponente della medicina pre-ippocratica ( n. nel 560 a.c. a Crotone ) La sua teoria sulla formazione dell embrione: a) Il seme fecondato è stato emanato dal cervello. b) Nell embrione il primo a formarsi è il capo, perché in esso ha sede il principio direttivo di tutto l organismo. c) La nutrizione del feto avviene in tutta la superficie del corpo, assorbendo essa come una spugna il materiale nutritivo. d) Il sesso del nascituro corrisponde al genitore che nella fecondazione ha dato maggiore quantità di seme. Pitagora ( ), fondatore della scuola di Crotone. Elaborò la teoria umorale ACQUA, TERRA, ARIA, FUOCO, sono gli elementi componenti della natura. UMIDO, SECCO, FREDDO, CALDO, sono le qualità di questi elementi. Dalla proporzione di questi elementi è determinato il temperamento dell uomo, le sue qualità mentali, il suo stato di salute. La teoria pitagorica dominò la medicina dall anno 500 a.c. fino al 1858, quando venne sconfessata da Virchow. Empedocle di Agrigento ( a.c.). Scoprì il labirinto dell orecchio interno. Si occupò di embriologia, studiò la respirazione fetale: Il feto è inviluppato in una membrana. Prima si forma il cuore, poi le unghie, infine le altre parti. La respirazione non comincia fino al momento della nascita, quando i liquidi intorno al feto vengono espulsi. 2

3 Cercò di capire il perché dei parti mostruosi, dei parti gemellari, della somiglianza dei figli con i genitori, della durata della gravidanza. Egli anticipò la teoria dell evoluzionismo che non ebbe seguito per l opposizione di Aristotele. Pitagora ed Empedocle, tra i presocratici che si occupano della composizione della materia nel cosmo, sono gli unici ad estendere all uomo le considerazioni fatte per la materia cosmica, perciò vanno considerati gli iniziatori della scienza della vita, cioè della biologia. Solo più avanti si comincerà a studiare la vita nella sua espressione di malattia e nascerà la medicina razionale, che soppianterà quella teurgico- sacrale. Gorgia Siciliano fu allievo di Empedocle, e a sua volta fu maestro di Ippocrate. Knido e Kos, sono le due famose scuole di medicina che fiorirono nel V sec. A.C. Un altra scuola medica famosa fu quella di Cirene La medicina di Cnido come medicina d organo La medicina di Kos come medicina olistica Ippocrate ( Kos 460-Larissa 377 a.c. ) Fondatore della medicina in ambito storico scientifico I quattro elementi di Ippocrate ( sangue, flemma, bile gialla, bile nera ) Umoralismo ippocratico ( lo stato di salute- malattia dipende dal perfetto equilibrio dei quattro elementi ( Empedocle: aria, acqua, terra, fuoco, come costituenti del Cosmo ) Eucrasia-discrasia. Curare la malattia come un fattore generale che investe tutto l organismo Medicina olistica Superamento del soprannaturale OPERE DE MORBIS: Lombricus rotundus (ascaride), Lombricus latus (tenia) Ignora gli Ossiuri. DELLE EPIDEMIE: Parotite DELLA DENTIZIONE: dentizione, nutrizione, ulcere tonsillari del bambino I bambini che durante la dentizione hanno numerose scariche alvine sono meno soggetti alle convulsioni di quelli che vanno poco del ventre. I bambini che durante l eruzione dei denti sono colpiti da febbre acuta sono meno soggetti alle convulsioni. I bambini grassi non succhiano il latte in proporzione della loro grassezza. I bambini voraci e che succhiano molto latte, non ingrassano in proporzione. Le ulcere alle tonsille senza febbre sono meno inquietanti. Le ulcere che si propagano alle tonsille cambiano la voce a coloro che ne sono colpiti Il libro della generazione del bambino o De natura pueri (genetica) Del feto di sette mesi, Del feto di otto mesi (neonatologia ) Gli aforismi, opera autentica di Ippocrate, con molti riferimenti ai disturbi della nutrizione e sulla dieta nell infanzia (una delle più preziose essenze del sapere medico antico). Il male sacro 3

4 Ippocrate ne nega l origine divina, attribuendolo a cause naturali come l ereditarietà e la discrasia e chiama ciarlatani, impostori e stregoni coloro che lo affermano. La generazione: gli individui vengono generati dall incontro del seme paterno e materno che provengono da tutte le parti del corpo e confluiscono nelle parti genitali durante l amplesso. Il seme maschile è più forte di quello feminile. Il clima, influisce sul patrimonio ereditario Il giuramento Vis medicatrix naturae La medicina è l arte di imitare, di secondare e non di disturbare i procedimenti della natura medicatrice. IL CORPUS IPPOCRATICUM Studenti di entrambe le scuole di Cnido e di Kos contribuirono alla stesura del Corpus Ippocraticum, che è un antologia di scritti di diversi autori la cui paternità fu tradizionalmente attribuita a Ippocrate. Secondo le tesi moderne più accreditate il Corpus sarebbe stato assemblato nella biblioteca di Alessandria, all inizio del III sec. a.c. Il Corpus Ippocraticum è la dichiarazione di indipendenza della medicina. Scopo del medico ippocratico è quello di superare l empirismo, cioè la semplice osservazione dei fenomeni, per andare alla radice del male. I Greci ci hanno passato il concetto di causa-effetto, ponendo così le basi fondamentali della scienza. Ogni insieme di sintomi ha una causa o più cause e la terapia deve mirare a correggere queste cause e le loro conseguenze. La medicina greca dopo Ippocrate ebbe un momento di decadenza, per la convinzione che tutto ormai fosse stato acquisito (Scuola dogmatica ) ARISTOTELE ( a.c. ) Il principio attivo risiede nel seme del maschio che si mescola col sangue mestruale della femmina, che agisce come materia inerte e passiva. Secondo questa dottrina il seme era costituito dalla migliore parte del sangue e conteneva in potenza i caratteri del corpo e della psiche dei generandi. Il sangue, dopo aver subito una nuova digestione, diventa sperma e discende nei testicoli. Dante riprende questo concetto, secondo la filosofia aristotelica dominante nella sua epoca. ancor digesto, scende ov è più bello tacer che dire; e quindi poscia geme sovr altrui sangue in natural vasello. (Dante, Inferno.) Fu contrario all abbandono dei neonati Periodo ellenistico E quello che corrisponde alla ellenizzazione di tutto il mondo medio orientale ad opera della conquista macedone ( Alessandro Magno ) e che culmina colla fondazione della biblioteca di Alessandria, il massimo centro culturale dell antichità. 4

5 La scuola di Alessandria Tolomeo Soter e Tolomeo Filadelfo fondatori della biblioteca. (330 a.c. circa) Demetrio di Apamea, appartiene all età ellenistica e forse alla Scuola di Alessandria. Scrisse un famoso trattato di pediatria, oltre che di ostetricia, di semeiotica e di patologia (opere note solo attraverso Sorano d Efeso e Celio Aureliano ) Demetrio descrive la siriasi, malattia di dubbia interpretazione, ma che aveva sintomi comuni a molte malattie: febbre ardente, meningismo, infossamento del bregma e degli occhi, disidratazione e inappetenza. (Gastroenterite tossica? Colpo di calore?) Periodo romano Nei primi 600 anni dalla fondazione di Roma i Romani ebbero una medicina senza medici nel senso stretto, fatta di riti propiziatori, scongiuri, formule magiche, regole dietetiche, erbe medicinali e la medicina del pater familias, fatta di personale esperienza, cure termali, igiene pubblica (acquedotti, fognature), cura del proprio corpo nella palestra. Catone fu ostile ai medici greci che affluivano a Roma, anche perché i primi ad arrivare erano stregoni e venditori di pozioni. Solo successivamente cominciarono ad arrivare medici pratici. Solo nel I sec. a.c. arrivarono medici di fama. Il primo fu Asclepiade di Prusa, tra l altro contrario alla dottrina umorale degli ippocratici. Altri medici greci famosi furono: Antonio Musa, medico di Augusto, Sorano d Efeso (ostetricia e puericoltura), Areteo di Cappadocia (malattie acute e croniche), Scribonio Largo (farmacologia), Dioscoride di Cilicia (trattato di terapia), cui seguirono nel I sec. d.c. Celso e Plinio romani, e nel II sec. il greco-alessandrinoromano Galeno. Sorano d Efeso Nella sua opera Gynecia sulle malattie delle donne, scrive 23 capitoli dedicati al bambino dopo la nascita, dove dà consigli sull allevamento e la nutrizione del bambino fino allo svezzamento. Egli raccomanda la doppia legatura del cordone ombelicale e prescrive le prime cure per il neonato: la pulizia degli occhi e della bocca con l olio, la tecnica della fasciatura: Fasciare separatamente le gambe per evitare le ulcerazioni; mettere tra i calcagni, le ginocchia e i gomiti un panno di lana per evitare l eccessiva pressione delle parti sporgenti e quindi le lesioni da decubito: avvolgere anche il capo con una fascia circolare di panno di lana soffice e pulita. l inizio dell allattamento solo a terzo giorno, perché nei primi due il bambino andrebbe nutrito solo con miele bollito. Sorano continua dando consigli sul modo di procedere per l allattamento, sulla scelta della nutrice (sia greca perché il bambino sia da lei abituato alla migliore delle lingue), sulla docimasia del latte (da provarsi sull unghia). Sorano fu la classica fonte cui attinsero gli autori posteriori fino al Rinascimento Areteo di Cappadocia Descrisse i sintomi dell angina, dalla tonsillite acuta alla difterite. Propose la tracheotomia. Descrisse la sintomatologia acuta, gastroenterica e tossica del Cholera infantum Il cholera è una malattia acutissima nella quale le materie refluiscono da tutto il corpo e sono emesse col vomito e la diarrea ( ) 5

6 Le sue descrizioni dei sintomi sono simili a quadri pittorici, tanto che Puccinotti lo definì il Raffaello della medicina Aulo Gellio (n. a Roma nel 130 d.c.) Autore delle Notti attiche, dove scrive il famoso elogio dell allattamento materno. Dice alla madre della fanciulla che ha appena partorito e che essa vuole che non allatti per non stressarla ulteriormente: O donna ti prego, lascia che costei sia completamente madre di suo figlio! Cos è infatti questo voler andare contro natura? Questo esser madre soltanto a metà e non sino in fondo? Questo creare e subito poi allontanare da sé ciò che si è creato? Aver nutrito nell utero, col proprio sangue, una creatura quando ancora non la si vedeva e non volerla nutrire col proprio latte quando la si vede, quando ormai vive, quando è già creatura umana e implora da chi l ha messo alla luce che compia il suo ufficio di madre? Pensi forse anche tu che madre natura abbia donato alla donna i seni a mò, quasi, di vezzosi nei, non perché con essi allattino i loro figli, ma perché d essi vada ornato il loro petto? ( ). GALENO ( N. 130 d.c.) Greco di nascita, alessandrino di formazione, romano di elezione. Il più grande medico greco dopo Ippocrate. Riassume e coordina tutta la scienza medica dell antichità. L opera sua è immensa. Monoteista, crede che il corpo sia uno strumento dell anima, per questo fu sostenuto dalla Chiesa fino al Rinascimento. Tutte le cose derivano dalle quattro qualità astratte (caldo, freddo, secco, umido) e dalla diversa combinazione di questi elementi nell uomo derivano i quattro temperamenti (collerico, malinconico, sanguigno, flemmatico). Riprende Sorano dando consigli di puericoltura, sull allattamento. Tratta del pianto del bambino, sue cause e rimedi( fame, sete, arrossamenti, dentizione, fasce troppo strette, posizione inadatta etc), elogia la ginnastica, spontanea (del bambino lasciato sciolto dalle fasce) e provocata (dalla nutrice) Tratta in particolare dell epilessia ( De puero epileptico). I fattori causali dell epilessia sarebbero in parte costituzionali (sovrabbondanza di flegma) in parte ambientali (climatici, alimentari, fisici) Egli equipara le ovaie ai testicoli, ignorando quindi che il concepimento deriva dalla fecondazione dell uovo femminile da parte del seme maschile. La terapia galenica si basa sul principio dei contraria contrariis ( curare il freddo col caldo etc.) Nel III-IV sec. il galenismo soppianta completamente tutte le altre scuole di pensiero. GLI ENCICLOPEDISTI LATINI Aulo Cornelio Celso ( I sec. d.c.) Scrisse il De Medicina il solo trattato medico completo che sia stato scritto nella lingua latina. Celso fu il primo ad esprimere il concetto che il bambino non è un uomo in miniatura e che l organismo infantile ha carattere ed esigenze sue particolari. Celso fu un ippocratico. Trattò della dentizione, dei vermi, della epilessia. Propose il taglio del frenulo linguale corto. Fece la prima descrizione dell alopecia areata (area Celsi ) Conclusioni Nell età antica, fino al XVIII sec. la classificazione delle malattie viene fatta sulla base dei sintomi (febbre, tosse, diarrea ) e non su base etiopatogenetica. La terapia è fondata su due elementi fondamentali: 6

7 1) il principio ippocratico della discrasia umorale 2) il benefico intervento della natura nel processo di guarigione (vis medicatix naturae) Dopo la grande opera di Galeno l antica medicina si avvia al declino. LA MEDICINA NEL MEDIO-EVO La medicina e tutta la cultura che proveniva dal mondo greco romano avrebbe seguito, sul finire dell epoca antica, due grandi direttrici provenienti dalla scuola di Alessandria d Egitto, l unica dove veniva coltivata la medicina su basi sistematiche: 1) quella bizantina, cui va collegata quella latina dei territori bizantini di Ravenna; 2) quella siriaco-araba Medicina bizantina I dotti greci di Costantinopoli furono i soli continuatori della tradizione culturale classica ed ellenistica e la trasmisero in Oriente e in Occidente. Il passaggio della medicina ellenistica a quella bizantina è segnato dall attività di ORIBASIO ( ), autore di quel grande Corpus della Medicina che prese il nome di Sinagoghè, che comprendeva tutto lo scibile da Ippocrate a Galeno con pregevoli nozioni di pediatri e puericoltura prese quasi intergralmente da Ippocrate, Sorano e Galeno Ezio di Amida ( V-VI sec ),della scuola di Alessandria, scrisse un trattato in 16 libri( Tetrabiblion ) con un trattatello dedicato alle malattie dei bambini ( febbri e difterite ), preso dai classici, ma pieno di superstizione e formule magiche. Alessandro di Tralles ( ) Scrisse un trattato di medicina in 12 libri nei quali fuse i concetti dottrinali dei suoi predecessori con i frutti della sua lunga esperienza pratica, acquisita al letto dei malati. (disturbi degli occhi, febbre e vermi intestinali). Paolo di Egina ( ) Fatto prigioniero dagli Arabi ad Alessandria vi restò influenzando colla sua opera e i suoi scritti la medicina araba. Scrisse un trattato di medicina in sette libri più due perduti, che è una rielaborazione degli scrittori precedenti. Fu tradotto dagli Arabi e fu molto seguito nel Rinascimento. Descrisse la tracheotomia, ma si occupò più strettamente di pediatria trattando della dentizione, delle convulsioni,delle afte, della stipsi. Aronne, coevo di Paolo di Egina, descrisse il vaiolo nel suo compendio di medicina MEDICINA SIRIACO-ARABA La civiltà araba domina il pensiero scientifico dal Medio-evo per quasi sei secoli. Itinerario storico Nestorio e seguaci, condannati per eresia dal Concilio di Efeso, nel V secolo si ritirano nella Mesopotamia, in Siria e Persia portando con sé i vecchi testi da Costantinopoli ediffondendo lo studio della lingua e della cultura greche. Nell VIII secolo avvenne la trasfusione della cultura medica classica nell Oriente islamizzato ad opera dei dotti medici cristiani ed ebrei. Il primo siriano che scrisse in arabo fu Mesuè il vecchio, di Damasco, medico a Bagdad, noto in Occidente col nome di Giovanni Damasceno, il più illustre dei traduttori fu Humain Ibn Ishaq ( IX sec.), detto da noi Giovannizio. 7

8 RHAZES (IX-X sec.) Persiano. Practica puerorum Prima monografia dedicata esclusivamente alle malattie dell infanzia. Fece testo per 4 secoli e servì da modello fino al nostro Rinascimento. De variolis et morbillis (opera originale ) Primo studio clinico sulle malattie esantematiche. La varicella era considerata una manifestazione attenuata del vaiolo. Nel quadro nosologico del morbillo era incluse rosolia e scarlattina. AVICENNA ( X-XI SEC.) Turkestan Definito il più vasto organizzatore della scienza che sia apparso nell Islam. Il Canone è una poderosa compilazione elaborata sui testi dell antica sapienza greca. Dominò per 5 secoli l insegnamento e la pratica della medicina in Europa. Avicenna tratta del vaiolo e del morbillo ( che comprende tutte le malattie esantematiche ) Insiste sulla puericoltura prenatale: Prendete cura del bambino quando è ancora nel grembo materno; evitate qualsiasi danno allo sviluppo del suo corpo; fate che il sangue della madre, dal quale il neonato prende la sostanza per la sua formazione, sia sempre mantenuto puro.. E sulla scelta e il governo della balia. I medici arabi di Spagna Albucasis (Cordova XI sec. ) Avenzoar (Siviglia XII sec. ) Averroè (Cordova XII sec. ) Serapione il giovane (XII-XIII sec. ) Moseè Maimonide, israelita (Cordova XII-XIII sec. ) Costantino Africano (Numidia XI sec. ) Conoscitore della lingua e cultura latina e araba, dopo unnlungo peregrinare in cerca del sapere in Egitto, nell Iraqe forse in India, porta con sé in Italia molti libri di medicina e di altre discipline a Montecassino e nella Scuola di salerno, di cui diventa il massimo protagonista. Gerardo da Cremona (XI sec. ) Riprende in Toledo (tornata cristiana nel 1089), insieme ad altri dotti, l opera di Costantino Africano. Dalla Spagna si verifica il passaggio in vesti latine del patrimonio scientifico arabo e, con esso, il ritorno alla patria di origine, l Europa, dei testi medici, in buona parte smarriti, dell antichità, arricchiti e rinnovati dagli Arabi. Il meccanismo è stato il seguente: gli Ebrei traducono i testi arabi (a loro volta tradotti dal greco alessandrino ) in mozarabico, che è un misto di lingua romanza e di arabo. Il mozarabico è la lingua volgare parlata dai cristiani della Spagna musulmana. I dotti cristiani traducono a loro volta dal mozarabico al latino Medicina monastica 8

9 Nel mondo Occidentale cristiano del Medio Evo la medicina regredisce al livello di quella teurgico sacrale del periodo arcaico. La malattia è un castigo di Dio. Si arrivò all eccesso della proibizione imposta da San Bernardo di Chiaravalle ai monaci cistercensi di studiare libri di medicina e di vietare l uso di tutti i rimedi diversi dalla preghiera. Più illuminato fu San Benedetto che obbligò i menbri dell ordine a studiare le scienze e soprattutto la medicina, trasformando l abbazia di Montecassino nel più importante centro di studi del Medio- Evo, oltre che importante scriptorium ove abili ed instancabili amanuensi trascrivevano le opere antiche, per conservarle e tramandarle fino a noi. Da ciò nacque ben presto un sistema assistenziale, basato sulla carità cristiana e suggerito da san benedetto nella sua Regola, che prevedeva l assistenza e il ricovero degli infermi, con la nascita delle prime infermerie dei monasteri, primo embrione dei futuri ospedali. L abate Bertario da Montecassino fu egli stesso un medico famoso. Sempre nell alto medio Evo anche Fulda in Germania divenne un importante centro di studi medici, ad opera del teologo Rabano Mauro. Nel IX secolo, per iniziativa dell imperatore Carlo Magno, la medicina fu inclusa nei corsi di studio delle scuole delle cattedrali. Scuola Medica Salernitana in quanto ad essere favorite sono solo quelle donne residenti nella città sede della Scuola o coloro che abbiano un Magister medicinae et scientiae nell éntourage familiare. (Non a caso quasi tutte le donne medico che noi conosciamo sono imparentate a medici) Tale ultimo evenienza si realizza in genere allorchè l insegnante abbia interesse a istruire il congiunto e precisamente nel caso di assenza di un figlio maschio cui affidare la clientela, di un eventuale trasmissione di segreti di cura da rimanere in ambito familiare ovvero quando la presenza di una dottoressa risulti più che mai opportuna come nella diagnostica e nella terapia della patologia ginecologica ove sussiste il naturale turbamento del pudore. Comunque, almeno fino alla seconda metà del XIV secolo uomini e donne possono frequentare senza problemi di natura giuridica gli insegnamenti privati di uno o più Maestri, perché a Salerno, a dirla con la Boggi Cavallo, La donna conserva il rispetto delle origini, condivide eventi e gesta degli uomini, partecipa alle battaglie, esercita l arte sanitaria come medico e come operatrice di salute. La pratica medica delle donne salernitane (Mulieres salernitanae) e soprattutto le ricette e i rimedi sono più volte citati e adottati negli scritti della Scuola. Tutte le donne medico fiorite nel periodo angioino e aragonese risultano in possesso della licenza rilasciata dal sovrano previo esame. Del periodo antecedente purtroppo non è stato possibile recuperare alcuno attestato e soprattutto quello di Trotula, la più famosa di tali medichesse, la cui identità professionale, medico, levatrice,infermiera resta ancora un mistero. E stata affacciata l ipotesi che gran parte dei documenti del primo periodo della Scuola sia stata distrutta o asportata dalla soldataglie di Enrico VI, padre di Federico II, allorchè mise a sacco la città nel 1194 nel conflitto dinastico normanno svevo. La prima e la più nota di queste medichesse è per l appunto Trotula. Donna famosa ai suoi tempi, di nobile lignaggio e di grande ingegno, in grado di sfidare con la sua gagliardia dialettica e dottrinaria i migliori eruditi del tempo. De Renzi riporta l episodio di Rodolfo Malacorona, citato da Orderico Vitale,monaco cassinense autore di una Storia Ecclesiastica, che lo definisce uomo estremamente erudito in grammatica, dialettica,astronomia e musica, ma soprattutto in scienze fisiche, cioè in medicina. Costui amava girare per le Scuole d Europa e confrontarsi con i migliori dotti dell epoca, superandoli tutti immancabilmente. Nel suo peregrinare raggiunge nel 1059 Salerno, sede di antiche e prestigiose scuole di medicina. Qui si cimenta in erudizione con molti Maestri senza che nessuno riesca a tenergli testa, tranne una sapiente signora, che per una serie di considerazioni ed elementi tutti gli studiosi identificano in Trotula. 9

10 Nata intorno al e morta nel 1097 secondo i Registri delle Morti della Cattedrale, appartiene alla nobile famiglia dei de Ruggiero, quella stessa che donerà a Roberto il Guiscardo i terreni per l erigendo Duomo. Sposa Giovanni Plateario senior da cui ha Giovanni junior e Matteo, tutti ragguardevoli esponenti della medicina salernitana. E citata più volte con deferenza da illustri Maestri dell epoca come Cofone, autore del primo libro di anatomia, Anathomia porci, Giovanni da Rodi, Bernardo Provenzale, Pietro Ispano. Insegna a Salerno e scrive vari testi scientifici tra cui il De mulierum passionibus ante in et post partum, l unico pervenutoci e primo e fondamentale trattato di ostetricia e ginecologia di epoca medievale, un testo che tiene cattedra per quattro secoli fino al XV sec. Trotula vive un grande momento storico: l epoca di Gisulfo II, ultimo principe longobardo ( ), che fregia le sue monete con il motto: Opulenta Salernum, e poi quella dell avvento dei normanni con Roberto il Guiscardo. E testimone della costruzione del Duomo ( ), della sua consacrazione ad opera di Gregorio VII (1085), dell esilio di questo pontefice ( ), è contemporanea di Alfano I ( ), arcivescovo,poeta e medico, nonché di Costantino l Africano ( ). Insomma è partecipe di un periodo eccezionale per l Hippocratica Civitas. Il nome di Trotula probabilmente non è che il diminutivo di Trotta o Trocta, utilizzato dagli studenti per indicarne il trattato di Ostetricia, così come la Chirurgia di Ruggero era chiamata Rogerina e quella di Rolando Rolandina. Per comune consenso degli studiosi l opera in nostro possesso non è che una collazione di scritti tratti da appunti di lezioni dell Autrice. Una conferma ci viene proprio da un passo del testo ove è riferito un intervento personale di Trotula su una ragazza per un problema ginecologico. Nel brano è scritto letteralmente: Trotula venne definita da tutti maestra nel porre rimedio a ciò (Unde communiter Trotula vocata fuit quasi magistra operis). La prima pubblicazione a stampa del De mulierum, curata da Giorgio Kraut, vede la luce a Stoccarda nel 1544, seguita da quella aldina a Venezia nel Gli studiosi che oltre De Renzi maggiormente e più recentemente hanno approfondito la vita e l opera di questo personaggio sono da ravvisarsi negli americani J.F. Benton e Margherita Green nonchè nella nostra Pina Boggi Cavallo. Nel De Mulierum passionibus sono condensati una serie di ammaestramenti, di regole e di rimedi rivolti alla gestante, alla partoriente e alla puerpera ai fini di una buona riuscita della gravidanza. L ultima parte del testo, ritenuta un opera a se stante (De ornatu), riguarda una serie di suggerimenti atti a ricostruire il benessere fisico e psichico della donna e del suo bambino. E proprio in questo trattato è contenuta la descrizione di alcuni metodi, alcuni accorgimenti atti a preservare la salute del neonato e del bambino, uno spaccato di procedure comunemente eseguite all epoca (siamo nell XI sec.), in quanto comportamenti evidentemente validati dall esperienza. Ne riportiamo qualcuno: - Il cordone ombelicale sia reciso a tre dita dall addome (ligetur umbilicus tribus digitis a ventre mensuratis Cap.XVIII) - Appena nato si tenga il bambino con gli occhi coperti e non lo si esponga in luoghi luminosi. (In principio nativitatis oculi cooperiendi sunt, et summopere cavendum est ne sit il loco lucido Cap.XVIII). - Il bambino venga spesso strofinato e tutte le sue membra vengano racchiuse in fasce affinchè crescano dritte (Puer praeterea saepe est fricandus et quaelibet eius membra in una quaque parte fascia sunt retinenda et iungenda et rectificanda sunt eius membra Cap.XVIII) 10

