Newsletter S O M MARIO. Focus. La responsabilità amministrativa della società. Diritto societario. Whistleblowing. Eventi. n 2 aprile Maggio giugno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter S O M MARIO. Focus. La responsabilità amministrativa della società. Diritto societario. Whistleblowing. Eventi. n 2 aprile Maggio giugno"

Transcript

1 Newsletter n 2 aprile Maggio giugno S O M MARIO Focus 2 Premio Ambrogio Lorenzetti: Governance 3.0 La responsabilità amministrativa della società 5 Il Modello idoneo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 Diritto societario Le azioni a voto plurimo Donna, internazionale e manager: l identikit del nuovo Consigliere di Amministrazione 8 11 Whistleblowing La segnalazione di irregolarità in ambito aziendale Eventi 13 Workshop GC Ottobre 17 ANNO 2015

2 Premio Ambrogio Lorenzetti GOVERNANCE 3.0 Il premio Nell Aula Carlo de Carli del Politecnico di Milano sono stati consegnati i premi ai vincitori della quarta edizione del Premio Ambrogio Lorenzetti per la governance, indetto da GC Governance Consulting e divenuto punto di riferimento in tema di corporate governance per la business community italiana. Obiettivo dell iniziativa è consolidare la cultura della corporate governance in Italia, riconoscendo l attività svolta da chi ha implementato strumenti e presidii efficaci in tale ambito. Gli interventi durante la cerimonia La cerimonia è stata aperta dal Rettore del Politecnico di Milano, Giovanni Azzone. È seguito l intervento di Riccardo Illy, Presidente del Gruppo Illy, che ha fatto notare come: «l attenzione alla governance è una condizione imprescindibile per avere successo sui mercati oggi, e molti imprenditori di piccole e micro imprese non lo hanno ancora capito. In Italia le microimprese, per crescere, devono passare da un modello gestionale padronale a uno manageriale. Ciò implica la separazione dei ruoli di socio, amministratore e manager, quindi l adozione di un adeguato sistema di governance. Questo processo risulta spesso ancora più impegnativo della competizione sui mercati». Nel corso della premiazione sono, inoltre, stati commentati dai giurati, moderati da Laura La Posta, Caporedattrice de Il Sole 24 ore, i risultati della ricerca condotta da GC Governance Consulting L attività dei consiglieri di amministrazione, disponibile sul sito della società 1. La serata è stata conclusa dall intervento del Professor Mario Anolli, presidente della Banca Popolare di Milano che, fra l altro, ha commentato: «Ci ritroviamo negli obiettivi di questa iniziativa perché la nostra Banca ha dimostrato nel tempo di non temere i cambiamenti e le innovazioni interne passando al sistema di governance duale e, grazie agli ottimi risultati raggiunti, possiamo guardare con fiducia e determinazione anche ai futuri scenari che si presenteranno. Saper affrontare i cambiamenti e le nuove prospettive, senza chiusure e timori, rappresenta una carta vincente delle governance aziendali e di questo BPM è testimone». 1. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 2

3 La giuria Quest anno la Giuria è stata presieduta da Anna Puccio, Consigliere di Amministrazione Indipendente di Amplifon Group, Segretario Generale della Fondazione Italiana Accenture e Consigliere di Amministrazione dell Università Ca Foscari di Venezia. Ne hanno, altresì, fatto parte: Gustavo Bracco, Senior Advisor Human Resources di Pirelli, consigliere nazionale e coordinatore del Comitato Scientifico di AIDP, Consigliere della Scuola di Alta Formazione al Management, membro del Consiglio Direttivo della Fondazione Intercultura. Davide Croff, Presidente di Permasteelisa e Consigliere di Gestione di Banca Popolare di Milano, consigliere dell Istituto Europeo di Oncologia, della Fiera Milano, di Gala e di Elica. Silvio di Girolamo, Vice Presidente Associazione Italiana Internal Auditor, Chief Audit Executive & Sustainability e Membro dell Organismo di Vigilanza di Autogrill, Consigliere di Amministrazione di CSR Manager Network, membro dello Stakeholder Council del Global Reporting Initiative e Consigliere della Confederazione Europea degli Istituti di Internal Auditing. Laura Iris Ferro, Fondatrice di Gentium, Consigliere di Amministrazione Indipendente di Sorin ed Executive Advisor di Panakes Partners. Marco Giorgino, Professore Ordinario di Finanza Aziendale e Risk Management del Politecnico di Milano, Senior Professor e Responsabile dell area Banking e Finance presso MIP Graduate School of Business, Amministratore Indipendente e Presidente del Comitato Controllo e Rischi di GE Capital Interbanca. Pietro Guindani, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Vodafone Italia, Consigliere di Amministrazione di ENI, di Salini - Impregilo, di Finecobank, dell Istituto Italiano di Tecnologia e di CEFRIEL - Politecnico di Milano, Vice Presidente di Assolombarda e Vice Presidente di Asstel - Assotelecomunicazioni. con incarichi anche in Assonime, Fondazione Civita e Fondazione Sodalitas. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 3

4 I premiati Alla quarta edizione hanno partecipato le seguenti categorie: Società quotate. Società non quotate. Società partecipate dalla Pubblica Amministrazione. Consiglieri di Amministrazione. Start up. La categoria Start up è stata introdotta nel corso di questa edizione ed include le società fondate da non più di tre anni che si sono distinte nella messa a punto di un sistema di governance come strumento competitivo. I premiati sono stati: Categoria Società quotate: o 1 Classificato, ex aequo: Anima Holding e Banzai. o 3 Classificato: Damiani. Società non quotate: o 1 Classificato: Thun. o 2 Classificato, ex aequo: Buongiorno/B-Ventures, Sapio Produzione Idrogeno Ossigeno. Partecipate dalla Pubblica Amministrazione o 1 classificato: Fondazione La Triennale di Milano. o 2 classificato: Poste Vita. o 3 classificato: Azienda Trasporti Verona. Categoria Start up: o 1 classificato: MadeInItaly Ventures. o 2 classificato: Effetto Cinema. o 3 classificato: Noxamet. Consiglieri di Amministrazione: o 1 classificato: Paola Schwizer. o 2 classificato: Gianluca Cimini. o 3 classificato: Lucia Calvosa. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 4

5 Il Modello idoneo ai sensi del d. LGS. 231/2001. Art. 6, D.Lgs. 231/2001 Caso Impregilo Quale significato? Idoneità Come noto, se il reato-presupposto è stato commesso da soggetti apicali, l ente non risponde se prova che «l organo dirigente ha adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi» (art. 6, lett. a, Decreto 231). Pare, dunque, opportuno circoscrivere l esatta portata dell aggettivo idoneo, oggetto di notevoli dubbi interpretativi. A tal fine, prenderemo le mosse dal Caso Impregilo. Ricostruendo brevemente la vicenda, in primo grado 1 la società è stata prosciolta - a norma dell art. 6, D.Lgs. 231/ dall accusa di Aggiotaggio 2, asseritamente commesso dal Presidente del Consiglio di Amministrazione e dall Amministratore Delegato 3. La sentenza riveste una grandissima importanza, in quanto, per la prima volta, è stata riconosciuta l idoneità di un Modello organizzativo. Tuttavia, terminato il giudizio di appello - nel corso del quale i giudici hanno ritenuto il Modello idoneo a neutralizzare l eventuale delitto di Aggiotaggio, tanto che il supposto reato era stato reso possibile solo grazie all elusione fraudolenta dei presidi adottati dalla società - la Corte di Cassazione 4 ha annullato con rinvio la sentenza di proscioglimento. Scorrendo gli atti del giudizio di legittimità è possibile trarre interessanti spunti di riflessione circa l esatto significato da attribuire al termine idoneo. La Suprema Corte chiarisce che il giudizio di idoneità si sostanzia in una valutazione del Modello adottato dall azienda, in un ottica di conformità ed adeguatezza dello stesso rispetto agli scopi che si propone di raggiungere. La valutazione deve fondarsi sulla disciplina vigente in un determinato settore al tempo della condotta criminosa ed accertare i presidi adottati dalla società per prevenire il reato di specie commesso. 1. Tribunale di Milano, 17 novembre Richiamato dall art. 25-ter, Decreto Ad avviso della Corte, la procedura interna di redazione dei comunicati stampa, era affetta da vizi: in particolare, i comunicati erano redatti in bozza da soggetti sottoposti a Presidente ed Amministratore Delegato, i quali - successivamente - provvedevano a finalizzarli, senza che fossero controllati da altri organi. 4. Cassazione Penale sez, V, 30 gennaio 2014, n Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 5

6 Da tanto segue che il Modello idoneo è quello caratterizzato dalle migliori conoscenze, consolidate e condivise nel momento storico in cui è commesso l illecito, in ordine ai metodi di neutralizzazione o di minimizzazione del rischio tipico. Conseguenza immediata e diretta è la necessità di aggiornare costantemente il Modello, così da non vanificarne l idoneità. Il substrato della idoneità Assessment Linee Guida Astrattamente pare abbastanza chiaro il significato attribuito dalla Cassazione alla idoneità. Concretamente, occorre individuare il substrato in grado di rendere il Modello idoneo. Il Modello - come buona regola - dovrebbe essere il frutto di un attività complessa, che trova origine nella c.d. risk analysis, in grado di mappare le aree nel cui ambito possono essere commessi illeciti. Da tanto dovrebbe scaturire un risk assessment, implicante un riesame della normativa aziendale - compresi protocolli e procedure - ed interviste singole al management della società. Successivamente, sarebbe opportuno predisporre una gap analysis, finalizzata ad individuare le aree non sufficientemente presidiate e a perseguire un coordinamento del Modello con il Sistema dei Controlli Interni. Il risultato di tale attività dovrebbe permettere di adeguare il Modello alla più recente normativa, sì da «renderlo forgiato dalle migliori conoscenze, consolidate e condivise nel momento storico in cui è commesso l illecito, in ordine ai metodi di neutralizzazione o di minimizzazione del rischio tipico» 5. In altri termini, solo in tal modo è possibile rendere il Modello idoneo. Tra le buone regole di compliance potrebbe annoverarsi la conformità del Modello alle Linee Guida emanate dalle Associazioni di Categoria. Anche questo tema è stato esaminato nel Caso Impregilo. Secondo la Corte, tali codici non possono certamente essere assunti come paradigma di elaborazione del Modello, il quale deve essere calato nella realtà aziendale. Il fatto che tali Codici di Comportamento siano comunicati al Ministero di Giustizia, che, di concerto con gli altri Ministeri competenti, può formulare osservazioni, non vale certo a conferire ai Modelli il crisma della incensurabilità 6. Riassumendo, la conformità del Modello alla guideline di categoria è condizione necessaria ma non sufficiente per garantire il rispetto del requisito della idoneità : a tal fine devono ricorrere - anche - tutte le variabili suindicate. 5. Cassazione Penale sez, V, 30 gennaio 2014, n «quasi che il giudice fosse vincolato a una sorta di ipse dixit aziendale e/o ministeriale, in una prospettiva di privatizzazione della normativa da predisporre per impedire la commissione di reati». Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 6

7 Presidi effettivi A conferma, si consideri che - come è stato osservato - la carenza di anche uno solo dei presidi riferiti alla specifica attività a rischio coinvolta nel procedimento penale, è fatale per l idoneità del Modello. Tanto è riscontrabile nella sentenza in commento. Secondo i Giudici di Legittimità, la procedura in materia di Aggiotaggio avrebbe dovuto prevedere anche un controllo finale 7 sul comunicato definitivo - approvato da Presidente ed Amministratore Delegato - e non soltanto sulla bozza predisposta dagli uffici aziendali 8 : «se così fosse, evidentemente, il controllo previsto dall art. 6 si ridurrebbe a un mero simulacro, in quanto esso si eserciterebbe sul comunicato in fieri, ma non sulla sua versione definitiva (quella destinata alla diffusione). Cosi stando le cose, se all organo di controllo non fosse nemmeno concesso di esprimere una dissenting opinion sui prodotto finito (rendendo in tal modo, almeno, manifesta la sua contrarietà ai contenuto della comunicazione, in modo da mettere in allarme i destinatari), è evidente che il modello organizzativo non possa ritenersi atto a impedire [cioè, sarebbe inidoneo a prevenire, N.d.A.] la consumazione di un tipico reato dì comunicazione, quale - per quel che sì è già detto - è l aggiotaggio» Da qui l importanza del Sistema dei Controlli Interni. 8. «Ebbene, non è stato chiarito se la modifica (o manipolazione che dir si voglia) della bozza elaborata dagli organi interni sia stata comunicata (naturalmente: prima che il messaggio venisse diramato) all organo di controllo o se, viceversa, come sembra emergere dalie sentenza di merito, questo fosse un ulteriore passaggio cui presidente e amministratore delegato non erano tenuti». 9. Cassazione Penale sez, V, 30 gennaio 2014, n Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 7

8 Le azioni a voto plurimo Ieri Oggi Azioni a voto plurimo Caratteristiche Uno dei principi cardini del sistema del nostro diritto societario è sempre stato il principio di proporzionalità tra partecipazione sociale e diritto di voto: un azione, un voto. Il principio era stato rafforzato da uno specifico divieto contenuto nel Codice civile, che proibiva l emissione di azioni a voto plurimo 1. La ragione di tale impostazione era, così, sintetizzabile: «la corrispondenza tra la forza di voto e il numero di azioni possedute permette di attribuire un maggiore potere di orientare le scelte della società ai soci destinati a risentire maggiormente delle conseguenze delle decisioni assunte» 2. Il D.L. 24 giugno 2014, n. 91 3, ha introdotto importanti novità in materia, recependo gli strumenti già utilizzati in altri ordinamenti (tra cui Francia, Olanda, Svezia, Danimarca, Giappone), e - in particolare - in quelli di matrice anglosassone, ove vige il c.d. principio di weighted voting rights. La riforma ha superato il menzionato principio di proporzionalità tra partecipazione sociale e diritto di voto, sia per le società quotate che non quotate: nelle società quotate è possibile emettere azioni a voto maggioritario (fino ad un massimo di due voti per azione), mentre nelle società non quotate è possibile emettere azioni a voto plurimo (fino ad un massimo di tre voti per azione) 4. Ci soffermeremo sulle caratteristiche più salienti delle azioni a voto plurimo. Le azioni a voto plurimo sono «strutturalmente dotate di diritti di voto potenziato» 5. Tale diritto può avere ad oggetto una parte delle azioni che compongono il capitale sociale, ovvero l intero complesso. La legge si limita a stabilire la misura massima di tre voti per ciascuna azione, talché dovrebbe essere ammissibile attribuire ad un azione non solo un diritto di voto, ma, anche, una frazione dello stesso. In altri termini, sarebbe possibile emettere azioni con diritto di voto decimale (ad esempio, si pensi ad un azione che attribuisca 1,5 voti). 1. Art. 2351, co. 3, c.c., testo previgente: «Non possono emettersi azioni a voto plurimo». 2. La deviazione dal principio un azione - un voto e le azioni a voto multiplo, in Quaderni Giuridici, Consob, Convertito con Legge 11 agosto 2014, n Rispettivamente: artt. 127-quinquies TUF, e 2351 c.c. 5. Circolare Assonime n. 10/2015, pag. 7. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 8

9 Configurazione Il voto plurimo può essere subordinato a condizioni sospensive non potestative (il voto plurimo potrà essere esercitato al verificarsi di un evento futuro e incerto), può riguardare ogni deliberazione, ovvero determinate materie. In quest ultimo caso, il diritto di voto può avere ad oggetto tutti i punti dell ordine del giorno o una parte di essi, può essere esercitato in tutte le assemblee ovvero solamente in alcune (ad esempio, potrà essere limitato all assemblea di approvazione del bilancio). Il diritto di voto plurimo non può mai riguardare una singola azione, ma deve riguardare una pluralità di titoli. Società non quotate Società quotate Quotate e non quotate Nelle società non quotate, il procedimento di emissione di azioni a voto plurimo consta di due fasi. La prima fase si sostanzia nell introduzione, all atto della costituzione della società, di una clausola dello Statuto recante la possibilità di emettere azioni della specie in commento. Nel caso in cui detta introduzione sia successiva alla costituzione, sarà, invece, necessaria una modifica statutaria. La seconda fase si traduce nel procedimento vero e proprio di emissione. Nelle società quotate, viceversa, è posto un generale divieto di emettere azioni a voto plurimo 6. Tuttavia, una società non quotata che intenda intraprendere un procedimento di IPO e che abbia emesso azioni a voto plurimo anteriormente alla negoziazione, manterrà dopo la quotazione le azioni aventi tale natura 7. Il divieto è, altresì, derogabile per le società quotate che abbiano già emesso azioni a voto plurimo, nel caso di fusione, scissione ed aumento di capitale. In tutti questi è necessario che le nuove azioni a voto plurimo abbiano le medesime caratteristiche di quelle già emesse. La ragione di tali eccezioni va ricercata nella necessità di mantenere inalterato il rapporto tra le varie categorie di azioni. Per completezza, si segnala che l emissione di azioni a voto plurimo da parte di una società quotata preclude l introduzione di azioni a voto maggioritario. 6. Art. 127-sexies, TUF. 7. Ad esempio - seppur a livello comparatistico - Google, in occasione dell IPO del 2004, ha emesso azioni dualclass: i due soci fondatori sono titolari di azioni che danno diritto a dieci voti per azione, consentendo loro di mantenere il controllo della società (rappresentando il 56% circa dei voti). Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 9

10 Benefici Secondo alcuni, le azioni a voto plurimo sarebbero uno strumento favorevole non solo ai soci più piccoli, ma anche ai fondi di private equity che, normalmente, detengono quote di minoranza, pur mantenendo un proprio rappresentante nel Consiglio di Amministrazione o nel Collegio Sindacale della società, a fini di influenzarne la governance. Non solo. Gli effetti positivi della nuova disciplina possono essere rintracciati, anche, nella spinta verso la quotazione: «il timore di perdere il controllo a seguito della quotazione rappresenta uno dei principali fattori che disincentiva l ingresso in borsa delle imprese familiari italiane. Una maggiore flessibilità nella struttura del capitale in deroga al principio one share-one vote può consentire di aumentare la dimensione del flottante in sede di [ ] IPO [ ] senza determinare una diluizione in sede assembleare per gli azionisti di riferimento» Relazione al D.L. 24 giugno 2014, n.91. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 10

11 Donna, internazionale e manager l identikit del nuovo Consigliere di Amministrazione Donne e C.d.A. Recenti rinnovi Lo studio di GC Governance Consulting Legge Golfo - Mosca Consiglieri stranieri Non si arresta l avanzata delle donne all interno dei Consigli di Amministrazione. Merito senza dubbio della Legge sulle quote di genere, ma anche di un cambiamento socio-culturale in atto. Come testimonia la recente tornata di rinnovi, avvenuta tra aprile e maggio, il numero di Consiglieri donna è in netta e costante crescita. Delle settantuno società quotate, chiamate a rinnovare il proprio Consiglio di Amministrazione con l approvazione del bilancio d esercizio 2014, sono sessantatre quelle che hanno già nominato i nuovi Consiglieri, mentre le restanti completeranno l iter tra giugno e luglio. Come evidenziato dalla ricerca condotta da GC Governance Consulting, in collaborazione con CorrierEconomia, i rinnovi hanno coinvolto oltre seicento Consiglieri di Amministrazione. Nello specifico, le nuove nomine hanno riguardato centosettantatre donne, con una percentuale sul totale pari al 28,3% ed una media per Consiglio di Amministrazione di 2,7 donne. Con i rinnovi attuali si è quindi concluso il primo passaggio previsto dalla Legge Golfo-Mosca - consistente nel destinare al genere meno rappresentato il 20% dei posti in Consiglio - mentre dai prossimi rinnovi si dovrà raggiungere la quota del 33%. Spostando lo sguardo sullo scenario internazionale, le società che hanno al loro interno Consiglieri di Amministrazione non italiani sono salite a circa il 35%. In particolare, i Consiglieri stranieri nominati in questi ultimi rinnovi sono quarantacinque, il 7,4% del totale. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 11

12 Manager ed imprenditori Modello delle cinque C Un altro punto di svolta rispetto al passato è indubbiamente rappresentato dall ingresso nei Consigli di Amministrazione di un numero sempre maggiore di manager e imprenditori, a scapito dei professionisti (avvocati, commercialisti, notai, professori, ecc.). In altri termini, ci si sta dirigendo verso quello che Susanna Stefani - fondatrice e vice presidente di GC Governance Consulting - definisce un sistema anglosassone, dove la presenza di imprenditori e di CEO di altre imprese è consuetudine. La Legge sulle quote di genere è stata sicuramente la chiave di volta che ha portato alla formazione di Consigli più professionali, favorendo il meccanismo delle scelta. Il valore aggiunto degli «operativi» all interno del Consiglio di Amministrazione, può essere spiegato con il cosiddetto modello delle cinque c 1 : C come compliance, cioè tutelare il rispetto della normativa e dei codici; C come coaching, ossia massimizzare e motivare l amministratore delegato e il suo team; C come contribute, ovvero contribuire con idee e competenze alla strategia; C come control, cioè gestire il rischio e controllare il management; infine, C di challange, ovvero sfidare continuamente il management a fare meglio. Se si esclude la compliance, tutte le altre caratteristiche sono tipiche di chi ha svolto ruoli operativi manageriali. Consigli di Amministrazione così calibrati permettono all imprenditore e al management un vero confronto sulle strategie. Famiglia proprietaria Tuttavia, dall analisi degli ultimi rinnovi emerge anche un altro elemento significativo: una sempre maggior presenza di Consiglieri della famiglia proprietaria. Una scelta non da condannare tout-court. Una scelta che dimostra, però, come il ruolo migliore per i familiari - ovvero quello di esprimersi in Assemblea - stenti ad essere opportunamente percepito. Ciononostante, lo studio di GC Governance Consulting mostra come il panorama stia cambiando: i nomi nuovi sono molti e hanno spesso il volto di un Consigliere internazionale o di una donna. 1. Modello elaborato da Roger Abravanel. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 12

13 La segnalazione di irregolarità in ambito aziendale Whistleblowing Effetti positivi Origini La commissione di illeciti in ambito aziendale è una tematica sempre più attuale, specie per i lavoratori che, dinanzi a tale eventualità, preferiscono connivere. Le ragioni sono le più varie ma, principalmente, il timore di ritorsioni ne è la causa principale. In tale contesto si colloca il c.d. whistleblowing, un istituto che permette al lavoratore (c.d. whistleblower) di segnalare - tempestivamente ed anonimamente - a soggetti interni eventuali irregolarità o reati commessi in ambito aziendale, di cui venga a conoscenza in ragione della propria attività. Grazie al whistleblowing è possibile colpire sul nascere quei fenomeni in grado di danneggiare non solo l azienda ma - anche - clienti, colleghi e collettività. In tal modo, dunque, le aziende hanno la possibilità di intervenire tempestivamente ed evitare danni economici e reputazionali. Il whistleblowing nasce nei sistemi di common law. Negli Stati Uniti è regolato dal Sarbanes Oxley Act del , il quale impone alle società di disciplinare le segnalazioni interne relative alla revisione contabile, ai controlli contabili interni e, più in generale, alla tenuta della contabilità. In Gran Bretagna, nel 1998, è stato adottato il Public Interest Disclosure Act, considerato una delle normative di riferimento. Sinteticamente, nel modello inglese sono previsti tre differenti destinatari delle segnalazioni (c.d. three-tiered regime): se prevista apposita procedura, destinatario della segnalazione è il soggetto costituito ad hoc all interno dell impresa; laddove manchi la predetta procedura, destinatario della segnalazione è un soggetto esterno istituzionale, differente a seconda della tipologia di illecito riscontrato (finanziario, fiscale, ambientale, ecc.); infine, l ultimo livello è rappresentato da altri soggetti esterni, quali, ad esempio, i Membri del Parlamento. 1. L introduzione è stata resa necessaria a causa degli scandali Enron e WorldCom. Il caso Enron ha visto come protagonista Sherron Watkins, Vice Presidente Corporate Development. Sherron Watkins aveva inviato una lettera, successivamente pubblicata su tutti i più importanti quotidiani, a Kenneth Lay - fondatore della Enron - nella quale denunciava tutti i retroscena ed i trucchi contabili utilizzati per gonfiare i conti della società. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 13

14 Europa e Italia D.Lgs. 231/2001 Altre norme A livello comunitario, l origine della disciplina del whistleblowing va ricercata nella Direttiva 95/46/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, nella raccomandazione 1916/2010 e nella risoluzione 1729/2010 del Consiglio d Europa. In Italia 2 il whistleblowing non gode di una disciplina unitaria, dovendosi fare riferimento a normative equiparabili, tra cui, in primis, la Convenzione ONU di Meridia in materia di corruzione. Il D.Lgs. 231/2001, in tema di responsabilità amministrativa da reato, include, tra le esimenti, l adozione di un Modello di organizzazione, gestione, controllo che preveda «obblighi di informazione nei confronti dell organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l osservanza dei modelli» (art. 6, lett. d). Nell ambito dell inciso «obblighi di informazione» rientrano anche i flussi informativi concernenti la commissione di illeciti in ambito societario e, dunque, un adeguata disciplina del whistleblowing. La riflessione è tanto più importante se si considera il nuovo rating di legalità : le imprese virtuose possono oggi richiedere un rating etico che garantisca loro agevolazioni nell accesso ai finanziamenti ed un punteggio aggiuntivo nella partecipazione alle gare d appalto. L art. 20, D.Lgs. 81/2008 prevede che i lavoratori debbano segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi di sicurezza, nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell ambito delle proprie competenze e possibilità, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. L art. 149 del TUF, a sua volta, prevede l onere del Collegio Sindacale di comunicare, senza indugio, alla Consob le irregolarità riscontrate nell attività di vigilanza e di trasmette i relativi verbali delle riunioni e degli accertamenti svolti e ogni altra utile documentazione. L art. 6, D.Lgs. n. 231/2007, prevede che presso la Banca d Italia è istituita l Unità di informazione finanziaria per l Italia (UIF), la quale riceve le segnalazioni di operazioni sospette e ne effettua l analisi finanziaria, acquisendo ulteriori dati e informazioni, finalizzati allo svolgimento delle proprie funzioni istituzionali, presso i soggetti tenuti alle segnalazioni di operazioni sospette. 2. Il Parlamento - con legge 7 ottobre 2014, n aveva conferito al Governo «delega per il recepimento delle direttive europee e l attuazione di altri atti dell Unione europea» (in particolare Direttiva 2013/36/UE e Regolamento n. 575/2013), tra cui la disciplina delle segnalazioni relative alle violazioni delle disposizioni in tema di vigilanza prudenziale per gli enti creditizi e le imprese di investimento, «tenendo anche conto dei profili di riservatezza e di protezione dei soggetti coinvolti, eventualmente prevedendo misure per incoraggiare le segnalazioni utili ai fini dell esercizio dell attività di vigilanza ed eventualmente estendendo le modalità di segnalazione anche ad altre violazioni». Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 14

15 Problemi Profili penalistici Profili civilistici Linee Guida ANAC La frammentazione che caratterizza la normativa in materia di whistleblowing determina il sorgere di notevoli problemi, soprattutto in capo al soggetto segnalante. Preliminarmente, va osservato che un ostacolo ai sistemi di whistleblowing è da ricercare nella circostanza per cui, nel nostro ordinamento, non è previsto un generale obbligo di denuncia dei fatti penalmente rilevanti, se non in determinati casi e per determinati soggetti (come i pubblici ufficiali, art. 361 c.p.). In merito al whistleblower, va da sé che, laddove la notizia di reato dovesse rilevarsi infondata, potrebbero concretizzarsi gli estremi del delitto di calunnia (art. 368 c.p.), nonché di eventuali azioni di risarcimento del danno. Sul versante civilistico, i problemi nascono dall anonimato del segnalante, soprattutto per evitare eventuali ritorsioni (come il licenziamento). Le Linee Guida di Confindustria in materia 231, sottolineano che il whistleblowing rientra nel più ampio dovere di diligenza e di fedeltà del prestatore di lavoro (artt e 2105 c.c.), talché eventuali segnalazioni non potrebbero dare luogo all applicazione di sanzioni disciplinari. A dimostrazioni di quanto detto, le Linee Guida raccomandano di «garantire la riservatezza a chi segnala le violazioni» e di adottare «misure deterrenti contro ogni informativa impropria, sia in termini di contenuti che di forma». In tal senso, deve essere letta con favore la Determinazione n. 6 del 28 aprile 2015 dell Autorità Nazionale Anticorruzione che ha introdotto delle Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti. Le Linee guida sottolineano come l art. 54-bis 3 del D.Lgs. 165/ delinei una protezione generale e astratta, che «per più versi deve essere completata con concrete misure di tutela del dipendente, il quale - per effettuare la propria segnalazione - deve poter fare affidamento su una protezione effettiva ed efficace che gli eviti una esposizione a misure discriminatorie». Ciò dimostra l utilità di strumenti, anche di carattere informatico, in grado di garantire i menzionati profili, nel pieno rispetto dell ordinamento vigente. 3. Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti: «Fuori dei casi di responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, ovvero per lo stesso titolo ai sensi dell articolo 2043 del codice civile, il pubblico dipendente che denuncia all autorità giudiziaria o alla Corte dei conti, ovvero riferisce al proprio superiore gerarchico condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, licenziato o sottoposto ad una misura discriminatoria, diretta o indiretta, avente effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla denuncia». 4. Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze d elle amministrazioni pubbliche. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 15

16 Tool informatici Oggi, attraverso l introduzione di specifiche soluzioni informatiche, le segnalazioni possono essere inviate direttamente ai soggetti preposti, in forma completamente anonima, attraverso una connessione ad internet, con qualunque dispositivo. L Organismo di Vigilanza sarà, così, in grado di prendere in carico tutte le segnalazioni pervenute, nonché di gestirle e monitorarle, avendo a disposizione una reportistica sullo stato di avanzamento degli accertamenti, dei provvedimenti e delle azioni correttive. Adeguate soluzioni informatiche consentono di svolgere attività, anche sensibili, nel rispetto di una disciplina complessa, ancorché assai frammentata. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 16

17 Workshop GC ottobre Buon governo Workshop GC Governance Consulting Il ruolo di Amministratore Docenti Destinatari del workshop GC Governance Consulting da anni promuove presso le aziende italiane la diffusione dei principi di buon governo societario, e le supporta - anzitutto - nella selezione di professionisti con profili diversificati ed adeguatamente preparati, nella convinzione che un buon mix di competenze sia garanzia di efficace funzionamento del Consiglio di Amministrazione, struttura centrale del governo societario. Il 15 ottobre presso la sede di Milano, in via Vincenzo Monti 15 - GC Governance Consulting organizza il prossimo workshop di formazione sul tema Il sistema della governance nelle società: soggetti, strumenti e responsabilità. Il Seminario si propone di fornire una preparazione articolata all esercizio del ruolo di Amministratore sia nei tradizionali Consigli di Amministrazione sia nei Consigli di Sorveglianza del sistema dualistico. Si tratta, infatti, di un programma - unico nel suo genere - che associa alle conoscenze teorico-giuridiche in corso di rapida evoluzione nella legislazione italiana, quelle tecnico-pratiche di funzionamento del Consiglio, accompagnate da testimonianze dirette di case histories. I docenti sono professionisti affermati, provvisti di bagaglio accademico o di practice consolidata di Board in primarie società quotate. Il seminario è rivolto alle/ai professionisti - manager pubblici e privati, imprenditori, professionisti - che vogliono proporsi per ricoprire ruoli nei Board di Imprese quotate, non quotate, private o di Fondazioni. È diretto, tuttavia, anche a imprese neo-quotate, quotande e/o familiari, che vogliono migliorare la performance del loro Board o l accesso al Board di nuove figure aziendali. Metodo e struttura La logica del seminario prevede il bilanciamento tra interventi teorici, pratici e momenti di discussione. In particolare, verranno approfonditi i seguenti temi: Focus sull organo amministrativo: competenza, composizione e funzionamento del consiglio di amministrazione. La tipicità della responsabilità degli Amministratori. Le principali figure preposte al sistema dei controlli aziendali. Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 17

18 La responsabilità amministrativa delle società ai sensi del decreto legislativo 231/01. Il corretto dialogo fra Governance e Organizzazione. Hanno collaborato a questo numero della newsletter: Giovanni Magra, Federica Russi, Elena Bonaiti, Martina Cavallo, Erika Galligani, Annadora Gallo, Angelo Santomarco Newsletter n 2 Apr Mag Giu pag 18

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia Introduzione, sviluppo e prospettive evolutive in ambito nazionale di Luana Veronese* e Mario Chiodi** 1. Le tendenze innovative

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE Presentazione MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D.Lgs. 231/01 Pag 1 di 6 PREMESSA Con l introduzione nell ordinamento giuridico italiano del D.Lgs. 8 giugno 2001, n.231 qualsiasi soggetto giuridico

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Signori Azionisti, Vi abbiamo convocato

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2016 2017 2018 EMISSIONE Dicembre 2015 DECORRENZA Gennaio 2016 Redazione a cura di: Responsabile Prevenzione della corruzione Approvato da: Consiglio di

Dettagli

Corporate Law Alert INTRODUZIONE

Corporate Law Alert INTRODUZIONE Corporate Law Alert LUGLIO 2015 AGGIORNAMENTO NORMATIVO I SISTEMI INTERNI DI SEGNALAZIONE DELLE VIOLAZIONI NELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (CD. WHISTLEBLOWING) INTRODUZIONE Il 21 luglio 2015

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle.

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle. Workshop di approfondimento in merito alla creazione di uno standard di riferimento per l'implementazione delle metodologie di raccolta dati e di informazioni da parte degli organismi deputati alla vigilanza

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Protocollo D.Lgs. 231/2001 n. 11. Gestione ed elaborazione della contabilità e del bilancio di esercizio

Protocollo D.Lgs. 231/2001 n. 11. Gestione ed elaborazione della contabilità e del bilancio di esercizio Pag. 1 di 5 Sommario 2 Scopo e applicabilità... 1 3 Riferimenti... 1 4 Aree interessate... 2 5 Reati potenziali e rischi da presidiare... 2 6 Modalità operative... 2 6.1 Principi di prevenzione... 2 6.2

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Relazione illustrativa Premessa Il presente documento intende brevemente illustrare i riferimenti normativi, il procedimento

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 23 Ottobre 2012 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 60.711.763,84 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA'

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione I modelli organizzativi di prevenzione nelle cooperative e i nuovi reati del D.Lgs. 231/01 L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione Paolo Maestri Unilab Consulenze Aziendali 9 aprile

Dettagli

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Circolare n.1 DEFINIZIONE LINEE PROCEDURALI PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

L ORGANISMO DI VIGILANZA

L ORGANISMO DI VIGILANZA PARTE GENERALE MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI. SEZIONE TERZA L ORGANISMO DI VIGILANZA PREMESSA. DP&V affida il compito di vigilare sul Modello di Risk Management ad un Organismo di

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing)

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing) Policy segnalazioni anomalie Versione: 1.0 Data: Tipo documento: Policy Pagina 1 di 12 Titolo documento: Policy Segnalazioni anomalie Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 1.2 GLOSSARIO...

Dettagli

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD FORMAZIONE E DIFFUSIONE Codice Documento: MOG 231 PFD 1 COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti sono sottoposti

Dettagli

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate Sommario La Consob ha concluso l iter di approvazione della nuova disciplina sulle operazioni con parti correlate effettuate, direttamente o tramite società controllate, da società che fanno ricorso al

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

L applicazione dei principi di revisione internazionali (ISA Italia) alle imprese di dimensioni minori

L applicazione dei principi di revisione internazionali (ISA Italia) alle imprese di dimensioni minori REVISIONE LEGALE Documento di ricerca n. 194 Assirevi Le attestazioni della Direzione In sostituzione del documento di ricerca n. 167, Assirevi ha pubblicato il documento di ricerca n. 194 che, alla luce

Dettagli

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale Il D.Lgs 231/01 : riflessi sul ruolo dell' OdV e del Collegio Sindacale ndacale Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale 27 febbraio 2012 Prof. Daniele Gervasio Università degli

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Effetti s.r.l.

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Effetti s.r.l. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 - Scopo e ambito di applicazione Art. 2 - Composizione

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A.

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ai sensi della L. 190/2012 Allegato 2 Revisione del 20/10/2014 Pagina 1 di 6 ALLEGATO 2 - PIANO 2014 D IMPLEMENTAZIONE DELLE MISURE TRASVERSALI E SPECIFICHE 1 PIANO

Dettagli

Revisione Legale dei conti

Revisione Legale dei conti Revisione Legale dei conti L attuale normativa in tema di revisione legale (e problemi non ancora risolti) D.Lgs. 39/2010 Studio Duodo & Associati 1 Agenda: L attuale normativa in tema di revisione legale

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

WHISTLEBLOWING WHISTLEBLOWING

WHISTLEBLOWING WHISTLEBLOWING DEFINIZIONE DEL WHISTLEBLOWER CARATTERISTICHE QUADRO NORMATIVO INTERNAZIONALE E NAZIONALE IL CONTESTO PUBBLICO I PROFILI DI TUTELA DEL WHISTLEBLOWER L ESPERIENZA DEL COMUNE DI MILANO PROFILI APPLICATIVI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Università Bocconi 30 gennaio 2006 Ordine Dottori Commercialisti 1 IL CUORE, LA MENTE, LA TUTELA Se i manager fanno muovere la macchina organizzativa,

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

L aggiornamento dei Principi contabili nazionali

L aggiornamento dei Principi contabili nazionali Paola Costa L aggiornamento dei Principi contabili nazionali Con la pubblicazione definitiva del 5 agosto 2014, si è concluso il progetto di aggiornamento dei Principi contabili nazionali, con l eccezione

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Allegato C Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

Procedura GESTIONE DENUNCE

Procedura GESTIONE DENUNCE Procedura GESTIONE DENUNCE Torino, 23 dicembre 2004 INDICE PARTE GENERALE 1 PREMESSA...3 2 NORMATIVA ESTERNA E INTERNA APPLICABILE...3 3 COMPITI E RESPONSABILITÀ...3 4 PROCESSO...4 5 CONTROLLO...4 6 COMITATO

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. DI TRENITALIA S.p.A. Sintesi

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. DI TRENITALIA S.p.A. Sintesi MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI TRENITALIA S.p.A. Sintesi Luglio 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Trenitalia S.p.A. ha approvato con delibera del 23 febbraio 2005 il Modello di

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ORGANISMO DI VIGILANZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE GALILEO GALILEI CREMA (CR) Nomina componenti OdV edizione dicembre

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DI BRESCIA MOBILITÀ S.P.A.

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DI BRESCIA MOBILITÀ S.P.A. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DI BRESCIA MOBILITÀ S.P.A. Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione di Brescia Mobilità S.p.A. del 18.12.2015 1 ARTICOLO 1 OGGETTO 1.1. Brescia

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

Studio legale Avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via Verdi, 14. SEMINARIO C.S.E. s.r.l IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO

Studio legale Avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via Verdi, 14. SEMINARIO C.S.E. s.r.l IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO SEMINARIO C.S.E. s.r.l IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO PERCHE NON SMETTERE DI FARE L IMPRENDITORE EDILE? Mozzo(BG) 27 Marzo 2009 Hotel Holiday Inn Express MANABILE PER LE IMPRESE EDILI SUGLI ADEMPIMENTI PREVISTI

Dettagli

TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI. PLENUM Consulting Group S.r.l.

TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI. PLENUM Consulting Group S.r.l. TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI N. 1559 UNI EN ISO 9001:2008 PLENUM Consulting Group S.r.l. Via San Quintino, 26/A 10121 TORINO -ITALY Tel +39 011 812 47 05 Fax +39 011 812 70 70 E-mail: plenum@plenum.it

Dettagli

Policy sull etica del business e sulla conformità alla legge

Policy sull etica del business e sulla conformità alla legge Policy sull etica del business e sulla conformità alla Approvata dal CdA di Adecco Italia Holding di Partecipazione e Servizi S.p.A. in data 9 Luglio 2007 Distribution List A: Ufficio Ruolo Note Tutti

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 E CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 1. Contesto

Dettagli

Piano Anticorruzione It.City S.p.A.

Piano Anticorruzione It.City S.p.A. Piano Anticorruzione It.City S.p.A. 2014 2016 Indice Premessa... 2 Organizzazione... 4 Referenti... 5 Compiti operativi dei Referenti... 7 Aree di rischio... 8 I Controlli... 9 La Trasparenza... 10 Codice

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Art. 1 Finalità e oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING)

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge n. 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un

Dettagli

ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO. I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria

ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO. I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria 5 novembre 2014 Come è cambiata la professione del Dottore Commercialista Approfondire il

Dettagli

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO Divisione Supporto alla Ricerca Scientifica e al Trasferimento Tecnologico MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO DI COSTITUZIONE DI START UP E START UP DI RICERCA DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Fasi

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA Sommario PREMESSA... 2 1. COMPITI DELL ORGANISMO DI VIGILANZA... 2 1.1 PIANO DI ATTIVITA... 3 1.2 RELAZIONE FINALE... 4 2. PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELL ORGANISMO

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SETA SPA PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Aggiornamento n. 1 del 5 febbraio 2016. 1 PREMESSA Il presente documento costituisce l aggiornamento n. 1 del Piano di Prevenzione della Corruzione (d ora

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano Adozione del sistema monistico o governance tradizionale? In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce 2014 Fiat Group 2 Fiat Group Indice 1. Premessa... 3 2. Normativa esterna e interna applicabile... 3 3. Compiti e responsabilità... 3 4. Processo... 4 5. Controllo... 4 6. Comitato denunce... 4 7. Registro

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74.

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.Lgs. n. 231/01 DELLA FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Approvato dal Consiglio d Amministrazione con deliberazione n. 16 del 06.10.2015 1 Cronologia delle

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Spett.le. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA

Spett.le. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA Spett.le Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA Roma, 26 novembre 2014 A mezzo SIPE (Sistema Integrato per l Esterno) Oggetto:

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1. Premessa La presente procedura (la Procedura ) riguarda le operazioni sul capitale di WM Capital S.p.A. (la Società o l Emittente ) e/o del

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 2 maggio 2011 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2

Dettagli

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI Approvato dal Revisionato dal Consiglio di Amministrazione del 27 aprile 2012 Le presenti linee guida rappresentano

Dettagli