Le modalità del parto (in acquea, con analgesia perdurale, in posizione alternativa a quella tradizionale)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le modalità del parto (in acquea, con analgesia perdurale, in posizione alternativa a quella tradizionale)"

Transcript

1 COSA SI INTENDE PER PARTO A SCELTA? La possibilità per la donna di scegliere la sede, le modalità, le condizioni ambientali e le principali procedure assistenziali e di supporto dal momento del ricovero per il parto fino al momento della dimissione: infatti non ci può essere un metodo rigido per partorire, perché ogni donna reagisce diversamente davanti alla vita, davanti al bambino, davanti al dolore. Proporre a tutte un solo modo di partorire è privo di logica e espressione di una totale mancanza di conoscenza della psicologia della donna, della gravidanza, dei significati umani e culturali del parto. La responsabilità di tutti coloro che sono coinvolti nell assistenza dovrebbe essere quella di ottenere un giusto equilibrio tra obbiettività scientifica e attenzione ai desideri della donna. Gli ambiti di scelta riguardano: La sede del parto (domicilio, casa del parto, ospedale) Le modalità del parto (in acquea, con analgesia perdurale, in posizione alternativa a quella tradizionale) Le principali opzioni assistenziali Le richieste più frequenti che riceviamo presso l U.O. di Ostetricia Ginecologia 1 dell Ospedale di Lodi, dove è possibile presentare un birth plan, ovvero una pianificazione del parto contenente i desideri espressi dalla donna, sono le seguenti: Preferisco evitare un clistere e la depilazione dei peli pubici. Vorrei potermi muovere e cambiare posizione. Vorrei poter assumere liquidi per bocca. Preferirei ridurre al minimo il numero delle visite vaginali. Vorrei poter sentire la mia musica preferita durante il travaglio. Vorrei rimanere in un ambiente il più tranquillo possibile. Vorrei che le luci fossero tenute basse. Non voglio un idratazione endovenosa a meno che non sia indispensabile. Vorrei portare occhiali o lenti a contatto se cosciente. Non desidero che mi vengano rotte artificialmente le membrane a meno che segni di sospetta sofferenza fetale rendano necessaria una registrazione interna. Preferisco tentare i cambiamenti di posizione e altri metodi naturali (deambulazione, stimolazione del capezzolo) prima di usare l ossitocina. Non desidero un monitoraggio continuo se non richiesto dalle condizioni del feto. Non desidero un monitoraggio interno a meno che il bambino non mostri segni di sofferenza.

2 .Non desidero nessun tipo di analgesia durante il travaglio, ma mi piacerebbe che fosse disponibile a richiesta. Prima di considerare un epidurale vorrei provare un analgesico per via generale. Vorrei un epidurale standard. Vorrei un epidurale mobile. Mi piacerebbe che mio marito e/o le infermiere sorreggessero me e le mie gambe se necessario durante le spinte. Anche se sono a dilatazione completa, se il bambino sta bene, vorrei aspettare fino a che non sentirò il desiderio di spingere. Vorrei uno specchio disponibile per poter vedere la testa del bambino quando è incoronata. Mi piacerebbe avere riprese foto video durante il travaglio e/o il parto. Non desidero che vengano effettuate riprese foto/video durante il mio travaglio o parto. Desiderei che fossero presenti durante il travaglio e il parto delle persone di supporto a mia scelta. Preferirei che nessuno studente, interno, specializzando o comunque nessuna persona nonessenziale fosse presente durante il mio travaglio o parto. Mi piacerebbe scegliere la posizione in cui partorire, compreso quella accovacciata. Vorrei provare a partorire carponi. Preferirei non avere un episiotomia se non assolutamente richiesto per la sicurezza del bambino. Preferirei un episiotomia piuttosto che una lacerazione. Vorrei usare il massaggio perineale per tentare di evitare un episiotomia. Se non assolutamente necessario, vorrei evitare un taglio cesareo. Se viene posta un indicazione al taglio cesareo, vorrei avere una seconda opinione da un altro medico, se il tempo lo consente. Mi piacerebbe che mio marito fosse presente durante tutte le fasi del taglio cesareo. Vorrei avere un anestesia loco regionale. Vorrei vedere la nascita e quindi vorrei che i teli davanti a me fossero abbassati. Se il bambino sta bene vorrei poterlo vedere e toccare subito dopo la nascita. Se il bambino dovrà essere preso e sottoposto a trattamenti medici, desidero che venga accompagnato da.. Preferirei tenere il bambino piuttosto che metterlo sotto fonti di calore.

3 Non desidero iniezioni routinarie di ossitocina per favorire il secondamento. Vorrei dilazionare la medicazione oculare a un paio d ore dopo la nascita. Dopo la nascita preferirei urinare spontaneamente prima di essere cateterizzata. Mi piacerebbe donare/conservare il sangue del cordone. Mi piacerebbe vedere la placenta dopo che è stata espulsa. Vorrei che il bambino venisse messo sulla mia pancia immediatamente dopo la nascita. Vorrei tagliare (o vorrei che mio marito tagliasse) il cordone. Preferirei che il cordone venisse tagliato solo dopo che ha smesso di pulsare. Vorrei tenere il bambino durante il secondamento e l eventuale sutura. Vorrei tenere il bambino per almeno un quarto d ora prima che sia fotografato e visitato. Vorrei che il bambino venisse visitato e lavato in mia presenza. Se non richiesto per motivi medici, vorrei che non venisse dato il biberon a mio figlio (neppure con acqua). Non voglio che a mio figlio vengano dati sedativi. Vorrei una camera privata, se possibile. Non voglio essere separata da mio figlio, se non per motivi medici. Vorrei avere il bambino sempre con me (rooming in). Vorrei avere il bambino con me dopo essermi ripresa. Vorrei avere il bambino con me di giorno ma non di notte. Vorrei avere il bambino con me di giorno e non di notte, ma portato per allattarlo al seno. Ho programmato di allattare al seno e vorrei iniziare il più presto possibile. Non ho programmato di allattare al seno. Vorrei più informazioni sull allattamento al seno. Noi accettiamo tutte le richieste o quanto meno accettiamo di discuterle, inclusa la richiesta di taglio cesareo su richiesta materna, ovvero non giustificato da alcuna motivazione medica: In questo caso tuttavia facciamo firmare alla donna un consenso nel quale viene chiaramente illustrato ciò che deriva dalla letteratura scientifica a proposito del taglio cesareo, ovvero che: Come qualsiasi intervento chirurgico, anche il Taglio Cesareo comporta qualche rischio e qualche imprevisto. I più frequenti sono la possibilità di una perdita di sangue maggiore del previsto ed episodi febbrili, flebiti, tromboflebiti e ritardo nella canalizzazione. Questa evenienza in 1 caso su può rendere necessario un secondo intervento chirurgico. Anche la funzione urinaria può stentare a riprendere, dopo aver tolto il catetere.

4 Esistono poi le complicanze legate alla sutura (infezioni, deiescenza). Queste complicanze sono 4 volte superiori rispetto al parto vaginale. La mortalità materna, sia pur rarissima (si parla di 1/7.000) è più elevata a seguito di taglio cesareo rispetto al parto vaginale Non risultano sostanziali e sicuri benefici sul benessere feto-neonatale. 24/24 h e 365 giorni all anno la sala parto è in grado di soddisfare le richieste, inclusa la donazione o la conservazione autologa del sangue del cordone ombelicale per la raccolta delle cellule staminali. Abbiamo accettato anche richieste poco frequenti come quella del Lotus birth, modalità di parto che prevede il mancato taglio del cordone ombelicale lasciando la placenta attaccata al neonato nei promi giorni di vita fino al suo spontaneo distacco. Quando analizziamo l assistenza alla nascita e consideriamo in particolare il parto non possiamo non tener presente che la nostra pratica è fortemente influenzata dalla nostra cultura; per semplicità distinguiamo due prospettive culturali di assistenza: la prima considera centrale il ruolo e la figura della donna, l altra la cultura biomedica. Nella visione centrata sulla donna la gravidanza e il parto vengono considerati nella maggior parte dei casi a priori un processo normale, mentre nella prospettiva biomedica una gravidanza e un parto vengono considerati normali solo a posteriori. Gli operatori che danno centralità alla donna cercano di capire e assecondare la fisiologia, lavorano con la donna, cercano la relazione con lei. Nella prospettiva biomedica vi è sottesa la convinzione che l uomo possa migliorare il processo spontaneo, ogni gravidanza viene considerata potenzialmente a rischio e si dichiara che la fisiologia esiste solo dopo che tutti i controlli risultano normali. L Organizzazione Mondiale della Sanità (1996) ha scritto: Il fine di una moderna medicina perinatale è quella di ottenere una mamma e un bimbo in perfetta salute con il livello di cure più basso compatibile con la sicurezza. In una gravidanza fisiologica bisogna trovare una buona giustificazione prima di mettere in atto qualsiasi intervento ostetrico. Quattro sono i motivi principali: la nascita è un evento in prima istanza affettivo e sociale, solo secondariamente medico. Quindi la medicina deve cercare di non essere la principale attrice protagonista, ma deve intervenire solo quando necessario; la maggior parte delle nascite ha un evoluzione completamente normale anche senza un nostro intervento; gli studi clinici controllati hanno dimostrato che una procedura che è utile nella patologia, può essere invece inopportuna nella fisiologia: non si deve dimenticare che ogni atto medico se è efficace non può non avere anche degli effetti collaterali; se nell assistenza alla donna, nell accompagnarla, non solo nel parto ma anche in gravidanza, usiamo poche interferenze esterne e poche procedure mediche, di fatto confermiamo la competenza della madre a mettere al mondo un figlio con le sue risorse (Anita Regalia). D altro canto quello che differenzia il bravo operatore da quello meno bravo spesso non è la competenza tecnica in senso stretto, ma la sua capacità di intervenire nel modo più opportuno al tempo giusto.

5 Nel 1996, sulla base delle reviews pubblicate in Effective care in pregnancy and childbirth ed in The Cochrane pregnancy and childbirth database, un technical working group del Maternal and newborn healt/safe motherhood unit e Family and reproductive healt dell OMS ha pubblicato un report. Questo documento identifica gli obbiettivi dell assistenza alla nascita fisiologica, indipendentemente dal paese o dalla regione geografica ed indipendentemente dalla sede, dalle caratteristiche o dal livello del luogo in cui avviene il parto. Il documento richiama esplicitamente le raccomandazioni del 1985, rilevando come numerose delle procedure giudicate per la loro frequenza inappropriate dal precedente rapporto vengano comunemente e ampiamente utilizzate, nonostante la crescente importanza attribuita alla cosiddetta Medicina delle Prove di Efficacia. Il documento del 1996 riesamina, alla luce delle conoscenze attuali, il ruolo delle diverse procedure nell assistenza al parto fisiologico. In questo documento Viene definito normale o fisiologico il parto che inizia spontaneamente, a basso rischio all inizio del travaglio e che si mantiene tale per tutto il travaglio di parto. Il feto viene espulso spontaneamente, in presentazione di vertice, fra la 37 e la 42 settimana completa di gestazione. Dopo la nascita la madre e il figlio godono di buona salute. Inoltre, alcune di queste raccomandazioni si applicano anche all assistenza di gravide ad alto rischio, dal momento che molte hanno un decorso normale del travaglio di parto. Lo scopo dell assistenza nel parto fisiologico viene definito come raggiungere l obbiettivo di madre e figlio in buona salute con il livello minore di intervento compatibile con la sicurezza. Questo approccio implica che nel parto fisiologico deve esistere una valida motivazione per interferire con la evoluzione naturale. Ciascuno per le proprie competenze (medici, ostetriche, personale di supporto, familiari) deve collaborare affinché si instauri attorno alla partoriente un clima intimo, sereno, che non interferisca con il ritmo naturale del travaglio e del parto. LE FASI DEL TRAVAGLIO Gli operatori devono convenire che il travaglio è un viaggio individuale, ritmico, molto complesso, dove c è dentro il vissuto emozionale, la capacità di apertura, l ambiente, il temperamento e stato del bambino, fattori della salute. Ed il tempo è scandito da questo processo così unico e personale di ogni donna con un ritmo emozionale, temporale e comportamentale. Caratteristica delle contrazioni nelle diverse fasi del travaglio Ritmo di base: ad ogni contrazione, dall inizio del travaglio fino alla fuoriuscita della placenta dopo la nascita del bambino, segue una pausa fatta per il recupero delle energie. Altri ritmi seguono: attenzione e completo abbandono, momenti di dinamica intensa e rallentamenti, silenzi ed espressione della voce, sensazione di non farcela e massima espressione della forza. E questo il movimento dinamico del travaglio.

6 Fase latente Contrazioni brevi ed irregolari, durano meno di 60 con appianamento e scomparsa del collo uterino. E il primo incontro con i dolori del parto. Può durare da poche ore a due tre giorni. Questo periodo serve anche al bambino per adattarsi e iniziare a produrre gli ormoni difensivi per la nascita. 1.a fase del periodo dilatante le contrazioni sono ritmiche, di durata superiore ai 60, ad intervalli inferiori o uguali ai 5 minuti, il collo è appianato e la dilatazione da 2 a 5/6 cm. Durante la contrazione la donna è concentrata e assorbita nella pausa vigile; c è alternanza tra la presenza dell IO e l abbandono al dolore, tra l istinto di autoconservazione e l aprirsi al bambino. La donna cerca attivamente di adattarsi al dolore, ricerca spontaneamente posizioni e mezzi per sopportarlo meglio. Il tempo di questa fase è molto variabile; il controllo razionale può influenzare questo momento, il travaglio si potrebbe fermare se intervengono distrazioni, persone non adeguate, trasferimenti ambientali. Prima fase di transizione Si osserva tra i 5/7 cm. E un adattamento istintivo al progredire del travaglio. L organismo della donna può reagire con un istinto chiamato attacco-fuga per una maggior apertura al bambino. Se è attacco la dinamica uterina aumenta in modo violento, accompagnato da vomito, crisi di pianto, rabbia. E rapido ed è molto importante il sostegno, l intimità, la protezione, l incoraggiamento. Se è fuga prende tempo, c è un rallentamento del travaglio per accumulare energia, potrebbe dormire, chiedere di mangiare, fare una doccia o semplicemente aspettare. La fuga può durare da mezz ora a due ore o più e il travaglio riprende spontaneamente quando è pronta. Seconda fase del periodo dilatante Dai 6/7 cm alla dilatazione completa. Il travaglio non può più essere interrotto. La donna si trova in una specie di trance indotta dagli ormoni, c è apertura totale, resa, passività. La donna sta vivendo una personale esperienza dove può incontrare i suoi limiti. Le risorse sono il movimento, l espressione della voce, le ancore, la ricerca di un ambiente protetto, intimo, non disturbato. La durata di questa fase è breve (2-3 ore). Seconda fase di transizione Tra la dilatazione completa e il periodo espulsivo. Anche in questa fase si attiva il sistema di attacco e fuga. Nell attacco i premiti iniziano improvvisi e forti, può avere paura, disorientamento iniziale. Nella fuga le contrazioni rallentano, assenza di premiti. C è bisogno di aspettare finchè sia pronta, a volte 2-3 ore. Quando sarà pronta i premiti inizieranno con espulsione rapida.

7 Periodo espulsivo Inizia con i premiti spontanei, non con la dilatazione completa. La donna è vigile, la spinta è in sintonia con la contrazione. Il rilassamento e la distensione graduale della muscolatura del pavimento pelvico sono graduali alla progressione della testa. In questo momento possono riemergere temporaneamente paure, conflitti tra autoconservazione (trattenimento) e donazione (espulsione). Il tempo è molto variabile, in genere breve, ma può durare anche qualche ora. La spinta spontanea dura 4-6 secondi ed inizialmente sente i premiti solo all apice della contrazione; in seguito, quando il bambino scende di più, i premiti vengono avvertiti durante tutta la contrazione che comincia con la spinta e non più con il dolore. Infine la spinta è irreversibile (il bambino affiora, si vede) e c è il cosiddetto riflesso di eiezione del feto cioè l istinto centrale, irresistibile, di far uscire il bambino. Accoglienza del bambino L OMS dichiara non esiste pratica di routine che giustifichi l allontanamento del neonato dalla madre e raccomanda che questo non avvenga. È importante che il bambino resti con la madre il più a lungo possibile. Si attivano le sue risorse endogene come: l imprinting (registrazione cerebrale della prima immagine vista dal bambino alla nascita e delle percezioni sensoriali) e la promozione attiva del bonding (unione) madre-bambino. E il momento necessario dove si consente alla madre e al bambino di trovare un nuovo equilibrio dopo la separazione fisica del parto, infatti in questo periodo avvengono importanti cambiamenti fisici, emotivi e psicologici. Perché importanti? Perché sono funzionali ai normali processi neuroendocrini che si verificano dopo il parto sia nel corpo della donna che in quello di suo figlio. Appena dopo il parto i livelli di catecolamine sono alti, le pupille sono dilatate, i riflessi sono molto vivaci, il neonato si trova in uno stato di vigile allerta; anche la madre sperimenta un periodo ipersensibile simile, durante il quale è particolarmente recettiva ai bisogni di suo figlio. Se questo momento di primo contatto fra i due viene disturbato, determina delle ricadute negative anche a distanza di molto tempo. Perché una donna possa dare al proprio bambino ciò di cui ha bisogno è fondamentale che al momento del parto non venga separato da lui. Il contatto tra madre e neonato è un contatto di pelle e di sguardo che fornisce ad entrambi il sentimento di appartenenza reciproca e da al bambino il senso di sicurezza necessario per avere fiducia nella madre. Da alla madre la sicurezza che l aiuta a comprendere i segnali del proprio bambino. Una donna che ha potuto vivere questo momento alla nascita di suo figlio corre meno il rischio di maltrattare il proprio bambino e può essere in grado di proteggerlo dai maltrattamenti del padre. L OMS dichiara inoltre il taglio del cordone ritardato o nessun taglio è la procedura fisiologica, il taglio precoce è una procedura invasiva che deve essere giustificata. Nel parto fisiologico non è giustificata. Secondamento In media l espulsione degli annessi fetali avviene circa 30 dopo la nascita. Se si lascia il bambino alla madre l espulsione avviene spontaneamente. La donna avverte contrazioni non dolorose e senso di peso, assecondando la spinta la placenta esce.

8 EVIDENZE SCIENTIFICHE La frequenza delle visite vaginali In Italia nel 70% delle unità operative le donne vengono visitate ogni ora, nel 28% ogni due ore, nel 2% a intervalli un po più lunghi di 2-3 ore. Nel 90% dei casi sui partogrammi non viene segnalata la posizione del feto in travaglio. Cosa dice la fisiologia? Che le posizioni fetali posteriori richiedono tempi più lunghi per espletarsi in un parto normale. Quali sono le evidenze sulla frequenza delle visite in travaglio? Maggiore è la frequenza delle visite, maggiore è la probabilità di mettere in atto procedure acceleranti, di ricorrere all uso dell amnioressi e della perfusione ossitocica. Inoltre il rischio di comparsa di febbre in puerperio è direttamente proporzionale al numero delle visite effettuate in travaglio. L OMS pone come raccomandazione di non effettuare visite in travaglio a distanza inferiore alle 4 ore, in situazioni fisiologiche. Rilevazione del battito cardiaco fetale Nei travagli fisiologici è appropriato l uso dell auscultazione intermittente, senza alcuna registrazione scritta, mentre il monitoraggio continuo, non intermittente, dovrebbe essere utilizzato solo, ma in questi casi sempre, nei travagli a rischio di aumentata mortalità perinatale, acidosi fetale ed encefalopatie ipossico-ischemiche. L utilizzo indiscriminato del monitoraggio continuo vede raddoppiare il numero dei parti cesarei e i parti vaginali operativi. Posizione in periodo espulsivo I dati ISTAT del 2000 ci dicono che il 90% delle donne in Italia hanno partorito in posizione supina. Le evidenze dicono che la posizione supina al parto favorisce la comparsa di alterazioni del battito, aumenta il ricorso all episiotomia e ai parti operativi vaginali. La ricaduta in cifre nel 2000: delle donne italiane che non hanno fatto un cesareo (pari al 90%) hanno partorito in posizione supina e sono state quindi sottoposte a un aumentato rischio di comparsa di alterazioni del battito, di episiotomia e di parto operativo vaginale. Durante il periodo espulsivo, inoltre, per la donna assecondare la sensazione di spinta è istintivo perché la sensazione è molto potente: in presenza di un premito irrefrenabile la madre spontaneamente spinge durante la contrazione per numerose volte e per una durata di 5 secondi per spinta. Gli operatori invece, non permettono alla donna di spingere come le risulta istintivo, ma direzionano la sua modalità di spinta (prendi fiato-chiudi la bocca-spingi in basso). Questa tecnica è finalizzata ad accorciare i tempi spontanei di questa fase del travaglio, senza che questo sia associato ad un miglioramento degli esiti neonatali in quanto non c è un razionale scientifico che giustifichi l adozione di un limite di durata del periodo espulsivo. Gli studi rilevano che quando le spinte materne sono spontanee, l effetto sul battito cardiaco del feto è transitorio e non si prolunga oltre la contrazione. Mentre una spinta prolungata, accompagnata dalla contrazione dei muscoli addominali materni produce un aumento rapido della pressione intrauterina (di 150 a 200 mmhg). Quando si superano i 100 mmhg, la circolazione placentare viene ridotta con conseguente diminuzione dell ossigenazione fetale e quindi si favorisce una sofferenza fetale. Il feto reagisce alla mancanza di

9 ossigeno con sistemi di autoconservazione del tutto innati e se la mancanza di ossigeno dura al di là delle sue capacità, può soffrire di danni a corto o lungo termine. Amnioressi Con la rottura artificiale delle membrane si fa defluire dalla cavità endoamniotica il liquido amniotico che rappresenta un sistema tampone per il feto e una protezione dalle infezioni anche per la madre. Perché le rompiamo? La ricerca dice che praticando in travaglio la rottura artificiale delle membrane in una donna nullipara la lunghezza dello stesso si accorcia mediamente di un ora. Quali le ricadute? Dopo la rottura delle membrane la donna sperimenta più dolore, vengono messi in atto più interventi, se la testa del feto non è ancora flessa è più difficile che si fletta, aumentano le alterazioni del BCF. La manovra di Kristeller Le evidenze scientifiche dicono che non ci sono studi sistematici sul suo utilizzo. E una manovra in uso di routine in Italia, in Grecia e in Turchia, mentre in Inghilterra è stata esplicitamente resa illegale: se viene utilizzata, nei processi penali viene considerata a detrimento dell operato dell operatore. La manovra di Kristeller può determinare delle gravi bradicardie fetali, aumenta il ricorso all episiotomia, aumentano le lacerazioni vaginali, si possono provocare fratture costali e, raramente, rottura d utero. Episiotomia Finora non è stata confermato dagli studi clinici controllati che questa procedura determini i benefici sperati, vale a dire la riduzione delle lacerazioni di terzo e quarto grado, migliorare gli esiti neonatali e ridurre la probabilità di un insorgenza di prolassi a distanza, incontinenza urinaria ecc. In Italia il tasso di episiotomie è del 70%, il tasso consigliato dall OMS per una buona pratica è del 20%. Nel 2001, calcolando la differenza tra il tasso del 70% e il 20% ideale, donne hanno quindi subito un episiotomia inutile e sono state sottoposte ad un aumento iatrogeno della perdita ematica post partum, un aumentata incidenza di incontinenza urinaria e fecale e una maggiore probabilità di dispareunia a distanza. PREMESSE PER LA RIUSCITA DI UNA BUONA NASCITA Gli operatori tutti, medici, ostetriche e infermiere devono operare la massima collaborazione per lo stato ottimale di assistenza E necessario che le ostetriche e i ginecologi si fidino gli uni degli altri E necessario utilizzare la piena abilità delle ostetriche E necessario che le decisioni vengano discusse e prese di comune accordo con la donna E necessario operare un assistenza basata sulle prove

10 E necessario rispettare i tempi fisiologici del parto prima di qualsiasi intervento a fronte di un BCF regolare. Nella nostra sala parto la filosofia del parto a scelta viene seguita da circa 15 anni e probabilmente grazie (anche) ad essa il numero di parti è andato in costante crescita.

> Gravidanza > Parto > Puerperio

> Gravidanza > Parto > Puerperio 1 > Gravidanza > Parto > Puerperio accompagnamento ad una assistenza appropriata 2 1 3 > La gravidanza 4 2 GRAVIDANZA E UN EVENTO BIO - PSICO - SOCIALE 5 BISOGNI BIOLOGICI: RIGUARDANO IL CORPO, QUINDI

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12)

E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 14 luglio 1995) S.C. GINECOLOGIA E OSTETRICIA Linee

Dettagli

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il parto naturale è quello che inizia spontaneamente e che si mantiene tale, senza segni di disfunzione,

Dettagli

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA Nascere 1 COSA NON SI DEVE DIMENTICARE Tessera sanitaria; Codice Fiscale; Cartella della gravidanza con tutti gli esami e le ecografie eseguite. NELLA VALIGIA DELLA MAMMA Camicia

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3121 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI COLONNESE, LOREFICE, GRILLO, SILVIA GIORDANO, LUIGI GALLO, CASO, BRESCIA, CARINELLI, CASTELLI,

Dettagli

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Casa Internazionale della Donna Roma, 24 giugno 2011 INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Ostetrica Antonella Bernardini INTEGRAZIONE OSPEDALE E TERRITORIO L INTEGRAZIONE TRA LE STRUTTURE OSPEDALIERE E QUELLE

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Assistenza Ostetrica

Assistenza Ostetrica Rimini imini 25 Marzo 2011 Amarcord Assistenza Ostetrica nella realtà dell Ospedale Porretta Terme (Bo) AUSL Bologna Ostetrica Anna Lisa Corsellini con la Coll. dell Ost. Ilenia Tugnetti Centro di Fisiologia

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Tecnologia appropriata per la nascita

Tecnologia appropriata per la nascita Tecnologia appropriata per la nascita (Raccomandazioni O.M.S. 9 maggio 1985) Il congresso sulla tecnologia appropriata per la nascita ha prodotto le raccomandazioni che seguono. Queste raccomandazioni

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

Parto dopo taglio cesareo

Parto dopo taglio cesareo Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva UU.OO. Ostetricia e Ginecologia U.O. Aziendale di Pediatria e Neonatologia Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Familiari Parto dopo taglio cesareo

Dettagli

Il parto nella gatta

Il parto nella gatta Il parto nella gatta Al termine del periodo di gestazione la gatta si appresta al parto. Il periodo di gravidanza nella gatta ha durata variabile da 63 a 65 giorni in media (anche se si possono considerare

Dettagli

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno Quando il primo bambino al mondo rise per la prima volta, il suo riso si ruppe in mille frammenti che se ne andarono saltando tutto intorno.

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF.

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF. Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF. NICOLA COLACURCI Il puerperio PUERPERIO Tempo che intercorre tra la fine del

Dettagli

SCELTE PER IL PERCORSO NASCITA

SCELTE PER IL PERCORSO NASCITA SCELTE PER IL PERCORSO NASCITA Il Percorso Nascita individuale è l armonica combinazione tra il programma assistenziale previsto per la gravidanza e le scelte personali della donna. In questa sezione sono

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA A.I.E.D Associazione Italiana Educazione Demografica Sezione Livia Bottardi Milani - Brescia CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA Condotto da: Valentina Cornali, ostetrica Dott.ssa Nadia Ghirardi, psicologa

Dettagli

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L ovulo prima del concepimento: solo uno di questi spermatozoi

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione del neonato,

Dettagli

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Dr.ssa Ost. Monica Vitali San Pellegrino Terme, 31 Marzo 2012

Dettagli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli LIVELLI DI PROVA I L esecuzione di questa procedura è fortemente raccomandata II Prove ottenute da un solo studio randomizzato di disegno adeguato III Prove

Dettagli

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Ostetrica Monica Vitali Lallio, 14 Aprile 2009 1 Obiettivi Identificare

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

Taglio Cesareo: la scelta dell anestesia

Taglio Cesareo: la scelta dell anestesia Taglio Cesareo: la scelta dell anestesia Your anaesthetic for Caesarean section, 1st Ed, March 2003 ITALIAN Circa un bambino su cinque nasce con taglio cesareo e due volte su tre l intervento è imprevisto;

Dettagli

Esecuzione corretta della CTG: errori da non commettere da casi clinici

Esecuzione corretta della CTG: errori da non commettere da casi clinici Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Esecuzione corretta della CTG: errori da non commettere da casi clinici Nicoletta Telleri ASPETTI TECNICI: L esecuzione del tracciato

Dettagli

TITOLO DELLO STUDIO: CLAMPAGGIO AD 1 MINUTO NEL PRETERMINE.

TITOLO DELLO STUDIO: CLAMPAGGIO AD 1 MINUTO NEL PRETERMINE. TITOLO DELLO STUDIO: CLAMPAGGIO AD 1 MINUTO NEL PRETERMINE. CODICE DELLO STUDIO: DATA DEL DOCUMENTO: CENTRO N.: N. DI ARRUOLAMENTO: INIZIALI DEL PAZIENTE: PAGINA N. 1 DI 10 PAGINE Gentili Mamme e Papà,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ZACCAGNINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ZACCAGNINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3670 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ZACCAGNINI Norme per la tutela dei

Dettagli

Il Dolore da Travaglio di Parto: conoscerlo e controllarlo

Il Dolore da Travaglio di Parto: conoscerlo e controllarlo Il Dolore da Travaglio di Parto: conoscerlo e controllarlo U.O. di Anestesia e Rianimazione Clinica Mangiagalli - Milano Terapia del dolore da parto Analgesia non farmacologica Analgesia farmacologica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 fax 0125 641248 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Il Percorso Nascita integrato

Dettagli

NASCERE OGGI NATURALMENTE

NASCERE OGGI NATURALMENTE CAMMINI DI SOBRIETA DOMENICA 23 FEBBRAIO 2014 PERCORSI SULLA SALUTE NASCERE OGGI NATURALMENTE Serena Paris La nascita nel mondo (Safe materhood programme, WHO, 2007) Ogni anno ci sono almeno 3.200.000

Dettagli

GRAVIDANZA, PARTO E ALLATTAMENTO AL SENO

GRAVIDANZA, PARTO E ALLATTAMENTO AL SENO 9 dicembre 2014 Anno 2013 GRAVIDANZA, PARTO E ALLATTAMENTO AL SENO In Italia le donne fruiscono di un buon livello di assistenza durante la gravidanza: è quanto si rileva dai risultati dell indagine sulla

Dettagli

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO INQUADRAMENTO E DEFINIZIONE Le spalle non escono spontaneamente dopo la fuoriuscita della testa del feto e sono necessarie ulteriori manovre ostetriche dopo

Dettagli

Colori di salute Ospedali a porte aperte in occasione della 14 Giornata Nazionale del Sollievo 3 edizione

Colori di salute Ospedali a porte aperte in occasione della 14 Giornata Nazionale del Sollievo 3 edizione Colori di salute Ospedali a porte aperte in occasione della 14 Giornata Nazionale del Sollievo 3 edizione n. 2 anno 2015 1 27 maggio 2015 Rivolgiti agli Operatori Sanitari dell Infopoint - Piano rialzato

Dettagli

Sezione Ticino. Gravidanza

Sezione Ticino. Gravidanza Sezione Ticino Gravidanza Una gravidanza normale dura circa 40 settimane ovvero 280 giorni dal primo giorno dell ultima mestruazione. Si considera a termine un bambino nato tra 37+0 e 41+6 e viene considerato

Dettagli

Parto sterile versus parto pulito

Parto sterile versus parto pulito Semine e raccolti: esperienze di ricerca delle Professioni Sanitarie Parto sterile versus parto pulito Una ricerca a sostegno della rilettura critica delle principali procedure adottate in sala parto per

Dettagli

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA Teresa Giusto La scelta dell anestesia loco-regionale nel taglio cesareo è influenzata da diversi fattori: poiché non esercita un azione depressiva sul nascituro rende

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI AI SENSI DEL DLGS 151/2001 E DLGS 81/2008 ISTITUTO COMPRENSIVO PIERACCINI FIRENZE- SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D ISTITUTO PREMESSA La gravidanza

Dettagli

Anatomia e fisiologia del parto

Anatomia e fisiologia del parto PARTO Anatomia e fisiologia del parto Il bambino durante il proprio sviluppo all interno all utero materno viene denominato feto. L utero materno è un organo dotato di una spessa parete muscolare la quale,

Dettagli

ANATOMIA DELLA MAMMELLA. Recenti studi ( Hartman 2002) compiuti con tecniche ecografiche hanno rivoluzionato le precedenti conoscenze:

ANATOMIA DELLA MAMMELLA. Recenti studi ( Hartman 2002) compiuti con tecniche ecografiche hanno rivoluzionato le precedenti conoscenze: ANATOMIA DELLA MAMMELLA Recenti studi ( Hartman 2002) compiuti con tecniche ecografiche hanno rivoluzionato le precedenti conoscenze: i seni galattofori o cisterne non esistono ( erano artefatti dati dalle

Dettagli

su registrazione frequenza cardiaca fetale registrazione contrazioni uterine Verifica dell effetto delle c.u. o dei MAF sulla FCF

su registrazione frequenza cardiaca fetale registrazione contrazioni uterine Verifica dell effetto delle c.u. o dei MAF sulla FCF Nata x la diagnostica in travaglio di parto Sibasasu: su registrazione frequenza cardiaca fetale registrazione contrazioni uterine Verifica dell effetto delle c.u. o dei MAF sulla FCF Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA Beatrice Berluti, Andrea Luigi Tranquilli Istituto di Scienze Materno-infantili Sezione di Clinica Ostetrica e Ginecologica Parlare di malattie autoimmuni in gravidanza

Dettagli

Fisiologia del parto 26/09/2014. Il parto si realizza in seguito ad una complessa cascata di eventi fisiologici; Le tre fasi del parto sono:

Fisiologia del parto 26/09/2014. Il parto si realizza in seguito ad una complessa cascata di eventi fisiologici; Le tre fasi del parto sono: Fisiologia del parto Il parto è: il complesso dei fenomeni che consente di fare fuoriuscire il feto ed i suoi annessi dal corpo della madre. Il feto, che normalmente si trova in cavità uterina, dovrà percorrere,

Dettagli

INCONTRARSI PER UNA NASCITA ATTIVA

INCONTRARSI PER UNA NASCITA ATTIVA INCONTRARSI PER UNA NASCITA ATTIVA PREPARAZIONE ALLA MATERNITÀ E PATERNITÀ U.O. OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI VIGEVANO Dal 1987 al 1993 i corsi di preparazione al parto nella nostra struttura

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

Giulia Mandrino Monica contiero MAMME g r a v i d a n z a

Giulia Mandrino Monica contiero MAMME g r a v i d a n z a Giulia Mandrino Monica Contiero MAMME prêt-à-porter gravidanza Nel caso di eventuali errori od omissioni nelle citazioni delle fonti, la Casa Editrice provvederà, nella prossima edizione, alle rettifiche

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

Buone pratiche da esportare. Passo 4 Il contatto pelle a pelle. Lucia Ma-eucci

Buone pratiche da esportare. Passo 4 Il contatto pelle a pelle. Lucia Ma-eucci Buone pratiche da esportare Passo 4 Il contatto pelle a pelle Lucia Ma-eucci Eccolo. Esce prima la testa. Poi le braccia, che aiutiamo a liberare, insinuando un dito sotto ogni ascella. Così, reggendo

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI REVISIONE MARZO 2014 INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione

Dettagli

Come metterete al mondo vostro figlio? Opuscolo informativo sul parto

Come metterete al mondo vostro figlio? Opuscolo informativo sul parto Come metterete al mondo vostro figlio? Opuscolo informativo sul parto Cari futuri genitori, Siamo lieti di partecipare alla vostra gioia per lo straordinario evento che state vivendo: la gravidanza. Affinché

Dettagli

LEVATRICI CHE LEGGONO E SCRIVONO

LEVATRICI CHE LEGGONO E SCRIVONO Reggio Emilia, 13 ottobre 2007 I libri dell ostetrica Dina Viani nella Sezione Antica P.G. Corradini della Biblioteca dell Azienda Ospedaliera Arcispedale S. Maria Nuova di Reggio Emilia : una riscoperta

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO Ost. Giovo Maura Come il latte va dal seno al bambino SESSIONE 6 2 Per aiutare una mamma con l'allattamento al seno bisogna sapere come è prodotto il latte

Dettagli

"La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale".

La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale. LEGGE REGIONALE 8 maggio 1987, N. 16 "La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale". (BURL n. 19, 1º suppl. ord. del 13 Maggio 1987 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1987-05-08;16 Titolo

Dettagli

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Salute Della Donna e Del Bambino 14/07/2006 (Livello 2) Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Testo Del Disegno Di Legge Relazione Illustrativa Relazione Tecnica file:///c /Documenti/rett00.htm

Dettagli

Dipartimento Materno Infantile. U.O.C. Ostetricia e Ginecologia PARTORIRE CON NOI

Dipartimento Materno Infantile. U.O.C. Ostetricia e Ginecologia PARTORIRE CON NOI Dipartimento Materno Infantile U.O.C. Ostetricia e Ginecologia PER LE FUTURE MAMME PARTORIRE CON NOI A cura del Direttore U.O. Assistenza Ostetrica Aziendale e delle ostetriche del Dipartimento Materno

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

Il parto. Prematuro o fisiologico.

Il parto. Prematuro o fisiologico. Il parto. Prematuro o fisiologico. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Obiettivi della

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

L ecografia ostetrica é la tecnica più usata nello studio del benessere fetale e nel 2004, a livello nazionale, sono state effettuate in media

L ecografia ostetrica é la tecnica più usata nello studio del benessere fetale e nel 2004, a livello nazionale, sono state effettuate in media Fonte: Analisi del evento nascita. Ministero dela Salute. Dipartimento dela Qualità. Direzione Generale Sistema Informativo. Ufficio di Direzione Statistica. GENNAIO 2007 Indagini diagnostiche in gravidanza

Dettagli

ASSISTENZA AL TRAVAGLIO E PARTO FISIOLOGICO A DOMICILIO PREMESSA

ASSISTENZA AL TRAVAGLIO E PARTO FISIOLOGICO A DOMICILIO PREMESSA ASSISTENZA AL TRAVAGLIO E PARTO FISIOLOGICO A DOMICILIO PREMESSA Il parto non è una malattia. Una delle ragione che spinge le donne a partorire a casa è la sensazione sgradevole di dover affrontare un

Dettagli

Cosa fa paura dopo la nascita, antidoti possibili

Cosa fa paura dopo la nascita, antidoti possibili Cosa fa paura dopo la nascita, antidoti possibili Francesco Morandi Pediatra-Neonatologo Erba (CO) con: Giovanna Bestetti, Silvia Bellù, Anna Maria Rossetti, Rosario Montirosso e tutti coloro che hanno

Dettagli

Presidio Ospedaliero San Donato

Presidio Ospedaliero San Donato Presidio Ospedaliero San Donato DIPARTIMENTO AREA CRITICA Direttore Dott. M.Feri ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

32 congresso nazionale FNCO. Ostetrica Marina LISA Libera professionista

32 congresso nazionale FNCO. Ostetrica Marina LISA Libera professionista 32 congresso nazionale FNCO Ostetrica Marina LISA Libera professionista -Principi di fondo -ricaduta nella pratica clinica -Principi di fondo Il panel multidisciplinare e multiprofessionale che ha rielaborato

Dettagli

LA POSIZIONE VERTICALE DURANTE IL TRAVAGLIO E IL PARTO

LA POSIZIONE VERTICALE DURANTE IL TRAVAGLIO E IL PARTO LA POSIZIONE VERTICALE DURANTE IL TRAVAGLIO E IL PARTO Roberto Fraioli Divisione Ostetricia e Ginecologia Ospedale Villa Salus Venezia Mestre Premessa La posizione assunta nei secoli dalla donna durante

Dettagli

TRAVAGLIO E PARTO. Sempre con te, passo dopo passo

TRAVAGLIO E PARTO. Sempre con te, passo dopo passo TRAVAGLIO E PARTO Travaglio e parto 1) Travaglio e parto 6) Il bacino materno 2) L inizio del travaglio è vicino se 3) Andare in ospedale quando 4) L induzione del travaglio di parto 7) Posizioni del travaglio

Dettagli

ANNO DEL NEONATO. il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA.

ANNO DEL NEONATO. il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA. Comune di Fidenza Comune di Salsomaggiore ANNO DEL NEONATO il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA A cura di Distretto di Fidenza - Ospedale

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo Mente&Cibo Premaman Chi siamo Antropica Gruppo Interdisciplinare per lo Sviluppo Umano è un associazione culturale, senza fini di lucro e indirizzi di carattere politico, che si propone di promuovere la

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLA CONIUGALITA E GENITORIALITA

AZIONI A SOSTEGNO DELLA CONIUGALITA E GENITORIALITA AZIONI A SOSTEGNO DELLA CONIUGALITA E GENITORIALITA Dr.ssa Rosa Nunzella Dirigente Medico U.O.C. Ginecologia e Ostetricia P.O. Giovanni Paolo II - Policoro Dr.ssa Antonella Dragonetti Dirigente Medico

Dettagli

IL PARTO. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana. Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.

IL PARTO. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana. Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty. IL PARTO Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Obiettivi della lezione Conoscere i meccanismi

Dettagli

Dalla Diagnosi Prenatale di Cardiopatia Congenita alla Care della famiglia: un percorso multidisciplinare

Dalla Diagnosi Prenatale di Cardiopatia Congenita alla Care della famiglia: un percorso multidisciplinare Dalla Diagnosi Prenatale di Cardiopatia Congenita alla Care della famiglia: un percorso multidisciplinare Filomena GIAMMETTA Daniela SPINA I.R.C.C.S. G.GASLINI GENOVA U.O. CARDIOLOGIA U.O. OSTETRICIA e

Dettagli

CORSO PER CONDUTTORI DI PSICOPROFILASSI OSTETRICA

CORSO PER CONDUTTORI DI PSICOPROFILASSI OSTETRICA CORSO PER CONDUTTORI DI PSICOPROFILASSI OSTETRICA 8-9/15-16 Novembre 2013 Hotel Ariston, Via Filippo Turati 16, Roma Con il patrocinio del : VERSIONE PROVVISORIA DESTINATARI Il Corso è rivolto a Assistenti

Dettagli

Continuità assistenziale nel Percorso Nascita: contributi

Continuità assistenziale nel Percorso Nascita: contributi L assistenza ostetrica nella gravidanza fisiologica Continuità assistenziale nel Percorso Nascita: contributi Il Percorso Nascita della Regione Piemonte e l Agenda di Gravidanza Dott.ssa Paola Serafini

Dettagli

2. BREVE EXCUSUS SULLE LINEE GUIDA: cosa sono, come nascono, a cosa

2. BREVE EXCUSUS SULLE LINEE GUIDA: cosa sono, come nascono, a cosa ASSISTENZA AL TRAVAGLIO E PARTO FISIOLOGICO :ANALISI E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA NICE CON QUELLE ITALIANE E LORO APPLICAZIONE Agnese Bettoni, Ostetrica Daniela Calistri, Ostetrica Paola Agnese Mauri

Dettagli

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto Clinica Ostetrico Ginecologica Direttore Prof. A. Patella Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto vaginale dopo cesareo Liliana Pittini Per una scelta informata Cosa dire Come dirlo Quando

Dettagli

INDICE 5 INTRODUZIONE. I PRIMI GIORNI 13 Benvenuto! 35 Finalmente a casa 43 Le prime cure 50 I piccoli problemi di mamma e papà

INDICE 5 INTRODUZIONE. I PRIMI GIORNI 13 Benvenuto! 35 Finalmente a casa 43 Le prime cure 50 I piccoli problemi di mamma e papà INDICE 5 INTRODUZIONE 13 Benvenuto! 35 Finalmente a casa 43 Le prime cure 50 I piccoli problemi di mamma e papà DA 0 A 6 MESI 63 Lo sviluppo del primo semestre 69 Allattare al seno 89 Allattare con il

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

O.N.DA Milano 17 novembre 2014

O.N.DA Milano 17 novembre 2014 O.N.DA Milano 17 novembre 2014 Miriam Guana Presidente Federazione Nazionale Collegi Ostetriche Caterina Masè - Presidente Collegio Ostetriche Trento PREGRAVIDICO COUNSELLING PRECONCENZIONALE STILI DI

Dettagli

pagina precedente 41

pagina precedente 41 pagina precedente 41 Marta Campiotti Il cerchio delle donne Marta Campiotti (Varese, 1956). Laureata in Filosofia alla Statale di Milano e diplomata in Ostetricia a Firenze. Nel 1984 si trasferisce a Livigno,

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE

PARTORIRE SENZA DOLORE PARTORIRE SENZA DOLORE Piccola guida ad uso della partoriente OSPEDALE SAN PIETRO FATEBENEFRATELLI Via Cassia, 600 - Roma 06.33581 Per ogni donna, la felicità che accompagna la nascita di un bambino è

Dettagli

La Cardiotocografia: secondo stadio. Rimini 21 marzo 2013

La Cardiotocografia: secondo stadio. Rimini 21 marzo 2013 La Cardiotocografia: secondo stadio Rimini 21 marzo 2013 Classificazione dei tracciati del 2 stadio di Piquard : Tipo 0: frequenza cardiacastabile; Tipo 1 Tipo 1: decelerazioniad ogni contrazione con linea

Dettagli

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica Indagine conoscitiva sul percorso nascita e sulla situazione dei punti nascita con riguardo all individuazione di criticità specifiche circa la tutela della salute della donna e del feto e sulle modalità

Dettagli