11 - Vicino a lui si pronuncino cantilene e parole facili, mai cantare con voce aspra o rauca (Coram eo cantilenis et facilibus utendum vocibus, nec asperis vocibus cantandum neque raucis- Cap.XVIII) - La nutrice deve essere giovane, di colorito chiaro, bianco e rosso, non troppo vicina né troppo lontana al parto, non deve avere mammelle troppo piccole né troppo grandi, ma il petto ampio e sia moderatamente grassa (Iuvenem oportet esse nutricem, clarum colorem cum albedine et rubore permixtum habentem, quae non sit partui vicina neque multum a partu remota, neque nimis grossas habeat mammillas; pectus amplum, pinguis sit mediocriter Cap.XIX) - Quando è giunto il momento di mettere i denti, gli si strofinino ogni giorno le gengive con burro e grasso di gallina e le si ammorbidiscano con acqua d orzo (Cum tempus nativitatis dentium venerit, gingivae singulis diebus cum butyro et axungia gallinae saepe fricanda sunt et aqua ordei linienda Cap.XVIII). - Quando comincerà a mangiare si diano al bambino dei bastoncini a forma di ghianda fatti di zucchero e simili e latte, da poterli tenere in mano e giocarci, succhiarli e inghiottire qualcosa (Cum tempus advenerit in quo comedere incipiet, danda sunt infanti magdaleones ad modum glandis, facti de zuccaro et similia ac lacte, quos possit in manu tenere et cum eis ludere et de eis sugere et aliquid transglutire Cap.XVIII ) - Lo si nutra con petto di pollo, di fagiano e di pernice e quando ha cominciato a mangiare bene, si cominci a sostituire il latte delle mammelle, non permettendo che la notte succhi e osservando bene che non venga svezzato nella stagione calda (Caro quae est in pectore gallinarum et phasianorum et perdicum est ei tribuenda. Et postquam bene capere coeperit, mammillarum substantiam mutare incipiens, eas in nocte sugere non permittatur, bene observando ne tempore calido a lacte removeatur Cap.XVIII). Per farlo parlare correttamente, ungi il palato con miele e le narici con acqua calda (Et ut rectius loquatur unge palatum cum melle et nares cum aqua calida Cap.XVIII). Per la malattia dei bambini quale può essere una tosse violenta così interveniamo: prendi issopo e timo, fai un decotto col vino e dà da bere. Oppure stemperiamo bacche di ginepro con vino e diamo da bere (Passioni puerorum,quae est quasi tussis acerrima, sic subvenimus: accipe hysopum,serpillum et in vino decoque et da ad bibendum. Vel grana iuniperi distemperamus cum vino ed damus ad bibendum Cap XXV). Quando nei bambini compaiono piccole pustole, bisogna romperle con sale tritato e fasciare affinchè guariscano. A questi bambini non bisogna dare cibi grassi o dolci. (Quando pustulae nascuntur pueris parvae, tunc illae cum sale trito solvi debent et cum fascia ligari ut resolvantur. Quibus pueris nec unctuosa neque dulcia dari debent Cap.LI) Studi specifici sulle malattie infantili son fatti risalire a Paolo Bagellardi da Fiume, estensore di un libro De regimine infantiae, pubblicato a Padova nel 1472, ristampato dal Sudhoff sulla celebre rivista Janus e commentata dal Simonini,pediatra della scuoladi Modena nel Per quanto riguarda le altre dottoresse di Salerno, scrive Antonio Mazza, priore della Scuola nel XVII sec, nel suo Historiarum epitome de rebus salernitanis confermando questa singolare 11

12 tradizione: Fiorirono, insegnando nello Studio patrio e discettando in cattedra Abella,Mercuriade, Rebecca (Floruere igitur in Patrio Studio ac in Cathedris disceptando Abella, Mercuriadis, Rebecca ) Per quanto riguarda Abella si sa essere vissuta nel XIV sec. e sembra che abbia scritto su temi non proprio adatti per una donna dell epoca, come il De natura seminis humani, il che testimonia il notevole grado di emancipazione raggiunto dal sesso femminile. Su Rebecca Guarna si sa poco; membro di un illustre famiglia di Salerno, quella stessa che ha dato i natali all arcivescovo,medico e storico insigne Romualdo Guarna. I suoi scritti riguardano argomenti sulle febbri, sull embrione, sulle urine, una felice sintesi di quella che è la concezione biologica della medicina salernitana. Di Mercuriade ci è giunto solo qualche cenno. Sembra abbia redatto dei testi sui veleni, sulla peste, sulla cura delle ferite, sugli unguenti. Il Mazza riferisce ancora di Costanza Calenda, figlia di Salvatore, priore della Scuola di Salerno prima e poi di quella di Napoli, vissuta nella prima metà del XV sec. ai tempi di Giovanna II, donna di rara bellezza, maestra di medicina e di sapienza, sposa del signore Baldassarre di San Mango. Sono donne che si fanno onore sul campo come dottoresse e come autrici di opere scientifiche, tutte maritate e in genere imparentate a medici. La loro fama peraltro non si limita all arco ristretto del loro tempo, ma continua a rimbalzare nelle citazioni deferenti e ammirate di più di uno storico dell età moderna. Così nella Descrittione del Regno di Napoli di Scipione Mazzella, edito nel 1601, dove molti nomi di illustri maestri salernitani sono invece ignorati. Lo stesso dicasi per l opera Il Regno di Napoli in prospettiva di Enrico Bacco Alemanno, pubblicato nel 1620 ed ancora nella Breve descrittione del Regno di Napoli di Cesare D Engenio, apparso nel 1645, ove l A. si sofferma soprattutto sulla figura di Trotula. E così via,via da Ottanio Beltrano in un altra Descrittione del Regno di Napoli del 1671 fino a Giuseppe Maria Alfano nella Istorica descrizione del Regno di Napoli del 1798 Di seguito riportiamo il nome di alcune dottoresse con il relativo anno di conseguimento della licentia praticandi. Abilitate all esercizio della chirurgia: Abilitate all esercizio della medicina Francesca Romana 1321 Venturella Cisinato 1322 Maria Incarnata 1330 Sibilla d Afflitto 1338 Mobilia Scarpa 1338 Donna Cusina 1404 Bella di Paija 1414 Tommasia Castroisaia 1419 Abella Salernitana 1350 Raimonda di Taverna 1345 Vidimura 1376 Costanza Calenda 1423 Rebecca Guarna? Mercuriade? 12

13 Delle tante altre medichesse che si sono prodigate nel campo della medicina ci rimangono purtroppo solo dei nomi, alcuni dei quali riportati dalla Boggi Cavallo, come Margherita, Vigorita, Polisena, Grazia, Gemma, Adelicia, Gallicia, Clarice, Francesca, la maggior parte delle quali licenziatesi durante il periodo angioino (XIV sec.). Con il moltiplicarsi e il consolidarsi delle Università, fenomeno che si accompagna alla graduale scomparsa delle scuole private e all esclusivo conferimento delle licenze da parte dei Collegi medici universitari, la presenza delle donne medico si azzera. Ciò si spiega con l impossibilità delle donne di frequentare regolari corsi di studio universitari, resi peraltro obbligatori e ciò in considerazione della loro condizione sociale, della forma mentis e dell angolazione culturale dell epoca ove il pregiudizio è sempre molto forte e i costumi e la convenienza rigidi sotto il profilo formale. Resta il fatto che la posizione della donna a Salerno, almeno fino al sec. XV, è tale da rappresentare una sfida ad un occupazione da sempre e ovunque riservata agli uomini, ma evidentemente la suggestione del discorso erudito, la maestria della tecnica, la disinvoltura del comportamento, l entusiasmo per la ricerca e per il gusto letterario sono qualità saldamente in mano alle esponenti del gentil sesso. Sono anche queste figure, emerse lungo iul cammino della medicina medievale e distintesi sulle altre per vigore d impostazione e per impronta innovativa, a dare alla Scuola lustro e collocazione nella storia. Assieme a Costantino, a Ruggiero e ai Plateario hanno rappresentato di essa lo spirito limpido e originale. Ed infatti quando tale spirito impallidirà e i contrassegni distintivi verranno meno per influenze estranee ai principi ispiratori primevi, inizierà la decadenza, un agonia lunga e deprimente, che durerà molti secoli. E mentre le medichesse scompaiono ecco apparire le ciarlatane empiriche, ma bisognerà aspettare il XIX sec. per vedere finalmente di nuovo una donna addottorarsi presso un Università. Questa donna è Elizabeth Blackwell ( ), prima nella storia moderna a conseguire la laurea in medicina nel 1849 presso il Geneva College of Medicine di New York., nel clima di un ritrovato riconoscimento della parità dei sessi. Dalla Blackwell in poi è stato un assistere trionfale alla riscossa della donna quale operatrice professionale e quale medico, una riscossa prorompente, esaltante persuasiva, spesso, molto spesso vincente sul piano della sfida intellettuale. Co-Autori De Renzi (Storico della Scuola Medica Salernitana Giuseppe Lauriello (Scuola Medica Salernitana) Boggi Cavallo (Storica Scuola Medica Salernitana) 03 Giugno

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 Interventi -------------------------------------------------------------------------------------------------------- FRANCESCO E LA CHIESA DEL SUO TEMPO

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E I N T R O D U Z I O N E L'imperatore turco Ulugh Bey ( 1393-1449), eminente scienziato, fece scolpire sulle facciate delle università da lui fondate a Bukhara e a Samarkanda il detto del Profeta Maometto:

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

una chiave di lettura

una chiave di lettura LA SCIENZA NEL MEDIO EVO TRA OXFORD E PARIGI una chiave di lettura Alberto Strumia CIRAM - Università di Bologna Dipartimento di Matematica Università di Bari I L M E D I O E V O L U N I T À D E L S A

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli