qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq"

Transcript

1 qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq Milano, 30 marzo 2009 Fiera Milano City wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui Verbale Assemblea ordinaria e straordinaria dei Soci SIED opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg 30/03/2009 hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmrtyuiopasdfghjklzxcvbn mqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklz xcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty 1

2 Introduzione del Presidente SIED Alle ore 17.00, il Presidente SIED, Enrico Ricci, apre l Assemblea dei Soci SIED fornendo alcuni primi dati inerenti al XV Congresso FISMAD in corso di svolgimento a Milano. Richiama l attenzione sulla forte partecipazione registrata che avvicina molto Milano 2009 al precedente Congresso Nazionale svolto a Rimini nel Il Presidente fa notare che anche il Corso Nazionale SIED ha avuto commenti lusinghieri, così come il Learning Center SIED, che ha registrato 600 iscrizioni e che ha avuto notevole successo, anche grazie al contributo reso dal Prof. Costamagna che ha concesso l utilizzo dei simulatori. Il Presidente Ricci ricorda che è venuto a mancare il Prof. Cremer e invita il Prof. Costamagna, allievo del Prof. Cremer, ad esprimere il suo ricordo. Intervento del Prof. Guido Costamagna Il Prof. Costamagna ricorda che il Prof. Cremer era stato nominato Socio Onorario della SIED. Il Prof. Costamagna ricorda la fama internazionale del Prof. Cremer nella disciplina dell endoscopia digestiva e lo ricorda come allievo e poi amico, con il quale ha cominciato a collaborare per la prima volta dal 1981 a Bruxelles, inizialmente per imparare l ERCP e poi molto di più: la medicina e.l amicizia. Egli è stato per lui un punto di riferimento importantissimo, ancora di più quando con la famiglia è venuto via da Bruxelles. Da quel momento il Prof. Cremer gli ha aperto la sua casa non accettando l idea che potesse andare in albergo durante i suoi soggiorni a Bruxelles. Cremer ha rappresentato la storia dell endoscopia e in particolare dell endoscopia terapeutica pancreatica. Un grande maestro in grado di entusiasmare e trasmettere il suo sapere. E venuto a mancare un punto di riferimento dell endoscopia a livello internazionale. Il Prof. Costamagna chiede un minuto di raccoglimento in commemorazione del Prof. Cremer. Nuovo Statuto Fismad e Regolamento dei Congressi Il Presidente Ricci riferisce ai Soci che è entrato in vigore il nuovo Statuto Fismad che è stato già approvato, introducendo importanti innovazioni e cambiamenti quali, per esempio, la riduzione dei Consiglieri da 4 a 3. Informa che dovrà essere rivisto anche il Regolamento dei Congressi e, in proposito, fa presente che sono pervenute, in seno alla Fismad, nuove proposte, come per esempio il Corso unico (AIGO SIED E SIGE ) la riduzione della durata del Convegno, il superamento della gestione del 2

3 Congresso con fidejussione per procedere ad un organizzazione diretta da parte delle tre Società federate. Ricci precisa che è stata già avviata la discussione ma che si tratta di problematiche complesse sulle quali si aprirà un dibattito con i CD regionali e con gli Stati Generali in quanto è ancora necessario ragionare sulle possibili innovazioni e proposte che dovranno essere valutate con molta attenzione ed essere condivise. Censimento Nazionale Il Presidente ricorda ai soci che il Censimento Nazionale è stato avviato in collaborazione con le tre Società e che si tratta di un impegno importante assunto con il Ministero. Al riguardo, invita i soci SIED a compilare le schede distribuite tramite Portale consegnandole nei tempi stabiliti. FISMAD Ricci ricorda la Tavola Rotonda con le istituzioni di Lunedì 31 marzo ed invita i soci Sied a partecipare perché gli argomenti sono di elevato interesse e vitali per la disciplina. Il Presidente invita a lavorare con la Fismad in modo da farla diventare più forte e sottolinea che la Sied crede molto nella Fismad e vuole che diventi il punto di riferimento in grado di interfacciarsi con le Istituzioni sia a livello nazionale che internazionale, nonché regionale (è molto importante il livello regionale e soprattutto che vengano costituite le Rappresentanze regionali Fismad cosi che le decisioni politiche possano essere sempre condivise). Grado 1-3 ottobre 2009 Il Presidente ricorda che ad ottobre si terrà il Corso Nazionale Sied a Grado dal titolo: Le malattie infiammatorie del tratto intestinale superiore ed inferiore per il quale si sta già lavorando al fine di assicurare i consueti standard di qualità sia sul piano scientifico che organizzativo. Bilancio consuntivo 2008 Il Presidente cede la parola al consulente fiscale SIED, Dott. Mengoni per la lettura del Bilancio consuntivo 2008 e preventivo Il dott. Mengoni fa presente che sono disponibili, in sala, per i Soci, copie cartacee del Bilancio consuntivo e preventivo. Il Presidente Ricci ricorda che il Bilancio consuntivo e preventivo, già approvato dal Consiglio Direttivo Nazionale, è stato già diffuso sul portale SIED, prima dell Assemblea di oggi, così da consentire ai soci di prenderne preliminarmente visione. Ricci fa presente che quest anno la SIED ha contenuto il passivo intorno a 7000 euro mentre l anno precedente ammontava a circa 43 mila euro. Egli 3

4 aggiunge che anche nel Bilancio preventivo si è fatto uno sforzo per contenere le spese con l obiettivo di raggiungere il pareggio di Bilancio per il prossimo anno. Il Dott. Mengoni ha dato lettura del Bilancio consuntivo per l anno 2008 composto dalla situazione patrimoniale, dalla relazione del Consiglio direttivo, dall analisi flussi finanziari e dal prospetto di svalutazione delle quote associative. Quest anno per la prima volta è stato redatto un Prospetto di confronto tra consuntivo e preventivo per verificare gli scostamenti. Si è proceduto poi all approvazione del Bilancio Consuntivo 2008 che si allega al presente verbale, costituendone parte integrante a tutti gli effetti di legge (Allegato 1). 1. Bilancio preventivo 2009 Il Dott. Mengoni, ha presentato altresì il Bilancio preventivo Sottoposto all Assemblea, anche tale bilancio è stato approvato. Si allega al presente verbale costituendone parte integrante a tutti gli effetti di legge (Allegato 1). 2. Relazione dei Revisori I Revisori dei Conti SIED Maurizio De Alexandris e Mario Ramadù hanno predisposto e letto ai presenti l allegata relazione sul bilancio consuntivo Per i contenuti si rinvia all (allegato 2) parte integrante del presente verbale. 3. Verbale Modifiche Statuto SIED (Allegato 3) Il Presidente Ricci, ringrazia il Gruppo Mosta ( Modifiche dello Statuto) per l impegno profuso nella redazione delle modifiche statutarie e invita il Prof. Familiari, coordinatore del Gruppo medesimo, ad intervenire. Il Presidente, riporta sinteticamente i cambiamenti più significativi introdotti con le modifiche statutarie. Il nuovo statuto soddisfa le esigenze di semplificazione delle procedure a cominciare dall iscrizione resa gratuita sotto i 30 anni mantenendo la quota ridotta per gli under 35; istituzionalizza la riunione degli Stati Generali che diventano così organo della SIED; introduce la regolamentazione del conflitto interessi. Come noto, fino ad oggi, i consiglieri erano inamovibili mentre, da oggi, in presenza di gravi inadempienze, è possibile rimuovere dalle cariche tramite assemblea. Prende la parola il Prof Familiari che riferisce sinteticamente la metodologia seguita, ringrazia in particolare la Dott.ssa Piazzi per l attento esame comparato degli statuti delle omologhe associazioni europee (francese, inglese) e per gli approfondimenti operati grazie a tale comparazione. La Commissione, prosegue Familiari, ha individuato le criticità presenti nello Statuto e primo fra tutti la mancanza della possibilità di controlli 4

5 reciproci e quindi di verifica rispetto alla funzione propria di ciascun organo SIED ( CD regionali, nazionale ecc). Una volta elaborate, le proposte di modifica sono state portate in seno al Consiglio Direttivo Nazionale e poi ai Consigli direttivi regionali, e infine si è aperta la discussione sul nuovo testo proposto con gli Stati Generali riuniti a Roma lo scorso 17 dicembre La Bozza del nuovo Statuto, che ha tenuto conto di tutte le osservazioni formulate in tali sedi, è stata poi pubblicata sul Portale della SIED, proprio al fine di consentire a tutti di prenderne anticipata visione ed eventualmente formulare ulteriori osservazioni. Il Presidente Ricci ringrazia e da la parola al notaio Fiorella Gasparro (di Milano) per procedere alla lettura e successiva approvazione del nuovo statuto. Il notaio Gasparro conferma il raggiungimento del quorum e pertanto l assemblea è validamente costituita. Tale validità è accertata dal Presidente Ricci che ne da comunicazione all Assemblea.Il Notaio Gasparro da lettura dello statuto articolo per articolo. Il Presidente comunica che si è raggiunto il quorum necessario e pertanto l Assemblea è validamente costituita e può votare (sono state raccolte le firme dei presenti) (120 presenti a fronte di un quorum di 53). Nessun voto contrario, astenuti 7, il resto vota a favore. Il Presidente si assenta per l espletamento delle formalità di verbalizzazione. Affida il prosieguo dello svolgimento dell assemblea al Segretario Nazionale Marcello Ingrosso. Ingrosso svolge una relazione sintetica sull attività svolta dall inizio del suo mandato per il contenuto della quale si rinvia al documento allegato (Allegato 4). Il Segretario invita i tre coordinatori: della Commissione Scientifica, Prof. Pier Alberto Testoni, della Commissione Responsabilità professionale e Risk Management, Dott. Antonio Battistini, ed infine della Commissione Accreditamento, Certificazione e Miglioramento continuo della Qualità Dott. Ercole De Masi a svolgere un breve intervento per illustrare lo stato dell arte delle attività di ciascuna Commissione. Pieralberto Testoni fa presente che la Commissione Scientifica è composta dalla d.ssa Maria Antonia Bianco, dal dottor Federico Buffoli, dal dottor Cristiano Spada, dal dottor Francesco Perri. Testoni spiega la filosofia di tali scelte è stata quella di inserire due membri del CDN (appunto Testoni e Bianco) e poi di un giovane che costituisse il punto di riferimento per i giovani (Spada) e, ancora, Buffoli perché fa parte dell editorial board del portale e quindi per la Commissione scientifica costituisce un interfaccia importante con il portale stesso e, infine, Perri, esperto endoscopista-ecoendoscopista con cultura gastroenterologica. 5

6 I compiti istituzionali della CS sono: definire i temi del congresso e del corso nazionale SIED, interfacciarsi con il Portale, fornire i Patrocini alle iniziative che vogliono avere un riconoscimento ufficiale da parte SIED, sia come congressi sia come proposte di studio. Oltre a ciò la CS segue il rapporto con i giovani, la definizione dei progetti di gruppi di studio multicentrici che rientrano nel progetto dei trials clinici. E importante che si sviluppino e siano stimolati questi studi multicentrici su argomenti endoscopici per arrivare alla pubblicazione dei risultati. Un analisi ha portato a identificare nel lavori di endoscopia pubblicati su riviste con impact factor superiore ad uno. Sono state svolte diverse riunioni con cadenza bimestrale. Sono stati messi a punto i bandi per le borse di studio, sia per la partecipazione a corsi e congressi, sia per la formazione. Testoni indica Bianco quale referente per raccogliere le proposte di studi clinici; Spada per problematiche inerenti ai giovani, ivi comprese le BdS; Buffoli ha avuto l incarico per seguire i Patrocini nel senso sopra delineato e infine Perri per i Gruppi di lavoro. Testoni termina l intervento con l auspicio che la base sia stimolata a riunirsi in gruppi multicentrici per produrre di più e fare sempre meglio. Ercole De Masi ringrazia il Presidente e il Segretario per l opportunità di intervenire e poter riferire all assemblea sulla Commissione Accreditamento, Certificazione e Miglioramento continuo della Qualità. De Masi informa circa la composizione della Commissione della quale fanno parte Luca Manneschi, Lucia Piazzi, Maria Grazia Mortilla e Luigi Schiffino. De Masi riferisce che la Commissione ha ripreso a lavorare in maniera attiva e fattiva. Il risultato è che il Manuale della qualità è pronto e che sul manuale che riguarda la organizzazione e riorganizzazione dei lavori di un centro e/o reparto di endoscopia digestiva, Area Qualità farà avere un preventivo così da pubblicarlo a breve. De Masi fa presente che al Manuale sarà allegato il manuale dei Requisiti minimi già approvati dal CDN e dai Presidenti regionali. Egli informa i presenti che nella riunione di ieri il MQ è stato portato in discussione con la Commissione medico legale e che sono stati nominati i referenti regionali che seguiranno a livello decentrato le relative attività. A Grado si dovrebbe poter chiudere anche con i requisiti minimi. Da quel momento occorrerà lavorare per far diventare regole fisse e/o legge questi requisiti: si tratta di una svolta positiva finalizzata al riassetto dei centri di endoscopia digestiva, di una linea condivisa che costituisce un impegno istituzionale della SIED. Antonio Battistini ringrazia il Presidente ed il Segretario e indica la composizione della Commissione che è stato chiamato a coordinare e 6

7 che attualmente è composta da Renato Cannizzaro, Ercole De Masi, Italo Stroppa, Gianfranco Iadecola, Giuseppe Feliciangeli, Emilio Dinelli e Gianfranco Spinzi. Riferisce che l organigramma della Commissione e il lavoro hanno subito un riassetto con il nuovo Consiglio Direttivo informando che è stato invitato il magistrato Jadecola per assicurare e garantire il parere di una persona qualificata e competente nei problemi della responsabilità professionale medica. Battistini mostra le diapositive inerenti alla rete dei delegati regionali osservando che purtroppo si è riusciti a mettere insieme solo 8 regioni e che pertanto la rete non è ancora rappresentativa di tutte le regioni SIED. Riferisce che la Commissione lavora in sinergia con la Commissione qualità, sinergia molto stretta sia per ragioni di vicinanza di tematiche, sia per ottimizzare le risorse umane disponibili ovvero per raggiungere una copertura del territorio nazionale più estesa possibile. Riferisce dell Istituzione del Gruppo di lavoro sull acquisizione delle sentenze della Cassazione di interesse medico che è coordinato da Italo Stroppa il quale, con l ausilio di Jadecola, le tradurrà in motivi di interesse per l esercizio dell endoscopia digestiva. Battistini comunica che sarà affidato ai referenti regionali il compito di creare un archivio delle complicanze classificato per argomento cd. Registro virtuale delle complicanze.(allegato 5) Ingrosso ringrazia gli intervenuti e da la parola a Guido Costamagna per riferire sull attività della Scuola di Formazione. Costamagna riferisce che ha avuto carta bianca dal CDN per portare a buon fine un programma che potesse avere un senso. Costamagna esprime il parere che fare il coordinatore delle attività già esistenti non risulta nè utile nè interessante. L opportunità per cambiare le cose implica e presuppone la buona volontà di tutti per misurare le deficienze attuali nel training in endoscopia e impone di porsi nuovi obiettivi condivisi e conseguentemente darsi gli strumenti per raggiungerli. Traducendo in realtà quanto anticipato occorre mettersi seduti intorno ad un tavolo con i rappresentanti delle Scuole di specializzazione in gastroenterologia e chirurgia, con i professori di gastroenterologia, con la componente ospedaliera della nostra attività e capire, misurare, ciò che oggi non è misurato e cioè quanto i giovani escano formati dalle scuole di specialità o siano obbligati a continuare la loro formazione. E un dato, significativo che i giovani che escono dalle sedi istituzionali chiedano ancora di apprendere: si tratta di una richiesta di soddisfazione di un bisogno che evidentemente non è stato soddisfatto nelle sedi istituzionali. Vanno quindi cercati gli strumenti per superare questa situazione che è ormai nota. Fino ad oggi non si è fatto molto perché occorre coinvolgere e 7

8 far metabolizzare il problema a tutte le componenti del processo di cambiamento. Costamagna conferma che si è attivato in questo senso e riferisce che è in attesa di una risposta definitiva che, se sarà positiva, lo indurrà ad andare avanti con entusiasmo ma se, purtroppo, sarà negativa lo costringerà a rimettere il mandato affidatogli dalla SIED. Emilio di Giulio GIED fa presente che per quanto riguarda il GIED non ci saranno grosse novità, a parte una contrazione economica transitoria che si spera di superare a breve. Informa che la sua direzione non si discosta dalle linee seguite in precedenza. La programmazione è già fissata per tutto l anno. Egli intende realizzare supplementi monotematici in cui affrontare argomenti interessanti, sia dal punto di vista clinico che endoscopico. Alessandro Repici, Direttore del Portale, non risulta presente in assemblea. Il Presidente Ricci, nonostante sia scaduto il tempo previsto per lo svolgimento dell assemblea, apre la discussione e invita i presenti ad intervenire. Alessandro Zambelli rileva che è scomparso il rapporto con l endoscopia pediatrica (mancano gruppi di lavoro e di studio). Egli osserva, inoltre, che in assemblea sono presenti solo due persone inferiori a 35 anni. Egli ritiene, invece, che i giovani debbano partecipare di più all attività societaria in quanto, a prescindere dall età anagrafica, essi sono soci a tutti gli effetti. Ricci informa che a Milano si è svolto un Simposio congiunto SIED /SIGENP e che comunque è pronto ad accogliere ogni proposta e a un Gruppo di Lavoro congiunto. È d accordo assolutamente sull osservazione inerente ai giovani e fa presente che SIED ha registrato un incremento importante del numero iscrizioni di giovani (a prescindere da quelle ABC). Cristina Trovato stigmatizza l assenza dei giovani e come membro del portale si impegna ad effettuare un richiamo di attenzione in tal senso ai giovani SIED. Francesco Di Mario chiede, per le prossime assemblee, che il tempo a disposizione possa essere meglio ripartito per garantire la presenza di più persone e lasciare più spazio alla discussione. Ricci, pur concordando, fa notare che si è già andati oltre il tempo previsto di circa un ora. Egli rassicura, comunque, che si cercherà di prevedere spazi più ampi da riservare alle Assemblee Societarie proprio nella consapevolezza che si tratta di un momento di dialogo importante 8

9 tra i soci e la direzione della Società. Fa notare, tuttavia, che il bilancio è un obbligo statutario e il nuovo statuto ha rubato molto tempo. Cipolletta esprime accordo con Di Mario perché l assemblea è l unico momento per il socio per dialogare con il CDN. Fa notare che non mancano solo i giovani ma anche altri non più giovani e addirittura componenti del CDN. Questa è una grave mancanza di rispetto. Marin interviene per osservare che mancavano membri del CDN. Si riserva di inviare il nominativo di un rappresentante per la regione veneto per Gruppo di lavoro under 35. Stigmatizza che il tempo è mancato alla discussione perché l assemblea è stata condizionata dallo statuto. Ricci osserva che è stata una richiesta del Notaio. Marin, con riferimento alla lettera inviata al CDN dalla Sezione regionale Veneto e relativa alla proposta di regolamentazione del Congresso Nazionale (che nel 2010 si svolgerà in Veneto ), fa presente che non è possibile parlarne per i tempi ristretti. Tuttavia formula un accenno alla questione della Commissione scientifica unica del Congresso che ritiene fondamentale per assicurare il buon esito della manifestazione nazionale. Ricci fa presente che la CS Unica esiste da 15 anni e che di fatto i temi e le proposte scientifiche sono valutate e stabilite appunto in tale sede unificata ove sono presenti rappresentanti di ciascuna società impegnati a lavorare per un obiettivo comune. Conberlato fa presente che le proposte portate all attenzione del CDN con la lettera del triveneto e relative alla regolamentazione del Congresso Nazionale voleva essere uno spunto di riflessione sulle regole sin qui applicate e che è mancato il tempo. Ricci assicura che la lettera del triveneto sarà oggetto di riflessione e che come già anticipato nel corso dell assemblea la nuova regolamentazione sarà oggetto di condivisione con gli stati generali proprio al fine di assicurare e garantire il confronto in ambito SIED e FISMAD. Ravelli riferisce in ordine all intervento che svolgerà alla riunione FISMAD con le Istituzioni. Zambelli ritiene che l unica strada da percorrere per ottenere risultati positivi è che davanti alle Istituzioni si vada insieme, tutte e tre le società; la Lombardia e il Veneto lo stanno dimostrando. Diverso è il discorso della Commissione scientifica che, è vero che è sempre stata unica ma, se esistono obiettivi specifici dell Aigo della Sied e della Sige, occorre una presa di responsabilità da parte del Congresso nazionale che deve prendere atto delle diversità e delle specificità di ciascuna Società, cosa che non costituisce un ostacolo alla piena e corretta collaborazione in sede federativa. Non bisogna dimenticare, egli afferma, che siamo una società con obiettivi ben specifici da portare avanti che vanno garantiti in collaborazione stretta con la FISMAD ma nel rispetto della specificità di 9

10 ciascuno. Non a caso, osserva Zambelli, la Regione ha dato la gestione del training dell endoscopia alla SIED. Il nuovo statuto della Fismad è da rivedere, a parere di Zambelli, nella parte in cui è scritto che, se un Socio della Fismad si dimette, si scioglie la FISMAD stessa. Dovrebbe essere il contrario: la continuità dell attività della Federazione deve essere sempre garantita. Monica interviene sulla Commissione scientifica Unica per il Congresso Nazionale per proporre che siano le tre CS di ciascuna delle tre Società a lavorare per realizzare il Congresso Fismad e non diversi rappresentanti diversi ogni anno perché appunto nominati ogni anno. Ricci rassicura che le varie questioni sollevate saranno oggetto di discussione e condivisione. Dopo quest ultimo intervento, con notevole ritardo, si chiude l assemblea. Il Segretario Nazionale Marcello Ingrosso 10

Verbale consiglio direttivo SIED Torino, 24 giugno 2001

Verbale consiglio direttivo SIED Torino, 24 giugno 2001 Verbale consiglio direttivo SIED Torino, 24 giugno 2001 Ordine del giorno: 1) Comunicazioni del Presidente 2) Revisione e aggiornamento su argomenti non trattati (o non conclusi) negli ultimi CD (Crema

Dettagli

Verbale Assemblea dei Soci SIED Verona, 08 marzo 2010 Sede: Centro Congressi Veronafiere

Verbale Assemblea dei Soci SIED Verona, 08 marzo 2010 Sede: Centro Congressi Veronafiere Verbale Assemblea dei Soci SIED Verona, 08 marzo 2010 Sede: Centro Congressi Veronafiere Presenti: Tutti i componenti del CDN (E. Ricci, M. Ingrosso, L. Familiari, A. Rossi, P.A. Testoni, M. A. Bianco,

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D.

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. CONSIGLIO DIRETTIVO 2010/2012 Presidente L. Familiari Segretario Nazionale M. Ingrosso Vice Presidente I. Stroppa Consiglio Direttivo SIED 24 Giugno 2011

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D.

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. CDN 2014-2016 Presidente I.Stroppa Vice Presidente L.Pasquale Segretario Nazionale M.Pennazio Consiglieri C.Virgilio Commissione Medico-Legale A.Pisani

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI BOLOGNA (7 APRILE 2008) Orario: 10.30 17.00 Sede: Starhotel Excelsior

VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI BOLOGNA (7 APRILE 2008) Orario: 10.30 17.00 Sede: Starhotel Excelsior VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI BOLOGNA (7 APRILE 2008) Orario: 10.30 17.00 Sede: Starhotel Excelsior Presenti: E. Ricci, M. Ingrosso, A. Rossi, P.A. Testoni, P. Di Giorgio, L. Familiari, M.A. Bianco,

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D.

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. CONSIGLIO DIRETTIVO 2010/2012 Consiglio Direttivo SIED 13 Febbraio 2012 Ore 9.30 15.30 Segreteria Tecnica Nazionale SIED Via N. Colajanni, 4 ROMA Ordine

Dettagli

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 RELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli Iscritti Bari, 27 novembre 2015 Gentili colleghe

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 29 maggio 2007

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 29 maggio 2007 Oggi in Pavia, alle ore 15.00, presso la Sala del Consiglio di Amministrazione, Palazzo Centrale, Università di Pavia, C.so Strada Nuova n 65, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

VERBALE DELL ASSEMBLEA DEL PARTENARIATO RISERVA MAB SILA

VERBALE DELL ASSEMBLEA DEL PARTENARIATO RISERVA MAB SILA VERBALE DELL ASSEMBLEA DEL PARTENARIATO RISERVA MAB SILA 11 GENNAIO 2016 Il giorno 11 genanio 2016 alle ore 10:00 ha inizio, presso la sede dell Ente Parco Nazionale della Sila, l Assemblea del partenariato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013 Il giorno 28 maggio 2013, alle ore 10,30 si è riunito a Bari, presso la Saletta Riunioni del Nucleo

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE Pag. 1 a 5 Dalla data di approvazione del nuovo statuto SIED, il 21 marzo 2013 (data registrazione 26 marzo 2013): sino al 31 dicembre 2013 la quota associativa è di euro 60,00 per i soci di età compresa

Dettagli

STATUTO ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE. E' costituita tra i comparenti una Associazione senza fini di lucro denominata ARTICOLO 2 - SEDE

STATUTO ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE. E' costituita tra i comparenti una Associazione senza fini di lucro denominata ARTICOLO 2 - SEDE STATUTO ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE E' costituita tra i comparenti una Associazione senza fini di lucro denominata "HERMES" ARTICOLO 2 - SEDE L Associazione ha sede in Napoli alla Via di Pozzuoli c/o la

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

ASSEMBLEA STRAORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI

ASSEMBLEA STRAORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI ASSEMBLEA STRAORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI DELLA REGIONE LOMBARDIA Lecco- 27 maggio 2006 Oggi 27 maggio 2006 in Lecco, presso la sala del Palazzo del Commercio che si ringrazia per la

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FONDAZIONE ACCCADEMIA DELLA MONTAGNA DEL TRENTINO

VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FONDAZIONE ACCCADEMIA DELLA MONTAGNA DEL TRENTINO VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FONDAZIONE ACCCADEMIA DELLA MONTAGNA DEL TRENTINO Alle ore 15.00 del giorno 4 luglio 2011 presso la sede dell Accademia della Montagna del Trentino, in via Jacopo

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

STATUTO della. Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG)

STATUTO della. Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG) STATUTO della Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia (FIOG) Articolo 1 Denominazione e soggetti associati La "Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia" in breve FIOG (d'ora in avanti

Dettagli

Verbale del Consiglio di Dipartimento 12 febbraio 2015

Verbale del Consiglio di Dipartimento 12 febbraio 2015 DIPARTIMENTO di GIURISPRUDENZA Verbale del Consiglio di Dipartimento 12 febbraio 2015 Il giorno giovedì 12 febbraio 2015, alle ore 11.00, presso la Sala del Consiglio, sita in via Ostiense 163, I piano,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9- Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA

Dettagli

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE NEXTO Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10 Codice fiscale n. 97798460016 * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO DELL ASSOCIAZIONE come modificato dall Assemblea Straordinaria dei

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

Verbale riunione Gruppo di Lavoro per l Handicap di Istituto 28 marzo 2012

Verbale riunione Gruppo di Lavoro per l Handicap di Istituto 28 marzo 2012 Verbale riunione Gruppo di Lavoro per l Handicap di Istituto 28 marzo 2012 Il giorno 28 marzo, alle ore 14,30, presso la biblioteca dell I.P.S.I.A. L. Zanussi di Pordenone, si è riunito il Gruppo di Lavoro

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

Articolo 1 Composizione

Articolo 1 Composizione Regolamento interno di organizzazione per il funzionamento della Conferenza nazionale per la garanzia dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Istituita dall art. 3, comma 7, della legge 12 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE approvato con approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 14/02/2005 Pagina 1 di 5 Art. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Bari istituisce la

Dettagli

$662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872

$662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872 $662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872 Costituzione e sede I signori comparenti convengono di costituire tra loro un associazione culturale di volontariato ONLUS sotto la denominazione E.F.A. (Etica,

Dettagli

STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - FINALITA. ARTICOLO 1) E costituita la FONDAZIONE VIGNATO PER L ARTE, ente di diritto privato.

STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - FINALITA. ARTICOLO 1) E costituita la FONDAZIONE VIGNATO PER L ARTE, ente di diritto privato. ALLEGATO A AL N. 63.470 DI REP. e N. 13.571 DI RACC. STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - FINALITA ARTICOLO 1) E costituita la FONDAZIONE VIGNATO PER L ARTE, ente di diritto privato. ARTICOLO 2) La Fondazione

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D.

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. CONSIGLIO DIRETTIVO 2012-2014 Consiglio Direttivo SIED 3 Giugno 2013 Ore 9.30 15.30 Segreteria Tecnica Nazionale SIED Via N. Colajanni, 4 ROMA Presidente

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE

STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE ART.1 Costituzione e sede E costituito in Milano con sede in Piazza Castello, 3 la Fondazione E.S.A.E. Tale Ente, Ente Morale di diritto privato a norma

Dettagli

Prot. n. 1455 /B17 Avellino, lì 05/04/2014

Prot. n. 1455 /B17 Avellino, lì 05/04/2014 Prot. n. 1455 /B17 Avellino, lì 05/04/2014 Ai Docenti della Scuola Primaria Ai Genitori rappresentanti di Classe OGGETTO: Adozione Libri di Testo a. s.2014/15 - Adempimenti Per l adozione dei libri di

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE Logo regolarmente registrato presso C.C.I.A.A. della Spezia Il giorno 01 maggio 2001 alla Spezia in Via Cadorna 24, viene costituita l Associazione Culturale

Dettagli

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE Circolo 25 Aprile del Partito Democratico di Bareggio INDICE PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE (approvato nella seduta del coordinamento del Giorno 14-11.2013) 1. Oggetto 2. Funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO Art. 1 - Istituzione della Consulta Ai sensi dell art. 80 dello Statuto Comunale e deliberazione del C.C. n 55 del 13/11/2008

Dettagli

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia.

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia. STATUTO DELLA DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LE VENEZIE CON SEDE IN VENEZIA Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione Art. 1. La Deputazione di storia patria per le Venezie è un associazione che

Dettagli

La Commissione nella sua prima riunione del 19 maggio ha eletto Segretario Vito Svelto.

La Commissione nella sua prima riunione del 19 maggio ha eletto Segretario Vito Svelto. Relazione finale della Commissione per la Valutazione dei Progetti di Ricerca delle Università Anno 2005 INDICE 1. Premessa 2. L attività della Commissione 2.1 Progetti presentati 2.2 La fase di valutazione

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA IL RETTORE VISTA VISTI VISTO VISTO la Legge 9 maggio 1989, n.168, Istituzione del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ; i Decreti del Ministro dell Istruzione dell Università

Dettagli

Fondazione Istituto Andrea Devoto

Fondazione Istituto Andrea Devoto Fondazione Istituto Andrea Devoto Istituto di ricerca sulle marginalità e polidipendenze ONLUS Allegato al verbale del Consiglio di Amministrazione del Preambolo. Ai sensi dell articolo 11, lettera m e

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA C.R.O. Associazione Italiana Contract Research Organization STATUTO NOME E SEDE

L ASSOCIAZIONE ITALIANA C.R.O. Associazione Italiana Contract Research Organization STATUTO NOME E SEDE L ASSOCIAZIONE ITALIANA C.R.O. Associazione Italiana Contract Research Organization STATUTO NOME E SEDE Articolo 1. E costituita l Associazione Italiana Contract Research Organization, con acronimo, A.I.C.R.O.

Dettagli

LIBRO VERBALI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO NORD OVEST MILANO

LIBRO VERBALI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO NORD OVEST MILANO Verbale n 91 seduta del 10.04.2014. LIBRO VERBALI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO NORD OVEST MILANO Verbale del Consiglio di Amministrazione Il giorno

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26.

STATUTO. Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26. STATUTO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26. Art. 2 Oggetto L Associazione

Dettagli

Facilitare, per quanto possibile, i contatti fra lo studente e la scuola italiana.

Facilitare, per quanto possibile, i contatti fra lo studente e la scuola italiana. Liceo Scientifico Statale Piero Gobetti di Torino Mobilità degli Studenti - Regolamento d Istituto a.s. 2015/16 Il documento presente si rivolge ai Genitori, agli Studenti e ai Docenti e costituisce norma,

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Verbale della riunione del Consiglio del 22/04/2015 Alle ore 15:45 del giorno 22/04/2015 presso la sede dell Ordine dei Geologi della Regione Umbria, in Via Martiri

Dettagli

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ FONDAZIONE MANODORI Bando 2013 rivolto al Terzo Settore INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ 1. PREMESSA Stiamo vivendo un periodo storico connotato da una crisi economica che

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

AMICI DELLA LUCANIA STATUTO

AMICI DELLA LUCANIA STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE CAMPUS MAJOR AMICI DELLA LUCANIA STATUTO Art. 1 E costituita l Associazione denominata : associazione culturale Campus Major Art. 2 - Essa ha sede in Cesano Maderno (MI ) Via Tonale

Dettagli

Regolamento Finanziario del Partito Democratico della Toscana

Regolamento Finanziario del Partito Democratico della Toscana Regolamento Finanziario del Partito Democratico della Toscana Art. 1 Validità Il presente Regolamento è approvato dalla direzione regionale. Le norme in esso contenute sono in attuazione degli statuti

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS programmi e stato dell arte Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio 1 PROGRAMMA APPROVATO DALL ASSEMBLEA ASSEMBLEA MAGGIO 2010: Per quanto concerne

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI MAESTRI DI SCI DELLA REGIONE LOMBARDIA

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI MAESTRI DI SCI DELLA REGIONE LOMBARDIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI MAESTRI DI SCI DELLA REGIONE LOMBARDIA Oggi 24 Ottobre 2007 in Sulzano (Bs) presso la sede della Associazione Nautica Sebina che si ringrazia

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

FONDAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA ONLUS STATUTO

FONDAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA ONLUS STATUTO Fondazione Italiana Sclerosi Multipla - Onlus Via Operai 40-16149 Genova fism@aism.it Art. 1 - È costituita per volontà dell Associazione Italiana Sclerosi Multipla con sede in Roma una fondazione sotto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione Statuto Associazione per il Gemellaggio Prato - Ebensee Art. 1 - Costituzione Per iniziativa del Comune di Prato e dell ANED sezione di Prato è costituita, ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile,

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca, 20-10122 Torino dirreg@scuole.piemonte.it Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D.

SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. SOCIETÀ ITALIANA DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA S.I.E.D. CONSIGLIO DIRETTIVO 2012-2014 Presidente E.Di Giulio Segretario Nazionale M. Ingrosso Vice Presidente M. Zilli Presidente eletto I. Stroppa Consiglieri

Dettagli

L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p

L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p Oggetto: L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p "Istituto dei ciechi di Cagliari". Attribuzione di quota del Fondo regionale per il

Dettagli

STATUTO SOCIALE Art.1 Denominazione E' costituita un Associazione senza scopo di lucro promossa dalla Federazione Italiana Sindacale Assicurazione e

STATUTO SOCIALE Art.1 Denominazione E' costituita un Associazione senza scopo di lucro promossa dalla Federazione Italiana Sindacale Assicurazione e STATUTO SOCIALE Art.1 Denominazione E' costituita un Associazione senza scopo di lucro promossa dalla Federazione Italiana Sindacale Assicurazione e Credito della CGIL (FISAC/CGIL) con la denominazione:

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

STATUTO. Coordinamento FREE

STATUTO. Coordinamento FREE STATUTO Coordinamento FREE Articolo 1 Denominazione e sede E' costituito Il Coordinamento delle FREE - Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica - è un Associazione che coordina Associazioni e Enti attivi

Dettagli

ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015

ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015 ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015 Norme per la Progettazione ed Erogazione di Eventi Formativi facenti parte del Protocollo E.C.M GUIDA ALLA PROGETTAZIONE ED EROGAZIONE DI EVENTI FORMATIVI 1 PREMESSA...

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno

Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno Statuto iscritto nel registro delle persone giuridiche, ai sensi dell articolo 2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n.361 su istanza del 23 agosto 2013 della Prefettura

Dettagli

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 20 APRILE 2012 Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di Spoleto Spa in via

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI Il Collegio dei docenti è composto da tutti i docenti, a tempo indeterminato e a tempo determinato, in servizio nell Istituzione. Riflessioni e spunti per un regolamento

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

VERBALE n.1 (seduta preliminare per via telematica)

VERBALE n.1 (seduta preliminare per via telematica) SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E DISCUSSIONE PUBBLICA, PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO, SETTORE CONCORSUALE 10/C1 - SETTORE

Dettagli

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Bando l assegnazione di contributi da destinare ad interventi di digitalizzazione e valorizzazione delle testate giornalistiche

Dettagli

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Regione TOSCANA Il giorno 12 del mese di maggio 2013, si è riunita a Collesalvetti, alle ore 18.00 l Assemblea Soci APNEC Toscana per discutere i

Dettagli

(Riunione Preliminare)

(Riunione Preliminare) PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA A N. 1 CONTRATTO DI DIRITTO PRIVATO PER RICERCATORE, A TEMPO DETERMINATO E REGIME DI IMPEGNO A TEMPO PIENO, PER IL SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/07 LINGUA

Dettagli

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI RIEDUCAZIONE NEUROPOSTURALE PSICOCORPOREA RNP ATTO COSTITUTIVO E STATUTO

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI RIEDUCAZIONE NEUROPOSTURALE PSICOCORPOREA RNP ATTO COSTITUTIVO E STATUTO ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI RIEDUCAZIONE NEUROPOSTURALE PSICOCORPOREA RNP ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Art. 1 È costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del codice civile un associazione culturale

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli