sommario donatori in diretta centro trasfusionale informa fondazione informa tempo libero parliamo di noi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sommario donatori in diretta centro trasfusionale informa fondazione informa tempo libero parliamo di noi"

Transcript

1 sommario donatori in diretta Uno sguardo alle attività del 2011 Attività di reclutamento donatori Il Natale della nostra Associazione centro trasfusionale informa News dal mondo della trasfusione Confermato l accreditamento AABB fondazione informa Staminali in teatro tempo libero A spasso nella Milano che non c è e in quella che c è, ma non è la solita parliamo di noi Storie dal Centro trasfusionale

2 I nodi ancora da risolvere In un momento assai critico come l attuale è difficile guardare al futuro con ottimismo. Basti pensare ai provvedimenti adottati dal Governo per la crisi che ha colpito il nostro Paese (e seppur in misura diversa l intera Europa) che prevedono per quasi tutti i cittadini grossi sacrifici. Per quanto riguarda i nostri donatori rimane da risolvere l annoso problema della sede del Settore Donatori, divenuta troppo piccola per l elevato numero di persone che, per fortuna dell Ospedale e dei suoi pazienti, pur tra molte difficoltà continua a donare al Centro trasfusionale del Policlinico. A ciò si è aggiunto di recente il problema dell Area C che prevede, per chi raggiunge il Centro trasfusionale in macchina, il pagamento di un ticket d ingresso. Siamo convinti che l inquinamento sia un problema che la città di Milano deve affrontare una volta per tutte in modo serio e definitivo, prendendo magari ad esempio le grandi città del nord Europa. Ma riteniamo che fra le deroghe debba senz altro essere prevista l entrata in Area C per la donazione di sangue. Molti nostri donatori provengono dall hinterland e, per motivi di tempo, o per scomodità con l uso dei mezzi, sono costretti a venire in auto. Sull argomento molti donatori, con discrezione ma anche con determinazione, hanno espresso la loro opinione sul gruppo Facebook Amici del Policlinico e della Mangiagalli Donatori di Sangue. Il presidente del Policlinico professor Giancarlo Cesana e quello dell Associazione Amici del Policlinico, professor Girolamo Sirchia, hanno da tempo richiesto al Sindaco Pisapia di esentare i donatori dall applicazione della congestion charge nel giorno della donazione. Anche di recente l Associazione ha sollecitato un intervento in tal senso. Speriamo in una sollecita risposta positiva da parte del Comune. Nonostante tutto ciò la nostra Associazione ha buoni motivi per sperare nel futuro. Anzi ha buoni motivi: tanti sono i donatori che si sono presentati al Centro nel Grazie a loro, alla loro maturità civile, alla loro fedeltà che siamo convinti non verrà mai meno, i pazienti bisognosi di trasfusione potranno guardare al nuovo anno con serenità. Direttore scientifico Concorso fotografico La Natura La giuria ha conferito il primo premio alla fotografia HUNGRY BIRD di Ian Casis che interpreta la natura nel suo bisogno di vita colto dallo scatto del fotografo con straordinario tempismo.

3 donatori in diretta Uno sguardo alle attività del 2011 di Maurizio Marconi Rispetto al 2010 si è verificato un aumento delle unità di globuli rossi distribuite nell Ospedale Maggiore Policlinico e negli altri ospedali del DMTE Il 2011 è stato per tutti un anno difficile, e sappiamo già che queste difficoltà continueranno anche nell anno nuovo. La crisi economica ha colpito tutto il Paese e anche il Centro trasfusionale ne ha risentito. A causa delle difficoltà di assunzione vi è stata una riduzione del personale medico che ha reso difficile garantire con la dovuta tempestività le visite di idoneità alla donazione e quelle specialistiche, in particolare le visite di cardiologia. Malgrado tutto ciò i nostri donatori non hanno fatto mancare il loro sostegno all attività del Centro e questo è di immenso conforto. Per il 2012 l Amministrazione ha predisposto un piano che consentirà di superare gli ostacoli all assunzione di nuovo personale e si è impegnata a realizzare un progetto di ristrutturazione del Padiglione Marangoni, che prevede il trasferimento dell attività di accettazione e di determinazione dell emoglobina nella palazzina prefabbricata e l ampliamento al primo piano del numero di stanze visita, della sala salasso e del ristoro, oltre che degli spazi di attesa. del Dipartimento di Medicina Trasfusionale ed Ematologia (DMTE) città di Milano Centro, ruolo che la Regione ci ha attribuito grazie alla presenza di una Associazione di donatori in grado di soddisfare le necessità trasfusionali non solo del Policlinico ma anche delle 12 strutture che afferiscono al DMTE. La figura in basso, rappresenta il numero delle donazioni effettuate a partire dal I numeri delle donazioni, come tutti i dati quantitativi, esprimono solo un aspetto della realtà. Quello che questi numeri non raccontano è che il nostro Centro è l unica struttura italiana, tra quelle che raccolgono almeno unità di sangue all anno, a raccoglierle tutte in sede e per giunta in un area metropolitana Le donazioni per definizione poco propensa alla solidarietà. La fidelizzazione dei nostri donatori è certamente favorita dalla professionalità e simpatia del nostro personale sanitario ed amministrativo, ma soprattutto dal fatto che il nostro Centro ha sempre cercato di restituire servizi ai donatori in cambio della loro generosità. La nostra strategia è sempre stata quella di essere disponibili in caso di bisogno ponendo una attenzione primaria alla loro salute, sia in termini di assistenza per problemi emergenti, facendo in modo che sia sempre disponibile un medico a coordinare gli interventi sanitari Donazione e trasfusione Come abbiamo più volte ricordato, il nostro Centro è la struttura capofila

4 Il nostro Centro ha sempre cercato di restituire servizi ai donatori in cambio della loro generosità necessari, sia in termini di programmi di diagnosi precoce o di vera prevenzione offerti a tutti i donatori. Un programma di prevenzione che compie quest anno il suo sesto anno di vita è il Cardiorisk. Poiché oltre donatori hanno avuto una rivalutazione del rischio a distanza di almeno un anno dalla prima determinazione, abbiamo confrontato la loro distribuzione nelle diverse fasce di rischio in occasione della prima e dell ultima determinazione. Ne è risultato che solo l 11% dei donatori è passato ad una fascia di rischio maggiore. Tenendo conto che tra i fattori valutati dal Cardiorisk vi è l età (che inesorabilmente aumenta nel tempo il rischio di malattia cardiovascolare), il risultato ottenuto depone per l efficacia del nostro programma di prevenzione, anche se sono necessarie analisi più approfondite, attualmente in corso, per valutare la significatività statistica dei dati. Da settembre è stato avviato un nuovo programma di prevenzione, chiamato Osteorisk, che valuta il rischio assoluto di una frattura da osteoporosi nei dieci anni successivi; sono state finora arruolate nel programma 520 donatrici di età superiore a 54 anni ed in 34 di esse il rischio è risultato superiore al 10%. Per quanto riguarda le trasfusioni effettuate, confrontando il numero di unità di globuli rossi distribuite nei vari mesi del 2010 e del 2011, si ha un lieve aumento nei consumi dipendente sia dalla continua crescita del numero di pazienti talassemici seguiti presso il Centro delle Anemie Congenite della Fondazione, sia dall aumento dell attività chirurgica delle strutture convenzionate. Malgrado questo aumento l Associazione, grazie ad un efficace programma di reclutamento di nuovi donatori ed alla pianificazione di donazioni su appuntamento durante il periodo estivo, ci ha consentito di arrivare all autunno con un inventario di massima sicurezza. La Banca dei rari Un eccellenza del Centro trasfusionale è la Banca Regionale del Sangue Raro, intitolata a Fernanda Morelati che, come ricordato più volte in questo giornale, ha guidato il laboratorio di immunoematologia a traguardi di rara eccellenza, tra i quali l accreditamento da parte dell American Association of Blood Banks, l unico accordato ad una struttura europea. Obiettivo del terzo triennio di attività della Banca è quello di tipizzare, con l impiego della tecnica di microarray, di cui abbiamo riferito in altre occasioni, donatori per 33 antigeni eritrocitari e 22 antigeni piastrinici. Ad oggi abbiamo identificato donatori rari di cui 491 estremamente rari (per antigeni ad alta incidenza o per fenotipo Rh) e donatori di gruppo raro per antigeni piastrinici. Il patrimonio così acquisito è di rilevanza sovraregionale, tant è che molte richieste di unità di sangue raro provengono anche da altre regioni: la nostra Banca è in effetti l unica del suo genere in Italia, eccezion fatta per l avvio recente di una Banca analoga a Ragusa. Inoltre, per soddisfare le esigenze trasfusionali dei pazienti con deficit di IgA, ci proponiamo di costituire un registro di donatori IgAcarenti attraverso lo screening di donatori maschi di gruppo AB. Infine, un progetto innovativo avviato quest anno è la messa a punto della metodica per l estrazione del DNA fetale da plasma materno, al fine di determinare il gruppo Rh del nascituro nelle madri di gruppo Rh negativo. È dimostrato che circa il 3% di DNA libero nel plasma di donne in gravidanza nel primo trimestre è di origine fetale, percentuale che aumenta sino al 6% nel terzo trimestre. Il DNA fetale libero nel plasma materno costituisce pertanto una fonte ottimale di materiale genetico che può essere ottenuto con un semplice prelievo venoso alla madre senza dover ricorrere all amniocentesi o alla villocentesi, manovre invasive che sono associate al rischio di aborto spontaneo rispettivamente pari al 0.5% e 1%. Il Nord Italia Transplant Come ricorderete quello che una volta era il Centro Trasfusionale e di Immunologia dei Trapianti è oggi diventato il Dipartimento di Medicina Rigenerativa, che riunisce tre unità operative, ciascuna con un suo primario. Ma l origine è unica e le tre strutture mantengono stretti rapporti di collaborazione, facilitata dal lavorare sotto lo stesso tetto. Riteniamo quindi opportuno riferire anche delle attività del Nord Italia Transplant (NITp), del quale dal 1976 la nostra struttura costituisce il Centro Interregionale di Riferimento. Come dimostrano i numeri, il trapianto è ormai diventato una terapia consolidata e direi quasi di routine. Fino al 2011, nel NITp, sono stati utilizzati donatori (solo nel donatori) e sono stati effettuati trapianti ( di rene; 671 di pancreas; di cuore; 911 di polmoni e di fegato e 10 di intestino). I pazienti in lista sono (2.537 di rene, 156 di pancreas, 392 di fegato, 436 di cuore, e 231 di polmoni). Ottima la sopravvivenza degli organi e dei pazienti trapiantati che, a cinque anni, è pari all 86% per il trapianto di rene, 80% per il cuore, 75% per il fegato e 55% per il polmone. Gli eccellenti risultati clinici sono anche dovuti all attenzione posta dagli operatori nel ricercare nuove strategie terapeutiche e intraprendere nuove strade per consentire il miglior uso degli organi. Un numero consistente di pazienti tuttavia non ha potuto accedere a questa risorsa terapeutica e questo è il grande problema che tutt oggi investe la trapiantologia: non vi sono organi sufficienti per tutti i pazienti che potrebbero giovarsi di questo trattamento. Questo si traduce in lunghi tempi di attesa per i pazienti che aspettano un trapianto di rene e possono fare la dialisi. Ma i pazienti in attesa di trapianto di cuore, fegato o polmone, per i quali non vi sono terapie vicarianti, spesso muoiono nell attesa. Nel 2011 si è registrato nel NITp un aumento, rispetto al 2010, del numero di donatori utilizzati (+4,8%), l incremento è soprattutto dovuto ad una diminuzione del numero delle opposizioni da parte delle famiglie (-33,0%). Contestualmente all aumento del numero dei donatori si è anche regi

5 strato un incremento del numero dei trapianti (+1,0%), distribuito su tutti gli organi. All aumento dell attività si è anche aggiunta una maggiore complessità gestionale, legata soprattutto all allargamento dei criteri di idoneità dei donatori e talora a eventi eccezionali come quello verificatosi lo scorso 18 ottobre, quando il Centro di Riferimento ha coordinato l attività di prelievo e di trapianto di 9 donatori ricoverati negli ospedali lombardi, veneti e marchigiani, di età compresa tra i 14 e gli 84 anni. Ventotto sono i trapianti effettuati (in Friuli- Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Marche Piemonte, Puglia e Veneto) a riceventi di età tra pochi mesi e 69 anni. Sono stati anche prelevati tessuti muscolo-scheletrici, cute e cornee oltre a 2 pancreas per separare le isole pancreatiche. Ciò è stato possibile anche grazie alla forza della rete che ha saputo coordinare in tempi strettissimi un attività molto intensa che ha coinvolto circa 600 professionisti. Anche l attività di prelievo e trapianto di tessuti nel 2011 consolida il primato nazionale (nel 2011 sono stati registrati oltre donatori di tessuti): è da sottolineare che la Lombardia copre un quarto dell attività nazionale. L aumento della domanda di trapianti rende la carenza degli organi sempre più rilevante, l assegnazione sempre più critica e la ricerca di nuove alternative e di studi scientifici sempre più necessaria: negli ultimi 2 anni, la ricerca nel NITp ha portato avanti 10 studi collaborativi spontanei, 9 progetti di ricerca finanziati, con 12 pubblicazioni su riviste censite. La Milano Cord Blood Bank Per concludere, un breve accenno alla Milano Cord Blood Bank (Banca del Sangue del Cordone Ombelicale), che costituisce il settore principale della terza unità operativa del Dipartimento. La Banca, che dispone attualmente di oltre donazioni di sangue placentare, ne ha distribuite 488 per trapianto in tutto il mondo. Nel 2011 ha proseguito la sua attività anche la Cell Factory Franco Calori, dove le cellule staminali vengono isolate e caratterizzate. Le cellule staminali provengono non solo dal cordone ombelicale e dal midollo osseo, ma anche da altre fonti come il tessuto adiposo, il liquido amniotico e la polpa dentale. In particolare quest ultima sorgente è stata oggetto dell istituzione della Banca del Sorriso che intende conservare, con una metodica innovativa, i denti decidui o da latte e le cellule staminali in essi contenute. Grazie all elevata capacità rigenerativa queste cellule sono di grande interesse per un eventuale applicazione terapeutica. Infine, la Cell Factory Franco Calori è impegnata a sviluppare protocolli clinici innovativi nella cura di numerose patologie, come l insufficienza epatica grave, i parkinsonismi, le malattie ossee, renali o di neonati prematuri (broncodisplasia). Per ulteriori info Attività di reclutamento donatori di Giorgio Marmiroli A fronte di una sostanziale stabilità delle donazioni di sangue (circa ), si registra, nel 2011 un incremento dei nuovi donatori, aumentati del 15% rispetto al 2010 (2.369 nuovi nel 2011 e nel 2010) Comunità etniche Prosegue l afflusso di donatori stranieri grazie alla sensibilizzazione di altre comunità etniche, tra cui la comunità filippina. Infatti grazie ad una studentessa universitaria filippina (Divine Grace Cortez), nostra donatrice, abbiamo potuto organizzare incontri locali in occasione di celebrazioni e festività delle comunità. Oggi il gruppo di donatori stranieri provenienti da cinque continenti rappresenta con le sue presenze una quota di rilievo sul totale dei donatori attivi. Campagna estiva Anche quest ultima estate l Associazione si è impegnata in una massiccia campagna di comunicazione sulla promozione della donazione in grado di soddisfare le necessità trasfusionali dei pazienti e fronteggiare la crisi estiva delle donazioni. La campagna si è potuta realizzare grazie alla disponibilità di IGP Decaux e grazie al concept creativo di DDB Health, agenzia che ha offerto gratuitamente la sua competenza nell ideazione e messa a punto del messaggio promozionale. Il risultato delle numerose azioni, compiute nell arco estivo, (programmazione delle donazioni estive, giornata mondiale del donatore di sangue del 14 giugno, attività di promozione in alcuni punti strategici della città, cartellonistica sui mezzi pubblici, , Social Networks come fecebook e twitter e grazie al nuovo sito Internet) è stato particolarmente gratificante poichè nei mesi di giugno, luglio e agosto il reclutamento di nuovi donatori effettivi è stato, rispetto all anno precedente, maggiore del 18%.

6 Scuole superiori Università Il 2011 ha visto un totale rinnovamento della forza operativa dedicata a questo segmento ed è stata arruolata una nuova coordinatrice del gruppo di promoter. Grazie a un appello ai nostri studenti universitari, siamo riusciti ad effettuare una selezione di ragazzi motivati e capaci che in questi ultimi due mesi hanno effettuato massicci interventi in Università Statale, Cattolica e Politecnico. Si rinnova anche per l anno il consolidato Progetto Scuole che ha portato grandi soddisfazioni per la intensificata crescita di studenti e docenti aderenti al progetto: sono stati sensibilizzati, in 135 ore di lezione, studenti distribuiti in 37 diversi istituti, di cui 11 nuovi partner. Il trend risulta davvero positivo e sembra tuttora in crescita. Quest anno sono stati incontrati ben studenti e sono già state prenotate 90 ore di lezione anche presso 3 nuove scuole che hanno aderito al progetto. Sedici donazioni di gruppo effettuate da settembre a dicembre hanno visto circa 80 studenti avviarsi alla carriera di donatore. In un momento storico in cui l Italia vanta solo dati al ribasso, la generosità dei giovani interpellati dimostra un incremento che, va a discapito dei pregiudizi sulle nuove generazioni. La Giornata Mondiale del Donatore di Sangue Si è rinnovato anche quest anno, l appuntamento al Padiglione Marangoni per festeggiare la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue (World Blood Donor Day - WBDD). Il giardino è stato teatro di piacevoli momenti di relax: fresche bevande e un gustoso buffet hanno accolto i visitatori. Ospiti speciali della giornata la dottoressa Maria Bonfanti, presidente di Banca Credito Cooperativo di Sesto San Giovanni, che ha finanziato la realizzazione delle magliette ideate dagli studenti coinvolti nel progetto scuole ; il dottor Mario Scarlatella, direttore di filiale di Banca Credito Cooperativo, che ha consegnato le nuove magliette agli studenti di scuola superiore neodonatori e ai loro professori. Molti i partecipanti ai festeggiamenti della giornata, tra cui i circa 300 prenotati alle visite guidate ai tesori della Ca Granda. ROSSO VIVO il corto che promuove la donazione La Fondazione Il Sangue di Milano, nata per sostenere la ricerca e l attività di servizio del Centro trasfusionale, nel 2011 ha realizzato il cortometraggio ROSSO VIVO che, presentato in Campidoglio il 15 settembre, ha preso parte fuori concorso al Festival Internazionale del Cortometraggio di Roma. ROSSO VIVO, nato da una storia ideata da Anna Parravicini e Davide Del Corno e prodotto da Meltin Pot con la regia di Anna Maria Liguori, si propone di far crescere nel pubblico, soprattutto fra i giovani, la cultura della donazione intesa come atto di civica partecipazione ai bisogni della collettività. Il nostro sforzo è ora quello di diffondere il cortometraggio nelle scuole, nelle Università, nelle comunità. Recentemente è stato realizzato un trailer di 3 minuti che potrebbe essere impiegato nelle sale cinematografiche e in TV. Senza tralasciare il mondo del web: ROSSO VIVO è accessibile sul sito dell Associazione e direttamente da YouTube. Notizie da Shisong, Camerun Thomas Leikeki Shadzeka, tecnico di laboratorio dell Ospedale di Shisong del Camerun, ha svolto presso il nostro Centro e la nostra Associazione uno stage formativo finalizzato all organizzazione di un Centro trasfusionale a supporto della cardiochirurgia pediatrica. Dopo circa un anno di attività, in occasione della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, ci ha inviato delle bellissime immagini con alcuni dei donatori reclutati nell ambito di 23 villaggi della zona. Siamo orgogliosi del successo del nostro amico e gli auguriamo di proseguire il percorso intrapreso. Eventi Concerto di Natale Anche quest'anno si è svolto il concerto di Natale con il supporto dei 'Pomeriggi Musicali' con musiche americane degli anni 30-50, il cui ricavato è destinato al sostegno delle iniziative di promozione alla donazione.

7 foto di M. Anderlini Il Natale della nostra Associazione Il 3 dicembre la nostra Associazione ha celebrato la festa di Natale, nell Aula Magna dell Università degli Studi di Milano, stringendosi intorno tutti quei donatori che si sono distinti per generosità e partecipazione. Al discorso di apertura del presidente dell Associazione, il professor Girolamo Sirchia, è seguita una breve relazione dell attività del Centro trasfusionale dell Ospedale Policlinico, ad opera del dottor Maurizio Marconi. Come ogni anno la dottoressa Anna Parravicini, coadiuvata dal vicepresidente avvocato Dino Fabbrini, ha presentato gli ospiti della giornata e tutte le persone che collaborano attivamente e contribuiscono ai buoni risultati dell Associazione. Ad allietare l incontro, la graditissima presenza del noto comico Cornacchione che con la sua simpatia e la sua ironia ha fatto nascere il sorriso sul viso di tutti i presenti. A lui il nostro grazie riconoscente. Guarda, salva e stampa le foto della festa di Natale dal sito dell Associazione I premiati con targa d oro (100 donazioni) Nella foto (in ordine alfabetico): Vittorio Oreste Ascari, Maria Grazia Balbi, Amedeo Felli, Alessandro Galluccio, Giampaolo Germani, Massimo Lazzaroni, Amedeo Antonio Liva, Panfilo Mancini, Anna Teresa Manzo, Sergio Marconato, Claudio Merati, Gianluigi Merini, Angelo Pardile, Maurizio Perodo, Alves Radice, Roberto Rossi, Carlo Venier e Aldo Achille Viganò.

8 Le targhe d argento In alto: i sei gruppi di donatori che hanno raggiunto la cinquantesima donazione, premiati con targa d argento. A sinistra: il premio intitolato a Fernanda Morelati è stato consegnato a Nicole Gasparini e alla moglie del signor Lorenzo Campanale. Sotto: il dottor Paolo Rebulla, responsabile dell Unità Operativa di Medicina Trasfusionale, Terapia Cellulare e Criobiologia, ha consegnato il premio ADISCO alle ostetriche Bruna Pasini, Concetta Stranieri e Eugenia Colombo, dell Ospedale di Bergamo e di Legnano che si sono distinte nella raccolta di sangue placentare. A destra: i premiati del concorso fotografico La Natura, in alto il signor Ian Casis 1 classificato per l edizione Il premio ricevuto è un buono per un week end al B&B La Gazzaladra. Al centro la foto del signor Stefano Pastorello, 2 classificato. Questa volta in palio un buono della libreria Cortina. Per finire la premiazione della signora Paola Beatrice Stringhini 3 classificato che riceve in dono una stampante fotografica.

9 fondazione informa Staminali in teatro Nell incontro di Medicina in teatro del 6 febbraio u.s. dedicato alle staminali abbiamo trattato un caso clinico che prevede l utilizzo delle staminali mesenchimali. Abbiamo chiesto al dottor Paolo Rebulla direttore dell Unità Operativa di Medicina Trasfusionale, Terapia Cellulare e Criobiologia, di approfondire l argomento Dottor Rebulla, innanzitutto cosa sono le cellule staminali mesenchimali e perchè questo utilizzo? Sono un tipo particolare di cellule che svolgono preziose funzioni fisiologiche legate a diverse strutture di sostegno del nostro organismo, con prevalente riferimento al tessuto adiposo, all osso e alle cartilagini. In relazione a quel tipo particolare di tessuto contenuto nelle ossa piatte in cui avviene la produzione delle cellule del sangue (il midollo osseo, assai ricco di cellule staminali denominate emopoietiche ), le cellule staminali mesenchimali nutrono e proteggono nel tempo le cellule staminali che producono i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine. La loro mancanza o un loro difettoso funzionamento possono mettere quindi a grave rischio la produzione delle cellule del sangue, causando la comparsa di anemie, infezioni ed emorragie. Inoltre, manifestano una grande capacità di sentire a distanza un sito tissutale danneggiato e di migrare verso questo sito apportando nel contesto della lesione benefici fattori riparativi. Negli ultimi anni si è scoperto che, quando vengono trasferite a scopo terapeutico da un soggetto ad un altro (un vero e proprio trapianto ma che si realizza con una semplice procedura di infusione endovenosa) le cellule staminali mesenchimali hanno una grande capacità di diminuire la reattività del sistema immunitario del paziente. Questa capacità offre interessanti prospettive terapeutiche in quella particolare classe di malattie definite autoimmuni, cioè quelle patologie nelle quali il sistema immunitario non distingue bene fra i tessuti propri (che non è utile attaccare o danneggiare) dai tessuti o dagli organismi non propri (batteri, virus) contro i quali è fondamentale esplicare efficaci funzioni di difesa. Negli ultimi anni quindi si sono aperte interessanti prospettive di uso terapeutico di queste cellule - prevalentemente ancora sperimentali - nei casi in cui sia utile estinguere o moderare una intensa risposta immunitaria diretta, ad esempio, contro un organo trapiantato, oppure una risposta abnorme contro un tessuto od organo proprio. Questa patologica risposta immune venne definita da Paul Ehrlich, uno dei padri dell immunologia che per primo ne caratterizzò il meccanismo, con l efficace termine di horror autotoxicus. Quali risultati sono stati ottenuti? Nel caso del nostro paziente, affetto da una grave patologia denominata glomerulosclerosi focale che porta alla distruzione per via autoimmune dei glomeruli che filtrano il sangue a livello renale, le cellule staminali mesenchimali (fornite per questo primo trattamento dal dottor Ettore Biagi della Cell Factory dell Ospedale di Monza) hanno ridotto la reazione autoimmune, come indicato da alcuni dati di laboratorio che hanno dimostrato una ripresa funzionale del rene. In precedenza, per mantenere un adeguata funzione renale, questo ragazzino doveva sottoporsi a frequenti sessioni di plasmaferesi (particolarmente gravose a questa età), cioè a lunghe procedure di rimozione del plasma per allontanare gli anticorpi diretti contro i tessuti renali. Dopo la somministrazione delle cellule, le procedure di plasmaferesi non sono state più necessarie. Abbiamo quindi completato un ciclo di produzione di cellule per questo e per altri simili pazienti presso la Cell Factory Franco Calori del Policlinico. Con quali prospettive? Innanzitutto dovremo consolidare questi primi esiti incoraggianti in una casistica più ampia, seguita dalla dottoressa Luciana Ghio, che afferisce all unità di Nefrologia Pediatrica diretta dal professor Alberto Edefonti del Policlinico di Milano. Stiamo attualmente completando il percorso di autorizzazione del protocollo clinico relativo a questo studio di più ampie dimensioni. Se i risultati, come speriamo, saranno confermati, estenderemo questo tipo di trattamento sperimentale ad altre patologie autoimmuni, in collaborazione con diversi gruppi clinici del nostro e di altri ospedali e con le Cell Factory degli ospedali pubblici della nostra regione. intervista di Eloisa Consales Non perdete il prossimo appuntamento! Con l invecchiamento si assiste a una progressiva riduzione dell acuità visiva che, in assenza di più gravi problemi, con un adeguata correzione può essere sovente recuperata. Come succede al protagonista della storia che aprirà la riunione del 5 marzo. La malattia di cui soffre Mario è la forma più comune di cataratta, la cataratta senile, caratterizzata da un offuscamento visivo globale (dovuto a progressiva perdita di trasparenza del cristallino) che lo porta a rivolgersi all oculista.

10 centro trasfusionale informa News dal mondo della trasfusione Nel 2011, per la quinta volta, sono tornati gli assessors dell American Association of Blood Bank per verificare se il nostro laboratorio (unico in Italia e in Europa, accreditato nel 2003 dall AABB come laboratorio di immunoematologia di riferimento) risponde agli standard di accreditamento richiesti. Questo riconoscimento, come tutti gli accreditamenti internazionali, non viene riconosciuto per sempre, ma deve essere verificato ogni due anni. Se il laboratorio non conferma i requisiti richiesti, l accreditamento può essere sospeso. La visita ispettiva è volta a verificare: > requisiti di ordine tecnico (a di Nicoletta Revelli e Antonietta Villa Quest anno la riunione annuale dell AABB (American Association of Blood Banks) si è tenuta in California nella città di San Diego appena a nord del confine con il Messico sulla costa dell Oceano. San Diego, oltre ad essere uno dei più importanti siti militari statunitensi, con numerose basi della Marina e dei Marines, è una città che vive grazie al turismo per il suo clima particolarmente mite. Con chilometri di spiagge animate con numerose strutture per il surf, gli sport acquatici e i divertimenti diurni e notturni che si estendono lungo la costa, da la Jolla a Chula Vista. In questa cornice, così turistica, si è svolto il convegno annuale dell AABB che richiama da tutto il mondo medici, responsabili di laboratorio, tecnici di laboratorio, infermieri ed amministratori, che operano nel campo della medicina trasfusionale, terapia cellulare e delle banche del sangue. Circa 200 espositori hanno mostrato le più recenti innovazioni e tecnologie nel settore trasfusionale e delle terapie cellulari. In quattro giorni di intenso lavoro si sono susseguite sessioni scientifiche specifiche, sessioni educazionali e poster dove abbiamo osservato un interesse sempre crescente verso le nuove metodologie di biologia molecolare nel campo dell immunoematologia. Anche quest anno il laboratorio di Immunoematologia ha portato il suo contributo al convegno con tre abstract, che sono stati accettati come poster. Un primo abstract riguarda l utilizzo di un metodo semplice ed automatizzato in agglutinazione per la determinazione Confermato l accreditamento AABB garanzia di adeguati livelli di prestazioni); > economico (per verificare l appropriatezza delle prestazioni); > formativo (per promuovere la formazione continua e lo scambio di conoscenze ed esperienze). Il laboratorio di riferimento deve infatti essere in grado di eseguire molteplici metodiche, dalle più semplici alle più complesse, di disporre di un ampio inventario di reagenti (cellule e sieri rari ottenuti molto spesso attraverso l adesione a programmi collaborativi internazionali) per poter eseguire una accurata valutazione della presenza di anticorpi eritrocitari irregolari nei pazienti plurimmunizzati e garantire una trasfusione efficace e sicura. Il laboratorio di Immunoematologia delle forme deboli dell antigene Rh(D). Il secondo abstract mette a confronto due tecniche di biologia molecolare per la caratterizzazione delle varianti dell antigene Rh(D). Questa tecnica potrebbe essere utilizzata per la determinazione del tipo Rh(D) nelle donne in età fertile o in gravidanza o nei donatori di sangue con deboli reattività o discrepanze nella tipizzazione dell antigene Rh(D ). L ultimo abstract descrive il supporto trasfusionale fornito ad una paziente, ex donatrice di sangue, che presentava anticorpi diretti verso un antigene ad alta incidenza, presente in Europa in 5 persone su Grazie ad un programma di predeposito, presso la nostra Banca di Sangue Raro è stato possibile trasfonderle ben 15 unità di sangue. Lo staff del laboratorio con le dottoresse Jan Hamilton, ispettore inviato dall AABB e Lilian Castilho, responsabile laboratorio di Immunoematologia Hemocentro Unicamp di San Paolo del Brasile. del Policlinico dal 2005 esegue regolarmente la tipizzazione eritrocitaria e piastrinica di donatori del nostro Centro e di tutta la Regione Lombardia con lo scopo di identificare i soggetti con un fenotipo difficilmente reperibile nella popolazione. I donatori di gruppo raro identificati sono ad oggi

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK UNA VITA CHE NASCE RIGENERA LA VITA 30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK 8 giugno 2013 ore 9.00 Auditorium del Palazzo dei Congressi Provincia di Milano Via

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto LA NOSTRA ATTIVITA DI TRAPIANTO CHI PUO DONARE L attività di trapianto agli Ospedali Riuniti di Bergamo, oggi Ospedale Papa Giovanni

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

Note informative al paziente in attesa di Trapianto di cuore e cuore-polmoni Trapianto di polmoni

Note informative al paziente in attesa di Trapianto di cuore e cuore-polmoni Trapianto di polmoni PAGINA 1 DI 9 Note informative al paziente in attesa di Trapianto di cuore e cuore-polmoni Trapianto di polmoni PAGINA 2 DI 9 Indice Informazioni generali 3 Pag. Trapianto di cuore e cuore-polmoni 4 Premessa

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU24S1 12/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 12 maggio 2014, n. 31-7591 L. 91/99 "Disposizioni in materia di trapianti di organi e tessuti". Sostegno alle attivita' del Centro

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

newsletter n. 02/ anno 3 Maggio 2014 EDIZIONE SPECIALE

newsletter n. 02/ anno 3 Maggio 2014 EDIZIONE SPECIALE newsletter n. 02/ anno 3 Maggio 2014 EDIZIONE SPECIALE Campagna di Comunicazione Donaction 2013/2014 La campagna di comunicazione Donaction, che si è svolta da dicembre 2013 a febbraio 2014, è stata promossa

Dettagli

PAZIENTI, FAMIGLIARI, DONATORI DI MIDOLLO E MEDICI SI INCONTRANO IN OCCASIONE DI UN CONVEGNO INTERNAZIONALE

PAZIENTI, FAMIGLIARI, DONATORI DI MIDOLLO E MEDICI SI INCONTRANO IN OCCASIONE DI UN CONVEGNO INTERNAZIONALE COMUNICATO STAMPA Milano, Lunedì 17 Marzo 2014 PAZIENTI, FAMIGLIARI, DONATORI DI MIDOLLO E MEDICI SI INCONTRANO IN OCCASIONE DI UN CONVEGNO INTERNAZIONALE A la fine di questo mese, in occasione del 40

Dettagli

Direttore del dipartimento di Medicina Trasfusionale e Ematologia

Direttore del dipartimento di Medicina Trasfusionale e Ematologia Prati Daniele Data di nascita 20/02/1964 Direttore del dipartimento di Medicina Trasfusionale e Ematologia Direttore di dipartimento Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1991 e diploma di specializzazione

Dettagli

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25 Domande e risposte su Donazioni e Trapianti Si è svolta lo scorso giovedì 15 marzo presso la Casa del Volontariato la prima di una serie di serate dedicate all informazione sul tema delle Donazioni e Trapianti

Dettagli

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI Si può essere solidali con il prossimo in molti modi: con l aiuto ai deboli, il soccorso ai bisognosi, il conforto per chi soffre; ma la donazione degli organi rappresenta

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 Centri di Prelievo e Centri di Trapianto della Regione Friuli Venezia Giulia Centro trapianti Cuore Centro trapianti Fegato

Dettagli

Rassegna stampa. A cura dell Ufficio Stampa FIDAS Nazionale. Venerdì 22 gennaio 2016. Rassegna associativa. Rassegna Sangue e emoderivati

Rassegna stampa. A cura dell Ufficio Stampa FIDAS Nazionale. Venerdì 22 gennaio 2016. Rassegna associativa. Rassegna Sangue e emoderivati Rassegna stampa A cura dell Ufficio Stampa FIDAS Nazionale Venerdì 22 gennaio 2016 Rassegna associativa 2 Rassegna Sangue e emoderivati 5 Rassegna sanitaria, medico-scientifica e Terzo settore 9 Prima

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo Opera di San Pio da Pietrelcina PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE a cura di: Servizio Trasfusionale e di Immunoematologia Tel.:

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

LE ATTIVITA DI PRELIEVO E TRAPIANTO COME LEVA STRATEGICA PER LA PROGRAMMAZIONE E RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE.

LE ATTIVITA DI PRELIEVO E TRAPIANTO COME LEVA STRATEGICA PER LA PROGRAMMAZIONE E RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE. FORUMPA SANITA' 2001 Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda Direzione Sanitaria LE ATTIVITA DI PRELIEVO E TRAPIANTO COME LEVA STRATEGICA PER LA PROGRAMMAZIONE E RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Parte 1 : Anagrafica

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

MATERIALE INFORMATIVO PER LA DONAZIONE DI SANGUE

MATERIALE INFORMATIVO PER LA DONAZIONE DI SANGUE S. C. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Ospedale San Paoloo Savonaa Direttore: Dott. Andrea Tomasini MATERIALE INFORMATIVO PER LA DONAZIONE DI SANGUE DONARE SANGUE Facile e vitale Il sangue è un

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

La necessità di sangue non va in vacanza

La necessità di sangue non va in vacanza La necessità di sangue non va in vacanza Estate, tempo di vacanze per tantissime persone, ma anche in questo periodo ci sarà chi, purtroppo, dovrà essere sottoposto ad un intervento chirurgico dopo un

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

Merate: Vita che dona vita. La donazione al centro del convegno tra associazioni ed enti

Merate: Vita che dona vita. La donazione al centro del convegno tra associazioni ed enti Scritto Mercoledì 23 maggio 2012 alle 17:42 Merate: Vita che dona vita. La donazione al centro del convegno tra associazioni ed enti Mielomi, leucemie, linfomi, neoplasie del sangue: sempre più spesso

Dettagli

SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

SANGUE DA CORDONE OMBELICALE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Tutte le donne che intendano mettere a disposizione di altri (uso Allogenico), e donare il Sangue Cordonale, in maniera che sia disponibile per chiunque sia portatore di una

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

per i Donatori, i nostri Soci e Dirigenti che nel corso dell anno sono deceduti.

per i Donatori, i nostri Soci e Dirigenti che nel corso dell anno sono deceduti. Roma 8 9 giugno 2013 per i Donatori, i nostri Soci e Dirigenti che nel corso dell anno sono deceduti. . alle tante famiglie che con grande sensibilità hanno acconsentito alla donazione degli organi e dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173) III CONVEGNO SIPsiTO COMPLESSITA E TRASFORMAZIONE DEL BISOGNO DI CURA NEL PERCORSO TRAPIANTOLOGICO: COSA E CAMBIATO

Dettagli

DGR n. 27-8060 del 21.1.2008

DGR n. 27-8060 del 21.1.2008 DGR n. 27-8060 del 21.1.2008 ISTITUZIONE DEL CENTRO DI MEDICINA RIGENERATIVA DELLA REGIONE PIEMONTE E DEL GRUPPO DI LAVORO REGIONALE DELLA MEDICINA RIGENERATIVA Con proprie deliberazioni n. 22-29192, n.

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

Ehi tu! Hai midollo? : tornano le iniziative dell'admo

Ehi tu! Hai midollo? : tornano le iniziative dell'admo Società Ehi tu! Hai midollo? : tornano le iniziative dell'admo Il 21 e il 28 settembre numerose piazze in Italia ospiteranno le iniziative per la sensibilizzazione sulla donazione di midollo. Admo, clown

Dettagli

Sindrome di Poland : al Giannina Gaslini di Genova il quinto Open Day.

Sindrome di Poland : al Giannina Gaslini di Genova il quinto Open Day. Comunicato stampa Sindrome di Poland : al Giannina Gaslini di Genova il quinto Open Day. Sabato 6 giugno con Aisp e lo Sportello Malattie Rare Regione Liguria. Per la Sindrome di Poland al Giannina Gaslini

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

Domande & Risposte. Significa mettere a disposizione della collettività, degli altri, uno strumento di insostituibile solidarietà umana.

Domande & Risposte. Significa mettere a disposizione della collettività, degli altri, uno strumento di insostituibile solidarietà umana. Domande & Risposte 1) - PER QUALE MOTIVO DOVREI DONARE IL MIO SANGUE? Donare il proprio sangue significa poter salvare vite umane. Significa mettere a disposizione della collettività, degli altri, uno

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Regione Abruzzo Regione Molise

CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Regione Abruzzo Regione Molise CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Regione Abruzzo Regione Molise Perché donare i propri organi e tessuti? Decidere di donare i propri organi e tessuti dopo la morte è un gesto di grande generosità. Così facendo

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE A cura del Centro immunotrasfusionale dell ASL SA1 Direttore Mariarosaria Schiavo Prefazione La stesura di questo opuscolo nasce dal desiderio di contribuire a sfatare

Dettagli

valutato necessario che la convenzione abbia durata quinquennale dal momento della sua stipula;

valutato necessario che la convenzione abbia durata quinquennale dal momento della sua stipula; REGIONE PIEMONTE BU40 06/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 19 settembre 2011, n. 11-2605 Convenzione tra la Regione Autonoma Valle d'aosta e la Regione Piemonte per le attivita' del Centro Regionale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE. Lotta alle leucemie ed altre malattie ematologiche. Istituzione di una banca per la conservazione di cordoni ombelicali

DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE. Lotta alle leucemie ed altre malattie ematologiche. Istituzione di una banca per la conservazione di cordoni ombelicali GRUPPO CONSILIARE PROVINCIALE Via Crispi 6 39100 BOLZANO Tel. 0471 946257 Consigliere Mauro Minniti www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it Presentato dal Consigliere provinciale del Popolo della Libertà

Dettagli

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini)

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini) FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA UNIONE REGIONALE TITOLARI DI FARMACIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Circolare n. 046/11 Trieste, 11 aprile 2011 Alle Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 941 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori FUMAGALLI CARULLI, CIRAMI, NAVA, NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

Progetto: Borsa di studio Dott. Antonio Cartisano Alla Memoria

Progetto: Borsa di studio Dott. Antonio Cartisano Alla Memoria Progetto: Borsa di studio Dott. Antonio Cartisano Alla Memoria Per il Laboratorio di Immunogenetica del reparto di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

XXI CONGRESSO NAZIONALE AIBT

XXI CONGRESSO NAZIONALE AIBT XXI CONGRESSO NAZIONALE AIBT ASSOCIAZIONE ITALIANA DI IMMUNOGENETICA E BIOLOGIA DEI TRAPIANTI Immunogenetica e medicina personalizzata: trapianto, trasfusione e autoimmunità PROGRAMMA PRELIMINARE Trieste

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE C è bisogno di te: DONA IL SANGUE IL NOSTRO SANGUE Il sangue, anche se liquido, è un tessuto; Esso circola all interno di arterie, vene e capillari; Rappresenta il 7% del nostro peso corporeo; È costituito

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM NBS[P

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM NBS[P %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM NBS[P PHHFUUP "55*7";*0/& %&--" 3&5& 3&(*0/"-& 1&3 -" 13&4" */ $"3*$0 %&--& (3"7* */46''*$*&/;& %03("/0&53"1*"/5* %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF BTTFOUF

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA Donare le cornee è una grande opportunità, possibile per tutti, ed è un gesto di grande rilevanza sociale. La donazione di cornee ed il successivo trapianto

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Donazione di organi, tessuti, cellule. Una donazione moltiplica la vita

Donazione di organi, tessuti, cellule. Una donazione moltiplica la vita Donazione di organi, tessuti, cellule. Una donazione moltiplica la vita La donazione Aiutare e incoraggiare chi potrebbe scegliere di donare è un dovere morale da sempre condiviso da chi lavora a Niguarda,

Dettagli

Subrogalia inaugura i nuovi uffici a Barcellona

Subrogalia inaugura i nuovi uffici a Barcellona APRILE 2014 Subrogalia inaugura i nuovi uffici a Barcellona SUBROGALIA inaugurò lo scorso 1 aprile i nuovi uffici a Barcellona, precisamente nella centralissima via Balmes della Città Condale. Le nuove

Dettagli

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT)

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) La sede della Sezione di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale

Dettagli

LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione

LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione Dr.ssa Barbara Grecchi Direzione Formazione e HPH Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi 1 Che cos è il sangue del cordone

Dettagli

INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE

INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE Gentile donatrice, Caro donatore, vorremmo innanzitutto darle il benvenuto nel nostro Servizio Trasfusionale e a nome dei pazienti ringraziarla per il Suo atto di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VASSANELLI AURORA ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637 AIRFA newsletter N 4, Marzo 2014 Cari Amici, gentili Famiglie, l Associazione Italiana per Ricerca sull Anemia di Fanconi (AIRFA), in collaborazione con alcuni centri clinico/scientifici italiani e l Associazione

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 10 del 9 / 03 / 2006

Bollettino Ufficiale n. 10 del 9 / 03 / 2006 Bollettino Ufficiale n. 10 del 9 / 03 / 2006 Deliberazione della Giunta Regionale 13 febbraio 2006, n. 29-2174 Definizione procedure nuove autorizzazioni e rinnovi dei centri trapianto di organi e tessuti

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Lunedì 12 gennaio 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Lunedì 12 gennaio 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Lunedì 12 gennaio 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 11 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 13 Prime Pagine 20 Rassegna associativa

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/19 DEL 27.9.2005

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/19 DEL 27.9.2005 45/19 DEL 27.9.2005 Oggetto: Riorganizzazione delle funzioni regionali in materia di donazioni, prelievi e trapianti di organi, tessuti e cellule. L Assessore dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica

La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica Varese, 21 aprile 2008 Dott. C. Garberi Codice di Deontologia Medica (16 dicembre 2006) CAPO VI Trapianti di organi, tessuti e cellule

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

La campagna scegli oggi

La campagna scegli oggi 1 La campagna scegli oggi Nasce dalla collaborazione tra Enti ed AIDO che il 25 maggio 2011 hanno sottoscritto un protocollo d'intesa. Promotori ed attori della campagna sono: L ASL della Provincia di

Dettagli

Assemblea 4/3/2014. Questa è la mia prima Assemblea da Presidente del Consiglio Direttivo

Assemblea 4/3/2014. Questa è la mia prima Assemblea da Presidente del Consiglio Direttivo Assemblea 4/3/2014 Buonasera a tutti e grazie per essere venuti. Questa è la mia prima Assemblea da Presidente del Consiglio Direttivo dell AVIS comunale di Cervia, eletto nel marzo 2013. L anno appena

Dettagli

PROPOSTA per la REALIZZAZIONE di un SERVIZIO DI ACCOGLIENZA per FAMIGLIE di MINORI con CARDIOPATIE CONGENITE

PROPOSTA per la REALIZZAZIONE di un SERVIZIO DI ACCOGLIENZA per FAMIGLIE di MINORI con CARDIOPATIE CONGENITE PROGETTO : LA CASA DEI CUORI PROPOSTA per la REALIZZAZIONE di un SERVIZIO DI ACCOGLIENZA per FAMIGLIE di MINORI con CARDIOPATIE CONGENITE Richiesta al Comune di Bologna dell assegnazione di immobile di

Dettagli

27 maggio 2014. Trapianti di cornea, primato del Santa Maria Nuova. Donazione di organi: tante idee dagli studenti per il concorso dell'aido

27 maggio 2014. Trapianti di cornea, primato del Santa Maria Nuova. Donazione di organi: tante idee dagli studenti per il concorso dell'aido 27 maggio 2014 27/05/14 Gazzetta di Reggio Trapianti di cornea, primato del Santa Maria Nuova 26/05/14 Gazzetta di Parma.it Donazione di organi: tante idee dagli studenti per il concorso dell'aido Beppe

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Medicina della Donazione Insieme delle conoscenze teorico-pratiche e delle problematiche clinico-organizzative

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

Centro Regionale Trapianti

Centro Regionale Trapianti PROTOCOLLO DI SEGNALAZIONE DI EVENTI AVVERSI Processo di donazione-trapianto (Incident reporting) Redazione AUTORIZZAZIONI Redazione / Aggiornamento Verifica Approvazione 20/07/10 Il Coordinatore del Centro

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli

La donazione solidale di. sangue di cordone ombelicale

La donazione solidale di. sangue di cordone ombelicale Servizio Trasfusionale La donazione solidale di sangue di cordone ombelicale Informazioni utili Il presente opuscolo è stato realizzato a cura del: - Dipartimento Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli