CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di"

Transcript

1 CeTIF Academy Programmi di Alta Formazione Corsi di

2 CALENDARIO 2015* CeTIF Academy, Università Cattolica del Sacro Cuore Milano AREA BUSINESS PROCESS E CREDITO INNOVARE NEL SISTEMA DEI PAGAMENTI IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEI CREDITI DETERIORATI 4-5 AREA FINANZA E SERVIZI D'INVESTIMENTO L'EVOLUZIONE DELL'ANALISI DEI COSTI NELLE BANCHE FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE L'EVOLUZIONE DELL'ANALISI DEI COSTI NELLE ASSICURAZIONI INVESTOR PROTECTION E MERCATI: COSA CAMBIA CON MiFID2 E MIFIR 8 AREA MARKETING, COMMERCIALE E CRM RETI COMMERCIALI ESTERNE E OFFERTA FUORI SEDE SOCIAL MEDIA IN FINANCIAL INSTITUTIONS AREA COMPLIANCE AND LEGAL LA PSD2 E LE NOVITA' NORMATIVE IN MATERIA DI RELAZIONE TRA INTERMEDIARI E CLIENTI 11 IL RUOLO DEL COMPLIANCE OFFICER NELLE BANCHE E NELLE ASSICURAZIONI (In collaborazione con AICOM) LA PROTEZIONE DEGLI INTERESSI DEI CLIENTI (Seminario di aggiornamento in collaborazione con AICOM) L'EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: IMPATTI SULLE ISTITUZIONI FINANZIARIE 28 IL RUOLO DEL SINDACO E DEL CONSIGLIERE ALLA LUCE DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA BANCARIA 22 7,22 5 L'EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GOVERNANCE E DI CONTROLLO NELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE 7 L'EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI. Riflessi organizzativi e operativi 22 IL RUOLO DELL'ORGANO DI CONTROLLO 5 SEMINARI DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO AREA RISK MANAGEMENT TECNICHE E STRUMENTI DI IT RISK MANAGEMENT LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO ATTRAVERSO L'AUDIT: APPROCCI E METODI QUANTITATIVI 6-7 SOLVENCY II: I PRINCIPI E IL RUOLO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO SOLVENCY II: I PRINCIPI GENERALI E IL PILLAR I RISK REPORTING IN SOLVENCY II: PILLAR III 5 30 BASILEA III, RISCHIO DI CREDITO E DI LIQUIDITA': VALUTAZIONE, IMPATTI E CORRELAZIONI OPERATIVE AREA ORGANIZATIONAL PROCESSES, IT AND HR BIG DATA: CREARE VALORE PER IL BUSINESS NEL SETTORE FINANZIARIO DIGITAL MANAGEMENT: L'EVOLUZIONE DIGITALE DELL'IT NEL SETTORE FINANZIARIO ADVANCED PROJECT MANAGEMENT IN FINANCIAL INSTITUTIONS 8 AGILE PROJECT MANAGEMENT IN FINANCIAL INSTITUTIONS 9 RISK PROCESS MANAGEMENT DATA GOVERNANCE: PRINCIPI E STRUMENTI ALLA LUCE DELLA NORMATIVA INNOVAZIONE E TECHNOLOGY SCOUTING NEI SERVIZI FINANZIARI 5-6 GOVERNARE L'INNOVAZIONE E COMPRENDERE LA SUA PERFORMANCE *LE DATE POTREBBERO ESSERE SOGGETTE A VARIAZIONE. ULTERIORI ALTRI CORSI VERRANNO DEFINITI NEL CORSO DELL'ANNO E IL PROGRAMMA SARA' DISPONIBILE SUL SITO - Aggiornato al

3 RISK MANAGEMENT BASILEA III, RISCHIO DI LIQUIDITA : VALUTAZIONE, IMPATTI E CORRELAZIONI OPERATIVE CORSO DI ALTA FORMAZIONE DESTINATARI Il programma è destinato a manager operanti nel settore finanziario, in particolare alle aree: risk management compliance, controlli interni e legale organizzazione sviluppo prodotti crediti marketing high potential e tutti coloro che, a qualsiasi livello aziendale, si trovano a dover impostare un adeguata progettazione/ottimizzazione dei processi e delle strutture organizzative nel mondo del risk management. OBIETTIVI DEL CORSO In un contesto di alta sensibilità al tema del rischio da parte dell autorità, delle istituzioni, di operatori e consumatori, è imprescindibile affrontare il tema del governo dei rischi in ottica integrata. Questo corso di formazione si propone in particolare di: offrire una visione dei metodi qualitativi e quantitativi con i quali determinare il rischio di liquidità e il rischio di credito analizzare le relazioni e le correlazioni tra rischio di liquidità, rischio di credito e attività di front-end con la clientela alla luce delle criticità indotte dalla progressiva adozione di Basilea III offrire testimonianze dirette del mercato bancario italiano CeTIF CERTIFICATE Il superamento del test di valutazione finale consente l acquisizione del CeTIF Certificate, un Attestato di Alta Formazione rilasciato da CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore e l acquisizione di 2 CeTIF Credits. Direzione e coordinamento scientifico PROF. FEDERICO RAJOLA PROF.SSA CHIARA FRIGERIO CALENDARIO gennaio 2015 Le date potrebbero essere soggette a variazione LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore Via Lanzone, 29 AULA I ORARIO 9.30 alle e dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF IVA NON ADERENTE CeTIF IVA (E previsto uno sconto di 100 per iscrizioni pervenute entro il 18 dicembre 2015) CONTATTI Mail: Tel:

4 BASILEA III, RISCHIO DI LIQUIDITA : VALUTAZIONE, IMPATTI E CORRELAZIONI OPERATIVE PROGRAMMA DELLE LEZIONI* 26 GENNAIO MATTINO Il cammino verso Basilea III I punti deboli (veri o presunti) di Basilea 2 Le principali innovazioni introdotte da Basilea 3 Le conseguenze legate alla sua introduzione e gli impatti con l operatività e l economia reale Come cambia la banca con Basilea 3 Basilea 3 risolverà? Rischio di liquidità e rischio di credito La regolamentazione di vigilanza La matematica per la misurazione del rischio di credito Le variabili del rischio di credito Il rating e il pricing at risk Rischio di concentrazione del portafoglio crediti Il credit var e i modelli di portafoglio La mitigazione del rischio di credito Esercitazioni (RAROC, risk pricing, perdita attesa e inattesa su una posizione e sul portafoglio, pricing e correlazioni con le attività di impiego in rete) POMERIGGIO La liquidità negli accordi di Basilea 3 Il capitale di garanzia e le correlazioni con gli asset ponderati per il rischio (RWA) Market liquidity risk e funding liquidity risk Le correlazioni fra risk management, ALM e finanza con il rischio di liquidità Il funding e gli strumenti correlati La gestione della liquidità in ottica integrata Il rischio tasso e le implicazioni con la liquidità Proteggersi dal rischio tasso: cash flow hedging e fair value hedging. Raccolta a vista, modelli comportamentali e impatto con l ALM e la liquidità 27 GENNAIO MATTINO Normativa, stress test da rischio tasso e valutazione di impatto con la liquidità Case study passo a passo: Calcolare l LCR Liquidità primaria e secondaria Esposizione al rischio tasso e liquidità (stress test 200 bps) Maturity ladder, early warnings e liquidity gaps Relazioni fra credito e liquidità Dove interviene l ALM Impatto e visibilità del rischio di credito nel bilancio bancario riclassificazione del bilancio e l analisi per indicatori (what if di impatto) - POMERIGGIO- Testimonianza proveniente dal mondo bancario: o I riflessi strategici del rischio di liquidità e credito sui prodotti sui modelli di business delle banche (waivers, disclosures, level playing fields) o I riflessi organizzativi derivanti dall implementazione della normativa Europea a recepimento di Basilea 3 (e.g. come garantire la coerenza con le altre segnalazioni di Vigilanza e la coerenza con il Bilancio?) o Impatti sull operatività della tesoreria 2

5 RISK MANAGEMENT SOLVENCY II: i principi e il ruolo delle funzioni di controllo CORSO DI ALTA FORMAZIONE DESTINATARI Il programma è destinato ai top e middle manager operanti nel settore finanziario e assicurativo, in particolare alle funzioni di risk management funzioni attuariali funzioni di sviluppo organizzativo funzioni compliance funzioni revisione interna e legale high-potential coloro che, a qualsiasi livello aziendale, si trovano a dover impostare un adeguata progettazione/ottimizzazione dei processi e delle strutture organizzative. OBIETTIVI DEL CORSO Il corso si propone di approfondire gli aspetti rilevanti della disciplina Solvency II in una prospettiva organizzativa, affrontandone sia gli aspetti definitori, sia quelli più complessi. Il percorso privilegia i contenuti di natura organizzativa e di carattere trasversale piuttosto che tecnico-assicurativo in modo da fornire una base fondamentale di conoscenza della materia a tutte le funzioni aziendali. In particolare durante il corso si affronteranno i seguenti temi: Introduzione a Solvency II e aggiornamento dei processi Lo stato dei progetti di implementazione dei tre pilastri e le principali evoluzioni Il ruolo delle funzioni di controllo in Solvency II Gli impatti di Solvency II sul business Il corso sarà arricchito dalla presenza di due testimonianze aziendali provenienti da primarie compagnie assicurative. CeTIF CERTIFICATE E CeTIF CREDITS Il superamento del test di valutazione finale consente l acquisizione del CeTIF Certificate, un Attestato di Alta Formazione rilasciato da CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore e l acquisizione di 5 CeTIF Credits. Direzione e coordinamento scientifico PROF. FEDERICO RAJOLA PROF.SSA CHIARA FRIGERIO LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore AULA I, Via Lanzone, 29 CALENDARIO gennaio febbraio 2015 Le date potrebbero essere soggette a variazione ORARIO 9.30 alle e dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF: IVA NON ADERENTE CeTIF: IVA (E previsto uno sconto di 100 per iscrizioni pervenute entro il 19 dicembre 2014) CONTATTI Mail: Tel:

6 LA PROTEZIONE DEGLI INTERESSI DEI CLIENTI PROGRAMMA DELLA GIORNATA* La governance PIC Il ruolo della funzione compliance Il rapporto con le Autorita di Vigilanza I driver PIC I requirement normativi La conoscenza del cliente Prodotti e Servizi offerti Le modalità distributive I sistemi di incentivazione delle reti commerciali L informativa al cliente I conflitti di interessi La voce del cliente I reclami espressi Il processo di compliance I modelli organizzativi di compliance Il raccordo con le altre funzioni aziendali Flussi informativi nell ambito del sistema dei controlli interni METODOLOGIA DIDATTICA L approccio formativo si basa su tecniche didattiche innovative ed efficaci, orientate al trasferimento di conoscenze e comportamenti attraverso l alternanza di lezioni teoriche momenti di consolidamento e revisione critica dei contenuti esercitazioni in aula simulazioni workshop in cui si applicano i concetti appresi su casi concreti e specifici sul contesto bancario e assicurativo La CeTIF Academy utilizza la piattaforma di e-learning Blackboard di cui il partecipante può avvalersi in ogni momento del percorso formativo. * I contenuti del corso possono essere personalizzati e riproposti direttamente presso la sede dell azienda interessata sulla base di specifiche esigenze formative 2

7 MARKETING, COMMERCIALE E CRM RETI COMMERCIALI ESTERNE ED OFFERTA FUORI SEDE Struttura e redditività, modelli organizzativi e profili di responsabilità dell'offerta fuori sede CORSO DI ALTA FORMAZIONE DESTINATARI Il programma è destinato ai top e middle manager operanti nel settore finanziario ed assicurativo, in particolare a: addetti e responsabili delle aree commerciali compliance officer responsabili e analisti organizzativi responsabili ed addetti del sistema dei controlli interni high-potential coloro che, a qualsiasi livello aziendale, si trovano a dover impostare un adeguata progettazione/ottimizzazione dei processi e delle strutture organizzative. OBIETTIVI DEL CORSO La vendita e l acquisto di prodotti non avviene sempre all interno delle sedi degli intermediari; banche, assicurazioni e altri intermediari finanziari possono infatti avvalersi di soggetti esterni alla propria struttura organizzativa per promuovere e collocare i prodotti anche al di fuori delle proprie sedi e dipendenze. Questo corso di formazione si propone quindi di indagare principalmente i seguenti aspetti: la struttura e la redditività dell'offerta fuori sede, i modelli organizzativi dell'offerta fuori sede, i profili di responsabilità ed evoluzione del mandato CeTIF CERTIFICATE E CeTIF CREDITS Il superamento del test di valutazione finale consente l acquisizione del CeTIF Certificate, un Attestato di Alta Formazione rilasciato da CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore e l acquisizione di 3 CeTIF Credits. Direzione e coordinamento scientifico PROF. FEDERICO RAJOLA PROF.SSA CHIARA FRIGERIO LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore AULA I, Via Lanzone, 29 CALENDARIO febbraio 2015 Le date potrebbero essere soggette a variazione ORARIO 9.30 alle e dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF: IVA NON ADERENTE CeTIF: IVA (E previsto uno sconto di 100 per iscrizioni pervenute entro il 23 gennaio 2015) CONTATTI Mail: Tel:

8 RETI COMMERCIALI ESTERNE ED OFFERTA FUORI SEDE PROGRAMMA DELLE LEZIONI* 23 febbraio 2015 Struttura e redditività dell'offerta fuori sede Evoluzione dell' offerta fuori sede Agenti, promotori e consulenti indipendenti Modelli di servizio e prodotti per l'offerta fuori sede Redditività dei modelli a confronto 24 febbraio 2015 Modelli organizzativi dell offerta fuori sede La governance della rete esterna Il supporto delle Reti commerciali tradizionali alle Reti commerciali esterne La selezione e formazione del personale Profili remunerativi e incentivanti a confronto Efficienza operativa, firma digitale e web a supporto dell'offerta fuori sede 25 febbraio 2015 Profili di responsabilità ed evoluzione del mandato Quadro normativo applicabile all'offerta fuori sede di prodotti bancari, finanziari e assicurativi e sua evoluzione recente Profili di compliance in materia di trasparenza e antiriciclaggio METODOLOGIA DIDATTICA L approccio formativo si basa su tecniche didattiche innovative ed efficaci, orientate al trasferimento di conoscenze e comportamenti attraverso l alternanza di lezioni teoriche momenti di consolidamento e revisione critica dei contenuti esercitazioni in aula simulazioni workshop in cui si applicano i concetti appresi su casi concreti e specifici sul contesto bancario e assicurativo La CeTIF Academy utilizza la piattaforma di e-learning Blackboard di cui il partecipante può avvalersi in ogni momento del percorso formativo. * I contenuti del corso possono essere personalizzati e riproposti direttamente presso la sede dell azienda interessata sulla base di specifiche esigenze formative 2

9 COMPLIANCE AND LEGAL LA PROTEZIONE DEGLI INTERESSI DEI CLIENTI: l intervento della Compliance per la tutela dei clienti* SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO IN COLLABORAZIONECON DESTINATARI Il programma è destinato a manager operanti nel settore bancario e finanziario, in particolare ai: compliance officer addetti e responsabili della funzione compliance addetti e responsabili della funzione revisione interna addetti e responsabili della funzione legale addetti e responsabili dello sviluppo organizzativo addetti e responsabili della funzione commerciale e marketing high potential e tutti coloro che si trovano a dover impostare un adeguata progettazione/ottimizzazione dei processi e delle strutture organizzative. OBIETTIVI DEL CORSO La tutela del cliente costituisce uno degli obiettivi fondamentale dell azione della funzione di compliance. Il corso di formazione permette di: approfondire in modo organico gli aspetti più rilevanti della disciplina connessa alla protezione degli interessi dei clienti, offrire una visione unitaria dell azione di compliance al fine di garantire la tutela del cliente, offrire una panoramica sulla misurazione del rischio di non conformità e sul rischio reputazionale connessa al tema PIC aggiornare sulle principali normative in vigore ed entranti nella gestione della relazione con il cliente ATTESTATO E CeTIF CERTIFICATE La frequenza alla giornata consente l acquisizione di un Attestato di Alta Formazione rilasciato da CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore e l acquisizione di 1 CeTIF Credit. LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore AULA I, Via Lanzone, 29 DATA 19 marzo 2015 La data potrebbero essere soggetta a variazione ORARIO Dalle 9.30 alle e Dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF: IVA NON ADERENTE CeTIF: IVA CONTATTI Mail: Tel: * Un iniziativa del CEFIRS (Centre for European Financial Regulations Studies), l Osservatorio di CeTIF sulla regolamentazione nel settore finanziario, bancario e assicurativo 1

10 LA PROTEZIONE DEGLI INTERESSI DEI CLIENTI PROGRAMMA DELLA GIORNATA* La governance PIC Il ruolo della funzione compliance Il rapporto con le Autorita di Vigilanza I driver PIC I requirement normativi La conoscenza del cliente Prodotti e Servizi offerti Le modalità distributive I sistemi di incentivazione delle reti commerciali L informativa al cliente I conflitti di interessi La voce del cliente I reclami espressi Il processo di compliance I modelli organizzativi di compliance Il raccordo con le altre funzioni aziendali Flussi informativi nell ambito del sistema dei controlli interni METODOLOGIA DIDATTICA L approccio formativo si basa su tecniche didattiche innovative ed efficaci, orientate al trasferimento di conoscenze e comportamenti attraverso l alternanza di lezioni teoriche momenti di consolidamento e revisione critica dei contenuti esercitazioni in aula simulazioni workshop in cui si applicano i concetti appresi su casi concreti e specifici sul contesto bancario e assicurativo La CeTIF Academy utilizza la piattaforma di e-learning Blackboard di cui il partecipante può avvalersi in ogni momento del percorso formativo. * I contenuti del corso possono essere personalizzati e riproposti direttamente presso la sede dell azienda interessata sulla base di specifiche esigenze formative 2

11 BUSINESS PROCESS E CREDITO IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEI CREDITI DETERIORATI Panoramica del fenomeno e impatti sulle banche CORSO DI ALTA FORMAZIONE DESTINATARI Il programma è destinato a manager operanti nel settore finanziario, in particolare alle aree: risk management compliance, controlli interni e legale organizzazione crediti high potential e tutti coloro che, a qualsiasi livello aziendale, si trovano a dover impostare un adeguata progettazione/ottimizzazione dei processi e delle strutture organizzative relative all attività di gestione dei prestiti non performing OBIETTIVI DEL CORSO La continua crescita delle posizioni in sofferenza e dei crediti non performing rendono il tema della gestione delle posizioni anomale oggetto di sempre maggiore attenzione da parte delle istituzioni creditizie. Le importanti novità dettate dalle autorità di vigilanza sul tema dell archiviazione dei dati di perdita, nonché, la revisione dei principi contabili sul tema degli accantonamenti, in corso di attuazione, rendono imprescindibile affrontare il tema del governo dell attività di gestione e recupero dei prestiti deteriorati in un ottica integrata. Questo corso di formazione si propone in particolare di: offrire una panoramica del fenomeno e approfondire il rilievo che esso ha per le diverse aree gestionali analizzare le principali novità regolamentari e contabili e le possibili implicazioni sulle politiche di risk management e di bilancio per le banche individuare le best practice per la gestione, il monitoraggio e la valorizzazione delle posizione deteriorate. CeTIF CERTIFICATE Il superamento del test di valutazione finale consente l acquisizione del CeTIF Certificate, un Attestato di Alta Formazione rilasciato da CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore e l acquisizione di 2 CeTIF Credits. Direzione e coordinamento scientifico PROF. FEDERICO RAJOLA PROF.SSA CHIARA FRIGERIO LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore AULA I, Via Lanzone, 29 CALENDARIO 4-5 marzo 2015 Le date potrebbero essere soggette a variazione ORARIO 9.30 alle e dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF: IVA NON ADERENTE CeTIF: IVA (E previsto uno sconto di 100 per iscrizioni pervenute entro il 4 febbraio 2015) CONTATTI Mail: Tel:

12 IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEI CREDITI DETERIORATI PROGRAMMA DELLE LEZIONI* 4 marzo 2015 Crediti deteriorati, novità regolamentari ed impatti sulla banca I crediti deteriorati: dimensione del fenomeno ed impatti sulle banche L'intercettazione, la classificazione e il monitoraggio delle anomalie Gli standard EBA sulla valutazione, monitoraggio e gestione delle posizioni anomale I NPL e la revisione dei principi contabili: l impatto sugli accantonamenti Le segnalazioni del archivio delle perdite di Banca d'italia e la valutazione della LGD 5 marzo 2015 Gestione, monitoraggio e valorizzazione delle posizione deteriorate Il processo di monitoraggio e gestione dei NPL, strutture organizzative e livelli di delega La misurazione delle performance del monitoraggio e della gestione dei NPL I sistemi di collection scoring e le strategie di regolarizzazione La gestione delle garanzie e l attività di recupero Il servicing interno e l outsourcing dei NPL La cessione e la cartolarizzazione dei NPL METODOLOGIA DIDATTICA L approccio formativo si basa su tecniche didattiche innovative ed efficaci, orientate al trasferimento di conoscenze e comportamenti attraverso l alternanza di lezioni teoriche momenti di consolidamento e revisione critica dei contenuti esercitazioni in aula simulazioni workshop in cui si applicano i concetti appresi su casi concreti e specifici sul contesto bancario e assicurativo La CeTIF Academy utilizza la piattaforma di e-learning Blackboard di cui il partecipante può avvalersi in ogni momento del percorso formativo *I contenuti del corso possono essere personalizzati e riproposti direttamente presso la sede dell azienda interessata sulla base di specifiche esigenze formative 2

13 ORGANIZZAZIONE, IT, OPERATION AND HR DIGITAL MANAGEMENT: l evoluzione digitale dell IT nel settore finanziario CORSO DI ALTA FORMAZIONE DESTINATARI Il programma è destinato a manager operanti nel settore finanziario, in particolare alle aree: IT organizzazione sviluppo prodotti marketing high potential e tutti coloro che, a qualsiasi livello aziendale, si trovano a dover impostare un adeguata progettazione/ottimizzazione dei processi e delle strutture organizzative nel mondo dell IT. OBIETTIVI DEL CORSO Direzione e coordinamento scientifico PROF. FEDERICO RAJOLA PROF.SSA CHIARA FRIGERIO CALENDARIO marzo 2014 Le date potrebbero essere soggette a variazione LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore Via Lanzone, 29 AULA I Questo corso di Alta formazione si propone di: offrire una visione dello scenario evolutivo del mercato digitale, delle modalità di interazione dei clienti con il web e con gli strumenti social; illustrare le tecnologie emergenti e le complessità che inducono; valutare le opportunità e vincoli nelle nuove normative e le implicazioni con l utilizzo delle tecnologie digitali; fornire gli strumenti e i metodi con i quali interagire con gli stakeholder in un contesto in cui è critico comunicare e far percepire le caratteristiche e le potenzialità di un innovazione complessa. CeTIF CERTIFICATE Il superamento del test di valutazione finale consente l acquisizione del CeTIF Certificate, un Attestato di Alta Formazione rilasciato da CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore e l acquisizione di 2 CeTIF Credits. ORARIO 9.30 alle e dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF: IVA NON ADERENTE CeTIF: IVA (E previsto uno sconto di 100 per iscrizioni pervenute entro il 16 febbraio 2015) CONTATTI Mail: Tel:

14 DIGITAL MANAGEMENT: l evoluzione digitale dell IT nel settore finanziario PROGRAMMA DELLE LEZIONI* 16 marzo MATTINO Lo scenario evolutivo del mercato digitale I numeri: 3 miliardi di persone connesse nel mondo. Usi, costumi e fenomeni della realtà digitale ed implicazioni per il mondo finance italiano. I trend di crescita nel mondo digitale, le potenziali conseguenze e implicazioni per il mondo finance. Disintermediare gli intermediari: come e perché la tecnologia riduce l asimmetria informativa e il potere contrattuale. I paradigmi e i modelli di business digitale La app economy : dalla digital experience alla digital life experience per il mondo finance. I big data : come approcciarli e come trattarli, eticamente e legalmente. Grid computing e cloud computing. Gli strumenti social (Twitter, Instagram, Facebook, Linkedin e la blogsfera): caratteristiche, opportunità e attenzioni nell uso. Dal traditional thinking al digital thinking. POMERIGGIO Le opportunità digitali nel settore finance Customer on boarding : le opportunità della MIFID2 nel mondo digitale. Il crowdfunding ed il crowdlending. Da un mercato di massa a una massa di mercati e il rischio di disintermediazione. Prodotti bancari e digital commerce: issued product, advised products, OTF e OMF. Il digital experienced CRM Il rischio reputazionale in rete Le variabili reputazionali per il finance. Le minacce reputazionali in rete e le correlazioni con le iniziative tradizionali La valutazione del rischio reputazionale, le crisi reputazionali e come accorgersene e fronteggiarle Anche i dipendenti sono in rete: quando e come la sfera personale può influire con la sfera professionale e aziendale (e viceversa), rischi e contromisure. La normativa, le tutele e gli accorgimenti. Esempi e casi di studio 17 marzo MATTINO Il business case di un progetto digitale Dal payback tradizionale al payback digitale: il costo di esserci e il costo di non esserci Sviluppare un business case digitale. Modalità, metodi e strumenti. Il coinvolgimento e la comunicazione agli stakeholder Esercitazione POMERIGGIO Realizzare un progetto digitale La sicurezza (reale e fatta percepire) in un progetto digitale come fattore critico di successo Il digital project team building Agile project: pianificare e attuare un digital project 2

15 MARKETING, COMMERCIALE E CRM SOCIAL MEDIA IN FINANCIAL INSTITUTIONS CORSO DI ALTA FORMAZIONE DESTINATARI Il programma è destinato ai top e middle manager operanti nel settore finanziario ed assicurativo, in particolare a: addetti e responsabili delle aree commerciali responsabili delle aree marketing e product manager addetti e responsabili della comunicazione responsabili e addetti customer service e assistenza clienti responsabili della rete distributiva high-potential OBIETTIVI DEL CORSO L avvento e l esplosiva affermazione del web 2.0 ha cambiato il modo in cui le persone comunicano, si relazionano, acquistano e consumano. E cambiato radicalmente non solo il menù mediatico, ma anche le modalità con cui i consumatori si informano sui prodotti e servizi, li confrontano tra di loro per poi acquistare e usufruire dei servizi offerti. Si è realizzato in pieno il pronosticato avvento del pro-sumer. utto ciò rende obsolete le modalità con cui si comunica e si gestisce il cliente, ma nel contempo suggerisce nuove strade e opportunità. L a rivoluzione in atto è esplosa con l avvento dei social network ma è stata finalizzata dall avvento delle tecnologie mobile, che strappano la rete all angusto ambito di PC e fili per costruire un ecosistema che sta sempre con noi, ci circonda, ci abbraccia e diventa il tessuto connettivo della nostra vita. Le conseguenze sul rapporto dell impresa con il mercato sono massicce. Lo scopo finale è quello di acquisire le leve necessarie a riorientare le politiche di marketing e commerciali per tenere conto della nuova natura e dei nuovi comportamenti dei consumatori, fino a sfruttare questo orientamento come vantaggio competitivo, apprendendo anche il linguaggio e gli strumenti necessari per pilotare il cambiamento all interno dell organizzazione. Direzione e coordinamento scientifico PROF. FEDERICO RAJOLA PROF.SSA CHIARA FRIGERIO LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore AULA I, Via Lanzone, 29 CALENDARIO 24-25marzo 2015 Le date potrebbero essere soggette a variazione ORARIO 9.30 alle e dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF: IVA NON ADERENTE CeTIF: IVA (E previsto uno sconto di 100 per iscrizioni pervenute entro il 24 febbraio 2015) OBIETTIVI DEL CORSO Il superamento del test di valutazione finale consente l acquisizione del CeTIF Certificate, un Attestato di Alta Formazione rilasciato da CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore e l acquisizione di 2 CeTIF Credits. CONTATTI Mail: Tel:

16 SOCIAL MEDIA IN FINANCIAL INSTITUTIONS PROGRAMMA DELLE LEZIONI* 24 marzo 2015 Internet e Mobile banking Nuove modalità di fidelizzazione e proposizione di prodotti/servizi alla clientela Cross-canalità nella gestione del cliente Innovazione nell attività di stipula/ sottoscrizione del contratto (es. Firma Digitale e grafometrica) Offerta di nuovi servizi attraverso mobile e tablet (informativi e dispositivi) Innovazione nelle forme e sistemi di pagamento (Proximity e Remote) Modelli di servizio collaborativi /stand-alone Forme di collaborazione con soggetti terzi (es. programmi di loyalty, promozioni, ecc.) Internet Banking e servizi alla clientela La rete, il web 2.0, i social network: l evoluzione in corso e l impatto sul sistema finanziario e assicurativo L esplosione dell informazione sulla rete: natura e significato dei dati Banche dati, directories, social network: ricognizione dei luoghi principali, logiche di funzionamento La playstation generation : nuovi modi di interagire e di pensare I principali social network: funzionamento e logiche di fondo Le conseguenze in termini di stili di vita, ritmi, esigenze Quali sono le competenze necessarie, come procurarsele 25 marzo 2015 Social Network Analysis: strumenti, metodi ed esercitazioni Dos and don ts: opportunità e rischi Applicazioni operative in ambito marketing/comunicazione: un nuovo paradigma di comunicazione Le conseguenze in termini di progettazione del prodotto Il marketing 2.0 Il customer service Il crisis management Applicazioni operative in ambito gestione cliente: il monitoraggio continuo, strumenti e regole Sistemi di alert e early warning Combinare le informazioni tradizionali con quelle provenienti dalla rete I processi: come accogliere le fonti innovative all interno delle procedure METODOLOGIA DIDATTICA L approccio formativo si basa su tecniche didattiche innovative ed efficaci, orientate al trasferimento di conoscenze e comportamenti attraverso l alternanza di lezioni teoriche momenti di consolidamento e revisione critica dei contenuti esercitazioni in aula simulazioni La CeTIF Academy utilizza la piattaforma di e-learning Blackboard di cui il partecipante può avvalersi in ogni momento del percorso formativo. *I contenuti del corso possono essere personalizzati e riproposti direttamente presso la sede dell azienda interessata sulla base di specifiche esigenze formative 2

17 FINANZA E SERVIZI D INVESTIMENTO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO*: Investor Protection e Mercati: cosa cambia con MIFID2 e MIFIR DESTINATARI Il programma è destinato a manager operanti nel settore finanziario, in particolare ad addetti e responsabili: dell area compliance, controlli interni e legale; del front end e del back office dell area finanza/securities trading; di banche e imprese d investimento, nonché ad aziende con elevata operatività in strumenti finanziari operanti nel settore. OBIETTIVI La giornata di formazione si pone l obiettivo di offrire un overview su MiFID 2 (Direttiva 2014/65/UE) e MiFIR (Regolamento UE n. 600/2014) che hanno determinato nuove regole in materia di consulenza e incentivi sia nei mercati sia nell investor protection. STRUTTURA INVESTOR PROTECTION 1. Consulenza degli strumenti finanziari: La consulenza incidentale La consulenza nella distribuzione La consulenza indipendente 2. Adeguatezza e appropriatezza 3. Product governance e product intervention 4. Costi e inducements 5. Remunerazione MERCATI 1. Trasparenza mercati non equity 2. Definizione di internalizzatore sistematico 3. Best execution 4. Obbligo di trading 5. Algorithmic e high frequency trading (HFT) 6. Impatti sulle trading venue: Schemi di market making Tick size SME Growth Markets DOCENTI Prof. Andrea Perrone, Università Cattolica del Sacro Cuore Prof. Giovanni Petrella, Università Cattolica del Sacro Cuore LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore AULA I, Via Lanzone, 29, MILANO CALENDARIO 8 aprile 2015 La data potrebbe essere soggetta a variazione ORARIO 9.30 alle e dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF: IVA NON ADERENTE CeTIF: IVA CONTATTI Mail: Tel: * Un iniziativa del CEFIRS (Centre for European Financial Regulations Studies), l Osservatorio di CeTIF sulla regolamentazione nel settore finanziario, bancario e assicurativo. 1

18 RISK MANAGEMENT TECNICHE E STRUMENTI DI IT RISK MANAGEMENT PER TRAGUARDARE GLI ADEMPIMENTI AL CAPITOLO VIII DELLA 263 DESTINATARI Il programma è destinato a manager operanti nel settore finanziario, in particolare a: IT Risk officer e IT Risk Manager addetti all IT security operation Risk Manager addetti e Responsabili Audit e Compliance addetti e Responsabili delle unità di business responsabili ed analisti organizzativi high potential e tutti coloro che, a qualsiasi livello aziendale, si trovano a dover impostare un adeguata gestione del rischio. OBIETTIVI DEL CORSO Direzione e coordinamento scientifico PROF. FEDERICO RAJOLA PROF.SSA CHIARA FRIGERIO LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore AULA I, Via Lanzone, 29, Milano CALENDARIO marzo aprile 2015 Le date potrebbero essere soggette a variazione Il corso di formazione si propone di offrire una visione unitaria del rischio IT; questo modo di intendere il rischio richiede un elevata convergenza tra le diverse funzioni/unità organizzative che a diverso livello presidiano i rischi impliciti nella tecnologia ed i rischi che hanno origine nell operatività aziendale. La valutazione e la gestione del rischio oggi infatti non sono più limitate solo a questa funzione, ma coinvolgono tutte le aree aziendali, soprattutto quelle organizzative, operative e gestionali. Il corso di formazione approfondisce quindi: la valutazione dei rischi nelle istituzioni finanziarie, la gestione del rischio nei processi operativi, il rischio IT e l automazione dei processi di business, la valutazione e mitigazione del rischio IT CeTIF CERTIFICATE Il superamento del test di valutazione finale consente l acquisizione del CeTIF Certificate, un Attestato di Alta Formazione rilasciato da CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore e l acquisizione di 4 CeTIF Credits. ORARIO 9.30 alle e dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF: IVA NON ADERENTE CeTIF: IVA (E previsto uno sconto di 100 per iscrizioni pervenute entro il 27 febbraio 2015) CONTATTI Mail: Tel:

19 TECNICHE E STRUMENTI DI IT RISK MANAGEMENT PROGRAMMA DELLE LEZIONI* 30 marzo 2015 La valutazione dei rischi nelle istituzioni finanziarie-mattino Il rischio IT nel framework del rischio operativo di Basilea 2 e nelle disposizioni di vigilanza prudenziale Introduzione al rischio e alle metodologie di valutazione del rischio Elementi di risk management per l IT manager I rischi secondari dell IT risk: rischio di non conformità e rischio reputazionale Presidio del rischio e definizione dei controlli: Enterprise Risk Management, COSO Framework e Standard ISO31000 (Risk Management: principles and guidelines on implementation) Gestire il rischio nei processi operativi- POMERIGGIO Le differenze fra minacce, rischi ed eventi Predisporre la tassonomia delle minacce IT Individuare i collegamenti fra minacce, rischi ed eventi IT Le fonti alimentanti del rischio IT Fattori causali e monitoraggio preventivo Il rischio IT nel paradigma Enterprise Risk Management Esercitazione 31 marzo 2015 Rischio IT e automazione dei processi di business Evoluzione del concetto di rischio IT Framework organizzativo per la gestione integrata del rischio IT Metodologie di gestione del rischio IT Modello di IT Risk Assessment Reportistica e monitoraggio del rischio IT 9 aprile 2015 Valutare e mitigare il rischio IT Il collegamento fra IT risk e business risk I sistemi quantitativi di monitoraggio andamentale delle anomalie e il collegamento al monitoraggio del rischio IT IT risk evaluation con gli strumenti delle ISO31010 (workshop/esercitazione) Pianificare gli interventi di mitigazione e monitorare gli esiti Test di valutazione finale 10 aprile 2015 Workshop operativo ed esercitazione sui contenuti del corso La costruzione del framework di IT risk management Il ritorno dell investimento nella riduzione del rischio IT Implementare un modello di risk assessment utilizzando gli strumenti delle ISO31010 La valutazione del modello di controllo e del rischio residuo METODOLOGIA DIDATTICA L approccio formativo si basa su tecniche didattiche innovative ed efficaci, orientate al trasferimento di conoscenze e comportamenti attraverso l alternanza di lezioni teoriche momenti di consolidamento e revisione critica dei contenuti esercitazioni in aula simulazioni workshop in cui si applicano i concetti appresi su casi concreti e specifici sul contesto bancario e assicurativo La CeTIF Academy utilizza la piattaforma di e-learning Blackboard di cui il partecipante può avvalersi in ogni momento del percorso formativo. * I contenuti del corso possono essere personalizzati e riproposti direttamente presso la sede dell azienda interessata sulla base di specifiche esigenze formative 2

20 COMPLIANCE AND LEGAL IL RUOLO DEL COMPLIANCE OFFICER NELLE BANCHE E NELLE ASSICURAZIONI Competenze normative, metodologiche ed organizzative CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN COLLABORAZIONECON DESTINATARI Il programma è destinato a manager operanti nel settore finanziario, in particolare ai: compliance officer addetti e responsabili della funzione compliance addetti e responsabili della funzione revisione interna addetti e responsabili della funzione risk management addetti e responsabili della funzione legale addetti e responsabili dello sviluppo organizzativo confidi intermediari finanziari (ex art. 106 ed ex art 107) high potential e tutti coloro che si trovano a dover impostare un adeguata progettazione/ottimizzazione dei processi e delle strutture organizzative. OBIETTIVI DEL CORSO L introduzione della funzione di compliance da parte delle Autorità di vigilanza ha rappresentato un passo fondamentale nel processo di trasformazione del sistema dei controlli interni delle banche e delle assicurazioni. Il corso di formazione permette di: approfondire in modo organico gli aspetti più rilevanti della disciplina, offrire una visione unitaria del sistema dei controlli interni, proporre un introduzione alla funzione di compliance offrire una panoramica sulla misurazione del rischio di non conformità e sul rischio reputazionale aggiornare sulle principali normative in vigore ed entranti nella gestione della relazione con il cliente Il corso è realizzato in collaborazione con AICOM. CeTIF CERTIFICATE Il superamento del test di valutazione finale consente l acquisizione del CeTIF Certificate, un Attestato di Alta Formazione rilasciato da CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore e l acquisizione di 4 CeTIF Credits. Direzione e coordinamento scientifico PROF. FEDERICO RAJOLA PROF.SSA CHIARA FRIGERIO LOCATION Università Cattolica del Sacro Cuore AULA I, Via Lanzone, 29, Milano CALENDARIO aprile 2015 Le date potrebbero essere soggette a variazione ORARIO 9.30 alle e dalle alle QUOTE DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione può essere finanziata con le risorse messe a disposizione dai fondi interprofessionali. ADERENTE CeTIF: IVA NON ADERENTE CeTIF: IVA (E previsto uno sconto di 100 per iscrizioni pervenute entro il 13 marzo 2015) CONTATTI Mail: Tel:

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di CeTIF Academy Programmi di Alta Formazione Corsi di CALENDARIO 2014-2015* CeTIF Academy, Università Cattolica del Sacro Cuore Milano GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE

Dettagli

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di CeTIF Academy Programmi di Alta Formazione Corsi di CALENDARIO 2015* CeTIF Academy, Università Cattolica del Sacro Cuore Milano FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE AREA

Dettagli

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di CeTIF Academy Programmi di Alta Formazione Corsi di CALENDARIO 2015* CeTIF Academy, Università Cattolica del Sacro Cuore Milano FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE

Dettagli

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di CeTIF Academy Programmi di Alta Formazione Corsi di CALENDARIO 2015/2016* CeTIF Academy, Università Cattolica del Sacro Cuore Milano SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO

Dettagli

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di

CeTIF Academy. Programmi di Alta Formazione. Corsi di CeTIF Academy Programmi di Alta Formazione Corsi di 2014* CeTIF Academy, Milano SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE AREA BUSINESS PROCESS E CREDITO OPERARE NEL SISTEMA DEI PAGAMENTI 23 24 29 30 IL MONITORAGGIO

Dettagli

PROPOSTA DI RIFORMA STRUTTURALE DEL SETTORE BANCARIO EUROPEO

PROPOSTA DI RIFORMA STRUTTURALE DEL SETTORE BANCARIO EUROPEO COMPLIANCE AND LEGAL PROPOSTA DI RIFORMA STRUTTURALE DEL SETTORE BANCARIO EUROPEO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DESTINATARI Il programma è destinato ai manager operanti nel settore finanziario, in particolare

Dettagli

CeTIF Academy Programmi di Alta Formazione

CeTIF Academy Programmi di Alta Formazione CeTIF Academy Programmi di Alta Formazione (aggiornato al 03 dicembre 2013) Corsi di Presentazione di CeTIF Academy Il CeTIF è uno dei principali centri di eccellenza per la formazione e la ricerca nel

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

FINANCIAL RISK MANAGEMENT

FINANCIAL RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT PERCORSO EXECUTIVE IN FINANCIAL RISK MANAGEMENT INDICE MIP Management Academy 1 AREA TEMATICA 2 Direzione 3 Percorso Executive in Financial Risk Management 4 Programma 5 Costi e modalità

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

Company Profile. BLU Consulting Srl

Company Profile. BLU Consulting Srl Company Profile Forniamo, prevalentemente a Banche, Compagnie di Assicurazione e Società di Gestione del Risparmio, servizi di consulenza aziendale correlati alla pianificazione, gestione e revisione di

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV Resoconto degli interventi Sessione Plenaria IV 1 Sessione plenaria IV La centralità delle risorse umane nella gestione del rischio di compliance 11 nov. 2011 ore 9.30 11.00 Chairman: Giancarlo Durante,

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

Gruppo ALLIANZ BANK FINANCIAL ADVISORS

Gruppo ALLIANZ BANK FINANCIAL ADVISORS Gruppo ALLIANZ BANK FINANCIAL ADVISORS Informativa al pubblico 2 Sommario Premessa... 6 Sezione 1. Requisito informativo generale... 8 Sezione 2. Ambito di applicazione... 29 Sezione 3. Composizione dei

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 DATI DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 7

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Antonio Zullo Chief Risk Officer Gruppo Banca Popolare di Bari 12 dicembre 2014 1 Il sistema dei controlli interni La nuova normativa

Dettagli

LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET

LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET Ezio Viola Co-Founder e General Manager The Innovation Group Elena Vaciago Research Manager The InnovationGroup 18 Dicembre

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

SERVIZI PER I CONSULENTI FINANZIARI INDIPENDENTI

SERVIZI PER I CONSULENTI FINANZIARI INDIPENDENTI CHI SIAMO Consultique SIM è una società di analisi e consulenza finanziaria indipendente sotto il controllo di Consob e Banca d Italia, che eroga servizi a investitori privati (family office), aziende,

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

studi professionali finanziari indipendenti

studi professionali finanziari indipendenti studi professionali finanziari indipendenti SERVIZI dedicati www.consultique.com CHI SIAMO Consultique è leader in Italia nell analisi e consulenza finanziaria indipendenti fee only. La società è remunerata

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

26 e 27 giugno. Convegno Annuale

26 e 27 giugno. Convegno Annuale e 26 e 27 giugno Convegno Annuale 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 26 MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 POMERIGGIO

Dettagli

www.bankingdiploma.it

www.bankingdiploma.it www.bankingdiploma.it Le aziende partecipanti 2 Il profilo dei partecipanti 52% Maschi 48% Femmine alle precedenti edizioni I numeri del Banking & Financial Diploma 17 edizioni 4.800 già diplomati titolo

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

RISCHIO OPERATIVO. Gruppo di lavoro AIFIRM "Rischio operativo": oggetto, sfide e stato dell'arte

RISCHIO OPERATIVO. Gruppo di lavoro AIFIRM Rischio operativo: oggetto, sfide e stato dell'arte RISCHIO OPERATIVO Gruppo di lavoro AIFIRM "Rischio operativo": oggetto, sfide e stato dell'arte Davide Bazzarello Group Head Operational&Reputational Risk Unicredit Giampaolo Gabbi Università degli Studi

Dettagli

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014 Conferimento Ramo d azienda Siena, 6 maggio 2014 2014 Widiba. All rights reserved. Gruppo MPS 1 Il mercato italiano è fortemente influenzato dalla digital evolution e dai nuovi modelli relazionali Da banca

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

www.bankingdiploma.it

www.bankingdiploma.it www.bankingdiploma.it 2 A partire dal 2015 è aperto alla partecipazione di professional di Aziende ICT, Società di consulenza e Studi professionali, che prestano attività e servizi a supporto delle aziende

Dettagli

Agent Channel R-Evolution: Integrazione e sinergie tra canali innovativi e rete agenziale

Agent Channel R-Evolution: Integrazione e sinergie tra canali innovativi e rete agenziale Agent Channel R-Evolution: Integrazione e sinergie tra canali innovativi e rete agenziale 1 Strategia, innovazione e finanza. Questi i tre elementi fondanti le attività del CeTIF Il Centro di Ricerca su

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Master Bancario in Area Commerciale

Master Bancario in Area Commerciale Master Bancario in Area Commerciale Premessa Il mondo del credito è in costante evoluzione e le innovazioni si susseguono con sempre maggior frequenza nel campo legislativo, gestionale, organizzativo e

Dettagli

Un salto di qualità. Informativa al Pubblico Pillar 3. 31 dicembre 2014

Un salto di qualità. Informativa al Pubblico Pillar 3. 31 dicembre 2014 Un salto di qualità. Informativa al Pubblico Pillar 3 31 dicembre 2014 Iccrea Holding S.p.A. Sede legale: Via Lucrezia Romana 41/47 00178 Roma R.I. e C.F. 01294700586 R.E.A. di Roma 275553 Capogruppo del

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 1 RISCHI DEL GRUPPO BANCARIO Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi,

Dettagli

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers MODULO 2 MODULO 1 L'organizzazione degli acquisti e il ruolo del Buyer Firenze,

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/214 Processo ICAAP BANCA DI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 9/6/215 INDICE Sommario

Dettagli

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari IL PROGRAMMA Modulo I I soggetti e il contesto operativo e regolamentare 1 2 dicembre 2011 - ore 15.00-19.00 Gli intermediari finanziari di cui al Titolo V del TUB a) La nascita della regolamentazione

Dettagli

MANAGEMENT BANCARIO: ORGANIZZAZIONE, GESTIONE OPERATIVA E COMPETENZE MANAGERIALI I edizione, 21/11/2011-02/04/2012 Codice RA098

MANAGEMENT BANCARIO: ORGANIZZAZIONE, GESTIONE OPERATIVA E COMPETENZE MANAGERIALI I edizione, 21/11/2011-02/04/2012 Codice RA098 MANAGEMENT BANCARIO: ORGANIZZAZIONE, GESTIONE OPERATIVA E COMPETENZE MANAGERIALI I edizione, 21/11/2011-02/04/2012 Codice RA098 Direttore Franco Fontana, Ordinario di Economia e gestione delle imprese

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

www.bankingdiploma.it

www.bankingdiploma.it www.bankingdiploma.it 2 A partire dal 2015 è aperto alla partecipazione di professional di Aziende ICT, Società di consulenza e Studi professionali, che prestano attività e servizi a supporto delle aziende

Dettagli

Risk management, compliance e attività di verifica

Risk management, compliance e attività di verifica Percorso specialistico confidi SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Risk management, compliance e attività di verifica Sei alla ricerca di una formazione sui sistemi interni di controllo? Hai bisogno di migliorare

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

Il Network di Business International

Il Network di Business International Il Network di Business International 2014 Il network di Business International Business International ha attivato dal 1998 un network riservato ai manager di Imprese nazionali e multinazionali con l obiettivo

Dettagli

Gestire l incertezza per competere:

Gestire l incertezza per competere: Gestire l incertezza per competere: trasformare i rischi in opportunità Percorso Formativo Il nuovo modello degli standard internazionali ISO introduce l approccio Risk Based Thinking nella gestione strategica

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

ORGANIZZAZIONE ED ETICA DEI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

ORGANIZZAZIONE ED ETICA DEI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE ED ETICA DEI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Corso di alta formazione Università Cattolica del Sacro Cuore 12 maggio - 7 ottobre 2005 per 12 incontri DIREZIONE SCIENTIFICA: Prof. Federico

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 DO YOU SEPA? 2010 PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 Chiara Frigerio CeTIF in collaborazione con 1 Dinamiche evolutive del business dei pagamenti Fattori Socio-culturali SEPA Evoluzione del mercato Sistemi

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE)

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) Dott. Werther Montanari Direttore Audit di Gruppo Società Cattolica di Assicurazione Soc. Coop. Verona, 9 dicembre

Dettagli

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1 company profile vision chi siamo mission back office rete distributiva struttura e modello organizzativo processi di certificazione collaboratori e accreditamento presso partner prestitosi governance e

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Comply or Explain La Road Map verso Solvency II in Italia Maria Alejandra Guglielmetti 30.01.2014 Comply or Explain?

Dettagli

MERCATO DEI CAPITALI:UN INTRODUZIONE ALL ECONOMIA E ALLA FINANZA

MERCATO DEI CAPITALI:UN INTRODUZIONE ALL ECONOMIA E ALLA FINANZA RIEPILOGO CORSI Mercato dei Capitali, un introduzione all economia e alla finanza Gli investimenti alternativi (asset liability management) La gestione del rischio finanziario (corporate financial risk

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea III) Situazione al 31 dicembre 2014

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea III) Situazione al 31 dicembre 2014 Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza Informativa al Pubblico (Basilea III) Situazione al 31 dicembre 2014 Sommario Tavola 1 - Obiettivi e politiche di gestione del rischio...6 Informativa qualitativa...6

Dettagli

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 3 marzo 202 OBIETTIVI Ai fini del corretto assolvimento delle funzioni

Dettagli

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013 Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea Aggiornato al 13/11/2013 1 Il sistema dei controlli adottato da Iccrea Holding Le attività, i processi, l assetto organizzativo, la gestione del rischio,

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI SELEZIONARE CON ATTENZIONE I CLIENTI, MONITORARE IN MODO EFFICACE LA QUALITÁ DEL PORTAFOGLIO, RISPONDERE

Dettagli

Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano

Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano 08:20 Registrazione e rinfresco di benvenuto Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano 08.50 Saluto del Presidente e considerazioni di apertura 09:00 Keynote: La crisi del debito nell Eurozona:

Dettagli

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228)

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) Catalogo Corsi 2015 Progetti formativi Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) AREA REGOLAMENTAZIONE (Rischi, Bilancio, Controlli e Legale) a) Normativa antiriciclaggio e terrorismo

Dettagli

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti Norton Rose Fulbright Gianluigi Gugliotta Milano, 11 giugno 2014 MiFID (2004/39/CE) PRINCIPALI OBIETTIVI Favorire ulteriormente l integrazione, la

Dettagli

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010 CONSULENZA AVANZATA Convegno Sec - 22 ottobre 2010 - Indice - - Premessa e benchmark di mercato - Come cambia il modello di relazione con il cliente - Come cambia il raccordo tra direzioni centrali e rete

Dettagli

Informativa al. Relazione del Consiglio. Un salto di qualità. Pillar 3. Esercizio 2008 31 dicembre 2013

Informativa al. Relazione del Consiglio. Un salto di qualità. Pillar 3. Esercizio 2008 31 dicembre 2013 Un salto di qualità. Informativa al Relazione del Consiglio di Amministrazione Pubblico Pillar 3 Esercizio 2008 31 dicembre 2013 2013 Iccrea Holding S.p.A. Sede legale: Via Lucrezia Romana 41/47 00178

Dettagli

CORSO MARKET ACCESS PROGRAMMA

CORSO MARKET ACCESS PROGRAMMA CORSO MARKET ACCESS PROGRAMMA OBIETTIVI Preparare professionisti del settore life-science a ricoprire ruoli nel Market Access e a interagire efficacemente con la struttura di Market Access. Far conoscere

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Sulla situazione al 31 dicembre 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1. A - Obiettivi e politiche di gestione del rischio - Art. 435 (1) CRR... 5 Tavola 1. B - Sistemi di Governance

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Francesco Sacchi - Intervento al Corso Factoring SDA Bocconi del 16.11.2012 PROFILI ORGANIZZATIVI DELL ATTIVITÀ DI FACTORING

Francesco Sacchi - Intervento al Corso Factoring SDA Bocconi del 16.11.2012 PROFILI ORGANIZZATIVI DELL ATTIVITÀ DI FACTORING Francesco Sacchi - Intervento al Corso Factoring SDA Bocconi del 16.11.2012 PROFILI ORGANIZZATIVI DELL ATTIVITÀ DI FACTORING www.fs2a.it 1 Sintesi L intervento è interamente dedicato ai temi di organizzazione

Dettagli

Informativa al pubblico 31 dicembre 2014. INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013

Informativa al pubblico 31 dicembre 2014. INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 31 dicembre 2014 1 Qualsiasi precisazione in merito a questo documento può essere richiesta ai seguenti recapiti: e-mail:

Dettagli

«Consulenza Finanziaria e Private Banking: Le opportunità della nuova normativa»

«Consulenza Finanziaria e Private Banking: Le opportunità della nuova normativa» «Consulenza Finanziaria e Private Banking: Le opportunità della nuova normativa» Gianfranco Venuti Responsabile Private Banking e Wealth Management Milano, 25 novembre 2015 Principali novità previste dalla

Dettagli

Informativa al Pubblico PILLAR 3 al 31/12/2014 delibera C.d.A. del 28/05/2015

Informativa al Pubblico PILLAR 3 al 31/12/2014 delibera C.d.A. del 28/05/2015 Informativa al Pubblico PILLAR 3 al 31/12/2014 delibera C.d.A. del 28/05/2015 INDICE PREMESSA... 4 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO - ART. 435 (1) CRR... 6 Risk Appetite Framework...6

Dettagli

IT GOVERNANCE, Risk & Security

IT GOVERNANCE, Risk & Security IT GOVERNANCE, Risk & Security Direzione Generale Via Giacomo Luvini 2a CH-6900 Lugano Sede Principale Via Maggio 1 CH-6900 Lugano www.bps-suisse.ch free call 00800 800 767 76 Relatore Paolo Camponovo

Dettagli

Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA

Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)...

Dettagli

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013 SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013 Schroders Italy SIM S.p.A. Resoconto ICAAP al 31 dicembre

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Il Network di Business International. www.businessinternational.it

Il Network di Business International. www.businessinternational.it Il Network di Business International www.businessinternational.it The illiterate of the 21st century will not be those who cannot read and write, but those who cannot learn, unlearn, and relearn. Alvin

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014

TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Indice generale INTRODUZIONE...4 SEZIONE 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...7 SEZIONE 2 COMPOSIZIONE DEI FONDI PROPRI...32

Dettagli