PASQUA 2008 Pace e serenità per ognuno di voi per i vostri cari e per la nostra associazione. il Presidente Nazionale On.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PASQUA 2008 Pace e serenità per ognuno di voi per i vostri cari e per la nostra associazione. il Presidente Nazionale On."

Transcript

1 PASQUA 2008 Pace e serenità per ognuno di voi per i vostri cari e per la nostra associazione. il Presidente Nazionale On. Mario Gargano

2 Presidenza Dalla Presidenza AGLI AMICI TUTTI Con ansia ho atteso di convocare una assemblea in occasione della Santa Pasqua per scambiarci gli auguri e per rimediare al mancato tradizionale incontro natalizio. Ma i nostri appuntamenti servono anche per affrontare i nostri problemi e trovare adeguate soluzioni. Un succedersi di eventi non hanno consentito di delineare un chiaro quadro programmatico su cui riflettere e decidere. L ultima complicazione parlamentare che ha creato il fermento che caratterizza questi nostri giorni fa ritardare ancora l auspicata assemblea. Mi auguro che entro breve termine possa tornare un minimo di chiarezza su cui proficuamente operare. L augurio che vi porgo non è meno sentito ed affettuoso di come l avrei espresso di persona. Nell attesa l auspicio di pace e serenità per ognuno di voi, per i vostri cari e per la nostra associazione. Roma, Pasqua 2008 Il Presidente Nazionale On. Mario Gargano 2

3 Presidenza CI ASCOLTERANNO? In questi due anni ho sovente scritto al presidente del consiglio ed a tanti ministri sostenendo la necessità di una seria applicazione della vigente legge 157/92. Soprattutto ho contestato al ministro Pecorario Scanio una pervicacia anti caccia non degna di un membro di un democratico governo. Seguito, a nome dell Italcaccia, a richiedere la stessa cosa. L applicazione della 157/92 significa anche una assemblea triennale dei mondi interessati per esaminare gli opportuni accorgimenti per ritmare i diritti del cacciatore, dell agricoltura e dell ambientalismo alla diffusa sensibilità. Ci ascolteranno? Il Presidente Nazionale On. Mario Gargano 3

4 Medicina Una nuova arma nella cura del tumore prostatico: la Bachiterapia interstiziale. Abbiamo incontrato il Dott. Mauro Paoluzzi, Specialista in Urologia, è Dirigente Medico presso l Unità Operativa di Urologia dell Ospedale Campo di Marte di Lucca (Direttore Prof. Novello Pinzi). È referente per il settore specialistico della Brachiterapia. Cos è la Brachiterapia prostatica? La brachiterapia interstiziale viene proposta, in alternativa alla prostatectomia radicale, come terapia definitiva del tumore prostatico. Si tratta di una tecnica che consente di irradiare la prostata posizionando al suo interno dei semi radioattivi (generalmente di Iodio 125) che distruggono le cellule tumorali permettendo la guarigione definitiva in un alta percentuale di casi a patto che sia applicata dopo una attenta selezione dei pazienti. E una tecnica sperimentale? Assolutamente no, si tratta di una metodica sicura e ormai standardizzata, come dimostrato dalle ampie casistiche reperibili nella letteratura scientifica internazionale con periodi di controllo (in termini tecnici detti follow up) che in alcuni casi arrivano fino ai 15, 20 anni. E una tecnica efficace in ogni caso di tumore prostatico? Intanto, va premesso come tutte le metodiche aventi come finalità la guarigione dalla malattia (la chirurgia, la radioterapia esterna e la brachiterapia interstiziale) possono essere proposte solo nei casi che si presentino clinicamente limitati alla ghiandola prostatica (per il valore del PSA e per le caratteristiche della biopsia alla diagnosi). La brachiterapia presenta ulteriori limiti di impiego mostrando la massima efficacia nei confronti di pazienti con PSA < a 10 ng/ml e Gleason score sulla biopsia < 6; inoltre il volume prostatico dovrebbe essere compreso fra cc e devono essere assenti sintomi di tipo ostruttivo alla minzione. In ogni caso un approfondito colloquio preliminare con uno specialista Urologo e/o Oncologo è necessario, anche perché in molti casi, dipendentemente dalle modalità di presentazione biologica del tumore, non c è una necessità immediata di trattamento e dunque debbono essere attentamente valutate tutte le opzioni nel singolo caso. 4

5 Medicina Come avviene il trattamento? In maniera molto schematica si procede in 3 fasi: nella prima si realizza una ecografia della prostata a strati successivi distanziati di circa 1 cm; queste fette sono acquisite da un sistema computerizzato che crea un modello 3D della prostata esaminata Nella seconda vengono sistemati virtualmente i semi in modo da irradiare tutto il volume considerato (in figura la radiazione è rappresentata dall alone bluastro intorno alla prostata ricostruita) Nella terza si passa all infissione degli aghi nella prostata: ciascuno di questi rilascia i semi all interno dell organo nella posizione prevista dal piano di trattamento Al termine del trattamento, come si può vedere da questa radiografia, la prostata è disseminata di questi piccoli semi, le cui radiazioni distruggono le cellule tumorali. Questi semi non rimangono attivi per sempre: dopo un periodo di circa 6 mesi il decadimento li rende radiologicamente inerti. 5

6 Medicina Quali sono i risultati in termini di guarigione in rapporto alla chirurgia? La brachiterapia interstiziale fornisce in termini di guarigione oncologica risultati sovrapponibili a quelli della terapia chirurgica dopo follow up di oltre 12 anni, ma nel contempo garantisce una migliore qualità di vita per i minori effetti collaterali in termini di incontinenza urinaria ed impotenza sessuale. Inoltre è un trattamento poco aggressivo in termini di ospedalizzazione (per un impianto presso il nostro Centro sono sufficienti due giorni di ricovero) e comporta una perdita contenuta di giornate lavorative. Brachiterapia Chirurgia Radioterapia esterna Percentuale di pazienti liberi da malatta a 10 anni dal trattamento In tutte e 3 le metodiche: dal 50 al 95% dipendentemente dalla biologia del tumore Percentuale di pazienti con incontinenza urinaria dopo trattamento Percentuale di pazienti con impotenza dopo trattamento Tempo di ospedalizzazione Media di giornate lavorative perse 1% 8-12% 3-5% 20-30% 50-80% 30-50% 2 giorni 5-10 giorni 6-7 settimane *in più accessi 3-5 giorni 2-3 mesi 1-3 mesi Questa tecnica viene eseguita ovunque? No, si tratta di una metodica che viene realizzata in un numero limitato di Centri, ad esempio presso la nostra Unità Operativa a Lucca è disponibile dal Gli interventi vengono condotti in collaborazione con le Unità Operative di Radioterapia e di Fisica Sanitaria. Inizialmente la nostra equipe ha collaborato con il St Luke s Cancer Centre del Royal Surrey County Hospital di Gilford (GB) uno dei maggiori centri europei per questo tipo di trattamento. Attualmente trattiamo una media di casi l'anno (numero di poco inferiore a quello degli interventi di chirurgia da noi eseguiti per tumore prostatico) e la consistenza di questa casistica ci pone tra i primi centri in Italia. Anche i nostri risultati in termini di efficacia e di effetti collaterali sono in linea con quelli dei maggiori Centri europei. 6

7 Avezzano-Bari AVEZZANO: VERBALE COSTITUTIVO Il giorno 29/11/2007 alle ore 21:00 in Carsilio (Aq), la sezione italcaccia Avezzano-Marsica ha costituito il circolo Comunale Italcaccia di Carsoli (Aq), il consiglio Direttivo come da rregolamento organico generale e su volere del comitato Promotore, è risultato così composto: Presidente: Valentini Secondo Vice Presidente: Berni Costantino Segretario, economo, cassiere: Marcangeli Gianni Consigliere: Marcangeli Giuseppe Consigliere: D Ascenzo Marco Visto letto approvato e sottoscrito il presente verbale di pagine 1 (uno) chiuso alle ore 23:00. Per Italcaccia AVEZZANO-MARSICA, Emidio Maceroni e Efisio Di Renzo. Per CIRCOLO COMUNALE ITALCACCIA DI CARSOLI, I 5 (cinque) Componenti Del C.D. sopra Menzionato Da Bari Riceviamo Dal PRESIDENTE REGIONALE DELLA PUGLIA DR. PASQUALE TRIPPUTI, E PUBBLICHIAMO. AVEVO RAGIONE Ricordate il decesso di quel professore di Riccione a caccia nella nostra provincia di Bari deceduto in seguito a perquisizione effettuata da guardie volontarie del WWf e da un agente della guardia forestale il 6 novembre 2005 addirittura con le armi in pugno? La denuncia inviata a tutti gli organi competenti e voluta fortemente dal sottoscritto che, trovandosi a percorrere quella strada aveva visto il cadavere del malcapitato (il quale tengo a precisare non era un nostro associato) incontro in verità, all inzio qualche diffidenza, poi con il buon senso dell amico avv. Carlo Milana nonchè la comprensione del presidente Gargano (è utile al riguardo vedere la nostra rivista Italcaccia-notizie N. 49 del Gennaio/Marzo 2006 pagg. 4e 5) si decise di procedere in tal senso. È di ieri 15 Gennaio la notizia su quotidiani e televisioni dell arresto di quei personaggi con diversi capi d accusa che oltretutto vessavano, minacciavano, intimidivano i cacciatori. Siamo in uno stato di diritto e ci continueremo a battere, almeno per quanto ci riguarda, contro soprusi, abusi di potere e quant altro possa ledere e offendere la nostra libertà e dignità. Vi allego tutte le notizie di stampa relative all arresto nonchè, riguardo alla notizia, cassetta di un telegiornale di una televisione a livello meridionale dove si riconosce all Italcaccia l iniziativa di aver denunciata questa squallida vicenda. 7

8 Bari L ITALCACCIA BALUARDO IN DIFESA DELLA DIGNITÀ DEI CACCIATORI CON QUALSIASI TESSERA ABBIANO IN TASCA. Corriere della Sera 8

9 Bari Repubblica Gazzetta del Mezzogiorno Corriere del Mezzogiorno 9

10 Bari-Chieti CHIETI CONVOCAZIONE CONSIGLIO PROVINCIALE Il giorno 22 febbraio 2008, a Lanciano, è stato convocato il Consiglio Provinciale allargato ai guardiacaccia presso la Sede Italcaccia. Lʼordine del giorno è stato il seguente: Relazione del Presidente; - Bilancio al 31/12/2007; - Bilancio previsione 2008/2009; - Prove Caccia Pratica e manifestazioni; - Criteri nuovo piano faunistico provinciale e regionale; - Varie ed eventuali. Il Presidente Provinciale: A. Tucci 10

11 Foggia I GIOVANI E L ITALCACCIA Il 6 gennaio 2008 tra le prime beccacce incarnierate sul Gargano non potevano mancare all appelo due giovani cacciatori dell italcaccia, Antonio Manzella e il fratello più piccolo Giovanni Manzella appena diciottenne ed alla sua prima licenza di caccia, grazie al merito dei lore ausiliari REX e LEA. Seppur giovani d età vantano in famiglia già tanti ricordi di caccia grazie al nonno paterno, al padre e agli zii che in tenera età gli hanno fatto conoscere il bellissimo mondo della natura e della caccia. E vero che sono figli d arte, ma la stoffa del cacciatore si guadagna sul campo di battaglia e loro non deludono mai. Antonio, l anno scorso ha anche vinto un trofeo piazzandosi al 3 posto sul percorso di caccia organizzata dall italcaccia di Manfredonia. Io come presidente della nostra città, auguro tantissimi altri carnieri pregiati ai due fratelli Manzella e a tutta la famiglia Italcaccia di Manfredonia e ringrazio come sempre il dott. Gioacchino Pesce (presidente provinciale e consigliere nazionale) per la carica datami. Il prossimo appuntamento sarà per la gara primaverile dove si sfideranno i cacciatori di Manfredonia sul percorso di caccia nel 2 trofeo Italcaccia dedicato al giovanissimo amico cacciatore Giovanni Falcone scomparso due anni fa. LUIGI LE NOCI PRESIDENTE ITALCACCIA MANFREDONIA 11

12 Milano UN TRATTO DEL FIUME ADDA CONCESSO ALL ITALCACCIA DI MILANO; TALE CONCESSIONE CONSENTIRÀ AL MONDO ITTICO DI DIFENDERE E CURARE L AMBIENTE Provincia di Milano DISCIPLINARE DI CONCESSIONE DI DIRITTO DEMANIALE DI PESCA DELLA PROVINCIA DI MILANO RELATIVO AL FIUME ADDA nel tratto denominato Mariona in Comune di Truccazzano (Albignano). PREMESSA Richiamati gli artt. 100 e 137 del D.P.R. n 616 del per effetto dei quali diritti esclusivi di pesca già del Demanio Statale sono stati trasferiti dall al demanio della Provincia di Milano; Atteso che il consiglio Provinciale, con deliberazione 16 Gennaio 1980 n /3053/56 ha stabilito che detti diritti demaniali di pesca possono essere affittati mediante concessioni annuali; Ricordato, pertanto, che è facoltà insindacabile della Provincia di Milano rinnovare la concessione dei diritti demaniali di pesca per l anno 2008; Tutto ciò premesso si rilascia il seguente: ATTO DI CONCESSIONE Art. 1 - La Provincia di Milano, in persona del Dott. Sergio Saladini in qualità di Direttore del Settore Sicurezza, Caccia e Pesca, Lotta all Usura della Provincia di Milano e del Dott. Carmelo Miceli in qualità di Responsabile del Servizio Gestore Attività Venatoria e Piscatoria della Provincia di Milano, accorda alla Sezione Provinciale di Milano ITALCACCIA - ITALPESCA, con sede in Via Confalonieri, 14 - Monza (MI), nella persona del Presidente - Sig. Giulio Orlandi, la concessione dell esercizio della riserva demaniale di pesca nel FIUME ADDA in provincia di Milano, nel tratto Mariona in comune di Truccazzano (Albignano). 12

13 Roma-Velletri SI È SVOLTO IL 2/12/07 CON SUCCESSO IL 4 TROFEO MARIO DE ANGELIS ORGANIZZATO DALLA SEZ. COM. DI VELLETRI Ha dato i seguenti risultati: 1 TADDEI UMBERTO 2 CERVINI AUGUSTO 3 CAFAROTTI ELIO 4 D ACHILLE ENZO 5 MASTRELLA AMEDEO 6 MASTRELLA FLAVIO 7 CAVOLA ANDREA 8 LEONI BENITO 9 CELLUCCI BRUNO A CONCLUSIONE DELLA GIORNATA PRESSO IL RISTORANTE SOLE E LUNA SI È SVOLTA LA FESTA DEL CACCIATORE CHE HA VISTO LA PRESENZA DI NUMEROSI NUCLEI FAMILIARI. Un momento della premiazione La Grande torta 13

14

15

16 Roma-Artena CACCIATA SOCIALE 2007 Domenica 9 dicembre 2007, nello splendido salone del ristorante GIACITTO di Artena, si è svolta l annuale CACCIATA SOCIALE, patrocinata dalla locale sezione ITALCACCIA e splendidamente organizzata dall armeria D AMICO ARMANDA, dall ottimo Presidente VINCENZO BOTTI- CELLI, e dall instancabile Segretario MAURIZIO FIORENTINI. È da circa 20 anni che Soci, appassionati, donne, bambini, si riuniscono in questo giorno per festeggiare tutti insieme un avvenimento importante e molto sentito dai CACCIATORI di Artena. Per l ITALCACCIA Provinciale è stato presente ROMANI BUZI Vice Presidente Vicario di Roma che ha portato i saluti dalla Presidenza Nazionale, Regionale e Provinciale ITALCACCIA Dopo l ottimo pranzo, si è preceduto alla premiazione dei vincitori della cacciata sociale, con sei premiati, con bellissime coppe ed un ambito TROFEO offerto come ogni anno dalla EDIL PRO- NIO di Gigino Guadagnoli che è stato vinto da ROLANDO BOTTICELLI. A nome della sezione ITALCACCIA il Segretario MAURIZIO FIORENTINI ha ringraziato tutti i partecipanti al pranzo che hanno voluto onorare la manifestazione composta da ben 90 partecipanti, il Vice Provinciale BUZI ROMANO per essere sempre presente a questo avvenimento. Per tutti un arrivederci al prossimo anno con l ITALCACCIA sempre più forte. FIORENTINI MAURIZIO Veduta dei premi 16

17 Roma-Artena-Torvajanica CACCIATA SOCIALE 2007 IL PRESIDENTE DELLA SEZIONE ITALCACCIA DI ARTE- NA VINCENZO BOTTICELLI, AI LATI ATTILIO E ROMA- NO BUZI. GIGINO GUADAGNOLI CONSEGNA IL TROFEO AL VIN- CITORE ROLANDO BOTTICELLI, ASSISTE ROMANO BUZI E UN CACCIATORE IN ERBA CON CAPPELLINO ITALCACCIA. IL VICE PRESIDENTE PROVINCIALE DI ROMA ROMA- NO BUZI PREMIA UN VINCITORE DELLA CACCIATA SOCIALE ROMANO BUZI PREMIA UN VINCITORE DELLA CAC- CIATA SOCIALE PARZIALE VEDUTA DELLA SALA PARTECIPANTI. Anche quest anno il giorno 24 febbraio 2008, la Sezione Comunale di Torvajanica, ha organizzato la consueta FESTA DEL CACCIATORE E DEI SUOI FAMILIARI che si è tenuta presso il Ristorante L ALBATROS di Torvajanica. Il Pres. Sez. Com. Valentini Domenico ROMA TORVAJANICA 17

18 Sicilia Decreto di nomina componente Comitato regionale faunistico venatorio 2007/

19 Udine OPERAZIONE VERITÀ Con la presente nota trasmetto in allegato gli articoli di stampa apparsi sui quotidiani regionali in merito alla nostra presa di posizione contro l intenzione dell attuale governo regionale di cambiare la legge 30/99 che disciplina l attività venatoria nella nostra regione. Abbiamo creato un fronte comune con le altre associazioni venatorie, esclusa la Federcaccia ad eccezione di alcune sezioni, con gli agricoltori e con parte del mondo ambientalista (escluso quello integralista). Con questa operazione tenteremo di bloccare l iter legislativo di approvazione della legge che andrà presumibilmente in discussione in consiglio regionale verso la fine di gennaio. Alla presente allego anche copia del documento sottoscritto unitamente ai promotori dell Operazione Verità (ove non figurano gli ambientalisti) congiuntamente ad una copia della petizione popolare da noi promossa. LA NUOVA LEGGE SULLA CACCIA: OPERAZIONE VERITA Il Consiglio regionale ha in calendario l approvazione della nuova legge regionale sostitutiva della legge 30/99 nel prossimo mese di gennaio. Si ha motivo di credere che pochi ne conoscano il contenuto e che ben poco sappiano i cacciatori di quanto sta accadendo a livello politico. Certo è che, invece di raggiungere la pacificazione in questo settore delicato, se questo testo verrà approvato ci aspettano altri anni di contrasti e polemiche, a causa di una legge che soddisfa solo le ambizioni di potere di pochissimi dirigenti venatori e che avrà effetti devastanti sulle riserve di caccia della Regione e sui cacciatori, non soltanto per gli oneri aggiuntivi ma anche per la maggior burocrazia introdotta. Alcuni Consiglieri regionali sostengono di dover comunque portare avanti l approvazione della Legge per dare risposta ai cittadini (circa 2700) che lo hanno richiesto sottoscrivendo una petizione in tal senso. A tale propostito nemmeno i sottoscrittori della petizione avranno modo di rallegrarsi in quanto nulla di quanto richiesto è stato accolto: la petizione infatti invitava la Regione Friuli Venezia Giulia ad approvare una nuova normativa che: a) riconosca alla caccia valenza come fenomeno sociale, culturale e di conservazione di fauna e ambiente; b) garantisca il principio dell autogestione venatoria dei cacciatori quale principale sistema di regolamentazione dell attività venatoria, di preservazione della fauna e di riqualificazione ambientale del territorio; c) garantisca la pari dignità di ogni forma di caccia senza ulteriori limitazioni oltre a quelle, già innumerevoli, presenti; 19

20 Udine d) presegua la semplificazione legislativa attraverso delegificazione ed accorpamento delle norme, riducendo le decine di leggi e centinaia di articoli che impediscono la corretta gestione della fauna e dell ambiente, rendendo difficile l esercizio di caccia; e) disinvesta dal sistema pubblico per la gestione giornaliera della caccia della caccia nell ambito riservatistico che ha prodotto, in campo alla Regione e a danno della collettività, enormi conseguenze negative come aumento dei costi, diminuzione dell efficienza, aumento della conflittualità, sottrazione di risorse; f) istituisca un Ente di gestione nell ambito del quale i rappresentanti dei cacciatori vengano eletti direttamente dagli stessi cacciatori e garantisca anche una rappresentanza del mondo agricolo, ambientalista ed associativo; g) provveda al contenimento, mediante prelievi programmati, dei predatori opportunisti nonchè delle specie dannose per il mondo agricolo e l ambiente in genere; h) consenta un immediato ed esaustivo risarcimento dei danni cagionati dalla fauna. ANCHE QUESTE PERSONE SONO STATE INGANNATE! Infatti, nella proposta di legge: punto a) non c è traccia nella legge di questa enunciazione filosofica, pertanto di nessuna rilevanza pratica. punto b) il principio dell autogestione venatoria resta una pura finzione in quanto se per autogestione significa assegnare i cacciatori o approvarsi l un l altro i regolamenti di caccia, tutto questo è meno di niente. La Regione mantiene intatto il suo potere centralizzato di gestione della fauna. punto c) la disciplina prevista sui segugi per la caccia agli ungulati non ha nulla a che vedere con la richiesta di assicurare pari dignità ad ogni forma di caccia. punto d) la semplificazione legislativa non è stata minimamente sfiorata. Ben nove sono i soggetti con i quali dovranno confrontarsi i cacciatori nell esercizio della loro attività. Si è persa l occasione di disboscare con un testo unico le decine di leggi che investono il settore della caccia punto e) il dimagrimento delle funzioni della Regione è solo apparente e di facciata. Se per dimagrimento significa lasciare ad un ipotetica Associazione che se la sbrighi da sola nell assegnare o trasferire i cacciatori (operazione che la Regione, se non si nascondesse dietro un dito, potrebbe svolgere nel giro di un paio di settimane e non già, come fa ora, in ben 5 mesi) c è poco da essere confortati. punto f) si voleva istituire l Ente gestore (o Organo gestore) ma ci si deve accontentare di una più modesta Associazione di cacciatori del tutto illegittima, ad elezione diretta, alla quale dovranno aderire obbligatoriamente i cacciatori (e le Riserve) se vorranno andare a caccia. Questo nuovo organismo, le cui funzioni principali 20

21 Udine saranno di assegnare i cacciatori e di esercitare l attività disciplinare, finirà per calpestare l autonomia delle Riserve di caccia e dei loro Direttori - unici, veri rappresentanti dei cacciatori - per la cui elezione da parte dei soci non è prevista alcuna norma. In questa ipotetica associazione non c è traccia della presenza del mondo agricolo e degli ambientalisti, a meno che non si abbia la fantasia di ritenere che il pletorico e del tutto inutile Comitato Faunistico Regionale possa degnamente rappresentare tali legittimi portatori di interesse. punto g) sulla caccia ai predatori opportunistici si sono fatti addirittura tre passi indietro. La prassi rigorosa relativa ai prelievi in deroga, che è applicata a livello comunitario limitatamente alle specie protette (e prevalentemente agli uccelli), viene infatti estesa, con questo disegno di legge, a tutte le specie cacciabili (cinghiale, ecc.) con procedure assolutamente inaccettabili. punto h) sui tempi per il risarcimento dei danni nessun cenno viene fatto dalla legge. Di fronte a tutto ciò, quanti hanno in buona fede sottoscritto il documento, non si sentono traditi da chi in realtà mirava a crearsi una posizione di potere, da esercitare in qualità di interlocutore unico nei confronti della politica regionale, in alternativa a Distretti e Riserve le cui funzioni di fatto risulteranno notevolmente ridimensionate? Non soltanto non esiste alcuna semplificazione amministrativa, ma nessuno sforzo viene fatto per evitare di esasperare la conflittualità interna al mondo venatorio. Se avete letto il testo di legge, vi sarete accorti che gli argomenti che riguardano la precisazione su aspetti regolamentari e su eventuali clausole compromissorie o sul come dirimere le controversie attraverso Collegi di Garanzia indipendenti, sono completamente spariti. È del tutto evidente che bisogna lasciare spazio agli studi professionali degli avvocati e lasciare che prosperino le cause civili e penali. Sapete quanto costerà tutto questo alle tasche del cacciatore? non soltanto verrà aumentata la tassa di concessione regionale dagli attuali 84 a ben 117 euro, ma sulle spalle del cacciatore verrà a gravare anche il balzello del 40% delle spese non coperte da contributo per mantenere questa struttura inutile, nonchè le parcelle dei tecnici liberi professionisti che saranno incaricati di redigere i Piani faunistici distretttuali spacciati come autogestione, ma sui quali decide e deciderà sempre e soltanto la Regione attraverso meccanismi di approvazione che sono allucinanti per la loro complessità e l ipocrita concertazione tra i diversi soggetti. Cosa si poteva e si può ancora fare? Sospendere la procedura di approvazione di questa legge; riflettere attentamente sull opportunità di dar vita ad un testo unico che riunisca una materia oggi dispersa in troppe leggi; Ragionare e chiedersi perchè, in materia di caccia, le cose in questa Regione sono con il tempo andate di male in peggio, mentre in altre la gestione della fauna e della caccia è ad un livello più che soddisfacente e, spesso, addirittura ottima. Perchè, dunque, non semplificare il quadro normativo prevedendo in capo alla Regione le sole funzioni programmatorie e legislative? Non sarebbe il caso di rafforzare il sistema, oggi vigilante, fondato sulle Riserve di caccia e trasformare i Distretti venatori nella versione loca- 21

22 Udine le Ambiti Territoriali di Caccia o Comprensori alpini, conferendo loro ampi poteri di autogestione? Si tratta di stutture associative previste dalla Legge quadro nazionale 157/1992, formate da cacciatori, agricoltori, ambientalisti ed enti locali, che non hanno fini di lucro e perseguono scopi di programmazione dell esercizio venatorio e di gestione della fauna selvatica su un territorio individuato dal Piano faunistico-venatorio regionale. Le loro funzioni comprenderebbero anche l accoglimento delle domande e l assegnazione dei cacciatori, l approvazione dei piani di prelievo, i miglioramenti ambientali, il pagamento dei danni all agricoltura, la soluzione delle controversie, ecc... Questa sarebbe una vera e propria semplificazione finalizzata alla reale autogestione, in quanto attuata attraverso il dimagrimento delle funzioni non strategiche della Regione, il decentramento delle funzioni gestionali a favore di soggetti giuridici già sperimentati a livello nazionale (ATC), il potenziamento delle funzioni di controllo in capo alle Provincie come avviene per altre Regioni del Nord e Centro Italia. Questo significa perseguire obiettivi di decentramento e di sussidiarietà delle funzioni. Per illustrare e dibattere tali problemi si invitano i Direttori di Riserva, i cacciatori, i rappresentanti delle Associazioni ambientaliste ed i rappresentanti delle formazioni politiche ad una riunione che si terrà il giorno 7 dicembre 2007 in località Paradiso (2 km a nord dell incrocio con la statale per Lignano) Comune di Pocenia (Udine) - via San Ermacora 1 presso la cantina Fraccaroli (Azienda agri-turistico-venatoria Paradiso ) alle ore 19,30. In tale circostanza si valuteranno le iniziative più opportune per raggiungere gli obiettivi prefissati. STASERA A POCENIA Riceviamo e Pubblichiamo Cacciatori, ambientalisti e agricoltori contro il disegno di legge sulla caccia Udine La storica alleanza tra Italcaccia, Arcicaccia, Enalcaccia, Circolo friulano cacciatori, Wwf, Lipu, Legambiente e Confagricoltori continua la sua lotta contro il disegno di legge sulla caccia presentato dall assessore Enzo Marsilio. Le associazioni si ritroveranno questa sera, alle 19.30, nell agriturismo-fraccardi con oltre 40 direttori di riserva e rappresentati di distretti venatori, consiglieri regionali e agricoltori, per ribadire la loro contrarietà al disegno di legge. In particolare saranno messi in evidenza i caratteri giudicati anticostituzionali del documento della giunta regionale per quanto riguarda l associazione obbligatoria dei cacciatorie le norme tecniche più negative per la gestione della fauna. Nella riunione saranno discussi anche i passi da compiere e gli atti da formalizzare per impedire che il Ddl venga votato in aula. 22

23 Udine L Italcaccia in prima fila per difendere il diritto del mondo venatorio Messagero Veneto 23

24 Udine Messagero Veneto 24

25 Udine-Vibo Valentia Vibo Valentia Si è svolta con grande successo la festa degli Auguri in Famiglia invenzione originale del vulcanico Presidente Provinciale di Vibo Valentia Pino Baldo. Gazzettino Vibo Valentia Ai signori operatori di PM: Mar.llo: Giovanni Caforio, Vittorio Ignesti; App.to: Paolina Schinelli, Maria Luisa Caruso, Antonio Rovere, Daniele De Caria, Raffaele Stillitano; Agente: Giuseppe A. Altieri, Laura Pirillo, Antonio Gatto, Vito Russo; A.T.: Ines Carnevale, Francesco Fortuna, Grazia Pochi, Paola Zappia Colace; Al Presidente Provinciale Italcaccia Vibo Valentia. Mi è particolarmente gradito formulare alle SS.LL. un vivo elogio per l ottimo servizio svolto nei pomeriggi di domenica e di martedì di carnevale 3 e 5 febbraio 2008 durante la sfilata dei carri allegorici in Vibo M. e Vibo città. Con l impegno e l incisiva operatività svolta sia nel campo della viabilità per tenere sgombero l itinerario dei carri assicurando contestualmente la fluidità del traffico nelle aree limitrofe e sia nel campo della pubblica sicurezza prevenendo e reprimendo azioni illecite contro la persona tipo lancio di uova ed uso di mazze e schiume dannose ed imbrattanti nonché nel sedare tafferugli tra bande di ragazzi ed evitare pestaggi a persone indifese, è stato assicurato il corretto e sereno svolgimento delle manifestazioni che hanno registrato, sia a Vibo M. che a Vibo città, no - nostante l inclemenza del tempo, la presenza di un numeroso pubblico che ha riempito le vie cittadine. L Ufficio personale Settore 1 cui il presente elogio è spedito per opportuna conoscenza, e pregato di inserire copia nel fascicolo personale di ogni operatore destinatario. Il Dirigente: Magg. D.co Corigliano Errata Corrige Nel N. 56 di Italcaccia Notizie a pag. 5 Leggasi da Cacciare a palla e non Caccia a Palla. CON GLI INTERESSATI CE NE SCUSIAMO. 25

26 Vigilanza Ancora un salvataggio dell'italcaccia. Una poiana ferita è tornata a volare. Una Poiana calzata, magnifico e raro esemplare maschio, è stato salvato dai volontari dell'italcaccia. Il rapace ferito era stato trovato, alcune settimane fa, dai guardiacaccia volontari Vincenzo Malivindi e Aurelio Bertolo, in servizio nella zona del Monte Nero, che hanno subito avvisato Gianni Calvi. Il presidente dell'associazione e ufficiale della polizia provinciale ha incaricato, per le cure, il veterinario Elio Bossi, che da anni presta gratuitamente la sua collaborazione per il recupero dei selvatici feriti. Dopo un delicato intervento chirurgico e due settimane di convalescenza, l'animale è tornato a volare, alto e libero, nel cielo del Parco di San Romolo. Richiesta di collaborazione. Da Roma - Velletri Una Poiana ferita è stata curata e restituita al suo ambiente naturale grazie alla sensibilità e professionalità degli agenti di vigilanza e del Dirigente Comunale dell'italcaccia di Velletri. Da Vibo Valentia In occasione dei carri allegorici che si svolgeranno martedì 5 febbraio 2008 in Vibo Valentia per le vie della città che prevede la partecipazione di una notevole massa popolare chiede la collaborazione volontaria per servizio d'ordine di n. 6 unità appartamenti alla Vostra Sezione dalle ore 14,00. AUGURI AI NUOVI DIRIGENTI ITALCACCIA BARI Comm. Com.le Santeramo in Colle Luca Giannini BOLOGNA Pres.te Com.le Il Vecchio Cacciatore Giancarlo Sorghini CASERTA Comm. Com.le Riardo Dario Sangermano COSENZA Comm. Com.le San Fili Vladimiro Capadonna Comm. Com.le Fuscaldo Francesco Martini Pres.te Prov. Cosenza Salvatore Bruno LATINA Pres.te Com.le Selcella Giancarlo Fatati Pres.te Com.le Prossedi Pisterzo Antonio Cardinali MILANO Pres.te Com.le Arcore Domenico Verducci PALERMO Comm. Com.le Bagheria Maurizio Fiorella Comm. Com.le Termini Imerese Francesco Cancilla SAVONA Comm. Com.le Bormida Piccardo Alessandro TARANTO Comm. Com.le Monteparano Angela Di Napoli Comm. Com.le Roccaforzata Chiara Quasucci VENEZIA Comm. Com.le Spinea Maurizio Vanin 26

27 Vigilanza RICONOSCIMENTO AL PRESIDENTE PROVINCIALE ITALCACCIA DI LATINA GIANNI CORSETTI 27

28 Stampa Pubbliprint Service snc - Roma - Tel. 06/ Fax 06/ Finito di stampare nel mese di Febbraio 2008 di questo numero sono state stampate n copie

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 RELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli Iscritti Bari, 27 novembre 2015 Gentili colleghe

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 del 31.05.2006 OGGETTO: RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI PRIMA DEL 1 GENNAIO 1997.- L

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 6 del 26-01-2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 6 del 26-01-2011 COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 6 del 26-01-2011 Oggetto: MANIFESTAZIONE "CARNEVALE IN PIAZZA 2011": DIRETTIVE AI CAPI SETTORE I, II, IV, V.

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 257 OGGETTO

PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 257 OGGETTO Proposta di deliberazione prot. n. 82398 del 15/09/2010 IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 257 OGGETTO RINNOVO CONVENZIONE CON L.I.P.U. (LEGA

Dettagli

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2 STATUTO Articolo 1 Costituzione, denominazione, sede e durata E costituita l Associazione LINEA ROSA. L associazione ha sede in Ravenna, Via Garatoni n. 12. Articolo 2 Finalità ed attività dell Associazione.

Dettagli

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O Denominazione. sede e durata Art. 1 E costituita un associazione senza fini di lucro denominata RETE ITALIANA DI MICROFINANZA denominata

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

MEDIFUTURO ASSOCIAZIONE CULTURALE Via E. A. Mario n. 10 80021 AFRAGOLA (NA) Cell. 320/ 7221687 e-mail: asso.medifuturo@libero.

MEDIFUTURO ASSOCIAZIONE CULTURALE Via E. A. Mario n. 10 80021 AFRAGOLA (NA) Cell. 320/ 7221687 e-mail: asso.medifuturo@libero. STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione e durata È costituita, nel rispetto degli artt. 36 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata MEDIFUTURO L Associazione ha durata illimitata, salvo

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Oggi, 7 dicembre 2009, a seguito delle vigenti disposizioni di legge viene rinnovato l atto costitutivo del GRUPPO

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Oggi, 7 dicembre 2009, a seguito delle vigenti disposizioni di legge viene rinnovato l atto costitutivo del GRUPPO ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Oggi, 7 dicembre 2009, a seguito delle vigenti disposizioni di legge viene rinnovato l atto costitutivo del GRUPPO FOTOGRAFICO IDEAVISIVA con sede a Campi Bisenzio. Il Gruppo

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 17.11.2010 Indice REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI

Dettagli

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE Provincia di Imperia Provincia di Imperia Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE

Dettagli

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE. 2. L attività dell Associazione

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA Numero 6 Del 09-02-2015 Oggetto: Consorzio Sociale A4. Proroga Commissario Liquidatore. L'anno duemilaquindici

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO N.16/C DEL 29/03/2010

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO N.16/C DEL 29/03/2010 ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO N.16/C DEL 29/03/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AD ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE, ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, SOCIETA O ENTI OPERANTI NEL CAMPO DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ARTICOLO 1 = COSTITUZIONE E' costituita, senza scopo di lucro, tra 48 soci promotori un'associazione sotto la denominazione: PROCOSTA- Associazione per lo sviluppo e la

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE Logo regolarmente registrato presso C.C.I.A.A. della Spezia Il giorno 01 maggio 2001 alla Spezia in Via Cadorna 24, viene costituita l Associazione Culturale

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA 1/6 La seduta inizia alle 18.29. PRESIDENTE. Siamo in audizione durante la seconda missione in Puglia come Commissione parlamentare

Dettagli

BENVENUTI IN VAL DI FIEMME

BENVENUTI IN VAL DI FIEMME BENVENUTI IN VAL DI FIEMME Le prove si svolgeranno sui territori gentilmente messi a disposizione dalle Riserve Comunali di Caccia di Carano, Daiano, Varena Tesero e Predazzo. L ambiente tipicamente dolomitico

Dettagli

Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata. O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009.

Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata. O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009. Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009 Statuto Art.1 DENOMINAZIONE E costituita una associazione avente le caratteristiche

Dettagli

ALLEGATO VII WWF-WORLD WIDE FUND FOR NATURE (PRECEDENTEMENTE WORLD WILDLIFE FUND) - e - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WILDLIFE FUND

ALLEGATO VII WWF-WORLD WIDE FUND FOR NATURE (PRECEDENTEMENTE WORLD WILDLIFE FUND) - e - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WILDLIFE FUND ALLEGATO VII WWF-WORLD WIDE FUND FOR NATURE (PRECEDENTEMENTE WORLD WILDLIFE FUND) - e - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WILDLIFE FUND ACCORDO DI LICENZA ACCORDO DI LICENZA ACCORDO del 16 maggio 1997

Dettagli

Allegato A STATUTO SOCIALE

Allegato A STATUTO SOCIALE Allegato A STATUTO SOCIALE Art. 1 L Associazione denominata Associazione Sportiva Dilettantistica Atletica Amatori Velletri con sede in Velletri (Roma), costituita il 19 ottobre 2000 nello spirito della

Dettagli

STATUTO NUOVA CASSA SANITARIA

STATUTO NUOVA CASSA SANITARIA STATUTO NUOVA CASSA SANITARIA In attuazione di quanto previsto dal verbale di accordo del 21/11/2007, tra la Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. e le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rappresentanze

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012)

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012) REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012) Visto il comma 1 dell art. 22 di cui al CAPO IV G.I.S. GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO,

Dettagli

Camera Penale Franco Bricola di Bologna

Camera Penale Franco Bricola di Bologna Camera Penale Franco Bricola di Bologna In data 22 luglio 2010 si riunisce il Consiglio Direttivo della Camera Penale Franco Bricola di Bologna. Sono presenti gli avvocati Elisabetta d Errico, Gianluca

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I Denominazione - sede ART. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI PRESSO IL CENTRO CULTURALE COMUNALE sito in Via PONTE CAPO (Palazzo Ex Scuola Media) Approvato con deliberazione

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC.

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. PAG. 1 OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. L anno duemilaundici, addì due del mese di marzo in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 9,00 Convocata

Dettagli

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 VERBALE N. 77 DI DATA 27.06.2013 Il giorno di giovedì 27 giugno 2013, alle ore 11.00, presso il Rettorato dell Università degli Studi di Trieste si è riunito,

Dettagli

(Approvato con atto del 12 ottobre 2001 e modificato dall Assemblea dei soci in data 1 ottobre 2010 e 14 dicembre 2015)

(Approvato con atto del 12 ottobre 2001 e modificato dall Assemblea dei soci in data 1 ottobre 2010 e 14 dicembre 2015) ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DEL MACHIAVELLI STATUTO SOCIALE (Approvato con atto del 12 ottobre 2001 e modificato dall Assemblea dei soci in data 1 ottobre 2010 e 14 dicembre 2015) Articolo 1. Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE della Regione Art. 1 Costituzione E costituita su delibera della ConVol nazionale la Rete regionale ConVol della Regione come articolazione regionale della ConVol nazionale,

Dettagli

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale Regolamento Comunale per l istituzione e la tenuta del registro Comunale delle Associazioni di promozione sociale Deliberazione C.C. n. Premessa e definizioni Il presente regolamento attua il Comma 2 dell

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

STATUTO. Art.1 - Denominazione, sede e durata

STATUTO. Art.1 - Denominazione, sede e durata STATUTO Art.1 - Denominazione, sede e durata E' costituita l'associazione di promozione scientifica e culturale, Associazione Carlo Giannini, con sede presso la Facoltà di Economia dell Università degli

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede E costituito un Consorzio di garanzia collettiva fra le imprese

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regionale delle Serre 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni di

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi STATUTO Art. 1) E costituita una fondazione denominata Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia Art. 2) La fondazione ha sede in Palermo, in Via Messina n. 15 Art. 3) La fondazione ha durata illimitata.

Dettagli

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice Linee guida strategiche e policy operativa in tema di valorizzazione della ricerca e di diritti di proprietà intellettuale all Università degli Studi di Brescia dicembre 2014 - ver.1.0 Indice 1. Premessa

Dettagli

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto.

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. Servizio affari istituzionali e locali, polizia locale e sicurezza Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. L Assessore regionale alle autonomie locali

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CENTRO DI AZIONE GIURIDICA LEGAMBIENTE CALABRIA ONLUS (Ce.A.G. CALABRIA)

REGOLAMENTO REGIONALE CENTRO DI AZIONE GIURIDICA LEGAMBIENTE CALABRIA ONLUS (Ce.A.G. CALABRIA) REGOLAMENTO REGIONALE CENTRO DI AZIONE GIURIDICA LEGAMBIENTE CALABRIA ONLUS (Ce.A.G. CALABRIA) ART. 1. Organizzazione e sede del Ce.A.G. Calabria Il Centro di Azione Giuridica Calabria ha sede in Reggio

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DELL'ASSOCIAZIONE senza scopo di lucro GLI AMICI DI LUCA

ATTO COSTITUTIVO DELL'ASSOCIAZIONE senza scopo di lucro GLI AMICI DI LUCA ATTO COSTITUTIVO DELL'ASSOCIAZIONE senza scopo di lucro GLI AMICI DI LUCA In Arquà Polesine (RO) Via Provinciale Ovest n. 191, si sono riuniti il giorno 16/04/2012 per Costituire una associazione senza

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 385 Approvazione dei criteri e modalità per l'utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell'usura,

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO CACCIA DI SELEZIONE AL MUFLONE NEL TERRITORIO A CACCIA PROGRAMMATA DELL A.T.C. LUCCA 11

PROTOCOLLO OPERATIVO CACCIA DI SELEZIONE AL MUFLONE NEL TERRITORIO A CACCIA PROGRAMMATA DELL A.T.C. LUCCA 11 PROTOCOLLO OPERATIVO CACCIA DI SELEZIONE AL MUFLONE NEL TERRITORIO A CACCIA PROGRAMMATA DELL A.T.C. LUCCA 11 In applicazione del Regolamento sperimentale per la gestione del muflone in Provincia di Lucca

Dettagli

DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI BORGETTO Provincia di Palermo DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 3 Del 26 Gennaio 2015 L anno Duemilaquindici il giorno Ventisei del mese di Gennaio alle ore 10:00, nella

Dettagli

CORSO PER LA FORMAZIONE DI GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE WWF ITALIA

CORSO PER LA FORMAZIONE DI GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE WWF ITALIA COORDINAMENTO REGIONALE GPG WWF SEZIONE LIGURIA CORSO PER LA FORMAZIONE DI GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE WWF ITALIA SABATO 2 FEBBRAIO ORE 15 Presentazione dell attività delle Guardie Giurate del

Dettagli

Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno

Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno Statuto iscritto nel registro delle persone giuridiche, ai sensi dell articolo 2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n.361 su istanza del 23 agosto 2013 della Prefettura

Dettagli

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.16 in data 25/3/2002

Dettagli

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti Regolamento comunale per la disciplina delle sagre, feste popolari e similari e per la concessione del patrocinio e di contributi. Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

Verbale di Deliberazione N. 14/2009 del Consiglio comunale

Verbale di Deliberazione N. 14/2009 del Consiglio comunale COMUNE DI CAMPODENNO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 14/2009 del Consiglio comunale Adunanza di prima convocazione - Seduta pubblica OGGETTO: Approvazione mozione per il potenziamento della

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente

Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente 2014 Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente Si ringrazia per il supporto La Legambiente Marche Il WWF di Ancona Via IV Novembre 78 60018 Montemarciano

Dettagli

Reggio Emilia, questo giorno 22 (ventidue) del mese di aprile dell anno 2013 nella sede dell Azienda in Via Pietro Marani 9/1 Reggio Emilia

Reggio Emilia, questo giorno 22 (ventidue) del mese di aprile dell anno 2013 nella sede dell Azienda in Via Pietro Marani 9/1 Reggio Emilia ESTRATTO DEL VERBALE N. 2013-8 in atti al N. 5705 DELIBERAZIONE N. 2013-18 OGGETTO: 2 IMMOBILE SITO IN COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA VIA X SETTEMBRE 1943 N.29 - VERTENZA INERENTE IL CONTRATTO DI LOCAZIONE

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire (Allegato a) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire Sulle orme di Karol Titolo I Costituzione e Scopi Art. 1. E costituita l Associazione denominata Vds Voglia di stupire con sede presso parrocchia

Dettagli

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 28 18 febbraio 2015 Oggetto : Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE. PER LA BASILICATA Anno 2004

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE. PER LA BASILICATA Anno 2004 REPUBBLICA ITALIANA N. 748 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. 305 Reg.Ric. PER LA BASILICATA Anno 2004 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO FAMILIARI DISAGIATI PSICHICI ONLUS ***** ***** COSTITUZIONE SEDE SCOPI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO FAMILIARI DISAGIATI PSICHICI ONLUS ***** ***** COSTITUZIONE SEDE SCOPI 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO FAMILIARI DISAGIATI PSICHICI ONLUS ***** ***** COSTITUZIONE SEDE SCOPI Art. 1 (costituzione,natura,attività,principi ispiratori) E costituita l associazione

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE IRREVOCABILI INERENTI L ACQUISTO DEI BENI INCLUSI NEL PATRIMONIO FALLIMENTARE SUDDIVISO NELLE CATEGORIE DI SEGUITO ELENCATE A) Con sentenza datata 2 agosto

Dettagli

ASSOCIAZIONE SOCIO POLITICO CULTURALE REA PALUS

ASSOCIAZIONE SOCIO POLITICO CULTURALE REA PALUS ASSOCIAZIONE SOCIO POLITICO CULTURALE REA PALUS S T A T U T O Art. 1 - SEDE E DENOMINAZIONE 1. E costituita con sede in Rapallo l associazione socio politico culturale Rea Palus. 2. I contenuti e la struttura

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO PROPOSTA DI ATTIVAZIONE Master di I livello in Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione Art. 1 Attivazione del Master STATUTO L Università degli Studi

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

claudia.sfiligoi@ass2.sanita.fvg.i paolo.luppieri@ass2.sanita.fvg telefono:0481 592247-48

claudia.sfiligoi@ass2.sanita.fvg.i paolo.luppieri@ass2.sanita.fvg telefono:0481 592247-48 * SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA Azienda per l Assistenza Sanitaria n2 Bassa Friulana -Isontina Ospedale San Giovanni di Dio Gorizia Unita Operativa di Odontostomatologia

Dettagli

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi Via C. Colombo n. 1 72020 Tel. 0831/622085 Fax 0831/620672 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSOCIAZIONISMO LOCALE Approvato con deliberazione di CC n. 46 del 04/12/2012

Dettagli

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE. La presente deliberazione è stata affissa all'albo comunale in data odierna e vi rimarrà per quindici

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE. La presente deliberazione è stata affissa all'albo comunale in data odierna e vi rimarrà per quindici Letto, confermato e sottoscritto Il Sindaco f.to dr.ssa Elisabetta Pian Il Segretario Comunale f.to dr.ssa Ivana Bianchi Copia conforme all originale ad uso amministrativo. Addì, 3 luglio 2015 dr.ssa Francesca

Dettagli

Verbale della riunione del Consiglio di Amministrazione di Perlier S.p.A.

Verbale della riunione del Consiglio di Amministrazione di Perlier S.p.A. Verbale della riunione del Consiglio di Amministrazione di Perlier SpA L'anno 2005, il giorno 21 del mese novembre, alle ore 16,00, a Bologna in Via Galliera N 32, si è riunito il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

per la progettazione e realizzazione di un sistema informativo unificato tra le biblioteche del Lazio meridionale

per la progettazione e realizzazione di un sistema informativo unificato tra le biblioteche del Lazio meridionale Protocollo d intesa fra La Provincia di Frosinone, l Università degli Studi di Cassino, l Associazione Intercomunale Biblioteche Valle del Sacco, l Associazione Bibliotecaria Intercomunale Valle dei Santi,

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Ritenuto opportuno aderire alla predetta richiesta previa adozione del necessario atto formale;

LA GIUNTA COMUNALE. Ritenuto opportuno aderire alla predetta richiesta previa adozione del necessario atto formale; LA GIUNTA COMUNALE Premesso che il Direttore del COSP (Centro per l Orientamento allo studio ed alle Professioni) dell Università Statale di Milano ha chiesto di poter fare effettuare ai propri studenti

Dettagli