INSIEME. Giornalino delle Parrocchie dei Santi Pietro e Paolo e di San Martino

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INSIEME. Giornalino delle Parrocchie dei Santi Pietro e Paolo e di San Martino"

Transcript

1 Anno 9 - Numero 3 Giugno - Luglio 2013 INSIEME Giornalino delle Parrocchie dei Santi Pietro e Paolo e di San Martino Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/04/2004 n. 46) art.1, comma 2, DCB Trento - Contiene I.R. Sommario Possedere meno aiuta 2 Spirito Santo 2 Le tendenze della povertà 4 Gruppo dei Cresimati 5 Prima Comunione 6 Festa della prima confessione 7 Pian del Gacc, festa della comunità 7 Ricordati di santificare le feste 8 Pagina dei giochi 10 In primo piano Riposare con un libro in mano pag. 11 Carissimi, Ormai ci siamo: è arrivata l estate. Anche se guardando fuori dalla finestra, mi rendo conto che stenta ad imporsi, ma appena arriva uno spiraglio di sole tutto cambia: la gente esce di casa e riempie le strade per godersi un po di calore e tutti siamo più luminosi. Prima che inizi l esodo dalla città volevo però raggiungervi con questo augurio: che questo tempo luminoso possa essere veramente di riposo, di crescita e di riflessione. Riposo, in quanto si ha bisogno di staccare la spina rigenerando il corpo, la mente e lo spirito dopo i lunghi mesi di lavoro o di studio. Crescita perché il viaggiare, incontrare nuove persone e il vedere posti nuovi e belli (che possono essere anche a pochi km da casa) è un esperienza sempre preziosa e che apre i nostri orizzonti. Riflessione, perché liberi dalla ruotine quotidiana possiamo dedicare un po di tempo a noi stessi, per riflettere sulle cose davvero importanti della nostra vita. Anche se per breve tempo forse, in questa calda estate, potremo trovare momenti di fresco sollievo in qualche bosco che sa ancora di natura. Non solo il corpo ma la nostra stessa intimità troveranno ristoro in uno spazio che sa donarci ancora il silenzio e che ci invita ad entrare in punta di piedi e ad accomodarci come graditi ospiti. Prendiamoci un po di tempo per leggere un racconto speciale, il racconto della vita di Gesù. Non a pezzi, come facciamo di solito durante la liturgia domenicale, ma come un vero e proprio racconto. Leggere i vangeli come un racconto è dunque richiesto dai vangeli stessi. E solo in questo modo essi libereranno anche il loro messaggio religioso. La fede biblica, infatti, che crede un Dio che avviene nella storia e nella compagnia degli uomini, si esprime nel racconto Gesù, il non teologo, è il narratore di Dio, colui che ne fa un esegesi vivente con le sue parole e con la sua pratica di umanità. Buon cammino il vostro parroco don Corrado

2 Pagina 2 giugno - Luglio 2013 SPIRITO SANTO Senza lo Spirito Santo Dio è lontano, Cristo rimane nel passato, il Vangelo è lettera morta, la Chiesa è una semplice organizzazione, l autorità è una dominazione, la missione una propaganda, il culto una evocazione, e l agire dell essere umano una morale da schiavi. Ma nello Spirito Santo: il cosmo è sollevato e geme nella gestazione del Regno, Cristo risorto è presente, il Vangelo è potenza di vita, la Chiesa significa comunione trinitaria, l autorità è un servizio liberatore, la missione è una Pentecoste, la liturgia è memoriale e anticipazione, l agire umano è divinizzato. POSSEDERE MENO AIUTA Papa Francesco ci richiama spesso alla povertà e all essenzialità, non solo a parole, ma con il suo personale stile di vita. L essenzialità è davvero un grande valore per la nostra vita, in quanto se riduciamo i beni materiali, possiamo riscoprire le relazioni tra di noi rendendole più vere, meno legate all apparenza. La persona non vale per ciò che possiede, ma per la bontà del cuore. Avere meno ci aiuta a divenire persone più sensibili e solidali verso le necessità altrui, condividendone i pesi con più sincerità. Signore donaci l umiltà di cuore, per imparare ad amare chi ci passa accanto, senza falsità ed ipocrisia. Maria G. INSIEME: Bimestrale delle Parrocchie dei santi Pietro e Paolo e San Martino - Trento Editore: Parrocchia santi Pietro e Paolo - Stampato in proprio Registrazione Tribunale di Trento n del Approvazione Eccl. n. 506/05/E Redazione: TRENTO - Piazzetta Anfiteatro, 19 tel. e fax 0461/ Offerte: c/c postale n intestato alla Parrocchia SS. Pietro e Paolo; Banca di Trento e Bolzano: coordinate iban IT40 H Direttore responsabile: Paolo Magagnotti Redazione: don Corrado Prandi, Margherita Cadrobbi, Anna Fois, Magda Giangiulio, Alessandro Leto, Gabriella Pisoni, Maria Grazia Spinelli, Alberta Vinotti.

3 Pagina 3 giugno - Luglio 2013 CONSIGLIO PASTORALE NTERPARROCCHIALE DI SAN PIETRO E SAN MARTINO Seduta del 16 aprile 2013 Mercoledì 16 aprile alle ore presso l Oratorio di San Pietro è convocato il Consiglio Pastorale Interparrocchiale delle parrocchie dei santi Pietro e Paolo e di san Martino in Trento. Dopo un momento di preghiera proposto dal parroco si decide di rinviare il lavoro proposto dal Vicario Generale sulla Comunità per dare spazio al punto successivo all o.d.g; 2. Il parroco mette all attenzione dei consiglieri l aumento delle richieste di aiuto economico nella nostra comunità e nelle altre parrocchie di Trento e ancora di più nella città di Rovereto. I dati raccolti dicono che alcune parrocchie in 3 mesi hanno speso in aiuti quello che solitamente avrebbero usato in un anno: indice del bisogno in crescente aumento che coinvolge molte persone in questi tempi di crisi economica. Si riassume quanto emerso dalla riunione dei parroci della città con la Caritas e il Vicario Generale: vengono raccolte molte richieste di liberi professionisti, artigiani che avevano piccole imprese e che ora vivono una crisi fortissima o persone che hanno perso il lavoro e che non riescono più a gestire i soldi. Un grosso problema collegato a questa situazione è quello del gioco d azzardo, per cui in alcuni casi anche i sostegni ricevuti vengono velocemente sperperati. Ci sono poi le persone che non hanno il coraggio di chiedere aiuto e restano da sole a portare il peso del fallimento economico e personale. Chiedere è sempre difficile e spesso la finzione crea un circolo vizioso nelle relazioni familiari e una chiusura sempre più profonda in sé. La Fondazione Comunità Solidale è il braccio operativo della Caritas Diocesana e lavora per sostenere alcune di queste situazioni di disagio. Un nodo molto importante è l emergenza Nord-Africa: dal 6 maggio all 1 agosto non riceveranno più accoglienza nelle strutture protette circa 130 profughi che erano stati accolti per due anni in centri di accoglienza. Attraverso un progetto della Caritas sarà possibile accompagnare quelli che hanno già iniziato un inserimento lavorativo. A Rovereto si è pensato a un fondo di per fare fronte a questa nuova emergenza povertà: i criteri per vagliare le diverse situazioni sono ferrei e ogni caso è seguito con attenzione e continuità. È impellente l esigenza di fare qualcosa anche a Trento, e il Consiglio approva l idea di avviare insieme alle altre parrocchie un fondo cittadino di solidarietà e magari organizzare un incontro con tutti i rappresentanti delle Caritas parrocchiali, che hanno già una bella rete sul territorio. Pensando poi nello specifico alla situazione della nostra parrocchia, non possiamo pretendere di risolvere il problema ma possiamo almeno tentare di rispondere ad alcune esigenze particolari: creando un gruppo di persone sensibili, che in contatto con gli assistenti sociali, possano seguire caso per caso e vedere il da farsi. Il parroco sottolinea che c è tanta sensibilità da parte della gente e molte persone fanno donazioni significative, ma al di là dell oggettivo bisogno economico c è soprattutto il biso-

4 Pagina 4 giugno - Luglio 2013 gno di una profonda compagnia umana. Risulta pertanto fondamentale nell azione di aiuto accompagnare con l attenzione di capire cosa serve veramente alla persone in difficoltà. Questa situazione richiede forse un accelerazione della riflessione e dell organizzazione del gruppo Caritas parrocchiale: è necessario trovare e formare delle persone che abbiano una positiva capacità di relazione e una significativa riservatezza. Per individuare persone con queste caratteristiche l unico modo è far sapere a più gente possibile che c è bisogno di qualcuno che dia tempo ed energia in questa direzione. Il Consiglio decide di scrivere una lettera aperta ai parrocchiani per rendere nota a tutti la situazione e per invitare alla preghiera, rilanciando ad un successivo incontro di riflessione comunitaria in autunno. Per iniziare sarebbe importante partecipare agli incontri cittadini della Caritas e di intercettare un paio di persone che si prendano a cuore questo problema. 3. Domenica 19 maggio, Pentecoste, si svolgerà la festa finale di tutte le attività parrocchiali al Pian del Gac. Quest anno verrà celebrata la Messa direttamente lì e la giornata proseguirà con il pranzo tutti insieme. Nel pomeriggio ci sarà poi un momento di animazione per bambini e famiglie organizzato dal gruppo degli adolescenti. A cura di Valentina G. LE TENDENZE DELLA POVERTA E sempre più difficile delineare il concetto di povertà, termine che nel corso degli anni è diventato sempre più complesso e collegato a molteplici dimensioni. Accanto al termine generico di povertà e di esclusione, diventa sempre più necessario affiancare altri termini spesso poco usati. la crisi economica e il conseguente aumento della disoccupazione ha fatto infatti aumentare nuove forme di precarietà, vissute spesso da persone che non hanno alle spalle un passato di povertà. In questi casi spesso diventa difficile allacciare dei legami perché le persone che versano in questa condizione cercano in vari modi di occultarla, soprattutto per evitare lo stigma sociale che tradizionalmente accompagna i poveri. Accanto a queste povertà nascoste crescono anche le forme di vulnerabilità, ovvero di persone ancora al di sopra della linea di povertà ma più esposte rispetto ad altre Una povertà che si trasforma e cambia aspetto La crisi economico-finanziaria ha determinato l estensione dei fenomeni di impoverimento ad ampi settori di popolazione, non sempre coincidenti con i vecchi poveri del passato. Aumentano gli utenti e soprattutto gli italiani, cresce la multi problematicità delle persone, con storie di vita complesse, di non facile risoluzione, che coinvolgono tutta la famiglia. La fragilità occupazionale è molto evidente e diffusa. Aumentano gli anziani e le persone in età matura: la presenza in Caritas di pensionati e casalinghe è ormai una regola, e non più l eccezione. Si impoveriscono le famiglie immigrate e peggiorano le condizioni di vita degli emarginati gravi, esclusi da un welfare pubblico sempre più residuale. Dal rapporto Caritas

5 Pagina 5 giugno - Luglio 2013 GRUPPO DEI CRESIMATI Il Pellegrinaggio ad Assisi e il Sacramento della Confermazione Nei tre giorni subito dopo Pasqua il gruppo dei cresimandi ha partecipato al Pellegrinaggio ad Assisi sulle orme di san Francesco. Giornate intense e belle per scoprire la vita e il messaggio di uno dei santi più amati e significativi. Questo momento ha aiutato tutti a mettersi in sintonia con il dono dello Spirito il giorno della Confermazione il 13 aprile nel Duomo di Trento. Sentiamo il pensiero di alcuni di loro: Finalmete è arrivato il giorno tanto atteso! Che emozione: la Cattedrale, il Vescovo e poi tante persone che riempiono i banchi, ero molto agitato in particolare perchè le catechiste mi hanno proposto di leggere il Salmo Responsoriale. Poi finalmente il momento solenne tutti in fila con i padrini o le madrine come nel mio caso al fianco a ripetere mentalmente i suggerimenti di Don Corrado : dire forte il proprio nome e le frasi da ricordarsi per rispondere al Vescovo. Terminata la cerimonia tutti in gruppo per le foto. Questa giornata resterà un bel ricordo a conclusione di un percorso fatto con un bel gruppo di amici e delle brave e pazienti catechiste che ho visto molto emozionate. Finalmente sono cresimato e spero di mettere in pratica i valori che lo Spirito Santo ha portato in questo giorno speciale nel mio cuore Nicolas Comunque mi sono divertito molto ad Assisi con i miei! E stata un esperienza fantastica, che di certo non dimenticherò facilmente come il giorno della Cresima. Nel giorno della Cresima di tutti i momenti di festa che ho passato quello che mi è piaciuto di più è stato il momento in chiesa soprattutto quando ho ricevuto lo Spirito Santo, ma anche quando ho dovuto leggere! Comunque devo ammettere che mi è piaciuto a parte l agitazione! Davide R. Il viaggio ad Assisi è stata un esperienza nuova: quando sono partita pensavo che avrei trascorso alcuni giorni in compagnia delle amiche, divertendomi. Invece il viaggio si è rivelato un avvicinamento progressivo agli insegnamenti di Gesù grazie alla riflessione sul percorso di San Francesco. Ho capito cosa significhi essere cristiani soprattutto migliorando la relazione con gli altri, dato che siamo tutti figli di Dio. Nel giorno della mia santa Cresima mi sono resa conto di quanto l amore per Dio sia importante grazie alla nuova emozione provata nel momento della Confermazione da parte del vescovo. Mi sento spiritualmente maturata grazie al lungo tragitto intrapreso con le catechiste Maria Grazia e Mara alle quali devo un grande ringraziamento. Maria

6 Pagina 6 giugno - Luglio 2013 Il giorno in cui ho fatto la Cresima è stato un giorno veramente speciale. Devo ammettere che all inizio dell anno non avevo le idee chiare su che cosa significasse la parola Cresima e per questo devo ringraziare le mie catechiste che con costanza e impegno mi hanno fatto capire quanto io fossi speciale e quanto debba essere onorato di ricevere la Cresima. Credo che non mi dimenticherò mai di questo giorno. Antonio Sono Lorenzo della parrocchia di San Martino-San Pietro. Il momento più bello è stato quando mi sono trovato davanti al vescovo. Camminare per le strade, vedere chiese affrescate da artisti come Giotto e Cimabue, respirare la stessa aria che respirava San Francesco. Questo è Assisi. Un paese semplice pieno di cultura che fa riflettere non più agli oggetti che si posseggono, ma alle cose che si sono fatte e che si faranno nel corso della nostra esistenza. Un luogo magico e pieno di emozioni dove anche San Francesco si é illuminato e ha deciso di diventare una persona migliore. Nel corso della nostra esistenza abbiamo dubitato molte volte di Dio e della sua parola. Non è stata una nostra scelta diventare Cristiani cattolici praticanti ma dei nostri genitori. E noi per confermare questa scelta ci siamo Cresimati. Grazie alle nostre catechiste a Don Corrado e al vescovo Luigi non siamo più solo allievi di Cristo ma veri e propri soldati che combattono per un unico obbiettivo : la carità Cristiana Davide M. 5 MAGGIO: PRIME COMUNIONI Oggi è un giorno di grande festa per noi genitori e per tutta questa Comunità perché accompagniamo i nostri bambini emozionati e felici ad incontrare per la prima volta Gesù nell Eucarestia. Ci siamo ritrovati insieme chiamati a seguire i nostri figli in questo cammino, gruppo di adulti tanto diversi che nei momenti di confronto e riflessione ha scoperto la ricchezza di questa diversità. Sono passati tre anni durante i quali abbiamo riscoperto il significato di una proposta di fede e abbiamo acquisito un desiderio di ricerca che vogliamo trasmettere ai nostri figli. L entusiasmo dei nostri bambini, delle catechiste, di Suor Virginia e di don Corrado ha finito per contagiarci facendo diventare questo giorno anche per noi un po come una nuova prima Comunione. Accompagniamo e sosteniamo oggi i nostri bambini con la preghiera e la nostra gioia come un vera Comunità ed una grande famiglia un genitore

7 Pagina 7 giugno - Luglio MAGGIO: FESTA DELLA PRIMA RICONCILIAZIONE Domenica 12 maggio i bambini del 2 anno di catechesi hanno concluso il loro percorso ricevendo il sacramento della riconciliazione. E stata una celebrazione partecipata e vissuta intensamente dai 43 bambini che emozionati e contenti hanno potuto vivere assieme questo importante passo del loro cammino di fede. Alcuni segni sono rimasti particolarmente impressi ai bambini: l accensione del loro cero battesimale al cero pasquale simbolo della Luce che vince il peccato ed il illumina il cuore ed i passi di ognuno, l anello del perdono donato loro dal sacerdote al termine della confessione con l incisione io ti perdono, e le piccole sagome con i loro volti che sono state poste ai piedi dell altare sulla strada, tra le foto della nostra Chiesa e di alcune case che rappresentavano la nostra comunità, al seguito di Gesù che a braccia aperte attende ed accoglie ognuno. FESTA DELLA COMUNITA 19 maggio al Pian del Gac Un momento conclusivo di preghiera e di festa per ringraziare il Signore del cammino percorso durante l anno come comunità di san Pietro e san Martino è il senso della festa al Pian del Gac, che come tradizione vede impegnata l Associazione santa Croce nella parte organizzativa. Anche quest anno, nonostante il tempo non sia stato molto clemente, un bel gruppo si è dato appuntamento sopra Fornace per passare una giornata in compagnia. Molto apprezzata dopo il lauto pasto è stata la gara delle torte, che si è conclusa in un assaggio delle molte squisite dolcezze presenti. Il sole, tanto atteso ha permesso anche ai bambini, aiutati dal gruppo giovani, di sbizzarrirsi nei giochi all aria aperta. Un grazie a tutti e un arrivederci al prossimo anno!

8 Pagina 8 giugno - Luglio 2013 IL DECALOGO Le dieci parole rivelate da Dio RICORDATI DI SANTIFICARE LE FESTE Allora Dio, nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro. Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli creando aveva fatto Gen 2,2-3. Ricordati del giorno di sabato per santificarlo: sei giorni faticherai e farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: non farai alcun lavoro Es 20,8-10. Il sabato è stato fatto per l uomo e non l uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell uomo è signore anche del sabato Mc 2, La Bibbia racconta di come Dio dopo la creazione si riposi, cessando ogni attività. Sicuramente Dio, in quanto tale, non ha l umana necessità di riposarsi e proprio per questo è importante chiedersi quale significato voglia trasmettere questa immagine. Questo gesto così umano di Dio, all apparenza banale, in realtà vuole far capire all uomo di come sia importante saper fare sosta, fermarsi, cessare dall attività quotidiana per concedersi e concedere del tempo. A che scopo? La Scrittura rivela come il Signore abbia benedetto il giorno di sabato, dichiarandolo sacro (Es. 20,11), un giorno riservato alla lode di Dio, della sua opera creatrice e delle sue azioni salvifiche in favore di Israele. Nella società post-moderna l uomo sembra quasi condannato ad una corsa frenetica dove anche la semplice pausa diviene un lusso, un eccezione, ma Dio invita l uomo a sospendere un istante per ritrovare in quell intervallo la propria dimensione. Dio si pone a modello per l uomo, Egli vuole mostrare che anche l uomo deve riposare, godere della quiete, fare una tregua. Un giorno di protesta contro le schiavitù del lavoro e il culto del denaro (CCC2172). Nei Vangeli si riferisce di come Gesù venga più volte accusato di violare la legge del sabato, ma in realtà Egli non solo non la viola, ma né da l interpretazione autentica. Gesù vuole far capire agli israeliti che il sabato in quanto giorno del Signore deve essere il giorno della misericordia, deve essere il giorno in cui si onora Dio facendo il bene e per questo è lecito nel giorno di sabato fare il bene invece del male, salvare una vita anziché toglierla. Ecco perché Il sabato è stato fatto per l uomo e non l uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell uomo è signore anche del sabato (Mc 2, (CCC2173). LA DOMENICA COMPIMENTO DEL SABATO Gesù risorge il primo giorno dopo il sabato (Mc 16,2), che corrisponde al primo giorno della settimana ebraica, quindi al contempo questo giorno della risurrezione di Cristo diviene primo giorno che richiama la prima creazione, ma anche ottavo giorno (il giorno che segue la settimana ebraica che termina con il sabato) che richiama la nuova creazione inaugurata con la risurrezione di Cristo (ccc2174); vero giorno del Signore ormai non sarà più quello in cui Dio si riposa dalle sue opere, ma quello in cui egli agisce per la vita e per la salvezza dell uomo (Il giorno del Signore CEI). Questo giorno diviene quindi per i cristiani, il primo di tutti i giorni, la prima di tutte le feste, il giorno del Signore, il dies dominica, la domenica (CCC 2174), il giorno in cui Cristo è risorto, è apparso ai discepoli ed ha spezzato il pane per due di loro a Emmaus (Lc 24,30), il giorno in cui Cristo ha vinto la morte donando all uomo un orizzonte di speranza. FESTA: La festa per l uomo è occasione importante di comunione, di ristoro, di riflessione, di gioia, di condivisione. Anche Gesù amava fare festa con i suoi amici, condividere la mensa con

9 Pagina 9 giugno - Luglio 2013 i suoi discepoli, in un clima disteso e gioioso. Gesù non ha perso questa abitudine, ama ancora sedersi a mensa con ogni uomo, per un reciproco ascolto, per offrirsi come cibo di vita e perchè l uomo possa gioire della Sua compagnia. Un breve momento in cui Egli benedice l uomo, lo esorta a perseverare sul giusto cammino, lo consola delle cadute e gli dona la speranza che nasce dalla Sua misericordia. Un momento in cui l uomo ritrova con Dio quel dialogo molte volte interrotto; una mensa che vede nei poveri, negli affamati, nei sofferenti, nei peccatori tutti, degli invitati privilegiati. Gesù attende tutti con trepidazione a braccia aperte, perchè come ricorda Papa Francesco: il Signore mai si stanca di perdonare, siamo noi che ci dimentichiamo di chiedere perdono. Ogni uomo è invitato alla mensa del Signore a fare festa con Lui e con i fratelli; è una mensa in cui gli stessi invitati sono chiamati ad estendere il loro invito ad altri fratelli. Partecipare alla celebrazione comunitaria dell Eucaristia domenicale significa testimoniare la fedeltà a Cristo e alla sua Chiesa, testimoniare la propria comunione nella fede e nella carità; un momento in cui uniti nella lode a Dio speranza di salvezza ci si fortifica reciprocamente sotto l assistenza dello Spirito Santo. Da ciò si può comprendere come l Eucaristia domenicale fondi e confermi tutto l agire cristiano e di come quindi il trascurare l adempimento di tale precetto (esteso anche alle feste comandate) comporti peccato grave (CCC2181). RICORDATI: Dio invita l uomo a ricordarsi di ciò che è; del perché è stato chiamato al mondo e del destino a cui può essere consegnato. Lo invita a ricordarsi che non è fine a se stesso, ma che è creatura amata da Dio e per questo destinato a grandi cose; lo invita a ricordarsi che è dono del Dio di misericordia, il quale ha dato suo Figlio Gesù Cristo per redimere l umanità tutta. Ricordare è una componente fondamentale dell uomo, tutto ciò che si ricorda non muore. I nostri cari vivono nel nostro ricordo; gli eventi che ricordiamo si assommano al bagaglio esperienziale affinché si possa affrontare meglio il futuro; ricordarsi delle date importanti (compleanni, anniversari, appuntamenti ecc. ) proiettano l uomo verso l altro; ricordare aiuta a prevenire la ricaduta nell errore che produrrebbe maggiore danno e fornisce un metro per ciò che deve ancora accadere. Alla luce di ciò, Dio invita allora l uomo a ricordarsi di santificare le feste. SANTIFICARE: l uomo è invitato a rendere santo il momento della festa e a rendersi santo attraverso quel momento. Come? Dio invita a fare della festa un momento di incontro, di relazione con Lui, con le creature ed il creato. Egli invita l uomo a fermarsi per entrare in relazione con ciò che lo circonda, a godere delle bellezze del Creato; ad accorgersi del fratello vicino e magari sofferente; ad accorgersi di Lui. La festa deve essere il coronamento di una settimana santificata in cui si è cercato di coltivare e custodire quella parte di umanità che ci è stata consegnata. Santificare è ri-dimensionare, il fermarsi per scoprire che al di là di tutti gli impegni, le corse, le frenesie quotidiane, il mondano, vi è un orizzonte molto più ampio che dà ragione del proprio esistere. L uomo è fatto per qualcosa di grande, l uomo è fatto per Dio! Scoprendo questo, ogni faccenda umana assumerà contorni diversi; l occhio si poserà su una prospettiva più ampia, che donerà al tutto un senso più profondo. Per questo santificare le domeniche e i giorni di festa esige un serio impegno comune. Ogni cristiano deve evitare di imporre, senza necessità, ad altri ciò che impedirebbe loro di osservare il giorno del Signore (CCC 2187). E importante che tutti possano avere la possibilità di godere di sufficiente riposo, di una pausa in cui si possa ritrovare se stessi, curare i propri affetti famigliari, la vita religiosa e spirituale, un giorno in cui si possa godere del creato e di tutte le cose buone in esso contenute, in cui si possa dedicarsi alle opere di bene, un tempo per ricaricarsi e ripartire. A cura di Anna F.

10 Pagina 10 giugno - Luglio 2013 Il tesoro dei pirati Scrivi nelle caselle numerate le soluzioni delle definizioni: 1. Taglia 2. Piccolo uncino per pescare 3. Tirato...come la corda della vela 4. L albero delle pere 5. Società, fondazione 6. Scuri di capelli 7. Negazione 8. Roccia porosa 9. Grandi recipienti 10. Abitanti della Sardegna 11. Insetto che fa il miele 12. Segue il sette 13. Si trova nell acqua del mare C O L O R A L A T U A V A C A N Z A S div 8 s man 10 r pp stra che il ro è qui. che 6 re 7 cchi. So di 9 s! 12 ne e NUMERI SOTTO L OMBRELLONE Inserisci al posto degli ombrelloni nel triangolo 2 numeri per lato scegliendoli tra quelli elencati, in modo che la somma per ogni lato sia sempre

11 Pagina 11 giugno - Luglio 2013 ANAGRAFE PARROCCHIALE SAN PIETRO e SAN MARTINO Sono nati a nuova vita in Cristo attraverso il Battesimo: Russolo Francesco di Michele e Federica Caprioli Matteo di Francesco e Anna Caterina Avellino Filippo di Luca e Angela Isufi Gaia di Louena Andreis Lea di Luigi e Sandra Benzi Filippo di Mattia e Camilla Cont Ludovica di Valter e Antonella Bazzanella Agata di Claudio e Monica Vanzetta Ginevra di Fabrizio e Serena Shemaj Kaludia di Klodian e Jonida Si sono uniti in Matrimonio; Serio Matteo con Cavallaro Francesca Broccardo Stefano con Zanol Sara Hanno raggiunto la casa del Padre e per loro preghiamo Pegoretti Sergio di anni 83 Parziani Giuliana ved. Andreatta di anni87 Dematte Edvige ved. Degasperi di anni 98 Piffer Paolo di anni 60 RIPOSARE CON UN LIBRO IN MANO Adulti e giovani: - La piramide del caffè di Nicola Lecca - ed. Mondatori - Il protagonista è vissuto fino a 18 anni un orfanatrofio ungherese. Ora, maggiorenne, è libero di andare: così parte alla conquista di Londra, la città dei suoi sogni.. - La ragazza di Sighet di Hindi Rothbart - ed. Paoline - Nel 1944 Hindi con la sorella Relu è deportata ad Auschwitz. Sopravviverà e, dopo traversie, arriverà in California dove potrà dare un nuovo senso alla sua vita. - La pelle dell orso di Matteo Righetto ed. Guanda - Un ragazzo che vive sulle Dolomiti, dopo la morte della madre, si ritrova con un padre violento e alcolizzato che lo trascina, per una scommessa, alla caccia di un orso detto El Diaol. Le difficoltà della natura, la solitudine, il silenzio piano piano li avvicina. - Uno splendido inganno di Andrea Fazioli ed. Guanda -Sarà più forte l amore o la truffa? Bravo l autore, avvincete la trama, fluido lo stile. Per ragazzi, ma anche per adulti: - La perla di Chiara M.- ed. Paoline - E la storia di una bellissima perla nata dal dolore di una conchiglia; è scritta con delicatezza, fa sorridere, pensare, riflettere. L edizione del 2013 per ragazzi è illustrata da Marta Carraro. Per tutti i bambini: - Il paese delle coccole di don A. Mazzi illustrazioni di Simone Zampa- Collana Mondo Bambino. - Una bellissima fiaba che parla di un paese che esiste, esisteva, esisterà, a questo mondo, uno stranissimo paese chiamato il paese delle coccole gemellato con il paradiso dove gli abitanti vivono senza televisione, senza negozi e ipermercato. A cura di Gabriella

12 Pagina 12 giugno - Luglio 2013 Appuntamenti Parrocchiali 31 maggio Rosario Cittadino Da lunedì 17 a venerdì 21 giugno Grest in Oratorio Da sabato 22 giugno a sabato 29 giugno Campeggio in Val d Algone Mercoledì 26 giugno Processione San Vigilio Sabato 29 giugno Santi Pietro e Paolo Dal 14 al 21 luglio Campeggio a Monte Colombo Giovedì 15 agosto Assunzione di Maria Da lunedì 2 a venerdì 6 settembre Grest in Oratorio 8-10 settembre Cresimandi ad Assisi Domenica 6 ottobre Festa Inizio attività Pastorale

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco)

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco) INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA (Nepi Veneto Grugliasco) ASSISI, 3 5 aprile 2009 Dal 3 al 5 aprile 09 ci siamo ritrovati ad Assisi come Laici Missionari della Consolata di Nepi,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA Percorsi di fede dalla Prima Elementare alla Prima Media Anno Pastorale 2008/2009 Famiglia diventa anima del mondo 1 MOMENTI PER TUTTI I GENITORI Mercoledì 24 settembre Ln

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO ARCIPRETURA MARIA SS. ASSUNTA E SAN PIETRO APOSTOLO SAN PIETRO DI CARIDA PROGRAMMA PASQUA 2014 SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Basilica Parrocchiale S.Francesco Viterbo Vangelo di S.Marco n.5

Basilica Parrocchiale S.Francesco Viterbo Vangelo di S.Marco n.5 Basilica Parrocchiale S.Francesco Viterbo Vangelo di S.Marco n.5 Gesù a Cafarnao Le cinque controversie (2,1-3,6) Ag.Mallucci Gli avversari di Gesù su Chi sei tu? Ambienti diversi Conflitto tra Gesù e

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO

COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO SS. Protaso e Gervaso - Seveso 0362.501623 B.V. Immacolata Baruccana 0362.574486 San Carlo Altopiano 0362.553522 San Pietro martire 0362.70978 www.parrocchieseveso.it

Dettagli

8. LA FESTA TEMPO PER LA FAMIGLIA

8. LA FESTA TEMPO PER LA FAMIGLIA A. Canto e saluto iniziale B. Invocazione dello Spirito Santo C. Lettura dalla parola di Dio 8. LA FESTA TEMPO PER LA FAMIGLIA 1 Così furono portati a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana Parrocchia Santi Giacomo - Schema per la catechesi dei Fanciulli: Tappa 11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre 30 novembre I segni di Primo Anno Ci accoglie

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 Chi vuole fare sul serio qualcosa, trova una strada; gli altri, una scusa. (Proverbio Africano) Come un uomo saggio che trae

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Andando insegnate... /Italia 23. A catechismo con. Padre Pianzola. di Sannazzaro e di Pieve Albignola

Andando insegnate... /Italia 23. A catechismo con. Padre Pianzola. di Sannazzaro e di Pieve Albignola Andando insegnate... /Italia 23 A catechismo con Padre Pianzola Dalle immagini del DVD alla realtà di Sartirana: a Sannazzaro e a Pieve Albignola un esperienza di catechismo-laboratorio sul Beato Le catechiste

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Parrocchia S.Michele Arcangelo Cattedrale. Piazza Duomo 1-81100 Caserta. Tel.Fax 0823/322493. Sito web: www.parrocchiacattedralecasrta.

Parrocchia S.Michele Arcangelo Cattedrale. Piazza Duomo 1-81100 Caserta. Tel.Fax 0823/322493. Sito web: www.parrocchiacattedralecasrta. Parrocchia S.Michele Arcangelo Cattedrale Piazza Duomo 1-81100 Caserta Tel.Fax 0823/322493 Sito web: www.parrocchiacattedralecasrta.org Pastorale Familiare Sito web. : www.famigliadifamiglie.it e-mail

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO PROPOSTA PER UN ADORAZIONE EUCARISTICA DI UN ORA* 1 SETTEMBRE 2015 * Prepared by Pontifical Council for Justice and Peace, translated by Franca Silvestri

Dettagli