Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "http://www.gauraimilano.it/"

Transcript

1 Gruppo Aziendale UILCOM-UIL Rai Rai Way Milano Info Rai TV n. 129 del 19 Gennaio 2012 Sommario: 1. Audizione in Commissione Bicamerale di Vigilanza del direttore generale della Rai, Lorenza Lei 2. Rai: per il 2012 pareggio di bilancio 3. Rai: in linea i nuovi portali Rai.it e Rai.tv 4. Rai: Verro, mi dedicherò solo alla Rai 5. Alla Rai lavori in corso sui compensi ai consulenti esterni 6. Rai1: i 14 artisti in gara a Sanremo Nomine Rai: da domani la Lei si gioca tutto 8. All news secondo Lei 9. Sette tasse non pagate che rubano allo Stato 120 miliardi 10. Rai: Pittella (Pd), no abolizione servizi italiani all estero 11. Crif: il 2011 è l anno nero dei mutui 12. Confermata la partenza dell'isola dei Famosi su Rai 2 il 26 Gennaio 13. Il dicembre della Tv digitale 14. La bozza del governo sulle liberalizzazioni. I 28 articoli del progetto di legge su concorrenza, sconti, privatizzazioni, categorie professionali Audizione in Commissione Bicamerale di Vigilanza del direttore generale della Rai, Lorenza Lei Fonte: Radio Radicale Trovate la registrazione audio qui: ioradicale.it/scheda/embedcfg/343760/ Rai: per il 2012 pareggio di bilancio Fonte: Informa pareggio-di-bilancio.html Dopo cinque anni di chiusure in negativo, la Rai si prepara al pareggio di bilancio nel Lo annuncia il direttore generale Lorenza Lei in audizione in Commissione di vigilanza. Il servizio pubblico ha pagato lo scotto delle spese previste nel contratto di servizio per il passaggio al digitale, dovendo contemporaneamente fare fronte a un calo degli investimenti pubblicitari e a una crescente evasione del canone. "La Rai ha finanziato con risorse proprie investimenti previsti dal contratto di servizio ed investito nel mercato audiovisivo risorse superiori a quelle di legge spiega Lorenza Lei Il canone è aumentato in questi 5 anni a livelli inferiori all'inflazione ed ha raggiunto un livello di evasione pari a quasi il 30% per il canone ordinario e il 90% per il canone speciale. Questo ha generato negli ultimi 5 esercizi una differenza pari a 1,7 miliardi di Euro tra i costi sostenuti dalla Rai per adempiere agli impegni da contratto e di servizio e gli introiti da canone". Inoltre, gli investimenti pubblicitari sono calati di ben 250milioni di Euro in dieci anni. Nonostante tutto, però, l'azienda sarà in grado non solo di 1

2 rispettare le scadenze previste per lo switch off, ma anche di mantenere gli attuali livelli occupazionali. "A differenza di altri servizi pubblici europei, sottolinea il direttore generale la Rai non è ricorsa alla leva della riduzione del personale per finanziare gli investimenti per il digitale televisivo terrestre e per la relativa nuova offerta. L'obiettivo è mantenere i livelli occupazionali in un'ottica di costo del lavoro che sia maggiormente coerente con le dinamiche del mercato in cui operiamo". Rai: in linea i nuovi portali Rai.it e Rai.tv Fonte: Ufficio Stampa Rai in_linea_i_nuovi_portali_rai_it_e_rai_tv.html La Rai sul web aggiorna il look&feel dei portali Rai.tv e Rai.it e presenta la vastissima offerta multimediale dell azienda in forma più strutturata, completa e veloce. I nuovi portali, on line dal 18 gennaio, sono studiati per valorizzare al meglio l offerta di maggior successo (come le dirette tv, Rai Replay e l on demand) ma anche per dare maggiore rilevanza ai contenuti informativi Rai disponibili (ultime edizioni dei Tg, video notizie, Tg Regionali e altro), potenziando gli strumenti di ricerca e semplificando i percorsi di navigazione. Inoltre in numerose aree del portale sono disponibili box informativi che spiegano l offerta, le caratteristiche, le modalità di fruizione. Completamente rinnovata la guida radio e tv, con maggiori dettagli e risalto all offerta multimediale correlata. Gli accorgimenti adottati a livello tecnico migliorano sensibilmente le prestazioni dei portali, sia nei tempi di caricamento che nella visualizzazione. Proseguendo nel dialogo con gli utenti Internet (esperti e non), la Rai partirà nei prossimi giorni con un indagine on line sul livello di soddisfazione e gradimento della nuova offerta digitale. I primi risultati di questo confronto saranno discussi nella prima settimana di febbraio, durante un evento web dedicato. Nel corso della video chat prevista sarà anche presentata l applicazione Rai.tv per ipad, primo tassello di una offerta per tablet e smartphone che sarà completata nei prossimi mesi. Rai: Verro, mi dedicherò solo alla Rai Fonte: Ufficio Stampa Rai mi_dedicher%c3%b2_solo_alla_rai.html Nell'attesa che si svolgano le procedure previste dal Comitato per le incompatibilità e in considerazione che i tempi istituzionali previsti porteranno per un breve periodo a sovrapporre il mio incarico di parlamentare a quello di Consigliere di Amministrazione della Rai, desidero comunicare che in tutto questo arco di tempo mi asterrò dal prendere parte ai lavori parlamentari, sia in Aula che nelle Commissioni, e che mi dedicherò, come fatto negli ultimi tre anni, esclusivamente al servizio pubblico radiotelevisivo. Desidero sottolineare che non ci sono norme o regole che me lo impongano e che si tratta di una decisione puramente personale che, anche se per un lasso di tempo molto breve, ho ritenuto, in nome della trasparenza, comunque doverosa. Una scelta serena e convinta, fatta nel rispetto della prassi e delle regole istituzionali ma presa anche per tutelare l azienda e il suo vertice da attacchi e polemiche del tutto strumentali. La RAI e i dipendenti del servizio pubblico, specialmente in un momento così delicato, meriterebbero dalla politica un attenzione diversa e, al riguardo, riterrei auspicabile che in Parlamento si desse inizio quanto prima ad una riflessione comune sul futuro del suo sistema di governance. Alla Rai lavori in corso sui compensi ai consulenti esterni Fonte: Romacapitale.net Da quattro anni la pagina web del sito contrattidiconsulenza.rai recita Lavori in corso. La replica dell azienda 2

3 ROMA - Nel mese in cui bisogna rinnovare l abbonamento Rai, l Aduc, l associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori, torna all attacco dell azienda pubblica. Da quattro anni ormai infatti l Aduc denuncia come Mamma Rai non renda pubblici i compensi ai consulenti e professionisti esterni di cui si serve. Il portale della Rai, alla pagina indica infatti ancora "Lavori in corso". Secondo la legge infatti, la mancata pubblicazione degli estremi dei contratti di consulenza comporta l illegittimità dei relativi pagamenti: Nessun atto comportante spesa ai sensi dei precedenti periodi può ricevere attuazione, se non sia stato previamente reso noto, con l indicazione nominativa dei destinatari e dell ammontare del compenso, attraverso la pubblicazione sul sito web dell amministrazione o del soggetto interessato, nonché comunicato al Governo e al Parlamento (art. 3, comma 44 della legge 244/2007). L azienda, interpellata, replica però che anche se giuridicamente viene prevista la pubblicazione di questi dati, non è mai stato fatto il regolamento di attuazione della norma. Non siamo mai stati infatti contrari hanno aggiunto dall azienda a far sapere quanto paghiamo i nostri showman o le nostri ospiti; le cifre sono di dominio pubblico nella maggior parte dei casi. Quello però di cui abbiamo bisogno sono regole e parametri ben precisi, senza i quali annaspiamo nella discrezionalità. Rai1: i 14 artisti in gara a Sanremo 2012 Fonte: Ufficio Stampa Rai i_14_artisti in_gara_a_sanremo_2012.html Sono stati presentati nel corso della trasmissione di Rai 1 Domenica In L Arena, i 14 Artisti in gara alla 62ma edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo. Con loro gli artisti internazionali che si esibiranno giovedì 16 febbraio 2012 nel corso della serata tributo Viva l Italia nel Mondo. N ARTISTA VIVA L ITALIA NEL MONDO NINA ZILLI NINA ZILLI 1 2 PER SEMPRE SAMUELE BERSANI UN PALLONE SKYE dei MORCHEEBA GRANDE GRANDE GRANDE * NEVER NEVER NEVER SAMUELE BERSANI GORAN BREGOVIC 3 DOLCENERA CI VEDIAMO A CASA ROMAGNA MIA * MY SWEET ROMAGNA DOLCENERA PROFESSOR GREEN 4 PIERDAVIDE CARONE LUCIO DALLA NANÌ VITA SPERICOLATA * MY LIFE IS MINE PIERDAVIDE CARONE LUCIO DALLA MADS LANGER 5 IRENE FORNACIARI IL MIO GRANDE MISTERO ANEMA E CORE IRENE FORNACIARI BRIAN MAY con KERRY ELLIS UNO DEI TANTI * I WHO HAVE NOTHING 3

4 6 7 EMMA NON È L'INFERNO MATIA BAZAR SEI TU EMMA GARY GO IL PARADISO * IF PARADISE IS HALF AS NICE MATIA BAZAR AL JARREAU 8 NOEMI SONO SOLO PAROLE PARLA PIÙ PIANO * SPEAK SOFTLY LOVE NOEMI SARAH JANE MORRIS 9 FRANCESCO RENGA LA TUA BELLEZZA AMARSI UN PO' * TO FEEL IN LOVE FRANCESCO RENGA SERGIO DALMA 10 ARISA LA NOTTE IL MONDO * EL MUNDO ARISA JOSÈ FELICIANO CHE SARÀ * QUE SERÀ 11 CHIARA CIVELLO AL POSTO DEL MONDO CHIARA CIVELLO SHAGGY IO CHE NON VIVO * YOU DON'T HAVE TO SAY YOU LOVE ME 12 GIGI D'ALESSIO LOREDANA BERTÈ RESPIRARE GIGI D'ALESSIO LOREDANA BERTÈ NINA HAGEN 13 EUGENIO FINARDI E TU LO CHIAMI DIO AUF DER WELT EUGENIO FINARDI NOA 14 MARLENE KUNTZ CANZONE PER UN FIGLIO TORNA A SURRIENTO * SURRENDER MARLENE KUNTZ PATTI SMITH IMPRESSIONI DI SETTEMBRE * THE WORLD BECAME THE WORLD 4

5 Nomine Rai: da domani la Lei si gioca tutto Fonte: Il Giornale 2012/articolo-id= page=0-comments=1 Da domani si apre la partita decisiva per Lorenza Lei. Detto in poche parole: il direttore generale Rai ha pochi giorni per completare gli obiettivi del suo mandato prima della scadenza dell'attuale cda il 28 marzo. Ingrandisci immaginee, forte del lavoro svolto, tentare di rimanere al vertice massimo della Tv di Stato. Tre sono gli assi nella sua manica: mantenere il pareggio di bilancio, definire il nuovo piano industriale per il prossimo triennio e cercare di risolvere il rebus delle nomine vacanti dei posti chiave aziendali. È quest'ultimo, come da sempre accade nella politicizzata Tv di Stato, il nodo più intricato. Entro la settimana prossima dovrà portare in consiglio una soluzione per la direzione Tg1, che si dovrebbe portare dietro una serie di altre nomine. L'interim di Maccari scade il 31 gennaio, giorno di pensionamento del giornalista: una sua proroga non solo sarebbe complicata dal punto di vista burocratico, ma verrebbe letta anche come un segno di debolezza del dg. Molti i nomi come possibili candidati: da Mario Orfeo, direttore del Messaggero (di difficile realizzazione per motivi economici e politici), ai vice direttori del Tg1 al direttore del giornale radio Rai Antonio Preziosi (in questo caso verrebbe sostituito da Guido Paglia lasciando il posto delle relazioni esterne a Marco Simeon, direttore relazioni istituzionali). Il tutto sotto la spada di Damocle del ricorso presentato da Minzolini per essere reintegrato. Intanto nel cda di domani si procederà a sistemare le nomine dei due vice direttori mancanti al Tg2: proposti Giovanni Alibrandi e Stefano Marroni. Il tutto in attesa della riforma della governance annunciata da Monti nel salotto di Fazio: nel caso dovrebbe essere varata entro il 28 marzo. In attesa c'è anche Antonio Verro, componente del Cda e ieri proclamato deputato al posto del sindaco di Brescia: ha un mese e mezzo di tempo per scegliere Rai o Camera. All news secondo Lei Fonte: Lettera ore_breve.htm Il direttore della Rai: 200 dipendenti per coprire le 24 ore. di Renato Stanco Lorenza Lei, direttore generale della Rai, ha deciso di accelerare la realizzazione del canale All news di viale Mazzini. La rete non nascerà dalle ceneri di Rai News ma sarà un prodotto nuovo di zecca in grado di competere davvero con SkyTg24 e Tgcom24. Prima, però, viale Mazzini deve chiudere la partita legata a Rai internazionale, in modo da poter fare il conto esatto sulle risorse umane disponibili. Una volta sistemata questa pratica, le redazioni del Televideo, 50 persone in tutto, e quella di Rai News, il cui organico è di 95 persone, verranno fuse. Una volta partito il canale All news, molti servizi esterni verrebbero confezionati dalla nuova rete, con un evidente risparmio per l azienda. E questo preoccupa i sindacati che hanno chiesto al direttore generale maggiori garanzie, vista la politica dei tagli avviata dall azienda. Sette tasse non pagate che rubano allo Stato 120 miliardi Fonte: Businesspeople Un dossier del quotidiano la Repubblica classifica le imposte più evase in Italia; il tax gap di Irpef, Iva e Ires vale complessivamente più di 100 miliardi, al canone Rai mancano oltre 600 milioni di euro Le sette maggiori tasse del Paese, che valgono da sole l 80% del gettito tributario, sono anche le principali non pagate in Italia. Irpef, Iva, Ires, Irap, imposta registro, canone Rai e bollo auto: l evaso di queste imposte rappresenta per lo Stato un ammanco di 119,6 miliardi di euro (pari al 28% del totale delle imposte pagate); una somma che permetterebbe di coprire almeno due delle ultime manovre finanziarie approvate dall esecutivo. A redigere una classifica 5

6 delle 7 tasse più evase in Italia è il quotidiano la Repubblica che, incrociando i dati della Commissione Giovannini, del Rapporto 2011 della Corte dei Conti sulla finanza pubblica e dell indagine Uil sul lavoro irregolare ha calcolato il cosiddetto tax gap, ovvero quello che manca tra redditi guadagnati e redditi dichiarati al fisco. Ai primi due posti, dominano Irpef e Iva il cui gettito evaso si stima rispettivamente in 49,5 miliardi e 44,8 miliardi di euro. A contribuire all evasione dell Irpef sarebbe soprattutto il lavoro nero o irregolare (pari a 18 miliardi di Irpef, secondo la Uil). Tra le tasse più evase anche il canone Rai che ammonta a 623,3 milioni di euro. IMPOSTA Stime del gettito evaso in miliardi di euro Incidenza tra gettito evaso e gettito incassato 1. Irpef 49,5 25,8% 2. Iva 44,8 31,5% 3. Ires 15,5 32,6% 4. Irap 7,1 21% 5. Imposta registro 1,6 33,9% 6. Canone Rai 0,6 37,5% 7. Bollo auto 0,5 7,9% TOTALE 119,6 28% Fonte: la Repubblica di giovedì 19 gennaio 2012 Rai: Pittella (Pd), no abolizione servizi italiani all estero Fonte: Primaonline 6

7 (ASCA) - Roma, 19 gen - Con l eliminazione della produzione per gli italiani all estero, il canale internazionale della Rai viene privato della sua missione ed identita e ai nostri connazionali viene tolto il diritto di esprimersi in patria: e una misura drastica, punitiva ed assolutamente miope. Lo afferma in una nota il vicepresidente vicario del Parlamento europeo, Gianni Pittella, dopo la decisione del Cda di Viale Mazzini di cedere la rete di RaiWay (trasmettitori), ridurre gli uffici di corrispondenza, chiudere la Rai Corporation, chiudere il canale Yes Italia ed eliminare la produzione Rai, servizi prodotti specificatamente per gli italiani all estero. Mentre la chiusura o riduzione degli uffici di corrispondenza o la eliminazione dei vari canali nazionali rientrano nelle problematiche aziendali, la totale eliminazione della produzione Rai per gli italiani all estero crea un serio problema politico perche non fara altro che distruggere il rapporto dei connazionali nel mondo con l Italia che e stato volutamente riconosciuto e rafforzato con una modifica costituzionale, rimarca Pittella, che sottolinea come il canale internazionale della Rai ha una missione specifica - per la quale e anche nato e creato - missione legata al voto degli italiani all estero, ed e uno strumento unico per raggiungere ed unificare l enorme potenziale della diaspora italiana. Si ricorda - prosegue l eurodeputato del Pd - che gli italiani all estero, per ricevere il canale Raitalia pagano il cannone mensile che frutta alla Rai diversi milioni di euro all anno. Si ricorda inoltre, che gli italiani all estero in gran parte pagano le tasse in Italia. Allora risparmio? No, solo un danno economico inestimabile e un errore politico gravissimo - oltre che di immagine - per il nostro Paese che con tale gesto spezza il rapporto dell Italia con l Italia all estero. Crif: il 2011 è l anno nero dei mutui Fonte: Supermoney html Clelia Giulia Pellegrino Incertezza lavorativa e spread molto alti hanno causato un calo dei mutui in tutto il 2011, che si è concluso con un bilancio estremamente negativo (-19%). Con l inizio del nuovo anno è tempo di fare i bilanci di quello precedente. Per il mercato dei mutui si tratta di un bilancio molto pesante, che riflette una situazione che ha registrato un continuo peggioramento col passare dei mesi. Dando uno sguardo ai dati rilevati da Eurisc, il Sistema Crif di informazioni creditizie, il 2011 appare come un anno nero per i mutui: ad esclusione del mese di febbraio, in cui si è registrato un dato positivo, in tutti gli altri mesi la domanda di mutui ha subito una continua e crescente contrazione. Il sistema EURISC, raccogliendo i dati di oltre 78 milioni di posizioni creditizie, ha registrato per il 2011 un calo complessivo della domanda di mutui del 19% rispetto al Negli anni precedenti, al contrario, la domanda aveva avuto una crescita positiva (+1% nel 2010 rispetto al 2011 e +7% nel 2009 rispetto al 2008). Il calo della richiesta dei mutui in Italia, come ha evidenziato Enrico Lodi, direttore generale Credit Bureau Services di CRIF, è stato evidente e costante. La fase calante, secondo i dati CRIF, è iniziata a febbraio quando, dalla variazione positiva di gennaio (+2%), si è passarti a una negativa (-7%). La contrazione è poi proseguita nei mesi successivi in costante accelerazione, arrivando a toccare nel mese di novembre il - 46%. A dicembre la tendenza negativa ha raggiunto il suo apice, con un -49% della domanda di mutui (a parità di giorni lavorativi sarebbe il -41%). Secondo Lodi, le cause principali di questo drastico calo della domanda sarebbero, da una parte, le crescenti difficoltà del mercato del lavoro, e, dall altra, il crollo delle richieste di surroga e sostituzione, che avevano sostenuto il mercato dei mutui nel Gli spread molto alti applicati dalle banche sui mutui, infatti, hanno scoraggiato le famiglie a rivendere e rinegoziare i piani di investimento e le condizioni dei propri finanziamenti. L importo medio richiesto per i mutui nel 2011 risulta in calo rispetto al 2010 ( euro contro i euro). Questo, come sottolinea Lodi, indica ''la tendenza a richiedere mutui con una durata più lunga e importi più contenuti ed è un ulteriore conferma della cautela che sta caratterizzando il comportamento delle famiglie italiane. A fronte di una domanda ancora negativamente influenzata da una elevata incertezza ha aggiunto Lodi -, anche l'offerta di credito si è indebolita, condizionata anche da politiche di erogazione che negli ultimi anni sono state più caute e selettive''. 7

8 Il lavoro incerto e la disoccupazione crescente hanno quindi frenato molti italiani nella richiesta di mutui. In attesa che gli spread diminuiscano e che il mercato del lavoro ritrovi una certa stabilità, per chi deve richiedere un mutuo in questo momento il consiglio è di rimanere sempre attenti alle offerte presenti sul mercato. Per fare questo il servizio di SuperMoney può essere molto utile, perché permette di comparare in modo veloce le proposte di mutui on line e tradizionali di molti istituti bancari. Confermata la partenza dell'isola dei Famosi su Rai 2 il 26 Gennaio Fonte: Digital-sat Inserito da: Simone Rossi (Satred) Fonte: Digital-Sat (com.stampa) La nona edizione dell Isola dei Famosi condotta da Nicola Savino e Vladimir Luxuria- che sarà presentata alla stampa martedì 24 gennaio a Milano- andrà in onda regolarmente in prima serata giovedì 26 gennaio su Rai2. Saranno 12 puntate in prima serata (11 di gara vera e propria e il Gran Galà) che vedranno i naufraghi lottare per la sopravvivenza e per aggiudicarsi la vittoria finale. La striscia quotidiana, condotta da Vladimir Luxuria - dal lunedì al venerdì su Rai2 dalle racconterà la giornata dei naufraghi. Sempre fedele alle caratteristiche che la contraddistinguono - mancanza di confort, scarsità di cibo, nessun contatto con l esterno, convivenza forzata con gli altri naufraghi anche questa edizione prevede alcune novità. Prima fra tutte la conduzione: in studio ci sarà Nicola Savino, il quale si è già cimentato lo scorso anno nel ruolo di padrone di casa durante la permanenza della Ventura in Honduras, mentre a far da tramite tra l isola e lo studio ci sarà Vladimir Luxuria, che ha vinto la sesta edizione de l Isola dei Famosi ed è stata opinionista in quella dello scorso anno. Confermato il set dell isola di Honduras, destinazione collaudata che ha ospitato ben quattro delle passate edizioni. Come sempre, il pubblico da casa sarà protagonista delle scelte più importanti attraverso il meccanismo del televoto con cui si determinerà l eliminazione dei concorrenti nominati dai propri compagni di squadra. Pronti i primi dieci concorrenti: 5 donne e 5 uomini, tutti protagonisti della storia delle otto precedenti edizioni de l isola dei Famosi, che partiranno alla volta dell Honduras per una vera e propria lotta per la sopravvivenza. Si tratta di: Valeria Marini (Isola dei Famosi ) Aida Yespica (Isola dei Famosi ) Flavia Vento (Isola dei Famosi ) Carmen Russo (Isola dei Famosi ) Arianna David (Isola dei Famosi ) Cristiano Malgioglio (Isola dei Famosi ) Rossano Rubicondi (Isola dei Famosi ) Den Harrow (Isola dei Famosi ) Alessandro Cecchi Paone (Isola dei Famosi ) Enzo Paolo Turchi (Isola dei Famosi ) Il dicembre della Tv digitale Fonte: Millecanali Nella consueta dettagliata e puntale analisi del centro media Starcom, le tendenze e tutte le cifre della Tv digitale nel mese di dicembre Gennaio 2012 A dicembre la Tv digitale non generalista conquista il 30% di share nel totale giorno, + 24% di ascolti rispetto a un anno fa. Mattina e pomeriggio mostrano le migliori performances, arrivando a toccare il 35% di share. Nel dettaglio, il gruppo Altre Tv digitali (terrestri + 8

9 satellitari) supera il 24% di share, + 25% di ascolti nel totale giorno vs dicembre Il pubblico delle Altre Tv Digitali cresce soprattutto la mattina (oltre il 31% di share). Il restante 5.8% di share appartiene al gruppo Sky + Fox (solo Tv satellitare) che rispetto a un anno fa conquista il + 20% di ascolti. Prime time (quasi 7% di share) e seconda serata (quasi 8% di share) mostrano un ottimo stato di salute. Bene anche Cielo, il canale di Sky gratuito su Dtt, che vale lo 0.5% di share. Passando ad analizzare i singoli canali del gruppo Altre Tv digitali, Rai 4 si conferma il più visto con oltre 130 mila spettatori nel minuto medio e una programmazione fatta di telefilm e film d'azione, fantasy, avventura, indirizzata soprattutto al pubblico maschile. In particolare segnaliamo il film avventuroso 'Il Regno Proibito', visto martedì 27 dicembre da ben 762 mila telespettatori tra le 22 e le 23. Anche Real Time mantiene la seconda posizione nella top ten dei canali più visti (121 mila spettatori nel minuto medio) grazie a un palinsesto basato sull'intrattenimento e aggiornato periodicamente per tenere viva e costante la curiosità del pubblico femminile. A dicembre il programma più visto sull'emittente del gruppo Discovery è il reality 'Shopping Night' (556 mila spettatori mercoledì 28 dicembre), dedicato alla moda e condotto dalla spiritosa coppia Gozzi-Miccio. Nel periodo natalizio anche Iris attira una significativa fetta di telespettatori che cercano un piacevole svago nel cinema d'autore. La saga fantozziana, nello specifico il film realizzato nel 1993 'Fantozzi in Paradiso', intrattiene quasi 519 mila spettatori martedì 27 dicembre tra le 22 e le 23. Passando al gruppo Sky+Fox, Sport 1 si piazza ancora una volta sul gradino più alto del podio con oltre 40 mila spettatori nel minuto medio. Sul primo canale del pacchetto 'Sport' di Sky la partita più vista è stata Roma-Juventus, serie A (1,2 milioni di audience lunedì 12 dicembre in fascia 21-22); lo stesso incontro è stato trasmesso anche su Sky Calcio 1, dove nella stessa fascia oraria ha coinvolto altri 653 mila spettatori. Come già osservato per le Altre Tv Digitali, nel periodo di festa cresce il consumo di film e canali come Sky Cinema 1, Sky Cinema Family e Sky Cinema Hits (rinominato per l'occasione Sky Cinema Christmas) consolidano i propri ascolti. Segnaliamo in particolare su Sky Cinema 1, la prima Tv del divertente film di Checco Zalone 'Che bella giornata' (781 mila spettatori lunedì 26 dicembre in fascia 21-22). Bene anche SkyUno grazie alle fasi finali della quinta serie del talent show 'X Factor' (706 mila spettatori giovedì 29 dicembre in fascia 23-24), con Simona Ventura. La bozza del governo sulle liberalizzazioni. I 28 articoli del progetto di legge su concorrenza, sconti, privatizzazioni, categorie professionali Fonte: Il Post CAPO I. Norme generali sulle liberalizzazioni e tutela dei consumatori Art 1 (Liberalizzazioni delle attività economiche e riduzione degli oneri amministrativi sulle imprese) 1. Fermo restando quanto previsto dal decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n.214, sono abrogate le norme che prevedono limiti numerici, autorizzazioni, licenze, nulla osta o preventivi atti di assenso dell amministrazione comunque denominati per l avvio di un attività economica a far data dal 30 ottobre 2012, con esclusione delle norme che disciplinano il servizio taxi e i servizi professionali che sono regolati dai seguenti articoli (indicarli) 2. Per l avvio delle attività per le quali sono stati soppressi, ai sensi del comma 1, i limiti numerici e i preventivi atti di assenso dell amministrazione, si applica quanto previsto dal comma 6 dell art. 34 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n Al fine di garantire lo sviluppo della concorrenza e la libertà di iniziativa economica privata, il mantenimento di un regime amministrativo volto a subordinare l avvio di un attività economica al previo rilascio di licenza, autorizzazione, nulla osta o preventivi atti di assenso dell amministrazione comunque denominati, deve essere giustificato sulla base dell esistenza di un interesse generale, costituzionalmente rilevante e compatibile con l ordinamento comunitario, nel rispetto del principio di proporzionalità. I requisiti soggettivi e oggettivi per l esercizio di un attività economica devono essere individuati sulla base dell esistenza di un 9

10 interesse generale, costituzionalmente rilevante e compatibile con l ordinamento comunitario, nel rispetto del principio di proporzionalità. 4. Il Governo è autorizzato ad adottare uno o più regolamenti, ai sensi dell art. 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, allo scopo di individuare quelle attività per le quali permane l atto preventivo di assenso dell amministrazione, nel rispetto della norma generale di cui al comma 3 e in deroga a quanto stabilito dal comma 1. Con uno o più regolamenti adottati secondo la procedura di cui al periodo precedente, sono disciplinati, nel rispetto dei principi di cui al comma 3, i requisiti per l esercizio delle attività economiche, i termini e le modalità per l esercizio dei poteri di controllo dell amministrazione. L Autorità garante della concorrenza e del mercato rende parere obbligatorio, nel termine di trenta giorni decorrenti dalla ricezione degli schemi di regolamento, in merito al rispetto del principio di proporzionalità. In mancanza del parere nel termine, lo stesso si intende rilasciato positivamente. 5. Sono escluse dall ambito di applicazione del presente articolo, i servizi finanziari come definiti dall articolo 4 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 e i servizi di comunicazione come definiti dall art. 5 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 (Attuazione direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno) e le attività sottoposte a regolazione e vigilanza di apposita autorità indipendente. 6. Le Regioni adeguano la propria normativa ai principi stabiliti dal presente articolo. Art. 2 (Libertà di praticare sconti) 1. Fatte salve le disposizioni di cui al decreto legislativo 2 agosto 2007, n. 145 e al decreto legislativo 2 agosto 2007, n. 146, in materia di pratiche commerciali scorrette e di pubblicità ingannevole e comparativa, gli articoli 2 e 3 della legge 10 ottobre 1990, n. 287 e gli art. 101 e 102 del Trattato sul Funzionamento dell Unione Europea, ogni impresa che svolga attività commerciale anche al dettaglio, in qualunque settore merceologico, può decidere in autonomia il periodo nel quale effettuare sconti, saldi o vendite straordinarie, la durata delle promozioni e l entità delle riduzioni. 2. Sono abrogate le norme vigenti che stabiliscono obblighi preventivi di comunicazione all amministrazione, poteri amministrativi o limiti di qualunque tipo inerenti alle facoltà disciplinate dal primo comma. 3. Sono altresì abrogati l articolo 15 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, l articolo 3, comma 1, lettera f), limitatamente alle parole da tranne a prodotti, del decreto legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito con modificazioni nella legge 4 agosto 2006, n. 248, e comunque ogni altra disposizione incompatibile con quanto stabilito ai commi 1 e 2. Art. 3 (Sviluppo delle imprese e flessibilità sul lavoro) Dopo il comma 1 dell art. 18 della legge 20 maggio del 1970, n.300, è aggiunto il seguente: 1 bis. In caso di incorporazione o di fusione di due o più imprese che occupano alle proprie dipendenze alla data del 31 gennaio 2012 un numero di prestatori d opera pari o inferiore a quindici, il numero di prestatori d opera di cui al comma precedente è elevato a cinquanta Art. 4 (Norme a tutela e promozione della concorrenza nelle Regioni e negli enti locali e a tutela dei consumatori) 1. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, da adottare entro sessanta giorni dall entrata in vigore del presente decreto, senza oneri aggiuntivi per la finanza pubblica, viene individuato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, anche nell ambito dei dipartimenti esistenti, un ufficio che svolge le funzioni di tutela e di promozione della concorrenza nelle Regioni e negli enti locali e di tutela dei consumatori. 2. La struttura individuata ai sensi del comma 1 del presente articolo svolge, in particolare, le seguenti funzioni: a) Monitora la normativa regionale e locale e individua, anche su segnalazione dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, le disposizioni contrastanti con la tutela o la promozione della concorrenza; b) Assegna all ente interessato un congruo termine per rimuovere i limiti alla concorrenza; c) Decorso inutilmente il termine di cui alla lettera b), propone al Presidente del Consiglio di sottoporre al Consiglio dei Ministri l esercizio dei poteri sostitutivi di cui all articolo 8 della legge 5 giugno 2003, n d) Supporta gli enti locali nel monitoraggio e nelle procedure di dismissione delle loro partecipazioni societarie nei servizi pubblici locali; e) Ha il potere di proposta di cui all articolo del presente (privatizzazioni); f) Svolge le funzioni di cui all articolo del presente (clausole vessatorie). 10

11 3. Nell esercizio delle funzioni di cui al comma precedente, l ufficio individuato ai sensi del comma 1 del presente articolo, tramite funzionari appositamente autorizzati, può formulare richieste di informazioni a privati e enti pubblici. Le pubbliche amministrazioni sono tenute a collaborare con l ufficio individuato ai sensi del comma 1 del presene articolo. Con regolamento adottato, ai sensi dell articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono disciplinati i poteri e le procedure istruttorie, in modo da garantire il contraddittorio, la piena cognizione degli atti, la verbalizzazione e la maggiore speditezza possibile dell intervento amministrativo; sono inoltre disciplinati i rapporti tra la struttura e le altre amministrazioni pubbliche. 4. Il decreto di cui al comma 1 stabilisce anche l organizzazione e il funzionamento dell ufficio individuato ai sensi del medesimo comma. 5. I componenti, funzionari e i dipendenti dell ufficio individuato ai sensi del comma 1 del presente articolo non godono di emolumenti aggiuntivi o di gettoni di presenza comunque denominati, operano con autonomia di giudizio, rispondono per gli atti compiuti nell esercizio delle loro funzioni solo per dolo o colpa grave. CAPO II TUTELA DEI CONSUMATORI Art. 5 (Tutela amministrativa contro le clausole vessatorie) 1. Al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 dopo l articolo 37 è aggiunto il seguente Art 37 bis (Tutela amministrativa contro le clausole vessatorie) 1. L ufficio individuato ai sensi dell articolo, comma 1, del presente è competente ad accertare, d ufficio o su denuncia dei consumatori interessati, la vessatorietà delle clausole inserite nei contratti tra professionisti e consumatori. 2. Il provvedimento che accerta la vessatorietà della clausola è diffuso mediante pubblicazione su apposita sezione del sito internet istituzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sul sito dell operatore che adotta la clausola ritenuta vessatoria e mediante ogni altro mezzo ritenuto opportuno in relazione all esigenza di informare compiutamente i consumatori. 3. Le imprese interessate hanno facoltà di interpellare preventivamente l ufficio di cui al comma 1 in merito alla vessatorietà delle clausole che intendono utilizzare nei rapporti commerciali con i consumatori. Le clausole non ritenute vessatorie a seguito di interpello, non possono essere successivamente valutate dall ufficio di cui al comma 1 per gli effetti di cui al comma 2. Resta in ogni caso ferma la responsabilità dei professionisti nei confronti dei consumatori. 4. In materia di tutela giurisdizionale, contro gli atti dell ufficio di cui al comma 1, adottati in applicazione del presente articolo, è competente il giudice amministrativo in sede di giurisdizione esclusiva. È fatta salva la giurisdizione del giudice ordinario sulla validità delle clausole vessatorie e sul risarcimento del danno. Art. 6 (Estensione del campo di applicazione delle azioni di classe) All articolo 140 bis del codice del consumo di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 2 lett. a) la parola identica è sostituita dalla parola omogenea ; Il comma 2 lett. b) è così sostituito: b) i diritti spettanti ai consumatori finali di un prodotto o servizio nei confronti del relativo produttore, anche a prescindere da un diretto rapporto contrattuale; Al comma 2 lett. c) è soppressa la parola identici. b) al comma 3 le parole senza ministero del difensore sono sostituite dalle seguenti anche senza il ministero del difensore. Al comma 3, terzo periodo, le parole contenente,oltre all elezione di domicilio, l indicazione degli elementi costitutivi del diritto fatto valere con la relativa documentazione probatoria, è depositato in cancelleria, anche tramite l attore sono sostituite dalle seguenti allegante l omogeneità della fattispecie ed il rinvio agli elementi costitutivi del diritto fatti valere nell atto introduttivo dall attore principale, è depositato in cancelleria, anche tramite l attore. Al comma 3 è aggiunto il seguente periodo: L adesione può essere comunicata, anche nel giudizio di appello, fino all udienza di precisazione delle conclusioni. c) il comma 6 primo periodo è così sostituito All esito della prima udienza il tribunale decide con ordinanza sull ammissibilità della domanda, ferma restando l ammissibilità delle posizioni identiche, ma può sospendere il giudizio quando sui fatti rilevanti ai fini del decidere è in corso un giudizio davanti al giudice amministrativo ; Al comma 6, secondo periodo le parole quando è manifestamente infondata, quando sussiste un conflitto di interesse sono soppresse e le parole l identità dei diritti individuali sono sostituite 11

12 dalle seguenti l omogeneità dei diritti d) Al comma 7, secondo periodo, è sostituito dal presente sul reclamo la corte d appello decide con ordinanza in camera di consiglio entro e non oltre quaranta giorni dal deposito del ricorso. e) Al comma 9, lettera a) la parola individuali è sostituita dalla seguente omogenei. f) Al comma 12 dopo le parole dette somme. sono aggiunte le seguenti In quest ultimo caso il giudice assegna alle parti un termine di novanta giorni per addivenire ad una conciliazione sulla liquidazione del danno. Il verbale di conciliazione costituisce titolo esecutivo. Scaduto il termine, il giudice liquida le somme dovute ai singoli aderenti. CAPO III SERVIZI PROFESSIONALI Art. 7 (Disposizioni sulle tariffe professionali) 1. Sono abrogate tutte le tariffe professionali, sia minime sia massime, comprese quelle di cui al capo V, titolo III, legge 16 febbraio 1913, n Al primo comma dell articolo 2233 del codice civile, sono apportate le seguenti modificazioni: a) Le parole le tariffe o sono soppresse; b) Le parole sentito il parere dell associazione professionale a cui il professionista appartiene. sono sostituite dalle seguenti secondo equità.. 3. Al primo comma dell articolo 636 del codice di procedura civile, le parole da e corredata da fino a in base a tariffe obbligatorie sono abrogate. 4. Alla legge 16 febbraio 1913, n. 89 sono apportate le seguenti modificazioni: a) Il comma 2 dell articolo 74 è soppresso; b) All articolo 79: la parola 379 è sostituita dalla parola 636 ; le parole da al pretore fino a competenza per valore sono sostituite dalle seguenti: al giudice competente che decide ai sensi dell articolo 2233 del codice civile ; l ultimo periodo è soppresso. Art. 8 (Obbligo di comunicazione del preventivo) 1. Tutti i professionisti concordano in forma scritta con il cliente il preventivo per la prestazione richiesta. La redazione del preventivo è un obbligo deontologico e costituisce illecito disciplinare. 2. Nell atto di determinazione del preventivo il professionista ha l obbligo di indicare l esistenza di una copertura assicurativa, se stipulata, per i danni provocati nell esercizio dell attività professionale, la sua durata e il suo massimale. 3. Il presente articolo non si applica all esercizio delle professioni reso nell ambito del servizio sanitario nazionale o in rapporto di convenzione con lo stesso. 4. Entro novanta giorni dall entrata in vigore del presente i codici deontologici si adeguano alle previsioni del presente articolo. Art. 9 (Accesso dei giovani all esercizio delle professioni) 1. All articolo 6 della legge 9 maggio 1989, n. 168, dopo il comma 3, è inserito il seguente: 3 bis. Le università possono prevedere nei rispettivi statuti e regolamenti che il tirocinio ovvero la pratica, finalizzati all iscrizione negli albi professionali, siano svolti nell ultimo biennio di studi per il conseguimento del diploma di laurea specialistica o magistrale; il tirocinio ovvero la pratica così svolti sono equiparati a ogni effetto di legge a quelli previsti nelle singole leggi professionali per l iscrizione negli albi. Sono esclusi dalla presente disposizione i tirocini per l esercizio delle professioni mediche o sanitarie. Resta ferma la durata massima dei tirocini prevista dall articolo 33, comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n Art. 10 (Estensione ai liberi professionisti della possibilità di partecipare al patrimonio dei confidi) 1. All articolo 39, comma 7, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge22 dicembre 2011, n. 214, dopo le parole: le piccole e medie imprese socie inserire le parole: e i liberi professionisti soci. Art. 11 (Potenziamento del servizio di distribuzione farmaceutica e accesso alla titolarità delle farmacie) 1. Il secondo e il terzo comma dell articolo 1 della legge 2 aprile 1968, n. 475, e successive modificazioni sono sostituiti dai seguenti: il numero delle autorizzazioni è stabilito in modo 12

13 che vi sia una farmacia ogni 3000 abitanti. La popolazione eccedente, rispetto al parametro di cui al secondo comma, consente l apertura di una ulteriore farmacia, qualora sia superiore a 500 abitanti; nei comuni fino a 9000 abitanti, l ulteriore farmacia può essere autorizzata soltanto qualora la popolazione eccedente rispetto al parametro sia superiore a 1500 abitanti. 2. Le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano provvedono ad assicurare, entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, l approvazione straordinaria delle piante organiche delle farmacie, in attuazione della previsione di cui al comma 1. In deroga a quanto previsto dall articolo 9 della legge 2 aprile 1968, n. 475, sulle sedi farmaceutiche istituite in attuazione del comma 1 non può essere esercitato il diritto di prelazione da parte del comune. Entro i successivi 30 giorni le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano bandiscono un concorso straordinario per soli titoli per la copertura delle sedi farmaceutiche di nuova istituzione o vacanti, fatte salve quelle per le quali sia stata già espletata la procedura concorsuale, riservando la partecipazione allo stesso ai farmacisti non titolari di farmacia e ai titolari di farmacia rurale sussidiata. L adozione dei provvedimenti previsti dai precedenti periodi del presente comma costituisce adempimento soggetto alla verifica annuale da parte del comitato e del tavolo di cui agli articoli 9 e 12 dell intesa sancita in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano del 23 marzo 2005, ai fini dell accesso al finanziamento integrativo del Servizio sanitario nazionale. 3. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sentiti l unità sanitaria locale e l ordine provinciale dei farmacisti, competenti per territorio, possono istituire una farmacia: a) Nelle stazioni ferroviarie, negli aeroporti civili a traffico internazionale, nelle stazioni marittime e nelle aree di servizio autostradali ad alta intensità di traffico, servite da servizi alberghieri o di ristorazione; b) Nei centri commerciali e nelle grandi strutture di vendita con superficie superiore a metri quadrati, purché non sia già aperta una farmacia a una distanza inferiore a 1500 metri. 4. Fino al 2022, tutte le farmacie istituite ai sensi del comma 3 sono offerte in prelazione ai comuni in cui le stesse hanno sede. 5. Nelle regioni in cui, alla data del 1 marzo 2013, non sia stato assegnato almeno l 80 per cento delle sedi messe a concorso ai sensi del comma 2, possono essere venduti i medicinali di cui all articolo 8, comma 10, lettera c) della legge 24 dicembre 1993, n. 537 e successive modificazioni, anche negli esercizi commerciali di cui all articolo 5, comma 1, del decreto legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, in possesso dei requisiti tecnologici, strutturali e organizzativi fissati con decreto del Ministro della salute ai sensi dell articolo 32 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n Non rientrano nell ambito di applicazione del presente comma i medicinali di cui all articolo 45 del testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza approvato con decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, e successive modificazioni, i medicinali di cui all articolo 89 del decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, i farmaci del sistema endocrino e quelli somministrabili per via parenterale. 6. Al comma 9 dell articolo 7 della legge 8 novembre 1991, n. 362 e successive modificazioni, le parole due anni sono sostituite dalle parole sei mesi. Art. 12 (Incremento del numero dei notai e concorrenza nei distretti) 1. La tabella notarile che determina il numero e la residenza dei notai, di cui all articolo 4, comma 2, della legge 16 febbraio 1913, n. 89, come revisionata da ultimo con i decreti del Ministro della giustizia in data 23 dicembre 2009, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 16 dicembre 2011, n. 292, è aumentata di cinquecento posti. 2. Con successivo decreto del Ministro della giustizia, da adottare entro 120 giorni dall entrata in vigore del presente, i posti di cui al comma 1 sono distribuiti nei distretti e nei singoli comuni in essi compresi, secondo i parametri di cui all articolo 4, comma 1, della legge 6 febbraio 1913, n Entro il 30 giugno 2012 è bandito un concorso pubblico per la nomina a notaio per 500 posti. Entro il 30 giugno 2013 è bandito un ulteriore concorso pubblico per la nomina a notaio per 500 posti. Per gi anni successivi entro il 30 giugno è comunque bandito un concorso per la copertura di tutti i posti che si rendono disponibili. 13

14 4. I commi 1 e 2 dell articolo 26 della legge 16 febbraio 1913, n. 89, sono sostituiti dai seguenti: Per assicurare il funzionamento regolare e continuo dell ufficio, il notaro deve tenere nel Comune o nella frazione di Comune assegnatagli studio aperto con il deposito degli atti, registri e repertori notarili, e deve assistere personalmente allo studio stesso almeno due giorni a settimana e almeno uno ogni quindici giorni per ciascun Comune o frazione di Comuni aggregati. Il notaro può recarsi, per ragione delle sue funzioni e aprire sedi secondarie del suo studio, in tutto il territorio nel distretto della Corte d Appello in cui trovasi la sua sede notarile.. 5. Il comma 2 dell articolo 27 della legge 16 febbraio 1913, n. 89, è sostituito dal seguente: egli non può esercitarlo fuori dal territorio della Corte d Appello nel cui distretto è ubicata la sua sede.. 6. Le lettere a) e b) del comma 1 dell articolo 153 della legge 16 febbraio 1913, n. 89, come modificato dall articolo 39 del decreto legislativo 1 agosto 2006, n. 249, sono sostituite dalle seguenti: a) al procuratore della Repubblica presso il Tribunale nel cui circondario ha sede il notaio ovvero nel cui circondario il fatto per il quale si procede è stato commesso; b)al presidente del Consiglio notarile del distretto nel cui ruolo è iscritto il notaio ovvero del distretto nel quale il fatto per il quale si procede è stato commesso. Se l infrazione è addebitata allo stesso presidente, al consigliere che ne fa le veci, previa delibera dello stesso consiglio. La stessa delibera è necessaria in caso di intervento ai sensi dell articolo 156 bis, comma Al comma 1 dell articolo 155 della legge 16 febbraio 1913, n. 89, come modificato dall articolo 41 del decreto legislativo 1 agosto 2006, n. 249, le parole di cui all articolo 153, comma 1, lettera b) sono sostituite dalle seguenti: in cui il notaio ha sede. CAPO IV ENERGIA Art. 13 (Liberalizzazione della distribuzione dei carburanti) 1. I gestori degli impianti di distribuzione dei carburanti che siano anche titolari degli impianti stessi si riforniscono liberamente da qualsiasi produttore o rivenditore, nel rispetto della vigente normativa. Nei nuovi contratti eventuali clausole che prevedano forme di esclusiva nell approvvigionamento sono nulle per violazione di norma imperativa di legge. Nei contratti in essere alla data di entrata in vigore della presente legge, il gestore può comunque avvalersi della libertà di approvvigionamento presso qualsiasi produttore o rivenditore nella misura del cinquanta per cento di quanto erogato nel precedente anno dal singolo punto vendita. In questo caso, le parti possono rinegoziare le condizioni economiche e l uso del marchio. 2. I gestori degli impianti che non sono anche proprietari degli stessi hanno facoltà di rifornirsi liberamente da qualsiasi produttore o rivenditore, nel rispetto della vigente normativa, per una percentuale non inferiore al venti per cento del proprio fabbisogno o di quanto erogato nel precedente anno dal singolo punto vendita e secondo modalità contrattuali, anche diverse dal comodato d uso, definite ai sensi dell art. 19, comma 3 della legge 5 marzo 2001, n. 57, entro il 1 luglio In ogni caso, dall entrata in vigore della legge, i gestori non proprietari dell impianto hanno comunque facoltà di approvvigionarsi liberamente da qualsiasi produttore o rifornitore del venti per cento del proprio fabbisogno o di quanto erogato nel precedente anno dal singolo punto vendita. 3. I comportamenti posti in essere dai titolari degli impianti o dai fornitori dei prodotti petroliferi allo scopo di ostacolare, impedire o limitare, in via di fatto o tramite previsioni contrattuali, le facoltà attribuite dal presente articolo al gestore integrano abuso di dipendenza economica, ai sensi e per gli effetti dell articolo 9 della legge 18 giugno 1998, n L articolo 28, comma 8, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, è sostituito dal seguente: Al fine di incrementare la concorrenzialità, l efficienza del mercato e la qualità dei servizi nel settore degli impianti di distribuzione dei carburanti, è sempre consentito in tali impianti: a) L esercizio dell attività di somministrazione di alimenti e bevande di cui all articlo 5, comma 1, lettera b), della legge 25 agosto 1991, n. 287, fermo restando il rispetto delle prescrizioni di cui all articolo 64, commi 5 e 6, e il possesso dei requisiti di onorabilità e professionali di cui all articolo 71 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59; b) L esercizio dell attività di un punto di vendita non esclusivo di quotidiani e periodici senza limiti di ampiezza della superficie dell impianto; c) L esercizio della vendita di pastigliaggi; d) L esercizio della vendita di tabacchi; e) È comunque consentita la vendita di ogni bene e servizio, nel rispetto della vigente normativa relativa al bene e al servizio posto in vendita : 14

15 5. L articolo 28, comma 10, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, è sostituito dal seguente: Le attività di cui al comma 8 lettere a), b) c), d) ed e) di nuova realizzazione, anche se installate su impianti esistenti, sono esercitate dai soggetti titolari della licenza di esercizio dell impianto di distribuzione di carburanti rilasciata dall ufficio tecnico di finanza, salvo rinuncia del titolare della licenza dell esercizio medesimo, che può consentire a terzi lo svolgimento delle predette attività. Art. 14 (Liberalizzazione degli impianti completamente automatizzati) 1. All articolo 28, comma 7, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, le parole a condizione fino a dipendenti sono soppresse. Art. 15 (Separazione tra attività di produzione, importazione e vendita all ingrosso e attività di distribuzione) 1. Al fine di favorire le dinamiche concorrenziali e l efficienza della rete di distribuzione dei carburanti per uso di autotrazione, la proprietà degli impianti di distribuzione di carburanti può essere riscattata nei confronti degli attuali proprietari che operino in modo integrato, direttamente o indirettamente, nella ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi, nella raffinazione o importazione o commercializzazione di prodotti finiti, nella produzione e commercializzazione di benzine, petroli, gasoli per usi correnti, ma anche diversi da quello di autotrazione, oli lubrificanti e residuati, gas di petrolio liquefatto, fino al limite complessivo di 1/3 della rispettiva dotazione, accertata alla data del 30 ottobre 2012 dall Autorità per l energia e il gas, dai seguenti soggetti: a) I gestori degli impianti di distribuzione da soli o in società o cooperative appositamente costituite; b) Ogni altro soggetto imprenditoriale, anche in associazione con i soggetti di cui alla lettera a) del presente comma, che non operi in maniera integrata, direttamente o indirettamente, nella ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi, nella raffinazione o importazione o commercializzazione di prodotti finiti, nella produzione e commercializzazione di benzine, petroli, gasoli, per usi correnti ma anche diversi da quello di autotrazione, oli lubrificanti e residuati, gas di petrolio liquefatto. 2. Il diritto di riscatto di cui al comma 1 è subordinato al pagamento di un indennizzo che tenga conto degli investimenti fatti, degli ammortamenti in relazione ai canoni già pagati, dell avviamento e degli andamenti del fatturato, secondo criteri definiti dall Autorità per l energia elettrica e il gas. 3. Il diritto di riscatto si esercita nei confronti degli impianti individuati dal proprietario attuale, che abbiano un fatturato non inferiore a quello medio registrato nel 2011 sul totale degli impianti di cui il medesimo soggetto dispone. 4. In caso di disaccordo sull entità dell indennizzo di riscatto, decide previo contraddittorio, l Autorità per l energia elettrica e il gas. 5. Sono fatti salvi i liberi accordi tra le parti, anche oltre il limite complessivo stabilito dal comma Nel rispetto delle regole nazionali e comunitarie di concorrenza, sono consentite le aggregazioni fra gestori di impianti di distribuzione per autotrazione e i soggetti di cui alla lettera b) del comma 1 al fine di sviluppare la capacità di acquisto all ingrosso di carburanti per uso di autotrazione, di servizi di stoccaggio e di trasporto dei medesimi. Art. 16 (Ampliamento platea beneficiari bonus elettrico/gas) Al fine di ampliare la platea dei soggetti beneficiari dell applicazione delle tariffe agevolate previste per i soggetti economicamente svantaggiati dall articolo 1, comma 375, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 e dall art. 46, comma 1 bis, del decreto legge 31 dicembre 2007 n. 248 convertito dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, il Ministero dello sviluppo economico, d intesa con il Ministero dell economia e delle finanze e con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, dispone la revisione, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, dei criteri per l applicazione delle tariffe agevolate nel settore dell energia elettrica e del gas naturale. Art. 17 (procedure autorizzative alla costruzione di nuovi impianti) Gli impianti in fase di progettazione o riprogettazione contrattualizzati da Terna tramite il mercato della capacità come definito dalla delibera dell Autorità per l energia elettrica e il gas del 21 luglio 2011, ARG/elt 98/11 sono di pubblica utilità, nonché urgenti e indifferibili, ai sensi 15

16 delle normative vigenti, come disposto dall articolo 3, comma 5, del decreto legislativo 1 giugno 2011, n. 93 CAPO V SERVIZI PUBBLICI LOCALI Art. 18 (Promozione della concorrenza nei servizi pubblici locali) 1. L organizzazione dello svolgimento dei servizi pubblici locali in ambiti o bacini territoriali ottimali e omogenei individuati anche in riferimento a dimensioni tali da consentire economie di scala e di differenziazione idonee a massimizzare l efficienza del servizio costituisce principio generale dell ordinamento nazionale cui le Regioni si conformano ai seni dell art. 117, comma 2, lettere e) ed s) della Costituzione entro il termine del 30 giugno Decorso inutilmente il termine indicato, il Consiglio dei Ministri esercita i poteri sostitutivi di cui all art. 8 della legge 5 giugno 2003, n L art. 4, comma 3, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito nella legge 14 settembre 2011, n. 148 è sostituito dal seguente: La delibera di cui al comma precedente è adottata previo parere obbligatorio dell Autorità garante della concorrenza e del mercato, che si pronuncia entro sessanta giorni, sulla base dell istruttoria svolta dall ente locale, in merito all esistenza di ragioni idonee e sufficienti all attribuzione di diritti di esclusiva e alla correttezza della scelta eventuale di procedere all affidamento simultaneo con gara di una pluralità di servizi pubblici locali. La delibera e il parere sono resi pubblici. 3. L art. 4, comma 4 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 13, convertito nella legge 14 settembre 2011, n. 148 è sostituito dal seguente: l invio all Autorità garante della concorrenza e del mercato, per il parere obbligatorio, della verifica di cui al comma 1 e del relativo schema di delibera quadro di cui al comma 2, è effettuato entro dodici mesi dall entrata in vigore del presente decreto e poi periodicamente secondo i rispettivi ordinamenti degli enti locali. La delibera quadro di cui al comma 2 è comunque adottata prima di procedere la conferimento e al rinnovo della gestione dei servizi, entro trenta giorni dal parere dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. In assenza della delibera, l ente locale non può procedere all attribuzione di diritti di esclusiva ai sensi del presente articolo.. 4. Al comma 13 dell art. 4 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito nella legge 14 settembre 2011, n. 148 sono apportate le seguenti modificazioni: a) Le parole: somma complessiva di euro annui sono sostituite dalle seguenti: somma complessiva di euro annui ; b) Alla fine del comma sono aggiunte le parole: In deroga, la gestione in house è consentita per un periodo massimo di cinque anni a decorrere dal 31 dicembre 2012 nel caso di azienda risultante dalla fusione, entro la medesima data, di preesistenti gestioni dirette tale da configurare un unico gestore del servizio a livello di ambiti o di bacini territoriali ottimali.. 5. Dopo il comma 14 dell art. 4 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito nella legge 14 settembre 2011, n. 148, sono inseriti i seguenti: 13-bis. L applicazione delle procedure previste dal presente articolo da parte di Comuni, Province e Regioni costituisce elemento di valutazione della virtuosità degli stessi enti ai sensi dell articolo 20, comma 3, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito dalla legge 15 luglio 2011, n ter. Fatti salvi i finanziamenti ai progetti cofinanziati con fondi europei, i finanziamenti concessi a valere su risorse pubbliche statali sono prioritariamente attribuiti agli enti di governo degli amibiti o dei bacini territoriali ottimali.. 6. Dopo il comma 14 dell art. 4 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito nella legge 14 settembre 2011, n. 148, è inserito il seguente: 14-bis. Nelle more dell adozione del decreto ministeriale di cui all articolo 18, comma 2 bis del decreto legge 25 luglio 2008, n. 112 e fatti salvi gli impegni assunti in convenzioni, contratti di servizio o di programma già sottoscritti entro la data di entrata in vigore del presente decreto con riferimento all attuazione dei piani d ambito, le società di cui al comma precedente, con la sola eccezione di quelle consentite ai fini dell aggregazione ai sensi dell ultimo periodo del comma 13, possono contrarre mutui per la realizzazione di investimenti nel limite in cui l importo degli interessi di ciascuna rata annuale d ammortamento, gravante sul bilancio dell azienda, sommato all ammontare degli interessi dei mutui precedentemente contratti, non superi il 25 per cento delle entrate effettive dell azienda accertate in base al bilancio dell esercizio precedente 7. All art. 4, comma 32 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito nella legge 14 settembre 2011, n. 148, alla lettera a) in fine le parole alla data del 31 marzo 2012 sono 16

17 sostituite con le seguenti alla data del 31 dicembre All art. 4, comma 34 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito nella legge 14 settembre 2011, n. 148, le parole il servizio di trasporto ferroviario regionale, di cui al decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 sono soppresse. 9. Il presente articolo non si applica al servizio idrico per il quale rimangono ferme le competenze dell Autorità per l energia elettrica e il gas previste dall art. 21 comma 19, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 Art. 19 (Privatizzazione dei servizi pubblici locali) 1. Fermo quanto previsto dall articolo 14, comma 32, del decreto legge 31 magio 2010, n. 78, convertito nella legge 30 luglio, n. 122, i Comuni, quando sussistono esigenze di promozione dell ampliamento dei mercati e di ripianamento delle proprie posizione debitorie, hanno facoltà di cedere le proprie quote di partecipazioni in società, secondo procedure aperte, nelle quali sia garantita la parità di condizioni di gara, la più ampia trasparenza e conoscibilità e comunicano l esito entro il 30 settembre 2012 all Ufficio di cui all articolo. Comma 1, del presente 2. In caso di omessa comunicazione sulla dismissione, possono essere esercitati i poteri sostitutivi di cui all art. 8 della legge 5 giugno 2003, n Art. 20 (Aziende speciali e istituzioni) 1. All articolo 114 del decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni: a) Al comma 1 dopo le parole ente locale sono inserite le seguenti: per la gestione di servizi diversi dai servizi di interesse economico generale ; b) Dopo il comma 5 è inserito il seguente: 5-bis. Le aziende speciali e le istituzioni sono assoggettate al patto di stabilità interno secondo le modalità definite, con decreto del Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con i Ministri dell interno e degli affari regionali, sentita la Conferenza Unificata di cui all articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, da emanare entro il 30 giugno Alle aziende speciali ed alle istituzioni si applicano le disposizioni del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, nonché le disposizioni che stabiliscono, a carico degli enti locali: divieti o limitazioni alle assunzioni di personale; contenimento degli oneri contrattuali e delle altre voci di natura retributiva o indennitaria e per consulenze anche degli amministratori; obblighi e limiti alla partecipazione societaria degli enti locali; nonché tutte le norme che costituiscono, comunque, principi di coordinamento della finanza pubblica. Gli enti locali vigilano sull osservanza del presente comma da parte dei soggetti indicati ai periodi precedenti. ; c) Al comma 8 dopo le parole seguenti atti sono inserite le seguenti: da sottoporre all approvazione del Consiglio Comunale. Art. 21 (Obblighi informativi dei concessionari e affidatari nei servizi pubblici locali) 1. I concessionari e gli affidatari di servizi pubblici locali, a seguito di specifica richiesta, sono tenuti a fornire agli enti locali che decidono di bandire la gara per l affidamento del relativo servizio i dati concernenti le caratteristiche tecniche degli impianti e delle infrastrutture, il loro valore contabile iniziale, le rivalutazioni e gli ammortamenti e ogni altra informazione necessaria per definire i bandi. 2. Fermo restando quanto previsto dagli articoli 3 della legge 10 ottobre 1990, n. 287 e 102 del Trattato sul funzionamento dell Unione europea, il ritardo nella comunicazione oltre il termine di giorni sessanta dall apposita richiesta e la comunicazione di informazioni false integrano illecito che il prefetto, su richiesta dell ente locale, sanziona con una sanzione amministrativa pecuniaria, irrogata ai sensi della legge 24 novembre 1981, n. 689, da un minimo di euro 5000 ad un massimo di euro CAPO VI TRASPORTI Art. 22 (Autorità di regolazione dei trasporti) 1. All articolo 37 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, i commi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti: 1. Decorsi sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, l Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, di cui all articolo 6 del decreto 17

18 legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni, ferme restando le competenze previste dalla vigente normativa, esercita inoltre le funzioni previste dal presente articolo. 2. L Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture è competente nei settori, autostradale, ferroviario, aeroportuale, portuale e della mobilità urbana collegata a stazioni, aeroporti e porti e in particolare provvede: 1) A garantire condizioni di accesso eque e non discriminatorie alle infrastrutture e alle reti, autostradali, ferroviarie, aeroportuali, portuali e alla mobilità urbana collegata a stazioni, aeroporti e porti; 2) A definire, se ritenuto necessario in relazione alle condizioni di concorrenza effettivamente esistenti nei singoli mercati, i criteri per la fissazione da parte dei soggetti competenti delle tariffe, dei canoni e dei pedaggi, tenendo conto dell esigenza di assicurare l orientamento ai costi e l equilibrio economico delle imprese regolate, alla luce degli oneri di servizio pubblico imposti e delle eventuali sovvenzioni pubbliche concesse; 3) A stabilire le condizioni minime di qualità dei servizi di trasporto connotati da oneri di servizio pubblico o sovvenzionati; 4) A definire gli schemi dei bandi delle gare per l assegnazione dei servizi di trasporto in esclusiva e delle convenzioni da inserire nei capitolati delle medesime gare; 5) Con particolare riferimento al settore autostradale, a rivedere, entro il 31 dicembre 2012 e con effetto dall anno successivo, i sistemi tariffari dei pedaggi relativi alle concessioni in essere applicando il metodo del price cap, con determinazione dell indicatore di produttività x a cadenza quinquennale per ciascuna concessione; in caso di mancata determinazione dei nuovi criteri tariffari nel termine indicato, i livelli delle tariffe restano fissati a quelli definiti nel 2012 e non possono subire alcun incremento fino alla rideterminazione secondo il metodo previsto nel periodo precedente; a definire gli schemi di concessione da inserire nei bandi di gara relativi alla gestione o costruzione; a definire gli schemi dei bandi relativi alle gare cui sono tenuti i concessionari autostradali; a definire gli ambiti ottimali di gestione delle tratte autostradali, allo scopo di promuovere una gestione plurale sulle diverse tratte e stimolare la concorrenza per confronto; 6) Con particolare riferimento al servizio taxi, ad adeguare i livelli di offerta del servizio taxi, delle tariffe e della qualità delle prestazioni alle esigenze dei diversi contesti urbani, in particolare per quanto riguarda le città metropolitane, secondo i criteri di ragionevolezza e proporzionalità, allo scopo di garantire il diritto di mobilità degli utenti nel rispetto dei seguenti principi: a) L incremento del numero delle licenze, ove ritenuto necessario anche in base a un analisi per confronto nell ambito di realtà comunitarie comparabili, è accompagnato da adeguate compensazioni da corrispondere una tantum a favore di coloro che sono già titolari di licenza o utilizzando gli introiti derivanti dalla messa all asta delle nuove licenze, oppure attribuendole a chi già le detiene, con facoltà di vendita o affitto, in un termine congruo oppure attraverso altre adeguate modalità; b) Consentire a un medesimo soggetto di avere la titolarità di più licenze, con la possibilità di essere sostituiti alla guida da chiunque abbia i requisiti di professionalità e moralità richiesti dalla normativa vigente; c) Prevedere la possibilità di rilasciare licenze part time e di consentire ai titolari di licenza una maggiore flessibilità nella determinazione degli orari di lavoro, salvo l obbligo di garanzia di un servizio minimo per ciascuna ora del giorno; d) Consentire ai possessori di licenza di esercitare la propria attività anche al di fuori dell area per la quale sono state originariamente rilasciate; e) Consentire una maggiore libertà nell organizzazione del servizio così da poter sviluppare nuovi servizi integrativi come, ad esempio, il taxi a uso collettivo o altre forme; f) Consentire una maggiore libertà nella fissazione delle tariffe, la possibilità di una loro corretta e trasparente pubblicizzazione, fermo restando la determinazione autoritativa di quelle massime a tutela dei consumatori 2. All articolo 37 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 2145, al comma 3 sono soppresse le parole individuata ai sensi del medesimo comma, al comma 5 sono soppresse le parole individuata ai sensi del comma 2 e al comma 6, lettera a), sono soppresse le parole individuata dal comma 2. All articolo 36 del decreto legge 6 luglio 2011, n. 111, al comma 2 è abrogata la lettera e). Art. 23 (indipendenza di Rete ferroviaria italiana s.p.a. dalle imprese operanti nel settore dei trasporti) 1. Al fine di consentire il raggiungimento di una piena autonomia ed indipendenza del gestore dell infrastruttura ferroviaria, sul piano giuridico, organizzativo e decisionale, dalle imprese operanti nel settore dei trasporti, come previsto dall articolo 11, comma 1, del decreto legislativo 8 luglio 2003, n. 188, e successive modificazioni, recante l attuazione delle direttive 18

19 2001/12/CE, 2001/13/CE e 2001/14/CE in materia ferroviaria, le azioni della società Rete ferroviaria italiana sono cedute al Ministero dell economia e delle finanze, che esercita i diritti dell azionista d intesa con il Ministero dello sviluppo economico. 2. Rimangono impregiudicati in capo a Rete ferroviaria italiana s.p.a. gli effetti del provvedimento di concessione di cui al decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione 31 ottobre 2000, n. 138/T, e successive modificazioni, ai sensi dell articolo 1, comma 3, del predetto decreto. Art. 24 (Eliminazione dell obbligo di applicare i contratti collettivi di settore nel trasporto ferroviario) 1. All art. 36, comma 1, del decreto legislativo 8 luglio 2003, n. 188, come modificato dall articolo 8 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla legge 14 settembre 2011, n. 148, sono apportate le seguenti modifiche: a) le parole ed i contratti collettivi nazionali di settore sono soppresse. b) la lettera b -bis) è soppressa. CAPO VII SERVIZI POSTALI E ALTRE LIBERALIZZAZIONI Art. 25 (Liberalizzazione dei servizi di notificazione a mezzo posta) 1. L articolo 4 del d.lgs. 22 luglio 1999, n. 261 come modificato, da ultimo, dal comma 4 dell articolo 1, d.lgs. 31 marzo 2011, n. 58, è abrogato. 2. In via transitoria, Poste Italiane S.p.A. continua a garantire lo svolgimento del servizio fino alla chiusura delle procedure concorsuali di affidamento del servizio da parte delle amministrazioni interessate e comunque non oltre il 31 dicembre Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. Art. 26 (Procedure ad evidenza pubblica per le concessioni del demanio marittimo per attività turistico balneari) 1. In conformità alla normativa dell Unione europea a tutela della concorrenza, la selezione del concessionario sui beni del demanio marittimo avviene attraverso procedure ad evidenza pubblica trasparenti, competitive e debitamente pubblicizzate, secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa. A favore dei precedenti concessionari è riconosciuto un diritto di prelazione, ove adeguino la propria offerta a quella presentata dal concorrente risultato vincitore della procedura. 2. Le concessioni non possono avere durata superiore a quattro anni e non possono essere automaticamente prorogate. In ogni caso, per il rinnovo si ricorre a nuove procedure competitive. Art. 27 (Autorizzazione in commercio dei farmaci generici) 1. Fatta salva la tutela della proprietà industriale e commerciale, l Agenzia Italiana per il Farmaco, nel rilasciare l autorizzazione all immissione in commercio dei farmaci generici, di cui all articolo 10 del decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, non ha il potere di accertare l esistenza di protezioni brevettuali o industriali. Art. 28 (Liberalizzazione delle pertinenze delle strade) 1. All articolo 24 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, il comma 5 bis è abrogato. 19

Bozza decreto sulle Liberalizzazioni (anticipata da Leggi Oggi. It)

Bozza decreto sulle Liberalizzazioni (anticipata da Leggi Oggi. It) Bozza decreto sulle Liberalizzazioni (anticipata da Leggi Oggi. It) CAPO I NORME GENERALI SULLE LIBERALIZZAZIONI E TUTELA DEI CONSUMATORI Art 1 (Liberalizzazioni delle attività economiche e riduzione degli

Dettagli

OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE

OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE Iscritto al n. 453 del Registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione/mediazione a norma dell'articolo 38 del D.Lgs. 17/01/2003, n. 5 OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE Le nuove disposizioni

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765 Prato, 27 Gennaio 2011 ALLA SPETTABILE CLIENTELA CIRCOLARE OGGETTO DECRETO LIBERALIZZAZIONI Il decreto Cresci Italia punta alla crescita eliminando (in parte) vincoli e privilegi, introducendo massicce

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 104 RISOLUZIONE DELLA 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) (Estensore FILIPPI) approvata nella seduta del 28 gennaio 2016

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie Legge annuale per il mercato e la Concorrenza (A.S. 2085) Audizione presso la X Commissione Industria, Commercio, Turismo Senato della Repubblica Roma, 12 novembre 2015 La Distribuzione Intermedia Farmaceutica

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Delega al Governo in materia di riordino degli enti di ricerca - - Art. 1. Art. 1.

Delega al Governo in materia di riordino degli enti di ricerca - - Art. 1. Art. 1. DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dell università e della ricerca (MUSSI) di concerto col Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione (NICOLAIS) e col Ministro dell economia

Dettagli

NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l.

NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l. NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l. SEDE LEGALE Via Umberto I, 13-73100 LECCE SEDE OPERATIVA Z.I. Ex Consorzio SISRI - 73100 LECCE Codice Fiscale e Partita IVA 04157000755 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CIRCOLARE 8 settembre 2005 Doveri degli enti di servizio civile e infrazioni punibili con le sanzioni amministrative previste dall art.3 bis della legge 6 marzo 2001,

Dettagli

Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità

Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità Danilo Papa Agenzie per il lavoro: autorizzazione a tempo indeterminato Una prima modifica riguarda la concessione alle

Dettagli

A.S.M. S.p.A. Aquilana Società Mulservizi. Regolamento per il conferimento degli incarichi

A.S.M. S.p.A. Aquilana Società Mulservizi. Regolamento per il conferimento degli incarichi A.S.M. S.p.A. Aquilana Società Mulservizi Regolamento per il conferimento degli incarichi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27/11/2009 (Principi generali) Il presente Regolamento

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

TITOLO I CONCORRENZA. Art. 1 (Liberalizzazione delle attività economiche e riduzione degli oneri amministrativi sulle imprese)

TITOLO I CONCORRENZA. Art. 1 (Liberalizzazione delle attività economiche e riduzione degli oneri amministrativi sulle imprese) TITOLO I CONCORRENZA CAPO I NORME GENERALI SULLE LIBERALIZZAZIONI Art. 1 (Liberalizzazione delle attività economiche e riduzione degli oneri amministrativi sulle imprese) 1. Fermo restando quanto previsto

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6229 PROPOSTE DI LEGGE D INIZIATIVA DEI SENATORI TOMASSINI; TOMASSINI; BETTONI, BRANDANI, MASCIONI, BAIO DOSSI, CARELLA, CORTIANA, DI GIROLAMO,

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI approvato con deliberazione G.P. n. 188 del 25.7.2001 modificato con deliberazione G.P. n. 83 del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAZZOLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAZZOLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5300 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAZZOLA Delega al Governo per l adozione di disposizioni volte ad agevolare il consolidamento

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l impiego, di incentivi all occupazione, di

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti In base all'art. 18 della Legge n. 133 /2008, le società a partecipazione pubblica totale o di controllo sono tenute all'adozione, con propri provvedimenti, di criteri e modalità per il reclutamento del

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N.

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. Senato Accademico 28 aprile 2016 Consiglio di Amministrazione 28 aprile 2016 Decreto Rettorale 759-2016 del 6 maggio 2016 Pubblicazione all Albo di Ateneo n. 128 del 9 maggio 2016 - Prot. 40568 Ufficio

Dettagli

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti di Luca Ferrari ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA REVISIONE LEGALE L esercizio della revisione legale é riservato ai soggetti

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

AREA SERVIZI E AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO RELAZIONE TECNICO -ILLUSTRATIVA

AREA SERVIZI E AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO RELAZIONE TECNICO -ILLUSTRATIVA COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia Piazza Biagio Marin, 4 - cap 34073 Codice Fiscale e Partita IVA 00064240310 tel. 0431 898248 - fax 0431 85212 E-MAIL: servizi.amministrativi@comunegrado.it AREA SERVIZI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI Ufficio Brevetti e della Proprietà Intellettuale Via Bogino 9-10124 Torino Tel. 011-670.4374/4381/4170 Fax 011-670.4436 ufficio.brevetti@unito.it

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI Alico Italia S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma Tel.: +39 06 492161 Fax: +39 06 49216300 Unionfondo Fondo Pensione Aperto Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati tesi a favorire l aggregazione delle imprese agricole di produzione primaria e di quelle di trasformazione di prodotti

Dettagli

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Regime di perequazione specifica aziendale per le imprese di distribuzione elettrica con meno di 5.000 punti di prelievo, ai sensi dell articolo 38, comma

Dettagli

Articolo 8. Articolo 8. (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici)

Articolo 8. Articolo 8. (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici) Sezione IV Sezione IV Salute Salute Articolo 8. Articolo 8. (Tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico terapeutici) (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici)

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il Revisori dei conti degli enti locali: Il TAR Lazio ritiene legittima la nuova procedura di estrazione a sorte degli iscritti negli elenchi regionali di cui al decreto del Ministero dell interno 23/2012.

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

TITOLO I CONCORRENZA CAPO I NORME GENERALI SULLE LIBERALIZZAZIONI

TITOLO I CONCORRENZA CAPO I NORME GENERALI SULLE LIBERALIZZAZIONI Testo Coordinato del Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1 Testo del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 (in Supplemento ordinario n. 18/L alla Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 19 del 24 gennaio

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Sicilia Legge Regionale n. 40 del 21 aprile 1995 Provvedimenti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali inerti. Disposizioni varie in materia urbanistica. L'Assemblea

Dettagli

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 giugno 2015. Definizione delle tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai contratti collettivi relativi

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI (adottato ai sensi dell articolo 18, comma 2, del Decreto Legge n. 112/2008, convertito in Legge n. 133/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Città di Venezia Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179 1/9 2/9 SOMMARIO 1. Premessa 4 2. Informazioni generali e

Dettagli

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001;

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001; 1 Delibera n. 08/2013 Il Comitato Centrale per l Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto terzi, riunitosi nella seduta del 31 luglio 2013; VISTA

Dettagli

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale Regione Umbria - Consiglio Regionale XXIII Sessione Straordinaria Deliberazione n. 94 del 10 ottobre 2006 Legge Regionale Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative

Dettagli

DECRETO-LEGGE SULLA CONCORRENZA,

DECRETO-LEGGE SULLA CONCORRENZA, DECRETO-LEGGE SULLA CONCORRENZA, LE LIBERALIZZAZIONI E LE INFRASTRUTTURE TITOLO I CONCORRENZA CAPO I NORME GENERALI SULLE LIBERALIZZAZIONI Art. 1 (Liberalizzazione delle attività economiche e riduzione

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso)

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso) Allegato sub A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 42 del 17.03.2008 COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso) DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Criteri, condizioni e modalità cui si conforma la società SNAM S.p.A. per adottare il modello di separazione proprietaria della gestione della rete nazionale

Dettagli

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 Paola Mariani Regole IVASS, leggi italiane a tutela della concorrenza e compatibilità con il diritto dell U.E. Mercato

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Legislatura 14º - Disegno di legge N. 404-B SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Attesto che la 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), il 15 giugno 2005, ha approvato, con modificazioni, il seguente

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione autonoma Trentino- Alto Adige (Legge finanziaria) 1 Art. 1 (Sviluppo

Dettagli

Procedure di conferimento degli incarichi professionali

Procedure di conferimento degli incarichi professionali Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi Parte II Procedure di conferimento degli incarichi professionali Approvato con delibera della Giunta dell Unione di Comuni n. 88 del 23/10/2012 Modificato

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 10 maggio 2005, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA La seguente

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli