Variante al Programma integrato d'intervento via Curiel Nord, via Colombo, viale Germania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Variante al Programma integrato d'intervento via Curiel Nord, via Colombo, viale Germania"

Transcript

1 FDA INTERNATIONAL Urbanistica, Architettura Marco Facchinetti, Marco Dellavalle Via G. Ripamonti Milano Luglio 2013 Proponente: AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. ALHAFIN SPA COGESER SPA Variante al Programma integrato d'intervento via Curiel Nord, via Colombo, viale Germania 0.2 Schema di convenzione urbanistica NOTA: In rosso le voci aggiunte e/o le modificate rispetto agli elaborati consegnati in data 11 febbraio 2009, in giallo le voci eliminate e/o sostituite.

2 SCHEMA DI CONVENZIONE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO VIA CURIEL NORD VIA COLOMBO VIA GERMANIA CON PERMUTA E CESSIONE GRATUITA DEGLI IMMOBILI REPUBBLICA ITALIANA L anno duemiladieci il giorno ventiquattro del mese di giugno ( ) In Melzo, Piazza Vittorio Emanuele II, n. 1 Avanti a me Dr.ssa Santa Picciolo, Notaio in Milano, iscritto presso il collegio Notarile di Milano, assistito dai testimoni noti ed idonei, signori: - Ghisetti Angelo, nato a Crema (CR) il 07 agosto 1969, residente in Capergnanica (CR), Via S. Antonino n. 36; - Codazzi Pietro Marco, nato a Monza (MI) il l 01 gennaio 1966, residente in Sesto San Giovanni (MI), Via Vittorio Veneto n. 32, sono comparsi i signori: - Rubino Giovanna nata a Matera (MT) il giorno 30 luglio 1969, domiciliata per la carica in Melzo (MI) Piazza Vittorio Emanuele II n.1, che dichiara di intervenire al presente atto esclusivamente nella sua qualità di Responsabile del Settore Lavori Pubblici, pro tempore, nominata con decreto del Sindaco del 26 giugno 2009 prot , che in copia conforme qui si allega sotto A e quindi in rappresentanza del Comune di Melzo codice fiscale , ai sensi dell articolo 4, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165 e dell articolo 107 commi 2 e 3, lettera c), del decreto legislativo 18 agosto 2000 n.267 (nel seguito del presente atto denominato semplicemente Comune ), ed autorizzata espressamente dal Responsabile del Settore Gestione del Territorio e delle Risorse Naturali con procura speciale a mio a mio rogito in data odierna nn di repertorio, che in originale qui si allega sotto lettera B, ed in esecuzione della delibera del Consiglio Comunale n. 33 del 22 aprile 2009, esecutiva ai sensi di legge, che in copia conforme si allega al presente atto sotto la lettera C. - Facchinetti Sergio Marino nato a Inzago (MI) il giorno 15 settembre 1964, domiciliato per la carica in Melzo (MI) Via Martiri Della Libertà n. 18, nella sua qualità di Direttore Generale della società COGESER S.P.A. con sede in Melzo (MI) Via Martiri Della Libertà n. 18, capitale sociale Euro ,00 (duemilioniduecentocinquantamila virgola zero zero) interamente versato, numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano e codice fiscale , REA n.mi , a quanto infra autorizzato con Verbale del Consiglio di Amministrazione del 5 marzo 2010, che in copia conforme qui si allega sotto lettera D ; - Facchetti Davide nato a Melzo(MI) il giorno 11 gennaio 1970, domiciliato per la carica in Melzo Via Martiri Della Libertà n. 44, nella sua qualità di Consigliere e legale rappresentante della società AREA MELZO 2

3 SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. con sede in Melzo Via Martiri Della Libertà n. 44, capitale sociale Euro ,00 (diecimila virgola zero zero) interamente versato, numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano e codice fiscale , REA n. MI , a quanto infra autorizzato in forma di Verbale del Consiglio di Amministrazione in data 21 giugno 2010 che in copia conforme si allega sotto la lettera E ; (di seguito chiamati proponenti ). Io notaio sono certo della identità personale dei comparenti, i quali PREMETTONO CHE - la società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L., in forza di atto di compravendita autenticato da me Notaio in data odierna nn. di repertorio, in termine utile di registrazione, ha acquistato dalla società ALHAFIN S.P.A. (codice fiscale ) le aree, site in Comune Amministrativo e censuario di Melzo (MI), aventi estensione territoriale complessiva paria mq ,83 catastalmente identificate, al vigente Catasto Terreni di Melzo al foglio 2 con i mappali 354, di ha , 358 di are 7.53, 365, relit strad, di are 0.84, 366, di are 0.84, ed individuate all interno degli elaborati del P.I.I. (Programma Integrato Intervento) di cui infra, nella tavola 2 con lettera C ; - il Comune di Melzo è proprietario in Comune di MELZO (MI) delle aree aventi estensione territoriale complessiva pari a mq ,00, e porzioni immobiliari individuate all interno del P.I.I. nella tavola 2 con lettere A e B e censite al Catasto Terreni di Melzo al foglio 7 con i mappali: - 50, di are 4.00; -52, ente urbano di are 0.63; - 770, ente urbano di are 8.75; - 771, ente urbano di are 3.42; - 53, ente urbano di are 2.01; - 54, ente urbano di are 0.25; F.U. da accert. di are 0.60; - 784, prato irrig. classe 1, di are 1.07, reddito dominicale euro 1,24, reddito agrario euro 0,77; - 785, prato irrig. classe 1, di are 33.44, reddito dominicale euro 38,69, reddito agrario euro 24,18; - 763, di are 23.07; F.U. d accert. di are 5.00; 765 F.U. d accert. di are 8.15; 766 relit strada, di are 0.67; relit strada, di are 1.11; 3

4 - 768, di are 2.46; - 769, di are 1.54; di are 0.40; al catasto fabbricati foglio 7 con i mappali: - 52, categoria C/2; - 53 sub. 1, categoria D/1; - 53 sub 701, categoria A/4; - 53 sub 702, categoria A/4; sub. 1, categoria C/2 graffato con il mappale 135 sub. 1 e con il mappale 765; sub. 2, categoria C/2 graffato con il mappale 764; - 404, area urbana della superficie di metri quadri 10; area urbana di mq 875; area urbana di mq 342; al catasto fabbricati foglio 8 con i mappali: - 561, di are 50.00; la società COGESER S.P.A. è affittuaria dell ambito individuato all interno degli elaborati del PII nella tavola 2 con la lettera A, di proprietà del comune di Melzo e avente un estensione territoriale complessiva pari a mq 9.480,00, censite al catasto terreni di Melzo al foglio 7 con i mappali: 50,52,770,771,53,54,135,784,785,763,764,765,766,767,768,769,566; al catasto fabbricati foglio 7 con i mappali: 52,53 sub. 1,53 sub. 701,53 sub. 702, 134 sub. 1, graffato con il mappale 135 sub 1 e con il mappale 765, 134 sub. 2 graffato con il mappale 764, 404, 770 area urbana mq. 875; 771 area urbana di mq. 342; - l intero ambito soggetto a Programma Integrato d Intervento, composto dai lotti A, B, C, individuati nella tavola 2 del PII, risulta dal rilievo di circa mq ,83. Di questi 9.981,86 mq (pari a circa il 39 %) saranno destinati a superficie fondiaria, mentre la restante quota di ,97 mq (pari a circa il 61 %) saranno destinati a attrezzature pubbliche e opere di urbanizzazione primaria; - Il PRG del Comune di Melzo è stato approvato con DGRL N VII/4860 del 01 giugno 2001 BURL n 25 SI del 21 giugno 2001; - L ambito denominato A all interno del PRG vigente ha una destinazione d uso a zone per attrezzature tecnologiche ; - L ambito denominato B all interno del PRG vigente ha una destinazione d uso a aree per attrezzature al servizio degli insediamenti produttivi ; - L ambito denominato C è inserito all interno del piano particolareggiato Cascina Triulza con una volumetria assegnata di ,00 mc destinati alla realizzazione di una RSA di iniziativa privata; 4

5 - Il documento d inquadramento del Comune di Melzo, approvato in DCC n 22 del 13 marzo 2006 e succ DCC n 54 del 20 luglio 2007 prevede la possibilità di realizzare Programmi integrati d intervento qualora sussistano almeno due delle seguenti condizioni: a) previsione di una pluralità di destinazioni e di funzioni, comprese quelle inerenti alle infrastrutture pubbliche e d'interesse pubblico, alla riqualificazione ambientale naturalistica e paesaggistica; b) compresenza di tipologie e modalità d'intervento integrate, anche con riferimento alla realizzazione ed al potenziamento delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria; c) rilevanza territoriale tale da incidere sulla riorganizzazione dell'ambito urbano. - All interno del PGT (documento di piano e piano dei servizi) adottato con delibera n 65 del 9 dicembre 2008, gli ambiti A, B, C sono definiti come ambiti di trasformazione strategica già programmati ; - Il programma integrato d intervento proposto prevede la destinazione a verde al servizio delle strutture scolastiche e assistenziali in Viale Germania, lo spostamento su area idonea in Via Colombo della società COGESER S.P.A. per le proprie attività e per quelle delle altre società di scopo controllate facenti parte del Gruppo, e la realizzazione di una destinazione d uso residenziale in Via Curiel Nord. PREMESSO, ULTERIORMENTE, CHE - in data 9 luglio 2007 prot la società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L., ha presentato una proposta di fattibilità per la predisposizione di un PII in via Curiel nord su area di proprietà comunale; - l Amministrazione Comunale attraverso il proprio consiglio comunale con proprio atto n. 58 del 10 settembre 2007 ha formulato sulla base della proposta presentata un atto di indirizzo per la redazione del programma integrato d intervento; - durante il periodo settembre 2007 luglio 2008 dalla concertazione con l amministrazione comunale, dagli ulteriori indirizzi programmatici che la stessa amministrazione ha sviluppato e dalla valutazione degli ambiti oggetto d intervento, la proposta di programma integrato d intervento si è modificata rispetto alle superfici territoriali, alle componenti economiche e ai soggetti economici in campo; - l amministrazione comunale in data 31 luglio 2008 con DGC n 126 ha valutato la proposta coerente con i contenuti della delibera sopra citata come si evince dalla Relazione di fattibilità economica, (elaborato 0.1) - La società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. in qualità di proprietaria dell ambito C interessato a piano particolareggiato, accetta ed è consapevole del cambio di destinazione d uso con relativa perdita della volumetria sull ambito C e spostamento dei diritti edificatori sull ambito A con le modalità, i parametri e gli indici previsti dalla presente convenzione; - in data 3 settembre 2008 la società COGESER SPA per le finalità pubbliche già indicate ha comunicato al comune di Melzo di impegnarsi ad acquistare sulla base di perizia estimativa l area denominata ambito B per la realizzazione di strutture a carattere produttivo; - la perizia effettuata prevede una stima del valore d acquisto da parte di COGESER SPA dell area posta in Via Colombo pari a euro 185,00 al mq per una superficie fondiaria di mq con una utilizzazione 5

6 fondiaria di 0,50 mq/mq e un rapporto di copertura pari ad un massimo del 50% della superficie fondiaria. Sull area verranno realizzati edifici di carattere industriale e terziario (quest ultima funzione nella quantità massima del 20% della slp totale). La progettazione dell ambito all interno del programma integrato d intervento dovrà in linea di massima sviluppare l intera superficie lorda di pavimento prevista, fermo restando la possibilità per COGESER SPA di sviluppare il progetto degli edifici per parti in tempi successivi fino al raggiungimento della superficie lorda di pavimento massima; - la società COGESER S.P.A. una volta acquisito l ambito denominato B, per cui il Comune di Melzo si impegna alla cessione onerosa con formale atto entro 120 giorni dalla firma della presente convenzione, provvederà entro 17 mesi dalla firma della presente convenzione a consegnare l ambito denominato A, lasciandolo nello stato in cui si trova, ad eccezione della cabina di decompressione ivi esistente, per la quale si rimanda a quanto previsto di seguito ; - la società COGESER S.P.A si impegna a realizzare nell ambito denominato B il nuovo fabbricato entro 16 mesi dalla firma della presente convenzione; - la società COGESER S.P.A si impegna a realizzare la nuova cabina di decompressione gas naturale e a dismettere l attuale entro 24 mesi dalla firma della presente convenzione compatibilmente con quanto di competenza di SNAM Rete Gas ad effettuare il proprio allacciamento nei tempi mediamente previsti (24 mesi dalla richiesta di allacciamento); a tal proposito il Comune di Melzo, pur senza assumere alcun onere o vincolo contrattuale, si fa parte diligente affinché i tempi concessi a COGESER S.P.A per l effettiva dismissione e messa in sicurezza della cabina di decompressione esistente, ubicata nell ambito A vengano rispettati ; - la società COGESER S.P.A si impegna a mantenere in essere la sede effettiva dei servizi per almeno anni 10 dalla firma della presente convenzione; - il bene realizzato dalla società COGESER S.P.A sull ambito B è inalienabile a terzi per anni 10 e, successivamente, in caso di alienazione dopo tale periodo, deve essere riservato al Comune di Melzo il diritto di prelazione. Resta inteso che il Comune di Melzo ha la facoltà di revoca del vincolo di alienazione. - Il Comune di Melzo ha ottenuto dal Tribunale di Milano un provvedimento di sfratto al custode attualmente residente all interno dell edificio inserito nell ambito denominato A ; - la società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L., provvederà a versare i costi relativi della nuova cabina realizzata da COGESER S.P.A, in ambito opportunamente individuato, fino a un importo massimo di euro ,00 volti altresì a contribuire all acquisizione del terreno di circa 1.000,00 mq; - la società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. provvederà ai costi di demolizione degli edifici e delle strutture presenti sull ambito A, nonché agli eventuali costi di bonifica dell area; - la società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. provvederà a realizzare o far realizzare, agli enti concessionari titolari, le opere di urbanizzazione primaria e comunque in aderenza alle norme di legge vigenti in materia al momento, ed al pagamento degli oneri di urbanizzazione secondaria necessari al 6

7 corretto inserimento degli edifici nell ambito A e B rispettivamente di Via Curiel e di Via Colombo. DATO ATTO CHE - il programma integrato d intervento proposto ricade nella fattispecie prevista dal documento d inquadramento; - il programma integrato d intervento è conforme alle scelte strategiche del documento di piano quale atto costituente il P.G.T. adottato in data 9/12/2008 delibera del consiglio comunale n 65; - Il programma integrato d intervento inserisce una maggior quantità di aree a standard in coerenza con quanto descritto nel piano dei servizi quale atto costituente il P.G.T. adottato in data 9/12/2008 delibera del consiglio comunale n 65; - In data 31 luglio 2008 è stata avviata, così come previsto dagli indirizzi generali e per la valutazione ambientale (VAS) approvati con D.C.R. 13 marzo 2007, n. VIII/531 e gli ulteriori adempimenti di disciplina approvati dalla Giunta Regionale con deliberazione n. 8/6420 del 27 dicembre 2007, la procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), ovvero di procedimento di esclusione della VAS screening, in quanto il programma integrato d intervento in oggetto ai sensi della D.C.R. 13 marzo 2007, n. VIII/531 è da ritenersi così come definito al punto 4.6 della stessa DCR un ambito di piccole dimensioni a livello locale; - In data 19 gennaio 2009 si è svolta la procedura di screening che ha confermato l esclusione del P.I.I. dalla procedura di VAS, confermandone la congruità urbanistica rispetto agli strumenti esistenti; - il P.I.I., articolato nei termini di cui sopra, costituente variante al PRG vigente e al Piano Particolareggiato di C.na Triulza limitatamente all ambito C, risulta conforme alla vigente disciplina legislativa e regolamentare, statale e regionale, nonché alle previsioni del PGT adottato in data 9 dicembre 2008 delibera del Consiglio Comunale n. 65 ed altresì coerente con tutti gli atti di pianificazione e programmazione assunti dall Amministrazione comunale di Melzo, nonché congruente con i prevalenti pubblici interessi di natura urbanistica, edilizia, viabilistica e territoriale; - la proposta di P.I.I., consta, oltre che del presente schema di convenzione (a 0.2), dei seguenti elaborati: 0 Quadro Introduttivo 0.0 Relazione illustrativa 0.1 Relazione di fattibilità economica e cronoprogramma di attuazione degli interventi 0.2 Schema di convenzione urbanistica 0.3 Norme tecniche del P.I.I. 0.4 Documento di sintesi per la procedura di esclusione dalla VAS ex direttiva 2001/42/CE Verbale seduta conferenza di screening 19 gennaio Provvedimento di esclusione del 29 gennaio Variante urbanistica allegata al P.I.I. 1 Quadro Conoscitivo 1.1 Inquadramento generale 7

8 1.2 Il sistema infrastrutturale 1.3 Il sistema ambientale 1.4 Il sistema insediativo e dei servizi territoriali 1.5 Pianificazione sovracomunale sintesi del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Compatibilità con il PTCP vigente 1.6 Aerofotogrammetrico localizzazione degli ambiti d intervento 1.7 Estratti di mappa catastale 1.8 Stato di fatto - estratto PRG, PGT 1.9 Verifica di compatibilità urbanistica rispetto alla carta dei servizi e al Piano dei servizi 1.10 Verifica di compatibilità geologica 1.11 Stato di fatto - uso del suolo 1.12 Stato di fatto - rilievo planimetrico ambiti A 1.13 Stato di fatto - sottoservizi tecnologici ambiti A,B,C 1.14 Stato di fatto profili altimetrici e altezze piani ambito A 1.15 Stato di fatto - demolizioni ambito A 1.16 Rilievo fotografico ambiti A,B,C 2 Quadro progettuale 2 Verifiche urbanistiche generali ambito A B C e planivolumetrico d inquadramento Ambito A Planivolumetrico, verifiche urbanistiche Piante prospetti sezioni e viste prospettiche tipologiche Verifica analitica delle superfici a standard, verifica dotazione di aree a verde piantumato, verifica superficie drenante, verifica parcheggi pubblici Opere di urbanizzazione primaria: planimetria Opere di urbanizzazione primaria: schema rete smaltimento reflui e reti Indagine ambientale: proposta di piano di indagine preliminare Relazione geologico geotecnica e di compatibilità geologica Valutazioni revisionali di clima acustico Valutazione d impatto paesistico Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione Ambito B Planivolumetrico e verifiche urbanistiche Piante prospetti - sezioni tipologici Opere di urbanizzazione primaria: schema rete smaltimento reflui e reti Valutazione di compatibilità ambientale* 8

9 2.2.5 Relazione geologica per la progettazione di un nuovo magazzino ed autorimessa in via Colombo a Melzo (Mi) Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria e secondaria ambito A e B * La valutazione di compatibilità ambientale contiene l analisi degli effetti dell intervento relativamente a suolo, acque, aria e impatto acustico sia del nuovo deposito e autorimessa di via Colombo sia della nuova cabina decompressione gas-metano Ambito C Planimetria generale Proposta ambito cabina Studio di fattibilità relativo allo spostamento della cabina di presa e misura di Melzo Allegati: modifica allacciamento SNAM per spostamento cabina Remi Melzo Relazione geologica per la progettazione di nuova cabina 1 salto a Melzo (Mi) (si veda punto e 2.2.5) Le parti, in pieno accordo, stabiliscono che i sopra elencati elaborati, quali atti pubblici allegati alle deliberazioni di adozione e approvazione del PII e per tale motivo depositati negli originali del Comune, individuabili univocamente e inequivocabilmente, non vengono allegati materialmente alla presente convenzione. RILEVATO, CONCLUSIVAMENTE, CHE - il P.I.I. è stato adottato con deliberazione Consiglio Comunale n. 7 del 23 Febbraio 2009 e, conformemente ai disposti di cui all art. 14, della LR 12/2005, per i successivi quindici giorni il provvedimento de quo (corredato dai relativi allegati) è rimasto in pubblicazione tramite deposito presso la Segreteria comunale, dando di ciò contestuale avviso pubblico, mediante affissione all Albo Pretorio e pubblicazione sul settimanale Gazzetta della Martesana, recante invito ai soggetti interessati a presentare osservazioni; - nei quindici giorni successivi alla scadenza dei periodo di pubblicazione, e sino al 3 Aprile 2009, non sono pervenute osservazioni, ed il PII è divenuto efficace con la pubblicazione sul BURL n 19 del 13 maggio 2009; - successivamente, il Programma Integrato di Intervento in oggetto, comprensivo dei relativi allegati, è stato approvato dal Consiglio comunale di Melzo nella seduta del 22 Aprile 2009, con deliberazione n. 33 (esecutiva ai sensi di legge), il cui verbale in copia certificata conforme trovasi allegato sotto la lettera B al presente atto. Tutto ciò premesso e confermato, fra le predette parti si conviene e si stipula quanto segue: ART. 1 PREMESSE 1. Le premesse e gli allegati costituiscono parte integrante, essenziale e sostanziale del presente atto. 9

10 ART. 2 OGGETTO E FINALITÀ 1. La presente convenzione ha ad oggetto la disciplina degli interventi finalizzati all organica trasformazione urbanistica ed edilizia delle aree e porzioni immobiliari site in Comune di Melzo (MI), censite: AMBITO A al catasto terreni foglio 7 con i mappali: - 50, prato irrig classe 1 di are 4.00 reddito dominicale euro 4,63 reddito agrario euro 2,89; - 52, ente urbano di are 0.63; - 404, ente urbano di are 0.10; - 770, ente urbano di are 8.75; - 771, ente urbano di are 3.42; - 53, ente urbano di are 2.01; - 54, ente urbano di are 0.25; F.U. da accert. di are 0.60; - 784, prato irrig. classe 1, di are 1.07, reddito dominicale euro 1,24, reddito agrario euro 0,77; - 785, prato irrig. classe 1, di are 33.44, reddito dominicale euro 38,69, reddito agrario euro 24,18; - 763, prato irrig classe 1,di are 23.07, reddito dominicale euro 26,69, reddito agrario euro 16,68; F.U. d accert. di are 5.00; F.U. d accert. di are 8.15; relit strada, di are 0.67; relit strada, di are 1.11; - 768, bosco misto classe U, di are 2.46, reddito dominicale euro 0,51, reddito agrario euro 0,08; - 769, bosco misto classe U, di are 1.54, reddito dominicale euro 0,32, reddito agrario euro 0,05; bosco misto classe U, di are 0.40, reddito dominicale euro 0,08, reddito agrario euro 0,01; al catasto fabbricati foglio 7 con i mappali: - 52, via Eugenio Curiel n.30, piano T, categoria C/2, classe 4, metri quadri 65, rendita catastale euro 208,13; - 53 sub. 1, via Eugenio Curiel n.30, piano T, categoria D/1, rendita catastale euro 268,56; - 53 sub. 701, via Eugenio Curiel n.30, piano T-1, categoria A/4, classe 3 vani 3, rendita catastale euro 178,18; - 53 sub. 702, via Eugenio Curiel n.30, piano T-1, categoria A/4, classe 3 vani 4,5, rendita catastale euro 267,27; subalterno 2 via Eugenio Curiel snc, piano T, categoria C/2, classe 2, metri quadri 31, rendita catastale euro 72,05, graffato con il mappale 135 sub. 1 e con il mappale 765; sub. 2, via Eugenio Curiel snc, piano T, categoria C/2, classe 2, metri quadri 41 rendita catastale euro 10

11 95,29 graffato con il mappale 764; 404, via Eugenio Curiel snc, piano T, area urbana della superficie di metri quadri 10; 770 via Eugenio Curiel snc, piano T, area urbana di mq 875; 771, via Eugenio Curiel snc, piano T, area urbana di mq 342; COERENZE a corpo dei beni che formano l AMBITO A: mappali fosso, 761,488,56,406 del foglio 7, strada, mappali 678,46,del foglio 7. Salvo errori e come meglio di fatto. AMBITO B al catasto terreni foglio 8 con il mappale -561, semin irrig classe 1, di are 50.00, reddito dominicale euro 52,42, reddito agrario euro 55,62. COERENZE a corpo dei beni che formano l AMBITO B: mappali 560,563,562 per due lati, tutti del foglio 8. Salvo errori e come meglio di fatto. AMBITO C al catasto terreni foglio 2 con i mappali - 354, seminativo classe U, di ha , reddito dominicale euro 64,65, reddito agrario euro 59,26; seminativo classe U, di are 7.53, reddito dominicale euro 4,67, reddito agrario euro 4,28; - 365, relit strad, di are 0.84; - 366, relit strad, di are 0.84; COERENZE a corpo dei beni che formano l AMBITO C: mappali 355, 367,368,360,261,359,364,363,356 tutti del foglio 2. Salvo errori e come meglio di fatto. Con riferimento alle aree appena descritte, la presente convenzione ha altresì ad oggetto la realizzazione delle opere e degli interventi di complessiva riqualificazione delle aree stesse e del quadrante territoriale interessato, in funzione degli obiettivi di riorganizzazione urbanistica, infrastrutturale ed ambientale perseguiti; a tal fine, le parti stipulanti, si impegnano ad una corretta e fedele attuazione di quanto in questa sede pattuito. 2. In particolare, i proponenti si obbligano ad ogni effetto di legge nei confronti del Comune di Melzo, che accetta, a dare piena, tempestiva e scrupolosa attuazione al predetto Programma Integrato d Intervento, in conformità alla presente convenzione urbanistica ed alle previsioni dello strumento urbanistico generale vigente, nonché secondo le previsioni degli elaborati allegati al PII medesimo, depositati presso l Ufficio tecnico comunale. 3. La presente convenzione, da ritenersi un atto di programmazione negoziata, ha quale oggetto anche il perseguimento di un interesse pubblico da parte del Comune di Melzo che attraverso la stipula della presente ha la possibilità di ricevere da subito le aree di cui sopra indicato AMBITO C da destinare 11

12 organicamente come le confinanti nell ambito del Parco Urbano, in luogo delle aree indicate costituenti l AMBITO A, comunque indisponibile, in quanto attualmente locata a COGESER con un contratto avente scadenza il 31 dicembre 2014; inoltre, essendosi impegnati i proponenti a destinare una quota di residenziale ad edilizia convenzionata, vi sarà la possibilità di accesso ad essa per le fasce di cittadini più deboli economicamente; infine, l acquisto da parte di COGESER dell area di proprietà del Comune Ambito B a prezzo stabilito con perizia e, quindi, a valore di mercato, in conseguenza delle pattuizioni contenute nella presente, avrà l effetto di garantire la presenza sul territorio della stessa per i prossimi anni e, quindi, la possibilità di offrire ai cittadini i servizi direttamente sul territorio comunale, senza aggravi di disagi o trasferte. 4. Per quanto riguarda alcune prescrizioni catastali, volte a meglio definire i passaggi castali che hanno portato agli attuali identificativi catastali delle porzioni immobiliari oggetto della presente convenzione, le parti fanno rinvio a quanto identificato nel documento che qui si allega sotto la lettera F. Le parti dichiarano e garantiscono che i loro rispettivi titoli di provenienza delle porzioni immobiliari in oggetto sono quelli indicati nel documento che qui si allega con la lettera G. ART. 2 BIS PERMUTA AREE 1. Ai fini della completa esecuzione del PII per il perseguimento dell interesse pubblico da parte del Comune di Melzo, come sopra richiamato, la società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L., da una parte, ed il Comune di Melzo, dall altra parte, addivengono alla seguente permuta di diritti reali, e precisamente la società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. cede a titolo di permuta al COMUNE DI MELZO, che accetta ed acquista, le aree costituenti il sopra indicato AMBITO C, e precisamente le aree site in Comune di Melzo (MI) censite al Catasto Terreni del predetto Comune al foglio 2 con i mappali: - 354, seminativo classe U, di ha , reddito dominicale euro 64,65, reddito agrario euro 59,26; seminativo classe U, di are 7.53, reddito dominicale euro 4,67, reddito agrario euro 4,28; - 365, relit strad, di are 0.84; - 366, relit strad, di are 0.84; COERENZE a corpo in contorno ed in senso orario: mappali 355, 367,368,360,261,359,364,363,356 tutti del foglio 2. Salvo errori e come meglio di fatto. A sua volta il COMUNE DI MELZO cede a titolo di permuta alla società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L., che accetta ed acquista, le aree e le porzioni immobiliari che costituiscono il predetto AMBITO A site in Comune di Melzo (MI) e precisamente le aree censite al catasto Terreni foglio 7 con i mappali: 12

13 - 50, prato irrig classe 1 di are 4.00 reddito dominicale euro 4,63 reddito agrario euro 2,89; - 52, ente urbano di are 0.63; - 404, ente urbano di are 0.10; - 770, ente urbano di are 8.75; - 771, ente urbano di are 3.42; - 53, ente urbano di are 2.01; - 54, ente urbano di are 0.25; F.U. da accert. di are 0.60; - 785, prato irrig. classe 1, di are 33.44, reddito dominicale euro 38,69, reddito agrario euro 24,18; - 763, prato irrig classe 1,di are 23.07, reddito dominicale euro 26,69, reddito agrario euro 16,68; F.U. d accert. di are 5.00; F.U. d accert. di are 8.15; relit strada, di are 0.67; relit strada, di are 1.11; - 768, bosco misto classe U, di are 2.46, reddito dominicale euro 0,51, reddito agrario euro 0,08; - 769, bosco misto classe U, di are 1.54, reddito dominicale euro 0,32, reddito agrario euro 0,05; bosco misto classe U, di are 0.40, reddito dominicale euro 0,08, reddito agrario euro 0,01; 1. Ai fini della completa esecuzione della variante al P.I.I., a seguito dell impossibilità di tombinare le parti di roggia a cielo aperto con conseguente spostamento della strada e dei parcheggi pubblici previsti, la società Area Melzo Servizi Immobiliari S.r.l. da una parte ed il Comune di Melzo dall altra parte, addivengono alla seguante permuta di diriti reali, e precisamente: _ La società Area Melzo Servizi Immobiliari S.r.l. cede a titolo di permuta al Comune di Melzo che accetta ed acquista le aree comprese nell ambito A site nel Comune di Melzo (MI) censite al catasto terreni al foglio 7 con i mappali: E le porzioni immobiliari costituite da locali ad uso deposito al piano terra censite al catasto fabbricati al foglio 7 con il mappale: sub 701 Coerenze a corpo in contorno ed in senso orario:.. 13

14 _ A sua volta il comune di Melzo cede a titolo di permuta alla società Area Melzo Servizi Immobiliari S.r.l., che accetta ed acquista, le aree e le porzioni immobiliari comprese nell ambito A site in Melzo (MI) e precisamente le aree censite al catasto terreni foglio 7 con i mappali: e le porzioni immobiliari costituite da: - locale ad uso deposito al piano terra, censito al catasto fabbricati al foglio 7 con il mappale 52, via Eugenio Curiel n.30, piano T, categoria C/2, classe 4, metri quadri 65, rendita catastale euro 208,13; - capannone di due locali a piano terra, censito al catasto fabbricati al foglio 7 con il mappale 53 sub. 1, via Eugenio Curiel n.30, piano T, categoria D/1, rendita catastale euro 268,56; - porzione di fabbricato ad uso abitativo sui pinai terra e primo, censito al catasto fabbricati al foglio 7 con i mappali 53 sub. 701, via Eugenio Curiel n.30, piano T-1, categoria A/4, classe 3 vani 3, rendita catastale euro 178,18; - 53 sub. 702, via Eugenio Curiel n.30, piano T-1, categoria A/4, classe 3 vani 4,5, rendita catastale euro 267,27; - locale deposito, locale caldaia, locale tecnico e fossa al piano terra con area cortilizia di pertinenza, censito al catasto fabbricati al foglio 7 con il mappale 134 subalterno 1 via Eugenio Curiel snc, piano T, categoria C/2, classe 2, metri quadri 31, rendita catastale euro 72,05, graffato con il mappale 135 sub. 1 e con il mappale 765; - locale deposito, portico al piano terra con area cortilizia di pertinenza, censito al catasto fabbricati al foglio 7 con il mappale 134 sub. 2, via Eugenio Curiel snc, piano T, categoria C/2, classe 2, metri quadri 41 rendita catastale euro 95,29 graffato con il mappale 764; - 404, via Eugenio Curiel snc, piano T, area urbana di metri quadri 10; via Eugenio Curiel snc, piano T, area urbana di mq 875; - 771, via Eugenio Curiel snc, piano T, area urbana di mq 342; COERENZE a corpo in contorno ed in senso orario: mappali 784,761,488,56,406 del foglio 7, strada, mappali 678,46 del foglio 7. Salvo errori e come meglio di fatto. 2. Le parti si danno atto rispettivamente a seguito della presente convenzione, e del PII in oggetto, le aree costituenti l AMBITO C, oggetto di trasferimento da parte della società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. a favore del COMUNE DI MELZO, perdono la loro potenzialità edificatoria, la quale ultima diverrà 14

15 di competenza delle aree costituenti l AMBITOA (secondo i parametri che risulteranno dal PII) AMBITO Aqui acquisito dalla società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L.. 3. Ciascuna delle parti permutanti è immessa da oggi nel possesso giuridico dei cespiti acquisiti con la presente permuta, con tutti gli effetti utili ed onerosi che ne derivano. La società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. dichiara di essere a conoscenza del contratto di affitto stipulato tra il Comune di Melzo e la società CO.GE.SER. Distribuzione srl con sede in Melzo, ora CO.GE.SER. S.P.A. registrato a Gorgonzola il 22 novembre 2006 al n. 565 serie 3T relativo ad alcune porzioni immobiliari comprese nell ambito A (da lei acquisito) e che pertanto potrà essere immessa nella detenzione materiale di dette porzioni immobiliari una volta che l attuale affittuaria COGESER S.P.A. abbia liberato dette porzioni immobiliari secondo quanto previsto dalla presente convenzione. La società COGESER S.P.A., per quanto possa occorrere, rinuncia ad ogni diritto di prelazione in relazione all acquisto delle porzioni immobiliari condotte in affitto e comprese nell ambito A; si obbliga altresì a liberare le porzioni immobiliari suddette, secondo quanto previsto nella presente convenzione, provvedendo entro 17 mesi dalla firma della presente convenzione a consegnare l ambito denominato A, lasciandolo nello stato in cui si trova, ad eccezione della cabina di decompressione ivi esistente, per la quale si rimanda a quanto previsto in premessa. 5. I rispettivi trasferimenti sono contenuti a corpo e non a misura ed i beni vengono trasferiti nello stato di fatto e di diritto in cui attualmente si trovano, con le relativa accessioni e pertinenze e gli inerenti oneri e servitù attive e passive. 6. Anche in considerazione delle conseguenze sopra indicate in ordine alla volumetria relativa alle aree in oggetto, ai beni trasferiti dalla società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. le parti attribuiscono il valore complessivo di euro ,00 ed ai beni ceduti in permuta al COMUNE DI MELZO le parti attribuiscono il valore di euro ,00. Stante quanto appena precisato, le parti riconoscono non farsi luogo ad alcun conguaglio e si rilasciano reciproca quietanza, liberazione e discarico, rinunciando ad ogni eventuale diritto di ipoteca legale con esonero dell Agenzia del territorio competente da ogni responsabilità al riguardo. 7. L una parte permutante presta all altra le garanzie di legge, compresa la garanzia da evizione, garantendo l assoluta ed esclusiva proprietà delle porzioni immobiliari rispettivamente cedute e la libertà da pesi, vincoli, trascrizioni pregiudizievoli, privilegi anche fiscali, nonché ipoteche. 8. Gli effetti giuridici ed economici dei presenti trasferimenti decorrono da oggi, per tutte le conseguenze utili ed onerose. 9. Si sensi e per gli effetti dell art. 30 del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, si allegano al presente atto sotto le lettere H e I i certificati di destinazione urbanistica delle aree in oggetto, rilasciati dal Comune di Melzo in data 23 giugno 2010, dichiarando le parti che non sono intervenute modificazioni negli strumenti urbanistici dalla data di rilascio. 15

16 10. La signor RUBINO GIOVANNA, nella suddetta qualifica, da me Notaio richiamato sulle conseguente penali delle dichiarazioni false o reticenti, ai sensi dell art. 76 del D.P.R. n. 445/2000, sotto la propria responsabilità dichiara, in relazione al D.P.R. 06 giugno 2001 n. 380 (testo unico dell edilizia) nonché dell art. 40 legge 28 febbraio 1985 n. 47, che i fabbricati in oggetto sono stati costruiti anteriormente al 1 settembre Ai sensi del decreto legislativo 19 agosto 2005 n. 192, come modificato dal decreto legislativo 29 dicembre 2006 n. 311, cui ha fatto seguito il D.G.R.L. n del 22 dicembre 2008, relativamente al mappale 53 sub. 701 e 702 del foglio 7 (ex mappale 53 sub. 2, frazionato catastalmente agli effetti della presente convenzione pur rimanendo un unica unità abitativa), al presente atto è allegato sotto la lettera L l attestato di certificazione energetica prot /10 redatto in data 28 marzo 2010 dal Dr. Ing. Gianni Grillo iscritto nell elenco dei certificatori energetici abilitati dalla Regione Lombardia al n e depositato presso il Comune di Melzo in data 30 marzo 2010 prot , mentre relativamente ai mappali 52, 53 sub. 1, 134 sub. 1 graffato con il mappale 135 sub. 1 e con il mappale 765, 134 sub. 2 graffato con il mappale 764, tutti del foglio 7, la signora RUBINO GIOVANNA, nella suddetta qualifica, dichiara che non sussistono i presupposti per l allegazione del certificato energetico al presente atto, poiché tratti di fabbricati non dotati di impianti energetici come tali identificabili secondo la richiamata normativa. Dichiara altresì che dalla data di riferimento dell attestato di certificazione energetica sopra allegato ad oggi, gli impianti relativi non hanno subito alcuna modifica o intervento e pertanto detto attestato è tuttora valido rispetto allo stato attuale dell edificio. ART. 3 ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 1. La realizzazione degli interventi oggetto del PII avverrà a regola d arte, in conformità alle previsioni di legge e di regolamento ed alle norme di cui alla presente convenzione ed ai suoi allegati tecnici, regolamentari, progettuali ed esplicativi, comunque denominati, in coerenza con le direttive ed indicazioni dei competenti Uffici comunali. 2. In particolare, l attuazione del PII è regolata dalle disposizioni e dagli indirizzi contenuti nella Relazione tecnico illustrativa, allegata al P.I.I. medesimo e alla tavola planivolumetrica, elaborati 0.0 e 2, 3. Il PII potrà essere attuato mediante il rilascio di uno o più permessi di costruire, oppure mediante equipollenti titoli abilitativi edilizi; 4. Gli edifici all interno degli ambiti-lotti A, B, C, dovranno essere ultimati, ai fini della richiesta di agibilità, entro i termini di legge; in considerazione della complessità degli interventi previsti potranno essere chieste proroghe al termine di completamento dei lavori, ai sensi dell art. 15, comma 2, del DPR 380/2001, fatta salva la sussistenza e la verifica dei presupposti di legge. Il PII potrà realizzarsi per unità minime d intervento (vedi tavole planivolumetriche), garantendo comunque la realizzazione delle opere di 16

17 urbanizzazione necessarie per la richiesta del titolo abilitativo. 5. In sede di progettazione esecutiva finalizzata al rilascio del o dei permessi di costruire, oppure alla presentazione degli equipollenti titoli abilitativi edilizi, potranno essere apportate, senza necessità di previa approvazione di variante al PII, modificazioni planivolumetriche che, oltre a non contrastare con la vigente disciplina di PGT, possiedano le caratteristiche quantitative e qualitative di cui all art. 14, comma 12, LR 12/2005, secondo quanto precisato dalla relazione illustrativa, allegata al PII. ART. 4 OBBLIGHI DI CESSIONE DELLE AREE PER URBANIZZAZIONE PRIMARIA 1. La società ARAE MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. come sopra rappresentata, in relazione al disposto del paragrafo 1), comma 5, dell art. 28 della Legge 17 agosto 1942, n e successive modifiche, ed in esecuzione degli obblighi derivanti dalla presente convenzione, si obbliga a cedere al Comune di Melzo, tutte le aree dell ambito A necessarie per le opere di urbanizzazione primaria (viabilità interna al comparto), per una superficie complessiva di mq. 624,00 ivi comprese le opere in tali aree realizzate, come previsto dal successivo articoli 6, aree individuate al successivo art. 5. AREE PER ATTREZZATURE PUBBLICHE 2. Ai sensi dell art. 28, comma 5, n. 1, L. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, nonché in conformità all art. 4, comma 5, LR 14/99 e s.m.i., le parti stipulanti si danno reciprocamente atto che gli interventi di nuova edificazione previsti dal PII comportano l obbligo di costituire dotazioni di aree per attrezzature pubbliche per complessivi mq ,99, oltre la permuta dell ambito C destinato a verde, come di seguito specificato: - residenziale ambito A: ,87mc /100 mc * 26.5 mq/ab pari a 3.259,99 mq; - produttivo ambito B: 20% x 2.500,00 mq (SLP) pari a 500,00 mq; - aree per attrezzature pubbliche totali dovute : pari a 3.759,99 mq; Le aree per attrezzature pubbliche reperite dal PII sono pari a 3.874,14 mq > di 3.759,99 mq. La dotazione complessiva per le attrezzature pubbliche è stata calcolata rispetto alla suddivisione della SLP realizzabile secondo le destinazioni d uso sopra richiamate per ogni singolo ambito A e B. Nel caso di variazioni, all interno della SLP massima consentita, delle destinazioni d uso previste sopra indicate, in conformità alle norme tecniche del P.I.I., in fase di rilascio dei singoli permessi di costruire dovrà essere verificata la dotazione globale dovuta secondo quanto definito dal PGT, prevedendone la monetizzazione delle quantità eventualmente non reperite in loco. 3. In attuazione di tali obblighi, le parti stipulanti si danno reciprocamente atto che il PII prevede la essenziale costituzione di dotazioni di aree per attrezzature pubbliche per complessivi mq.3.874,14. Tale dotazione è conferita come segue: a) mq. 412,50 419,50 tramite cessione gratuita delle aree di pari estensione destinate a parcheggio 17

18 pubblico nell ambito A ; b) mq , ,70 tramite cessione gratuita delle aree di pari estensione, incluse nell ambito di intervento, destinate a spazi per verde attrezzato nell ambito A. c) mq. 795,30 671,94 mq tramite la cessione gratuita delle aree di pari estensione destinati a percorsi pedonali; Oltre alla permuta dell ambito C per mq ,83 destinato a verde o a funzioni e strutture di uso pubblico, per una dotazione complessiva di aree per attrezzature pubbliche del P.I.I. pari a mq ,97. ART. 5 CESSIONE GRATUITA DI AREE AL COMUNE 1. In esecuzione degli obblighi portati dalla presente convenzione, e più precisamente in adempimento degli obblighi portati dal precedente art. 4, la società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. cede gratuitamente al COMUNE DI MELZO, che accetta le seguenti aree e porzioni immobiliari, per una superficie di complessivi 4.498,14 mq da destinarsi per 624,00 mq alle opere di urbanizzazione primaria e per mq 3.874,14 per attrezzature pubbliche. Le aree e porzioni immobiliari oggetto di cessione gratuita sono censite al Catasto del Comune di Melzo come segue: Catasto Terreni al foglio 7 con i mappali - 771, ente urbano di are 3.42; - 785, prato irrig classe 1, di are 33.44, reddito dominicale euro 38,69, reddito agrario euro 24,18; - 766, relit strad, di are 0.67; - 566, bosco alto classe U, di are 0.40, reddito dominicale euro 0,08, reddito agrario euro 0,01; -768, bosco alto classe U, di are 2.46, reddito dominicale euro 0,51, reddito agrario euro 0,08; F.U. d accert di are 5.00; - 54 ente urbano di are 0.25; ente urbano di are 0.10; Catasto Fabbricati al foglio 7 con i mappali - 53 subalterno 702, via Eugenio Curiel n.30, piano T-1,categoria A/4, classe 3, vani 4,5, rendita catastale euro 267,27; subalterno 2 via Eugenio Curiel snc, piano T, categoria C/2, classe 2, metri quadri 41, rendita catastale euro 95,29 graffato con il mappale 764; area urbana di metri quadrati 10; COERENZE a corpo in contorno e di senso orario mappali 784, 761, 488, 56, 406, strada, 770, 53 sub. 701, ancora 770, 763, 134 sub. 1, 765,767, 769, ancora strada, mappali 678 e 46, tutti del foglio 7. Salvo errori e come meglio in fatto 18

19 2. La società cedente AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. garantisce che le porzioni immobiliari sopra cedute sono in sua piena ed esclusiva proprietà e nella loro piena esclusiva disponibilità, che le medesime sono libere da pesi, ipoteche, oneri e trascrizioni pregiudizievoli di qualsiasi natura e genere. 3. Le aree in oggetto vengono cedute al COMUNE DI MELZO nello stato di fatto e diritto in cui si trovano, ben noto alla parte cessionaria con ogni inerente ragione, azione, dipendenza, pertinenza, accessione, servitù attive e passive, apparenti e non, così come competono alla parte cedente in forza dei suoi titoli e del suo possesso. 4. La società cedente autorizza la trascrizione e la voltura del presente atto presso i competenti uffici dell Agenzia del Territorio con esonero di responsabilità per detti uffici e con rinuncia all ipoteca legale. 5. Con riferimento all immissione nel possesso si rinvia a quanto infra previsto dal successivo art Ai sensi e per gli effetti dell art 30 del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, è allegato al presente atto sotto la lettera I il certificato di destinazione urbanistica delle aree in oggetto, rilasciato dal Comune di Melzo in data 23 giugno 2010, dichiarando le parte cedente che non sono intervenute modificazioni negli strumenti urbanistici dalla data di rilascio. Il signor Facchetti Davide, nella suddetta qualifica, da me Notaio richiamato sulle conseguenze penali delle dichiarazioni false o reticenti, ai sensi dell art. 76 del D.P.R. n.445/2000, sotto la propria responsabilità, in relazione al D.P.R. 06 giugno 2001 n. 380 (testo unico sull edilizia) nonché dell art. 40 legge 28 febbraio 1985 n. 47, dichiara che i fabbricati oggetto della cessione gratuita sono stati costruiti anteriormente al 1 settembre Ai sensi del decreto legislativo 19 agosto 2005 n. 192, come modificato dal decreto legislativo29 dicembre 2006 n. 311, cui fatto seguito il D.G.R.L n del 22 dicembre 2008, relativamente al mappale53 sub 702 del foglio 7 (ex mappale 53 sub. 2 come sopra citato), al presente atto è allegato sotto la lettera L l attestato di certificazione energetica prot /10 redatto in data 28 marzo 2010 dal Dr. Ing. Gianni Grillo iscritto nell elenco dei certificatori energetici abilitati dalla Regione Lombardia al n e depositato presso il Comune di Melzo in data 30 marzo 2010 prot , mentre relativamente al mappale 764 del foglio 7, il Signor Facchetti Davide, nella seduta qualificata, dichiara che non sussistono i presupposti per l allegazione del certificato energetico al presente atto, poiché trattasi di fabbricato non dotato di impianti energetici come tali identificabili secondo la richiamata normativa. Dichiara altresì che dalla data di riferimento dell attestato di certificazione energetica sopra allegato ad oggi, gli impianti relativi non hanno subito alcuna modifica o intervento è pertanto detto attestato è tuttora valido rispetto allo stato attuale dell edificio. 7. Ai fini fiscali e dell iscrizione del presente atto a repertorio le parti dichiarano che il valore degli immobili ceduti a titolo gratuito è di euro ,00. ART. 6 OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA ONERI DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA 19

20 1. Ai sensi dell art. 28, comma 5, n. 1, L. 1150/42 e s.m.i, nonché ai sensi dell art. 32, comma 1, lett. g), D.Lgs , n. 163 e s.m.i., sulle aree dell ambito A e B in cessione gratuita di cui ai precedenti articoli 4 e 5, la società Area Melzo Servizi Immobiliari srl, si impegna a realizzare integralmente a propria cura e spese o a far realizzare a proprie spese agli enti concessionari titolari, le seguenti opere di urbanizzazione primaria ovvero a contribuire alle opere realizzate dagli enti concessionari titolari i quali sono e restano proprietari delle opere medesime, da intendersi a scomputo dei correlati oneri di urbanizzazione primaria, secondo le modalità indicate al successivo art. 9: a) impianti e servizi tecnologici connessi agli insediamenti in progetto nell ambito A : fognatura per acque nere e per acque meteoriche (con rete di raccolta acque stradali); estensione delle seguenti reti tecnologiche: idrica, di distribuzione del gas metano, di distribuzione dell energia elettrica, di pubblica illuminazione; approntamento di cavidotto per rete di cablatura telematica; b) viabilità ambito A per una superficie complessiva di mq. 624,00; c) aree a spazi a verde attrezzato nell ambito A, per complessivi mq , ,70 idoneamente piantumato mediante messa a dimora di essenze autoctone; d) parcheggio pubblico nell ambito A avente estensione complessiva pari a mq 412,50 419,50; e)mq. 795,30 671,94 tramite la cessione delle aree a percorsi ciclo pedonali; 2. Gli interventi relativi ai sottoservizi tecnologici verranno eseguiti secondo le indicazioni degli Uffici comunali e delle rispettive Ditte concessionarie. 3. L acquisizione dei pareri ed assensi necessari alla realizzazione delle opere di cui al presente articolo è onere esclusivo del soggetto proponente AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L.. 4. L approntamento delle opere tutte oggetto del presente articolo avverrà in conformità alle previsioni di legge e regolamentari e alle prescrizioni contenute nelle serie di Tavole allegate al PII, previa predisposizione di appositi progetti esecutivi, da presentarsi per il rilascio di permessi di costruire, gratuiti ex art. 17, comma 3, lett. c), DPR 380/ Quanto agli oneri di urbanizzazione secondaria, la società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. si impegna a corrispondere al Comune di Melzo il relativo importo ( 3.727,84 x 3.3 mc x 15, mq x 15,62 = ,55 euro. ART. 7 MODALITA DI CESSIONE DELLE AREE PER URBANIZZAZIONI PRIMARIE E SECONDARIE REGIME DELLE AREE IN CONCESSIONE D USO 1. In relazione alle previsioni dei precedenti artt. 4 e 5, le cessioni di aree ivi disposte s intendono effettuate con la sottoscrizione del presente atto: resta fermo che le aree restano in possesso e disponibilità dell operatore privato per tutta la durata dei lavori; sino al completamento degli stessi ed al positivo collaudo restano a carico della società AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. tutti gli oneri connessi alla relativa gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria. 20

FDA INTERNATIONAL Urbanistica, Architettura Marco Facchinetti, Marco Dellavalle. Via G. Ripamonti 44 20141 Milano 02 36520482 Luglio 2013

FDA INTERNATIONAL Urbanistica, Architettura Marco Facchinetti, Marco Dellavalle. Via G. Ripamonti 44 20141 Milano 02 36520482 Luglio 2013 FDA INTERNATIONAL Urbanistica, Architettura Marco Facchinetti, Marco Dellavalle Via G. Ripamonti 44 20141 Milano 02 36520482 Luglio 2013 Proponente: AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. ALHAFIN SPA COGESER

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGISTRO DELLE CESSIONI DEI DIRITTI EDIFICATORI DISPOSIZIONI APPLICATIVE ALLEGATO B

REGISTRO DELLE CESSIONI DEI DIRITTI EDIFICATORI DISPOSIZIONI APPLICATIVE ALLEGATO B REGISTRO DELLE CESSIONI DEI DIRITTI EDIFICATORI DISPOSIZIONI APPLICATIVE ALLEGATO B INDICE Articolo 1 Oggetto e riferimenti normativi... 3 Articolo 2 Origine dei diritti edificatori... 3 Articolo 3 Struttura

Dettagli

FAC-SIMILE CONTRATTO DI COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA. L anno duemila, il giorno del mese di. ( / / ), in, via n., presso la sede della Filiale di

FAC-SIMILE CONTRATTO DI COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA. L anno duemila, il giorno del mese di. ( / / ), in, via n., presso la sede della Filiale di FAC-SIMILE Rep. n. CONTRATTO DI COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila, il giorno del mese di ( / / ), in, via n., presso la sede della Filiale di dell Agenzia del Demanio, avanti a me, NOTAIO,

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 343-6.8.2013 N. 74658 P.G. OGGETTO: Area Centro Storico e Servizi Tecnici. Settore Logistica Tecnica. Area Gestione del Territorio Settore Urbanistica. Acquisizione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO MODIFICA AL PROGRAMMA DI EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE AI SENSI ART. 51 L. 865/71 AREA EX-CASERMETTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 94 DEL 18/12/2009 RELAZIONE

Dettagli

35ª Proposta (Dec. G.C. del 6 marzo 2015 n. 14)

35ª Proposta (Dec. G.C. del 6 marzo 2015 n. 14) BOZZA DI STAMPA Protocollo RC n. 1078/15 Anno 2015 Ordine del giorno n. 11 35ª Proposta (Dec. G.C. del 6 marzo 2015 n. 14) Autorizzazione all'acquisizione al Patrimonio Capitolino delle aree di proprietà

Dettagli

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente 1 SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE DI CUI ALL ART. 74 DELLA LEGGE REGIONALE N. 65/2014. CONVENZIONE DI P.M.A.A. (ex art.

Dettagli

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV)

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV) Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA Provincia di Pavia Servizio Tecnico e Territoriale Sportello Unico per l Edilizia Spazio riservato per il protocollo SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ex articolo

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE PIANO DI RECUPERO AREA DI RIQUALIFICAZIONE RQ12B EX CENTRO ZOOTECNICO LE PALLE. REGIME GIURIDICO DEI SUOLI. ATTO INTEGRATIVO ALLA CONVENZIONE STIPULATA IN DATA

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

CONTRATTO DI CESSIONE GRATUITA A FAVORE DEL COMUNE DI CA- REPUBBLICA ITALIANA //2014

CONTRATTO DI CESSIONE GRATUITA A FAVORE DEL COMUNE DI CA- REPUBBLICA ITALIANA //2014 Repertorio n. Raccolta n. CONTRATTO DI CESSIONE GRATUITA A FAVORE DEL COMUNE DI CA- STEL MAGGIORE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquattordici, il giorno //2014 In Castel Maggiore, Via Matteotti n. 10.

Dettagli

COMUNE DI SOIANO DEL LAGO (Provincia di Brescia) SCIA N. Al Sindaco del Comune di SOIANO DEL LAGO SEGNALA

COMUNE DI SOIANO DEL LAGO (Provincia di Brescia) SCIA N. Al Sindaco del Comune di SOIANO DEL LAGO SEGNALA COMUNE DI SOIANO DEL LAGO (Provincia di Brescia) UFFICIO TECNICO SETTORE EDILIZIA PRIVATA Telefono 0365676114-Fax 0365675414 www.comune.soiano.com tecnico@soaino.com Spazio riservato al protocollo SCIA

Dettagli

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova ATTO UNILATERALE D OBBLIGO TIPO PER LE ZONE OMOGENEE D Relativo all intervento di ristrutturazione urbanistica / ristrutturazione edilizia / demolizione / ampliamento / nuova costruzione dell immobile

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI SELARGIUS

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI SELARGIUS REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari CONTRATTO COSTITUTIVO DI DIRITTO SUPERFICIE ====== L'anno duemila, addì del mese di, in Selargius, nella casa Comunale, innanzi a me dott.,

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

COMUNE DI VOLTERRA. Provincia di Pisa ****** Oggetto: (Schema) Atto di permuta di immobili. L'anno il giorno del mese di nella

COMUNE DI VOLTERRA. Provincia di Pisa ****** Oggetto: (Schema) Atto di permuta di immobili. L'anno il giorno del mese di nella COMUNE DI VOLTERRA Provincia di Pisa ****** Oggetto: (Schema) Atto di permuta di immobili. L'anno il giorno del mese di nella sede comunale, innanzi a me Aniello Striano Segretario Generale ed Ufficiale

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento degli eventuali altri atti previsti dalle normative

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA. Comune di ILBONO Provincia dell OGLIASTRA. CONTRATTO di VENDITA

REPVBBLICA ITALIANA. Comune di ILBONO Provincia dell OGLIASTRA. CONTRATTO di VENDITA REPVBBLICA ITALIANA Comune di ILBONO Provincia dell OGLIASTRA CONTRATTO di VENDITA OGGETTO: Contratto di compravendita di immobili ubicati in Ilbono, ex alloggi E.R.P. di via Lanusei L anno duemilaquattordici,

Dettagli

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 29/07/2013 Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione

Dettagli

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata COMUNE DI USMATE VELATE PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Corso Italia n. 22-20040 USMATE VELATE P.I. 00714670965 - C.F. 01482570155 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi

Dettagli

COMUNE DI CREMA Provincia di Cremona

COMUNE DI CREMA Provincia di Cremona Spett.le: Alla c. a.: Comune di CREMA Piazza Duomo, 25 26013 - Crema (CR) Ufficio Tecnico Servizio Edilizia Privata Piano di Recupero Comune: CREMA Provincia: CREMONA Richiedente: Progettista: ZAMBELLI

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO PER L'ACQUISIZIONE DEL BENE INSERITO, A

SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO PER L'ACQUISIZIONE DEL BENE INSERITO, A SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO PER L'ACQUISIZIONE DEL BENE INSERITO, A TITOLO DI PARZIALE CORRISPETTIVO DEL CONTRATTO, NELL

Dettagli

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Comune di BORNASCO Provincia di PAVIA Area Tecnica P.G. S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ex articolo 19 Legge /.8.1990 n. 241 - art.5, Legge n 73/2010) per interventi di cui alla successiva

Dettagli

tanto premesso, le parti come sopra costituite convengono e stipulano quanto segue Art.1. Premesse Art.2. Oggetto

tanto premesso, le parti come sopra costituite convengono e stipulano quanto segue Art.1. Premesse Art.2. Oggetto SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA TRA IL COMUNE DI COSTABISSARA E LA SOCIETA AGGIUDICATARIA DELL APPALTO INTEGRATO PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE

Dettagli

riportato in catasto fabbricati al foglio 14, mappale 465 sub 4, e appresso meglio descritto con

riportato in catasto fabbricati al foglio 14, mappale 465 sub 4, e appresso meglio descritto con Repertorio n. Raccolta n. VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETÀ1 SOTTOPOSTA A TERMINE INIZIALE REPUBBLICA ITALIANA L'anno il giorno del mese di (data) In avanti a me dr Notaio in Iscritto al Ruolo del Distretto

Dettagli

Repertorio numero 0000000 Raccolta numero 00000. L anno duemilatredici, il giorno 30 del mese di maggio, a Venezia-Mestre, nel mio studio

Repertorio numero 0000000 Raccolta numero 00000. L anno duemilatredici, il giorno 30 del mese di maggio, a Venezia-Mestre, nel mio studio Repertorio numero 0000000 Raccolta numero 00000 2^ ATTO DI INTEGRAZIONE DI CONVENZIONE URBANISTICA REPUBBLICA ITALIANA L anno duemilatredici, il giorno 30 del mese di maggio, a Venezia-Mestre, nel mio

Dettagli

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il Comune di Triuggio, con deliberazione consiliare n. 7 del 12.03.2009 ha adottato il PIANO ATTUATIVO DI

Dettagli

CESSIONE IN PROPRIETA EX ART. 31 COMMI 45-47-48-49 DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1998 N.

CESSIONE IN PROPRIETA EX ART. 31 COMMI 45-47-48-49 DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1998 N. COMUNE DI BOFFALORA SOPRA TICINO REPERTORIO N. / CESSIONE IN PROPRIETA EX ART. 31 COMMI 45-47-48-49 DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1998 N. 448 DELLE AREE COMPRESE NEI PIANI DI ZONA DELIMITATI AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

Il sottoscritto residente in Via.. n..c.a.p..codice Fiscale in qualità di per il % CHIED

Il sottoscritto residente in Via.. n..c.a.p..codice Fiscale in qualità di per il % CHIED marca da bollo AL COMUNE DI CANDELO SETTORE TECNICO DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE Ai sensi degli articoli dal 10 al 20 del DPR 06/06/2001 N 380 e ss. mm.e ii Il sottoscritto residente in Via.. n..c.a.p..codice

Dettagli

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO

Dettagli

N. 65770 di Rep. N. 17887 di Racc. COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA 2 8-2011. Avanti a me dr. GIUSEPPE CALAFIORI, Notaio residente in Milano,

N. 65770 di Rep. N. 17887 di Racc. COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA 2 8-2011. Avanti a me dr. GIUSEPPE CALAFIORI, Notaio residente in Milano, N. 65770 di Rep. N. 17887 di Racc. COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA L anno duemilaundici, questo giorno due del due di agosto. 2 8-2011 In Milano, nel mio studio in Piazza San Babila n. 3. Avanti a me

Dettagli

DI ANGUILLARA SABAZIA

DI ANGUILLARA SABAZIA 1 CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI ROMA Area Urbanistica - Edilizia Privata - Patrimonio - Edilizia Residenziale Pubblica MODULO C.I.L.A. In duplice copia COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA

Dettagli

COMUNE DI LORIA Provincia di Treviso

COMUNE DI LORIA Provincia di Treviso Timbro protocollo Marca da bollo COMUNE DI LORIA Provincia di Treviso al Signor SINDACO del Comune di LORIA (TV) ATTESTAZIONE DI AGIBILITA DELL IMMOBILE, con asseverazione di conformità delle opere al

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE APPROVATO CON D.G.R.V. 23 MAGGIO 2006, N 1590 V.G. P.R.G. - VARIANTE N 34

PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE APPROVATO CON D.G.R.V. 23 MAGGIO 2006, N 1590 V.G. P.R.G. - VARIANTE N 34 REGIONE VENETO PROVINCIA DI VERONA CITTA' DI LEGNAGO PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE APPROVATO CON D.G.R.V. 23 MAGGIO 2006, N 1590 V.G. P.R.G. - VARIANTE N 34 PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) PRATICA EDILIZIA N. ANNO NUOVA VARIANTE A DEL Comune di Vedano al Lambro ANNULLAMENTO / ARCHIVIAZIONE - RICHIESTA DEL PROT. DA PRESENTARSI DOPO L OTTENIMENTO DEGLI EVENTUALI ALTRI ATTI PREVISTI DALLE NORMATIVE

Dettagli

PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI PERIZIA TECNICA ESTIMATIVA SINTETICA

PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI PERIZIA TECNICA ESTIMATIVA SINTETICA Comune di Casalbuttano ed Uniti P r o v i n c i a d i C r e m o n a Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI PERIZIA TECNICA ESTIMATIVA SINTETICA relativa

Dettagli

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Oggetto: URBANISTICA - PRESA D'ATTO DI UN PROGETTO PER OPERE DI RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO IN EDIFICIO

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE DI VENDITA DI IMMOBILE DA COSTRUIRE

CONTRATTO PRELIMINARE DI VENDITA DI IMMOBILE DA COSTRUIRE www.house4all.it Via C. Ferrari, 2 20841 Carate B.za Tel. 0362.1482371 info@house4all.it CONTRATTO PRELIMINARE DI VENDITA DI IMMOBILE DA COSTRUIRE L anno... il giorno... del mese di... in... Tra (nome

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

SEGNALA di dare inizio

SEGNALA di dare inizio Protocollo generale n. AL SIG. SINDACO del Comune di CARONNO PERTUSELLA P.zza A. Moro, 1 21042 CARONNO PERTUSELLA (VA) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell art. 19 legge n. 241/1990

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA GEOMETRA MONTALTI GIANFRANCO Via Fioravanti n. 21 40129 BOLOGNA Tel. 051 364384 - Fax 051 364384 E-mail: gianfranco.montalti@collegiogeometri.bo.it TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO Rep. 8415

CITTÀ DI CASTELVETRANO Rep. 8415 CITTÀ DI CASTELVETRANO Rep. 8415 Provincia di Trapani del 16.10.2014 Vendita di alloggio popolare sito in Via Lucrezio, n. 37 - Lotto A Piano Terra - int. 2 - Castelvetrano. REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione PREMESSO CHE:

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione PREMESSO CHE: OGGETTO: ADOZIONE, AI SENSI DELL'ART. 30 DELLA L.R. 34/92 E S.M.I. DELLE MODIFICHE AL PIANO ATTUATIVO COMPARTO DI RICUCITURA URBANA IN LOC. SASSONIA V.LE D.ALIGHIERI - ST1_P11, APPROVATO CON D.G.C. N 496

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.)

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) Timbro quadro del professionista o logo Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) allegata a S.C.I.A. ex art. 19 L. 241/1990, come sostituito dall art.

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO REGIONE VENETO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI N. 6 LOTTI EDIFICABILI RESIDENZIALI Spazio riservato all Ufficio Protocollo Spazio riservato

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia Piazza Libertà, 1 C.A.P. 30020 Tel.0421/203680 Fax.0421/203693 - Codice Fiscale 83003010275 Partita IVA 00609690276 E-mail urbanistica.ediliziaprivata@comune.pramaggiore.ve.it

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

BONETTI COSTRUZIONI SPA

BONETTI COSTRUZIONI SPA Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 176 30 settembre 2015 Oggetto : Approvazione della Bozza di Convenzione relativa al Permesso di Costruire Convenzionato

Dettagli

COMUNE DI BERLINGO. Provincia di Brescia. Convenzione tra Comune di Berlingo e Ente Morale Cristoforo

COMUNE DI BERLINGO. Provincia di Brescia. Convenzione tra Comune di Berlingo e Ente Morale Cristoforo Repertorio n... del... COMUNE DI BERLINGO Provincia di Brescia Convenzione tra Comune di Berlingo e Ente Morale Cristoforo Tempini per la realizzazione e gestione del nuovo complesso scolastico da adibire

Dettagli

COMUNE DI BASCIANO S.U.E. P.A.S. PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA

COMUNE DI BASCIANO S.U.E. P.A.S. PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA Riservato al protocollo COMUNE DI BASCIANO S.U.E. P.A.S. PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (Art. 6, D.Lgs. 03/03/2011, n. 28 D.g.r. n. 294 del 02/05/2011 Articoli 22 e 23 del D.P.R. n. 380 del 2001) Il

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI UDINE C.C. 28/09/2015 2 OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE Visto il vigente Piano Regolatore Generale Comunale approvato

Dettagli

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO 1 MARCA DA BOLLO TIMBRO DI RICEVUTA (spazio riservato all ufficio) Comune di Cesena SETTORE GOVERNO DEL TERRITORIO Servizio Attuazione Urbanistica Piazza Guidazzi 9, ridotto Teatro Bonci 1 piano 47521Cesena

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DELL ACCORDO EX ART. 18 DELLA L.R. 20/2000 SOTTOSCRITTO IN DATA 31/10/2014 TRA IL

CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DELL ACCORDO EX ART. 18 DELLA L.R. 20/2000 SOTTOSCRITTO IN DATA 31/10/2014 TRA IL CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DELL ACCORDO EX ART. 18 DELLA L.R. 20/2000 SOTTOSCRITTO IN DATA 31/10/2014 TRA IL COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO E OR S CAVIAR SRL INERENTE IL CENTRO COMMERCIALE

Dettagli

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento:

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento: Mittente: Via Al Sig. Sindaco del Comune di Colfelice Viale della Repubblica 03030 COLFELICE (FR) Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO. Provincia di Verona CONVENZIONE URBANISTICA PER ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO. Provincia di Verona CONVENZIONE URBANISTICA PER ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Provincia di Verona Repertorio n. CONVENZIONE URBANISTICA PER ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO (come previsto dall articolo 6 della Legge Regionale del Veneto n. 11/2004) Repubblica

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

ELENCO IMMOBILI IN VENDITA DATI COMUNI AI LOTTI 1) - 2) - 3)

ELENCO IMMOBILI IN VENDITA DATI COMUNI AI LOTTI 1) - 2) - 3) ALLEGATO sub 1) ELENCO IMMOBILI IN VENDITA DATI COMUNI AI LOTTI 1) - 2) - 3) Ubicazione e descrizione Le unità abitative sono ubicate alla distanza di circa 300 metri fuori delle mura cinquecentesche zona

Dettagli

COMUNE DI VILLAVERLA

COMUNE DI VILLAVERLA COMUNE DI VILLAVERLA Provincia di Vicenza Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Originale N N 108/2013 del 05/12/2013 OGGETTO: ADOZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE REDENZIALE DENOMINATO "POLETTO POLETTO"

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 643-17.11.2015 P.G.n. 175278 OGGETTO: Area Pianificazione Urbana e Mobilità. Settore Urbanistica. Approvazione progetto esecutivo e aggiornamento della Bozza modifica

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (ex regime concessorio) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale 12/05 Il/ La sottoscritto/a Cod. fiscale/partita IVA residente /con sede in via n. CAP tel. in qualità proprietario

Dettagli

COMUNE DI PIACENZA OSA SRL VIA BOLZONI N. 14 29122 PIACENZA VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA AID 18 EX ARBOS VIA EMILIA PARMENSE

COMUNE DI PIACENZA OSA SRL VIA BOLZONI N. 14 29122 PIACENZA VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA AID 18 EX ARBOS VIA EMILIA PARMENSE COMUNE DI PIACENZA OSA SRL VIA BOLZONI N. 14 29122 PIACENZA VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA AID 18 EX ARBOS VIA EMILIA PARMENSE ELABORATO D - BOZZA CONVENZIONE PIACENZA 10 APRILE 2015 1 B

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DEL FABBRICATO (ai sensi dell art. 20 L.R. 31/2002 e in considerazione dei contenuti dell art. 481 del Codice Penale)

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DEL FABBRICATO (ai sensi dell art. 20 L.R. 31/2002 e in considerazione dei contenuti dell art. 481 del Codice Penale) mod. 160 data agg. 07/09/2010 CARTELLA EDILIZIA N. SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DEL FABBRICATO (ai sensi dell art. 20 L.R. 31/2002 e in considerazione dei contenuti dell art. 481 del Codice Penale) INTERVENTO

Dettagli

COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia

COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia Oggetto : INDIVIDUAZIONE ZONA DI RECUPERO A NORMA DELL ART. 27 LEGGE 457/78 IN VIA DELLA SUARDA E ADOZIONE RELATIVO PIANO DI RECUPERO Testo Proposta: VISTO che

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) AL COMUNE DI PIEVE EMANUELE Via Viquarterio, 1 20090 Ufficio Edilizia Privata SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) AREA TECNICA Servizio Urbanistico

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) AREA TECNICA Servizio Urbanistico COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) AREA TECNICA Servizio Urbanistico Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01 e s.m.i. come modificati

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO

SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO N. 11 SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO L anno del mese di del giorno. dinanzi a me Dott. Notaio in, iscritto presso il Collegio Notarile dei Distretti di.. si costituiscono: da una parte: il Comune

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SANTA CROCE CAMERINA E LE DITTE PROPRIETARIE: xxxxxxx xxxxxxx PER L ATTUAZIONE DELLA PRESCRIZIONE ESECUTIVA DELLA ZONA OMOGENEA SOTTOZONA C2/8 E LA REALIZZAZIONE

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale IRIDE 1142964 Delib. n. OGGETTO: Adozione piano attuativo per la valorizzazione di due cave poste a sud-est del centro abitato di Brescia (Ateg 20 e Ateg 23) in variante al P.G.T. vigente aree site in

Dettagli

COMUNE DI TURATE Provincia di Como Via V. Emanuele 2, CAP 22078 --------------------------------------

COMUNE DI TURATE Provincia di Como Via V. Emanuele 2, CAP 22078 -------------------------------------- Prot. N COMUNE DI TURATE Provincia di Como Via V. Emanuele 2, CAP 22078 -------------------------------------- BANDO DI GARA PER L ASSEGNAZIONE IN DIRITTO DI PROPRIETA DEL LOTTO N 1 NELL AMBITO DEL PIANO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 91 del 19/08/2014 - Determinazione nr. 2223 del 19/08/2014 OGGETTO: Lavori di realizzazione della Circonvallazione

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA A SCOMPUTO DI ONERI CONCESSORI REPUBBLICA ITALIANA

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA A SCOMPUTO DI ONERI CONCESSORI REPUBBLICA ITALIANA REPERTORIO N. RACCOLTA N. CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA A SCOMPUTO DI ONERI CONCESSORI REPUBBLICA ITALIANA Il giorno duemilaquattro ( 2004) in Pisa,

Dettagli

PERIZIA TECNICA DESCRITTIVA ed ESTIMATIVA DEL COMPLESSO IMMOBILIARE EX MAFIL

PERIZIA TECNICA DESCRITTIVA ed ESTIMATIVA DEL COMPLESSO IMMOBILIARE EX MAFIL COMUNE DI VITTORIO VENETO U.O. PATRIMONIO E POLITICHE ENERGETICHE PERIZIA TECNICA DESCRITTIVA ed ESTIMATIVA DEL COMPLESSO IMMOBILIARE EX MAFIL Vittorio Veneto, 2 maggio 2011 ELABORATI: A. Relazione generale:

Dettagli

Allegato n. 1 Delibera n. 74 del 19/02/2014

Allegato n. 1 Delibera n. 74 del 19/02/2014 ATTO INTEGRATIVO E PARZIALMENTE ATTUATIVO ALL ACCORDO DI PROGRAMMA stipulato il 17 aprile 2013 portante preliminare di vendita tra Fondazione CARIVERONA, con sede in Verona, via A. Forti n. 3/A, C.F. 00215140237,

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04619/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04619/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04619/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VITTORIO

SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VITTORIO ALLEGATO 10 SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VITTORIO VENETO PER LA SOLA ACQUISIZIONE DEI BENI INSERITO NELL APPALTO INTEGRATO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Ricevuta dal SUAPE in data. Pratica n. Al Responsabile dell Area Urbanistica ed Assetto del Territorio del Comune di MAGIONE (PG)

Ricevuta dal SUAPE in data. Pratica n. Al Responsabile dell Area Urbanistica ed Assetto del Territorio del Comune di MAGIONE (PG) Protocollo Comune di MAGIONE Provincia di PERUGIA Ricevuta dal SUAPE in data (dalla quale decorrono i termini per l efficacia) Pratica n. (Spazio protocollo informatico) Al Responsabe dell Area Urbanistica

Dettagli

BANDO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI Vendita con offerta irrevocabile in busta chiusa

BANDO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI Vendita con offerta irrevocabile in busta chiusa VOLONTARIA LIQUIDAZIONE FRATERNITA EDILE IMPRESA SOCIALE- SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS n. 01A/15 (pr.02b/15) con sede in Ospitaletto (Bs) C.F. 02338970987 Liquidatori : Moletta Giovanni e Fedeli Alberto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE ART. 18 DEL D.P.R. 207/2010 A) DESCRIZIONE GENERALE L intervento afferisce la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria al servizio del piano

Dettagli

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE SCHEMA DELIBERA ADOZIONE AREA: Politiche del Territorio DIREZIONE: Pianificazione Urbanistica, E.R.P. e Mobilità Alla Giunta Comunale Sede N Prop. Del. N Prop. Dir. OGGETTO: Adozione del Piano Attuativo

Dettagli

Comune di Rapolano Terme (SI) Al Responsabile dell Area Edilizia, Ambiente e Assetto del Territorio

Comune di Rapolano Terme (SI) Al Responsabile dell Area Edilizia, Ambiente e Assetto del Territorio Riservato al protocollo COMPILARE IN STAMPATELLO L ISTANZA INCOMPLETA VERRA SOSPESA Comune di Rapolano Terme (SI) Al Responsabile dell Area Edilizia, Ambiente e Assetto del Territorio OGGETTO : Richiesta

Dettagli

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT Il Sindaco Sottopone al Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione: IL

Dettagli

SCHEMA TIPO DI ATTO UNILATERALE D OBBLIGO (approvato con Determinazione Dirigenziale n. 537/GT del 27.12.2007)

SCHEMA TIPO DI ATTO UNILATERALE D OBBLIGO (approvato con Determinazione Dirigenziale n. 537/GT del 27.12.2007) COMUNE DI PONTASSIEVE PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE AI SENSI DELL ART.42 L.R. 1/2005 SCHEMA TIPO DI ATTO UNILATERALE D OBBLIGO (approvato con Determinazione Dirigenziale

Dettagli

TRIBUNALE DI VERBANIA

TRIBUNALE DI VERBANIA TRIBUNALE DI VERBANIA Concordato Preventivo n. 11/2014 della SOCIETA AREE INDUSTRIALI ED ARTIGIANALI S.A.I.A. S.p.A. con sede in Verbania, Piazza Matteotti n. 7 - Iscritta al Registro delle Imprese di

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Prot. n. del PL/pl Class. 6/3 Fasc. 21/2013 Rif. prot. 24574 del 10/08/2013 PRATICA EDILIZIA N. - 87 Bollo 16,00 ANNO - 2013- Diritti di segreteria 200,00 PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA (art. 36 D.P.R.

Dettagli

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Comune di Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Ufficio: URBANISTICA Settore: Servizi Urbanistica PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 04-06-2015 Oggetto: Piano di Miglioramento Aziendale ai

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ATTUATIVO ARUBA S.P.A. IN VIA ADDA - VIALE SICILIA.

OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ATTUATIVO ARUBA S.P.A. IN VIA ADDA - VIALE SICILIA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122/2013 SETTORE: URBANISTICA UFFICIO: URBANISTICA OPERATIVA ASSESSORATO: POLITICHE DEL TERRITORIO OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ATTUATIVO ARUBA S.P.A. IN VIA ADDA

Dettagli

COMUNE DI TREVISO. (Provincia di Treviso) SCHEMA DI ATTO DI CESSIONE E/O ASSERVIMENTO AREE ED OPERE

COMUNE DI TREVISO. (Provincia di Treviso) SCHEMA DI ATTO DI CESSIONE E/O ASSERVIMENTO AREE ED OPERE Schema Tipo Atto Cessione Aree - Opere COMUNE DI TREVISO (Provincia di Treviso) SCHEMA DI ATTO DI CESSIONE E/O ASSERVIMENTO AREE ED OPERE L anno.. il giorno in Treviso, presso la sede municipale di Ca

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 56

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 56 web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 56 APPROVAZIONE COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO

Dettagli