IL DUOMO DI SIENA E LA CAMPAGNA DI RESTAURO DELLE COPERTURE E DEI CONTRAFFORTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DUOMO DI SIENA E LA CAMPAGNA DI RESTAURO DELLE COPERTURE E DEI CONTRAFFORTI"

Transcript

1 IL DUOMO DI SIENA E LA CAMPAGNA DI RESTAURO DELLE COPERTURE E DEI CONTRAFFORTI Roberto Fineschi

2 Cenni Storici sul Duomo di Siena Quella del Duomo di Siena è una delle vicende più complesse e oscure, tra quelle dei monumenti italiani, per la mancanza di documentazione. La sua edificazione, risale a un periodo di rinnovamento architettonico che verso la fine del XIII secolo, coincide con i primi esempi di forme gotiche giunte in Italia. La Cattedrale fu realizzata su iniziativa laica, anche se poi subentrarono, più tardi, i monaci cistercensi provenienti da San Galgano, i quali presero il posto dei capi operai laici a partire dal Da quel momento in poi la storia della costruzione della Cattedrale, nonché l evoluzione formale, è documentata in una serie di atti conservativi nell Archivio dell Opera del Duomo. L ampliamento della Cattedrale, avvenuto tra il 1325 e il 1366, portò ad una dilatazione, sia in senso longitudinale, sia in quello trasversale di tutto il corpo della chiesa al di là della cupola. La Cattedrale che oggi vediamo, architettonicamente e strutturalmente, non è quella del XIV secolo, dato che molte delle sue varie parti sono state successivamente modificate e costruite ex novo. Interventi e restauri ottocenteschi Nella valutazione storica inerente all intervento di restauro della copertura della navata centrale si è voluto fare riferimento agli interventi che hanno maggiormente modificato l aspetto esterno del Duomo e principalmente la sua copertura ed i fianchi. E da ritenere certo che fin dalla sua costruzione il Duomo presentasse una copertura in piombo, mentre era privo dei contrafforti sulla navata centrale. Sono infatti della seconda metà del XVII secolo i 4 contrafforti in mattoni sul lato sinistro della navata centrale, eseguiti in seguito ai continui terremoti che si ripetevano in quel periodo e che avevano lesionato profondamente quella parte della navata. Gli interventi successivi sono invece la conseguenza del terribile terremoto del 26 maggio 1798 che causò gravi e pesanti danni alla città e al Duomo che ne risultò colpito in maniera molto grave.

3 .Alla fine del settecento quindi il Duomo di Siena, oltre ad una serie di catene interne fatte apporre dai vari architetti e ingegneri che si erano succeduti nel restauro dei danni del terremoto, erano stati realizzati, per contrastare la spinta della volta della navata centrale, anche 10 contrafforti appoggiati sui pilastri delle navate laterali e spingenti sulle costolature esterne della navata centrale. Questi interventi furono di grande spessore e modificarono profondamente l assetto esterno del Duomo sia in termini di simmetrie sia in termini di materiali. La copertura della navata centrale rimaneva inalterata e tutto il tetto aveva due livelli con un rialzamento in corrispondenza del colmo che andava ad incastrarsi sulla prima loggia del tamburo che sorreggeva la cupola. Il 2 agosto 1801, con una solenne cerimonia e grande partecipazione di tutta la città, la Cattedrale fu riaperta al culto. INTERVENTI DEL PARTINI NEL DUOMO DI SIENA La mattina del 17 ottobre 1890, intorno alle 11, scoppiò un incendio sui tetti del Duomo mentre si stavano svolgendo i normali lavori di manutenzioni, dei quali la copertura in legno e piombo aveva continuo bisogno. Probabilmente il vento aveva staccato dal recipiente dove gli operai tenevano il fuoco, una scintilla, che era caduta nel graticolato di legno sottostante, il fuoco aveva avuto buon gioco sul legname arido ed era divampato un incendio furibondo. In breve tempo, nonostante i tempestivi soccorsi, l armatura della cupola era stata divorata dalle fiamme che distrussero, in parte, anche la copertura della navata centrale, riducendo in cenere le parti in legno e fondendo completamente le lamine in piombo tanto che nel momento dell incendio il superbo monumento presentava uno spettacolo imponente e terribile di fiamme e fumo che si alzavano in vortici spaventosi, minacciando le fabbriche più prossime, di travi crollanti e di piombo liquefatto fluente giù per le curve delle volte, alla cui solida costruzione soltanto si deve se non ebbero a lamentare ulteriori danni e rovine al monumento. Alle 4 del pomeriggio l incendio era domato, lasciando un mucchio di macerie da sgombrare e un gran disastro da riparare. Il racconto dell incendio è tratto dalla relazione che il Rettore dell Opera, Carlo Periccioli, redisse nel luglio del 1891, per presentare alla Commissione Conservatrice di Belle Arti il progetto di restauro dell architetto Giuseppe Partini.

4 Il progetto venne approvato in tutte le sue voci e nel 1892 i lavori furono conclusi o erano, comunque, a buon punto. Nel maggio del 1893 vennero, infatti, ordinate lastre di piombo per metri quadrati dello spessore di mm 2 ½ e altezza non minore di 1 m e da una fattura posteriore, che porta l intestazione Verificazione delle giornate e piombo impiegati per la copertura della nuova cupola del Duomo di Siena possiamo ricavare le quantità di piombo effettivamente usate e i tempi di lavorazione: 92 giornate x due uomini / piombo Kg Il 14 novembre 1895 l architetto Giuseppe Partini muore. Nella carica di Architetto dell Opera del Duomo gli succede Agenore Socini, stimato professionista, subentrato al Partini già qualche mese prima della sua morte. E possibile, quindi, che Partini abbia seguito fino in fondo il suo progetto per la parte riguardante la cupola e che Socini abbia terminato poi il lavoro, nel 1895, per la parte che rimaneva, relativa al tetto della navata centrale. Con gli interventi del Partini il Duomo assunse la configurazione attuale. Tutto il tetto era in piombo con un sistema di fissaggi con bulloni che di fatto eliminava le saldature, causa del grande incendio del Percorrendo gli spazi sopra la navata centrale, tra la volta ed il tetto, entriamo in spazi di grande suggestione, sconosciuti al grande pubblico, dove è possibile osservare una serie di disegni sui muri, eseguiti dal Partini durante i lavori. Gli schizzi ci fanno capire che, probabilmente, quegli ambienti erano stati utilizzati per impostare il cuore del cantiere dove le maestranze si riunivano e, sotto la guida dell architetto, venivano prese quelle decisioni giornaliere che ancora oggi sono alla base della buona riuscita di un progetto.

5 Disegni realizzati dai Partini nel sottotetto della navata laterale Percorso di manutenzione sopra la navata laterale Prima dell incendio la copertura della navata centrale era completamente diversa, come forma e dimensione rispetto all attuale. Infatti si può vedere da una foto Alinari del 1855, al centro della copertura, esisteva un camminamento che creava una copertura a 4 falde. Il manto di copertura in piombo era localizzato completamente solo sulla prima navata e solo sopra il camminamento della seconda navata.

6 Foto Alinari del 1855 Foto attuale Il Partini, progettando la copertura del tetto e la cupola cercò di eliminare le cause che avevano generato l incendio: la struttura in legno e l utilizzo del piombo saldato a fuoco. Infatti la prima proposta fu quella di costruire una serie di elementi portanti in ferro sia sulla cupole sia sulle due navate. Successivamente venne scelta una soluzione in laterizio che non utilizzava le capriate in legno e semplificava il disegno della navata centrale eliminando il camminamento, la sopraelevazione e riducendo la copertura a solo due falde. Sezione della navata centrale

7 Il progetto delle opere fu condizionato in modo profondo dall incendio e l architetto dedicò una studio approfondito sulle tecniche di fissaggio del piombo della copertura, in modo da evitare qualsiasi saldatura o fusione, che era stata la causa principe dell incendio. Il risultato fu una copertura senza saldature, fissata ad una serie di profili di ferro a T, disposti longitudinalmente alla pendenza e sul colmo e a sua volta fissati sul sottofondo di calce e laterizio. Il bloccaggio fu ottenuto attraverso una serie di bulloni con dadi che stringevano i profili a T di ferro alla sovrapposizione delle lastre e delle mantelline. Particolare del fissaggio del piombo sul solaio

8 LA CAMPAGNA DI RESTAURO DELLE COPERTURE E DEI CONTRAFFORTI Le opere che il Partini aveva realizzato alla fine del 1800, hanno assolutamente necessità di un intervento importante di restauro. Il progetto complessivo, che abbiamo iniziato a realizzare, è costituito da tre stralci, due interesano, in successione, le due navate centrali e l ultima, la copertura della cupola. Il costo complessivo dell opera è di circa 4,5 milioni di, il tempo di realizzazione è previsto in circa 3 anni e mezzo. Attualmente è stato ultimato il primo stralcio (lato S. Giovanni) e stiamo iniziando il montaggio del cantiere del secondo stralcio (lato S. Maria)

9 I primi due stralci delle navate sono caratterizzati da una serie di opere che lasciano inalterata la struttura interna senza modificare la forma e i materiali, ma attraverso nuove tecnologie, viene realizzato il rinforzo delle strutture attraverso anche lo smontaggio e il rimontaggio di tutta la parte in muratura e laterizio. Pianta coperture Duomo di Siena Stiamo procedendo, invece, alla sostituzione completa del manto di copertura in piombo delle due navate a causa del grave stato di deterioramento della superficie esterna del materiale. Le escursioni termiche, i fenomeni di corrosione, l ossidazione hanno generato un importante degrado e una serie di rotture sulla copertura in piombo, soprattutto in corrispondenza delle costolature e in corrispondenza delle bullonature. Quest ultime, inoltre, non hanno mantenuto l impermeabilità del contatto con il piombo e sono divenute esse stesse dei veicoli al passaggio dell acqua.

10 Particolari delle coperture in piombo Particolari della copertura in piombo

11 Le aggraffature non sono più in grado di mantenere l efficienza della prima posa come tutte le scossaline in corrispondenza dei muri e dei contrafforti. Lo stesso contatto tra la fine della copertura della navata e la cupola presenta zone molto critiche in quanto il piombo è in molti casi scollegato alla struttura in muratura, come pure il contatto tra il piombo e i canali di gronda. Particolari della copertura in piombo

12 Tutto ciò ha provocato una serie di infiltrazioni all interno del Duomo la cui dimensione è tale che l acqua riesce ad attraversare sia il primo solaio di appoggio del piombo che la volta della navata centrale. Nel progettare la nuova copertura si è analizzato il sistema di fissaggio ideato dal Partini e tutti i problemi che questo schema di bloccaggio con bulloni aveva generato al manto di copertura in piombo nel tempo. Infatti, considerando che tutti i materiali sono soggetti a dilatazioni termiche in funzione della temperatura, in special modo i metalli, il piombo è stato sottoposto a notevoli escursioni termiche che vanno dai +70 per irraggiamento solare estivo e i 20 durante l inverno. Questa differenza di temperatura di quasi 100 si è tradotta in aumenti longitudinali della lunghezza, che il sistema di fissaggio tramite bulloni, ha impedito e non potendosi il piombo più dilatare liberamente, ha forzato sulle parti resistenti, determinando negli anni, la rottura del manto e la sconnessione con le bullonature. I lavori di restauro della copertura della navata centrale sono iniziati nel settembre del 2005 e sono stati ultimati in circa 1 anno. Grande impegno e difficoltà, per le caratteristiche del luogo, sono stati gli approntamenti e la posa dei ponteggi e della gru. Nelle foto e possibile osservare le varie fasi di smontaggio, compreso lo stato di degrado dei fissaggi e del manto in piombo e tutti gli interventi che si sono succeduti nel cantiere prima della ricostruzione del manto di copertura. Particolari dello stato di degrado della copertura in piombo

13 Successivamente alla demolizione del tetto in piombo sono stati smontati sia le sue parti strutturali, sia lo strato in calce sottostante, sia le tavelle in laterizio di collegamento ai muretti e parte dei muretti stessi. Fasi di smontaggio e demolizione della copertura Siamo passati quindi alla ricostruzione e consolidamento con tecnica scuci e cuci dei muretti, alla posa delle tavelle in cotto e alla realizzazione di un massetto strutturale a calce tipo Albaria struttura dello spessore di 3 cm armato con rete metallica ancorata sia ai muretti sia alle tavelle sottostanti. Il materiale di laterizio usato è stato quasi interamente di recupero ripristinando anche i sistemi di ventilazione interne al sottotetto

14 Scuci e cuci dei muretti, posa delle tavelle e ripristino dei sistemi di ventilazione con protezione antivolatile Spillature di ancoraggio della rete di acciaio inox

15 La scelta della tipologia del massetto strutturale è stata molto importante in quando ha dovuto garantire una perfetta adesione al sottostante tavellonato e muretti, in modo da costituire un corpo unico per l attacco di tutta la copertura in piombo, per resistere a valori di 500kg/mq dell azione del vento. Inoltre è stato indispensabile avere una superficie perfettamente piana e liscia per evitare che il piombo, per le sue caratteristiche di adagiarsi al sottofondo, evidenziasse, con il tempo, le eventuali rugosità e irregolarità del massetto. Non ultima, nella scelta della tipologia della malta, è stata la resistenza agli sbalzi termici di circa 100 tra l estate e l inverno dimostrata anche attraverso collaudi accelerati su campioni di prodotto. Rifinitura superiore del massetto strutturale di malta di calce pozzolanica, priva di cemento Sopra il massetto strutturale e sotto le lastre di piombo è stato predisposto un telo traspirante al vapore acqueo per assicurare l evacuazione dell umidità passante e impermeabizzante all acqua meteorica, quale ulteriore protezione alle precipitazioni sotto la copertura in piombo. Altre caratteristiche, oltre la traspirazione e l impermeabilizzazione, sono state la resistenza agli sbalzi termici stagionali di circa 90/100.

16 COPERTURA IN PIOMBO Sopra il telo traspirante è stato montato il manto di copertura in teli di piombo di 3 m, che ripropongono la forma della precedente realizzazione. Sono però cambiate radicalmente le tecniche di montaggio con soluzioni che permettono la libera dilatazione delle lastre in piombo, attraverso un processo di fissaggio che avviene solo tramite aggraffatura, secondo le tecniche costruttive utilizzate, nel passato, nelle cattedrali gotiche del nord Europa. Queste tecniche sono estremamente complesse, realizzate da professionisti di elevata esperienza, dotati di grande manualità che si evidenzia attraverso una serie di operazioni tutte realizzate a mano con l ausilio di strumenti in cui la forza fisica e la tecnica sono gli unici strumenti per la perfetta realizzazione. E possibile qui di seguito osservare la varie fasi di realizzazione che hanno avuto caratteristiche diverse a seconda della zona di montaggio.

17 Schema di montaggio tramite aggraffatura

18 Fasi di fissaggio della copertura in piombo Lo schema planimetrico di posa della copertura è simile a quello impostato oltre 100 anni fa dal Partini, con una serie di aggraffature perpendicolari al filo di gronda a circa 137 cm di distanza l una dall altra, che penetrano tutte sull aggraffatura doppia del colmo. Fissaggio costola perpendicolare al colmo del tetto Parallelamente alla linea di gronda sono predisposte aggraffature di falda alla distanza di circa 90 cm. L aggraffatura di falda trasversale è eseguita tramite fissaggio al supporto di acciaio inox disposto sopra la lastra inferiore e entrambi fissati al sottofondo.

19 Aggraffatura di falda Tutto il fissaggio è effettuato sul sottofondo attraverso linguette fisse e scorrevoli longitudinalmente in rame poste all interno dell aggraffatura. Fissaggio del manto in piombo al solaio

20 Simile modalità di fissaggio è stata utilizzata per collegare, sul colmo, le due falde attraverso l uso di doppia linguetta e un cappello di piombo di chiusura. Fissaggio del colmo del tetto Il risultato è una copertura completamente fissata al sottofondo portante, ma con la possibilità di muoversi sia lateralmente che longitudinalmente. Questa posa permette di assorbire tutte le dilatazioni termiche giornaliere e stagionali senza generare fenomeni di rottura.

21 Montaggio della copertura in piombo Copertura dei contrafforti

22 Fasi di lavorazione Areazione del sottotetto e rivestimento in piombo degli aggetti e degli sporti

23 Copertura in piombo ultimata sulla navata centrale Lato S. Giovanni

24

25

26 R E STAURO MANUTENTIVO DELLE FACCIATE DEL DUOMO DI SIENA - LATO S. GIOVANNI

27 I materiali costituenti il Duomo disiena quali marmi, serpentino verde, rosso di gerfalco, travertino classico, hanno subito, nel tempo, un degrado differenziato per le diverse caratteristiche fisico-meccaniche del materiale, ma in parte rilevante, anche dalla loro dislocazione ed esposizione alle intemperie, nonché alle loro forme architettoniche complesse, che hanno favorito in alcuni punti, ristagni di acque meteoriche e quindi formazioni algali, muschi e licheni. In particolare nelle zone più riparate dal dilavamento meteorico e nei sottoquadri degli elementi architettonici decorativi quali, marcapiani, mensole di elementi scultorei, colonnette e capitelli delle trifore, si sono evidenziati accumuli di depositi carboniosi, di croste nere con aspetto colleforme e resinoso, costituite da particelle miste a notevoli quantità di ossalati di calcio, difficilmente rimovibili e tenacemente legate al materiale lapideo, il quale, nelle zone più esposte, presentava una diffusa polverizzazione e microfratture.

28 Nelle zone dei paramenti verticali, costituiti da bozze squadrate a faccia liscia, per effetto dei dilavamenti di acque meteoriche ed del loro favorevole ruscellamento, i materiali sono stati aggrediti in minor modo dalle alterazioni sopra citate e quindi i prodotti di alterazione anche cromatica sono stati di più facile rimozione, perché costituiti prevalentemente da polveri di particellato atmosferico che per effetto del dilavamento delle acque piovane sopra citate e per la loro superficie liscia non hanno favorito un attecchimento tenace al supporto lapideo Il restauro manutentivo è stato esteso, per alcune categorie di lavoro, a tutte le superfici, mentre per altre categorie è stato eseguito solo su zone localizzate e mirate alla risoluzione di problematiche più specifiche con interventi di restauro conservativo. La prima zona di intervenuto ha riguardato le facciate laterali della navata centrale del Duomo, poi di seguito la facciata di Via dei Fusari, la facciata

29 principale del Battistero e infine la facciata lato scalinata di Santa Caterina e hanno riguardato principalmente e seguenti interventi. Pulitura superficiale di tutto il paramento esterno, previa spolveratura a secco per la rimozione di depositi polverulenti e di accumuli di sostanze organiche quali, polveri, deiezioni animali ecc. Lavaggio superficiale dei paramenti lapidei con prodotti a basi di tensioattivi non ionici e biodegradabili; spazzolatura manuale con spazzole di fibra vegetale o sintetica e risciacquo finale con acqua di rete, applicazione tramite nebulizzazione a bassa pressione di biocidi a base di Sali Quaternari di Ammonio per prevenire la nuova formazione di colonie algali o biodeteriogeni; Prima e dopo la pulitura Consolidamento delle parti distaccate o pericolanti tramite incollaggi anche con l inserimento di perniature realizzate con barre in vetroresina o acciaio inox con successiva stuccatura delle lesioni e delle fratturazioni, nonché dei fori di trapanatura delle zone oggetto dell intervento, costituite da impasto di polvere di pietra macinata del solito litotipo e cromia, calci desalinizzate e resina acrilica in emulsione acquosa. Pulitura tramite impacchi con da polpa di carta ed apposite soluzioni diversificate di carbonato d ammonio o EDTA, su parti di elementi modellati o scolpiti, risciacquo con acqua deionizzata delle zone d intervento per rimuovere eventuali tracce dei prodotti utilizzati ed eliminazione di efflorescenze saline.

30 Applicazione di apposito prodotto consolidante, a seconda del litotipo, su localizzate manifestazioni di degrado quali: polverizzazione, decoesione superficiale ecc. Rimozione di stuccature non coerenti e deteriorate, rifacimento di nuove, costituite da impasto a base di inerti o pietre selezionate e macinate, calci desalinizzate e terre naturali. Restauro dei marmi delle finestre della navata centrale con pulitura e lavaggio e successivo restauro superficiale dei materiali. Interventi di incollaggi, ancoraggi, perniature, ricuciture, preconsolidamenti e consolidamenti superficiali su casi di fatturazione, esfoliazione e microlesionie con trattamento di protezione a base di polisilossani in solvente. Rimozione delle stuccature ammalorate e loro rifacimento eseguito con idoneo impasto costituito da miscele di calci, inerti del solito litotipo, terre colorate e miscela acrilica, compreso il rifacimento di mantelline, costituite dal solito impasto, su elementi aggettanti con ripristino di tutti gli elementi lapidei disconnessi o comunque compromessi nella loro integrità. Le operazioni di restauro manutentivo sono iniziate dalla pulitura e rimozione meccanica del guano di piccione, presente in abbondanza nelle parti aggettanti e più riparate; si è proceduto in seguito alla spazzolatura delle superfici per rimuovere le polveri meno compatte ed accumulatesi negli interstizi delle decorazioni, con successivo lavaggio completo a base di tensioattivi non ionici e biodegradabili e spazzolatura manuale con spazzole di fibra vegetale o sintetica con risciacquo finale con acqua di rete Sono stati effettuati ripetuti cicli di applicazione a pennello, di prodotto biocida a base di sali quaternari di ammonio, per la rimozione di infestazioni algali, muschi e licheni, fino a completa sterilizzazione del materiale e risciacquo finale con abbondante acqua di rete. Le operazioni di preconsolidamento sono state eseguite a pennello a più mani di resina o consolidante protettivo, localizzate soprattutto nelle bozze in serpentino e marmo bianco, nelle trifore e negli elementi decorativi e scultorei aggettanti, che presentavano una superficie disgregata con decoesione del materiale.

31 Incollaggio di piccoli frammenti distaccati, stuccatura della fascia di serpentino e applicazione di consolidante protettivo Si è proceduto anche ad incollaggi e a cuciture di frammenti distaccati e pericolanti, con l inserimento di perniature realizzate con barre in vetroresina o acciaio inox ad aderenza incrementata, affogate in resina epossidica.

32 Consolidamento realizzato con perniature in acciaio inox La pulitura superficiale ha riguardato, inoltre, la rimozione di croste nere ed incrostazioni più tenaci, dove l azione del lavaggio non ha prodotto effetti soddisfacenti. Si è provveduto all applicazione di impacchi di polpa di carta e carbonmetilcellulosa imbevuta di ed EDTA bisodico, lasciato agire controllando i tempi di azione, con successiva rimozione dell impacco e risciacquo abbondante del supporto. Per l asportazione delle solfatazioni e degli ossalati, localizzate nelle zone decorate e negli elementi scultorei, sono stati eseguiti impacchi con carbonato di ammonio e successivo risciacquo con acqua deionizzata. Stuccature con impasto di polvere di marmo, calce destalinizzata in emulsione acrilica A seguito della rimozione di tutte le vecchie stuccature cementizie e di

33 quelle in calce ammalorate, si è provveduto alla posa in opera delle nuove, costituite da un impasto di calce desalinizzata, miscelata con polvere di pietra dello stesso litotipo e/o inerti selezionati, macinati e terre naturali in emulsione acrilica in acqua, eseguita su zone localizzate ed in particolare nelle interconnessioni tra gli elementi architettonici aggettanti ed il paramento lapideo retrostante e coronamenti di porte e finestre Sono stati effettuati trattamenti anticorrosivi degli elementi metallici a vista, quali zanche, grappe e catene. Inoltre è stata effettuata la velatura dell intonaco nella zona dell occhio di Duccio con di tinta a calce e terre per omogeinizzare la cromia di fondo. Incollaggio di frammenti con resina epossidica termoindurente e stuccatura finale

34 Stuccature con malta a base di inerti selezionati, grassello di calce in emulsione acrilica Applicazione di prodotto consolidante a base di silossani

35 Applicazione, rimozione dell impacco a base di polpa di cellulosa e carbonato d ammonio per l eliminazione di croste nere

36 Restauro ultimato fianco lato S. Giovanni

37 Restauro ultimato fronte Battistero lato S.Giovanni

38 RESTAURO E CONSOLIDAMENTO DEI CONTRAFFORTI, DEL PARAMENTO MARMOREO SUPERIORE E DELL OCCHIO ABSIDALE Oltre agli interventi sopra descritti, che hanno interessato tutta la copertura, sono stati realizzati anche opere di restauro sul paramento marmoreo superiore, dove erano evidenti formazioni di croste nere originate da depositi carboniosi più o meno ispessite e tenacemente legate al materiale lapideo. L intervento è stato caratterizzato dalla pulitura, lavaggio, consolidamento, asportazione delle efflorescenze saline, stuccature e trattamenti protettivi. Si è proceduto anche al consolidamento e restauro dei contrafforti attraverso un opera di scuci e cuci sulla parte muraria oltre ad una serie di perniature di grosso diametro realizzate con barre in acciaio inox e resina di lunghezza di circa 150 cm per ripristinare il collegamento della muratura superficiale a quella interna. Infatti la forma stessa dei contrafforti aveva generato, nel tempo, dei movimenti con scivolamento della parte esterna sul complesso murario. L intervento realizzato sui contrafforti per importanza e dimensione è da considerarsi di grande spessore che non ha precedenti sui lavori di restauro che si sono succeduti dalla loro costruzione ad oggi.

39 I materiali usati sono stati, per la maggior parte, di recupero e quando questo non è stato possibile, sono stati utilizzati mattoni fatti a mano con tipologia, caratteristiche e colorazioni simili a quelli esistenti. Perniature e spillature di ancoraggio sui contrafforti

40 Importante è stato anche il restauro del paramento marmoreo che circonda l occhio absidale dove era posta la vetrata di Duccio e la sostituzione completa dell infisso di protezione alla vetrata, in attesa della sua ricollocazione che avverrà dall interno del Duomo.

41 Tutte queste opere sono gli interventi di maggiore spessore che sono stati realizzati nel primo stralcio del restauro del lato S. Giovanni del Duomo di Siena. Ad essi vanno aggiunte tutte una serie opere, complementari alle prime, ma ugualmente importanti che hanno permesso un restauro complessivo del tetto, dei contrafforti, del sottotetto, del paramento marmoreo, degli intonaci, delle murature, delle buche pontaie. Per sfruttare a pieno il cantiere e i ponteggi utilizzati per la realizzazione di queste opere, è stato deciso, in corso d opera, di procedere, anche al restauro di tutte le facciate interessate ai lavori del primo stralcio e in particolare il fronte lato S. Giovanni, fianco lato via dei Fusari, fianco scala Battistero, oltre alle facciate laterali della navata centrale.

Un materiale del passato per rifare la copertura del Duomo di Siena

Un materiale del passato per rifare la copertura del Duomo di Siena Un materiale del passato per rifare la copertura del Duomo di Siena Per restituire alla Cattedrale il suo antico splendore moderne tecnologie si intrecciano a tecniche tradizionali In questa pagina il

Dettagli

RESTAURO COPERTURE. DIMENSIONI INTERVENTO (superficie complessiva 343 mq)

RESTAURO COPERTURE. DIMENSIONI INTERVENTO (superficie complessiva 343 mq) RESTAURO COPERTURE DIMENSIONI INTERVENTO (superficie complessiva 343 mq) copertura corpo in elevato copertura abside sinistra copertura abside centrale copertura abside destra copertura muro recinto 210

Dettagli

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE 01 Materiale: marmo bianco di Carrara e pietra di Bellona (calcare bianco compatto proveniente dalle cave di Santo Iorio presso Capua denominato impropriamente

Dettagli

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA ORATORIO BIONDETTI VENEZIA Restauro conservativo elementi lapidei facciate RELAZIONE DI INTERVENTO 1 Descrizione dell opera da restaurare L Oratorio Biondetti è sito in Campo San Vio a Venezia. La sua

Dettagli

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia Relazione tecnica Elementi lapidei dell altare L'intervento eseguito é consistito in una prima pulitura delle superfici dell'altare rimuovendo le impurità

Dettagli

INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE

INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE Consegna dei lavori: i lavori sono stati consegnati il 21/05/2003 Data di ultimazione

Dettagli

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO INDICAZIONI STORICHE: Nel 1706 Torino fronteggiò con successo un prolungato assedio da parte delle truppe francesi. Luogo simbolo della resistenza

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale RELAZIONE CON SCHEDE TECNICHE PER IL RESTAURO DI SUPERFICI DECORATE DI BENI ARCHITETTONICI

Dettagli

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Relazione Tecnica L intervento di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della Torre prevede prioritariamente i seguenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO Restauro edifici danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 Relatore : Ing. Andrea Scarpa Vicenza 25 Ottobre 2013 Progettista architettonico Malte e intonaci in cocciopesto

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag.

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag. COMUNE DI NAPOLI pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale Data, 06/03/2014 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright ACCA software S.p.A. pag. 2 R

Dettagli

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI CINCOTTO ADRIANO RESTAURO CONSERVATIVO Cannaregio, 1333/c 30121 VENEZIA PALAZZO COLOMBO VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI 1 RELAZIONE DI INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Aprile 2015. Dott. Ing. Enrico SIEPE Via Luisetti 11- BIELLA Tel. e Fax 015/8496003

PROGETTO ESECUTIVO. Aprile 2015. Dott. Ing. Enrico SIEPE Via Luisetti 11- BIELLA Tel. e Fax 015/8496003 PROGETTO ESECUTIVO Aprile 2015 Dott. Ing. Enrico SIEPE Via Luisetti 11- BIELLA Tel. e Fax 015/8496003 Dott. Arch. Marco ASTRUA Via U.Macchieraldo 7 - Biella Tel. 3471775075 SCHEDA 1 - RIQUADRO OROLOGIO

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

CINCOTTO ADRIANO. Restauro conservativo. Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA

CINCOTTO ADRIANO. Restauro conservativo. Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA CINCOTTO ADRIANO Restauro conservativo Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA 1 RELAZIONE D INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA INDICE 1. STATO CONSERVATIVO ANTECEDENTE INTERVENTO.

Dettagli

Progetto di pulitura dai graffiti

Progetto di pulitura dai graffiti Chiostro dell Abbazia di San Mercuriale Progetto di pulitura dai graffiti Luogo: Forlì Data: 24 febbraio 2009 Esecuzione progetto: LEONARDO S.R.L. Chiostro dell Abbazia di San Mercuriale, Forlì. Progetto

Dettagli

LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO

LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO Via Provinciale, 4 52010 Ortignano tel. uff. 0575/539214. e-mail geometragrieco@casentino.toscana.it LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER OGGETTO: RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

Dettagli

L originale edificio in stato di abbandono da diversi decenni, di conseguenza in uno pessimo stato di conservazione.

L originale edificio in stato di abbandono da diversi decenni, di conseguenza in uno pessimo stato di conservazione. L originale edificio in stato di abbandono da diversi decenni, di conseguenza in uno pessimo stato di conservazione. Progetto di demolizione con ripristino tipologico in ampliamento di fabbricato abitativo

Dettagli

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNAAFFRESCHI INTERNO UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI LOGGIA ESTERNA Nel soffitto della loggia esterna sono posti

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

L azione dell acqua piovana ha causato un generale fenomeno di deterioramento delle superfici lapidee, pur con un degrado differenziato in relazione

L azione dell acqua piovana ha causato un generale fenomeno di deterioramento delle superfici lapidee, pur con un degrado differenziato in relazione L Arengario di Monza: interventi di restauro dal 1997/1998 Relazione Tecnica Con il progetto di restauro redatto nel 1984, si decise di suddividere gli interventi in due lotti il primo Lotto A che è stato

Dettagli

pag. 2 unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE Num.Ord.

pag. 2 unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE Num.Ord. pag. 2 R I P O R T O LAVORI A MISURA CHIESA SAN GIUSEPPE (SpCat 1) 1 / 1 DISFACIMENTO DI RIVESTIMENTO ESTERNO IN COCCIO PESTO, applicato P.01 sull'estradosso delle volte, compreso l'onere delle cautele

Dettagli

Edificio per abitazioni

Edificio per abitazioni R. Del Monaco Edificio per abitazioni Via Cavalieri del santo sepolcro 6, Milano 1962 1965 LUIGI CACCIA DOMINIONI I prospetti presi in oggetto sono a pianta rettangolare dell inizio degli anni sessanta,

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI. Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI. Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio MODULARIO B.C. - 130 MOD. 51 (Teste) MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio Caprarola (VT). Palazzo Farnese. Lavori di Restauro

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA BIENN ANNU PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTUR DELL OPERA Il seguente PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTUR DELL OPERA contiene l elenco delle operazioni di manutenzione ordinaria da effettuare

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

FABBRICATO IN VIA PADRE GIOVANNI ANTONIO FILIPPINI civ. 119

FABBRICATO IN VIA PADRE GIOVANNI ANTONIO FILIPPINI civ. 119 FABBRICATO IN VIA PADRE GIOVANNI ANTONIO FILIPPINI civ. 119 INQUADRAMENTO ARCHITETTONICO I fabbricati siti in Via Padre Giovanni Antonio Filippini n. 119, fanno parte di un complesso immobiliare costituito

Dettagli

Piano di Manutenzione SOMMARIO

Piano di Manutenzione SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Travi in legno... 2 Travi in acciaio... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Travi in legno... 3 Travi in acciaio... 5 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 8 Travi in legno... 8 Travi in

Dettagli

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI)

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) UNIVERSITÀ DELGLI STUDI DI GENOVA -FACOLTÀ DI ARCHITETURA Corso di laurea Magistrale in Architettura LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) a.a.

Dettagli

Si è verificato che le coperture della chiesa appaiono in buone condizioni ad eccezione dei punti di deflusso e raccolta delle acque piovane foto 2.

Si è verificato che le coperture della chiesa appaiono in buone condizioni ad eccezione dei punti di deflusso e raccolta delle acque piovane foto 2. Presentazione 1. L oggetto della tesi è lo studio della parete sud della Basilica di Santa Maria Assunta in Carignano a Genova. 2. Abbiamo creato un contenitore di archiviazione in formato PDF di tutte

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA Diocesi di Adria-Rovigo LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA restauro Committente: PARROCCHIA DI SANTA MARGHERITA V.M. SARZANO,

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 357 Analisi R.05.10.10.a Perforazione fino al diametro di mm 36 e lunghezza fino a m 1,20 con martello a rotopercursione a secco, per consolidamenti Per diametri fino a 32 mm in muratura di tufo cm 1,00

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO GENERALITA Il Palazzo sede degli Uffici della Questura occupa

Dettagli

Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE)

Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE) Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE) Tesi di Specializzazione in Restauro dei Monumenti Anno Accademico 2006-2007 Andreea Enache Caterina Zanone La Chiesa

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012 CREVALCORE SCUOLA G. LODI Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012: Scuola G.Lodi - Crevalcore Corpo laterale

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

SOMMARIO. 1. Premessa pag. 2. 2. Descrizione generale e localizzazione dell immobile pag. 2. 3. Problematiche da risolvere pag. 2

SOMMARIO. 1. Premessa pag. 2. 2. Descrizione generale e localizzazione dell immobile pag. 2. 3. Problematiche da risolvere pag. 2 SOMMARIO 1. Premessa pag. 2 2. Descrizione generale e localizzazione dell immobile pag. 2 3. Problematiche da risolvere pag. 2 4. Interventi in progetto pag. 3 5. Documentazione fotografica pag. 7 Pag.

Dettagli

ELABORATO ARCHITETTONICO TAVOLA SCALA:

ELABORATO ARCHITETTONICO TAVOLA SCALA: PROGETTO: RESTAURO CONSERVATIVO-CONSOLIDAMENTO ED ADEGUAMENTO IMPIANTISTICO DELLA CHIESA DELLA MADONNA DEL SANTISSIMO ROSARIO IN GUARDIA PIEMONTESE (CS) ELABORATO ARCHITETTONICO TAVOLA 04 SCALA: 1:100

Dettagli

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO 1 PREMESSA La A.S.P. San Domenico (altrimenti nota come Casa di Riposo San Domenico) intende procedere alla sistemazione della aree esterne dello stesso Istituto al fine di ricavarvi la strada interna

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata LE SOLUZIONI PAULIN 1. Preparazione del supporto mediante completa asportazione e demolizione con l ausilio di mezzi meccanici o manuali di tutte le parti in calcestruzzo degradate o invia di distacco

Dettagli

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al Corriere della Sera ridà lustro a via Solferino Notizie ed articoli tecnici del gruppo 4 Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino Opera: edificio residenziale storico

Dettagli

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte Palazzo Ducale Caminetti Lapidei Caminetto della sala degli Scarlatti Il caminetto che orna la Sala degli Scarlatti al primo piano di Palazzo Ducale, oggetto della proposta d intervento di restauro conservativo,

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2 Verona 02/11/2007 OGGETTO: RELAZIONE FINALE SUL RESTAURO DI DUE SOFFITTI LIGNEI A CASSETTONI, E DI UN PICCOLO BRANO AFFRESCATO A GROTTESCHE, IN UN APPARTAMENTO IN VIA C.CATTANEO 4 A VERONA Chiameremo i

Dettagli

Interventi urgenti di recupero della copertura in legno della Ex Chiesa di San Carpoforo Relazione Tecnica

Interventi urgenti di recupero della copertura in legno della Ex Chiesa di San Carpoforo Relazione Tecnica Interventi urgenti di recupero della copertura in legno della Ex Chiesa di San Carpoforo Relazione Tecnica Lo stato di fatto L ex-chiesa di San Carpoforo è situata a Milano in zona Brera (via M. Formentini

Dettagli

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com IL DEGRADO DEL CEMENTO ARMATO Le cause principali che determinano il degrado del cemento armato sono riconducibili principalmente a: A) Cattivo confezionamento:

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Frascati Roma PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Miglioramento sismico di edificio in muratura COMMITTENTE: Data, IL TECNICO Pagina 1 Manuale di

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli

Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia

Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia Relazione Tecnica Introduzione e Descrizione delle Superfici Nei mesi di Giugno-Novembre 2009, su incarico

Dettagli

Lavori di ristrutturazione e restauro di Palazzo Rho a Borghetto Lodigiano Relazione Tecnica

Lavori di ristrutturazione e restauro di Palazzo Rho a Borghetto Lodigiano Relazione Tecnica Lavori di ristrutturazione e restauro di Palazzo Rho a Borghetto Lodigiano Relazione Tecnica ANALISI DEL RESTAURO Nell ambito del restauro verranno ristrutturati completamente i locali del primo piano,

Dettagli

Pag.1 N N.E.P. D E S C R I Z I O N E Quantita' Prezzo Unit. Importo

Pag.1 N N.E.P. D E S C R I Z I O N E Quantita' Prezzo Unit. Importo Pag.1 Lavori di rifacimento prospetti 1 25 21.1.11 Rimozione di intonaco interno od esterno, di spessore non superiore a 3 cm, eseguito con qualsiasi mezzo, compreso l'onere del carico del materiale di

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Le due superbe colonne di Marco e Todaro sorgono in quell incantevole spazio denominato piazzetta San Marco affacciata sul Bacino tra Palazzo Ducale e la

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11

1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11 Relazione descrittiva della demolizione parziale del Palazzo di Giustizia dell Aquila

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A Intervento edilizio di: i n t e r v e n t o d i a d e g u a m e n t o d e l c e n t r o d i i n f o r m a z i o n e t u r i s t i c a Ubicato in: piazza San Niccolo

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - PITTORE- Il pittore edile

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Comune di CARMIANO Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Struttura portante l ascensore della Scuola Primaria "Archimede Lecciso" via Stazione - Carmiano Sommario Il piano di manutenzione è il documento

Dettagli

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI RELAZIONE TECNICA La presente relazione riguarda la proposta di riparazione dei danni derivanti dal terremoto del 20, 29 maggio 2012 per i fabbricati posti in via Larga n. 43, località Malafitto, a Cento

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO LOC. CANALE- CITTA DELLA PIEVE (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO VIA DELLA PIAGGIOLA, 176 GUBBIO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO

C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO CON PANNELLI IN FIBRE DI LEGNO (WF) CAPITOLATO GENERALE SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO CON PANNELLI IN FIBRE

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO - EDIFICIO B - ADEGUAMENTO ANTINCENDIO 1 DEM.020 Rimozione pannelli prefabbricati in cls tamponamento perimetrale del n 2 aperture larghezza 6 metri e altezza 8,26 2 x 6 x 8,26 99,12 n 1 apertura larghezza

Dettagli

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico N art. DESCRIZIONE Unità di Misura PREZZI UNITARI 1 2 3 4 5 6 Opere di installazione di cantiere

Dettagli

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio INTRODUZIONE Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Edificio municipale denominato Torre Civica, sede della Polizia Locale, Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale e Sala Civica

PROGETTO ESECUTIVO. Edificio municipale denominato Torre Civica, sede della Polizia Locale, Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale e Sala Civica Comune di Trecenta Provincia di Rovigo PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO : Edificio municipale denominato Torre Civica, sede della Polizia Locale, Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale e Sala Civica Interventi

Dettagli

Lista delle categorie di lavorazione e delle forniture previste per l'esecuzione dell'appalto

Lista delle categorie di lavorazione e delle forniture previste per l'esecuzione dell'appalto Comune di Ancona Lavori di: Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale Esecutore: Impresa Bianchi Costruzioni Lista delle categorie di lavorazione e delle forniture previste per l'esecuzione

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ONERI DELLA SICUREZZA

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ONERI DELLA SICUREZZA COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ONERI DELLA SICUREZZA (importi espressi in Euro) N 1 Allestimento di Cantiere Allestimento di cantiere comprensivo di parapetti di sicurezza, servizio igienico di cantiere, box

Dettagli

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 200 RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 201 I MECCANISMI DEL DEGRADO Il degrado dei manufatti in calcestruzzo, si manifesta essenzialmente mediante distacchi localizzati di porzioni di copriferro,

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

Indice. Pag. Premessa 2 Descrizione architettonica 3 Stato dei difetti delle coperture 4 Programma degli interventi 5

Indice. Pag. Premessa 2 Descrizione architettonica 3 Stato dei difetti delle coperture 4 Programma degli interventi 5 Indice Pag. Premessa 2 Descrizione architettonica 3 Stato dei difetti delle coperture 4 Programma degli interventi 5 1 Premessa Fenomeni di umidità di infiltrazione dovuti a sconnessioni del manto di copertura

Dettagli

LAVORI DI RESTAURO CAMPANILE SUD RIFACIMENTO DELLA COPERTURA

LAVORI DI RESTAURO CAMPANILE SUD RIFACIMENTO DELLA COPERTURA LAVORI DI RESTAURO CAMPANILE SUD RIFACIMENTO DELLA COPERTURA Le condizioni della copertura al momento dell intervento, con la croce, mutila del braccio verticale superiore, ancora in sito. La copertura,

Dettagli

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO TETTO DESCRIZIONE Negli edifici montani la copertura è l elemento costruttivo che più di altri segna e caratterizza il paesaggio. La struttura portante del tetto è in legno con schema a trave di colmo,

Dettagli

Ufficio Tecnico. Foglio 17, particella 151, sub. 23. Decreto di Vincolo n. 346/2005, Notifica n. 11024 del 15/12/2005. Descrizione morfologica

Ufficio Tecnico. Foglio 17, particella 151, sub. 23. Decreto di Vincolo n. 346/2005, Notifica n. 11024 del 15/12/2005. Descrizione morfologica Premessa L'edificio oggetto del presente Programma di conservazione fa parte del Complesso Ospedaliero di S. Chiara. Il complesso, situato nel centro storico della città di Pisa e di proprietà dell Azienda

Dettagli

Piano di manutenzione

Piano di manutenzione Piano di manutenzione Descrizione dell intervento L intervento in oggetto prevede la realizzazione dei seguenti corpi di fabbrica: - Ampliamento dei loculi per le inumazioni. La nuova stecca di loculi

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008 PROVINCIA DI LIVORNO Elenco dei materiali da impiegare e delle modalità per gli interventi sugli edifici inseriti nei centri storici e nelle schede del patrimonio edilizio esistente di particolare valore

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

Castello da Corte di Bellusco (MB) - Intervento di restauro Risanamento conservativo del Castello Ala Nord e androne d ingresso III Lotto

Castello da Corte di Bellusco (MB) - Intervento di restauro Risanamento conservativo del Castello Ala Nord e androne d ingresso III Lotto Castello da Corte di Bellusco (MB) - Intervento di restauro Risanamento conservativo del Castello Ala Nord e androne d ingresso III Lotto Relazione tecnica Data di realizzazione: GIUGNO 2013 - MAGGIO 2014

Dettagli

RECUPERO SOTTOTETTO NEWSLETTER 16

RECUPERO SOTTOTETTO NEWSLETTER 16 Nel mese di Giugno 2011 Teicos Costruzioni s.r.l., impresa specializzata nella realizzazione di nuove coperture e recupero sottotetti, ha iniziato le opere di recupero del sottotetto dell edificio sito

Dettagli

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia VISTE ESTERNE Prima del restauro - Prospetto Ovest Dopo il restauro - Prospetto Ovest Prima del restauro - Prospetto Sud Sagrestia Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia Prima del restauro - Ingresso

Dettagli

Tettostyr. Un tetto per tutte le stagioni. Vantaggi. Sistema Tettostyr autoportante. Sistema Tettostyr per piani di copertura esistenti

Tettostyr. Un tetto per tutte le stagioni. Vantaggi. Sistema Tettostyr autoportante. Sistema Tettostyr per piani di copertura esistenti Tettostyr Un tetto per tutte le stagioni I pannelli compositi Tettostyr, in legno e lastre isolanti termoacustiche, permettono di realizzare la copertura desiderata in modo semplice e veloce sia in ristrutturazione

Dettagli

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA - Facoltà di Architettura di Matera Classe LM/4, conforme alla DIRETTIVA EUROPEA 85/384 e al D.M. 22 ottobre 2004, n.270 a.a. 2011/2012 II ANNO Semestrale TECNOLOGIA

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO SCHEDE DESCRITTIVE MATERIALI-DEGRADO-INTERVENTO

PROGETTO DEFINITIVO SCHEDE DESCRITTIVE MATERIALI-DEGRADO-INTERVENTO COMUNE DI CAORSO PROVINCIA DI PIACENZA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX PROGETTO DEFINITIVO SCHEDE DESCRITTIVE MATERIALI-DEGRADO-INTERVENTO Committente:

Dettagli

( computo metrico) N N.E.P. D E S C R I Z I O N E Quantita' Prezzo Unitario Importo RIPORTO Dismissioni - Rimozioni

( computo metrico) N N.E.P. D E S C R I Z I O N E Quantita' Prezzo Unitario Importo RIPORTO Dismissioni - Rimozioni Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO SISMICO DELLA SCUOLA PRIMARIA G. A. RANERI NELLA FRAZIONE BORGO Pag. 1 DEL COMUNE DI ITALA.- ( computo metrico) RIPORTO Dismissioni - Rimozioni 1 1 21.1.21 Scomposizione

Dettagli