ELOGIO DEL CAMMINARE #2 13 FEBBRAIO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELOGIO DEL CAMMINARE #2 13 FEBBRAIO 2014"

Transcript

1 ELOGIO DEL CAMMINARE #2 13 FEBBRAIO 2014 Buongiorno, ringrazio tutti voi per essere intervenuti oggi, ringrazio i due Vice-presidenti Olimpia Tarzia e Cristian Carrara e i Consiglieri per aver collaborato alla buona riuscita di questa importante iniziativa. Ringrazio l Assessore Ravera che ci raggiungerà nel corso della mattinata e l assessore Leonori per le loro testimonianze e Mauro Mannocchi per l accoglienza. Camminare, andare in bici o a cavallo, viaggiare all aria aperta non sono solo modi nuovi di scoprire le bellezze naturali e turistiche di un territorio ricco come l Italia, come il Lazio, sono anche modi per riscoprire itinerari che coinvolgono aspetti fondamentali della nostra vita: legati al benessere fisico ma anche alla cultura, alla società, al paesaggio, alla fede religiosa e di cui si sente sempre più il bisogno di riappropriarsi. Siamo oggi al secondo appuntamento di un cammino avviato l estate scorsa, la seconda tappa di percorso partecipato e di riflessione con le tante anime di questa tipologia di turismo; per mettere a fattor comune gli aspetti legati ai cammini di fede, alla tutela ambientale, alla valorizzazione culturale, al benessere e alla qualità del viaggiare lento. A luglio scorso aprii il mio intervento con una frase di Italo Calvino che così recita: Il camminare presuppone che a ogni passo il mondo cambi in qualche suo aspetto e pure che qualcosa cambi in noi ed è con lo stesso spirito che oggi siamo qui per continuare il nostro lavoro di confronto, aperto ai diversi interlocutori del turismo itinerante, sul quale la Regione Lazio ha avviato un nuovo approccio culturale e programmatico.

2 La nostra regione è un territorio di bellezze turistiche e paesaggistiche, di itinerari culturali e religiosi come le Vie Francigene, i Cammini di San Benedetto e di San Francesco, di luoghi storici e naturali, alcuni patrimonio dell Unesco, che è importante valorizzare e riscoprire attraverso la lentezza, il camminare accanto, la riscoperta della natura e della propria interiorità. Come istituzioni e come politici dobbiamo avere sempre ben presente che le scelte che facciamo impattano sulla vita di ogni singola persona. Parlare di cultura, turismo e rispetto dell ambiente vuol dire avere ben chiaro un modello, che nel nostro caso parla di sviluppo economico e sociale, di qualità dell offerta turistica. Abbiamo una città meravigliosa come Roma ma allo stesso tempo abbiamo anche splendidi borghi, chiese e abbazie, parchi in tutto il Lazio, intorno ai quali esistono vivaci comunità di appassionati, associazioni, operatori turistici, volontarie se vogliamo avere a cuore il futuro dei nostri territori, dei nostri giovani, dobbiamo puntare a fare un certo tipo di politica, che sia sinonimo di crescita, di sostenibilità, di qualità. Quando abbiamo terminato i lavori nella prima edizione del workshop, ci siamo incamminati verso questo nuovo modello culturale e turistico, la cui dimensione ecologica non riguardava soltanto la declinazione ambientalista ma la riscoperta e la promozione dei percorsi urbani; nel quale ci è sembrato importante cominciare a lavorare su alcuni aspetti, come forme di sostegno del turismo all'aria aperta, l importanza del marketing territoriale, l'adozione di specifiche normative di settore. Ed è proprio dalle normative che voglio riprendere il filo per dare impulso al comparto del turismo verde che, in sinergia con il sistema delle aree protette regionali, può fare da traino all'economia periferica del Lazio. È infatti attestato da tutte le indagini economiche che il turismo verde è uno dei pochi comparti in crescita pur in un momento di profonda crisi economica come quella attuale e che si pone come valido salvagente anche rispetto all offerta turistica tradizionale (Rapporto Ecotur2013). Ed è anche attraverso le normative che dobbiamo puntare a migliorare la qualità dell offerta turistica laziale.

3 Per quanto riguarda le forme di sostegno, fine dicembre 2013 l Agenzia turistica del Lazio ha pubblicato una call for proposal per la valorizzazione delle ippovie e delle piste ciclabili, in attuazione del Piano turistico annuale della Regione Lazio per il Il bando, che scadrà il 30 marzo, è destinato ad comuni, Associazioni di Comuni, Comunità montane e pmi, ed è volto promuovere interventi di valorizzazione, riqualificazione, sviluppo, diversificazione e promozione dell offerta turistica delle aree dell Appennino laziale attraverso la creazione di una rete di percorsi e di mete alternativi, che integrino tra loro le valenze e le emergenze naturalistiche, archeologiche, architettoniche e paesaggistiche. E non sarà l unico intervento in questo senso. Il nostro territorio non ha giacimenti di risorse naturali, né petrolio né pietre preziose. Ma ha una delle sue ricchezze più importanti nelle bellezze culturali e paesaggistiche, nei Parchi e nei centri storici, nei luoghi di culto, nei cammini e nelle varietà enogastronomiche che offre ai visitatori. Per questo, come Regione, ci stiamo impegnando per renderle fruibili a tutti, sviluppando il turismo e incentivando gli appassionati a goderne con ogni mezzo. Il mio auspicio, ora, è quello di proseguire insieme, attraverso un successivo momento di lavoro comune, per continuare a dare maggiore linfa a questo nuovo approccio al turismo che coniuga la cultura, la scoperta dell interiorità, l opera dell uomo, il contatto con la natura con il benessere della società e della persona. Grazie a tutti e buon lavoro. Eugenio Patanè

4 Outdoors Experience Workshop: L elogio del camminare #2 Fiera di Roma, 13 Febbraio 2014 Intervento di Elisabetta Calabri (Dirigente Area Programmazione turistica e Interventi per le Imprese, Agenzia regionale del Turismo) Buon giorno a tutti, ringrazio il Presidente e il Vice Presidente della V Commissione consiliare per questa interessante iniziativa. Vi porto i saluti del Direttore dell Agenzia regionale del Turismo, dott. Giovanni Bastianelli, che sostituisco in questa occasione. A seguito della riorganizzazione regionale dello scorso anno, l Agenzia ha assorbito tutte le competenze in materia di turismo: programmazione, promozione, Osservatorio regionale del turismo, interventi per le imprese turistiche, agenzie di viaggio, formazione in materia di turismo, professioni. Il tema di questa Sessione è Cammini di fede e prospettive di sviluppo turistico. La nostra regione, come noto, è attraversata da una rete estesa e ramificata di Cammini di fede, generalmente indicati come Vie Francigene del Lazio: - a Nord: Via Francigena, da Proceno a Roma, compresa la c.d. variante Cimina; - a Est: Via di Roma Via Francigena di San Francesco; Cammino di Francesco nella Valle Santa di Rieti; Via Benedicti; - a Sud: Via Francigena del Sud con le varie ramificazioni, quali Via Appia-Appia Pedemontana e interna ai Monti Lepini e Via Prenestina-Casilina-Latina. Non tutti i rami di tali Cammini sono nelle medesime condizioni per struttura, tracciato, continuità fisica, percorribilità a piedi in sicurezza e segnaletica: in alcuni tratti è inevitabile proseguire il percorso lungo strade carrabili con evidenti problemi di incolumità. Negli ultimi anni sono state comunque intraprese, da parte della Regione, degli Enti Locali, delle istituzioni religiose e delle associazioni attive sul territorio, numerose iniziative per garantire la conoscenza, la realizzazione, la valorizzazione, la fruibilità e la promozione delle Vie Francigene nel Lazio. Mi riferisco in particolare alle iniziative dell Assessorato alla Cultura, in attuazione della LR 19/2006, ma anche dell Ambiente e del Turismo. Per quanto riguarda in particolare il Turismo, la Regione Lazio ha partecipato, dal 2003, come partner o capofila, in attuazione della Legge 135/2001, ad alcuni Progetti interregionali di sviluppo dei Sistemi Turistici Locali, rivolti all individuazione e al recupero di percorsi e itinerari e, più in generale, allo sviluppo e alla valorizzazione delle aree interne del Lazio. Tra questi, in particolare, i Progetti Itinerari della fede-cammini di fede (Via di Roma Via Francigena di San Francesco; Cammino di Francesco nella Valle Santa di Rieti; Via Benedicti), Via Francigena, Via Salaria, Appennino centrale e verde e Vivere i laghi. 1

5 I Cammini di fede, in quanto itinerari percorribili preferibilmente a piedi o con mezzi lenti, a misura d uomo (bicicletta, cavallo), hanno necessariamente, oltre alla innegabile rilevanza religiosa e spirituale, anche una valenza turistica e culturale. Il Consiglio d Europa ha dichiarato la Via Francigena "Itinerario Culturale Europeo", così come il Cammino di Santiago de Compostela in Spagna, collocando pertanto tale percorso in una prospettiva sovranazionale e europea, aspetto importante proprio per il settore turistico, in relazione alla possibilità di attrarre turisti stranieri. I Cammini di fede del Lazio sono percorribili per le più svariate motivazioni turistiche in senso lato: oltre alla fede, anche l interesse per la cultura e la natura, la passione per l escursionismo e lo sport o la curiosità per i prodotti enogastronomici. Gli itinerari rappresentano, tradizionalmente e storicamente per il turismo, gli strumenti di fruizione e valorizzazione del territorio, costituiscono la trama e le infrastrutture che consentono di spostarsi e di attraversare città, paesaggi, ambienti naturali, ammirando beni culturali e assaporando prodotti tipici. L itinerario è il percorso fisico e la sequenza logica delle tappe di un viaggio, di un escursione, che generalmente si traduce in una rappresentazione grafica o multimediale/georeferenziata. L itinerario ha comunque una portata spirituale e emozionale, legata all esperienza che il turista/pellegrino vive di un territorio, conservandone il ricordo e comunicandolo agli amici, spesso attraverso i social network, in modo da contribuire alla reputazione di una regione o di un area. Il Lazio è un territorio ricchissimo, pieno di spunti e risorse per programmare itinerari e percorsi, anche se spesso la rete dei sentieri presenta alcune criticità, legate alla segnaletica, alla messa in sicurezza, allo stato di manutenzione, agli aspetti gestionali e all accessibilità. Prima ancora di promuovere gli itinerari, è infatti prioritario realizzarli concretamente, cioè tracciarli e dotarli dei necessari servizi di supporto (segnali e cartelli), individuando nelle vicinanze eventuali aree per il parcheggio e la sosta, punti di ristoro e strutture ricettive per l ospitalità e soprattutto garantendo la manutenzione nel tempo. In altre parole bisogna costruire itinerari e prodotti turistici integrati con la collaborazione di tutti, Enti locali, associazioni, operatori. Nel Lazio si rileva dunque l esigenza di mettere a punto percorsi e sentieri, oltre che interessanti e piacevoli, ben segnalati, sicuri, accessibili (sotto gli aspetti fisico e sensoriale), preferibilmente certificati da coloro che, in tale ambito, hanno maturato esperienza e professionalità così da fornire garanzie di fruibilità e sicurezza. A tal proposito, la Regione Lazio, attraverso l Agenzia del Turismo, potrà valutare l opportunità di stabilire accordi con i soggetti, gli enti e le associazioni con una pluriennale esperienza nell escursionismo e nella sentieristica. In relazione alla ricettività di supporto ai Cammini di fede, in alcune Regioni è stata proposta l individuazione dei c.d. Rifugi dei pellegrini come nuova tipologia extralberghiera. Forse la questione non è tanto istituire altre categorie di strutture ricettive, specificamente mirate a determinati target, attribuendo ulteriori etichette, considerato che, rispetto alla classificazione delle strutture, le Regioni si stanno orientando congiuntamente verso una progressiva semplificazione. La questione è semmai quella di individuare, in prossimità dei percorsi dei Cammini di fede, le strutture alberghiere, extralberghiere e all aria aperta in grado di offrire ospitalità adeguata alle esigenze dei turisti/pellegrini e soprattutto a costi contenuti, tanto più se tali itinerari sono fruiti in periodi di bassa stagione. 2

6 Vorrei riepilogare brevemente alcune rilevanti iniziative, intraprese dall Agenzia regionale del Turismo, a seguito della riorganizzazione, che potranno avere riflessi anche sul Turismo itinerante. Sono state infatti avviate le attività propedeutiche alla definizione della proposta per il nuovo Piano turistico triennale , nell ottica del rilancio del ruolo strategico della programmazione. La proposta di Piano partirà dall analisi dei dati sul turismo e dei punti di forza e di debolezza dell offerta turistica regionale per definire poi le strategie, gli obiettivi e le linee di azione, finalizzate a migliorare la competitività del Lazio a scala internazionale e nazionale e a sviluppare la politica dell accoglienza. Il processo di definizione si svolgerà secondo un metodo condiviso e partecipativo con il coinvolgimento degli Enti territoriali e delle Associazioni di categoria. È stata inoltre intrapresa una importante attività di revisione normativa, in particolare della LR 13/2007 (Organizzazione del sistema turistico laziale) e dei relativi Regolamenti autorizzati nn. 16, 17 e 18, rispettivamente per le strutture extralberghiere, alberghiere e all aria aperta. Si tratta di una normativa regionale relativamente recente che, come tutte le norme, nella fase concreta di attuazione, ha mostrato la necessità di parziali aggiornamenti e soprattutto semplificazioni, anche per risolvere difficoltà di interpretazione o applicazione e per adeguarsi a modifiche introdotte dalla normativa statale. Il turismo, come noto, è un settore in continua evoluzione, condizionato da cambiamenti rapidi e talvolta poco prevedibili del contesto economico, sociale e culturale, dalla concorrenza internazionale, dai progressi dei mezzi di trasporto e delle telecomunicazioni, che hanno inciso profondamente sulle aspirazioni, sulle abitudini dei turisti, sulla durata e sulle modalità di organizzazione e prenotazione di un viaggio. Con particolare riferimento al Turismo itinerante, disciplinato dal Regolamento regionale n. 18/2008, è stata avviata una riflessione, in collaborazione con le associazioni di categoria, rivolta alla predisposizione di una proposta di semplificazione normativa. In attuazione del Piano turistico annuale 2013 (approvato con DGR 325/2013), che rappresenta l ultimo anello del Piano turistico triennale 2011/2013, sono stati intrapresi, ai fini della qualificazione e della diversificazione dell offerta turistica nel Lazio, i seguenti progetti di valorizzazione e promozione degli itinerari: 1) Avviso pubblico per il Turismo accessibile o per tutti, per la presentazione di progetti di valorizzazione e promozione turistica e per il miglioramento dell accoglienza, della fruibilità e dell attrattività del Lazio nei confronti di turisti con esigenze speciali (disabili motori e sensoriali, allergici alimentari, etc.), pubblicato il 5/11/2013, scadenza il 5/12/2013, budget L Avviso è rivolto a iniziative, proposte da istituzioni sociali private (onlus), specializzate nel segmento del turismo accessibile, riguardanti l'individuazione di itinerari turistici-culturaliambientali e di mappe sull'accessibilità delle strutture, dei servizi e dell'offerta turistica del Lazio, nonché la promozione del turismo per tutti attraverso materiali di comunicazione anche a carattere innovativo. 2) Avviso pubblico per la presentazione di manifestazione di interesse per il potenziamento e la riqualificazione della rete di percorsi naturalistici, piste ciclabili e ippovie, pubblicato il 31/12/2013, scadenza il 31/3/2014. Con tale Avviso si intende promuovere gli interventi di valorizzazione, riqualificazione, sviluppo, diversificazione e promozione dell offerta turistica delle aree dell Appennino laziale (già 3

7 ricomprese in un precedente Programma triennale integrato di intervento per la Promozione del Turismo Montano, LR 10/2001), attraverso la creazione di una rete di percorsi e mete alternativi, che integrino tra loro valenze e emergenze naturalistiche, archeologiche, architettoniche e paesaggistiche. L ambito territoriale di riferimento (Comuni dell Appennino laziale delle Province di Rieti, Roma e Frosinone) è riconducibile all individuazione di cui alla DGR 912/2008. Destinatari dell Avviso sono, oltre a Comuni e Amministrazioni pubbliche (e forme associate), anche imprese private singole e/o associate proprietarie e/o titolari di autorizzazione all esercizio della struttura ricettiva extralberghiera, oggetto della proposta. Da rilevare che, nonostante si tratti di una manifestazione di interesse (al momento priva di finanziamenti) il tema sembra riscuotere grande interesse, considerato l elevato numero di richieste di informazioni che pervengono. 3) Gli itinerari costituiscono infine uno dei temi portanti del nuovo Portale del Turismo, non ancora reso pubblico nella versione definitiva, derivante dall evoluzione del Portale in corso di progressiva e costante implementazione da alcuni mesi. Nel nuovo Portale, in considerazione dell importanza sempre maggiore, per il grande pubblico, della comunicazione turistica via web, sono stati individuati e proposti numerosi itinerari turistici integrati, anche abbinati ad eventi culturali, religiosi, sportivi, enogastronomici e tradizionali, al fine di promuovere il territorio del Lazio in tutti i suoi aspetti. Roma 13 Febbraio 2014 Elisabetta Calabri 4

8 car Workshop L elogio del Camminare #2 13 febbraio 2014 INTERVENTO dott. LUIGI FIORELLI presidente Associazione Laziale Vie Francigene ALVF Buongiorno. È con grande piacere che ho accolto l invito del Presidente Patané a partecipare a questo momento di riflessione sul tema del turismo itinerante, finalizzato alla valorizzazione del patrimonio turistico, paesistico, ambientale e culturale della Regione Lazio. Porto in questa sede anche la voce dell Associazione Europea delle Vie Francigene ed i saluti del suo presidente on.le Massimo Tedeschi, assente per un precedente impegno istituzionale Il mio intervento si svilupperà sul tema dell offerta turistica - escursionistica ed itinerante come opportunità di sviluppo economico nel lazio visto nella prospettiva della Via Francigena e del turismo religioso dei pellegrini che sempre più numerosi in questi anni la scelgono per raggiungere Roma e San Pietro Analizziamo il rapporto fra VIA FRANCIGENA e CAMMINO DI FEDE, TURISMO SOSTENIBILE e SVILUPPO ECONOMICO, cioè con i tre elementi portanti del nostro workshop La VIA FRANCIGENA è un CAMMINO DI FEDE Dopo di me altri approfondiranno il tema dei CAMMINI: a me serve solo ricordare che da tempi lontani il territorio europeo è attraversato da itinerari, che in nome della fede portano da una regione all altra pellegrini alla ricerca di spiritualità, che è più facile da trovare tra angoli di natura incontaminata Da sempre in un Cammino di Fede FEDE E CULTURA, STORIA E TRADIZIONI sono legati e questo comporta un approccio turistico nuovo, fondato su valori culturali locali ma letto in dimensione di europea. La Via Francigena è uno strumento d integrazione tra tradizioni e culture diverse e necessita di compartecipazione di esperienze economiche, culturali e sociali tra i vari Paesi, con prospettive interregionali e transnazionali. La VIA FRANCIGENA è strumento di TURISMO SOSTENIBILE La VIA FRANCIGENA coniuga perfettamente sviluppo economico - turismo - cultura e rappresenta una delle vie maestre per ripensare la nostra regione e il nostro paese in una nuova politica di sviluppo. La VIA FRANCIGENA è sviluppo e turismo in regime di sostenibilità: - perché è un particolare cammino di fede è un PELLEGRINAGGIO - perché il pellegrino ha un approccio particolare al suo viaggio ed al territorio con il quale va ad interagire nel suo camminare. Pellegrinare è incamminarsi lungo percorsi valorizzati da un senso spirituale - il pellegrinaggio nella sua globalità acquisisce valore dal viaggio intrapreso per raggiungere la meta, dal percorso in sé, dalle scoperte che si incontrano lungo il cammino, che portano il pellegrino a penetrare nella storia, nel paesaggio naturale ed antropologico, per fare un passo avanti nella conoscenza di sé stesso. - il pellegrinaggio è un cammino di pace e il pellegrino è un essere dialogante, una persona che sceglie un consumo attento ed un rapporto solidale improntato all aiuto reciproco, un viaggiatore che reca poco disturbo all'ambiente sociale che attraversa, che cammina in condivisione e cerca il tragitto per crescere, più che il traguardo Il pellegrino è anche un vero e proprio turista nel momento in cui chiede di usufruire di vitto, alloggio, trasporti e servizi vari ma la sua natura di pellegrino/turista rende la Via Francigena perfettamente in armonia con il concetto di sviluppo sostenibile, perché è un soggetto che pratica un turismo esperienziale, ha scelto il cammino lento, un viaggio lento e consapevole come opportunità o come stile di vita - percorre sentieri, strade sterrate in mezzo alla campagna assaporando ogni momento, disponibile a conoscere attraverso tutti i cinque sensi ed aprire la sfera delle sensazioni interiori e sceglie di camminare e di svolgere attività spirituali - amante della natura e rispettoso dei luoghi.

9 car Il percorso della Francigena nel territorio italiano - il più interessante per i paesaggi attraversati, per la cultura, per le tradizioni - è turismo all'aria aperta, è una importante opportunità per i territori di ampliare le occasioni di sviluppo, soprattutto per le realtà di piccole e medie dimensioni. Il plein air, infatti, rappresenta sempre più una delle forme ideali per lo sviluppo turistico sostenibile nei comuni minori o più decentrati, che sono maggiormente in grado di conciliare l'offerta turistica con un impulso concreto verso lo sviluppo di nuove attività. La VIA FRANCIGENA è volano di SVILUPPO ECONOMICO La Via Francigena è una risorsa importantissima per lo sviluppo del nostro paese ma necessita di molte risorse umane e materiali per il suo potenziamento: Dobbiamo puntare ad ottimizzare la sua FRUIBILITÀ E PERCORRIBILITÀ; sviluppare OFFERTE E PROPOSTE TURISTICHE adeguate alla domanda ed alla particolare natura di PELLEGRINAGGIO DI FEDE; promuovere e valorizzare i LUOGHI RELIGIOSO CULTURALI; incrementare MATERIALE PROMOZIONALE e INFORMATIVO; divulgare informazioni utili al turista/pellegrino per muoversi nel territorio, privilegiando forme di movimento alternativo e di turismo slow; elaborare proposte turistiche, organizzate e strutturate stabilmente, pacchetti di offerte e iniziative in armonia con il pellegrinaggio spirituale ed anche individuale del pellegrino/turista; proporre iniziative verso luoghi religiosi e di particolare interesse culturale, spirituale ed ecumenico; coinvolgere le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere nell'accoglienza - assistenza lungo gli itinerari, supporto organizzativo dei pellegrinaggi, anche con la partecipazione di diocesi, parrocchie, enti, associazioni ed istituti religiosi del territorio regionale; avviare azioni di marketing territoriale con la progettazione di servizi, pacchetti commerciali, eventi e manifestazioni correlate all'arte, alla cultura e alle iniziative di viaggio/pellegrinaggio; favorire lo sviluppo di iniziative inserite in forma stabile nei cataloghi dei principali tour operators internazionali e nei grandi circuiti globali del turismo le destinazioni e i luoghi sacri e di fede francigeni e mantenere sempre una visione integrata di sviluppo IN SINTESI - partire dall adeguamento strutturale e infrastrutturale dei percorsi - passare per l organizzazione strutturale dei punti di interesse turistico - arrivare alla fidelizzazione del transito dei pedoni - predisporre maggiori aree di sosta per i pellegrini Se vogliamo potenziare la Via Francigena dobbiamo partire dalla spinta spirituale del pellegrinare e pensare ad un viaggio lento e ricco di contenuto A mio parere il potenziamento e lo sviluppo della Via Francigena devono ripartire dalla rievocazione dello spirito del passato, dalla tensione conoscitiva interiore che alimentava nei viandanti il desiderio di affrontare un avventura, ed il cammino valeva come e forse più della meta. Allora pensiamo da camminatori: dobbiamo poter ntercettare bellezze godibili, con itinerari noti e sempre percorribili senza problemi, disporre di cartografie di facile consultazione con allegate guide ove sono riportati nel dettaglio i punti di ristoro, di alloggio, i collegamenti, i percorsi alternativi, poter contare su percorsi messi in sicurezza e muniti di una segnaletica uniforme nella simbologia. Così il tracciato pensa al suo reale fruitore: decine di migliaia di turisti saranno sedotti con lo spirito della fede senza dimenticare strumenti molto più terreni.

10 car SVILUPPO ECONOMICO STRATEGIE Se la Via Francigena è una grande risorsa, quali le possibili strategie per potenziarla? Senza dubbio A) sicurezza e fruibilità B) ricchezza e varietà di proposte di attrazione Un territorio che accoglie i pellegrini propone anche attrattive con spettacoli, pubblicazioni, conferenze incontri I Comuni affacciati sul percorso DEVONO produrre materiale utile ed interessante per un pellegrino moderno; adottare una politica turistica ad impatto zero, che punti sulla riscoperta e la promozione dei percorsi urbani, sul turismo all aria aperta, sul marketing territoriale. In particolare mi sembra urgente il potenziamento sulla Via Francigena di percorsi percorribili a cavallo, con punti tappa attrezzati per ospitare cavalli e cavalieri La Via Francigena può diventare un giusto contesto/scenario per opere letterarie: immaginiamo un concorso di narrativa - a livello nazionale - che costringere lo scrittore proveniente da qualsiasi parte dell Italia ad ambientare il proprio racconto LUNGO LA VIA FRANCIGENA, documentandosi sulle nostre bellezze ambientali ed artistiche. Inoltre si possono invitare a soggiornare nei territori della Via Francigena degli scrittori a livello nazionale che vengono accompagnati lungo i siti più interessanti ed affascinanti si che poi possano creare il loro racconto ambientato lungo la VIA FRANCIGENA Pensate ad una serie di DON MATTEO alle prese con pellegrini sulla Francigena! Oppure ad un COMMISSARIO MONTALBANO La Via Francigena può essere promossa valorizzando le testimonianze della cristianità: per esempio, nella VIA FRANCIGENA DEL SUD nel Lazio, Latina e dintorni appartengono a un territorio che proprio oggi celebra i 110 anni del Martirio di Santa Maria Goretti, la santa bambina: Borgo Montello e Le Ferriere, nella periferia di Latina e Nettuno conservano ancora oggi la storia della santa che incarna il perdono. Per brevità, infine, scelgo una rapida successione di spunti di riflessione sicurezza per le donne La VIA FRANCIGENA come VIA DI PELLEGRINAGGIO che sostiene le donne, quelle forti e coraggiose che camminano da sole. : la presenza femminile sul cammino cresce e ha raggiunto il 40%. Il cammino si sta connotando al femminile? Occorre mantenere alta la vigilanza, la Via Francigena deve essere sicura programmazione integrata La programmazione integrata è uno strumento di programmazione che favorisce lo sviluppo locale, rafforza l'identità del territorio attraverso la valorizzazione di tutti i suoi elementi naturali, antropici, culturali, storici e tradizionali, mette a sistema tutti gli interventi e servizi della filiera turistica promozione di sinergie È questo un argomento che mi sta molto a cuore: SINERGIA è una rete operativa di gestione dell accoglienza e della manutenzione condivisa nei territori; è interesse e senso di appartenenza da parte delle comunita locali, protagoniste attive e propositive nello sviluppo dell itinerario; è collaborazione tra operatori turistici e associazioni di volontari, parrocchie, scuole, amministrazioni locali; è integrazione territoriale per un progetto di più ampio respiro qual è quello della via Francigena Il confronto tra le diverse amministrazioni attraversate dalla Francigena è fondamentale: senza il contributo attivo di tutte le municipalità la Via Francigena non può crescere e consolidarsi

11 car le tre gambe della Francigena Se MASSIMO TEDESCHI ora fosse qui, userebbe la metafora delle tre gambe: a. la gamba delle istituzioni pubbliche b. la gamba delle associazioni no-profit - c. la gamba delle attività di natura economica che possono far crescere una vera e propria economia collegata. In occasione del III FORUM delle ASSOCIAZIONI per la VIA FRANCIGENA svoltosi a Campagnano di Roma il 25 gennaio scorso Tedeschi ha ampliato il concetto, giustamente aggiungendo agli enti pubblici, alle associazioni ed agli operatori economici i pellegrini, sempre più protagonisti della Francigena ed ha scelto la metafora delle QUATTRO RUOTE far conoscere il territorio e i percorsi minori Dobbiamo far riscoprire territori della FRANCIGENA innanzitutto dalle Comunità locali; valorizzare le risorse turistiche, inclusi gli itinerari minori; potenziare i collegamenti, l offerta di servizi integrati con le iniziative del Comune; valorizzare una rete stradale minore si favorisce quel turismo "on the road" che oggi fa la fortuna di molte zone della Toscana e dell'umbria: un tipo di turismo che ben si presta alla scoperta di affascinanti località minori e di paesaggi splendidi ma ancora sconosciuti, e che allo stesso tempo concorre pure alla fruizione (e allo sviluppo) di b&b, agriturismi, ristoranti. puntare su competenze gestionali e manageriali della destinazione turistica La Via Francigena è un volano per l economia e l occupazione nel territorio e permette uno sviluppo sostenibile? Allora pensiamo a strategie di ecoturismo, turismo rurale, turismo enogastronomico; Turismo esperienziale, ma con nuovi modelli di organizzazione e di nuove competenze gestionali e manageriali L AEVF nel maggio 2012 in qualità di organismo abilitato dal Consiglio d Europa quale réseau porteur della Via Francigena, in collaborazione con la Regione Toscana, capofila del progetto interregionale Via Francigena (legge n. 135/2001) - ha promosso un seminario formativo per conoscere meglio la Via Francigena e lo slow tourism organizzato in collaborazione con la Regione Toscana, capofila del progetto interregionale Via Francigena e realizzato dalla società Itineraria. Per la Via Francigena dobbiamo parlare di competenze di ACCOGLIENZA, accoglienza fisica, spirituale, culturale, che sostenga con originalità ogni passo dell'amico pellegrino. Questa ottica di accoglienza può senz altro giovare al pellegrino: secondo me la Via Francigena appartiene a chi la percorre, con spirito religioso o laico, da pellegrino o da viaggiatore. attrarre investimenti La Via Francigena è in grado di attrarre investimenti grazie alla qualità dell ambiente, dei servizi e delle infrastrutture Gli Enti Pubblici devono recuperare economie di scala e ottimizzare i costi; il Commercio ha un ruolo strategico: penso alla valorizzazione e la qualificazione dei centri storici un esempio? Incentivando l iniziativa di chi investe in dehors dei ristoranti e caffè e nelle esposizioni di banchetti promozionali riducendo o eliminando tasse di occupazione di suolo pubblico. Un ultimo cenno al concetto di OFFERTA RICREATIVA: al recente III Forum delle Associazioni per la Francigena - SANDRO POLCI, architetto e direttore artistico del Festival europeo della Francigena ha sottolineato come la Via possa essere un contenitore che diversifichi l offerta di spettacolo e cultura in modo da rispondere meglio all evoluzione della domanda. Penso ad una Via Francigena che sia attraente anche dal punto di vista degli investimenti, mediante un piano strutturato di marketing d attrazione nei confronti di aziende operanti nel settore dei servizi, del terziario avanzato, della ricerca, dell alta tecnologia e un percorso di ricerca di partnership con grande capacità finanziaria.

12 car collegamenti, comunicazione, aggregazione Affinché la Via Francigena possa realmente crescere è importante potenziare i collegamenti su gomma e su ferro; giovarsi della comunicazione on line: auspichiamo importanti investimenti finalizzati a migliorare la qualità; scegliere politiche che incoraggino l associazionismo - una risorsa straordinaria per tutta la comunità guardare all Europa La VIA FRANCIGENA guarda ad un Europa integrata ed unita ed il progetto della Via Francigena e dello sviluppodella rete degli itinerari culturali del Consiglio d Europa deve essere ben presente nelle aule del Parlamento Europeo con una giusta azione di lobbing e grazie all attiva presenza dei nostri rappresentanti politici MI FERMO QUI: penso che il vantaggio competitivo della VIA FRANCIGENA dipenderà dalla nostra capacità di proporre un insieme di più attrattive, caratterizzate dalla valorizzazione delle risorse e della cultura locale gestite attraverso il coordinamento dei diversi partecipanti all azione turistica, comunità locale inclusa è una sfida, ma siamo pronti ad accoglierla

13 Sintesi intervento PAOLO PIACENTINI Anche il secondo incontro sul tema del camminare e delle attività outdoor, organizzato dalla V^ Commissione del Consiglio Regionale del Lazio, ha riscosso un buon successo di pubblico e di relatori e quindi va dato atto, di nuovo, al Presidente Eugenio Patanè e a tutti gli altri componenti della Commissione che su questo settore, fino a ieri trascurato dalla Regione Lazio, qualcosa si sta muovendo. Credo che siamo sulla buona strada visto anche l impegno che l Assessore Lidia Ravera ha dichiarato di voler mettere per il rilancio delle Vie di lunga percorrenza, in particolare della Via Francigena Nord e della Via di Francesco nel tratto Rieti-Roma. L aver stanziato 500 mila euro per la messa in sicurezza dei percorsi e 300 mila per la promozione, sono una buon risultato che va gestito con molta attenzione per evitare gli errori del passato in cui le risorse a disposizione erano di molto superiori ma non c è stato il coordinamento necessario tra associazioni, operatori del settore ed istituzioni; capace di far decollare il progetto delle cosiddette Vie Francigene, sul modello francese e spagnolo, solo per fare due esempi. Quello che quindi oggi va fatto senza indugio è un coinvolgimento, il più possibile ampio anche se non dispersivo, delle realtà territoriali e degli operatori, sia volontari che professionali, che ormai da decenni promuovono il turismo escursionistico nella nostra Regione. Va fatta rete anche all interno della Regione per evitare che su settori tra loro intersecati si vada ad ordine sparso. In questo senso le politiche di rilancio delle vie di lunga percorrenza o del turismo escursionistico in generale devono coordinarsi con il percorso legislativo, molto importante e necessario, messo in piedi dalla V^ Commissione e che prevede le due proposte di legge di cui si è parlato anche oggi: quella sulla sentieristica e quella sulle guide ambientali escursionistiche. L ottima intuizione avuta dal Presidente Patanè e dagli altri consiglieri, in modo assolutamente trasversale, è stata quella di arrivare, dopo anni di tentativi andati a vuoto, ad un riconoscimento ed inquadramento normativo di un settore che, come dimostra il dibattito vario ed appassionato di oggi, non è più un settore di nicchia. Oggi al sfida che la Regione ha davanti è quella di far diventare il settore dell outdoor un segmento strategico dentro le politiche di pianificazione e bilancio. Il camminare e l attività sportiva all aria aperta, in generale come ci dicono gli esperti dell OMS, gli amici della montagna-terapia e gli analisti del turismo ambientale, è un attività che per i benefici di benessere individuale e sociale che determina, sia in città che nel meraviglioso paesaggio naturale e culturale, è in forte crescita e quindi è maturo il momento perché le istituzioni periferiche e centrali ci investano seriamente mettendo in conto, oggi sono parametri facilmente quantificabili, anche il forte risparmio in termini di spesa sanitaria: quel pozzo di San Patrizio che affossa tutti i bilanci regionali e statali. Allora per concludere, ancora ok per quello che sta accadendo ma proprio perché si sente una certa attenzione facciamo in modo di muoverci tutti in rete e coordinati per fare in modo, ad esempio, che la nuova stagione dei Fondi ricada anche su queste settore e soprattutto che favorisca quella nuova occupazione giovanile di cui tanta si parla.

14 Mettersi in cammino, piedi per terra e testa nel cloud Le azioni che caratterizzano Urban Experience, nelle sue esplorazioni urbane ed ambientali, esercitano uno spirito ludico-partecipativo che trova nell'uso del web un'opportunità particolare, quella di attingere ad informazioni non solo funzionali ma anche creative, narrative ed educative. C'è un modo di dire che definisce bene queste pratiche: piedi per terra e testa nel cloud. Usiamo le risorse informative che posizioniamo nel cloud di internet per alimentare il gioco dell'esplorazione e dell'educazione ambientale, secondo le poetiche del performing media che sottende un'animazione culturale ed educativa delle nuove tecnologie della comunicazione. Ci interroghiamo (e agiamo per trovare le risposte) su come dinamizzare i processi di partecipazione. Su questo fronte, nell'ambito del progetto RomaSmartCity, in collaborazione con Stati Generali dell'innovazione, abbiamo condotto a Testaccio un open talk su dare forma alla partecipazione. Proprio in quel contesto abbiamo realizzato uno dei nostri format, il più caratterizzante: il walk show, si tratta di conversazioni nomadi che permettono di confrontarsi con un approccio particolare: ci si mette in cammino, insieme, e con i sistemi radio (associati all uso di smart-phone, mappe interattive e twittering) si riesce a sviluppare un efficace scambio d idee che si coniuga con lo scenario urbano (e il paesaggio) che si attraversa. Grazie al sistema radio è possibile conversare, si parla a fianco e non di fronte, cambia il registro dell'impostazione vocale: si parla a bassa voce, si sottrae modalità di auto-rappresentazione per esprimere disponibilità di partecipazione. Funziona. Si stemperano le contraddizioni, si gestisce in modo creativo il conflitto, s instaura un principio d empatia possibile. Come è accaduto a Tuturano (Brindisi) in un cantiere di rigenerazione urbana (vedi il report video). Queste nostre azioni poetiche-politiche di partecipazione attiva esprimono la necessità di riqualificare i termini della consapevolezza culturale e di fatto creano delle palestre dell attenzione nell attraversare gli ambienti naturali, dal sistema dei Parchi al corridoio culturale d Europa che è la Via Francigena. In questo breve report video c è traccia di un altro nostro intervento nel contesto di un seminario francigeno, a Campagnano Romano dove s era svolto mesi fa un percorso nella via francigena che attraversa il centro storico, ascoltando le fontane parlare, attraverso le voci delle abitanti di quel borgo. Ecco una descrizione dettagliata del format del walk show. I walk show sono delle passeggiate con performing media: conversazioni nomadi caratterizzate dall ausilio di smartphone (e tablet) e cuffie collegate ad una radioricevente (whisper radio) che permette di ascoltare le voci dei walking-talking heads e repertori audio predisposti. Protagonisti dell'azione ludico-partecipativa sono gli spettatori-cittadini attivi che si mettono in gioco attraversando uno spazio urbano o qualsiasi altro territorio da esplorare passeggiando. Una strategia dei walk show è quella di attivare palestre dello sguardo, per cogliere i dettagli del paesaggio che si attraversa e interpretarli, per input di pensiero laterale, lungo la passeggiata peripatetica. Si tratta di un format funzionale sia in ambito educativo (per il principio della porosità pedagogica ), sia urbanistico (per qualificare e dinamizzare la partecipazione degli stakeholder) nel promuovere cittadinanza attiva, secondo la metafora dello sciame intelligente, sia culturale e sociale (per il brainstorming nomade inscritto nei contesti territoriali). Insieme alle voci itineranti si ascolteranno in cuffia paesaggi sonori e insert audio pertinenti, attraverso l'uso degli smartphone anche attraverso la lettura di mobtag (particolari codici digitali, detti anche QRcode) che linkano al web, disseminati, a volte, lungo il percorso e inscritti, quando vi sono le condizioni produttive per realizzare dei geoblog, in mappe interattive gestite come Web App (SoLoMo: Social Local Mobile). Un'altra caratteristica dei walk show è quella di usare twitter (#urbexp e altri hashtag) mentre si cammina, in un'interazione tra web e territorio che esprime un gesto di design pubblico, per poter eventualmente visualizzare la tag cloud generata dall'azione di urban experience. Carlo Infante

15 Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione Consiglio Nazionale delle Ricerche Progetto internazionale La città dei bambini L elogio del Camminare Oltre il contesto urbano: il benessere e la qualita del turismo all aria aperta Commissione Cultura Regione Lazio - Roma, 13 febbraio 2014 Antonella Prisco (ISTC- CNR) Buongiorno; sono qui per parlarvi di una proposta per far camminare i bambini mi spiego; faccio parte di un gruppo di ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche che promuove il progetto La citta dei bambini : e un progetto che si rivolge a sindaci ed amministratori locali perche si facciano carico di restituire autonomia e di ascoltare le parole dei bambini. Perché proprio i bambini? Primo perché prendendo il bambino come parametro di cambiamento si abbassa l ottica della amministrazione fino all altezza del bambino, per non perdere nessuno. Si tratta di accettare la diversità che il bambino porta con sé a garanzia di tutte le diversità. Secondo - perchè i bambini sono quelli che pagano il prezzo più alto del degrado dell ambiente, soprattutto quello urbano. In Italia le persone si spostano troppo in auto e ci sono automobili in sosta o in movimento ovunque, che occupano quasi tutto lo spazio pubblico (e ormai anche quello privato comune come i cortili ) Abbiamo il rapporto auto/abitanti più alto d Europa 60 auto ogni 100 abitanti (rispetto invece alle 50 vetture della Germania e alle 47 della media dell'unione Europea); il nostro parco-auto ammonta a 36 milioni di auto e 6 milioni di motocicli. (Dati relativi al 2011 Fondazione ANIA per la sicurezza stradale e del Rapporto annuale di Legambiente). A causa di questa invasione prepotente di auto i bambini hanno perso quasi totalmente la possibilità di muoversi autonomamente e di camminare: vengono accompagnati sempre in automobile a scuola e nei luoghi delle attività pomeridiane; questa perdita influisce negativamente sulla loro salute e sul loro sviluppo psicologico e fisico. Nel 2011 abbiamo partecipato come partner italiano ad una ricerca internazionale con altri 16 paesi sulla autonomia dei bambini e ragazzi dai 7 ai 15 anni: la nostra posizione è risultata al penultimo posto. Invece la possibilità di muoversi in autonomia ha per i bambini un importanza enorme ed irrinunciabile per queste ragioni: 1. permette l esperienza fondamentale del gioco, 2. aiuta a prevenire sovrappeso e obesità (che sarà un epidemia nel 2020 in Europa, secondo l OMS);

16 3. aiuta ad acquisire maggiore sicurezza, autostima e capacità di interagire con gli altri, 4. rafforza i legami con le persone che del proprio quartiere e sviluppa un senso di identità e responsabilità, diminuendo la probabilità di sviluppare sentimenti di solitudine durante l adolescenza. E necessario ed urgente recuperare questa autonomia. La nostra proposta: andare a scuola da soli e con gli amici La proposta del progetto internazionale la città dei bambini è quella di andare a scuola e tornare da soli e con gli amici; e una proposta difficile ma necessaria: richiede il sostegno della scuola, delle famiglie, degli amministratori; è difficile anche perché deve combattere contro una duplice paura dei genitori: la paura del pericolo fisico rappresentato dal traffico delle automobili e la paura del pericolo morale rappresentato dalle persone pericolose; per quanto riguarda il primo punto, le limitazioni di autonomia sono dovute più alle paure degli adulti che non alle reali incapacità dei bambini rispetto ai pericoli del traffico. Gli incidenti stradali, per esempio, sono da loro considerati come gli eventi più probabili. Invece, recenti studi indicano che il più alto numero di incidenti automobilistici mortali che coinvolgono i bambini sono quelli che capitano quando sono in auto con i loro genitori e nelle fasce orarie di entrata ed uscita da scuola. Molte città in Italia e all estero hanno aderito a questa proposta con benefici per i bambini e per la città stessa: ne cito solo due. A Pesaro: dal 2000 ad oggi a scuola andiamo con gli amici in 10 scuole con la partecipazione di circa 3000 bambini, l autonomia e passata dal 10% al 50%. In Argentina, a Buenos Aires: l iniziativa chiamata Caminos seguros al cole ha prodotto un significativo abbassamento del livello di criminalità, che là colpisce spesso ragazzi per mano di coetanei. Sappiamo che esiste una proposta chiamata Piedibus, che riscuote una certa adesione: ha lo scopo di diminuire le auto davanti alle scuole e far andare i bambini a piedi, raccogliendoli in punti fissati. E una proposta molto diversa dalla nostra, che coinvolge degli adulti che accompagnano e quindi non promuove alcuna autonomia e ha dei costi notevoli. A scuola ci andiamo da soli non ha uno scopo educativo, ma politico; e un progetto di mobilita sostenibile, che dimostra che CON i bambini si può innovare. Non dobbiamo solo dare loro servizi, ma concedere loro maggiore autonomia di camminare: questo farà bene a loro, alla città e ai cittadini. Sulla proposta A scuola ci andiamo da soli abbiamo redatto un manuale, che si trova sul nostro sito:

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

La Via Francigena Istruzioni per l uso

La Via Francigena Istruzioni per l uso La Via Francigena Istruzioni per l uso Un seminario formativo dedicato agli operatori turistici, ai funzionari pubblici e alle associazioni che vogliono conoscere meglio la Via Francigena e lo slow tourism

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

GIUNTA REGIONE MARCHE

GIUNTA REGIONE MARCHE Come noto, Recanati è il paese natale di Giacomo Leopardi. Il suo centro caratteristico, gli itinerari culturali e artistici e la vicinanza con alcune delle più note località balneari della riviera Marchigiana,

Dettagli

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA REALIZZATO DA Comune di Padova Settore Ambiente Informambiente CAPO SETTORE Patrizio Mazzetto A CURA DI Antonella

Dettagli

PROGETTO BIKE TOURIST IN CIOCIARIA

PROGETTO BIKE TOURIST IN CIOCIARIA PROGETTO BIKE TOURIST IN CIOCIARIA Premessa Il progetto Bike Tourism nasce dalla consapevolezza di ricercare nel territorionuove forme di turismo sostenibile, nell'ottica di una diversificazione delle

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

PARCHI DI MARE E D APPENNINO

PARCHI DI MARE E D APPENNINO PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO APE APPENNINO PARCO D EUROPA APPENNINO SETTENTRIONALE (REGIONI LIGURIA, EMILIA ROMAGNA, TOSCANA) PARCHI DI MARE E D APPENNINO AGENDE TERRITORIALI COORDINATE PER LA RETE DEI

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015 Convegno internazionale AUTONOMIA È SALUTE PESARO RO. A scuola ci andiamo da soli. un progetto partecipato per l autonomia dei bambini e la mobilità sostenibile arch. Paola Stolfa Roma - 23 novembre 2015

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

Assessore LORENA ANASTASI

Assessore LORENA ANASTASI Assessorato: INFORMATIZZAZIONE (AGENDA DIGITALE) E SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA FIBRA OTTICA REGIONALE E COMPLETAMENTO WI.FI CENTRO STORICO A fine 2015 abbiamo ottenuto comunicazione dell approvazione

Dettagli

Progetto interregionale cicloturismo

Progetto interregionale cicloturismo Progetto interregionale cicloturismo 1 Indice 1 Premessa...2 2 Titolo del progetto...3 3 Obiettivi...3 4 Descrizione generale...3 5 Azioni previste...4 6 Dettaglio fasi...5 Fase preliminare...5 Fase di

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

STRUTTURA EDITORIALE STRUMENTI PROMOZIONALI

STRUTTURA EDITORIALE STRUMENTI PROMOZIONALI STRUTTURA EDITORIALE STRUMENTI PROMOZIONALI Manuale d immagine per la promozione dei territori secondo i criteri di comunicazione del progetto Cammini d Europa 1 Manuale d immagine per la promozione dei

Dettagli

Idee e strategie emergenti

Idee e strategie emergenti Idee e strategie emergenti Turismo sostenibile nel Parco Nazionale ValGrande Dr Luca Dalla Libera Federparchi IL TERRITORIO AMBITO VIGEZZO 1 tav.tecnico:20 2 tav.tecnico:12 AMBITO OSSOLA 1 tav.tecnico:30

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera Bari, 23 maggio 2008 LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE CLAUDIO CIPOLLINI Direttore Generale Retecamere LA PUGLIA IERI 2 LA

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Città di Noto STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Azione di promozione e di marketing internazionale del Distretto del Sud Est per l incremento e la destagionalizzazione dei flussi turistici Noto, 27 novembre

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE In una fredda giornata d inverno un gruppo di porcospini si rifugia in una grotta e per proteggersi dal freddo si stringono vicini. Ben presto però sentono le spine reciproche e il dolore li costringe

Dettagli

Turismo verde questo sconosciuto. Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca

Turismo verde questo sconosciuto. Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Turismo verde questo sconosciuto Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Turismo verde?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

ea p o r euenioziac Asso

ea p o r euenioziac Asso Associazione Europea delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2013 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi italiano-inglese,

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Medicina Nara Rebecchi Al Dirigente Scolastico - Istituto Comprensivo di Medicina Proff.Santi Spadaro

Al Sindaco del Comune di Medicina Nara Rebecchi Al Dirigente Scolastico - Istituto Comprensivo di Medicina Proff.Santi Spadaro Al Sindaco del Comune di Medicina Nara Rebecchi Al Dirigente Scolastico - Istituto Comprensivo di Medicina Proff.Santi Spadaro e p.c. all Assessore all Ambiente del Comune di Medicina all Assessore all

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 6. Ricettività e turismo: obiettivo 20 milioni di visitatori.

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 6. Ricettività e turismo: obiettivo 20 milioni di visitatori. Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 6 Ricettività e turismo: obiettivo 20 milioni di visitatori Contributo n 33 Tavolo 6 TURISMO Sessione Mattutina Verbale narrativo della

Dettagli

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

NOI SIAMO LE MONTAGNE: SUI SENTIERI DI OGGI VERSO IL FUTURO Progetto di sviluppo delle comunità dell'alta Val Seriana e del sistema Orobico

NOI SIAMO LE MONTAGNE: SUI SENTIERI DI OGGI VERSO IL FUTURO Progetto di sviluppo delle comunità dell'alta Val Seriana e del sistema Orobico Comune di Ardesio NOI SIAMO LE MONTAGNE: SUI SENTIERI DI OGGI VERSO IL FUTURO Progetto di sviluppo delle comunità dell'alta Val Seriana e del sistema Orobico Responsabile progettuale e pedagogico: Guazzi

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO Il progetto Giovani: diritto al futuro è stato realizzato nell

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli

Introduzione all animazione in oratorio

Introduzione all animazione in oratorio Corso animatori oratorio Canegrate Introduzione all animazione in oratorio Canegrate 9 ottobre 2005 Animatore: Premessa Cos è l oratorio? Per oratorio s intende quel luogo educativo ecclesiale che accoglie

Dettagli

Perché festeggiamo gli alberi?

Perché festeggiamo gli alberi? Perché festeggiamo gli alberi? La Festa dell Albero di Legambiente compie 18 anni! Anche quest anno, il 21 novembre, vogliamo celebrare l importanza del verde urbano, degli alberi per la vita dell uomo

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 Segreteria /Direzione Generale Giunta Contratti- Assistenza Giuridica/Amministrativa ai Comuni MAR.TE. PIANO DI MARKETING TERRITORIALE ANNO 2013 Reggio Calabria, MAGGIO

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI LA CERTIFICAZIONE LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI ECOEVENTS è la prima società di eventi italiana certificata ISO 14001. La prima ad offrirvi la progettazione e la realizzazione di eventi che fanno

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Il centro diurno per disabili secondo me

Il centro diurno per disabili secondo me Gruppo Solidarietà Il centro diurno per disabili secondo me Il Gruppo Solidarietà ha promosso lo scorso 5 novembre presso la propria sede un seminario di ricerca, dal titolo Il centro diurno per disabili

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

2016 Voci di quartiere

2016 Voci di quartiere Legambiente Onlus Via Salaria, 403-00199 Roma - tel. 06 862681 - Fax 06 86218474 - legambiente@legambiente.it - www.legambiente.it Introduzione C è un Italia fatta di quartieri sostenibili, dove nuove

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

TAVOLO 4: LE COMUNITA LOCALI IL RUOLO DELLE COMUNITA NELLO SVILUPPO TURISTICO #CAMERACONVISION

TAVOLO 4: LE COMUNITA LOCALI IL RUOLO DELLE COMUNITA NELLO SVILUPPO TURISTICO #CAMERACONVISION TAVOLO 4: LE COMUNITA LOCALI IL RUOLO DELLE COMUNITA NELLO SVILUPPO TURISTICO #CAMERACONVISION 19 novembre 2014 PREMESSO CHE I viaggiatori vogliono vivere delle esperienze che si rifanno a un vissuto di

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale Forum di settore e incontro conclusivo anni 2013/2014 Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale FORUM di SETTORE e INCONTRO CONCLUSIVO Nell ambito

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO Relazione Tecnica Settembre 2014 SOMMARIO 2 1 PREMESSA Il presente documento rappresenta la Relazione tecnica

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO Percorsi educativi e di ricerca, alla scoperta della Biodiversità e degli Equilibri Naturali nei Parchi Nazionali. I Proponenti del Progetto Promosso

Dettagli

LA PROGETTAZIONE COMUNE

LA PROGETTAZIONE COMUNE LA PROGETTAZIONE COMUNE La fase operativa di Lasciamo il segno ha avuto inizio con un percorso di progettazione partecipata secondo la metodologia Goal Oriented Project Planning che ha visto coinvolti

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

Il Comune di Ravenna a-

Il Comune di Ravenna a- "Sicurezza dei pedoni": ecco la risposta di Ravenna LA CAMPAGNA REGIONALE II Comune aderisce a "Nati per Camminare" e il sindaco scrive una lettera che verrà distribuita nelle scuole: "L'auto non deve

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale

1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale 1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale Piano di azione promuovere la razionalizzazione e il rinnovamento dell offerta culturale Valorizzare le attività culturali come fattore

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

Riconosciuta dal Ministero dell Ambiente e dal Ministero dei Lavori Pubblici Promuove l uso della bicicletta come mezzo di trasporto alternativo all

Riconosciuta dal Ministero dell Ambiente e dal Ministero dei Lavori Pubblici Promuove l uso della bicicletta come mezzo di trasporto alternativo all 25 ANNI PER LA MOBILITA CICLISTICA Riconosciuta dal Ministero dell Ambiente e dal Ministero dei Lavori Pubblici Promuove l uso della bicicletta come mezzo di trasporto alternativo all auto privata e per

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

ANIMATORE DEGLI ITINERARI CULTURALI EUROPEI

ANIMATORE DEGLI ITINERARI CULTURALI EUROPEI ACCOMPAGNA MASTER POST LAUREAM con la metodologia della Formazione-Intervento ANIMATORE DEGLI ITINERARI CULTURALI EUROPEI II Edizione La figura professionale Animatore degli itinerari culturali europei

Dettagli

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 Chi siamo? Il Gruppo Scout Agesci Genova 29 opera nel quartiere genovese di Quarto dei Mille. Le nostre sedi sono rispettivamente

Dettagli

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO 1 I. LE BASI DELL ENOTURISMO 1. Per enoturismo si intende designare lo sviluppo di ogni attività turistica e del «tempo libero», dedicate alla scoperta ed al godimento culturale

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO Presentazione Da qualche anno il turismo è diventato in quasi tutto

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Il progetto Mo.Re.Co. e la Belluno dei bambini. Mobilità sostenibile e città: il percorso da casa a scuola

Il progetto Mo.Re.Co. e la Belluno dei bambini. Mobilità sostenibile e città: il percorso da casa a scuola Il progetto Mo.Re.Co. e la Belluno dei bambini Mobilità sostenibile e città: il percorso da casa a scuola Mo.Re.CO. e la Belluno dei bambini Nell ambito del progetto Belluno dei Bambini promosso dall Amministrazione

Dettagli

Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto!

Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto! Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto! Solidità e passione Il gruppo Frigerio Viaggi Facciamo muovere il mondo Frigerio Ugo e C.

Dettagli

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE OBIETTIVO AZIONI REALIZZATE 1. Migliorare le condizioni di accessibilità delle strutture turistiche 1.1

Dettagli

YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI All. A) Formulario per la realizzazione del Project Work Finale A. DATI SUL PROPONENTE A.1 Istituto Scolastico: I.T.E. P.F. Calvi (Belluno) A.2 Classe/Classi coinvolte: IV B B. DATI DI SINTESI DEL PROGETTO

Dettagli

RETE FERROVIARIA ITALIANA. UGO NESPOLO Direzione artistica. GIANNI GIOVINE Direzione operativa

RETE FERROVIARIA ITALIANA. UGO NESPOLO Direzione artistica. GIANNI GIOVINE Direzione operativa Un progetto per la valorizzazione della sosta in stazione, ovvero aggiungere qualità per promuovere il territorio, migliorare la brand equity, fidelizzare i viaggiatori. RETE FERROVIARIA ITALIANA UGO NESPOLO

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli