COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara"

Transcript

1 COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 29 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza ordinaria Seduta di prima convocazione In data 30/04/2015 alle ore 19:00 Ai sensi dell'art comma del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267, si è convocato il Consiglio Comunale nella Residenza Municipale, oggi 30/04/2015 alle ore 19:00 in adunanza ordinaria di prima convocazione, previo invio di invito scritto mediante PEC. Fatto l appello nominale risultano: Presenti Assenti 1 FABBRI MARCO X 2 BELLINI ROBERTO X 3 RIGHETTI ALBERTO X 4 MODONESI MICHELE X 5 TADDEI ALESSIO X 6 BELLOTTI ROBERT X 7 CALDERONE MARIANO ENRICO X 8 SENNI SAMUELE X 9 MORESE CONSIGLIA X 10 FERRACIOLI CRISTIAN X 11 PEDRIALI TIZIANA X 12 MICHETTI DAVIDE X 13 MALANO ANDREA X 14 FELLETTI MARIA FRANCESCA X 15 KUBBAJEH MOH'D X 16 DI MUNNO ANTONIO X 17 CAVALLARI FABIO X 13 4 Assiste Il Segretario Generale Dott.ssa Daniela Ori Il Presidente del Consiglio Robert Bellotti - assume la presidenza e, riconosciutane la legalità, dichiara aperta la seduta, designando scrutatori i tre Consiglieri: BELLINI ROBERTO, CALDERONE MARIANO ENRICO, KUBBAJEH MOH'D OGGETTO: MODIFICA DEL PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO E MODIFICA DELLA PROPOSTA DI INTRODUZIONE DELL ALLEGATO B AL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI URBANI DISPOSIZIONI AGGIUNTIVE AL TITOLO III PER I COMUNI SERVITI DAL GESTORE AREA SPA.

2 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 29 del Gli Assessori signori: Denis Fantinuoli, Alice Carli, Sara Bellotti, Stefano Parmiani, Sergio Provasi, presenti in aula, partecipano all'odierna seduta consiliare senza il diritto di voto e senza essere conteggiati ai fini della validità della riunione. IL CONSIGLIO COMUNALE Uditi gli interventi di cui all'allegato A agli atti della presente deliberazione; Premesso: - che con deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 26/03/2014, immediatamente eseguibile, si è approvata l istituzione della tariffa avente natura corrispettiva, ricorrendo quanto previsto dall articolo 1, comma 668, della legge 27 dicembre 2013, n. 147; - che con la succitata deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 26/03/2014, immediatamente eseguibile, si è altresì approvato: a) il correlato REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA A COPERTURA DEI COSTI RELATIVI AL SERVIZIO SGRU; b) il PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO, che prevedeva, in estrema sintesi, la modifica e l integrazione di quanto già predisposto con l atto deliberativo istitutivo del sistema TARES CORRISPETTIVO, come segue: - la conferma del sistema di raccolta nelle frazioni di VOLANIA, SAN GIUSEPPE e VACCOLINO, a seguito, per quest ultima località, dell intesa con il Comune di Lagosanto per l introduzione del sistema anche sulla parte frazionale di sua propria competenza amministrativa, che ha dato ottimi risultati in termini di qualità dei rifiuti conferiti, riduzione delle frazioni non recuperabili, crescita dei livelli di RD; - l introduzione del modello PORTA A PORTA a partire dal mese di giugno 2014 negli stabilimenti balneari del LIDO DI SPINA e del LIDO DI VOLANO e nelle zone del forese e vallive; 2

3 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 29 del l allargamento della raccolta domiciliare spinta nella zona dell ex Fattoria, presso il LIDO DEGLI SCACCHI, a partire dal prossimo mese di luglio 2014; - la modifica del sistema di raccolta CAPOLUOGO a partire dal prossimo mese di novembre 2014; - l introduzione di sistemi sperimentali presso il LIDO DI VOLANO, per la successiva strutturazione del sistema domiciliare spinto di raccolta da introdursi anche presso gli altri lidi turistici e presso il centro della frazione di PORTO GARIBALDI, entro il prossimo anno 2015; c) la PROPOSTA DI INTRODUZIONE DELL ALLEGATO B AL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI URBANI DISPOSIZIONI AGGIUNTIVE AL TITOLO III PER I COMUNI SERVITI DAL GESTORE AREA SPA; Considerato: - che a seguito del primo periodo di sperimentazione, che è stato sviluppato nei mesi scorsi, è necessario provvedere ad aggiornare tale PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO come da allegato 1 alla presente deliberazione; - che, contestualmente, è opportuno e necessario procedere alla trasmissione ad ATERSIR - AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI, viale Aldo Moro, BOLOGNA, della PROPOSTA DI INTRODUZIONE DELL ALLEGATO B AL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI URBANI DISPOSIZIONI AGGIUNTIVE AL TITOLO III PER I COMUNI SERVITI DAL GESTORE AREA SPA, per tener conto di quanto introdotto con il nuovo PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO, come da testo allegato 2 alla presente deliberazione; Dato atto: - che il Gestore AREA SpA, avente sede legale in Copparo (Ferrara), alla via Volta, 26/a, ha trasmesso ad ATERSIR, soggetto individuato dalla legge regionale dell Emilia- Romagna 23 dicembre 2011, n. 23, all articolo 7, comma 5, lettera c), quale organo deputato alla determinazione dei piani finanziari del servizio gestione rifiuti urbani del 3

4 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 29 del territorio comunale, il documento economico e finanziario del servizio SGRU del Comune per l anno 2015, come di seguito: Costi di Gestione (CG) Costi Comuni (CC) Costi d'uso del Capitale (CK) Spazzamento e lavaggio CSL Raccolta e Trasporto CRT Trattamento e Smaltimento CTS Altri Costi AC Raccolta Differenziata CRD Trattamento e Riciclo CTR TOTALE COSTI DI GESTIONE (CG) Amministrativi, Riscossione, Contenzioso CARC Generali di Gestione CGG Comuni Diversi CCD TOTALE COSTI COMUNI (CC) Ammortamenti AMM Accantonamenti ACC - Remunerazione REM TOTALE COSTI D'USO DEL CAPITALE (CK) COSTI A SGRU che i valori economici derivanti dall attivazione del nuovo PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO, sono ricompresi negli importi indicati all interno del succitato PEF della TARI 2015; - che il PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO è congruente ed impatta positivamente gli obiettivi previsti dal Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti, adottato con deliberazione della Giunta Regionale numero 103, del 03/02/2014; Dato atto che la presente deliberazione è stata sottoposta all'esame della Commissione Consiliare competente nella seduta del ; Acquisita l'attestazione, parte integrante dell'atto, sull'insussistenza del conflitto di interessi anche solo potenziale né di gravi ragioni di convenienza che impongano un dovere di astensione dall'esercizio della funzione di cui al presente provvedimento, né in capo all'istruttore dell'atto né in capo al Dirigente firmatario dell'atto medesimo; 4

5 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 29 del Acquisito il parere favorevole di regolarità tecnica in ordine alla regolarità e correttezza dell azione amministrativa, parte integrante dell'atto, espresso dal Responsabile del Servizio interessato, Dirigente del Settore V, arch. Antonio Pini, ai sensi degli artt comma e 147 bis del D.Lgs. n. 267/2000; Acquisito il parere di regolarità contabile, parte integrante dell'atto, espresso dal Responsabile del Servizio Finanziario, dott.ssa Cristina Zandonini, ai sensi degli artt comma e 147 bis del D.Lgs. n. 267/2000; Visto l art. 134 comma 4 del D.Lgs. n. 267/2000, stante l'urgenza di attivare le modifiche del servizio come da allegato; Con i seguenti risultati di voto: Consiglieri presenti: n. 13 voti favorevoli: n. 10 astenuti: n. 3 (Davide Michetti L'ONDA; Maria Francesca Felletti P.D.; Fabio Cavallari GRUPPO MISTO) DELIBERA - tutto quanto riportato in narrativa costituisce parte integrante e sostanziale al presente atto e si intende qui espressamente richiamato; - di procedere, a seguito del primo periodo di sperimentazione, che è stato sviluppato nei mesi scorsi, ad aggiornare il PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del , immediatamente eseguibile, come da allegato 1 alla presente deliberazione; - di procedere alla trasmissione ad ATERSIR - AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI, viale Aldo Moro, BOLOGNA, della PROPOSTA DI INTRODUZIONE DELL ALLEGATO 2 AL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI URBANI DISPOSIZIONI AGGIUNTIVE AL TITOLO III PER I COMUNI SERVITI DAL GESTORE AREA SPA, per tener conto di quanto introdotto con il nuovo PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO, come da testo allegato 2 alla presente deliberazione; 5

6 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 29 del di dare atto che con successivo provvedimento si determineranno le eventuali integrazioni che dovessero necessitare a seguito dell approvazione del piano finanziario 2015 da parte del Consiglio d Ambito di ATERSIR, soggetto individuato dalla legge regionale dell Emilia-Romagna 23 dicembre 2011, n. 23, all articolo 7, comma 5, lettera c), quale organo deputato; - di trasmettere copia della presente a: - AREA SpA, via Alessandro Volta, 26/a COPPARO (Ferrara), in qualità di soggetto gestore del pubblico servizio di igiene ambientale; - ATERSIR - AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI, viale Aldo Moro, BOLOGNA, in qualità di forma di cooperazione obbligatoria fra gli Enti Locali per la gestione del pubblico servizio di igiene ambientale, in forza della legge regionale dell Emilia-Romagna 23 dicembre 2011, n. 23; - di demandare al Dirigente del Settore V, arch. Antonio Pini, l'attuazione di ogni successivo adempimento e l'adozione di tutti i provvedimenti conseguenti all'approvazione del presente atto. La proposta del Presidente di rendere la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ottiene i seguenti risultati di voto: Consiglieri presenti: n. 13 voti favorevoli: n. 10 astenuti: n. 3 (Davide Michetti L'ONDA; Maria Francesca Felletti P.D.; Fabio Cavallari GRUPPO MISTO) Si dà atto che durante la trattazione dell argomento risultano presenti i Consiglieri Samuele Senni e Fabio Cavallari ed assenti i Consiglieri Cristian Ferracioli e Moh'd Kubbajeh. Prop. n. 40/AP/PN/cmc/as 6

7 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 29 del PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 40/2015 OGGETTO: MODIFICA DEL PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO E MODIFICA DELLA PROPOSTA DI INTRODUZIONE DELL ALLEGATO B AL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI URBANI DISPOSIZIONI AGGIUNTIVE AL TITOLO III PER I COMUNI SERVITI DAL GESTORE AREA SPA. Attestazione istruttore Si attesta la regolarità dell'istruttoria del presente atto per quanto di competenza. Si attesta l'insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Parere di regolarità tecnica Si esprime parere favorevole di regolarità tecnica in ordine alla regolarità e correttezza dell azione amministrativa, ai sensi degli artt comma e 147 bis del D.Lgs n. 18 agosto 2000 n Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Comacchio, lì 22/04/2015 L'Istruttore Pietro Nordi Attestazione istruttore contabile Comacchio, lì 22/04/2015 IL DIRIGENTE SETTORE V Arch. Antonio Pini Parere di regolarità contabile Si attesta la disponibilità sul capitolo di spesa. Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Si esprime parere favorevole di regolarità contabile, ai sensi degli artt comma e 147 bis del D.Lgs n. 18 agosto 2000 n Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Comacchio, lì 23/04/2015 L istruttore contabile Emilia Mezzogori Attestazione istruttore contabile Comacchio, lì.23/04/2015 IL DIRIGENTE SETTORE III Dott.ssa Cristina Zandonini Visto di copertura finanziaria Si attesta la regolarità in ordine alla disponibilità sul capitolo di spesa e all avvenuta registrazione della prenotazione della spesa. Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Si attesta la copertura finanziaria ai sensi dell articolo 147-bis del D.Lgs n. 18 agosto 2000 n Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Comacchio, lì 23/04/2015 Comacchio, lì 23/04/2015 L istruttore contabile Emilia Mezzogori Estremi registrazione spesa IL DIRIGENTE SETTORE III Dott.ssa Cristina Zandonini E/U NUMERO CAPITOLO ANNO GEST.RESIDUI IMPORTO 7

8 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 29 del Letto e sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO GENERALE Robert Bellotti Dott.ssa Daniela Ori Questa deliberazione viene pubblicata all albo pretorio per 15 giorni consecutivi dal, art. 124 D.Lgs. 267/00. Dalla Sede Comunale, addì IL SEGRETARIO GENERALE Dott.ssa Daniela Ori Esecutiva per decorrenza del termine (10 giorni) dall eseguita pubblicazione, art comma - D.Lgs. 267/00. Il IL SEGRETARIO GENERALE Dott.ssa Daniela Ori La presente deliberazione viene dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art comma del D.Lgs. 267/2000. Il 30/04/2015 IL SEGRETARIO GENERALE Dott.ssa Daniela Ori Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n seduta del 30/04/2015 8

9 Allegato A PUNTO N. 10 all'o.d.g.: Modifica del progetto per la trasformazione del servizio di raccolta nel territorio comunale di Comacchio e modifica della proposta di introduzione dell'allegato B al regolamento del servizio di gestione rifiuti urbani disposizioni aggiuntive al titolo III per i comuni serviti dal gestore Area S.p.a.. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: Vicesindaco, prego. DENIS FANTINUOLI Vicesindaco: Grazie, Presidente. Anche questo è un tema sentito fortemente dalla popolazione e anche dalle opposizioni che è stato oggetto di interpellanze ed è la introduzione della raccolta differenziata porta a porta soprattutto nel capoluogo. Questo è seguito ad una indagine da parte del circolo locale di Legambiente con ragazzi del territorio che hanno svolto un azione informativa e anche conoscitiva sulle problematiche di un nuovo sistema, di una nuova 1

10 modalità di raccolta dei rifiuti e anche recentemente in un iniziativa pubblica è stata presentata quelle che sono le modifiche, riteniamo migliorative, del servizio che oggi viene attualmente offerto. Sostanzialmente nel capoluogo il gestore e l Amministrazione e l operatore che raccoglie materialmente i rifiuti hanno, su proposta anche dei cittadini, considerato la possibilità di implementare i servizi del porta a porta con una giornata settimanale in due luoghi diversi del capoluogo integrativo come isole, tra virgolette, ecologiche presidiate sostanzialmente un camion con uno scarrabile presidiato dall operatore darà la possibilità alla cittadinanza di conferire quel materiale in eccesso che oggi diversamente dovrebbe trattenere presso la propria abitazione e magari chi non ha lo spazio di poterlo conferire per 6 ore giornaliere sostanzialmente una volta a settimana. Questo è un altro modello di quelli migliorativi sempre migliorabili, scusate il gioco di parole, non è più la fase sperimentale, quindi ad oggi si passerà poi, nel caso in cui ci siano azioni che vanno a deturpare l ambiente o abbandoni anche a quelle che sono le iniziative in forme informative/repressive. 2

11 ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: Grazie, Vicesindaco. Abbiamo interventi? Consigliere Di Munno, prego. ANTONIO DI MUNNO Capogruppo P.D.L. IL FARO: Ben vengano le iniziative mirate a migliorare i risultati sulla raccolta differenziata. Tuttavia possiamo affermare con serenità e anche con soddisfazione che in alcune frazioni del nostro territorio ha già dato dei risultati importanti con una raccolta intorno al 70%, giusto? Bene. Indubbiamente bisogna creare cultura, bisogna abituare la popolazione, c è un processo molto lento da fare e fin qui ci siamo, possiamo comprenderlo e in questa ottica vediamo anche favorevolmente quest ulteriore esperimento di una chance in più per la raccolta che viene data con queste postazioni mobili presidiate. La cosa preoccupante che va tenuta monitorata è l aspetto dei costi perché postazioni mobili presidiate, quindi soluzioni che poi devono essere trasportate e raccolta porta a porta francamente mi fa pensare ad un innalzo dei costi e non ad una ventilata riduzione come 3

12 spesso ci sentiamo dire perché son dei costi fissi, personale e trasporti che costano il loro giusto insomma, ecco. Per cui, ecco, invito l Amministrazione a fare attenzione sotto questo aspetto qui. Non possiamo sì, va bene far cultura e cercare di aiutare i cittadini a capire che dobbiamo smaltire però attenzione all aspetto dei costi. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: Grazie, Consigliere. Altri interventi? dichiarazioni di voto? Votiamo. Votiamo l immediata eseguibilità. 4

13 Allegato 1 alla delibera del Consiglio Comunale numero, del COMUNE DI COMACCHIO (Provincia di Ferrara) PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL TERRITORIO COMUNALE DI COMACCHIO PREMESSA Il progetto di cui trattasi, approvato con la deliberazione istitutiva della TARES CORRISPETTIVO, di cui all articolo 14, comma 29, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni nella legge 22 dicembre 2011, n. 214, ipotizzava un percorso di integrazione di un nuovo modello di raccolta nel territorio comunale nell arco di due annualità. In relazione alla prima fase di sperimentazione che ha riguardato le frazioni di Volania, Vaccolino (in questa zona anche con l integrazione del servizio nella parte amministrativamente dipendente dal Comune di Lagosanto, dopo apposito atto di intesa) e di San Giuseppe, con risultati più che soddisfacenti, è stato definito il programma di ampliamento del servizio secondo uno schema che ha consentito di introdurre: il modello PORTA A PORTA, a partire dal mese di giugno 2014, negli stabilimenti balneari del LIDO DI SPINA e del LIDO DI VOLANO, nonché nelle zone del forese e vallive; l allargamento della raccolta domiciliare spinta presso la zona dell ex Fattoria nel LIDO DEGLI SCACCHI, a partire dal mese di luglio 2014; la modifica del sistema di raccolta nel CAPOLUOGO, a partire dal mese di novembre Tali nuovi ambiti di servizio hanno consentito di poter sviluppare ulteriori azioni di raffinamento e di puntualizzazione, anche attraverso la collaborazione di tutor ambientali messi a disposizione dalla locale sezione di LEGAMBIENTE. Il progetto è stato pertanto approfondito e migliorato e prevede interventi sia sulle aree del centro storico e del capoluogo, con miglioramenti delle metodiche di raccolta e l introduzione di specifiche stazioni di recupero mobili per le UDsalt, nonché il nuovo progetto LIDO DI VOLANO, in attuazione dal prossimo mese di giugno 2015, in contemporanea con l aggiustamento della raccolta nella

14 presso la zona dell ex Fattoria nel LIDO DEGLI SCACCHI. LE DIVERSE FREQUENZE DI RACCOLTA Tenuto conto della variabilità e sostanziale eterogeneità delle zone territoriali che saranno servite, è apparso logico propendere per una variazione delle frequenze e delle modalità di effettuazione del servizio, suddividendo le aree secondo criteri di omogeneizzazione come segue: ZONA DI RACCOLTA 1 FRAZIONI DI VOLANIA, VACCOLINO (COMPRESA PARTE DEL COMUNE DI LAGOSANTO) E SAN GIUSEPPE tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche umido/organico sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio due volte la settimana per i mesi da Ottobre a Marzo e tre volte alla settimana per i mesi da Aprile a Settembre una volta la settimana nel periodo da marzo a novembre una volta ogni due settimane nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre con il limite di 4 sacchi (o un contenitore rigido da 240 litri) e 4 fascine per turno di raccolta e per utenza una volta la settimana una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da ottobre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo (da giugno a settembre) due volte la settimana per i mesi da Ottobre a Marzo e tre volte alla settimana per i mesi da Aprile a Settembre una volta la settimana nel periodo da marzo a novembre una volta ogni due settimane nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre con il limite di 4 sacchi (o un contenitore rigido da 240 litri) e 4 fascine per turno di raccolta e per utenza una volta la settimana una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da ottobre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo (da giugno a settembre) carta e cartone una volta ogni due settimane una volta la settimana vetro una volta la settimana nel periodo da aprile a settembre una volta ogni due settimane nel periodo da ottobre a marzo una volta la settimana nel periodo da aprile a settembre una volta ogni due settimane nel periodo da ottobre a marzo La raccolta sarà effettuata anche nei giorni festivi ricadenti in giornate infrasettimanali, ad esclusione del giorno di Natale e di Capodanno. Eventuali richieste di modifiche dell ordinario succitato sistema di raccolta da parte delle singole utenze ovvero integrazioni, potenziamenti, incrementi e soluzioni specifiche dovranno essere concordate col Gestore AREA SpA il quale è autorizzato ad applicare al richiedente la differenza fra il normale servizio oggetto di tariffa e quanto maggiormente richiesto, secondo il tariffario approvato. ZONA DI RACCOLTA 2

15 STABILIMENTI BALNEARI DEL LIDO DI SPINA E DEL LIDO DI VOLANO. Il servizio è attivo per 6 mesi da Aprile a Settembre. MEDIA STAGIONE aprile, maggio e settembre tipologia di rifiuto umido/organico sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro / lattine carta e cartone frequenza utenze non domestiche tre volte la settimana una volta ogni quindici giorni e a chiamata tre volte la settimana una volta la settimana una volta a settimana una volta la settimana ALTA STAGIONE: giugno, luglio e agosto tipologia di rifiuto umido/organico sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro / lattine carta e cartone frequenza utenze non domestiche cinque volte la settimana una volta ogni quindici giorni e a chiamata quattro volte la settimana tre volta la settimana una volta a settimana due volte la settimana - per alcune tipologie di rifiuto, la raccolta sarà effettuata anche nelle giornate festive e domenicali; - solo per agosto, la raccolta del cartone sarà effettuata con la frequenza di tre volte la settimana; - per il fine settimana di Ferragosto, dal venerdì al lunedì, la raccolta sarà effettuata tutti i giorni, per le tipologie di: secco non riciclabile / recuperabile, umido/organico, carta e cartone e imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio Eventuali richieste di modifiche dell ordinario succitato sistema di raccolta da parte delle singole utenze ovvero integrazioni, potenziamenti, incrementi e soluzioni specifiche dovranno essere concordate col Gestore AREA SpA il quale è autorizzato ad applicare al richiedente la differenza fra il normale servizio oggetto di tariffa e quanto maggiormente richiesto, secondo il tariffario approvato. Si eseguiranno servizi domiciliari mirati alle tipologie di rifiuto ingombrante e per il verde/ramaglie, con un numero di interventi determinato sulla base dei parametri tariffari. ZONA DI RACCOLTA 3 VILLAGGIO TURISTICO RESORT SPIAGGIA ROMEA DEL LIDO DELLE NAZIONI.

16 Il servizio è attivo per 6 mesi da Aprile a Settembre. MEDIA STAGIONE: aprile, maggio e settembre tipologia di rifiuto umido/organico sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro / lattine carta e cartone frequenza utenze non domestiche quattro volte la settimana si effettua solo a chiamata tre volte la settimana due volte la settimana una volta a settimana due volte la settimana ALTA STAGIONE: giugno, luglio e agosto tipologia di rifiuto umido/organico sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro / lattine carta e cartone frequenza utenze non domestiche cinque volte la settimana si effettua solo a chiamata quattro volte la settimana tre volta la settimana una volta a settimana due volte la settimana - per alcune tipologie di rifiuto, la raccolta sarà effettuata anche nelle giornate festive e domenicali; - solo per agosto, la raccolta del cartone sarà effettuata con la frequenza di tre volte la settimana; - per il fine settimana di Ferragosto, dal venerdì al lunedì, la raccolta sarà effettuata tutti i giorni, per le tipologie di: secco non riciclabile / recuperabile, umido/organico, carta e cartone e imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio Eventuali richieste di modifiche dell ordinario succitato sistema di raccolta da parte delle singole utenze ovvero integrazioni, potenziamenti, incrementi e soluzioni specifiche dovranno essere concordate col Gestore AREA SpA il quale è autorizzato ad applicare al richiedente la differenza fra il normale servizio oggetto di tariffa e quanto maggiormente richiesto, secondo il tariffario approvato. Si eseguiranno servizi domiciliari mirati alle tipologie di rifiuto ingombrante e per il verde/ramaglie, con un numero di interventi determinato sulla base dei parametri tariffari. ZONA DI RACCOLTA 4 QUARTIERE PARCO DEL SOLE (EX LA FATTORIA ) LIDO DEGLI SCACCHI tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche

17 tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche umido/organico sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio due volte la settimana per i mesi da Ottobre a Marzo e tre volte alla settimana per i mesi da Aprile a Settembre una volta la settimana nel periodo da da marzo a novembre una volta ogni due settimane nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre con il limite di 4 sacchi (o un contenitore rigido da 240 litri) e 4 fascine per turno di raccolta e per utenza una volta la settimana una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da ottobre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo (da giugno a settembre) due volte la settimana per i mesi da Ottobre a Marzo e tre volte alla settimana per i mesi da Aprile a Settembre una volta la settimana nel periodo da da marzo a novembre una volta ogni due settimane nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre con il limite di 4 sacchi (o un contenitore rigido da 240 litri) e 4 fascine per turno di raccolta e per utenza una volta la settimana una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da ottobre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo (da giugno a settembre) carta e cartone una volta ogni due settimane una volta la settimana vetro una volta la settimana nel periodo da aprile a settembre una volta ogni due settimane nel periodo da ottobre a marzo una volta la settimana nel periodo da aprile a settembre una volta ogni due settimane nel periodo da ottobre a marzo La raccolta sarà effettuata anche nei giorni festivi ricadenti in giornate infrasettimanali, ad esclusione del giorno di Natale e di Capodanno. Per il periodo da Giugno a metà Settembre, verrà previsto un servizio integrativo di raccolta a mezzo scarrabile multi raccolta con la modalità di STAZIONE DI CONFERIMENTO MULTIPLA, sorvegliata da un addetto, per il conferimento delle seguenti tipologie di rifiuti: secco non riciclabile/recuperabile, umido/organico, carta e cartone, imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio, destinata, principalmente, a servizio delle UDsalt, con sistema di riconoscimento del cliente conferitore. Il servizio sarà disponibile quattro giorni la settimana: lunedì, giovedì, sabato e domenica, per 6 ore al giorno di stazionamento. In caso di esito positivo della sperimentazione, per l anno successivo il servizio potrà essere ampliato da metà Maggio a metà Settembre. Eventuali richieste di modifiche dell ordinario succitato sistema di raccolta da parte delle singole utenze ovvero integrazioni, potenziamenti, incrementi e soluzioni specifiche dovranno essere concordate col Gestore AREA SpA il quale è autorizzato ad applicare al richiedente la differenza fra il normale servizio oggetto di tariffa e quanto maggiormente richiesto, secondo il tariffario approvato. ZONA DI RACCOLTA 5 STRADE PODERALI, ZONE VALLIVE E FORESE tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche

18 tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche umido/organico sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro nessuna raccolta zona a compostaggio domestico obbligatorio nessuna raccolta di erba e fogliame zona a compostaggio domestico obbligatorio. una volta la settimana una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da ottobre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo (da giugno a settembre) una volta la settimana nel periodo da aprile a settembre una volta ogni due settimane nel periodo da ottobre a marzo due volte la settimana per i mesi da ottobre a marzo e tre volte alla settimana per i mesi da aprile a settembre una volta la settimana nel periodo da marzo a novembre una volta ogni due settimane nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre con il limite di 4 sacchi (o un contenitore rigido da 240 litri) e 4 fascine per turno di raccolta e per utenza una volta la settimana una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da ottobre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo (da giugno a settembre) una volta la settimana nel periodo da aprile a settembre una volta ogni due settimane nel periodo da ottobre a marzo carta e cartone una volta ogni due settimane una volta ogni due settimane La raccolta sarà effettuata anche nei giorni festivi ricadenti in giornate infrasettimanali, ad esclusione del giorno di Natale e di Capodanno. Eventuali richieste di modifiche dell ordinario succitato sistema di raccolta da parte delle singole utenze ovvero integrazioni, potenziamenti, incrementi e soluzioni specifiche dovranno essere concordate col Gestore AREA SpA il quale è autorizzato ad applicare al richiedente la differenza fra il normale servizio oggetto di tariffa e quanto maggiormente richiesto, secondo il tariffario approvato. ZONA DI RACCOLTA 6 CENTRO STORICO DEL CAPOLUOGO E AREE LIMITROFE tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche umido/organico tre volte alla settimana tre volte alla settimana sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio una volta la settimana nel periodo da marzo a novembre una volta ogni due settimane da dicembre a febbraio una volta alla settimana una volta alla settimana una volta la settimana nel periodo da marzo a novembre una volta ogni due settimane da dicembre a febbraio una volta alla settimana una volta alla settimana

19 tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche vetro una volta alla settimana una volta alla settimana carta e cartone una volta la settimana una volta la settimana La raccolta sarà effettuata anche nei giorni festivi ricadenti in giornate infrasettimanali, ad esclusione del giorno di Natale e di Capodanno. Per il periodo da Giugno a Dicembre, verrà previsto un servizio integrativo di raccolta a mezzo scarrabile multi raccolta con la modalità di STAZIONE DI CONFERIMENTO MULTIPLA, sorvegliata da un addetto, per il conferimento delle seguenti tipologie di rifiuti: secco non riciclabile / recuperabile, umido/organico, carta e cartone, imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio, destinata, principalmente, a servizio delle UD con particolari problematiche di spazi interni e di UDsalt, con sistema di riconoscimento del cliente conferitore. Il servizio sarà disponibile nella giornata di martedì (in alternanza con il medesimo servizio che sarà attivato nel quartiere Raibosola il venerdì), per 6 ore di stazionamento. In caso di esito positivo della sperimentazione, per l anno successivo il servizio potrà essere garantito per l intera annualità. Eventuali richieste di modifiche dell ordinario succitato sistema di raccolta da parte delle singole utenze ovvero integrazioni, potenziamenti, incrementi e soluzioni specifiche dovranno essere concordate col Gestore AREA SpA il quale è autorizzato ad applicare al richiedente la differenza fra il normale servizio oggetto di tariffa e quanto maggiormente richiesto, secondo il tariffario approvato. SERVIZI SPECIFICI PER PARTICOLARI UTENZE COMMERCIALI DEL CENTRO STORICO E DEL CAPOLUOGO SERVIZIO CON CALENDARIO PERSONALIZZATO Categoria utenze: RISTORANTI E TRATTORIE tipologia di rifiuto secco non riciclabile / recuperabile umido/organico carta e cartone imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro imballaggi in materiali misti (cartone, plastica, acciaio, legno) frequenza utenze non domestiche due volte la settimana cinque volte alla settimana tre volte alla settimana una volta alla settimana una volta alla settimana una volta alla settimana La raccolta degli imballaggi misti si effettua in orario pomeridiano. Categoria utenze: BAR /ATTIVITA VARIE (es. tabacchi, gelaterie, pizzerie da asporto)

20 tipologia di rifiuto secco non riciclabile / recuperabile umido/organico carta e cartone imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro imballaggi in materiali misti (cartone, plastica, acciaio, legno) frequenza utenze non domestiche una volta la settimana tre volte alla settimana tre volte alla settimana una volta alla settimana una volta alla settimana SERVIZIO NON ATTIVO Categoria utenze: MARKET (es. alimentari, panifici), ORTOFRUTTA, FARMACIE tipologia di rifiuto secco non riciclabile / recuperabile umido/organico carta e cartone imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro Imballaggi in materiali misti (cartone, plastica, acciaio, legno) frequenza utenze non domestiche una volta la settimana quattro volte alla settimana SERVIZIO NON ATTIVO SERVIZIO NON ATTIVO una volta alla settimana sei volte alla settimana La raccolta degli imballaggi misti si effettua in orario pomeridiano. Categoria utenze: FIORISTI tipologia di rifiuto secco non riciclabile / recuperabile umido/organico carta e cartone imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro Imballaggi in materiali misti (cartone, plastica, acciaio, legno) frequenza utenze non domestiche una volta la settimana cinque volte alla settimana una volta la settimana una volta la settimana una volta alla settimana sei volte alla settimana La raccolta degli imballaggi misti si effettua in orario pomeridiano. Categoria utenze: PESCHERIE tipologia di rifiuto frequenza utenze non domestiche

21 tipologia di rifiuto secco non riciclabile / recuperabile umido/organico carta e cartone imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro Imballaggi in materiali misti (cartone, plastica, acciaio, legno) frequenza utenze non domestiche cinque volte alla settimana tre volte alla settimana tre volte alla settimana una volta la settimana una volta alla settimana SERVIZIO NON ATTIVO ZONA DI RACCOLTA 7 COMPLETAMENTO DEL CAPOLUOGO, COMPRESO IL QUARTIERE DI RAIBOSOLA tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche umido/organico sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro due volte la settimana per i mesi da ottobre a marzo e tre volte alla settimana per i mesi da aprile a settembre una volta la settimana nel periodo da marzo a novembre una volta ogni due settimane nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre con il limite di 4 sacchi (o un contenitore rigido da 240 litri) e 4 fascine per turno di raccolta e per utenza una volta la settimana una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da ottobre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo (da giugno a settembre) una volta la settimana nel periodo da aprile a settembre una volta ogni due settimane nel periodo da ottobre a marzo due volte la settimana per i mesi da ottobre a marzo e tre volte alla settimana per i mesi da aprile a settembre una volta la settimana nel periodo da marzo a novembre una volta ogni due settimane nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre con il limite di 4 sacchi (o un contenitore rigido da 240 litri) e 4 fascine per turno di raccolta e per utenza una volta la settimana una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da ottobre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo (da giugno a settembre) una volta la settimana carta e cartone una volta ogni due settimane una volta la settimana La raccolta sarà effettuata anche nei giorni festivi ricadenti in giornate infrasettimanali, ad esclusione del giorno di Natale e di Capodanno. Per il periodo da Giugno a Dicembre, verrà previsto un servizio integrativo di raccolta a mezzo scarrabile multi raccolta con la modalità di STAZIONE DI CONFERIMENTO MULTIPLA, sorvegliata da un addetto, per il conferimento delle seguenti tipologie di rifiuti: secco non riciclabile / recuperabile, umido/organico, carta e cartone, imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio, destinata, principalmente, a servizio delle UD con particolari problematiche di spazi interni e di UDsalt, con sistema di riconoscimento del cliente conferitore.

22 Il servizio sarà disponibile nella giornata di venerdì (in alternanza con il medesimo servizio che sarà attivato nel centro storico del capoluogo il martedì), per 6 ore di stazionamento. In caso di esito positivo della sperimentazione, per l anno successivo il servizio potrà essere garantito per l intera annualità. Eventuali richieste di modifiche dell ordinario succitato sistema di raccolta da parte delle singole utenze ovvero integrazioni, potenziamenti, incrementi e soluzioni specifiche dovranno essere concordate col Gestore AREA SpA il quale è autorizzato ad applicare al richiedente la differenza fra il normale servizio oggetto di tariffa e quanto maggiormente richiesto, secondo il tariffario approvato. ZONA DI RACCOLTA 8 LIDO DI VOLANO UD RESIDENTI E NON RESIDENTI E UND. tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche umido/organico due volte la settimana per i mesi da ottobre a marzo e tre volte alla settimana per i mesi da aprile a settembre una volta la settimana nel periodo da marzo a novembre due volte la settimana per i mesi da ottobre a marzo, tre volte alla settimana in media stagione nei mesi di aprile, maggio e settembre, cinque volte alla settimana in alta stagione giugno luglio e agosto sfalci erba, foglie e piccole potature secco non riciclabile / recuperabile imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio vetro una volta ogni due settimane nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre una volta ogni tre settimane nel periodo gennaio / febbraio con il limite di 4 sacchi (o un contenitore rigido da 240 litri) e 4 fascine per turno di raccolta e per utenza una volta la settimana una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da ottobre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo di alta stagione (da giugno ad agosto) una volta la settimana nel periodo da aprile a settembre una volta ogni due settimane nel periodo da ottobre a marzo una volta ogni due settimane per tutto l anno con il limite di 4 sacchi (o un contenitore rigido da 240 litri) e 4 fascine per turno di raccolta e per utenza una volta la settimana da ottobre a marzo, tre volte alla settimana in media stagione nei mesi di aprile, maggio e settembre, quattro volte alla settimana in alta stagione giugno luglio e agosto una volta ogni due settimane da ottobre a marzo una volta la settimana nel periodo di media stagione (aprile, maggio e settembre) tre volte la settimana nel periodo di alta stagione (giugno, luglio ed agosto) una volta la settimana nel periodo da aprile a settembre una volta ogni due settimane nel periodo da ottobre a marzo

23 tipologia di rifiuto frequenza utenze domestiche frequenza utenze non domestiche carta e cartone una volta ogni due settimane nei periodi autunnali, primaverili ed invernali (da settembre a maggio) una volta la settimana nel periodo estivo di alta stagione (da giugno ad agosto) una volta la settimana da settembre a maggio due volte alla settimana nel periodo estivo di alta stagione (da giugno ad agosto) Per il periodo da Giugno a Settembre, verrà previsto un servizio integrativo di raccolta a mezzo scarrabile multi raccolta con la modalità di ECOCENTRO, sorvegliata da un addetto, per il conferimento delle seguenti tipologie di rifiuti: secco non riciclabile / recuperabile, umido/organico, carta e cartone, imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio, destinata, principalmente, a servizio delle UDsalt, con sistema di riconoscimento del cliente conferitore Il servizio sarà così strutturato: per i mesi di Giugno, Luglio e Settembre, frequenza per 6 giorni alla settimana e per 6 ore al giorno di stazionamento; per il mese di Agosto, frequenza per 7 giorni alla settimana e per 8 ore al giorno di stazionamento (es ). Si prevede l integrazione nei fine settimana di Agosto, dal venerdì alla domenica, di uno scarrabile multiraccolta modello QUATERNA per raccogliere 4 tipologie di rifiuto, in maggiori quantità rispetto all Ecocentro. ECOCENTRO potrà essere utilizzato da tutte le UD (principalmente quelle UDsalt), per le quali la suddivisione settimanale dei servizi di raccolta porta a porta fossero incompatibili con la fruizione turistica. Presso ECOCENTRO sarà anche possibile ritirare i kit iniziali da parte delle UDsalt che fossero risultate assenti durante la normale consegna domiciliare. Eventuali richieste di modifiche dell ordinario succitato sistema di raccolta da parte delle singole utenze ovvero integrazioni, potenziamenti, incrementi e soluzioni specifiche dovranno essere concordate col Gestore AREA SpA il quale è autorizzato ad applicare al richiedente la differenza fra il normale servizio oggetto di tariffa e quanto maggiormente richiesto, secondo il tariffario approvato. I KIT PER LA GESTIONE DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI AGLI URBANI NELLE ZONE PORTA A PORTA il KIT INIZIALE (costituito da contenitori, sacchi e calendario) e il KIT STANDARD ANNUALE (costituito da sacchi e calendario) per effettuare la raccolta porta a porta, saranno forniti agli utenti, a cura del Gestore AREA SpA, secondo quanto disposto nei successivi paragrafi, in relazione alla zona di ubicazione della raccolta; i contenitori consegnati agli utenti devono essere collocati sulla pubblica strada, all'esterno della propria utenza ovvero, nelle zone individuate per un servizio di raccolta di prossimità, presso apposite postazioni denominate punti di raccolta, evidenziate da specifica cartellonistica, solo nei giorni stabiliti entro le ore 6.00 del giorno di raccolta e non prima delle ore del giorno precedente; unicamente per le utenze non domestiche, l esposizione potrà avvenire al termine della chiusura del negozio o attività (di norma tra le ore e le 20.00); per le utenze istituzionali (scuole, municipi, ecc), l esposizione potrà

24 avvenire al termine della giornata lavorativa; gli utenti sono tenuti a ritirare, una volta svuotati, i contenitori rigidi ed i sacchi a rendere per la raccolta degli sfalci, foglie e piccole potature; nei casi in cui è previsto l utilizzo di sacchi a perdere, questi devono essere appositamente chiusi per evitare fuoriuscite di materiali sono esclusi i sacchi della raccolta sfalci ed erba che dovranno restare aperti; al fine del corretto utilizzo dei contenitori a perdere, questi andranno esposti preferibilmente a capienza totale soddisfatta, salvo casi particolari e giustificabili, come ad esempio in presenza di rifiuti maleodoranti come pannolini e pannoloni, lettiere ed escrementi di animali domestici; i contenitori rigidi sono forniti agli utenti in comodato gratuito (ai sensi degli articoli 1803 e seguenti del Codice Civile): l utente deve utilizzare tali materiali solo per le operazioni di conferimento previste dal regolamento. il lavaggio dei contenitori rigidi deve essere eseguito a cura dell utente domestico e non domestico, per tutti i contenitori per i quali sia previsto l obbligo di esposizione e per tutti quelli di cui l utente disponga di apposita chiave per l apertura, anche se collocati su suolo pubblico (ad esempio nei punti di raccolta); per il rifiuto non riciclabile, per le utenze domestiche è consentito esclusivamente l utilizzo di sacchi e contenitori forniti dal Gestore AREA SpA - per le utenze non domestiche, fornite di contenitori rigidi, è consentito l utilizzo di sacchi a perdere, da reperire a cura dell utenza stessa - tali sacchi dovranno essere collocati all interno dei bidoni/cassonetti provvisti in dotazione; per la raccolta degli imballaggi in plastica e lattine è possibile, sia per le utenze domestiche che per quelle non domestiche e non domestica fornite dei soli sacchi, anche l utilizzo di propri sacchi neutri trasparenti, in caso di esaurimento della dotazione annuale. per la raccolta della frazione umida e organica è consentito a tutte le utenze anche l utilizzo di sacchetti diversi da quelli forniti dal Gestore AREA SpA, purché espressamente certificati biodegradabili e compostabili - il marchio di compostabilità deve essere riportato sul sacchetto, in modo da consentire all operatore il controllo della sua qualità; la fornitura aggiuntiva di sacchi rispetto a quella indicata nel KIT STANDARD ANNUALE e di contenitori rispetto a quella indicata nel KIT INIZIALE per le utenze domestiche e non domestiche, sarà a carico dell utente richiedente, secondo gl importi stabiliti dall amministrazione comunale nel provvedimento annuale di determinazione della tariffa; i contenitori rigidi consegnati in comodato d uso all utente devono essere restituiti al Gestore AREA SpA in occasione della cessazione dell utenza: o per le utenze non domestiche, si provvederà con ritiro, da parte del Gestore AREA SpA, presso il luogo di servizio ed in mancanza di quanto sopra il Gestore AREA SpA addebiterà in fattura il costo del contenitore come riportato nel listino aziendale approvato dall amministrazione comunale nel provvedimento annuale di determinazione della tariffa; o per le utenze domestiche: in caso di presentazione della dichiarazione di cessazione non verrà richiesta la restituzione fisica dei contenitori e non verranno addebitati oneri di riconsegna; in caso di mancata presentazione della dichiarazione di cessazione e, conseguentemente, in assenza della riconsegna del materiale, il Gestore AREA SpA addebiterà in fattura il costo dei contenitori come riportato nel listino aziendale approvato dall amministrazione comunale nel provvedimento annuale di determinazione della tariffa; in caso di furto o danneggiamento dei beni consegnati, l utente è tenuto a presentare regolare denuncia alle competenti autorità (Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Municipale, etc.) ed a consegnarne copia al Gestore AREA SpA in occasione della richiesta di sostituzione in mancanza di quanto sopra Gestore addebiterà in fattura il costo dei contenitori come riportato nel listino aziendale approvato dall amministrazione comunale nel provvedimento annuale di determinazione della tariffa. In ogni caso per richieste di consegna a domicilio verrà addebito in fattura il diritto fisso di chiamata.

25 ZONA DI RACCOLTA 1 FRAZIONI DI VOLANIA, VACCOLINO (COMPRESA PARTE DEL COMUNE DI LAGOSANTO) E SAN GIUSEPPE il KIT INIZIALE (UD) fornito alle utenze domestiche è il seguente: KIT INIZIALE (UD) ZONA DI RACCOLTA 1 frazioni di San Giuseppe, Volania e Vaccolino tipologia di rifiuto tipologia di contenitore quantità fornita umido/organico (*) sfalci erba, foglie e piccole potature (*) secco non riciclabile / recuperabile ( )(**) imballaggi in plastica e contenitori in alluminio ed in acciaio sacco in mater-bi trasparente pattumierina aerata da sottolavello da 10 litri di colore marrone bidoncino con sistema di chiusura antirandagismo di colore marrone da 25 litri da esposizione sacco neutro semitrasparente a rendere sacco grigio semitrasparente a perdere ( ) sacco giallo semitrasparente a perdere da 1 a 2 componenti l utenza = 150 sacchetti da 14 litri da 3 a 4 componenti l utenza = 200 sacchetti da 14 litri per utenze con 5 componenti e oltre = 250 sacchetti da 14 litri 1 per utenza 1 per utenza n. 4 da 80 litri per utenza per utenze con 1 componente = 20 sacchi per utenze con 2 componenti = 40 sacchi per utenze con 3 componenti = 50 sacchi per utenze con 4 componenti = 60 sacchi per utenze con 5 componenti = 70 sacchi per utenze con 6 componenti e oltre = 80 sacchi da 1 a 4 componenti l utenza = 52 sacchi da 120 litri per utenze con 5 componenti e oltre = 78 sacchi da 120 litri carta e cartone nessun contenitore umido/organico e sfalci erba, foglie e piccole potature (***) composter da 400 o da 600 litri a richiesta 1 per utenza (*) solo per le utenze che non partecipano volontariamente al sistema di compostaggio domiciliare del rifiuto umido e degli sfalci (**) per le utenze con particolari situazioni (famiglie con bambini in tenera età con elevata produzione di pannolini, famiglie con anziani che usino ausili usa e getta, tipo pannoloni, etc.), la fornitura annuale sarà integrata di ulteriori 50 sacchi grigi da 80 litri; (***) per le utenze che partecipano al sistema di compostaggio domiciliare del rifiuto umido e degli sfalci

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 48 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza straordinaria Seduta di prima convocazione In data 11/06/2015 alle ore 19:00 Ai sensi

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 356 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 02/12/2014 alle ore 14:30 In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 267 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 23/09/2015 alle ore 14:30 In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 57 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 25/02/2015 alle ore 14:30 In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 336 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 05/11/2014 alle ore 14:30 In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 205 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 15/07/2015 alle ore 14:30 In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 262 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 15/09/2015 alle ore 13:30 In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

COMUNE DI LAUREANA DI BORRELLO 8 9 0 2 3 P R O V I N C I A D I R E G G I O C A L A B R I A

COMUNE DI LAUREANA DI BORRELLO 8 9 0 2 3 P R O V I N C I A D I R E G G I O C A L A B R I A COMUNE DI LAUREANA DI BORRELLO 8 9 0 2 3 P R O V I N C I A D I R E G G I O C A L A B R I A DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 32 Reg. Del. Del 29.09.2014 OGGETTO: Approvazione del piano finanziario

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 42 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza straordinaria Seduta di prima convocazione In data 11/06/2015 alle ore 19:00 Ai sensi

Dettagli

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA VERBALE DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione nr. 22 del 17/7/2014 OGGETTO: Approvazione piano economico-finanziario per il servizio rifiuti anno 2014.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI E DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO. MODIFICA ALL ARTICOLO 23 ESAME ED

Dettagli

COMUNE DI STAFFOLO Via XX Settembre,14 60039 Staffolo (AN) Tel. 0731/779218 Fax 0731/770402 C.F. e P.I. 00193620424

COMUNE DI STAFFOLO Via XX Settembre,14 60039 Staffolo (AN) Tel. 0731/779218 Fax 0731/770402 C.F. e P.I. 00193620424 COMUNE DI STAFFOLO Via XX Settembre,14 60039 Staffolo (AN) Tel. 0731/779218 Fax 0731/770402 C.F. e P.I. 00193620424 Cod. 42049 DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 30 DEL 05-08-2013 Trasmessa

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014

PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 AREA TECNICA - MANUTENTIVA TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 Casnate con Bernate, 3 aprile 2014 Il Responsabile del servizio AREA ECNICA E

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Premessa La Legge n. 147/2013 recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato

Dettagli

ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 Data 27/08/2014 Ogg : Approvazione del piano finanziario per la determinazione dei costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani e per la determinazione

Dettagli

1. PREMESSA NORMATIVA

1. PREMESSA NORMATIVA COMUNE PATTI Piano Finanziario e Relazione di Accompagnamento DI PROVINCIA DI MESSINA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO NORME DI RIFERIMENTO: - ART. 22 D.LGS 22/97 E S.M.I. - ART. 8 DEL

Dettagli

1. PERCHE SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA?

1. PERCHE SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? 1. PERCHE SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? Il servizio di raccolta porta a porta si propone di responsabilizzare gli utenti rispetto ai problemi di smaltimento dei

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 8 DEL 01/09/2015 CON POTERI DI CONSIGLIO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 8 DEL 01/09/2015 CON POTERI DI CONSIGLIO ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 8 DEL 01/09/2015 CON POTERI DI CONSIGLIO Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4 COMUNE DI FOLLONICA ANNO 2013 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARES) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO (ex art. 8 D.P.R. 27.04.1999, n. 158) SOMMARIO PREMESSA... 3 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO

Dettagli

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto:

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto: Comune di BOSCHI SANT ANNA Oggetto: Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI L. 147 del 27.12.2013 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 Competenza: UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE DI BOSCHI SANT

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla GC. n. 5 del 18.01.2016 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2016 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015 1 COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Anno 2015 Ex art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n.158 Art.1 comma 639 Legge 27 dicembre 2013 n. 147 2 INDICE PREMESSA NORMATIVA E

Dettagli

con la collaborazione di: Associazione Cittadini del Mondo Osservatorio Provinciale Rifiuti Centro Servizi per l Immigrazione

con la collaborazione di: Associazione Cittadini del Mondo Osservatorio Provinciale Rifiuti Centro Servizi per l Immigrazione 29 art direction Laura Magni impaginazione grafica Laura Bortoloni Coop G Brodolini via N Bonnet, 29 Porto Garibaldi (FE) Call center clienti 800 601789 Realizzato dallo Sportello Ecoidea della Provincia

Dettagli

Deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 08-04-2014

Deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 08-04-2014 COMUNE DI BORE PROVINCIA DI PARMA Deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 08-04- Oggetto: Approvazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti (TARI) anno. L'anno duemilaquattordici giorno otto del

Dettagli

COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA dei rifiuti solidi urbani ANNO 2016 GENNAIO 2016 1 venerdì 2 sabato umido ed organico -secco non riciclabile 3 domenica 4 lunedì umido ed organico

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE DELIBERA N. 35 ADUNANZA DEL 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO TARI. Adunanza straordinaria

Dettagli

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL)

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 4.323.093,28 432.309,33 4.755.402,61 Costi Raccolta e Trasporto R.U. (CRT) 4.204.463,71 420.446,37

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI (FAQ) - DOMANDE FREQUENTI 1. PERCHÉ SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? Il servizio di raccolta porta a porta si propone di responsabilizzare gli utenti rispetto ai problemi

Dettagli

Provincia di Cagliari

Provincia di Cagliari Copia COMUNE DI MURAVERA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE Adunanza: Straordinaria Urgente Seduta: Pubblica Convocazione: Prima N. 23 Del: 30/07/2015 Oggetto: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE PROVINCIA DI VARESE POLIZIA LOCALE ORDINANZA N 103 Venegono Superiore, 20 novembre 2009 Oggetto: Disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti. IL SINDACO Visto l art.

Dettagli

COMUNE DI FANANO (Provincia di Modena)

COMUNE DI FANANO (Provincia di Modena) COMUNE DI FANANO (Provincia di Modena) ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Prot. del DELIBERA N. 30 del 20.07.2015 OGGETTO: RISCOSSIONE TARI ANNO 2015 - DETERMINAZIONE DEL NUMERO

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

COMUNE DI FUMANE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI FUMANE PROVINCIA DI VERONA COPIA Deliberazione n 96 in data 06/10/2010 COMUNE DI FUMANE PROVINCIA DI VERONA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: L anno duemiladieci, addì sei del mese di ottobre nella Residenza

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO l'art. 14 comma 1 del D.L. n.201/2011, modificato dall art. 1 c. 387, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, che ha introdotto nel nostro ordinamento, a partire dal 1 gennaio

Dettagli

COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo allegato A) COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L ANNO 2015 1 INTRODUZIONE Il presente documento riporta gli elementi caratteristici

Dettagli

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 2.464 Produzione RSU 2008 [t] 774 Numero famiglie 990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 269 Numero famiglie porta a porta/organico 870 Produzione

Dettagli

CITTA DI COSSATO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

CITTA DI COSSATO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CITTA DI COSSATO COPIA OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PUNTUALE CORRISPETTIVA PER LA COPERTURA DEI COSTI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI VERBALE DI

Dettagli

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) *************

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio delle competenze e dei poteri del Consiglio comunale N. 4 del Reg.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TARI.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TARI. Comune di Iseo Provincia di Brescia ORIGINALE Codice Ente 10335 DELIBERAZIONE N. 13 del 08.05.2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza COPIA Deliberazione N. 25 COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI (TA.RI)

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI A. Premessa 1- PREMESSA Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della TARI (tributo

Dettagli

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia COPIA COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 28 del 01/07/2014 OGGETTO: TARIFFA SUI RIFIUTI (TARI) -DETERMINAZIONE TARIFFE PER L'ANNO 2014. L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

Verbale di Deliberazione N. 58/2011 della Giunta comunale

Verbale di Deliberazione N. 58/2011 della Giunta comunale COMUNE DI CAMPODENNO PROVINCIA DI TRENTO Verbale di Deliberazione N. 58/2011 della Giunta comunale OGGETTO: Approvazione schema tipo di delega alla Comunità della Val di Non per la sottoscrizione della

Dettagli

N 168 DEL 21/12/2013 COPIA

N 168 DEL 21/12/2013 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 168 DEL 21/12/2013 COPIA OGGETTO: AFFIDAMENTI IN HOUSE A CEM AMBIENTE SPA PER L ANNO 2014, DEL SEGMENTO DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA RELATIVO AL TRATTAMENTO/RECUPERO/SMALTIMENTO

Dettagli

PIANO ECONOMICO FINANZIARIO TARES 2013

PIANO ECONOMICO FINANZIARIO TARES 2013 PIANO ECONOMICO FINANZIARIO TARES 2013 PIANO ECONOMICO FINANZIARIO TARES 2013 CG COSTI DI GESTIONE Costi fissi Costi variabili CGIND Costi di gestione del ciclo dei servizi sui rifiuti indifferenziati:

Dettagli

COMUNE DI MESOLA PROVINCIA DI FERRARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI MESOLA PROVINCIA DI FERRARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MESOLA PROVINCIA DI FERRARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 del 08/04/2015 OGGETTO: Approvazione IUC componente TARI corrispettivo Approvazione listini tariffari anno 2015.

Dettagli

C O M U N E D I C A S O R E Z Z O

C O M U N E D I C A S O R E Z Z O C O M U N E D I C A S O R E Z Z O PROVINCIA DI MILANO COPIA DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.19 DEL 05-02-2009 Oggetto: DETERMINAZIONE DELLA TARIFFA SMALTIMENTO RIFIUTI PER L'ANNO 2009 L'anno

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI A. Premessa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto

Dettagli

COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA

COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA PROVINCIA DI PIACENZA Piazza S. Balletti 2 29020 Marsaglia (PC) Tel 0523/969011 Fax 0523/969012 - Ragioneria.cortebrugnatella@sintranet.it C.F. 80004220333 P.I. 00777240334

Dettagli

La raccolta del SECCO NON RICICLABILE

La raccolta del SECCO NON RICICLABILE Comune di Teolo Cittadella, 1 febbraio 2015 Oggetto: Secco, vetro, carta e cartone, umido e verde negli appositi contenitori Gentile Cittadino, dal 1 giugno 2015 i rifiuti secco non riciclabile, vetro,

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi.

Più differenzi, più riduci, più risparmi. Più differenzi, più riduci, più risparmi. Da luglio 2014 la tassa sui rifiuti diventa su misura Comune di Medesano Più differenzi, più riduci, più risparmi La raccolta differenziata a Medesano è diventata

Dettagli

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE S e d e OGGETTO : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N. 436.. Seduta del 23.09.2014 OGGETTO: DELEGA ALLA DITTA SAP S.R.L. PER LA SOTTOSCRIZIONE DELLE CONVENZIONI

Dettagli

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese COPIA Deliberazione n 34 in data 30/09/2014 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di prima convocazione - Seduta Pubblica Oggetto:

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014. Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014. Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014 COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014 in seduta di Prima convocazione Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014 Dato atto: che l anno duemilaquattordici il

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2014

PIANO FINANZIARIO TARI 2014 PIANO FINANZIARIO TARI 2014 A) Premessa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione della nuova tassa

Dettagli

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ----------------------

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Seduta pubblica di prima Convocazione NR. 23 DEL 29-07-2014 ORIGINALE

Dettagli

Comune di Pavullo nel Frignano

Comune di Pavullo nel Frignano COPIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 67 del 21/07/201 OGGETTO: INCENTIVI PER IL CONFERIMENTO DIFFERENZIATO DEI RIFIUTI PRESSO L'ISOLA ECOLOGICA: ART. 16 COMMA 3 DEL "REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2013/31 del 26 novembre 2013 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Gestione Rifiuti: criterio quantitativo per l assimilazione

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 16 in data: 21.06.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO:

Dettagli

ORDINANZA n 43 del 22/05/2015

ORDINANZA n 43 del 22/05/2015 ORDINANZA n 43 del 22/05/2015 Oggetto: Disciplina conferimento dei rifiuti solidi urbani - Attivazione della raccolta differenziata dei rifiuti con modalità porta a porta presso il centro storico di CORTONA

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 3 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza straordinaria Seduta di prima convocazione In data 26/03/2015 alle ore 19:00 Ai sensi

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 27 DEL 06-09-2014 APPROVAZIONE REGOLAMENTO TASSA SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 27 DEL 06-09-2014 APPROVAZIONE REGOLAMENTO TASSA SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE di MONTE CERIGNONE Provincia di Pesaro e Urbino Piazza Clementina, 10 61010 Monte Cerignone (PU) P.I. 00895400414 C.F. 82002090411 tel. 0541/978522 - fax 978501 - e-mail comune.moncerignone@provincia.ps.it

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

Comune di Putignano Provincia di Bari

Comune di Putignano Provincia di Bari Comune di Putignano Provincia di Bari COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 170 del 30-12-2014 del Registro Deliberazioni Oggetto: PROROGA DEL POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO DEL SERVIZIO DI IGIENE

Dettagli

COMUNE DI ARDENNO Provincia di Sondrio

COMUNE DI ARDENNO Provincia di Sondrio COPIA COMUNE DI ARDENNO Provincia di Sondrio DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 del Reg. Deliber. OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC - ALIQUOTE E DETRAZIONI IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU ANNO

Dettagli

COMUNE DI CODIGORO (PROVINCIA DI FERRARA)

COMUNE DI CODIGORO (PROVINCIA DI FERRARA) COMUNE DI CODIGORO (PROVINCIA DI FERRARA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 101 DEL 21/07/2015 OGGETTO: SERVIZI SOCIALI - AGEVOLAZIONI TARIFFARIE ALLE UTENZE DEBOLI DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -

Dettagli

Provincia di Ferrara. SETTORE VI Politiche Sociali Servizi Socio-Assistenziale, Tematiche Sanitarie, Ufficio Casa

Provincia di Ferrara. SETTORE VI Politiche Sociali Servizi Socio-Assistenziale, Tematiche Sanitarie, Ufficio Casa SETTORE VI Politiche Sociali Servizi Socio-Assistenziale, Tematiche Sanitarie, Ufficio Casa REGISTRO DELLE DETERMINE E ATTI ASSIMILATI DETERMINAZIONE N. 390 DEL 25/03/2015 OGGETTO: SERVIZI SOCIALI- PROGETTO

Dettagli

ALTRI SERVIZI A CARATTERE PRODUTTIVO V/4

ALTRI SERVIZI A CARATTERE PRODUTTIVO V/4 ALTRI SERVIZI A CARATTERE PRODUTTIVO V/4 Tav. 1 - SERVIZIO R.S.U - PEF TARES a consuntivo 2013 (Programma 13 - Progetto 3 ) Tav. 2 - SERVIZIO FARMACIA COMUNALE (gestito in economia) (Programma 16) Tav.

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO C O P I A DELIBERAZIONE N. 10 DEL 15/01/2009 Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L'ANNO 2009 L anno

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA (SEA) ART. 1 - FUNZIONE E DESTINATARI

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA DELIBERAZIONE N. 72 in data: 09.08.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES).

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA N. D ORDINE REGISTRO DELLE ORDINANZE 125 DATA EMISSIONE 21/11/2014 SETTORE SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ECOLOGIA OGGETTO DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI Il Comune di Recanati è aderente al CO.SMA.RI. Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti di Tolentino, costituito ai sensi e per gli effetti dell art.25

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 49 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 29/01/2014 alle ore 14.30. In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

UTENZE DOMESTICHE COMUNE DI PETTINEO SERVIZIO IGIENE URBANA GENNAIO 2015

UTENZE DOMESTICHE COMUNE DI PETTINEO SERVIZIO IGIENE URBANA GENNAIO 2015 GENNAIO 2015 1 giovedì 2 venerdì secco non riciclabile - umido ed organico 3 sabato vetro e lattine - umido ed organico 4 domenica 5 lunedì umido ed organico -secco non riciclabile 6 martedì 7 mercoledì

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Città di SPILIMBERGO Provincia di Pordenone COPIA N. 50 del REGISTRO DELIBERE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Approvazione schema di convenzione con il comune di Sequals per l'utilizzo

Dettagli

COMUNE DI MALCESINE. Prot. n. 10.851/2008 Malcesine, li 29/07/2008

COMUNE DI MALCESINE. Prot. n. 10.851/2008 Malcesine, li 29/07/2008 Prot. n. 10.851/2008 Malcesine, li 29/07/2008 ORDINANZA N. 42 DEL 29/07/2008 NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONFERIMENTO RIFIUTI IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Visto l'art. 198 del Decreto Legislativo

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

CODICE 41054 COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. in data 29-09-14 OGGETTO N. 44

CODICE 41054 COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. in data 29-09-14 OGGETTO N. 44 Comune di San Lorenzo in Campo Provincia di Pesaro e Urbino Piazza Umberto I^ - 17-61047 San Lorenzo in Campo P.I. 00379120413 Tel. 0721-774211 Fax 0721-776687 E-mail: comune.san-lorenzo@provincia.ps.it

Dettagli

COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo

COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI TARI ANNO 2015 MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Piano Economico Finanziario

Piano Economico Finanziario Piano Economico Finanziario 2015 Documento allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del / /2015 CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE CGIND Ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati CSL Costi di spazz.

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2015

PIANO FINANZIARIO TARI 2015 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 38 del 30-07-20152015 COMUNU DE GUSPINI PROVINTZIA DE SU CAMPIDANU DE MESU SOMMARIO: Art.

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29%

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% Piano Economico Finanziario come approvato da AC con atto 8/13; ELABORAZIONE TRANSIZIONE A TARES Il presente

Dettagli

COMUNE DI FOSCIANDORA Provincia di Lucca

COMUNE DI FOSCIANDORA Provincia di Lucca COMUNE DI FOSCIANDORA Provincia di Lucca PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

CALENDARIO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

CALENDARIO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA CALENDARIO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA ANNO 2015 COMUNE DI BOLLATE (MI) GAIA SERVIZI, PER MIGLIORARE LA QUALITA DELLA VITA A BOLLATE IMBALLAGGI IN PLASTICA Per capire cosa si può conferire basta domandarsi

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/04/2015 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI CANCELLARA

COMUNE DI CANCELLARA COMUNE DI CANCELLARA Via Salvatore Basile n. 1 C.A.P. 85010 PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE REG. N. 12 DEL 27/06/2013 COPIA OGGETTO: TARES - DETERMINAZIONE NUMERO RATE E SCADENZE.

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10

COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 Copia COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE - ANNO 2015 L anno duemilaquindici addì trentuno

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli